GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA"

Transcript

1 GLI ORGANISMI DI CONTROLLO E IL FUTURO DELLA CERTIFICAZIONE BIOLOGICA FABRIZIO PIVA ccpb.it Coordinatore Sezione Soci OdC FederBio

2 GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE ADERENTI BIOAGRICERT srl IMC Istituto Mediterraneo di Certificazione BIOS srl Qcertificazioni srl CCPB srl SIDEL bio.sidelitalia.it ECOGRUPPO ITALIA ICEA Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale SUOLO E SALUTE srl

3 GLI OPERATORI CONTROLLATI Numero operatori / Anno Number operators / Year Produttori Producers Trasformatori Processors Importatori* Importers Altri** Other Totali Total OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs * comprende anche trasformatori/importatori e produttori/trasformatori/importatori ** comprende produttori/trasformatori ed altre categorie non comprese nelle altre GLI OO. DI CC. ADERENTI A FEDERBIO AL HANNO CONTROLLATO IL 94,21% DEGLI OPERATORI NOTIFICATI.

4 LE VERIFICHE ISPETTIVE ESEGUITE Numero Visite / Anno Number Visits / Year OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs Produttori Producers Visite /Produttori Visits / Producers Trasformatori Processors Visite /Trasformatori Visits / Processors Importatori* Importers Visite/Importatori* Visits / Importers Altri** Other Visite/Altri** Visits /Other Totali Total Totali Visite/Operatori Total Visits / Operators * comprende anche trasformatori/importatori e produttori/trasformatori/importatori ** comprende produttori/trasformatori ed altre categorie non comprese nelle altre OdC/CBs OdC/CBs ,15 1,19 1,19 1,19 1,23 1, ,43 1,55 1,63 1,63 1,61 1, ,46 1,24 1,28 1,38 1,91 1, ,32 1,48 2,12 1,39 1,63 1, ,18 1,23 1,28 1,25 1,29 1,33

5 I CONTROLLI ANALITICI/1 Produttori Producers Trasformatori Processors Importatori Importers Numero Analisi / Anno Number Analysis / Year Produttori Producers Analisi/Operatori Analysis / Operators Numero Analisi Positive Number positive analysis % Positivi % Positive Trasformatori Processors Analisi/Operatori Analysis / Operators Numero Analisi Positive Number positive analysis % Positivi % Positive Importatori* Importers Analisi/Operatori Analysis / Operators Numero Analisi Positive Number positive analysis % Positivi % Positive OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs OdC/CBs ,98% 7,77% 6,73% 8,18% 7,40% 7,22% ,01% 8,10% 5,48% 5,96% 7,49% 8,17% ,15% 26,26% 33,30% 32,51% 31,23% 30,53% ,52% 6,23% 4,89% 4,57% 5,73% 6,42% ,57% 49,52% 17,92% 13,62% 26,47% 33,76% ,00% 0,97% 0,00% 2,86% 3,17% 8,75%

6 I CONTROLLI ANALITICI/2 Altri Other Totali Total Altri* Other Analisi/Operatori Analysis / Operators Numero Analisi Positive Number positive analysis % Positivi % Positive ,22% 43,17% 43,72% 34,45% 39,90% 34,37% ,62% 0,00% 8,41% 8,53% 8,23% 7,06% Totali Total Totali Analisi/Operatori Total Analysis / Operators 9,53% 10,09% 11,30% 11,41% 11,12% 11,13% Numero Analisi Positive Number positive analysis % Positivi % Positive 6,27% 7,17% 5,82% 5,66% 6,90% 7,47% * comprende anche trasformatori/importatori e produttori/trasformatori/importatori ** comprende produttori/trasformatori ed altre categorie non comprese nelle altre

7 LE NON CONFORMITA RILEVATE 2006/11

8 LE SANZIONI COMMINATE 2006/11

9 IL PROTOCOLLO CONTROLLI ORTOFRUTTA 2007/11 Periodo Prove Non conformità % di non conformità Anno % Anno % Anno 2009 Anno 2010 Anno ,27% 3,83% 5,72% Periodo Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Condotte dagli OO di CC Condotte da piattaforme Totale Anno Anno

10

11

12 N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE

13 IRREGOLARITA RILEVATE DA ICQRF SUI PRODOTTI REGOLAMENTATI N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE

14 IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE DEL BIOLOGICO IN ITALIA ACCREDIA (Accreditamento ISO 65) MIPAAF REGIONI/PP.AA. ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE ORGANISMI DI VIGILANZA PUBBLICA OPERATORI

15 MIGLIORARE IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE NEL CONCETTO DI CERTIFICAZIONE E DI ACCREDITAMENTO, SECONDO LA NORMA UNI CEI EN 45011, LA RESPONSABILITA E CONDIVISA ED OGNI SINGOLO ATTORE E PARTE DEL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE; - IL MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE PASSA ATTRAVERSO TUTTI I SOGGETTI CITATI NEL PRECEDENTE GRAFICO; - PER QUANTO CONCERNE GLI OO DI CC. RISPETTO DEL CODICE ETICO E DI AUTODISCIPLINA DI FEDERBIO - COMUNICAZIONE FRA OO. DI CC. LEALE - PAGAMENTO ISPETTORI NON A A COTTIMO - NO A PROVVIGIONI VERSO STUDI PROFESSIONALI O ASSOCIAZIONI - DURATA MINIMA ISPEZIONI COME DA TABELLA CODICE DI AUTODISCIPLINA - ISPETTORI DI STUDIO NON FANNO ISPEZIONI AI CLIENTI DELLO STUDIO - NEL PASSAGGIO DI PERSONALE SIGNIFICATIVAMENTE RESPONSABILE DA UN U O DI C ALL ALTRO ALTRO FERMO PER UN ANNO - NELL INTERPRETAZIONE DELLE NORME RICORRERE IN PRIMA ISTANZA AL Ct DI SEZIONE SOCI IL CUI RESPONSO VALE PER TUTTI - RISPETTO DEI CRITERI DI QUALIFICA MINIMI PREVISTI NEL CODICE.

16 MIGLIORARE IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE MAGGIORE ATTENZIONE ALL INGRESSO DELLE AZIENDE NEL SISTEMA. RELAZIONE TECNICA UNIVOCA PER TUTTI GLI OO. DI CC. VERIFICARE LE RESE ED I BILANCI DI MASSA OMOGENEITA NELLA DEFINIZIONE DEI REQUISITI MINIMI CHE DEVONO SOSTANZIARE LE CHECK LIST. PUBBLICAZIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE A CARICO DEGLI OPERATORI (OCCORRE RISOLVERE IL PROBLEMA DELLA RISERVATEZZA). MIGLIORARE LA SITUAZIONE DEI PASSAGGI FRA UN ORGANISMO E L ALTRO; L ANCORA OGGI CON IL DM SULL ORGANISMO UNICO QUALCOSA NON FUNZIONA CONDIVISIONE DI UN SISTEMA INFORMATICO POSSIBILE E SEMPLICE CHE CONSENTA DI CONDIVIDERE LE TRANSAZIONI DEGLI OPERATORI PER UN CONTROLLO IN TEMPO REALE TRAMITE WEB SERVICE ED INTERFACCIA. GARANTIRE LA RINTRACCIABILITA DELLE MATERIE PRIME AGRICOLE DI IMPORTAZIONE ALMENO FINO ALL IMPORTATORE. IN ALCUNI PAESI ESISTONO SISTEMI INFORMATICI VOLONTARI CHE GARANTISCONO CIO.. SU QUESTO VERSANTE OCCORRE AGIRE IN AMBITO EUROPEO.

17 MIGLIORARE IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE PER QUANTO CONCERNE IL SISTEMA PRODUTTIVO RIPENSARE ALLE FILIERE PRODUTTIVE PARTENDO DAL SETTORE PRIMARIO CON ACCORDI E CONTRATTI DI FILIERA CHE GARANTISCANO LA LEALE PARTECIPAZIONE DI TUTTI I SOGGETTI. MAGGIORE ASSISTENZA TECNICA. IN TALUNI CASI TROVIAMO PERSONE POCO PREPARATE PER AFFRONTARE LA PRODUZIONE BIOLOGICA. MAGGIORE CAPACITA DI DENUNCIA RISPETTO A SITUAZIONI FRAUDOLENTE O COMUNQUE BORDER LINE. - PER QUANTO CONCERNE IL SISTEMA DISTRIBUTIVO RIPENSARE AL MECCANISMO DI FORMAZIONE DEL VALORE EVITANDO DI FAR PESARE SULLA MATERIA PRIMA IL GAP OGGI ESISTENTE FRA BIO E CONVENZIONALE. IL MARGINE SUL PRODOTTO BIOLOGICO NON PUO RECUPERARE LE EVENTUALI PERDITE DI MARGINE SUI PRODOTTI CONVENZIONALI. NON APPESANTIRE IL BIOLOGICO DAI MAGGIORI ONERI ORGANIZZATIVI PER LA DISTRIBUZIONE DI UNA MINORE QUANTITA DI PRODOTTO.

18 MIGLIORARE IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE PER QUANTO CONCERNE L AUTORITAL AUTORITA PUBBLICA GLI OO. DI CC. SONO ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE. LA NORMA UNI CEI I EN CONFERISCE LORO UNA PRECISA RESPONSABILITA. MAGGIORE E, SOPRATTUTTO, PIU TEMPESTIVA INFORMAZIONE SULLE FRODI O SU PRESUNTE TALI. MAGGIORE COORDINAMENTO CON GLI OO. DI CC. PIU CONTROLLI SOSTANZIALI E MENO CONTROLLI FORMALI; SE OCCORRE PRENDERE PROVVEDIMENTI VERSO GLI OO DI CC SI DEVONO PRENDERE. MAGGIOR COORDINAMENTO CON LE REGIONI E PP. AA. MAGGIOR COORDINAMENTO CON ACCREDIA (RT 16). PER LE REGIONI O PER AGEA GLI OO. DI CC. NON HANNO ALCUNA FUNZIONE NE INERENTE LA CORRETTA GESTIONE DEGLI INCENTIVI P.A.C. PORTARE E DIFENDERE LE ISTANZE DEL BIOLOGICO ITALIANO SIA IN TERMINI DI REGOLE PRODUTTIVE CHE DI CONTROLLO (RESIDUI, NON CONFORMITA,, PROCEDURE DI CAMPIONAMENTO, ECC.) CREARE MECCANISMI ORGANIZZATIVI PIU FLUIDI, MENO INGESSATI,

19 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE IN UN SISTEMA COMPLESSO OGNUNO DEVE FARE LA SUA PARTE, NELLA CONSAPEVOLEZZA CHE LA CREDIBILITA DEL BIOLOGICO ITALIANO PASSA DA CIASCUNO DI NOI ED OGNUNO GIOCA UN RUOLO FONDAMENTALE NEL GARANTIRLA. IL CONTROLLO PUBBLICO GARANTISCE LA TENUTA DEL SISTEMA NEL SUO COMPLESSO E LEGITTIMA SOCIALMENTE IL BIOLOGICO VERSO IL MERCATO ED IL CONSUMATORE EUROPEI NELLA LOGICA DEL MERCATO INTERNO EUROPEO E NON SOLAMENTE QUELLO NAZIONALE. LA CERTIFICAZIONE E E UN FATTORE DI SISTEMA INTERNO AL SISTEMA PRODUTTIVO BIOLOGICO NEL RISPETTO DELLA UNI CEI EN E DELLA REGOLAMENTAZIONE COMUNITARIA; PER QUESTO BENE HA FATTO IL LEGISLATORE NAZIONALE A SEPARARE I DUE MOMENTI IN CERTIFICAZIONE E CONTROLLO PUBBLICO. SI TRATTA DI UN ULTERIORE MOMENTO DI GARANZIA COSì ORGANIZZATO A LIVELLO EUROPEO. STANTE IL QUADRO DI RIFERIMENTO ATTUALE, IN UN PAESE MODERNO LA RIDUZIONE DEL NUMERO DEGLI OO. DI CC. PASSA ATTRAVERSO SCELTE ECONOMICHE O DI VALORE,, INTENDENDO CON QUESTE LA PERDITA DEI REQUISITI, MA NON CERTO PER SCELTE POLITICHE.

20 N. VERIFICHE ISPETTIVE EFFETTUATE GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE I PRODUTTORI BIOLOGICI ITALIANI DIVENTANO PROTAGONISTI ATTIVI DELLA FILIERA ROMA 10 Ottobre 2012 Sala Nassiriya Comando Carabinieri MIPAAF

Convegno. Bologna, 9 settembre 2013 SANA, 25 Salone Internazionale del Biologico e del Naturale

Convegno. Bologna, 9 settembre 2013 SANA, 25 Salone Internazionale del Biologico e del Naturale Convegno La riforma del sistema di certificazione del biologico tra cambiamenti e attese The reform of the certification system of the organic sector between changes and expectations Bologna, 9 settembre

Dettagli

Control and Certification. By: : Fabrizio Piva. In collaborazione con

Control and Certification. By: : Fabrizio Piva. In collaborazione con Control and Certification By: : Fabrizio Piva In collaborazione con FEDERBIO CERTIFIERS BIOAGRICERT srl www.bioagricert.org ICEA Istituto per la Certificazione Etica ed Ambientale www.icea.info BIOS srl

Dettagli

Il sistema di certificazione nazionale dei prodotti biologici: situazione e prospettive di riforma

Il sistema di certificazione nazionale dei prodotti biologici: situazione e prospettive di riforma In collaborazione con: Con il contributo di: Il sistema di certificazione nazionale dei prodotti biologici: situazione e prospettive di riforma Un unico sistema di controllo per molti interlocutori istituzionali

Dettagli

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari

Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari Dipartimento dell Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei

Dettagli

DALLA CHIMICA VERDE AL COSMETICO BIOLOGICO

DALLA CHIMICA VERDE AL COSMETICO BIOLOGICO DALLA CHIMICA VERDE AL COSMETICO BIOLOGICO Gli standard della cosmesi biologica a supporto della sostenibilità Fabrizio Piva CCPB srl BOLOGNA Tel. 0039 051 6089811 e mail: fpiva@ccpb.it BOLOGNA FIERA SANA

Dettagli

IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA I L S I S T E M A N A Z I O N A L E D I V I G I L A N Z A I N AG R I C O LT U R A B I O LO G I C A E L E PATO LO G I E AV E PA, 2 6 OT TO B R E 2 017 IL SISTEMA NAZIONALE IN AGRICOLTURA BIOLOGICA UNIONE

Dettagli

GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA

GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA Allegato 1 al decreto n 12442 del 19 dicembre 2014 GESTIONE INFORMATIZZATA DEI PROGRAMMI ANNUALI DI PRODUZIONE VEGETALE, ZOOTECNICA, DELLE PREPARAZIONI E DELLE IMPORTAZIONI PER L AGRICOLTURA BIOLOGICA

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento La conoscenza quale riferimento del giornalismo di informazione: spiegare il sistema delle certificazioni e dell'accreditamento di beni e servizi Le certificazioni

Dettagli

L Ente italiano di accreditamento

L Ente italiano di accreditamento L Ente italiano di accreditamento IL VALORE DELLA CERTIFICAZIONE NEL MERCATO GLOBALE LA CERTIFICAZIONE NEL PANORAMA ITALIANO, EUROPEO E INTERNAZIONALE Emanuele Riva ISF - ICE Direttore Dipartimento Certificazione

Dettagli

Accredia. Per chi sceglie la qualità.

Accredia. Per chi sceglie la qualità. Accredia. Per chi sceglie la qualità. Indice 1. Chi è Accredia 2. Cos è l accreditamento 3. A chi si rivolge Accredia 4. L attività di Accredia 5. I risultati dell accreditamento 6. I numeri dell accreditamento

Dettagli

PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014

PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014 PROT. n. 1133 del 1 LUGLIO 2014 Provvedimento di revoca dell autorizzazione, alla società Suolo e Salute s.r.l., ad esercitare il controllo e la certificazione sull attività di importazione da Paesi terzi

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento ACCREDITAMENTO E VALUTAZIONI DI CONFORMITA Gli schemi di accreditamento per EGE, ESCo, SGE e Energy Auditor Daniele D Amino Funzionario tecnico Roma - 26 giugno

Dettagli

Milano 28 ottobre, Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio

Milano 28 ottobre, Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio Milano 28 ottobre, 2015 Vittorio Emanuele Pisani Direttore Consorzio Tutela Provolone Valpadana e Consorzio Tutela Taleggio La tradizione produttiva locale in Italia I Consorzi di Tutela Normativa di riferimento

Dettagli

Il caso della frode Gatto con gli Stivali : come è stato possibile aggirare il sistema di controllo

Il caso della frode Gatto con gli Stivali : come è stato possibile aggirare il sistema di controllo Il caso della frode Gatto con gli Stivali : come è stato possibile aggirare il sistema di controllo Bologna, 10 settembre 2012 SANA 24 Salone Internazionale del Biologico e del Naturale Daniele Fichera

Dettagli

MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato Coldiretti Campania per ATI- SOVIS Coldiretti Campania)

MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato Coldiretti Campania per ATI- SOVIS Coldiretti Campania) MARCHIO AGRICOLTURA BIOLOGICA (Elaborato per ATI- SOVIS ) L agricoltura biologica è un sistema di gestione dell'azienda agricola che implica importanti restrizioni in materia di fertilizzanti e antiparassitari.

Dettagli

BioBenessere : UN PROGETTO ITALIANO ED EUROPEO

BioBenessere : UN PROGETTO ITALIANO ED EUROPEO Talkshow BioBenessere La relazione tra cibo, salute e ambiente: l alimentazione biologica per la prevenzione e lo sviluppo sostenibile BioBenessere : UN PROGETTO ITALIANO ED EUROPEO Paolo Carnemolla Presidente

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA

IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA ASSOGASTECNICI IL CONTROLLO UFFICIALE OPERATO DALLE AUTORITÀ COMPETENTI LOCALI: L ESEMPIO DEL S.I.A.N. DELL A.S.L. DI NOVARA Giornata formativa Assogastecnici sui Gas Alimentari Aspetti normativi, autorizzativi

Dettagli

TECNICO QUALITÀ E SICUREZZA ALIMENTARE

TECNICO QUALITÀ E SICUREZZA ALIMENTARE Scegli Garanzia Giovani. Costruisci il tuo futuro TECNICO QUALITÀ E SICUREZZA ALIMENTARE Corso di formazione di 200 ore Gratuito per 20 partecipanti aderenti al programma Garanzia Giovani PER INFORMAZIONI

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE:

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE: LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE: UN VALORE DA CONDIVIDERE FRA PRODUTTORI E CONSUMATORI ---------------- IL RUOLO DELLA CERTIFICAZIONE PER UN ECONOMIA SOSTENIBILE FABRIZIO PIVA Amministratore Delegato CCPB

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Prot. 18096 del 26 settembre 2014 Individuazione dei tempi e delle modalità di gestione dei provvedimenti adottati dagli Organismi di controllo nei confronti degli operatori del settore della produzione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015

REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015 REGIONE PIEMONTE BU4S2 29/01/2015 Codice DB1100 D.D. 4 dicembre 2014, n. 1059 Approvazione dell'accordo con il Dipartimento dell'ispettorato Centrale della tutela della qualita' e repressione delle frodi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM.

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM. SALUTE, SIC. ALIM. REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 703 09/12/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 18479 DEL 24/11/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: SALUTE E INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Area: SAN. PUBBL., PROM.

Dettagli

INCONTRO CON GLI ORGANISMI NOTIFICATI ACCREDIA Milano Roma

INCONTRO CON GLI ORGANISMI NOTIFICATI ACCREDIA Milano Roma INCONTRO CON GLI ORGANISMI NOTIFICATI ACCREDIA Milano Roma 2011-09-09 ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Incontro dedicato agli Organismi notificati L ACCREDITAMENTO PER GLI ORGANISMO NOTIFICATI

Dettagli

La Certificazione dei Prodotti D.O.P. I.G.P. S.T.G.

La Certificazione dei Prodotti D.O.P. I.G.P. S.T.G. ISTITUTO MEDITERRANEO DI CERTIFICAZIONE - DOP IGP STG La Certificazione dei Prodotti D.O.P. I.G.P. S.T.G. Dott. Agr. Lucio Faragona Responsabile Servizio Certificazione IMC 02 febbraio 2007 Argomenti Trattati

Dettagli

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122)

(articolo 19 della Legge 7 agosto 1990 n. 241 e comma 4bis dell articolo 49 della Legge 30 luglio 2010 n. 122) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) laboratori che eseguono la verificazione periodica degli strumenti di misura ai sensi del Decreto Ministeriale 10 dicembre 2001 con esclusione di quelli

Dettagli

Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Ruolo ed attività degli enti di certificazione Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione francesco digregorio Locorotondo, Tecnico Superiore in Agricoltura Biologica Ruolo ed attività degli enti di certificazione

Dettagli

Modalità di accesso ad una DOP/IGP

Modalità di accesso ad una DOP/IGP Modalità di accesso ad una DOP/IGP Rev. 00 1 SOMMARIO 1. MODALITÀ DI ACCESSO AD UNA DOP/IGP 3 2. IL PERCORSO CERTIFICATIVO DELLA DOP CANESTRATO PUGLIESE 4 3. ALLEGATO 1 - DOCUMENTI DA ALLEGARE AL MODELLO

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio

DOCUMENTO TECNICO DTP 07 Patate, cipolle e carote arricchite in selenio Pag. 1 di 5 DOCUMENTO TECNICO Patate, cipolle e carote arricchite in selenio CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto il 2010-04-01

Dettagli

DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM

DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM DATA BIO FEDERBIO INTEGRITY PLATFORM DATA BIO chi è Da una collaborazione tra ACCREDIA e FEDERBIO nasce DATA BIO per rispettare gli impegni indicati nel Documento Tecnico RT16 5.2. Gestione dei documenti

Dettagli

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent

Ministero politiche agricole alimentari e forestali. Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent Ministero politiche agricole alimentari e forestali Prevenire, Controllare, Vigilare Villa Manin Passariano UD ICQRF Nord - Est Gianluca Fregolent 1 L ICQRF è organo Tecnico di controllo del Ministero

Dettagli

La stesura di un manuale di rintracciabilità secondo la norma UNI EN ISO 22005:2008

La stesura di un manuale di rintracciabilità secondo la norma UNI EN ISO 22005:2008 La stesura di un manuale di rintracciabilità secondo la norma UNI EN ISO 22005:2008 Categories : Anno 2017, N. 250-15 febbraio 2017 Parte II Progettazione di Donato Ferrucci La fase di progettazione Definite

Dettagli

FOCUS GROUP: PERCORSI DI QUALITA NELLE PRODUZIONI AGRICOLE

FOCUS GROUP: PERCORSI DI QUALITA NELLE PRODUZIONI AGRICOLE FOCUS GROUP: PERCORSI DI QUALITA NELLE PRODUZIONI AGRICOLE Progettiamo insieme il piano di azione locale leader verso il 2020: partecipa anche tu! Dottore Agronomo Gloria Minarelli 2 luglio 2015 - Conselice

Dettagli

Esperienze e criticità sulle Verifiche ispettive coordinate ISS ORL - SINAL

Esperienze e criticità sulle Verifiche ispettive coordinate ISS ORL - SINAL Esperienze e criticità sulle Verifiche ispettive coordinate ISS ORL - SINAL Silvano De Mas Staff Organizzazione Sistema Qualità ARPA Veneto Workshop Laboratori di prova per la sicurezza alimentare: esperienze,

Dettagli

Relazione attività svolta dal 2009 al 2013

Relazione attività svolta dal 2009 al 2013 % - 2 ( 3-4 Attività di vigilanza sugli organismi di controllo autorizzati per le produzioni biologiche e attivi in Regione Lazio affidata ad ARSIAL con L.R. 21/98 Norme per l agricoltura biologica. Relazione

Dettagli

ENplus. Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno. Manuale ENplus. Manuale di riferimento Versione Italiana

ENplus. Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno. Manuale ENplus. Manuale di riferimento Versione Italiana Manuale ENplus, Parte 5 Organizzazione dello schema ENplus Schema per la certificazione di qualità del pellet di legno Manuale ENplus Manuale di riferimento Versione Italiana Parte 5: Organizzazione della

Dettagli

L Ente Italiano di Accreditamento. Il ruolo dell accreditamento

L Ente Italiano di Accreditamento. Il ruolo dell accreditamento L Ente Italiano di Accreditamento Nuovi strumenti per la trasparenza e la qualificazione delle imprese della Green Economy Il Nuovo Codice Appalti e la ISO 37001 Il ruolo dell accreditamento Filippo Trifiletti

Dettagli

COME PREPARARSI ALLE VISITE DI CONTROLLO ED ISPEZIONE SEMINARIO FORMATIVO

COME PREPARARSI ALLE VISITE DI CONTROLLO ED ISPEZIONE SEMINARIO FORMATIVO COME PREPARARSI ALLE VISITE DI CONTROLLO ED ISPEZIONE SEMINARIO FORMATIVO Formazione ed informazione agli operatori della filiera agroalimentare ittica in merito agli adempimenti connessi agli obblighi

Dettagli

STRUMENTI PER COMPETERE: IL DISCIPLINARE TECNICO CERTIFICATO LINEE GUIDA

STRUMENTI PER COMPETERE: IL DISCIPLINARE TECNICO CERTIFICATO LINEE GUIDA STRUMENTI PER COMPETERE: IL DISCIPLINARE TECNICO CERTIFICATO Progetto ideato con la collaborazione di Segreteria organizzativa a cura di: LINEE GUIDA PREMESSA Con la presente iniziativa la Camera di Commercio

Dettagli

Accreditamento: contesto legislativo e ruolo nelle certificazioni di prodotti 1 /

Accreditamento: contesto legislativo e ruolo nelle certificazioni di prodotti 1 / Accreditamento: contesto legislativo e ruolo nelle certificazioni di prodotti 1 / L accreditamento, pur non essendo stato finora disciplinato a livello comunitario legislativo, è effettuato in tutti gli

Dettagli

Certificazione di Sistema e di Prodotto : Tra soddisfazione delle aspettative dell utenza e possibili strade per il miglioramento

Certificazione di Sistema e di Prodotto : Tra soddisfazione delle aspettative dell utenza e possibili strade per il miglioramento Associazione Italiana Organismi Indipendenti di Certificazione e Ispezione Certificazione di Sistema e di Prodotto : Tra soddisfazione delle aspettative dell utenza e possibili strade per il miglioramento

Dettagli

IL FUTURO E BIO Il Biologico certificato: un opportunità per i vini a Denominazione. Castagnito (CN), 21/02/2017. Sandra Furlan

IL FUTURO E BIO Il Biologico certificato: un opportunità per i vini a Denominazione. Castagnito (CN), 21/02/2017. Sandra Furlan Castagnito (CN), 21/02/2017 Sandra Furlan I DATI BIO, Numero operatori ITALIA per tipologia 50.000 45.000 40.000 45.222 42.546 35.000 30.000 25.000 20.000 15.000 10.000 5.000 0 7.366 7.061 6.104 6.524

Dettagli

REGOLAMENTO organismi di certificazione partners requisiti per la qualifica

REGOLAMENTO organismi di certificazione partners requisiti per la qualifica REGOLAMENTO organismi di certificazione partners requisiti per la qualifica Il presente documento è di proprietà di IPPR Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO DTP 11 Patate a marchio AQUA

DOCUMENTO TECNICO DTP 11 Patate a marchio AQUA Pag. 1 di 5 DOCUMENTO TECNICO Patate a marchio AQUA CCPB SRL 40126 Bologna Italy Via J. Barozzi, 8 tel. 051/6089811 fax 051/254842 www.ccpb.it ccpb@ccpb.it Redatto il 2008-09-08 Verificato il 2008-10-07

Dettagli

Il biologico nelle Marche

Il biologico nelle Marche Quaderno della Il biologico nelle Marche 7 Chi promuove il progetto Filiera Corta Bio nella regione L AMAB, Associazione Marchigiana per l Agricoltura Biologica è nata nel 1987 per volontà delle aziende

Dettagli

Rispetto dei requisiti di legge per le Dichiarazioni di Conformità e i Protocolli di Ispezione dei modelli di certificazione.

Rispetto dei requisiti di legge per le Dichiarazioni di Conformità e i Protocolli di Ispezione dei modelli di certificazione. Rispetto dei requisiti di legge per le Dichiarazioni di Conformità e i Protocolli di Ispezione dei modelli di certificazione Italo Vailati Desenzano 26 giugno 2013 1 Sommario Requisiti di legge Dichiarazioni

Dettagli

In altri termini cos è

In altri termini cos è Qualità Qualità?... Treviso, 20 ottobre 2012 Scuola di formazione delle AVIS del Triveneto Slide n. 2 Qualità è.. In altri termini cos è L insieme delle caratteristiche di un prodotto / servizio che lo

Dettagli

ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia

ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia ORTOFRUTTA DI QUALITA. Tra esigenze di mercato e aspettative del consumatore, evitando confusione e malattie nervose da burocrazia Giampiero Reggidori Ufficio Produzioni Agricole APO CONERPO (Bologna)

Dettagli

Il sottoscritto Codice Fiscale: nato a Prov. il residente in Prov. CAP via n.

Il sottoscritto Codice Fiscale: nato a Prov. il residente in Prov. CAP via n. Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) Laboratori che eseguono la verificazione periodica degli strumenti di misura ai sensi del Decreto Ministeriale 10 dicembre 2001 con esclusione di quelli

Dettagli

Le Sedi. Referenti Regionali CONTROLLO E CERTIFICAZIONE PRODUZIONI BIOLOGICHE

Le Sedi. Referenti Regionali CONTROLLO E CERTIFICAZIONE PRODUZIONI BIOLOGICHE agenda Bios s.r.l. è un Organismo di Controllo e di produzione biologico ai 2092/91 e successive modificazioni ed integrazioni autorizzato dal Ministero per le Politiche Agricole il 2 aprile 1999 (Decreto

Dettagli

AREA C: SISTEMI INTEGRATI

AREA C: SISTEMI INTEGRATI AREA C: SISTEMI INTEGRATI Codice Titolo Ore C01 Formazione in merito al Sistema di Gestione per la Qualità UNI EN 28 ISO 9001 C02 Internal Auditing secondo la linea guida UNI EN ISO 19011:2012 28 C03 Formazione

Dettagli

L autocontrollo e la possibilità di semplificazione, per ridurre i costi e migliorare la competitività. Clelia Lombardi

L autocontrollo e la possibilità di semplificazione, per ridurre i costi e migliorare la competitività. Clelia Lombardi L autocontrollo e la possibilità di semplificazione, per ridurre i costi e migliorare la competitività Clelia Lombardi Alessandria - 26 giugno 2014 OBIETTIVO DELL AUTOCONTROLLO: GARANZIA DELLA SICUREZZA

Dettagli

Le competenze degli organi di controllo e vigilanza. Paolo Borghi

Le competenze degli organi di controllo e vigilanza. Paolo Borghi Le competenze degli organi di controllo e vigilanza Paolo Borghi Schema delle competenze: Rimettere ordine nelle competenze: Competenze in ordine sparso non si può trovare una norma generale attributiva

Dettagli

Organizzazione. Sistema di gestione 18/11/2011. Corso modulare di Controllo Qualità e Organizzazione Aziendale

Organizzazione. Sistema di gestione 18/11/2011. Corso modulare di Controllo Qualità e Organizzazione Aziendale Corso modulare di Controllo Qualità e Organizzazione Aziendale Parte Sanitaria (MED/42) Lezione 4 Accreditamento e certificazione Prof. Pierpaolo Cavallo Organizzazione Definiamo con tale nome UNA QUALSIASI

Dettagli

Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC. Cesena - 23 settembre 2014

Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC. Cesena - 23 settembre 2014 Le Organizzazioni Interprofessionali nella riforma della PAC Cesena - 23 settembre 2014 Reg.(UE) n. 1308/2013 sull organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli - Le OI sono previste per tutti

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 12 marzo 2014. Disposizioni per la designazione dei laboratori che possono eseguire l analisi dei campioni prelevati durante i controlli

Dettagli

Assoggettare l azienda al sistema di controllo: le procedure da seguire ed i documenti da predisporre

Assoggettare l azienda al sistema di controllo: le procedure da seguire ed i documenti da predisporre ISTITUTO MEDITERRANEO DI CERTIFICAZIONE s.r.l. Assoggettare l azienda al sistema di controllo: le procedure da seguire ed i documenti da predisporre Senigallia 09/11/2005 Relatore: Giorgio Palleri 1 La

Dettagli

Il Ministero della Salute e l applicazione del Regolamento 1223/2009

Il Ministero della Salute e l applicazione del Regolamento 1223/2009 "Il Regolamento (CE) n. 1223/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 30 novembre 2009 sui prodotti cosmetici" Roma, 6 giugno 2013 Il Ministero della Salute e l applicazione del Regolamento 1223/2009

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Regioni e Province Autonome Assessorati Agricoltura Loro Sedi Oggetto: Decreto ministeriale n. 18354 del 27/11/2009, recante Disposizioni per l attuazione dei regolamenti (CE) n. 834/2007, n. 889/2008

Dettagli

LA NORMA UNI EN E LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO A MARCHIO IIP UNI

LA NORMA UNI EN E LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO A MARCHIO IIP UNI LA NORMA UNI EN 14351-1 E LA CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO A MARCHIO IIP UNI Monza 16 aprile 2013 Piero Ricci I.I.P. S.r.l. Istituto Italiano dei Plastici La verifica della conformità Quando un utente acquista

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 15308 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 33 del 24-3-2016 DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE SEZIONE ALIMENTAZIONE 1 marzo 2016, n. 55 Decreto 16 febbraio 2012. Sistema nazionale di vigilanza sulle

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Disposizioni per l attuazione del Reg. (CE) n. 1235/2008 recante modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 834/2007 del Consiglio per quanto riguarda il regime di importazione di prodotti biologici dai

Dettagli

DEL PROTOCOLLO D INTESA AGRICOLTORI/CONSUMATORI

DEL PROTOCOLLO D INTESA AGRICOLTORI/CONSUMATORI PIANO DI CONTROLLO DEL PROTOCOLLO D INTESA AGRICOLTORI/CONSUMATORI SETTORE ORTOFRUTTICOLO PROMOSSO DA Indice generale 1. Premessa...3 2. Scopo e campo di applicazione....3 3. Accesso al sistema di controllo...

Dettagli

SICUREZZA ALIMENTARE: medici e veterinari per la salute dei cittadini

SICUREZZA ALIMENTARE: medici e veterinari per la salute dei cittadini SICUREZZA ALIMENTARE: medici e veterinari per la salute dei cittadini ATS Città Metropolitana di Milano Dipartimento di Prevenzione Medico Dirigente Medico Linda Mantia Sicurezza alimentare La SICUREZZA

Dettagli

PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017

PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO. DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017 PERCORSO VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DIRETTORE ORGANIZZAZIONE SISTEMI E SERVIZI Nicola De Iorio Frisari Verona 21/04/2017 Il NOSTRO DISEGNO STRATEGICO Acque Veronesi si fissa come obiettivo

Dettagli

Attività conto terzi dell Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica Indicazioni economiche

Attività conto terzi dell Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica Indicazioni economiche Attività conto terzi dell Organismo di Certificazione della Sicurezza Informatica Indicazioni economiche Pagina 1 di 5 DRQ/006/42- Rev. 1.1-07/10 Indice Premessa...3 Accreditamento dei laboratori...3 Mantenimento

Dettagli

Qualifica dei Servizi di Pulizia e Sanificazione in Sanita

Qualifica dei Servizi di Pulizia e Sanificazione in Sanita Qualifica dei Servizi di Pulizia e Sanificazione in Sanita Italian Quality COMPANY Ing Rodolfo Trippodo Bologna, 4 febbraio 2015 Presentazione IQC srl IQC srl ITALIAN QUALITY COMPANY Offre un contributo

Dettagli

Forum: Lo scambio di informazioni quale base per prevenire le frodi negli scambi internazionali. (moderatore: Roberto Setti) Bologna, 25 marzo 2010

Forum: Lo scambio di informazioni quale base per prevenire le frodi negli scambi internazionali. (moderatore: Roberto Setti) Bologna, 25 marzo 2010 Forum: Lo scambio di informazioni quale base per prevenire le frodi negli scambi internazionali. (moderatore: Roberto Setti) Bologna, 25 marzo 2010 Risultati del Forum Data di attivazione: 10 febbraio

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI (PREF) allegato A Linea di attività Ufficio responsabile dell'attuazione Prodotto Indicatori di Prodotto Obiettivo Individuazione e implementazione di modelli per l analisi e la gestione del rischio di

Dettagli

L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche

L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche I laboratori ICQRF L organizzazione di un laboratorio di controllo Scelte tecniche e strategico politiche LA CONTAMINAZIONE AGROALIMENTARE Ministero della Salute Roma 16 marzo 2011 Rosa Maria Marianella

Dettagli

CORSO DI AUDITOR INTERNO ED ESTERNO

CORSO DI AUDITOR INTERNO ED ESTERNO CORSO DI AUDITOR INTERNO ED ESTERNO Gruppo Ecoricerche organizza il corso per Auditor Interno (Modulo 1) e Auditor Esterno (Moduli 2) per gli standard ISO 14001 e BS-OHSAS 18001. I percorsi formativi saranno

Dettagli

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica monitoraggio Ispettori ACCREDIA-DT

ACCREDIA L ente italiano di accreditamento. Panoramica monitoraggio Ispettori ACCREDIA-DT ACCREDIA L ente italiano di accreditamento Panoramica monitoraggio Ispettori ACCREDIA-DT 21 Federico MARENGO XXX Convegno dei Centri di Taratura Accreditati 1/15 PG-07 Rev.03: Definizioni ISPETTORE Persona

Dettagli

Istituti di Vigilanza. LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014

Istituti di Vigilanza. LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014 Istituti di Vigilanza LE NOVITA INTRODOTTE DAL D.M. n. 115/2014 novembre 2014 Certificazioni cosa cambia? Col D.M. 115 il Ministero dell Interno coinvolge soggetti terzi per verificare i requisiti minimi

Dettagli

RINTRACCIABILITA NEL SETTORE ALIMENTARE. Isabella d Adda Milano, 30 Ottobre CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO

RINTRACCIABILITA NEL SETTORE ALIMENTARE. Isabella d Adda Milano, 30 Ottobre CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO RINTRACCIABILITA NEL SETTORE ALIMENTARE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 Isabella d Adda Milano, 30 Ottobre 2008 CERTIQUALITY OPERA CON OLTRE 100 PROFESSIONISTI CON SEDI IN TUTTA ITALIA

Dettagli

CORSO TECNICI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA

CORSO TECNICI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA CORSO TECNICI IN AGRICOLTURA BIOLOGICA OBIETTIVI FORMATIVI ICEA settore formazione organizza Corso Tecnici in Agricoltura Biologica che costituisce la formazione base per l accesso al mondo della consulenza

Dettagli

RINTRACCIABILITÀ DI FILIERA E GESTIONE SISTEMA INTEGRATO QUALITA /AMBIENTE/SICUREZZA

RINTRACCIABILITÀ DI FILIERA E GESTIONE SISTEMA INTEGRATO QUALITA /AMBIENTE/SICUREZZA Pag. 365 ATTIVITA C - RINTRACCIABILITÀ DI FILIERA E GESTIONE SISTEMA INTEGRATO QUALITA /AMBIENTE/SICUREZZA 6.11 LINEA C.1 ATTUAZIONE DI UN SISTEMA DI RINTRACCIABILITÀ IN UN AZIENDA VITIVINICOLA Coordinamento

Dettagli

VIAGGIO TRA I PRODOTTI

VIAGGIO TRA I PRODOTTI VIAGGIO TRA I PRODOTTI Centro Incontri della Provincia di Cuneo 21 marzo 2012 Valorizzazione di due prodotti ortofrutticoli Relatore - Italo Bevione ENTI COINVOLTI E COMPETENZE LABORATORIO CHIMICO CAMERA

Dettagli

L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove

L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove L accreditamento dei laboratori: la verifica di competenza di chi fa le prove Silvia Tramontin - Direttore Dip. Laboratori di prova La conoscenza quale riferimento del giornalismo di informazione: spiegare

Dettagli

Premessa... pag 5 Presentazione... 7

Premessa... pag 5 Presentazione... 7 Premessa.... pag 5 Presentazione.... 7 1. Gli accertamenti con adesione......................................... 23 1.1. L accertamento con adesione........................................... 23 1.2. Il

Dettagli

Contaminazione delle filiere alimentari. Dr. D'Aurizio Guglielmo P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare

Contaminazione delle filiere alimentari. Dr. D'Aurizio Guglielmo P.F. Veterinaria e Sicurezza Alimentare Contaminazione delle filiere alimentari 1 Regolamenti del pacchetto igiene 2 Separazione delle responsabilità fra OSA e Autorità Competenti OSA: responsabilità disposizioni di dare piena contenute particolare

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG VICO - Segreteria VICO - Prot. Interno N.0012812 del 17/08/2017 Autorizzazione a Triveneta certificazioni S.r.l. a svolgere le attività di controllo ai sensi dell art. 64 della Legge 12 dicembre 2016,

Dettagli

Ed. 01 Rev. 00 INDICE: Redazione Verifica Approvazione 1 Tipo di Giannoni/Pierfederici Triantafyllidis CDR AIAB. Pagine Ed. Rev.e 21/11/

Ed. 01 Rev. 00 INDICE: Redazione Verifica Approvazione 1 Tipo di Giannoni/Pierfederici Triantafyllidis CDR AIAB. Pagine Ed. Rev.e 21/11/ INDICE: 1. Introduzione 2. Scopi 3. Campo di applicazione 4. Riferimenti normativi 5. Definizioni 6. Requisiti minimi per la gestione 7. Obblighi degli operatori partecipanti 8. Schema dei controlli e

Dettagli

XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010

XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010 XV Corso - Convegno sull attuazione dei principi di Buona Pratica di Laboratorio. Roma 21 dicembre 2010 La Buona Pratica di Laboratorio e la norma ISO 17025: due sistemi a Luciana Croci Istituto Superiore

Dettagli

SETTORE PRODOTTI BIOLOGICI

SETTORE PRODOTTI BIOLOGICI SETTORE PRODOTTI BIOLOGICI Scheda di settore www.ismea.it www.ismeaservizi.it Aggiornamento: settembre 2014 1 LE CARATTERISTICHE DELLA FILIERA www.ismea.it www.ismeaservizi.it I NUMERI DELLA FILIERA struttura

Dettagli

Tracciabilità, coordinamento verticale e governance delle filiere agro-alimentari

Tracciabilità, coordinamento verticale e governance delle filiere agro-alimentari Tracciabilità, coordinamento verticale e governance delle filiere agro-alimentari Alessandro Banterle Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Procedimento per l autorizzazione degli organismi di controllo per le attività di controllo e certificazione delle produzioni agroalimentari IL DIRETTORE GENERALE Visto il Regolamento CE n. 882/2004 del

Dettagli

Legno e Sughero: Food Contact. Legno e Sughero a contatto con gli alimenti

Legno e Sughero: Food Contact. Legno e Sughero a contatto con gli alimenti Legno e Sughero a contatto con gli alimenti i Legno e Sughero Centro tecnico informazioni Legno e sughero a contatto tt con gli alimenti Tutte le imprese che realizzano prodotti in legno e/o sughero destinati

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA E DELLO SVILUPPO RURALE NOTA INTERPRETATIVA N

COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA E DELLO SVILUPPO RURALE NOTA INTERPRETATIVA N COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE DELL AGRICOLTURA E DELLO SVILUPPO RURALE Direzione I. Legislazione agricola e procedure I. 1. Diritto agricolo; semplificazione Data di diffusione: 8.7.2015 NOTA

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE

LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE LA CERTIFICAZIONE E GLI ORGANISMI DI CERTIFICAZIONE Cenni sugli schemi di certificazione AICQ-SICEV e sulla Certificazione del Personale Dott. T.Miccoli Dott. M.Bettinelli 1 CERTIFICAZIONE Spesso si confonde

Dettagli

Modalità di accesso ad una DOP/IGP

Modalità di accesso ad una DOP/IGP Modalità di accesso ad una DOP/IGP Rev. 00 1 SOMMARIO 1. MODALITÀ DI ACCESSO AD UNA DOP/IGP 3 2. IL PERCORSO CERTIFICATIVO DELLA DOP COLLINA DI BRINDISI 4 3. ALLEGATO 1 - DOCUMENTI DA ALLEGARE AL MODELLO

Dettagli

INDICE. Auditor 231 in sanità... 2 Componente dell Organismo di Vigilanza 231 in sanità... 3 Consulente 231 in sanità... 5

INDICE. Auditor 231 in sanità... 2 Componente dell Organismo di Vigilanza 231 in sanità... 3 Consulente 231 in sanità... 5 INDICE Auditor 231 in sanità... 2 Componente dell Organismo di Vigilanza 231 in sanità... 3 Consulente 231 in sanità... 5 Pag. 1 di 6 Auditor 231 in sanità Programma Introduzione al D.Lgs. 231/01 Le finalità

Dettagli

La certificazione volontaria dell EGE: la norma UNI CEI e gli Esperti certificati. C.Napolitano -Secem ENEA - Roma 13 marzo

La certificazione volontaria dell EGE: la norma UNI CEI e gli Esperti certificati. C.Napolitano -Secem ENEA - Roma 13 marzo La certificazione volontaria dell EGE: la norma UNI CEI 11339 e gli Esperti certificati. SECEM..per concretizzare le potenzialità di risparmio energetico individuate ma non ancora valorizzate. L efficienza

Dettagli

La qualità come strumento di competitività dell ortofrutta italiana

La qualità come strumento di competitività dell ortofrutta italiana La qualità come strumento di competitività dell ortofrutta italiana Le certificazioni volontarie di qualità nel settore ortofrutticolo: valore aggiunto o prerequisito? Roma - Hotel Ambasciatori - 10 dicembre

Dettagli

La semplificazione per le microimprese. Clelia Lombardi

La semplificazione per le microimprese. Clelia Lombardi La semplificazione per le microimprese Clelia Lombardi Verbania - 14 maggio 2014 Il Regolamento 852/2004 prevede la possibilità di un applicazione delle procedure basate sui principi dell HACCP con una

Dettagli

Parte terza! Sanità pubblica veterinaria e igiene degli alimenti!! CAPITOLO 8 IL CONTROLLO UFFICIALE!

Parte terza! Sanità pubblica veterinaria e igiene degli alimenti!! CAPITOLO 8 IL CONTROLLO UFFICIALE! Parte terza Sanità pubblica veterinaria e igiene degli alimenti CAPITOLO 8 IL CONTROLLO UFFICIALE Regolamento (CE) 854/2004 Relativo all organizzazione di controlli ufficiali sui prodotti di origine animale

Dettagli

TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n.

TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n. TESTO UNICO DELLA VITE E DEL VINO Disciplina organica della coltivazione della vite e della produzione e commerci del vino. Legge n.238/2016 Palma Esposito - Responsabile settore vitivinicolo Il Testo

Dettagli

Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica

Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica dei reclami e dei ricorsi inerenti il processo di certificazione dei prodotti vitivinicoli DOP Rev Data emissione Area della modifica Motivo della Modifica 00 07/05/2015 Intero documento Prima emissione

Dettagli

PIÙ FIDUCIA IN UN MONDO COMPLESSO IN UN MONDO COMPLESSO. verifica di prodotti

PIÙ FIDUCIA IN UN MONDO COMPLESSO IN UN MONDO COMPLESSO. verifica di prodotti PIÙ FIDUCIA PER VINCERE PIÙ FIDUCIA IN UN MONDO COMPLESSO PER VINCERE IN UN MONDO COMPLESSO verifica di prodotti Verifichiamo la qualità GLUTEN FREE della tua BIRRA Chi è UL? UL è un'organizzazione globale

Dettagli

L AUDIT COME STRUMENTO DI MIGLIORAMENTO

L AUDIT COME STRUMENTO DI MIGLIORAMENTO L AUDIT COME STRUMENTO DI MIGLIORAMENTO 1 L ORIGINE DELLA PAROLA AUDIT Il termine latino audit dal verbo audio, udire, da cui auditor, uditore, ascoltatore; la parola venne poi utilizzata dagli inglesi

Dettagli

ATTESTATI PROFESSIONALI

ATTESTATI PROFESSIONALI ATTESTATI PROFESSIONALI diplomi, attestati, certificati di competenza, proviamo a fare chiarezza Palazzo della Regione Lombardia, Milano 01 dicembre 2016 Dottoressa Arrighi Katia Dottoressa Bulgheroni

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità

Dettagli