Lez. 15 Registrazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lez. 15 Registrazione"

Transcript

1 Lez. 15 Registrazione Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli

2 Oggigiorno la maggior parte delle immagini mediche sono digitali. Differenti immagini dello stesso paziente contengono differenti informazioni il più delle volte complementari. Per usare tutte queste informazioni bisogna effettuare un processo di registrazione. Giovanni Mettivier 3 Allineare spazialmente due immagini oppure stabilire un comune riferimento geometrico. Giovanni Mettivier 4

3 Giovanni Mettivier 5 Combinare le informazioni da modalità multiple di imaging Monitorare cambiamenti nella forma, dimensione o intensità dell immagine su intervalli di tempo che possono variare da alcuni secondi a molti mesi/anni. Relazionare immagini pre-operatorie a piani chirurgici al paziente reale in radioterapia o chirurgia radio-guidata. Relazionare l anatomia di un individuo a quella standard in un atals. Giovanni Mettivier 6

4 Nella registrazione le immagini vengono traslate, ruotate e corrette per le distorsioni geometriche attraverso trasformazioni geometriche per essere allineate per le analisi successive. Giovanni Mettivier 7 Le trasformazioni usano una immagine e un insieme di limitazioni matematiche come dati di ingresso, e calcolano una immagine trasformata, che è usualmente una variante geometrica dell immagine originale. E importante selezionare una trasformazione che modificherà solo le distorsioni spaziali dovute a differenze in acquisizione, es. posizione paziente/strutture, FoV. Nuove caratteristiche introdotte dai processi di registrazione non devono interferire con l informazione diagnostica. Le trasformazioni più popolari per la registrazione includono, Rigido, Affine, Proiettivo, Prospettiva, polinomiale globale Giovanni Mettivier 8

5 La registrazione tratta immagini allineate in modo che le caratteristiche corrispondenti possono essere facilmente messe in relazione. Giovanni Mettivier 9 Consideriamo per esempio, uno studio della perfusione celebrale utilizzante un agente di contrasto. In questo caso, il moviemento della testa può essere sia rotazionale che traslazionale, ed entrambi possono essere corretti per effettuare un analisi ROI delle curve intensità-tempo dalle quali i valori di perfusione sono ricavati. Giovanni Mettivier 10

6 Un ulteriore esame è lo studio della perfusione del miocardio con mezzo di contrasto. La funzione contrattile del ventricolo destro è presa in considerazione attraverso l acquisizione del tracciato ECG che fornisce il segnale di acquisizione in un opportuno punto del ciclo cardiaco. Giovanni Mettivier 11 Esempio: Imaging Cardiaco Giovanni Mettivier 12

7 Comunque, anche il moto respiratorio può causare una traslazione di circa 3 cm dalla fine dell inspirazione alla fine della espirazione, con una considerevole variazione sia in ampiezza che in periodicità, siccome la respirazione ha una componente volontaria per il suo controllo. Quindi, è necessario registrare il ventricolo sinistro attraverso un insieme di immagini per ottenere una curva di intensità. Giovanni Mettivier 13 Ci sono anche gli studi angiografici in cui lo stesso set di immagini sono acquisite prima e dopo l inserimento del mezzo di contrasto per rimuovere l intensità del tessuto statico (migliorando il contrasto del vaso). Qualsiasi movimento tra le acquisizioni deve essere corretto dalla registrazione. Come gli studi di perfusione dinamica, l angiografia è acquisita attraverso il ciclo cardiaco dinamico. Le immagini devono essere registrate per fornire curve tempo-velocità reali. Giovanni Mettivier 14

8 Immagine 3D di una CT con DSA: Vasi sanguigni nel cervello Radiografia con DSA Anche se lo stesso strumento di imaging prende le due immagini, è necessaria la registrazione per compensare piccoli spostamenti nella posizione del paziente e il movimento dell organo. Giovanni Mettivier 15 Giovanni Mettivier 16

9 Un altra classe di studi che richiede la registrazione sono gli studi seriali di lungo termine, come potrebbe essere il tracciamento del progresso della terapia tumorale. In questo caso, è necessario tracciare la dimensione e la distribuzione delle strutture su periodi di settimane e mesi Diversamente dagli studi dinamici appena menzionati, il paziente lascia lo scanner alla fine di ogni sessione di acquisizione, questo significa che sarà necessario applicare traslazioni, rotazioni e angolazioni. Giovanni Mettivier 17 Giovanni Mettivier 18

10 Giovanni Mettivier 19 I passi in un processo di registrazione sono: - Preprocessing può includere lo smooting, deblurring, edge enhancement, segmantazione - Selezione delle caratteristiche Estrazione delle regioni, punti, linee, che forniscono i controlli - Corrispondenza Stabilire la corrispondenza tra le caratteristiche tra le diverse immagini Giovanni Mettivier 20

11 - Selezione delle funzioni di trasformazione Basate sulla natura delle caratteristiche di controllo e del loro numero Determinate anche dalla presenza e dal tipo di distorsione geometrica - Ricampionamento Stabile l intensità del pixel dall immagine trasformata al sistema di coordinate dell immagine di riferimento. Giovanni Mettivier 21 Definire la trasformazione T su una delle immagini Comparare X e T(Y) utilizzando sia delle caratteristiche sia il contenuto dell immagine Rifinire T e ripetere, finchè non si raggiungono i criteri fissati Giovanni Mettivier 22

12 Dati due insiemi 3D di punti corrispondenti {x i }, {y i } Trovare il moto rigido H tra l insieme dei punti: Dove H è una trasformazione rigida 6-DOF In coordinate omogenee: Giovanni Mettivier 23 Una classe di processi di registrazione esamina la correlazione dell immagine. Se due immagini sono fondamentalmente identiche, differenziandosi al più di un fattore di scala uniforme, allora il rapporto delle intensità dei pixel dovrebbe essere costante sull intera immagine. Se una delle immagini è poi traslata relativamente all altra, la deviazione standard del rapporto dell intensità cambierà. Giovanni Mettivier 24

13 Un approccio al problema della registrazione potrebbe allora essere traslare iterattivamente una immagine relativamente all altra, e calcolare la deviazione standard del rapporto dei pixel ad ogni step, concludendo il processo con la versione che fornisce il valore più basso. Il tempo di esecuzione del programma può essere minimizzato specificando i limiti alla traslazione e alla rotazione basata sulle tipiche caratteristiche del moto visto nello studio. Giovanni Mettivier 25 Nel programmare questo processo: - Iterare traslazione di una immagine su x, y, f - Calcolare il rapporto delle immagini (cercare per /0) - Mascherare l immagine rapporto per >0.2 - Rimuovere NaN dalla immagine rapporto - Calcolare la media e la deviazione standard della immagine rapporto - Comparare media e deviazione standard con altre prove per uguagliare la media e minimizzare la deviazione standard Giovanni Mettivier 26

14 Per esempio, in uno studio di perfusione celebrale dinamico, non è possibile per la testa del paziente ruotare più di alcuni gradi, quindi non è necessario fare valutazioni su rotazioni maggiori di 45. Nello stesso modo, in uno studio di perfusione del miocardio, la respirazione non po causare una traslazione del cuore maggiore 10 cm, quindi non c è bisogno di effettuare iterazioni basate su questo grado di traslazione. Una tale informazione a priori è spesso usata nello stabilire limiti condizionali nella registrazione dell immagine. Giovanni Mettivier 27 Questo metodo è limitato principalmente ai casi dove c è solo traslazione (in una o due dimensioni) e rotazione. Esso non corregge per distorsione angolari o geometriche (come po accadere con certe radiografie o procedure MRI). Giovanni Mettivier 28

15 Correlazione è un approccio su base statistica al problema della registrazione. Non è un metodo di registrazione, ma è usato come una metrica di similitudine per la valutazione il risultato di alcune operazione di trasformazione contro una riferimento (spesso come parte di una operazione sequenziale come precedentemente discusso). Giovanni Mettivier 29 Assumiamo una immagine di template T, e una immagine test I, la correlazione 2D normalizzata è data da: Giovanni Mettivier 30

16 Quando il template uguaglia l immagine di test (forse con l eccezione di un fattore di scala di intensità) il valore della correlazione raggiungerà il suo picco. Calcola C su tutte le possibili traslazioni (e rotazioni, se applicabile). Usa il C normalizzato per prevenire le variazioni di intensità di immagine locale dall influenza del confronto. Giovanni Mettivier 31 Nota che la correlazione è legata al più intuitivo indice che semplicemente somma le differenze in valori pixel tra l immagine di test e di riferimento. Un altra misura di similitudine tra l immagine di test e quella di riferimento è il coefficiente di correlazione: Giovanni Mettivier 32

17 dove µ T e σ T sono la media e la deviazione standard dell immagine template, con µ 1 e σ 1 essendo i valori corrispondenti dell immagine di test. Questa quantità esprime la correlazione nella scala assoluta [-1, 1] Questo può dare una indicazione lineare del grado di similitudine tra le immagini. Questo è di aiuto nel dare una misura quantitativa della confidenza nel match, e agisce come un criterio per l interruzione del processo iterativo. Giovanni Mettivier 33 Nel metodo della correlazione, ogni immagine è trasformata attraverso una traslazione, rotazione, etc, e poi viene effettuata la correlazione. Quando la correlazione è immagini sono registrate. massimizzata, le due Per una questione di efficienza, le dimensioni delle immagini dovrebbero essere una potenza intera di due per premettere l applicazione dell algoritmo di FFT. Giovanni Mettivier 34

18 Un problema con questi metodi statistici è che le immagini rumorose possono produrre picchi di correlazione che non sono facilmente discernibili. La soluzione è l applicazione di un filtro (preferibilmente scelto in base alle caratteristiche del rumore) alle immagini. Ci sono altre funzioni oltre ai metodi di correlazione tradizionali che possono migliorarne l efficienza. Giovanni Mettivier 35 Metodo di Barnea e Silverman Questo metodo è l argoritmo di rivelazione della similitudine sequenziale (SSDA) introdotto da Barnea e Silverman (1972), che propose due miglioramenti rispetto alla velocità di calcolo e la strategia di ricerca. In questo caso, la misura di similitudine è basata sulla differnza assoluta tra i valori dei pixel è data come: Questo è computazionalmente più efficiente che calcolare gli errori al quadrato. Giovanni Mettivier 36

19 Il calcolo del valore normalizzato è anche semplificato: Nel quale T^ e I^ sono le intensità medie dell immagine di template e quella di test rispettivamente (o regioni di test nell immagini). Giovanni Mettivier 37 Il secondo miglioramento del metodo di Barnea e Silverman è stata la strategia di ricerca nella quale in ogni finestra dell immagine, la misura della di similitudine era registrata se superava una soglia. Per ogni finestra, veniva valutato il numero di misure e la finestra con maggio misure era assunta aver prodotto la migliore registrazione. Giovanni Mettivier 38

20 In generale, i metodi statistici possono lavorare bene su dataset di immagini acquisite nella stessa modalità. Per la registrazione tra diverse modalità, è qualche volta preferibile usare metodi basati su caratteristiche o su proprietà invarianti della trasformata di Fourier. Giovanni Mettivier 39 Sebbene la registrazione utilizzante la rappresentazione nello spazio delle frequenze può sembrare meno intuitiva, bisogna ricordare che nel dominio di Fourier, le seguenti operazioni hanno la loro controparte: -Traslazione - riflessione - rotazione - ingrandimento Giovanni Mettivier 40

21 I metodi di Fourier per la registrazione sono robusti in presenza di rumore correlato e dipendente dalla frequenza. Questi metodi sono applicabili solo ad allineamenti rigidi. Il metodo di registrazione di Fourier di base è la correlazione di fase. Questo metodo può essere utilizzato per registrare immagini che sono state traslate. Ci sono delle estensioni del metodo che riescono a tener conto anche della rotazione Giovanni Mettivier 41 Metodo di Kuglin e Hines Il metodo della correlazioe di fase è stato proposto da Kuglin e Hines (1975). Ricordiamo che la FFT di una immagine è una quantità complessa: Giovanni Mettivier 42

22 Il quadrato del modulo descrive la potenza per ogni componente della frequenza, e l angolo di fase è dato da: Giovanni Mettivier 43 Questo metodo si basa sullo teorema di Shift. Se abbiamo due immagini che differiscono solo di uno spostamento: Le due immagini hanno lo stesso modulo di Fourier, ma differiscono in fase di un grado direttamente proporzionale allo spostamento. Perciò, il cross power spetrum dovrebbe fornire una differenza di fase tra le due immagini. Giovanni Mettivier 44

23 Il cross power spectrum è dato da: Il teorema di Shift garantisce che la fase del cross power spectrum è uguale alla differenza di fase tra la rappresentazione delle immagini nello spazio delle frequenze. Giovanni Mettivier 45 Prendendo la IFT del cross power spectrum otterremo una funzione che è approssimativamente nulla ovunque tranne per un impulso nella posizione che rappresenta lo spostamento necessario per registrare le due immagini. Giovanni Mettivier 46

24 Consideriamo le due immagini del cervello traslate tra di loro: Giovanni Mettivier 47 I moduli della FFT sono identici: Giovanni Mettivier 48

25 Il valore asooluto (cross power) spectrum stesso non appare particolarmente rilevate: Giovanni Mettivier 49 La IFT del cross power spectrum, comunque, rivela un singolo picco: Giovanni Mettivier 50

26 Dove si trova? Giovanni Mettivier 51 Siccome MatLab definisce (N/2)+1 punti dal centro, lo spostamento dalla prima immagine alla seconda è dato da x = +4 e y = -3. Questo shift registra le immagini e fornisce una differenza nulla tra le due immagini. Giovanni Mettivier 52

27 La rotazione è semplice da trattare nel dominio di Fourier siccome una rotazione può essere espressa come un semplice spostamento in coordinate polari. Di Castro e Morandi hanno proposto un metodo in due passaggi per trattare allo stesso tempo con la traslazione e la rotazione. Giovanni Mettivier 53 Motodo Di Castro e Morandi Inizia calcolando il cross power spectrum come una funzione dell angolo di rotazione stimato (φ) e usa le coordinate polari per semplificazione: Giovanni Mettivier 54

28 Perciò prima determina φ tale che la IFT fornisce l approssimazione migliore dell impulso. La rimanente traslazione è data dalla posizione dell impulso. Note che (specialmente per) le immagini a bassa risoluzione, può essere necessaria l interpolazione per quei valori della trasformata dopo la rotazione siccome possono non cadere nelle posizioni della griglia discreta. La trasformata può essere applicata a immagini zero-padded per migliorare l approssimazione della trasformata dopo la rotazione. Giovanni Mettivier 55 Una variazione di queste tecniche che può offrire vantaggi nella velocità di calcolo è basata sull uso del power cepstrum delle immagini. Il cepstrum è lo spettro di potenza del logaritmo dello spettro di potenza dell immagine. Prima approssima l angolo di rotazione come prima. Poi si usa lo spettro di potenza per determinare la traslazione come prima Siccome sono usati i logaritmi, le immagini sono sommate piuttosto che moltiplicate e questo offre un vantaggio nella velocità di processamento. Giovanni Mettivier 56

29 Point mapping methods sono quelle tecniche usate quando la natura del dis-allineamento è sconosciuto o difficile da ricavare. Un esempio di questo potrebbe essere l imaging cardiaco dove strutture si muovono l una rispetto all altra come conseguenza del moto respiratorio, che a sua volta è non sincronizzato con il ciclo cardiaco. Giovanni Mettivier 57 Steps nel mappaggio: - Determinare caratteristiche rilevanti - Selezionare i punti di controllo - Mappaggio spaziale - Ricampionamento Giovanni Mettivier 58

30 La selezione dei punti di controllo è determinante per l accuratezza del risultato. I punti di controllo possono essere intrinseci (es. piccole arterie) o estrinseche (oggetti deliberatamente posizionati, fiducial markers) Si preferiscono, generalmente, sempre marker intrinseci. Giovanni Mettivier 59 Immagine stereotassica Metodo invasivo Markers - Invasivi (osso) - non invasivi (pelle) Si ottiene un set 3D di punti utilizzabile per la registrazione Giovanni Mettivier 60

31 Contenuto dell immagine Registrazione in base al valore del pixel/voxel Riferimenti anatomici Oggetti segmentati come riferimento Oppure superfici 3D Giovanni Mettivier 61 Una volta che i punti di controllo sono stati selezionati, le relative posizioni nell immagine di test devono essere identificate, e lo loro locazioni registrate. Questo può essere sia un processo manuale o automatizzato. In questo stadio è necessario una elevata accuratezza. Una volta che le coppie di coordinate dei punti di controllo nell immagini di test e di riferimento sono state determinate, la trasformazione è applicata. Giovanni Mettivier 62

32 Richiamiamo che la traslazione e la rotazione sono date da: Includendo lo scaling, il processo può essere espresso come: Giovanni Mettivier 63 Giovanni Mettivier 64

33 Per casi in cui non c è distorsione geometrica tra due immagini, è possibile ottenere la registrazione specificando due o più punti di controllo. Un punto di controllo è piazzato su una caratteristica che è comune per entrambi le immagini. Per esempio, in molte immagini MR della testa, le arterie ed il cervello sono degli eccellenti punti di controllo per il loro alto contrasto e le piccole dimensioni. Giovanni Mettivier 65 Se la sola differenza geometrica tra le due immagini è la rotazione e lo spostamento, la trasformazione lineare fornirà la registrazione propria. Questo è anche conosciuto come una traslazione di corpo rigido. Giovanni Mettivier 66

34 Il problema della registrazione tra le modalità è complica dal fatto che la risoluzione di un metodo (PET) è molto più basso dell altro (MR). L approccio generale in questo caso sarebbe interpolare l immagine a più bassa risoluzione fino ad uguagliare la dimensione del pixel dell immagine a più alta risoluzione (es > 2562) prima di posizionare i punti di controllo. Giovanni Mettivier 67 Come risultato delle acquisizioni tra le diverse modalità è anche necessario correggere per una differenza di scaling lineare. Il processo della registrazione delle immagini è qualche volta riferita come fusione delle immagini. Questo anche include casi dove immagini funzionali a bassa risoluzione sono registrate su immagini di riferimento anatomica ad alta risoluzione della stessa modalità Giovanni Mettivier 68

35 In più, il caso di uno scaling uniforme, noi possiamo performare la trasformazione usando una trasformazione affine. Questo richiede la conoscenza di tre punti di controllo per generare i sei parametri: Giovanni Mettivier 69 Questo può essere ottenuto con matrici di notazione come: dove X è la matrice di coordinate x di output, W è la matrice delle coordinate di input, e A il vettore dei coefficienti, m è il numero di punti di controllo. Componenti del vettore A sono per traslazione, rotazione e scaling. Giovanni Mettivier 70

36 Lo stesso processo è effettuato per le coordinate y: I coefficienti possono essere determinati come: Giovanni Mettivier 71 Rotazione, traslazione e scaling possono essere determinate dai vettori A e B: Giovanni Mettivier 72

37 La trasformazione Affine è un sottoinsieme lineare delle trasformazioni polinomiali più generali: dove N è il numero di punti non conosciuti Giovanni Mettivier 73 La trasformazione polinomiale generale può coreggere per distorsione geometriche così come la traslazione e rotazione. Comunque, un grande numero di punti di controllo è richiesto (dipendendo dall ordine del polinomio che è stato stato usato). E importante non usare una trasformazione polinomiale dove una Affine è sufficiente siccome facendo così si possono introdurre significanti errori. Giovanni Mettivier 74

38 E importante notare che quando una immagine è trasformata, alcune (o più) delle nuove locazioni dei pixel avranno valori frazionali, cioè, ci sono posti decimali in x e y tale che essi cadono tra indici di pixel interi. Quindi è necessario effettiare un ricampionamento per eliminare questo problema. Il ricampionamento è un processo di interpolazione che rende l immagine di uscita in una matrice indicizzata intera. Giovanni Mettivier 75 Giovanni Mettivier 76

39 Il più semplice (e veloce) metodo di ricampionamento è il nearest neighbor resampling nel quale i valori del nuovo pixel preso sul valore del pixel più vicino. Questo può introdurre comunque artefatti, in particolare lo stair-casing effetto lungo i bordi dritti. Più accurato è il ricampionamento con interpolazione bi-lineare che basa il valore del nuovo pixel in base ai sui 4-vicini. Questo prende più tempo del nearest-neighbor ed sfumerà i bordi, ma l artefatto stair-casing sarà significativamente ridotto. Giovanni Mettivier 77 L interpolazione bilineare è definita come: I(X,Y) = W u.v I(u,v) + W u+1,v I(u+1,v) + W u,v+1 I(u,v+1) + W u+1,v+1 I(u+1,v+1) dove u e v rappresentano le parti intere di X e Y. X e Y possono assumere valori frazionali E dove: W u,v = (u+1-x)(v+1-y) W u+1,v = (x-u)(v+1-y) W u,v+1 =(u+1-x)(y-v) W u+1,v+1 = (x-u, y-v) Giovanni Mettivier 78

40 Il metodo dell interpolazione cubic spline è realizzato sulle righe e poi sulle colonne. Date le intensità I -1, I 0, I 1, I 2, la curva cubic spline che approssima questi valori nel range 0<u<1 è data da: dove b -1 (u) = (-u 3 +3u 2-3u +1 )/6 B 0 (u) = (3u 3-6u 2 +4)/6 B 1 (u) = (-3u 3 +3u 2 +3 u+1 )/6 B 2 (u) = u 3 /6 Per interpolare le intensità, è necessario determinare I j da I i : Giovanni Mettivier 79 La trasformazione rigida è usata per tener conto del movimento soggetto/struttura nei casi dove l oggetto mantiene la sua forma e dimensione (es. testa). Essa è una combinazione di traslazioni (1D o 2D), rotazione, e variazioni di scala. Le trasformazioni affini sono più generali e possono trattare distorsioni geometriche più complesse rimanendo allo stesso tempo computazionalmente stabile. Giovanni Mettivier 80

41 Trasformazioni proiettive correggono per le distorsioni dovute alla proiezione delle strutture variando le distanze della sorgente di radiazione e del piano del rivelatore. La conoscenza a priori della locazione delle strutture è necessaria, ma questa può spesso essere ottenuta dai piani ortogonali delle immagini. La distanza/angolo di un trasduttore può introdurre riduzione/ingrandimento che è dipendente dalla posizione nel volume di imaging. Giovanni Mettivier 81 Le trasformazioni proiettive tengono conto della distorsione che avvengono quando un oggetto 3D è proiettato su un piano 2D. Le distorsioni proiettive appaiono come cambiamenti nelle dimensioni dell oggetto con distanze da l piano di rivelazione e la sorgente di radiazione. Giovanni Mettivier 82

42 Oggetti più vicini alla sorgente ricevono un maggior ingrandimento. M = d/z al piano del rivelatore. Giovanni Mettivier 83 Usando l espressione per il caso mono-energetico, l espressione generale per il segnale del rivelatore può essere riformulata per prendere in considerazione l ingrandimento dipendente dalla profondità di una sorgente puntiforme. Definire l elemento di integrale di linea dr come: L integrazione lineare ora prende posto lungo una linea definita come x = zx d /d e y = zy d /d. Giovanni Mettivier 84

43 Sostituendo noi abbiamo: o in termini di ingrandimento (d/z): Giovanni Mettivier 85 Il posizionamento laterale e la profondità relativa determina la posizione (x,y) sul rivelatore. Giovanni Mettivier 86

44 La dimensione apparente di un oggetto tiltato varia con la profondità, posizione laterale, e angolo di tilt. Giovanni Mettivier 87 Nel caso di un tilt del piano, la trasformazione proiettiva può essere usata (rettificazione); Giovanni Mettivier 88

45 dove (x p, y p ) sono le coordinate del piano soggetto e (x i, y i ) sono le coordinate del piano immagine. I termini a sono costanti che dipenderanno dalla orientazione relativa del paino soggetto e immagine. Se nessuno dei metodi su menzionati sono adeguati per performare le correzioni distorsione, la trasformazione polinomiale può essere tentata. Tali circostanze possono includere distorsioni non lineari dovute alla deformazione dell oggetto. Giovanni Mettivier 89

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte)

GEOMETRIA I Corso di Geometria I (seconda parte) Corso di Geometria I (seconda parte) anno acc. 2009/2010 Cambiamento del sistema di riferimento in E 3 Consideriamo in E 3 due sistemi di riferimento ortonormali R e R, ed un punto P (x, y, z) in R. Lo

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Funzioni in più variabili

Funzioni in più variabili Funzioni in più variabili Corso di Analisi 1 di Andrea Centomo 27 gennaio 2011 Indichiamo con R n, n 1, l insieme delle n-uple ordinate di numeri reali R n4{(x 1, x 2,,x n ), x i R, i =1,,n}. Dato X R

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO

TEORIA PERTURBATIVA DIPENDENTE DAL TEMPO Capitolo 14 EORIA PERURBAIVA DIPENDENE DAL EMPO Nel Cap.11 abbiamo trattato metodi di risoluzione dell equazione di Schrödinger in presenza di perturbazioni indipendenti dal tempo; in questo capitolo trattiamo

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca

Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca Metodiche classiche di acquisizione e quan3ficazione della variabilità della frequenza cardiaca (Ivan Corazza) INDICE Misura intervalli RR battito-a-battito (Giorgio Barletta) Misura della variabilità

Dettagli

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE

RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE RETTE, PIANI, SFERE, CIRCONFERENZE 1. Esercizi Esercizio 1. Dati i punti A(1, 0, 1) e B(, 1, 1) trovare (1) la loro distanza; () il punto medio del segmento AB; (3) la retta AB sia in forma parametrica,

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys.

METODO DEI MINIMI QUADRATI. Quest articolo discende soprattutto dai lavori di Deming, Press et al. (Numerical Recipes) e Jefferys. METODO DEI MINIMI QUADRATI GIUSEPPE GIUDICE Sommario Il metodo dei minimi quadrati è trattato in tutti i testi di statistica e di elaborazione dei dati sperimentali, ma non sempre col rigore necessario

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara

Esercizi di Algebra Lineare. Claretta Carrara Esercizi di Algebra Lineare Claretta Carrara Indice Capitolo 1. Operazioni tra matrici e n-uple 1 1. Soluzioni 3 Capitolo. Rette e piani 15 1. Suggerimenti 19. Soluzioni 1 Capitolo 3. Gruppi, spazi e

Dettagli

Curve di risonanza di un circuito

Curve di risonanza di un circuito Zuccarello Francesco Laboratorio di Fisica II Curve di risonanza di un circuito I [ma] 9 8 7 6 5 4 3 0 C = 00 nf 0 5 0 5 w [KHz] RLC - Serie A.A.003-004 Indice Introduzione pag. 3 Presupposti Teorici 5

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Esercizi su lineare indipendenza e generatori

Esercizi su lineare indipendenza e generatori Esercizi su lineare indipendenza e generatori Per tutto il seguito, se non specificato esplicitamente K indicherà un campo e V uno spazio vettoriale su K Cose da ricordare Definizione Dei vettori v,,v

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b :

Forme bilineari e prodotti scalari. Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione. b : Forme bilineari e prodotti scalari Definizione Dato lo spazio vettoriale V (K) sul campo K, una funzione b : { V V K ( v, w) b( v, w), si dice forma bilineare su V se per ogni u, v, w V e per ogni k K:

Dettagli

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI

ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI ANALISI DI SEGNALI BIOLOGICI A.Accardo accardo@units.it LM Neuroscienze A.A. 2010-11 Parte II 1 Analisi in frequenza di un segnale l analisi in frequenza di un segnale o analisi di Fourier descrive il

Dettagli

Geometria nel piano complesso

Geometria nel piano complesso Geometria nel piano complesso Giorgio Ottaviani Contents Un introduzione formale del piano complesso 2 Il teorema di Napoleone 5 L inversione circolare 6 4 Le trasformazioni di Möbius 7 5 Il birapporto

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Le trasformazioni geometriche

Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni geometriche Le trasformazioni affini del piano o affinità Le similitudini Le isometrie Le traslazioni Le rotazioni Le simmetrie assiale e centrale Le omotetie

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello

Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08. Alberto Perotti, Roberto Garello Corso di Laurea a Distanza in Ingegneria Elettrica Corso di Comunicazioni Elettriche Processi casuali A.A. 2007-08 Alberto Perotti, Roberto Garello DELEN-DAUIN Processi casuali Sono modelli probabilistici

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Esponenziali elogaritmi

Esponenziali elogaritmi Esponenziali elogaritmi Potenze ad esponente reale Ricordiamo che per un qualsiasi numero razionale m n prendere n>0) si pone a m n = n a m (in cui si può sempre a patto che a sia un numero reale positivo.

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Equazioni differenziali ordinarie

Equazioni differenziali ordinarie Capitolo 2 Equazioni differenziali ordinarie 2.1 Formulazione del problema In questa sezione formuleremo matematicamente il problema delle equazioni differenziali ordinarie e faremo alcune osservazioni

Dettagli

APPLICAZIONI LINEARI

APPLICAZIONI LINEARI APPLICAZIONI LINEARI 1. Esercizi Esercizio 1. Date le seguenti applicazioni lineari (1) f : R 2 R 3 definita da f(x, y) = (x 2y, x + y, x + y); (2) g : R 3 R 2 definita da g(x, y, z) = (x + y, x y); (3)

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti.

Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli. 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Appunti sul corso di Complementi di Matematica - prof. B.Bacchelli 03 - Equazioni differenziali lineari omogenee a coefficienti costanti. Def. Si dice equazione differenziale lineare del secondo ordine

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

8. Il radar ad apertura sintetica

8. Il radar ad apertura sintetica 8. Il radar ad apertura sintetica Il radar ad apertura sintetica (SAR Synthetic Aperture Radar) è stato sviluppato a partire dal 1951 in seguito alle osservazioni effettuate da Carl Wiley della Goodyear

Dettagli

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110

PET. Radionuclidi più utilizzati nella PET. Elemento prodotto T 1/2 in minuti primi B5 20 C6 10 N7 2 F 9 O8 110 PET L acronimo PET sta per Positron Emission Tomography. Come per la SPECT, anche in questo caso si ha a che fare con una tecnica tomografica d indagine di tipo emissivo in quanto la sorgente di radiazione

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Principal Component Analysis (PCA)

Principal Component Analysis (PCA) Principal Component Analysis (PCA) Come evidenziare l informazione contenuta nei dati S. Marsili-Libelli: Calibrazione di Modelli Dinamici pag. Perche PCA? E un semplice metodo non-parametrico per estrarre

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati

Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimazione polinomiale di funzioni e dati Approssimare una funzione f significa trovare una funzione f di forma più semplice che possa essere usata al posto di f. Questa strategia è utilizzata nell

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

EQUAZIONI non LINEARI

EQUAZIONI non LINEARI EQUAZIONI non LINEARI Francesca Pelosi Dipartimento di Matematica, Università di Roma Tor Vergata CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE http://www.mat.uniroma2.it/ pelosi/ EQUAZIONI non LINEARI p.1/44 EQUAZIONI

Dettagli

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata

Funzioni di più variabili. Ottimizzazione libera e vincolata libera e vincolata Generalità. Limiti e continuità per funzioni di 2 o Piano tangente. Derivate successive Formula di Taylor libera vincolata Lo ordinario è in corrispondenza biunivoca con i vettori di

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE

MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE MINIMI QUADRATI. REGRESSIONE LINEARE Se il coefficiente di correlazione r è prossimo a 1 o a -1 e se il diagramma di dispersione suggerisce una relazione di tipo lineare, ha senso determinare l equazione

Dettagli

Principal Component Analysis

Principal Component Analysis Principal Component Analysis Alessandro Rezzani Abstract L articolo descrive una delle tecniche di riduzione della dimensionalità del data set: il metodo dell analisi delle componenti principali (Principal

Dettagli

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2

Se x* e punto di minimo (locale) per la funzione nell insieme Ω, Ω = { x / g i (x) 0 i I, h j (x)= 0 j J } lo e anche per F(x) = f o (x) + c x x 2 NLP -OPT 1 CONDIZION DI OTTIMO [ Come ricavare le condizioni di ottimo. ] Si suppone x* sia punto di ottimo (minimo) per il problema min f o (x) con vincoli g i (x) 0 i I h j (x) = 0 j J la condizione

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire.

f : A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che si può invertire. Consideriamo l insieme P dei punti del piano e una f funzione biiettiva da P in P: f : { P P A A = f (A) In altre parole f è una funzione che associa a un punto del piano un altro punto del piano e che

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2013/14 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria di II grado I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Ambito

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli