ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA"

Transcript

1 Sistema Statistico Nazionale COMUNE DI GENOVA Unità Organizzativa Statistica ATLANTE DEMOGRAFICO DELLA CITTA Genova, giugno 2007 VIII edizione

2 Avvertenze: Gli arrotondamenti delle percentuali nelle tavole sono effettuati direttamente dal computer, pertanto non sempre si trova realizzata la quadratura. I dati, ove non diversamente indicato, sono riferiti al 31/12/2006. L utilizzazione dei dati è consentita con citazione della fonte. Autori: Paolo Arvati Luciana Bodrato Enrico Molettieri Elaborazioni informatiche: Mauro Lecca (Direzione Sistemi Informativi) Si ringrazia il Centro Video della Direzione Comunicazione per le fotografie. Stampa: Erredi Grafiche Editoriali - S.n..c.

3 INDICE GENOVA NEL COMPLESSO Suddivisione territoriale... pag. 6 Note descrittive... 7 Grafici Tavole statistiche CIRCOSCRIZIONI I Centro Est Note descrittive Tavole statistiche II Centro Ovest Note descrittive Tavole statistiche III Bassa Val Bisagno Note descrittive Tavole statistiche IV Val Bisagno Note descrittive Tavole statistiche V Val Polcevera... pag. 75 Note descrittive Tavole statistiche VI Medio Ponente Note descrittive Tavole statistiche VII Ponente Note descrittive Tavole statistiche VIII Medio Levante Note descrittive Tavole statistiche IX Levante Note descrittive Tavole statistiche LA PRESENZA STRANIERA A GENOVA Note descrittive Tavole statistiche

4

5 Comune di Genova Circoscrizioni I Centro Est Superficie totale ha 707,74 Centro abitato ha 495,64 Superficie totale... ha ,99 Superficie centro abitato... ha 6.676,27 Case sparse e nuclei abitati... ha ,72 II Centro Ovest III Bassa Val IV Val Bisagno V Val Polcevera VI Medio Ponente VII Ponente VIII Medio Levante IX Levante Porto ha 485,20 ha 789,74 ha 4.179,17 ha 3.327,11 ha 1.885,13 ha 7.507,78 ha 571,35 ha 3.659,29 ha 845,48 ha 423,35 ha 435,11 ha 1.077,68 ha 1.182,33 ha 723,60 ha 751,20 ha 478,76 ha 873,63 ha 234,97 Popolazione residente al: Censimento Censimento Censimento dicembre Censimento dicembre dicembre dicembre dicembre dicembre

6 SUDDIVISIONE TERRITORIALE DEL COMUNE DI GENOVA I CIRCOSCRIZIONE II CIRCOSCRIZIONE III CIRCOSCRIZIONE IV CIRCOSCRIZIONE V CIRCOSCRIZIONE CENTRO-EST CENTRO-OVEST BASSA VAL BISAGNO VAL BISAGNO VAL POLCEVERA ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche 11 OREGINA - 31 Lagaccio 9 SAMPIERDARENA 24 Campasso 16 S. FRUTTUOSO 43 S. Agata 18 STAGLIENO 49 Parenzo 5 RIVAROLO 13 Borzoli Est LAGACCIO 32 Oregina 25 S. Gaetano 44 S. Fruttuoso 50 S. Pantaleo 14 Certosa 26 Sampierdarena 15 Rivarolo 12 PRE' - MOLO - 33 Prè 27 Belvedere 17 MARASSI 45 Quezzi 19 MOLASSANA 51 Montesignano 16 Teglia MADDALENA 34 Maddalena 28 S. Bartolomeo 46 Fereggiano 52 S. Eusebio 17 Begato 35 Molo 47 Marassi 53 Molassana 10 S. TEODORO 29 Angeli 48 Forte Quezzi 6 BOLZANETO 18 Bolzaneto 13 CASTELLETTO 36 S. Nicola 30 S. Teodoro 20 STRUPPA 54 Doria 19 Morego 37 Castelletto 55 Prato 38 Manin 7 PONTEDECIMO 20 S. Quirico 21 Pontedecimo 14 PORTORIA 39 S. Vincenzo 40 Carignano VI CIRCOSCRIZIONE VII CIRCOSCRIZIONE VIII CIRCOSCRIZIONE IX CIRCOSCRIZIONE MEDIO PONENTE PONENTE MEDIO LEVANTE LEVANTE ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche ex Circoscrizioni Unità Urbanistiche 4 SESTRI 9 Sestri 1 VOLTRI 1 Crevari 15 FOCE 41 Foce 21 VALLE 56 Bavari 10 S. Giov. Batt. 2 Voltri 42 Brignole STURLA 57 S. Desiderio 11 Calcinara 58 Apparizione 12 Borzoli Ovest 2 PRA' 3 Cà Nuova 22 S. MARTINO 60 Chiappeto 59 Borgoratti 4 Palmaro 61 S. Martino 8 CORNIGLIANO 22 Cornigliano 5 Pra' 24 STURLA 66 Sturla 23 Campi 23 S. FRANCESCO 62 Albaro QUARTO 67 Quarto 00 PORTO 3 PEGLI 6 Castelluccio D'ALBARO 63 S. Giuliano 68 Quartara 7 Pegli 64 Lido 69 Castagna 8 Multedo 65 Puggia 25 NERVI - 70 Quinto QUINTO - 71 Nervi S. ILARIO

7 1. Andamento della popolazione nel 1997 a nel 2003 per poi risalire fino a nel La popolazione residente nel Comune di Genova al 31/12/2006 è pari a abitanti con un aumento, rispetto al dato del Censimento 2001, di unità (+0,9%). L aumento ha interessato solo tre circoscrizioni che hanno registrato incrementi superiori a quello cittadino (Centro Est: +4,9%; Val Polcevera: +2,5%; Centro Ovest: +2,3%), mentre le altre circoscrizioni hanno registrato una diminuzione (Ponente: -1,3%; Val Bisagno: -0,6%; Medio Levante: -0,5%; Medio Ponente: -0,3%; Bassa Val Bisagno: -0,2% e Levante: -0,1%). 2. Il movimento naturale e il movimento migratorio Nel decennio si registra una ripresa della natalità. Se tra il 1997 e il 2000 il numero delle nascite oscillava tra e 4.400, a partire dal 2001 viene costantemente superata la soglia delle nascite. Nel 2006 si raggiunge la quota di nati: per trovare un valore simile occorre risalire ai primi anni 80. Il numero dei decessi passa da del 1997 a nel 2006, registrando una significativa contrazione negli ultimi anni del decennio. Il saldo naturale si mantiene costantemente negativo, ma nel triennio resta nettamente al di sotto delle unità annue. Nel corso del 2006 si contano immigrati e emigrati. Il saldo migratorio è negativo per 406 unità. Il dato negativo del 2006 va in controtendenza rispetto al triennio precedente in cui il saldo migratorio è stato positivo (2003: +910; 2004: ; 2005: +488). In particolare nel 2004 si sono concretizzate le regolarizzazioni anagrafiche di molti cittadini stranieri a seguito della legge Bossi-Fini. Il dato del 2006, seppur deficitario, è decisamente meno negativo di quelli registrati tra il 1997 e il 1999, anni in cui il saldo migratorio era spesso negativo di oltre unità. 3. Matrimoni e divorzi Nel corso del 2006 si sono celebrati matrimoni (appena 6 in più del 2005), 921 religiosi (45,1%) e civili (54,9%). L ultimo decennio si caratterizza per un calo del complesso dei matrimoni che passano da La diminuzione del numero dei matrimoni riguarda quasi esclusivamente le unioni religiose che a partire dal 2004 sono meno di quelle civili. Su questo fenomeno pesa l aumento dei matrimoni tra divorziati (almeno un coniuge) che nel 2006 sono il 20,7% del complesso dei matrimoni (il 37,8% di quelli civili). Nel 2006 vi sono stati 787 scioglimenti di matrimonio, 49 in meno rispetto all anno precedente. Nonostante questa flessione, negli ultimi anni si nota un certo aumento dei divorzi rispetto alla fine degli anni Indicatori demografici Due indicatori utili per la comprensione delle caratteristiche demografiche della città sono l indice di mascolinità (maschi ogni 100 femmine) e l indice di natività (distribuzione della popolazione residente secondo la zona di nascita). L'indice di mascolinità presenta al 31/12/2006 il valore più alto in Val Polcevera (92,1) e quello più basso a Medio Levante (82,3). Come si potrà vedere meglio più avanti, questo indice appare positivamente correlato con la struttura per età della popolazione (valori elevati con popolazione tendenzialmente più giovane e viceversa).

8 La distribuzione percentuale della popolazione per zona di nascita vede il valore più alto di genovesi "nati a Genova" (indice di natività) a Levante (67,6), seguito da Ponente (67,2), dalla Val Bisagno (65,1) e da Medio Levante (64,5%). L'incidenza minore di "nati a Genova" si riscontra invece a Centro Ovest (59,1%). La maggiore concentrazione in valori percentuali di residenti nati nel Mezzogiorno e nelle Isole si trova a Medio Ponente (18,2%), seguito dalla Val Polcevera (17,9%), da Centro Ovest (16,3%), dalla Val Bisagno (15,9%) e dalla Bassa Val Bisagno (15,1%), mentre il valore medio comunale è del 14,0%. La percentuale più bassa si riscontra nel Levante (8,8%). Infine la concentrazione più elevata di nati all'estero si trova a Centro Est (11,2%), seguito da Centro Ovest (10,2%) e dalla Val Polcevera (7,9%), rispetto ad un valore cittadino del 7,2. Si registra nelle circoscrizioni del centro cittadino (non più nelle sole zone del Centro Storico) l'effetto della massiccia presenza di immigrati terzomondiali, pur nell ambito di una tendenza ad una redistribuzione più equilibrata della popolazione straniera sul territorio comunale. 5. La struttura per età L'età media al 31/12/2006 presenta un valore cittadino piuttosto elevato: 47,0. Al di sotto della media comunale si trovano Val Polcevera (45,7), Centro Est (45,8), Val Bisagno (46,4), Centro Ovest (46,7), e Medio Ponente (46,9), mentre nettamente al di sopra si collocano i valori di Medio Levante (48,5), Levante (47,9), Bassa Val Bisagno (47,7) e Ponente (47,3). Viene esaminata di seguito la struttura per classi di età della popolazione genovese. Le classi di età sono state individuate sulla base dell'età pre-scolare, scolare e così via fino all'età del pensionamento, proprio per i riflessi che la consistenza e l andamento di ciascuna classe determinano sulla domanda di servizi all Ente Pubblico Vengono ora evidenziati, per ogni classe di età, gli scostamenti più significativi dal valore medio comunale nelle diverse realtà territoriali: classe 0-2 anni: rispetto al valore cittadino (2,2%), tre circoscrizioni presentano un valore leggermente superiore (Centro Est e Val Polcevera: 2,4%; Medio Ponente: 2,3%), e quattro leggermente inferiore (Bassa Val Bisagno e Levante: 2,1%; Ponente e Medio Levante: 2,0%). classe 3-5 anni: Centro Ovest e Bassa Val Bisagno hanno lo stesso valore comunale (2,2%); Centro Est (2,4%) e Val Polcevera (2,3%) un valore superiore e le altre circoscrizioni presentano un valore inferiore. classe 6-10 anni: il valore comunale è del 3,6%. Valori leggermente inferiori si registrano a Centro Ovest e in Bassa Val Bisagno (3,5%), di poco superiori in Val Polcevera (3,7%), a Ponente, Medio Levante e Levante (3,8%). classe anni: in questa classe non si registrano scostamenti di rilievo dal valore comunale che è del 2,2. L unica circoscrizione con un incidenza superiore è Centro Est (2,3%). classe anni: rispetto al valore comunale (3,8%), valori più elevati si registrano in Val Polcevera (4,1%), a Centro Est (4,0%), a Centro Ovest e a Ponente (3,9%). I valori più bassi si hanno a Levante e in Bassa Val Bisagno (3,5%). classe anni: dal valore cittadino (4,6%) si scostano verso l'alto Val Polcevera (5,1%), Centro Est (4,9%), Ponente e Medio Ponente (4,7%), verso il basso Val Bisagno (4,5%), Medio Levante e Bassa Val Bisagno (4,4%) e soprattutto Levante (4,1%). classe anni: al di sotto del valore medio cittadino (27,4%) si trovano Ponente (26,4%), Levante (26,1%) e sopratutto Medio Levante (24,5%). Al di sopra Centro Est (28,8), Val Polcevera (28,7), Val Bisagno (28,6), Centro Ovest (28,0) e Medio Ponente (27,7). In linea con il dato cittadino Bassa Val Bisagno. classe anni: dal valore cittadino (27,2%) si scostano verso l'alto Ponente (27,6), Centro Est (27,6), Val Bisagno (27,5) e Medio Levante (27,3). Tutte le altre circoscrizioni registrano valori inferiori, con il minimo in Bassa Val Bisagno (26,6). classe anni: la percentuale comunale (13,2) è superata in ben sei circoscrizioni: Levante (14,2), Bassa Val Bisagno (13,9), Ponente e Medio

9 Levante (13,8), Val Bisagno (13,6) e Medio Ponente (13,3). L incidenza minore si registra a Centro Est (11,3). classe 75 anni e oltre: la già elevata percentuale comunale del 13,5% è superata nelle circoscrizioni di Medio Levante (16,0%), Levante (14,5) e Bassa Val Bisagno (14,4). Le incidenze minori si hanno a Centro Est (12,6%), in Val Polcevera (12,1%) e in Val Bisagno (11,9%). Come si può osservare, le classi di età più anziane registrano incidenze superiori nelle zone del Levante cittadino, mentre quelle più giovani si concentrano maggiormente nel Centro e in Val Polcevera. Particolare è il caso del Ponente cittadino: la struttura per età della popolazione residente si mantiene sostanzialmente in linea con la media comunale ma nel periodo è la zona cittadina con il più alto tasso di invecchiamento. L'indice di vecchiaia (rapporto percentuale tra la popolazione in età 65 anni e oltre e quella in età inferiore ai 15 anni) conferma le caratteristiche della distribuzione territoriale per età della popolazione genovese. Il valore comunale (242,0) è superato significativamente da Medio Levante (269,8), Bassa Val Bisagno (267,7) e Levante (255,7). Anche le due circoscrizioni di Ponente (251,1) e Medio Ponente (245,7) hanno valori più alti della media comunale mentre nel 2001 li avevano inferiori. La circoscrizione con l'indice più basso è Centro Est (208,3), seguita da Val Polcevera (215,2), Val Bisagno (238,1) e Centro Ovest (239,2). Ques ultima circoscrizione nel 2001 registrava un valore (257,7) superiore a quello cittadino: la forte immigrazione straniera (tendenzialmente giovane) registrata a Centro Ovest nel periodo post censuario ha portato alla riduzione dell indice di vecchiaia. 6. La struttura familiare Il numero medio di componenti per famiglia a Genova è al 31/12/2006 piuttosto basso (2,04). Si possono notare valori più elevati della media cittadina nelle circoscrizioni Ponente (2,10), Medio Ponente (2,09), Val Bisagno e Val Polcevera (2,08). Il valore più basso si registra a Centro Est, dove la famiglia media non conta neppure due componenti (1,94). La parcellizzazione dei nuclei familiari genovesi fa si che nell analisi delle famiglie per numero di componenti, le famiglie "unipersonali" registrino nettamente la frequenza più alta ( famiglie su , il 41,4%). Seguono le famiglie con due componenti (84.314, il 28,2%), quelle con tre (54.962, 18,4%), con quattro (29.581, 9,9%) e con cinque (5.244, 1,8%). Solamente famiglie genovesi sono composte da sei membri e 316 da sette. Nel complesso, quasi il 70% delle famiglie residenti nella città ha uno o due membri. Se si considera la distribuzione delle famiglie per numero di componenti nelle circoscrizioni cittadine, si nota che l incidenza delle famiglie unipersonali a Centro Est (48,4%) è nettamente superiore alla media cittadina (41,4%). In quattro circoscrizioni, invece, questa incidenza resta al di sotto del 40%: Ponente (37,8%), Medio Ponente (38,3%), Val Bisagno (38,8%) e Val Polcevera (39,6%). Per quanto riguarda le famiglie di due o tre componenti, non si evidenziano scostamenti territoriali dai dati comunali (rispettivamente 28,2% e 18,4%) tali da essere segnalati, ad eccezione delle percentuali inferiori di Centro Est (24,4% e 15,5%), ove pesano i valori particolarmente bassi di Pre'-Molo-Maddalena. Complessivamente, le famiglie con quattro e più componenti (36.174) incidono a livello cittadino per il 12,1%. Incidenze inferiori si registrano in Bassa Val Bisagno (11,3), a Centro Ovest (11,7) e a Centro Est (11,8). 7. Le condizioni abitative Al 31/12/2006 si contano abitazioni occupate. Di queste (il 5,4%) sono occupate da 2 o più famiglie. Il numero medio di occupanti per abitazione è pari a 2,2, valore che non presenta alcuna variazione sostanziale nelle nove circoscrizioni del Comune di Genova. Per quanto riguarda le abitazioni per numero di occupanti, a livello comunale vi sono abitazioni occupate da una sola persona (il 34,4%), da due (31,9%), da tre (20,0%), da quattro (10,8%), appena da cinque e più (2,9%) L'incidenza percentuale delle abitazioni occupate da una sola persona è inferiore al valore medio cittadino (34,4%) nelle circoscrizioni di Medio Ponente (31,7%), Val Bisagno (32,6), Ponente (33,0), Centro Ovest (33,2) e Val Polcevera (33,4). È superiore invece a Centro Est (37,8%), Levante (36,3), Medio Levante (35,3) e Bassa Val Bisagno (34,7). La percentuale delle abitazioni più densamente occupate (5 e più persone) è nettamente superiore alla media comunale (2,9%) a Centro Est (3,9%). Questo dato è dovuto in larga parte al Centro Storico che quindi si

10 caratterizza per la più alta incidenza di abitazioni con cinque e più occupanti e al tempo stesso anche per la più alta incidenza di abitazioni occupate da una sola persona. I dati relativi alle abitazioni per numero di occupanti possono essere utilizzati come significativi indicatori della struttura della popolazione e delle sue modificazioni a livello territoriale. In particolare possono essere studiati fenomeni come quello dei soli proprio analizzando questi dati che individuano meglio di altri (come le famiglie per numero di componenti) le caratteristiche peculiari dei processi sociali. Dall analisi dei dati relativi alle abitazioni occupate da una persona per classe di età emerge sia l ampiezza del fenomeno, sia le sue particolari problematiche sociali. Infatti, contrariamente a quanto si può ritenere sulla base di alcune opinioni correnti, questo fenomeno interessa solo in minima parte una popolazione giovanile ma tocca in modo rilevante la classi di età più anziane. Al 31/12/2006 si contano genovesi che abitano e vivono da soli: questa condizione quindi interessa ormai quasi 16 cittadini ogni 100. Di questi, solo il 10,9% meno di 35 anni. Viceversa il 52,8% dei "singoli" ha più di 64 anni e, tra loro, il 10,3% ne ha addirittura più di 84. I ultrasessantacinquenni che abitano da soli rappresentano il 30,9% dell'intera popolazione anziana (con più di 65 anni). Per la fascia di età più giovane (0-34 anni) il valore più elevato è quello di Centro Est (13,5%), circoscrizione nella quale l'insediamento giovanile nella popolazione dei "soli" appare più consistente, fenomeno dovuto ad una forte presenza di immigrati. I valori più bassi si registrano invece a Medio Levante (8,9%) e a Levante (9,5%). Per la fascia degli ultrasessantacinquenni si notano valori più elevati rispetto alla media comunale in ben sette circoscrizioni su nove. Solo in Val Bisagno (51,7%) e, nettamente, a Centro Est (44,4%) si registrano valori inferiori. A Medio Levante (56,5), Medio Ponente (55,8) e Ponente (55,2) i valori più alti. 8. La condizione professionale e il grado di istruzione - Censimento 2001 Nel 2001 gli occupati nel Comune di Genova sono e le persone in cerca di occupazione Il tasso di disoccupazione pari all 8,60. A livello circoscrizionale, il tasso di disoccupazione oscilla tra il 10,79 di Val Polcevera e il 6,15 di Medio Levante. Decisamente inferiore alla media comunale è anche il valore registrato a Levante (6,75). Oltre alla Val Polcevera, in altre tre circoscrizioni il tasso di disoccupazione supera il 9% (Medio Ponente: 9,71; Val Bisagno: 9,44; Ponente: 9,38). Per quanto riguarda il grado di istruzione, all ultimo Censimento sono stati rilevati laureati (il 10,9% dei genovesi da sei anni in poi), diplomati (29,7%), in possesso di licenza media (28,9%), con la licenza elementare (23,9%) e senza alcun titolo (6,6%). Molto forti sono gli scostamenti tra le percentuali di laureati residenti nelle circoscrizioni comunali. Infatti essi sono ben il 23,2% dei residenti con almeno 6 anni a Medio levante, il 18,4% a Centro Est, e il 15,2% a Levante. Nelle altre circoscrizioni la loro percentuale non raggiunge il 9%, fino a restare al di sotto del 5% in Val Bisagno (4,5%) e in Val Polcevera (4,9).

11 POPOLAZIONE RESIDENTE A FINE ANNO NATI E MORTI PER ANNO Nati Morti Migliaia DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE PER CIRCOSCRIZIONE IMMIGRATI E EMIGRATI PER ANNO Valore % sul totale generale Immigrati Emigrati Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante

12 POPOLAZIONE RESIDENTE PER CLASSE DI ETA' PIRAMIDE DELLA POPOLAZIONE AL 31/12/2006 Valori % e più POPOLAZIONE RESIDENTE SECONDO LA ZONA DI NASCITA Sud e Isole 14,0% Estero 7,2% Centro 2,9% Nord 8,4% Altri comuni Liguria 1,9% Altri comuni prov.ge 2,7% Comune di Genova 62,9%

13 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE IN ETA' 0-18 ANNI RESIDENTI ULTRASETTANTACINQUENNI SOLI PER CIRCOSCRIZIONE PER CIRCOSCRIZIONE per 100 ultrasettantacinquenni Migliaia Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante inferiori a 39 da 39 a 40 superiori a 40 DISTRIBUZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE IN ETA' 65 ANNI E OLTRE INDICE DI VECCHIAIA PER CIRCOSCRIZIONE PER CIRCOSCRIZIONE anziani per 100 giovani Migliaia Centro Centro Bassa Val Val Val Medio Ponente Medio Levante Est Ovest Bisagno Bisagno Polcevera Ponente Levante inferiore a 220 da 220 a 250 superiore a 250

14 ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI OCCUPATI FAMIGLIE UNIPERSONALI PER CIRCOSCRIZIONE Valori % e più inferiori a 39 da 39 a 41 superiori a 41 ABITAZIONI OCCUPATE DA UNA PERSONA SOLA PER CIRCOSCRIZIONE DENSITA' DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE RISPETTO ALLA ZONA per 100 abitazioni URBANIZZATA PER CIRCOSCRIZIONE inferiori a 33 da 33 a 35 superiori a 35 da 0 a 60 da 61 a 100 da 101 a 160 oltre 160

15 TAVOLA 1 - POPOLAZIONE RESIDENTE PER SESSO E STATO CIVILE MASCHI FEMMINE CIRCOSCRIZIONE CELIBI CONIUGATI (1) VEDOVI DIVORZIATI TOTALE NUBILI CONIUGATE (1) VEDOVE DIVORZIATE TOTALE N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % N. % I CENTRO EST , , , , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , , , , ,0 PORTO 32 57, ,1 1 1,8 0 0, , , ,6 0 0,0 0 0, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , , , ,0 (1) Compresi i legalmente separati. TAVOLA 2 - POPOLAZIONE RESIDENTE TAVOLA 3 - MASCHI SU 100 FEMMINE POPOLAZIONE RESIDENTE PESO PERCENTUALE CIRCOSCRIZIONE SU TOTALE COMUNE CIRCOSCRIZIONE VAR. % I CENTRO EST ,9 14,4 15,0 I CENTRO EST 88,0 91,8 II CENTRO OVEST ,3 10,7 10,9 II CENTRO OVEST 88,1 89,0 III BASSA VAL BISAGNO ,2 13,1 13,0 III BASSA VAL BISAGNO 85,3 85,3 IV VAL BISAGNO ,6 9,7 9,6 IV VAL BISAGNO 91,0 90,7 V VAL POLCEVERA ,5 10,0 10,2 V VAL POLCEVERA 90,0 92,1 VI MEDIO PONENTE ,3 10,2 10,1 VI MEDIO PONENTE 89,5 90,6 VII PONENTE ,3 10,6 10,3 VII PONENTE 89,1 89,5 VIII MEDIO LEVANTE ,5 10,3 10,1 VIII MEDIO LEVANTE 82,0 82,3 IX LEVANTE ,1 10,9 10,8 IX LEVANTE 86,1 86,4 PORTO ,6 0,0 0,0 PORTO 140,0 169,7 TOTALE GENOVA ,9 100,0 100,0 TOTALE GENOVA 87,6 88,6

16 TAVOLA 4 - MOVIMENTO ANAGRAFICO DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - TOTALE COMUNE DI GENOVA ANNI MOVIMENTO NATURALE MOVIMENTO MIGRATORIO (1) CAMBI DI ABITAZIONE AUMENTO O DIMINUZIONE DELLA NATI MORTI DIFFERENZA IMMIGRATI EMIGRATI DIFFERENZA ENTRATI USCITI DIFFERENZA POPOLAZIONE (2) (1) Escluse le pratiche migratorie perfezionate tardivamente e già computate ai fini del calcolo della popolazione residente in sede di censimento. (2) Escluse le variazioni derivanti dal confronto tra le risultanze del censimento e la situazione anagrafica. TAVOLA 5 - POPOLAZIONE RESIDENTE SECONDO LA ZONA DI NASCITA COMUNE ALTRI COMUNI ALTRI COMUNI NORD CENTRO SUD ESTERO TOTALE CIRCOSCRIZIONE DI GENOVA PROVINCIA DI GENOVA LIGURIA ISOLE N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , , ,0 PORTO 16 18,0 1 1,1 5 5,6 5 5, , ,9 2 2, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , ,0

17 TAVOLA 6 - POPOLAZIONE RESIDENTE PER CLASSE DI ETA' CIRCOSCRIZIONE MENO DI E PIU' TOTALE ETA' MEDIA N % N % N % N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , , , , , ,0 45,8 II CENTRO OVEST , , , , , , , , , , ,0 46,7 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , , , , , ,0 47,7 IV VAL BISAGNO , , , , , , , , , , ,0 46,4 V VAL POLCEVERA , , , , , , , , , , ,0 45,7 VI MEDIO PONENTE , , , , , , , , , , ,0 46,9 VII PONENTE , , , , , , , , , , ,0 47,3 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , , , , , ,0 48,5 IX LEVANTE , , , , , , , , , , ,0 47,9 PORTO 2 2,2 4 4,5 6 6,7 4 4,5 6 6,7 9 10, , ,3 0 0,0 1 1, ,0 31,3 TOTALE GENOVA , , , , , , , , , , ,0 47,0 TAVOLA 7 - INDICE DI VECCHIAIA (*) TAVOLA 8 - FAMIGLIE RESIDENTI E CONVIVENZE MEDIA MEDIA CIRCOSCRIZIONE CIRCOSCRIZIONE FAMIGLIE COMPONENTI COMPONENTI CONVIVENZE COMPONENTI COMPONENTI I CENTRO EST 222,9 208,3 I CENTRO EST , ,3 II CENTRO OVEST 257,5 239,2 II CENTRO OVEST , ,2 III BASSA VAL BISAGNO 268,5 267,7 III BASSA VAL BISAGNO , ,6 IV VAL BISAGNO 224,6 238,1 IV VAL BISAGNO , ,1 V VAL POLCEVERA 227,2 215,2 V VAL POLCEVERA , ,5 VI MEDIO PONENTE 241,8 245,7 VI MEDIO PONENTE , ,1 VII PONENTE 238,6 251,1 VII PONENTE , ,3 VIII MEDIO LEVANTE 270,4 269,8 VIII MEDIO LEVANTE , ,0 IX LEVANTE 259,5 255,7 IX LEVANTE , ,4 PORTO 0,0 5,9 PORTO , ,0 TOTALE GENOVA 245,1 242,0 TOTALE GENOVA , ,5 (*) Anziani per 100 giovani: rapporto percentuale tra la popolazione in età 65 anni ed oltre e quella in età inferiore a 15 anni.

18 TAVOLA 9 - FAMIGLIE RESIDENTI PER NUMERO DI COMPONENTI CIRCOSCRIZIONE 1 COMPONENTE E PIU' TOTALE N % N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , ,5 66 0, ,0 II CENTRO OVEST , , , , ,7 95 0,3 28 0, ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , ,5 87 0,2 26 0, ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , ,4 20 0, ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , ,5 34 0, ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , ,8 95 0,3 30 0, ,0 VII PONENTE , , , , , ,4 40 0, ,0 VIII MEDIO LEVANTE , , , , ,0 97 0,3 39 0, ,0 IX LEVANTE , , , , ,8 84 0,3 32 0, ,0 PORTO 5 19,2 7 26,9 6 23,1 6 23,1 1 3,8 0 0,0 1 3, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , , ,0 TAVOLA 10 - FAMIGLIE RESIDENTI SECONDO LA TIPOLOGIA DELLA FAMIGLIA SOLO CONIUGI E CONIUGI E UN GENITORE ALTRO TIPO DI TOTALE INDICE DI CARICO CIRCOSCRIZIONE CAPOFAMIGLIA CONIUGI 1 FIGLIO 2 o PIU' FIGLI E FIGLI FAMIGLIA FAMIGLIE COMPONENTI DEI FIGLI (*) I CENTRO EST ,3 II CENTRO OVEST ,3 III BASSA VAL BISAGNO ,0 IV VAL BISAGNO ,7 V VAL POLCEVERA ,1 VI MEDIO PONENTE ,0 VII PONENTE ,8 VIII MEDIO LEVANTE ,5 IX LEVANTE ,4 PORTO ,7 TOTALE GENOVA ,5 (*) Rapporto fra i bambini in età 0-4 anni e le femmine in età anni.

19 TAVOLA 11 - FAMIGLIE RESIDENTI PER NUMERO DI FIGLI CIRCOSCRIZIONE SENZA FIGLI 1 FIGLIO 2 FIGLI 3 FIGLI 4 FIGLI 5 FIGLI 6 FIGLI E PIU' TOTALE I CENTRO EST II CENTRO OVEST III BASSA VAL BISAGNO IV VAL BISAGNO V VAL POLCEVERA VI MEDIO PONENTE VII PONENTE VIII MEDIO LEVANTE IX LEVANTE PORTO TOTALE GENOVA TAVOLA 12 - ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI FAMIGLIE DA 1 FAMIGLIA DA 2 FAMIGLIE DA 3 O PIU' FAMIGLIE TOTALE TOTALE FAMIGLIE NUMERO MEDIO CIRCOSCRIZIONE ABITAZIONI OCCUPANTI PER N COMPONENTI N COMPONENTI N COMPONENTI N COMPONENTI ABITAZIONE I CENTRO EST ,2 II CENTRO OVEST ,2 III BASSA VAL BISAGNO ,1 IV VAL BISAGNO ,2 V VAL POLCEVERA ,2 VI MEDIO PONENTE ,2 VII PONENTE ,2 VIII MEDIO LEVANTE ,2 IX LEVANTE ,1 PORTO ,2 TOTALE GENOVA ,2

20 TAVOLA 13 - ABITAZIONI OCCUPATE PER NUMERO DI OCCUPANTI CIRCOSCRIZIONE 1 OCCUPANTE E PIU' TOTALE MEDIA OCCUPANTI N % N % N % N % N % N % N % CON 6 E PIU' I CENTRO EST , , , , , , ,0 9,5 II CENTRO OVEST , , , , , , ,0 6,6 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , ,0 6,9 IV VAL BISAGNO , , , , , , ,0 6,7 V VAL POLCEVERA , , , , , , ,0 7,4 VI MEDIO PONENTE , , , , , , ,0 6,5 VII PONENTE , , , , , , ,0 6,5 VIII MEDIO LEVANTE , , , , , , ,0 7,2 IX LEVANTE , , , , , , ,0 6,6 PORTO 3 13,0 7 30,4 6 26,1 4 17,4 1 4,3 2 8, ,0 8,5 TOTALE GENOVA , , , , , , ,0 7,5 TAVOLA 14 - ABITAZIONI OCCUPATE DA UNA PERSONA PER CLASSE DI ETA' CIRCOSCRIZIONE FINO A E OLTRE TOTALE N % N % N % N % N % N % N % I CENTRO EST , , , , , , ,0 II CENTRO OVEST , , , , , , ,0 III BASSA VAL BISAGNO , , , , , , ,0 IV VAL BISAGNO , , , , , , ,0 V VAL POLCEVERA , , , , , , ,0 VI MEDIO PONENTE , , , , , , ,0 VII PONENTE , , , , , , ,0 VIII MEDIO LEVANTE 901 8, , , , , , ,0 IX LEVANTE , , , , , , ,0 PORTO 1 33,3 1 33,3 1 33,3 0 0,0 0 0,0 0 0, ,0 TOTALE GENOVA , , , , , , ,0

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015

La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna. Giugno 2015 La popolazione in età da 3 a 5 anni residente nel comune di Bologna Giugno 2015 La presente nota è stata realizzata da un gruppo di lavoro dell Area Programmazione, Controlli e Statistica coordinato dal

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Popolazione e struttura demografica

Popolazione e struttura demografica Capitolo 3 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 3 e struttura demografica La dimensione e la struttura della popolazione, e le dinamiche demografiche

Dettagli

Piano regionale degli interventi per la famiglia

Piano regionale degli interventi per la famiglia Piano regionale degli interventi per la famiglia Sommario Introduzione... 5 Parte I. Il contesto... 9 La famiglia in Friuli Venezia Giulia... 10 L approccio culturale del Piano... 44 La dimensione strategica

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ:

VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: 2CAPITOLO 2 VENTI ANNI DI ECONOMIA E SOCIETÀ: L ITALIA TRA LA CRISI DEL 1992 E LE ATTUALI DIFFICOLTÀ Come nel 1992, nel 2011 l Italia vive una grave crisi di carattere finanziario, con serie ripercussioni

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia *

Dall Unità d Italia al 2050: dinamiche demografiche e modalità evolutive della popolazione. Specificità relative alla Puglia * Annali del Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi Università degli Studi di Bari Aldo Moro - Vol. X (2011): 195-226 Cleup, Padova - ISBN: 978-88-6129-833-0 Dall Unità d al 2050: dinamiche demografiche

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007

STATISTICA (A-K) a.a. 2007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 2007 A STATISTICA (A-K) a.a. 007-08 Prof.ssa Mary Fraire Test di STATISTICA DESCRITTIVA Esonero del 007 STESS N.O. RD 00 GORU N.O. RD 006 ) La distribuzione del numero degli occupati (valori x 000) in una provincia

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale Servizio della Statistica regionale Via XXIX Novembre

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014

Famiglie e lavoro. Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Famiglie e lavoro Rapporto annuale 2014 Il presente rapporto è frutto di un lavoro di ricerca dello Staff SSRMdL di Italia Lavoro, coordinato da Maurizio Sorcioni,

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA

LE CONDIZIONI DI POVERTÀ TRA LE MADRI IN ITALIA Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente che lavora per migliorare concretamente la vita dei bambini in Italia e nel mondo. Esiste dal 1919 e opera in oltre 120 paesi

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

La vita quotidiana nel 2009

La vita quotidiana nel 2009 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 1 0 Settore Famiglia e società La vita quotidiana nel 2009 Indagine multiscopo annuale sulle famiglie Aspetti della vita quotidiana Anno

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI

I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI 11 luglio 2012 Anno 2011 I MIGRANTI VISTI DAI CITTADINI Il 59,5% dei cittadini afferma che nel nostro Paese gli immigrati sono trattati meno bene degli italiani. In particolare, la maggior parte degli

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO

LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO LE TENDENZE DI MEDIO-LUNGO PERIODO DEL SISTEMA PENSIONISTICO E SOCIO-SANITARIO Previsioni elaborate con i modelli della Ragioneria Generale dello Stato aggiornati al 2014 Roma, Giugno 2014 Il presente

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA

IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA IL BENESSERE EQUO E SOSTENIBILE IN ITALIA SALUTE ISTRUZIONE E FORMAZIONE LAVORO E CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA BENESSERE ECONOMICO RELAZIONI SOCIALI POLITICA E ISTITUZIONI SICUREZZA BENESSERE SOGGETTIVO

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LIMITAZIONI AL PROGETTO: Si escludono missioni, soggiorni e trasferimenti temporanei di sede dei volontari in Italia e all'estero

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1

Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1 Il mutamento del contesto sociale negli ultimi 10 anni 1 I tempi di vita si allungano, gli eventi del ciclo di vita si spostano in avanti Le trasformazioni demografiche e sociali degli ultimi decenni hanno

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE Tabelle Descrizione Pagina Tabella 11 nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Dieci anni di scuola calabrese

Dieci anni di scuola calabrese REGIONE CALABRIA Dipartimento Istruzione, Università, Alta Formazione, Innovazione e Ricerca Osservatorio Regionale sull Istruzione e il Diritto allo Studio Dieci anni di scuola calabrese Luglio 2009 REGIONE

Dettagli

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti

Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti LA POPOLAZIONE 17 Gli immigrati stranieri: il loro aumento negli anni 90 secondo le diverse fonti Significato. La presenza nella popolazione di cittadini stranieri è ormai diventata di una certa consistenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato

Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato Istituto Nazionale Previdenza Sociale Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato Coordinamento e Supporto attività connesse al Fenomeno Migratorio Un fenomeno complesso: il lavoro femminile immigrato

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino

a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino storia del 900 per la scuola di base a cura di Daniela Givogre e Riccarda Viglino il materiale di questa unità didattica può essere liberamente utilizzato chi lo utilizza è pregato di darne comunicazione

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere

Qualità dei servizi. Per uno standard minimo di benessere CAPITOLO 12 Qualità dei servizi Per uno standard minimo di benessere L accesso diffuso a servizi di qualità è un elemento fondamentale per una società che intenda garantire ai suoi cittadini uno standard

Dettagli