Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit"

Transcript

1 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AI SENSI DEL PROVVEDIMENTO DELLA BANCA D ITALIA DEL 14 APRILE 2005 E VALIDA PER L AGGIORNAMENTO DEL PROSPETTO INFORMATIVO AI SENSI DELL ART. 23 BIS DEL REGOLAMENTO EMITTENTI DELLA CONSOB (DELIBERA 11971/99 E SUCCESSIVE MODIFICHE). Fondi appartenenti al Sistema Fondi Zenit Zenit Monetario Zenit Obbligazionario Zenit Azionario Zenit Absolute Return Zenit Eurostoxx 50 Plus Zenit S&P100 Plus Zenit High Trend FdF Zenit Zerocento FdF La Società di gestione si assume la responsabilità della veridicità e completezza dei dati e delle notizie contenuti nel presente Supplemento, che costituisce parte integrante e necessaria della Parte I del Prospetto Informativo. Il presente Supplemento è stato depositato presso la Consob in data 30/06/2009 ed è valido a decorrere dal 30/06/2009

2 Gentile Cliente, abbiamo il piacere di portare alla Sua attenzione alcune importanti modifiche che interesseranno nel prossimo futuro i Fondi comuni di investimento appartenenti al Sistema Fondi Zenit. La Società ha avviato un processo di razionalizzazione della gamma dei prodotti offerti, da realizzarsi mediante le operazioni di fusione tra fondi, che consentiranno di mantenere un offerta completa e diversificata, maggiormente focalizzata sulle principali categorie di prodotto. Accanto a tale intervento si è proceduto ad una limitata revisione del regime delle spese di alcuni fondi. Le modifiche alla disciplina dei prodotti propedeutiche alle operazioni di fusione e le ulteriori modifiche apportate al Regolamento di gestione acquisiranno invece efficacia nel mese di ottobre, con una ulteriore modifica prevista per il 1 gennaio Le operazioni di fusione e le ulteriori modifiche regolamentari sono di seguito illustrate nel dettaglio. Potrà comunque richiedere il nuovo testo regolamentare direttamente alla nostra Società ovvero consultarlo sul sito insieme a tutte le altre informazioni sui fondi comuni gestiti da Zenit SGR S.p.A., oppure rivolgersi al Suo promotore finanziario di fiducia. Nel restare a disposizione per qualsiasi chiarimento si rendesse necessario e nel ringraziarla per la fiducia accordataci, Le porgiamo i nostri più cordiali saluti. Zenit SGR S.p.A.

3 Quadro riepilogativo delle variazioni e decorrenza delle stesse Le Modifiche al Regolamento di gestione degli OICR appartenenti al Sistema Fondi Zenit sono state deliberate dal Consiglio di Amministrazione della Società il 10 giugno 2009 ed approvate in via generale dalla Banca d Italia. Dal 1 ottobre ) Modifiche alla disciplina del regime delle spese dei fondi Zenit Monetario, Zenit Obbligazionario e Zenit Azionario: - fondo Zenit Monetario: incremento delle commissioni di gestione classe I - fondo Zenit Obbligazionario: incremento delle commissioni di gestione classe I - fondo Zenit Azionario: incremento delle commissioni di gestione classe I Dal 2 ottobre ) Modifiche funzionali alla fusione per incorporazione dei fondi Zenit Eurostoxx 50 Plus e Zenit S&P 100 Plus in Zenit Azionario e del fondo Zenit High Trend FdF in Zenit Zerocento FdF, consistenti nell allineamento ed equiparazione delle caratteristiche e del regime delle spese dei fondi incorporati ai fondi incorporanti Dal 1 gennaio ) Modifiche alla disciplina delle caratteristiche dei fondi ed al regime delle spese dei fondi Zenit Monetario e Zenit Azionario: - fondo Zenit Monetario, variazione dello scopo e dello stile di gestione del fondo - fondo Zenit Monetario: adozione di una diversa modalità di calcolo della provvigione di incentivo; - fondo Zenit Azionario: variazione del parametro di riferimento ai fini del calcolo della provvigione di incentivo.

4 1) Modifiche alla disciplina del regime delle spese dei fondi Zenit Monetario, Zenit Obbligazionario e Zenit Azionario: di gestione Con decorrenza dal 1 ottobre 2009 saranno apportate alla disciplina dei fondi Zenit Monetario, Zenit Obbligazionario e Zenit Azionario le seguenti modifiche, con riferimento al regime delle spese previsto per la sola Classe I. Fondo Regime fino al 30 settembre 2009 Regime dal 1 ottobre 2009 Classe I su su Zenit Monetario 0,05% 0,20% 0,075% 0,30% Zenit Obbligazionario 0,125% 0,50% 0,15% 0,60% Zenit Azionario 0,20% 0,80% 0,225% 0,90% Le commissioni di gestione della Classe R restano invariate nella misura annua, rispettivamente, dello 0,60% per il fondo Zenit Monetario, del 1,20% per Zenit Obbligazionario e del 1,80% per Zenit Azionario. A seguito delle modifiche intercorse nel regime delle spese, si modifica di conseguenza la misura del fee cap, come di seguito rappresentato: Limite massimo del Regime fino al 30 settembre 2009 Regime dal 1 ottobre 2009 prelievo a titolo di commissione di incentivo Fondo Classe I Classe R Classe I Classe R Zenit Monetario 0,4% (200% 1,2% (200% 0,6% (200% 1,2% (200% Zenit Azionario 1,6% (200% 3,6% (200% 1,8% (200% 3,6% (200% Operazioni di fusione 2) Modifiche funzionali alla fusione per incorporazione dei fondi Zenit Eurostoxx 50 Plus e Zenit S&P 100 Plus in Zenit Azionario e del fondo Zenit High Trend FdF in Zenit Zerocento FdF, consistenti nell allineamento ed equiparazione delle caratteristiche e del regime delle spese dei fondi incorporati ai fondi incorporanti L operazione riguarderà la fusione per incorporazione dei fondi: Zenit Eurostoxx 50 Plus e Zenit S&P 100 Plus (fondi incorporati) nel fondo Zenit Azionario (fondo incorporante) e Zenit High Trend FdF (fondo incorporato) nel fondo Zenit Zerocento FdF, (fondo incorporante). A tal fine sono state introdotte le modifiche regolamentari alla disciplina dei fondi per l allineamento ed equiparazione delle descrizioni dello Scopo, Oggetto, Politica di Investimento e altre caratteristiche e del Regime delle spese di ciascun fondo incorporato a quella del fondo incorporante. Le operazioni di fusione si realizzeranno mediante il trasferimento delle attività e delle passività detenute dal Fondo incorporato al Fondo incorporante. Le quote del Fondo incorporato saranno automaticamente convertite in quote del Fondo incorporante sulla base del rapporto tra i valori quota dei Fondi al 1 ottobre 2009.

5 L ultima quota dei fondi oggetto di fusione sarà quella relativa al giorno 1 ottobre; detta quota verrà calcolata il giorno 2 ottobre. La successiva quota del fondo incorporante, risultante dalla fusione, sarà quella relativa al giorno 2 ottobre, calcolata il giorno 5 ottobre. Il passaggio dal Fondo incorporato al Fondo incorporante avverrà automaticamente e senza oneri o spese di alcun genere per i partecipanti. Ad operazione conclusa la Società comunicherà a ciascun partecipante ai Fondi incorporati il numero delle quote attribuite per effetto della fusione stessa. Le sottoscrizioni dei Fondi incorporati, anche effettuate nell ambito di Piani di accumulo già stipulati, saranno accettate solo se pervenute alla SGR entro il 25 settembre I versamenti successivi dei Piani Pluriennali di Investimento riprenderanno automaticamente a valere sulle quote del Fondo incorporante successivamente all efficacia della fusione. A decorrere dal 5 ottobre 2009, i partecipanti ai Fondi incorporati in possesso di certificati fisici rappresentativi delle quote dei medesimi, potranno presentarli per l annullamento e la sostituzione, senza oneri a loro carico, alla Banca Depositaria per il tramite dei Soggetti Collocatori. Le differenze tra le politiche di investimento dei Fondi coinvolti nelle operazioni di fusione Per effetto delle operazioni di fusione e delle modifiche contestualmente apportate al Fondo incorporante, si determineranno alcune variazioni rispetto alla politica di investimento attualmente perseguita dai Fondi incorporati. I Fondi incorporati e quello incorporante presentano comunque un elevato grado di compatibilità con riguardo al profilo di rischio/rendimento, all orizzonte temporale ed alla tipologia degli strumenti finanziari oggetto di investimento. Le differenze maggiormente significative tra le politiche di investimento dei Fondi interessati dalle operazioni di fusione sono di seguito illustrate. Fondi incorporati Fondi incorporante Fondo Zenit Eurostoxx 50 Plus Zenit S&P 100 Plus Zenit Azionario Categoria Azionario Area Euro Azionario America Azionario Italia Assogestioni Valuta di Euro Euro Euro denominazione Isin portatore Cl. R IT IT IT Isin portatore Cl. I IT IT IT FINALITÀ DEL FONDO Finalità Incremento del valore del capitale investito nel lungo periodo con conseguimento di un rendimento aderente all andamento dell indice Dow Jones EUROSTOXX 50 SM Incremento del valore del capitale investito nel lungo periodo con conseguimento di un rendimento il più aderente Incremento del valore del capitale investito nel lungo periodo possibile all andamento dell indice S&P 100 Lungo periodo (5 anni) Lungo periodo (5 anni) Lungo periodo (5 anni) Orizzonte temporale Grado di rischio Alto Alto Alto OBIETTIVI, POLITICA D INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI Tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Aree geografiche Categoria emittenti strumenti finanziari di natura azionaria, di norma denominati in euro; facoltà di investimento contenuto in depositi bancari; gli investimenti possono realizzarsi anche con un contenuto ricorso all acquisto di quote di OICR. principalmente Paesi aderenti all Unione Europea di emittenti a capitalizzazione elevata; investimenti rivolti ai strumenti finanziari di natura azionaria, di norma denominati in dollari USA; facoltà di investimento contenuto in depositi bancari; gli investimenti possono realizzarsi anche con un contenuto ricorso all acquisto di quote di OICR. principalmente Stati Uniti d America emittenti a capitalizzazione elevata; investimenti rivolti ai di norma, strumenti finanziari azionari denominati in euro; facoltà di investimento contenuto in depositi bancari; gli investimenti possono realizzarsi anche con un contenuto ricorso all acquisto di quote di OICR. principalmente Italia emittenti sia a capitalizzazione elevata con prospettive di crescita

6 Specifici fattori di rischio Operazioni in strumenti derivati settori economici rappresentati dai titoli presenti nell indice di riferimento Paesi Emergenti Sono esclusi investimenti nei paesi emergenti Il fondo può utilizzare strumenti finanziari derivati con finalità di: copertura dei rischi di mercato e di cambio incremento dell efficienza del processo di gestione del portafoglio investimento In relazione agli strumenti finanziari derivati utilizzati con finalità di investimento, il fondo può avvalersi di una leva finanziaria massima pari a 1,3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti finanziari derivati risulta maggiorato fino ad una misura massima del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L utilizzo degli strumenti derivati è coerente con il profilo di rischio / rendimento del fondo. Stile di gestione Criteri di selezione degli strumenti finanziari: composizione del portafoglio orientata prevalentemente verso i titoli azionari ricompresi nell indice Dow Jones EUROSTOXX 50 SM. Possono essere inseriti in portafoglio anche titoli azionari che, pur non facendo parte dell indice, lo rappresentano o sono in elevata correlazione con lo stesso o con i titoli che lo settori economici rappresentati dai titoli presenti nell indice di riferimento Paesi Emergenti Sono esclusi investimenti nei paesi emergenti Rischio di cambio esposizione al rischio di cambio tra euro e dollaro USA Il fondo può utilizzare strumenti finanziari derivati con finalità di: copertura dei rischi di mercato e di cambio incremento dell efficienza del processo di gestione del portafoglio investimento In relazione agli strumenti finanziari derivati utilizzati con finalità di investimento, il fondo può avvalersi di una leva finanziaria massima pari a 1,3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti finanziari derivati risulta maggiorato fino ad una misura massima del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L utilizzo degli strumenti derivati è coerente con il profilo di rischio / rendimento del fondo. Criteri di selezione degli strumenti finanziari: composizione del portafoglio orientata prevalentemente verso i titoli azionari ricompresi nell indice S&P 100. Possono essere inseriti in portafoglio anche titoli azionari che, pur non facendo parte dell indice, lo rappresentano o sono in elevata correlazione con lo stesso o con i titoli che lo compongono. stabili nel tempo e con titoli azionari ad elevata liquidità, sia a capitalizzazione medio-bassa, con prospettive di forte crescita nel tempo e con titoli azionari a limitata liquidità. Diversificazione degli investimenti in tutti i settori economici Bassa capitalizzazione Investimento in azioni emesse da società a bassa capitalizzazione Paesi Emergenti sono esclusi gli strumenti finanziari di emittenti di Paesi Emergenti Il fondo può utilizzare strumenti finanziari derivati con finalità di: copertura dei rischi di mercato e di cambio incremento dell efficienza del processo di gestione del portafoglio investimento In relazione agli strumenti finanziari derivati utilizzati con finalità di investimento, il fondo può avvalersi di una leva finanziaria massima pari a 1,3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti finanziari derivati risulta maggiorato fino ad una misura massima del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L utilizzo degli strumenti derivati è coerente con il profilo di rischio / rendimento del fondo. Criteri di selezione degli strumenti finanziari: analisi economico-finanziarie per la selezione delle società lungo le variabili della dimensione, della struttura patrimoniale e delle potenzialità di crescita degli utili nel tempo, analisi tecniche per la determinazione di prezzi-obiettivo di acquisto e di vendita Relazione con il benchmark: la SGR non si propone di replicare la composizione del benchmark. Infatti, la possibilità di investire in

7 compongono. Relazione con il benchmark: la SGR si propone di conseguire un rendimento aderente all andamento dei mercati azionari dell area euro, misurati dall indice Dow Jones EUROSTOXX 50 SM.. La politica di investimento non si limita alla replica dell andamento del benchmark, ma prevede, entro una stile di gestione prevalentemente passivo, interventi gestionali mirati a conseguire un extrarendimento da parte del fondo. Relazione con il benchmark: la SGR si propone di conseguire un rendimento aderente all andamento dei mercati azionari americani misurati dall indice Standard & Poor s 100 in euro. La politica di investimento non si limita alla replica dell andamento del benchmark, ma prevede, entro una stile di gestione prevalentemente passivo, interventi gestionali mirati a conseguire un extrarendimento da parte del fondo. strumenti finanziari e mercati non rappresentati o rappresentati in proporzione diversa nell'indice di riferimento al fine di realizzare un migliore rendimento corretto per il rischio nel lungo periodo rende possibili scostamenti dell'andamento del fondo rispetto al benchmark Fondo incorporato Fondo incorporante Fondo Zenit High Trend FdF Zenit Zerocento FdF Categoria Flessibile Flessibile Assogestioni Valuta di Euro Euro denominazione Isin portatore IT IT FINALITÀ DEL FONDO Finalità Incremento del valore del capitale investito nell ambito della misura di rischio: VaR (orizzonte temporale 1 mese, intervallo di confidenza 99%) valore 20% Orizzonte Lungo periodo (5 anni) temporale Grado di rischio Molto alto Alto OBIETTIVI, POLITICA D INVESTIMENTO E RISCHI SPECIFICI Tipologie degli strumenti finanziari e valuta di denominazione Principalmente OICR armonizzati e, in misura residuale non armonizzati, denominati sia in Euro sia nelle principali valute estere; facoltà di investimento contenuto in depositi bancari; gli investimenti in strumenti finanziari diversi dagli OICR di natura monetaria, obbligazionaria ed azionaria è residuale. Aree geografiche di norma, paesi dell Unione Europea, Svizzera, Nord America, Pacifico, Paesi emergenti Categoria emittenti Specifici di rischio di fattori principalmente quote di OICR armonizzati ed autorizzati al collocamento in Italia, in via residuale parti di OICR non armonizzati, che investono in strumenti finanziari di natura monetaria, obbligazionaria, azionaria e flessibile senza alcuna limitazione geografica e/o settoriale Rating: la componente obbligazionaria è investita principalmente in quote di OICR che investono in obbligazioni con merito di credito (c.d. rating) Incremento del valore del capitale investito nell ambito della misura di rischio: VaR (orizzonte temporale 1 mese, intervallo di confidenza 99%) valore 15% Medio lungo periodo (3-5 anni) Principalmente OICR armonizzati, denominati in Euro e nelle principali valute; facoltà di investimento contenuto in depositi bancari; gli investimenti in strumenti finanziari diversi dagli OICR di natura monetaria, obbligazionaria ed azionaria è residuale. di norma, paesi dell Unione Europea per la componente obbligazionaria; Unione Europea, Nord America, Pacifico e Paesi emergenti per la componente azionaria principalmente quote di OICR armonizzati ed autorizzati al collocamento in Italia Duration: la componente obbligazionaria è investita in quote di OICR caratterizzati da una duration di portafoglio di norma inferiore a 18

8 Operazioni strumenti derivati Stile di gestione in almeno pari all investment grade e possibilità di investimento in obbligazioni di tipo societario Paesi Emergenti: investimento significativo in OICR che investono in titoli di emittenti di Paesi emergenti Rischio di cambio gestione attiva del rischio di cambio in presenza di investimenti in valuta Altri fattori di rischio: investimento contenuto in OICR specializzati in azioni emesse da società a bassa capitalizzazione Il fondo può utilizzare strumenti finanziari derivati con finalità di: copertura dei rischi di mercato e di cambio incremento dell efficienza del processo di gestione del portafoglio investimento In relazione agli strumenti finanziari derivati utilizzati con finalità di investimento, il fondo può avvalersi di una leva finanziaria massima pari a 1,3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti finanziari derivati risulta maggiorato fino ad una misura massima del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L utilizzo degli strumenti derivati è coerente con il profilo di rischio / rendimento del fondo. Criteri di selezione degli strumenti finanziari Selezione degli OICR sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo tenendo conto dello stile di gestione, delle caratteristiche di rischiosità e della qualità dei risultati degli OICR. Utilizzo di analisi macroeconomiche, settoriali e statistiche di breve periodo frequentemente riviste. Il portafoglio può subire nel tempo frequenti variazioni nel peso delle diverse nature delle parti di OICR, secondo le valutazioni tattiche e strategiche del gestore, con possibilità di alta concentrazione su singoli OICR, emittenti, settori e valute. La Società di Gestione adotta uno stile di gestione attivo. Relazione con il benchmark Data la natura del fondo, non è possibile individuare un benchmark rappresentativo della politica di investimento del fondo. In luogo del benchmark, viene indicata una misura di rischio alternativa. Il fondo utilizza tecniche di gestione dei rischi. mesi Rating: la componente obbligazionaria è investita principalmente in quote di OICR che investono in obbligazioni con merito di credito (c.d. rating) almeno pari all'investment grade e possibilità di investimento in obbligazioni di emittenti di tipo societario. Paesi Emergenti: investimento contenuto in OICR che investono in titoli di emittenti di Paesi emergenti Rischio di cambio gestione attiva del rischio di cambio in presenza di investimenti in valuta Altri fattori di rischio: investimento residuale in OICR specializzati in azioni emesse da società a bassa capitalizzazione Il fondo può utilizzare strumenti finanziari derivati con finalità di: copertura dei rischi di mercato e di cambio incremento dell efficienza del processo di gestione del portafoglio investimento In relazione agli strumenti finanziari derivati utilizzati con finalità di investimento, il fondo può avvalersi di una leva finanziaria massima pari a 1,3. Pertanto l effetto sul valore della quota di variazioni dei prezzi degli strumenti finanziari cui il fondo è esposto attraverso strumenti finanziari derivati risulta maggiorato fino ad una misura massima del 30%. Tale effetto di amplificazione si verifica sia per i guadagni che per le perdite. L utilizzo degli strumenti derivati è coerente con il profilo di rischio / rendimento del fondo. Criteri di selezione degli strumenti finanziari Selezione degli OICR sulla base di analisi di tipo qualitativo e quantitativo tenendo conto dello stile di gestione, delle caratteristiche di rischiosità e della qualità dei risultati degli OICR. Utilizzo di strumenti interpretativi di analisi tecnica riferita agli andamenti ed agli indicatori di mercato, attraverso i quali la SGR può variare, anche frequentemente, la ripartizione tra le componenti monetaria/obbligazionaria ed azionaria del portafoglio. La Società di Gestione adotta uno stile di gestione attivo. Relazione con il benchmark Data la natura del fondo, non è possibile individuare un benchmark rappresentativo della politica di investimento del fondo. In luogo del benchmark, viene indicata una misura di rischio alternativa. Il fondo utilizza tecniche di gestione dei rischi.

9 Regime delle spese di gestione Le variazioni al regime delle spese per i fondi incorporati Zenit Eurostoxx 50 Plus e Zenit S&P 100 Plus riguardano la equiparazione, dal momento della fusione, al fondo incorporante Zenit Azionario. Fondo Regime fino al 1 ottobre 2009 Regime dal 2 ottobre 2009 Classe I su su Modifiche propedeutiche alla fusione Zenit Eurostoxx 50 Plus 0,12% 0,48% 0,225% 0,90% Zenit S&P 100 Plus 0,12% 0,48% 0,225% 0,90% Fondo Regime fino al 1 ottobre 2009 Regime dal 2 ottobre 2009 Classe R su su Modifiche propedeutiche alla fusione Zenit Eurostoxx 50 Plus 0,24% 0,96% 0,45% 1,80% Zenit S&P 100 Plus 0,24% 0,96% 0,45% 1,80% Nessuna variazione al regime delle spese è previsto per il fondo incorporato Zenit High Trend FdF, in quanto la provvigione di gestione è la stessa del fondo incorporando Zenit Zerocento FdF e pari alla provvigione annuale di 2,60%. di incentivo Tra le modifiche apportate alla disciplina dei fondi incorporati propedeutiche alla fusione, i fondi Zenit Eurostoxx 50 Plus e Zenit S&P 100 plus varieranno il parametro di riferimento con efficacia contestuale alla efficacia della fusione, adottando in sostituzione dell attuale parametro, quello previsto per il fondo incorporate, Zenit azionario. Modalità di calcolo: parametro di riferimento e confronto con Benchmark Fondo Regime fino al 1 ottobre 2009 Regime dal 2 ottobre 2009 Modifiche propedeutiche alla fusione Zenit Eurostoxx 50 Plus 100% Dow Jones Eurostoxx 50 90% FTSE Italia All-Share + 10% MTS Bot Zenit S&P 100 Plus 100% Standard & Poor s 100 in euro 90% FTSE Italia All-Share + 10% MTS Bot Per il fondo incorporato Zenit High Trend FdF, la provvigione di incentivo è calcolata con la medesima modalità di calcolo con High Watermark assoluto rispetto al fondo incorporando Zenit Zerocento FdF. La variazione con efficacia contestuale alla efficacia della fusione, prevede la riduzione della percentuale del 10% dalla percentuale del 15 % prevista per il fondo incorporato. Modalità di calcolo: HWM assoluto Fondo Regime fino al 1 ottobre 2009 Regime dal 2 ottobre 2009 Modifiche propedeutiche alla fusione Zenit High Trend FdF 15% 10%

10 3) Modifiche alla disciplina delle caratteristiche dei fondi ed al regime delle spese dei fondi Zenit Monetario e Zenit Azionario: Zenit Monetario Con decorrenza dal 1 gennaio 2010 saranno apportate alla disciplina del fondo Zenit Monetario le seguenti modifiche, con riferimento alla descrizione dello scopo del fondo e con riferimento al regime delle spese. Regolamento di gestione attuale Politica di investimento in vigore fino al 31 dicembre 2009: Scopo del fondo Zenit Monetario Categoria Assogestioni: Obbligazionario Breve termine Fondo ad indirizzo obbligazionario a breve termine che presenta come obiettivo il perseguimento di rendimenti competitivi rispetto a quelli offerti dagli investimenti obbligazionari a breve termine nell area Euro Orizzonte temporale: di breve - medio periodo (12-24 mesi) Livello di rischio: basso / medio - basso. Regolamento di gestione in corso di adozione Politica di investimento in vigore dal 1 gennaio 2010: Scopo del fondo Zenit Monetario Categoria Assogestioni: Obbligazionario Breve termine Fondo ad indirizzo obbligazionario a breve termine che presenta come obiettivo il graduale incremento nel tempo del valore dei capitali conferiti dai partecipanti. Orizzonte temporale: di breve - medio periodo (12-24 mesi) Livello di rischio: basso / medio - basso. Resta invariato il parametro di riferimento del fondo, indicato nel prospetto informativo, quale indicatore oggettivo rappresentativo delle politiche di investimento adottate. di incentivo Le modifiche introdotte, con efficacia dal 1 gennaio 2010, riguardano la variazione della attuale modalità di calcolo delle commissioni di incentivo, che il regolamento prevede con la modalità c.d. a benchmark, (ovvero la provvigione è calcolata e corrisposta quando il rendimento del fondo supera un determinato parametro di riferimento) prevedendo l adozione della modalità (c.d. high watermark assoluto), per la quale la provvigione è calcolata e corrisposta quando si verifica un incremento assoluto della quota del fondo in un determinato periodo di tempo. Le modifiche introdotte prevedono quindi l adozione della modalità high watermark assoluto per il fondo Zenit Monetario, che prevede la determinazione della commissione di incentivo in misura, differenziata per classi di quote, pari: per la classe R al 10% e per la classe I al 5% dell incremento percentuale registrato dall ultimo valore della quota disponibile rispetto al valore della quota massimo assoluto registrato dal fondo a decorrere dall adozione della modalità (1 gennaio 2009), calcolato sul patrimonio netto medio del fondo. Fondo Regime fino al 31 dicembre 2009 Regime dal 1 gennaio 2010 Modalità di calcolo: parametro di riferimento e Modalità di calcolo: HWM assoluto Confronto con Benchmark Zenit Monetario 20% dell extrarendimento rispetto al seguente benchmark: 60 % Merrill Lynch EMU Direct Government 1-3 Years + 30 % Merrill Lynch Euribor Constant Maturity 3 months + 10 % Merrill Lynch EMU Corporate 1-3 Years Classe R: 10% dell incremento percentuale registrato dal valore della quota della Classe Rispetto al valore dell HWM Assoluto Classe I: 5% dell incremento percentuale registrato dal valore della quota della Classe I rispetto al valore dell HWM Assoluto

11 Da tale modifica discende la modifica della modalità di determinazione del fee cap, attualmente previsto pari al 200% della commissione di gestione prevista per la classe, con un importo che cessa di essere calcolato al raggiungimento di un valore ottenuto dalla somma dei valori relativi alla commissione di gestione oltre alla commissione di incentivo. Modalità di Regime fino al 31 dicembre 2009 Regime dal 1 gennaio 2010 determinazione del fee cap Fondo Classe I Classe R Classe I Classe R Metodologia di calcolo delle Confronto con Confronto con HWM assoluto HWM assoluto commissioni di incentivo Benchmark Benchmark Zenit Monetario 0,6 % (200% 1,2 % (200% C.gest + C. Inc : 5% del Valore complessivo netto della classe C.gest + C. Inc : 5% del Valore complessivo netto della classe Zenit Azionario di incentivo Con decorrenza dal 1 gennaio 2010 saranno apportate alla disciplina del fondo Zenit Azionario le seguenti modifiche, con riferimento al regime delle spese. Ferma restando la modalità c.d. a benchmark per la determinazione della provvigione di inventivo, il parametro di riferimento con cui confrontare il rendimento del fondo è il seguente: 85% Indice FTSE Italia All-Share + 15% MTS Bot. Modalità di calcolo: parametro di riferimento e confronto con Benchmark Fondo Regime fino al 31 dicembre 2009 Regime dal 1 gennaio 2010 Zenit Azionario 90% FTSE Italia All-Share + 10% MTS Bot 85% FTSE Italia All-Share + 15% MTS Bot * * * La SGR si assume la responsabilità della veridicità e completezza dei dati e delle notizie contenuti nel presente supplemento. Si rappresenta altresì che la SGR invierà gratuitamente una copia aggiornata del Regolamento di Gestione ai partecipanti che ne facciano richiesta. Il Regolamento di Gestione sarà inoltre disponibile sul sito Internet Zenit SGR S.p.A. Il Presidente Leonardo Belloni

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

Gestione Separata Sovrana

Gestione Separata Sovrana Gestione Separata Sovrana Investment pack Aggiornamento al 31/01/2015 Composizione degli asset per classi di attivo DURATION DI PORTAFOGLIO 6,33 AUM (in mln ) 651,48 805,61 848,22 821,06 2 Dettaglio delle

Dettagli

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011

SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 YOUR Private Insurance SOLUZIONE UNIT Edizione 2011 Offerta pubblica di sottoscrizione di YOUR Private Insurance Soluzione Unit Edizione 2011 (Tariffa UB18), prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento

MERCATI ASIA NUOVE ASSET CLASS NUOVI PAC NOVITÀ GAMMA FONDI. Andamento 2008. La linfa per ritornare a crescere. Opportunità di investimento MERCATI Andamento 2008 ASIA La linfa per ritornare a crescere NUOVE ASSET CLASS Opportunità di investimento NUOVI PAC Risparmiare in modo semplice NOVITÀ GAMMA FONDI Supplemento al prospetto informativo

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico

Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Chiara Vita T Multiflex - Versione Unico Contratto di assicurazione sulla vita multiramo a premio unico Il presente Fascicolo informativo, contenente: Scheda sintetica Nota informativa Condizioni contrattuali

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris

Esempio basato sullo Schema di Comunicazione periodica. Iris Uno Assicurazioni S.p.A. (Gruppo Lungavita) Iris PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. **** Comunicazione periodica agli iscritti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Strategie ISOVOL nella costruzione di

Strategie ISOVOL nella costruzione di FOR PROFESSIONAL INVESTORS Strategie ISOVOL nella costruzione di portafogli diversificati I vantaggi di un approccio fondato sulla contribuzione al rischio EFPA Italia Meeting 2014 Agenda Inter-temporal

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A.

COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. COMUNICATO STAMPA PROROGATE LE OFFERTE VINCOLANTI DI GALA HOLDING S.R.L. AD EEMS ITALIA S.P.A. E DI GALA S.P.A. A SOLSONICA S.P.A. Le offerte sono parte del più ampio progetto d integrazione tra il Gruppo

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile

Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile Mantenere la prospettiva con una soluzione multi-asset flessibile UBS (Lux) KSS Global Allocation Fund Gennaio 2010 Informazione Pubblicitaria Disclaimer Il presente documento è consegnato unicamente a

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BORSA

INTRODUZIONE ALLA BORSA INTRODUZIONE ALLA BORSA Informazioni guida per gli insegnanti delle scuole superiori CHE COSA È LA BORSA? Una piazza, dove avviene la compravvendita di titoli. La determinazione delle quotazioni è di solito

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione

Il monitoraggio della gestione finanziaria dei fondi pensione Il monitoraggio della gestione finanziaria nei fondi pensione Prof. Università di Cagliari micocci@unica.it Roma, 4 maggio 2004 1 Caratteristiche tecnico - attuariali dei fondi pensione Sistema finanziario

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 5003 Nota Informativa per i potenziali Aderenti (depositata

Dettagli

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione

A) Informazioni generali. 1. L Impresa di assicurazione A) Informazioni generali 1. L Impresa di assicurazione Parte I del Prospetto d Offerta - Informazioni sull investimento e sulle coperture assicurative Parte I del Prospetto d Offerta Informazioni sull

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION

NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Linea Investimento NEW SECURITY ed. 12/12 PRIVATE EDITION Contratto di Assicurazione caso morte a vita intera a premio unico Il presente Fascicolo Informativo contenente: Scheda Sintetica, Nota Informativa,

Dettagli

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager

Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Featured Solution Marzo 2015 Your Global Investment Authority Ottimizzazione del portafoglio di liquidità nell ottica dell LCR: la prospettiva di un asset manager Lo scorso ottobre la Commissione europea

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE

Allianz S.p.A. Società appartenente al Gruppo Allianz SE Società appartenente al Gruppo Allianz SE Offerta al pubblico di Prodotto finanziario assicurativo di tipo Unit Linked La Scheda Sintetica del Prospetto d offerta deve essere consegnata all Investitore-Contraente,

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO

MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO MODIFICHE AL REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL FONDO PATRIMONIO UNO Regolamento del fondo comune di investimento immobiliare chiuso riservato ad investitori qualificati PATRIMONIO UNO promosso da Patrimonio

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n.

Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. Bologna, 25 maggio 2006 Comunicato al mercato ex art. 114 TUF del D.Lgs. n. 58/1998 e ex art. 66 del Regolamento adottato con delibera CONSOB n. 11971/1999 Gli organi amministrativi di Lopam Fin S.p.A.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

AZ ASSICURAZIONE UNIT LINKED RAINBOW

AZ ASSICURAZIONE UNIT LINKED RAINBOW Società del gruppo ALLIANZ S.p.A. PRODOTTO FINANZIARIO-ASSICURATIVO DI TIPO UNIT LINKED AZ ASSICURAZIONE UNIT LINKED RAINBOW CONDIZIONI DI ASSICURAZIONE, COMPRENSIVE DELL INFORMATIVA SULLA PRIVACY E SULLE

Dettagli

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati

BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia. Condizioni Definitive alla Nota informativa dei Prestiti Obbligazionari denominati BANCA CARIGE S.p.A. Cassa di Risparmio di Genova e Imperia Sede legale in Genova, Via Cassa di Risparmio, 15 Iscritta all Albo delle Banche al n. 6175.4 Capogruppo del Gruppo CARIGE iscritto all albo dei

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati

INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI. 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati INFORMAZIONI SULLA NATURA E SUI RISCHI DEGLI STRUMENTI E DEI PRODOTTI FINANZIARI 1.1. Le tipologie di prodotti e strumenti finanziari trattati 1.1.1. I titoli di capitale Acquistando titoli di capitale

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli