Manuale PMLAB Dare e Controllare il mandato di progetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale PMLAB Dare e Controllare il mandato di progetto"

Transcript

1 Sponsorship: un modello di riferimento Titolo Autore PROJECT SPONSORSHIP: un modello di riferimento Tiziano Villa, PMP Edizione Febbraio 2006 Fonte Diritti Manuale PMLAB Dare e Controllare il mandato di progetto ª PMLAB febbraio 2006 Materiale di proprietà esclusiva. E espressamente vietato qualsiasi tipo di riproduzione e commercializzazione. L utilizzo del materiale per attività di formazione e di consulenza all interno dell azienda cliente è consentito esclusivamente al personale di PMLAB. Utilizzi diversi da quelli protetti dalla vigente normativa in materia di copyright devono essere preventivamente autorizzati da PMLAB con apposita concessione scritta. PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMPSM, OPM3 are either marks or registered marks of Management Institute, Inc. 1- Sponsor: definizioni a confronto La figura del Sponsor, che in italiano potrebbe essere tradotta con il termine Committente Interno, riveste una fondamentale importanza nell economia complessiva del progetto. Analizziamo il perché di questa importanza attraverso alcune definizioni: Definizione N.1 Definizione N.2 Definizione N.3 Sponsor provides the interface between project ownership and delivery - The Sponsor is the client side representative who acts as a single focal point of contact with the project manager for the day-to-day management of the interests of the client organisation (OGC - Office of Government Commerce, UK ov.uk/sdtoolkit/ref erence/roles/projp rogspon.html) The Sponsor has ultimate accountability and responsibility for the project and is a member of the Steering Committee ( Board). The Sponsor has the delegated authority of the Steering Committee to assist with business management and project management issues that arise outside the formal business of the Steering Committee. The Sponsor also lends support by advocacy at senior level and ensures that the necessary resources (both financial and human) are available to the project (Tasmanian State Government ment.tas.gov.au/role_res/ pd_projsp.htm) The "sponsor" is management terminology for a senior executive, nominally in charge of the project but with little day to day involvement in the minutiae. Their role is to champion the project at board level, secure funding and ensure that the project manager is able to deliver the project on time and on budget (http://www.businesstitles.com/ cat/management/role9456.htm) The Sponsor is responsible for advocating for the project at the executive level and with control agencies and stakeholders. The Sponsor provides funding, legal support, and policy direction to the project. (http://www.bestpractices.cahw net.gov/officeroles.aspx? rid=2&pid=0) PMLAB Sponsorship.doc

2 Sponsorship: un modello di riferimento Nessuna delle tre definizioni è esaustiva del significato complessivo associato al termine Sponsor. Ciascuna definizione si focalizza infatti su una specifica dimensione nella quale si declina il ruolo di Sponsor: Definizione N.1 Definizione N.2 Definizione N.3 Questa definizione centra l attenzione sulla dimensione business associata al progetto in termini di esigenze del Cliente e degli Utilizzatori Finali e di convenienza a realizzare il progetto in relazione agli interessi in gioco (Business Case). La logica è dunque una logica di tipo Market Oriented che vede il progetto come leva al servizio del business. Questa definizione centra l attenzione sulla dimensione corporate associata al progetto in termini di collegamenti tra il progetto ed il resto della performing organisation. La logica dunque è una logica di tipo Structure Oriented che vede il progetto ottenere la dovuta visibilità e le risorse necessarie dai diversi livelli gerarchici dall organizzazione permanente nella quale è inserito. Questa definizione centra l attenzione sulla dimensione project vera e propria del progetto, assunte a monte determinate condizioni di business e di corporate. La logica dunque è una logica di tipo Life Cycle che vede il Sponsor quale preziosissima risorsa del Manager e del Team in termini di linee guida e risoluzione di questioni chiave durante la vita del progetto. Le 3 Dimensioni fondamentali della Sponshorship Business Ownership Leadership Direction PMLAB Sponsorship.doc

3 Sponsorship: un modello di riferimento 2- L articolazione della Sponsorship PROJECT SPONSORSHIP (Fonte: Sutherland Mc Greal Defining effective sponsorship for complex projects PMI Global Congress EMEA 2005) Corporate Management Leadership Other Stakeholders Sponsorship Framework Business Ownership Direction Client Organization Manager, Team PMLAB Sponsorship.doc

4 Sponsorship: un modello di riferimento Dallo schema si evince che: la figura del Sponsor è centrale in una lettura allargata del contesto di progetto, come quella qui proposta. Il Sponsor si pone infatti al centro di un sistema di relazioni che mettono in contatto diverse e differenti organizzazioni (l organizzazione cliente, o comunque destinataria dei deliverable prodotti dal progetto, l organizzazione permanente di appartenenza del Team, il Team stesso come enclave temporanea di tipo adhocratico chiamata a realizzare il progetto). Ciò vale soprattutto per progetti complessi con significativi ordini di grandezza economici, temporali, organizzativi; il peso degli interlocutori del Sponsor è alquanto rilevante: si tratta infatti di rappresentanti qualificati della Organizzazione Cliente, della struttura gerarchica fino ai livelli più alti della performing organization, del Gruppo di Prgetto come il migliore centro di eccellenza sulle problematiche trattate dal progetto (il team va qui inteso come Extended Team comprendente le competenze di eventuali Terze parti coinvolte nel progetto); per progetti di minore complessità il ruolo del Sponsor e del Manager potrebbero collassate in un unico ruolo. In altre parole viene data maggiore visibilità al Manager di interfacciarsi direttamente con il Corporate Management (Committente interno e e Strutture permamenti) e con l organizzazione cliente (Committente Esterno) e rendere superflua la creazione di una figura dedicata di Sponsor. Ciò significa che nell economia del progetto è più conveniente allargare il raggio di azione del Manager pur chiarendo molto bene quali sono tipici contributi di Management e quali invece di Sponsorship. Naturalmente questa soluzione è praticabile solo se ricoperta da una persona dotata di comprovati livelli di competenza e di autorevolezza che le vengono riconosciuti dagli stakeholder di progetto con i quali si deve interfacciare in questa doppia veste. PMLAB Sponsorship.doc

5 Sponsorship: un modello di riferimento 3- Sponsorship e Life Cycle Lo schema di Sponsorship illustrato al punto precedente delinea le ragioni (perché dell esistenza) e gli interlocutori (nei confronti di chi) della figura di Sponsor. Possiamo considerare questo contributo come la parte più formale della Sponsorship nel senso che ufficializza il valore ed il posizionamento del ruolo del Sponsor nel contesto di progetto. Resta da esplorare la parte più operativa della Sponsorship, vale a dire quali sono le responsabilità che il Sponsor deve assumersi (cosa) ed i quali momenti tali responsabilità devono essere tipicamente attuate (quando). La combinazione delle due parti da origine al modello che abbiamo chiamato Sponsorship in action. Sponsorship in action Il modello contestualizza le tre dimensioni della Sponsorship sul ciclo di vita del progetto, con particolare riferimento ai gruppi di Processi (Process Group) di Manageme nt così come proposti dalla PMBOK Guide del PMI. Un Process Group è definito come a logical grouping of the Management processes. Collectively, these five groups are required for any project, have clear internal dependencies, and must be performed in the same sequence on each project, indipendent of the application area ore the specifies of the applied project life cycle. Management process groups are not project phases 1. Un process group è dunque un raggruppamento logico di processi che funziona come blocco molto coeso in termini di finalità comune, di tipologia di attività svolta e di significativa correlazione tra tali attività, ad esempio tutti i processi di Management che si riferiscono alla pianificazione del progetto. 1 Management Institute (2004) A guide to the project management body of Knowledge (PMBOK Guide), Newtown Square, PA: Management Institute, Glossario. PMLAB Sponsorship.doc

6 Sponsorship: un modello di riferimento Ecco uno schema riepilogativo 2 dei 5 Management Process Group: 1. I processi di Initiating si propongono di identificare e autorizzare un progetto o una parte di esso, solitamente una fase di un progetto più lungo. 2. I processi di Planning si propongono di definire in maniera incrementale i risultati da conseguire e il piano di azione per il loro conseguimento in coerenza con l ambito sul quale il progetto è focalizzato. 3. I processi di Executing si propongono di integrare le persone e le altre risorse per la realizzazione ed il completamento del piano di progetto così come precedentemente pianificato. 4. I processi di Monitoring and Controlling si propongono di misurare su base regolare l andamento del progetto al fine di valutare gli allineamenti e gli scostamenti rispetto al piano iniziale in modo tale da intraprendere se necessario delle azioni correttive tali da assicurare il conseguimento dei risultati attesi. 5. I processi di Closing si propongono di formalizzare l accettazione dei prodotti/servizi realizzati dal progetto in modo tale da portare il progetto, od una fase di esso a concludersi in maniera ordinata. 2 Management Institute (2004) A guide to the project management body of Knowledge (PMBOK Guide), Newtown Square, PA: Management Institute, pag. 40. PMLAB Sponsorship.doc

7 Sponsorship: un modello di riferimento Il modello Sponsorship in action : si articola in un insieme di Responsabilità che il Sponsor è chiamato ad assumersi nei diversi passaggi di progetto ( Life Cycle e Process Group), al fine di governare le dimensioni di Business Ownership, Leadership e Direction, nei confronti degli stakeholder di riferimento (Organizzazione cliente, Livelli gerarchici della struttura permanente, Gruppo di progetto). Di fatto da ogni incrocio Dimensione della Sponsorship Gruppi di processi di PM scaturisce un ben preciso Raggruppamento (Cluster) di Responsabilità in carico al Sponsor: Gruppi di Processi di Management Dimensioni della Sponsorship Raggruppamenti di Responsabilità del Sponsor Ad esempio una responsabilità che il Sponsor si deve assumere in fase di ideazione del progetto (process group = Initiating) per presidiare la dimensione Business Ownership è Valutare la convenienza a realizzare il progetto. I Raggruppamenti (Cluster) di Responsabilità del Sponsor sono 12. PMLAB Sponsorship.doc

8 Sponsorship: un modello di riferimento Sponsorship in action PM Process Group Sponsorship Dimensions Business Ownership Leadership Direction Initiating Sponsor s Responsibilities Cluster 1 Cluster 2 Cluster 3 Planning Cluster 4 Cluster 5 Cluster 6 Executing, Monitoring, Controlling Cluster 7 Cluster 8 Cluster 9 Closing Cluster 10 Cluster 11 Cluster 12 PMLAB Sponsorship.doc

9 Sponsorship: un modello di riferimento 4- Le responsabilita di Sponsorship nella ideazione del progetto Durante la fase di ideazione del progetto (Initiating) l interesse principale del Sponsor è quello di: Definire e chiarire gli obiettivi del progetto ai diversi attori interessati. Ecco una Checklist di domande alle quali il Sponsor deve saper rispondere per poter affermare di stare governando l ideazione del progetto: Sponsor s Ckecklist Initiating (fonte: Joan Knutson The Role of the Sponsor Perché è necessario questo progetto? 2- Quale problema deve essere risolto o quale opportunità si vuole cogliere? 3- In che modo questo progetto supporta gli obiettivi aziendali? 4- Quali sono gli obiettivi di questo progetto? 5- Quali saranno i risultati finali del progetto? 6- Quali sono i benefici derivanti dalla buona riuscita del progetto? 7- Come verrà misurato il successo del progetto? 8- Quali organizzazioni o parti di esse sono interessate dal progetto? 9- Quali attori devono essere coinvolti e come? 10- Quali sono i confini dell ambito del progetto ( Scope)? 11- A quali vincoli (temporali, economici, tecnologici, organizzativi, normativi) è sottoposto il progetto? 12- Dati tali vincoli, cosa è realisticamente possibile conseguire con il progetto? 13- A grandi linee quanto costerà e quanto durerà il progetto? 14- Quali sono i principali rischi del progetto e come possono essere gestiti? PMLAB Sponsorship.doc

10 Sponsorship: un modello di riferimento Ecco l elenco delle principali Responsabilità che qualificano il ruolo del Sponsor in fase di Ideazione (Initiating) del progetto: Responsabilità di Sponsorship - Initiating Dimensione Responsabilità Riferimenti di PM Business Ownership Assicurare l allineamento del progetto agli obiettivi strategici dell organizzazione di appartenenza Valutare la convenienza a realizzare il progetto Studio di Fattibilità (Feasibility Study) Business Case CBA Cost Benefit Analysis Leadership Inquadrare l ambiente complessivo del progetto Identificare e comunicare il valore del progetto Definire i criteri di valutazione del successo del progetto Assicurare il canale comunicativo tra il progetto e la struttura aziendale permanente Studio di Fattibilità (Feasibility Study) Business Case CBA Cost Benefit Analysis Direction Definire il profilo del progetto Assegnare il mandato di progetto al Manager Charter Modello di McFarlan di classificazione progetti PMLAB Sponsorship.doc

11 Sponsorship: un modello di riferimento 5- Le responsabilita di Sponsorship nella pianificazione del progetto Durante la fase di pianificazione del progetto (Planning) l interesse principale del Sponsor è quello di: Definire un piano di progetto chiaro, condiviso ed eseguibile. Ecco una Checklist di domande alle quali il Sponsor deve saper rispondere per poter affermare di stare governando la pianificazione del progetto: Sponsor s Ckecklist Planning (fonte: PMLAB) 1- In cosa consiste l ambito del progetto ( Scope)? 2- Quali sono le modalità più efficaci per assicurarsi che gli stakeholder chiave abbiano pienamente compreso l ambito del progetto? 3- Quale metodologia e quali strumenti di Management sono disponibili e verranno realmente utilizzati per gestire il progetto? 4- Tali metodi e strumenti sono adeguati al profilo del progetto? 5- Come si intende coinvolgere l organizzazione cliente nella gestione e nella realizzazione del progetto? 6- In base a quali criteri verrà controllato l avanzamento del progetto? 7- In base a quali criteri verranno gestite le richieste di modifica al piano iniziale? 8- Quali saranno i livelli di autonomia del Manager? 9- Quale sarà la visibilità del Team nell ambiente di progetto? 10- Quali decisioni vanno prese per rendere eseguibile il piano di progetto? 11- Quali sono i punti forza e i punti di debolezza del Team? PMLAB Sponsorship.doc

12 Sponsorship: un modello di riferimento Ecco l elenco delle principali Responsabilità che qualificano il ruolo del Sponsor in fase di Pianificazione (Planning) del progetto: Responsabilità di Sponsorship - Planning Dimensione Responsabilità Riferimenti di PM Business Ownership Assicurare il necessario contributo da parte dell organizzazione cliente per la gestione e la realizzazione del progetto Management Plan Leadership Garantire la disponibilità delle risorse previste dal piano di progetto Stakeholder Analysis Sostenere la divulgazione e la comprensione del piano di progetto da parte degli stakeholder Direction Assicurarsi che il Manager ed il Team posseggano le competenze necessarie a gestire e realizzare il progetto Assicurarsi che vengano utilizzate metodologie di Management adeguate al profilo del progetto Formalizzare l ambito del progetto Approvare il piano di progetto Concordare i criteri di controllo e di gestione delle modifiche Scope Statement Management Plan PMLAB Sponsorship.doc

13 Sponsorship: un modello di riferimento 6- Le responsabilita di Sponsorship nella esecuzione e controllo del progetto Durante la fase di esecuzione del progetto (Executing e relativo Monitoring & Controlling) l interesse principale del Sponsor è quello di Fornire presenza/supporto in momenti programmati (SAL ) e su richiesta per questioni speciali (problemi, modifiche, decisioni chiave ), inerenti all andamento del progetto. Ecco una Checklist di domande alle quali il Sponsor deve saper rispondere con precisione per poter affermare di stare governando l esecuzione ed il controllo del progetto: Sponsor s Ckecklist Executing, Monitoring & Controlling (fonte: Joan Knutson The Role of the Sponsor Come sta andando il progetto rispetto al pianificazione iniziale (tempi(costi)? 2- C è qualche cosa che potrebbe facilitare la parte a finire del progetto? 3- Il progetto può contare effettivamente sui livelli di collaborazione necessari da parte dei diversi stakeholder? 4- In che misura il progetto sta confermando di poter conseguire gli obiettivi di partenza? 5- Tali obiettivi rappresentano ancora un valore in termini di business per le organizzazioni coinvolte? 6- Quali sono le eventuali alternative per il conseguimento degli obiettivi di business? 7- E quali le eventuali alternative per il proseguimento del progetto? 8- Quali sono i punti di forza ed i punti di debolezza del progetto alla data? 9- E quali in prospettiva? 10- Ci sono ragioni, e se si quali, che spingono per una chiusura anticipata del progetto? PMLAB Sponsorship.doc

14 Sponsorship: un modello di riferimento Responsabilità di Sponsorship Executing, Monitoring & Controlling Dimensione Responsabilità Riferimenti di PM Business Ownership Verificare la validità della convenienza a realizzare il progetto Indirizzare e sostenere le azioni sull organizzazione Cliente durante lo svolgimento del progetto Business Case Stakeholder Analysis Leadership Valorizzare l operato del Team Perorare la causa del progetto Contribuire attivamente alla gestione e risoluzione di conflitti, blocchi, problemi, negoziazioni tra stakeholder Performance Reports Conflict Management Direction Sostenere il Manager (sole point of contact and empowerment) Assicurare la tempestiva disponibilità di risorse e decisioni Partecipare ai processi di escalation: problemi scalati dal Manager e problemi da scalare a Executive Management Verificare l avanzamento del progetto Earned Value Implementation Profile Change System Quality Review Control Approvare le modifiche (CCB) Approvare i major deiverables ed autorizzare le fasi successive del progetto PMLAB Sponsorship.doc

15 Sponsorship: un modello di riferimento 7- Le responsabilita di Sponsorship nella chiusura del progetto Durante la fase di chiusura del progetto (Closing) l interesse principale del Sponsor è quello di: Assicurare il passaggio dei risultati prodotti dal progetto alla dimensione permanente dell organizzazione (processi a regime, strutture organizzative, normale operatività del business ). Ecco una Checklist di domande alle quali il Sponsor deve saper rispondere con precisione per poter affermare di stare governando la chiusura del progetto: Sponsor s Ckecklist Closing (fonte: PMLAB e Joan Knutson The Role of the Sponsor A consuntivo il progetto ha rispettato la pianificazione iniziale (tempi/costi)? 2- In che misura il progetto è stato di successo in base ai criteri di valutazione concordati? 3- Come misureremo i benefici previsti a seguito del completamento del progetto? 4- Cosa rimane da fare? 5- Che cosa ci ha insegnato il progetto? 6- Come ha operato il Manager? 7- Come ha operato il Team? 8- Quali altri opportunità di business sono state generate dal progetto? 9- Qual è il grado di soddisfazione dei diversi stakeholder? 10- In situazione analoghe cosa andrebbe mutuato dal progetto e cosa no? PMLAB Sponsorship.doc

16 Sponsorship: un modello di riferimento Responsabilità di Sponsorship Closing Dimensione Responsabilità Riferimenti di PM Business Ownership Curare l effettivo conseguimento dei benefici dopo che il progetto è stato comp letato Analizzare il grado si soddisfazione dell organizzazione cliente Identificare altre opportunità di business derivanti dal buon esito del progetto Delivery Plan Customer Satisfaction Leadership Valorizzare i risultati conseguiti dal progetto Indirizzare questioni ancora aperte dopo la chiusura del progetto Issue Log Direction Orientare il Team a trasferire le responsabilità di gestione a regime dei risultati prodotti dal progetto agli enti preposti Valutare e comunicare la performance del Manager Valutare e comunicare la performance complessiva del Team Valutare le Lessons Learned di progetto Lessons Learned PMLAB Sponsorship.doc

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Come si organizza un progetto di BPM 1 INDICE Organizzazione di un progetto di Business Process Management Tipo di intervento Struttura del progetto BPM Process Performance

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom

Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Il Project management in IS&T L esperienza Alstom Agata Landi Convegno ANIMP 11 Aprile 2014 IL GRUPPO ALSTOM Project management in IS&T L esperienza Alstom 11/4/2014 P 2 Il gruppo Alstom Alstom Thermal

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP

L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda. a cura di. Ing. Michele Maritato, PMP L organizzazione di un Project Management Office (PMO) innovativo per la gestione del valore dell azienda a cura di Ing. Michele Maritato, PMP Il presente documento è stato redatto dall ing. Michele Maritato

Dettagli

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto»

Presentazione per. «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Presentazione per «La governance dei progetti agili: esperienze a confronto» Pascal Jansen pascal.jansen@inspearit.com Evento «Agile Project Management» Firenze, 6 Marzo 2013 Agenda Due parole su inspearit

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale Gestire l innovazione nelle PMI Il Project Management come competenza manageriale Indice Presentazione Pag. Gli autori» Introduzione» 1. Il contesto di riferimento del Project Management nei progetti di

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate

Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate 6.1 Metodi per lo sviluppo di nuovi prodotti (MSNP) Parole Chiave: Sviluppo di un nuovo prodotto, MSNP, design di prodotto, Stage-Gate Questo capitolo presenta alcune metodologie per gestire al meglio

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema

Process mining & Optimization Un approccio matematico al problema Res User Meeting 2014 con la partecipazione di Scriviamo insieme il futuro Paolo Ferrandi Responsabile Tecnico Research for Enterprise Systems Federico Bonelli Engineer Process mining & Optimization Un

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi

Project Cycle Management. 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico. di Federico Bussi Project Cycle Management 3. La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico di Federico Bussi federicobussi1@gmail.com 1 La tecnica di valutazione basata sul Quadro Logico Nelle pagine precedenti abbiamo

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS

Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS GESIRAD Il Ruolo del TSRM come Amministratore di Sistema II Modulo - Gestione dei Sistemi Informativi RIS/PACS Copyright Siemens AG Healthcare Sector 2009. For internal use only. Roma, 8 marzo 2011 Pellegrini

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità

GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità GoBus: Progettazione e Sviluppo di un App a Supporto della Mobilità Gemma Catolino, Elisa D Eugenio, Davide De Chiara, Alessandro Longo Dipartimento di Studi e Ricerche Aziendali - Management & Information

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

Principi di stewardship degli investitori istituzionali

Principi di stewardship degli investitori istituzionali Corso di diritto commerciale avanzato a/ a/a2014 20152015 Fabio Bonomo (fabio.bonomo@enel.com fabio.bonomo@enel.com) 1 Indice Principi di stewardship degli investitori istituzionali La disciplina dei proxy

Dettagli

Ricognizione di alcune Best Practice

Ricognizione di alcune Best Practice Linee guida sulla qualità dei beni e dei servizi ICT per la definizione ed il governo dei contratti della Pubblica Amministrazione Manuale di riferimento Ricognizione di alcune Best Practice applicabili

Dettagli

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity

Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity Con il patrocinio di: Modelli organizzativi dei General Partner nel Private Equity O.M.Baione, V.Conca, V. Riccardi 5 luglio 2012 Sponsor: Tipologia d indagine Interviste dirette e questionari inviati

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

Il software per la gestione smart del Call Center

Il software per la gestione smart del Call Center Connecting Business with Technology Solutions. Il software per la gestione smart del Call Center Center Group srl 1 Comunica : per la gestione intelligente del tuo call center Comunica è una web application

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

3. LO STAGE INTERNAZIONALE

3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3. LO STAGE INTERNAZIONALE 3.1. IL CONCETTO La formazione professionale deve essere considerata un mezzo per fornire ai giovani la conoscenza teorica e pratica richiesta per rispondere in maniera flessibile

Dettagli

LAVORARE PER PROGETTI

LAVORARE PER PROGETTI LAVORARE PER PROGETTI Giampaolo Calori e Nicoletta Perego Eulogos Consulenti di Direzione 1. PREMESSA Ogni giorno le aziende devono confrontarsi con il mutamento continuo dell ambiente interno ed esterno

Dettagli