OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA"

Transcript

1 capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE ERA UNA MERCE, ORA E CARTACEA. QUESTO PONE PARTICOLARI PROBLEMI DI FIDUCIA FUNZIONI DELLA MONETA MEZZO DI PAGAMENTO O INTERMEDIARIO DEGLI SCAMBI UNITA DI CONTO RISERVA DI VALORI INTERMEDIARI FINANZIARI SE I CENTRI DI RISPARMIO NON COINCIDONO COMPLETAMENTE CON I CENTRI DI INVESTIMENTO SORGE IL PROBLEMA DI FAR AFFLUIRE LE RISORSE IN POSSESSO DEI RISPARMIATORI VERSO COLORO CHE VOGLIONO EFFETTUARE INVESTIMENTI. QUESTO PUO AVVENIRE IN DUE MODI: o CREDITI DIRETTI CONCESSI DAI RISPARMIATORI AGLI INVESTITORI (ESEMPIO TITOLI EMESSI DALLE IMPRESE E SOTTOSCRITTI DALLE FAMIGLIE) o CREDITI INDIRETTI EMESSI DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI (CHE IN QUESTO MODO OTTENGONO LE RISORSE DEI RISPARMIATORI E POI LE VOLGONO IN VARIO MODO A FAVORE DEGLI INVESTITORI)

2 capitolo 12-2 GLI I.F. CONSENTONO DI ABBASSARE IL COSTO DEL CREDITO (EFFICIENZA) PERCHE : o VI SONO ECONOMIE DI SCALA E DI VARIETA NELL ATTIVITA DI ACQUISIZIONE DELLE RISORSE DEI RISPARMIATORI o POSSONO TRASFORMARE QUALITATIVAMENTE IL CREDITO (AD ESEMPIO POSSONO PRESTARE A SCADENZE PIU LUNGHE RISPETTO A QUELLE CONCESSE AI RISPARMIATORI) o REALIZZANO LA DIVERSIFICAZIONE DEL RISCHIO (IL SINGOLO RISPARMIATORE DIFFICILMENTE POTREBBE REALIZZARLA PER LA LIMITATEZZA DELLE SUE RISORSE) I CREDITI DIRETTI E INDIRETTI PRESENTI IN UNA CERTA ECONOMIA COSTITUISCONO L INSIEME DELLE SUE PASSIVITA FINANZIARIE (NECESSARIAMENTE UGUALI ALLE ATTIVITA FINANZIARIE IN UN ECONOMIA CHIUSA: PER OGNI DEBITORE DEVE ESSERVI UN CREDITORE). LA STRUTTURA FINANZIARIA E L INSIEME DEGLI I.F., DELLE ATTIVITA (O PASSIVITA ) FINANZIARIE, DEI RELATIVI MERCATI. GLI INTERMEDIARI FINANZIARI POSSONO ESSERE SPECIALIZZATI PER IL TIPO DI ATTIVITA ECONOMICA DEI BENEFICIARI DEI PRESTITI, PER LA DURATA DEI FINANZIAMENTI CONCESSI, PER LA FORMA DI CREDITO CONCESSA. RISPETTO ALLE SCADENZE: BANCHE DI TIPO INGLESE (SEPARAZIONE TRA BREVE E LUNGO TERMINE) OPPURE DI TIPO TEDESCO O UNIVERSALE (NESSUNA SEPARAZIONE TRA BREVE E LUNGO TERMINE). IN ITALIA DOPO LA CRISI DEGLI ANNI TRENTA ERA STATO SCELTO IL MODELLO INGLESE. DAL 1993 CI SI E MOSSI NUOVAMENTE VERSO IL SISTEMA TEDESCO (PERMETTENDO ANCHE LA PARTECIPAZIONE DELLE BANCHE NEL CAPITALE DELLE IMPRESE)

3 capitolo 12-3 LA MONETA E GLI INTERMEDIARI FINANZIARI DUE TIPI DI MONETA CREATI DA DUE TIPI DI INTERMEDIARI FINANZIARI o MONETA LEGALE o MONETA BANCARIA (DEPOSITI BANCARI) LA MONETA LEGALE COSTITUISCE PASSIVITA DELLA BANCA CENTRALE. HA CORSO FORZOSO. LA MONETA BANCARIA E UNA PASSIVITA DELLE BANCHE ORDINARIE. IN QUESTO CASO E CRUCIALE L ASPETTO FIDUCIARIO. ESISTONO ALTRI STRUMENTI FINANZIARI CHE POSSONO ESSERE CONSIDERATI MONETA PER LA LORO LIQUIDITA : o PRONTI CONTRO TERMINE o CERTIFICATI DI DEPOSITO o ACCETTAZIONI BANCARIE LA VARIETA DI STRUMENTI FINANZIARI CONDUCE A VARI TIPI DI MONETA o M1= CIRCOLANTE E DEPOSITI BANCARI A VISTA o M2= M1+DEPOSITI A SCADENZA (MAX 2 ANNI, MAX 3 MESI PREAVVISO) o M3=M2+ OPERAZIONI P/T+QUOTE DEI FONDI DI INVESTIMENTO MONETARI E TITOLI DI DEBITO DI ISTITUZIONI FINANZIARIE MONETARIE FINO A 2 ANNI LA BASE MONETARIA GLI ISTITUTI DI EMISSIONE HANNO COMPITI PECULIARI: PRESTATORI DI ULTIMA ISTANZA VIGILANZA SUL SISTEMA CREDITIZIO ESSI CREANO, INOLTRE, BASE MONETARIA

4 capitolo 12-4 LA BASE MONETARIA O MONETA AD ALTO POTENZIALE COMPRENDE TUTTE LE PASSIVITA A VISTA EMESSE DALLE AUTORITA MONETARIE NONCHE QUELLE PRONTAMENTE TRASFORMABILI IN ESSE. PRIMA DELL UME, LA BASE MONETARIA IN ITALIA COMPRENDEVA: BIGLIETTI E MONETE DELLA BANCA D ITALIA E DEL TESORO DEPOSITI PRESSO LA BANCA D ITALIA DEL SETTORE NON STATALE E DELLE AZIENDE DI CREDITO CON L UME, LA BASE MONETARIA PUO ESSERE IDENTIFICATA CON : CIRCOLANTE RISERVA PRESSO LA BCE DEPOSITI CHE POSSONO ESSERE COSTITUITI DALLE BANCHE PRESSO LA BCE LA BASE MONETARIA E TENUTA DALLE BANCHE (RISERVE) E DAL PUBBLICO. I CANALI DI CREAZIONE DELLA BASE MONETARIA ESTERO CREAZIONE O DISTRUZIONE DI RISERVE VALUTARIE TESORO IL TESORO PUO EMETTERE MONETA E LA BC PUO CONCEDERGLI CREDITO PER FINANZIARE DEFICIT (ES. ACQUISTO TITOLI PUBBLICI SUL MERCATO PRIMARIO) OPERAZIONI DI MERCATO APERTO ACQUISTO O VENDITA DI TITOLI PUBBLICI SUL MERCATO SECONDARIO OPERAZIONI CON LE BANCHE FINANZIAMENTO DELLE BANCHE, CREDITO DI ULTIMA ISTANZA. OPERAZIONI DI RISCONTO O DI ANTICIPAZIONE, AL TASSO UFFICIALE DI SCONTO.

5 capitolo 12-5 LE BANCHE E IL MOLTIPLICATORE DEI DEPOSITI LA QUANTITA DI MONETA BANCARIA (DEPOSITI) E LEGATA ALLA BASE MONETARIA. LO DIMOSTRIAMO SULLA BASE DELLE SEGUENTI IPOTESI: IL PUBBLICO DESIDERA TENERE COME CIRCOLANTE (BASE MONETARIA) UNA CERTA FRAZIONE h DEI DEPOSITI BMP = h * D LE BANCHE TENGONO COME RISERVE (LIBERE O OBBLIGATORIE) UNA CERTA FRAZIONE j DEI DEPOSITI BMB = j * D LA BASE MONETARIA PUO ESSERE TENUTA DAL PUBBLICO O DALLE BANCHE BM = BMP + BMB QUINDI, PER SOSTITUZIONE: BM = hd+jd= D (h+j) D = ( 1 h+ j) BM I DEPOSITI SONO UN MULTIPLO (H+J<1, IN GENERALE) DELLA BASE MONETARIA. 1/(h+j) RAPPRESENTA IL MOLTIPLICATORE DEI DEPOSITI. LA QUANTITA COMPLESSIVA DI MONETA PUO ESSERE POSTA IN RELAZIONE ALLA BASE MONETARIA: L s = BMP +D ( ) L s = hd+ D =D 1+h

6 capitolo 12-6 ( ) ( ) BM L = 1+h s 1+ j IL TERMINE CHE MOLTIPLICA BM RAPPRESENTA IL MOLTIPLICATORE DELLA MONETA. CONTROLLANDO BM E j LE AUTORITA MONETARIE CONTROLLANO LA MONETA COMPLESSIVA. IL COEFFICIENTE h (ED ANCHE j PER LA PARTE CHE RIGUARDA LE RISERVE LIBERE) QUI SONO ASSUNTI COME COSTANTI. IN GENERALE DIPENDONO DAI TASSI DI INTERESSE. LA MOLTIPLICAZIONE DEI DEPOSITI: LA SEQUENZA SUPPONIAMO PER SEMPLICITA CHE h=0 (IL PUBBLICO NON VUOLE DETENERE CIRCOLANTE). STADIO DEPOSITI BASE MONET. CREDITI 1 D 1 =BM BMB 1 =jbm CR 1 =(1-j)BM 2 D 2 =(1-j)BM BMB 2 =j (1-j)BM CR 2 =(1-j) 2 BM 3 D 3 =(1-j) 2 BM BMB 3 =j(1-j) 2 BM CR 3 =(1-j) 3 BM 4 D n =(1-j) n-1 BM BMB n =j(1-j) n-1 BM CR n =(1-j) n BM I DEPOSITI CREATI SONO UNA PROGRESSIONE GEOMETRICA DI RAGIONE (1-j). LA SOMMA DI QUESTA PROGRESSIONE GEOMETRICA E : E PER n CHE TENDE A INFINITO: 1 ( 1 j S =BM )n n 1 (1 j) S n = BM j

7 capitolo 12-7 SE h>o AD OGNI PASSAGGIO SI RIDUCE LA CAPACITA DELLE BANCHE DI CREARE DEPOSITI (I CREDITI NON DIVENTANO TUTTI DEPOSITI). h COMPARIRA AL DENOMINATORE. LA SEQUENZA CHIARISCE CHE: CONCESSIONE DI CREDITO DA PARTE DELLE BANCHE E CREAZIONE DI MONETA SONO OPERAZIONI STRETTAMENTE CONNESSE. QUESTO RENDE EVIDENTE IL RUOLO DEL TASSO DI INTERESSE: DIPENDE DA QUESTO SE LE BANCHE VOGLIONO CONCEDERE CREDITO E LE IMPRESE VOGLIONO CHIEDERLO. SI NOTI CHE IL MOLTIPLICATORE DEI DEPOSITI FIN QUI VISTO E QUELLO POTENZIALE: IN PARTICOLARE LA CONCESSIONE DI CREDITO NON E MECCANICA CIOE NON DERIVA SOLO DALLA DIFFERENZA TRA BASE MONETARIA DISPONIBILE E BASE MONETARIA DESIDERATA IN BASE AL COEFFICIENTE VISTO. IL CONTROLLO DELL OFFERTA DI MONETA LA MONETA (SPECIALMENTE SE E MONETA CARTACEA, MA NON SOLTANTO) CAUSA INSTABILITA. ANCHE PER QUESTO OCCORRE VIGILARE SULLA STRUTTURA FINANZIARIA E CONTROLLARE L OFFERTA DI MONETA. LA QUANTITA DI MONETA E UNA VARIABILE ENDOGENA CHE DIPENDE DA: BASE MONETARIA (BM) COEFFICIENTE DI RISERVA (BANCHE) RAPPORTO CIRCOLANTE/DEPOSITI (PUBBLICO). LE PRIME DUE SONO CONTROLLABILI DALL AUTORITA MONETARIA.

8 capitolo 12-8 CONTROLLABILITA DEI CANALI DI CREAZIONE DI BM ESTERO NON E CONTROLLABILE SE NON PER VIA AMMINISTRATIVA TESORO CONTROLLABILE SE AUTORITA MOENTARIA E INDIPENDENTE (COMPATIBILMENTE CON LE DECISIONI DEL TESORO) OPERAZIONI DI MERCATO APERTO (DISTINTE DAL TESORO) CONTROLLABILI BANCHE CONTROLLABILI I TASSI DI RIFINANZIAMENTO. EFFETTI CHE DIPENDONO DALLE REAZIONI DELLE BANCHE IN GENERALE, BM E CONTROLLABILE SE E CONTROLLABILE ALMENO UNO DEI CANALI DELLA SUA CREAZIONE. ECCEZIONI: OSCILLAZIONI VIOLENTE NEI CANALI NON CONTROLLATI CAMBI FISSI IL CASO DEI CAMBI FISSI. ESEMPIO: BM CRESCE CON O.M.A; CRESCE L OFFERTA DI MONETA; CADE IL TASSO DI INTERESSE; I CAPITALI DEFLUISCONO ALL ESTERO; IL CAMBIO RESTA FISSO; LE RISERVE DIMINUISCONO; SI DISTRUGGE BM. QUESTA SEQUENZA IN GENERE RICHIEDE TEMPO. CONTROLLABILITA DI h E j h e j (PER LA PARTE RELATIVA ALLE RISERVE LIBERE) DIPENDONO: DAI TASSI DI INTERESSE CORRENTI; DAI TASSI DI INTERESSE ATTESI IN PREVISIONE DI TASSI CRESCENTI SI TIENE PIU BM. SE L AUMENTO DI BM CREA QUESTE ASPETTATIVE LA MANOVRA PUO ESSERE INEFFICACE (CRITICA DI LUCAS).

9 capitolo 12-9 j PRESUPPONE ANCHE COMPORTAMENTI APPROPRIATI DA PARTE DEI SOGGETTI CHE DOMANDANO CREDITO ALLE BANCHE. POTREBBE IN PARTICOLARE ACCADERE CHE QUANDO BM CRESCE IL CREDITO NON VENGA ESPANSO PER MANCANZA DI DOMANDA E, QUINDI, j CADA. CON MANOVRE RESTRITTIVE E MENO PROBABILE. j (PER LA PARTE OBBLIGATORIA) PUO ESSERE CONTROLLATO DIRETTAMENTE. PIU FACILE IL CONTROLLO IN SENSO RESTRITTIVO.SEQUENZA: CRESCE IL COEFFICIENTE DI RISERVA OBBLIGATORIO; SE NON HANNO RISERVE LIBERE, LE BANCHE DEVONO RIDURRE I CREDITI. PER CONSEGUENZA SI RIDURRANNO ANCHE I DEPOSITI E L OFFERTA DI MONETA. LA MANOVRA NON HA EFFETTO SE LE BANCHE DISPONGONO DI RISERVE LIBERE TITOLI LIQUIDI PRONTAMENTE TRASFORMABILI IN BM PER EVITARE QUESTI PERICOLI SI POSSONO INTRODURRE: MASSIMALI DEGLI IMPIEGHI (LIMITI ALL ENTITA DEI CREDITI CONCESSI). VI SI E FATTO RICORSO IN ITALIA NEGLI ANNI SETTANTA E OTTANTA. OBIETTIVI E ORGANI DELLA POLITICA MONETARIA IN GENERALE L ORGANO RESPONSABILE DELLA POLITICA MONETARIA (BANCA CENTRALE) E INDIPENDENTE DAL GOVERNO. L INDIPENDENZA PUO ESSERE POLITICA (SUGLI OBIETTIVI) O OPERATIVA (SUGLI STRUMENTI). CIO PONE IL PROBLEMA DEL COORDINAMENTO TRA RESPONSABILI DELLA POLITICA ECONOMICA

10 capitolo SOPRATTUTTO SE GLI OBIETTIVI NON SONO TRA LORO COMPLEMENTARI (PER CUI OTTENERNE UNO PUO DANNEGGIARE GLI ALTRI). IN GENERALE ALLA AUTORITA MONETARIE SI AFFIDA LA STABILITA MONETARIA INTERNA ED ESTERNA (CIOE : INFLAZIONE E CAMBIO). SI CONSIDERANO MENO CONTROLLABILI CON LA MONETA IL REDDITO E L OCCUPAZIONE. (MA DIPENDE DAI REGIME DEI CAMBI E DA ALTRE CONDIZIONI DELL ECONOMIA INTERNAZIONALE CHE VEDREMO IN SEGUITO). LE AUTORITA MONETARIE POSSONO INFLUENZARE LA CRESCITA IN DUE MODI OPPOSTI: CON LA STABILITA MONETARIA CHE INCENTIVA IL RISPARMIO FINANZIARIO CON L INSTABILITA MONETARIA (INFLAZIONE) CHE POTREBBE STIMOLARE GLI INVESTIMENTI E LA CRESCITA LA SCELTA DIPENDE DALLA NATURA DELLE ASPETTATIVE E DA ALTRE CARATTERISTICHE DEL SISTEMA ECONOMICO E FINANZIARIO. POLITICA MONETARIA CON CAMBI FISSI E FLESSIBILI L EFFICACIA DELLA POLITICA MONETARIA RISPETTO ALL OCCUPAZIONE E AL REDDITO DIPENDE DAL REGIME DEI CAMBI: INEFFICACE CON CAMBI FISSI, EFFICACE CON CAMBI FLESSIBILI. RAGIONE: CON CAMBI FISSI AVANZI O DISAVANZI DELLA BP DANNO LUOGO A VARIAZIONI DELLA BASE MONETARIA (E DELL OFFERTA DI MONETA)

11 capitolo CAMBI FISSI IPOTESI DI POLITICA MONETARIA ESPANSIVA (BM ) i, Y. DEFICIT BP, DEPREZZAMENTO DEL CAMBIO, BM. TORNA LA SITUAZIONE DI PARTENZA. EFFETTO FINALE: i e Y INVARIATI. i LM LM BP IS IS Y PIU MOBILI I CAPITALI, PIU GRAVE IL DEFICIT BP, PIU RAPIDA LA RIDUZIONE DI BM CAMBI FLESSIBILI IPOTESI DI POLITICA MONETARIA ESPANSIVA (BM ) i E Y. DEFICIT NELLA BP DEPREZZAMENTO DEL CAMBIO Y ANCORA. EFFETTO FINALE: i INCERTO, Y AUMENTATO.

12 capitolo i LM LM BP A B C IS BP IS PIU MOBILI I CAPITALI, PIU FORTE IL DEPREZZAMENTO DEL CAMBIO, PIU EFFICACE LA POLITICA MONETARIA. SINTESI CAMBI FISSI CAMBI FLESSIBILI POLITICA MONETARIA MOBILITÀ IMMOBILITÀ MOBILITÀ IMMOBILITÀ INEFFICACE TEMPORA- NEAMENTE EFFICACE MOLTO EFFICACE EFFICACE IL MODO DI OPERARE DELLA POLITICA MONETARIA LA TIPICA CATENA DEGLI EFFETTI (IPOTESI ESPANSIVA) B.M. (CON O.M.A.) : RISERVE LIBERE & PREZZO TITOLI (TASSO DI RENDIMENTO ); : AUMENTO OFFERTA CREDITI &RIDUZIONE CORRISPONDENTE TASSO DI INTERESSE (VIA SOSTITUZIONI DI PORTAFOGLIO; : AUMENTO DOMANDA GLOBALE E OCCUPAZIONE (AUMENTA ANCHE LA DOMANDA DI DEPOSITI). POSSONO ANCHE AUMENTARE I PREZZI.

13 capitolo POSSIBILI REAZIONI PERVERSE DA PARTE DELLE BANCHE ALL AUMENTO DEI TASSI DI INTERESSE: PERCEPISCONO UNA MAGGIORE L INCERTEZZA; AUMENTA LA DOMANDA DI LIQUIDITA E NON CRESCE L OFFERTA DI CREDITO; TEMONO LA SELEZIONE AVVERSA (AL CRESCERE DEL TASSO DI INTERESSE SI CHIEDONO FONDI SOLO PER I PROGETTI PIU RISCHIOSI). PUO AVERSI RAZIONAMENTO; AVENDO TITOLI IN PORTAFOGLIO LA RIDUZIONE DEL LORO VALORE SPINGE A TENERLI INVECE CHE A VENDERLI PER OFFRIRE PIU CREDITO (ORA PIU CONVENIENTE). IN GENERALE: POSSONO AVERSI EFFETTI ATTRAVERSO LA DISPONIBILITA DI CREDITO E NON SOLO ATTRAVERSO IL COSTO DEL CREDITO (TASSI DI INTERESSE). QUINDI: LA POLITICA MONETARIA ESPLICA LA SUA EFFICACIA CON RITARDO E ATTRAVERSO CANALI COMPLESSI. PER QUESTO E UTILE TENERE D OCCHIO ALCUNE VARIABILI INTERMEDIE: INDICATORI LEGATI AGLI STRUMENTI (esempio: tasso di crescita della moneta, tasso di interesse) OBIETTIVI INTERMEDI INFLUENZANO DA VICINO GLI OBIETTIVI (esempio: aggregati monetari M1, M2, M3, alcuni tassi di interesse, tasso di cambio nominale) OBIETTIVI OPERATIVI COLLOCATI TRA STRUMENTI E OBIETTIVI INTERMEDI (esempio: tassi di interesse a breve termine) ESEMPI DI O.I. 1. CREDITO TOTALE INTERNO FINANZIAMENTI AL SETTORE STATALE E NON STATALE (UTILIZZATO IN PASSATO, ORA DIVENUTO MENO AFFIDABILE ) 2. ESPANSIONE DEL CREDITO INTERNO (DCE) FINANZIAMENTO AL TESORO CON BM PIU CREDITI BANCARI AI PRIVATI 3. M2 4. TASSO DI INTERESSE 5. TASSO DI CAMBIO NOMINALE

14 capitolo CRITERI PER LA SCELTA DELL O.I. MIGLIORE 1. CONTROLLABILITA DELL O.I. DIPENDE DALLA RELAZIONE TRA STRUMENTI E O.I. 2. STABILITA DELLE FUNZIONI DI COMPORTAMENTO DIPENDONO DALLA SOSTITUIBILITA DELLE ATTIVITA FINANZIARIE E DALLA NATURA DEGLI SHOCKS 3. RAPPORTO TRA O.I. E OBIETTIVI FINALI MUTA NEL LUNGO PERIODO. E MUTATO, AD ESEMPIO IL LEGAME TRA CTI E SALDO BDP PER LA CRESCENTE MOBILITA DEI CAPITALI E TRA CTI E REDDITO PER LA CRESCENTE IMPORTANZA DELL AUTOFINANZIAMENTO DELLE IMPRESE. CONDUZIONE DELLA POLITICA MONETARIA SI DISTINGUE TRA : INTERVENTI A DUE STADI OLTRE AGLI OBIETTIVI FINALI VENGONO ANNUNCIATI ANCHE GLI OBIETTIVI INTERMEDI INTERVENTI A UNO STADIO VENGONO ANNUNCIATI SOLO GLI OBIETTIVI FINALI (ESEMPIO: INFLATION TARGETING DELLA BCE). EFFICACIA DELLA POLITICA MONETARIA CONFRONTO CON LA POLITICA FISCALE : TEMPI DI EFFICACIA IL RITARDO DI OSSERVAZIONE NON E DIVERSO IL RITARDO AMMINISTRATIVO E MINORE IL RITARDO DEGLI EFFETTI PUO ESSERE MAGGIORE RILEVANZA DEGLI EFFETTI ANNUNCIO LA POLITICA MONETARIA NON SI PRESTA A UN DOSAGGIO RAFFINATO (FINE TUNING)

15 capitolo LA POLITICA MONETARIA E ASIMMETRICA: FUNZIONA MEGLIO IN SENSO RESTRITTIVO. RAGIONI: MOLTIPLICATORE EFFETTIVO MAGGIORE IN CASO DI RESTRIZIONE POSSIBILE ESISTENZA DI UN PAVIMENTO AL TASSO DI INTERESSE (TRAPPOLA DELLA LIQUIDITA ) POSSIBILE INELASTICITA DELLA DOMANDA DI CREDITO RISPETTO AL TASSO DI INTERESSE (RUOLO DEL RAZIONAMENTO).

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma

Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome. Politica monetaria. Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Politica economica (A-D) Sapienza Università di Rome Politica monetaria Giovanni Di Bartolomeo Sapienza Università di Roma Teoria del moltiplicatore depositi L idea è che la banca non trattiene nelle sue

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Economia monetaria. Mercati primari Mercati secondari. Prestiti Obbligazioni Azioni. Crediti. Crediti. diretti

Economia monetaria. Mercati primari Mercati secondari. Prestiti Obbligazioni Azioni. Crediti. Crediti. diretti Politica monetaria Economia monetaria In un economia monetaria Le transazioni sono regolate tramite moneta (no baratto) Le unità in surplus (famiglie) prestano le eccedenze alle unità in deficit (imprese

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1

La politica monetaria I meccanismi di trasmissione. Giuseppe G. Santorsola 1 La politica monetaria I meccanismi di trasmissione Giuseppe G. Santorsola 1 L equilibrio nella politica economica Politica bilancio Tutte e tre le componenti sono importanti Politica economica Vanno dosate

Dettagli

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE

OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE OFFERTA DI MONETA, POLITICA MONETARIA E LA BANCA CENTRALE 1. Offerta di moneta L offerta di moneta di un economia è controllata dalla sua banca centrale. La banca centrale regola direttamente la quantità

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 6

Economia Monetaria - Slide 6 Economia Monetaria - Slide 6 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Capitolo 7 Z La politica monetaria

Capitolo 7 Z La politica monetaria Capitolo 7 Z La politica monetaria Sommario Z 1. Obiettivi finali, intermedi e operativi. - 2. Gli strumenti della politica monetaria. - 2.1 La manovra delle riserve obbligatorie. - 2.2 Le operazioni di

Dettagli

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM

Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 27: L offerta di moneta e la LM Facoltà di Economia Università di Roma Sapienza Offerta di moneta Offerta di moneta. È la quantità di mezzi di pagamento

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario

Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo. UD 8.1. Il sistema monetario Modulo 8. Moneta e prezzi nel lungo periodo Questo modulo si occupa dei problemi della moneta e dei prezzi nel lungo periodo. Prenderemo in esame gli aspetti istituzionali che regolano il controllo del

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Il concetto di rischio

Il concetto di rischio Il concetto di rischio Il rischio si presenta in forma simmetrica: vi è la possibilità di ottenere un risultato inferiore a quello più probabile ma anche di ottenere un risultato superiore. Si può guardare

Dettagli

Lezione 6: La moneta e la scheda LM

Lezione 6: La moneta e la scheda LM Corso di Scienza Economica (Economia Politica) prof. G. Di Bartolomeo Lezione 6: La moneta e la scheda LM Facoltà di Scienze della Comunicazione Università di Teramo Moneta DEFINIZIONE. In macroeconomia

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009

La Banca Centrale e la politica monetaria. Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La Banca Centrale e la politica monetaria Economia degli Intermediari Finanziari 6 maggio 2009 A.A. 2008-2009 La politica monetaria (1) La politica monetaria, insieme alla politica dei redditi e di bilancio,

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Dopo aver analizzato il mercato dei beni (i.e. i mercati reali) passiamo allo studio dei mercati finanziari. Ricordo che, proprio come nello studio del settore reale (IS), anche

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta

UNIONE MONETARIA. I paesi aderenti adottano un unica moneta UNIONE MONETARIA I paesi aderenti adottano un unica moneta Quali implicazioni per la politica economica? unica politica monetaria (obiettivi, organi, strumenti) la politica monetaria assume come riferimento

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale.

INTRODUZIONE ALL ECONOMIA POLITICA (prof. C. Gnesutta) PARTE 5 La composizione degli stock finanziari: Capitolo 19: moneta e capitale. Capitolo 19:. Tra le funzione delle istituzioni finanziarie vi è anche quella di accrescere il grado di liquidità di attività altrimenti illiquide. Tale funzione è svolta efficacemente da quegli intermediari

Dettagli

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria

Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria Lezione 15. La (non) neutralità della moneta e i meccanismi di trasmissione della politica monetaria La moneta influenza la produzione reale e gli equilibri macroeconomici? Teoria quantitativa della moneta:

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A

Il sistema creditizio e le banche. Classe V A Il sistema creditizio e le banche Classe V A Il credito è il diritto del creditore, che ha effettuato una prestazione attuale, di ottenere una controprestazione futura. CREDITO INDIRETTO: Trasferimento

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura

Gli intermediari finanziari Il credito è il diritto del creditore che ha effettuato una prestazione attuale di ottenere una controprestazione futura Luca Sartirana indice Gli intermediari finanziari Attività bancaria Funzioni della banca Normativa Il SEBC Autorità creditizie nazionali La vigilanza della Banca d Italia Il sistema TARGET Gli intermediari

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Fasi della politica monetaria

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

Corso di Politica Economica

Corso di Politica Economica Anno accademico 2014/2015 Corso di Politica Economica Docente: Claudio Di Berardino Informazioni sito docente: http://claudiodiberardino.jimdo.com mail: c.diberardino@unich.it 1 lezione - Le teorie degli

Dettagli

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse

I mercati finanziari. Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse I mercati finanziari Obiettivi: cosa determina il tasso di interesse come la Banca centrale influenza i tassi di interesse Le attività finanziarie Due attività: Moneta non frutta interessi serve per le

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 5

Economia monetaria e creditizia. Slide 5 Economia monetaria e creditizia Slide 5 Poiché le attività finanziarie sono sostituibili e le loro funzioni cambiano nel tempo non è facile dare una definizione univoca di moneta, ovvero di quali attività

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

La Politica Economica e i Tassi di Cambio

La Politica Economica e i Tassi di Cambio La Politica Economica e i Tassi di Cambio In questa lezione: Studiamo la politica economica con cambi fissi e flessibili. 267 Risparmio, investimento e disavanzo commerciale Partendo dalla condizione di

Dettagli

Risparmio e Investimento

Risparmio e Investimento Risparmio e Investimento Risparmiando un paese ha a disposizione più risorse da utilizzare per investire in beni capitali I beni capitali a loro volta fanno aumentare la produttività La produttività incide

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Il controllo dell offerta di moneta

Il controllo dell offerta di moneta Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Il controllo dell offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Moltiplicatore monetario

Dettagli

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano)

La Moneta e i Mercati Monetari. Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) La Moneta e i Mercati Monetari In questa lezione: Determiniamo le funzioni e l origine della moneta Introduciamo una nuova definizione della domanda di moneta (domanda di moneta di tipo keynesiano) Data

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1

IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO. Capitolo 11 MEF. Lezione 5 1 IL MERCATO MONETARIO CARATTERISTICHE TECNICHE E ALCUNI ASPETTI DI FUNZIONAMENTO Capitolo 11 MEF Lezione 5 1 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTA DOMANDA? Nella relazione annuale di Microsoft per il 2009, si poteva

Dettagli

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 11 IL MODELLO DI MUNDELL-FLEMING IN CAMBI FLESSIBILI Cambi flessibili un deprezzamento sposta la BP verso il basso; un apprezzamento sposta la BP verso l alto. Poiché

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito

Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Corso di Intermediari Finanziari e Microcredito Gli intermediari finanziari: banche Intermediazione finanziaria, tipologie di intermediari e imperfezioni di mercato (Fonte: Corigliano, 2004, Intermediazione

Dettagli

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA

MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA MERCATO DEI BENI IN ECONOMIA APERTA 1 LA CURVA IS IN ECONOMIA APERTA In economia chiusa la domanda di beni nazionali coincideva con la domanda nazionale di beni: ( ) Z C + I + In economia aperta, invece,

Dettagli

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8

Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8 Economia dell Ambiente Francesca Sanna-Randaccio Lezione 8 SELTA INTERTEMPORALE (continua) Valore attuale nel caso di più periodi Valore di un titolo di credito Obbligazioni Obbligazioni emesse dalla Stato.

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

Le funzioni della banca. Lezione 1 1

Le funzioni della banca. Lezione 1 1 Le funzioni della banca Lezione 1 1 Le principali funzioni svolte dalle banche sono: Funzione monetaria; Funzione creditizia; Funzione di mobilizzazione del risparmio; Funzione di trasmissione degli impulsi

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

PARTE 5: Risparmio, investimento e

PARTE 5: Risparmio, investimento e : Risparmio, investimento e relazioni finanziarie L esistenza di soggetti con un eccesso di spesa sul reddito, ovvero con un eccesso di risparmio sull investimento determina trasferimenti di fondi da chi

Dettagli

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it)

A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) Macroeconomia, Esercitazione 8 A cura di Giuseppe Gori e Gianluca Antonecchia (gianluca.antonecchia@unibo.it) 1 Esercizi 1.1 Moltiplicatore bancario Se il circolante ammonta a 400, le riserve bancarie

Dettagli

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1

IL SISTEMA FINANZIARIO. Giuseppe G. Santorsola 1 IL SISTEMA FINANZIARIO 1 Premessa Lo studio del sistema finanziario si fonda sull analisi dei suoi elementi costitutivi. La struttura finanziaria dell economia individua l insieme dei circuiti di risorse

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta

CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta CAPITOLO 19 La domanda e l offerta di moneta Domande di ripasso 1. In un sistema a riserva frazionaria il sistema bancario crea moneta perché in genere le banche detengono come riserva solo una parte dei

Dettagli

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica

Dimensioni ed effetti della spesa pubblica MODULO 2 - La spesa pubblica LE DIMENSIONI DELLA SPESA PUBBLICA L insieme dei mezzi monetari che lo Stato e gli altri enti pubblici erogano per il raggiungimento dei fini di pubblico interesse costituisce

Dettagli