ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA"

Transcript

1 Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI GENOVA Unità Organizzativa Statistica ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA Genova, giugno 2007 VIII edizione

2 Avvertenze: Gli arrotondamenti delle percentuali nelle tavole sono effettuati direttamente dal computer, pertanto non sempre si trova realizzata la quadratura. I dati, ove non diversamente indicato, sono riferiti al 31/12/2006. L utilizzazione dei dati è consentita con citazione della fonte. Autori: Paolo Arvati Luciana Bodrato Enrico Molettieri Elaborazioni informatiche: Mauro Lecca (Direzione Sistemi Informativi) Si ringrazia il Centro Video della Direzione Comunicazione per le fotografie. Stampa: Erredi Grafiche Editoriali - S.n..c.

3 INDICE GENOVA NEL COMPLESSO Suddivisione territoriale... pag. 6 Note descrittive... 7 Grafici Tavole statistiche CIRCOSCRIZIONI I Centro Est Note descrittive Tavole statistiche II Centro Ovest Note descrittive Tavole statistiche III Bassa Val Bisagno Note descrittive Tavole statistiche IV Val Bisagno Note descrittive Tavole statistiche V Val Polcevera... pag. 75 Note descrittive Tavole statistiche VI Medio Ponente Note descrittive Tavole statistiche VII Ponente Note descrittive Tavole statistiche VIII Medio Levante Note descrittive Tavole statistiche IX Levante Note descrittive Tavole statistiche LA PRESENZA STRANIERA A GENOVA Note descrittive Tavole statistiche

4

5 Comune di Genova Circoscrizioni I Centro Est Superficie totale ha 707,74 Centro abitato ha 495,64 Superficie totale... ha ,99 Superficie centro abitato... ha 6.676,27 Case sparse e nuclei abitati... ha ,72 II Centro Ovest III Bassa Val IV Val Bisagno V Val Polcevera VI Medio Ponente VII Ponente VIII Medio Levante IX Levante Porto ha 485,20 ha 789,74 ha 4.179,17 ha 3.327,11 ha 1.885,13 ha 7.507,78 ha 571,35 ha 3.659,29 ha 845,48 ha 423,35 ha 435,11 ha 1.077,68 ha 1.182,33 ha 723,60 ha 751,20 ha 478,76 ha 873,63 ha 234,97 Popolazione residente al: Censimento Censimento Censimento dicembre Censimento dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre

6 SUDDIVISIONE TERRITORIALE DEL COMUNE DI GENOVA I CIRCOSCRIZIONE II CIRCOSCRIZIONE III CIRCOSCRIZIONE IV CIRCOSCRIZIONE V CIRCOSCRIZIONE CENTRO-EST CENTRO-OVEST BASSA VAL BISAGNO VAL BISAGNO VAL POLCEVERA ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche 11 OREGINA - 31 Lagaccio 9 SAMPIERDARENA 24 Campasso 16 S. FRUTTUOSO 43 S. Agata 18 STAGLIENO 49 Parenzo 5 RIVAROLO 13 Borzoli Est LAGACCIO 32 Oregina 25 S. Gaetano 44 S. Fruttuoso 50 S. Pantaleo 14 Certosa 26 Sampierdarena 15 Rivarolo 12 PRE' - MOLO - 33 Prè 27 Belvedere 17 MARASSI 45 Quezzi 19 MOLASSANA 51 Montesignano 16 Teglia MADDALENA 34 Maddalena 28 S. Bartolomeo 46 Fereggiano 52 S. Eusebio 17 Begato 35 Molo 47 Marassi 53 Molassana 10 S. TEODORO 29 Angeli 48 Forte Quezzi 6 BOLZANETO 18 Bolzaneto 13 CASTELLETTO 36 S. Nicola 30 S. Teodoro 20 STRUPPA 54 Doria 19 Morego 37 Castelletto 55 Prato 38 Manin 7 PONTEDECIMO 20 S. Quirico 21 Pontedecimo 14 PORTORIA 39 S. Vincenzo 40 Carignano VI CIRCOSCRIZIONE VII CIRCOSCRIZIONE VIII CIRCOSCRIZIONE IX CIRCOSCRIZIONE MEDIO PONENTE PONENTE MEDIO LEVANTE LEVANTE ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche 4 SESTRI 9 Sestri 1 VOLTRI 1 Crevari 15 FOCE 41 Foce 21 VALLE 56 Bavari 10 S. Giov. Batt. 2 Voltri 42 Brignole STURLA 57 S. Desiderio 11 Calcinara 58 Apparizione 12 Borzoli Ovest 2 PRA' 3 Cà Nuova 22 S. MARTINO 60 Chiappeto 59 Borgoratti 4 Palmaro 61 S. Martino 8 CORNIGLIANO 22 Cornigliano 5 Pra' 24 STURLA 66 Sturla 23 Campi 23 S. FRANCESCO 62 Albaro QUARTO 67 Quarto 00 PORTO 3 PEGLI 6 Castelluccio D'ALBARO 63 S. Giuliano 68 Quartara 7 Pegli 64 Lido 69 Castagna 8 Multedo 65 Puggia 25 NERVI - 70 Quinto QUINTO - 71 Nervi S. ILARIO

7 1. Andamento della popolazione nel 1997 a nel 2003 per poi risalire fino a nel La popolazione residente nel Comune di Genova al 31/12/2006 è pari a abitanti con un aumento, rispetto al dato del Censimento 2001, di unità (+0,9%). L aumento ha interessato solo tre circoscrizioni che hanno registrato incrementi superiori a quello cittadino (Centro Est: +4,9%; Val Polcevera: +2,5%; Centro Ovest: +2,3%), mentre le altre circoscrizioni hanno registrato una diminuzione (Ponente: -1,3%; Val Bisagno: -0,6%; Medio Levante: -0,5%; Medio Ponente: -0,3%; Bassa Val Bisagno: -0,2% e Levante: -0,1%). 2. Il movimento naturale e il movimento migratorio Nel decennio si registra una ripresa della natalità. Se tra il 1997 e il 2000 il numero delle nascite oscillava tra e 4.400, a partire dal 2001 viene costantemente superata la soglia delle nascite. Nel 2006 si raggiunge la quota di nati: per trovare un valore simile occorre risalire ai primi anni 80. Il numero dei decessi passa da del 1997 a nel 2006, registrando una significativa contrazione negli ultimi anni del decennio. Il saldo naturale si mantiene costantemente negativo, ma nel triennio resta nettamente al di sotto delle unità annue. Nel corso del 2006 si contano immigrati e emigrati. Il saldo migratorio è negativo per 406 unità. Il dato negativo del 2006 va in controtendenza rispetto al triennio precedente in cui il saldo migratorio è stato positivo (2003: +910; 2004: ; 2005: +488). In particolare nel 2004 si sono concretizzate le regolarizzazioni anagrafiche di molti cittadini stranieri a seguito della legge Bossi-Fini. Il dato del 2006, seppur deficitario, è decisamente meno negativo di quelli registrati tra il 1997 e il 1999, anni in cui il saldo migratorio era spesso negativo di oltre unità. 3. Matrimoni e divorzi Nel corso del 2006 si sono celebrati matrimoni (appena 6 in più del 2005), 921 religiosi (45,1%) e civili (54,9%). L ultimo decennio si caratterizza per un calo del complesso dei matrimoni che passano da La diminuzione del numero dei matrimoni riguarda quasi esclusivamente le unioni religiose che a partire dal 2004 sono meno di quelle civili. Su questo fenomeno pesa l aumento dei matrimoni tra divorziati (almeno un coniuge) che nel 2006 sono il 20,7% del complesso dei matrimoni (il 37,8% di quelli civili). Nel 2006 vi sono stati 787 scioglimenti di matrimonio, 49 in meno rispetto all anno precedente. Nonostante questa flessione, negli ultimi anni si nota un certo aumento dei divorzi rispetto alla fine degli anni Indicatori demografici Due indicatori utili per la comprensione delle caratteristiche demografiche della città sono l indice di mascolinità (maschi ogni 100 femmine) e l indice di natività (distribuzione della popolazione residente secondo la zona di nascita). L'indice di mascolinità presenta al 31/12/2006 il valore più alto in Val Polcevera (92,1) e quello più basso a Medio Levante (82,3). Come si potrà vedere meglio più avanti, questo indice appare positivamente correlato con la struttura per età della popolazione (valori elevati con popolazione tendenzialmente più giovane e viceversa).

8 La distribuzione percentuale della popolazione per zona di nascita vede il valore più alto di genovesi "nati a Genova" (indice di natività) a Levante (67,6), seguito da Ponente (67,2), dalla Val Bisagno (65,1) e da Medio Levante (64,5%). L'incidenza minore di "nati a Genova" si riscontra invece a Centro Ovest (59,1%). La maggiore concentrazione in valori percentuali di residenti nati nel Mezzogiorno e nelle Isole si trova a Medio Ponente (18,2%), seguito dalla Val Polcevera (17,9%), da Centro Ovest (16,3%), dalla Val Bisagno (15,9%) e dalla Bassa Val Bisagno (15,1%), mentre il valore medio comunale è del 14,0%. La percentuale più bassa si riscontra nel Levante (8,8%). Infine la concentrazione più elevata di nati all'estero si trova a Centro Est (11,2%), seguito da Centro Ovest (10,2%) e dalla Val Polcevera (7,9%), rispetto ad un valore cittadino del 7,2. Si registra nelle circoscrizioni del centro cittadino (non più nelle sole zone del Centro Storico) l'effetto della massiccia presenza di immigrati terzomondiali, pur nell ambito di una tendenza ad una redistribuzione più equilibrata della popolazione straniera sul territorio comunale. 5. La struttura per età L'età media al 31/12/2006 presenta un valore cittadino piuttosto elevato: 47,0. Al di sotto della media comunale si trovano Val Polcevera (45,7), Centro Est (45,8), Val Bisagno (46,4), Centro Ovest (46,7), e Medio Ponente (46,9), mentre nettamente al di sopra si collocano i valori di Medio Levante (48,5), Levante (47,9), Bassa Val Bisagno (47,7) e Ponente (47,3). Viene esaminata di seguito la struttura per classi di età della popolazione genovese. Le classi di età sono state individuate sulla base dell'età pre-scolare, scolare e così via fino all'età del pensionamento, proprio per i riflessi che la consistenza e l andamento di ciascuna classe determinano sulla domanda di servizi all Ente Pubblico Vengono ora evidenziati, per ogni classe di età, gli scostamenti più significativi dal valore medio comunale nelle diverse realtà territoriali: classe 0-2 anni: rispetto al valore cittadino (2,2%), tre circoscrizioni presentano un valore leggermente superiore (Centro Est e Val Polcevera: 2,4%; Medio Ponente: 2,3%), e quattro leggermente inferiore (Bassa Val Bisagno e Levante: 2,1%; Ponente e Medio Levante: 2,0%). classe 3-5 anni: Centro Ovest e Bassa Val Bisagno hanno lo stesso valore comunale (2,2%); Centro Est (2,4%) e Val Polcevera (2,3%) un valore superiore e le altre circoscrizioni presentano un valore inferiore. classe 6-10 anni: il valore comunale è del 3,6%. Valori leggermente inferiori si registrano a Centro Ovest e in Bassa Val Bisagno (3,5%), di poco superiori in Val Polcevera (3,7%), a Ponente, Medio Levante e Levante (3,8%). classe anni: in questa classe non si registrano scostamenti di rilievo dal valore comunale che è del 2,2. L unica circoscrizione con un incidenza superiore è Centro Est (2,3%). classe anni: rispetto al valore comunale (3,8%), valori più elevati si registrano in Val Polcevera (4,1%), a Centro Est (4,0%), a Centro Ovest e a Ponente (3,9%). I valori più bassi si hanno a Levante e in Bassa Val Bisagno (3,5%). classe anni: dal valore cittadino (4,6%) si scostano verso l'alto Val Polcevera (5,1%), Centro Est (4,9%), Ponente e Medio Ponente (4,7%), verso il basso Val Bisagno (4,5%), Medio Levante e Bassa Val Bisagno (4,4%) e soprattutto Levante (4,1%). classe anni: al di sotto del valore medio cittadino (27,4%) si trovano Ponente (26,4%), Levante (26,1%) e sopratutto Medio Levante (24,5%). Al di sopra Centro Est (28,8), Val Polcevera (28,7), Val Bisagno (28,6), Centro Ovest (28,0) e Medio Ponente (27,7). In linea con il dato cittadino Bassa Val Bisagno. classe anni: dal valore cittadino (27,2%) si scostano verso l'alto Ponente (27,6), Centro Est (27,6), Val Bisagno (27,5) e Medio Levante (27,3). Tutte le altre circoscrizioni registrano valori inferiori, con il minimo in Bassa Val Bisagno (26,6). classe anni: la percentuale comunale (13,2) è superata in ben sei circoscrizioni: Levante (14,2), Bassa Val Bisagno (13,9), Ponente e Medio

9 Levante (13,8), Val Bisagno (13,6) e Medio Ponente (13,3). L incidenza minore si registra a Centro Est (11,3). classe 75 anni e oltre: la già elevata percentuale comunale del 13,5% è superata nelle circoscrizioni di Medio Levante (16,0%), Levante (14,5) e Bassa Val Bisagno (14,4). Le incidenze minori si hanno a Centro Est (12,6%), in Val Polcevera (12,1%) e in Val Bisagno (11,9%). Come si può osservare, le classi di età più anziane registrano incidenze superiori nelle zone del Levante cittadino, mentre quelle più giovani si concentrano maggiormente nel Centro e in Val Polcevera. Particolare è il caso del Ponente cittadino: la struttura per età della popolazione residente si mantiene sostanzialmente in linea con la media comunale ma nel periodo è la zona cittadina con il più alto tasso di invecchiamento. L'indice di vecchiaia (rapporto percentuale tra la popolazione in età 65 anni e oltre e quella in età inferiore ai 15 anni) conferma le caratteristiche della distribuzione territoriale per età della popolazione genovese. Il valore comunale (242,0) è superato significativamente da Medio Levante (269,8), Bassa Val Bisagno (267,7) e Levante (255,7). Anche le due circoscrizioni di Ponente (251,1) e Medio Ponente (245,7) hanno valori più alti della media comunale mentre nel 2001 li avevano inferiori. La circoscrizione con l'indice più basso è Centro Est (208,3), seguita da Val Polcevera (215,2), Val Bisagno (238,1) e Centro Ovest (239,2). Ques ultima circoscrizione nel 2001 registrava un valore (257,7) superiore a quello cittadino: la forte immigrazione straniera (tendenzialmente giovane) registrata a Centro Ovest nel periodo post censuario ha portato alla riduzione dell indice di vecchiaia. 6. La struttura familiare Il numero medio di componenti per famiglia a Genova è al 31/12/2006 piuttosto basso (2,04). Si possono notare valori più elevati della media cittadina nelle circoscrizioni Ponente (2,10), Medio Ponente (2,09), Val Bisagno e Val Polcevera (2,08). Il valore più basso si registra a Centro Est, dove la famiglia media non conta neppure due componenti (1,94). La parcellizzazione dei nuclei familiari genovesi fa si che nell analisi delle famiglie per numero di componenti, le famiglie "unipersonali" registrino nettamente la frequenza più alta ( famiglie su , il 41,4%). Seguono le famiglie con due componenti (84.314, il 28,2%), quelle con tre (54.962, 18,4%), con quattro (29.581, 9,9%) e con cinque (5.244, 1,8%). Solamente famiglie genovesi sono composte da sei membri e 316 da sette. Nel complesso, quasi il 70% delle famiglie residenti nella città ha uno o due membri. Se si considera la distribuzione delle famiglie per numero di componenti nelle circoscrizioni cittadine, si nota che l incidenza delle famiglie unipersonali a Centro Est (48,4%) è nettamente superiore alla media cittadina (41,4%). In quattro circoscrizioni, invece, questa incidenza resta al di sotto del 40%: Ponente (37,8%), Medio Ponente (38,3%), Val Bisagno (38,8%) e Val Polcevera (39,6%). Per quanto riguarda le famiglie di due o tre componenti, non si evidenziano scostamenti territoriali dai dati comunali (rispettivamente 28,2% e 18,4%) tali da essere segnalati, ad eccezione delle percentuali inferiori di Centro Est (24,4% e 15,5%), ove pesano i valori particolarmente bassi di Pre'-Molo-Maddalena. Complessivamente, le famiglie con quattro e più componenti (36.174) incidono a livello cittadino per il 12,1%. Incidenze inferiori si registrano in Bassa Val Bisagno (11,3), a Centro Ovest (11,7) e a Centro Est (11,8). 7. Le condizioni abitative Al 31/12/2006 si contano abitazioni occupate. Di queste (il 5,4%) sono occupate da 2 o più famiglie. Il numero medio di occupanti per abitazione è pari a 2,2, valore che non presenta alcuna variazione sostanziale nelle nove circoscrizioni del Comune di Genova. Per quanto riguarda le abitazioni per numero di occupanti, a livello comunale vi sono abitazioni occupate da una sola persona (il 34,4%), da due (31,9%), da tre (20,0%), da quattro (10,8%), appena da cinque e più (2,9%) L'incidenza percentuale delle abitazioni occupate da una sola persona è inferiore al valore medio cittadino (34,4%) nelle circoscrizioni di Medio Ponente (31,7%), Val Bisagno (32,6), Ponente (33,0), Centro Ovest (33,2) e Val Polcevera (33,4). È superiore invece a Centro Est (37,8%), Levante (36,3), Medio Levante (35,3) e Bassa Val Bisagno (34,7). La percentuale delle abitazioni più densamente occupate (5 e più persone) è nettamente superiore alla media comunale (2,9%) a Centro Est (3,9%). Questo dato è dovuto in larga parte al Centro Storico che quindi si

10 caratterizza per la più alta incidenza di abitazioni con cinque e più occupanti e al tempo stesso anche per la più alta incidenza di abitazioni occupate da una sola persona. I dati relativi alle abitazioni per numero di occupanti possono essere utilizzati come significativi indicatori della struttura della popolazione e delle sue modificazioni a livello territoriale. In particolare possono essere studiati fenomeni come quello dei soli proprio analizzando questi dati che individuano meglio di altri (come le famiglie per numero di componenti) le caratteristiche peculiari dei processi sociali. Dall analisi dei dati relativi alle abitazioni occupate da una persona per classe di età emerge sia l ampiezza del fenomeno, sia le sue particolari problematiche sociali. Infatti, contrariamente a quanto si può ritenere sulla base di alcune opinioni correnti, questo fenomeno interessa solo in minima parte una popolazione giovanile ma tocca in modo rilevante la classi di età più anziane. Al 31/12/2006 si contano genovesi che abitano e vivono da soli: questa condizione quindi interessa ormai quasi 16 cittadini ogni 100. Di questi, solo il 10,9% meno di 35 anni. Viceversa il 52,8% dei "singoli" ha più di 64 anni e, tra loro, il 10,3% ne ha addirittura più di 84. I ultrasessantacinquenni che abitano da soli rappresentano il 30,9% dell'intera popolazione anziana (con più di 65 anni). Per la fascia di età più giovane (0-34 anni) il valore più elevato è quello di Centro Est (13,5%), circoscrizione nella quale l'insediamento giovanile nella popolazione dei "soli" appare più consistente, fenomeno dovuto ad una forte presenza di immigrati. I valori più bassi si registrano invece a Medio Levante (8,9%) e a Levante (9,5%). Per la fascia degli ultrasessantacinquenni si notano valori più elevati rispetto alla media comunale in ben sette circoscrizioni su nove. Solo in Val Bisagno (51,7%) e, nettamente, a Centro Est (44,4%) si registrano valori inferiori. A Medio Levante (56,5), Medio Ponente (55,8) e Ponente (55,2) i valori più alti. 8. La condizione professionale e il grado di istruzione - Censimento 2001 Nel 2001 gli occupati nel Comune di Genova sono e le persone in cerca di occupazione Il tasso di disoccupazione pari all 8,60. A livello circoscrizionale, il tasso di disoccupazione oscilla tra il 10,79 di Val Polcevera e il 6,15 di Medio Levante. Decisamente inferiore alla media comunale è anche il valore registrato a Levante (6,75). Oltre alla Val Polcevera, in altre tre circoscrizioni il tasso di disoccupazione supera il 9% (Medio Ponente: 9,71; Val Bisagno: 9,44; Ponente: 9,38). Per quanto riguarda il grado di istruzione, all ultimo Censimento sono stati rilevati laureati (il 10,9% dei genovesi da sei anni in poi), diplomati (29,7%), in possesso di licenza media (28,9%), con la licenza elementare (23,9%) e senza alcun titolo (6,6%). Molto forti sono gli scostamenti tra le percentuali di laureati residenti nelle circoscrizioni comunali. Infatti essi sono ben il 23,2% dei residenti con almeno 6 anni a Medio levante, il 18,4% a Centro Est, e il 15,2% a Levante. Nelle altre circoscrizioni la loro percentuale non raggiunge il 9%, fino a restare al di sotto del 5% in Val Bisagno (4,5%) e in Val Polcevera (4,9).

11 POPOLAZIONE RESIDENTE A FINE ANNO NATI E MORTI PER ANNO Nati Morti Migliaia DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE PER CIRCOSCRIZIONE IMMIGRATI E EMIGRATI PER ANNO Valore % sul totale generale Immigrati Emigrati Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante

12 POPOLAZIONE RESIDENTE PER CLASSE DI ETA' PIRAMIDE DELLA POPOLAZIONE AL 31/12/2006 Valori % e più POPOLAZIONE RESIDENTE SECONDO LA ZONA DI NASCITA Sud e Isole 14,0% Estero 7,2% Centro 2,9% Nord 8,4% Altri comuni Liguria 1,9% Altri comuni prov.ge 2,7% Comune di Genova 62,9%

13 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE IN ETA' 0-18 ANNI RESIDENTI ULTRASETTANTACINQUENNI SOLI PER CIRCOSCRIZIONE PER CIRCOSCRIZIONE per 100 ultrasettantacinquenni Migliaia Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante inferiori a 39 da 39 a 40 superiori a 40 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE IN ETA' 65 ANNI E OLTRE INDICE DI VECCHIAIA PER CIRCOSCRIZIONE PER CIRCOSCRIZIONE anziani per 100 giovani Migliaia Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante inferiore a 220 da 220 a 250 superiore a 250

14 ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI OCCUPATI FAMIGLIE UNIPERSONALI PER CIRCOSCRIZIONE Valori % e più inferiori a 39 da 39 a 41 superiori a 41 ABITAZIONI OCCUPATE DA UNA PERSONA SOLA PER CIRCOSCRIZIONE DENSITA' DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE RISPETTO ALLA ZONA per 100 abitazioni URBANIZZATA PER CIRCOSCRIZIONE inferiori a 33 da 33 a 35 superiori a 35 da 0 a 60 da 61 a 100 da 101 a 160 oltre 160

15 TAVOLA 1 - POPOLAZIONE RESIDENTE PER SESSO E STATO CIVILE MASCHI FEMMINE CIRCOSCRIZIONE CELIBI CONIUGATI (1) VEDOVI DIVORZIATI TOTALE NUBILI CONIUGATE (1) VEDOVE DIVORZIATE TOTALE N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % I CENTRO EST , , , , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , , , , ,0 PORTO 32 57, ,1 1 1,8 0 0, , , ,6 0 0,0 0 0, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , , , ,0 (1) Compresi i legalmente separati. TAVOLA 2 - POPOLAZIONE RESIDENTE TAVOLA 3 - MASCHI SU 100 FEMMINE POPOLAZIONE RESIDENTE PESO PERCENTUALE CIRCOSCRIZIONE SU TOTALE COMUNE CIRCOSCRIZIONE VAR. % I CENTRO EST ,9 14,4 15,0 I CENTRO EST 88,0 91,8 II CENTRO OVEST ,3 10,7 10,9 II CENTRO OVEST 88,1 89,0 III BASSA VAL BISAGNO ,2 13,1 13,0 III BASSA VAL BISAGNO 85,3 85,3 IV VAL BISAGNO ,6 9,7 9,6 IV VAL BISAGNO 91,0 90,7 V VAL POLCEVERA ,5 10,0 10,2 V VAL POLCEVERA 90,0 92,1 VI MEDIO PONENTE ,3 10,2 10,1 VI MEDIO PONENTE 89,5 90,6 VII PONENTE ,3 10,6 10,3 VII PONENTE 89,1 89,5 VIII MEDIO LEVANTE ,5 10,3 10,1 VIII MEDIO LEVANTE 82,0 82,3 IX LEVANTE ,1 10,9 10,8 IX LEVANTE 86,1 86,4 PORTO ,6 0,0 0,0 PORTO 140,0 169,7 TOTALE GENOVA ,9 100,0 100,0 TOTALE GENOVA 87,6 88,6

16 TAVOLA 4 - MOVIMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - TOTALE COMUNE DI GENOVA ANNI MOVIMENTO NATURALE MOVIMENTO MIGRATORIO (1) CAMBI DI ABITAZIONE AUMENTO O DIMINUZIONE DELLA NATI MORTI DIFFERENZA IMMIGRATI EMIGRATI DIFFERENZA ENTRATI USCITI DIFFERENZA POPOLAZIONE (2) (1) Escluse le pratiche migratorie perfezionate tardivamente e già computate ai fini del calcolo della popolazione residente in sede di censimento. (2) Escluse le variazioni derivanti dal confronto tra le risultanze del censimento e la situazione anagrafica. TAVOLA 5 - POPOLAZIONE RESIDENTE SECONDO LA ZONA DI NASCITA COMUNE ALTRI COMUNI ALTRI COMUNI NORD CENTRO SUD ESTERO TOTALE CIRCOSCRIZIONE DI GENOVA PROVINCIA DI GENOVA LIGURIA ISOLE N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , , ,0 PORTO 16 18,0 1 1,1 5 5,6 5 5, , ,9 2 2, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , ,0

17 TAVOLA 6 - POPOLAZIONE RESIDENTE PER CLASSE DI ETA' CIRCOSCRIZIONE MENO DI E PIU' TOTALE ETA' MEDIA N % N % N % N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , , , , , ,0 45,8 II CENTRO OVEST , , , , , , , , , , ,0 46,7 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , , , , ,0 47,7 IV VAL BISAGNO , , , , , , , , , , ,0 46,4 V VAL POLCEVERA , , , , , , , , , , ,0 45,7 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , , , , ,0 46,9 VII PONENTE , , , , , , , , , , ,0 47,3 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , , , , ,0 48,5 IX LEVANTE , , , , , , , , , , ,0 47,9 PORTO 2 2,2 4 4,5 6 6,7 4 4,5 6 6,7 9 10, , ,3 0 0,0 1 1, ,0 31,3 TOTALE GENOVA , , , , , , , , , , ,0 47,0 TAVOLA 7 - INDICE DI VECCHIAIA (*) TAVOLA 8 - FAMIGLIE RESIDENTI E CONVIVENZE MEDIA MEDIA CIRCOSCRIZIONE CIRCOSCRIZIONE FAMIGLIE COMPONENTI COMPONENTI CONVIVENZE COMPONENTI COMPONENTI I CENTRO EST 222,9 208,3 I CENTRO EST , ,3 II CENTRO OVEST 257,5 239,2 II CENTRO OVEST , ,2 III BASSA VAL BISAGNO 268,5 267,7 III BASSA VAL BISAGNO , ,6 IV VAL BISAGNO 224,6 238,1 IV VAL BISAGNO , ,1 V VAL POLCEVERA 227,2 215,2 V VAL POLCEVERA , ,5 VI MEDIO PONENTE 241,8 245,7 VI MEDIO PONENTE , ,1 VII PONENTE 238,6 251,1 VII PONENTE , ,3 VIII MEDIO LEVANTE 270,4 269,8 VIII MEDIO LEVANTE , ,0 IX LEVANTE 259,5 255,7 IX LEVANTE , ,4 PORTO 0,0 5,9 PORTO , ,0 TOTALE GENOVA 245,1 242,0 TOTALE GENOVA , ,5 (*) Anziani per 100 giovani: rapporto percentuale tra la popolazione in età 65 anni ed oltre e quella in età inferiore a 15 anni.

18 TAVOLA 9 - FAMIGLIE RESIDENTI PER NUMERO DI COMPONENTI CIRCOSCRIZIONE 1 COMPONENTE E PIU' TOTALE N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , ,5 66 0, ,0 II CENTRO OVEST , , , , ,7 95 0,3 28 0, ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , ,5 87 0,2 26 0, ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , ,4 20 0, ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , ,5 34 0, ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , ,8 95 0,3 30 0, ,0 VII PONENTE , , , , , ,4 40 0, ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , ,0 97 0,3 39 0, ,0 IX LEVANTE , , , , ,8 84 0,3 32 0, ,0 PORTO 5 19,2 7 26,9 6 23,1 6 23,1 1 3,8 0 0,0 1 3, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , ,0 TAVOLA 10 - FAMIGLIE RESIDENTI SECONDO LA TIPOLOGIA DELLA FAMIGLIA SOLO CONIUGI E CONIUGI E UN GENITORE ALTRO TIPO DI TOTALE INDICE DI CARICO CIRCOSCRIZIONE CAPOFAMIGLIA CONIUGI 1 FIGLIO 2 o PIU' FIGLI E FIGLI FAMIGLIA FAMIGLIE COMPONENTI DEI FIGLI (*) I CENTRO EST ,3 II CENTRO OVEST ,3 III BASSA VAL BISAGNO ,0 IV VAL BISAGNO ,7 V VAL POLCEVERA ,1 VI MEDIO PONENTE ,0 VII PONENTE ,8 VIII MEDIO LEVANTE ,5 IX LEVANTE ,4 PORTO ,7 TOTALE GENOVA ,5 (*) Rapporto fra i bambini in età 0-4 anni e le femmine in età anni.

19 TAVOLA 11 - FAMIGLIE RESIDENTI PER NUMERO DI FIGLI CIRCOSCRIZIONE SENZA FIGLI 1 FIGLIO 2 FIGLI 3 FIGLI 4 FIGLI 5 FIGLI 6 FIGLI E PIU' TOTALE I CENTRO EST II CENTRO OVEST III BASSA VAL BISAGNO IV VAL BISAGNO V VAL POLCEVERA VI MEDIO PONENTE VII PONENTE VIII MEDIO LEVANTE IX LEVANTE PORTO TOTALE GENOVA TAVOLA 12 - ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI FAMIGLIE DA 1 FAMIGLIA DA 2 FAMIGLIE DA 3 O PIU' FAMIGLIE TOTALE TOTALE FAMIGLIE NUMERO MEDIO CIRCOSCRIZIONE ABITAZIONI OCCUPANTI PER N COMPONENTI N COMPONENTI N COMPONENTI N COMPONENTI ABITAZIONE I CENTRO EST ,2 II CENTRO OVEST ,2 III BASSA VAL BISAGNO ,1 IV VAL BISAGNO ,2 V VAL POLCEVERA ,2 VI MEDIO PONENTE ,2 VII PONENTE ,2 VIII MEDIO LEVANTE ,2 IX LEVANTE ,1 PORTO ,2 TOTALE GENOVA ,2

20 TAVOLA 13 - ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI OCCUPANTI CIRCOSCRIZIONE 1 OCCUPANTE E PIU' TOTALE MEDIA OCCUPANTI N % N % N % N % N % N % N % CON 6 E PIU' I CENTRO EST , , , , , , ,0 9,5 II CENTRO OVEST , , , , , , ,0 6,6 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , ,0 6,9 IV VAL BISAGNO , , , , , , ,0 6,7 V VAL POLCEVERA , , , , , , ,0 7,4 VI MEDIO PONENTE , , , , , , ,0 6,5 VII PONENTE , , , , , , ,0 6,5 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , ,0 7,2 IX LEVANTE , , , , , , ,0 6,6 PORTO 3 13,0 7 30,4 6 26,1 4 17,4 1 4,3 2 8, ,0 8,5 TOTALE GENOVA , , , , , , ,0 7,5 TAVOLA 14 - ABITAZIONI OCCUPATE DA UNA PERSONA PER CLASSE DI ETA' CIRCOSCRIZIONE FINO A E OLTRE TOTALE N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE 901 8, , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , ,0 PORTO 1 33,3 1 33,3 1 33,3 0 0,0 0 0,0 0 0, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , ,0

Tab. 5: Scuola e popolazione scolastica genovese per ordine e grado

Tab. 5: Scuola e popolazione scolastica genovese per ordine e grado Tab. 5: Scuola e popolazione scolastica genovese per ordine e grado Scuola dell infanzia Elementare Media Inferiore Media superiore N scuole pubbliche 122 106 70 51 N scuole private 57 36 17 23 N studenti

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

Valutazione della domanda di mobilità multimodale AMT- TRENITALIA, nel bacino di traffico G. Principali risultati

Valutazione della domanda di mobilità multimodale AMT- TRENITALIA, nel bacino di traffico G. Principali risultati Valutazione della domanda di mobilità multimodale AMT- TRENITALIA, nel bacino di traffico G Principali risultati NOTA METODOLOGICA L'indagine è stata condotta su 1500 rispondenti stratificati per età delle

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE TORINESE

1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1. LA POPOLAZIONE TORINESE 1.1. UNA CITTÀ UN PO PIÙ PICCOLA Torino continua a spopolarsi. Non solo nel 1999, ma durante tutta la seconda metà degli anni novanta, la città continua a perdere popolazione.

Dettagli

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014

Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 Cittadini stranieri a Bologna Le tendenze 2014 aprile 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Direttore Settore Statistica: Redazione a cura di: Gianluigi Bovini Franco Chiarini Brigitta Guarasci L'uso

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO

1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO 1. LA POPOLAZIONE 1.1. RALLENTA LO SPOPOLAMENTO DEL CAPOLUOGO Ormai da quasi vent anni il comune di Torino sta perdendo popolazione. Dopo il boom demografico durato fino alla metà degli anni settanta,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti

Maggio 2012. Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Maggio 2012 Le donne al vertice delle imprese: amministratori, top manager e dirigenti Introduzione e sintesi Da qualche anno il tema della bassa presenza di donne nei consigli d amministrazione delle

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2014 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2014 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro del Dipartimento Programmazione coordinato dal Capo Dipartimento

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002

RAPIDE. Nel 2001 la spesa media mensile. La povertà in Italia nel 2001 POVERTÀ NEL TEMPO E SUL TERRITORIO. 17 luglio 2002 SOTTO LA SOGLIA DI POVERTÀ IL 12% DELLE FAMIGLIE La povertà in Italia nel 2001 di povertà viene calcolata sulla base del numero di L incidenza famiglie (e relativi componenti) che presentano spese per

Dettagli

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014

Popolazione. Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione Pagine tratte dal sito http://statistica.comune.bologna.it/cittaconfronto/ aggiornato al 24 marzo 2014 Popolazione L'Istat calcola che al 31 dicembre 2012 risiedono in Italia 59.685.227 persone.

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO

Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO Analisi demografica ventennale Residenze Sabaude UNESCO A cura di Silvana Fantini Servizio Statistica e Toponomastica Ufficio Pubblicazioni Città di Torino La Città di Torino ha subito negli ultimi venti

Dettagli

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001

La città di Messina al Censimento della popolazione 2001 8 luglio 2004 La città di al Censimento della popolazione 2001 L Istat diffonde oggi alcuni approfondimenti riguardanti la struttura demografica e familiare della città di, sulla base dei dati rilevati

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

I matrimoni a Padova dal 2010 al 2014

I matrimoni a Padova dal 2010 al 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica La statistica per la città I matrimoni a Padova dal 21 al 214 Analisi dei matrimoni celebrati nel comune di Padova nel quinquennio 21/214

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1.

FAMIGLIA. 1 2 3 4 5 6 totale 2011 29.4 27.4 20.4 17.1 4.3 1.3 100 2012 30.1 27.3 20.3 16.5 4.5 1.3 100 2013 30.2 27.3 20.2 16.6 4.3 1. FAMIGLIA Numero di famiglie. Il numero di famiglie abitualmente dimoranti sul territorio nazionale è aumentato da 21.8 a 24.6 milioni nel 2013. Durante il periodo intercensuario le famiglie unipersonali

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati

Realizzazione a cura di Vittorio Rossin. Assessore alla Statistica Egidio Longoni. Dirigente dell Ufficio Statistica e Studi Eugenio Recalcati L informazione statistica Deve essere considerata Dalla Pubblica Amministrazione Come una risorsa essenziale per operare meglio E con trasparenza, in modo tale da essere Strumento di controllo sociale

Dettagli

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro

6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE. Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 6. STRUTTURA DELLA POPOLAZIONE E COMPOSIZIONE DELLE FAMIGLIE Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Salerno Indicatori socio-economici -0,60% -28,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 SALERNO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Progetto Mobilità Intelligente Banca CARIGE

Progetto Mobilità Intelligente Banca CARIGE ISTITUTO INTERNAZIONALE DELLE COMUNICAZIONI Progetto Mobilità Intelligente Banca CARIGE Marzo 2003 Premessa L indagine realizzata rientra in una più ampia iniziativa promossa dall Istituto Internazionale

Dettagli

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale.

Le notizie flash: in seconda pagina le brevissime sui dati più interessanti in quarta pagina le valutazioni dello Spi-Cgil nazionale. Serie schede tematiche gennaio 2007 - n. 27 - cod. 67447 pag. 1 I pensionati italiani: quanti sono, quanto percepiscono, dove risiedono i pensionati di nord, centro, sud, estero le pensioni sociali in

Dettagli

Comune di Padova. La statistica per la città

Comune di Padova. La statistica per la città Comune di Padova La statistica per la città Il movimento migratorio a Padova nel 2008 Sistema Statistico Nazionale Dicembre 2009 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Via del Municipio,

Dettagli

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE

1. POPOLAZIONE ASSISTIBILE La parte dedicata alla popolazione assistibile contiene le principali informazioni di carattere demografico sulla popolazione residente in Provincia di Bolzano: struttura della popolazione e sua distribuzione

Dettagli

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE

- Il contesto delle politiche - IL CONTESTO DELLE POLITICHE IL CONTESTO DELLE POLITICHE Quadro demografico La distribuzione della popolazione sul territorio regionale non é omogenea: il 28,7% della popolazione si concentra nel capoluogo di Aosta, unico comune ad

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi

7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi 544 7.2. La costruzione degli indicatori demografici: la struttura dei flussi La seconda sottocomponente analizzata per l analisi demografica concerne le dinamiche dei flussi, considerando come tali i

Dettagli

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA

ANALISI DELLA POPOLAZIONE. 1 Comune di Marsala ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DEL CONTESTO SOCIO- ECONOMICO DELLA CITTÀ DI MARSALA ANALISI DELLA POPOLAZIONE PROCESSO DI REDAZIONE DEL PIANO STRATEGICO DELLA CITTÀ DI MARSALA FASE DI DIAGNOSTICA, LETTURA ED ASCOLTO DEL TERRITORIO

Dettagli

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007

COMUNE DI SERIATE ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 ANNUARIO STATISTICO COMUNALE 2007 i Autore Antonio Rinaldi Responsabile progetto Dirigente Settore Affari Generali - Monica Vavassori Avvertenze: I dati fanno riferimento all anno 2006 salvo diversa indicazione.

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

INDICATORI DEMOGRAFICI

INDICATORI DEMOGRAFICI 27 gennaio 2012 INDICATORI DEMOGRAFICI Stime per l anno 2011 Sono 556 mila i bambini nati nel 2011, seimila in meno rispetto al 2010. Il numero di persone morte nell anno è pari a 592 mila, quattromila

Dettagli

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011

Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010. Maggio 2011 Le tendenze della mortalità a Bologna nel 2010 Maggio 2011 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Brigitta Guarasci Si ringrazia

Dettagli

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori

I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna. Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori I redditi 2012 dichiarati dalle cittadine e dai cittadini di Bologna Alcune disuguaglianze fra generazioni, generi, nazionalità e territori 18 settembre 2014 A Bologna nel 2012 quasi 296.000 contribuenti

Dettagli

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti

Telefono fisso e cellulare: comportamenti emergenti 4 agosto 2003 Telefono e cellulare: comportamenti emergenti La crescente diffusione del telefono cellulare nella vita quotidiana della popolazione ha determinato cambiamenti profondi sia nel numero sia

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015

La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna. Dicembre 2015 La popolazione in età da 0 a 2 anni residente nel comune di Bologna Dicembre 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato

Dettagli

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE

OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE OSSERVATORIO 2013 DELLA CITTA DI BOLZANO CONTRO LA VIOLENZA DI GENERE A distanza di ormai 5 anni, era infatti il mese di marzo 2009 quando ha iniziato i suoi lavori, è attiva sul territorio cittadino la

Dettagli

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano

Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Progettiamo insieme S. Eusebio, Mermi, Montesignano Intreccio tra il Forum di Agenda 21 locale ed un esperienza sul territorio genovese Contesto geografico e socio-economico della IV Circoscrizione Valbisagno

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004

DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE. Anno 2004 DIREZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 ANNUARIO COMUNALE Anno 2004 Edizione 2005 Capitolo 1 POPOLAZIONE PREMESSA Redatta dalla Direzione Demografia - Servizio Anagrafe

Dettagli

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014

Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova Settore Programmazione Controllo e Statistica Popolazione anziana a Padova Anno 2014 Comune di Padova - Settore Programmazione Controllo e Statistica - Via Tommaseo, 60 - Segreteria Tel.

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Contesto demografico Ambito distrettuale

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Annuario Statistico Demografico

Annuario Statistico Demografico Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica Città di Treviso Annuario Statistico Demografico 2014 a cura dell Ufficio Statistica INTRODUZIONE Il presente annuario

Dettagli

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA

SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA SITUAZIONE TERRITORIALE E CARATTERISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLA PROVINCIA DI MONZA E DELLA BRIANZA In vista dell avvio della nuova ASL provinciale di Monza e Brianza, con l auspicio che possa essere

Dettagli

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE

LE FAMIGLIE RESIDENTI NELLA PROVINCIA DI TRIESTE Assessorato alle Politiche Giovanili, Politiche Sociali ed Immigrazione, Promozione del Volontariato ed dell'associazionismo, Politiche della disabilità, Politiche di Pace e Legalità LE FAMIGLIE RESIDENTI

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 1. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 1. LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati dell operazione di incrocio massivo e completo

Dettagli

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI

SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI E REGIONALI DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE SVILUPPO ECONOMICO SERVIZIO SVILUPPO MICROIMPRESE SERVIZIO ACCOGLIENZA, ORIENTAMENTO E CONSULENZA SULLE LEGGI DI FINANZIAMENTO NAZIONALI

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Segretariato Generale I GIOVANI IN ITALIA Luglio 2010 1 Rapporto curato da: G. Coccia gcoccia@lavoro.gov.it B. Rossi brossi@lavoro.gov.it Sul sito http://www.lavoro.gov.it

Dettagli

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S.

COMUNE DI UDINE. Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. COMUNE DI UDINE Dipartimento Programmazione Risorse finanziarie e patrimoniali - Politiche di acquisto U. Org. Studi e Statistica U.S. Studi ISTRUZIONE 1951-1991 COMUNE DI UDINE U.O. Studi e Statistica

Dettagli

Comune di Montemurlo. Provincia di Prato. Regolamento Urbanistico LA DOMANDA ABITATIVA A PRATO E PROVINCIA. Rapporto CRESME.

Comune di Montemurlo. Provincia di Prato. Regolamento Urbanistico LA DOMANDA ABITATIVA A PRATO E PROVINCIA. Rapporto CRESME. Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato QC LA DOMANDA ABITATIVA A PRATO E PROVINCIA 08 SCENARI PREVISIONALI 2007-2016 Rapporto CRESME febbraio 2008 CRESME LA DOMANDA ABITATIVA A

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA

LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA 11 maggio 2011 Anno 2010 LA LETTURA DI LIBRI IN ITALIA Nel 2010 il 46,8% della popolazione di 6 anni e più (26 milioni e 448 mila persone) dichiara di aver letto, per motivi non strettamente scolastici

Dettagli

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005

La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 27 marzo 2006 La partecipazione al mercato del lavoro della popolazione straniera I - IV trimestre 2005 Ufficio della comunicazione Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel. +

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI

LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI LA POPOLAZIONE IERI, OGGI E DOMANI Trieste novembre 2012 Riproduzioni e stampe dovranno riportare in modo visibile la fonte e la proprietà dell informazione. Inoltre, su richiesta al Servizio Statistica

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

Città di Bassano del Grappa Area 1^ - Area Risorse, Sviluppo Servizio Informativo Comunale Ufficio Statistica e Controllo di Gestione

Città di Bassano del Grappa Area 1^ - Area Risorse, Sviluppo Servizio Informativo Comunale Ufficio Statistica e Controllo di Gestione Città di Bassano del Grappa Area 1^ - Area Risorse, Sviluppo Servizio Informativo Comunale Annuario statistico Anno 2014 Contiene i risultati dei Censimenti Generali degli anni 2010 e 2011 15 Censimento

Dettagli

MATERIALI DI LAVORO PER LA

MATERIALI DI LAVORO PER LA MATERIALI DI LAVORO PER LA COSTRUZIONE DEL PROFILO DI COMUNITÀ PIANI DI ZONA 2013-2015 A CURA DELL OSSERVATORIO PROVINCIALE POLITICHE SOCIALI DELLA PROVINCIA DI TRIESTE Provincia di Trieste Area Servizi

Dettagli

Profilo demografico della Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega

Profilo demografico della Comunità di Primiero. A cura di Marco Bettega Profilo demografico della Comunità di Primiero A cura di Marco Bettega COMUNITÀ DI PRIMIERO OTTOBRE Indice La situazione demografica della Comunità di Primiero PROIEZIONI: IL MODELLO STRUDEL....p. 3. LA

Dettagli

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010)

Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) 20 ottobre 2010 Conoscere l Umbria Annuario statistico (edizione 2010) L Annuario statistico dell Umbria, giunto alla quattordicesima edizione, è il frutto della proficua collaborazione tra l Ufficio regionale

Dettagli

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA

LA SPESA DELLE FAMIGLIE PER CONSUMI IN SICILIA SOCIALE NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA ED ANALISI ECONOMICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 7 N.3/2015 I consumi privati rappresentano, in economia,

Dettagli

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti

Le famiglie di Udine raccontate dai numeri. 1. Premessa. 2. Cambiamenti Le famiglie di Udine raccontate dai numeri 1. Premessa Nel linguaggio comune il concetto di Famiglia è da sempre legato all esistenza di un nucleo di persone unite da legami di natura specifica, quali

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e

L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e 1 L indagine svolta da AlmaLaurea nel 2013 ha coinvolto quasi 450mila laureati di primo e secondo livello di tutti i 64 atenei aderenti al Consorzio, che rappresentano circa l 80% del complesso dei laureati

Dettagli

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011

IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 IL MATRIMONIO IN ITALIA DATI ISTAT RELATIVI ALL ANNO 2011 Nel 2011 sono stati celebrati in Italia 204.830 matrimoni (3,4 ogni 1.000 abitanti), 12.870 in meno rispetto al 2010. La tendenza alla diminuzione,

Dettagli

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA

GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA GIOVANI STRANIERI IMMIGRATI A ROMA Nel corso degli anni 90, il numero di permessi di soggiorno per l ingresso in Italia di minori stranieri è aumentato notevolmente. Si calcola infatti che negli ultimi

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA. Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 3 Settore Famiglie e società Famiglia, abitazioni e sicurezza dei cittadini Indagine Multiscopo sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana

Dettagli

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio

n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio GRUPPO A POPOLAZIONE n Indicatore Descrizione UdM Trend # Densità della Numero di abitanti per chilometro quadrato di A1 popolazione sul superficie urbana territorio A2 A3 A4 A5 A6 Saldo naturale e saldo

Dettagli

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013

Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012. Ottobre 2013 Il parco veicolare di Bologna al 31.12.2012 Ottobre 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di Marisa Corazza Nel 2012 parco

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1:

PROVINCIA DI ORISTANO DEFINIZIONE DEI SERVIZI MINIMI DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Allegato 1: Regione Autonoma della Sardegna Assessorato dei Trasporti Centro Ricerche Economiche e Mobilità Università degli Studi di Cagliari PROVINCIA DI ISTANO SETTE PIANIFIZIONE TERRITIALE, PITICHE COMUNITARIE,

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat

TAV. 1 Popolazione residente nelle Province della Regione Sardegna nel 2001 fonte: Istat Assessorato dei Trasporti PROVINCIA DI RBONIA-LESIAS TAV. 1 Popolazione residente nelle Sardegna nel 2001 fonte: Istat Variazione percentuale della popolazione delle Province della Regione Sardegna dal

Dettagli

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA

COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA COMUNE DI PARMA UFFICIO STATISTICA Analisi dei matrimoni nel Comune di Parma anni 2009-2012 A CURA DI RENZO SOLIANI Parma ottobre 2013 Matrimoni a Parma, anni 2009-2012 Nell attuale momento storico affrontare

Dettagli

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012

GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri. Venerdì 3 febbraio 2012 GLI STRANIERI A GENOVA Diamo un po di numeri Venerdì 3 febbraio 2012 L immigrazione in Liguria: un fenomeno strutturale - Residenti al 31 dicembre 2010 = 125.320 - Stima dossier al 31 dicembre 2010= 136.000

Dettagli

GENOVA. NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di GENOVA Stefano Silvano (referente OMI)

GENOVA. NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di GENOVA Stefano Silvano (referente OMI) GENOVA NOTA TERRITORIALE a cura dell Ufficio Provinciale di GENOVA Stefano Silvano (referente OMI) Andamento del mercato immobiliare nel estre Settore residenziale con la collaborazione della Direzione

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

8. Occupazione e forze di lavoro

8. Occupazione e forze di lavoro 8. Occupazione e forze di lavoro Dall Indagine continua sulle forze di lavoro condotta dall Istat risulta che nel 2005 erano occupate, a Roma, 1.086.092 persone, mentre a livello provinciale gli occupati,

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 4 trimestre 2013 a cura del NETWORK SECO marzo 2014 Il Network SeCO è costituito da:

Dettagli

Schede tematiche sulle nazionalità più diffuse. (dati aggiornati al 31 dicembre 2009) 2. FILIPPINE

Schede tematiche sulle nazionalità più diffuse. (dati aggiornati al 31 dicembre 2009) 2. FILIPPINE Schede tematiche sulle nazionalità più diffuse (dati aggiornati al 31 dicembre 2009) 2. FILIPPINE Aprile 2010 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini

Dettagli