Progettazione della circolazione urbana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione della circolazione urbana"

Transcript

1 Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del , n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1 Le indicazioni del CIPET per la redazione dei PUT delineano una nuova politica dei trasporti (consapevolezza dei limiti d uso dell auto privata): Potenziare l offerta di T.P. e orientare e controllare la domanda anche con tariffazione d uso dell auto privata (conseguente necessità di articolare il PUT su diversi orizzonti temporali possibilità di finanziare il TP con i proventi dell auto e relativa giustificazione) Progetto degli interventi considerando il sistema plurimodale (pubblico e privato, su strada e su sede propria) Coordinamento e integrazione degli interventi proposti con la strumentazione urbanistica Compatibilità degli interventi con l ambiente e con le risorse Differenziazione in 2 aree a seconda del tipo di intervento (solo riorganizzazione della circolazione o auto + TP + orientamento domanda) Illustrazione delle metodologie per la valutazione, la progettazione ed il monitoraggio (pianificazione dinamica)

2 Verifiche suggerite dal CIPET sugli schemi di intervento proposti: 2 a) Valutazione effetti del sistema di trasp motorizzato sui pedoni e sui ciclisti (incoraggiamento della mobilità non motorizzata presupposto per lo sviluppo del TP) b) Valutazione del livello di sicurezza c) Valutazione degli effetti esterni (inquinamento) d) Valutazione costi e ricavi e fattibilità finanziaria (attuabilità del Piano) Per le opere di maggiore importanza è richiesta l analisi di convenienza economica (tipo B/C) e l analisi di fattibilità finanziaria e) Coerenza interventi con la strumentazione urbanistica Segnalazione delle opere infrastr non presenti nel PRG per l inserimento con le modalità di legge f) Individuazione priorità di intervento (attuazione organica del Piano)

3 Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (Sostanziale recepimento delle indicazioni del CIPET) 3 2 le strategie generali in cui inquadrare gli interventi: Interventi sull offerta (miglioramento circolazione, sosta e TP) Interventi sulla domanda (orientamento e controllo verso modi che richiedono meno spazio) Lo strumento principale è la classificazione funzionale delle strade (minore promiscuità d uso, migliore vivibilità nelle isole ambientali) con riferim. all art.2 del C.d.S. che comprende anche le strade extraurbane principali e secondarie: Rete principale (urbana): (serve spostamenti di lunghezza via via minore e con maggiore promiscuità d uso) Autostrade (urbane) no sosta, no TP, no pedoni, biciclette e ciclomotori Strade di scorrimento sosta solo in aree esterne con corsie di manovra, pedoni, biciclette e ciclomotori solo se è V=50 km/h Strade di quartiere ammesse tutte le componenti di traffico incluso TP Itinerari ciclo-pedonali riservati (L.214/2003 convers D.L.151/2003) Rete locale (urbana) (strade locali) sviluppata all interno delle isole ambientali ricavate nelle maglie della rete principale (recupero vivibilità priorità ai pedoni e alla sosta, pochi e lenti movimenti veicolari, no TP)

4 4 Progettazione della circolazione urbana Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT Individuazione importanza delle componenti di traffico (all interno del Piano, in relazione agli interventi sulla domanda - Punto Direttive) 1. Circolazione pedoni 2. Movim veicoli trasp collettivo con fermate di linea (urbani ed extraurb) 3. Movim. veicoli motorizz. senza ferm. (auto, moto, ciclom, bus tur, taxi) 4. Sosta veicoli motorizz (prevalentemente autovetture private) Articolazione PUT in 3 livelli di dettaglio: a) Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU): progetto preliminare o piano quadro relativo all intero centro abitato con indicazione di: 1. Politica intermodale adottata 2. Classificazione funzionale dei singoli elementi della viabilità principale 3. Eventuali elementi della viabilità locale destinati esclusivamente ai pedoni 4. Regolamento viario 5. Dimensionamento preliminare degli interventi previsti e relativo programma di esecuzione

5 Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT Il punto 4 tratta separatamente ciascuna delle componenti la mobilità dando luogo a: Piano di miglioramento della mobilità pedonale (definizione di piazze, strade, itinerari e aree pedonali (AP) e zone a traffico limitato (ZTL) Piano di miglioramento della mobilità dei mezzi collettivi pubblici (linee, corsie o carregg. Riservate, parcheggi di scambio) Piano di miglioramento della mobilità delle auto private (schema della circolazione veicolare) Piano di riorganizzazione della sosta (strade parcheggio, aree di sosta a raso su strada e fuori strada anche in silos, sistema di tariffazione e regolamentazione) NB: Per le piste ciclabili esiste il D.M n.557 (Regolamento recante norme per la definizione delle caratteristiche tecniche delle piste ciclabili) 5

6 Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT 6 b) Piani particolareggiati del traffico urbano (PPTU): progetti di massima per l attuazione del PGTU relativi ad ambiti territoriali più ristretti (circoscrizioni, settori urbani, quartieri) contengono gruppi di interventi riguardanti: Progetti per le strutture pedonali Tipo di riorganizzazione delle fermate, dei capolinea e dei punti di interscambio del T.P. Schemi dettagliati di circolazione per i diversi itinerari della viabilità principale e di quella di servizio, il tipo di organizzazione delle intersezioni stradali, il piano generale della segnaletica verticale Il tipo di organizzazione della sosta per gli eventuali spazi laterali della viabilità principale, per le aree di sosta esterne alle sedi stradali, ecc

7 Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT c) Piani esecutivi del traffico urbano (PETU): riguardano ciascuno la progettazione esecutiva dell intero complesso degli interventi contenuti in un singolo PPTU definiscono a livello esecutivo ogni intervento proposto (definizione delle canalizzazioni, segnaletica di dettaglio, opere di protezione, ecc.) Integrano i PPTU con le modalità di gestione del PUT 7

8 Direttive Min. per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT Critiche e perplessità: Difficoltà di realizzare la classificazione delle strade (città piccole o collinari) con il rischio di forzare verso una delle tipologie penalizzando una categoria di utenti Opportunità di vietare il servizio di TP sulle strade locali (+ velocità comm e regolarità, - accessibilità) Mancanza di indicazioni sulle dimensioni degli spazi pedonali lungo le strade di scorrimento e di quartiere, il tipo di protezione Mancanza di una suddivisione delle velocità massime sulle strade locali (potrebbe adottarsi 50, 30, 15 km/h in funzione della geometria e del ruolo svolto dalla strada) 8

9 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM) secondo l art.22 della L.340/2000) Definizione: progetti del sistema della mobilità comprendenti l insieme organico degli interventi su: infrastrutture di trasporto pubblico e stradali parcheggi di interscambio tecnologie parco veicoli governo della domanda di trasporto attraverso la struttura del mobility manager sistemi di controllo e regolazione del traffico informazione all utenza logistica e le tecnologie destinate alla riorganizzazione della distribuzione delle merci in città. 9

10 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM) secondo l art.22 della L.340/2000) Obiettivi: Soddisfare i bisogni di mobilità della popolazione Abbattere i livelli di inquinamento atmosferico e acustico Ridurre i consumi energetici Aumentare i livelli di sicurezza del trasporto e della circolazione stradale Minimizzare l uso individuale dell autovettura privata a favore del trasporto collettivo del car sharing e car pooling Ridurre i fenomeni di congestione nelle aree urbane 10

11 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM) secondo l art.22 della L.340/2000) 11 Meccanismo di finanziamento Risorse proprie dei comuni e cofinanziamento statale (max 60% dei costi complessivi di investimento Creazione a decorrere dal 2002, di un apposito fondo presso il Ministero, alimentato dai fondi finalizzati, da leggi in vigore, alla costruzione e sviluppo di singole modalità di trasporto e mobilità Adozione di uno specifico regolamento che disciplina: il procedimento di formazione e approvazione dei PUM i requisiti minimi dei relativi contenuti i criteri di priorità nell assegnazione delle somme le modalità di erogazione del finanziamento statale le modalità di controllo dei risultati e delle relative procedure Erogazione annua delle risorse finanziarie, promotori dei PUM presentati, fino alla concorrenza delle somme disponibili sul Fondo, sulla base dei criteri di valutazione stabiliti nel Regolamento.

12 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM) secondo l art.22 della L.340/2000) Gli Enti abilitati a presentare richiesta di cofinanziamento (non esiste obbligo): Singoli comuni con pop > abitanti Aggregazioni di comuni limitrofi con pop complessiva > ab Province aggreganti comuni limitrofi con pop compless > ab (d intesa con i comuni interessati) Regioni relativamente alle aree metropolitane di tipo policentrico e diffuso (d intesa con i comuni interessati) Comuni che per ragioni tecniche, geografiche o socio-economiche non possono aggregarsi (a questi è destinato solo il 5 % del Fondo) 12

13 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Iter di redazione del Regolamento Modifica dell art117 della Costituzione (Legge costituzionale n 3 passaggio alle regioni (dopo il attuazione della modifica costituz) delle risorse di cui ai fondi per la costruzione e sviluppo di singole modalità di trasp e mobilità che sarebbero dovuti convergere (secondo l art.22 della L.340/2000) sul Fondo per il cofinanziamento dei PUM la potestà regolamentare sui trasporti passa alle regioni rimanendo allo Stato la necessità di indicare linee di indirizzo (pari accessib. sul territorio nazionale) le regioni dovrebbero emanare il Regolamento lo Stato può cofinanziare i PUM solo se trova altre risorse 13 La Conferenza unificata dalle Regioni ed Enti locali tenutasi il 14 ottobre 2002 ha approvato, in linea tecnica il Regolamento per il cofinanziamento statale dei Piani urbani della mobilità (PUM): prime indicazioni Il Ministero Infr./Trasp. ha emanato le Linee guida per la redazione dei PUM La redazione dei PUM è oggi promossa e parzialmente finanziata dal Ministero dei Trasporti nell ambito della redazione dei Piani Strategici

14 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM 14 Approvazione del PUM da parte del soggetto promotore, in accordo con gli enti gestori (ANAS, RFI, ecc.), previa convocazione di tutti i comuni partecipanti mediante accordo di programma Obiettivi generali (procedere non per opere ma per obiettivi): gli stessi dell art.22 L.340/2000 Interventi compresi nel PUM: le infrastrutture di trasporto pubblico; le infrastrutture stradali; i parcheggi di interscambio; le tecnologie; il parco veicoli; il governo della domanda di trasporto, attraverso la struttura del mobility manager ; i sistemi di controllo e regolazione del traffico; i sistemi d informazione all utenza; la logistica e le tecnologie destinate alla riorganizzazione della distribuzione delle merci

15 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Orizzonte temporale: 10 anni Componenti essenziali: a) Analisi della struttura e delle criticità del sistema di trasporto attuale Domanda ricavata da indagini campionarie, dati da fonte, simulazioni Offerta infrastrutturale e dei servizi di T. collettivo (su ferro e gomma), strada, sosta, distribuzione merci Politiche di controllo della domanda di mobilità e del traffico Valori di inquinamento e della qualità dell aria Aspetti economici della gestione del sistema dei trasporti 15

16 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Componenti essenziali (segue): b) Indicatori di obiettivo, valori attuali (da indagini o simulazione) e valori obiettivo Accessibilità (OB= soddisfac fabbisogno di mobilità) Quantità di inquinanti emessi (OB= abbatt livelli inquinam atmosferico) Livello medio di pressione sonora (OB= abbatt livelli inquinam acustico) Teq. di petrolio consumato (OB= riduzione consumi energetici) Numero annuo di incidenti, morti e feriti (OB= aumento livelli sicurezza) Posti x km offerti (OB= incremento capacità di trasporto) Quota modale di trasp collettivo incl car sharing e car pooling (OB= aumento% trasportati sui mezzi collettivi) Grado medio di saturazione (OB= riduzione fenomeni di congestione) 16

17 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Componenti essenziali (segue): c) Strategie di intervento strategie su infrastrutture stradali e di TP, tecnologie, parco veicoli, e aspetti economico gestionale per ciascuna delle aree: Trasporto collettivo Rete stradale Sosta Distribuzione merci 17

18 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Componenti essenziali (segue): d) Coordinamento ed integrazione con altre pianificazioni Piani generali ed esecutivi Piani ambientali Piani igienico-sanitari Piani energetici Piani urbanistico-territoriali (sia generali che attuativi) in particolare quelli relativi ad attività produttive, ad attività ricreative e residenziali Piani dei servizi sociali di welfare dei tempi e degli orari 18

19 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Componenti essenziali (segue): e) Scenari di riferimento relativi all orizzonte di 10 anni ed eventualm ad uno intermedio; comprendono: Le infrastrutture esistenti; Le infrastrutture in corso di realizzazione Le infrastrutture programmate e con completa copertura finanziaria Gli interventi organizzativi e gestionali per la ottimizzazione del sistema Per ciascuno scenario, avvalendosi di idonei modelli di previsione e simulazione vanno analizzate le criticità e quantificati gli indicatori di obiettivo 19

20 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM Componenti essenziali (segue): f) Scenari di progetto ottenuti dagli scenari di riferimento con l aggiunta degli interventi infrastrutturali, tecnologici, organizzativi e gestionali in progetto; La definizione degli scenari di progetto comprende: La definizione degli interventi infrastrutturali e tecnologici del PUM L analisi di coerenza degli interventi con i documenti di pianificazione approvati La verifica di prefattibilità tecnica e ambientale degli interventi infrastrutturali La progettazione funzionale di ogni intervento La definizione degli interventi organizzativi e gestionali 20

21 Il Piano Urbano di Mobilità (PUM): Linee guida per la redazione dei PUM Indirizzi sul procedimento di formazione ed approvazione dei PUM 21 Componenti essenziali (segue): g) Conseguimento degli obiettivi del PUM quantificazione, relativamente agli scenari di progetto, del valore degli indicatori tramite opportuni modelli di previsione e simulazione h) Effetti complessivi del PUM valutazione degli effetti complessivi in termini trasportistici, ambientali, territoriali, economici, finanziari e gestionali, rispetto agli scenari di riferimento i) Metodologia e modelli utilizzati descrizione delle metodologie e dei modelli utilizzati per la valutazione degli scenari

22 22 Contesto normativo Progettazione della circolazione urbana Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) Sustainable Urban Mobility Plan (SUPM) (sito web: Piano d Azione sulla Mobilità Urbana (Commissione Europea 2010): Il Consiglio di E. «supporta lo sviluppo dei PUMS per le città e le aree metropolitane. ed incoraggia la previsione di incentivi, quali assistenza tecnica e scambio di buone pratiche per la redazione» Libro Bianco sui Trasporti «Tabella di marcia verso uno Spazio Unico Europeo dei Trasporti Per una politica dei trasporti competitiva e sostenibile» (Comm. Europea 2011) Propone la possibilità di rendere obbligatori i PUMS per le città di una certa dimensione sulla base di standard nazionali basati su Linee Guida Europee Guidelines: Developing and Implementing a Sustainable Urban Mobility Plan

23 Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) Il concetto di sostenibilità: Impiego di risorse compatibile con gli obiettivi, la disponibilità ed il valore Quindi: Soggettività (compatibilità con le proprie disponibilità e possibilità) Prospettiva di lungo periodo (sostenibilità implica il lungo periodo Le risorse per la mobilità Risorse private Risorse pubbliche Rinnovabili Non rinnov. Rinnovabili Non rinnov. 23 Denaro Tempo, stress, salute (qualità della vita) Denaro Ambiente, territorio, energie non rinnov.

24 Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) Il PUMS è un Piano strategico costruito su strumenti di pianificazione esistenti (non è un piano aggiuntivo ma si costruisce estendendo i contenuti dei piani esistenti) tiene conto dei principi di integrazione, partecipazione e valutazione Dà risposte ai bisogni di mobilità attuali e futuri Migliorando la qualità della vita nella città e nei quartieri Gli obiettivi del PUMS Creazione di un sistema di trasporto sostenibile che: Garantisce a tutti adeguata accessibilità Migliora la sicurezza Riduce l inquinamento le emissioni di gas serra ed il consumo di energia Aumenta l efficienza del trasporto di persone e merci 24 Aumenta l attrattività e la qualità dell ambiente urbano

25 Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) Le caratteristiche del PUMS sono: Un approccio partecipativo Un approccio integrato che tiene conto di strumenti e politiche dei diversi settori, livelli amministrativi e autorità limitrofe Un impegno verso la sostenibilità (orientamento non solo verso l efficacia ma anche verso l economicità) Una visione chiara, obiettivi e traguardi misurabili nel lungo periodo Un esame dei costi e dei benefici dei trasporti con legame degli impatti alle risorse spese Internalizzare i costi esterni applicando principi comuni alle specificità di ciascun modo 25

26 26 Il Processo del PUMS:

27 Il Piano Urbano della Sicurezza Stradale definito nel Piano Nazionale della Sicurezza Stradale (Art.32 Legge 17 maggio 1999 n 144) Obiettivo: Riduzione numero ed effetto degli incidenti Indirizzato: agli enti proprietari e gestori si strade 27 Contenuti: Sistema articolato di Indirizzi, misure per la promozione ed incentivazione di piani e strumenti Interventi infrastrutturali Misure di prevenzione e controllo Dispositivi normativi e organizzativi Tutti finalizzati a migliorare i livelli di sicurezza Durata: 3 anni Compiti del Ministero II.TT. definire gli indirizzi generali del Piano redigere le linee guida per la redazione dei Piani (anche urbani Linee guida per la redazione dei Piani Urbani di Sicurezza Stradale moderaz. traffico) finanziare in quota l attuazione dei Piani specifici

Progettazione della mobilità urbana

Progettazione della mobilità urbana Norme per i Piani Urbani del Traffico (PUT): Art. 36 del C.d.S. Direttive per la redazione, adozione ed attuazione dei PUT (D.M. LL.PP. G.U. del 24.06.1995, n 146) [redatte su indicazioni del CIPET] 1

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER IL COORDINAMENTO DELLO SVILUPPO DEL TERRITORIO, IL PERSONALE ED I SERVIZI GENERALI 1. Introduzione I PIANI URBANI DELLA MOBILITA (PUM) Linee

Dettagli

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita

Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Laurea Magistrale in Architettura e innovazione Sviluppo Urbano Sostenibile AA 2013-14 Prof. Maria Rosa Vittadini mariaros@iuav.it Lez. 10 Piani Urbani del traffico e Piani della mobilita Piani urbani

Dettagli

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE

Per una città più sostenibile SEMINARIO NAZIONALE PROGETTO EUROPEO TIDE Per una città più sostenibile NUMERI E CRITICITA Congestione: 135 milioni di ore perse = - 1,5 miliardi di euro/anno Sicurezza stradale: 15.782 incidenti 20.670 feriti 154 morti circa 1,3 miliardi di euro/anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT)

Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT) Tecnica e pianificazione urbanistica AA 2012-13 Prof. Maria Rosa Vittadini Lezione n. 9 Pianificazione dei trasporti (PUM e PUT) Le principali fonti per questa lezione : UE Libro Bianco 2001, La politica

Dettagli

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE

INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE Seminario Politiche, prospettive e strategie in tema di mobilità sostenibile e sicurezza stradale INNOVARE LA PIANIFICAZIONE DELLA MOBILITÀ E DELLA SICUREZZA STRADALE 24 maggio 2010 Salone d onore del

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E VIABILITÁ RACCOMANDAZIONI PER LE ATTIVITÀ DEGLI UFFICI TECNICI COMUNALI 1 AREA TECNICA Direttore Ing. Carlo Faccin Titolo Raccomandazioni ad indirizzo dell attività degli

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 75/2015 DEL 24/04/2015 L anno DUEMILAQUINDICI il giorno 24 del mese di aprile la Giunta comunale. alle ore 08:45 si è riunita nell apposita Sala Sono presenti ed

Dettagli

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA,

Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Mobilità, qualità dell aria e cambiamenti climatici Michele Giugliano, Stefano Caserini (DIIAR, Politecnico di Milano) Roberta Pignatelli (ISPRA, Roma) Sommario 1.Milano e il suo intorno: l evoluzione

Dettagli

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA

Piano Particolareggiato Partecipato del Traffico Urbano Relazione Tecnica 1. PREMESSA Sommario 1. PREMESSA... 2 2. OBIETTIVI DEL PIANO... 3 3. VINCOLI PROGETTUALI... 3 4. METODOLOGIA E PROCEDURA... 3 5. ELABORATI DEL PROGETTO... 5 6. CONCLUSIONI... 6 1. PREMESSA Il Nuovo Codice della Strada

Dettagli

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza

La sicurezza stradale negli. Il trasporto pubblico locale e la. di miglioramento della sicurezza Aldo Vittorio MOLINARI Ingegnere in Milano La sicurezza stradale negli spostamenti sul lavoro e casa-lavoro. Il trasporto pubblico locale e la disciplina del traffico nelle strategie di miglioramento della

Dettagli

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned

Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Agenda 21 Locale Il Piano d Azioned Comunità Montana della Valle Trompia Comuni di: Gardone V.T., Sarezzo, Marcheno, Vila Carcina, Concesio AUTOVEICOLI CIRCOLANTI OGNI 1.000 ABITANTI Numero di automobili

Dettagli

RELAZIONE ARTICOLATA

RELAZIONE ARTICOLATA Il presente DDL persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di accessibilità e di mobilità nelle aree urbane del territorio ligure e a tal fine, detta disposizioni per la definizione e il finanziamento

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Il Metabolismo della Città

Il Metabolismo della Città Il Metabolismo della Città Mobilità e trasporti Punti di Attenzione/Approfondimento Scelte di fondo: auto e parcheggi per tutti o trasporto pubblico? Compatibilità tra qualità urbana e flussi di traffico.

Dettagli

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti.

La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. La mobilità sostenibile: le soluzioni per diminuire gli impatti energetici ed ambientali generati dai trasporti. Gabriella Messina Servizio Mobilità sostenibile Roma, 14 maggio 2015 Consumi del settore

Dettagli

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo

European Mobility Week. Palermo 16/22 settembre. Mobilità sostenibile a Palermo European Mobility Week Palermo 16/22 settembre Mobilità sostenibile a Palermo A A sampler (of benzene level) in a central street: Via Roma Zone a traffico limitato ZTL A = auto Euro 3 and Euro 4 e mezzi

Dettagli

Metano e trasporti per il governo della mobilità

Metano e trasporti per il governo della mobilità Parma, 16 marzo 2010 Metano e trasporti per il governo della mobilità Lo stato dell arte delle più recenti azioni di mobilità sostenibile promosse dal Ministero dell ambiente Arch. Giovanna Rossi Ministero

Dettagli

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE

REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE REGIONE: MARCHE LEGGE REGIONALE 29 APRILE 1996, n.16 (G.U. n. 036 SERIE SPECIALE N. 3 del 14/09/1996 - BU n. 032 del 09/05/1996) INTERVENTI PER INCENTIVARE L'USO DELLA BICICLETTA E PER LA CREAZIONE DI

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti

PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, TRASPORTI E GRANDI INFRASTRUTTURE Servizio Trasporti LA RETE PROVINCIALE DEI MOBILITY MANAGER E LE OPPORTUNITA DI FINANZIAMENTO Bergamo, 9 febbraio

Dettagli

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT

Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT 1 Piano d Azione per l Energia Sostenibile Mobilità Sostenibile MOBILITY MANAGMENT Mobility Managment La Commissione mondiale sull ambiente e lo sviluppo (Rapporto Brundtland, 1987), ha definito lo sviluppo

Dettagli

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE

SCENARIO: CON UNA MOBILITÀ SANA, EFFICIENTE E RISPETTOSA DELL'AMBIENTE Dare continuità al processo di Agenda 21 locale CRITICITA' C1: attraversamento del centro storico incoraggiato per mancanza della chiusura dell anello di tangenziale - C2: mancanza di spazi - C3: impedimenti

Dettagli

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU

TIPOLOGIA DI INCARICO LETT. A - PGTU DISCIPLINARE DI INCARICO DI SUPPORTO AGLI UFFICI TECNICI PER L AGGIORNAMENTO DEL PIANO GENERALE DEL TRAFFICO E PER LA VALUTAZIONE DI INSERIMENTO DI NUOVE STRUTTURE COMMERCIALI SUL TERRITORIO DEL COMUNE

Dettagli

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta

Comune di Sassari Deliberazione della Giunta N. del Reg. 447 Comune di Sassari Deliberazione della Giunta OGGETTO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO - ADOZIONE L anno duemilaotto addì ventotto del mese di novembre in questo comune, nella sala delle

Dettagli

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO

IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO IL PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE (PUMS) LINEE DI INDIRIZZO Popolazione/Inhabitants 1,800,000 1,700,000 1,600,000 1,500,000 1,400,000 1,300,000 1,200,000 1,100,000 1,000,000 Residenti a Milano

Dettagli

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE

7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE 7. CONCLUSIONI E MODALITA DI ATTUAZIONE Il Comune di Brugherio ha affidato al Centro Studi Traffico di Milano l incarico per la redazione del Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), che rappresenta

Dettagli

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA

Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA Comune di MONZA AMBITO DI VIALE LIBERTA TRA VIA BOSISIO E VIALE SANT ANASTASIA PROPOSTE DI RIQUALIFICAZIONE VIABILISTICA rapporto finale luglio 2009 Ing. Ivan Genovese ig@mobiliter.it CONTENUTI A. INQUADRAMENTO

Dettagli

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI

SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI SERVIZIO INQUINAMENTO ATMOSFERICO, ACUSTICO E RISCHI INDUSTRIALI VISTA la legge 8 luglio 1986, n. 349, che ha istituito il Ministero dell Ambiente e ne ha definito le funzioni; VISTA la legge 3 marzo 1987,

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing

Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Scenari di mobilità urbana e ruolo del car sharing Enrico Musso Università di Genova Il Car Sharing per l utente: l interesse, immagine, gradimento Roma, 7 aprile 2009 Auditorium dell Ara Pacis 1. Caratteristiche

Dettagli

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile

Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Gruppo di lavoro: Sviluppo della mobilità sostenibile Bozza di indice 1. Il ruolo e i potenziali della mobilità sostenibile Definizione di Green Transport (dal Rapporto Towards a Green economy dell UNEP)

Dettagli

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE

CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE CITY PARKING IN EUROPE - BOLOGNA CONFERENCE 28 February 2006 - Sala del Silenzio, Sede Quartiere San Vitale, Bologna PARKING MANAGEMENT AND MOBILITY IN BOLOGNA: THE NEW URBAN TRAFFIC PLAN Mr. Paolo Ferrecchi

Dettagli

Corso di formazione per la figura di tecnico per la gestione della mobilità urbana h 200

Corso di formazione per la figura di tecnico per la gestione della mobilità urbana h 200 Ente/Agenzia di Formazione (Indirizzo, Telefono, Fax, E.Mail, Sito Web, Referente del Seminario / Corso). Titolo del Corso e Durata (in ore). ATON SRL Via Spagna, 50 87036 Rende (CS) tel. e fax 0984/447095

Dettagli

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI

3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI 3. LA BANCA DATI E GLI INDICATORI Per descrivere lo stato attuale del sistema della mobilità è stata predisposta una banca dati che ha sistematizzato su supporti informatici condivisi tutte le informazioni

Dettagli

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE

area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE Tabella A. area tematica: MOBILITÀ TRASPORTI SISTEMA INFRASTRUTTURALE sottotemi Analisi delle dinamiche e delle criticità Consistente pendolarismo caratterizzato da uno scarso uso del mezzo pubblico (gli

Dettagli

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS

Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Il quadro di riferimento normativo dei sistemi di bigliettazione elettronica e ITS Marco D Onofrio Direttore Divisione 3 della Direzione Generale TPL, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Coordinato

Dettagli

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO

LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO LE POLITICHE PER LA MOBILITÀ CICLABILE DEL COMUNE DI TORINO Torino, settembre 2006 Torino 25 26 Febbraio 2009 Gabriella BIANCIARDI Percorsi europei per la mobilità sostenibile 1 TORINO ALCUNI DATI N ABITANTI:

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte.

Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione Piemonte. REGIONE PIEMONTE BU51 24/12/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 30 novembre 2015, n. 38-2535 Linee guida finalizzate all'attuazione dei processi di mobilita' sostenibile per il personale della Regione

Dettagli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli

A partire dal. Fermo o sostituzione dei veicoli vietati con veicoli euro 5. - A carico del privato - Campagna informativa, controlli Catalogo dei provvedimenti mutuati dai piani approvati dal o in corso di approvazione distinti tra misure con efficacia nel breve/medio periodo e misure di lungo periodo Misure con efficacia nel breve

Dettagli

15 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI URBANI DELLA MOBILITÀ

15 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI URBANI DELLA MOBILITÀ 15 LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PIANI URBANI DELLA MOBILITÀ 15.1 Aspetti generali e definizioni 15.1.1 Generalità La normativa nazionale sui temi della programmazione dei trasporti ha introdotto un

Dettagli

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA

IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA IL PROGETTO MUSA E I PIANI URBANI DELLA MOBILITA Carlo Carminucci, Isfort Bari, 13 Aprile 2012 La carta di identità del Progetto MUSA Nome: MUSA - Mobilità Urbana Sostenibile e Attrattori culturali Soggetto

Dettagli

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico

SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico SFM 2012 ultima chiamata, Bologna ragionevole, Associazione Rinnovamento della Sinistra, il Mosaico Ottimizzare o disperdere risorse? La mobilità e il trasporto pubblico della città metropolitana Venerdì

Dettagli

Il Mobility Management. Maria Lelli

Il Mobility Management. Maria Lelli Il Mobility Management Maria Lelli IL MOBILITY MANAGEMENT Il MOBILITY MANAGEMENT è un approccio ai problemi della mobilità orientato alla gestione della domanda per la promozione della MOBILITA SOSTENIBILE

Dettagli

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012

Indagine sugli spostamenti casa lavoro dei dipendenti della Cgil di Rimini effettuata nel periodo maggio giugno 2012 effettuata nel periodo maggio giugno 2012 Una prima valutazione su quanto emerso dalle risposte al questionario. L iniziativa,vuole mettere la CGIL di Rimini nella condizione di dare l esempio (pensata,

Dettagli

Divisione Infrastrutture e Mobilità

Divisione Infrastrutture e Mobilità Divisione Infrastrutture e Mobilità Piano Urbano del Traffico e della mobilità delle persone (PUT 2001) Programma Urbano dei Parcheggi (PUP 2001) (Approvato con Del. C.C. 00155/006 del 19/06/2002) Il Piano

Dettagli

Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili

Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili Incontro annuale 2013 Commissione Europea - Italia Matera, 17 ottobre 2013 Punto 4b2 OdG: Focus su obiettivo tematico n 4: I trasporti locali multimodali sostenibili 1 Obiettivo Programmazione 2014-2020

Dettagli

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management).

Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). DECRETO DEL 20 dicembre 2000 (Gazzetta Ufficiale, 5 aprile, n. 80) Finanziamenti ai comuni per il governo della domanda di mobilità (mobility management). IL DIRETTORE GENERALE del servizio inquinamento

Dettagli

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA

2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2. DAL MODELLO TEORICO ALLA REALIZZAZIONE PRATICA 2.1. Un processo graduale La messa in atto di un sistema di monitoraggio, quale quello sinteticamente delineato nel capitolo precedente, richiede un cambiamento

Dettagli

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO

DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: L ESPERIENZA DI TORINO DALLA PROGRAMMAZIONE ALLA GESTIONE DELLE STRUTTURE PER LA SOSTA: 1 INTRODUZIONE In tutte le grandi città italiane e del mondo il problema della circolazione degli autoveicoli e tutti i disagi ad esso connessi,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE

PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ SOSTENIBILE Quale valore per le imprese e le banche italiane ABI FORUM CSR 2008 Roma, 29 Gennaio Aldo Pozzoli, Partner MUOVERSI 1. Introduzione Le Linee

Dettagli

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso

Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Il Piano di mobilità per Poli Industriali della Provincia di Treviso Poli coinvolti Polo industriale di Villorba Polo industriale di Conegliano Veneto - Vittorio Veneto collocati entrambi a nord del Comune

Dettagli

Un nuovo futuro per Desio

Un nuovo futuro per Desio VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA del PGT e del PGTU del Comune di Desio Mobilità sostenibile: ciclabilità paolo.pileri@polimi.it luca.tomolo@gmail.com Paolo Pileri Diana Giudici Luca Tomasini dianagiudici@gmail.com

Dettagli

Allegato A.7 Glossario/definizioni

Allegato A.7 Glossario/definizioni Allegato A.7 Glossario/definizioni 198 A.7 Glossario/definizioni Ab. Analisi SWOT AP APQ Bus*km (vetture*km) CDU City Logistics CO CO 2 Costi di investimento Costi esterni COV COVNM Customer satisfaction

Dettagli

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei

Dagli anni 50 parte il boom dell automobile in Italia (e non solo) Ma negli anni 60 partono i primi provvedimenti di limitazione delle auto nei Muoversi in città. Esperienze ed idee per la mobilità nuova in Italia. Anna Donati, Gruppo mobilità sostenibile Kyoto Club. A SCUOLA E A LAVORO IN TPL. Messina, 23 marzo 2016 ATM - Comune di Messina Dipartimento

Dettagli

Il disegno di legge per una mobilità nuova

Il disegno di legge per una mobilità nuova Il disegno di legge per una mobilità nuova Dopo l incredibile giornata di sabato 4 Maggio, che ha visto le strade di Milano invase da decine di migliaia di persone a piedi e in bici, oggi vi presentiamo

Dettagli

Green Mobility - un piano d azione per il futuro

Green Mobility - un piano d azione per il futuro Green Mobility - un piano d azione per il futuro Annette Kayser Project Manager, M. Sc. Città di Copenhagen La Regione dell Øresund 2,4 milioni di abitanti nella Regione. ¾ di questi nella parte Danese

Dettagli

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO

AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO AREA AMBIENTE QUALITÀ DELL ARIA A TORINO Maggio 2015 1 ARIA IN EUROPA 2 La qualità dell aria della nostra città dipende da: quantità di inquinanti emessi dalle varie attività umane; conformazione geografica

Dettagli

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO.

Preambolo. a) SVILUPPARE L'USO DELLA BICICLETTA QUALE MEZZO DI TRASPORTO ALTERNATIVO AI MEZZI MOTORIZZATI; b) AGEVOLARE IL TRAFFICO CICLISTICO. REGIONE: PIEMONTE LEGGE REGIONALE 17 APRILE 1990, n. 33 (G.U. n. 040 SERIE SPECIALE N. 3 del 13/10/1990 - BU n. 017 del 24/04/1990) INTERVENTI PER LA PROMOZIONE DELLA BICICLETTA COME MEZZO DI TRASPORTO,

Dettagli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli

Possibili scenari per la mobilità in Basilicata. Umberto Petruccelli Possibili scenari per la mobilità in Basilicata Accessibilità interna ai centri urbani IL CASO «POTENZA» 2% 2% Giudizio sul bus urbano 1) scadente 20% 35% 2) sufficiente OK=63% 3) buono 4) ottimo 22% 6%

Dettagli

ILLUSTRAZIONE PROPOSTA DI PIANO

ILLUSTRAZIONE PROPOSTA DI PIANO Comune di Pergine Valsugana PUM Piano urbano della Mobilità ILLUSTRAZIONE PROPOSTA DI PIANO Consiglio Comunale PERGINE 24.3.2015 arch. jacopo ognibene j.ognibene@tpsitalia.it @jacopoog QUADRO CONOSCITIVO

Dettagli

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020

La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 La Città di Palermo laboratorio di mobilità sostenibile 2009 2020 CESARE LAPIANA Assessore all Ambiente del Comune di Palermo La mobilità nella Città di Palermo 1. MANCANZA DI FLESSIBILITÀ NEL COMPLESSO

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale

COMUNE DI BRUGHERIO. PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale COMUNE DI BRUGHERIO PIANO GENERALE DEL TRAFFICO URBANO Relazione Tecnica Finale Maggio 2015 1. PREMESSA 1.1 Obiettivi, Contenuti e Metodologia del PGTU 1.2 Banche Dati di Riferimento 1.2.1 Indagini di

Dettagli

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino

Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino L inquinamento acustico a Torino: analisi, soluzioni e problematiche aperte Mappatura acustica, piano d'azione e climi acustici nella Città di Torino ing. Manuela Santa Area Ambiente Servizio Adempimenti

Dettagli

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.)

2 Programmi integrati per la mobilità (P.I.M.) LINEE GUIDA PER LA REDAZIONE DEI PROGRAMMI INTEGRATI PER LA MOBILITA AI SENSI DELLA L.R. N. 25/2008 1 Premessa La legge regionale n. 25 del 25.07.08 persegue l obiettivo di migliorare le condizioni di

Dettagli

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo

Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo Assessorato ai Trasporti Convegno Infrastructura L innovazione nelle infrastrutture di trasporto IV Sessione Le esigenze delle utenze e le modalità di utilizzo La mobilità delle persone in ambito urbano

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI

INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI INTRODUZIONE ALL ANALISI DEI SISTEMI DI TRASPORTI - Lezione 1 - Prof. Domenico Gattuso domenico.gattuso@unirc.it 0965/875218 Domenico Gattuso 1 CONTENUTI Nomenclatura di base Processo di Pianificazione

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno

Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno Progetto di Mobilità Sostenibile per le Scuole Secondarie della Provincia di Livorno 1. Premessa ed obiettivi Nel mese di marzo 2007 con il Piano d Azione Una politica energetica per l Europa, l Unione

Dettagli

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici

Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Tavolo Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Premessa Monitoraggio degli spostamenti casa scuola, a. s. 2014-15 CHIVASSO Il monitoraggio degli spostamenti casa scuola è

Dettagli

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva

Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Mobilità urbana e sharing mobility Indagine a cura di Cittadinanzattiva Premessa Entro il 2050, la percentuale di cittadini europei residenti nelle aree urbane arriverà all 82%. La migrazione dalle città

Dettagli

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU

Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU Note su incontro del 3 dicembre 2014 con il consigliere comunale Maurizio Policastro su PGTU (redatto il 4 dicembre 2014) 1 SINTESI... 1 2 IL PGTU... 1 2.1 IL PGTU IN BREVE... 2 2.2 LE 6 AREE DI ROMA...

Dettagli

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE

SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE SCENARI E OPZIONI PER UNA MOBILITÀ SOSTENIBILE UN RAPPORTO PER ROMA CAPITALE EXECUTIVE SUMMARY La mobilità costituisce un problema strategico prioritario per le aree urbane perché impatta direttamente

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI

MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI MOBILITA CICLISTICA A MILANO MILANO IN RETE ITINERARI CICLISTICI: INTERVENTI PROGRAMMATI BICICLETTA elaborato: presentazione codifica: 120100013_00 data: 17/05/2012 redatto: Veronica Gaiani verificato:

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

normativa in materia di

normativa in materia di Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica Ing. Enrico Chiarini Coordinatore Area Tecnica FIAB Ing. Enrico Chiarini Proposte di modifica normativa in materia di mobilità ciclistica

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI ORDINE DEGLI ARCHITETTI PIANIFICATORI, PAESAGGISTI e CONSERVATORI della Provincia di VERCELLI oappc.vercelli@archiworldpec.it TARIFFA PROFESSIONALE DELL'ARCHITETTO E DELL'INGEGNERE PRONTUARIO B) PIANI

Dettagli

Prof. Ing. Ennio Cascetta

Prof. Ing. Ennio Cascetta Prof. Ing. Ennio Cascetta Professore Ordinario Università di Napoli Federico II Presidente delle Società Italiana di Politica dei Trasporti (S.I.Po.Tra) Roma, Centro Congressi Cavour, 30 aprile 2015 1

Dettagli

Comune di Riva del Garda - Provincia di Trento -

Comune di Riva del Garda - Provincia di Trento - Comune di Riva del Garda - Provincia di Trento - Riva del Garda, lì prot. n. Schema di CONVENZIONE contenente le norme e le condizioni per il conferimento dell incarico di redazione del piano urbano della

Dettagli

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia

La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia La circolazione delle biciclette in doppio senso di marcia PREMESSA Il tema della mobilità sostenibile è divenuto ormai oggetto quotidiano di confronto e di impegno istituzionale. Il Nuovo Codice della

Dettagli

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT

Franciacorta sostenibile/2 IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Franciacorta sostenibile/2 Un progetto condiviso di monitoraggio IL MONITORAGGIO NEL PERCORSO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PGT Iseo, venerdì 12 dicembre 2008 Maurizio Tira, ordinario di

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma.

Adozione del Nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) relativo al territorio urbanizzato del Comune di Roma. Protocollo RC n. 5798/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 28 MARZO 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di venerdì ventotto del mese di marzo, alle ore

Dettagli

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna

Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna Azioni regionali per la promozione della mobilità ciclopedonale in Emilia-Romagna A cura di Fabio Formentin Bologna, 17 gennaio 2008 Percorsi sicuri casa-scuola a Modena e Reggio Emilia. Progetto PEDAL

Dettagli

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: COMUNE DI NOVARA ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione N. 306 OGGETTO: PARTECIPAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE AL PROGETTO EUROPEO BUMP BOOSTING URBAN MOBILITY

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4

Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4 Dossier Mal aria di città 2012 ALLEGATO al capitolo 4 Le proposte di ACI e Legambiente per la mobilità sostenibile Legambiente e Aci hanno avviato da alcuni anni un lavoro comune per cercare di elaborare

Dettagli

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi

FORUM PA 2007. Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente. Arch. Giovanna Rossi FORUM PA 2007 Car sharing: un nuovo servizio ai cittadini e alla imprese per una mobilità intelligente Arch. Giovanna Rossi Roma maggio 2007 Riduzione delle emissioni inquinanti che derivano dai trasporti

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76

Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Messa in sicurezza e riqualificazione SS76 Progetti strategici per il Territorio Snodo di Jesi Enrico Pastori TAVOLO TECNICO ALLARGATO Jesi, 19 novembre 2009 Indice della presentazione Stato di fatto Obiettivi del progetto Descrizione del progetto

Dettagli

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo

Corso di Trasporti e Territorio. prof. ing. Agostino Nuzzolo Corso di Trasporti e Territorio prof. ing. Agostino Nuzzolo I metodi di valutazione degli interventi Esempio di analisi Benefici Costi di una metropolitana 1 ANALISI ECONOMICA Descrizione dell intervento

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ

CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 12. LE NORME DI ATTUAZIONE CAPITOLO I CARATTERI COSTITUTIVI DEL PIANO DELLA VIABILITÀ Art. 1 Natura giuridica Il Piano della Viabilità costituisce parte del

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287

COMUNE DI PADOVA SETTORE MOBILITÀ E TRAFFICO Codice Fiscale 00644060287 2010-03 - biciplan - regolamento viario mobilità ciclistica.doc 1/62 BICIPLAN PADOVA 2010 2015 1 LINEE GUIDA PER LA MOBILITÀ CICLISTICA.........3 1.1 Premessa...3 1.2 Definizioni...4 2 SPAZIO PEDONALE

Dettagli