SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI"

Transcript

1 SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

2 PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese e delle sue regioni, ha spinto ad analizzare, a partire dai risultati della seconda edizione dell Osservatorio sull uso dell informatica promosso da Microsoft e Confcommercio e realizzato da Net Consulting, 4 approfondimenti a livello macroregionale. Lo studio del 2004, sulla base delle evidenze derivanti dalla prima edizione dell Osservatorio, si era posto l obiettivo di analizzare la portata del divario tecnologico, ovvero del Digital Divide esistente, in virtù della localizzazione geografica delle aziende. Nelle quattro ricerche territorializzate Nord Ovest, Nord Est, Centro e Sud e Isole - l obiettivo è quello di analizzare le specificità territoriali delle aziende attive nelle aree in esame e il ruolo della tecnologia presso di esse, sulla base di due principali chiavi di lettura, ovvero classe dimensionale e settore economico di appartenenza. La struttura dell indagine ha seguito pressoché fedelmente quella dell Osservatorio complessivo del 2004, e fornisce risultati ed evidenze puntuali relativamente ai seguenti aspetti: presenza attuale e prevista di strumenti IT; modalità e frequenza dell uso dell IT; fattori di stimolo e di ostacolo all adozione e all uso delle tecnologie; vantaggi e svantaggi nell utilizzo dell IT nell ambito della gestione aziendale. Il campione analizzato è costituito da un panel, intervistato in modalità telefonica, di 618 aziende di piccole e medie dimensioni con un organico pari o superiore a 3 addetti, stratificate in 5 settori, ovvero: Turismo Moda Trasporti Commercio Alimentare Commercio Non Alimentare. PRESENZA ATTUALE E PREVISTA DI STRUMENTI E APPLICAZIONI IT Il mercato italiano dell informatica ha registrato, per il terzo anno consecutivo, un andamento negativo (-0,4%), seppure in forte miglioramento rispetto al 2003.

3 Figura 1 Il mercato dell informatica in Italia per macroarea geografica ( dati in migliaia di euro e in %) % % , Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole Segnali lievemente positivi sono rilevabili solo per il Sud e Isole (+ 0,1%), che insieme al Nord Est (- 0,3%) evidenzia un risultato migliore rispetto al dato nazionale. Le applicazioni informatiche maggiormente utilizzate e diffuse presso le aziende dell Universo, ad oggi dotate di PC, sono costituite da : - office, in particolare Word ed Excel, indicato dall 81,9% delle aziende; - software gestionali ed applicativi per contabilità ed amministrazione, 70,3% (figura 2). Oltre a queste dotazioni di base, si segnala il livello di adozione dei sistemi di

4 archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori (ovvero database), pari al 44,6%, e i sistemi che supportano la gestione di informazioni strutturate sui clienti, pari al 33,6%. A livello geografico, è interessante notare come siano le aziende del Sud ed Isole a distinguersi per un utilizzo più diffuso delle applicazioni informatiche, in particolare per quanto riguarda gli strumenti di automazione ed informatizzazione delle attività aziendali di tipo operativo, ovvero Office ed il software per l amministrazione del personale, e gli strumenti alla base della gestione dei rapporti con enti esterni all azienda, ad esempio automazione della forza vendita e gestione informatizzata dei rapporti con i fornitori. Il recupero delle aziende del Sud nell utilizzo dell informatica appare, quindi, estremamente significativo in quanto riguarda sia aspetti operativi che strategici delle attività aziendali. Figura 2 Applicazioni informatiche in uso nelle quattro macroaree italiane (risposte multiple valori in %) Nord Ovest Office 84,0% SW gestionale 68,0% 64,0% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti 33,6% 42,4% Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 18,4% 17,6% 8,8% 4,0%

5 Nord Est Office 82,4% SW gestionale 66,7% 66,7% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 39,2% 29,4% 21,6% 15,7% 11,8% 5,9% Italia Centrale Office SW gestionale 61,8% 69,3% 80,4% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori Automazione forza vendita SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 42,2% 34,2% 22,6% 15,6% 8,5% 5,5%

6 Sud e Isole Office 83,2% SW gestionale 68,6% 63,9% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale 40,8% 33,0% 25,1% 19,4% 13,1% Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 3,7% MODALITÀ E FREQUENZA DELL USO DELL IT La maggioranza delle aziende (53,3%) ritiene che l informatica, ed in particolare il PC, rappresenti ormai uno strumento indispensabile per ogni attività e poco meno del 26% la considera il supporto principale per la maggior parte delle attività aziendali. In altre parole, all informatica è riconosciuto un ruolo sempre più strategico. Sono, in modo particolare, le aziende localizzate nel Sud ed Isole ad attribuire all informatica e all uso del PC la massima importanza e pervasività ai fini delle attività aziendali, con un peso superiore al 75% di aziende con un elevato livello di utilizzo (figura 3).

7 Figura 3 Tipologia di utilizzo dei PC da parte degli addetti delle aziende nelle quattro macroaree italiane Nord Ovest Indispensabile 40,7% 65,4% 70,0% 51,2% Molto utile 17,3% 100,0% 27,2% 26,9% 20,0% 18,7% 20,3% Parzialmente utile 14,8% 7,7% 10,0% 9,8% Uso saltuario 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Nord Est Indispensabile 40,3% 57,1% 40,0% 50,0% 44,0% Molto utile 29,9% 40,0% 30,0% 23,8% 50,0% 25,4% 14,3% 20,0% 22,0% 4,5% 4,8% 4,0% 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Parzialmente utile Uso saltuario

8 Italia Centrale Indispensabile 41,0% 78,4% 64,7% 50,8% Molto utile 24,5% 100,0% 21,5% Parzialmente utile 22,3% 8,1% 29,4% 17,9% Uso saltuario 10,8% 1,4% 10,8% 2,7% 5,9% 8,7% 1,0% Nessuno 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Sud e Isole Indispensabile 56,2% 65,5% 61,1% 57,1% 58,4% Molto utile 17,2% 18,8% 22,2% 14,3% 17,8% Parzialmente utile 16,4% 10,2% 9,4% 6,3% 16,7% 28,6% 15,7% 8,1% Uso saltuario 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

9 I principali strumenti a disposizione delle aziende per sopperire alla mancanza di competenze interne e per aumentare le proprie conoscenze in area IT sono sostanzialmente due: il ricorso a consulenti esterni per risolvere questioni e problemi tecnici; lo svolgimento di attività di formazione. A questo proposito, ai consulenti ricorre la maggioranza delle aziende, complessivamente il 72,5% (figura 4). Figura 4 Il ricorso a consulenti esterni per tematiche IT nelle quattro macroaree italiane Nord Ovest 26,5% 15,4% 20,0% 22,4% No 26,9% 30,0% 33,6% Sì, a volte 38,6% 100,0% 34,9% 57,7% 50,0% 44,0% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

10 Nord Est 10,0% No 30,0% 28,6% 27,2% 50,0% 14,3% 50,0% Sì, a volte 35,9% 40,0% 30,0% 57,1% 40,0% 50,0% 36,9% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Italia Centrale 11,8% No 37,1% 29,7% 50,0% 33,2% 41,2% Sì, a volte 34,3% 35,1% 35,2% 28,7% 35,1% 47,1% 50,0% 31,7% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

11 Sud e Isole 32,8% 15,6% 33,4% 14,3% 29,3% No 31,3% 38,1% 22,2% 57,1% 36,1% Sì, a volte 29,1% 53,1% 44,4% 28,6% 34,6% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Il ricorso a consulenti esterni appare influenzato sia dall area geografica di appartenenza che dalle dimensioni aziendali: sono le aziende che risiedono al Nord a ricorrere più frequentemente al supporto dei fornitori esterni; paradossalmente, le aziende di minori dimensioni si rivolgono con frequenza inferiore alla media a consulenti esterni. Tale risultato dipende, in gran parte, dal fatto che le aziende di maggiori dimensioni non solo hanno maggiori risorse da investire ma sono anche chiamate a gestire questioni tecniche di maggior peso e complessità derivanti da sistemi informativi più complessi e strutturati, nonostante siano comunque più preparate a riconoscere i problemi che insorgono e ad agire per risolverli. L impresa dei settori Distribuzione e Servizi non sembra attribuire un ruolo significativo allo svolgimento di attività di formazione informatica. Infatti, solo l 11,5% delle aziende dell Universo ha dichiarato di effettuare corsi di formazione (figura 5). Tale percentuale aumenta al crescere delle dimensioni aziendali ed è strettamente legata all area geografica in cui è localizzata l azienda. Si rileva, infatti, che il 43,3% delle aziende con 50 addetti e oltre ha dichiarato di svolgere attività di formazione informatica mentre, a livello geografico, la quota più elevata è localizzata a Nord (12,9%).

12 Figura 5 Presenza di attività di formazione IT SI NO Nord Ovest Nord Est SI 9,7% SI 15,5% NO 90,3% NO 84,5% Italia Centrale Sud e Isole SI 9% SI 10,6% NO 91% NO 89,4% FATTORI DI STIMOLO E DI OSTACOLO ALL USO DELL INFORMATICA IN AZIENDA L utilizzo dell informatica è ancora visto come elemento che potenzia le attività operative dell azienda (aumento dell efficienza, sistemi di controllo etc.) e non tanto come fattore propulsore delle strategie aziendali (miglioramento dei rapporti con clienti e fornitori, ampliamento dei mercati di sbocco etc.).

13 Le risposte fornite (figura 6) mostrano che gli elementi di stimolo all adozione di strumenti informatici sono caratterizzati da livelli di significatività medi piuttosto elevati. Figura 6 Principali elementi di stimolo all adozione di strumenti IT Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Diminuzione dei costi aziendali Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Ampliamento dei mercati di sbocco Interazione con gli altri attori presenti sul territorio Creazione di nuove competenze 6,86 6,09 5,75 5,70 5,49 5,43 5,43 5,38 5,18 4,90 Nord Est Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Aumento della competitività aziendale Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Diminuzione dei costi aziendali Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Interazione con gli altri attori presenti sul territorio Creazione di nuove competenze 5,83 5,73 5,36 5,35 7,05 6,36 6,17 6,14 6,13 5,92

14 Centro Aumento efficienza interna dell'azienda Maggiore dispon. sistemi controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con clienti Supporto innovaz. offerta Migliore rapporto con fornitori Diminuz. costi aziendali Ampliam. mercati di sbocco Creazione nuove competenze Interazione con altri attori presenti sul territorio 6,86 6,34 6,24 6,13 5,89 5,78 5,75 5,67 5,39 5,21 Sud e isole Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Diminuzione dei costi aziendali Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Ampliamento dei mercati di sbocco Creazione di nuove competenze Interazione con gli altri attori presenti sul territorio 7,55 7,10 7,00 6,69 6,49 6,48 6,37 6,12 5,90 5,73 Volgendo l attenzione ai fattori che, al contrario, frenano l adozione di tecnologie IT, le rilevazioni evidenziano livelli di significatività sensibilmente inferiori a quelli che caratterizzano i fattori di stimolo. Sempre sulla base di una scala da 1 a 10, infatti, il voto più alto assegnato è pari a 5,41 (figura 7). In dettaglio, i fattori che risultano frenare maggiormente l adozione di strumenti IT riguardano:

15 - i costi che caratterizzano l acquisto di PC e programmi; - la mancanza di competenze tecniche interne. Tra le altre citazioni appare significativa la denuncia, da parte delle aziende, di un ridotto supporto da parte dei fornitori che, di fatto, non si dimostrano proattivi nell indirizzare le aziende utenti nella scelta di soluzioni e dotazioni informatiche. In sintesi, costi e scarsità di competenze interne rappresentano gli ostacoli maggiori all adozione di strumenti IT. Altri freni di carattere maggiormente strutturale quindi più difficilmente superabili, quali scarso supporto del management e bassa utilità per il business, non si rivelano essere particolarmente significativi. Analogamente a quanto visto prima, le aziende del Sud mostrano un atteggiamento più orientato all ottimismo e riconoscono agli elementi di freno all adozione di strumenti IT livelli di significatività mediamente più contenuti. Principali fattori di freno all adozione di strumenti IT Principali fattori di freno all adozione di strumenti IT Figura 7 principali elementi di freno all adozione di strumenti IT Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord ovest Costi di computer e programmi 5,24 Competenze del personale Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per il business dell'azienda Difficoltà di scelta di tecnologie e prodotti Ridotto supporto da parte dei fornitori La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica 4,50 4,46 4,45 4,33 4,31 4,16 3,95

16 Nord est Costi di computer e programmi Competenze del personale Difficoltà di scelta di tecnologie e prodotti Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per il business dell'azienda Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica Ridotto supporto da parte dei fornitori La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale 5,23 5,12 4,99 4,77 4,63 4,53 4,35 4,17 Centro Costi computer programmi Competenze personale Ridotto supporto da parte dei fornitori Difficoltà scelta tecnologie/ prodotti Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per business dell'azienda Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale 1,00 5,50 4,91 4,60 4,59 4,58 4,56 4,53

17 Sud e isole Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Diminuzione dei costi aziendali Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Ampliamento dei mercati di sbocco Creazione di nuove competenze Interazione con gli altri attori presenti sul territorio 7,55 7,10 7,00 6,69 6,49 6,48 6,37 6,12 5,90 5,73 VANTAGGI E SVANTAGGI DELL USO DI INTERNET Una percentuale elevata di aziende dell universo, l 86,3%, si collega abitualmente ad Internet. In prospettiva, tale percentuale dovrebbe aumentare all 87,5%. Sono i settori Turismo (grazie alle sue esigenze di comunicazione anche internazionale) e Non Alimentare a mostrare i maggiori tassi di penetrazione di Internet pari, rispettivamente, al 96% ed al 90,9%. L analisi geografica mostra livelli di penetrazione sostanzialmente indifferenziati rispetto alla media generale. Il collegamento ad Internet ed il suo utilizzo a fini aziendali, contrariamente a quanto rilevato nel caso degli strumenti IT, appaiono prevalentemente guidati da elementi abilitanti le strategie aziendali anche se tale situazione non si riflette sempre in un adeguato impiego della Rete. Utilizzando una scala da 1 a 10, tutti i fattori proposti come possibili vantaggi associati all introduzione in azienda di un collegamento ad Internet sono stati indicati da percentuali di aziende molto significative, in generale non inferiori all 86%, confermando, di fatto, l elevato livello di interesse delle aziende nei confronti della Rete (figura 8). Internet è valutata come uno strumento che consente alle aziende di acquisire una migliore conoscenza del mercato e una maggiore visibilità presso i clienti, nonché di ampliare i mercati di sbocco.

18 Tale quadro trova un riscontro puntuale anche nell analisi per area geografica di appartenenza delle aziende. Anche in questo caso i livelli di significatività più elevati sono stati rilevati presso le aziende del Sud ed Isole. Particolarmente rilevanti appaiono, a questo proposito, i voti attribuiti dalle aziende del Sud all uso della Rete per raggiungere: - un migliore rapporto con i fornitori; - un migliore rapporto con i clienti; - una maggiore innovazione dell offerta. Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Figura 8 Principali vantaggi derivanti dall impiego di Internet Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Migliore conoscenza del mercato Migliore rapporto con centri servizi Ampliamento dei mercati di sbocco Maggiore visibilità presso i clienti Aumento della competitività aziendale Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i clienti Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 5,94 5,50 5,44 5,38 5,37 5,33 5,21 5,09 5,07 4,70

19 Nord Est Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con associazioni di categoria Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Diminuzione dei costi aziendali 6,49 6,34 6,07 5,83 5,70 5,64 5,57 5,37 5,35 4,95 Centro Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Ampliamento mercati di sbocco Supporto innovazione dell'offerta Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,55 6,34 6,03 5,94 5,92 5,85 5,50 5,40 5,09 5,08

20 Sud e isole Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento della competitività aziendale Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,77 6,66 6,58 6,33 6,19 6,16 6,09 5,72 5,57 5,47 I fattori che possono frenare l utilizzo della Rete sono stati generalmente citati da percentuali di aziende più limitate e sono mediamente meno sentiti rispetto ai fattori di stimolo (figura 9). I fattori maggiormente indicati riguardano: - la scarsa cultura informatica, interpretabile come la scarsa consuetudine degli addetti a ricorrere ad Internet nello svolgimento delle comuni attività aziendali; l utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio che, di fatto, riduce di molto il vantaggio di essere in possesso di uno strumento, come Internet, che consente di avviare comunicazioni in tempo reale e a costi contenuti; - difficoltà a misurarne i reali benefici; - aumento dei costi aziendali. L analisi per area geografica fornisce risultati assolutamente in linea a quelli appena descritti. Va, tuttavia, segnalato che per le aziende del Sud continuano ad essere particolarmente sentiti i fattori legati alla scarsa cultura informatica (5,18), alla ridotta diffusione di Internet sul territorio (4,82) e all aumento dei costi di formazione (4,86), evidenziando, quindi, l esistenza di un gap soprattutto di tipo culturale che deve ancora essere colmato rispetto alle aziende del Centro Nord.

21 Principali fattori di freno all utilizzo di Internet Figura 9 Principali fattori di freno all utilizzo di Internet Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Scarsa cultura informatica Difficoltà a misurarne i reali benefici Aumento dei costi aziendali Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti 3,46 4,94 4,70 4,58 4,53 4,30 4,18 4,06 Nord Est Scarsa cultura informatica Difficoltà a misurarne i reali benefici Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Aumento dei costi aziendali Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo 4,85 4,39 4,29 4,23 4,23 4,19 3,96 3,84

22 Centro Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Ampliamento mercati di sbocco Supporto innovazione dell'offerta Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,55 6,34 6,03 5,94 5,92 5,85 5,50 5,40 5,09 5,08 Sud e isole Scarsa cultura informatica Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Aumento dei costi aziendali Difficoltà a misurarne i reali benefici Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti 5,12 4,75 4,70 4,65 4,64 4,27 4,10 3,89

23 CONCLUSIONI I risultati ottenuti, se comparati con quelli dell Osservatorio 2003, evidenziano un mercato orientato alle tecnologie in modo crescente: l adozione dei nuovi strumenti è particolarmente significativa in relazione alle dotazioni di PC e di collegamento ad Internet. All aumento della quantità delle dotazioni IT non corrisponde, però, in genere un incremento di qualità d uso in termini di maggiore utilizzo in ottica strategica ed a supporto del business. Le previsioni di impiego futuro per le tecnologie di base non sono, tuttavia, rilevanti e, in genere, manca un adeguata strategia di aggiornamento degli strumenti ad oggi in uso. Geograficamente, sono le aziende del Nord e Centro a mostrare dotazioni e profili d uso dell IT generalmente più evoluti. Va, tuttavia, segnalato un recupero significativo del gap informatico da parte, soprattutto, delle aziende del Sud che si manifesta non solo nelle prospettive e previsioni di utilizzo dell informatica in termini quantitativi ma anche in un atteggiamento molto entusiasta ed ottimista nei confronti di tutte le dotazioni IT e dei possibili vantaggi ad esse associati. Il ricorso a consulenti esterni nonché ad investimenti in formazione informatica non appare particolarmente significativo. A tale proposito, le aziende dovrebbero essere incentivate non tanto con investimenti tesi ad ampliare la dotazione tecnologica hardware, quanto piuttosto su specifici ambiti di attività volti ad aumentare la diffusione della cultura informatica a tutti i livelli aziendali (attraverso, ad esempio, la formazione) e a sviluppare l uso di strumenti IT utili per lo svolgimento di attività più legate al business (applicazioni gestionali). E in questo contesto, le Associazioni di categoria nonché le Istituzioni in generale possono e devono giocare un ruolo fondamentale nell indicare i modelli di riferimento per gli investimenti IT (tanto in relazione all oggetto quanto alle logiche degli investimenti), nel facilitare l accesso ai finanziamenti (oggi utilizzati da una percentuale ridottissima delle imprese del panel), nel creare nuove opportunità commerciali e nell indirizzare le politiche di Governo.

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 4 luglio 2005 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario digitale in Milano e provincia nelle piccole imprese (fino

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione

Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione I sistemi gestionali e le Piccole Medie Imprese A cura di Fabrizio Amarilli Docente di Impianti di Elaborazione presso il Politecnico di Milano e ricercatore di Politecnico Innovazione Articoli Sono noti

Dettagli

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare Obiettivi Il presente documento, contiene un estratto dei risultati di uno studio sui fabbisogni in ambito ICT delle

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Progetto della Organizzato da Indagine realizzata da Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 22 gennaio 2008 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario

Dettagli

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE

LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE LIVELLO DI INFORMATIZZAZIONE 10 9 8 7 74% 10 88% 74% 91% 67% 74% 10 89% 82% 25% 6 57% 75% 5 4 44% SI NO Base: totale aziende Fonte: EY-TOW, 2015 Il livello di informatizzazione delle aziende Piemontesi

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY

LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY LA CRISI RAFFREDDA L ENTUSIASMO DEI MANAGER ITALIANI PER LA CORPORATE RESPONSIBILITY 1 Quasi dimezzate rispetto al 2009 le imprese che considerano la Corporate Responsibility come parte integrante della

Dettagli

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE

DNV GL - BUSINESS ASSURANCE Executive summary DNV GL - BUSINESS ASSURANCE SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Sommario Introduzione Metodologia e campione della ricerca Analisi dello scenario attuale Gestione della salute e sicurezza sul

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Div. VIII PMI e Artigianato Indagine su

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

uadro Soluzioni software per L archiviazione elettronica dei documenti Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Soluzioni software per L archiviazione elettronica dei documenti Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Soluzioni software per L archiviazione elettronica dei documenti Perché scegliere Q Archiviazione Elettronica dei Documenti? Tale applicativo si pone come obbiettivo

Dettagli

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con:

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: IL MERCATO DELL OFFERTA 23 gennaio 2003 Slide 1 L estensione della fibra ottica

Dettagli

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking

Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE 20123 MILANO LARGO A. GEMELLI, 1 Modalità e criteri di segmentazione nel Corporate & Investment Banking a cura di: Renato Fiocca Glauco T. Savorgnani Daniela Corsaro

Dettagli

Osservatorio CRM 2015

Osservatorio CRM 2015 Con il patrocinio di: Osservatorio CRM 2015 CRM: qual è il grado di maturità strategica, operativa e tecnologica nelle aziende italiane? www.cdirectconsulting.it La ricerca CONTESTO E OBIETTIVI: L Osservatorio

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA

RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA RAPPORTO SULLA BANDA LARGA NELLA PROVINCIA DI ROMA PRESENTAZIONE Marco Mena - Between 1 CONTENUTI 1. ANALISI DELLA DOMANDA NELLA PROVINCIA DI ROMA 2. INFRASTRUTTURE E SERVIZI A BANDA LARGA NELLA PROVINCIA

Dettagli

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT

Automotive. Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani. Indagine marzo 2013. con approfondimenti e confronti ISTAT Automotive con approfondimenti e confronti ISTAT Clima di fiducia e intenzioni di acquisto degli italiani Indagine marzo 2013 Dati rilevati nel mese di febbraio 2013 Pubblicazione mensile A cura della

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FAGIOLI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE I Cap.1 Gestire

Dettagli

7. Il Digital Divide 56. 8. Le aree geografiche 79

7. Il Digital Divide 56. 8. Le aree geografiche 79 Indice Indice 1. Executive Summary 1 2. Obiettivi 5 3. L informatizzazione in Italia 5 4. L universo di riferimento: ditte individuali, micro imprese e piccole imprese 10 5. Metodologia 16 6. I risultati

Dettagli

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT

Infosecurity. Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica. La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Infosecurity Servizi innovativi per le imprese. La sicurezza in informatica La sicurezza per lo sviluppo delle reti e del mercato ICT Milano, 10 febbraio 2005 Pietro Varaldo Direttore generale Federcomin

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia. Marzo 2015 IV Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Executive summary Marzo 2015 Con il contributo scientifico di 1 Finalità dell Osservatorio 5 Contenuto e metodologia dell

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese. Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby

L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese. Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby L ICT IN EMILIA-ROMAGNA Uno sguardo sulle imprese Carlo Lombardi Responsabile Relazioni istituzionali e Lobby Seminario CINECA Bologna 28 maggio 2009 Alcuni dati generali sull Emilia-Romagna 475.000 imprese

Dettagli

Osservatorio sul Documento Digitale

Osservatorio sul Documento Digitale Osservatorio sul Documento Digitale primo rapporto Sintesi dei risultati Aprile 2006 1 INDICE 1 EXECUTIVE SUMMARY... 4 2 OBIETTIVI E METODOLOGIA... 6 3 GESTIONE DOCUMENTALE E DOCUMENTO DIGITALE... 7 4

Dettagli

Sistema di gestione documentale e WFM di FPZ SpA

Sistema di gestione documentale e WFM di FPZ SpA Sistema di gestione documentale e WFM di FPZ SpA Paolo Mauro Operations, FPZ KNOWLEDGE BOX AUTUMN 2013 / MILANO / 22 OTTOBRE 2013 Chi siamo: FPZ SpA Dal 1975, FPZ è un fornitore mondiale di soffianti a

Dettagli

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA

Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bologna 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO FEDERAZIONE DELLE BCC DELL'EMILIA- ROMAGNA Innovare e competere con le ICT: casi

Dettagli

Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese!

Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese! Se parliamo di Professionisti, in realtà, parliamo di imprese! Osservatorio ICT & Professionisti 4 Marzo 2014 L Osservatorio ICT & Professionisti 2010 2012 2013 Obiettivi: valutare la diffusione delle

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Roma 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO INSTALLAZIONI IMPIANTI Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

! "! " #$% & "! "&% &&

! !  #$% & ! &% && ! "! " #$% & "! "&% && '( " )* '+,-$..$ / 0 1 2 ' 3 4" 5 5 &4&6& 27 &+ PROFILO PROFESSIONALE ESPERTO DATABASE E APPLICATIVI Categoria D Gestisce ed amministra le basi dati occupandosi anche della manutenzione

Dettagli

Il data warehouse nelle aziende italiane

Il data warehouse nelle aziende italiane Byte Italia n.10 - vembre 1998 di Corrado Giustozzi e Pierluigi Ascani Il nuovo ruolo dell Information Technology aziendale è quello di fornire al top management informazioni rapide ed efficaci sulle quali

Dettagli

Area Logistica del Nord Ovest

Area Logistica del Nord Ovest Area Logistica del Nord Ovest Censimento ICT Marzo 2007 Presentazione Nell ambito dell istituzione del Sistema Logistico del Nord Ovest è prevista la costruzione di una piattaforma informatica a supporto

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility

Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility Fabbisogni formativi delle Aziende aderenti ad Asstra, Federambiente e FederUtility 31 Ottobre 2014 Indice Indice... 2 Indice delle Tabelle Sezione I Trasporto Pubblico Locale... 5 Indice delle Tabelle

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine

Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Panel agroalimentare Indagini monografiche Panel Agroalimentare Ismea Le imprese della trasformazione vitivinicola nei confronti di certificazioni, marchi collettivi e denominazioni di origine Ottobre

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARTELECTRA Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.2 Gestire

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E

I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E IL LAVORO PUBBLICO TRA VINCOLI E PROCESSI DI INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A V I N C O L I E P R O C E S S I D I I N N O V A Z I O N E di Francesco Verbaro 1 La

Dettagli

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva

Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva Panel agroalimentari Indagini monografiche Panel Agroalimentari Ismea Strategie di internazionalizzazione: delocalizzazione produttiva 2005 Introduzione Attraverso le aziende del Panel delle aziende di

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

PMI: innovare e competere con le ICT. I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI

PMI: innovare e competere con le ICT. I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI I risultati quantitativi dell Osservatorio sulle ICT nelle PMI Giugno 2006 Copyright 2006 Politecnico di Milano - Dipartimento di Ingegneria Gestionale Collana Quaderni AIP Registrazione n. 433 del 29

Dettagli

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Le ICT nei Comuni: il Rapporto Ancitel 2009 Paolo Teti, Ancitel Spa Roma, 3 Febbraio 2010 Ancitel

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli

I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA

I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA I WEB SERVICES LA SITUAZIONE DELL OFFERTA ITALIANA Di Valeria Tonella In collaborazione con Indice dei contenuti Premessa...3 1. Il concetto di Web Service...4 2. La situazione internazionale...6 3. I

Dettagli

Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione

Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione Informatizzazione degli studi legali di Firenze Presentazione dei risultati della rilevazione Ricerca sullo stato di informatizzazione degli studi legali di Firenze nella prospettiva dell obbligatorietà

Dettagli

Rapporto sull ICT nella Pubblica Amministrazione

Rapporto sull ICT nella Pubblica Amministrazione Rapporto sull ICT nella Pubblica Amministrazione 1. Introduzione 2. Quadro informativo nazionale sulle ICT nelle pubbliche amministrazioni 2.1 L ICT nella pubblica amministrazione centrale 2.2 L ICT nella

Dettagli

PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI

PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI PROGRAMMA DI LABORATORIO TRATTAMENTO TESTI classi seconde beat ANNO SCOLASTICO 2010/2011 prof. Sergio Sapetti INDICE 1. Conoscenze disciplinari... 3 2. Competenze trasversali... 3 3. Metodi... 3 4. Strumenti...

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Padova 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO ARREDO3 Innovare e competere con le ICT: casi di successo - PARTE II Cap.9 Far evolvere

Dettagli

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo

Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Consumer trend: atteggiamenti e giudizi sul credito al consumo Rapporto di ricerca Luglio 2010 (Rif. 1215v110) Indice 2 Capitolo I - L andamento dell economia e del credito al consumo oggi pag. 3 Capitolo

Dettagli

GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing. Soluzioni del futuro

GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing. Soluzioni del futuro GeoAnalyzer lo strumento ideale per il GeoMarketing Soluzioni del futuro Sistema informativo di marketing Cosa si intende per Geomarketing? Il termine si riferisce all utilizzo della geografia per rendere

Dettagli

I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA

I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA I SISTEMI GESTIONALI PER LA PMI I RISULTATI DI UNA RICERCA Di Riccardo Peggi e Valeria Tonella In collaborazione con Tavola dei contenuti Premessa... 4 1. Alcune indicazioni del mercato... 5 2. I risultati

Dettagli

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012

Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia. Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Osservatorio sull occupazione straniera nelle piccole imprese in Italia Struttura e dinamiche Andamento 1 semestre 2012 Previsioni 2 semestre 2012 Andamento

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

FAMIGLIE E RISPARMIO

FAMIGLIE E RISPARMIO COMUNICATO STAMPA Sondaggio realizzato per ACRI da TNS Abacus in occasione della 79ª Giornata Mondiale del Risparmio FAMIGLIE E RISPARMIO Roma, 30 ottobre 2003. La quasi totalità degli italiani riconosce

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI DEI DIRIGENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Indice Premessa..pag. 3 1. Verso l e-government.pag. 4 2. Inadeguatezza della dotazione tecnologica...pag. 6 3. Frequenza

Dettagli

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera

Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera Fondazione Impresa + 39 041 614429 +39 339 4458663 www.fondazioneimpresa.it info@fondazioneimpresa.it Indagine sull Innovazione nella Piccola Impresa Manifatturiera All interno Focus su andamento Nuova

Dettagli

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende

L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore per le aziende MICROSOFT BUSINESS DESKTOP MICROSOFT ENTERPRISE CLUB Disponibile anche sul sito: www.microsoft.com/italy/eclub/ L ottimizzazione dei processi con Microsoft Office System: come generare e misurare il valore

Dettagli

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo

Fonte: indagine UniCredit 2010 sulla fiducia I RISULTATI PRINCIPALI. Indice di fiducia complessivo COMUNICATO STAMPA Settimo Rapporto UniCredit sulle Piccole Imprese La ricerca di nuovi mercati: la sfida delle piccole imprese fra cambiamento e tradizione Presentato a Roma, lo studio è stato dedicato

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012

Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI. Report 3 Trimestre 2012 Osservatorio Nazionale sul credito per le PMI Report 3 Trimestre 2012 Novembre 2012 INDICE Struttura dell Osservatorio nazionale sul credito per le PMI... Fonti... Executive Summary... Parte I... Analisi

Dettagli

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ

PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ PER UNA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI QUALITÀ La qualità dei servizi e delle politiche pubbliche è essenziale per la competitività del sistema economico e per il miglioramento delle condizioni di vita dei

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012

ABSTRACT. V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione L impegno sociale delle aziende in Italia- 2012 ABSTRACT V Rapporto nazionale SWG per l'osservatorio Socialis di Errepi Comunicazione "L impegno sociale delle aziende in Italia"- 2012 INDICE Con il contributo di Dompé Farmaceutici, Novartis e Pfizer

Dettagli

delle Partecipate e dei fornitori

delle Partecipate e dei fornitori ... I pagamenti della Pubblica Amministrazione,......... L u g l i o 2 0 1 4 Debito PA: miglioramenti più contenuti nel primo trimestre... Sintesi dei risultati C ontinuano nei primi tre mesi del 2014

Dettagli

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE

VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE VI RAPPORTO SULL IMPEGNO SOCIALE DELLE AZIENDE ITALIANE Abstract del rapporto statistico QUANTE SONO LE AZIENDE CHE SI IMPEGNANO PER IL SOCIALE E LA SOSTENIBILITA IN ITALIA? E PERCHE INVESTONO? Nel 2011,

Dettagli

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma

Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Analisi e valutazione delle esigenze in ambito formativo dell Area Pharma Sintesi dei risultati Studio condotto con il sostegno di Adecco Formazione S.r.l. Milano, 09 Ottobre 2013 Analisi e valutazione

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore III Edizione Indagine sui fabbisogni finanziari delle fondazioni in Italia Marzo 2014 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi 3 Metodologia 4

Dettagli

Soluzione software per l archiviazione elettronica dei documenti

Soluzione software per l archiviazione elettronica dei documenti uadro www.starsoftware.it Tel. +39 041 998062 Per MS_Windows 95-98-NT-2K-ME-XP-VISTA Copyright 1997-2002 Aggiornato al 16/03/ 16.21 Versione Dimostrativa Star S.r.l. Via Verga 3/A, 30038 Spinea (VENEZIA)

Dettagli

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE

Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Osservatorio UBI BANCA su Finanza e Terzo Settore - IV EDIZIONE Indagine sui fabbisogni finanziari dell imprenditorialità sociale in Italia Febbraio 2015 Con il contributo scientifico di Indice Obiettivi

Dettagli

Profilazione visitatori Smau

Profilazione visitatori Smau Progetto Smau 2015 2015 BERLINO, 12-13 marzo PADOVA, 1-2 aprile TORINO, 29-30 aprile BOLOGNA, 4-5 giugno FIRENZE, 14-15 luglio MILANO, 21-22-23 ottobre NAPOLI, 10-11 dicembre www.smau.it - tel. +39 02

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

Banda Larga nelle PMI: produttività e competitività

Banda Larga nelle PMI: produttività e competitività Banda Larga nelle PMI: produttività e competitività a cura di Bruno Busacca, Università L. Bocconi Massimo Colombo, Politecnico di Milano Ferdinando Pennarola, Università L. Bocconi ThinkTel C.so Venezia

Dettagli

Descrizione dell'impresa

Descrizione dell'impresa Denominazione : XENIA PROGETTI s.r.l. Azienda fondata nel 1990 Descrizione dell'impresa Sede: 95021 Acicastello (CT), Via Acicastello, 71 Forma giuridica: S.r.l. Settore: ICT- Progettazione, consulenza

Dettagli