SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI"

Transcript

1 SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

2 PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese e delle sue regioni, ha spinto ad analizzare, a partire dai risultati della seconda edizione dell Osservatorio sull uso dell informatica promosso da Microsoft e Confcommercio e realizzato da Net Consulting, 4 approfondimenti a livello macroregionale. Lo studio del 2004, sulla base delle evidenze derivanti dalla prima edizione dell Osservatorio, si era posto l obiettivo di analizzare la portata del divario tecnologico, ovvero del Digital Divide esistente, in virtù della localizzazione geografica delle aziende. Nelle quattro ricerche territorializzate Nord Ovest, Nord Est, Centro e Sud e Isole - l obiettivo è quello di analizzare le specificità territoriali delle aziende attive nelle aree in esame e il ruolo della tecnologia presso di esse, sulla base di due principali chiavi di lettura, ovvero classe dimensionale e settore economico di appartenenza. La struttura dell indagine ha seguito pressoché fedelmente quella dell Osservatorio complessivo del 2004, e fornisce risultati ed evidenze puntuali relativamente ai seguenti aspetti: presenza attuale e prevista di strumenti IT; modalità e frequenza dell uso dell IT; fattori di stimolo e di ostacolo all adozione e all uso delle tecnologie; vantaggi e svantaggi nell utilizzo dell IT nell ambito della gestione aziendale. Il campione analizzato è costituito da un panel, intervistato in modalità telefonica, di 618 aziende di piccole e medie dimensioni con un organico pari o superiore a 3 addetti, stratificate in 5 settori, ovvero: Turismo Moda Trasporti Commercio Alimentare Commercio Non Alimentare. PRESENZA ATTUALE E PREVISTA DI STRUMENTI E APPLICAZIONI IT Il mercato italiano dell informatica ha registrato, per il terzo anno consecutivo, un andamento negativo (-0,4%), seppure in forte miglioramento rispetto al 2003.

3 Figura 1 Il mercato dell informatica in Italia per macroarea geografica ( dati in migliaia di euro e in %) % % , Nord Ovest Nord Est Centro Sud e Isole Segnali lievemente positivi sono rilevabili solo per il Sud e Isole (+ 0,1%), che insieme al Nord Est (- 0,3%) evidenzia un risultato migliore rispetto al dato nazionale. Le applicazioni informatiche maggiormente utilizzate e diffuse presso le aziende dell Universo, ad oggi dotate di PC, sono costituite da : - office, in particolare Word ed Excel, indicato dall 81,9% delle aziende; - software gestionali ed applicativi per contabilità ed amministrazione, 70,3% (figura 2). Oltre a queste dotazioni di base, si segnala il livello di adozione dei sistemi di

4 archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori (ovvero database), pari al 44,6%, e i sistemi che supportano la gestione di informazioni strutturate sui clienti, pari al 33,6%. A livello geografico, è interessante notare come siano le aziende del Sud ed Isole a distinguersi per un utilizzo più diffuso delle applicazioni informatiche, in particolare per quanto riguarda gli strumenti di automazione ed informatizzazione delle attività aziendali di tipo operativo, ovvero Office ed il software per l amministrazione del personale, e gli strumenti alla base della gestione dei rapporti con enti esterni all azienda, ad esempio automazione della forza vendita e gestione informatizzata dei rapporti con i fornitori. Il recupero delle aziende del Sud nell utilizzo dell informatica appare, quindi, estremamente significativo in quanto riguarda sia aspetti operativi che strategici delle attività aziendali. Figura 2 Applicazioni informatiche in uso nelle quattro macroaree italiane (risposte multiple valori in %) Nord Ovest Office 84,0% SW gestionale 68,0% 64,0% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti 33,6% 42,4% Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 18,4% 17,6% 8,8% 4,0%

5 Nord Est Office 82,4% SW gestionale 66,7% 66,7% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 39,2% 29,4% 21,6% 15,7% 11,8% 5,9% Italia Centrale Office SW gestionale 61,8% 69,3% 80,4% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori Automazione forza vendita SW per il personale Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 42,2% 34,2% 22,6% 15,6% 8,5% 5,5%

6 Sud e Isole Office 83,2% SW gestionale 68,6% 63,9% Sistema di archiviazione dei dati relativi a clienti e fornitori Banca dati per gestire le informazioni sui clienti Automazione forza vendita Gestione informatizzata dei rapporti con i forniori SW per il personale 40,8% 33,0% 25,1% 19,4% 13,1% Strumenti di analisi evoluta delle informazioni sul mercato 3,7% MODALITÀ E FREQUENZA DELL USO DELL IT La maggioranza delle aziende (53,3%) ritiene che l informatica, ed in particolare il PC, rappresenti ormai uno strumento indispensabile per ogni attività e poco meno del 26% la considera il supporto principale per la maggior parte delle attività aziendali. In altre parole, all informatica è riconosciuto un ruolo sempre più strategico. Sono, in modo particolare, le aziende localizzate nel Sud ed Isole ad attribuire all informatica e all uso del PC la massima importanza e pervasività ai fini delle attività aziendali, con un peso superiore al 75% di aziende con un elevato livello di utilizzo (figura 3).

7 Figura 3 Tipologia di utilizzo dei PC da parte degli addetti delle aziende nelle quattro macroaree italiane Nord Ovest Indispensabile 40,7% 65,4% 70,0% 51,2% Molto utile 17,3% 100,0% 27,2% 26,9% 20,0% 18,7% 20,3% Parzialmente utile 14,8% 7,7% 10,0% 9,8% Uso saltuario 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Nord Est Indispensabile 40,3% 57,1% 40,0% 50,0% 44,0% Molto utile 29,9% 40,0% 30,0% 23,8% 50,0% 25,4% 14,3% 20,0% 22,0% 4,5% 4,8% 4,0% 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Parzialmente utile Uso saltuario

8 Italia Centrale Indispensabile 41,0% 78,4% 64,7% 50,8% Molto utile 24,5% 100,0% 21,5% Parzialmente utile 22,3% 8,1% 29,4% 17,9% Uso saltuario 10,8% 1,4% 10,8% 2,7% 5,9% 8,7% 1,0% Nessuno 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Sud e Isole Indispensabile 56,2% 65,5% 61,1% 57,1% 58,4% Molto utile 17,2% 18,8% 22,2% 14,3% 17,8% Parzialmente utile 16,4% 10,2% 9,4% 6,3% 16,7% 28,6% 15,7% 8,1% Uso saltuario 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

9 I principali strumenti a disposizione delle aziende per sopperire alla mancanza di competenze interne e per aumentare le proprie conoscenze in area IT sono sostanzialmente due: il ricorso a consulenti esterni per risolvere questioni e problemi tecnici; lo svolgimento di attività di formazione. A questo proposito, ai consulenti ricorre la maggioranza delle aziende, complessivamente il 72,5% (figura 4). Figura 4 Il ricorso a consulenti esterni per tematiche IT nelle quattro macroaree italiane Nord Ovest 26,5% 15,4% 20,0% 22,4% No 26,9% 30,0% 33,6% Sì, a volte 38,6% 100,0% 34,9% 57,7% 50,0% 44,0% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

10 Nord Est 10,0% No 30,0% 28,6% 27,2% 50,0% 14,3% 50,0% Sì, a volte 35,9% 40,0% 30,0% 57,1% 40,0% 50,0% 36,9% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Italia Centrale 11,8% No 37,1% 29,7% 50,0% 33,2% 41,2% Sì, a volte 34,3% 35,1% 35,2% 28,7% 35,1% 47,1% 50,0% 31,7% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT

11 Sud e Isole 32,8% 15,6% 33,4% 14,3% 29,3% No 31,3% 38,1% 22,2% 57,1% 36,1% Sì, a volte 29,1% 53,1% 44,4% 28,6% 34,6% Sì, sempre, per tutte le questioni tecniche 3-9 addetti addetti addetti 50 e oltre TOT Il ricorso a consulenti esterni appare influenzato sia dall area geografica di appartenenza che dalle dimensioni aziendali: sono le aziende che risiedono al Nord a ricorrere più frequentemente al supporto dei fornitori esterni; paradossalmente, le aziende di minori dimensioni si rivolgono con frequenza inferiore alla media a consulenti esterni. Tale risultato dipende, in gran parte, dal fatto che le aziende di maggiori dimensioni non solo hanno maggiori risorse da investire ma sono anche chiamate a gestire questioni tecniche di maggior peso e complessità derivanti da sistemi informativi più complessi e strutturati, nonostante siano comunque più preparate a riconoscere i problemi che insorgono e ad agire per risolverli. L impresa dei settori Distribuzione e Servizi non sembra attribuire un ruolo significativo allo svolgimento di attività di formazione informatica. Infatti, solo l 11,5% delle aziende dell Universo ha dichiarato di effettuare corsi di formazione (figura 5). Tale percentuale aumenta al crescere delle dimensioni aziendali ed è strettamente legata all area geografica in cui è localizzata l azienda. Si rileva, infatti, che il 43,3% delle aziende con 50 addetti e oltre ha dichiarato di svolgere attività di formazione informatica mentre, a livello geografico, la quota più elevata è localizzata a Nord (12,9%).

12 Figura 5 Presenza di attività di formazione IT SI NO Nord Ovest Nord Est SI 9,7% SI 15,5% NO 90,3% NO 84,5% Italia Centrale Sud e Isole SI 9% SI 10,6% NO 91% NO 89,4% FATTORI DI STIMOLO E DI OSTACOLO ALL USO DELL INFORMATICA IN AZIENDA L utilizzo dell informatica è ancora visto come elemento che potenzia le attività operative dell azienda (aumento dell efficienza, sistemi di controllo etc.) e non tanto come fattore propulsore delle strategie aziendali (miglioramento dei rapporti con clienti e fornitori, ampliamento dei mercati di sbocco etc.).

13 Le risposte fornite (figura 6) mostrano che gli elementi di stimolo all adozione di strumenti informatici sono caratterizzati da livelli di significatività medi piuttosto elevati. Figura 6 Principali elementi di stimolo all adozione di strumenti IT Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Diminuzione dei costi aziendali Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Ampliamento dei mercati di sbocco Interazione con gli altri attori presenti sul territorio Creazione di nuove competenze 6,86 6,09 5,75 5,70 5,49 5,43 5,43 5,38 5,18 4,90 Nord Est Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Aumento della competitività aziendale Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Diminuzione dei costi aziendali Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Interazione con gli altri attori presenti sul territorio Creazione di nuove competenze 5,83 5,73 5,36 5,35 7,05 6,36 6,17 6,14 6,13 5,92

14 Centro Aumento efficienza interna dell'azienda Maggiore dispon. sistemi controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con clienti Supporto innovaz. offerta Migliore rapporto con fornitori Diminuz. costi aziendali Ampliam. mercati di sbocco Creazione nuove competenze Interazione con altri attori presenti sul territorio 6,86 6,34 6,24 6,13 5,89 5,78 5,75 5,67 5,39 5,21 Sud e isole Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Diminuzione dei costi aziendali Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Ampliamento dei mercati di sbocco Creazione di nuove competenze Interazione con gli altri attori presenti sul territorio 7,55 7,10 7,00 6,69 6,49 6,48 6,37 6,12 5,90 5,73 Volgendo l attenzione ai fattori che, al contrario, frenano l adozione di tecnologie IT, le rilevazioni evidenziano livelli di significatività sensibilmente inferiori a quelli che caratterizzano i fattori di stimolo. Sempre sulla base di una scala da 1 a 10, infatti, il voto più alto assegnato è pari a 5,41 (figura 7). In dettaglio, i fattori che risultano frenare maggiormente l adozione di strumenti IT riguardano:

15 - i costi che caratterizzano l acquisto di PC e programmi; - la mancanza di competenze tecniche interne. Tra le altre citazioni appare significativa la denuncia, da parte delle aziende, di un ridotto supporto da parte dei fornitori che, di fatto, non si dimostrano proattivi nell indirizzare le aziende utenti nella scelta di soluzioni e dotazioni informatiche. In sintesi, costi e scarsità di competenze interne rappresentano gli ostacoli maggiori all adozione di strumenti IT. Altri freni di carattere maggiormente strutturale quindi più difficilmente superabili, quali scarso supporto del management e bassa utilità per il business, non si rivelano essere particolarmente significativi. Analogamente a quanto visto prima, le aziende del Sud mostrano un atteggiamento più orientato all ottimismo e riconoscono agli elementi di freno all adozione di strumenti IT livelli di significatività mediamente più contenuti. Principali fattori di freno all adozione di strumenti IT Principali fattori di freno all adozione di strumenti IT Figura 7 principali elementi di freno all adozione di strumenti IT Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord ovest Costi di computer e programmi 5,24 Competenze del personale Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per il business dell'azienda Difficoltà di scelta di tecnologie e prodotti Ridotto supporto da parte dei fornitori La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica 4,50 4,46 4,45 4,33 4,31 4,16 3,95

16 Nord est Costi di computer e programmi Competenze del personale Difficoltà di scelta di tecnologie e prodotti Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per il business dell'azienda Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica Ridotto supporto da parte dei fornitori La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale 5,23 5,12 4,99 4,77 4,63 4,53 4,35 4,17 Centro Costi computer programmi Competenze personale Ridotto supporto da parte dei fornitori Difficoltà scelta tecnologie/ prodotti Aumento dei costi di formazione per imparare l'uso degli strumenti informatici Scarsa utilità per business dell'azienda Attese negative sul ritorno degli investimenti in informatica La Direzione non riscontra nessun beneficio potenziale 1,00 5,50 4,91 4,60 4,59 4,58 4,56 4,53

17 Sud e isole Aumento dell'efficienza interna dell'azienda Maggiore disponibilità di sistemi di controllo Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Diminuzione dei costi aziendali Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Ampliamento dei mercati di sbocco Creazione di nuove competenze Interazione con gli altri attori presenti sul territorio 7,55 7,10 7,00 6,69 6,49 6,48 6,37 6,12 5,90 5,73 VANTAGGI E SVANTAGGI DELL USO DI INTERNET Una percentuale elevata di aziende dell universo, l 86,3%, si collega abitualmente ad Internet. In prospettiva, tale percentuale dovrebbe aumentare all 87,5%. Sono i settori Turismo (grazie alle sue esigenze di comunicazione anche internazionale) e Non Alimentare a mostrare i maggiori tassi di penetrazione di Internet pari, rispettivamente, al 96% ed al 90,9%. L analisi geografica mostra livelli di penetrazione sostanzialmente indifferenziati rispetto alla media generale. Il collegamento ad Internet ed il suo utilizzo a fini aziendali, contrariamente a quanto rilevato nel caso degli strumenti IT, appaiono prevalentemente guidati da elementi abilitanti le strategie aziendali anche se tale situazione non si riflette sempre in un adeguato impiego della Rete. Utilizzando una scala da 1 a 10, tutti i fattori proposti come possibili vantaggi associati all introduzione in azienda di un collegamento ad Internet sono stati indicati da percentuali di aziende molto significative, in generale non inferiori all 86%, confermando, di fatto, l elevato livello di interesse delle aziende nei confronti della Rete (figura 8). Internet è valutata come uno strumento che consente alle aziende di acquisire una migliore conoscenza del mercato e una maggiore visibilità presso i clienti, nonché di ampliare i mercati di sbocco.

18 Tale quadro trova un riscontro puntuale anche nell analisi per area geografica di appartenenza delle aziende. Anche in questo caso i livelli di significatività più elevati sono stati rilevati presso le aziende del Sud ed Isole. Particolarmente rilevanti appaiono, a questo proposito, i voti attribuiti dalle aziende del Sud all uso della Rete per raggiungere: - un migliore rapporto con i fornitori; - un migliore rapporto con i clienti; - una maggiore innovazione dell offerta. Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Figura 8 Principali vantaggi derivanti dall impiego di Internet Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Migliore conoscenza del mercato Migliore rapporto con centri servizi Ampliamento dei mercati di sbocco Maggiore visibilità presso i clienti Aumento della competitività aziendale Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i clienti Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 5,94 5,50 5,44 5,38 5,37 5,33 5,21 5,09 5,07 4,70

19 Nord Est Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con associazioni di categoria Aumento della competitività aziendale Migliore rapporto con i fornitori Supporto all'innovazione dell'offerta Diminuzione dei costi aziendali 6,49 6,34 6,07 5,83 5,70 5,64 5,57 5,37 5,35 4,95 Centro Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Ampliamento mercati di sbocco Supporto innovazione dell'offerta Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,55 6,34 6,03 5,94 5,92 5,85 5,50 5,40 5,09 5,08

20 Sud e isole Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento della competitività aziendale Ampliamento dei mercati di sbocco Migliore rapporto con i clienti Supporto all'innovazione dell'offerta Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,77 6,66 6,58 6,33 6,19 6,16 6,09 5,72 5,57 5,47 I fattori che possono frenare l utilizzo della Rete sono stati generalmente citati da percentuali di aziende più limitate e sono mediamente meno sentiti rispetto ai fattori di stimolo (figura 9). I fattori maggiormente indicati riguardano: - la scarsa cultura informatica, interpretabile come la scarsa consuetudine degli addetti a ricorrere ad Internet nello svolgimento delle comuni attività aziendali; l utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio che, di fatto, riduce di molto il vantaggio di essere in possesso di uno strumento, come Internet, che consente di avviare comunicazioni in tempo reale e a costi contenuti; - difficoltà a misurarne i reali benefici; - aumento dei costi aziendali. L analisi per area geografica fornisce risultati assolutamente in linea a quelli appena descritti. Va, tuttavia, segnalato che per le aziende del Sud continuano ad essere particolarmente sentiti i fattori legati alla scarsa cultura informatica (5,18), alla ridotta diffusione di Internet sul territorio (4,82) e all aumento dei costi di formazione (4,86), evidenziando, quindi, l esistenza di un gap soprattutto di tipo culturale che deve ancora essere colmato rispetto alle aziende del Centro Nord.

21 Principali fattori di freno all utilizzo di Internet Figura 9 Principali fattori di freno all utilizzo di Internet Scala da 1 (per nulla significativo) a 10 (molto significativo) Nord Ovest Scarsa cultura informatica Difficoltà a misurarne i reali benefici Aumento dei costi aziendali Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti 3,46 4,94 4,70 4,58 4,53 4,30 4,18 4,06 Nord Est Scarsa cultura informatica Difficoltà a misurarne i reali benefici Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Aumento dei costi aziendali Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo 4,85 4,39 4,29 4,23 4,23 4,19 3,96 3,84

22 Centro Migliore conoscenza del mercato Maggiore visibilità presso i clienti Aumento competitività aziendale Migliore rapporto con i clienti Ampliamento mercati di sbocco Supporto innovazione dell'offerta Migliore rapporto con centri servizi Migliore rapporto con i fornitori Migliore rapporto con associazioni di categoria Diminuzione dei costi aziendali 6,55 6,34 6,03 5,94 5,92 5,85 5,50 5,40 5,09 5,08 Sud e isole Scarsa cultura informatica Utilizzo non diffuso da parte degli altri attori presenti sul territorio Aumento dei costi di formazione per impararne l'utilizzo Aumento dei costi aziendali Difficoltà a misurarne i reali benefici Nessun beneficio riscontrabile dall'utilizzo Distrazione dei dipendenti dalle loro mansioni Diminuzione della produttività dei dipendenti 5,12 4,75 4,70 4,65 4,64 4,27 4,10 3,89

23 CONCLUSIONI I risultati ottenuti, se comparati con quelli dell Osservatorio 2003, evidenziano un mercato orientato alle tecnologie in modo crescente: l adozione dei nuovi strumenti è particolarmente significativa in relazione alle dotazioni di PC e di collegamento ad Internet. All aumento della quantità delle dotazioni IT non corrisponde, però, in genere un incremento di qualità d uso in termini di maggiore utilizzo in ottica strategica ed a supporto del business. Le previsioni di impiego futuro per le tecnologie di base non sono, tuttavia, rilevanti e, in genere, manca un adeguata strategia di aggiornamento degli strumenti ad oggi in uso. Geograficamente, sono le aziende del Nord e Centro a mostrare dotazioni e profili d uso dell IT generalmente più evoluti. Va, tuttavia, segnalato un recupero significativo del gap informatico da parte, soprattutto, delle aziende del Sud che si manifesta non solo nelle prospettive e previsioni di utilizzo dell informatica in termini quantitativi ma anche in un atteggiamento molto entusiasta ed ottimista nei confronti di tutte le dotazioni IT e dei possibili vantaggi ad esse associati. Il ricorso a consulenti esterni nonché ad investimenti in formazione informatica non appare particolarmente significativo. A tale proposito, le aziende dovrebbero essere incentivate non tanto con investimenti tesi ad ampliare la dotazione tecnologica hardware, quanto piuttosto su specifici ambiti di attività volti ad aumentare la diffusione della cultura informatica a tutti i livelli aziendali (attraverso, ad esempio, la formazione) e a sviluppare l uso di strumenti IT utili per lo svolgimento di attività più legate al business (applicazioni gestionali). E in questo contesto, le Associazioni di categoria nonché le Istituzioni in generale possono e devono giocare un ruolo fondamentale nell indicare i modelli di riferimento per gli investimenti IT (tanto in relazione all oggetto quanto alle logiche degli investimenti), nel facilitare l accesso ai finanziamenti (oggi utilizzati da una percentuale ridottissima delle imprese del panel), nel creare nuove opportunità commerciali e nell indirizzare le politiche di Governo.

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana. Milano, 20 Marzo 2007 1 Il Digital Divide nella micro e piccola impresa italiana Valeria Severini, Freedata S.r.l. Milano, 20 Marzo 2007 1 La Ricerca Obiettivo definire le caratteristiche del divario digitale in Italia nelle

Dettagli

Sistemi informativi aziendali struttura e processi

Sistemi informativi aziendali struttura e processi Sistemi informativi aziendali struttura e processi Concetti generali sull informatica aziendale Copyright 2011 Pearson Italia Prime definizioni Informatica Scienza che studia i principi di rappresentazione

Dettagli

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004

L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 9 giugno 2005 L uso delle tecnologie dell informazione e della comunicazione nelle imprese Anni 2003-2004 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06.4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002

LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 2002 Azienda Speciale Camera di Commercio di Lecco LABORATORIO INNOVAZIONE PMI Progetto di Fondo Perequativo 22 UNA SINTESI DEI RISULTATI In collaborazione con Versione st/15 aprile 25 Progetto Laboratorio

Dettagli

Osservatorio CRM 2015

Osservatorio CRM 2015 Con il patrocinio di: Osservatorio CRM 2015 CRM: qual è il grado di maturità strategica, operativa e tecnologica nelle aziende italiane? www.cdirectconsulting.it La ricerca CONTESTO E OBIETTIVI: L Osservatorio

Dettagli

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI

ROADSHOW PMI TURISMO E PMI ROADSHOW PMI TURISMO E PMI Cagliari, 29 maggio 2009 Per il 67,2% delle Pmi del turismo la situazione economica del Paese è peggiorata nei primi cinque mesi del 2009 rispetto al secondo semestre del 2008.

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Div. VIII PMI e Artigianato Indagine su

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese pugliesi: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati oggi i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

I servizi di job placement nelle Università italiane

I servizi di job placement nelle Università italiane I servizi di job placement nelle Università italiane Un indagine della Fondazione CRUI Aprile 2010 1 L indagine La partecipazione all indagine La Fondazione CRUI, nel dicembre 2009, ha realizzato un indagine

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 4 luglio 2005 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario digitale in Milano e provincia nelle piccole imprese (fino

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Novembre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Novembre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Verona NetConsulting 2012 1

Dettagli

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT

ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT ICT in Italia Occupazione e professioni nell ICT Ercole Colonese RUBIERRE srl Consulenti di Direzione ercole@colonese.it www.colonese.it Roma, 2008 Occupazione e professioni nell ICT Rapporto 2006 L evoluzione

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi

Marketing & Sales: le reazioni alla crisi Marketing & Sales: le reazioni alla crisi I risultati di un indagine empirica 1 1. IL CAMPIONE ESAMINATO 2 Le imprese intervistate Numero imprese intervistate: 14 Imprese familiari. Ruolo centrale dell

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Perugia NetConsulting 2012 1

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005

L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 L ecosistema più favorevole all avvio delle start-up. L evidenza del Rapporto RITA 2005 Massimo G. Colombo Politecnico di Milano Dipartimento di Ingegneria Gestionale Le gazzelle high-tech Le gazzelle

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo

Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Il settore arredamenti tradizionali ed il credito al consumo Rapporto di ricerca Ottobre 2011 (Rif. 1810v111) Indice 2 Capitolo I - La situazione attuale dei dealer e le previsioni per il prossimo futuro

Dettagli

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza

Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza Check list per la valutazione di adeguatezza e Indice di adeguatezza DigitPA 00137 Roma - viale Marx, 43 Pagina 1 di 16 Indice 1. PREMESSA... 3 2. ELEMENTI DI VALUTAZIONE DELL ADEGUATEZZA DELLA SOLUZIONE...

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI

L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI L ANDAMENTO DEL MERCATO FONDIARIO IN ITALIA NEL 2013 SINTESI DEI RISULTATI Roma 25 luglio -- Nel 2013 il mercato della terra ha continuato a mostrare segnali di cedimento. Secondo gli operatori del settore,

Dettagli

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione.

PEOPLE CARE. Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. La Compagnia Della Rinascita PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si prendono cura dello sviluppo delle RISORSE UMANE della vostra organizzazione. PEOPLE CARE Un equipe di professionisti che si

Dettagli

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014

PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014. Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 PMI italiane fra tradizione e innovazione digitale tendenze e testimonianze dalle eccellenti 2014 Palazzo Mezzanotte Milano, 22 luglio 2014 Osservatorio PMI 2014 -VI Edizione 1 Obiettivi Individuare le

Dettagli

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia

ICT e strategie. L influenza delle ICT sulla strategia ICT e strategie Information Systems Design L influenza delle ICT sulla strategia 1. Miglioramento dei processi decisionali strategici e di pianificazione e controllo 2. Strumento per perseguire la strategia

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1

1. PREMESSA. Politecnico Innovazione 1 E-BUSINESS IN CIFRE 1. PREMESSA Valutare il grado di penetrazione dell e-business nelle Pmi significa analizzare qual è il ruolo che le tecnologie sono chiamate a svolgere all interno delle aziende: nelle

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e

RAPPORTO ANNUALE. Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito MARZO 2015. Con il patrocinio di Confcommercio Bari e RAPPORTO ANNUALE MARZO 2015 Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare l accesso al credito Con il patrocinio di Confcommercio Bari e Obiettivo finanza, l Iniziativa della CCIAA di Bari per agevolare

Dettagli

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE

SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE SINTESI DEL CASO AZIENDALE SOLUZIONE ICT: SOFTWARE GESTIONALE INTRODUZIONE Non vi è dubbio che nello scenario economico attuale per incrementare il proprio vantaggio competitivo sia importante focalizzare l attenzione sugli aspetti

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati

Indagine su imprese e assicurazioni. Report dei risultati Indagine su imprese e assicurazioni Report dei risultati ITA045 Maggio 2012 Management summary_1 BACKGROUND E OBIETTIVI Il Giornale delle Assicurazioni, in occasione del convegno Assicurazioni e Sistema

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Divisione VIII PMI e Artigianato Indagine

Dettagli

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor

Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Le esigenze di innovazione ICT delle imprese italiane: un opportunità per i Vendor Stefano Mainetti mainetti@fondazionepolitecnico.it Tavola rotonda di Zerouno Milano, 12 giugno 2008 Agenda Ecosistema

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Da Domotica ad Homevolution: tecnologie, sistemi e servizi integrati per la casa e l abitare

Da Domotica ad Homevolution: tecnologie, sistemi e servizi integrati per la casa e l abitare Da Domotica ad Homevolution: tecnologie, sistemi e servizi integrati per la casa e l abitare Roberto Taranto Direttore Generale Federazione ANIE 1 ANIE - HOMEVOLUTION: Le fasi di un progetto Homevolution

Dettagli

Cloud Computing e Mobility:

Cloud Computing e Mobility: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Cloud Computing e Mobility: Lo studio professionale agile e sicuro Davide Grassano Membro della Commissione Informatica 4 dicembre 2013 - Milano Agenda 1

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati

Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Nono Rapporto UniCredit sulle piccole imprese La digitalizzazione delle imprese toscane: efficienza, innovazione e conquista di nuovi mercati Presentati i risultati dello studio di UniCredit, dedicato

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Il quadro odierno: l anno doloroso

Il quadro odierno: l anno doloroso Il quadro odierno: l anno doloroso 2 E ritiene che negli ultimi 12 mesi la situazione economica della sua azienda sia: 2 18 48 25 7 migliorata di molto migliorata rimasta la stessa peggiorata peggiorata

Dettagli

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane

Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane Indagine sull HR Transformation nelle Banche Italiane integrazione con il business e le strategie eccellenza dei servizi hr HR Transformation efficienza e le tecnologie sourcing Premessa La profonda complessità

Dettagli

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo 1999-2012 l EPO

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con:

Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia. Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: Indagine sulla Banda larga nel segmento business in Italia Indagine promossa da Federcomin e Assinform e realizzata con: IL MERCATO DELL OFFERTA 23 gennaio 2003 Slide 1 L estensione della fibra ottica

Dettagli

Il Management Consulting in Italia

Il Management Consulting in Italia Il Management Consulting in Italia Sesto Rapporto 2014/2015 Università di Roma Tor Vergata Giovanni Benedetto Corrado Cerruti Simone Borra Andrea Appolloni Stati Generali del Management Consulting Roma,

Dettagli

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza

Report trimestrale sull andamento dell economia reale e della finanza Report trimestrale sull andamento dell economia Perché un report trimestrale? A partire dal mese di dicembre SEI provvederà a mettere a disposizione delle imprese, con cadenza trimestrale, un report finalizzato

Dettagli

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010

Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Laboratorio Ancitel S.p.A. dall identificazione in rete al coinvolgimento dei cittadini Roma,3 febbraio 2010 Le ICT nei Comuni: il Rapporto Ancitel 2009 Paolo Teti, Ancitel Spa Roma, 3 Febbraio 2010 Ancitel

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE

TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE LOGISTICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE DELLE INFRASTRUTTURE

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato

PROGETTO CONTROLLO GESTIONE. Per la P.M.I. Per l Artigianato PROGETTO CONTROLLO GESTIONE Per la P.M.I. Per l Artigianato Valutare costantemente l'andamento economico della attività dell'azienda per stabilire se la sua struttura dei costi è adeguata per confrontarsi

Dettagli

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI

SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI ANALISI SURVEY DI itsmf SULLO STATO DELL IT SERVICE MANAGEMENT IN ITALIA Sintesi a cura di Francesco Castellana, consultant HSPI Descrizione dell indagine e del panel utilizzato L associazione itsmf Italia

Dettagli

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del

I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del I PROGRAMMI OCCUPAZIONALI DELLE IMPRESE DELL INDUSTRIA E DEI SERVIZI PER IL 2013 Il Sistema Informativo Excelsior a supporto delle politiche del lavoro e della formazione Conferenza stampa 23 luglio 2013

Dettagli

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare

I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare I Fabbisogni di information and communication technology nel settore agroalimentare Obiettivi Il presente documento, contiene un estratto dei risultati di uno studio sui fabbisogni in ambito ICT delle

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

I giovani e il rapporto con le assicurazioni

I giovani e il rapporto con le assicurazioni I giovani e il rapporto con le assicurazioni Francesco Saita Patrizia Contaldo CAREFIN, Università Bocconi Roma, 21 ottobre 2014 Introduzione (1) I giovani hanno un mix di caratteristiche che possono rendere

Dettagli

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014

BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE IMPRESE: ANDAMENTO 2014 SIMONE CAPECCHI * Cresce ancora la domanda di credito da parte delle imprese ma si raffredda negli ultimi 2 trimestri. Al

Dettagli

Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese. Febbraio 2013

Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese. Febbraio 2013 Rapporto ricerca sull internazionalizzazione delle imprese Febbraio 2013 Le Key questions Key question 1:Quali sono le modalità di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese italiane? Key question

Dettagli

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale

Le caratteristiche must have del software gestionale ideale Le caratteristiche must have del software gestionale ideale ww.microsa Quali sono i principali elementi da tenere in considerazione per la scelta del Quali software sono i ottimale? principali elementi

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili

Il servizio di registrazione contabile. che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Il servizio di registrazione contabile che consente di azzerare i tempi di registrazione delle fatture e dei relativi movimenti contabili Chi siamo Imprese giovani e dinamiche ITCluster nasce a Torino

Dettagli

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING

ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING ANTONELLA LAVAGNINO COMUNICAZIONE & MARKETING CREARE OPPORTUNITÀ PER COMPETERE Oggi le imprese di qualsiasi settore e dimensione devono saper affrontare, singolarmente o in rete, sfide impegnative sia

Dettagli

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence

Il caso Brix distribuzione: monitorare le. supermercati attraverso un sistema di Business Intelligence I casi di successo dell Osservatorio Smau e School of Management del Politecnico di Milano * Il caso Brix distribuzione: monitorare le performance economicofinanziarie di una rete di supermercati attraverso

Dettagli

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI

SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI SOLUZIONE s.r.l. Centro Servizi Tecnici Via Vittorio Emanuele II n 131-50134 Firenze ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI Analisi fabbisogni su campione di aziende della provincia di Firenze 2007-2008 Firenze,

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

CHARM IN ITALY OSSERVATORIO

CHARM IN ITALY OSSERVATORIO CHARM IN ITALY OSSERVATORIO Gli umori degli operatori intervistati sull andamento delle strutture ricettive e del mercato di riferimento Il 2013, tra stabilità e ripresa Il 2013 è un anno di relativa stabilità

Dettagli

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE

USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE 9 maggio 2013 Anno 2012 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto a luglio 2012 la seconda indagine

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi

Cloud Computing Stato dell arte, Opportunità e rischi La ISA nasce nel 1994 Si pone sul mercato come network indipendente di servizi di consulenza ICT alle organizzazioni nell'ottica di migliorare la qualità e il valore dei servizi IT attraverso l'impiego

Dettagli

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca

Agenda. I. Descrizione questionario. II. Risultati ed evidenze. III. Regione Sicilia: focus. Obiettivi della ricerca Agenda I. Descrizione questionario Obiettivi della ricerca Caratteristiche campione analizzato II. Risultati ed evidenze III. Regione Sicilia: focus 2 Agenda I. Descrizione questionario 3 I. Descrizione

Dettagli

IL COSTO DELL IGNORANZA NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE

IL COSTO DELL IGNORANZA NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE IL COSTO DELL IGNORANZA NELLA SOCIETA DELL INFORMAZIONE Prof. Alberto Postiglione Informatica Generale Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno Bibliografia Camussone,

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI.

UTILIZZO E LIVELLO DI SODDISFAZIONE VERSO I PRINCIIPALI STRUMENTI DI E-GOVERNEMENT TRA I CONSUMATORI ITALIANI. 29 marzo 2012 Anno 2011 USO DELL E-GOVERNMENT DA PARTE DI CONSUMATORI E IMPRESE L Istat, in collaborazione con il Dipartimento per l innovazione tecnologica (Dit), ha svolto nel 2011 un indagine sull utilizzo

Dettagli

UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI

UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI UN OSSERVATORIO SUGLI IMMIGRATI GLI IMMIGRATI IN ITALIA Gli immigrati sono una presenza in crescita quantitativa in Italia. Sono raddoppiati negli ultimi 6-7 anni, raggiungendo 2 milioni 940 mila presenze

Dettagli

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita

Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita 1 Cittadini e Innovazione Tecnologica: un mercato in continua crescita L Osservatorio semestrale della Società dell Informazione, realizzato da Federcomin, analizza semestralmente lo stato e le dinamiche

Dettagli

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali nome e cognome intervistato: indirizzo email di contatto: sito internet dell impresa: I sezione: Costituzione dell impresa

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese

Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Progetto della Organizzato da Indagine realizzata da Il Digital Divide nella micro e piccola impresa milanese Milano, 22 gennaio 2008 1 La Ricerca >> Obiettivo: definire le caratteristiche del divario

Dettagli

LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR

LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR Le sfide all'orizzonte 2020 e la domanda di competenze delle imprese LE COMPETENZE CHE VALGONO UN LAVORO LE INDICAZIONI FORNITE DALLE IMPRESE ATTRAVERSO IL SISTEMA INFORMATIVO EXCELSIOR Domenico Mauriello

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a:

Alcune delle caratteristiche dell architettura VoIP che permettono il raggiungimento di tali benefici possono essere riconducibili a: SOLUZIONE ICT: TELEFONIA VIA INTERNET (VOICE OVER IP) INTRODUZIONE Una soluzione di telefonia via internet [Voice Over IP (VoIP)] permette di sfruttare le potenzialità del protocollo internet (IP) per

Dettagli

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto

CST Area di Taranto. Assemblea dei Sindaci 19.09.2008. Relazione Attività Di Progetto CST Area di Taranto Assemblea dei Sindaci 19.09.2008 Relazione Attività Di Progetto Uno degli obiettivi del progetto CST Area di TARANTO è stato quello di garantire la diffusione dei servizi innovativi

Dettagli

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO

RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO RAPPORTO 2010 SULLA PRESENZA DELLE IMPRESE DI COSTRUZIONE ITALIANE NEL MONDO OTTOBRE 2010 a cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi e dell Ufficio Lavori all Estero e Relazioni Internazionali

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

LAB. Dalle startup la spinta alla crescita IL TEMA DEL MESE I SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTI IL FATTURATO DEL 2014. A piccoli passi verso il successo

LAB. Dalle startup la spinta alla crescita IL TEMA DEL MESE I SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTI IL FATTURATO DEL 2014. A piccoli passi verso il successo IL TEMA DEL MESE I SETTORI DI ATTIVITÀ PREVALENTI IL FATTURATO DEL 2014 Dalle startup la spinta alla crescita Dall informatica alla ricerca scientifica A piccoli passi verso il successo 2 4 5 Imprese che

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

L attività congressuale del 2010

L attività congressuale del 2010 1 L attività congressuale del 2010 Per la città e la provincia di Firenze il turismo congressuale rappresenta uno dei segmenti di maggiore interesse, sia per la spesa media del turista congressuale che

Dettagli