UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO DI PROJECT MANAGEMENT. Prof.ssa Maria Teresa Lucarelli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITA Mediterranea DI REGGIO CALABRIA - FACOLTÀ DI ARCHITETTURA CORSO DI PROJECT MANAGEMENT. Prof.ssa Maria Teresa Lucarelli"

Transcript

1 CORSO DI PROJECT MANAGEMENT GESTIONE OPERE PUBBLICHE E CANTIERE (8 CFU) Prof.ssa Maria Teresa Lucarelli Collaboratori: Arch.tti Deborah Pennestrì, Mariateresa Mandaglio, Caterina Musarella

2 APPROFONDIMENTI SUL PIANO DI LAVORO

3 OBIETTIVI DELLA PIANIFICAZIONE 1. allocare le risorse al tempo giusto e per la durata necessaria 2. assegnare al team di progetto le persone più adatte impegnandole a tempo pieno 3. realizzare un monitoraggio ed un controllo efficace IL PIANO DI LAVORO È un documento redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di lavoro si divide in due parti, pianificazione e consuntivazione, per rendere possibile la pianificazione delle attività future e il riscontro tangibile tra le attività effettuate e quelle previste. Il piano di lavoro è un documento che varia nel tempo a seconda delle situazioni e dell evolversi delle attività portate avanti dai membri.

4 OBIETTIVI PIANO DI LAVORO 1. Individuare una gerarchia di obiettivi generali e parziali da raggiungere 2. Definire una Work Breakdown Structure (WBS) coerente con gli obiettivi prefissati ed i processi di sviluppo 3. Determinare ed elencare tutte le attività necessarie per portare a compimento il progetto e collocarle nella WBS 4. Definire gli eventi di innesco e di fine delle attività unitamente ai risultati (documenti-prodotti) desiderati;descrivere tutti i compiti associati alle attività 5. Realizzare un programma logico di interconnessioni tra le attività considerate; 6. Definire un calendario di giorni lavorativi per ogni attività; 7. Stimare l impegno uomo e la durata solare così come le eventuali date obbligatorie o preferenziali di inizio o di fine delle stesse 8. Elaborare il reticolo delle attività determinando l inizio e la fine al più presto e al più tardi, così come lo slittamento totale e relativo di ciascuna attività; evidenziare il percorso critico; 9. Allocare le risorse disponibili su ciascuna attività in funzione delle esperienze, motivazioni, skills e disponibilità presenti; 10. Risolvere tutti i problemi di livellamento delle risorse in base alla loro disponibilità, agendo sulle date e durate delle attività così come sulla allocazione delle risorse sulle attività stesse; 11. Determinare i costi e ricavi del progetto aggregandoli per attività, pietre miliari, risorse, centri di costoricavo e collocarli nel tempo (cashflow); 12. Aggiornare, periodicamente e in caso di scostamenti dal piano, il programma secondo quanto effettivamente realizzato; 13. Confrontare i risultati realizzati in termini di obiettivi, qualità, tempi, costi con quanto pianificato ed effettuare le nuove previsioni a finire.

5 STRUMENTI DI PIANO DI LAVORO

6 Ciascun piano di lavoro sarà composto da tre diversi piani: ORIGINALE; CONSUNTIVO; REVISIONATO. L elaborazione di tutti gli elementi sopra descritti e l utilizzo dell insieme di strumenti di controllo (WBS, diagramma di Gantt, P.E.R.T., diagramma di carico, budget di progetto e fogli di descrizione) permettono di calcolare: - il tempo richiesto per la realizzazione dell intero progetto, - le date di esecuzione di ciascuna attività, - di livellare eventuali sovraccarichi sulle risorse, - di controllare e rivedere l andamento delle spese, ecc.; consentono quindi al responsabile una presa di decisione più puntuale e precisa sulla base di informazioni riguardanti tempi, risorse e costi, in modo da assicurare un efficace e completa gestione progettuale. Il Piano di Lavoro permette di fatto di concretizzare il principio di anticipazione dei vincoli e delle opportunità. Il ricorso a uno schema di pianificazione rigoroso, formale ed esplicito aiuta a far emergere eventuali criticità prima di inoltrarsi nella fase realizzativa.

7 LE LEVE DEL PIANO DI LAVORO

8 IL CONTROLLO PIANO DI LAVORO Il piano deve essere nel seguito costantemente controllato e revisionato. Anche in questo caso il criterio di fondo da adottare è quello dell anticipazione: le nuove informazioni raccolte durante la fase realizzativa devono essere utilizzate non solo per stabilire lo stato di avanzamento dei lavori, ma soprattutto per meglio analizzare cosa succederà nel seguito del progetto e, se necessario, ripianificare le attività restanti. In questo senso, oltre a un costante e tempestivo controllo del progetto da parte del Project Manager, un approccio efficace è quello di individuare, nel corso del progetto, alcuni momenti topici indicati generalmente con il termine milestone (pietre miliari, come quelle che segnano le tappe fondamentali di un percorso). In corrispondenza dei milestone il Project Manager e i principali attori coinvolti nel progetto si riuniscono per analizzare in modo approfondito lo stato di avanzamento (Design Review) e individuare eventuali azioni correttive e di miglioramento. UN ESEMPIO DI PIANO DI LAVORO Pianificazione e Controllo I compiti operativi e le responsabilità specifiche del progetto sono definiti usando un approccio ordinato e sistematico in grado di assicurare la completa definizione di tutti gli elementi costituenti il progetto e le interrelazioni tra gli stessi. L approccio Project Breakdown Structure (PBS) suddivide il progetto in unità più semplici, spingendosi al grado di dettaglio necessario per una pianificazione e un controllo adeguati.

9 DATI DI BASE E possibile rispettare i tempi di consegna? Quale deve essere il prezzo da pagare per non rimetterci?

10 ORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ Attività (sottoattività): Azioni elementari in cui è scomposto il progetto in termini di Sequenza e Durata. Stimare una durata con una precisione dipendente dal tipo di progetto (m: minuto, h: ora, g: giorno, s: settimana, me: mese). Attività di Riepilogo o Fase: Attività lavorativa principale (raggruppamento di sottoattività o Riepilogo). Attività Cardine: Evento significativo del progetto (per esempio il completamento di una Fase) ELENCO DELLE ATTIVITÀ DEL PROGETTO: UN ESEMPIO

11

12 COLLEGAMENTO (PROGRAMMAZIONE) DELLE ATTIVITÀ Collegamenti fra attività Predecessore e Successore: Fine-Inizio, Inizio-Inizio, Fine-Fine (Inizio-Fine ma è poco usato) Scegliere Predecessore e Successore e collegarli: Attenzione all ordine: il primo scelto è predecessore, il secondo successore 1. F-I fra predecessore: Test geologici, successore: Costruzione fondamenta 2. F-I fra pred.: Rifornimento materiale, succ.: Costruzione fondamenta 3. F-I fra pred.: Costruzione fondamenta, succ.: Montaggio impalcature F-I, Montaggio impalcature, Costruzione murale 4. F-I, Montaggio impalcature, Costruzione murale 5. I-I, Costruzione murale, Installazione impianto idraulico 6. I-I, Costruzione murale, Installazione impianto elettrico 7. F-I, Costruzione murale, Intonaco esterno 8. F-I, Costruzione murale, Stesura termoisolante 9. F-I, Costruzione murale, Intonaco interno 10. F-I, Installazione impianto idraulico, Arredamento bagno 11. F-I, Installazione impianto elettrico, Completamento impianto elettrico 12. F-I, Intonaco esterno, Imbiancatura esterna 13. F-I, Stesura termoisolante, Collocazione rete 14. F-I, Collocazione rete, Gettata cemento 15. F-I, Gettata cemento, Realizzazione copertura 16. F-I, Realizzazione copertura, Imbiancatura esterna 17. F-I, Intonaco interno, Pulizia preliminare 18. F-I, Pulizia preliminare, Telaio porte e finestre 19. F-I, Pulizia preliminare, Collocazione pavimenti 20. F-I, Telaio porte e finestre, Installazione porte e finestre

13 21. F-I, Installazione porte e finestre, Imbiancatura 22. F-I, Completamento impianto elettrico, Imbiancatura 23. F-I, Collocazione pavimenti, Imbiancatura 24. F-I, Collocazione pavimenti, Rivestimento Bagno 25. F-I, Rivestimento Bagno, Arredamento bagno 26. F-I, Rivestimento Bagno, Imbiancatura 27. F-I, Imbiancatura Pulizia definitiva 28. F-I, Imbiancatura esterna, Consegna chiavi 29. F-I, Pulizia definitiva, Consegna chiav CRONOPROGRAMMA INDIVIDUAZIONE LE RISORSE RISORSA: persona, attrezzatura, materiale necessario per il progetto Disponibilità: quando posso usarlo Costo: quanto denaro mi costa tale disponibilità RISORSA DI TIPO LAVORO : Persone (singolo individuo o gruppi) e attrezzature RISORSA DI TIPO MATERIALE : Oggetti di consumo (solo per tenere sotto controllo i costi, project non è un programma per gestisce scorte di magazzino)

14 ESEMPIO DI ELENCO RISORSE DI TIPO LAVORO Antonio Rossi unità: 100% Tariffa Std: 100,00/g Bruno Bianchi 100% 100,00/g Carlo Neri 100% 100,00/g Dario Verdi 100% 100,00/g Enrico Giorgi 100% 100,00/g Federico Conti 100% 100,00/g Giovanni Marini 100% 100,00/g Marco Innocenti 50% 80,00/g ESEMPIO DI ELENCO RISORSE DI TIPO MATERIALE Cemento Etichetta: 15kg Tariffa Std: 30,00 Rete metallica 3x3 metri 12,00 Filo elettrico 3-5 mm, 100m 23,00 Tubo plastica 5-12 mm, 30m 60,00 Vernice bianca 25 litri 38,50. ORGANIZZAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO PER LE RISORSE E POSSIBILE TROVARSI IN UNA DELLE SEGUENTI CONDIZIONI: Orari di lavoro flessibili, Vacanze, Indisponibilità, per: Federico Conti Impostare i giorni 2, 3, 4/11 come Non Lavorativi per: Giovanni Marini Variare l orario di lavoro di tutti i Lunedì alle ore 11:00 ed inserire una nota Il lunedì dalle ore 11.00

15 ASSEGNARE RISORSE ALLE ATTIVITÀ

16 ASSEGNARE RISORSE ALLE ATTIVITÀ ATTIVITÀ: ASSEGNAZIONE: 1. Montaggio impalcature Antonio Rossi, Bruno Bianchi 2. Test geologici Antonio Rossi 3. Rifornimento materiale Marco Innocenti 4. Costruzione fondamenta Muratori (200%), Dario Verdi 5. Costruzione murale Muratori (200%), Dario Verdi 6. Installazione impianto idraulico Idraulici, Dario Verdi 7. Installazione impianto elettrico Elettricisti, Dario Verdi 8. Intonaco esterno Muratori 9. Imbiancatura esterna Enrico Giorgi 10. Stesura termoisolante Carlo Neri 11. Collocazione rete Carlo Neri 12. Gettata cemento Muratori 13. Realizzazione copertura Federico Conti 14. Intonaco interno 15. Pulizia preliminare 16. Telaio porte e finestre

17 17. Installazione porte e finestre 18.Completamento imp.elettrico Dario Verdi 19. Collocazione pavimenti 20. Rivestimenti bagno 21. Arredamento Bagno 22. Imbiancatura 23. Pulizia definitiva LA GESTIONE DEL PROGETTO: Verificare l Avanzamento sulle Attività Verificare vuol dire: registrare i dettagli, detti Valori Effettivi, del Progetto quando un lavoro è stato svolto e a quale costo, chi ha svolto cosa, valutare le prestazioni del progetto confrontando la realtà con le previsioni (su tempi, costi, ) Si può fare a più livelli di dettaglio: 1. Registrare il lavoro del progetto come programmato (ok fino alla data xx/xx) 2. Registrare la percentuale di completamento di ogni attività (conclusa al 80%) 3. Registrare data inizio, fine e durata effettiva per ogni attività e assegnazione

18 4. Registrare il lavoro a periodi di tempo (un giorno, una settimana, un mese) IL CONTROLLO DEL PROGETTO 1. Applicare tecniche quantitative e qualitative di misurazione del lavoro svolto rilevando il feed-back in modo tempestivo e preciso ed intervenendo nel modo più trasparente possibile rispetto al processo oggetto del controllo (la misurazione non deve influenzare la realtà misurata!) 2. Aggiornare i piani di lavoro con i dati a consuntivo 3. Confrontare le misurazioni sullo stato di avanzamento con la pianificazione prevista, in modo da rilevare gli eventuali scostamenti ed analizzarne le cause 4. Presentare lo stato di avanzamento lavori alle parti interessate 5. IL TRIANGOLO DEL PROGETTO Gestire le variazioni è il lavoro continuativo del Project Manager. Si fa rientrare ogni problema in una delle 3 categorie del triangolo del progetto

19 Uno dei 3 fattori sarà il più importante per il progetto e, di conseguenza, si modificheranno gli altri due per trovare un compromesso.

20 TRE CAUSE DI INSUCCESSO DI UN PROGETTO: 1. Fuori budget 2. Qualità insufficiente 3. Risultati fuori tempo massimo Un progetto concluso in modo insoddisfacente, o addirittura interrotto, può avere conseguenze finanziarie, politiche e sociali ed è un danno per la reputazione delle persone coinvolte GLI ERRORI PIÙ COMUNI Il team di progetto non comprende gli obiettivi Il team non ha chiari i risultati da portare al cliente Obiettivi raggiunti solo parzialmente a fine progetto Il piano di lavoro è in costante ritardo Il progetto si conclude fuori budget Le cause di fallimento sono nella maggior parte dei casi da attribuirsi a: Project Manager fantasma; gruppo progetto povero di risorse o carente di alcune delle competenze tecniche e specializzate necessarie (la responsabilità è del PM); cattiva definizione iniziale degli obiettivi dei tempi e dei metodi (la responsabilità è del PM); membri del gruppo di progetto distratti da altri obiettivi; orientamento troppo tecnicistico ; variazioni del contesto durante lo svolgimento del progetto (la responsabilità non dipendono dal PM). Sintomi dei fallimenti sono stati evidenziati soprattutto quando i progetti: non hanno rispettano i tempi; sono morti per strada; sono costati molto più del previsto (tempi/costi/qualità); hanno prodotto risultati poveri; hanno prodotto risultati che sono stati rifiutati dal committente perché diversi da quelli predichiarati in fase di pianificazione; hanno prodotto risposte molto apprezzate ma mai attuate (il caso dei progetti cosiddetti politici ).

21 I FATTORI CHIAVE DI SUCCESSO: 1 Obiettivi definiti chiaramente 2 Metodi appropriati di pianificazione e controllo 3 Project Manager 4 Supporto alla gestione 5 Tempo e risorse sufficienti 6 Impegno di tutti gli attori coinvolti 7 Coinvolgimento del cliente/utente finale 8 Comunicazione 9 Struttura organizzativa del progetto 10 Possibilità di fermare il progetto in corso FATTORI CRITICI DI SUCCESSO Disegnare processi e adottare strumenti pragmatici, semplici ed efficaci Raggiungere obiettivi tangibili con dei quick-win ( progetti pilota ) per poi diffondere il modello su tutte le attività progettuali Condurre il progetto con un approccio metodologico coerente Accompagnare tutte le iniziative con una forte componente di comunicazione e di gestione del cambiamento per eliminare i rischi di inefficacia dell iniziativa Far percepire al personale coinvolto che il modo di operare è pensato per aiutarli ad avere una visione più allargata dei progetti e ad ottimizzare e comunicare con più efficacia il loro lavoro Affrontare il progetto i necessari skill, esperienze e risorse dedicate Coinvolgere ed informare fin dall inizio il personale

22 IL CONTROLLO DEI PROGETTI Insieme di attività tendenti a verificare la differenza tra quanto pianificato e quanto ottenuto COSA CONTROLLARE 1. Il raggiungimento degli obiettivi di Budget/Tempi (milestones) e/o loro scostamenti 2. Verificare i diagrammi di SAL (Stato Avanzamento Lavori) per singoli tasks/team 3. Costi a budget e/o scostamenti 4. Milestones e percorsi critici ASPETTI DI CONTROLLO Il processo di controllo deve prevedere un azione di coordinamento periodica, allo scopo di tenere tempestivamente informati tutti i partner delle variazioni subite dal progetto. Questo permette un adattamento a costo minimo alle variazioni Per essere efficace il controllo deve fornire al coordinatore degli all allarmi precoci di variazione del progetto dal piano originale

23 ANALISI E CONTROLLO DEL RISCHIO Il Rischio rappresenta un elemento intrinseco del progetto: possibilità che i risultati del progetto possano divergere dalle attese in seguito a circostanze favorevoli o sfavorevoli. Identificare rischi di progetto non è necessariamente negativo dal momento che è comune a tutti i progetti. Tutti i progetti hanno un grado di incertezza dovuto alle assunzioni fatte ed all'ambiente nel quale vengono eseguiti. I progetti con un livello più alto di rischio richiedono più rigore nel controllo, più impegno, maggiori spese e maggiore attenzione da parte del management. Anche se non tutti i rischi possono essere eliminati per intero, molti possono essere prevenuti e risolti prima che accadano. E' solo dagli anni '80 che il Project Management Institute considera il risk management come uno dei temi fondamentali del project management. Gli obiettivi che il risk management persegue sono quelli di: - rendere consapevole il project manager dei rischi progettuali, della loro importanza e delle conseguenze che si potrebbero subire qualora si verificassero; - suggerire metodi di analisi; - dare indicazioni sulle misure da prendere per prevenire i rischi o diminuirne le conseguenze. I termini più usati nell'ambito delle attività di risk management sono i seguenti: 1) Pericolo: proprietà o qualità intrinseca di una determinata entità avente il potenziale di causare danni; 2) Rischio: probabilità che sia raggiunto il livello potenziale di danno, nonchè dimensioni possibili del danno stesso. 3) Monitoraggio: accertamento di uno stato di fatto, con riferimento ad una unità di misura prestabilita; 4) Audit: rilievo di una discrepanza fra lo stato di fatto ed una norma. 5) Valutazione: analisi delle cause, discussione delle conseguenze e ricerca di alternative. Analisi del rischio Il rischio appare legato a termini quali eventi possibili o imprevisti oppure variabilità o mancanza di informazione circa i parametri del progetto quali durata, costi, etc. Esistono poi dei fattori moltiplicatori di rischio come la dimensione, la complessità, etc. Per gestire e mitigare i rischi, è necessario prima identificarli, valutarne la probabilità di accadimento e stimare l impatto che potrebbero avere sul progetto. L identificazione e la valutazione dei rischio è parte integrante della gestione di un progetto in modo da limitarne il livello di imponderabilità. Tuttavia, la gestione del rischio non vuol dire andare sul sicuro a tutti i costi. Una certa quantità di rischio è inevitabile per un progetto per raggiungere i suoi obiettivi e per sfruttare tutte le opportunità che potrebbero emergere. Quindi una corretta gestione di un progetto mira a contenerne l esposizione al rischio adottando misure volte a ridurre e, in alcuni casi, eliminare il rischio di non conseguire gli obiettivi stabiliti.

24 Lo scopo della Gestione del Rischio è identificare il rischio di un progetto e stabilire un Piano di Gestione del Rischio per ridurre la probabilità che il rischio si verifichi. Nelle metodologie di project management assume un valore fondamentale la tecnica del risk analysys o analisi del rischio. Il rischio associato ad un evento è dato dal prodotto delle probabilità di accadimento per l entità delle conseguenze: RISCHIO: Probabilità x Conseguenze Azioni per la gestione del rischio a) pianificazione del processo b) identificazione dei rischi c) analisi qualitativa dei rischi d) analisi quantitativa dei rischi e) valutazione delle probabilità dell impatto a) PIANIFICAZIONE DEL PROCESSO La pianificazione del processo di gestione dei rischi determina le modalità operative di esecuzione del processo di gestione, individuando le persone coinvolte e le procedure da seguire. b) IDENTIFICAZIONE DEL RISCHIO - stabilire il contesto : - identificare il tipo di rischio (economico, temporale, sociale.) - pianificare, in funzione del resto del processo - delineare la portata della gestione sociale del rischio L identificazione dei rischi costituisce un processo iterativo in quanto lungo il ciclo di vita del progetto possono emergere sempre nuovi rischi. La identificazione e successiva pianificazione del risk management di un progetto implica in via prioritaria la definizione generica delle categorie di rischio: di tipo tecnico (inaffidabilità di una nuova tecnologia ), qualitativo (cambiamenti imprevisti negli standard industriali ), prestazionale (ambiziosità dei risultati attesi ), gestionale (allocazione delle risorse ), organizzativi (conflittualità fra vari reparti aziendali ), esterni (scioperi ), etc. Successivamente si passa a quella specifica, inerente il progetto, attraverso: - analisi del piano di progetto, - raccolta di informazioni utili (interviste ad esperti, brainstorming, etc.),

25 - compilazione di check-list messe a punto in base a dati storici e analoghe esperienze, - verifica delle ipotesi e degli assunti di base del progetto. Classificazione dei rischi di progetto: 1. Rischi di fattibilità: inadeguatezza della soluzione tecnica adottata o la carente giustificazione economica finanziaria del progetto; 2. Rischi competitivi: rischi tipici del contractor per l acquisizione del contratto (mancata interpretazione dei requisiti del cliente nella formulazione dell offerta, mancata proposta di un offerta competitiva rispetto ai concorrenti); 3. Rischi esecutivi e di avviamento: rischi connessi alla fase esecutiva del progetto (tempi, costi e prestazioni tecniche); 4. Rischi di esercizio e manutenzione: tali rischi dovrebbero essere considerati anche nella fase preliminare del progetto, dal momento che le scelte effettuate in questa fase possono compromettere l efficienza dell impianto; 5. Rischi di dismissione. c) ANALISI QUALITATIVA DEI RISCHI Una volta identificati i rischi per i quali è necessaria una specifica azione, passeremo a definirne le priorità in base ai potenziali effetti che potrebbero avere sul piano di progetto. Per fare questo prenderemo in esame: - piano di gestione dei rischi; - lista dei rischi identificati; - stato globale del progetto e sua tipologia; - attendibilità dei dati raccolti; - peso (in termini di probabilità ed impatto) dei singoli rischi; - validità delle ipotesi utilizzate; ottenendo così una lista dei rischi organizzata per ordine di importanza. d) ANALISI QUANTITATIVA DEI RISCHI L analisi qualitativa indica dove focalizzare l attenzione e gli sforzi per poterli eventualmente fronteggiare, ma non dà nessuna indicazione sul quanto mettere in campo in termini di risorse economiche, umane e di tempo. Va definita anche l effettiva probabilità (in termini numerici) che si avrà di raggiungere gli specifici obiettivi di progetto, attraverso l individuazione di indicatore dell esposizione verso i singoli rischi, che permetteranno di valorizzare le riserve di contingenza da prevedere ed accantonare.

26 Gli strumenti in uso sono molteplici: analisi di sensibilità, che consente di stabilire la relazione fra singolo rischio e obiettivo di progetto considerato; analisi decisionale ad albero, che aiuta a scegliere tra le varie alternative; simulazione, che usa modelli matematici per calcolare il potenziale impatto delle incertezze sugli obiettivi di progetto. Come risultato, la lista dei rischi sarà ora ordinata in funzione del loro impatto numerico rispetto agli obiettivi di progetto e sarà anche arricchita da una serie di previsioni probabilistiche sui possibili risultati numerici delle variabili connesse agli obiettivi di progetto (ad es. circa le date di completamento, i costi, etc.), con i relativi livelli di confidenza attribuibili a ciascuna previsione, per affinare le decisioni. e) VALUTAZIONE DELLA PROBABILITÀ DELL IMPATTO 1) Metodo valutazione rischi interni esterni (si esaminano quelli che possono essere i rischi esterni al progetto e quelli interni) 2) Metodo di valutazione in base al grado di controllo sul rischio: rischi controllabili, rischi influenzabili, rischi di cui si è dipendenti (non si ha il controllo) 3) Metodo di valutazione soggetti fattori (i soggetti sono persone fisiche, i fattori sono elementi inanimati, ad es. la rottura di un server) RISK RESPONSE PLANNING: RISPOSTA AI RISCHI Strategie di risposta ai rischi negativi sono: evitare, trasferire, mitigare evitare: ridefinizione delle strategie di progetto per eliminare la minaccia trasferire: trasferire la responsabilità del controllo delle conseguenze dei rischi a terze parti mitigare: portare la probabilità di accadimento (prevenzione) o la magnitudo dell impatto(protezione) al di sotto della soglia di accettabilità Strategie di risposta ai rischi positivi sono: sfruttare, condividere, favorire Risk Response planning: Risposta a i rischi Accettazione del rischio: quando interventi di risposta ai rischi non sono economicamente giustificabili Di volta in volta il project manager può attuare diverse strategie di gestione del rischio in base ai tre momenti fondamentali di concretizzazione del rischio stesso (vedi figura). Tutto questo, considerato rispetto la WBS (Work Breakdown Structure), permette di elaborare il piano dei rischi di progetto che ogni project manager deve elaborare in fase di pianificazione.

27 Fonte: RISK MONITORING AND CONTROL: MONITORAGGIO E CONTROLLO I rischi di progetto devono essere monitorati lungo il ciclo di vita del progetto, dal momento che nuovi rischi possono sorgere, mentre altri possono sparire o modificarsi. PROCESSO DI GESTIONE DEL RISCHIO (PMBOK*) Cos è il PMBOK? Il PMBOK (Project Management Body of Knowledge) è considerato uno degli strumenti più importanti nella professione del project management, ed è lo standard a livello mondiale per l industria. E un insieme di processi e di conoscenze generalmente accettate come best practices nell ambito della disciplina del project management ed è considerato uno standard riconosciuto a livello internazionale (IEEE Std ), che fornisce i fondamenti del project management, a prescindere dal tipo di progetto (di costruzione, di software, d ingegneria, ecc ).

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT

IL PROJECT MANAGEMENT IL PROJECT MANAGEMENT Scopi e campi di applicazione La pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione del progetto Le tecniche di pianificazione dei tempi La gestione e il controllo del progetto

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE

ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE ELEMENTI BASE DI PROGETTAZIONE Urbino: 3 e 4 ottobre 2008 A cura di: Stefano Santini sve@provincia.ps.it Definizione di progetto Opera complessa, unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005

Web Risk Management. Come gestire i rischi di un progetto Web. e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Web Risk Management Come gestire i rischi di un progetto Web e-academy Milano, 20 Ottobre 2005 Mentis innovazione e strategia Mentis crea strumenti innovativi per Aziende che vogliono sfruttare appieno

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: IL SISTEMA DI REPORTING A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 S OMMAR IO LA FUNZIONE DEI REPORT... 3 TIPOLOGIA DEI REPORT... 3 CRITERI

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte)

Guida al livellamento delle risorse con logica Critical Chain (1^ parte) Paolo Mazzoni 2011. E' ammessa la riproduzione per scopi di ricerca e didattici se viene citata la fonte completa nella seguente formula: "di Paolo Mazzoni, www.paolomazzoni.it, (c) 2011". Non sono ammesse

Dettagli

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA

CAPITOLO 4 LA CREAZIONE DI TABELLE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA CAPITOO 4 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 55 A CREAZIONE DI TABEE D ATTIVITÀ E SCHEDE DI SPESA 57 Questo capitolo descrive l uso del Q per sviluppare budget e piani di lavoro basati sul

Dettagli

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope

La rilevanza del risk management nella gestione d impresa. Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope La rilevanza del risk management nella gestione d impresa Giorgia Profumo Università degli Studi di Napoli Parthenope Le nozioni alternative di rischio L approccio tradizionale-assicurativo: il rischio

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ

PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ PROJECT MANAGEMENT SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT DI ELEVATA PROFESSIONALITÀ SERVIZI DI PROJECT MANAGEMENT CENTRATE I VOSTRI OBIETTIVI LA MISSIONE In qualità di clienti Rockwell Automation, potete contare

Dettagli

Processi principali per il completamento del progetto

Processi principali per il completamento del progetto Piano di progetto È un documento versionato, redatto dal project manager per poter stimare realisticamente le risorse, i costi e i tempi necessari alla realizzazione del progetto. Il piano di progetto

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012)

Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Nuovi sviluppi nella progettazione e nell esecuzione dell opera pubblica con il Project Management (Salerno, 16 Aprile 2012) Il Project Management: approcci gestionali e processi (Prof. Ing. Guido Capaldo)

Dettagli

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico

Ciclo di gestione del progetto e Quadro Logico e Quadro Logico PROGETTO Gruppo di attività che mirano a raggiungere un obiettivo specifico in un tempo dato PROGRAMMA Serie di progetti i cui obiettivi riuniti contribuiscono all obiettivo globale comune,

Dettagli

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto

Il Ciclo di Progetto e il Piano di Progetto Il Ciclo di e il Piano di Alessandro De Nisco Università del Sannio Il Ciclo di IL CICLO DI VITA DEL PROGETTO RISORSE TEMPO IDEAZIONE VALUTAZIONE PIANIFICAZIONE REALIZZAZIONE MANUTENZIONE FASE INIZIALE

Dettagli

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività.

Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Unità Formativa 10.2: Strumenti per la programmazione delle attività. Nella precedente Unità formativa si è fatto cenno ad alcuni strumenti molto diffusi per la programmazione delle attività e, in particolare,

Dettagli

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità

Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità Enterprise Risk Management e Sistema di Gestione della Qualità IL RISCHIO Il rischio è la distribuzione dei possibili scostamenti dai risultati attesi per effetto di eventi di incerta manifestazione, interni

Dettagli

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia

Metodologia TenStep. Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Metodologia TenStep Maggio 2014 Vito Madaio - TenStep Italia Livello di Complessità Processo di Project Management TenStep Pianificare il Lavoro Definire il Lavoro Sviluppare Schedulazione e Budget Gestire

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI

LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI LA PIANIFICAZIONE DEI TEMPI Giordano Renato Gariboldi Responsabile Controllo di Gestione e Controllo Progetti Divisione E.& P. giordano. gariboldi@sini.it Comitato Direttivo Corsi ANIMP 1 PIANIFICAZIONE

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO

ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA INTERNAZIONALE DEL TURISMO Anno Accademico 2013 2014 PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO DELLE IMPRESE TURISTICHE Lezione 4 Project Management PROJECT MANAGEMENT Il project management

Dettagli

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio

Programmazione operativa. Organizzazione del cantiere con laboratorio Programmazione operativa Programmazione operativa La programmazione operativa è la traduzione della progettazione dei sistemi edilizi, in termini di programma temporale della fase esecutiva dell opera

Dettagli

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER

PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER PERCORSO DI FORMAZIONE PER PROJECT MANAGER CODICE PM 10.25 DURATA 10 giorni CATEGORIA Project Management DESTINATARI Project manager, responsabili di funzione, membri del Project Management Office, dirigenti,

Dettagli

I processi aziendali e l industria della cornice di legno.

I processi aziendali e l industria della cornice di legno. I processi aziendali e l industria della cornice di legno. Productio Flow può essere classificato come un sistema software progettato ad hoc sulle esigenze gestionali dell industria della cornice di legno

Dettagli

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it

Sviluppo e Gestione dei Progetti. docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Sviluppo e Gestione dei Progetti docente: Prof. Filippo Ghiraldo f.ghiraldo@bep.co.it Metodologie operative Pianificazione e dimensionamento di un progetto Controllo e gestione operativa del progetto.

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI premessa il processo di programmazione e controllo prende le mosse dalla pianificazione strategica e con riferimento al budget aziendale definisce il quadro con cui confrontare

Dettagli

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT

Risk management PMBOK TIME COST SCOPE HUMAN RESOURCES COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS CONTRACT QUALITY ASSURANCE PROJECT MANAGEMENT MANAGEMENT Risk management PROJECT MANAGEMENT SCOPE MANAGEMENT TIME MANAGEMENT COST MANAGEMENT HUMAN RESOURCES MANAGEMENT CONTRACT MANAGEMENT PMBOK QUALITY ASSURANCE COMMISSION MANAGEMENT RISK ANALYSIS 1 PROJECT

Dettagli

LA GESTIONE DEI PROGETTI

LA GESTIONE DEI PROGETTI Mara Bergamaschi LA GESTIONE DEI PROGETTI Copyright SDA-Bocconi Nota didattica PA 2365 LA GESTIONE DEI PROGETTI Di Mara Bergamaschi SOMMARIO: La nozione di progetto; L importanza di un project management

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici

Sviluppo e Gestione di Progetti. Primo modulo: Introduzione al PM. Filippo Ghiraldo - Sviluppo e Gestione di Progetti per Informatici Università di Padova - e Gestione di Progetti Primo modulo: Introduzione al PM docente: Filippo Ghiraldo filippo.ghiraldo@unipd.it Progetti e loro ciclo di vita Esempi Materiale didattico sottoposto a

Dettagli

La gestione dei progetti informatici

La gestione dei progetti informatici Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software La gestione dei progetti informatici Giulio Destri Ing. del Sw: Gestione - 1 Scopo

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento

Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Innovazione per la Pubblica Amministrazione Principi e requisiti di base del Risk Management. Obiettivi, standard e framework di riferimento Fabio Monteduro CISPA-Università di Roma Tor Vergata fabio.monteduro@uniroma2.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IMPIANTI INDUSTRIALI. Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it. Andrea Chiarini 1 IMPIANTI INDUSTRIALI Andrea Chiarini andrea.chiarini@chiarini.it Andrea Chiarini 1 PARTE 5 PIANIFICAZIONE DELLE FASI DI UN PROGETTO Andrea Chiarini 2 PROGETTAZIONE E SVILUPPO DEL PRODOTTO E DEL PROCESSO

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

TECNICHE DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Per conto di AICQ CN 1 - Autore Giovanni Mattana - Consigliere di Giunta AICQ CN Presidente della Commissione UNI per i Sistemi di Qualità La norma è intesa come un supporto per la Iso 31000 e fornisce

Dettagli

Lo Studio di Fattibilità

Lo Studio di Fattibilità Lo Studio di Fattibilità Massimo Mecella Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Roma La Sapienza Definizione Insieme di informazioni considerate necessarie alla decisione sull investimento

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT

ORGANIZZAZIONE E PROJECT MANAGEMENT MUSEOLOGIA E CONSERVAZIONE DEI BENI MUSEALI ORGANIZZAZIONE E PROJECT BARBARA SORESINA Project Manager 16 DICEMBRE 2013 01.1 GESTIONE STRATEGICA PREMESSA PIANIFICAZIONE DI PROGRAMMI E PROGETTI scelta delle

Dettagli

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto

1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto 11 1. Il ruolo della pianificazione nella gestione del progetto Poiché ciascun progetto è un processo complesso ed esclusivo, una pianificazione organica ed accurata è indispensabile al fine di perseguire

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Guida ai Sistemi di Gestione della Salute e della Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI Via Mameli, 72 int. 201/C Via Mameli, 72 int. 201/C 61100 PESARO Tel. 0721.403718 61100 PESARO Tel. 0721.403718 e.mail andreani@pesaro.com e.mail andreani@pesaro.com Guida

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione. Parte I Informazioni preliminari 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione IX Parte I Informazioni preliminari 1 Capitolo 1 Introduzione 3 Immaginate.................................................... 3 Contenuto del libro..............................................

Dettagli

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA

COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA COMUNICAZIONE PER IL MANAGEMENT D IMPRESA Roma, aprile 2015 Project Management (Prof. A. Rocchi) A cosa si riferisce Diverse sono le problematiche relative alla gestione dei progetti all interno di ogni

Dettagli

BIBLIOGRAFIA Project Management. La metodologia dei 12 Step. Come applicarla in tempo reale per gestire con successo piccoli e grandi progetti - Antonello Bove, ED. Hoepli, 2014 Project Management. La

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc.

CLUSIT. Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica. Linea guida per l analisi di rischio. Codice doc. CLUSIT Commissione di studio Certificazioni di Sicurezza Informatica Linea guida per l analisi di rischio Codice doc.to: CS_CERT/SC1/T3 Stato: Draft 1 2 INDICE 1. Introduzione....4 2. Scopo della presente

Dettagli

La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review

La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review La gestione del budget e della pianificazione delle attività in tempi di spending review Leopoldo Ferrè Partner Exeo Consulting Ettore Turra Direttore Sistemi di Gestione APSS Trento Impossibile visualizzare

Dettagli

6. La gestione del contenuto del progetto

6. La gestione del contenuto del progetto 6. La gestione del contenuto del progetto Il primo processo di pianificazione riguarda la definizione di tutto e solo ciò che riguarda il progetto. Occorre passare dalla descrizione dell oggetto finale

Dettagli

La Gestione del progetto

La Gestione del progetto Il Laboratorio e la Professione La Gestione del progetto Padova 25-26 settembre 2009 M. Iside Bruschi REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Il Project Management è un sistema che utilizza ed applica conoscenze

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività

Gestione parte IIC. Diagrammi di Gantt. Esempio. Schemi di scomposizione delle attività Schemi di scomposizione delle attività Gestione parte IIC Work Breakdown Structures (WBS) Struttura ad albero: radice: attività principale i nodi figli rappresentano la scomposizione del nodo padre le

Dettagli

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA

QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA QUESTIONARIO 3: MATURITA ORGANIZZATIVA Caratteristiche generali 0 I R M 1 Leadership e coerenza degli obiettivi 2. Orientamento ai risultati I manager elaborano e formulano una chiara mission. Es.: I manager

Dettagli

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

IL PROGRAMMA DI MANUTENZIONE IL PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI La normativa vigente riconosce l importanza della conservazione della qualità edilizia nel tempo attraverso l introduzione del piano di manutenzione

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business

Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gestire il rischio di processo: una possibile leva di rilancio del modello di business Gianluca Meloni, Davide Brembati In collaborazione con 1 1 Le premesse del Progetto di ricerca Nella presente congiuntura

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT

DAL PROGETTO/DESIGN PROGETTO/PROJECT DAL PROGETTO/DESIGN AL PROGETTO/PROJECT Dal Progetto / Design al Progetto / Project. Il Project Management come strumento per la competitività. Una panoramica su strumenti e tecniche per la gestione efficace

Dettagli

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità

I modelli normativi. I modelli per l eccellenza. I modelli di gestione per la qualità 1 I modelli di gestione per la qualità I modelli normativi I modelli per l eccellenza Entrambi i modelli si basano sull applicazione degli otto principi del TQM 2 I modelli normativi I modelli normativi

Dettagli

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS

Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS Il Piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio - PiMUS a cura di Francesco Botte Delta Consulting S.a.S. w w w. d e l t a c o n s u l t i n g f e l t r e. e u aprile 2010 Indice Il PiMUS 3 La persona

Dettagli

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO

Esempio di check list per la gestione di un progetto. nel settore dello spettacolo dal vivo LUCIO ARGANO Lucio Argano Esempio di check list nella gestione di progetti di spettacolo 1 LUCIO ARGANO Esempio di check list per la gestione di un progetto nel settore dello spettacolo dal vivo sintesi da L.Argano

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020

LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 LA SARDEGNA NELL EUROPA 2020 VERSO UN NUOVO MODELLO DI GOVERNANCE Enti Locali e politiche di coesione Project Management per gli EELL Ornella Cauli 8 maggio 2013 Centro Servizi Losa La logica del Project

Dettagli

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano.

Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. Project Portfolio Management e Program Management in ambito ICT: la verifica di fattibilità del Piano. di: Enrico MASTROFINI Ottobre 2004 Nella formulazione iniziale del Piano Ict sono di solito inseriti

Dettagli

Incidenti ed Incidenti Mancati

Incidenti ed Incidenti Mancati Incidenti ed Incidenti Mancati 1/16 MEMORIA PASSATO INTELLIGENZA PRESENTE PREVISIONE Casi storici... La sicurezza oggi FUTURO La sicurezza domani 2/16 Ciò che è accaduto in passato accadrà ancora. Ciò

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata

IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI. SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata IL BUDGET IN UNA SOCIETA DI SERVIZI SINTESI S.r.l. Potenza, 17.06.2015 - Università degli Studi della Basilicata SINTESI S.r.l 1 SINTESI S.r.l. è una società di servizi che opera nel settore della formazione

Dettagli

Misurazione, analisi e miglioramento

Misurazione, analisi e miglioramento Pagina 1 di 8 Manualle Qualliità Misurazione, analisi e miglioramento INDICE DELLE EDIZIONI.REVISIONI N DATA DESCRIZIONE Paragrafi variati Pagine variate 1.0 Prima emissione Tutti Tutte ELABORAZIONE VERIFICA

Dettagli

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA).

PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA WIN (WELLFARE DI INIZIATIVA). Ing Paolo Neri 4 Settembre 2014 Associazione Vecchie e Nuove Povertà Empoli IL «PROGETTO SOCIALE D INIZIATIVA» Missione: favorire l uscita dal

Dettagli

Software project management. www.vincenzocalabro.it

Software project management. www.vincenzocalabro.it Software project management Software project management Sono le attività necessarie per assicurare che un prodotto software sia sviluppato rispettando le scadenze fissate rispondendo a determinati standard

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia

Analizzare e gestire CAMBIAMENTO. tramite lo strumento e la metodologia Analizzare e gestire il CAMBIAMENTO tramite lo strumento e la metodologia LA GESTIONE DEL CAMBIAMENTO Le aziende sono sempre più di frequente poste di fronte al cambiamento. Oggi ai manager si richiede

Dettagli

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici

Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Redazione e Presentazione di Progetti Informatici Corso di Laurea in Informatica Massimo Ruffolo E-mail: ruffolo@icar.cnr.it Web: http://www.icar.cnr.it/ruffolo Istituto di CAlcolo e Reti ad alte prestazioni

Dettagli

Project Cycle Management

Project Cycle Management Project Cycle Management Tre momenti centrali della fase di analisi: analisi dei problemi, analisi degli obiettivi e identificazione degli ambiti di intervento Il presente materiale didattico costituisce

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

CONCETTI E DEFINIZIONI

CONCETTI E DEFINIZIONI Contenuti del DVR CONCETTI E DEFINIZIONI Valutazione globale e documentata di tutti i rischi per la salute e sicurezza dei lavoratori presenti nell ambito dell organizzazione in cui essi prestano la propria

Dettagli

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi.

EVENT LEZIONE 11. IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management. Economia e organizzazione degli eventi. LEZIONE 11 IL RISK MANAGEMENT La gestione del rischio Il crisis management Cristiano Habetswallner EVENT RISK MANAGEMENT IL RISCHIO E LA POSSIBILITÀ CHE ACCADA QUALCOSA CHE IMPATTI SUGLI OBIETTIVI DELL

Dettagli