Antonella De Angeli Manchester Business School

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Antonella De Angeli Manchester Business School"

Transcript

1 Antonella De Angeli Manchester Business School

2 Programma Introduzione allo user-centred design Misure di qualitá in HCI Usabilitá Esperienza dell utente UX (User-Experience) Principi di misurazione Validita, affidabilita Definizioni operative Metodi di valutazione Studi sul campo Esperimenti in laboratorio HCIM

3 Reading List Sharp, H, Rogers, Y, & Preece, J (2007) Interaction design: Beyond human-computer interaction New York: John Wiley & Sons, Inc 2 nd Edition Cairns, P, Cox, A L Eds (2008) Research methods for Human-Computer Interaction Cambridge UK: Cambridge University Press HCIM

4 Risorse on-line website del libro Interaction Design Portale web per materiale didattico raccolto da Georgia Tech esempi di oggetti che sono difficili da usare perche non seguono I criteri di usabilitá HCIM

5 User-centred design 1. Identificare bisogni e requisiti dell utente 2. Progettare varie soluzioni di design 3. Costruire prototipi che possano essere dimostrati a utenti 4. Valutare Ripetere il ciclo (Re)Design Requisiti Valutazione Prototipazione Prodotto Finale HCIM

6 Valutazione Valutazioni di verifica Formative evaluation Eseguite durante il ciclo di progettazione Inform design Requisiti Valutazioni di convalida Summative evaluation Prototipo avanzato / prodotto finale Convalida della qualitá Strategie di supporto all adozione Requisiti per nuovi sistemi (Re)Design Prototipazione Valutazione Prodotto Finale HCIM

7 Qualitá del software

8 Esercizio 1 Pensate al vostro sistema web preferito, quello che usate piu spesso (non per lavoro o studio, ma perche vi va) Scrivete 5 parole che lo descrivano HCIM

9 Misure di qualitá Qualitá = funzionalitá Approccio tradizionale informatico Qualitá = usabilitá Approccio HCI post 1980 Qualitá = esperienza Approccio UX post 2000 HCIM

10 Usabilitá Accettabilitá Accettabilitá sociale Accettabilitá pratica Sicurezza Privacy Costo Praticitá Compatibilitá Affidabilita Utilitá Usabilitá Nielsen 1993 Usability Engineering HCIM

11 Attributi di Usabilitá Facilità di apprendimento: l utente deve raggiungere buone prestazioni in tempi brevi Efficienza: superata la fase di apprendimento, il sistema deve garantire prestazioni altamente produttive Facilità di ricordo: l utente deve potere interagire con un interfaccia anche dopo un periodo di lungo inutilizzo, senza essere costretto a ricominciare da zero Sicurezza e robustezza all errore Sicurezza: ridurre al minimo la probabilità di errori Il sistema deve essere robusto: il funzionamento non deve venire compromesso da errori banali e deve permettere semplici azioni riparatorie Soddisfazione: giudizio relativo al comfort e alla piacevolezza dell'interazione HCIM

12 ISO L usabilità è definita come l'efficacia, efficienza e soddisfazione con cui determinati utenti raggiungono determinati scopi in un ambiente ben definito Efficacia: grado di accuratezza e completezza con cui gli utenti raggiungono lo scopo Efficienza: rapporto fra efficacia e risorse spese per il raggiungimento dello scopo Soddisfazione: giudizio relativo al comfort dell interazione e alla piacevolezza di uso ISO 9241 Part HCIM

13 Considerazioni Usabilita = assenza di problemi interattivi Attributo fondamentale di sistemi finalizzati a obiettivi funzionali Ambito lavorativo Eseguire compiti Risolvere dei problemi HCIM

14 Considerazioni (2) Is usability all that matters here? HCIM

15 Evoluzione Computer = artefatti cognitivi Computer = medium for emotion Funzionale Usabilita Emozionale UX HCIM

16 Pleasure --- Emotion Fun UX Aesthetics Affective Computing HCIM

17 User Experience Reazione soggettiva all interazione con strumenti interattivi Intrinsecamente multidimensionale Arhippainen and Tahti s user experience framework (Arhippainen & Tahti, 2003) HCIM

18 Dimensioni della UX Attributi pragmatici Funzionalita, usabilita Attributi edonistici Piacevolezza estetica, divertimento, motivazione, gratificazione, emozione Attributi simbolici Brand, identificazione, attribuzioni sociali (status symbol) HCIM

19 UX Visione olistica della qualita Multi-dimensionale Combinazione di diversi attributi Soggettiva Dipende dalle caratteristiche dell utente e del contesto Positiva Cerca di migliore il design introducendo elementi positivi (piuttosto che togliendo problemi) design for emotion HCIM

20 Principi di Misurazione

21 Problemi Misurare comportamenti e reazioni psicologiche e complesso L usabilitá e un costrutto di ricerca UX e composta da una serie di costrutti psicologici Devono essere definiti per potere essere misurati HCIM

22 Requisiti Validitá - validity Le tecniche utilizzate misurano esattamente quello che il ricercatore si propone di misurare I problemi di usabilita evidenziati nella valutazione emergerebbero anche in un contesto di utilizzo reale Affidabilitá reliability Replicabilitá del risultato della valutazione Altri utenti, condizioni ambientali diverse Requisito logico del concetto di validita Sensibilitá effective range Capacitá di discriminazione HCIM

23 Definizioni operative Definire una variabile sulla base delle procedure usate per misurarla Descrizione precisa del costrutto osservato Descrizione precisa di come e stato osservato Descrizione precisa dell unita di misura HCIM

24 Esempio 1 Efficacia = numero di errori nel risultato finale Efficacia = L c - L r L c = numero di link cliccati dall utente per raggiungere la pagina desiderata L r = numero di link necessari per raggiungere la pagina desiderata in una prestazione ideale HCIM

25 Esempio 2 La piacevolezza estetica e stata misurata utilizzando il questionario PVA (Perceived Visual Aesthetics) sviluppato da Lavie e Tractinsky (2003). Il questionario è composto da 10 item, ciascuno dei quali costituito da una breve frase o da un aggettivo designante una qualita estetica dell interfaccia. Ai partecipanti viene richiesto di valutare quanto bene ogni item descrive il design dell interfaccia. Ogni aggettivo richiede un giudizio su una scala a 5 punti, dove 5 significa molto e 1 per niente. La versione italiana della scala è stata tradotta da due persone curando la massima fedeltà linguistica. Successivamente è stata condotta una traduzione backward da parte di un'interprete di madre lingua italiana. Secondo l analisi fattoriale presentata dagli autori, il PVA misura due dimensioni distinte: una dimensione di estetica classica e una di estetica di espressione. L attendibilita dei due fattori e risultata soddisfacente α <.85. I due indici sono stati calcolati mediando i punteggi dei singoli item delle due scale. HCIM

26 Esempio 3/4 L usabilita e stata definita in termini di efficienza nell esecuzione del compito. Per ogni partecipante e stato considerato l intervallo di tempo (in msec) trascorso dal primo click sull interfaccia al momento in cui sullo schermo compariva l informazione ricercata. Per diminuire l effetto delle differenze interindividuali nella velocita di scrittura, il tempo speso dai partecipanti per riempire i campi del modulo e stato sottratto dall indice finale di efficienza. Il grado di coinvolgimento dell utente e stato misurato sulla base del tempo speso a giocare. HCIM

27 Tipi di misure Oggettive Descrivono eventi osservabili Usabilita : tempi di esecuzione UX: arousal, attivazione fisiologica Soggettive Descrivono costrutti psicologici Usabilita : soddisfazione UX: interesse, piacevolezza estetica HCIM

28 Metodologie di valutazione

29 Metodologie di valuazione Analitiche Basate su modelli o euristiche ed eseguite da esperti senza il convolgimento dell utente Studi sul campo Osservazioni di dinamiche comportamentali in contesti naturali Test di usabilita Analisi in laboratorio di compiti pre-stabiliti HCIM

30 Utenti Dove Test di usabilita Eseguono compiti Laboratorio controllato Studi sul campo Si comportano naturalmente Luogo naturale Quando Prototipi Sistema o prototipo avanzato Analitiche Non ci sono utenti ovunque prototipi Dati Quantitative Qualitative Problemi Feed back Dati oggettivi ed errori Descrizioni Problemi HCIM

31 Valutazioni con utenti 2 tecniche principali Osservazione Guardo l utente (sul campo o in laboratorio) e cerco di capire cosa fa Dati oggettivi, ma a volte difficili da interpretare Tecniche verbali Chiedo all utente (interviste, questionari, focus-group, diari) Dati soggettivi e a volte soggetti a rielaborazione (conscia o inconscia), bias di desiderabilita sociale HCIM

32 Studi sul campo Eseguiti in un contesto naturale per capire come si comportano gli utenti spontaneamente e in che modo la tecnologia modifica il loro comportamento - identificare nuove opportunita di mercato - definire i requisiti dell utente - decidere quando/come introdurre un nuovo sistema - valutare l impatto di un sistema HCIM

33 Osservazione e una componente principale dello studio sul campo Interviste formali o informali con la gente aiutano a comprendere il contesto E utile avere degli informatori, che conoscano bene il dominio Si ricercano pattern di comportamento HCIM

34 Interviste Pianificare un set di domande principali a few good questions gets things started Evitare di indirizzare le risposte dell utente - bias Mantenere un atteggiamento neutro Non giudicare Lasciare parlare l utente, ma focalizzare l intervista Utilizare le risposte dell utente per continuare l intervista Approfondire punti interessanti Modificare le domande sulla base del contesto HCIM

35 Cultural probes L utente viene invitato a usare un sistema per un certo periodo di tempo e registrare il suo comportamenti o riportare le sue opinioni con vari strumenti preparati dal ricercatore Ottimo per UX Tenere un diario Compilare delle cartoline quando succedono certi eventi Fare foto HCIM

36 Analisi qualitativa Si ricercano pattern o temi ricorrenti Basati sui dati raccolti o su un eventuale framework di ricerca Si categorizzano i dati Lo schema di categorizzazione puo o meno essere pre-esistente Si cerca di evidenziare incidenti critici Focalizzare eventi chiave Analisi di affinita : gerarchia di idee e insights raccolti durante l analisi Raggruppamenti sono basati su similarita emergono dai dati HCIM

37 Test di usabilita Studi controllati osservazione di utenti che eseguono dei compiti dati dal valutatore Il comportamento dell utente viene video-registrato Output: Misure quantitative tempi errori Analisi del comportamento dell utente Questionari e interviste sono usati per raccogliere commenti e opinioni - UX HCIM

38 2006/2007 INFO HCIM User-Centred 2008 Design 38

39 Raccolta dati Anche lo stato emozionale dell utente puo essere registrato durante l interazione HCIM

40 Osservazioni semplici L utente esegue un compito datogli dal valutatore Valutatore guarda l utente Problema E difficile interpretare i motivi degli errori e i processi decisionali HCIM

41 Usability specification table Scenario task Worst case Planned Target Best case (expert) Observed Find most expensive house for sale? 1 min. 10 sec. 3 sec.??? sec 2006/2007 INFO HCIM User-Centred 2008 Design 41

42 Coding sheet example tracking a person s use of an editor Time 09:00 09:02 09:05 09:10 09:13 General actions Graph editing Errors text scrolling image new delete modify correct miss editing editing node node node error error x x x x 2006/2007 INFO HCIM User-Centred 2008 Design 42

43 Interviste retrospettive Interviste condotte dopo un test di usabilita Gli utenti a commentano i problemi incontrati Spesso non ricordano Videoregistrare il test Guardare il video con l utente e chiedere di Chiarire eventi successi durante l interazione Problema: processi di razionalizzazione L utente spesso non sa perche ha fatto una certa scelta HCIM

44 Think aloud method Gli utenti verbalizzano i loro pensieri mentre eseguono il compito Che cosa stanno cercando di fare Perche hanno fatto una certa azione Che cosa pensano del sistema Permette di interpretare i modelli mentali degli utenti Potrebbe modificare le procedure di soluzioni Poco naturale Difficile per gli utenti, specialmente nel caso di problemi Non permette di analizzare dimensioni di efficienza HCIM

45 Interazioni costruttive A due persone viene richiesto di lavorare insieme Osservatore ascolta la loro conversazione Piu naturale del think-aloud Ha meno validita ecologica Esistono una serie di varianti sul tema Co-discovery learning Combina un utente di media esperienza e un utente inesperto Solo l utente inesperto usa l interfaccia Inesperto chiede aiuto all utente piu esperto HCIM

46 Esperimenti controllati Sperimentatore cerca di controllare il maggior numero possibile di fattori esterni Guidati da un ipotesi di ricerca 1 o + variabili indipendenti manipolate dallo sperimentatore Osservare l effetto della manipolazione su una o piu variabili indipendenti File Edit View Insert New Open Close Save File Edit View Insert New Open Close Save HCIM

47 Esperimenti controllati (2) Si raccolgono misure oggettive Analisi statistiche per dimostrare gli effetti HCIM

48 DECIDE Determine the evaluation goals Stabilire gli obiettivi della valutazione Explore specific evaluation questions Definire specifiche domande di ricerca Choose the evaluation paradigm and techniques to answer the questions Scegliere paradigmi e tecniche di valutazione Identify the practical issues Identificare I problemi pratici Decide how to deal with the ethical issues Decidere come gestire I problemi di tipo etico Evaluate, interpret and present the data Valutare, interpretare e presentare i dati HCIM

49 Riepilogo Il concetto della qualita interattiva di un sofware si va sempre piu espandendo La valutazione e un processo difficile, ma necessario Esistono varie tecniche e metodologie che possono essere applicate in circostanze diverse HCIM

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia

Gli studi dell HCI si concentrano spesso sull interfaccia Interazione Uomo-Macchina (e Usabilità) 1 Cos'è l'hci? Human-Computer Interaction (HCI) Possibile definizione (ACM) Human-computer interaction ti is a discipline i concerned with the design, evaluation

Dettagli

l ergonomia nella normativa

l ergonomia nella normativa l ergonomia nella normativa la norma UNI 11377/2010 Usabilità dei prodotti industriali Francesca Tosi - Università di Firenze Roma Vocational Master in Ergonomia 9 marzo 2012 1 Usabilità norma UNI 11377/2010

Dettagli

Introduzione a: Human-centred design User Experience

Introduzione a: Human-centred design User Experience Corso di Laurea Triennale in Disegno Industriale Laboratorio di Ergonomia per il Design a.a. 2014/2015 Introduzione a: Human-centred design User Experience Design Campus, Calenzano LE TRE STRATEGIE DELL

Dettagli

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita

Il processo di progettazione. Convalida. Verifica. Progettazione partecipativa. Obiettivi della valutazione. La valutazione dell usabilita Il processo di progettazione La valutazione dell usabilita requisiti analisi utenza design iterazione prototipazione implementazione e attivazione Convalida e valutazione usabilità Informatica applicata

Dettagli

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web

I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA I questionari del Protocollo eglu per valutare i servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B

LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B LINGUAGGI E AMBIENTI MULTIMEDIALI B Laurea Specialistica in Ingegneria del Cinema e dei Mezzi di Comunicazione docente: Gabriella Taddeo mail: gabriella.taddeo@polito.it 1 SOCIAL NETWORK Lezione 10: test

Dettagli

User experience e marketing

User experience e marketing User experience e marketing Un alchimia vincente per una progettazione centrata sulle persone Debora Bottà UX Researcher & Designer debora.botta@boraso.com 2 Persone ed esperienze Oltre l usabilità e l

Dettagli

INSEGNARE CON I TASK Appunti

INSEGNARE CON I TASK Appunti INSEGNARE CON I TASK Appunti 1. Condizioni per l apprendimento Esposizione alla lingua da apprendere Opportunità per l uso della lingua Motivazione l uso della lingua in attività di ascolto, parlato, lettura

Dettagli

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web

Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Marco Lazzari - Appunti sulla qualità dei siti web Università di Bergamo, 2004 Una classificazione dei siti web intranet: reti aziendali enterprise information portals: accesso a informazioni e servizi

Dettagli

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra

Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra Dalla materia inerte alle cose costruite perbene dall uomo che abita la Terra ILPO 2007 ERGONOMIA e INDUSTRIAL DESIGN Metodi di valutazione utilizzati nel processo di progettazione e realizzazione dei

Dettagli

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc

VisualTailor. Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc VisualTailor Il software di configurazione tecnico commerciale ad hoc devo creare le specifiche per realizzare un prodotto personalizzato su richiesta dei miei clienti!!! Come devo fare????? Visual Tailor

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità

Ingegneria del Software Interattivo. - Oltre l esperimento - Parte quarta: L usabilità. L osservazione nell ingegneria dell usabilità Ingegneria del Software Interattivo - Oltre l esperimento - Docente: Daniela Fogli Parte quarta: L usabilità 1. L ingegneria dell usabilità 2. I metodi di valutazione di usabilità dei sistemi interattivi

Dettagli

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK

LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK LE MAPPE CONCETTUALI PER PROMUOVERE L APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO JOSEPH D. NOVAK Le mappe concettuali sono strumenti per l organizzazione delle informazioni in modo da favorire ad un livello profondo

Dettagli

Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA

Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA Linee guida per introdurre la progettazione Human-Centred nei bandi di gara per i siti web delle PA Rosa Lanzilotti Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Bari Aldo Moro Sommario Cosa è

Dettagli

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO

USO SICURO S.r.l. SPIN-OFF UNIVERSITARIO SPIN-OFF UNIVERSITARIO P. IVA 06062510489 Sede Legale e Segreteria: c/o CESPRO, Largo G.A. Brambilla 3 Edificio H3-50134 Firenze Prof. Sergio Boncinelli, Cell: + 39 3392667880 mail: info@usosicuro.com

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

cos è l architettura dell informazione?

cos è l architettura dell informazione? Tipologia dei dati e organizzazione delle informazioni Sistemi di indicizzazione e recupero 3. Architettura dell informazione cos è l architettura dell informazione? E la progettazione di spazi informativi

Dettagli

Corso di User Experience

Corso di User Experience Corso di User Experience A.A.2010-2011 RELAZIONE FINALE: Studio sull interazione tra bellezza, bontà e usabilità di prodotti interattivi Autori: Battistutta Paola, Franjul Sandi Data: 08/03/2011 INTRODUZIONE

Dettagli

La qualità della comunicazione pubblica su Internet

La qualità della comunicazione pubblica su Internet La qualità della comunicazione pubblica su Internet Introduzione alla valutazione dei siti web parte II Emilio Simonetti Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione e.simonetti@sspa.it a.a. 2011-2012

Dettagli

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma

La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma La metodologia del test con gli utenti adottata per Sapienza Università di Roma Questo paper ha la finalità di illustrare come gli utenti web dell Università Sapienza di Roma abbiano partecipato al percorso

Dettagli

VisualTailor. TailorDoor. Il software di configurazione tecnico / commerciale ad hoc per le Aziende di produzione di Porte e Porte Blindate

VisualTailor. TailorDoor. Il software di configurazione tecnico / commerciale ad hoc per le Aziende di produzione di Porte e Porte Blindate VisualTailor TailorDoor Il software di configurazione tecnico / commerciale ad hoc per le Aziende di produzione di Porte e Porte Blindate devo creare le specifiche per realizzare una porta personalizzata

Dettagli

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali

Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Dove l utente è re come, quando e perché progettare accanto agli utilizzatori finali Maria Cristina Lavazza Better Software, Firenze 27-28 giugno 2011 Indice Cosa è la progettazione centrata sulle persone

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JAMES HOBART USER EXPERIENCE STRATEGY USER EXPERIENCE DESIGN 27 APRILE 2016 28-29 APRILE 2016 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 ROMA info@technologytransfer.it

Dettagli

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web

Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Metodi per valutare la User Experience nei servizi web Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

La vita possibile. Interfacce, Contenuti e Servizi per le Tecnologie Interattive Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1

La vita possibile. Interfacce, Contenuti e Servizi per le Tecnologie Interattive Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1 La vita possibile Laboratorio di Interazione Uomo - Macchina e Usabilità 23/09/2013 1 INTERFACCE, CONTENUTI E SERVIZI PER LE TECNOLOGIE INTERATTIVE - LABORATORIO DI INTERAZIONE UOMO- MACCHINA E USABILITÀ

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE

LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DA PARTE DELL UTENTE COME SUPPORTO ALLE DECISIONI RIGUARDANTI LA PROGETTAZIONE DEI PORTALI WEB AZIENDALI A.Vituzzi CeRSI Centro di Ricerca sui Sistemi Informativi Aziendali

Dettagli

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures

EPULIA - Enjoy Puglia using Ubiquitous technology in Landscape Interactive Adventures UNIONE EUROPEA FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE PUGLIA AREA POLITICHE PER LO SVILUPPO IL LAVORO E L INNOVAZIONE PO FESR PUGLIA 2007-2013 Asse I Linea di Intervento

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA

DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA DIREZIONE DIDATTICA 10 CIRCOLO SCUOLA PRIMARIA SALICETO PANARO MODENA Mod. g 2 b - Unità di apprendimento CLASSE: 5^ A TITOLO: Appunti di viaggio: ricordi e racconti delle esperienze della classe Quinta

Dettagli

Usabilità dei Siti Web

Usabilità dei Siti Web Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Usabilità dei Siti Web Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Usabilità La efficacia, efficienza e soddisfazione con cui

Dettagli

VALUTAZIONE DI USABILITÀ

VALUTAZIONE DI USABILITÀ VALUTAZIONE DI USABILITÀ (fonte prof. Polillo) - 1 - Valutare l'usabilità di un sito web Per valutare l'usabilità di un sito web esistono tre classi di tecniche diverse: 1. Usability inquiry 1. Usability

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 08/02/2011 Pag. 1 di 6 MISURA DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4. RESPONSABILITÀ... 2 5.

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E

Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E Progetto Progesis Tra vantaggio e sicurezza Ancona, 24 25 maggio 2010 S C H E D E D I S O S T E G N O A L L A R I C E R C A A Z I O N E a cura di Graziella Pozzo CONTENUTI SCHEDE Presentazione Scheda 1.

Dettagli

La Gestione della Complessità

La Gestione della Complessità La Gestione della Complessità Only variety can destroy variety (Ross. W. Ashby) Prof. Claudio Saita 1 La struttura del modello cognitivo proposto, conosciuto più comunemente in letteratura come la legge

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione

La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ. Web: Modello di Qualità (Polillo) Web: Modello di Qualità. Qualità: Visualizzazione La Qualità del Web QUALITÀ, ACCESSIBILITÀ E USABILITÀ Informatica Generale (AA 0-5) Web: Modello di Qualità Web: Modello di Qualità (Polillo) caratteristiche principali grafica autorevolezza accessibilità

Dettagli

Design Briefing. Ester Liquori Design +39 328 0744522 info@esterliquoridesign.com www.esterliquoridesign.com

Design Briefing. Ester Liquori Design +39 328 0744522 info@esterliquoridesign.com www.esterliquoridesign.com Design Briefing Ester Liquori Design +39 328 0744522 www.esterliquoridesign.com Il questionario che segue ha lo scopo di aiutarci a raccogliere informazioni per il preventivo, la progettazione e le ulteriori

Dettagli

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA

DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA DESCRITTORI DELLA SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA Scuola Primaria G. Sordini Istituto Comprensivo Spoleto 2 Indicatori per la scheda di valutazione della classe I ITALIANO: Narrare brevi esperienze

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006

Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Qualità e usabilità (I) Lezione del corso di Interazione Uomo Macchina I Laurea in Informatica AA 2005-2006 Mele Francesco Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto di Cibernetica Università di Napoli

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART USER INTERFACE DESIGN PER LA PIATTAFORMA MOBILE VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 4-5 GIUGNO 2012 ROMA 6-7 GIUGNO 2012 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE

IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI DEL CLIENTE 51 Dichiarazione d intenti (mission statement) La dichiarazione d intenti ha il compito di stabilire degli obiettivi dal punto di vista del mercato, e in parte dal

Dettagli

Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo. Pierluigi Feliciati UniMC - GLU

Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo. Pierluigi Feliciati UniMC - GLU Il protocollo eglu 2.0 e le fasi della procedura del protocollo Pierluigi Feliciati UniMC - GLU si diceva, usabilità: ovvero qualità? La qualità d uso di un software risiede nella sua capacità di rispondere

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A.

Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Vademecum per la realizzazione di progetti formativi in modalità e-learning nelle P.A. Seconda edizione Prof.ssa Mirella Schaerf - Dott.ssa Veronica Mobilio Gli argomenti Lo scenario L impatto organizzativo

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

WOSM (World Open Source Monitoring): Il migliore sistema al mondo di media intelligence

WOSM (World Open Source Monitoring): Il migliore sistema al mondo di media intelligence 1 WOSM (World Open Source Monitoring): Il migliore sistema al mondo di media intelligence WOSM è un sistema di media monitoring unico al mondo. Restituisce percorsi di lettura dei dati trasversali, fruibili,

Dettagli

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione)

Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità (tratte dalle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione) Le conoscenze matematiche contribuiscono

Dettagli

Agenda degli incontri

Agenda degli incontri PROGETTO DI FORMAZIONE LEARNING BY DOING Descrizione Percorso Un percorso di formazione per supportare i docenti a formare in modo esplicito le competenze trasversali dei loro allievi. E ormai noto che

Dettagli

Percezioni del cliente in merito al servizio

Percezioni del cliente in merito al servizio Corso di Marketing Strategico Percezioni del cliente in merito al servizio Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Le percezioni del cliente in merito al servizio Marketing dei servizi Le percezioni

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

CORSO VISUAL DESIGN ANNUALE

CORSO VISUAL DESIGN ANNUALE CORSO VISUAL DESIGN ANNUALE Comunicare attraverso le immagini VISUAL DESIGN - ANNUALE Un anno di studio dedicato al Visual Design Obiettivi del corso Il Corso Visual Design annuale, attraverso un percorso

Dettagli

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1

UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 UN MODELLO DI QUALITà PER I SITI WEB - Sintesi delle linee guida e best practice 1 Per ogni caratteristica di qualità del modello, vengono qui elencate le principali linee guida e best practice menzionate

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16

PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 PROGRAMMAZIONE ANUALE DEL DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO a.s. 2015-16 SECONDO BIENNIO Disciplina: INFORMATICA La disciplina Informatica concorre a far conseguire allo

Dettagli

Il test di usabilità

Il test di usabilità Obiettivi Consente di valutare nel dettaglio le performance e le reazioni dell utente nei diversi stadi di sviluppo del sistema Fornisce indicazioni sulle modifiche da apportare ai prototipi nelle successive

Dettagli

Esempi di valutazione dell usabilità

Esempi di valutazione dell usabilità INTERAZIONE UOMO-MACCHINA Esempi di valutazione dell usabilità Barbara Rita Barricelli (barricelli@dico.unimi.it) Dipartimento di Informatica e Comunicazione Università degli studi di Milano Metodi considerati

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE COMUNI A TUTTI GLI INDICATORI INFANZIA I bambini esplorano continuamente la realtà e imparano a riflettere sulle proprie esperienze descrivendole, rappresentandole, riorganizzandole con diversi criteri. Pongono così le basi per la

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 15-17 NOVEMBRE 2010 ROMA 18-19 NOVEMBRE 2010 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART DESIGNING FOR USABILITY Tecniche collaudate di GUI Design, Web Accessibility e Information Architecture RAPID PROTOTYPING Tecniche collaudate di Prototyping per

Dettagli

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web

L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web L essenziale da sapere per rendere usabile un sito web I principi base dell usabilità 5 8 linee guida per scrivere per il web 7 10 linee guida per l e-commerce 10 Pagina 2 I PRINCIPI BASE DELL USABILITÀ

Dettagli

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose,

Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, IL METODO DELPHI Nel mondo antico l oracolo di Delphi dispensava i suoi vaticini, ascoltato da chiunque si accingesse ad intraprendere azioni importanti o rischiose, in ogni caso impegnative. L importanza

Dettagli

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC)

5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) 5.A.1 Controllo statistico di processo (SPC) F [2.A.3] Gli obiettivi che si vogliono raggiungere sono relativi alla comprensione del metodo, all utilizzo sistematico delle, alla progettazione di un controllo

Dettagli

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza

in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza in rapporto con le competenze chiave di cittadinanza 1 Componenti dell Asse dei linguaggi Padronanza della lingua italiana come ricezione e produzione, orale e scritta Conoscenza di almeno una lingua straniera

Dettagli

I DISCORSI E LE PAROLE

I DISCORSI E LE PAROLE I DISCORSI E LE PAROLE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati

Dettagli

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com

Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE. Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com Corso di formazione CORSO DI FORMAZIONE Prof. Marco Scancarello Prof.ssa Carolina Biscossi Email: didatticaelim@gmail.com IL CORSO L utilizzo sempre più frequente delle nuove tecnologie nella vita quotidiana

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

Bolog na, 07/05/2014

Bolog na, 07/05/2014 Bologna, 07/05/2014 Come fare a costruire un curricolo verticale? Personali Situazioni d aula Indicazioni Nazionali Confronto con i colleghi, con le Istituzioni, con le famiglie,.. Ricerche in Didattica

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce

Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA, GESTIONALE, INFORMATICA, MECCANICA Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Organizzazione applicazioni multimediali.

Dettagli

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA

ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA ELEMENTI DI MISURAZIONE DELL EFFICACIA La misurazione delle prestazioni (cd. performance) associate ad un qualsiasi processo o azione manageriale si può realizzare attraverso un sistema di indicatori predefiniti

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO

UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO UNITA DI APPRENDIMENTO AREA MATEMATICA CONTO E CONFRONTO Denominazione Conto e confronto Prodotti Tavola pitagorica ad immagini Competenze mirate Comuni/cittadinanza Competenze Chiave Europee La competenza

Dettagli

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità

GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità Comunicazione interattiva 13. Qualità e Usabilità dei siti Web GLI ATTRIBUTI DI QUALITA DEL SW 1. funzionalità 2. affidabilità 3.usabilità 4. efficienza 5. manutenibilità 6. portabilità (ISO 9126) La efficacia,

Dettagli

Università di MilanoBicocca

Università di MilanoBicocca Università di MilanoBicocca Teoria e Tecnologia della Comunicazione Comunicazione Visiva e Design dele Interfacce Letizia Bollini Il sistema interfaccia un approccio user centered come nasce il web: Dalla

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JIM HOBART DESIGNING USABLE WEB AND MOBILE APPLICATIONS VISUALIZING REQUIREMENTS ROMA 27-28 MAGGIO 2013 ROMA 29-30 MAGGIO 2013 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

Dettagli

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica

D - Cloud. Amandolese Daniela Difonzo Alessandro Mainente Elisa Napoli Marco Salvioni Ilaria Saviotti Federica Facoltà del design Open lecture Design of the other Things anno accademico 10-11 Docente: Stefano Maffei Cultori: Massimo Bianchini Ursula Borroni Beatrice Villari D - Cloud Amandolese Daniela Difonzo

Dettagli

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN

È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP MASTER IN WEB DESIGN MASTER IN GRAPHIC E WEB DESIGN 328 ORE 76 LEZIONI DA 4 ORE 2 VOLTE A SETTIMANA + 6 WORKSHOP È ORA DI DIVENTARE GRANDI MASTER IN WEB DESIGN CERTIFIED ASSOCIATE ABC FORMAZIONE PROFESSIONALE Viale degli Ammiragli,

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

TECNICHE DI SIMULAZIONE

TECNICHE DI SIMULAZIONE TECNICHE DI SIMULAZIONE INTRODUZIONE Francesca Mazzia Dipartimento di Matematica Università di Bari a.a. 2004/2005 TECNICHE DI SIMULAZIONE p. 1 Introduzione alla simulazione Una simulazione è l imitazione

Dettagli

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA

INDICATORI SCUOLA PRIMARIA INDICATORI SCUOLA PRIMARIA Classe 1ª ITALIANO Narrare brevi esperienze personali rispettando le regole dell ascolto Ascoltare e cogliere il senso globale di semplici testi e informazioni Acquisire prime

Dettagli

La progettazione centrata sull utente nei bandi di gara

La progettazione centrata sull utente nei bandi di gara Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA La progettazione centrata sull utente nei bandi di gara Autore: Maurizio Boscarol Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA INGLESE- CLASSE 1.a TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno: Ascolta e comprende parole e semplici espressioni, istruzioni,

Dettagli

La raccolta dei dati

La raccolta dei dati La raccolta dei dati 1. Osservazione 2. Intervista 3. Questionario 4. Tecniche implicite La raccolta dei dati La raccolta dei dati è un aspetto fondamentale nella ricerca, ossia rilevare le variabili che

Dettagli

IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO IPDA QUESTIONARIO OSSERVATIVO PER L IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Struttura dello strumento. Si compone di 43 item suddivisi in due sezioni principali: la prima riguarda le

Dettagli

Linee guida Secondo ciclo di istruzione

Linee guida Secondo ciclo di istruzione Istituti Tecnici - Settore tecnologico Indirizzo Grafica e comunicazione Quadro orario generale 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Teoria della comunicazione 60 89 Progettazione multimediale 119

Dettagli

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione

Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Linguaggi e Paradigmi di Programmazione Cos è un linguaggio Definizione 1 Un linguaggio è un insieme di parole e di metodi di combinazione delle parole usati e compresi da una comunità di persone. È una

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

La qualità della comunicazione web

La qualità della comunicazione web La qualità della comunicazione web Incontro presso la Regione Calabria Dipartimento Presidenza Settore Internazionalizzazione, Cooperazione e Politiche di sviluppo Euro- Mediterranee Catanzaro, 6 novembre

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA

CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA CURRICOLO VERTICALE DI MUSICA SCUOLA DELL INFANZIA Conoscere, percepire e riconoscere i suoni dell ambiente. Discriminare e interpretare gli eventi sonori. Acquisire una corretta postura. Cantare in coro.

Dettagli

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1.

Ingegneria del Software Interattivo. - I siti web - Un breve glossario. Un breve glossario (cont.) Parte sesta: I siti web. 1. Parte sesta: I siti web Ingegneria del Software Interattivo - I siti web - Docente: Daniela Fogli 1. I siti web Nel Contesto Riferimenti: Brajnik, Umano G., Toppano, E. Creare siti web multimediali, Pearson,

Dettagli

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione

Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Grafica ed interfacce per la comunicazione Scienze della Comunicazione Paola Vocca Lezione 9: Prototipazione Lucidi tradotti e adattati da materiale presente su http://www.hcibook.com/e3/resources/ e http://www.robertopolillo.it

Dettagli

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano.

APPRENDIMENTO. 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. matematica Comunicazione nella madrelingua 1. Descrive e denomina figure 1. a. Conoscere, denominare classificare e verbalizzare semplici figure geometriche dello spazio e del piano. - Terminologia specifica

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli