e l La presentazione di alcune tesi Coordinamento Pedagogico provinciale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "e l La presentazione di alcune tesi Coordinamento Pedagogico provinciale"

Transcript

1

2 2

3 L intreccio tra gli elementi teorici e l esperienza educativa La presentazione di alcune tesi Coordinamento Pedagogico provinciale

4 Grafica e stampa Servizi di Comunicazine della Provincia di Bologna - marzo 2008 Si ringrazia Enrica Corso per la realizzazione dell illustrazione di copertina

5 INDICE Gli esiti della convenzione tra la Regione Emilia-Romagna e l Universita di Bologna, Facoltà di Scienze della Formazione 5 Sandra Mei e Maria Cristina Volta Il laboratorio di documentazione e formazione del Comune di Bologna 9 Franca Marchesi Presentazione di alcune tesi significative 11 3

6 Gli esiti della convenzione tra la Regione Emilia-Romagna e l Università di Bologna, Facoltà di Scienze della Formazione di Sandra Mei e Maria Cristina Volta La convenzione sottoscritta tra Regione, Enti Locali, Università (Facoltà di Scienze della Formazione e Dipartimento di Scienze dell Educazione) è giunta alla sua quarta annualità. In questo periodo si sono realizzate diverse iniziative che hanno visto impegnati i vari soggetti firmatari e tra queste ne segnaliamo in particolare alcune. La ricerca sulla cura educativa coordinata dalla Professoressa Contini Maria Grazia, in particolare il seminario di presentazione dei dati ha permesso l esplicitarsi di diversi punti di vista, ha sollevato l interesse per approfondire i primi risultati e sta proseguendo con un ancor più stretto raccordo tra Università, i servizi comunali ed i servizi privati convenzionati locali. L introduzione dell insegnamento Modelli e Caratteristiche dei Servizi per l Infanzia in Emilia Romagna nel curricolo formativo del Corso di Laurea di Educatore di Nido e Comunità Infantile, realizzato con la collaborazione di pedagogisti, educatori e altre figure che operano nei servizi. La Regione Emilia Romagna è fortemente impegnata nel sostegno di quest'iniziativa innovativa che ha permesso di portare più voci nel percorso di studio e di incontrare, ancora prima del tirocinio, l esperienza concreta dei servizi e lo sfondo istituzionale. I contenuti dell insegnamento contemplano anche la presentazione delle norme di riferimento, le funzioni dei vari livelli di governo, ecc che sottendono la rete dei nostri servizi, elementi imprescindibili per chi opera e opererà in ambito educativo. Inoltre l elaborazione d'alcune tesi sui servizi sperimentali curate dalla Professoressa Emiliani Francesca. Infine la presenza di due tutor presso l Ufficio Tirocinio Nido della Facoltà che organizzano ogni anno il tirocinio degli studenti all interno dei servizi per la prima infanzia della nostra Regione e di altri territori, mantengono un rapporto costante con i Coordinamenti Pedagogici Provinciali della Regione ed infine hanno organizzano corsi di formazione per 5

7 le educatrici dei nidi dei Comuni di Bologna e Forlì dal titolo Alleniamoci all Accoglienza. Queste iniziative hanno rafforzato e affinato i rapporti tra i servizi e la ricerca, tra i luoghi della pratica quotidiana e dello studio. Queste occasioni di lavoro comune, non solo state solo occasioni d'incontro ma vere opportunità di scambio che hanno portato ad una riflessione tra prassi e teoria maggiormente condivisa. Il premio tesi in memoria di Simonetta Andreoli, curato in particolare dalla Provincia di Bologna ed in collaborazione con il Comitato promotore, è stata una prima occasione di valorizzazione dell esito del percorso di studio, la tesi, che spesso rimane patrimonio privato di chi l ha realizzata. Questo fascicolo, che s'ispira a quello precedente dedicato a Simonetta, raccoglie i contributi relativi ad alcune tesi dell anno accademico in cui sono approfonditi alcuni focus, parti di temi più ampi, che riteniamo di particolare interesse per pedagogisti ed educatori di nido. Infatti, durante le riunioni che si sono tenute in questi anni, per organizzare i tirocini degli studenti, chi opera all interno dei servizi ha manifestato più volte interesse per le tesi realizzate e per le relazioni che gli studenti redigono al termine della loro esperienza pratica di tirocinio. Questo interesse per le tesi e per le relazioni conclusive del tirocinio è segnale del rapporto, mai neutro, che si crea tra chi accoglie e chi è accolto in un servizio. Per entrambi si tratta di un esperienza d'apertura ad una novità, per le educatrici ed i pedagogici è un occasione di confronto sulle proprie scelte educative e sulla propria quotidianità; per le tirocinanti su quanto letto, studiato e acquisito nell esperienza di studio.tutto questo comporta impegno, coinvolgimento e stimola nei servizi interesse per i contenuti, le riflessioni e gli approfondimenti raccolti in questi documenti. In particolare rispetto alle tesi, abbiamo pensato fosse interessante organizzare un iniziativa aperta a operatori, coordinatori e studenti che desse risalto e visibilità a questi prodotti, con l obiettivo di provocare confronti e discussioni nella giornata di presentazione. E anche all interno dei gruppi di lavoro, spesso travolti da un fare quotidiano e da continue emergenze, che potranno riflettere su quanto di nuovo e stimolante questi elaborati porteranno. Le conclusioni alle quali sono pervenute le varie autrici sono contenute nei singoli contributi che troverete di seguito. 6

8 Le aree che sono state oggetto di approfondimenti sono la professionalità dell educatrice, l osservazione dello sviluppo del bambino, la relazione educatrice/bambino, gli strumenti per misurare la qualità dei servizi. Le tesi indicate nel presente fascicolo saranno consultabili presso il Laboratorio di Documentazione e Formazione del Comune di Bologna, luogo ormai deputato dalla Regione per la raccolta di documentazioni prodotte direttamente da chi opera nei servizi e luogo di raccolta per le tesi più significative prodotte dagli studenti del Corso di Laurea d'educatore Nido e Comunità Infantile. 7

9 Il Laboratorio di Documentazione e Formazione del Comune di Bologna Franca Marchesi Il Laboratorio, con le due sezioni, educativa e cultura dell integrazione è una struttura del Settore Istruzione e Politiche delle Differenze del Comune di Bologna e dal 1994 svolge una funzione di formazione, documentazione, promozione della cultura dell infanzia e dell integrazione e un ruolo di supporto ai Quartieri cittadini. Punto di forza del Laboratorio è poter disporre di percorsi educativi e didattici, in larga parte curati da insegnanti di vari ordini di scuola, organizzati in una memoria istituzionale e fruibile; creare intrecci; portare innovazioni; avviare collaborazioni e facilitare occasioni di confronto tra mondi che non sempre dialogano fra loro. Con decreto ministeriale del 31 luglio 2002 il Laboratorio è stato inserito dal MIUR (Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca) nell elenco dei soggetti accreditati a svolgere attività formative (l accreditamento è stato rinnovato nel 2006) Le sue finalità specifiche sono: - costruire un tessuto connettivo tra le diverse esperienze educative della rete cittadina; - costruire e mantenere un costante collegamento e confronto con esperienze di altre città sia italiane che straniere; - rappresentare una struttura di servizio per educatori, insegnanti, pedagogisti: sede privilegiata di confronto tecnico pedagogico, osservatorio delle esigenze formative, supporto al sistema pre- scolastico e scolastico; - stimolare e sostenere i processi sperimentali; - essere luogo di formazione, informazione, documentazione, di promozione della cultura per l infanzia e dei servizi ad essa rivolti, dell integrazione scolastica dei bambini con deficit e della progettualità pedagogica in ambito scolastico ed extra scolastico anche verso i genitori; 9

10 - promuovere una cultura dell integrazione tra diversi patrimoni e modelli culturali, privilegiando l ambito scolastico senza per questo ritenerlo esclusivo, grazie alla sollecitazione ed al supporto dato alla progettualità di operatori ed insegnanti; - raccordarsi con il sistema delle offerte formative extra-scolastiche per rafforzare i percorsi di documentazione; - accogliere visite di studio italiane e straniere e organizzare tirocini per studenti di istituti superiori e universitari, con lo scopo di rendere fruibile e visibile il patrimonio dei servizi educativi della città di Bologna La struttura ha sviluppato negli anni varie collaborazioni con diversi enti e istituzioni, assumendo impegni secondo finalità, obiettivi, contenuti e strumenti concordati. Il Laboratorio è stato anche individuato dall anno 2002 dalla Regione Emilia Romagna come punto di riferimento per il progetto di Sistemazione e implementazione della documentazione educativa nei servizi 0/6, progetto che prevede anche uno stretto coinvolgimento dei coordinatori pedagogici provinciali, percorsi formativi e di monitoraggio della raccolta di documentazioni. Dal 2003 sono state concertate con l Università di Bologna le procedure : per la gestione del tirocinio degli studenti del Corso di Laurea per Educatore di nido e comunità infantile della Facoltà di Scienze della Formazione, codificandone l accesso e monitorandone il flusso presso nidi, scuole dell infanzia e nuove tipologie di servizi per l infanzia; per la raccolta delle tesi prodotte sui servizi comunali. È inoltre attiva una convenzione con la Provincia di Bologna che definisce in modo stabile i rapporti per la promozione della documentazione e la raccolta di materiali prodotti dal Coordinamento Pedagogico Provinciale. 10

11 Presentazione di alcune tesi significative

12 I gusti musicali dei bambini e dei genitori Un indagine empirica nei nidi di Reggio Emilia di Giorgia Bussei relatrice Prof.ssa Anna Rita Addessi Introduzione Grazie al corso di Educazione al Sonoro tenuto dalla prof.ssa A.R. Addessi (relatore) e ad una Borsa di Studio assegnatami dall Università di Bologna che mi ha permesso di fare un soggiorno di studio in Inghilterra presso l Università di Exeter dove ho collaborato con la prof.ssa S.Young (correlatore), è nata l idea di questo progetto: una indagine empirica proposta in diversi asili nido della provincia di Reggio Emilia. Il lavoro è consistito nel proporre un questionario anonimo ai genitori di bambini iscritti in vari asili nido, riguardante i gusti musicali dei bambini e dei genitori. Obiettivi L obiettivo di questo progetto è stato quello di raccogliere dati sulle fonti sonore e gli stili musicali presenti nei vari contesti in cui il bambino vive, sull idea che i genitori hanno riguardo alla musica ascoltata e da fare ascoltare al bambino, sulle reazioni del bambino al canto materno prima e dopo la nascita e altri aspetti inerenti allo sviluppo sonoro del bambino. Il questionario è stato elaborato sulla base di un questionario somministrato in Inghilterra (Young, 2005). È quindi nata l idea di un progetto di comparazione dei risultati emersi in Italia con quelli risultanti dallo studio inglese (Young, Bussei, Addessi, in corso di preparazione). Metodo I questionari sono stati somministrati ad un campione di 100 genitori di bambini iscritti a diversi asili nido e contenevano domande aperte e chiuse, in 5 diverse aree: dati personali del bambino (età, sesso, temperamento) dati di chi compila il questionario (parentela col bambino, età, titolo di studio) 13

13 il bambino e la musica (canzone preferita, generi musicali ascoltati, giocattoli sonori utilizzati) il genitore e la musica (importanza della musica, genere ascoltato) il genitore e il bambino in rapporto alla musica (momenti della giornata in cui si ascoltano generi musicali particolari, esperienze personali vissute in relazione alla musica) Il criterio di distribuzione dei questionari all interno dei 7 asili nido è stato casuale. I genitori che hanno risposto hanno figli dai 6 ai 36 mesi di età. Dopo aver ritirato i questionari compilati, si sono estrapolati i dati attraverso griglie di lettura e si sono elencati i risultati. Risultati L 80% dei questionari è stato compilato dalle mamme. Si ha un ampia gamma di risorse musicali a disposizione dei bambini e sono molti i momenti in cui si ascolta musica in casa durante le varie fasi di vita quotidiana. Si ascoltano generi musicali differenti, adatti al contesto vissuto in quel momento, e sono tante anche le fonti interattive e tecnologiche messe a disposizione del bambino. Sono emerse anche opinioni differenti in merito all utilità della musica per lo sviluppo del bambino. Dalle domande inerenti alle diverse reazioni del bambino al canto materno, si evince che il bambino ascolta attentamente la madre quando canta. L indagine ha infatti confermato che il bambino tende a rilassarsi o a partecipare attivamente, proprio in base al tipo di canzone proposta. Un dato interessante se si considera quante volte al giorno si canta ai bambini, a differenza di quanto detto dagli studiosi di musicalità infantile, che è bene cantare al bambino più volte al giorno nei primi anni di vita, si osserva che la frequenza giornaliera di canto ai bambini da parte dei genitori, è inversamente proporzionale all avanzare dell età. Questo probabilmente perché il genitore predilige altre forme di comunicazione (per primo il linguaggio parlato) man mano che il bambino cresce, a scapito del linguaggio musicale. Conclusioni L indagine effettuata è sicuramente ancora aperta per eventuali controlli incrociati esaminando più dati contemporaneamente e per valutare quanto ci sia di implicito nelle risposte date dai genitori. In effetti, vista l età dei bambini, è ine- 14

14 vitabile che in realtà avremo un parere dei genitori, un idea che loro si fanno sul tipo di musica preferita dal bambino e sull utilità o meno dell ascolto musicale. Le risposte date dai genitori, tra l altro, non possono essere considerate attendibili al 100% in quanto spesso entrano in gioco aspetti impliciti e stereotipi per cui molte risposte risultano essere generiche e simili tra loro, standardizzate, e quindi non sempre corrispondenti al vero. A questo proposito un aspetto importante da sottolineare è la corrispondenza o meno del pensiero scientifico col pensiero comune. Questo aspetto si può collegare allateoria delle Rappresentazioni Sociali così come essa è stata applicata allo studio del sapere musicale (Addessi, 2004, 2006). Le RS fanno parte del pensiero comune e tendono a seguire le tradizioni popolari. Il genitore vuole dare una motivazione logica e nota ad ogni comportamento del bambino, quindi a volte le risposte date dai genitori sono deduzioni fatte da loro e riferite a un particolare comportamento o episodio a cui hanno assistito. In conclusione quindi: la risposta data è davvero quella che si verifica nella vita reale o è piuttosto quella che la tradizione, il buon costume, la società attuale si aspettano dal genitore responsabile in merito a quella domanda? BIBLIOGRAFIA - Addessi A.R., (2004) Le competenze musicali e professionali dell insegnante della scuola di base. In A. Coppi, (Ed.) Re.Mu.S.: Studi e ricerche sulla formazione musicale, Università di Modena e Reggio Emilia, Aprile 2004, Morlacchi, Perugina, pp Addessi A.R., (2004) Training of Music Teachers: Music Knowledge as Social Representations. In Proceedings of the ISME Conference,Tenerife Canary Island, July 12-18, 2004 (on CD Rom). - Addessi A.R., Carugati F., Selleri P., Baroni M., (2006). University students, music teachers and social representations of music. In Baroni et Al. (Eds), Proceedings of the 9th International conference of Music Perception and Cognition, Bononia University Press, Bologna. 15

15 - Delalande F., (1993) Le condotte musicali. - Disoteo M., (2004) Nido sonoro: un progetto di ricerca e formazione Dossier periodico Bambini, giugno - Emiliani F., (a cura di), (2002) I bambini nella vita quotidiana, Ed. Carocci, Roma - Frapat M., (1994) L invenzione musicale nella scuola dell infanzia - Genta M. L., (a cura di), (2000) Il rapporto madre bambino Ed. Carocci, Roma - Guerra L., (2002) Educazione e tecnologie i nuovi strumenti della mediazione didattica Junior, BG - Imberty M., (2000) Il ruolo della voce materna nello sviluppo musicale del bambino Musica Domani XXX/114, pp Imberty M., (2002) La musica e il bambino in J.J. Nattiez (cur), Enciclopedia della Musica.Vol. II pp Mazzoli F., Sedioli A., Zoccatelli B., (2003) I giochi musicali dei piccoli Junior, BG - Mazzoli F., (cur), (1997) Musica per gioco EDT - Trevarthen C., Malloch S., (2002) Musicality and music before three: human vitality and invention shared with pride da Zero to three,vol. 23 n 1 - Young S., (2003) Music with the under fours RouteledgeFalmer, London - Young S., Street A., Davies E., (2006) The music one2one project: final report Unpublished document, University of Exeter, downloadable. 16

16 Maternità dipendente, Effetti sul bambino e il ruolo dell educatore di nido a San Patrignano Presentata da Alice Casadio Relatrice Prof.ssa Rossella Sacchetti H o deciso di approfondire il problema della maternità dipendente da sostanze e il ruolo dell educatore di nido in una comunità di recupero per acquisire conoscenze maggiori, utili per il mio futuro lavoro di educatrice. L idea è nata quando, durante un tirocinio, ho conosciuto Lucia, una bambina con madre tossicodipendente. Questa bambina, la sua mamma e la situazione che stavano vivendo mi hanno fatto entrare in un mondo sconosciuto; avrei voluto sapere quali danni fisici la mamma le aveva procurato assumendo cocaina durante la gravidanza e avrei voluto conoscere la comunità di recupero dove sarebbe andata la mamma di Lucia, volevo sapere cosa un educatrice può fare in questa situazione e come aiutare concretamente la bambina e la madre. Ho iniziato quindi a raccogliere materiale bibliografico sugli effetti dell assunzione di droga e alcool in gravidanza e sulla comunità di San Patrignano (SANPA, come viene familiarmente chiamato dai ragazzi della comunità), in particolare sull asilo nido presente all interno. Ho deciso di trattare solo i danni fisici nel bambino e non quelli psicologici, perché mi interessava approfondire maggiormente gli aspetti che non conoscevo. Inoltre ritengo che nella fascia d età di mio interesse (0-3 anni), i danni psichici del bambino siano soprattutto rilevabili a livello dell attaccamento con la madre, o comunque del rapporto con la figura di riferimento e il mio obiettivo non era quello di studiare questi aspetti, ma di sapere come una gravidanza dipendente potesse danneggiare la salute del bambino. Ho scelto per la mia tesi il titolo di maternità dipendente proprio per rimarcare la particolare situazione che le future mamme che fanno uso di droghe e alcool (e quindi sono DIPENDENTI da sostanze) vivono e fanno vivere al loro bambino. Queste mamme devono affrontare tanti e vari problemi, tra cui complicanze 17

17 ostetriche e ginecologiche durante la gravidanza e il parto, e i danni che le droghe possono creare al bambino. Le conseguenze possono essere rappresentate per esempio da aborto spontaneo, morte fetale, parto pretermine, ritardato accrescimento e sofferenza fetale, gestosi e aumentata incidenza di malformazioni. I problemi dipendono dal tipo di droga assunta, dal dosaggio, dalla via e durata dell assunzione e dalla quantità di droga che raggiunge il feto. Per la salvaguardia del bambino e della madre è necessario che un equipe medica specializzata effettui un accurato monitoraggio durante la gravidanza il parto e il post-partum per evitare il più possibile rischi di infezioni (HIV, epatiti ) o complicanze di vario tipo (Sindrome di Astinenza Neonatale, malformazioni ). Dalle mie ricerche è emerso che la comunità di recupero sembra essere la scelta migliore per le madri dipendenti e i loro bambini. Io ho scelto di visitare la comunità di San Patrignano che è fornita di asilo nido. Ho intervistato le educatrici del nido per comprendere cosa può fare concretamente un educatore per aiutare questi bambini nella crescita e nella ricostruzione del rapporto con il genitore. Le educatrici mi hanno insegnato molto, ho capito che le conoscenze tecniche sono importanti ma non sono l unico requisito; è fondamentale, per essere un buon educatore, conquistare sensibilità, accortezza e capacità di rendere tutto relativo; non ci sono valori assoluti, si lavora nell eccezionale per renderlo più simile al normale. Il rapporto che si va ad instaurare con il genitore deve essere intenso e più intimo rispetto a quello che si instaura in un nido esterno, proprio perché il genitore ha più bisogno di aiuto e di sostegno per la cura del bambino Ho capito che un bravo educatore deve saper trasmettere innanzitutto serenità, pace, senso di appartenenza, deve riuscire a dare al bambino la tranquillità necessaria per aprirsi al mondo. Da qui poi si potrà instaurare un passaggio di conoscenze, si potrà sviluppare un vero e proprio progetto educativo, tenendo sempre conto del punto di partenza del bambino e dell importanza per lui di raggiungere determinate abilità piuttosto che altre. Mi hanno insegnato che lavorare in comunità significa dare tutto e non chiedere niente in cambio, significa non demordere, mettersi in gioco fino in fondo e non dare nulla per scontato mai! Sicuramente l educatore di nido a Sanpa ha un ruolo importante, è visto come 18

18 un vero e proprio sostegno nell educazione e crescita del bambino e la fiducia reciproca tra genitore ed educatore è un punto saldo per creare un rapporto importante. Oggi credo di poter affermare che i miei obiettivi sono stati raggiunti: ho acquisito una conoscenza più approfondita dei danni che droga e alcool possono provocare nel feto e nel bambino, una visione più ampia della realtà che sta dietro ad una comunità di recupero e una maggiore competenza come educatrice. BIBLIOGRAFIA - Amoroso M., Duminuco L. (2000) I genitori tossicodipendenti SER.T AUSL Mestre. - Auriti C. e Filibeck U. (1987) Effetti sul feto e sul neonato dell assunzione eccessiva di alcool in gravidanza Bollettino per le farmacodipendenze e l alcolismo. - Baraldi C. e Piazzi G. (1998) La comunità capovolta Bambini a San Patrignano Editore Franco Angeli. - Bauchner H., Zuckerman B. (1990) Cocaine, sudden infant death syndrome and home monitoring J Pediatr pagg Camposeragna A. (2006) Progetto Maternità in-dipendente Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA). - Careddu P., Chiumello G., Giovannini M., Marini A., Masera G., Principi N. e Sereni F. (1993) Schwarz Tiene Manuale di pediatria 10 edizione Casa Editrice Ambrosiana. - Cavallucci A., Ferri M., Saponaro A. (2003) L attività dei Ser.T in Regione Emilia-Romagna, caratteristiche dell utenza e trattamenti erogati Regione Emilia-Romagna assessorato alle politiche sociali area dipendenze. - Centro Operativo AIDS (COA) (2005) Aggiornamento dei casi di AIDS notificati in Italia al 30 giugno 2005 Notiziario dell Istituto Superiore della Sanità, volume 18 n Cerneud L., Eriksson M., Jonsson B. e altri (1996) Amphetamine addiction during pregnancy 14 year follow-up growth and schoolperformance 19

19 Actapaediatr pagg Cimino M. e Grella P. (2000) Tossicodipendenza e gravidanza ADD n 2 pagg Cosmi E.V., Maranghi L., Gojnic M., Cosmi E. e Salernitano D. (2002) Droghe e gravidanza Annali Istituto Superiore della Sanità volume 38 n.3 pagg Day NL., Richardson GA., Goldschmidt L. e altri (1994) Effect of prenatal Mariyuana exposure on the cognitive development of offspring at age three Neurotoxicol Teratol pagg Furlan e Picci (1989) Alcool, Alcolici, Alcolismo Edizioni Bollati e Boringhieri. - Gabaude B., Gillet JY. (1984) «Toxicomanie et grossesse» - Enc.Med.Chir. pagg Kalberg W., Buckley D. (2006) Educational planning for children with fetal alcohl syndrome Annali Istituto Superiore della Sanità volume 42 n. 1 pagg Maglietta V. e Vecchi V. (2001) Principi di neonatologia Puericultura e pediatria neonatale 1 edizione Casa Editrice Ambrosiana. - Malagoli Togliatti M., Mazzoni S. (1993) Maternità e tossicodipendenza Editore Giuffrè. - Massimiliani E., Finarelli A., Droghini L., Mattivi A., Macini P., (2006) Lo stato dell infezione da HIV/AIDS al 31/12/2005 in regione Emilia-Romagna pagg Mello G., Cioni R., Lucchetti R. (2000) Alcool: fertilità e gravidanza Dipartimento di Ginecologia, perinatologia e riproduzione umana Università degli studi di Firenze Manuale di alcologia parte seconda: aspetti clinici, pagg Ministero della Salute (2005) Aggiornamento sulle conoscenze in tema di terapia antiretrovirale seconda edizione pagg Ministero della Solidarietà Sociale (2005) Relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia. - Mirochnick M., Meyer J., Cole J. e altri (1991) Circulating catecholamine concentrations in cocaine exposed neonates: a pilot study paediatrics - pagg Orsi M. (1994) Donna e salute monografia Salute e Territorio n.92 20

20 settembre-ottobre 1994 pagg Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (2001) Relazione annuale sull evoluzione del fenomeno della droga nell unione europea. - Osservatorio Europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (2006) Relazione annuale sull evoluzione del fenomeno della droga in Europa. - Pavarin R.M. (2005) Rapporto 2005 sulle dipendenze in area metropolitana Osservatorio epidemiologico metropolitano dipendenze patologiche Ausl Bologna pagg Regione Emilia-Romagna (2005) Rapporto sulle caratteristiche dei soggetti contattati dall unità di aiuto, sportello sociale e asili notturni del comune di Bologna Sistema informativo sul disagio sociale. - Società Italiana Alcologica, Associazione Italiana dei Club degli Alcolisti in Trattamento, Istituto Superiore di Sanità, Osservatorio nazionale Alcool, OSSFAD e Centro Alcologico Regionale della Toscana (2005) Alcol: sai cosa bevi? Più sai, meno rischi! Centro Stampa De Vittoria srl - Roma. SITOGRAFIA

21 La professionalità dell educatore dei centri per bambini e genitori Breve indagine conoscitiva della realtà bolognese di Barbara Castaldini Relatrice Prof.ssa Francesca Emiliani PREMESSA Le trasformazioni che hanno investito la famiglia, in particolare a partire dagli anni Sessanta, sulla spinta di un processo culturale di individualizzazione delle persone, hanno portato la genitorialità ad assumere una forte identità sociale autonoma, definita dalla qualità delle relazioni interpersonali e sganciata dall identità sessuata del genitore e dalle prescrizioni sociali storicamente consolidate. Inoltre, le scoperte delle neuroscienze e delle scienze umane aumentano le aspettative sulle competenze dei bambini più piccoli e sugli effetti del modo di essere genitore. Tali fenomeni hanno contribuito a determinare nelle famiglie l emergere di nuovi bisogni educativi e sociali. In risposta a queste trasformazioni i Centri per bambini e genitori si collocano all interno di un sistema integrato di servizi per le famiglie, pensati e progettati per accogliere e accompagnare i bambini da zero a sei anni nelle prime esperienze di socializzazione e di autonomia e, al tempo stesso, sostenere gli adulti nell esercizio del loro ruolo educativo, a partire dalla relazione genitore-bambino. Tali Centri si sono sviluppati in Italia all interno dei nidi, dalla seconda metà degli anni Ottanta sul modello di alcune esperienze europee e, dal 1997 con la legge n. 285, sono stati riconosciuti ufficialmente come servizi a supporto della genitorialità. Ne consegue che i Centri per bambini e genitori hanno delineato nuovi orizzonti professionali per l educatore nido che il presente lavoro si è proposto di esplorare attraverso una breve indagine. Presentazione dell indagine L indagine, rivolta alle educatrici in servizio nei dieci Centri per bambini e genitori del Comune di Bologna, si propone di approfondire la conoscenza della 22

22 professionalità degli educatori che lavorano all interno di tali Centri, focalizzandosi su tre aree principali: il profilo personale e formativo-professionale delle educatrici (età anagrafica, formazione scolastica, anni di servizio e situazione lavorativa); l immagine del lavoro (motivazione, opinione personale sui Centri, soddisfazione lavorativa, sostegno alla genitorialità e necessità per il miglioramento della professione); l immagine dei genitori e degli utenti adulti. Il questionario strutturato a partire da alcuni concetti-chiave ricavati dalla mia esperienza di tirocinante e dalla letteratura di riferimento si compone di dieci domande di cui una aperta e nove a risposta chiusa a cui segue, per alcune di esse, la richiesta di approfondimenti personali attraverso una domanda aperta. I questionari consegnati e ritirati, dal 17/6/2006 al 6/7/2006, sono stati n. 40, mentre quelli restituiti sono stati n. 35, pari quindi al 87,5% del campione inizialmente considerato. Presentazione dei risultati Il profilo personale e formativo-professionale del campione è rappresentato da sole donne, prevalentemente nel pieno della maturità personale e professionale, in possesso di titoli di studio eterogenei e che hanno frequentato corsi di aggiornamento professionale. Circa l immagine del lavoro emerge che la maggioranza delle educatrici (83%) ha espressamente scelto di operare all interno dei Centri per una crescita professionale o per il desiderio di lavorare con le famiglie, dichiarandosi soddisfatta di tale scelta (88%), mentre solo il 6% non lo è. L elemento di maggiore stimolo risulta essere la relazione triadica, anche se alcune ne sottolineano la difficoltà e fatica. Il campione esprime unanimità nell attribuire una funzione educativa a tali Centri ( molto utili per il 77% e utili 23%) in quanto luoghi di aggregazione alternativi all asilo nido e all ambiente familiare, in cui i bambini vivono le prime esperienze di socializzazione e gli adulti ricevono un sostegno educativo, volto a prevenire il disagio familiare e infantile. A tal riguardo il 91% delle educatrici attribuisce alla propria attività lavorativa una specifica funzione di sostegno alla genitorialità attuata attraverso la promozione e la condivisione di stili educativi fra genitori. Per migliorare la funzione professionale il campione identifica come prioritari 23

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni)

presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) presenta: CUCCIOLI SPRINT (progetto di attività cognitivo-motoria per bambini dai 20 mesi ai tre anni) Premessa: Sportivissimo a.s.d. è un associazione affiliata all ACSI e al CONI che intende promuovere

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D

LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA. Dr.ssa Anita Casadei Ph.D LA PATOLOGIA DEL SE NEI DISTURBI DI PERSONALITA Dr.ssa Anita Casadei Ph.D L istanza psichica del Sé è il cardine centrale della teoria di Kohut, u Quale totalità psichica che si sviluppa e si consolida

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO CONTINUITÀ SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA Progetto in rete degli Istituti Comprensivi di: Fumane, Negrar, Peri, Pescantina, S. Ambrogio di Valpolicella, S. Pietro in Cariano. Circolo Didattico

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio

I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA INTRODUZIONE 1. di Mario Comoglio I-12 LA VALUTAZIONE AUTENTICA di Mario Comoglio INTRODUZIONE 1 Non è raro imbattersi in articoli e in interventi ministeriali che affrontano la questione di come valutare l apprendimento degli studenti.

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE.

LA COMUNICAZIONE NON VERBALE IN ETA' PRESCOLARE. Dipartimento di studi umanistici Corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria Modulo di Elementi di Psicometria applicata alla didattica IV infanzia A.A. 2013/2014 LA COMUNICAZIONE NON VERBALE

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!!

UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! UNA ZUPPA CON UN SASSO? E NON SOLO PERCHE LE VERDURE DANNO SAPORE!!! SEDANO CAVOLO FINOCCHIO INTERPRETAZIONE GRAFICA DAL VERO CAROTA ZUCCHINA POMODORO E IL SASSO?...NON SI MANGIA MA SI USA PER GIOCARE

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE

Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni LA RIABILITAZIONE Orientamenti per famiglie e operatori di bambini con sindrome di Down da 0 a 6 anni 2 LA RIABILITAZIONE I momenti successivi alla prima comunicazione che i genitori ricevono sulla condizione genetica del

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC

FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC FORMAZIONE SUL CAMPO (FSC) E CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ECM ALLE ATTIVITA di FSC La formazione sul campo (di seguito, FSC) si caratterizza per l utilizzo, nel processo di apprendimento, delle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO.

L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. L ADOZIONE NELLA PROVINCIA DI TRENTO: LE PROBLEMATICHE DELLE FAMIGLIE E LE RISPOSTE DEI SERVIZI NEL PERIODO SUCCESSIVO AL PRIMO ANNO POST- ADOTTIVO. Ricercatrice: Serena Bezzi Trento, gennaio 2009 - giugno

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli