TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO FRA LA BORSA ITALIANA E I PRINCIPALI MERCATI AZIONARI EUROPEI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO FRA LA BORSA ITALIANA E I PRINCIPALI MERCATI AZIONARI EUROPEI"

Transcript

1 TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO FRA LA BORSA ITALIANA E I PRINCIPALI MERCATI AZIONARI EUROPEI GIOVANNI SICILIANO * 1. Introduzione L obiettivo del presente studio è quello di documentare alcuni «fatti» ed evidenze empiriche sulla struttura del listino del mercato azionario italiano che emergono dal confronto con altri mercati europei. Si tratta di «fatti» che, a nostro avviso, sono stati spesso trascurati nel dibattito sul sottodimensionamento della Borsa italiana. Come noto, una delle principali «anomalie» del mercato azionario italiano è data dal fatto che vi sono poche società quotate; in paesi europei con un prodotto interno lordo comparabile per ordine di grandezza a quello italiano il numero di società quotate è da 3 a 10 volte superiore a quello che si osserva in Italia. A questo proposito, uno dei principali «fatti» che tentiamo di documentare nel presente lavoro merita di essere anticipato sin d ora: mentre, come detto, il numero di titoli quotati in Italia è notevolmente inferiore a quello dei principali paesi europei, la loro distribuzione di frequenza sulla base della capitalizzazione non è molto dissimile da quella osservabile in Francia, Germania e Inghilterra 1. Da questa evidenza è possibile inferire che il sottodimensionamento del listino italiano non riguarda esclusivamente la fascia dimensionale medio-bassa, come comunemente argomentato. Ciò vuol dire che anche il numero di imprese di grandi dimensioni quotate in Italia è più basso che negli altri paesi. Tuttavia, dal momento pressoché tutte le più grandi società italiane sono già quotate in Borsa (con rare eccezioni, quali ad esempio l ENEL), non ci si può attendere che il contributo alla crescita del listino italiano venga dalle società di maggiori dimensioni. Il secondo obiettivo del lavoro è quello di analizzare la correlazio- * Ricercatore Divisione Studi Economici CONSOB. ¹ Come illustreremo più in dettaglio di seguito, le differenze sostanziali risiedono nelle due code estreme della distribuzione: in Italia, infatti, non vi sono titoli con capitalizzazione simile a quella massima osservabile negli altri paesi europei, mentre i titoli con capitalizzazione inferiore a 100 miliardi di lire hanno un peso minore che negli altri paesi. 97

2 ne fra capitalizzazione e liquidità dei titoli quotati, confrontando mercati azionari caratterizzati da diverse modalità di organizzazione degli scambi. Questo confronto ci permette di trarre qualche spunto di riflessione sul rapporto fra liquidità, dimensione dei titoli e microstruttura dei mercati. In particolare, metteremo in luce come la correlazione positiva fra liquidità e dimensione sia un fatto che accomuna mercati con micro-strutture molto diverse. Questo dato è consistente con le recenti evidenze empiriche sul rapporto fra rendimenti dei titoli azionari e fattori di rischio. In particolare, è stato mostrato 2 come due semplici variabili quali la capitalizzazione e il rapporto fra valore contabile e valore di mercato di un azione (market-to-book ratio) spiegano in maniera sufficientemente accurata le differenze fra i rendimenti attesi delle diverse azioni. In particolare, i titoli con capitalizzazione più ridotta sono caratterizzati da rendimenti richiesti più elevati. Nella misura in cui i titoli più piccoli sono anche i meno liquidi, è possibile spiegare tali maggiori rendimenti attesi in termini di un più elevato premio per la liquidità domandato dagli investitori 3. In generale, quindi, il fattore dimensione contribuisce a spiegare le differenze nei rendimenti attesi (e nei costi di transazione) in maniera almeno pari al rischio non diversificabile (cosiddetto beta) 4. Il lavoro è organizzato come segue. Nella prima parte analizziamo la distribuzione di freqenza per dimensione dei titoli quotati in Italia, Francia, Germania e Inghilterra, mettendo in luce le principali «anomalie» del listino italiano. Nella seconda parte confrontiamo le caratteristiche in termini di liquidità dei primi 30 titoli per capitalizzazione nei diversi mercati europei, mentre nell ultima parte confrontiamo il grado di liquidità dei titoli con capitalizzazione medio-piccola. Nella conclusione sintetizziamo le principali evidenze empiriche documentate nel lavoro. 2. La dimensione dei titoli quotati nei mercati azionari europei 2.1. In questa prima parte del lavoro analizziamo le caratteristiche del listino dei mercati azionari in Italia, Francia, Germania e Inghilterra, fornendo alcuni elementi descrittivi sulla distribuzione dei titoli domestici quotati utilizzando come variabile di confronto la loro capitalizzazione. Mentre per l Italia e per la Germania i dati considerati riguardano esclusivamente il mercato ufficiale, nel caso della Francia e dell Inghilterra non abbiamo potuto trascurare i cosiddetti secondi mercati, dove sono quotati molti titoli con capitalizzazione ² Cfr. Fama e French, ³ Cfr., in particolare, Stoll e Whaley, ⁴ Cfr. Schwert, In particolare, Schwert evidenzia come «... the association between firm size and average stock returns is about as strong as the association between risk and average returns». 98

3 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... ridotta. In particolare, nel caso della Francia abbiamo analizzato, oltre al mercato ufficiale, il Second Marché e il Nouveau Marché, dove sono quotati complessivamente oltre 350 titoli azionari. Nel caso dell Inghilterra, abbiamo considerato il SETS (Stock Exchange Trading System) introdotto a fine ottobre 97 come circuito di contrattazione per i primi 100 titoli più liquidi, il SEAQ (Stock Exchange Automated Quote System), e il SEATS (Stock Exchange Alternative Trading System). Mentre il SEAQ è il circuito dove sono trattati i titoli più liquidi diversi da quelli del SETS, il circuito SEATS serve sia come sistema di contrattazione per i titoli meno liquidi che come circuito per i titoli AIM (Alternative Investment Market, dove i requisiti per la quotazione delle imprese sono minimali). Nella Tabella 1 sono riportati i quintili della distribuzione di frequenza dei titoli quotati per capitalizzazione alla fine del I valori sono convertiti in lire ai tassi di cambio del 31 dicembre. È possibile notare che, anche se in Italia il numero di titoli quotati è di gran lunga inferiore a quello degli altri paesi, la distribuzione di frequenza dei titoli quotati per dimensione è approssimativamente simile a quella degli altri mercati esaminati. Il listino italiano presenta, tuttavia, alcune peculiarità. La capitalizzazione mediana dei titoli quotati italiani è Tabella 1 Distribuzione dei titoli domestici quotati per capitalizzazione (valori al 31/12/97 in miliardi di lire) Italia 1 Francia 2 Ger- Inghilmania 3 terra 4 Capitalizzazione min. 0,7 0,1 0,01 0,01 1º Quintile º Quintile º Quintile º Quintile Capitalizzazione max Capitalizzazione mediana Capitalizzazione media Numero di titoli considerati ¹ Mercato ufficiale. ² Mercato ufficiale, secondo mercato e Nouveau Marché. ³ Mercato ufficiale. ⁴ Stock Exchange Alternative Trading System (SEATS), Stock Exchange Automated Quote System (SEAQ) e Stock Exchange Trading System (SETS). Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. 99

4 pari a circa 230 miliardi, circa il doppio di quella osservabile in Francia e Inghilterra. In altri termini, la metà dei titoli italiani ha una capitalizzazione inferiore a 230 miliardi, mentre la metà dei titoli quotati in Francia, Inghilterra e Germania ha una capitalizzazione inferiore ad un valore che varia fra i 120 e i 150 miliardi di lire. Indicazioni più precise sulla distribuzione di frequenza dei titoli quotati per dimensione si ricavano dalla Figura 1. In particolare, la fascia dimensionale più sotto-rappresentata nel listino italiano è quella dei titoli con capitalizzazione inferiore a 100 miliardi di lire. In Italia il loro peso sul numero totale di titoli quotati è pari al 29 per Fig. 1 Distribuzione di frequenza per dimensione dei titoli domestici quotati in Italia, Francia, Germania e UK (dati al 31/12/97) cento circa, contro il 37 per cento della Germania ed il 43 per cento dell Inghilterra. Questi dati ci permettono di mettere in luce alcune caratteristiche strutturali del listino italiano. La prima è data dal fatto, spesso sottolineato, che il numero complessivo di titoli (e di società) quotate è assai più basso rispetto a quello che si osserva nei principali paesi europei. La seconda, invece, è data dal fatto, molto meno enfatizzato nel dibattito sullo sviluppo della Borsa italiana, che la distribuzione dei titoli per classi dimensionali è approssimativamente simile a quel- 100

5 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... la osservabile in mercati azionari molto più sviluppati del nostro (ancorché, come detto, i titoli più piccoli tendono a essere sottorappresentati e quelli più grandi sovrarappresentati rispetto alla media degli altri paesi europei). Da ciò discende la conclusione che il listino italiano è sottodimensionato (in termini assoluti) non solo nella fascia bassa della capitalizzazione, come viene comunemente argomentato, ma anche in quella medio-alta Ulteriori peculiarità del listino italiano emergono dall analisi dei titoli a capitalizzazione più elevata. La Tabella 2 riporta alcuni dati relativi ai primi 30 titoli per capitalizzazione nei diversi mercati analizzati. In primo luogo, la dimensione media dei primi 30 titoli italiani è di gran lunga inferiore a quella osservabile negli altri paesi. All inizio del 1997 la capitalizzazione media dei primi 30 titoli italiani era pari a circa la metà della dimensione media dei primi 30 titoli francesi, a circa un terzo di quella dei titoli tedeschi e a circa un quinto di quella dei titoli inglesi. Alla fine del 1997 questi rapporti sono in parte mutati, ma il divario dimensionale fra i titoli italiani e i titoli degli altri paesi rimane considerevole. Basti considerare che, sempre alla fine del 1997, il primo titolo inglese (Glaxo Wellcome) capitalizzava l equivalente di circa miliardi di lire, quasi il doppio di ENI e circa un quarto dell intera Borsa italiana. Sommando la capitalizzazione dei primi 5 titoli inglesi a fine 97 (Glaxo, British Petroleum, Shell, Lloyd TSB, e Smthkline) si ottiene un valore superiore a quello dell intera Borsa italiana. Tale Tabella 2 Indicatori di concentrazione del mercato azionario nei principali paesi europei 1 Capitalizzazione Capitalizzazione Scambi primi primi 30 titoli media dei primi 30 titoli/scambi /capitalizzazione 30 titoli totali totale (%) (miliardi (dati in % - di Lit.) periodo dal 2/1 al 31/12/97) 2/1/97 31/12/97 2/1/97 31/12/97 Italia 77,4 77,7 8,992 15,425 77,3 Francia 56,1 56,6 16,865 23,709 64,9 Germania 72,3 69,0 24,454 35,282 58,2 Inghilterra 57,0 48,0 46,630 57,743 41,2 1 Dati riferiti ai soli titoli domestici. Fonte: Elaborazioni su dati Datastream, FESE e Borsa Italiana Spa. 101

6 situazione non è mutata sostanzialmente nel corso degli ultimi 10 anni. A fine 87 il rapporto fra la capitalizzazione dei primi 5 titoli inglesi (convertita al tasso di cambio lira-sterlina del 31/12/87) e la capitalizzazione a fine anno della Borsa italiana era pari all 84 per cento circa. L aumento del rapporto negli ultimi 10 anni (passato dall 84 al 106 per cento circa) è dovuto sostanzialmente al deprezzamento della lira nei confronti della sterlina (pari a circa il 33 per cento). Questo effetto è stato in parte attenuato dal fatto che la capitalizzazione nominale (in sterline) dei primi 5 titoli inglesi è cresciuta meno della capitalizzazione nominale (in lire) della Borsa italiana. La capitalizzazione nominale della Borsa italiana è infatti cresciuta di 4,3 volte mentre quella dei primi cinque titoli inglesi è cresciuta di 4 volte. Tale differenziale ha quindi ridotto l effetto del deprezzamento della lira sulla crescita del rapporto in oggetto. Se guardiamo alla Germania, è possibile osservare come il primo titolo tedesco (Allianz Holding) capitalizzava a fine 97 l equivalente di circa miliardi di lire, un sesto dell intera Borsa italiana. Basta sommare i primi 10 titoli tedeschi per arrivare alla capitalizzazione della Borsa italiana. Il rapporto fra i primi 10 titoli tedeschi e la capitalizzazione della Borsa italiana era pari al 74 per cento circa a fine 87. L aumento del rapporto negli ultimi 10 anni (+ 31 per cento circa) è dovuto sia al deprezzamento del cambio (circa il 32 per cento), sia alla maggiore crescita della capitalizzazione nominale dei primi 10 titoli tedeschi (pari a circa 4,6 volte) rispetto alla crescita della capitalizzazione della Borsa italiana (pari, come detto, a circa 4,3 volte). I primi 30 titoli francesi hanno, invece, dimensioni più simili a quelle dei titoli italiani (comunque la differenza a fine 97 resta di circa il 60 per cento). I primi tre titoli francesi hanno una capitalizzazione inferiore a quella dei primi tre titoli italiani; tuttavia, la Figura 2 illustra come dal quarto titolo in poi la capitalizzazione dei titoli italiani rimane sempre inferiore a quella dei titoli francesi e decresce molto più velocemente. La capitalizzazione del 30 titolo francese è infatti pari a 3,7 volte la capitalizzazione del 30 titolo italiano. La seconda anomalia del mercato italiano, che emerge dai dati riportati nella Tabella 2, è data dal fatto che il peso dei primi 30 titoli sull intero listino, sia in termini di scambi che di capitalizzazione, è decisamente superiore a quello osservabile negli altri paesi europei. Oltre i tre quarti degli scambi complessivi sul mercato ufficiale italiano sono concentrati sui primi 30 titoli più grandi 5. In sintesi, quindi, i primi 30 titoli italiani per capitalizzazione hanno una dimensione ⁵ Se consideriamo i primi 30 titoli per controvalore degli scambi, la loro quota sul totale delle contrattazioni nel 1997 sale all 81,7 per cento. 102

7 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Fig. 2 Capitalizzazione dei primi 30 titoli domestici in Italia, Francia e Germania (dati a fine 97 in miliardi di lire) media più piccola di quella delle altre blue chips europee, ma allo stesso tempo hanno un peso sull intero listino più elevato. 3. La liquidità dei titoli a capitalizzazione elevata 3.1. In questa seconda sezione forniamo alcuni indicatori di liquidità e di «qualità» del mercato focalizzando l attenzione sui i primi 30 titoli per capitalizzazione in ogni mercato considerato in precedenza. Abbiamo selezionato i primi 30 titoli sulla base della capitalizzazione alla data del 2/1/97 e abbiamo utilizzato per le successive elaborazioni le serie storiche giornaliere dei prezzi e dei volumi scambiati per l intero 97. Abbiamo utilizzato due diverse misure della liquidità. La prima è lo spread bid-ask, che fornisce una misura dei costi di transazione ed è allo stesso tempo indicativo della profondità e dello spessore del mercato, nonché della frequenza delle contrattazioni. La seconda misura di liquidità che abbiamo adottato è data dalla stima dell impatto di una data variazione dei volumi scambiati sulla variazione dei prezzi depurata per gli effetti relativi a movimenti generali del mercato. Le variazioni dei prezzi non sono, infatti, necessariamente generate da variazioni nei volumi scambiati, ma possono dipendere da fattori e andamenti di natura generale che influiscono su tutto il mercato. Un elevata volatilità dei prezzi può, ad esempio, dipendere dall arrivo di nuove informazioni senza che vi sia una più intensa attività di 103

8 scambio 6. Ciò tuttavia non deve essere interpretato come un segno di scarsa liquidità del titolo. Per cercare di tenere conto di effetti di questo tipo abbiamo rimosso dalle variazioni dei prezzi l impatto dei movimenti generali del mercato regredendo i rendimenti giornalieri dei singoli titoli sull indice del mercato. In particolare, abbiamo utilizzato la seguente specificazione (cosiddetto market model): R i =α+βr m +µ i [1] dove R i indica il rendimento giornaliero di un singolo titolo e R m il rendimento giornaliero dell indice di mercato. I residui µ i rappresentano i rendimenti giornalieri depurati per le variazioni generali del mercato. Abbiamo successivamente verificato la relazione fra i residui del market model e le variazioni dei volumi scambiati utilizzando la seguente regressione lineare 7 : µ 2 i =φ+γv i +ε i [2] dove V i indica la variazione percentuale giornaliera dei controvalori scambiati e µ i compare al quadrato per misurare gli effetti di V i sulla volatilità dei rendimenti giornalieri corretti per l andamento generale del mercato. Il coefficiente γ nell equazione [2] misura quindi l effetto del volume degli scambi sulle variazioni dei prezzi aggiustate per l andamento generale del mercato (cosiddetta market adjusted liquidity). Minore è γ maggiore è la liquidità del titolo poiché una data variazione degli scambi giornalieri avrà un impatto minore in termini di variazione dei prezzi. La Tabella 3 riporta i valori medi delle stime di γ per i 30 titoli dei diversi paesi e i valori medi dello spread bid-ask osservati a fine giornata. La Tabella riporta anche il numero di titoli, sui trenta esaminati, per i quali il valore di γ è statisticamente diverso da zero. Per questi titoli variazioni del controvalore degli scambi hanno effetti statisticamente significativi sulla volatilità dei rendimenti aggiustata per i movimenti generali del mercato. I valori medi riportati nella Tabella 3 evidenziano una tendenziale coerenza fra l indicatore γ e il livello dello spread bid-ask 8. Un ecce- ⁶ Per una rassegna della letteratura sulla relazione fra variazione dei prezzi e variazione delle quantità scambiate si veda Karpoff, ⁷ Per una discussione degli aspetti metodologici di tale approccio si veda K. Baker, Trading location and liquidity: an analysis of U.S. dealer and agency markets for common stocks, New York University, Salomon Center, ⁸ Nel caso dell Inghilterra, per il calcolo dello spread bid-ask abbiamo diviso il periodo di osservazione alla data del 20 ottobre 1997 in cui il London Stock Exchange ha introdotto un sistema di negoziazione basato su di un book order driven (SETS o Stock Exchange Trading System) per i primi 100 titoli più scambiati, in luogo del sistema quote driven basato sull esposizioni di prezzi da parte dei market makers (SEAQ o Stock Exchange Automated Quote System). L aumento dello spread bid-ask dopo l in- 104

9 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Tabella 3 Indicatori di liquidità per i primi 30 titoli a più elevata capitalizzazione (stime sul periodo 2/1-31/12/97) Valore Numero di Spread medio titoli con bid-ask di γ coefficiente γ medio 2 (x 10 2 ) 1 statisticamente diverso da zero al 5% Italia 0, ,25% (3,394) (0,08%) Francia 0, ,35% (2,581) (0,22%) Germania 0, ,12% (2,119) (0,07%) Inghilterra 0, ,24% (4,585) (0,07%) Prima del 20/10 0,22% (Market Makers) (0,08%) Dopo il 20/10 (Intro- 0,34% duzione del SETS 3 ) (0,08%) Lo spread bid-ask è definito come (P A i, t P B i, t ) / [(P A i, t + P B i,t ) / 2] dove P A i, t è il prezzo della migliore proposta in lettera (ask) per il titolo i-esimo presente sul B book di negoziazione alla fine della giornata t, mentre P i,t è il prezzo della migliore proposta in danaro (bid). I valori medi riportati nella Tabella sono calcolati come segue: per ogni titolo è stata calcolata la media time-series dello spread nel periodo 2/1-31/12/97 e successivamente la media cross-section di tale valore per i 30 titoli di ogni paese. (1) Valore medio della statistica t in parentesi. (2) Deviazione standard in parentesi (3) Il SETS è lo Stock Exchange Trading System basato sul sistema di contrattazione order driven. zione è data dai titoli francesi per i quali si osserva un basso valore medio di γ (ed un basso numero di titoli con γ statisticamente diverso da zero) ma un elevato valore medio dello spread bid-ask. Tuttavia, l elevato valore dello spread bid-ask è dovuto ad alcuni outliers, come desumibile dal fatto che la deviazione standard è decisamente superiore a quella che si osserva negli altri paesi. troduzione del sistema order driven è probabilmente dovuto alle necessità di adeguamento da parte degli operatori. Il nuovo sistema adottato dal London Stock Exchange non prevede, ad esempio, una fase di pre-apertura come in Italia o in Francia e ciò ha causato un eccesso di volatilità dei prezzi nella fase iniziale della giornata. 105

10 L elevato valore γ di per il mercato inglese, invece, è coerente con le previsioni della teoria della micro-struttura dei mercati: i market makers incorrono nel rischio di dover effettuare transazioni con un insider e quindi adeguano più prontamente prezzi e spreads praticati alla dimensione degli ordini eseguiti 9. Tuttavia, il valore di γ non coglie il contributo in termini di immediacy che i market makers offrono al mercato (contributo che invece si riflette nella dimensione dello spread bid-ask), cioè la possibilità di effettuare transazioni di elevato ammontare unitario in un unica operazione, cosa non sempre possibile in sistemi con un order book alimentato da ordini a prezzo limitato. Se ignoriamo il London Stock Exchange, sia perché vi è stato un mutamento nel meccanismo di contrattazione e sia per le peculiarità del sistema di market making appena esposte, l Italia presenta un valore medio del parametro γ più elevato rispetto a Francia e Germania. Ciò, come detto, segnala il fatto che variazioni nelle quantità scambiate hanno un impatto maggiore sulle variazioni dei prezzi. La minore liquidità dei primi 30 titoli italiani può dipendere sia dal fatto che la loro dimensione media è minore, come evidenziato nella Tabella 2, sia dal fatto che il loro flottante potrebbe essere inferiore a quello dei titoli tedeschi e francesi Il mercato italiano ha fatto comunque registrare notevoli progressi negli ultimi anni. In particolare, l introduzione del future sul MIB30 (FIB30) ha generato un notevole incremento degli scambi sui titoli sottostanti, soprattutto in coincidenza delle scadenze mensili del contratto, per effetto della chiusura delle posizioni di arbitraggio o speculazione. Questa maggiore attività sui titoli del MIB30 generata dall introduzione del FIB30, che si è concentrata in specifici giorni del mese, non ha avuto di norma apprezzabili effetti sui prezzi. Questa evidenza si ricava dai dati della Tabella 4. Nel giorno di liquidazione del FIB30 (3 venerdì del mese) gli scambi (misurati sulla base del numero di titoli) aumentano in media del 46 per cento circa rispetto al giorno precedente. Invece, la differenza fra la variazione media dei prezzi nel giorno di liquidazione del FIB30 e quella negli altri giorni lavorativi non è statisticamente diversa da zero. Da questo punto di vista, quindi, l introduzione del FIB30 ha sicuramente migliorato il grado di liquidità del mercato (come misurato dal parametro γ), ma comunque questo rimane ancora più basso rispetto ai livelli del mercato tedesco e francese. ⁹ È normale che un market maker inferisca la probabilità di dover effettuare una transazione con un insider dalla dimensione dell ordine. I profitti di un insider sono infatti direttamente correlati con i volumi della transazione e con la rapidità di esecuzione dell ordine. 106

11 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Tabella 4 Variazione degli scambi e dei prezzi nel giorno di liquidazione del contratto FIB30 (dati relativi al periodo 2/1-31/12/97) Variazione giornaliera media dell indice MIB30 Variazione giornaliera media del numero di azioni scambiate dei titoli del MIB30 3º venerdì del mese (giorno di liquidazione del contratto FIB30) (A) 0,11% 45,7% Altri giorni lavorativi (B) 0,20% 1,85% Test t per la differenza fra le medie (p-values H 0 : A = B) 0,228 *0,002 * * Differenza fra le medie statisticamente diversa da zero all 1%. Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. 4. La liquidità dei titoli con capitalizzazione medio-piccola 4.1. Appare interessante a questo punto confrontare le caratteristiche di liquidità dei titoli azionari a capitalizzazione medio-piccola quotati in Italia con le caratteristiche dei titoli di dimensione simile quotati negli altri paesi esaminati in precedenza. Abbiamo deciso di prendere un riferimento definito in termini assoluti per individuare i titoli «medio-piccoli», piuttosto che usare un criterio relativo basato, ad esempio, sui percentili della distribuzione dei titoli sulla base della capitalizzazione. L utilizzo di soglie basate sui percentili può portare a confrontare titoli con capitalizzazioni diverse. Abbiamo deciso di «tirare la linea» utilizzando il valore soglia di 530 miliardi di lire e di usare come data di riferimento il 19/5/97, piuttosto che la fine del 97. La scelta di questa particolare data e valore soglia discende dal fatto che proprio alla data del 19/5/97 la Consob ed il Consiglio di Borsa (ora Borsa Italiana SpA) hanno individuato oltre 100 titoli azionari medio-piccoli caratterizzati da bassa liquidità. Tutti i titoli individuati (salvo che in un caso) avevano una capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire. Questo valore dimensionale è stato preso quindi come benchmark di riferimento per isolare i titoli a capitalizzazione medio-piccola (e potenzialmente poco liquidi) negli altri paesi europei considerati. Il periodo di osservazione è quindi centrato al 19/5/97 (che è la data in cui abbiamo «fotografato» i diversi listini e alla quale abbiamo calcolato la capitalizzazione dei titoli) e si estende dai 6 mesi precedenti a quelli successivi per ciò che riguarda i confronti basati sulle serie storiche degli scambi e dei prezzi. 107

12 Tabella 5 Distribuzione dei titoli domestici quotati per capitalizzazione (valori al 19/5/97 in miliardi di lire) Italia 1 Francia 2 Germania 3 Inghilterra 4 Capitalizzazione minima 0,03 0,1 0,1 0,01 1º Quintile 36,9 31,8 24,6 26,4 2º Quintile 117,9 89,3 82,6 78,1 3º Quintile 306,5 246,5 246,0 202,7 4º Quintile 1038,9 1081,4 865,2 710,9 Capitalizzazione max 72192, , , ,8 Capitalizzazione media 1611,8 1490,4 1781,7 1582,7 Numero di titoli considerati 287,8 746,0 758,0 1880,0 1 Mercato ufficiale. 2 Mercato ufficiale e secondo mercato e Nouveau Marché. 3 Mercato ufficiale. 4 Stock Exchange Alternative Trading System (SEATS) e Stock Exchange Automated Quote System (SEAQ). Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. Ci è sembrato utile, tuttavia, analizzare in maniera precisa la distribuzione dei titoli per capitalizzazione in ogni paese considerato per verificare in quale percentile si colloca la soglia dei 530 miliardi nei diversi mercati azionari. La Tabella 5 riporta i valori dei quintili ottenuti ordinando i titoli sulla base della capitalizzazione al 19/5/97. È possibile notare come la soglia di 530 miliardi di lire si colloca in tutti i paesi fra il 3 ed il 4 quintile (e quindi individua una percentuale di titoli compresa fra il 60 e 80 per cento del totale). La Tabella 6 riporta inoltre alcuni dati che misurano il peso dei titoli con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi sull intero listino. Nel caso dell Italia, ad esempio, ancorché il numero di titoli quotati con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi sia notevolmente inferiore a quello degli altri paesi (vedi la Tabella 7), il loro peso sulla capitalizzazione e sugli scambi complessivi è analogo a quello osservabile negli altri paesi. I dati della Tabella 6 confermano le evidenze riportate nella Tabella precedente: la soglia di 530 miliardi di lire individua in tutti i mercati considerati approssimativamente il 70 percentile della distribuzione dei titoli domestici quotati Prima di analizzare le caratteristiche di liquidità dei titoli con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire è opportuno fornire una breve descrizione delle modalità di organizzazione degli scambi nei paesi considerati. In primo luogo mentre i mercati azionari in Italia, Francia e Germania sono fondamentalmente organizzati nella 108

13 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Tabella 6 Peso dei titoli quotati domestici con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire sull intero listino (dati al 19/5/97) Italia 1 Francia 2 Germania 3 Inghilterra 4 Incidenza % sul numero totale dei titoli quotati 68,6 68,8 72,0 76,5 Incidenza % sulla capitalizzazione complessiva 6,7 5,5 5,0 6,0 Incidenza % sugli scambi complessivi 5,4 2,3 2,4 2,7 (Dati dal 19/11/96 al 18/11/97) Capitalizzazione media 151,1 116,9 155,0 121,0 (in miliardi di lire) 1 Mercato ufficiale. 2 Mercato ufficiale e secondo mercato e Nouveau Marché. 3 Mercato ufficiale. 4 Stock Exchange Alternative Trading System (SEATS) e Stock Exchange Automated Quote System (SEAQ). Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. forma di asta continua (order driven), il London Stock Exchange è basato sulla l attività di market making svolta dagli intermediari finanziari (sistema quote driven). In particolare, sul circuito del SEAQ vi possono essere più market makers attivi per ogni singolo titolo che espongono le proprie quotazioni in acquisto e vendita in competizione fra di loro; per ogni titolo del SEAQ, inoltre, viene determinata la cosiddetta Normal Market Size o NMS sulla base della quale sono parametrati gli obblighi di mantenimento degli spreads da parte dei market makers. Quando un titolo non riesce ad attrarre più di un market maker viene passato al SEATS. Su questo circuito, disegnato appunto per i titoli meno liquidi, possono essere esposti sia i prezzi denaro-lettera del market maker sia ordini a prezzo limitato immessi da qualsiasi operatore abilitato (member firm). Su i titoli del SEATS dove la liquidità è molto scarsa è possibile osservare spesso solo ordini a prezzo limitato e non twoway quotes. Il circuito SEATS serve anche come sistema di contrattazione per i titoli AIM (Alternative Investment Market, dove i requisiti per la quotazione delle imprese sono minimali); tuttavia per i titoli AIM scambiati sul SEATS vi può essere più di un market maker attivo e non viene determinata la NMS. Passando alla Francia, il Nouveau Marché (operativo dal 14 febbraio del 1996) combina invece meccanismi di contrattazione diversi: 109

14 ad un sistema quote driven, simile al SEATS (cioè un solo market maker per ogni titolo con obblighi su spreads e quantità), si aggiunge un asta a chiamata (un vero e propio fixing) a inizio ed a fine giornata (9:30 e 16:30). Per ciò che riguarda, invece, il mercato ufficiale ed il secondo mercato, la Borsa di Parigi ha adottato alcune varianti del sistema order driven in relazione alla diversa liquidità dei titoli. Sia i titoli quotati sul mercato ufficiale che quelli quotati sul mercato secondario sono divisi infatti in quattro diverse categorie: i titoli a liquidità elevata e media (continu A e B) che sono scambiati normalmente in contrattazione continua (dalle 10:00 alle 17:00 con un asta di pre-apertura), i titoli con liquidità bassa (fixing A) per i quali è possibile immettere continuamente ordini nel book ma il sistema effettua il matching automatico solo due volte nel corso della giornata (11:30 e 16:00), e i titoli con liquidità molto bassa per i quali matching automatico è effettuato una sola volta nel corso della giornata (15: 00). Inoltre, più di 200 titoli quotati sia sul mercato ufficiale che sul secondo mercato (e distribuiti in maniera abbastanza uniforme fra le quattro fasce di liquidità) sono assistiti da contrats d animation e dall intervento di un market maker (animatore) che immette le proprie proposte in acquisto e vendita sul book di negoziazione centralizzato rispettando degli obblighi in termini di spreads Nell analizzare la liquidità dei titoli medio-piccoli adotteremo un approccio diverso rispetto a quello usato nel paragrafo precedente. Per molti titoli medio-piccoli non è possibile infatti calcolare l indicatore γ poiché non è osservabile una serie giornaliera continua di prezzi e volumi a causa della presenza di giornate con completa assenza di negoziazioni. Vi è quindi un problema di dati mancanti (o di dati osservati ad intervalli di tempo irregolari) che rende inapplicabili le normali procedure econometriche di analisi delle serie storiche. Ci siamo concentrati quindi su due indicatori puramente descrittivi: la frequenza delle giornate senza scambi e il migliore spread bid-ask rilevato alla chiusura del mercato. La Tabella 7 riporta alcuni dati sul fenomeno del cosiddetto nontrading, misurato come rapporto fra numero di giorni con assenza completa di scambi e numero di giorni di Borsa aperta. L incidenza di tale fenomeno è simile fra i diversi paesi: i titoli che in media scambiano meno di 6 giorni su 10 (nontrading > 40 per cento) oscillano intorno al 30 per cento, con le eccezioni, sia pur rilevanti, del SEAQ e del Nouveau Marché. Sempre con tali eccezioni, i titoli che scambiano in media più di 9 giorni su 10 oscillano fra il 40 ed il 50 per cento dell insieme dei titoli a capitalizzazione medio-bassa. È interessante osservare, nel caso dell Inghilterra, le differenze fra SEAQ e SEATS. Nel primo caso, dove vi sono più market makers attivi su ogni titolo, la percentuale di titoli con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire che scambiano per meno di 6 giorni su 10 è 110

15 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Tabella 7 Distribuzione dei titoli azionari domestici con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire per frequenza degli scambi 1 (Dati dal 19/11/96 al 18/11/97) % Italia 2 Francia Germania 3 UK 4 di giorni con Mercato ufficiale Secondo mercato Nouveau Marché SEATS SEAQ assenza di (% sul (% sul (% sul (% sul (% sul (% sul (% sul scambi totale) totale) totale) totale) totale) totale) totale) < 10% (51,5) (39,6) (35,2) (60,0) (48,1) (47,3) (84,6) 10,1-20% (11,2) (8,7) (19,2) (12,0) (7,8) (11,1) (4,9) 20,1-30% (7,7) (6,1) (8,0) (16,0) (4,9) (4,2) (0,1) 30,1-40% (6,1) (6,1) (7,6) (4,0) (5,8) (2,7) (0,02) > 40% (23,5) (39,6) (30,0) (8,0) (33,4) (34,7) (9,3) Totale titoli analizzati Titoli con dati non disponibili La capitalizzazione in lire è stata calcolata al tasso di cambio del 19/5/97. 2 Mercato ufficiale. Sono esclusi i titoli con specialista. 3 Mercato ufficiale. Nessuno dei titoli esaminati è scambiato sul circuito IBIS. 4 Il SEATS è lo Stock Exchange Alternative Trading System e il SEAQ è lo Stock Exchange Automated Quote System entrambi gestiti dal London Stock Exchange. Nessuno dei titoli esaminati è passato al sistema di quotazione order driven (SETS, Stock Exchange Trading System) adottato dal London Stock Exchange il 20 ottobre 1997 per i primi 100 titoli più scambiati. Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. pari al 9 per cento, mentre tale valore sale al 35 per cento circa nel caso dei titoli del SEATS. Tale fenomeno riflette naturalmente il fatto che l incapacità di un titolo di attrarre l interesse di più di un market maker è correlato positivamente con la sua liquidità e con la frequenza dei suoi scambi. Tuttavia tale evidenza può dipendere anche dal fatto che vi è un elevatissimo numero di titoli scambiati al SEAQ per i quali non è disponibile la serie storica dei prezzi e degli scambi, ed è lecito ipotizzare che ciò sia dovuto proprio al fatto che siano poco 111

16 liquidi. Se così fosse, le differenze fra SEAQ e SEATS potrebbero essere interamente dovute a questa distorsione. In tutti i paesi considerati, inoltre, il fenomeno dell assenza di scambi (e quindi della scarsa liquidità dei titoli) è inversamente correlato con la capitalizzazione dei titoli. I dati della Tabella 8 mostrano anche che la capitalizzazione media dei titoli in ogni classe di frequenza degli scambi è abbastanza simile fra i diversi paesi (e, per ogni paese, fra i diversi mercati). In Italia, Francia (escludendo il Nouveau Marché) e Inghilterra, i titoli che scambiano meno di 6 giorni su 10 hanno una capitalizzazione media compresa approssimativamente fra i 60 e i 70 miliardi di lire. Ci è parso interessante verificare anche la correlazione fra frequenza degli scambi e spread bid-ask. I dati sono riportati nella Tabella 8 Frequenza degli scambi e dimensione dei titoli azionari domestici con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire 1 (dati dal 19/11/96 al 18/11/97) % Italia 2 Francia Germania 3 UK 4 di giorni Mercato Secondo Nouveau con ufficiale mercato Marché SEATS SEAQ assenza di Capitaliz- Capitaliz- Capitaliz- Capitaliz- Capitaliz- Capitaliz- Capitalizscambi zazione zazione zazione zazione zazione zazione zazione media media media media media media media (mld lit) (mld lit) (mld lit) (mld lit) (mld lit) (mld lit) (mld lit) < 10% 217,5 201,7 186,5 124,3 197,8 163,9 171,6 10,1-20% 137,8 152,8 114,9 115,6 96,2 47,8 76,3 20,1-30% 61,2 108,7 76,2 112,2 166,5 49,5 74,1 30,1-40% 81,9 88,7 57,2 74,0 163,7 80,1 na > 40% 59,0 58,8 71,2 29,2 104,5 51,9 58,7 Media complessiva 151,1 128,3 119,5 104,6 155,0 105,0 155,9 1 La capitalizzazione in lire è stata calcolata al tasso di cambio del 19/5/97 così come i valori medi riportati nella Tabella. 2 Mercato ufficiale. Sono esclusi i titoli con specialista. 3 Mercato ufficiale. Nessuno dei titoli esaminati è scambiato sul circuito IBIS. 4 Il SEATS è lo Stock Exchange Alternative Trading System e il SEAQ è lo Stock Exchange Automated Quote System entrambi gestiti dal London Stock Exchange. Nessuno dei titoli esaminati è passato al sistema di quotazione order driven (SETS, Stock Exchange Trading System) adottato dal London Stock Exchange il 20 ottobre 1997 per i primi 100 titoli più scambiati. Fonte: Elaborazioni su dati Datastream. 112

17 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... Tabella 9. Anche in questo caso è riscontrabile una tendenza comune fra i vari mercati: sebbene il livello assoluto degli spreads sia abbastanza diverso (sia fra i diversi mercati che all interno di ogni fascia di frequenza degli scambi), vi è una evidente correlazione positiva fra nontrading e dimensione dello spread bid-ask. Il livello più elevato degli spreads al SEAQ e al SEATS è tipico dei mercati quote driven, come spiegato in precedenza. È interessante osservare che per i titoli con una frequenza di contrattazione elevata (nontrading < 10 per cen- Tabella 9 Frequenza degli scambi e «spread bid-ask» dei titoli azionari domestici con capitalizzazione inferiore a 530 miliardi di lire 1 (dati dal 19/11/96 al 18/11/97) % Italia 2 Francia Germania 3 UK 4 di giorni Mercato Secondo Nouveau con ufficiale mercato Marché SEATS SEAQ assenza di spread spread spread spread spread spread spread scambi bid-ask bid-ask bid-ask bid-ask bid-ask bid-ask bid-ask medio medio medio medio medio medio medio <10% 0,74% 1,42% 1,70% 1,73% 0,92% 3,73% 3,21% 10,1-20% 1,50% 2,22% 2,20% 3,46% 1,35% 6,72% 5,09% 20,1-30% 1,77% 2,74% 2,45% 3,09% 1,32% 6,78% 5,99% 30,1-40% 2,46% 3,94% 2,78% na 1,20% 6,81% na >40% 4,02% 6,68% 5,25% 6,57% 2,60% 5,04% 4,00% Media complessiva 1,74% 4,85% 2,96% 2,52% 2,17% 4,68% 3,38% 1 La capitalizzazione in lire è stata calcolata al tasso di cambio del 19/5/97 così come i valori medi riportati nella Tabella. 2 Mercato ufficiale. Sono esclusi i titoli con specialista. 3 Mercato ufficiale. Nessuno dei titoli esaminati è scambiato sul circuito IBIS. 4 Il SEATS è lo Stock Exchange Alternative Trading System e il SEAQ è lo Stock Exchange Automated Quote System entrambi gestiti dal London Stock Exchange. Nessuno dei titoli esaminati è passato al sistema di quotazione order driven (SETS, Stock Exchange Trading System) adottato dal London Stock Exchange il 20 ottobre 1997 per i primi 100 titoli più scambiati. Fonte: Elaborazioni su dati CED-Borsa e Datastream. Lo spread bid-ask è definito come (P A i, t P B i, t )[(P A i, t + P B i, t ) / 2] dove P A i, t è il prezzo della migliore proposta in lettera (ask) per il titolo i-esimo presente alla fine della giornata t, mentre PB i, t è il prezzo della migliore proposta in danaro (bid). I valori medi riportati nella Tabella sono calcolati come segue: per ogni titolo è stata calcolata la media time-series dello spread nel periodo 19/11/96-18/11/97 e successivamente la media cross-section di tale valore per i titoli appartenenti ad ogni classe di frequenza degli scambi. 113

18 to) la differenza fra lo spread bid-ask al SEAQ e quello al SEATS non è molto accentuata (o non così marcata come la differenza fra gli spreads nella fascia con la frequenza di scambi più bassa). Ciò potrebbe essere interpretato come evidenza del fatto che la competizione fra market makers al SEAQ ha un impatto marginale sulla liquidità, rispetto a fattori «strutturali» che determinano l interesse da parte degli investitori per un dato titolo, fattori catturati dalla frequenza degli scambi e dalla capitalizzazione. In generale, quindi, la liquidità di un titolo con capitalizzazione medio-bassa appare largamente condizionata dal fattore dimensione: i titoli con capitalizzazione più elevata sono scambiati più frequentemente ed hanno spreads bid-ask più contenuti. Questo fenomeno sembra caratteristico di mercati con modalità di organizzazione degli scambi, grado di sviluppo e maturità molto diversi. 5. Conclusioni Per ciò che riguarda i primi 30 titoli per capitalizzazione le principali evidenze basate sui dati relativi al 1997 sono le seguenti: a) in Italia i primi 30 titoli per dimensione hanno un peso sul listino più elevato (in termini di volume di scambi e di capitalizzazione) rispetto a quello osservabile, sempre per i primi 30 titoli, in Francia, Germania e Inghilterra. Ciò nonostante, la capitalizzazione media dei primi 30 titoli italiani è di gran lunga inferiore a quella osservabile negli altri paesi esaminati. All inizio del 1997, il primo titolo per dimensione in Inghilterra capitalizzava un terzo dell intera Borsa italiana, mentre il primo titolo in Germania capitalizzava più di un quinto della Borsa italiana. La situazione si è solo in parte modificata nel corso del 1997: al 31 dicembre del 1997, il primo titolo inglese per dimensione capitalizzava circa un quarto dell intera Borsa italiana, mentre il primo titolo tedesco circa un sesto. I dati esposti evidenziano come i più grandi gruppi industriali e finanziari italiani abbiano dimensioni relativamente ridotte se confrontati con i più grandi gruppi quotati in Germania e Inghilterra. In parte diverse sono le conclusioni che emergono dal confronto con i primi 30 titoli francesi. Sebbene i primi 4 titoli italiani abbiano dimensioni simili (e in alcuni casi superiori) ai primi 4 titoli francesi, dal 5 titolo in poi la dimensione dei titoli italiani incomincia a decrescere molto rapidamente. Fra il 4 ed il 5 titolo italiano vi è una differenza di circa miliardi di lire. Ciò fa sì che la capitalizzazione media dei primi 30 titoli italiani sia del 60 per cento circa inferiore a quella dei titoli francesi. La liquidità dei primi 30 titoli italiani è più bassa rispetto a quella dei primi 30 titoli in Francia e Germania. In particolare, nel caso dei titoli italiani una data variazione dei controvalori scambiati ha in media un impatto più rilevante sulle variazioni dei prezzi corrette per l andamento generale del mercato. Dal confronto con gli altri paesi europei relativamente ai titoli con 114

19 G. SICILIANO, TITOLI LIQUIDI E TITOLI SOTTILI. UN CONFRONTO... capitalizzazione medio-bassa emergono, invece, i seguenti risultati; b) in Italia il peso dei titoli a capitalizzazione medio-bassa sull intero listino, e la loro dimensione media, sono analoghe a quelle osservabili negli altri mercati europei. In particolare, sulla base dei dati rilevati al 19 maggio del 1997, la soglia dei 530 miliardi di lire individua in tutti i paesi esaminati il primo 70 per cento dei titoli quotati ordinati sulla base della dimensione. L incidenza del fenomeno dell assenza di scambi (nontrading) è una caratteristica comune a mercati caratterizzati da un grado di sviluppo e da una micro-struttura diversi. In tutti i paesi considerati, infatti, vi è una correlazione positiva fra capitalizzazione dei titoli, frequenza degli scambi e spread bid-ask. Inoltre, la capitalizzazione media dei titoli per ogni fascia di frequenza degli scambi è analoga fra i diversi paesi. 115

20 BIBLIOGRAFIA Baker K. (1996), Trading location and liquidity: an analysis of U.S. dealer and agency markets for common stocks, working paper New York University, Salomon Center. Fama E. - French K. (1992), The cross-section of expected stock returns, in Journal of Finance, 47, Karpoff J. M. (1987), The relation between price changes and trading volume: a survey, in Journal of Financial and Quantitative Analysis, 22, Schwert G. W. (1983), Size and stock returns, and other empirical regularities, in Journal of Financial Economics, 12, Stoll H. - Whaley R. (1983), Transaction costs and the small firm effect, in Journal of Fiancial Economics,

Come misurare la liquidità delle sedi di negoziazione

Come misurare la liquidità delle sedi di negoziazione Come misurare la liquidità delle sedi di negoziazione Marco Pagano Università di Napoli Federico II, CSEF, EIEF e CEPR Best Execution e valutazione delle sedi di negoziazione Università Bocconi, 23 settembre

Dettagli

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale?

L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? L investimento in obbligazioni bancarie: un caso di anomalia comportamentale? Nadia Linciano Scelte di investimento e regole di tutela Il ruolo della finanza comportamentale tra economia, psicologia e

Dettagli

Best Execution ed indicatori di performance : il caso TLX

Best Execution ed indicatori di performance : il caso TLX Best Execution ed indicatori di performance : il caso TLX Alessandro Beber University of Amsterdam Stresa, 4 ottobre 2008 1 Roadmap 1. Liquidità e trasparenza 2. Indicatori di liquidità: tradizione e innovazione

Dettagli

Elementi costitutivi del sistema finanziario

Elementi costitutivi del sistema finanziario Elementi costitutivi del sistema finanziario Ordinamento Strumenti Sistema Finanziario Mercati Monetario e dei cambi obbligazionario di partecipazione di indebitamento di assicurazione Intermediari mobiliari

Dettagli

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY

ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY ABN AMRO E BANCA IMI SI SCONTRANO SUL TERRENO DELLE COMMODITY Dal 20 dicembre 2006 sono quotati sul segmento Sedex di Borsa Italiana i Reflex su Commodity, nome commerciale che indica i classici benchmark

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225

CAC40 16.12.2005 DOW JONES 16.12.2005 EUROSTOXX50 16.12.2005 MIB30 16.12.2005 NIKKEI225 Avviso integrativo di emissione della Nota integrativa al documento informativo sull Emittente depositato presso la Consob in data 03.07.2002, a seguito di nullaosta n. 2045403 del 27.06.2002 relativa

Dettagli

Contents. La modalità di determinazione dei parametri utilizzati nel calcolo dei Margini Iniziali per MTA/IDEM. Manuale

Contents. La modalità di determinazione dei parametri utilizzati nel calcolo dei Margini Iniziali per MTA/IDEM. Manuale Contents La modalità di determinazione dei parametri utilizzati nel calcolo dei Margini Iniziali per MTA/IDEM Manuale Versione 1.0 del 29 May 2015 1.0 EXECUTIVE SUMMARY... 3 2.0 METODOLOGIA PER LA DETERMINAZIONE

Dettagli

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557.

2. a. Il tasso di cambio a pronti dell euro in dollari statunitensi in data 23 aprile 2007 era 1,3557. SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei tassi di cambio utilizzato per eseguire le operazioni in valuta estera ha subìto modifiche nel corso del tempo. Dal 1944 al 1971, secondo

Dettagli

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share

NBER Working Paper 4587. 5 Bond, S., M. Hawkins, and A. Klemm, 2004, Stamp Duty on Shares and Its Effect on Share exuberance, bolle e successive implosioni sono da ricondursi a eccessi nel ciclo del credito (leverage): crescita della leva nelle fasi espansive, seguita poi da implosioni della stessa (deleverage) con

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari

La valutazione dei titoli azionari La valutazione dei titoli azionari Azioni e mercato azionario Il rendimento dei titoli azionari IL TRAZ IL TRAZ2 IL TRAZ3 IL TRAZ4 IL TRAZ5 I multipli di borsa 2 AZIONI E MERCATO AZIONARIO / Domande chiave

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30

Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Marco Grazzi Studio di Eventi e Modifiche del MIB30 Sant Anna School of Advanced Studies, Pisa, Italy Seminari Giovani Ricercatori 1 luglio 2004, Facoltà di Economia, Pisa 1. Sommario Studio di Eventi

Dettagli

c o g l i l o p p o r t u n i t à. S c e g l i u n m e r c a t o a d a l t o p o t e n z i a l e. IDEM - Il mercato italiano dei derivati

c o g l i l o p p o r t u n i t à. S c e g l i u n m e r c a t o a d a l t o p o t e n z i a l e. IDEM - Il mercato italiano dei derivati c o g l i l o p p o r t u n i t à. S c e g l i u n m e r c a t o a d a l t o p o t e n z i a l e. IDEM - Il mercato italiano dei derivati Indice 1. Idem, il mercato italiano dei derivati 3 2. Contratti

Dettagli

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA

RASSEGNA BIBLIOGRAFICA RASSEGNA BIBLIOGRAFICA Recensione del volume: The Microstructure of Financial Markets F. DE JONG E B. RINDI Cambridge University Press, 2009 a cura di Emilio Barucci * Politecnico di Milano Il libro di

Dettagli

La finanza internazionale e le banche

La finanza internazionale e le banche ACI - The Financial Market Association Assemblea Generale La finanza internazionale e le banche Intervento di Antonio Fazio Governatore della Banca d Italia Milano, 1º luglio 1999 Sono lieto di darvi il

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche

L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche L ipotesi dei mercati efficienti e le sue critiche Burton G. Melkiel(2003), The efficientmarket hypothesis and its critics, Journal of Economic Perspectives, Vol.17, No. 1, Winter 2003, p.59-82 Working

Dettagli

PANIERI DI BORSA MF ITALY

PANIERI DI BORSA MF ITALY Pagina 1 di 6 PANIERI DI BORSA MF ITALY Milano, 26/09/2014 La riproduzione di uno o più panieri MF ITALY è strettamente riservata a Milano Finanza Editori Spa, che ne ha sviluppato autonomamente la metodologia

Dettagli

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1)

Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare. Il Mulino, Bologna, 2001 (solo Capitolo 1) Cenni sulle principali caratteristiche di funzionamento dei mercati secondari Cenni sulla struttura competitiva dell exchange industry Letture obbligatorie: M. Anolli Elementi di Economia del Mercato Mobiliare.

Dettagli

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Il Mercato Azionario

Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta. Il Mercato Azionario Economia dei Mercati Finanziari Secondo Modulo Prof. Luca Malavolta Il Mercato Azionario Azione Titolo rappresentativo del capitale sociale di un Emittente che conferisce al detentore il diritto patrimoniale

Dettagli

DINAMICA DEI RENDIMENTI E RELAZIONI «LEAD-LAG» FRA IL FIB30 E L INDICE MIB30

DINAMICA DEI RENDIMENTI E RELAZIONI «LEAD-LAG» FRA IL FIB30 E L INDICE MIB30 STUDI E NOTE DI ECONOMIA 3 /98 DINAMICA DEI RENDIMENTI E RELAZIONI «LEAD-LAG» FRA IL FIB30 E L INDICE MIB30 PIETRO GOTTARDO * Introduzione L inizio delle contrattazioni a fine 95 del contratto futures

Dettagli

TURBO Certificate Long & Short

TURBO Certificate Long & Short TURBO Certificate Long & Short Fai scattare la leva dei tuoi investimenti x NEGOZIABILI SUL MERCATO SEDEX DI BORSA ITALIANA Investi a Leva su indici e azioni! Scopri i vantaggi dei TURBO Long e Short Certificate

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza

IDEX. Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Italian Derivatives Energy Exchange: negozia l energia in trasparenza e sicurezza IDEX Introduzione IDEX è il segmento dei derivati energetici di IDEM, il mercato finanziario regolamentato dei derivati

Dettagli

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio

Università degli Studi di Teramo - Prof. Paolo Di Antonio 1 Mercati e strumenti finanziari gestiti Dal 1998 Borsa Italiana SpA regolamenta, sviluppa e gestisce i mercati italiani azionari (MTA e Mercato Expandi), il mercato degli strumenti derivati (IDEM), il

Dettagli

Le banche e le assicurazioni

Le banche e le assicurazioni IV 1 La redditività delle banche quotate Nei primi nove mesi del 213 la redditività delle principali banche quotate, misurata rispetto agli attivi ponderati per il rischio (RWA), è stata connotata da andamenti

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI Versione 0.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 05/05/2011 Versione 1.0 delibera del Consiglio di Amministrazione del 04/08/2011 Versione

Dettagli

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA

ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA ANALISI DELLA TRASPARENZA NEI MERCATI OBBLIGAZIONARI EUROPEI MATTEO CASSIANI, CFA Rimini, 18 maggio 2012 Il Quadro Normativo: La Revisione della MiFID La Struttura del Mercato L Esperienza degli Stati

Dettagli

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008

M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 M. Massari, L. Zanetti, Valutazione. Fondamenti teorici e best practice nel settore industriale e finanziario, Mc Graw Hill, 2008 CAP. 5 (2a PARTE) LA STIMA DEL COSTO OPPORTUNITA DEL CAPITALE 1 LA STIMA

Dettagli

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6

Alcune tipologie di strumenti derivati. 1. Il future su Ftse Mib 1/6 focus modulo 3 lezione 45 Il mercato dei capitali e la Borsa valori Gli strumenti derivati: caratteristiche generali Alcune tipologie di strumenti derivati 1. Il future su Ftse Mib A seconda dello strumento

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA PER L OFFERTA DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI A TASSO STEP UP Banca Popolare del Lazio Step Up 24/11/2009 24/11/2012, Codice Isin IT0004549686 Le presenti Condizioni

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 14 1 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene nella Parte 1 la disciplina relativa ai limiti

Dettagli

RECENTI EVOLUZIONI DELLA MICROSTRUTTURA DEI MERCATI AZIONARI REGOLAMENTATI ITALIANI: ASPETTI TEORICI ED EVIDENZE EMPIRICHE

RECENTI EVOLUZIONI DELLA MICROSTRUTTURA DEI MERCATI AZIONARI REGOLAMENTATI ITALIANI: ASPETTI TEORICI ED EVIDENZE EMPIRICHE RECENTI EVOLUZIONI DELLA MICROSTRUTTURA DEI MERCATI AZIONARI REGOLAMENTATI ITALIANI: ASPETTI TEORICI ED EVIDENZE EMPIRICHE DISPENSE DIDATTICHE DELL INSEGNAMENTO di ECONOMIA DEI MERCATI MONETARI E FINANZIARI

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 8 1. Il sistema di determinazione dei

Dettagli

Gestire l after market Operazioni sul capitale e collocamenti pubblici e privati

Gestire l after market Operazioni sul capitale e collocamenti pubblici e privati www.mediobanca.it Gestire l after market Operazioni sul capitale e Incontro presso Borsa Italiana S.p.A. 17 aprile 22 Indice Gestire l aftermarket Premessa Sezione I Le operazioni di aumento di capitale

Dettagli

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana

www.tesoro.it Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana BTP Italia Il risparmio PROTETTO, accessibile da tutte le porte. Durata: 4 anni Tasso reale minimo garantito Cedole ogni 6 mesi calcolate sul capitale rivalutato all inflazione italiana Recupero immediato

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB

La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB La regolamentazione del market abuse: il ruolo della CONSOB 1 Schema della lezione 2 La continuità nell evoluzione del quadro normativo Gli scenari di mercato e dell innovazione finanziaria La rilevanza

Dettagli

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C.

BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. BANCA ATESTINA DI CREDITO COOPERATIVO S.C. Sede: Via G. B. Brunelli, 1 Iscritta all Albo delle Banche al n. 5338.9.0 / Iscritta all Albo delle Società Cooperative a Mutualità Prevalente al n. A160602 Capitale

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO CON RIMBORSO ANTICIPATO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI

AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI AIM ITALIA MANUALE DELLE NEGOZIAZIONI VERSIONE 1.0 TITOLO 1 MERCATO TELEMATICO AIM Articolo 1 (Strumenti negoziabili) 1. Nel mercato AIM si negoziano, per qualunque quantitativo, strumenti finanziari.

Dettagli

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë=

Regolamento del fondo interno A.G. Euro Blue Chips Pagina 1 di 5. = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= = oéöçä~ãéåíç= ÇÉä=ÑçåÇç= áåíéêåç=^kdk= bìêç=_äìé=`üáéë= A) Obiettivi e descrizione del fondo Il fondo persegue l obiettivo di incrementare il suo valore nel lungo termine, attraverso l investimento in

Dettagli

Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito

Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito Esempio determinazione del tasso di attualizzazione del reddito Il tasso di capitalizzazione i, ulteriore elemento da determinare per l applicazione del metodo misto della stima autonoma dell avviamento,

Dettagli

Indice Banca IMI IMINext Reflex

Indice Banca IMI IMINext Reflex Indice Banca IMI Specialisti per la finanza... pag. 4 IMINext Una linea di prodotti di finanza personale... pag. 5 Reflex Un paniere ufficiale... pag. 6 I mercati a portata di mano... pag. 7 Una replica

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform.

db x-trackers Strategie ad alto dividendo A Passion to Perform. db x-trackers Strategie ad alto dividendo Exchange Traded Funds su DJ EURO STOXX Select Dividend 30 Index DJ STOXX Global Select Dividend 100 Index A Passion to Perform. Strategia ad alto dividendo Nel

Dettagli

Il dizionario dei termini finanziari

Il dizionario dei termini finanziari Il dizionario dei termini finanziari Tipi di ordine Ordine a mercato Ordine in stop (buystop-sellstop) Ordine a limite (buylimit-sellimit) Viene dato senza precisare alcun prezzo. Significa che lo si deve

Dettagli

I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto

I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto I Mercati Regolam entati Telematici e i Corporate Bonds : esperienze a confronto Pietro Poletto Responsabile Fixed Income & Securitised Derivatives Markets Borsa Italiana SpA Verona 2 Luglio 2004 Mercati

Dettagli

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati

La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati L Andamento dei mercati Azionari La fase di correzione caratterizzata dalla riduzione dei corsi azionari e dei volumi negoziati che aveva interessato gli ultimi mesi del 2 è proseguita per tutto il 21.

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO BANCA AGRICOLA POPOLARE

Dettagli

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione?

Mercati finanziari. Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Quali funzioni? Quali criteri di classificazione? Mercati finanziari Rappresentano il luogo di scambio degli strumenti finanziari differenziazione e segmentazione dei mercati classificazioni

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo in qualità di Emittente e Responsabile del Collocamento Società per Azioni Via Lucrezia Romana, 41/47-00178 Roma P. IVA, Codice Fiscale e n.

Dettagli

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi

La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Prof. Angelo Tantazzi Presidente, Borsa Italiana S.p.A. Fiera del Levante Bari, 14 settembre 2000 La quotazione in borsa delle PMI: il progetto STAR Contenuti

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904

Banca Centropadana tasso fisso 2,75% 15.01.2013-15.07.2015 serie 351 ISIN: IT0004887904 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A TASSO FISSO Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa

Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Indicatori per il trading: dati e indici di Borsa Borsa Italiana Spa 7 maggio 2004 Milano 2 Sommario L effetto degli stacchi di dividendo e delle operazioni sul capitale sugli indici azionari 2 Dai numeri

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694

Banca Centropadana Zero Coupon 03.09.2012-16.12.2019 Serie 342 ISIN: IT0004846694 10. MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE OBBLIGAZIONI A ZERO COUPON Banca Centropadana Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede sociale in Piazza IV Novembre 11 26862 Guardamiglio (LO) Iscritta all

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica

L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica 32 L investimento immobiliare all estero: strategie per una diversificazione geografica An international diversification strategy for Italian real estate investors Maurizio Grilli, Simone Roberti, Bnp

Dettagli

IDEM. Il Mercato Italiano dei Derivati: un'opportunità ad alto potenziale

IDEM. Il Mercato Italiano dei Derivati: un'opportunità ad alto potenziale IDEM Il Mercato Italiano dei Derivati: un'opportunità ad alto potenziale IDEM, il mercato italiano dei derivati IDEM Italian Derivatives Market L IDEM è il mercato dei derivati di Borsa Italiana, società

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1 1. Il modello di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato L Autorità,

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente

MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LESMO in qualità di Emittente Società Cooperativa con sede legale in Lesmo (MB), Piazza Dante 21/22 Iscritta: all Albo delle Banche al

Dettagli

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766

Banca Valsabbina Step-Up 01/07/2011-2017 IT0004739766 BANCA VALSABBINA S.C.p.A. Sede Legale: Vestone (Bs) via Molino, 4 Direzione Generale: Brescia via XXV Aprile, 8 Tel. 030 3723.1 Fax 030 3723.430 - Iscritta al Registro Imprese e CCIAA di Brescia REA n.9187

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla

Parleremo di correlazione: che cos è, come calcolarla IDEMDJD]LQH 1XPHUR 'LFHPEUH %52 (56 21/,1( 68//,'(0 nel 2002, il numero di brokers che offrono la negoziazione online sul minifib è raddoppiato, passando da 7 nel 2001 a 14. A novembre due nuovi brokers

Dettagli

Organizzazione del capitolo

Organizzazione del capitolo Capitolo 3 Tassi di cambio e mercati valutari: un approccio di portafoglio Preparato da Iordanis Petsas (traduzione di Juliette Vitaloni) In allegato a: Economia internazionale: economia monetaria internazionale

Dettagli

IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE. Capitolo 13. Lezione 8

IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE. Capitolo 13. Lezione 8 IL MERCATO AZIONARIO ASPETTI STRUTTURALI DEI MERCATI E I PROCESSI DI QUOTAZIONE Capitolo 13 Lezione 8 Lezione 8 SAPRESTE SPIEGARE L ANDAMENTO DI QUESTO GRAFICO? I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE I mercati

Dettagli

AVVISO n.829. 22 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : INTEK GROUP. Societa' oggetto dell'avviso

AVVISO n.829. 22 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : INTEK GROUP. Societa' oggetto dell'avviso AVVISO n.829 22 Gennaio 2015 --- Mittente del comunicato : INTEK GROUP Societa' oggetto dell'avviso : INTEK GROUP Oggetto : OPSC con adesioni raccolte in Borsa - Disposizioni di Borsa Italiana Testo del

Dettagli

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9

SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 9 1. Un derivato e uno strumento finanziario il cui rendimento e legato al rendimento di un altro strumento finanziario emesso in precedenza e separatamente negoziato. Un esempio

Dettagli

CMC MARKETS UK PLC. Avvertenza sui rischi dei CFD. Gennaio 2015. Iscritta nel Registro delle Imprese in Inghilterra al numero: 02448409

CMC MARKETS UK PLC. Avvertenza sui rischi dei CFD. Gennaio 2015. Iscritta nel Registro delle Imprese in Inghilterra al numero: 02448409 CMC MARKETS UK PLC Avvertenza sui rischi dei CFD Gennaio 2015 Iscritta nel Registro delle Imprese in Inghilterra al numero: 02448409 Autorizzata e vigilata dalla Financial Conduct Authority. Numero di

Dettagli

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società.

Azioni azioni ordinarie o privilegiate che rappresentano una quota di proprietà di una società. Glossario Accettazioni bancarie strumenti a breve termine emessi dai debitori internazionali garantiti da banche di rilievo internazionale. Agency bonds Obbligazioni emesse (ma non garantite) da agenzie

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6

INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 GUIDA ALLA NEGOZIAZIONE INDICE PREFAZIONE 3 1. COSA SONO I COVERED WARRANT? 4 2. GLI ELEMENTI STANDARD DEL CONTRATTO 4 3. EFFETTO LEVA 6 4. VALUTAZIONE DI UN COVERED WARRANT 6 5. I FATTORI CHE INFLUENZANO

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE APPENDICE B - MODELLO DELLE CONDIZIONI DEFINITIVE DELLE OBBLIGAZIONI ZERO COUPON CONDIZIONI DEFINITIVE BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365

CONDIZIONI DEFINITIVE. della NOTA INFORMATIVA. per il Prestito Obbligazionario denominato. Codice ISIN IT0004888365 CONDIZIONI DEFINITIVE della NOTA INFORMATIVA per il Prestito Obbligazionario denominato BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA 01/02/2013-01/08/2015 TASSO FISSO 2,50% Codice ISIN IT0004888365 Le presenti Condizioni

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario AREA FINANZA DISPENSA FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Strumenti di Valutazione di un Prodotto Finanziario ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA Strumenti

Dettagli

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008

La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model. Piacenza, 9 giugno 2008 La valutazione dei titoli azionari mediante il Residual Income Model Piacenza, 9 giugno 2008 Breve bibliografia Il Residual Income Model (RIM), talvolta indicato come EBO dalle iniziali dei tre autori

Dettagli

Titoli obbligazionari

Titoli obbligazionari Titoli obbligazionari Tipologie e classificazione strumenti obbligazionari; Mercati di quotazione; Tipologie di rischio; Valutazione di un titolo obbligazionario; Determinazione misure di rendimento; Struttura

Dettagli

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1.

6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. 6. La diseguaglianza dei redditi in Italia Carlo V. Fiorio, Marco Leonardi e Francesco Scervini (Università di Milano) 1. Introduzione Secondo un recente studio comparativo dell OECD, gli Stati Uniti hanno

Dettagli

Volatilità e turnover degli strumenti derivati: una relazione labile 1

Volatilità e turnover degli strumenti derivati: una relazione labile 1 Serge Jeanneau +41 61 280 8416 serge.jeanneau@bis.org Marian Micu +41 61 280 9279 marian.micu@bis.org Volatilità e turnover degli strumenti derivati: una relazione labile 1 Si ritiene spesso che un aumento

Dettagli

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali

La modalità di determinazione dei Margini Iniziali La modalità di determinazione dei Margini Iniziali Ufficio RM Versione 1.0 Sommario Premessa... 3 1. Tipologie di Margini Iniziali... 3 2. Il Calcolo dei Margini Iniziali Ordinari... 4 3. La Determinazione

Dettagli

ETFplus La migrazione sulla piattaforma Millenium

ETFplus La migrazione sulla piattaforma Millenium ETFplus La migrazione sulla piattaforma Millenium Evoluzione del mercato ETFplus 2002 Quotazione 1 ETF sulla piattaforma Affari gestita da SIA novembre 2007 Gestione della piattaforma Affari passa a Borsa

Dettagli

Obiettivo Investimento Certificates UniCredit

Obiettivo Investimento Certificates UniCredit BENCHMARK SUPER STOCK DISCOUNT CERTIFICATES BONUS CERTIFICATES EQUITY PROTECTION I.P. 03.2006 Obiettivo Investimento Certificates UniCredit vitamina torino TRADINGLAB Numero Verde: 800.01.11.22 Fax: +39.02.700.508.389

Dettagli

Bisogno di investimento del risparmio

Bisogno di investimento del risparmio Bisogno di investimento del risparmio Domanda e Offerta di strumenti di investimento del risparmio Bisogno di investimento Strumenti bancari (contratti bilaterali) depositi tempo; PcT; CD Strumenti di

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE

CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA RELATIVA ALL EMISSIONE "BANCA CASSA DI RISPARMIO DI SAVIGLIANO S.p.A. OBBLIGAZIONI A TASSO MISTO 2010/2015 129^ em." ISIN IT0004639529 NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013

Il rischio nei finanziamenti collateralizzati. Convegno ABI BASILEA 3-2013 Il rischio nei finanziamenti collateralizzati Convegno ABI BASILEA 3-2013 28 giugno 2013 Agenda 1. Il contesto 2. 3. Limiti e linee di sviluppo 2 Il contesto Cresce l utilizzo del collateral Il contesto

Dettagli