ISTITUTO COMPRENSIVO G. SABATINI BORGIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO G. SABATINI BORGIA www.icsabatiniborgia.it"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO G. SABATINI BORGIA P.O.F. PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA ANNO SCOLASTICO 2011/2012

2 Nel chiudere il POF per l a.s. 2011/2012 un pensiero e un ricordo va con sincerità, da parte di tutti noi docenti, alla collega Giulia Iapelli che aveva lavorato con dedizione e professionalità al miglioramento del nostro Piano dell Offerta Formativa RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 27 maggio 1991 n. 176 Legge 15 marzo 1997 n. 59 (art. 21) Legge 18 dicembre 1997 n. 440 D.P.R. 8 marzo 1999 n. 275 C.C.N.L. Comparto scuola del 2003 D.M. 19 luglio 1999 n. 179 D.M. 26 giugno 2000 n. 234 D.I. 1 febbraio 2001 n. 144 Legge 28 marzo 2003 n. 53 Legge 30 ottobre 2008 n. 133 C.C.N.L. Comparto Scuola 2005/2008 Direttiva Ministeriale del 18 aprile 2007 Direttiva Ministeriale n. 16 del 5/02/2007 Regolamento d Istituto Delibera Collegio dei Docenti del 01/09/2011 Delibera Collegio dei Docenti del 08/09/2011 Delibera Collegio dei Docenti del 13/10/2011 Delibera Collegio dei Docenti del 07/11/

3 DENOMINAZIONE: Istituto Comprensivo Statale Guglielmo Sabatini INDIRIZZO: via Aldo Moro, Borgia TELEFAX: WEB: INDIRIZZI CODICE FISCALE: CODICE MECCANOGRAFICO: CZIC SCUOLE CHE COMPONGONO L ISTITUTO: Scuola dell Infanzia via Martiri di Melissa Roccelletta (I A- II B - II A- III A) plesso di San Floro (unica sezione) Scuola Primaria via Martiri di Melissa,4 - Roccelletta (I A- I B - II A- II B - IV A IVB - V A) plesso di San Floro (II A III A IV A V A) Scuola Secondaria di 1 grado via Aldo Moro - Borgia (I A - II A- III A ; I B- II B- III B; IC - III C) plesso di Roccelletta (I D - II D - III D; II E) DIRIGENTE SCOLASTICO: Rosa Procopio DIRETTORE SS. GG. AA.: Maurizio Chiarella PRESIDENTE CONSIGLIO D ISTITUTO: prof. Roberto Chiarella 3 3

4 - PREMESSA p. 4 - ARTICOLAZIONE DEL POF p. 5 - PRINCIPI GENERALI p IL TERRITORIO p LE SCUOLE DELL ISTITUTO p COSTRUZIONE DEL CURRICOLO p QUADRO ORARIO 3.2 LINEE GUIDA E OBIETTIVI FORMATIVI 3.2 AZIONI FORMATIVE CURRICOLARI 3.3 CRITERI DI VALUTAZIONE 4. AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA p ATTIVITÀ CURRICOLARI 4.2 USCITE DIDATTICHE E VIAGGI DI ISTRUZIONE 4.3 GRUPPI DI LAVORO E PROGETTI D ISTITUTO 4.4 PROGETTI PON 2007/2013 ANNUALITÀ 2011/ PROGETTI AREE A RISCHIO 4.6 PROGETTO POR A SCUOLA DI LEGALITÀ 5. ATTIVITÀ PER ALUNNI DISABILI p ATTIVITÀ SPORTIVE p AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE DOCENTI p. 45 ALLEGATI: 1. Organizzazione generale dell istituzione scolastica 2. Piano Annuale delle Attività 3. Patto di corresponsabilità educativa 4. Organizzazione dei servizi personale ATA 5. Piano di lavoro personale ATA Nota: il POF è disponibile sul sito web dell Istituto, laddove saranno di volta in volta anche pubblicati eventuali aggiornamenti successivi. 4 4

5 Il nuovo anno scolastico ha presentato da subito alcune caratteristiche fortemente innovative che tracciano le linee di fondo di quella che vorrebbe essere la strategia didattica del nostro Istituto negli anni a venire. La situazione di grave emergenza che si è venuta a creare nel nostro territorio di riferimento, con i commissariamento dell amministrazione comunale, ci impone, innanzitutto, di evidenziare in maniera ancor più decisa, rispetto al passato, quello che è l obiettivo fondamentale della nostra offerta formativa, intorno al quale ruota tutto l insieme strutturato di proposte e progetti che caratterizzano il POF. Il tema dell educazione alla legalità, al rispetto e alla condivisione delle regole, ad una convivenza civile matura e responsabile, deve dunque porsi come il faro principale della nostra proposta educativa, rivolta ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie. Ciò nel quadro di un integrazione e di un dialogo sempre più attivo e dinamico con il territorio, con le sue istituzioni, con l associazionismo, con le strutture ecclesiastiche: con tutto ciò che possa concorrere alla costruzione di una società più giusta, accogliente e sicura per tutti. In questo quadro di riferimento, utilizzando in maniera organica quelle che sono le varie possibilità di finanziamento offerte dai fondi comunitari, la nostra scuola ha messo in campo una serie di progetti e di percorsi che interesseranno gli alunni della scuola primaria e secondaria, con attività laboratoriali, escursioni e visite guidate che possano educarli ad un rapporto propositivo e partecipe con il proprio territorio, a partire dalla consapevolezza di quelle che sono le sue gravi problematiche e le sue inestimabili risorse. Particolare attenzione sarà rivolta, poi, in questo anno scolastico, alle politiche educative per l infanzia, con il progetto delle sezioni primavera e con l avvio di un percorso sperimentale di filosofia, che intende stimolare fin dalla più tenera età l attitudine alla riflessione e lo sviluppo delle capacita logiche, in modo da poter fornire ai nostri ragazzi gli strumenti necessari ad orientarsi nella società complessa e in continua evoluzione nella quale viviamo. L accorpamento nel nostro Istituto Comprensivo della scuola di S. Floro, ci dà la possibilità, in questo senso, di arricchire ancor più la nostra offerta, dialogando con un territorio particolarmente dotato di risorse e di storia, con il quale la nostra scuola era comunque da sempre portata ad interfacciarsi. L intervento mirato e tempestivo nei termini della flessibilità didattica, ci ha consentito di ottenere, nella scuola primaria, la sdoppiamento per ambiti disciplinari delle pluriclasse, garantendo agli alunni la giusta articolazione didattica, purtroppo messa in discussione dai recenti tagli alla pubblica istruzione. 5 5

6 ARTICOLAZIONE DEL POF Il Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo Statale G. Sabatini di Borgia, comprendente la Scuola dell Infanzia e Scuola primaria di Roccelletta e la Scuola secondaria di I grado di Borgia e sede coordinata di Roccelletta, e, dall a.s. 2011/2012, la scuola dell infanzia e primaria di San Floro, avendo a riferimento le Nuove Indicazioni per il Curricolo contenute nel D.M. del 04/09/2007 e in ottemperanza a quanto disposto dal D.P.R. 19 febbraio 2004 n. 59, ha discusso ed approvato il Piano dell Offerta Formativa (POF) per l anno scolastico 2011/2012. Il Piano, che intende essere uno strumento operativo, agile e facilmente fruibile dagli operatori della scuola, accessibile ai genitori e aperto ai contributi critici e alle proposte di aggiornamento, costituisce la Carta identificativa dell Istituto e rappresenta la risposta ai bisogni formativi e alle esigenze dell utenza scolastica. Tale documento prende in considerazione: 1. l analisi del contesto ambientale; 2. gli elementi fisici identificativi dell Istituto: n di alunni, degli insegnanti,del personale amministrativo ed ausiliario, gli edifici, gli spazi, gli arredi e le attrezzature; 3. gli elementi identificativi pedagogico-didattici ed organizzativi: o principi fondamentali o finalità educative o scelte didattiche o attività strategiche e trasversali o costruzione del curricolo o integrazione di alunni diversamente abili, stranieri o in difficoltà di apprendimento; o progettualità interna e con l esterno; o la comunicazione con le famiglie; o la continuità del percorso formativo. 4. le risorse 5. la valutazione dell Offerta formativa 6. il Piano Annuale delle Attività Il POF per l anno scolastico 2011/2012 poggia su alcuni fondamentali principi: partecipazione attiva degli alunni in quanto diretti protagonisti del processo di formazione; perseguimento degli obiettivi formativi; sviluppo di capacità e competenze, saper fare ; saper essere cioè, maturazione di atteggiamenti e valori che, dopo la famiglia, solo la scuola può assicurare; formazione dell alunno in quanto persona attuazione piena della libertà e dell uguaglianza, nel rispetto delle differenze e delle identità di ciascuno. Le finalità primarie che la scuola del ciclo di base dell Istituto Comprensivo G. Sabatini di Borgia si propone di assolvere sono: o Formazione; o Promozione culturale; o Apertura al territorio; o Aggregazione; o Orientamento Inoltre, intende perseguire gli scopi di: organizzare le attività formative in modo che le differenze culturali possano trovare l indispensabile supporto per esprimersi, maturare ed interagire; rendere la scuola centro culturale permanente al servizio del territorio; 6 6

7 prestare attenzione alla complessità delle relazioni tra il sistema formativo e il mondo del lavoro, perché l obiettivo della scuola non può essere più soltanto quello di inseguire lo sviluppo delle singole competenze, ma quello di formare ogni persona sul piano cognitivo e culturale, affinché possa affrontare positivamente l incertezza e la mutevolezza degli scenari sociali e professionali, presenti e futuri. Pertanto, al fine di adeguare l offerta formativa alla popolazione scolastica del territorio, ci si propone di: Collaborare con le scuole, gli enti pubblici e le associazioni, attraverso la partecipazione alla rete di scuole Magna Graecia, alla rete Gutenberg e ad altre reti di scuole per specifici progetti; Avviare la costruzione condivisa di un POF territoriale; Valorizzare il patrimonio archeologico, artistico, artigianale e ambientale attraverso lo studio del territorio; Stabilire una stretta alleanza educativa tra scuola e famiglia, al fine di acquisire le regole del vivere e del convivere civile; Formare cittadini che siano in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione di collettività più ampie e composite e di essere nello stesso tempo cittadini italiani, dell Europa e del mondo; Modificare gli atteggiamenti degli alunni demotivati nei confronti dello studio e della scuola, suscitando nuovi interessi e coinvolgendoli nell attività didattica; Prevenire il disagio e le devianze; Sviluppare negli alunni la consapevolezza di sé e delle proprie potenzialità, facilitando il passaggio dal sapere al saper fare e quindi al saper essere. 7 7

8 PRINCIPI GENERALI In armonia con i principi sanciti dalla Costituzione Italiana, tenuto conto della Convenzione internazionale sui diritti del fanciullo, recepita con legge 27/05/91 n. 176, e delle Direttive Ministeriali n. 16 del 5/02/07 (bullismo) e n. del 18/04/07 (benessere e salute): 1 - la scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. 2 la scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, allo sviluppo della potenzialità e del recupero della situazione di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione e dalla convenzione internazionale sui diritti del fanciullo fatta a New York il 20 novembre 1989 e con i principi generali dell ordinamento italiano. 3 La comunità scolastica, interagendo con la più ampia comunità civile e sociale di cui è parte, contribuisce allo sviluppo della personalità dei giovani, anche attraverso l educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione delle identità in genere, del loro senso di responsabilità e della loro autonomia individuale e persegue il raggiungimento di obiettivi culturali e professionali adeguati alla evoluzione delle conoscenze e all inserimento nella vita attiva. 4 La vita della comunità scolastica si basa sulla libertà di espressione, di pensiero, di conoscenza e di religione, sul rispetto reciproco di tutte le persone che la compongono, quale che sia la loro età e condizione, nel ripudio di ogni barriera ideologica, sociale e culturale. 5 La scuola rappresenta il luogo in cui gli studenti quotidianamente sperimentano i processi di apprendimento vivendo straordinarie opportunità di crescita intellettuale, di maturazione, di acquisizione di consapevolezza critica e di responsabilità ma, al tempo stesso, in cui si misurano anche con le difficoltà, la fatica, gli errori ed i momentanei insuccessi. Ne consegue che la qualità delle relazioni, il clima scolastico e le diverse modalità con cui si vive la scuola influenzano, più o meno direttamente, la qualità della vita, nonché la percezione del benessere e della salute. E stata del tutto condivisa, a questo riguardo, l elaborazione proposta in sede internazionale che individua la salute come progressiva integrazione nella crescita personale dei livelli di organizzazione biopsico-sociali. L attuale concetto di salute comporta il superamento della sola prospettiva preventiva in favore di un ottica che enfatizza la promozione della salute e la valorizzazione della persona: cultura, scuola e persona sono inscindibili. Come afferma Edgar Morin bisogna insegnare a vivere : insegnare le regole del vivere e del convivere è per la scuola un compito oggi ancora più ineludibile rispetto al passato. Di conseguenza, come recita ancora la direttiva ministeriale del 18 aprile 2007, nella società odierna emerge fortemente la necessità di rendere visibile e verificabile la promozione della salute nella scuola, sotto forma di programmi di intervento che, benché sviluppati autonomamente nelle sedi locali, siano in grado di rispondere ad una azione concertata e coerente sul piano nazionale e di cui sia possibile misurare il conseguimento. 6 - La scuola, essendo il terminale su cui convergono tensioni e dinamiche che hanno origine complessa nel nostro sistema sociale, ivi compreso il fenomeno del bullismo, rappresenta una risorsa fondamentale, l'istituzione preposta a mantenere un contatto non episodico ed eticamente strutturato con i giovani. Per tali ragioni si deve avere consapevolezza che la prevenzione ed il contrasto al bullismo sono azioni "di sistema" da ricondurre nell'ambito del quadro complessivo di interventi e di attività generali, nel cui ambito assume un ruolo fondamentale la proposta educativa della scuola verso i giovani. Si rinvia espressamente in tal senso alla direttiva ministeriale n. 16 del L Istituto Comprensivo Sabatini di Borgia, in ottemperanza a quanto sopra indicato, si impegna a garantire allo studente, in quanto persona, l integrale godimento dei diritti che gli sono riconosciuti nei citati documenti, ed a chiedere all alunno l osservanza dei doveri previsti dal regolamento di Istituto ed alla famiglia, riconoscendone la primaria responsabilità educativa, una fattiva collaborazione nel comune compito educativo. 8 8

9 (vedi allegato Patto di corresponsabilità educativa ) In particolare, a partire dall anno scolastico 2008/2009, l Istituto Comprensivo Sabatini di Borgia intende far proprie le indicazioni contenute nell Appello per un cambiamento dal basso della scuola, promosso da insegnanti e allievi della Scuola di Barbiana di Don Lorenzo Milani CAMBIARE LA SCUOLA DAVVERO SI PUO 1. LA SCUOLA È IL LUOGO PER IMPARARE AD APPRENDERE, A PENSARE CON LA PROPRIA TESTA, A ESSERE RESPONSABILI. Educare ad essere cittadini sovrani e non sudditi. 2. A SCUOLA, COME NELLA VITA, NON POSSIAMO DISGIUNGERE L APPRENDERE DAL FARE. SI IMPARA CON IL CERVELLO, CON LE MANI, CON TUTTI I SENSI E CON IL CUORE. In ogni scuola sono fondamentali i laboratori della manualità da svolgere anche all aperto. Il laboratorio non è il luogo extracurricolare dove si fa e si apprende altro dai saperi e dai programmi. 3. LA SCUOLA È IL LUOGO IN CUI SI APPRENDE INSIEME, NON DA SOLI. È importante perdere tempo perché una classe indistinta diventi un gruppo-comunità. Ci vogliono mesi per formare il gruppo, discutendo e raccordandosi sulle finalità, sulla necessità di regole condivise, sulle metodologie e le tecniche da utilizzare insieme. 4. PER CREARE BUONE RELAZIONI È FONDAMENTALE ESSERE UN PICCOLO GRUPPO. POCHE FIGURE DI DOCENTI DI RIFERIMENTO PER CLASSE, AIUTEREBBERO L ORGANIZZAZIONE SCOLASTICA. Le metodologie innovative possono essere praticate solo con un numero ridotto di ragazzi, dai 15 ai 20 per classe, e di insegnanti di riferimento. Se per diminuire il numero fosse necessario formare gruppi variegati di ragazzi o le cosiddette pluriclassi, lo si faccia perché è, oltretutto, una grande opportunità per sviluppare la cooperazione e il mutuo sostegno. 5. GLI INSEGNANTI NON SONO DEI TUTTOLOGI, MA DEVONO SAPERE DOVE STA DI CASA LA CULTURA. I libri di testo non sono gli unici sussidi didattici, possono essere sostituiti dagli incontri diretti con la vita e le persone e poi da una buona biblioteca di classe, vocabolari, atlanti, giornale, stazione multimediale, accesso a internet, collegamento satellitare, supporti di memorie esterne, videoproiettore digitale e analogico, che complessivamente riducono di una buona percentuale le spese a carico delle famiglie. 6. I SAPERI NON SONO UN BAGAGLIO DA TRAVASARE, MA VANNO COSTRUITI INSIEME. LA CONOSCENZA NON VA DEPOSITATA O ETICHETTATA, MA VA RIELABORATA CRITICAMENTE PER DIVENTARE STRUMENTO DI FORMAZIONE E NON SOLO DI INFORMAZIONE. I saperi minimi di base, quelli essenziali e utili alla vita, non possono essere spezzettati e inseriti in programmi rigidi definiti nei minimi dettagli. È importante lavorare sui nuclei fondamentali e sull apprendere per schemi logici. La formazione è questione di coscientizzazione, di maturazione attraverso la riflessione critica e di elaborazione di mappe concettuali, dove le discipline si contaminano reciprocamente. 7. L EDUCAZIONE, COME L APPRENDIMENTO, È UN PROCESSO DINAMICO CHE PARTENDO DAL MOTIVO OCCASIONALE, OSSIA DALLA REALTÀ, CONDUCE ALLA CONOSCENZA. Tale percorso, l'arte delicata di condurre i ragazzi su un filo di rasoio, come definito da don Lorenzo Milani, va compiuto tenendo conto dei saperi, delle abilità e delle competenze indispensabili all allievo della scuola di base per comprendere, ad esempio, l articolo di fondo del giornale, come avrebbe verificato la Scuola di Barbiana. 8. LE ORE CHE SI TRASCORRONO A SCUOLA DEVONO AVERE CARATTERE UNITARIO. A ben poco servono la rigida suddivisione delle discipline in unità didattiche o di apprendimento, a seconda delle riforme, nonché i ritmi di apprendimento scanditi da orari cronologici fissi. Ma per chi suona la campanella? 9. SBAGLIANDO SI IMPARA. PER PROVA, PER ERRORE E PER GIOCO. È così che la scuola, lungi dall essere l anticamera di una azienda, potrà diventare il luogo della lentezza, del non assillo, funzionale all apprendimento creativo e al gioco. A scuola si va anche per divertirsi nel senso etimologico della parola, ossia scantonare e fare cose sempre diverse. 10. SI CAPISCE BENE COS È UNA SCUOLA QUANDO LA VIVIAMO COME SE FOSSE IL LUOGO DOVE SI ENTRA COMPETITIVI, AGGRESSIVI, RAZZISTI E, DOPO AVER LAVORATO E STUDIATO INSIEME PER BISOGNI COMUNI, SI ESCE RISPETTOSI DEGLI ALTRI, AMICI, TOLLERANTI. La scuola è un concentrato di esperienze, una grande avventura che può essere vissuta come se fosse: un viaggio, un libro da scrivere insieme, uno spettacolo teatrale, un orto da coltivare, un 9 9

10 sogno da colorare... L Istituto Comprensivo G. Sabatini di Borgia comprende l utenza del territorio dei Comuni di Borgia centro, con la frazione di Roccelletta, e di San Floro. L abitato di Borgia sorge su un altopiano alla destra del torrente Corace ed è a m. 341 sul livello del mare, in posizione NE-SO. Dista dal capoluogo 27 Km, si estende in posizione pianeggiante e presenta una configurazione urbanistica moderna e razionale. Borgia è dotata di Ufficio delle Entrate, Ufficio del Giudice di pace, Ufficio di collocamento, Ufficio postale, due farmacie, attrezzature sportive di vario genere (campo di calcio, da tennis e di calcetto, tiro a volo), bocciofila, banca, cinema, teatro all aperto (Villa Pertini), servizio scuolabus, biblioteca comunale, due scuole musicali con relative bande, varie Associazioni culturali, il gruppo archeologico borgese, un associazione di volontariato, un Circolo anziani, due palestre private e un oratorio parrocchiale. Il Comune di Borgia, composto da Borgia città e dai centri di Donnantona, Roccelletta, e Vallo, è esteso su una superficie di 44 Kmq. La popolazione è composta da circa abitanti, prevalentemente indirizzati nel settore terziario, con ampia stratificazione in quello primario; le frazioni di Donnantona, Roccelletta e Vallo sono a vocazione agricola e turistica. A Roccelletta, ubicata su un ampia zona pianeggiante e con una popolazione di circa 2000 abitanti, è presente il parco archeologico che comprende, oltre ai resti della colonia greco-romana di Skylletion- Scolacium, anche i ruderi dell antica basilica normanna di Santa Maria della Roccella, il sito dei Castra Annibalis e del teatro greco-romano. Il territorio è, dunque, culturalmente stimolante, anche se la sua storia è poco conosciuta dalla popolazione a causa della scarsa informazione e della lentezza con cui proseguono i lavori di scavo. Durante l'estate è meta di turismo locale e straniero e, da alcuni anni, è sede di varie attività culturali. La frazione, che sta subendo una rapida espansione, in un raggio abbastanza esteso, comprende anche le zone di Roccelletta Piccola, Contrada Donnantona, Contrada Difesa, Contrada Vallo. L'ambiente sociale è vario e vi sono rappresentate tutte le categorie; la maggior parte della popolazione attiva è impegnata nei settori primario e terziario. Roccelletta però risente della carenza di strutture educative e di spazi attrezzati che consentono ai ragazzi di potersi incontrare. Mancando questi poli d'aggregazione, gli alunni hanno la possibilità di interagire con i coetanei solo durante l'orario scolastico, mentre, nelle ore pomeridiane, guardano la televisione o giocano da soli in casa o sulla strada. Mancano agenzie educative extra scolastiche, se si eccettua la Parrocchia; esiste un campetto di calcetto privato per le attività ricreative. Il Comune di San Floro, esteso 18,16 Kmq, ha una popolazione di circa 800 abitanti e un economia basata prevalentemente sull agricoltura e sul terziario; il suo abitato sorge su una collina isolata a Nord della Fiumarella di Borgia, a 260 metri sul livello del mare e a circa 20 Km da Catanzaro. In questi ultimi anni, si registra un certo sviluppo, oltre che nell'allevamento del baco da seta ed in alcuni settori dell'artigianato, anche nel campo urbanistico, grazie all apertura del Campus Universitario. La realtà socio-economica in cui opera la scuola è eterogenea e complessa. Parte dei genitori degli alunni lavora nel settore dell agricoltura e dell edilizia, altri sono impiegati nel terziario e conducono attività in proprio. Si rileva una apprezzabile vivacità culturale del territorio, grazie alla presenza di realtà associazionistiche che operano nel mondo della musica, della poesia e dell arte. In conclusione, dalla lettura interpretativa e qualitativa dei dati del territorio emergono: vecchie e nuove realtà socio-economiche 10 10

11 eterogeneo livello culturale tradizioni culturali diverse in via di integrazione tra gli abitanti presenza di immigrati extracomunitari presenza di situazioni sociali a rischio presenza di sacche di disoccupazione e di lavoro precario emergenza dovuta alle infiltrazioni diffuse della criminalità organizzata, che ha causato il recente commissariamento dell amministrazione comunale. Esigenze del territorio I territori di riferimento possono essere considerati socialmente a rischio anche per la presenza di problematiche che facilitano fenomeni di devianza giovanile. Ciò nonostante, l atteggiamento dei genitori degli alunni nei confronti della scuola è sufficientemente collaborativo e buono risulta il livello delle aspettative sul piano formativo e culturale. Dall esperienza del personale della scuola e dallo studio attento e scrupoloso dei dati reali, emergono le seguenti priorità, scandite sulla base dei bisogni espressi individualmente dalle componenti che interagiscono nell azione didattica e educativa: Priorità ed esigenze componente genitori: Chiarezza nel linguaggio dei docenti; Attività extrascolastiche di rinforzo e di sostegno; Didattica di qualità ed acquisizione di maggiori competenze per i propri figli; Istituzione di corsi bilingue nelle classi; Effettivo coinvolgimento nella cogestione del progetto educativo; Superamento dei conflitti tra stili educativi famiglia/scuola. Priorità ed esigenze componente docenti: Riconoscimento della professionalità docente sul territorio; Arricchimento delle risorse strutturali e strumentali proprie della scuola; Promozione delle condizioni che permettano una più consapevole collaborazione tra docenti. Priorità ed esigenze personale A.T.A.: Coinvolgimento nel progetto educativo; Riconoscimento delle figure professionali; Maggiore collaborazione con i docenti

12 L'edificio scolastico della scuola secondaria di primo grado di Borgia, pur non essendo di antica costruzione, manca di spazi attrezzati e di aule speciali. Negli ultimi anni, a seguito di finanziamento regionale, è stato avviato un complessivo lavoro di ristrutturazione degli edifici, con il conseguente completamento del plesso centrale e della palestra. A causa di questi lavori in corso, non ancora ultimati, la scuola ha dovuto subire ripetuti spostamenti di aule e di uffici. Gli spazi attualmente in uso, sono forniti di attrezzature quali fotocopiatrici moderne, computer, ciclostile, registratori, televisori, videoregistratori e, inoltre, di un laboratorio multimediale che comprende computer, stampanti, modem, data display ed accessori vari. Alcune aule dispongono della possibilità di utilizzare una lavagna multimediale (LIM) in alcuni casi condivisa anche con gli alunni delle classi che ne risultano sprovviste. La biblioteca d'istituto, i cui testi sono rispondenti alle esigenze dei ragazzi, è attualmente in fase di risistemazione, a causa dei lavori in corso. Ogni aula, inoltre, è dotata di una piccola biblioteca che si arricchisce, di anno in anno, grazie a contributi di fondi regionali o a donazioni. La scuola fruisce della refezione scolastica gestita dall Amministrazione Comunale, presso la scuola primaria dell Istituto Comprensivo Pitaro, previo pagamento di un ticket da parte dei genitori. L'edificio scolastico della Scuola dell infanzia, sito nella frazione di Roccelletta, pur di recente costruzione, evidenzia carenze funzionali e strutturali. Situato al piano terra, presenta numerose porte-finestre con infissi precari; i pavimenti, di materiale plastico, sono di difficile manutenzione. Non ci sono laboratori, anche se, a breve, dovrebbe esserne attrezzato uno, multimediale, utile strumento ludico per i bambini; manca un locale per le attività psicomotorie. Intorno all'edificio c'è un cortile, in parte pavimentato, in parte alberato e, nella restante zona verde, utilizzato nei momenti di gioco. L'edificio presenta un androne su cui si affacciano quattro aule, di cui tre adibite a sezioni ed una, più grande, a refettorio; ci sono, inoltre, un grande salone, attualmente, però, utilizzato come refettorio dagli alunni della scuola elementare, ed un piccolo ripostiglio adibito ad aula bunker per custodire il materiale di facile consumo. Il plesso è dotato di cinque servizi igienici per i bambini e uno per i docenti. L'edificio scolastico della scuola primaria di Roccelletta, annesso a quello della scuola dell infanzia, presenta le stesse caratteristiche e carenze. Il plesso è formato da: 9 aule, un ripostiglio, un locale adibito ad aula bunker condiviso con la scuola materna, due bagni per maschi, due bagni per donne, due bagni per il personale insegnante e ausiliario, un locale cucina e una sala mensa in comune con la scuola materna, dove pranzano gli alunni dei due ordini di scuola che frequentano il tempo pieno. All'interno dello stesso edificio, alcuni ambienti sono occupati dalla delegazione comunale. Di recente la scuola è stata dotata di una postazione multimediale con accesso ad Internet ed utilizzo della posta elettronica. Non è provvisto di laboratori attrezzati e manca, anche, di un locale per la psicomotricità. La struttura però è stata anch essa interessata, come quella di Borgia, da ampi lavori di ristrutturazione, che miglioreranno di molto la disponibilità degli spazi. 1212

13 L'edificio della scuola secondaria di primo grado di Roccelletta, recentemente ampliato, consta di 9 vani, (4 nuovi), di cui cinque aule, una sala docenti, tre laboratori (uno multimediale), una stanza per i collaboratori scolastici. Ci sono, inoltre, 4 bagni (2 per gli alunni, 1 per i docenti ed 1 per i diversamente abili), un sottotetto, un ingresso principale ed un uscita di sicurezza. Intorno alla scuola, c è un cortile recintato, in cui si prevede la realizzazione di un campo di pallavolo. L edificio della scuola di San Floro, sito in via Catanzaro n. 11, ospita sia la scuola dell Infanzia sia la scuola Primaria. Gli spazi disponibili sono così costituiti: un locale per le sezioni, un ripostiglio, uno spogliatoio, un atrio spazioso adibito a sala mensa, una cucina e i servizi igienici. La scuola fruisce della refezione scolastica gestita dall Amministrazione Comunale, previo pagamento di un ticket da parte dei genitori

14 RISORSE INTERNE ED ESTERNE Risorse interne Dirigente scolastico prof.ssa Rosa Procopio Collaboratore vicario del dirigente scolastico prof.ssa Immacolata Bagnato Secondo collaboratore del dirigente scolastico prof.ssa Maria Pia Romano Resp. vigilanza Scuola dell Infanzia Roccelletta Livia Palmisano primaria Roccelletta Delfina Maiuolo infanzia e primaria S.Floro prof. Giuseppe Leonardo Chiera sec.1 grado Roccelletta Enza A. Correale La scuola fruisce della refezione scolastica gestita dall Amministrazione Comunale, previo pagamento di un ticket da parte dei genitori. sede di Borgia prof.ssa Immacolata Bagnato N. 4 Figure strumentali Area 1 Gestione del Piano dell Offerta Formativa: Iiritano Massimo Area 2 Sostegno al lavoro dei docenti: Coppa Anna Area 3 Interventi e servizi in favore degli alunni: Tavano Rosa / Severini Saverio Area 4 Realizzazione di progetti formativi di intesa con enti ed istituzioni esterni alle scuole: Bubba Tommaso N. 71 docenti (13 per la Scuola dell Infanzia, 27 per la Scuola Primaria, 32 per la Scuola secondaria di primo grado) N. 1 Direttore dei servizi generali e amministrativi sig. Maurizio Chiarella N. 4 Assistenti amministrativi N. 15 Collaboratori scolastici. Risorse esterne L Istituto Comprensivo, per rispondere agli effettivi bisogni ed alle aspettative dell utenza e del territorio, si rapporta con: Rete di scuole Magna Graecia ; Comune di Borgia; Comune di San Floro; Istituto Comprensivo A. Pitaro di Borgia; Asl di Borgia, Catanzaro, Girifalco, Squillace; Biblioteca comunale di Borgia; Associazione di Protezione civile Angeli blu ; Associazione LIBERAmente. Associazione Circolo velico Circolo sportivo tennis Gruppo archeologico borgese; Ass. musicale culturale L. Beethowen Parrocchia S. Giovanni Battista. Associazione Carabinieri Confraternita Maria SS. Immacolata Associazione culturale Zobeide- Catanzaro Associazione sportiva Baseball Altre associazioni ed enti territoriali Esperti

15 QUADRO ORARIO: - Nella scuola dell infanzia e primaria di Roccelletta, l orario sarà a tempo pieno (40 ore), ad eccezione della classe IV B, funzionante a tempo normale. - Nella scuola dell infanzia e primaria di San Floro, il tempo scuola si sviluppa attraverso la settimana corta (pausa didattica il sabato), fino a 40 ore settimanali. Con un adozione modulare della flessibilità oraria, durante la mattinata (8,30 12,30) le pluriclassi sono state divise e separate per ambiti disciplinari. - Nella scuola secondaria di secondo grado, si effettuerà un orario curricolare di 36 ore, con due rientri pomeridiani, fissati nei giorni di martedì e giovedì, nei quali sarà possibile usufruire del servizio mensa presso la scuola primaria A. Pitaro. Fanno eccezione le classi prime, che effettuano un orario di 30 ore settimanali, senza rientri pomeridiani. Il sabato, a partire dal presente anno scolastico, l uscita è anticipata alle 12,20. - Nella sede centrale e nella sede di Roccelletta funzioneranno, in orario pomeridiano, corsi di strumento musicale, per gli alunni che ne fanno richiesta

16 Le indicazioni per il curricolo si snodano in continuità con il documento CULTURA-SCUOLA- PERSONA presentato dal ministro Fioroni nel corso del seminario nazionale del 3 Aprile 2007 e successivamente inviato alle scuole con nota 15 Maggio L intento è la piena attuazione degli articoli della Costituzione, nel nuovo scenario culturale e sociale di inizio del terzo millennio. Lo studente è posto al centro dell azione educativa in tutti i suoi aspetti cognitivi, affettivi, relazionali, corporei, estetici, spirituali e religiosi. In questa prospettiva la scuola deve realizzare i progetti educativi e didattici per persone che vivono qui e ora, e che sollevano precise domande esistenziali. Particolare cura è da dedicare alla formazione della classe come gruppo, alla promozione dei legami cooperativi, alla gestione degli inevitabili conflitti indotti dalla socializzazione. La scuola si deve costituire come un luogo accogliente, e persegue una doppia linea formativa: verticale e orizzontale. La linea verticale esprime l esigenza di impostare una formazione che possa poi continuare lungo l intero arco della vita; quella orizzontale indica la necessità di un attenta collaborazione fra la scuola e gli attori extrascolastici con funzioni a vario titolo educativo: la famiglia in primo luogo. Insegnare le regole del vivere e del convivere è oggi per la scuola un compito più importante rispetto al passato. E opportuno proporre un educazione che spinga l allievo a fare scelte autonome e feconde, costituendo un alleanza educativa con i genitori attraverso relazioni costanti che riconoscano i reciproci ruoli e si supportino vicendevolmente sulle comuni finalità educative. La scuola affianca quindi al compito dell insegnare ad apprendere quello dell insegnare ad essere. Bisogna formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costituzione di collettività più ampie, educando alla convivenza attraverso la valorizzazione delle diverse identità e radici culturali di ogni studente. La finalità è una cittadinanza unitaria e plurale ad un tempo, che certo permane coesa e vincolata ai valori fondanti della tradizione nazionale, ma che può essere alimentata da una varietà di espressioni ed esperienze personali molto più ricca che in passato, allo scopo di formare cittadini italiani che siano nello stesso tempo cittadini dell Europa e del mondo. La scuola deve essere quindi il luogo in cui il presente è elaborato nell intreccio tra passato e futuro, tra memoria e progetto. In sintesi, il fine della scuola è di fornire le occasioni educative, i supporti necessari e le condizioni funzionali ad un maggiore e migliore sviluppo della personalità globale dell alunno, mirando a: o promuovere la partecipazione dell allievo al dialogo col territorio; o favorire una cultura intesa come cultura dell incontro, dell ascolto, della reciprocità e della condivisione ; o promuovere la capacità di orientarsi nel mondo in cui vive, al fine di raggiungere un equilibrio attivo e dinamico con esso; o costruire un eguaglianza di opportunità in funzione anche del recupero e dell inserimento degli alunni in difficoltà o di origine straniera; 16 16

17 o esprimere ipotesi sul proprio futuro, per elaborare un progetto di vita; o conoscere se stessi per operare scelte ed assumersi responsabilità. A tale scopo, sulla base anche delle Nuove Indicazioni nazionali del D.M. 31 luglio 2007, il Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo G. Sabatini si propone di: o adeguare l attività didattica alla valorizzazione del territorio; o elaborare i curricoli delle diverse scuole, nel rispetto delle finalità, dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento di ogni singola scuola

18 SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell Infanzia ha ormai acquisito una identità specifica e una sua autonomia istituzionale e le viene riconosciuto il ruolo di scuola di base di tutto il processo educativo. Essa concorre all educazione armonica e integrale di ogni bambino e bambina, nel rispetto e nella valorizzazione dei ritmi evolutivi, delle capacità, delle differenze e dell identità di ciascuno, nonché della responsabilità educativa delle famiglie. Operando in questa direzione con sistematica professionalità pedagogica, essa contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza delle opportunità e alla rimozione degli ostacoli di ordine economico, sociale e culturale. Finalità educative.attraverso le aree di apprendimento.. il sé e l altro il corpo in movimento linguaggi, creatività, espressione i discorsi e le parole la conoscenza del mondo..mette il bambino in grado di. Prendere coscienza della propria identità in rapporto a se stesso e agli altri Stabilire relazioni positive e costruttive con coetanei e con adulti Acquisire fiducia nelle proprie capacità Interiorizzare, rispettare e condividere le regole per una sana e democratica convivenza Muoversi nell ambiente e orientarsi nello spazio con sicurezza sempre maggiore Esprimersi spontaneamente attraverso il gioco simbolico individuale e/o di gruppo Conoscere e usare linguaggi alternativi (verbali, grafici e gestuali) Riconoscere e saper localizzare le parti del corpo Rappresentare graficamente lo schema corporeo Sviluppare il coordinamento oculo-manuale Consolidare e affinare gli schemi motori di base Sapersi muovere in accordo al ritmo di semplici brani musicali Sviluppare le capacità di classificazione, seriazione e quantificazione Collocare oggetti e fatti nello spazio e nel tempo Esplorare e rielaborare creativamente materiali manipolativi di facile uso Decodificare semplici comandi ed eseguirli Ascoltare, comprendere e ricordare brevi storie Raccontare personali esperienze vissute in famiglia e a scuola Strutturare semplici ipotesi e proporre soluzioni alternative a elementari problemi, partendo da una esperienza concreta

19 ARTICOLAZIONE DEL CURRICOLO - Cinque campi di esperienza: 1. Il sé e l altro. 2. Il corpo in movimento. 3. Linguaggi, creatività, espressione. 4. I discorsi e le parole. 5. La conoscenza del mondo. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Il sé e l altro Il Corpo in movimento Linguaggi, creatività, espressione I discorsi e le parole La conoscenza del mondo Stima di sé e fiducia nelle proprie capacità Controllare i propri sentimenti e le proprie emozioni Appropriarsi di regole e norme Sviluppare capacità di interrelazione e amicizia Identità corporea, capacità espressiva e motoria Sicurezza e definizione di sé Capacità di orientamento e di interazione con l ambiente Stima di sé in rapporto alle abitudini alimentari e igieniche sanitarie Fiducia nelle proprie capacità lessicali Fiducia nelle proprie capacità di esprimere sentimenti emozioni, stati d animo Sperimentare varie tecniche espressive in modo libero Esprimersi attraverso la pittura e utilizzare diverse tecniche espressive Comunicare, esprimere emozioni Capacità di ascoltare e comprendere le narrazioni e le letture di storie Capacità di esprimere e comunicare agli altri le proprie emozioni attraverso il linguaggio verbale Sviluppare la padronanza dell uso della lingua italiana e arricchire il proprio lessico Conoscere il proprio ambiente di vita nella sua dimensione naturale e coglierne le trasformazioni Riorganizzare esperienze ed eventi in ordine di tempo Raggruppare e ordinare secondo criteri diversi Capacità di collocare oggetti e fatti nello spazio Raccontare sfruttando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 19 19

20 SCUOLA PRIMARIA Obiettivi formativi Sviluppo armonico della persona Valorizzare l esperienza del fanciullo per uno sviluppo armonico della persona sotto l aspetto affettivo, morale, razionale, operativo. Responsabilità Mettere in atto comportamenti di autonomia, autocontrollo, fiducia in sé e comprendere la funzione della regola e della legge nei diversi ambienti di vita quotidiana. Progettare, progettarsi Elaborare risposte e formulare soluzioni utilizzando capacità personali, conoscenze, abilità, competenze acquisite. Ricerca del significato Selezionare e saper interpretare i diversi linguaggi e i fenomeni socio-culturali. Collaborazione e gestione dei conflitti Interagire, socializzare e rispettare gli altri per costruire comportamenti relazionali positivi e condivisi. Comunicazione Attivare modalità relazionali adattandole ad ambienti e situazioni. Riflessività e autonomia di giudizio Recepire informazioni, interpretare dati provenienti da fonti diverse per lo sviluppo delle capacità critiche e creative e del pensiero divergente. Intercultura Comprendere ed accettare la diversità delle persone e delle culture come ricchezza, valorizzando il diritto di ciascuno alla differenza

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012.

Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento delle attività connesse alla realizzazione del POF - Anno Scolastico 2011/2012. Circolare interna n. 25 Ai docenti Al DSGA Alla segreteria alunni Alla segreteria docenti E, p.c. ai collaboratori scolastici Ve Mestre, 15 settembre 2011 Oggetto: presentazione disponibilità per lo svolgimento

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli