CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI"

Transcript

1 Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie ad un collegamento USB. Funziona a batterie o collegato alla rete elettrica. CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 1000: - 6 INGRESSI ANALOGICO DIGITALI - 2 INGRESSI EMG - 1 INGRESSO USB (TESYS PC) Nei 6 INGRESSI ANALOGICO - DIGITALI è possibile collegare : a) n 1 Cella di carico a S (range da 1 a 300 Kg) b) n 2 Pedane di forza (range da 1 a 500 Kg) c) n 1 Encoder (risoluzione da 1 a 1000 impulsi giro) d) n 1 pedana di contatto e) possibilità di collegare tramite filo molteplici fotocellule per la rilevazione cronometrica Nei 2 INGRESSI EMG è possibile collegare: f) n 2 POD di 7 canali ciascuno per un totale di 14 canali EMG Il TESYS 800 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 800 a sua volta viene collegato al computer grazie ad un collegamento USB. Funziona a batterie o collegato alla rete elettrica. CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Nei 3 INGRESSI è possibile collegare : a) n 1 Cella di carico a S (range da 1 a 300 Kg) b) n 2 Pedane di forza (range da 1 a 500 Kg) c) n 1 Encoder (risoluzione da 1 a 1000 impulsi giro) d) n 1 pedana di contatto e) possibilità di collegare tramite filo molteplici fotocellule per la rilevazione cronometrica

2 a) CELLA DI CARICO a S, TESYS 1000 o TESYS 800 e PC Caratteristiche tecniche : Capacità massima 300 Kg. NOTA: La valutazione isometrica richiede l installazione della cella di carico sull attrezzo da riabilitazione o da allenamento. Leg Extension Cella di carico Grafico Bilance Test Con la cella di carico ad S ed i software SUITE ed I-metrics è possibile eseguire molteplici lavori ISOMETRICI per valutare: - Forza Massimale isometrica - Tempo di attivazione muscolare - Squilibrio di forza tra arti omologhi e agonista/antagonista - Capacità di Resistenza ad un impegno di F. MAX - Resistenza alla fatica muscolare I test disponibili sono: 1 - FORZA MASSIMALE SI tratta di effettuare una contrazione muscolare massimale (massima espressione di Forza volontaria) a diversi angoli articolari con una attivazione lenta e in piena sicurezza. - Picco di forza massima (F.MAX) - Tempo di raggiungimento del picco di FMAX (T100) 2 - FORZA ESPLOSIVA Test che indaga sulle modalità di contrazione della muscolatura e sulla qualità delle fibre in una contrazione effettuata con la massima esplosività. - Picco di forza massima (F.MAX) - Tempo di raggiungimento del picco di FMAX (T100) - T30: tempo impiegato a sviluppare il 30% del Picco di FMAX; - T50: tempo impiegato a sviluppare il 50% del Picco di FMAX; - T90: tempo impiegato a sviluppare il 90% del Picco di FMAX. 3 BALANCE TEST E un test specifico per l attività riabilitativa. Nel test si confronta la forza dinamica espressa da gruppi muscolari simmetrici: - destro / sinistro o agonista / antagonista. Il confronto tra i valori medi espressi da gruppi muscolari simmetrici dà un indicazione precisa sullo squilibrio esistente e, successivamente, sui progressi realizzati nell'attività di riabilitazione o di riatletizzazione. 4 FORZA RESISTENTE Questo test verifica la capacità di resistenza alla forza di un soggetto impegnato in una contrazione isometrica massimale. - Picco di FMAX e T100 (tempo per il raggiungimento del picco di FMAX) - % del tempo tatale in cui la forza è stata superiore al 50% della FMAX - % del tempo tatale in cui la forza è stata superiore al 90% della FMAX 5 - FATIGUE TEST Questo test valuta la capacità del muscolo di sostenere uno sforzo isometrico non massimale. La prova consiste nel determinare la resistenza alla fatica misurando il tempo in cui la forza espressa si è mantenuta entro valori prefissati. Parametri da impostare: Target di forza; Range di oscillazione controllato tramite biofeedback 6 PAIN TEST Il test permette di quantificare la percezione del dolore avvertito dal paziente grazie alla possibilità di impostare dei marker durante una contrazione isometrica. Il software rileva i Kg. relativi a 4 livelli di dolore. A breve sarà disponibile anche il Training isometrico.

3 b) 2 Pedane di forza, TESYS 1000, TESYS 800 e PC Caratteristiche tecniche : Capacità massima 500 Kg. ciascuna NOTA: Le pedane possono essere fissate alla pressa orizzontale o posizionate a terra. Su pressa Orizzontale A terra Grafico Bilance Test ISOMETRIA Con le 2 pedane di forza ed i software SUITE ed I-METRICS è possibile eseguire molteplici lavori ISOMETRICI per valutare: - Forza Massimale isometrica - Tempo di attivazione muscolare - Squilibrio di forza tra arti omologhi e agonista/antagonista - Capacità di Resistenza ad un impegno di F. MAX - Resistenza alla fatica muscolare I test disponibili sono: 1 - FORZA MASSIMALE SI tratta di effettuare una contrazione muscolare massimale (massima espressione di Forza volontaria) a diversi angoli articolari con una attivazione lenta e in piena sicurezza. - Picco di forza massima (F.MAX) - Tempo di raggiungimento del picco di FMAX (T100) 2 - FORZA ESPLOSIVA Test che indaga sulle modalità di contrazione della muscolatura e sulla qualità delle fibre in una contrazione effettuata con la massima esplosività. - Picco di forza massima (F.MAX) - Tempo di raggiungimento del picco di FMAX (T100) - T30: tempo impiegato a sviluppare il 30% del Picco di FMAX; - T50: tempo impiegato a sviluppare il 50% del Picco di FMAX; - T90: tempo impiegato a sviluppare il 90% del Picco di FMAX. 3 BALANCE TEST E un test specifico per l attività riabilitativa. Nel test si confronta la forza dinamica espressa da gruppi muscolari simmetrici: - destro / sinistro o agonista / antagonista. Il confronto tra i valori medi espressi da gruppi muscolari simmetrici dà un indicazione precisa sullo squilibrio esistente e, successivamente, sui progressi realizzati nell'attività di riabilitazione o di riatletizzazione. 4 FORZA RESISTENTE Questo test verifica la capacità di resistenza alla forza di un soggetto impegnato in una contrazione isometrica massimale. - Picco di FMAX e T100 (tempo per il raggiungimento del picco di FMAX) - % del tempo tatale in cui la forza è stata superiore al 50% della FMAX - % del tempo tatale in cui la forza è stata superiore al 90% della FMAX 5 - FATIGUE TEST Questo test valuta la capacità del muscolo di sostenere uno sforzo isometrico non massimale. La prova consiste nel determinare la resistenza alla fatica misurando il tempo in cui la forza espressa si è mantenuta entro valori prefissati. Parametri da impostare: Target di forza; Range di oscillazione controllato tramite biofeedback 6 PAIN TEST Il test permette di quantificare la percezione del dolore avvertito dal paziente grazie alla possibilità di impostare dei marker durante una contrazione isometrica. Il software rileva i Kg. relativi a 4 livelli di dolore.

4 Con le 2 pedane di forza ed i software SUITE e J-Plate è possibile eseguire un analisi approfondita del salto di un soggetto. Le due pedane di forza registrano le forze espresse su entrambi gli altri. Il balzo viene considerato come il movimento balistico per eccellenza. Oltre a ciò è un ulteriore aspetto di estremo interesse nell ambito del balzo effettuato attraverso un ciclo stiramento-accorciamento (ossia facendo precedere il balzo da una fase di contromovimento), è costituito dal fatto che nell esecuzione del salto stesso si ripercorrono, nell ambito di poche centinaia di millisecondi, tutti i possibili patterns di attivazione neuro-muscolare. Il software suddivide il salto in diverse fasi ognuna delle quali è caratterizzata da un diverso tipo di comportamento neuromuscolare, paragonando le diverse fasi dell arto leso e del controlaterale sano, registrate durante il protocollo dei test. In tal modo diviene possibile evidenziare nell arto leso gli squilibri attribuibili ai diversi comportamenti neuromuscolari tipici di ogni fase indagata. Protocollo JUMP TEST Il protocollo del Synchro Plates Test è molto semplice e prevede l esecuzione di un balzo con contromovimento e stabilizzazione sulla ricaduta con l angolo delle ginocchia a 90. Che dati fornisce il Synchro Plates test? Il Synchro Plates test suddivide automaticamente il balzo nelle differenti fasi fornendo, per ognuna di esse, i dati maggiormente indicativi di cui i principali sono: Fase di over stretching eccentrico: indica quale sia la massima velocità di stiramento alla quale il complesso muscolo tendineo degli estensori della gamba può essere sottoposto durante la fase eccentrica di contromovimento, evidenziando naturalmente le differenze tra l arto sano e l arto leso. Fase di massima produzione di forza eccentrica: registra la massima forza prodotta durante la fase eccentrica del movimento da parte degli estensori della gamba paragonando i valori dei due arti. Fase di spinta concentrica: evidenzia la possibile differenza di produzione di forza espressa dai due arti durante la fase concentrica di spinta che precede la fase di volo. Fase d impatto: registra la forza esercitata al momento dell impatto susseguente al momento della presa di contatto al suolo, evidenziando gli eventuali meccanismi di tipo protettivo messi in atto a carico dell arto leso.

5 c) Encoder, TESYS 800 o Tesys 1000 e PC Caratteristiche tecniche : Encoder: risoluzione da 1 a 1000 impulsi giro NOTA: L encoder può essere facilmente applicato al pacco pesi o al carrello delle macchine isotoniche o pesi liberi. Su pressa Orizzontale Con l encoder ed i software SUITE ed RPower e RPower Training è possibile eseguire lavori DINAMICI per valutare: - L'analisi dinamica (tempo, spostamento, velocità, lavoro, potenza) e dinamometrica del movimento effettuato su macchine isotoniche. I PARAMETRI DI VALUTAZIONE: SPOSTAMENTO POSITIVO E NEGATIVO ACCELERAZIONE LINEARE ED ANGOLARE FORZA MEDIA E PICCO DI FORZA VELOCITA MEDIA E PICCO DI VELOCITA POTENZA MEDIA E PICCO DI POTENZA LAVORO MEDIO INDICI SPECIALI LA BATTERIA DI TEST DINAMICI Carico Progressivo FVR Work Test PUNTI DI FORZA DELLA VALUTAZIONE DINAMICA 1 - Applicabilità su tutte le macchine isotoniche per rehab e training 2 Possibilità di valutare e controllare un movimento durante un esercizio ricostruendo il "pattern naturale di attivazione muscolare ". Esempio di acquisizione dati (training)con feedback e relativa analisi

6 VALUTAZIONE DINAMICA FPLATE b) + c) 2 Pedane di forza + Encoder, TESYS 1000 o TESYS 800 e PC NOTA: Le pedane possono essere fissate alla pressa orizzontale o posizionate a terra. Su pressa orizzontale A terra Con le 2 pedane di forza sincronizzate abbinate ad un encoder dinamico ed i software SUITE ed F-Plate è possibile eseguire il Test per valutare separatamente entrambi gli arti. Questa configurazione permette un analisi dinamica e dinamometrica di esercizi su pressa o al multipower. Si ottiene: Confronto tra i due arti e tra la fase eccentrica e concentrica del movimento Il Bi-Phasic Balance Test (F-plate) può anche essere eseguito facilmente con soggetti anziani. Si richiede al paziente di eseguire più volte il movimento di alzarsi e sedersi dalla sedia. L encoder viene agganciato alla cintura del paziente e le pedane vengono posizionate a terra. I piedi del paziente sono sopra di esse. Le pedane rilevano la forza espressa da entrambi gli arti (con la possibilità, in analisi, di valutare eventuali squilibri sia in fase eccentrica che concentrica) mentre l encoder determina la fase di lavoro eccentrico e concentrico. Visualizzazione Dati Test Forza Forza Eccentrica Eccentrica Arto Arto dx dx Forza Forza Concentrica Concentrica Arto Arto sx sx Forza Forza Eccentrica Eccentrica Arto Arto sx sx Forza Forza Concentrica Concentrica Arto Arto dx dx

7 d) Pedana di contatto, TESYS 800 o Tesys 1000 e PC Per la VALUTAZIONE CINEMATICA DEL SALTO si utilizzano una o più pedane di contatto che, registrando i tempi di contatto e di volo durante movimenti balistici (azioni di salto), permettono di valutare le caratteristiche morfologicofunzionali e neuromuscolari dei muscoli degli arti inferiori. I test che si possono effettuare danno specifiche indicazioni che permettono di valutare un soggetto, di personalizzare il programma di allenamento o il lavoro di recupero e di monitorare i progressi nel tempo. La pedana di contatto è di facile applicazione nelle palestre e sulle superfici compatte, come le piste di atletica. Con la pedana di contatto ed i software SUITE ed C_Plate è possibile eseguire: -SQUAT JUMP: Valutazione della forza esplosiva, reclutamento delle UM, valutazione della percentuale di FT. -COUNTER MOVEMENT JUMP: Valutazione della forza esplosiva, reclutamento delle UM, valutazione della percentuale di FT, riuso di energia elastica, coordinazione intra ed intermuscolare. -DROP JUMP: E un test fondamentale per valutare la manifestazione RIFLESSO- ELASTICO-ESPLOSIVA dell espressione di forza prodotta dai muscoli estensori degli arti inferiori, e dal quadricipite in particolare. -STIFFNESS TEST: E un test fondamentale per valutare la forza reattiva. -MULTI JUMP: Test che permette di valutare la potenza meccanica ed il metabolismo anaerobico alattacido e lattacido durante azioni consecutive di salto. Analisi dei dati

8 e) Sistema di fotocellule, TESYS 1000 o Tesys 800 e PC CHRONO CONTROL é stato progettato per effettuare prove di cronometraggio con l utilizzo di fotocellule. Il set é composto da 2 fotocellule che vengono collegate tramite interfaccia all unità centrale TESYS. Con questo sistema diventa semplice effettuare tutti i test che richiedono l'impiego di un cronometro, come la navetta, le prove di velocità (40, 60,100 metri, ecc.), tratti lanciati, prove di accelerazione, ecc. DOTAZIONE DI BASE - 2 fotocellule a raggio infrarosso con una portata utile di 7 metri; - 2 riflettori a catarinfrangente; - 4 cavalletti di tipo fotografico graduabili in altezza; - un cavo di collegamento; - 2 cavi/prolunghe da 40 metri; - una borsa per contenere e trasportare tutto il materiale Con le fotocellule ed i software SUITE e Chrono è possibile eseguire i seguenti test: START/STOP SPLIT/LAP NAVETTA/SHUTTLE MULTITIME MULTISPLIT Possibilità di programmare Test con parametri personalizzati come la distanza o i punti di split. Analisi

9 MODULO ELETTROMIOGRAFIA DI SUPERFICIE. f) POD EMG (7 o 14 Canali), Tesys 1000 e PC Caratteristiche tecniche : Sono disponibili fino a 14 canali elettromiografici suddivisi in 2 POD da 7 canali ciascuno che vanno collegati all unità centrale Tesys L attività elettrica dei muscoli può essere derivata tramite l elettromiografia (EMG) che registra l attività elettrica delle singole unità motorie. L EMG può essere derivata utilizzando elettrodi applicati alla superficie cutanea che registrano l attività del muscolo: in generale l ampiezza del segnale EMG fornisce indicazione sul tipo di unità motoria coinvolta. I segnali di bassa ampiezza sono prodotti da piccole unità mentre quelli di ampiezza maggiore si originano dalle grandi unità. Lo studio della cinematica e della dinamica degli atti motori si può realizzare tramite l uso di strumenti di rilevazione della posizione e della velocità e strumenti di rilevazione delle forze applicate. Grazie all EMG è possibile stabilire le relazioni temporali e di ampiezza dell attivazione nervosa dei diversi muscoli coinvolti nel movimento. Le informazioni che possono essere ottenute da un tracciato EMG riguardano le caratteristiche complessive dell attivazione muscolare: i tempi di attivazione e le ampiezze. L attività complessiva del muscolo si registra tramite elettrodi di superficie che hanno un ampio raggio di captazione. L attività EMG risulta di enorme utilità quando si vogliono confrontare le modalità di attivazione di diversi muscoli durante un atto motorio Con 1 o 2 POD elettromiografici ed i software SUITE ed EMG è possibile eseguire rilevazioni elettriche su più distretti muscolari. BI-TEST Test che associa l elettromiografia di superficie alla dinamometria isometrica e permette, in tal modo, di identificare il pattern di attivazione neuromuscolare dei due arti. Il modulo EMG si interfaccia all Unità centrale TESYS 1000 ed è abbinabile ai diversi software di valutazione. Il modulo EMG permette di acquisire e sincronizzare i segnali EMG con segnali dinamometrici o dinamici. ANALISI DATI EMG

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE

VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI SPORTIVE ERGO TESTER ERGOJUMP BOSCO SYSTEM Ergo Tester Ergo Tester offre molteplici e fondamentali possibilità di valutazione e controllo dell allenamento al fine di migliorare

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

Optojump Next rende possibile: > valutare la performance e le condizioni di un atleta

Optojump Next rende possibile: > valutare la performance e le condizioni di un atleta PERFORMANCE Optojump Next rivoluziona la metodologia di allenamento e preparazione atletica nello sport. È un innovativo sistema di analisi e misurazione che introduce una nuova filosofia di valutazione

Dettagli

La forza nei giovani

La forza nei giovani La forza nei giovani Vinicio PAPINI Premessa FORZA: capacità di vincere o contrastare resistenze esterne Lo sviluppo della forza deve essere effettuato unitamente agli altri aspetti della motricità. Considerare

Dettagli

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE

L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE L ALLENAMENTO DELLA FORZA NELLA PALLAVOLO FEMMINILE Relatore: dott.. Massimo Viganò Indice della lezione Introduzione Aspetti fisiologici Modello prestazione forza nel volley Tecniche esecutive Progettazione

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

BASI delle ATTIVITA MOTORIE

BASI delle ATTIVITA MOTORIE BASI delle ATTIVITA MOTORIE Maria Chiara Gallotta Stanza 59 1 piano palazzo IUSM Tel 06 36733211 mariachiara.gallotta@iusm.it Ricevimento Martedì 10:00-12:00 Rapidità La capacità di eseguire azioni motorie

Dettagli

FORZA RAPIDA (o veloce)

FORZA RAPIDA (o veloce) FORZA RAPIDA (o veloce) Per FORZA RAPIDA (o VELOCE) si intende la capacità del sistema neuromuscolare di superare resistenze con un elevata velocità di contrazione. Viene definita: - Forza esplosiva quando

Dettagli

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI

OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI OBIETTIVI E STRATEGIE DI SVILUPPO DELL ALLENAMENTO PER I GIOVANI VELOCISTI DAI 16 AI 17 ANNI Queste brevi note vogliono stimolare una riflessione sui percorsi di allenamento da proporre ai nostri giovani

Dettagli

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena

Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Modena Aspetti metodologici e pratici del periodo preparatorio nella pallavolo. Organizzazione della seduta fisico tecnica. Utilizzo di attrezzi e

Dettagli

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE

TecnoBody. Rehabilitation Systems ISOMOVE TecnoBody Rehabilitation Systems TM ISOMOVE L Isocinetica elastica In natura sappiamo che il movimento isocinetico non esiste ma è stato costruito in laboratorio per ottimizzare il processo di recupero.

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm.

LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO. Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. LA PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL LAVORO FISICO Prof. Marco Mencarelli Vice allenatore e responsabile della preparazione fisica della Naz.Sen.Femm. La struttura del programma Il programma può essere strutturato

Dettagli

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo

Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico. Prof. Chiovini Mimmo Il modello della prestazione nella pallavolo: condizionamento fisico ed organico Prof. Chiovini Mimmo Chieti 9 Dicembre 2012 La pallavolo richiede un notevole impegno neuromuscolare. I tendini e le articolazioni

Dettagli

Preatletismo generale,

Preatletismo generale, Preatletismo Con il termine preatletismo molto spesso indichiamo quello generale, cioè una serie di esercitazioni che sviluppano la forza a carico naturale in età giovanile, favorendo lo sviluppo armonico

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY

ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY ALLENAMENTO FUNZIONALE VOLLEY Poggibonsi 03-01-2009 Prof. Sandro Bencardino . Ogni miglioramento tecnico tattico è possibile solo grazie ad un allenamento fisico!!! L allenamento è un processo pedagogico

Dettagli

Materia : Scienze Motorie e Sportive

Materia : Scienze Motorie e Sportive Materia : Scienze Motorie e Sportive Docente Prof. Mauro Marras Testo in adozione Altri testi o fonti utilizzate N. ore settimanali Manuale Illustrato dell educazione Fisica Scolastica Fotocopie Proiezione

Dettagli

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo)

I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) I mezzi di allenamento muscolare a confronto (articolo del M.d.S. Stelvio Beraldo) ESERCIZI CON GLI ELASTICI Consentono di eseguire una vastissima gamma di esercizi per tutti i gruppi muscolari del corpo

Dettagli

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico

LO STRETCHING. Metodiche di stretching. Tecniche di stretching statico LO STRETCHING Chi corre deve avere una buona flessibilità per esprimere al meglio il proprio potenziale e per non incorrere in continui ed invalidanti infortuni. La flessibilità è l insieme della mobilità

Dettagli

Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale

Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale Valutazione post-traumatica della limitazione funzionale Dopo un trauma muscolare non esistono test o prove funzionali che siano in grado di fornirci i dati della limitazione funzionale derminata dal trauma.

Dettagli

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio.

Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Core Training, Allenamento Funzionale per il portiere di calcio. Il portiere di calcio oltre a dover possedere ottime qualità tecniche, deve avere delle componenti fisiche molto importanti, in grado di

Dettagli

REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO

REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO REAL POWER VALUTAZIONE DELLA POTENZA PER LO SPORT, LA RIABILITAZIONE E L ALLENAMENTO SPORTIVO 1 LEG PRESS 2 FUNZIONI * VALUTAZIONE * TRAINING * RIABILITAZIONE SPORTIVA 3 TRAINING Il Real Power consente

Dettagli

3 Tecniche di misura della postura e del movimento

3 Tecniche di misura della postura e del movimento 3 Tecniche di misura della postura e del movimento Esistono diverse tecniche di analisi della postura e del movimento che possono essere classificate in base alla strumentazione utilizzata. Di seguito

Dettagli

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi

ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM. Specifiche Funzionali: Parametri Elettrici. Conformità. Garanzia 12 mesi ISO-Free DATASHEET ISO-FREE SYSTEM ISO-FREE è il primo sistema di Functional Training a corpo libero, che incorpora l abilità di riconoscere i movimenti dell utente unitamente al suo equilibrio e postura.

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE

DOMANDE FREQUENTI. CST srl Neuromotor Controlling Operators. NEMOCO srl. Cro System Trading CRO SYSTEM E UN BREVETTO INTERNAZIONALE COME AGISCE IL CRO SYSTEM? Ottimizza la performance muscolare potenziando marcatamente la sensibilità propriocettiva, ovvero la raccolta di informazioni da muscoli, articolazioni ed ossa, su cui si basa

Dettagli

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO Una breve rassegna sui più importanti studi MECCANISMI DELLA FORZA La possibilità per un atleta di produrre forza e velocità sempre più elevata dipende

Dettagli

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI

Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI Prof. Massimiliano Lattanzi L ALLENAMENTO MUSCOLARE TRA AGONISTI E ANTAGONISTI la corsa, come qualsiasi altro movimento del nostro corpo è una sinergia di forze e allungamento un gioco di muscoli agonisti

Dettagli

Metodiche di allenamento della forza

Metodiche di allenamento della forza Metodiche di allenamento della forza Alessandro Brunello Predazzo 9 maggio 2015 ALLENAMENTO DELLA FORZA: diversi metodi diversi mezzi diverse ricerche Ambiente ischemico ed ipossico favorisce aumento

Dettagli

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT

PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT INDICE PARTE PRIMA: PRINCIPI FONDAMENTALI DELL ALLENAMENTO DELLA FORZA CAPITOLO 1 FORZA, RESISTENZA MUSCOLARE E POTENZA NELLO SPORT Principali teorie che influenzano l allenamento della forza nello sport:

Dettagli

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado

Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado Giornata di aggiornamento per allenatori di pallavolo 2-3 grado gessate (milano( milano) ) 21-11 11-04 Il potenziamento muscolare nella pallavolo, con particolare riferimento agli arti inferiori Relatore:

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo MIGLIORAMENTO DELLA FORZA RAPIDA E DELLA VELOCITÀ DEGLI ARTI INFERIORI CON ESERCIZI A CARICO NATURALE Testo e disegni di Stelvio Beraldo - Aspetti della forza rapida - Il carico naturale come mezzo di

Dettagli

Foremg elettromiografo holter 4 canali

Foremg elettromiografo holter 4 canali Foremg elettromiografo holter 4 canali L elettromiografia, o EMG, è lo studio della funzione muscolare attraverso il segnale elettrico che il muscolo emana. L attività muscolare genera un campo elettrico

Dettagli

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE

MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE MODULO INFORMATIVO RELATIVO AL PROGETTO MARCIALONGA SCIENCE Soggetto promotore: Responsabile progetto: Obiettivi dello studio: Protocollo del test: Utilizzo dei dati raccolti: Diritti dei soggetti partecipanti:

Dettagli

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare

Tecnica. Capacità di Prestazione del Giocatore di pallacanestro. Condizione. Forza Velocità Resistenza Mobilità articolare 1 Le forme principali di sollecitazione motoria rappresentate dalla forza, velocità, resistenza, mobilità articolare e dalle capacità coordinative costituiscono i presupposti fondamentali per l apprendimento

Dettagli

La valutazione funzionale nella pallavolo

La valutazione funzionale nella pallavolo La valutazione funzionale nella pallavolo Antonio Gianfelici La pallavolo nell ambito della classificazione fisiologica delle attività sportive è definita quale attività ad impegno aerobico-anaerobico

Dettagli

TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE

TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE TEST DI VALUTAZIONE FUNZIONALE BATTERIA DI TEST GENERALI Valutazione dell età scheletrica Determinazione dell età di sviluppo scheletrico attraverso l analisi ossea delle prime falangi delle dita della

Dettagli

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche

LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Corso aggiornamento allenatori Comitato Provinciale di Reggio Emilia LA PREVENZIONE NELLA PALLAVOLO Aspetti teorici ed esercitazioni pratiche Relatore Prof. Nicola Piccinini www.volleyballproject.it La

Dettagli

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper

Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti per saper Linee guida della proposta di lavoro Giuliano Corradi - Marco Di Maggio Scopo fondamentale delle seguenti pagine è quello di non presentare una ricetta medica da seguire, ma invece fornire alcuni strumenti

Dettagli

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO

ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO ALLENAMENTO DELLA FORZA MASSIMA E DELLA FORZA RESISTENTE NEL CANOTTAGGIO Testo e disegni di Stelvio Beraldo - IL RUOLO E LA PROGRAMMAZIONE DELLA FORZA NEL CANOTTAGGIO - FORZA MASSIMA: Parametri di lavoro,

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

Tecniche per l analisi della postura e del movimento

Tecniche per l analisi della postura e del movimento Tecniche per l analisi della postura e del movimento 1/14 Tecniche di analisi La rilevazione, attraverso l utilizzo di sistemi automatici basati su tecnologie avanzate di grandezze cinematiche e dinamiche

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011

ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 ASSOCIAZIONE ITALIANA ARBITRI FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Comitato Regionale Veneto PERIODO PREPARATORIO Stagione Sportiva 2010-2011 La durata del lavoro sarà di circa tre settimane per poi passare

Dettagli

Scossa muscolare semplice

Scossa muscolare semplice Scossa muscolare semplice La durata della scossa semplice dipende dal tipo di fibra 1 Caratteristiche dei tipi di fibre muscolari Ossidativo lento Ossidativo rapido Glicolitico rapido Tempo di sviluppo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INERENTE

RELAZIONE TECNICA INERENTE Introduzione RELAZIONE TECNICA INERENTE L ATTREZZO PER ALLENAMENTO DI FORZA: SEMI BAR Nel 1996 fui colpito da una pubblicazione di Stuart McRobert (Tecnica di allenamento con i pesi Sandro Ciccarelli Editore,1996)

Dettagli

L Analisi del movimento

L Analisi del movimento L Analisi del movimento L Analisi del movimento Qualunque aspetto del movimento umano si voglia studiare, per prima cosa occorre osservarlo (Galileo) L Analisi del movimento E quella disciplina scientifica

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI

2010 / 2011 CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI PIANO DI LAVORO CLASSI PRIME SEZIONI A / C / D EDUCAZIONE FISICA ANNO SCOLASTICO 2010 / 2011 SEDE PASCOLI TEST DI VALUTAZIONE DELLE QUALITA FISICHE CONDIZIONALI Flessibilità in avanti. Flessibilità scapolo-omerale.

Dettagli

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE

TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE TAPPA DELLA SPECIALIZZAZIONE INIZIALE A 14-15 anni inizia un avvio alla specializzazione nei salti esteso ad almeno tre salti. A 16-17 anni continua il percorso verso uno specializzazione ma per salti

Dettagli

Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore. Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso?

Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore. Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso? Nuove frontiere per l allenamento del giovane calciatore Dal modello prestativo alla crescita del giovane calciatore: Quale percorso? Breve accenno al modello prestativo del calcio E oramai risaputo e

Dettagli

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute

Verona, 14 Gennaio 2008. La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Preparazione Fisica nel Rugby: Sport di Accelerazioni Ripetute Verona, 14 Gennaio 2008 La Formazione del Giocatore Silvano Garbin L Allenamento Sportivo Processo pedagogico-educativo

Dettagli

SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97)

SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97) SVILUPPO DELLA FORZA (di E. Zanini - PVdic97) La letteratura della teoria dell'allenamento è ricchissima di definizioni (a volte molto astratte) riguardanti la Forza e la Potenza. Innumerevoli ed autorevoli

Dettagli

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo

TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo PROGRAMMAZIONE DELL'ALLENAMENTO: TEST PER LA VERIFICA DELLE CAPACITÀ MOTORIE Testo e disegni di Stelvio Beraldo TEST PER LA FORZA ESPLOSIVA: Salto in alto da fermo da gambe semi-piegate (Sergeant) - Salto

Dettagli

-RECUPERO DI FORZA MUSCOLARE CON SISTEMA DI VIBRAZIONE- Saggini R. - Galati V. - Iodice P.

-RECUPERO DI FORZA MUSCOLARE CON SISTEMA DI VIBRAZIONE- Saggini R. - Galati V. - Iodice P. UNIVERSITA DEGLI STUDI G G. D D ANNUNZIO CHIETI-PESCARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CATTEDRA DI MEDICINA FISICA E RIABILITATIVA -RECUPERO DI FORZA MUSCOLARE CON SISTEMA DI VIBRAZIONE- Saggini R. -

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini

PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI. dott. Alessandro Ganzini PROGRAMMAZIONE E STESURA DEL PROGRAMMA D ALLENAMENTO CON I SOVRACCARICHI dott. Alessandro Ganzini Principi generali dell allenamento Specificità Es. Gli schemi di movimento devono essere simili allo sport

Dettagli

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila

Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics. Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Acute effects of a stretching circuit on CMJ kinematics Luca Russo Ph.D., Luciano Limido Università degli Studi dell Aquila Introduzione Da diversi anni la pratica dello stretching viene studiata e gode

Dettagli

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE

Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 PROGRAMMA RIABILITATIVO DOPO RICOSTRUZIONE DEL LEGAMENTO CROCIATO POSTERIORE Via Amadeo 24, 20133 Milano Via Vivaio 22, 20122 Milano Tel: 02-7610310 Fax: 02-70124931 Tel: 02-76009310 Fax: 02-76009152 E-mail: info@oasiortopedia.it E-mail: l.boldrini@isokinetic.com Pagina web: www.oasiortopedia.it

Dettagli

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES

Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES Programma di Preparazione Atletica periodo precampionato CATEGORIA JUNIORES PREPARAZIONE PRECAMPIONATO Obiettivi prima settimana Incremento di capacità e potenza aerobica Miglioramento della capacità di

Dettagli

Tests MAXI estimés. TESTS de Terrain Tests MAXI : 1 RM. Les tests de puissance et de force. Formule de Brzicki. Empirisme :

Tests MAXI estimés. TESTS de Terrain Tests MAXI : 1 RM. Les tests de puissance et de force. Formule de Brzicki. Empirisme : Diplôme Universitaire de préparation physique Les tests de puissance et de force Gilles Cometti TESTS de Terrain Tests MAXI : 1 RM COUCHE SQUAT complet Soulevé de terre Arraché Épaulé jeté Tests MAXI estimés

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie. Tesi di laurea

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA. Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie. Tesi di laurea UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie Tesi di laurea ANALISI BIOMECCANICA DEL MOVIMENTO NELL' ESERCIZIO DI JUMP CON PATTINI IN-LINEA. Relatore:

Dettagli

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI

Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Scuola Tecnici Federali- Direzione Agonistica Fondo TEST MOTORI Per la valutazione dei giovani sciatori di fondo L obiettivo principale dell allenamento giovanile è di assicurare ai giovani una valida

Dettagli

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it

LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it LO STRETCHING A cura della Dott.ssa Ft. Bruna Cancelli Tel. 380 3499791 E-mail: bruna.cancelli@cheapnet.it Stretching (da to stretch, allungare) è il nome dato a una serie di tecniche e metodologie, il

Dettagli

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane)

Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) L ALLENAMENTO DEGLI SPRINTER JUNIOR, PROPOSTE PER L ANNO 2007 Antonio Laguardia e collaboratori (Roberto Piscitelli, Riccardo Pisani, Sergio Biagetti, Andrea Presacane) SETTORE VELOCITÀ PROGRAMMAZIONE

Dettagli

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012

LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA CORSO ISTRUTTORI FIDAL PIEMONTE 2012 LA CORSA Lo scopo: la velocità media avvio accelerazione lanciato Aspetti biomeccanici: lunghezza e frequenza del passo Struttura del movimento: fase di appoggio

Dettagli

di vincere una resistenza

di vincere una resistenza Valutazioni funzionali II L atleta (C) Fabio Manfredini Supporto didattico Nicola Lamberti Il muscolo scheletrico Rappresenta il 35-40% della massa corporea totale Sostiene l attività fisica contrazione,

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

Esperienza di integrazione di preparazione fisica

Esperienza di integrazione di preparazione fisica Esperienza di integrazione di preparazione fisica 6 Corso Preparatori Fisici Pallacanestro TIRRENIA Aprile P.F. Silvio Barnabà Obiettivo del preparatore fisico Economizzare il più possibile il gesto tecnico

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO

I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO I CICLO ALLENAMENTO PRECAMPIONATO Il programma che i sarà proposto rappresenta il giusto continuum di quello propedeutico post-campionato. Fermo restando il problema di sapere dove ognuno svolgerà la sua

Dettagli

ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE. FGE aa.2015-16

ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE. FGE aa.2015-16 ASPETTI MECCANICI DELLA CONTRAZIONE MUSCOLARE FGE aa.2015-16 ARGOMENTI INNERVAZIONE DEL MUSCOLO SCHELETRICO PLACCA NEURO MUSCOLARE UNITÀ NEURO MOTORIE TIPI DI CONTRAZIONE SCOSSE SEMPLICI RELAZIONI TENSIONE-LUNGHEZZA

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici

SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici SCHEDA ESERCIZI CONCENTRICI ED ECCENTRICI con attrezzi isotonici 1 Riscaldamento : saltelli funicella Note : esercizio ottimale per le gambe e polpacci per la spinta verso l'alto (contrazione concentrina)

Dettagli

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili

R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili SERVIZIO DI RECUPERO E RIEDUCAZIONE FUNZIONALE R.E.A.Dy Rinforzo con Elastici per Atleti Dyversamente abili Gli atleti che praticano sport in carrozzina sono ormai destinati a raggiungere carichi di allenamento

Dettagli

Considerazioni energetiche sull attività motoria

Considerazioni energetiche sull attività motoria Considerazioni energetiche sull attività motoria [La maggior parte dei dati, figure e tabelle riportati nel seguito sono tratti da: R. Margaria, Fisiologia muscolare e meccanica del movimento, Mondadori,

Dettagli

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino

ALLENAMENTO. AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. la parola allenamento deriva dal latino ALLENAMENTO la parola allenamento deriva dal latino AD LENAM e significa acquistare lena cioè fiato. La programmazione, l organizzazione e la scelta dei mezzi d allenamento derivano da diversi fattori,

Dettagli

Elaborazione di segnali biologici

Elaborazione di segnali biologici Modulo 4 Elaborazione di segnali biologici Bioingegneria per fisioterapisti Univ.degli Studi di Siena Laurea Univ. in Fisioterapia Ing. A. Rossi Sistemi acquisizione dati Conversione da segnale Analogico

Dettagli

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com

Essere sportivi oggi. Migliora la tua performance. www.sportmonitoring.com Essere sportivi oggi Migliora la tua performance www.sportmonitoring.com Valutazioni funzionali ed analisi delle prestazioni sportive SMS - Sport Monitoring Service s.r.l é un centro di preparazione atletica

Dettagli

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata:

7 - LA FORZA. La forza muscolare, capacità motoria importante per qualunque attività sportiva, è condizionata: 64 7 - LA FORZA La forza è la capacità posseduta dal muscolo umano di sviluppare tensioni utili a superare o ad opporsi a resistenze esterne. (Vittori, 1978) La forza muscolare, capacità motoria importante

Dettagli

(A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini)

(A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini) (A cura di: A. Claudia Cartoni - Cinzia Delisi - Francesca Gardini) LA PREPARAZIONE FISICA DI BASE L obiettivo di chi pratica la ginnastica aerobica è quello di ottenere il raggiungimento e successivamente

Dettagli

Tigo - Veho. Le configurazioni predefinite sottoelencate possono essere integrate con accessori, ma non è possibile toglierne.

Tigo - Veho. Le configurazioni predefinite sottoelencate possono essere integrate con accessori, ma non è possibile toglierne. Ordine Preventivo Reinviare a ufficio commerciale: commerciale@medimec.it - Fax 0546 46467 Rivenditore Valutazione eseguita da: Telefono: Riferimento Utente Signor/a: Prezzo base: a partire da 3.013,00

Dettagli

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini

L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini L allenamento posturale per il Biker di Saverio Ottolini Saverio Ottolini L allenamento posturale per il biker www.mtbpassione.com L allenamento posturale per il biker Per chi si allena e gareggia in Mountain

Dettagli

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata

ww.chirurgiarticolare.it riproduzione vietata Il trattamento delle sindromi rotulee non può essere lo stesso in ogni paziente. Sarà il medico curante a prescrivere, in base alla patologia quale dei seguenti esercizi dovrà essere praticato. E' importante

Dettagli

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI

METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI METODO PER DETERMINARE LA PERCENTUALE DI CARICO RIFERITA AL MASSIMALE E PER CONOSCERE IL MASSIMALE UTILIZZANDO CARICHI INFERIORI Testo e disegni di Stelvio Beraldo (Stelvio Beraldo - 1983) MODALITÀ DI

Dettagli

ALLIEVI. Programma MILAN LAB

ALLIEVI. Programma MILAN LAB ALLIEVI Programma MILAN LAB SEDUTA DI ALLENAMENTO ALLIEVI CAPACITÀ MOTORIE 100% CAPACITÀ COORDINATIVE 10% 90% CAPACITÀ CONDIZIONALI Rapidità/Velocità 20% Resistenza 30% Forza (didattica) 20% Flessibilità

Dettagli

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia

Componenti. 1 Cinghia di ancoraggio. 2 Fasce principali. 3 Moschettone di collegamento /fissaggio. 4 Moschettone di collegamento fasce /cinghia Indice 1. Componenti dell unità AinS... pag. 3 Componenti 1 Cinghia di ancoraggio 5 3 6 1 2 3 4 2. Ancoraggi e regolazioni... pag. 4 2 Fasce principali 3. Avvertenze... pag. 5 3 Moschettone di collegamento

Dettagli

La preparazione fisica annuale di una squadra maschile di B/1 Campionato 2005/06

La preparazione fisica annuale di una squadra maschile di B/1 Campionato 2005/06 Campionato 2005/06 La Zinella Volley Bologna di B/1 una società con una organizzazione globale di buon livello per la categoria pur senza disponibilità economiche elevate.dal punto di vista organizzativo

Dettagli

VALUTAZIONE FUNZIONALE DAL SEMPLICE AL COMPLESSO

VALUTAZIONE FUNZIONALE DAL SEMPLICE AL COMPLESSO VALUTAZIONE FUNZIONALE DAL SEMPLICE AL COMPLESSO 6 Corso Nazionale per Esperti in Preparazione Fisica nella Pallavolo ROMA 4 settembre 2010 Dott. Davide Grigoletto 1 COMPLICAZIONI... 2 VALUTAZIONE FUNZIONALE

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

ESERCIZI FUNZIONALI: confronto della Forza Applicata tra pesi ed elastici

ESERCIZI FUNZIONALI: confronto della Forza Applicata tra pesi ed elastici ESERCIZI FUNZIONALI: confronto della Forza Applicata tra pesi ed elastici A cura di Giovanni Colagiovanni Dario Pompa Elisabetta Introini & Roberto Colli Presupposti Che cosa si esprime dal punto di vista

Dettagli

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA

LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA LEGAMENTO CROCIATO INFORMAZIONI SU LL INTERVENTO ESERCIZI DI FISIOTERAPIA Cos è il legamento crociato anteriore e a che cosa serve All interno dell articolazione del ginocchio vi sono due legamenti interposti

Dettagli

Obiettivi della lezione scorsa

Obiettivi della lezione scorsa Obiettivi della lezione scorsa 1) Imparare il significato dei termini contrazione, tensione, carico, scossa. 2) Esaminare la differenza fra una contrazione isotonica ed isometrica. 3) Capire la differenza

Dettagli

di problematicità, la valutazione quantitativa delle ineffi cienze meccaniche e la rapida

di problematicità, la valutazione quantitativa delle ineffi cienze meccaniche e la rapida ITA I tre passi per la valutazione biomeccanica: 1 2 3 Test Analisi Report Optogait è un sistema innovativo di analisi del movimento e di valutazione funzionale di un individuo in condizioni normali o

Dettagli

LE CAPACITÀ MUSCOLARI

LE CAPACITÀ MUSCOLARI UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN EDUCAZIONE FISICA E TECNICA SPORTIVA LE CAPACITÀ MUSCOLARI Seconda parte prof. GIAN PIERO GRASSI gianpiero.grassi@unimi.it gianpiero.grassi@unipv.it DEFINIZIONE

Dettagli

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte

F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte F.I.D.A.L. - Comitato Regionale Piemonte CORSO DI FORMAZIONE ISTRUTTORI 2006 La corsa ad ostacoli: tecnica e didattica. Prof. Roberto Amerio L IMPORTANZA DELL UTILIZZO DEGLI OSTACOLI NELLE CATEGORIE GIOVANILI

Dettagli

5' Riscaldamento eseguendo: Mobilità Art.Sup. e Corsa a Zig-Zag, Corsa Obliqua Laterale(in avanti e all'indietro), Corsa incrociata

5' Riscaldamento eseguendo: Mobilità Art.Sup. e Corsa a Zig-Zag, Corsa Obliqua Laterale(in avanti e all'indietro), Corsa incrociata Allenamento 1: 2 giri: CORE STABILITY + MOVIMENTI FONTAMENTALI (vedi file) 3x7 : corsa con variazioni di velocità: 50 lenti + 10 in allungo (80 90% max) Recupero tra le serie di 4 * IMPORTANTE!!! Ogni

Dettagli

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali

HD+ Descrizione generale. Caratteristiche principali HD+ Descrizione generale HD+ è un dispositivo di acquisizione ECG wireless, sviluppato come acquisitore per PC e Tablet che utilizzino piattaforme standard (Windows / MAC OS / Android) e per l utilizzo,

Dettagli

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato SECONDO PERIODO COMPETITIVO Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato 89 19 SETTIMANA DI LAVORO 58 ALLENAMENTO seduta unica 15 minuti Resistenza: metodo intermittente. 3 Intermittente (45

Dettagli

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti

Protocollo numero 1 - recupero breve, scatti Protocolli di lavoro a corpo libero Il lavoro ad alta intensità a corpo libero: 6 protocolli di allenamento ad alta intensità da svolgere a corpo libero. 6 diverse schede di allenamento ad alta intensità

Dettagli