insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché,

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché,"

Transcript

1 Grazia Cesari Buongiorno a tutti. Ringrazio innanzitutto l Assemblea Legislativa per avermi invitato a questo evento, in quanto mi consente da un lato di presentare l esperienza di questi anni nella Giunta della Regione Emilia Romagna, dall altro di ascoltare e di condividere gli interventi che faranno le colleghe delle altre regioni invitate, perché, indubbiamente, questa è un occasione molto importante anche come scambio di esperienze e arricchimento reciproco. Io sono responsabile del Servizio Sistema Informativo - Informatico regionale e quindi uno dei cosiddetti tecnici a cui accennava prima il Presidente Richetti. L obiettivo del mio intervento è descrivere il lavoro svolto in applicazione del codice dell amministrazione digitale, rimarcare i risultati ottenuti, sottolineare le difficoltà incontrate, descrivere cosa stiamo facendo e cosa vogliamo ancora fare. Innanzitutto, brevemente, riepilogo i principi ispiratori del CAD, che sono stati anche i principi che abbiamo cercato di seguire in questi anni. Innanzitutto, uno dei principi ispiratori è la riorganizzazione dell attività amministrativa, quindi una digitalizzazione finalizzata a riorganizzare innanzitutto i back office, perché senza una riorganizzazione dei back office è ingenuo potere pensare di digitalizzare e riorganizzare il front-office, cioè tutti i rapporti che la pubblica amministrazione ha con la sua utenza (cittadini e imprese). Tutto ciò con l obiettivo di dare maggiore trasparenza dell attività amministrativa, con la consapevolezza dell estrema importanza dello scambio di dati fra le Pubbliche Amministrazioni, attraverso i sistemi di cooperazione applicativa, di interoperabilità, al fine di semplificare la vita anche agli utenti che si debbono rapportare con le pubbliche amministrazioni per le varie pratiche. Inoltre la prospettiva non deve essere improntata su un punto di vista autoreferenziale, ma deve riservare particolare attenzione alla soddisfazione dell utente: occorre quindi cercare sempre di attivare meccanismi che consentano alla pubblica amministrazione di rilevare la soddisfazione degli utenti che utilizzano i servizi. Infine, non ultimo, dal momento che le pubbliche amministrazioni hanno un patrimonio informativo molto ricco, molto importante, uno dei capisaldi che si sta affermando è quello legato alla problematica degli open data, mettere cioè a valore tutto il patrimonio informativo delle nostre banche dati. Dunque, se questi sono i principi ispiratori, quali sono gli strumenti che il CAD individua come strumenti per l attuazione del raggiungimento degli obiettivi conseguenti? Innanzitutto, la produzione di documenti, non semplicemente elettronici, ma documenti informatici nativi, cioè produzione di documenti originali direttamente in formato elettronico redatti e conservati sotto forma di bit e nelle modalità previste dalle norme. Il sistema di protocollo informatico, la possibilità di avere fascicoli elettronici, l utilizzo quasi esclusivo della posta elettronica e della posta elettronica certificata per le comunicazioni con cittadini, imprese e P.A. e tra P.A., strumenti di autenticazione, di identificazione informatica, firma digitale per l integrità dei documenti, per la verifica dell autenticità di chi firma il documento sono gli elementi indispensabili che compongono il complesso della de-materializzazione. A questi strumenti va aggiunto il sistema pubblico di connettività, che non è solo una rete, ma, un

2 insieme fatto di tecnologia (in cui ci sono sì delle reti che lo caratterizzano), ma anche di standard, di regole organizzative e procedurali perché, se la pubblica amministrazione deve comunicare per facilitare e per semplificare la vita degli utenti, deve avere anche degli standard, deve parlare con dei linguaggi comprensibili, deve disporre di strumentazioni con cui sia agevole scambiarsi dei documenti, dei dati e delle informazioni. Ovviamente, anche questo ciclo di processi, di procedimenti può dare vita anche a dei pagamenti per la pubblica amministrazione e pertanto vanno attivati strumenti per i pagamenti informatici. Altro strumento sono poi gli open data, finalizzati a rendere pubblici i dati della pubblica amministrazione e, cosa estremamente importante, è che se la pubblica amministrazione vuole dare tutti questi servizi, vuole soddisfare l utente, deve anche preoccuparsi che tutti questi servizi ci siano, diano fiducia agli utenti, siano capaci anche di assicurare la continuità operativa. Quindi, il problema della continuità operativa e della salvaguardia (disaster recovery), debbono essere affrontati proprio per assicurare che i servizi siano sempre disponibili. Se questa è una breve panoramica dei principi e degli strumenti che individua il CAD, in Regione Emilia Romagna il percorso parte da lontano: è partito nella prima fase di e-gov, quindi è dal 2002 che ci siamo preoccupati innanzitutto di digitalizzare il back office, proprio perché abbiamo pensato che fosse difficile preoccuparsi del front office senza avere un back office strutturato. Quindi abbiamo cominciato ad implementare una serie di servizi: una infrastruttura di firma digitale, un sistema di gestione documentale, un protocollo informatico; un sistema di posta elettronica, ma anche di posta elettronica certificata, un infrastruttura di timbro digitale. Sul Timbro Digitale nel 2008 la Regione Emilia Romagna ha fatto un investimento importante sul timbro digitale, non solo per utilizzarlo come ente, ma per metterlo a disposizione anche degli enti pubblici del territorio, proprio perché possano utilizzarlo anche nella produzione di certificati e di documenti che poi vengano trasposti su supporto cartaceo. Sulla base di questi capisaldi, abbiamo cominciato a de-materializzare i processi interni, i processi trasversali all ente, quindi la gestione degli atti, la gestione della spesa, il bollettino ufficiale regionale di cui ha parlato prima la dott.ssa Anna Voltan e di cui darò dopo poi qualche elemento anche quantitativo, la gestione del patrimonio immobiliare, che peraltro stiamo anche costruendo affinché ci possa fornire gli asset e quindi la banca dati di tutte le sedi, di tutti gli uffici, anche per poter arrivare a gestire la sicurezza sui luoghi di lavoro. Alcuni risultati. Noi siamo arrivati oggi ad avere quello che chiamiamo un ambiente unico del dipendente e del dirigente, che è visibile attraverso il portale di comunicazione INTERNOS. Un ambiente quindi integrato di comunicazione, richieste, autorizzazioni, funzionale alla gestione dei rapporti tra il dipendente e l amministrazione, tra il dipendente e il dirigente, per tutti quei processi autorizzativi interni all amministrazione. Noi oggi abbiamo automatizzato tutto il sistema di gestione delle presenze - assenze, del trattamento economico, delle dichiarazioni fiscali, assicurazione sanitaria, trasferte, missioni. Ho riportato alcuni indicatori di efficientamento della macchina amministrativa (slides 5-8),

3 risultati ottenuti in sei mesi. Abbiamo abbattuto del 95% i tempi di gestione operativa del servizio di gestione e amministrazione del personale in fase di stipendi, abbiamo abbassato gli step procedurali relativi a tutto il processo di gestione delle risorse umane. Con due unità di personale in meno abbiamo aumentato da 4 a 12 i flussi stipendiari: retribuiamo non solo dipendenti, ma anche i co.co.co, gli amministratori, eroghiamo le indennità dei Consiglieri, e i compensi dei collaboratori dell Assemblea Legislativa. Abbiamo attivato in tempi non sospetti un piccolo cloud: facciamo gli stipendi anche per l azienda per il diritto allo studio Er-go, paghiamo anche il servizio civile, i lavoratori socialmente utili, quindi nel tempo, a fronte di un calo del personale, abbiamo triplicato i flussi di pagamento stipendiali. Complessivamente abbiamo valutato che c è stato un aumento del 40% dell efficientamento del processo di pagamento di gestione delle presenze e del pagamento degli stipendi. La riduzione del tempo che noi abbiamo rilevato, a fronte anche di un cambiamento contrattuale, di un cambiamento normativo, si è abbassato da 20 giorni a 8 ore. Sulle missioni abbiamo avuto dei vantaggi incredibili, perché, mentre prima c era un processo di autorizzazione interno al servizio, alla struttura, alla direzione, completamente slegato rispetto all erogazione dell anticipo per la missione che è invece un processo interno ala cassa economale, tutto questo è stato assolutamente integrato in modo tale che, nel momento stesso in cui il dipendente chiede l autorizzazione al proprio dirigente per andare in missione, contemporaneamente fa richiesta anche dell anticipo e non ha più bisogno di andare allo sportello della cassa che si trova unicamente qui in Fiera District, mentre abbiamo servizi distribuiti su tutto il territorio regionale. Oggi la comunicazione arriva direttamente alla cassa economale che provvede a versare l anticipo direttamente nel conto corrente del dipendente. Altri risultati: la firma digitale è stata applicata innanzitutto ai documenti che venono prodotti, alla gestione di atti monocratici, perché invece le delibere vengono ancora gestite in modo cartaceo, il BUR telematico di cui si parlava prima è stato un progetto molto interessante, molto sfidante, ci hanno peraltro anche premiato al forum PA di quest anno; credo veramente che sia stato, al di là del premio, un progetto di eccellenza: da un lato, a fronte di un investimento di meno di euro nel 2009, ha prodotto un risparmio di circa 2 milioni di euro l anno che erano i costi della produzione del BUR (tipografia e distribuzione dei bollettini cartacei). Quindi tutto il progetto del bollettino telematico ha prodotto sicuramente dei risparmi tangibili oltre al fatto di essere stato un progetto di eccellenza perché non è stato solo un progetto interno all amministrazione, ma ha coinvolto tutti gli enti produttori di documenti. C è stata anche una riqualificazione molto interessante del personale della Regione, che da mero revisore delle bozze è diventato un produttore, perché il personale è stato formato e ha cominciato a utilizzare dei prodotti di editing per confezionare il bollettino che poi viene pubblicato sul sito istituzionale della Regione. In termini di indicatori, giusto per darvi l idea di quello che è il livello di digitalizzazione dell ente (cito i dati della Giunta), parliamo di circa documenti prodotti internamente come documenti digitali, circa 50 documenti originali digitali (firmati digitalmente), ricevuti dall ente, che vengono automaticamente riversati al polo archivistico regionale di cui vi parlerà

4 dopo l ing. Zucchini e di circa atti monocratici originali digitali che la Giunta produce ogni anno. Nell insieme noi mandiamo alla conservazione sostitutiva a norma circa documenti digitali. Complessivamente, stiamo parlando di registrazioni di protocollo, di cui circa con allegati digitali e circa fascicoli ogni anno. Anche noi siamo nelle condizioni del protocollo pigliatutto - mi è piaciuta molto questa definizione e questi dati indicano il volume documentario che transita nel nostro patrimonio informatico. Relativamente alla posta elettronica, che il CAD individua come uno strumento facilitatore e abilitatore per le comunicazioni con la pubblica amministrazione, abbiamo raggiunto una corrispondenza 1/1 tra dipendente e casella di posta elettronica individuale. Ci sono molte più caselle di posta elettronica, rispetto ai dipendenti perché ovviamente, oltre a quelle individuali, ci sono quelle relative alle strutture e relative ai progetti. Per quanto riguarda invece la PEC, abbiamo invece una corrispondenza 1/1 tra caselle di posta elettronica certificata e strutture che sono in gran parte state (questo è un lavoro che abbiamo fatto recentemente) collegate e integrate col protocollo informatico, per facilitare il lavoro degli operatori perché, come voi sapete, nella posta elettronica certificata, che peraltro noi acquisiamo in cloud da un fornitore accreditato, le mail arrivano sull interfaccia messa a disposizione dal fornitore stesso, dopodiché era abbastanza complicato per l operatore aprirsi la PEC, salvare il documento, salvare le ricevute (fondamentali per la PEC) e poi integrarle nel protocollo. Oggi è possibile aprire direttamente la PEC e protocollare tutto, sia il documento, sia tutte le ricevute. Abbiamo circa mail da marzo 2011, da quando abbiamo fatto questa integrazione, tra cui circa 500 DURC ( documento unico di regolarità contributiva); abbiamo circa mail di richieste di finanziamento ricevute dalle imprese: quest anno abbiamo attivato anche un bando di finanziamento delle imprese, attivando l intero processo che va dalla presentazione della domanda fino all inoltro, all arrivo e alla conservazione su un sistema della Regione in maniera completamente telematica. Altro elemento di cui parla il CAD è il contenuto e i servizi dei siti online della P.A.. Su questo tema non la faccio molto lunga, però credo che sia evidente a tutti che nel tempo, quindi dal 95, da quando abbiamo cominciato ad avere i nostri siti istituzionali sul web, ad arrivare ad oggi, 15 anni dopo, i siti sono aumentati in una maniera esponenziale, a volte anche con ridondanza di esposizione, a volte anche con incoerenza di informazione. Il CAD pone anche degli indirizzi e degli obblighi per quelli che sono i contenuti dei siti web. Sicuramente ci deve essere un indirizzo di PEC istituzionale a cui i cittadini si possano rivolgere, occorre pubblicare i moduli e i formulari gli utenti debbono utilizzare per l avvio di procedimenti amministrativi, m soprattutto sono state fornite linee guida per la razionalizzazione dei siti web. Su questo tema abbiamo lavorato molto, oltre che per rispondere agli obblighi del CAD, anche per riorganizzare la comunicazione istituzionale della Giunta. Vi do un numero: quando siamo partiti con questo progetto di razionalizzazione dei siti web, abbiamo censito 225 siti web, una media di un sito ogni 14 dipendenti circa. Quindi, è stato un lavoro molto difficoltoso, che è ancora in iter, è un work in progress, perché ovviamente c è sempre un po di reticenza nel

5 cercare di rinunciare, di dismettere qualche informazione. Adesso siamo nella fase in cui si sono definiti una cabina di regia e una serie di linee guida per la riorganizzazione della comunicazione. Si è inoltre individuato un sistema di portali e di siti (per ora riportati a 75 unità). Ovviamente, la nostra attenzione (lo dico perché è un po un fiore all occhiello di cui ne sono anche un po orgogliosa, perché su questo tema non abbiamo atteso il CAD, ma abbiamo cominciato ben prima) si è concentrata sul fatto che i servizi che vengono pubblicati sui nostri siti web siano accessibili a tutte le fasce di popolazione, quindi a persone abili e a persone diversamente abili. Abbiamo attivato al nostro interno un processo di produzione dei servizi online, per cui prima di fare l upload di servizi online, noi facciamo fare i test di accessibilità a diverse tipologie di disabili, che poi ci danno un feedback. Oltre all accessibilità dedichiamo anche estrema attenzione alla sicurezza dei dati, perché da quando i servizi sono esposti in internet, bisogna fare molta attenzione anche alla protezione dei dati personali, quindi anche alle metodologie con cui si sviluppano le applicazioni e anche alla tipologia dei dati che si espongono. Per quanto riguarda l accesso ai servizi, perché oggigiorno non abbiamo più solo mere informazioni diffuse, ma abbiamo proprio dei servizi che quindi prevedono un interazione anche con gli utenti, ci siamo preoccupati anche di attivare un sistema di identificazione e autorizzazione degli utenti. Siamo partiti nel 2007 come Regione, come Giunta, attivando un sistema di identity ed access managemen (IAM)t, per gestire gli utenti di tutti i nostri sistemi applicativi e le relative autorizzazioni: in termini di razionali vi dico che sono circa i dipendenti e gli utenti interni dei nostri servizi, delle nostre applicazioni, ma sono circa gli utenti che noi chiamiamo extrarer, ossia gli utenti che non lavorano dall interno della rete regionale, sono utenti esterni che però utilizzano le applicazioni che vengono prodotte dalla Regione. Quindi era necessario avere un sistema che ci consentisse di gestire tutto il ciclo di vita di queste identità digitali in una maniera non artigianale ma di sistema. Il prossimo passo, quello che stiamo facendo, è l integrazione di questo IAM della Giunta in un sistema federato, che è il sistema Federa. Federa, un progetto del piano telematico regionale, proprio per consentire l accesso ai servizi in una maniera federata per tutto il territorio, per tutti gli utenti dei servizi. Altro elemento: la cooperazione applicativa, un altro strumento previsto dal CAD, per consentire uno scambio automatico o cooperazione fra sistemi informativi della PA, per non obbligare l utente a recarsi fisicamente presso le pubbliche amministrazioni. Dopo anni di partecipazione al progetto ICAR (Interoperabilità e Cooperazione Applicativa fra le Regioni), abbiamo attivato e disponiamo dell infrastruttura di cooperazione applicativa pronta per potere cooperare fra amministrazioni. Per quanto riguarda poi i pagamenti elettronici (altro elemento su cui il CAD insiste molto), nel piano telematico regionale precedente era già stato inserito il progetto PAYER, che prevede la costituzione e la realizzazione di una piattaforma multi canale regionale a disposizione non solo dell ente regione, ma di tutti gli enti del territorio, per consentire di ricevere i pagamenti che vengono rivolti alla pubblica amministrazione. Peraltro noi che abbiamo realizzato tanti anni fa il primo esempio di e-commerce

6 quando abbiamo aperto il sito dell archivio cartografico, il negozio della Regione Emilia Romagna che vende carte, foto e pubblicazioni regionali, oggi stiamo lavorando per poterlo integrare in questa piattaforma di pagamenti, Sul fronte della soddisfazione degli utenti, invece è l aspetto su cui siamo un po più acerbi, perché effettivamente da tanti anni abbiamo attivato uno strumento CRM, cioè di gestione dei contatti degli utenti, che viene utilizzato non solo dal nostro URP, ma anche dagli sportelli di AGREA, dalla Protezione Civile per registrare tutti i contatti con gli utenti, e ora intendiamo integrarlo anche con il sistema di gestione dei contenuti web proprio per potere consentire anche la rilevazione, e quindi non solo la mera registrazione dei contatti, e l interazione con gli utenti per raccogliere il loro grado di soddisfazione. Per quanto riguarda la continuità operativa, anche questo ovviamente è un punto estremamente importante, perché se la pubblica amministrazione deve preoccuparsi di erogare tutti questi servizi, ovviamente si deve preoccupare di essere capace di erogarli, deve essere capace di assicurare continuità operativa anche in caso di disastri e di incidenti informatici e non. Ne abbiamo fatte di cose, abbiamo finito? Assolutamente no. Abbiamo un ampia agenda di work in progress, perché stiamo comunque lavorando sul patto di stabilità territoriale, su cui la Regione si sta attivando per vedere di poter fare delle compensazioni sia a livello orizzontale che a livello verticale, quindi stiamo attivando i sistemi informativi che consentano di raccogliere dagli enti i dati di bilancio della spesa, proprio per potere fare anche dei cruscotti informativi, per supportare le decisioni politiche e le strategie. Sul fronte dello sportello del dipendente e del dirigente stiamo andando avanti per lavorare invece sulla gestione della vita professionale del dipendente: reclutamento, bandi di concorso online, mobilità, ma anche formazione, curriculum, promozione di carriera, valutazione. Tutti i processi che adesso ci sono ma che sono gestiti separatamente, dovranno arrivare ad unità nel fascicolo digitale del dipendente. Per avere il fascicolo digitale del dipendente, credo che sia ingenuo pensare che si debbano scannerizzare tutti i documenti cartacei o quantomeno si può anche pensare di farlo, ma se noi non cominciamo a lavorare, a strutturare i dati e le informazioni che vanno poi a confluire nel fascicolo del dipendente, credo che gireremmo a vuoto. Per arrivare ad avere un fascicolo digitale del dipendente, anche se per molti anni sarà anche un fascicolo misto, dobbiamo preoccuparci di lavorare sulla strutturazione delle informazioni e sui processi che vanno a produrre i dati del fascicolo. Tutto questo in allineamento con il progetto interregionale PRODE, a cui anche le colleghe delle altre regioni partecipano; proseguendo nella de-materializzazione dei processi interni, attraverso la nuova piattaforma di infrastrutture documentali, che noi chiamiamo doc-er, stiamo andando nella direzione di eliminare il protocollo pigliatutto ossia di eliminare il passaggio obbligatorio attraverso il protocollo per archiviare i documenti nel sistema di gestione documentale. Quello che noi vogliamo ottenere è uno strato applicativo, che possa essere comunque indipendente dal sistema documentale scelto, che ci consenta di digitalizzare gli altri processi che non necessariamente debbono passare dal

7 protocollo, vedi ad esempio il processo di fatturazione elettronica e il DURC. In più, si proseguirà sicuramente, grazie anche all aiuto delle direzioni settoriali, sulla de-materializzazione dei processi nei confronti dei nostri stake holders. Quindi il sistema informativo del lavoro, dell agricoltura (Agri Servizi che comunque ha automatizzato tutte quelle che sono le pratiche Agrea), la sanità online, il fascicolo sanitario online, catasto e fiscalità, sono tutti processi di de-materializzazione già in corso, e che non c è tempo di raccontare. Indico i temi, semplicemente per dire quanto lavoro abbiamo fatto e quanto ce ne aspetta ancora. Vorrei concludere con una metafora. Spesso nelle pareti domestiche mi capita di ricordare che convivenza fa rima con pazienza, e non a caso! Oggi vorrei ricordare che digitalizzazione, dematerializzazione fanno rima, non a caso, con innovazione, semplificazione, ma possono far rima anche con confusione. Quindi, non è detto che quando si de-materializza o si digitalizza un processo la cosa vada sempre bene. Non è detto che de materializzando necessariamente si semplifichi o che si innovi: a volte si possono creare anche delle confusioni se non si fa estrema attenzione! Bisogna essere molto attenti, molto precisi, fare un analisi molto attenta e scrupolosa del processo che si intende de materializzare! E in più, aggiungo che bisogna avere anche passione, riuscire anche a gettare il cuore oltre l ostacolo, non fermarci di fronte alla paura dei cambiamenti, alle difficoltà economiche, alla mancanza di risorse. Bisogna che tutti noi facciamo con passione questo lavoro. Sicuramente è importante quello che diceva il Presidente Richetti all inizio, all apertura di questo intervento, è necessaria una comprensione e una collaborazione non solo fra tecnici, ma anche a livello politico. Vi ringrazio dell attenzione.

Incontro dematerializzazione DURC 12 dicembre 2011

Incontro dematerializzazione DURC 12 dicembre 2011 Incontro dematerializzazione DURC 12 dicembre 2011 I vantaggi della dematerializzazione > Il termine dematerializzazione viene utilizzato per indicare la progressiva perdita di consistenza fisica degli

Dettagli

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE

IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE IL CODICE DELL AMMINISTRAZIONE DIGITALE SCHEDA Il Codice è il risultato di oltre due anni di lavoro, di continue interazioni con tutti i livelli istituzionali, con le Regioni e le Autonomie Locali. È stato

Dettagli

Il nuovo codice della PA digitale

Il nuovo codice della PA digitale Il nuovo codice della PA digitale 1. Cosa è e a cosa serve Le pubbliche amministrazioni sono molto cambiate in questi ultimi anni: secondo i sondaggi i cittadini stessi le vedono mediamente più veloci

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Un nuovo Codice dell amministrazione digitale per una nuova PA Il nuovo Codice dell amministrazione digitale (CAD) stabilisce le regole per la digitalizzazione

Dettagli

Agenda digitale italiana Sanità digitale

Agenda digitale italiana Sanità digitale Agenda digitale italiana Sanità digitale Paolo Donzelli Ufficio Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione tecnologica Presidenza del

Dettagli

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011

Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010. Roma, 25 gennaio 2011 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Decreto legislativo n. 235/2010 Roma, 25 gennaio 2011 Indice 1. Il nuovo CAD da oggi in vigore 2. Principi ispiratori 3. L e Gov diventa un diritto 4. Nuovi

Dettagli

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa

Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Dematerializzazione: lo stato attuale della normativa Prof. ing. Pierluigi Ridolfi Università di Bologna, già Presidente della Commissione Interministeriale per la dematerializzazione Seminario Di.Tech

Dettagli

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE

EGOVERNMENT ED EGOVERNANCE Prot. 13/2011 del 25/01/2011 Pag. 0 di 11 ADMINISTRA COMUNE DI NAPOLI Il progetto Administra nasce dall esigenza del Comune di Napoli di disporre di un unica infrastruttura tecnologica permanente di servizi

Dettagli

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione

11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione 11 Azioni previste nel Programma di semplificazione 2011 1 Approvazione Agenda Normativa 2011 che prevede: Report di attuazione Approvata con delibera di Giunta regionale n. 744 del 28 Giugno 2011 Semplificazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA

Presidenza del Consiglio dei ministri. Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA Presidenza del Consiglio dei ministri Agenda digitale italiana egovernment innovazione digitale nella PA 1 Agenda digitale italiana - Innovazione digitale nella PA - Infrastrutture abilitanti per la digitalizzazione

Dettagli

IL NUOVO CODICE DELLA

IL NUOVO CODICE DELLA IL NUOVO CODICE DELLA AMMINISTRAZIONE DIGITALE Il nuovo CAD in pillole Collana di Minigrafie Tecnologia dei Processi Documentali fondazione siav academy Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale in

Dettagli

Fattura elettronica e conservazione

Fattura elettronica e conservazione Fattura elettronica e conservazione Maria Pia Giovannini Responsabile Area Regole, standard e guide tecniche Agenzia per l Italia Digitale Torino, 22 novembre 2013 1 Il contesto di riferimento Agenda digitale

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014)

Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Piano di informatizzazione delle procedure ai sensi dell art. 24 comma 3bis DL 90/2014 (L. 114/2014) Comune di Argelato Comune di Bentivoglio Comune di Castel Maggiore Comune di Castello d Argile Comune

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA

COMUNE DI TERNO D ISOLA COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di BERGAMO Piano triennale di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni (Art 24 comma 3bis D.L. 90/2014) INDICE 1)

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in

Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli obiettivi delle attività previste in PROGRAMMA STRATEGICO TRIENNALE 2011-2013 Per La Realizzazione Del Sistema Informativo Regionale Con DGR n. 447 del 14/10/2011 è stato approvato il nuovo Piano Strategico Triennale, atto che definisce gli

Dettagli

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE

La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE La qualificazione di un back-office GESTIONE DEL PERSONALE Qualificazione dei prodotti di back-office Ambito Prodotti di back-office Percorsi di qualificazione 1 Cliente Redatto da Verificato da Approvato

Dettagli

Progetto dematerializzazione

Progetto dematerializzazione Progetto dematerializzazione -1- Contesto di riferimento Il progetto dematerializzazione si inserisce nelle linee di programmazione dell Area Amministrativa e Tecnica tra i progetti trasversali che nel

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di VERGIATE (ex art.24 DL 90/2014) SOMMARIO 1. Cronologia revisioni 2. Inquadramento e obiettivi del piano 3. Architettura di riferimento 4. Piano attuativo 4.1. Individuazione

Dettagli

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014

Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino. Roma, 27 marzo 2014 Il Community Cloud per il Sistema Pubblico Trentino Roma, 27 marzo 2014 Informatica Trentina: società di sistema Società a capitale interamente pubblico per la diffusione di servizi ICT al comparto pubblico

Dettagli

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa?

Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Agenda Digitale: questione tecnologica o solo culturale e organizzativa? Paolo Donzelli DG Progetti strategici per l innovazione digitale Dipartimento per la Digitalizzazione della P.A. e l innovazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELCUCCO

COMUNE DI CASTELCUCCO COMUNE DI CASTELCUCCO Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO

Dettagli

Roma, 22 dicembre 2010

Roma, 22 dicembre 2010 Il Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Roma, 22 dicembre 2010 Executive Summary Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro legislativo entro cui deve attuarsi la digitalizzazioneit

Dettagli

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi

Direzione generale per gli studi la statistica e i sistemi informativi MIUR AOODGSSSI REGISTRO UFFICIALE Prot. 2172 del 19.04.2011 - USCITA Alle Istituzioni Scolastiche Statali LORO SEDI OGGETTO PROGETTI DI INNOVAZIONE TECNOLOGICA PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE. Come è noto

Dettagli

La conservazione fattore fondamentale. del Polo Archivistico Regionale. Alessandro Zucchini 16 settembre 2011

La conservazione fattore fondamentale. del Polo Archivistico Regionale. Alessandro Zucchini 16 settembre 2011 La conservazione fattore fondamentale per la dematerializzazione: l'esperienza del Polo Archivistico Regionale dell'emilia-romagna (ParER) Alessandro Zucchini 16 settembre 2011 Senza conservazione non

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

La Digitalizzazione in Regione Lombardia

La Digitalizzazione in Regione Lombardia La Digitalizzazione in Regione Lombardia Il progetto EDMA: il percorso di innovazione di Regione Lombardia nell'ambito della dematerializzazione Milano, Risorse Comuni, 19 Novembre 2009 A cura di Ilario

Dettagli

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017

COMUNE DI CASTIGLION FIORENTINO Provincia di Arezzo. PIANO DI INFORMATIZZAZIONE per il Triennio 2015-2017 COMUNE D CASTGLON FORENTNO Provincia di Arezzo PANO D NFORMATZZAZONE per il Triennio - (Art. 24 DL 90/2014 convertito con Legge 11 agosto 2014 n. 114) Premessa n ottemperanza alle disposizioni di cui all

Dettagli

Il nuovo CAD in pillole

Il nuovo CAD in pillole Di 14 gennaio 2001 Il 10 gennaio 2011 è stato pubblicato il G.U. il d.lsg. 235/2010 Nuovo Codice dell Amministrazione Digitale Ecco cosa cambia 2 Il Nuovo CAD: Sancisce nuovi diritti 1. Diritto all uso

Dettagli

dei dossier virtuali. Il tema l abbiamo studiato, pensato, abbiamo sperimentato con i dossier virtuali delle leggi: un esperienza reale che trovate

dei dossier virtuali. Il tema l abbiamo studiato, pensato, abbiamo sperimentato con i dossier virtuali delle leggi: un esperienza reale che trovate Elena Fenoglio Buongiorno a tutti. Porto il saluto della dottoressa Bertini, che non è potuta venire. Innanzitutto, come state? È sicuramente una giornata impegnativa per tutti quanti, vi ringrazio tantissimo

Dettagli

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente

Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Comune di Padova Settore Servizi istituzionali e affari generali Servizio archivistico comunale Archivi ibridi: soluzioni operative per un problema del presente Il sistema di gestione documentale dell

Dettagli

Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette

Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette Progetto Servizi innovativi nel settore dei servizi per il lavoro PON Governance e Azioni di Sistema Obiettivo Convergenza 2007-2013 (FSE) Progetto Attivazione servizi online per disabili e categorie protette

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa

La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda. Agostino Ragosa La strategia AgID per la realizzazione dell Agenda Digitale Italiana Agostino Ragosa Forum PA 2013 Palazzo dei Congressi - Roma, 28 Maggio 2013 Il contesto L economia digitale italiana Ha registrato un

Dettagli

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c.

COMUNE DI CARPEGNA. Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino. Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. COMUNE DI CARPEGNA Montefeltro Provincia di Pesaro e Urbino Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 13 del 16/02/2015 Pag. 2 2.

Dettagli

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014

STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE. Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Al servizio di gente unica STRATEGIA DI SPECIALIZZAZIONE INTELLIGENTE Restituzione e approfondimento dei risultati dei Tavoli tematici di dicembre 2014 Trieste 11 febbraio 2015 La crescita digitale in

Dettagli

Il Polo Archivistico Regionale, struttura abilitante per la dematerializzazione: tre anni di esperienza

Il Polo Archivistico Regionale, struttura abilitante per la dematerializzazione: tre anni di esperienza Il Polo Archivistico Regionale, struttura abilitante per la dematerializzazione: tre anni di esperienza PA smart e processi di dematerializzazione Alessandro Zucchini SmartCityExbition 2013 Bologna 16

Dettagli

Piano di Informatizzazione

Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione Piano di Informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Comune di Gattatico in ottemperanza all art. 24, comma 3-bis, D. L. n.

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FORMAZIONE AVANZATA e-government 1. Premessa Oggi l innovazione nella pubblica amministrazione (PA) e, in particolare,

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 177 del 31 12 2014 50888 50889 50890 Sezione 1 - Offerta Formativa Trasversale e di Base Sezione Percorso Il sistema e le procedure degli Uffici Giudiziari Formativo Obiettivi del modulo Livello Durata (in ore) Prerequisiti

Dettagli

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese

I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Agenda Digitale Toscana I Villaggi Digitali per i cittadini e per le imprese Laura Castellani ICT e crescita Nell Agenda Digitale Europea la Commissione ha indicato ai Paesi membri obiettivi per il 2020

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ----------------------------------------------

DIREZIONE CENTRALE. Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- DIREZIONE CENTRALE Attività Produttive, Politiche del Lavoro e dell'occupazione ---------------------------------------------- Protocollo d Intesa tra Il Comune di Milano e l Ordine dei Consulenti del

Dettagli

La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone

La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone La migrazione dei sistemi informativi in ambiente Plone Dott.ssa Cristina Franceschi Responsabile Servizio Informatica, Telematica, e-government Provincia di Ferrara 1 I tools di gestione documentale Punto

Dettagli

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario

Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Forum PA 1 Il valore del Trusted Cloud in ambito sanitario Danilo Cattaneo Direttore Generale InfoCert 16 maggio 2012 Agenda Forum PA 2 Chi è InfoCert Un esperienza nell E-Health: l Azienda ULSS 8 Dal

Dettagli

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery

Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery COMUNE DI PALOMONTE Provincia di Salerno Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE DELLE PROCEDURE ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO E. SCALFARO Piazza Matteotti, 1 88100 CATANZARO Codice Fiscale 97028930796 0961-745155 FAX 0961-744438 E-Mail: cztf010008@istruzione.it - PEC:cztf010008@pec.istruzione.it

Dettagli

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi

Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Integrazione dei flussi documentali con i procedimenti amministrativi Dott.ssa Maria Pia Giovannini Responsabile dell Ufficio Sistemi per l efficienza della gestione delle risorse umane e finanziarie e

Dettagli

1. I principi guida del nuovo CAD

1. I principi guida del nuovo CAD 1. I principi guida del nuovo CAD Sancire nuovi diritti, nuove opportunità, nuovi doveri: Diritto all uso delle tecnologie verso amministrazioni e gestori di servizi pubblici (art.3) I cittadini e le imprese

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE)

COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) COMUNE DI VIGONOVO PROVINCIA DI VENEZIA Via Veneto, 2 30030 VIGONOVO (VE) Comune di Vigonovo Sistemi Informativi Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici

Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici Regione Toscana Direzione generale Organizzazione Tra cartaceo e digitale: gestione e conservazione degli archivi degli enti pubblici ANAI Marche Fermo, 28 novembre 2012 Ilaria Pescini PO Archivi e sistema

Dettagli

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena

La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line. L esperienza della Provincia di Modena La dematerializzazione dei processi per la semplificazione amministrativa e l Albo Pretorio on-line L esperienza della Provincia di Modena Il Nuovo Codice dell amministrazione digitale traccia il quadro

Dettagli

LA CITTADINANZA DIGITALE

LA CITTADINANZA DIGITALE . 1. LA CITTADINANZA DIGITALE Cambia il rapporto tra cittadini e amministrazione partendo dal principio che i cittadini sono al centro dell azione amministrativa, che essi godono di diritti di cittadinanza

Dettagli

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012

CAD Codice dell'amministrazione digitale Ultimo aggiornamento: 12/01/2012 Il sito web della scuola Efficiente strumento del CAD CAD Codice dell'amministrazione digitale Dlgs 7 marzo 2005, n. 82 Dlgs 30 dicembre 2010, n. 235 Testo vigente al 22/12/2011 Testo redatto al solo fine

Dettagli

La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM

La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM La dematerializzazione, la standardizzazione, la tracciabilità e la trasparenza dei processi amministrativi. La soluzione SAP BPM Agenda 1. Dematerializzazione dei flussi amministrativi 2. Gli elementi

Dettagli

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini

Poste Italiane e i Comuni Lombardi. Semplicemente dalla parte dei cittadini Poste Italiane e i Comuni Lombardi Semplicemente dalla parte dei cittadini 2 Poste Italiane al servizio dei cittadini e delle PAL Scenario complessivo Servizi di Gestione Elettronica Documentale Sportello

Dettagli

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale

Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale APQ PUGLIA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE PROGETTO PILOTA Informatizzazione Procura della Repubblica di Lecce Il Sistema di gestione del fascicolo penale digitale ForumPA 11 maggio 2009 Maurizio Natale InnovaPuglia

Dettagli

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano

Relazione accompagnamento Studio di Fattibilità Tecnica COMUNE DI TURRI. Provincia Medio Campidano COMUNE DI TURRI Provincia Medio Campidano Relazione di accompagnamento allo Studio di Fattibilità Tecnica per la Continuità Operativa ed il Disaster Recovery ai sensi della Circolare n.58 di DigitPA del

Dettagli

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO.

Scheda rilevazione sistemi ICT e strumenti ICT. Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO. Scheda rilevazione sistemi e strumenti sistemi ICT e strumenti ICT Modelli di funzionamento istituzionale, organizzativo e gestionale POLO VALLI DEL VERBANO Allegato Sommario 1 Dotazioni informatiche

Dettagli

Università degli Studi di Macerata UN MODELLO DI AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE EFFICIENTE E SOSTENIBILE SOTTO IL PROFILO ARCHIVISTICO

Università degli Studi di Macerata UN MODELLO DI AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE EFFICIENTE E SOSTENIBILE SOTTO IL PROFILO ARCHIVISTICO Università degli Studi di Macerata UN MODELLO DI AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIGITALE EFFICIENTE E SOSTENIBILE SOTTO IL PROFILO ARCHIVISTICO Prof. Stefano Pigliapoco L Amministrazione Pubblica digitale La

Dettagli

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012

L Azienda Digitale. Viaggio nell'italia che compete. Executive Summary. Ottobre 2012 L Azienda Digitale Viaggio nell'italia che compete Executive Summary Ottobre 2012 Realizzato da NetConsulting per Repubblica Affari&Finanza e Samsung Evento Territoriale di Modena NetConsulting 2012 1

Dettagli

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2

LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 LE TECNOLOGIE PER IL CAMBIAMENTO 2 CITTADINANZA DIGITALE: GLI STRUMENTI La cooperazione applicativa - ICAR Andrea Nicolini PM ICAR - CISIS Roma, 1 ottobre 2010 Agenda E-gov in Italia negli ultimi 10 anni

Dettagli

Dematerializzare per Semplificare

Dematerializzare per Semplificare 1 Dematerializzare per Semplificare Dematerializzare non significa solamente il passaggio dalla carta al digitale. La semplificazione si ottiene solo con una profonda comprensione della complessità dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo

Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Comune di Cattolica Direzione del Sistema Informativo Relazione tecnica sulla scelta del fornitore per il software applicativo relativo alla gestione dei contratti e alla pubblicazione sull'albo pretorio

Dettagli

ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA. 1. Catalogo generale delle soluzioni e dei servizi (art.

ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA. 1. Catalogo generale delle soluzioni e dei servizi (art. ALLEGATO C NUOVA CONVENZIONE PER IL FUNZIONAMENTO, LA CRESCITA E LO SVILUPPO DELLA COMMUNITY NETWORK EMILIA-ROMAGNA SOLUZIONI E SERVIZI DI CUI AI CATALOGHI DELL ART. 2 LETT. N,O,P,Q 1. Catalogo generale

Dettagli

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati

BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA. Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati BUONE PRASSI COMUNE DELLA SPEZIA Ambito: Informatizzazione, reingegnerizzazione di processi e interoperabilità banche dati Azione Informatizzazione procedure ente e dematerializzazione progetti Nuovo Protocollo

Dettagli

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013 Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 La riforma della Pubblica Amministrazione impone la revisione e

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

Buon pomeriggio. Grazie per questo invito. E un piacere doppio essere qui a questa tavola rotonda ed in questa splendida città. Tra le cose che vorrei portare alla vostra attenzione, vorrei innanzitutto

Dettagli

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale

Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale Il TAL nel programma dell Agenzia per l Italia Digitale ing. Mauro Draoli C O N F E R E N Z A TA L 2 0 1 4 Europa 2020 e Agenda Digitale Strategia Europa 2020 per superare l'impatto della crisi finanziaria

Dettagli

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI ROMANO CANAVESE PROVINCIA DI TORINO PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE NEL COMUNE DI ROMANO CANAVESE INDICE A) PREMESSA... 3 B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... 4 C) L

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate:

Il Presidente della Regione Toscana e il Presidente di ANCI Toscana, Ricordate: ALLEGATO A Protocollo di intesa tra Regione Toscana e ANCI Toscana finalizzato al supporto delle politiche e delle iniziative per l innovazione nel territorio toscano. Il Presidente della Regione Toscana

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

procura della repubblica di napoli Digitalizzazione atti progetti operativi organizzazione gestione delle risorse logistica

procura della repubblica di napoli Digitalizzazione atti progetti operativi organizzazione gestione delle risorse logistica Digitalizzazione atti Estensione atti in TIAP e condivisione documenti digitalizzati con il Tribunale. L intervento si pone l obiettivo di estendere il sistema di gestione documentale basato su TIAP e

Dettagli

Capitolato speciale per la fornitura di

Capitolato speciale per la fornitura di ALLEGATO A Capitolato speciale per la fornitura di Servizi di verifica procedurale e funzionale delle componenti di servizio della Community Network dell'umbria nell'ambito del piano di Semplificazione

Dettagli

Il Comune Lo sviluppo informatico

Il Comune Lo sviluppo informatico Il Comune Lo sviluppo informatico Il SISTEMA INFORMATIVO COMUNALE Situazione di contesto Il sistema informativo del Comune di Fabriano è composto da due parti essenziali. La prima, più visibile è costituita

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE

CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE CONSORZIO SERVIZI ECOLOGIA E AMBIENTE PIANO INFORMATIZZAZIONE DEI SERVIZI A CITTADINI E IMPRESE INDICE A) PREMESSA... B) LA SITUAZIONE ATTUALE (AS-IS)... C) L EVOLUZIONE (TO-BE)... Piano informatizzazione

Dettagli

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL

Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Evento Regione Veneto 1 Le nuove sfide di dematerializzazione per gli Enti Locali Evoluzione delle soluzioni paperless a supporto delle PAL Marco di Luzio Responsabile Business Consulting Evento Regione

Dettagli

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti

M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti Uno strumento per la semplificazione M.U.T.A. Modello Unico Trasmissione Atti un sistema per la Pubblica Amministrazione una risorsa per le Imprese 19 aprile 2011 Videoconferenza di presentazione INDICE

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

Dematerializzazione: le azioni, gli strumenti, le esperienze

Dematerializzazione: le azioni, gli strumenti, le esperienze Dematerializzazione: le azioni, gli strumenti, le esperienze massella@cnipa.it RisorseComuni 2009 Milano, 19 novembre 2009 L approccio alla dematerializzazione Insieme di azioni miranti a risolvere gli

Dettagli

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE...

SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE E SERVIZI ATTIVI... 2 OBIETTIVI DEL COMUNE... COMUNE DI FONTE Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni ai sensi art. 24, comma 3 bis D.L. n. 90/2014 e s.m.i. SOMMARIO 1 CONTESTO ATTUALE

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve

Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve Piano di informatizzazione ai sensi del D.L. 90/2014, art. 24 c. 3bis (Approvato con delibera della Giunta dell Unione n. 26 del 19/02/2015) Rif. int. : Piano_di_Informatizzazione_ex_art_24_dl_90_2014.odt

Dettagli

I servizi on line di prevenzione incendi

I servizi on line di prevenzione incendi I servizi on line di prevenzione incendi Stefano Marsella Il CAD - codice dell Amministrazione digitale (decreto legislativo n. 82 del 2005) prevede che: i servizi erogati dalle PA siano progressivamente

Dettagli

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche

SITAS. Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche SITAS Sistema Informatico per la Trasparenza delle Autorizzazioni Sismiche Le procedure per l edificazione nei comuni della Regione Lazio classificati a rischio sismico soffrivano di: Complessa gestione

Dettagli

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE RAGIONERIA TERRITORIALE DELLO STATO Salerno, 10/06/2014 SALERNO Tel 089/2780411-fax 089/2780467

MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE RAGIONERIA TERRITORIALE DELLO STATO Salerno, 10/06/2014 SALERNO Tel 089/2780411-fax 089/2780467 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE RAGIONERIA TERRITORIALE DELLO STATO Salerno, 10/06/2014 Tel 089/2780411-fax 089/2780467 Alle Istituzioni Scolastiche della Provincia di: Prot. N. 25253 Al Ufficio

Dettagli

La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo.

La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo. La dematerializzazione nell attività di supporto al processo legislativo. Silvia Bertini Direzione Processo Legislativo Elena Fenoglio Settore progettazione, sviluppo e gestione sistemi informativi e Banca

Dettagli

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE

Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Regione Piemonte COMUNE DI PIVERONE Piazza Marconi, 1 C.A.P. 10010 - PROVINCIA DI TORINO Tel. 0125/72154 - Fax 72190 http://www.comune.piverone.to.it Cod. fisc. 84001150014 E-mail : comune.piverone@comune.piverone.to.it

Dettagli

Manuale di Gestione Protocollo Informatico

Manuale di Gestione Protocollo Informatico Automobile Club d Italia Manuale di Gestione Protocollo Informatico Area Organizzativa Omogenea Ufficio Provinciale di POTENZA GENNAIO 2013 SOMMARIO 1. AMBITO DI APPLICAZIONE...3 2. DEFINIZIONI...3 3.

Dettagli

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni. Sommario

Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni. Sommario Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Dettagli

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL

Contact Center Regionale Multicanale. Progetto IQuEL interoperabilità verso il Progetto IQuEL Ver. 1.0 Sommario 1. Contact Center Regionale Multicanale: Obiettivi di progetto... 3 2. Interoperabilità fra il Progetto Contact Center Regionale Multicanale e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1

RELAZIONE TECNICA. Articolo 1 RELAZIONE TECNICA Articolo 1 L articolo 1 modifica le definizioni contenute nel Codice dell amministrazione digitale, introducendone alcune nuove in linea con le evoluzioni tecnologiche e con i più recenti

Dettagli

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese

Destinatari I destinatari del servizio sono sia gli utenti interni che i cittadini e le imprese Sintesi del progetto L evoluzione normativa ha portato il Comune di Giugliano ad una revisione del proprio sistema informatico documentale da alcuni anni. La sensibilità del Direttore Generale al miglioramento

Dettagli

La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi

La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi La gestione dei flussi documentali come strumento di reingegnerizzazione dei processi amministrativi Fabio PISTELLA Incontro organizzato da siav e-governement, e-democracy 9 ottobre 2008 - Roma La gestione

Dettagli

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità

La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità La conservazione dei documenti in ambiente digitale: opportunità e criticità di Guglielmo Longobardi Premessa Dopo un lungo periodo di immobilismo legislativo, che vedeva ancora in vigore il regio decreto

Dettagli

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114

Ai sensi del comma 3 bis dell art. 24 del D.L. 90/2014 convertito nella legge 11/08/2014 n. 114 Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni che permetta la compilazione on line con procedure guidate accessibili tramite autenticazione con

Dettagli