insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché,"

Transcript

1 Grazia Cesari Buongiorno a tutti. Ringrazio innanzitutto l Assemblea Legislativa per avermi invitato a questo evento, in quanto mi consente da un lato di presentare l esperienza di questi anni nella Giunta della Regione Emilia Romagna, dall altro di ascoltare e di condividere gli interventi che faranno le colleghe delle altre regioni invitate, perché, indubbiamente, questa è un occasione molto importante anche come scambio di esperienze e arricchimento reciproco. Io sono responsabile del Servizio Sistema Informativo - Informatico regionale e quindi uno dei cosiddetti tecnici a cui accennava prima il Presidente Richetti. L obiettivo del mio intervento è descrivere il lavoro svolto in applicazione del codice dell amministrazione digitale, rimarcare i risultati ottenuti, sottolineare le difficoltà incontrate, descrivere cosa stiamo facendo e cosa vogliamo ancora fare. Innanzitutto, brevemente, riepilogo i principi ispiratori del CAD, che sono stati anche i principi che abbiamo cercato di seguire in questi anni. Innanzitutto, uno dei principi ispiratori è la riorganizzazione dell attività amministrativa, quindi una digitalizzazione finalizzata a riorganizzare innanzitutto i back office, perché senza una riorganizzazione dei back office è ingenuo potere pensare di digitalizzare e riorganizzare il front-office, cioè tutti i rapporti che la pubblica amministrazione ha con la sua utenza (cittadini e imprese). Tutto ciò con l obiettivo di dare maggiore trasparenza dell attività amministrativa, con la consapevolezza dell estrema importanza dello scambio di dati fra le Pubbliche Amministrazioni, attraverso i sistemi di cooperazione applicativa, di interoperabilità, al fine di semplificare la vita anche agli utenti che si debbono rapportare con le pubbliche amministrazioni per le varie pratiche. Inoltre la prospettiva non deve essere improntata su un punto di vista autoreferenziale, ma deve riservare particolare attenzione alla soddisfazione dell utente: occorre quindi cercare sempre di attivare meccanismi che consentano alla pubblica amministrazione di rilevare la soddisfazione degli utenti che utilizzano i servizi. Infine, non ultimo, dal momento che le pubbliche amministrazioni hanno un patrimonio informativo molto ricco, molto importante, uno dei capisaldi che si sta affermando è quello legato alla problematica degli open data, mettere cioè a valore tutto il patrimonio informativo delle nostre banche dati. Dunque, se questi sono i principi ispiratori, quali sono gli strumenti che il CAD individua come strumenti per l attuazione del raggiungimento degli obiettivi conseguenti? Innanzitutto, la produzione di documenti, non semplicemente elettronici, ma documenti informatici nativi, cioè produzione di documenti originali direttamente in formato elettronico redatti e conservati sotto forma di bit e nelle modalità previste dalle norme. Il sistema di protocollo informatico, la possibilità di avere fascicoli elettronici, l utilizzo quasi esclusivo della posta elettronica e della posta elettronica certificata per le comunicazioni con cittadini, imprese e P.A. e tra P.A., strumenti di autenticazione, di identificazione informatica, firma digitale per l integrità dei documenti, per la verifica dell autenticità di chi firma il documento sono gli elementi indispensabili che compongono il complesso della de-materializzazione. A questi strumenti va aggiunto il sistema pubblico di connettività, che non è solo una rete, ma, un

2 insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché, se la pubblica amministrazione deve comunicare per facilitare e per semplificare la vita degli utenti, deve avere anche degli standard, deve parlare con dei linguaggi comprensibili, deve disporre di strumentazioni con cui sia agevole scambiarsi dei documenti, dei dati e delle informazioni. Ovviamente, anche questo ciclo di processi, di procedimenti può dare vita anche a dei pagamenti per la pubblica amministrazione e pertanto vanno attivati strumenti per i pagamenti informatici. Altro strumento sono poi gli open data, finalizzati a rendere pubblici i dati della pubblica amministrazione e, cosa estremamente importante, è che se la pubblica amministrazione vuole dare tutti questi servizi, vuole soddisfare l utente, deve anche preoccuparsi che tutti questi servizi ci siano, diano fiducia agli utenti, siano capaci anche di assicurare la continuità operativa. Quindi, il problema della continuità operativa e della salvaguardia (disaster recovery), debbono essere affrontati proprio per assicurare che i servizi siano sempre disponibili. Se questa è una breve panoramica dei principi e degli strumenti che individua il CAD, in Regione Emilia Romagna il percorso parte da lontano: è partito nella prima fase di e-gov, quindi è dal 2002 che ci siamo preoccupati innanzitutto di digitalizzare il back office, proprio perché abbiamo pensato che fosse difficile preoccuparsi del front office senza avere un back office strutturato. Quindi abbiamo cominciato ad implementare una serie di servizi: una infrastruttura di firma digitale, un sistema di gestione documentale, un protocollo informatico; un sistema di posta elettronica, ma anche di posta elettronica certificata, un infrastruttura di timbro digitale. Sul Timbro Digitale nel 2008 la Regione Emilia Romagna ha fatto un investimento importante sul timbro digitale, non solo per utilizzarlo come ente, ma per metterlo a disposizione anche degli enti pubblici del territorio, proprio perché possano utilizzarlo anche nella produzione di certificati e di documenti che poi vengano trasposti su supporto cartaceo. Sulla base di questi capisaldi, abbiamo cominciato a de-materializzare i processi interni, i processi trasversali all ente, quindi la gestione degli atti, la gestione della spesa, il bollettino ufficiale regionale di cui ha parlato prima la dott.ssa Anna Voltan e di cui darò dopo poi qualche elemento anche quantitativo, la gestione del patrimonio immobiliare, che peraltro stiamo anche costruendo affinché ci possa fornire gli asset e quindi la banca dati di tutte le sedi, di tutti gli uffici, anche per poter arrivare a gestire la sicurezza sui luoghi di lavoro. Alcuni risultati. Noi siamo arrivati oggi ad avere quello che chiamiamo un ambiente unico del dipendente e del dirigente, che è visibile attraverso il portale di comunicazione INTERNOS. Un ambiente quindi integrato di comunicazione, richieste, autorizzazioni, funzionale alla gestione dei rapporti tra il dipendente e l amministrazione, tra il dipendente e il dirigente, per tutti quei processi autorizzativi interni all amministrazione. Noi oggi abbiamo automatizzato tutto il sistema di gestione delle presenze - assenze, del trattamento economico, delle dichiarazioni fiscali, assicurazione sanitaria, trasferte, missioni. Ho riportato alcuni indicatori di efficientamento della macchina amministrativa (slides 5-8),

3 risultati ottenuti in sei mesi. Abbiamo abbattuto del 95% i tempi di gestione operativa del servizio di gestione e amministrazione del personale in fase di stipendi, abbiamo abbassato gli step procedurali relativi a tutto il processo di gestione delle risorse umane. Con due unità di personale in meno abbiamo aumentato da 4 a 12 i flussi stipendiari: retribuiamo non solo dipendenti, ma anche i co.co.co, gli amministratori, eroghiamo le indennità dei Consiglieri, e i compensi dei collaboratori dell Assemblea Legislativa. Abbiamo attivato in tempi non sospetti un piccolo cloud: facciamo gli stipendi anche per l azienda per il diritto allo studio Er-go, paghiamo anche il servizio civile, i lavoratori socialmente utili, quindi nel tempo, a fronte di un calo del personale, abbiamo triplicato i flussi di pagamento stipendiali. Complessivamente abbiamo valutato che c è stato un aumento del 40% dell efficientamento del processo di pagamento di gestione delle presenze e del pagamento degli stipendi. La riduzione del tempo che noi abbiamo rilevato, a fronte anche di un cambiamento contrattuale, di un cambiamento normativo, si è abbassato da 20 giorni a 8 ore. Sulle missioni abbiamo avuto dei vantaggi incredibili, perché, mentre prima c era un processo di autorizzazione interno al servizio, alla struttura, alla direzione, completamente slegato rispetto all erogazione dell anticipo per la missione che è invece un processo interno ala cassa economale, tutto questo è stato assolutamente integrato in modo tale che, nel momento stesso in cui il dipendente chiede l autorizzazione al proprio dirigente per andare in missione, contemporaneamente fa richiesta anche dell anticipo e non ha più bisogno di andare allo sportello della cassa che si trova unicamente qui in Fiera District, mentre abbiamo servizi distribuiti su tutto il territorio regionale. Oggi la comunicazione arriva direttamente alla cassa economale che provvede a versare l anticipo direttamente nel conto corrente del dipendente. Altri risultati: la firma digitale è stata applicata innanzitutto ai documenti che venono prodotti, alla gestione di atti monocratici, perché invece le delibere vengono ancora gestite in modo cartaceo, il BUR telematico di cui si parlava prima è stato un progetto molto interessante, molto sfidante, ci hanno peraltro anche premiato al forum PA di quest anno; credo veramente che sia stato, al di là del premio, un progetto di eccellenza: da un lato, a fronte di un investimento di meno di euro nel 2009, ha prodotto un risparmio di circa 2 milioni di euro l anno che erano i costi della produzione del BUR (tipografia e distribuzione dei bollettini cartacei). Quindi tutto il progetto del bollettino telematico ha prodotto sicuramente dei risparmi tangibili oltre al fatto di essere stato un progetto di eccellenza perché non è stato solo un progetto interno all amministrazione, ma ha coinvolto tutti gli enti produttori di documenti. C è stata anche una riqualificazione molto interessante del personale della Regione, che da mero revisore delle bozze è diventato un produttore, perché il personale è stato formato e ha cominciato a utilizzare dei prodotti di editing per confezionare il bollettino che poi viene pubblicato sul sito istituzionale della Regione. In termini di indicatori, giusto per darvi l idea di quello che è il livello di digitalizzazione dell ente (cito i dati della Giunta), parliamo di circa documenti prodotti internamente come documenti digitali, circa 50 documenti originali digitali (firmati digitalmente), ricevuti dall ente, che vengono automaticamente riversati al polo archivistico regionale di cui vi parlerà

4 dopo l ing. Zucchini e di circa atti monocratici originali digitali che la Giunta produce ogni anno. Nell insieme noi mandiamo alla conservazione sostitutiva a norma circa documenti digitali. Complessivamente, stiamo parlando di registrazioni di protocollo, di cui circa con allegati digitali e circa fascicoli ogni anno. Anche noi siamo nelle condizioni del protocollo pigliatutto - mi è piaciuta molto questa definizione e questi dati indicano il volume documentario che transita nel nostro patrimonio informatico. Relativamente alla posta elettronica, che il CAD individua come uno strumento facilitatore e abilitatore per le comunicazioni con la pubblica amministrazione, abbiamo raggiunto una corrispondenza 1/1 tra dipendente e casella di posta elettronica individuale. Ci sono molte più caselle di posta elettronica, rispetto ai dipendenti perché ovviamente, oltre a quelle individuali, ci sono quelle relative alle strutture e relative ai progetti. Per quanto riguarda invece la PEC, abbiamo invece una corrispondenza 1/1 tra caselle di posta elettronica certificata e strutture che sono in gran parte state (questo è un lavoro che abbiamo fatto recentemente) collegate e integrate col protocollo informatico, per facilitare il lavoro degli operatori perché, come voi sapete, nella posta elettronica certificata, che peraltro noi acquisiamo in cloud da un fornitore accreditato, le mail arrivano sull interfaccia messa a disposizione dal fornitore stesso, dopodiché era abbastanza complicato per l operatore aprirsi la PEC, salvare il documento, salvare le ricevute (fondamentali per la PEC) e poi integrarle nel protocollo. Oggi è possibile aprire direttamente la PEC e protocollare tutto, sia il documento, sia tutte le ricevute. Abbiamo circa mail da marzo 2011, da quando abbiamo fatto questa integrazione, tra cui circa 500 DURC ( documento unico di regolarità contributiva); abbiamo circa mail di richieste di finanziamento ricevute dalle imprese: quest anno abbiamo attivato anche un bando di finanziamento delle imprese, attivando l intero processo che va dalla presentazione della domanda fino all inoltro, all arrivo e alla conservazione su un sistema della Regione in maniera completamente telematica. Altro elemento di cui parla il CAD è il contenuto e i servizi dei siti online della P.A.. Su questo tema non la faccio molto lunga, però credo che sia evidente a tutti che nel tempo, quindi dal 95, da quando abbiamo cominciato ad avere i nostri siti istituzionali sul web, ad arrivare ad oggi, 15 anni dopo, i siti sono aumentati in una maniera esponenziale, a volte anche con ridondanza di esposizione, a volte anche con incoerenza di informazione. Il CAD pone anche degli indirizzi e degli obblighi per quelli che sono i contenuti dei siti web. Sicuramente ci deve essere un indirizzo di PEC istituzionale a cui i cittadini si possano rivolgere, occorre pubblicare i moduli e i formulari gli utenti debbono utilizzare per l avvio di procedimenti amministrativi, m soprattutto sono state fornite linee guida per la razionalizzazione dei siti web. Su questo tema abbiamo lavorato molto, oltre che per rispondere agli obblighi del CAD, anche per riorganizzare la comunicazione istituzionale della Giunta. Vi do un numero: quando siamo partiti con questo progetto di razionalizzazione dei siti web, abbiamo censito 225 siti web, una media di un sito ogni 14 dipendenti circa. Quindi, è stato un lavoro molto difficoltoso, che è ancora in iter, è un work in progress, perché ovviamente c è sempre un po di reticenza nel

5 cercare di rinunciare, di dismettere qualche informazione. Adesso siamo nella fase in cui si sono definiti una cabina di regia e una serie di linee guida per la riorganizzazione della comunicazione. Si è inoltre individuato un sistema di portali e di siti (per ora riportati a 75 unità). Ovviamente, la nostra attenzione (lo dico perché è un po un fiore all occhiello di cui ne sono anche un po orgogliosa, perché su questo tema non abbiamo atteso il CAD, ma abbiamo cominciato ben prima) si è concentrata sul fatto che i servizi che vengono pubblicati sui nostri siti web siano accessibili a tutte le fasce di popolazione, quindi a persone abili e a persone diversamente abili. Abbiamo attivato al nostro interno un processo di produzione dei servizi online, per cui prima di fare l upload di servizi online, noi facciamo fare i test di accessibilità a diverse tipologie di disabili, che poi ci danno un feedback. Oltre all accessibilità dedichiamo anche estrema attenzione alla sicurezza dei dati, perché da quando i servizi sono esposti in internet, bisogna fare molta attenzione anche alla protezione dei dati personali, quindi anche alle metodologie con cui si sviluppano le applicazioni e anche alla tipologia dei dati che si espongono. Per quanto riguarda l accesso ai servizi, perché oggigiorno non abbiamo più solo mere informazioni diffuse, ma abbiamo proprio dei servizi che quindi prevedono un interazione anche con gli utenti, ci siamo preoccupati anche di attivare un sistema di identificazione e autorizzazione degli utenti. Siamo partiti nel 2007 come Regione, come Giunta, attivando un sistema di identity ed access managemen (IAM)t, per gestire gli utenti di tutti i nostri sistemi applicativi e le relative autorizzazioni: in termini di razionali vi dico che sono circa i dipendenti e gli utenti interni dei nostri servizi, delle nostre applicazioni, ma sono circa gli utenti che noi chiamiamo extrarer, ossia gli utenti che non lavorano dall interno della rete regionale, sono utenti esterni che però utilizzano le applicazioni che vengono prodotte dalla Regione. Quindi era necessario avere un sistema che ci consentisse di gestire tutto il ciclo di vita di queste identità digitali in una maniera non artigianale ma di sistema. Il prossimo passo, quello che stiamo facendo, è l integrazione di questo IAM della Giunta in un sistema federato, che è il sistema Federa. Federa, un progetto del piano telematico regionale, proprio per consentire l accesso ai servizi in una maniera federata per tutto il territorio, per tutti gli utenti dei servizi. Altro elemento: la cooperazione applicativa, un altro strumento previsto dal CAD, per consentire uno scambio automatico o cooperazione fra sistemi informativi della PA, per non obbligare l utente a recarsi fisicamente presso le pubbliche amministrazioni. Dopo anni di partecipazione al progetto ICAR (Interoperabilità e Cooperazione Applicativa fra le Regioni), abbiamo attivato e disponiamo dell infrastruttura di cooperazione applicativa pronta per potere cooperare fra amministrazioni. Per quanto riguarda poi i pagamenti elettronici (altro elemento su cui il CAD insiste molto), nel piano telematico regionale precedente era già stato inserito il progetto PAYER, che prevede la costituzione e la realizzazione di una piattaforma multi canale regionale a disposizione non solo dell ente regione, ma di tutti gli enti del territorio, per consentire di ricevere i pagamenti che vengono rivolti alla pubblica amministrazione. Peraltro noi che abbiamo realizzato tanti anni fa il primo esempio di e-commerce

6 quando abbiamo aperto il sito dell archivio cartografico, il negozio della Regione Emilia Romagna che vende carte, foto e pubblicazioni regionali, oggi stiamo lavorando per poterlo integrare in questa piattaforma di pagamenti, Sul fronte della soddisfazione degli utenti, invece è l aspetto su cui siamo un po più acerbi, perché effettivamente da tanti anni abbiamo attivato uno strumento CRM, cioè di gestione dei contatti degli utenti, che viene utilizzato non solo dal nostro URP, ma anche dagli sportelli di AGREA, dalla Protezione Civile per registrare tutti i contatti con gli utenti, e ora intendiamo integrarlo anche con il sistema di gestione dei contenuti web proprio per potere consentire anche la rilevazione, e quindi non solo la mera registrazione dei contatti, e l interazione con gli utenti per raccogliere il loro grado di soddisfazione. Per quanto riguarda la continuità operativa, anche questo ovviamente è un punto estremamente importante, perché se la pubblica amministrazione deve preoccuparsi di erogare tutti questi servizi, ovviamente si deve preoccupare di essere capace di erogarli, deve essere capace di assicurare continuità operativa anche in caso di disastri e di incidenti informatici e non. Ne abbiamo fatte di cose, abbiamo finito? Assolutamente no. Abbiamo un ampia agenda di work in progress, perché stiamo comunque lavorando sul patto di stabilità territoriale, su cui la Regione si sta attivando per vedere di poter fare delle compensazioni sia a livello orizzontale che a livello verticale, quindi stiamo attivando i sistemi informativi che consentano di raccogliere dagli enti i dati di bilancio della spesa, proprio per potere fare anche dei cruscotti informativi, per supportare le decisioni politiche e le strategie. Sul fronte dello sportello del dipendente e del dirigente stiamo andando avanti per lavorare invece sulla gestione della vita professionale del dipendente: reclutamento, bandi di concorso online, mobilità, ma anche formazione, curriculum, promozione di carriera, valutazione. Tutti i processi che adesso ci sono ma che sono gestiti separatamente, dovranno arrivare ad unità nel fascicolo digitale del dipendente. Per avere il fascicolo digitale del dipendente, credo che sia ingenuo pensare che si debbano scannerizzare tutti i documenti cartacei o quantomeno si può anche pensare di farlo, ma se noi non cominciamo a lavorare, a strutturare i dati e le informazioni che vanno poi a confluire nel fascicolo del dipendente, credo che gireremmo a vuoto. Per arrivare ad avere un fascicolo digitale del dipendente, anche se per molti anni sarà anche un fascicolo misto, dobbiamo preoccuparci di lavorare sulla strutturazione delle informazioni e sui processi che vanno a produrre i dati del fascicolo. Tutto questo in allineamento con il progetto interregionale PRODE, a cui anche le colleghe delle altre regioni partecipano; proseguendo nella de-materializzazione dei processi interni, attraverso la nuova piattaforma di infrastrutture documentali, che noi chiamiamo doc-er, stiamo andando nella direzione di eliminare il protocollo pigliatutto ossia di eliminare il passaggio obbligatorio attraverso il protocollo per archiviare i documenti nel sistema di gestione documentale. Quello che noi vogliamo ottenere è uno strato applicativo, che possa essere comunque indipendente dal sistema documentale scelto, che ci consenta di digitalizzare gli altri processi che non necessariamente debbono passare dal

7 protocollo, vedi ad esempio il processo di fatturazione elettronica e il DURC. In più, si proseguirà sicuramente, grazie anche all aiuto delle direzioni settoriali, sulla de-materializzazione dei processi nei confronti dei nostri stake holders. Quindi il sistema informativo del lavoro, dell agricoltura (Agri Servizi che comunque ha automatizzato tutte quelle che sono le pratiche Agrea), la sanità online, il fascicolo sanitario online, catasto e fiscalità, sono tutti processi di de-materializzazione già in corso, e che non c è tempo di raccontare. Indico i temi, semplicemente per dire quanto lavoro abbiamo fatto e quanto ce ne aspetta ancora. Vorrei concludere con una metafora. Spesso nelle pareti domestiche mi capita di ricordare che convivenza fa rima con pazienza, e non a caso! Oggi vorrei ricordare che digitalizzazione, dematerializzazione fanno rima, non a caso, con innovazione, semplificazione, ma possono far rima anche con confusione. Quindi, non è detto che quando si de-materializza o si digitalizza un processo la cosa vada sempre bene. Non è detto che de materializzando necessariamente si semplifichi o che si innovi: a volte si possono creare anche delle confusioni se non si fa estrema attenzione! Bisogna essere molto attenti, molto precisi, fare un analisi molto attenta e scrupolosa del processo che si intende de materializzare! E in più, aggiungo che bisogna avere anche passione, riuscire anche a gettare il cuore oltre l ostacolo, non fermarci di fronte alla paura dei cambiamenti, alle difficoltà economiche, alla mancanza di risorse. Bisogna che tutti noi facciamo con passione questo lavoro. Sicuramente è importante quello che diceva il Presidente Richetti all inizio, all apertura di questo intervento, è necessaria una comprensione e una collaborazione non solo fra tecnici, ma anche a livello politico. Vi ringrazio dell attenzione.

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna

La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Direzione generale degli affari generali e riforma La Pubblica Amministrazione Digitale in Sardegna Dematerializzazione dei document i dell Amministrazione Regionale Conferenza stampa dell Assessore Massimo

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina

Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Ordine degli Ingegneri Provincia di Latina Commissione Ingegneria dell Informazione La Firma Digitale e La PEC Come Strumenti di Comunicazione Nell era digitale GdL:Ingg Luigi Di Santo Filippo Filippella

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017

Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 Allegato 1 L AGENDA PER LA SEMPLIFICAZIONE 2015-2017 \ Premessa L obiettivo generale I settori chiave di intervento La cittadinanza digitale Il welfare e la salute Il fisco L edilizia L impresa Gli strumenti

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE

LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE LO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE I problemi del sistema vigente Lo Sportello Unico per le attività Produttive (SUAP) non ha avuto diffusione su tutto il territorio nazionale e non ha sostituito

Dettagli

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali

Cos è il protocollo? Valore giuridico e gestionale. Contenuti. Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Contenuti Il servizio di protocollo informatico ed i flussi documentali Le indicazioni e gli obiettivi fondamentali Gli scenari Il servizio di protocollo informatico in ASP del CNIPA Le check list Protocollo

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Comoda, sicura, conveniente. Legale.

Comoda, sicura, conveniente. Legale. Comoda, sicura, conveniente. Legale. 80.000 caselle attivate. E voi, cosa aspettate? InfoCert è il più importante gestore di Posta Elettronica Certificata. Legalmail è il servizio pensato per professionisti,

Dettagli

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA Supplemento ordinario alla Gazzetta Uf ciale n. 6 del 10 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale -

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

Lo stato dell arte del Responsabile del trattamento dei dati personali e del Responsabile della Conservazione nella PA

Lo stato dell arte del Responsabile del trattamento dei dati personali e del Responsabile della Conservazione nella PA Lo stato dell arte del Responsabile del trattamento dei dati personali e del Responsabile della Conservazione nella PA Il Responsabile del Trattamento dei Dati personali e il Responsabile della Conservazione

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE

GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE GESTIONE INFORMATICA DOCUMENTALE IRIDE e un sistema integrato ed innovativo di Gestione Documentale. Si presenta come una piattaforma modulare che realizza da un lato il tracciamento e la esecuzione automatica

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno

Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Domanda di iscrizione alla prova di accesso ai Corsi di Specializzazione alle attività di sostegno Sommario Introduzione 1 Assistenza. 2 Accedi ai servizi on line. 2 Accesso all area riservata. 3 Domanda

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Regolamento tecnico interno

Regolamento tecnico interno Regolamento tecnico interno CAPO I Strumenti informatici e ambito legale Articolo 1. (Strumenti) 1. Ai sensi dell articolo 2, comma 5 e dell articolo 6, comma 1, l associazione si dota di una piattaforma

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra

Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Gestire le informazioni con un sorriso sulle labbra Enterprise Content Management vi semplifica la vita Enterprise-Content-Management Gestione dei documenti Archiviazione Workflow www.elo.com Karl Heinz

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice

Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria. Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Progetto GOL! Giustizia On Line Distretti di Catanzaro e Reggio Calabria Il PCT per il Professionista ausiliario del Giudice Sommario INTRODUZIONE... 3 IL PROCESSO CIVILE TELEMATICO... 3 OBBLIGO DEL DEPOSITO

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014

CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 CIRCOLARE N. 65 del 10 aprile 2014 Modalità per l accreditamento e la vigilanza sui soggetti pubblici e privati che svolgono attività di conservazione dei documenti informatici di cui all'articolo 44-bis,

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali

EESSI. Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO EESSI. Direzione centrale Pensioni Convenzioni Internazionali Electronic Exchange of Social Security Information PROGETTO 1 Il passato appena trascorso 2006 Studio di fattibilità 2007 Accordo sull Architettura di Alto Livello di Il presente Basi Legali Articolo 78

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli