V FORUM INTERNAZIONALE DELLE POLIZIE LOCALI Riva del Garda (TN), 8 10 ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "V FORUM INTERNAZIONALE DELLE POLIZIE LOCALI Riva del Garda (TN), 8 10 ottobre 2012"

Transcript

1 INTERVENTO DI APERTURA DEL PRESIDENTE ACI, ANGELO STICCHI DAMIANI Riva del Garda, 8 ottobre 2012 Buona sera. Saluto e ringrazio tutti i partecipanti a questa edizione del Forum Internazionale delle Polizie Locali, organizzato dall Automobile Club d Italia per il quinto anno consecutivo a Riva del Garda, grazie anche alle preziosa collaborazione della Provincia Autonoma di Trento che ha sempre avuto con ACI un forte rapporto sinergico per la diffusione dei valori della mobilità sicura, responsabile e sostenibile. Ringrazio in particolar modo le autorità qui presenti, tra cui: il prefetto della Presidenza della Repubblica, Giulio Cazzella; il commissario del Governo per la Provincia di Trento, Lorenzo Squarcina; la provincia Autonoma di Trento, qui rappresentata dal vice presidente e assessore ai Lavori Pubblici, Ambiente e Trasporti, Alberto Pacher; un ringraziamento particolare al presidente Lorenzo Dellai che ha creduto molto nell importanza di questo incontro; il sindaco di Riva del Garda, Adalberto Mosàner; il presidente della VIII Commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni del Senato, Luigi Grillo; il presidente della IX Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera dei Deputati, Mario Valducci; il direttore del Servizio di Polizia Stradale, Vittorio Rizzi. E la prima volta che ho il piacere di salire su questo palco in veste di presidente dell Automobile Club d Italia. Il Forum Internazionale delle Polizie Locali è una manifestazione importante e speriamo ci siano le condizioni per portarla avanti. L ACI ha il ruolo, le capacità e il know how per farlo, come dimostra la notorietà e l autorevolezza della Conferenza del Traffico e della Circolazione che per tanti anni abbiamo tenuto prima a Stresa e poi qui a Riva del Garda, la cui prossima edizione si aprirà a Roma il 28 novembre. Di anno in anno il Forum Internazionale delle Polizie Locali è diventato sempre di più un momento di confronto strategico per tutta la filiera della circolazione stradale, dove analizzare problemi, lanciare proposte, evidenziare esperienze e modelli organizzativi sul territorio, adottare linee operative comuni a livello nazionale ed internazionale. L anno scorso i lavori sono stati finalizzati alla predisposizione a livello europeo di regole e comportamenti omogenei, gettando le basi per la definizione di un modello unico di Polizia Locale applicabile in Europa.

2 In questa sala l ACI ha sollecitato l emanazione di una Legge Quadro sottolineando la necessità della creazione di una banca dati sulle attività di prevenzione e di repressione degli illeciti, alimentata da tutti i Comandi. Come sappiamo, in quest ultimo anno il Governo e il Parlamento si sono dovuti concentrare su altre priorità per il Paese e la Legge Quadro è ancora all esame della I a Commissione Affari Costituzionali del Senato, dalla quale sarà spedita speriamo presto alle aule del Parlamento per la discussione e la votazione. L importanza dell attività delle migliaia di operatori di Polizia Locale nel presidio quotidiano delle città per la sicurezza non solo stradale è sotto gli occhi di tutti, ma non sempre riceve la giusta considerazione. A tal proposito vorrei dedicare questa edizione del Forum al ricordo di Nicolò Savarino, l agente 42enne di Milano ucciso volontariamente da un nomade a bordo di un SUV il 12 gennaio di quest anno. Per lui - e per i tanti come lui - vi chiedo un applauso che parta davvero dal cuore. I dati sull incidentalità stradale dimostrano che il 75% degli incidenti avviene in città, per un totale di oltre morti e più di feriti. Le Polizie Locali sono quindi un tassello strategico per la prevenzione dei sinistri in ambito urbano ed è per questo motivo che quest anno centriamo la quinta edizione del Forum sul ruolo della Polizia Locale per la sicurezza stradale in Europa, ma non solo. Oggi pomeriggio si svolgerà un convegno dal titolo Il contrasto all evasione fiscale da parte dei Comuni, volta ad approfondire i nuovi poteri riconosciuti ai Comuni dal Governo e dall Agenzia delle Entrate in ambito dei controlli tributari. Ai lavori parteciperanno i rappresentanti delle Polizie Municipali di alcune grandi realtà urbane e il Comandante regionale della Guardia di Finanza. Domani mattina presenteremo i risultati di un indagine avviata dalla Fondazione Filippo Caracciolo di ACI, intitolata La sicurezza stradale in Europa, il cui fine è la descrizione e la valutazione delle iniziative più efficaci realizzate dalle Polizie Locali in materia di sicurezza stradale. Alla presentazione interverranno i comandanti e i rappresentanti delle Polizie locali di 10 città europee, che saluto e ringrazio per la loro partecipazione, ai quali si aggiungerà il Comandante della Polizia Roma Capitale, Carlo Buttarelli, e il Comandante della Polizia Locale di Milano, Tullio Mastrangelo. Nel pomeriggio di domani continueremo con un convegno sul tema della mobilità nelle città italiane, al cui interno - sulla base dei risultati di una specifica indagine realizzata dalla Fondazione ACI Filippo Caracciolo - apriremo un dibattito politico con i rappresentanti delle Associazioni di Polizia locale e delle Amministrazioni comunali.

3 Mercoledì il Forum si chiuderà con una sessione dedicata ai progetti e alle tecnologie per la mobilità urbana. Parleremo quindi di sicurezza stradale, di circolazione, di ambiente, tracciando più in generale le possibili linee di sviluppo di una politica della mobilità a livello locale, nazionale ed internazionale. Partiamo allora da un analisi di come l auto è vista oggi dai nostri governanti. In un Paese come l Italia da sempre legato economicamente e socialmente all automobile, fatichiamo a interpretare la strategia del Governo Monti sull auto, di cui ad oggi non vediamo i risultati. Finora gli automobilisti puntano il dito soprattutto su quelli che sembrano - in tutto e per tutto - i danni recati dall inasprimento fiscale sulle due e quattro ruote. Se si vuole guardare oltre l orizzonte di questa crisi che attanaglia il Paese da troppo tempo, NON SERVE UNA MANOVRA SU L AUTO MA PER L AUTO. Il superbollo si è abbattuto sul settore delle auto più potenti che rappresentano da sempre l icona dell automobilismo italiano nel mondo producendo una forte contrazione delle vendite e una spaventosa fuga di veicoli verso l estero. Come evidenziato nell ultimo bollettino Auto-Trend pubblicato sul sito assistiamo inermi a un fiume di auto di gran pregio e di alto valore che vengono radiate dal PRA per l esportazione: nei primi nove mesi del 2012 questa pratica è cresciuta del 16% rispetto allo stesso periodo dell anno scorso. Ormai quasi 4 auto su 10 radiate vanno oltre confine, a scapito del patrimonio automobilistico del nostro Paese. Ne consegue un danno anche per l Erario, che finora non ha incassato 1 euro ogni 5 attesi dal gettito della tassa. In soldoni, sono entrati nelle casse dello Stato solo 137 dei 168 milioni di euro inizialmente stimati. A queste cifre va poi aggiunta la contrazione di 105 milioni tra Iva, bollo e Ipt per effetto del calo del 45% delle vendite in questo segmento. Senza dimenticare il rincaro delle accise sui carburanti: lo hanno sentito gli automobilisti che hanno speso 3 miliardi in più rispetto allo scorso anno malgrado il calo del 10% dei consumi, ma lo ha sentito anche l Erario che ha incamerato molto meno del previsto pur incrementando del 17% le entrate fiscali. Sui carburanti è opportuno un approfondimento. Si discute oggi di sterilizzazione dell IVA per cercare di ridurre l impatto sulle tasche degli automobilisti del caro-benzina. Va bene, ma prima di tutto bisogna procedere a una rimodulazione delle accise che gravano sui carburanti. Alla pompa paghiamo balzelli sulla guerra in Abissinia, sul Vajont e su altri eventi che ormai figurano solo sui libri di storia, ma a questi si sono continuate ad aggiungere nuove accise perché costituiscono una forma di tassazione diretta, immediata, ineludibile e senza costi gestionali per lo Stato.

4 Pur comprendendo le necessità del momento, è inaccettabile che un evento tragico e negativo come un terremoto possa diventare causa di una tassazione sine die per intere generazioni. A giugno abbiamo lanciato un innovativa forma di protesta civile degli automobilisti chiamandoli allo sciopero della benzina per un giorno. Ha aderito 1 su 3, a dimostrazione di quanto il malessere sia comune su tutto il territorio. L automobile ha sempre contraddistinto l Italia nel mondo, ma oggi gli italiani mostrano preoccupanti segni di disaffezione verso il proprio veicolo. FIAT e altri marchi stanno riscuotendo successo su mercati ben lontani dal nostro, e conseguentemente valutano una rimodulazione delle strategie produttive e distributive. Proprio a FIAT, di cui comprendiamo in gran parte l attesa nei nuovi investimenti nel nostro Paese, chiediamo di partecipare con un approccio ancora più propositivo allo sforzo comune di tutto il comparto dell auto per la ripresa del settore. Le altre grandi Case automobilistiche lo stanno già facendo nei rispettivi sistemi nazionali e l Italia non può rimanere indietro, subendo sul mercato le decisioni degli altri competitors a livello globale. Solo negli ultimi mesi hanno chiuso i battenti nel nostro Paese più di 350 concessionari. Per come è strutturato il nostro sistema economico, ogni anno servono almeno 2 milioni di immatricolazioni per guardare avanti con fiducia, ma il 2012 si chiuderà con non più di 1,3 milioni di auto vendute. Numeri così bassi non si registravano dagli anni 70. Le ripercussioni si avvertono anche a livello sociale ed ambientale, oltre che economico: interrompendosi il processo di rinnovo del parco circolante, sulle strade aumenta il numero dei veicoli obsoleti che sono meno sicuri e più inquinanti. Le auto con più di 20 anni di età sono quasi raddoppiate in pochi anni: dai 2,5 milioni del 2005 a 4,1 milioni di oggi. L età media delle auto in circolazione è di circa 8 anni e mezzo. Tutto ciò evidenzia la necessità strategica - più volte ribadita dall ACI - di un tavolo tecnico nel quale il Governo riunisca tutte le componenti della filiera dell auto. Solo così si può arrivare a una soluzione condivisa e partecipata in grado di riaccendere l automobile italiana che, oggi più che mai, sta sbandando a motore spento su una strada in declino e senza uscita. La priorità è la riduzione dei costi a carico degli automobilisti. Sei mesi fa abbiamo sollecitato al Governo e al Parlamento un passo concreto per abbassare la spesa delle famiglie partendo dall assicurazione auto.

5 L ACI ha inviato al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti, una lettera che porta all attenzione del Governo un progetto di legge con quattro articoli e quattro raccomandazioni in grado di alleviare la pressione sugli automobilisti agendo subito sul costo dell assicurazione: i provvedimenti da noi sollecitati possono produrre ribassi delle polizze rc-auto fino al 40%. Premi più bassi si possono ottenere soltanto razionalizzando le spese e gli indennizzi a carico delle Compagnie, uniformando il mercato assicurativo italiano a quello europeo. Un sinistro che in Italia porta a un rimborso di oltre euro (la perdita di un figlio in un incidente stradale) vale euro in Francia e sterline in Gran Bretagna. Il nostro Paese viene martoriato ogni anno da denunce per colpo di frusta perché è impossibile diagnosticarlo in modo strumentale: il medico si limita a scrivere nel referto il paziente lamenta dolori al collo e le assicurazioni pagano 2 miliardi di euro l'anno, pari al 15% del valore totale dei sinistri annui. E poi ovviamente le assicurazioni si rifanno a carico degli automobilisti. Le quattro proposte sono: 1. Ridurre dagli attuali 2 anni a 90 giorni il tempo utile per denunciare un sinistro. 2. Ripristinare il termine di 5 giorni (oggi 2) entro il quale il danneggiato deve rendere disponibile il veicolo per la perizia da parte dei periti assicurativi. 3. Bloccare i risarcimenti dei danni alla persona qualora la documentazione medica non attesti con certezza e con criteri di misurazione strumentale l esistenza e l entità della lesione. 4. I veicoli danneggiati devono essere riparati in officine convenzionate con le assicurazioni, altrimenti si avrà diritto al risarcimento nella misura massima di quanto previsto in una officina convenzionata. Queste poi le quattro raccomandazioni: 1. La definitiva approvazione della tabella nazionale dei risarcimenti per danni fisici che comportano invalidità dal 9% al 100%, tabella sviluppata dai ministeri competenti ma non ancora entrata in vigore. Se si approvasse oggi, il risparmio immediato per le famiglie sarebbe intorno al 5% del costo della polizza. 2. Creare un gruppo di lavoro per studiare come adeguare i risarcimenti per danno morale da morte pagati in Italia agli standard europei. 3. Collegare le immatricolazioni ed i passaggi di proprietà delle auto alla preventiva stipula della polizza di assicurazione RcAuto. 4. Rivedere la tassazione sulle polizze RcAuto.

6 Il nostro sforzo ha raggiunto il primo obiettivo che ci eravamo prefissati: il Governo ha recepito il progetto. Nel Decreto Sviluppo recentemente approvato è stato anche dato un segnale di attenzione con l abolizione del rinnovo automatico delle polizze assicurative, che consente una maggiore scelta al consumatore lasciandolo libero di cogliere le offerte più vantaggiose al momento di stipulare o rinnovare il contratto di rc-auto. Proprio sull assicurazione auto l ACI ha lanciato da questo palco un grido di allarme che ha lasciato sgomenti gli addetti ai lavori ma anche gli automobilisti: circa 1 auto su 10 è sprovvista di una valida copertura assicurativa. E quanto risulta dai controlli incrociati dei dati del PRA con quelli delle assicurazioni. Speriamo che di queste 3,5 milioni di auto non tutte siano davvero circolanti su strada: magari qualcuna è abbandonata in qualche cortile o ferma in garage. Comunque quello della mancata copertura assicurativa è un fenomeno che desta grande preoccupazione, la cui soluzione sarebbe semplice, immediata e senza costi per lo Stato. Come proposto dall ACI ad aprile, basterebbe rendere obbligatoria l esibizione di una certificazione assicurativa valida per ottenere il rilascio dei documenti di circolazione del veicolo, al momento dell iscrizione al PRA come in quello della trascrizione del passaggio di proprietà. Sfruttando la loro continua presenza sulle strade, un contributo fondamentale al contrasto degli illeciti assicurativi può arrivare proprio dalle Polizie Locali. E vero che nel breve periodo di un controllo stradale è difficile accertare l autenticità dei tagliandi cartacei della rc-auto, ma grazie alla tecnologia di tablet e palmari è possibile verificare subito la copertura assicurativa di un mezzo consultando in tempo reale le banche dati di PRA e assicurazioni. Non parlo della tecnologia di domani, ma della realtà di oggi. ACI sta già sperimentando con il Comune di Roma un dispositivo portatile in grado di fotografare un veicolo, riconoscere automaticamente la targa, controllare al Pubblico Registro Automobilistico la regolarità della sua posizione e verificare con gli archivi ANIA l esistenza di una polizza valida. Questo dispositivo realizzato dall ACI è ovviamente a disposizione di tutti i Comandi di Polizia Locale e di tutte le altre Autorità di controllo che ne faranno richiesta. La nostra tecnologia è anche esportabile all estero: i rappresentanti internazionali delle Polizie troveranno tutte le risposte alle loro domande con i tecnici di ACI qui presenti. E inoltre in fase di omologazione un sistema studiato dall Automobile Club d Italia che sfrutta la stessa logica dei dispositivi portatili - di cui vi ho parlato - sulla rete di telecamere fisse installate nelle città. Sempre con il Comune di Roma stiamo testando il progetto che, grazie anche alle telecamere di controllo degli accessi alla ZTL, verifica in tempo reale la regolarità amministrativa e assicurativa dei veicoli in transito.

7 Anche questa tecnologia sarà poi messa a disposizione di tutti gli Enti locali che vorranno adottarla sul proprio territorio. E innegabile l utilità e l efficacia dell elettronica nel presidio del territorio e nella repressione degli illeciti, anche stradali. L ACI non si schiera certo contro l uso della tecnologia applicata al controllo della viabilità e all elevazione delle multe stradali, a patto che questa non diventi uno strumento più per garantire un flusso di denaro continuo per le casse delle amministrazioni locali. L auto non deve essere un bancomat per nessuno: né per il Governo né tantomeno per gli Enti locali. Non voglio anticipare i contenuti degli studi che presenteremo domani e dopodomani, ma i dati forniti dai Comandi di Polizia locale di 20 capoluoghi di regione ed elaborati dalla Fondazione Caracciolo di ACI offrono due dati che voglio qui sottolineare. Il primo arriva dal raffronto delle quote dei proventi delle multe destinate alla sicurezza stradale, che dimostra come i soldi da impiegare a beneficio degli automobilisti ci sono: poco meno di mezzo miliardo di euro a fronte di oltre 670 milioni di euro incassati con le sanzioni. E circa il 70% del ricavato totale delle multe e l articolo 208 del Codice della Strada sancisce che almeno il 50% vada destinato ad attività finalizzate alla sicurezza stradale. Trieste è la più virtuosa con una quota pari addirittura al 177%, seguita da Roma e Bologna con l 83%. Sotto la soglia della metà si colloca Venezia con il 41%. Non è pervenuto il dato di Ancona, Aosta, Firenze, Perugia e Trento. I soldi per la sicurezza come dicevo ci sono, anche in questi momenti difficili, e sono già individuati e disponibili. Non tutti finiranno in lavori di miglioria stradale, ma la legge prevede che possano essere spesi anche in attività di formazione degli utenti e nel potenziamento dei mezzi a disposizione delle Polizie Locali per il presidio del territorio. L altro dato interessante arriva dal confronto degli incassi delle multe con le auto circolanti, arrivando così a calcolare la spesa media in multe dei singoli automobilisti: si passa dai 225 euro di Ancona ai 10 euro di Potenza e i 7 di L Aquila, con una media di 83 euro per i 20 capoluoghi, esclusi Firenze e Perugia che non sono pervenuti. Questo dimostra non che gli automobilisti anconetani siano più indisciplinati di quelli aquilani, bensì quanto l attività delle Polizie Locali segua ancora linee operative troppo disomogenee sul territorio, a scapito della sicurezza e dell equità sociale. Non va sottolineato il ruolo fondamentale dei cittadini - e degli automobilisti in particolare - per il rispetto comune delle regole. L ACI ci crede così tanto da lanciare un progetto nazionale basato sul social sharing" che punta a sviluppare la partecipazione di una cittadinanza attiva nella tutela della mobilità responsabile e sostenibile, e più in generale della sicurezza comune di tutti.

8 Utilizzando le tecnologie Gps, i cittadini potranno effettuare con il telefonino o il tablet, tramite un "social Hub", segnalazioni alle Autorità di controllo relative ad abusi, degrado ambientale, mancanza di sicurezza. L idea è partita dalla salvaguardia degli spazi di parcheggio destinati ai disabili, ma poi abbiamo visto che poteva essere estesa a più ampio raggio. Sollecitiamo così un approccio partecipativo dei cittadini, rafforzando il rapporto tra l utente con la pubblica amministrazione che mai come in questo periodo è stato così flebile. L Automobile Club d Italia ha approntato questo progetto tramite la propria società ACI Consult, che ha già pianificato una fase di sperimentazione in Sicilia nel mese di febbraio. Le Polizie Locali e più in generale le Amministrazioni territoriali vanno ricoprendo un ruolo sempre più importante per la società. Tra qualche minuto da questo palco partirà un analisi approfondita del nuovo ruolo attivo degli Enti locali nel recupero dell evasione fiscale. Come tutti sapete, una legge del 2011 varata dal Governo Berlusconi restituisce ai sindaci il potere di riscuotere le imposte. Una norma che è nata e ha trovato consenso popolare in un momento in cui il Paese era infervorato dalle proteste verso Equitalia. Giovedì scorso il giornalista Sergio Rizzo ha lanciato un monito dalla prima pagina del Corriere della Sera, partendo dallo scandalo di Tributi Italia per il quale si stima un buco di 500 milioni nelle casse di circa 400 Comuni italiani. Non voglio qui commentare una vicenda che richiama ancora una volta le responsabilità della politica locale, ma il fatto di cronaca rappresenta l ennesimo spunto per cercare di analizzare le possibili conseguenze della norma. Il fatto che i soldi che provengono dal territorio siano gestiti sullo stesso territorio è plausibile, ma troppi Comuni circa la metà degli sparsi per l Italia che non hanno contratti in essere con concessionari sono chiamati dal 1 gennaio 2013 a gestire in proprio il servizio di riscossione, secondo modalità e procedure per loro del tutto nuove, o a cercare disperatamente un partner cui affidare il compito. Questo partner potrebbe non avere l esperienza e la capacità necessaria, e nemmeno la natura giuridica idonea a tutelare le amministrazioni e i cittadini. Così i singoli sistemi locali e più in generale tutto l insieme nazionale rimangono esposti a un rischio enorme. Un ente pubblico come l Automobile Club d Italia, che nasce dalla spinta associazionistica di singoli individui e dal consenso nel tempo di milioni di famiglie, non può tirarsi indietro in momento di bisogno del Paese come quello che stiamo vivendo.

9 Ecco quindi che l ACI si candida a struttura di servizio per le Amministrazioni locali anche su questo fronte, rafforzando la rete di sinergie pubbliche che ci contraddistingue in tutta Italia, grazie anche all attività di raccordo e di rappresentanza svolta quotidianamente dai 106 Automobile Club provinciali. Nell ACI gli Enti locali possono trovare l interlocutore più idoneo per definire al meglio i contorni dell evasione fiscale sul territorio, modulare il contesto operativo, tracciare le linee di intervento e svolgere compiti specifici di riscossione. L esperienza e il know how che da sempre ci contraddistinguono grazie anche l eccellenza di una struttura come ACI Informatica nel campo delle tecnologie applicate alla mobilità sono i nostri plus a vantaggio delle amministrazioni territoriali. Con il Comune di Roma abbiamo già posto in essere una serie di attività per l utilizzazione dei sistemi ACI a servizio delle pubbliche amministrazioni. Certificati, documenti, attestazioni, rilascio di autorizzazioni: sono solo alcuni esempi di quanto già stiamo facendo a beneficio dei cittadini e delle imprese in accordo con le autorità capitoline. ACI è un soggetto istituzionale da sempre al fianco degli Enti locali, una realtà consolidata della pubblica amministrazione che non grava sulle casse dello Stato per via della sua natura di ente pubblico non economico. Al tempo stesso ACI è fortemente radicato nel mercato con 18 società operative nei settori della mobilità, dei trasporti, dell assistenza alla persona, del leisure e del tempo libero. Chi meglio di ACI può interpretare le esigenze dei cittadini tutelando loro e l intero sistema pubblico e privato del Paese? ACI è conosciuta da tutti da più di 100 anni e i nostri elementi distintivi sono la sempre grande passione per l automobile e l orgoglio di appartenenza a un club che è parte integrante della storia e della società italiana.

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LA POLIZIA LOCALE IN ITALIA

LA POLIZIA LOCALE IN ITALIA tudiopl2_layout 26/9/2.55 Pagina LA PLIZIA LCAL I ITALIA ai grandi ai piccoli Comuni ttobre 2 tudiopl2_layout 26/9/2.55 Pagina 2 LA PLIZIA LCAL I ITALIA Il volume è stato interamente realizzato con il

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di

in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito dell'incontro a Milano di Rubano, 24 febbraio 2010 Prot. 455 Sez. 0801 C. 13 Alle sigg.re Sindache ed ai sigg.ri Sindaci dei Comuni del Veneto Loro indirizzi Cari colleghi, in relazione all'emergenza smog, dichiarata a seguito

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

TECO 13 Il Tavolo per la crescita

TECO 13 Il Tavolo per la crescita Componenti TECO 13 Il Tavolo per la crescita Assiot, Assofluid e Anie Automazione, in rappresentanza di un macro-settore che in Italia vale quasi 40 miliardi di euro, hanno deciso di fare un percorso comune

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

L ACQUA A ERICE una storia di mala vita, ma anche una battaglia di civiltà Per maggiori informazioni visita il sito del Comune di Erice: www.comune.erice.tp.it OGGETTO: Attivazione iniziative emergenziali

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

1 di 5 14/04/2011 19.22

1 di 5 14/04/2011 19.22 1 di 5 14/04/2011 19.22 testata Direttiva nâ 6/2011 Il presente questionario à finalizzato a rilevare le modalitã di gestione finanziaria e logistica della flotta di rappresentanza e del parco macchine

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli