Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture"

Transcript

1 Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Roma, 19/11/2013

2 Nuova organizzazione: Metodologia Variazioni Contesto interno Nuove logiche Esigenza nuova organizzazione Mappatura processi Matrice di responsabilità Variazioni Contesto esterno Nuovi strumenti 2

3 Criticità sistemiche Variazioni Contesto esterno Esigenza nuova organizzazione Nuove logiche Mappatura processi Nuovi strumenti Matrice di responsabilità 1. NUOVE LOGICHE 3

4 Logica nuova organizzazione Dal Capo Reparto Esercizio all Impianto: consolidamento e autonomia nei processi operativi con riallocazione dei controlli di processo nei CPO Vigilanza & controllo Organizzazione Cantieri Visita * opere d arte Materiali * Solo per Impianti Lavori Rivisitazione C.Op. 190/DPO IMPIANTI IS Specialisti Cantieri Lavoro Specialista Materiali Squadra Man IS1 Squadra Man IS2 Squadra Man IS3. IMPIANTI TE Specialisti Cantieri Lavoro Specialista Materiali Squadra Man TE1 Squadra Man TE2 Squadra Man TE3 IMPIANTI LV Specialisti Cantieri Lavoro Specialista Materiali Specialista Opere d arte Squadra Man LV1 Squadra Man LV2 Squadra Man LV3 4

5 Logica nuova organizzazione Autonomia operativa UT Unità Territoriale Cantieri Meccanizzati Domanda materiali & logistica Controllo circolazione e manovra DTP Programmazione e Controllo IMPIANTO Programma MO & MS Mezzi d opera Diagnostica Controllo Produzione CEI/Turnisti DOTE DTP Asset Management Pianificazione e Controllo Logistica Controllo circolazione e manovra DCCM Mezzi d opera UM Diagnostica 5

6 Risorse Interne Risorse dell Unità Territoriale finalizzate alla manutenzione ordinaria e internalizzata Manutenzione correttiva Forza lavoro degli impianti Interruzioni per UT Manutenzione programmata Materiali a scorta dei magazzini di UT Attrezzature degli impianti Mezzi d opera 6

7 Risorse DTP esterne o servizi alle UT Funzioni rientranti nel processo operativo degli impianti, collocate a livello DTP con interfaccia di specialisti a livello UT/impianti Pianificazione Materiali non a magazzino di UT Piano di manutenzione mezzi Diagnostica D.T.P. Asset Management Pianificazione e Controllo 7

8 Logica nuova organizzazione INGEGNERIA e TECN. Ingegneria come attore del processo operativo extra-impianto TLC Esercizio Progettazione e DL UM TLC UM Ponti UM Cantiere TE UM Specialisti Dote, Telec., e configurazioni. Supporto Tecnico specialistico Archivio tecnico 8

9 Criticità sistemiche Variazioni Contesto esterno Esigenza nuova organizzazione Nuove logiche Mappatura processi Nuovi strumenti Matrice di responsabilità 2. NUOVI STRUMENTI 9

10 SIME in esercizio I servizi, attivi dal 2007 sul WEB per tutti i CdL e su 400 tablet (per 90 CdL), permettono di gestire tutta la modulistica tecnica secondo modelli: MODELLI IMPLEMENTATI Visita Capo Reparto Esercizio (estendibile per tutti gli interventi di Audit) Misura L94, Ago-Contrago (estendibile per tutte le verifiche e misure es. ISB*, TEB*, SSEB*, etc ) Visite linea Armamento + TE Taratura strumenti di misura (estendibile anche per il processo di logistica) Individuazione degli asset strategici per la sicurezza (attivato RFID per g.i.i.) 10

11 SIME Le nuove funzionalità: Gestione da parte del responsabile CdL dell assegnazione oraria e degli incarichi tramite lo strumento grafico (MRS); Presa visione, accettazione e consuntivazione oraria delle attività ai singoli manutentori; Messa a disposizione su supporto mobile degli ultimi aggiornamenti della documentazione tecnica e di sicurezza ai singoli manutentori; Validazione, da parte del responsabile CdL, della consuntivazione (TM/TS) tramite il «Cruscotto del CdL». semplificare/snellire i processi di assegnazione, esecuzione e consuntivazione dell attività rispondere ai requisiti posti dall ANSF 11

12 12

13 TO-BE IMPIANTO SIME MOBILE 13

14 SIME Ulteriori opportunità: Utilizzazione del Tablet come lettore di presenza (da valutare); Gestione, direttamente da Tablet, delle trasferte del personale; Gestione dell automezzo di servizio; Individuazione semplificata dell ente in manutenzione tramite modalità di lettura codice a barre/localizzazione georeferenziata/codice identificativo; Possibilità di utilizzare il Tablet per controllo circolazione: PIC, Train Graf,ecc Facilitazione dell attività del manutentore 14

15 Per la Pianificazione ed Assegnazione Le nuove funzionalità permetteranno : Assegnazione oraria delle attività ai gruppi di lavoro; Gestione giornaliera del piano di assegnazione comprese revisioni; Efficientamento delle funzioni di pianificazione e assegnazione delle attività; Strumento accentrato che permetterà di intervenire sia sulla pianificazione temporale delle attività che sull assegnazione delle risorse; Cruscotto per verifica presa visione delle attività assegnate. 15

16 Consuntivazione e Gestione Giustificativi Inoltre, per il responsabile del CdL è possibile : Analizzare i dati di consuntivazione inseriti confrontati con l assegnazione effettuata preventivamente; Verificare le attività svolte in trasferta; Modificare e/o confermare la consuntivazione compilando automaticamente il time-sheet; Provvedere all autorizzazione della trasferta. 16

17 Tablet Manutentori La soluzione prevista per i manutentori è basata sulla piattaforma SAP Mobile Infrastructure che permette l utilizzo dell applicazione anche i assenza di connettività alla rete aziendale. I tablet distribuiti con l applicazione dovranno essere connessi alla rete e sincronizzati ad inizio e fine giornata in modo da recepire tutte le informazioni di assegnazione delle attività da svolgere in carico ai manutentori. Le nuove funzionalità previste a disposizione del manutentore sono : Consultazione delle attività assegnate alla squadra e al singolo manutentore; Approvazione della piano di attività orario assegnato al singolo manutentore; Dettaglio delle singole attività con evidenza delle informazioni principali del lavoro da svolgere come: Sede tecnica di dettaglio; Composizione della squadra; Documentazione legata alla lavorazione; Informazioni specifiche per la sicurezza; Etc Validazione e inserimento della attività svolte per la fase di consuntivazione; Approvazione della propria consuntivazione attività; Consultazione di tutta la documentazione necessaria per lo svolgimento del lavoro. 17

18 Tablet Manutentori Mobile Infrastructure Ultimo aggiornamento 01/11/ :15 Ultimo aggiornamento 01/11/ :15 Ultimo aggiornamento 01/11/ :00 18

19 Tablet Manutentori: Presa visione Assegnazione Mobile Infrastructure < Data : 03/11/2010 > Settimana : 40 dal al Matrico -la Nome utente Appr. settimanale Appr. giornaliera Prep - osto Tras f Squadra User tester User tester User tester User tester 4 Selezionando un icona di stato approvazione il sistema propone il dettaglio settimanale o giornaliero per Matricola 2 << < > >> Pag 1 di 1 19

20 Tablet Manutentori: Presa visione Assegnazione Mobile Infrastructure Dettaglio pianificazione utente Settimanale Settimana : 40 dal al Utente : User tester 1 Giorno 01/11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/ /11/201 0 Approvazione Inizio Turno Fine Turno Prep - osto Tras f Squadra 08:00 17: :00 17:00 08:00 17:00 08:00 17:00 4 La schermata si compone dinamicamente con i turni 08:00 17:00 della matricola selezionata e cliccando sulla riga si naviga il dettaglio giornaliero 20

21 Tablet Manutentori: Presa visione Assegnazione Mobile Infrastructure Dettaglio pianificazione utente Giornaliera < Data : 03/11/2010 > Approva Utente : User tester 1 Preposto : SI Tolta tensione : SI Ora inizi o 08:0 0 10:0 0 13:0 0 15:0 0 Ora fine 10:0 0 12:0 0 15:0 0 17:0 0 Ordine di lavoro / NTW Descrizione attività Check list Trasferta Squadra Revisione deviatoio Visita linea 2 Selezionando la riga di interesse si accede al dettaglio della singola attività (aggiungere colonna sede tec.) Revisione TLC Misura L94 2 << < > >> Pag 1 di 1 21

22 Tablet Manutentori: Presa visione Assegnazione Mobile Infrastructure < Data : 03/11/2010 > Dalle 10:00 alle 12:00 Sede Tecnica : TO... Dettaglio pianificazione Ordine :. Squadra : 2 Utente : User tester 1 Preposto : SI Tolta tensione : SI Dettaglio delle attività da svolgere Dettaglio degli alert relativi alle attività(tolta tensione, lavoro in galleria, sicurezza, etc ) Lista degli oggetti tecnici di interesse Documentazione allegata all attività Documentazione legata alla sede tecnica etc 22

23 Tablet Manutentori: Presa visione Assegnazione Mobile Infrastructure < Data : 03/11/2010 > Dettaglio pianificazione utente Giornaliera Approva Utente : User tester 1 Preposto : SI Tolta tensione : SI Ora inizio Ora fine Ordine di lavoro / NTW Descrizione attività Check list Attività in squadra Utente Password 08:00 10: Revisione deviatoio 2 10:00 12: Visita linea 2 13:00 15: Revisione TLC 2 15:00 17: Misura L94 2 Conferma L approvazione viene richiesta per tutte le attività della giornata. È possibile prevedere l obbligatorietà di presa visione del dettaglio di ogni attività per la giornata. << < > >> Pag 1 di 1 23

24 Tablet Manutentori: Consuntivazione Mobile Infrastructure < Data : 03/11/2010 > Settimana : 40 dal al Matricola Nome utente Consuntivazioni settimanali Consuntivazione odierna Prep. Che ck list Trasf erta Squadra User tester 1 2 User tester 2 User tester 3 (1) Il numero presente nella colonna settimanale indica quante giornate nel passato ancora non sono state consuntivate User tester 4 2 << < > >> Selezionando un icona di stato approvazione il sistema propone il dettaglio settimanale o giornaliero per Matricola Pag 1 di 1 24

25 Soluzione TO-BE Tablet Manutentori Consuntivazione Mobile Infrastructure Dettaglio consuntivazione Settimanale Settimana : 40 dal al Utente : User tester 1 Giorno Approvazion e Inizio Turno Fine Turno Preposto Chec k list Tras f Squadr a 01/11/ :00 17: /11/ :00 17:00 03/11/ :00 17:00 04/11/ :00 17:00 4 In caso di trasferta potrebbe essere possibile far inserire direttamente in questa fase una bozza di giustificativi per la liquidazione 05/11/ :00 17:00 06/11/ /11/

26 Tablet Manutentori: Consuntivazione Mobile Infrastructure Dettaglio Consuntivazione utente < Data : 03/11/2010 > Approva Utente : User tester 1 Ora inizio Ora fine 08:00 10:00 10:00 13:00 15:00 12:00 15:00 17:00 Ordine di lavoro / NTW Descrizione attività Attività in squadra In consuntivazione chi inserirà il dato dovrà aggiornare gli orari di inizio e fine ed accedere al dettaglio delle attività se è necessario indicare le sedi tecniche sulle quali è stata effettuata l attività Revisione deviatoio Visita linea Revisione TLC Misura L94 2 Aggiungi nuovo oggetto di consuntivazione 26

27 Tablet Manutentori: Consuntivazione Mobile Infrastructure Dettaglio Consuntivazione utente La fase di approvazione della consuntivazione è a cura del < Data : 03/11/2010 > preposto Approva Utente : User tester 1 Ora inizio Ora fine 08:00 10:00 Ordine di lavoro / NTW Descrizione attività Utente Attività in squadra Revisione deviatoio 2 10:00 13:00 12:00 15:00 In fase di approvazione 15:00 17:00 il sistema non accetterà la conferma qualora non siano state effettuate tutte le attività necessarie: 1. Check list (in fase di assegnazione) 2. Spunta oggetti tecnici 3. etc Visita linea Revisione TLC Misura L94 2 Aggiungi nuovo oggetto di consuntivazione Password Conferma 27

28 Tablet Manutentori: Gestione Allegati Mobile Infrastructure Ordinamento per nome Ordinamento per Categoria Nome Categoria Data ultimo aggiornamento Nuova versione disponibile Manuale.doc Sicurezza Procedure.pdf Sicurezza Allegato.png Dettagli tecnici La sincronizzazione mantiene aggiornato il solo indice, l aggiornamento dei file di documentazione può essere fatto manualmente all effettiva necessità 28

29 Criticità sistemiche Variazioni Contesto esterno Esigenza nuova organizzazione Nuove logiche Mappatura processi Nuovi strumenti Matrice di responsabilità 3. MODELLO ORGANIZZATIVO E MATRICE DELLE RESPONSABILITA 29

30 Nuova organizzazione DTP Staff Legale e Negoziale Controllo DTP Staff Segreteria Asset management Pianificazione e Controllo A B C Controllo Produzione Sicurezza Materiali Tecnologici Materiali Armamento Logistica UM Diagnostica Mezzi d opera *** *** I Nuclei Mezzi d opera Territoriali (NMOT) operano alle dirette dipendenze della struttura Mezzi d Opera di Sede Centrale, mantenendo l attuale sede. Contr. Prod Circolazione (DCCM) Contr. Prod Infrastruttura (**CEI/ DOTE) Sicurezza Circolazione Sicurezza del Lavoro * SO nelle DTP: di MI-RM-BO-FI-NA ** escluso DTP AN - TS Nucleo SIGS Nucleo Sicurezza Ambientale e del Territorio Nucleo Formazione Ingegneria/ Tecnologie Unità Territoriale Produzione * Terminali e Servizi 30

31 Nuova organizzazione Ingegneria/Tecnologie Ingegneria e Tecnologie Staff Ingegneria Armamento e Opere Civili Tecnologie Manutenzione Tecnologica Armamento Patrimonio Espropri e Attraversamenti Progettazione Modifiche, Verifiche Impianti e attivazioni IS UM Attivatori IS e VQI UM TLC Specialisti TLC Costruzione Impianti Specialisti Dote, Telecom. Configurazioni. Opere Civili Fabbricati e Impianti Speciali Trazione Elettrica SSE LP MS Cantiere TE UM Ponti TLC 31

32 Nuova organizzazione UT Unità Territoriale Staff Segreteria Programmazione Controllo Staff Ingegneria Tecnico GL Cantiere Mecc Arm. Nucleo Controllo Processi Operativi (CPO) Impianto III LAV Impianto TE Impianto IS Impianto di Circolazione Specialista/i Cantieri Lavori Specialista Materiali Specialista O. d. A. Squadra Man. LAV 1 Squadra Man. LAV n Specialista/i Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Manutenzione TE1 Squadra Manutenzione TE2 Squadra Manutenzione TE3 Specialista/i Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Manutenzione IS1 Squadra Manutenzione IS2 Squadra Manutenzione IS3 DCO DM.. 32

33 Catena operativa Pianificazione e Controllo DTP UT Programmazione e Controllo IMPIANTO CPO Specialista Cantieri Specialista Materiali Squadra 33

34 Organizzazione squadre Impianto Responsabile CdL SIME SPECIALISTA CANTIERI SPECIALISTA MATERIUALI CT C S CT CT CS CT C S NUCLEO MANUTENTIVO DEL GIORNO N CS CAPO SQUADRA CT REFERENTE TERRITORIALE CAPO TECNICO 34

35 Nuova organizzazione - Strutture in focus DTP Asset Management Pianificazione e controllo Unità Territoriale Staff Segreteria Staff Ingegneria Tecnico GL Programmazione controllo Nucleo Controllo Processi Operativi (CPO) Impianti IS Impianti TE Impianti LV Specialista Cantieri Specialista Materiali Specialista Cantieri Specialista Materiali Specialista Cantieri Specialista Materiali 35

36 Asset Management Pianificazione e Controllo - DTP 1. Piano attività annuale della DTP 2. Controllo dello stato di realizzazione del piano 3. Monitoraggio e presidio obiettivi DTP 4. Attività di logistica lavori investimenti e manutenzione straordinari affidati in appalti 5. Efficienza, verifica sicurezza e manutenzione straordinaria mezzi d opera 36

37 Programmazione e Controllo - UT 1. Redazione programmi trimestrali e mensili 2. Emissione OdL e compilazione network 3. Logistica materiali attività MO e internalizzati per UT 4. Controllo consuntivazione attività programmate 37

38 Controllo Processo Operativi - UT 1. Verifiche di processo e di prodotto 2. Verifiche tecniche periodiche e visibilità segnali 3. Partecipazione audit, inchieste e accertamenti 4. Partecipazione processo formazione 38

39 Impianti - UT 1. Manutenzione e vigilanza impianti di giurisdizione 2. Utilizzazione personale, mezzi e materiali 3. Esecuzione attività programmate 4. Gestione del pronto intervento (uomini mezzi e materiali) 5. Sicurezza e igiene del lavoro 39

40 Specialisti Impianti Cantieri e Materiali 1. Organizzazione cantieri 2. Garantisce svolgimento dei briefing 3. Esecuzione in qualità del lavoro svolto 4. Consuntivazione attività di cantiere 5. Gestione materiali 6. Manutenzione attrezzature e mezzi d opera 7. Gestione tolto d opera 8. Gestione rifiuti Visite opere d arte 1. Esegue la visita alle opere d arte, alla sede e impianti civili 40

41 Capo Squadra 1. Esecuzione attività manutentiva assegnata 2. Corretto utilizzo mezzi e attrezzature 3. Preposto sicurezza del lavoro 4. Responsabile dello stato di presenza 41

42 COp 190 AS IS TO BE REI PPC UT Piano attività annuale della DTP PPC GOT Monitoraggio e presidio obiettivi DTP Coordinamento e controllo dell esercizio (CEI, DOTE) Logistica Attività di logistica lavori investimenti e manutenzione straordinari affidati in appalto Mezzi d'opera Efficienza, verifica sicurezza e manutenzione straordinaria mezzi d opera REI Redazione programmi trimestrali e mensili Emissione OdL e compilazione network Logistica Logistica materiali attività MO e internalizzati Controllo consuntivazione attività programmate e banca dati REI Verifiche di processo e di prodotto Verifiche tecniche periodiche e visibilità segnali Manutenzione e vigilanza impianti di giurisdizione Utilizzazione personale, mezzi e materiali Esecuzione attività programmate REI Gestione del pronto intervento (uomini mezzi e materiali) Sicurezza e igiene del lavoro REI Organizzazione cantieri Esecuzione in qualità del lavoro svolto Consuntivazione attività di cantiere REI Gestione materiali Impianto Manutenzione attrezzature e mezzi d opera Gestione tolto d opera Gestione rifiuti Visite Opere d'arte Esecuzione attività manutentiva assegnata Corretto utilizzo mezzi e attrezzature Preposto sicurezza del lavoro Responsabile dello stato di presenza Pianificazione e Controllo DTP Programmazione e Controllo UT Nucleo CPO Impianto Specialista Cantieri Specialista Logistica Specialista Opere d'arte Squadra 42

43 Matrice Responsabilità 43

44 Miglioramento continuo DTP UT IMP. Squadra CPO Pianificazione Programmazione Controllo Schedulazione Cantierizzazione Realizzazione 44

45 4. ESEMPIO DI APPLICAZIONE DEL MODELLO IN UNA DTP DTP BA 45

46 UT BARI - Giurisdizione Impianti e sede Squadre di Manutenzione IS e LAVORI IMPIANTI SEDE Tratte di giurisdizione Km Inizio Km Fine Tot. Km linea Tot. Km Binario Sede Squadre Man. Giovinazzo(e) - Bari c.le 630,19 648,62 18,43 36,86 Bari c.le (Indipendente) - Bari Lamasinata 0,00 4,00 4,00 4,00 IS LV BARI Bari c.le - Mola (i) 648,62 667,77 19,15 38,30 Bari P.Nord - Bari S.Andrea 0,00 2,97 2,97 2,97 Bari Gioa d. C. Gioia del Colle - Spinazzola (e) 139,29 55,97 83,32 83,32 Bari C.le - Bari S.Andrea - Gioia del Colle (i) 0,00 53,00 53,00 91,00 TOT. IS - LV 180,87 256,45 IS LV BRINDISI Mola (e) - Brindisi (e) 667,77 759,54 91,77 183,54 Brindisi - Lecce 759,54 797,90 38,36 76,72 Brindisi - Francavilla F. (i) 69,17 33,46 35,71 35,71 Fasano Brindisi Lecce TOT. IS - LV 165,84 295,97 Francavilla F. (e) - Taranto 33,46 0,00 33,46 33,46 IS LV TARANTO Taranto - Metaponto (e) 0,00 43,22 43,22 43,22 Taranto -Gioia d. Colle(e) 114,53 53,00 61,53 123,06 Taranto PM Cagioni - Bellavista 0,00 6,15 6,15 6,15 TOT. IS - LV 144,37 205,89 46

47 UT BARI - Giurisdizione Impianti e sede Squadre di Manutenzione TE IMPIANTI SEDE Tratte di giurisdizione Km Inizio Km Fine Tot. Km linea Tot. Km Binario Sede Squadre Man. Giovinazzo(e) - Bari c.le 630,19 648,62 18,43 36,86 Bari c.le (Indipendente) - Bari Lamasinata 0,00 4,00 4,00 4,00 TE BARI Bari c.le - Carovigno (e) 648,62 731,87 83,25 166,50 Bari P.Nord - Bari S.Andrea 0,00 2,97 2,97 2,97 Bari Gioa d. C. Fasano Bari C.le - Bari S.Andrea - Gioia del Colle (i) 0,00 53,00 53,00 91,00 TOT. TE 161,65 301,33 Carovigno (i) - Brindisi (e) 731,87 759,54 27,67 55,34 Brindisi - Lecce 759,54 797,90 38,36 76,72 TE TARANTO Brindisi - Francavilla F. (i) 69,17 33,46 35,71 35,71 Francavilla F. (e) - Taranto 33,46 0,00 33,46 33,46 Taranto - Metaponto (e) 0,00 43,22 43,22 43,22 Taranto Brindisi Lecce Taranto -Gioia d. Colle(e) 114,53 53,00 61,53 123,06 PM Cagioni - Bellavista 0,00 6,15 6,15 6,15 TOT. TE 246,10 373,66 47

48 Nuova organizzazione UT BARI Unita Territoriale BARI Staff Ingegneria Staff Segreteria Nucleo Controllo Processi Operativi (CPO) PC Tecnico G.L. Impianto di Circolazione Imp. IS Bari Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Bari Squadra Man IS2 Bari Squadra Man IS3 Gioia C. Imp. TE Bari Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man TE1 Bari Squadra Man TE2 Bari Squadra Man TE3 Gioia C. Squadra Man TE 4 Fasano Imp. LV Bari Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man LV1 Bari Squadra Man LV2 Bari Squadra Man LV3 Gioia C. Imp. IS Brindisi Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Fasano Squadra Man IS2 Brindisi Squadra Man IS3 Lecce Imp. TE Taranto Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man TE1 Taranto Squadra Man TE2 Taranto Squadra Man TE 3 Brindisi Squadra Man TE 4 Lecce Imp. LV Brindisi Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man LV1 Fasano Squadra Man LV2 Brindisi Squadra Man LV3 Lecce Imp. IS Taranto Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Taranto Squadra Man IS2 Taranto Imp. LV Taranto Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man LV1 Taranto Squadra Man LV2 Taranto 48

49 UT FOGGIA - Giurisdizione Impianti e sede Squadre di Manutenzione IS e LAVORI IMPIANTI SEDE Tratte di giurisdizione Km Inizio Km Fine Tot. Km linea Tot. Km Binario Sede Squadre Man. Montenero Petacciato (i) - Foggia 425,96 527,77 101,85 170,63 IS LV FOGGIA Foggia Trinitapoli (i) 527,77 578,26 50,49 100,98 Foggia PM Cervaro (i) 0,00 7,90 7,90 15,80 Termoli Foggia Foggia - Manfredonia 0,00 35,68 35,68 35,68 TOT. IS - LV 195,92 323,09 IS LV BARLETTA Trinitapoli (e) Giovinazzo (i) 578,26 630,19 51,93 103,86 Barletta Spinazzola (i) 0 65,68 65,68 65,68 Barletta TOT. IS - LV 117,61 169,54 IS LV POTENZA PM Cervaro (e) Potenza C.le 7,90 118,33 110,43 110,43 Potenza C.le Metaponto (i) 164,06 271,17 107,11 107,11 Rocchetta Spinazzola (e) 0,00 55,96 55,96 55,96 Rocchetta Potenza Metaponto TOT. IS - LV 273,50 273,50 49

50 UT BARI - Giurisdizione Impianti e sede Squadre di Manutenzione TE IMPIANTI SEDE Tratte di giurisdizione Km Inizio Km Fine Tot. Km linea Tot. Km Binario Sede Squadre Man. Montenero Petacciato (i) - Foggia 425,96 527,77 101,85 170,63 TE FOGGIA Foggia Giovinazzo (i) 527,77 630,19 102,42 204,84 Termoli Foggia Barletta Foggia PM Cervaro (i) 0,00 7,90 7,90 15,80 TOT. TE 212,17 391,27 TE POTENZA Potenza C.le Metaponto (i) 164,06 271,17 107,11 107,11 Potenza TOT. TE 107,11 107,11 50

51 Nuova organizzazione UT FOGGIA Staff Ingegneria Staff Segreteria Unita Territoriale Produzione Foggia Nucleo Controllo Processi Operativi (CPO) PC Tecnico G.L. Impianto di Circolazione Imp. IS Foggia Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Termoli Squadra Man IS2 Foggia 1 Squadra Man IS3 Foggia 2 Imp. TE Foggia Specialista Cantiere Lavoro Specialista Materiali Squadra Man TE1 Termoli Squadra Man TE2 Foggia Squadra Man TE 3 Barletta Imp. LV Foggia Specialista Cantiere Lavoro Specialista Materiali Squadra Man LV1 Termoli Squadra Man LV2 Foggia 1 Squadra Man LV3 Foggia 2 Imp. IS Barletta Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Barletta 1 Squadra Man IS2 Barletta 2 Imp. TE Potenza Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man TE1 Potenza Imp. LV Barletta Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man LV1 Barletta 1 Squadra Man LV2 Barletta 2 Imp. IS Potenza Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man IS1 Potenza Squadra Man IS2 Metaponto Squadra Man IS3 Rocchetta Imp. LV Potenza Specialista Cantieri Lavori Specialista Materiali Squadra Man LV1 Potenza Squadra Man LV2 Metaponto Squadra Man LV3 Rocchetta 51

52 DTP BARI - Ubicazione Sedi Impianti e Squadre di Manutenzione IS 1 Settore IS IS 2 IS 3 IS 1 IS 2 IS 1 IS 2 UT Bari Impianto Bari Impianto Brindisi UT Foggia IS 1 Impianto Taranto Impianto Foggia Impianto Barletta Impianto Potenza IS 3 IS 3 IS 2 IS 1 Sede Impianto Sede Sq. Man. IS 2 IS 1 IS 2 IS 3 52

53 DTP BARI - Ubicazione Sedi Impianti e Squadre di Manutenzione LV 1 Settore LAVORI LV 2 LV 3 LV 1 LV 2 LV1 LV 2 UT Bari Impianto Bari Impianto Brindisi UT Foggia LV 1 Impianto Taranto Impianto Foggia Impianto Barletta Impianto Potenza LV 3 IS 3 LV 2 LV 1 LV 3 Sede Impianto Sede Sq. Man. LV 2 LV 1 LV 2 53

54 DTP BARI - Ubicazione Sedi Impianti e Squadre di Manutenzione TE 1 Settore TE TE 2 UT Bari UT Foggia TE 3 TE 1 TE 2 Impianto Bari Impianto Taranto Impianto Foggia TE 4 Impianto Potenza TE 3 TE 3 TE 1 Sede Impianto Sede Sq. Man. TE 1 TE 2 TE 4 54

55 5. FOCUS CANTIERI MECCANIZZATI, MEZZI E OFFICINE 55

56 Cantieri Meccanizzati Produzione dei Cantieri, servizi di Diagnostica e servizi Mezzi d opera. Diagnostica.% Produzione % Cantieri Meccanizzati Servizi Mezzi d opera % Ore per attività non manutentive % 56

57 Standard Cantieri Livellamento Livellamento Livellamento 57

58 S.O. Servizi per i Rotabili e la Diagnostica sui processi della manutenzione La Diagnostica Mobile Locomotive Mezzi d Opera Dati Certificati Disponibilità Dei Materiali Disponibilità dei Mezzi Mantenimento in Efficienza dei Mezzi ONAAE Intervento Manutentivo ONMO Catanzaro 58

59 La Flotta dei Mezzi d Opera di RFI Classe Numero Mezzi Età media AUTOCARRELLO AUTOCARRELLO SGOMBRANEVE 6 21 AUTOSCALA CARICATORE IDRAULICO STRADA ROTAIA CARRELLO CON FRESA DECESPUGLIANTE CARRELLO ISPEZIONE PONTI 3 27 CARRELLO RILIEVI GEOMETRICI GRU VARO TRAVI 9 30 PROFILATRICE RIMORCHIO RINCALZATRICE SCALA MOTORIZZATA STABILIZZATRICE/COMPATTATRICE 5 14 SVOLGIBOBINE Totale complessivo

60 La Flotta Diagnostica Centrale e Territoriale TALETE ALDEBARAN 60

61 ONAAE - ATTIVITA ONA Costruzione apparecchi del binario Deviatoi semplici e doppi per linee convenzionali Particolari di ricambio per deviatoi Gruppi di comunicazione complessi per grandi stazioni Giunzioni incollate isolanti Dispositivi speciali (fermascambi meccanici, paraurti, dispositivi di dilatazione del binario, dispositivi per ponti mobili navitraghetto ) ONAE Costruzione, riparazione e revisione di apparecchiature IS Costruzione, riparazione e Verifiche di mezzi d opera Taratura strumenti di misura meccanici ed elettrici Riclassamento e riparazione SSEM Costruzione box alimentatori Manutenzione interruttori AT Revisione interruttori extrarapidi Gestione operativa Magazzino Nazionale 61

62 ONAAE - Internalizzazioni 2014/2018 Internalizzazioni possibili ONAE: Costruzione SSEM kvca Costruzione box alimentatori a celle Manutenzione sistemi di manovra oleodinamici per AV Unità di Configurazione SCMT e ACC Progettazione garitte blocco automatico Centro di addestramento CND conforme ISO

Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture

Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Incontro con le OO.SS. Nazionali Riorganizzazione della Manutenzione Infrastrutture Roma, 21 Gennaio 2014 Compiti degli specialisti Cantieri Lavori Impianti IS-TE-LV 2 Attività specialista cantieri lavori

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE

METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE METODOLOGIE DI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE FERROVIARIE Ing. Massimo Iorani Responsabile SO Opere Civili di Ingegneria di Manutenzione - Direzione Manutenzione Genova, 25 ottobre 2007 Indice Consistenza

Dettagli

Piano d Impresa 2016 2020

Piano d Impresa 2016 2020 Piano d Impresa 2016 2020 Focus sul processo di Internalizzazione Ing. 1 La Direzione Produzione nel Piano d Impresa di RFI Obiettivi Strategici Internalizzazione Vendita Servizio di Diagnostica Efficientamento

Dettagli

Roma, 30 marzo 2011. Presentazione risultati attività formative PdF 2010 DPR DTP Sicurezza Lavoro

Roma, 30 marzo 2011. Presentazione risultati attività formative PdF 2010 DPR DTP Sicurezza Lavoro Roma, 30 marzo 2011 Presentazione risultati attività formative PdF 2010 DPR DTP Sicurezza Lavoro Report PdF 2010 DTP DPR: sintesi Si tratta di formazione formale, effettuata secondo percorsi di formazione

Dettagli

Roma, 17 ottobre 2012

Roma, 17 ottobre 2012 Incontro con le OO.SS. Nazionali Roma, 17 ottobre 2012 Direzione Commerciale Esercizio Rete Riorganizzazione delle Direttrici Prosecuzione del percorso relazionale avviato il 10.10.2012 1 DIRETTRICI -

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO SCHEDE TECNICHE Scheda Rev. Emissione Titolo Progettazione e realizzazione di ACEI del tipo: a) con LIS-001 4 maggio

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni

Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni Roma, 11 dicembre 2008 Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni Presentato alle OOSS Nazionali Sicurezza dei cantieri Criticità - Azioni Applicazione dell Istruzione per la

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi agli impianti di segnalamento Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LIS-001 3 LIS-002 3 Progettazione e realizzazione

Dettagli

LA NORMATIVA ECM. (in Italia il D.Lgs. 43/11 crea ufficialmente al figura del Responsabile della Manutenzione Certificato)

LA NORMATIVA ECM. (in Italia il D.Lgs. 43/11 crea ufficialmente al figura del Responsabile della Manutenzione Certificato) LA NORMATIVA ECM Nel Maggio 2011 la Commissione Europea ha emesso il Regolamento (EU) N 445/2011 che definisce le Linee guida e le specifiche per l implementazione di un Sistema di Gestione della Manutenzione

Dettagli

Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A.

Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A. Integrazione del telecontrollo con un sistema di supporto alle decisioni: l esperienza gestionale di Gaia S.p.A. Francesco Di Martino, Claudia D Eliso, Michele Bini, Gianni Fucci Francesco Di Martino:

Dettagli

Sicurezza comportamentale in RFI

Sicurezza comportamentale in RFI Roma, 11 dicembre 2008 Sicurezza comportamentale in RFI Presentato alle OO.SS. Behavior Based Safety La Behavior Based Sefety, conosciuta anche come Sicurezza Comportamentale, è un nuovo approccio ai problemi

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana "

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 Rete Ferroviaria Italiana Direzione Personale e Organizzazione l Amministratore Delegato Il Direttore DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 69/DPO del 25 feb. 2010 "Rete Ferroviaria Italiana " Direzione Produzione Alle dirette dipendenze

Dettagli

Consuntivi - obiettivi ed iniziative di salute e sicurezza in RFI

Consuntivi - obiettivi ed iniziative di salute e sicurezza in RFI Roma, 31 marzo 2011 Consuntivi - obiettivi ed iniziative di salute e sicurezza in RFI Incontro con le OOSS Nazionali Progetti per la sicurezza - Indice Progetto Focus Infortuni SVR - Software di valutazione

Dettagli

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO

MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 25/02/2011 Pag. 1 di 6 MONITORAGGIO E MISURAZIONE DEL PRODOTTO 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico

PIANO DI MANUTENZIONE IMPIANTI FOTOVOLTAICI. Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PINO DI MNUTENZIONE IMPINTI FOTOVOLTICI Installazione di un impianto fotovoltaico da 1,2 kwp su un Istituto Scolastico PREMESS Il presente elaborato ha lo scopo di pianificare e programmare l attività

Dettagli

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP

Servizi Postali. Funzione Impianti CMP 1 Consegnato OO.SS. 20 maggio 2013 Funzione Impianti CMP Funzione Impianti nei CMP: contesto 2 Il contesto ci chiede di confrontarci giornalmente con una riduzione dei volumi e una richiesta sempre maggiore

Dettagli

Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione.

Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione. Prometeo, la manutenzione a portata di mano. Come tenere sotto controllo tempi e costi. Casi reali e dimostrazione. MCM Mostra Convegno della Manutenzione Industriale 27 Ottobre 2015 ore 11:25 Aula C Massimiliano

Dettagli

Mantenere le Infrastrutture e le Attrezzature

Mantenere le Infrastrutture e le Attrezzature Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Mantenere e migliorare l efficienza e la sicurezza delle

Dettagli

manuale utente per Viabizzuno online

manuale utente per Viabizzuno online manuale utente per Viabizzuno online nuova piattaforma di e-business Viabizzuno il primo approccio con il nuovo sistema è la pagina di autenticazione. già qui appare la prima novità, ovvero il recupero

Dettagli

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo

Schede Tecniche. Rev. Emissione Titolo SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI PER L EMERGENZA NELLE GALLERIE FERROVIARIE ATTIVATE ALL ESERCIZIO Schede Tecniche Categoria di Spec.

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA

PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA PROCEDURA S.S.D. INGEGNERIA CLINICA Rev 2 del 01.07.2010 UNI EN ISO 9001: 2008 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 01.07.2010 Dr. Ing. C. Dr. Ing. C. Dr.ssa M.G. Colombo

Dettagli

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza

Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Roma, 16 aprile 2013 Alta Formazione, Formazione al Ruolo, Tecnico-Specialistica e sulla Sicurezza Piano Formativo Aziendale Multiregionale ID 83584 a valere sul conto formazione Fondimpresa Fondo interprofessionale

Dettagli

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION

PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PASSAGGIO ALLA ISO 9000:2000 LA GESTIONE DELLE PICCOLE AZIENDE IN OTTICA VISION PIETRO REMONTI 1 2 APPROCCIO BASATO SUI PROCESSI UN RISULTATO DESIDERATO È OTTENUTO IN MODO PIÙ EFFICACE SE RISORSE E ATTIVITÀ

Dettagli

RIF. NORMA UNI EN ISO

RIF. NORMA UNI EN ISO pag. 1 di 13 RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 Revisione n 01 Data 01-09-2012 pag. 2 di 13 AMBITO DI APPLICAZIONE DEL SGQ E APPROVAZIONI Il presente Manuale descrive il Sistema di Gestione per la Qualità

Dettagli

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA

GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA Documento Sistema di Gestione Qualità ISO 9001:2000 Area Settore/ Servizio Processo Rev. Data STA EDP P01 02 Novembre 10 GESTIONE DELLA RETE INFORMATICA TIPO DI PROCEDURA: di supporto AREA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente.

Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente. SERVIZI DI SUPERVISIONE ALL ESECUZIONE DELLE OPERE CIVILI Istruzione: Diploma Geometra o equipollente, Laurea in Ingegneria civile o equipollente. Conoscenza di MS Windows, MS Office (Word, Excel) capacità

Dettagli

GESTIONE DELLA PRODUZIONE

GESTIONE DELLA PRODUZIONE 25/02/2011 Pag. 1 di 5 GESTIONE DELLA PRODUZIONE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5. DEFINIZIONI...

Dettagli

Soluzione CRM per Professionisti

Soluzione CRM per Professionisti Soluzione CRM per Professionisti by DAL CONTROLLO DI GESTIONE AL CRM INDICE INTRODUZIONE PANORAMICA FUNZIONALITÀ INFORMAZIONI TECNICHE INTRODUZIONE StudioPlan consente al professionista di avere sempre

Dettagli

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA

INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA INTRODUZIONE AL MANUALE DELLA QUALITA Elaborazione Verifica Approvazione Il Responsabile Qualità Il Rappresentante della Direzione Il Dirigente Scolastico (.. ) (. ) ( ) Data Data Data Rev Causale (emis./revis.)

Dettagli

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili

Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo. SoftRail Sistema integrato per rotabili Voi sapete cosa vi serve, noi sappiamo come farlo SoftRail Sistema integrato per rotabili SoftRail è il sistema più completo per la gestione dei rotabili. Questi software integrati sono stati sviluppati

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti

Firenze 28.11.2013. A. Colzani - L. Rota. 01/12/2013 Servizio Acquisti Valutazione dei Rischi per la modifica e l installazione di un nuovo azionamento elettrico per le porte di salita in conformità alla EN 14752. Esempio di applicazione su automotrici ALN668 circolanti su

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PROGETTO ESECUTIVO PROVINCIA DI AREZZO Piano Regionale Agricolo Forestale (PRAF 2012/2015) - Fondi 2015- Misura A.2.11 azione a Realizzazione di interventi finalizzati alla valorizzazione delle risorse superficiali ed al

Dettagli

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana

Il controllo delle performances manutentive nella Rete Ferroviaria Italiana Associazione Italiana di Manutenzione XX Congresso Nazionale Strumenti e Partners per una Manutenzione di Eccellenza Bologna, 20-21 Febbraio 2003 Il controllo delle performances manutentive nella Rete

Dettagli

La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION

La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION La gestione dei protocolli di legalità con la soluzione NFC - ACTION CONSTRUCTION AND BUILDINGS SOLUTIONS is a product 1 Protocollo di legalità - Definizione Il Protocollo di Legalità è un atto sottoscritto

Dettagli

Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione.

Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione. Costi e Tempi della Manutenzione sotto controllo? La soluzione è il software PrometeoManutenzione. Casi reali e dimostrazione. MCM Mostra Convegno della Manutenzione Industriale 29 Ottobre 2013 ore 10.25

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate;

UNI EN ISO 9001 (Sistemi per la Gestione della Qualità) e sono implementabili per gestire in modo analogo anche le altre norme collegate; PrometeoQualità è un software applicativo progettato e realizzato per la gestione del sistema Qualità aziendale. Il software è articolato in moduli indipendenti ma collegati fra loro, eccezionali per funzionalità,

Dettagli

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova

provincia di mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova L'esperienza e gli sviluppi della Colonna Mobile Provinciale in provincia di Mantova Modelli di intervento della C.M.P. C.M.P. interventi di tipo P interventi di tipo R e N Modello di intervento provinciale

Dettagli

Revisione 00 Data revisione: 17/11/2010 ISO 14001:2004. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni

Revisione 00 Data revisione: 17/11/2010 ISO 14001:2004. Emissione RSGA Prima Approvazione DIR GIUNTA. Approvazione revisioni Emissione QUALIFICA NOME RUOLO FIRMA RSGA ARCH. ALDO BLANDINO Prima Approvazione DIR GIUNTA Approvazione revisioni RD DOTT. GIORGIO GUGLIELMO REVISIONI DATA REV. DESCRIZIONE MODIFICHE 17/11/2010 00 PRIMA

Dettagli

LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO

LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO LOGISTICA SU PALMARE GESTIONE DINAMICA DEL MAGAZZINO > > Dall antichità fino al 20 secolo, la logistica costituiva una prerogativa esclusivamente militare; essa rappresentava quel particolare ramo dell'arte

Dettagli

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

PROCEDURA DI SISTEMA GESTIONE E ORGANIZZAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE Pagina 1 di 7 INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. RESPONSABILITA 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ 5. INDICATORI DI PROCESSO 6. RIFERIMENTI 7. ARCHIVIAZIONI 8. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI 9. ALLEGATI

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori.

ORGANIGRAMMA. STAFF ASP VALLONI allegato a delibera Cda n. 19 del 06.07.2012. Assemblea dei Soci. Collegio dei Revisori. ORGANIGRAMMA Collegio dei Revisori Assemblea dei Soci Cda - Presidenza Direzione Generale Amministrazione, Finanza e Controllo di Gestione Risorse Umane, Organizzazione e Qualità Appalti e Forniture Sistemi

Dettagli

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI

GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI NORME CEI 0-10 GUIDA ALLA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI La guida contiene le indicazioni relative alla manutenzione degli impianti elettrici di bassa tensione allo scopo di favorire il mantenimento

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILI GRUPPO DI AUDIT DI BUONE PRASSI IGIENICHE E PROCEDURE BASATE SU HACCP Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH55 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO CHECK LIST ANALISI INIZIALE ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DELLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO QUESITO RISCONTRO* Documentazione di P N NA riscontro 1. ANALISI INIZIALE Il DVR /autocertificazione e gli allegati

Dettagli

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA

CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA Bologna, 12/05/2011 CIRCOLARE 044 / 2011 AREA SICUREZZA VERIFICA ATTREZZATURE DI LAVORO La pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del D.M. 11/04/2011 fornisce ai Datori di Lavoro alcuni chiarimenti su

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA

CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA CAPITOLATO SPECIALE SCHEDA ASSISTENZA TECNICA OGGETTO: PROCEDURA APERTA N. 58/2014 PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E POSA IN OPERA DI UNA TAC DUAL ENERGY PRESSO L ISTITUTO ORTOPEDICO RIZZOLI DI BOLOGNA

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

NFC MORE. La nuova frontiera dell'identificazione automatica

NFC MORE. La nuova frontiera dell'identificazione automatica NFC MORE La nuova frontiera dell'identificazione automatica SISTEMA INTEGRATO PER IL MONITORAGGIO DELLE ATTIVITÀ OPERATIVE DEL PERSONALE IN MOVIMENTO COS E? Smart Control - NFC è un sistema integrato di

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Prot. n. 15713 Titolo IX Classe 3 Fascicolo 31-2013 Allegati 1 Ai Direttori di struttura Ai Dirigenti Ai Segretari Amministrativi di dipartimento Agli Addetti Locali alla Sicurezza Pavia, 23/04/2013 p.c.

Dettagli

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL)

Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL) D.L. 78/2010, prevede l'attribuzione all'inail delle funzioni già svolte Dipartimento Tecnologie di Sicurezza (ex ISPESL) D.lgs 81/2008 Controlli e verifiche delle attrezzature di lavoro Carrelli semoventi

Dettagli

RILEVAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE IN AMBITO TESSILE

RILEVAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE IN AMBITO TESSILE RILEVAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE IN AMBITO TESSILE Lavorare in una tessitura al giorno d oggi pone varie problematiche che riguardano il controllo dell andamento della produzione: I telai

Dettagli

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa.

La Marcatura CE apposta, dovrà poi indicare la conformità all uso previsto così come specificato nelle varie opzioni della norma stessa. Spett.le c.a. Via, Oggetto: Preventivo implementazione Sistema Gestione Uni EN 1090 integrato con Sistema Gestione Qualità UNI EN ISO 9001:2008 e con il disposto della ISO 3834 (necessario per chi opera

Dettagli

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO

1. DISTRIBUZIONE Direzione, RSPP, RLS, preposti 2. SCOPO Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Monitoraggio salute e del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE, RSPP,

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale

Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Sviluppare una Manutenzione di eccellenza attraverso l integrazione con Produzione, Sistemi informativi, Acquisti e Contabilità Industriale Assago, 18 Giugno 2013 AGENDA Presentazione azienda Premessa

Dettagli

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A.

ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. ORDINE DI SERVIZIO ORGANIZZATIVO n. 429/AD del 11 mar 2005 Trenitalia S.p.A. La struttura organizzativa DIREZIONE MANUTENZIONE E LOGISTICA, la cui titolarità è confermata ad interim all ing. Roberto TESTORE,

Dettagli

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione

All. 03 alla Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di7. Direzione Pag. 1 di7 Direzione La DIR è l Amministratore Unico. Nell'applicazione delle politiche aziendali il DIR agisce con criteri imprenditoriali e manageriali, partecipando attivamente alle decisioni del vertice,

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI

MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI MODULO PER LA GESTIONE DEI RESI Clienti, prodotti, categorie merceologiche e stabilimenti di produzione. Difetti, tipologia difetti, test ed esiti finali di verifica. Raggruppamento dei test loro in schede

Dettagli

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di:

Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: 22-12-2009 1 Attività indipendente di valutazione e verifica delle operazioni che si identifica nelle funzioni di indagine di: affidabilità dei processi elaborativi qualità delle informazioni prodotte

Dettagli

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE

MANUALE QUALITÀ - PROCEDURE 1 10/10/2010 1 5 INDICE.1 SCOPO.2 GENERALITÀ.3 MODALITÀ OPERATIVE.4 RESPONSABILITÀ.5 DOCUMENTAZIONE DI RIFERIMENTO.6 DISTRIBUZIONE Preparato da Sergio Pischiottin Approvato da Direzione Alessandro Infanti

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ DI

MANUALE DELLA QUALITÀ DI MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 13 MANUALE DELLA QUALITÀ DI Copia master Copia in emissione controllata (il destinatario di questo documento ha l obbligo di conservarlo e di restituirlo, su richiesta della

Dettagli

Allegato 5. Definizione delle procedure operative

Allegato 5. Definizione delle procedure operative Allegato 5 Definizione delle procedure operative 1 Procedura di controllo degli accessi Procedura Descrizione sintetica Politiche di sicurezza di riferimento Descrizione Ruoli e Competenze Ruolo Responsabili

Dettagli

Libretto verifiche e controlli per

Libretto verifiche e controlli per Libretto verifiche e controlli per Gru a torre n fabbrica matricola ISPESL Eseguendo le verifiche e i controlli è necessario osservare quanto segue: - le norme di legge italiane e comunitarie, - le norme

Dettagli

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011 Abilitazioni del personale per la Circolazione dei Mezzi d opera utilizzati, esclusivamente in interruzione, per la costruzione e la manutenzione dell Infrastruttura Ferroviaria Nazionale Incontro con

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva

Dettagli

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento

P03 - GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI DEGLI AUDIT INTERNI DATA DI APPROVAZIONE REVISIONE. 00 Emissione del documento Pagina 1 di 6 PROCEDURA DI GESTIONE DEGLI AUDIT INTERNI (APPROVATA DAL PQA) REDAZIONE VERIFICA APPROVAZIONE INDICE DI CAPITOLO/PARAGRAFO DATA DI APPROVAZIONE MOTIVO DELLA REVISIONE REVISIONE MODIFICATO

Dettagli

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica

ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI RINNOVO PERIODICO DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO. Natale Nozzanica ASSEVERAZIONE IMPIANTI FISSI ANTINCENDIO IN FASE DI DELLA CONFORMITA ANTINCENDIO Natale Nozzanica Milano, 17 novembre 2015 NELLA FASE DI DELL AUTORIZZAZIONE ALL ESERCIZIO, IL PROFESSIONISTA ANTINCENDIO

Dettagli

BEAM Building Enterprise Asset Management

BEAM Building Enterprise Asset Management BEAM Building Enterprise Asset Management Soluzione per la gestione integrata di Immobili, Impianti Tecnologici, Sicurezza (Antincendio, PED, ecc.), Responsabilità LE ESIGENZE Conoscenza delle proprietà

Dettagli

Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. TECHNE S.r.l. via degli orti, 2 Marsciano (PG)

Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. TECHNE S.r.l. via degli orti, 2 Marsciano (PG) Techne s.r.l. società di servizi per lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. LA SOCIETA Techne è una società di servizi che nasce per favorire lo sviluppo di energia da fonti rinnovabili. Techne,

Dettagli

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico

I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dipartimenti Territoriali e Centri di Ricerca I controlli e le verifiche degli apparecchi di sollevamento secondo il Testo Unico Dott. Ing. Amalia Nuzzo Bari, 23 Ottobre 2009 CONVEGNO La sicurezza delle

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI ALL ARMAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione Articolo 2 Documentazione correlata e modelli

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana l Amministratore Delegato DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana La presente Disposizione Organizzativa modifica il modello organizzativo di Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

HyperFabbricati SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE MANUTENTIVA DEI PATRIMONI IMMOBILIARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. Bologna, 23/03/2015

HyperFabbricati SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE MANUTENTIVA DEI PATRIMONI IMMOBILIARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA. Bologna, 23/03/2015 HyperFabbricati SISTEMA INFORMATIVO PER LA GESTIONE MANUTENTIVA DEI PATRIMONI IMMOBILIARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Bologna, 23/03/2015 Campo di applicazione Coopolis ha sviluppato ed implementato

Dettagli

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI

LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI SERVIZI Sage Sistemi Srl Treviglio (BG) 24047 Via Caravaggio, 47 Tel. 0363 302828 Fax. 0363 305763 e-mail sage@sagesistemi.it portale web LA SOLUZIONE INNOVATIVA PER GESTIRE LA TUA FLOTTA E PER ORGANIZZARE I TUOI

Dettagli

MANUALE D USO MANUALE D USO

MANUALE D USO MANUALE D USO MANUALE D USO MANUALE D USO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 COMPONENTE WEB 4SALES... 5 2.1 LOGIN UTENTE AMMINISTRATORE... 5 2.2.1 HOME PAGE FUNZIONALITA DI GESTIONE... 6 2.2.2 CLIENTI... 7 2.2.3 PIANO VISITE...

Dettagli

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico

Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Libretto istruzioni per l uso e la manutenzione dell impianto elettrico Ai sensi dell art. 8, comma 2, del DM 22 gennaio 2008, N. 37 AD INTEGRAZIONE DELLE DOCUMENTAZIONI D IMPIANTO ESISTENTI - rif:...

Dettagli

IRIS International Railway Industry Standard

IRIS International Railway Industry Standard Italiano Appendice, 19 Giugno 2008 IRIS International Railway Industry Standard Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner Text stehen Hier kann ein kleiner

Dettagli

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente

Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Le modalità di verifica e controllo degli apparecchi di sollevamento secondo la normativa tecnica vigente Dott.ing. Roberto Cianotti Presidente Commissione UNI Apparecchi di sollevamento Bologna - Ambiente

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Standard Nazionale di Comunicazione Mercato Gas

Standard Nazionale di Comunicazione Mercato Gas Standard Nazionale di Comunicazione Mercato Gas Istruzioni per l uso del modulo di comunicazione DGCOMM 1 CONFIGURAZIONE LOCALE Nel PC che il Venditore utilizzerà per connettersi, dovrà essere preventivamente

Dettagli

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl

MANUALE UTENTE. P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Ispettorato Generale di Finanza MANUALE UTENTE P.I.S.A. Progetto Informatico Sindaci Asl Versione 1.0 INDICE

Dettagli