L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità:"

Transcript

1

2 Oggi la gamma dei prodotti finanziari si è notevolmente allargata e, data la continua ricerca di nuove soluzioni di ingegneria finanziaria, è suscettibile di continue innovazioni con prodotti sempre più strutturati e complessi. Gli strumenti derivati sono stati concepiti, inizialmente, per esigenze di copertura, grazie alla flessibilità con la quale consentono di ridistribuire i rischi, ma nel tempo si sono sempre più evoluti diventando strumenti altamente speculativi e costringendo da una parte gli organi di controllo ad una maggiore regolamentazione, dall altra le banche ad una maggiore professionalità. ORIZZONTE è in grado di fornire alle istituzioni finanziarie un supporto specializzato in tema di strumenti derivati è suddiviso in area Gestionale, Contabile e di Segnalazione e recepisce i principi contabili Internazionali IAS per la gestione/contabilizzazione dei derivati OTC con particolare riguardo alle problematiche inerenti l Hedge Accounting (Fair value Hedge, Cash Flow Hedge, Hedge Of Net Investment, Fair Value Option) e la valorizzazione Periodica del Full Fair Value degli strumenti OTC gestiti dalla procedura. ORIZZONTE colloquia in tempo reale con più diffusi front-office (KONDOR+, MUREX, DEVON, BRADY) ed è possibile realizzare interfacce ad hoc per l acquisizione automatica dei dati da qualsiasi applicativo in uso presso il cliente. ORIZZONTE gestisce i COLLATERAL (accordi bilaterali di compensazione) per tutti i contratti che sono oggetto degli accordi di compensazione e che rispondono ai requisiti previsti dalla Circolare 155 della Banca d Italia aggiornamento 11/03/02 il calcolo dell equivalente credititizio (somma di costo di sostituzione e dell esposizione creditizia futura) e l alimentazione delle forme tecniche per Puma, consentendo la riduzione dell assorbimento del patrimonio di vigilanza. Inoltre, per i contratti oggetto di compensazione con la medesima controparte, consente la determinazione del costo netto di sostituzione sommando algebricamente i valori intrinseci positivi e negativi dei contratti in questione e segnalando nel campo 697 valori intrinseci positivi della forma tecnica il valore così determinato

3 L area Gestionale dispone delle seguenti funzionalità: Cash Flows, calcolati e regolamentati secondo le ISDA/ISMA convention; Piani d ammortamento; Microhedge e Macrohedge su singolo deal e strutture complesse; Internal Deals; Premi Upfront, Premi Lumpsum e commissioni; Calcolo automatico di ratei/risconti e competenza; Collegamento con i più diffusi Information Providers presenti sul mkt; Scadenzario per tipologia; Esposizione creditizia futura secondo metodologia Banca d Italia; Stampe di situazione e di quadratura contabile; Evidenza dei mastri contabili aperti ad una data per ogni operazione Simulazione contabile su singolo deals L area Contabile offre: Evidenze contabili in partita doppia giornaliere o periodiche; Produzione di un flusso di export per CO.GE.; Sezionale contabile; Riclassifiche di bilancio Piano dei Conti ed elaborazione Contabile duale: Ias e Civilistica L area delle Segnalazioni garantisce: PUMA2 con produzione del flusso delle forme tecniche; UIC giornaliera; Fondo Nazionale di Garanzia; Triennale alla Banca Centrale Europea; Segnalazione Utilizzi Comunicazioni ALM/Risk Management - 3 -

4 Attualmente ORIZZONTE gestisce le seguenti famiglie di prodotti OTC: SWAP Interest rate swap Cross currency & interest rate swap Overnight indexed swap Domestic currency swap Forward rate agreement Ratchet swap Stiky swap Constant Maturity swap Range Accrual swap Barrier swap Equity e Commodity swap Basket Swap MONEY MARKET Spot Outright Forex Swap CREDIT DERIVATIVES Credit Default Swaps Credit Default Options Credit Linked Notes Credit Spread Options Credit Spread Swap Total Rate of Return Swap OPZIONI Cap & Floor Currency option Swaption Option OTC su Titoli, Indici, Basket Quanto Option Binary Option Asian Option Barrier Option Basket Option Ratchet Option - 4 -

5 Le tipologie di prodotti sotto elencati hanno tra le caratteristiche funzionali principali: CREDIT DERIVATIVES (tutti) SWAP PLAIN VANILLA BASIS SWAP ZERO COUPON SWAP LINKED SWAP ASSET SWAP AMORTIZING SWAP ARREARS SWAP personalizzare la periodicità di ogni singola gamba prevedere un piano di ammortamento del Nozionale pagare o riscuotere Premi Upfront, Premi Lumpsum, Commissioni gestire l estinzione anticipata (cancellation) totale o parziale impostare anziché un tasso (euribor 6m) una combinazione di tassi in percentuali diverse (es: 30% euribor 3m+70% euribor 6m) con clausole Barrier e minimo garantito modificare la finalità: Trading, Hedging totale o parziale, da Trading a Hedging, da Hedging a Trading effettuare la valutazione mark to market con possibilità di visualizzare e/o stampare il calcolo matematico calcolare l esposizione creditizia futura in funzione della vita residua calcolare gli interessi con capitalizzazione semplice o composta CD - Operazioni su Basket di Reference Entity CD - Gestire il First to Default o n to Default CD - Piano di ammortamento indipendente per ogni reference entity CD - Credit event cash/binary payout/settlement delivery - 2 -

6 OVERNIGHT INTEREST SWAP DOMESTIC CURRENCY SWAP FORWARD RATE AGREEMENT calcolare in automatico o impostare manualmente l importo finale da regolare a scadenza effettuare la valutazione mark to market con possibilità di visualizzare e/o stampare il calcolo matematico. Per gli OIS è possibile calcolare anche il tasso di Break-Even. SPOT OUTRIGHT FOREX SWAP calcolare il tasso di cambio a pronti e a termine gestire un tasso di interesse per ogni valuta con i relativi ratei e risconti pagare o riscuotere Premi Upfront, Premi Lumpsum, Commissioni gestire l estinzione anticipata (cancellation) totale o parziale personalizzare la periodicità di ogni singola gamba prevedere un piano di ammortamento del Nozionale modificare la finalità: Trading, Hedging totale o parziale, da Trading a Hedging, da Hedging a Trading effettuare la valutazione mark to market con possibilità di visualizzare e/o stampare il calcolo matematico calcolare l esposizione creditizia futura in funzione della vita residua calcolare gli interessi con capitalizzazione semplice o composta OPZIONI SU CAMBI Esercizio di tipo europeo o americano Barrier: KnockIn KnockOut Hurdle Premio differito Esercizio con scambio (no netting), con Compensazione (netting) o Misto Smontaggio - 3 -

7 OPZIONI SU TITOLI OPZIONI SU BASKET Esercizio di tipo europeo o americano Premio differito Esercizio con eventuale importo cash da regolare OPZIONI SU INDICI Esercizio di tipo europeo o americano Asiatiche Barrier Premio differito Esercizio con eventuale importo cash da regolare OPZIONI SU TASSI INTERESSE Cap, Floor, Collar, Corridor Premio per cassa, alla scadenza, con ammortamento Piano di ammortamento Asiatiche Barrier OPZIONI SWAPTION Swaption receiver Swaption payer Esercizio cash o con generazione automatica dello swap sottostante - 4 -

8 REGOLAMENTI Per tutti i prodotti OTC sono gestiti i riferimenti ai contratti stipulati inizialmente e alle conferme inviate e ricevute per ogni singola operazione. La gestione dei riferimenti reciproci garantisce il monitoraggio delle operazioni rendendo agevole rintracciare l evento che non trova esatta corrispondenza tra le parti. I Regolamenti dei cash flows generati vengono registrati in un apposito gestionale Tesoreria e successivamente inoltrati verso i differenti sistemi di Settlement quali SISEB, SWIFT, RNI, con l alimentazione dei specifici messaggi di regolamento. ORIZZONTE dispone a tal proposito di un gestionale dedicato nel quale vengono parametrizzate le regole di comunicazione per tipologia prodotto e per tipo controparte tramite una Tabella Decisionale alla quale sono agganciati dei Processi con le relative Istruzioni di Regolamento. Per consentire l invio di tali messaggi la procedura gestisce: gli indirizzi delle Controparti, delle Clearing e degli Intermediari la produzione del file da inviare in rete la stampa del messaggio da autorizzare Istruzioni di regolamento - 5 -

9 CONTABILITÀ Gli aspetti contabili attinenti l operatività in derivati si caratterizzano per la generazione delle scritture contabili di pertinenza: Movimentazione dei sottoconti di Stato Patrimoniale, di Conto Economico, di Conti d'ordine e di Conti Impegni e Rischi. Configurazione di un piano dei conti per ogni singolo prodotto. Gestione di un doppio Piano dei Conti civile e Ias Elaborazione contabile monodivisa (divisa scelta dall utente) o multidivisa (ogni evento nella divisa originaria). Contabilizzazione separata degli eventi di regolamento dagli eventi di periodo rateo/risconto e rivalutazione conti d ordine e premi in divisa OUT elaborazione Ias di Plus e Minus di Hedging Accounting che possono essere inviate direttamente alla contabilità generale con relativa primanota analitica e totali di quadratura oppure possono alimentare un partitario contabile nel quale verrano registrare analiticamente tutte le scritture in partita doppia. Il partitario contabile consente di: collegare ad ogni singola operazione sui derivati OTC le scritture contabili analitiche da questa generate e in qualsiasi momento ottenerne la consultazione ottenere il bilancio di verifica ottenere l estratto conto per sottoconto, conto, mastro, gruppo, tipo quadratura tra contabilità e segnalazione di vigilanza - 6 -

10 SEGNALAZIONI L area delle segnalazione provvede alla produzione delle seguenti segnalazioni da inviare agli Organi di controllo competenti: PUMA: produzione di un tabulato e di un flusso contenente i dati delle forme tecniche richieste dalla Banca d Italia. UIC: segnalazione giornaliera FONDO NAZIONALE DI GARANZIA: comunicazione degli aggregati che costituiscono la base contributiva. TRIENNALE B.C.E

11 FULL FAIR VALUE OTC ORIZZONTE consente di gestire le valutazioni attinenti al comparto OTC al fine di produrre: una corretta segnalazione di vigilanza Ias compliant, il calcolo contabile delle plus/minusvalenze in ottica di Hedge Accounting, il completo raccordo delle operazioni tra Front Office e Back Office. L acquisizione di una valutazione MtM può avvenire in modo automatico: tramite import di un file dal FrontOffice mediante quanto calcolato dall applicativo, mediante inserimento manuale. Con il seguente schema si evince che per un operazione è possibile avere, ad una data, fino a tre valutazioni contemporanee ed indicare quale tra loro è quella prioritaria: Priorità Struttura 1 OPERATORE valutazione inserita manualmente 2 BACK OFFICE valutazione calcolata da ORIZZONTE 3 FRONT OFFICE valutazione comunicata dal F.O. e inserita in modo automatico tramite import di un file o digitata manualmente. Con il termine valutazione prioritaria si intende la possibilità di inserire, tramite una funzione, quale è quella che verrà utilizza per la produzione contabile e per la segnalazione di vigilanza. E da rimarcare inoltre la possibilità di ottenere un valutazione MtM netta o lorda, cioè comprensiva o meno di eventuali premi (nel caso di opzioni) o ratei (negli altri casi), secondo il seguente schema: o valutazione netta = MtM + Premio - Ratei o valutazione lorda = MtM (Premi, ratei e MtM sono espressi naturalmente con segno). Sono specificati inoltre i valori delle lettere greche (delta, gamma, vega, volatilità, Mtm sottostante) secondo il formato richiesto da Banca d Italia per le segnalazioni di vigilanza

12 CALCOLO BACKOFFICE Consente di calcolare per massa le valutazioni Full Fair Value (comprensive del rischio di Credito) ad una data per l intero comparto OTC o per uno o più suoi sottosistemi (IRS, Cap&Floor,.etc.). Questa funzionalità fornisce alla struttura di BackOffice uno strumento per calcolare autonomamente e nella massima trasparenza il Full Fair Value così come parametrizzato in ORIZZONTE. I risultati apprezzabili immediatamente, quindi, sono: coadiuvazione del processo di valutazione svolto dal FrontOffice segnalazione di vigilanza più pronta perché può essere evitata la fase di spunta e raccordo operazioni con il FrontOffice contabilità automatica delle plus/minusvalenze Ias ORIZZONTE dispone di una serie di routine di calcolo per la valutazione economica degli strumenti finanziari da essa gestiti. A tal fine necessita di elementi esogeni quali quotazioni di azioni, obbligazioni, derivati, tassi, indici, cambi, volatilità. Oltre a permettere l alimentazione manuale dei rispettivi listini la procedura è integrata, in tempo reale, con i più diffusi information providers (Bloomberg, Reuters,, ). ORIZZONTE permette: la definizione delle Curve dei tassi con possibilità di parametrizzare: criterio di interpolazione; calcolo dei tassi zero coupon (capitalizzazione composta /continua con differenti basi di calcolo Act/act,act/365, ) convenzioni (Following, modified, ); il calcolo delle curve zero coupon mediante metodo del bootstrapping; uso di differenti metodi di interpolazione: lineare, logaritmica, cubic spline, ; possibilità di diverse parametrizzazioni nel calcolo del mark to market: calcolo dei tassi forward dalla curva dei tassi, con eventuali Convexity e Timing adjustement; - 9 -

13 determinazione dei cash flows futuri con utilizzo dei tassi forward calcolati dalla curva dei tassi calcolo del valore attuale dei cash flow futuri,indipendentemente dalla loro natura (interessi, commissioni, premi, estinzioni, ) utilizzando i fattori di sconto calcolati sulla curva dei tassi, interpolati alle varie scadenze; calcolo del valore delle opzioni e dei relativi greci con vari metodi: Black&Scholes, Binomiale CRR,alberi trinomiali. Calcolo della volatilità dalle quotazioni storiche, e utilizzo delle matrici della volatilità nel pricing di Cap&floor e Swapoption, valutazione di opzioni esotiche con formule analitiche, con alberi o con simulazioni montecarlo. Scomposizione di operazioni strutturate con valutazione separata delle singole componenti, ed eventuale riaggregazione finale. Stima del valore corrente di un Credit Default Product partendo dal valore atteso netto dei suoi flussi ponderati poi per la probabilità di default dell emittente secondo una distribuzione esponenziale basata sulla funzione di azzardo (modello di D.Duffie, D.X.Li). Repricing dei valori Mtm così come prodotti dall applicativo mediante curve dei tassi spreddate con gli opportuni Credit Spread, oppure secondo metodologie di Risk Adjusted puntuali Infine la stampa delle valutazioni consente di avere il quadro complessivo delle valutazioni ad una data con in più il trattamento contabile delle plus/minusvalenze secondo differenti schemi valutativi. Permette inoltre (qualora presente) la comparazione per ogni singola operazione o per il totale di ogni tipologia di inserimento, da Operatore da Back Office e da Front Office

14 Elenco delle funzioni di calcolo utilizzate per il calcolo del Mark to Market Strumento IRS BASIS SWAP CCIRS/CCS AMORTIZING SWAP ACCRETING SWAP ROLLER COASTER SWAP SWAP ZERO COUPON ASSET SWAP EQUITY SWAP EXTENDED SWAP RATCHET SWAP RANGE ACCRUAL SWAP FRA DCS OIS SPOT OUTRIGHT FOREX SWAP CAP/FLOOR/COLLAR CORRIDOR SWAPOPTION SWAPOPTION AMORTIZING CURRENCY OPTION EQUITY OPTION OPZIONI SU FUTURES INDEX OPTION BOND OPTION BASKET OPTION QUANTO OPTION ASIAN OPTION LOOKBACK OPTIONS RAINBOW OPTIONS BINARY OPTIONS BARRIER OPTIONS CREDIT DEFAULT SWAP CREDIT DEFAULT OPTION CREDIT LINKED NOTES CREDIT SPREAD OPTION CREDIT SPREAD SWAP TRORS Funzione di calcolo Modello di Rubinstein Modello di Fischer Black Calcolo tasso di cambio forward Calcolo tasso di Break-Even Attualizzazione cambio forward Attualizzazione cambio forward Attualizzazione cambio forward Modello di Fischer Black Modello di Fischer Black Modello di Fischer Black Modello di Fischer Black Modello di Black Scholes / Alberi Binomiali Modello di Black Scholes / Alberi Binomiali Modello di Black Scholes / Alberi Binomiali Modello di Black Scholes / Alberi Binomiali Modello di Fischer Black Simulazione Montecarlo Modello di Fischer Black / Misure di Martingala (Geometric Kemna Vorst) (Arithmetic Turnbull Wakeman /Montecarlo) Goldman, Sosin Simulazione Montecarlo Modello di Reiner Rubinstein Modello di Merton Reiner Rubinstein D.Duffie, D.X.Li Modello di Black Scholes D.Duffie, D.X.Li Modello di Black Scholes D.Duffie, D.X.Li Modello di Black Scholes D.Duffie, D.X.Li D.Duffie, D.X.Li D.Duffie, D.X.Li

15 Riferimenti NEWSOFT srl sede legale piazza IV Novembre MILANO phone fax software farm Viale Otranto, 47/a LECCE phone fax filiali operative via deserto di Gobi 13/ ROMA piazza Conca d Oro, 15 viale Navigazione Interna, 51 sc A ROMA PADOVA

(KONDOR+, MUREX, DEVON, BRADY)

(KONDOR+, MUREX, DEVON, BRADY) Il mercato dei Derivati OTC ha oggi raggiunto una dimensione stimata in circa 10 volte il Pil mondiale. Questo porta a considerare i potenziali rischi che si annidano in una loro mancata regolamentazione.

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy

NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy Prodotto da: NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy Soluzione Software per: Gestori di Fondi Comuni d Investimento Fondi Pensione Fondi Immobilari - 2 - Disponibile per i Sistemi Operativi:

Dettagli

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi

Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Coperture plain vanilla e coperture esotiche: opportunità e rischi Prof. Manuela Geranio, Università Bocconi Prof. Giovanna Zanotti, Università Bocconi Assolombarda, 1 Aprile 2008, Milano Agenda I. Obiettivi

Dettagli

www.newsoftsrl.it - 2 - CARATTERISTICHE FUNZIONALI

www.newsoftsrl.it - 2 - CARATTERISTICHE FUNZIONALI www.newsoftsrl.it - 2 - CARATTERISTICHE FUNZIONALI CONTENUTI Orizzonte si adatta, per filosofia di progettazione a diverse tipologie di dealing room (desk organizzati per mercati e/o prodotti cash/derivati)

Dettagli

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO

GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO GESTIRE I RISCHI IN AZIENDA TECNOLOGIE DI SUPPORTO DEFINIZIONE DEI RISCHI L esigenza per le Corporate di ricorrere ad un adeguato processo di gestione dei rischi finanziari di mercato (Corporate Financial

Dettagli

NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy

NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy Prodotto da: NEWSOFT srl Piazza IV Novembre, 4 20124 - Milano - Italy Soluzione Software per: Fiduciarie Finanziarie Intermediari Creditizi - 2 - Disponibile per i Sistemi Operativi: AS/400 AIX HP-UX SunOS/Solaris

Dettagli

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio

Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio Glossario Glossario di alcuni termini della relazione di bilancio (nell accezione accolta nella Relazione e con esclusione dei termini entrati nel lessico comune italiano oppure inseriti in un contesto

Dettagli

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE METODOLOGIA DI VALUTAZIONE E DI PRICING PER L EMISSIONE/NEGOZIAZIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE Delibera del Consiglio di Amministrazione Padergnone, 16 gennaio 2014 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39

Gli Strumenti Finanziari secondo. i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Gli Strumenti Finanziari secondo i Principi Contabili Internazionali IAS 32-39 Relatore: Dott. Stefano Grumolato Verona, aprile 2008 Overview dell intervento Strumenti finanziari e tecniche di valutazione

Dettagli

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse

Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Finanziamenti a medio termine e rischio tasso di interesse Milano 12 marzo Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore 3 Un Azienda ha la necessità di finanziare la sua attività caratteristica per un importo

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione

Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Strumenti finanziari derivati Cenni di analisi e contabilizzazione Verona, 14/03/2006 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Rischi finanziari a cui è sottoposta l azienda e modalità di copertura; Criteri

Dettagli

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

La gestione e la ristrutturazione del debito. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano La gestione e la ristrutturazione del debito 1 Evoluzione nella gestione del debito: Dalla semplice amministrazione del rimborso del debito, stabilendo piano ammortamento, quote capitale, interessi passivi,

Dettagli

Gli strumenti derivati

Gli strumenti derivati Gli strumenti derivati EMM A - Lezione 6 Prof. C. Schena Università dell Insubria 1 Gli strumenti derivati Derivati perché il loro valore deriva da quello di altre attività dette beni/attività sottostanti

Dettagli

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2

PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 Processo per la determinazione dei prezzi degli Strumenti Finanziari - SINTESI - I N D I C E PROCESSO PER LA DETERMINAZIONE DEI PREZZI DEGLI STRUMENTI FINANZIARI...2 1.- Fasi di applicazione del modello...2

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Pinzolo 13 novembre 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing e Regole Interne per l emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento 2014 PREMESSA Il presente documento definisce ed illustra

Dettagli

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari

Indice Introduzione all economia del mercato mobiliare Il lessico dei mercati mobiliari Indice Pag. 1. Introduzione all economia del mercato mobiliare 1 Antonio Fasano 1.1 Il sistema finanziario e il mercato mobiliare 1 1.1.1 Gli strumenti finanziari 2 1.1.2 Gli intermediari finanziari 4

Dettagli

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.

APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R. APPROFONDIAMO ADESSO GLI STRUMENTI CHE L'IMPRESA CAMPUS HA A DISPOSIZIONE PER LA COPERTURA DEI TASSI E IN PARTICOLARE: F.R.A. I.R.S F.R.A IL FORWARD RATE AGREEMENT E IL CONTRATTO TRAMITE IL QUALE LE PARTI

Dettagli

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento

Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Metodologia di valutazione e di pricing per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Cassa Rurale di Trento Data 16 febbraio 2011 Delibera Consiglio d Amministrazione del marzo

Dettagli

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

IAS 39: STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI : STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI La contabilizzazione dei derivati di negoziazione (speculativi) e di copertura. Esempi e scritture contabili relative all «interest rate swap» (Irs). di Alessio Iannucci

Dettagli

Classificazione tipologie di rischio

Classificazione tipologie di rischio Università Bicocca - Milano Anno Accademico 2007 / 2008 Classificazione tipologie di rischio Corso di Risk Management Milano, 27 Febbraio 2008 1 Rischi impliciti nell attività bancaria RISCHIO DI CREDITO

Dettagli

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a.

Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Politica di Valutazione e Pricing - Regole Interne per la Negoziazione/Emissione dei Prestiti Obbligazionari emessi da Banca Etica S.c.p.a. Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012

La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo. 17 Maggio 2012 La definizione di Spread e le diverse metodologie di calcolo 17 Maggio 2012 DEFINIZIONE DELL UNIVERSO INVESTIBILE UNIVERSO INVESTIBILE AZIONARIO OBBLIGAZIONARIO L acquisto di una azione o simil strumento

Dettagli

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010

Documento adottato dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 21/12/2010 Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dal Credito Cooperativo ravennate e imolese Soc. coop. (ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c.

Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. Politica per la Negoziazione dei prodotti finanziari emessi dalla Banca della Bergamasca Credito Cooperativo S.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob

Dettagli

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie -

Policy di valutazione e pricing. - obbligazioni ordinarie - Policy di valutazione e pricing - obbligazioni ordinarie - 23 maggio 202 INDICE POLITICA DI VALUTAZIONE E PRICING... 3. CARATTERISTICHE DELLE METODOLOGIE DI PRICING E PROCESSO VALUTATIVO... 3.2 MERITO

Dettagli

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014

I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS. Federica Miglietta Bari, luglio 2014 I DERIVATI: QUALCHE NOTA CORSO PAS Federica Miglietta Bari, luglio 2014 GLI STRUMENTI DERIVATI Gli strumenti derivati sono così denominati perché il loro valore deriva dal prezzo di una attività sottostante,

Dettagli

1.2. GRUPPO BANCARIO - RISCHI DI MERCATO

1.2. GRUPPO BANCARIO - RISCHI DI MERCATO 1.2. GRUPPO BANCARIO - RISCHI DI MERCATO Come già in parte evidenziato nella Premessa, nel Gruppo Intesa Sanpaolo le politiche relative all assunzione dei rischi finanziari sono definite dagli Organi Amministrativi

Dettagli

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi

MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI. Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Corso tecnico - pratico MODELLI IN EXCEL PER LA VALUTAZIONE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI COMPLESSI Calcolo del fair value e misurazione dei rischi Modulo 1 (base): 22-23 aprile 2015 Modulo 2 (avanzato):

Dettagli

I tassi interni di trasferimento

I tassi interni di trasferimento Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione AGENDA TIT unici e TIT multipli La determinazione dei tassi interni di trasferimento Le caratteristiche

Dettagli

DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options)

DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options) DIAMANTE software per la gestione dei prodotti derivati (Futures & Options). Brochure Info DerIvAties MANagement suite Gestione Prodotti Derivati (Futures e Options) Premessa In risposta all evoluzione

Dettagli

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement

IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation. IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement IAS 32 Financial Instruments: Disclosure and presentation IAS 39 Financial Instruments: Recognition and measurement 1 Argomenti trattati 1) 1) Principali contenuti 2) 2) IAS 32 Financial Instruments: Disclosure

Dettagli

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI

LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI LA RISTRUTTURAZIONE DEL DEBITO DEGLI ENTI PUBBLICI A cura di Gian Nereo Mazzocco Verona, 11 febbraio 2006 La ristrutturazione del debito In base al D.M. 1.12.2003 n. 389 sono consentite le seguenti operazioni:

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 1.2. GRUPPO BANCARIO - RISCHI DI MERCATO Nel Gruppo Intesa Sanpaolo le politiche relative all assunzione dei rischi finanziari sono definite dagli Organi Statutari della Capogruppo, i quali si avvalgono

Dettagli

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato

Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali. Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato Tesoreria, Finanza e Risk Management per gli Enti Locali Derivati: Gestione del Rischio e Valore di Mercato COMUNE DI MONTECATINI TERME 16 marzo 2009 1. Introduzione La valutazione del derivato del Comune

Dettagli

- Corporate l ment -

- Corporate l ment - Enrico Paracchini - Corporate Financial Piccola Industria Risk Management Genova - 11 Introduzione Aspetti teorici: Le transazioni vs l estero e il rischio finanziario (cambio) Corporate Financial Risk

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT Il Forward Rate Agreement (F.R.A.) è un contratto su tassi di interesse in base al quale due controparti si impegnano a scambiare ad una data futura prestabilita un certo ammontare

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla

Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Politica di pricing e Regole interne per l emissione /negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca di Credito Cooperativo BERGAMASCA e OROBICA S.c. Deliberata dal C.d.A. del 9 settembre

Dettagli

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica

Dettaglio riserve matematiche pure del segmento vita: scadenza matematica SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso

Dettagli

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista.

Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. Strumenti derivati e copertura di rischi finanziari di impresa. Quali competenze per il dottore commercialista. STEFANIA TANSINI INTESA SANPAOLO DIVISIONE CORPORATE E INVESTMENT BANKING UFFICIO SPECIAL

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI INFORMAZIONI DI NATURA QUALITATIVA Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife,

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A.

Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. Politica di pricing e regole interne per l emissione / negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla Banca Interprovinciale S.p.A. 1 DESTINATARI. Consiglio di Amministrazione Collegio Sindacale

Dettagli

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa

Banca Atestina di Credito Cooperativo società cooperativa Policy di valutazione e pricing dei Prestiti Obbligazionari della BCC Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 17/02/2011 Aggiornato con delibera del Consiglio di Amministrazione del

Dettagli

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014

Gruppo Hera Bilancio Consolidato e Separato al 31 dicembre 2014 23 Strumenti finanziari derivati / non correnti Gerarchia fair value coperto Derivati su tassi - Interest rate Swap 2 Finanziamenti 1.000 mln 103.096 1.001,2 mln 37.560 - Interest rate Swap 2 Finanziamenti

Dettagli

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit

Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Gli strumenti derivati e l hedge accounting in Unicredit Roberto Monachino Managing Director UBM- Area Amministrazione e Bilancio Milano, 8 aprile 2005 Il presente documento integra un illustrazione orale

Dettagli

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC

Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC Metodologia di pricing e Regole interne per la emissione/negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi dalla BCC (assunte in attesa delle definitive Linee Guida Interassociative per l applicazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011

REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 REGOLAMENTO MERCATO OBBLIGAZIONI comunicato alla Consob in data 5 agosto 2011 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 2 agosto 2011 Data di entrata in vigore: 8 agosto 2011 Aggiornamento del

Dettagli

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI

POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI POLICY DI VALUTAZIONE E PRICING DEGLI STRUMENTI FINANZIARI OBBLIGAZIONARI Delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2010 integrata con delibera del 18/11/2011 Redatto da: Direzione Operativa

Dettagli

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1

Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 00_caparrelli 20-01-2004 13:10 Pagina VII Prefazione XIII Parte prima I prodotti del mercato monetario e obbligazionario 1 Capitolo 1 I prodotti del mercato monetario 3 1.1 Introduzione al mercato monetario

Dettagli

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE. Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE BANCA D ITALIA AMMINISTRAZIONE CENTRALE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2005 La Banca d Italia comunica

Dettagli

Strumenti finanziari derivati ed enti locali

Strumenti finanziari derivati ed enti locali Strumenti finanziari derivati ed enti locali Torino, 17 aprile 2008 Lorenzo Ferreri Pagina 1 di 28 Sommario Definizioni Operatività Tipologie Interest Rate Swap IRS Normativa Classificazione operatori

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani

Introduzione al Corporate Financial Risk Management. Lorenzo Faccincani Introduzione al Corporate Financial Risk Management Lorenzo Faccincani 1 Il Corporate Financial Risk Management Il Corporate Financial Risk Management può essere definito come il complesso delle attività

Dettagli

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi

2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 114 2.2.7 Strumenti finanziari - fair value e gestione dei rischi 2.2.7.1 Gerarchia del fair value 2. Bilancio consolidato Le tabelle di seguito forniscono una ripartizione delle attività e passività per

Dettagli

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE

RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE RECEPIMENTO DELLA NUOVA REGOLAMENTAZIONE PRUDENZIALE INTERNAZIONALE REQUISITI PATRIMONIALI SUL RISCHIO DI CONTROPARTE Il presente documento fornisce un primo schema di Istruzioni di vigilanza inerenti

Dettagli

I derivati Contabilità, bilancio e fisco

I derivati Contabilità, bilancio e fisco I derivati Contabilità, bilancio e fisco Milano,20/10/2005 Dr. Marco Rubini 1 Indice dell intervento Contabilizzazione di alcuni derivati di copertura e di quelli speculativi; Novità della nota integrativa

Dettagli

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1

Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari Pagina 1 Politica di pricing e Regole interne per la negoziazione / emissione dei prestiti obbligazionari della Banca di Credito Cooperativo di Borghetto Lodigiano s.c. (Adottate ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C.

Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. _ Politica per la Negoziazione di prodotti finanziari emessi dalla Cassa Rurale BCC di Treviglio S.C. (Adottata ai sensi delle "Linee guida interassociative per l applicazione delle misure Consob di livello

Dettagli

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII

Gli Autori. Simbologia. Presentazione. Introduzione I N D I C E XVII XIX XXIII I N D I C E XV XVII XIX XXIII Gli Autori Simbologia Presentazione Introduzione 3 Capitolo 1 Il ruolo della finanza aziendale nell economia dell impresa 3 1.1 La nascita e lo sviluppo della finanza aziendale

Dettagli

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa...

INDICE. Presentazione... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... Presentazione.... Premessa alla seconda edizione aggiornata... Premessa... VII XVII XIX CAPITOLO I INTRODUZIONE 1. Contratti derivati: termine nuovo o nuovo significato di un termine noto?... 1 2. I rischi

Dettagli

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo

unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS SDA Bocconi School of Management Danilo Danilo unità didattica n. 7 LE OPZIONI SU TASSI DI INTERESSE: CAPS E FLOORS Definizione Modalità di utilizzo Elementi di valutazione: valore minimo e valore temporale Relazione di parità Copyright SDA

Dettagli

Gli strumenti derivati di copertura

Gli strumenti derivati di copertura Gli strumenti derivati di copertura 1 Gli strumenti finanziari derivati La normativa È contenuta nell articolo 2426 c.2 del codice civile come modificato dal D.Lgs. 139/2015 2 Classi di strumenti finanziari

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, princing

Dettagli

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi.

I contratti derivati nelle gestioni assicurative. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di. Mario Parisi. Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi I contratti derivati nelle gestioni assicurative 1 I derivati e le assicurazioni L assunzione di posizioni

Dettagli

Contratti derivati finanziari e di credito

Contratti derivati finanziari e di credito Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli CERADI Centro di ricerca per il diritto d impresa Contratti derivati finanziari e di credito Lezioni tenute presso la Luiss Management

Dettagli

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo

I derivati creditizi. Giuseppe Squeo I derivati creditizi Giuseppe Squeo 1 Il trasferimento del rischio di credito L attività di impiego, sia sotto forma di prestito che di acquisto obbligazioni, comporta un rischio di credito collegato sia

Dettagli

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca

Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca Banca di Credito Cooperativo Dell Alta Brianza Alzate Brianza Società Cooperativa Politica di pricing e regole interne per la negoziazione/emissione dei prestiti obbligazionari della Banca (Adottata ai

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Analisi e Gestione dei RIschi degli Intermediari Finanziari (AGRIF)

Analisi e Gestione dei RIschi degli Intermediari Finanziari (AGRIF) Sapienza Università di Roma Analisi e Gestione dei RIschi degli Intermediari Finanziari (AGRIF) Strumenti Derivati e Asset &Liability Managment Roma aprile-maggio 2015 Francesco Polimeni - Analisi e Gestione

Dettagli

UNIVES. Front & Back Office - Servizio Estero Merci Edizione Ottobre 2011 Versione 7.5

UNIVES. Front & Back Office - Servizio Estero Merci Edizione Ottobre 2011 Versione 7.5 UNIVES Front & Back Office - Servizio Estero Merci Edizione Ottobre 2011 Versione 7.5 Caratteristiche Il Servizio Estero merci gestisce completamente l operatività in Divisa e delle transazioni con l Estero

Dettagli

1 - Informazioni sui contenuti fondamentali dei contratti.

1 - Informazioni sui contenuti fondamentali dei contratti. Comune di Prato - Relazione al rendiconto della gestione 2011 Allegato alla relazione tecnica del responsabile dei servizi finanziari Nota sui derivati allegata al bilancio ai sensi dall art. 62 del d.l.

Dettagli

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A.

IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. IL CONSIGLIO DI CORSO DI LAUREA FINASS NELL'AMBITO DELLE ULTERIORI ATTIVITA' FORMATIVE HA ORGANIZZATO I SEGUENTI CORSI A.A. 2013-14 PERCORSO FINANZA 1. Banche, Liquidità e Mercato dei Tassi di Interesse.

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA XIII Prefazione alla prima edizione... Prefazione alla seconda edizione... Elenco delle principali abbreviazioni... IX XI XXI CAPITOLO PRIMO IL CONTRATTO DERIVATO LA NOZIONE, LA FUNZIONE, LA STORIA Guida

Dettagli

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo

Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo Sintesi della Policy di valutazione pricing delle obbligazioni emesse dalla Banca del Valdarno Credito Cooperativo ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo Settembre 2013 1 INDICE 1. PREMESSA...

Dettagli

Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi da BANCA CENTRO EMILIA Credito Cooperativo

Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi da BANCA CENTRO EMILIA Credito Cooperativo Policy di Valutazione e Pricing e Regole Interne per la negoziazione dei prestiti obbligazionari emessi da BANCA CENTRO EMILIA Credito Cooperativo (ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE DEL DIRETTORIO E COMUNICAZIONE Roma, 3 giugno 2015 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine dicembre La Banca d Italia

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c.

Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. Politica di Valutazione Pricing per le obbligazioni emesse dalla Banca di Credito Cooperativo di Cernusco Sul Naviglio s.c. (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative per l applicazione delle

Dettagli

SUITE PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI INTERBANCARI ITALIA ED ESTERO. RESIBAN spa - Strada Schiocchi 42 - MODENA 1

SUITE PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI INTERBANCARI ITALIA ED ESTERO. RESIBAN spa - Strada Schiocchi 42 - MODENA 1 SUITE PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI INTERBANCARI ITALIA ED ESTERO RESIBAN spa - Strada Schiocchi 42 - MODENA 1 INTRODUZIONE La suite di prodotti per la gestione dei Rapporti Interbancari di RESIBAN risponde

Dettagli

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012

www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 ottobre 2012 www.pwc.com Temi speciali di bilancio: Strumenti Finanziari Università degli Studi di Parma Facoltà di Economia 29 Agenda 1) Introduzione agli strumenti finanziari 2) Principali strumenti derivati 3) Normativa

Dettagli

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura

Nota integrativa consolidata Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura SEZIONE 2 RISCHI DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE 2.1 RISCHI ASSICURATIVI Ramo Vita I rischi tipici del portafoglio assicurativo Vita (gestito attraverso EurizonVita, EurizonLife, SudPoloVita e CentroVita)

Dettagli

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo

Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo Politiche di valutazione, pricing e negoziazione delle obbligazioni emesse da Emil Banca Credito Cooperativo TITOLO ABSTRACT TIPOLOGIA CORRELAZIONI CON ALTRI DOCUMENTI Politiche di valutazione, pricing

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno

LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE. Guido Modugno LA RAPPRESENTAZIONE CONTABILE DEI DERIVATI: UN INTRODUZIONE Guido Modugno Programma dell intervento 1. Il quadro generale : le fonti 2. Il trattamento contabile secondo i principi internazionali: a. Un

Dettagli

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano

L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano APB Milano, 20 novembre 2003 L introduzione dei principi contabili internazionali nel sistema bancario italiano Carlo Calandrini Banca d Italia 1 Indice l l l l l Il quadro normativo Le principali novità

Dettagli

COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap. Carlo D.

COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap. Carlo D. COLLANA DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA DERIVATI E ENTI LOCALI: COMMISSIONI O IPOTESI IMPLICITE? Il caso del Long Term Collar Swap Carlo D. Mottura Working Paper n 99, dicembre 2008 - I Working Papers del

Dettagli

La valutazione dei derivati illiquidi

La valutazione dei derivati illiquidi La valutazione degli attivi illiquidi detenuti dagli intermediari finanziari La valutazione dei derivati illiquidi ROBERTO CONTINI Banca Intermobiliare S.p.A. Milano 12 luglio 2012 S.A.F. SCUOLA DI ALTA

Dettagli

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE

L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE L UTILIZZO DEI DERIVATI A COPERTURA DEI RISCHI FINANZIARI DELLE IMPRESE SI E' MOLTO PARLATO NEGLI ULTIMI ANNI DI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI SONO STATI UTILIZZATI DA AZIENDE ANCHE DI PICCOLE DIMENSIONI

Dettagli

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC

Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Introduzione al Corporate Financial Risk Management gli strumenti derivati OTC Strumenti OTC per la gestione del rischio di tasso e di cambio Copyright SDA Bocconi 2007 Prof. Michele Rutigliano 1 Strumenti

Dettagli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli

Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli 1 1 Transizione IAS Prima classificazione del portafoglio titoli IAS-IFRS e Imprese bancarie Convegno di studi Bocconi NEWFIN FITD 8 aprile 2005 Dott. Andrea Fornasier (BILANCIO SANPAOLO IMI SPA) 2 2 Categorie

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Credit spread products I credit spread products

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA

LS Advisor ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA ANALISI SINTETICA DEI DERIVATI STIPULATI DAL COMUNE DI ROMA Gli swap sono accordi tra società per scambiarsi futuri pagamenti. L accordo definisce le date in cui i pagamenti vengono scambiati e il modo

Dettagli

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE

REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE PER TITOLI OBBLIGAZIONARI DI PROPRIA EMISSIONE BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. Sede Legale: Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Sito Internet: www.bancacarim.it REGOLE INTERNE DI PRICING E NEGOZIAZIONE

Dettagli

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop.

BANCA CREMASCA. Credito Cooperativo Soc. Coop. BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Soc. Coop. POLICY DI PRICING E REGOLE INTERNE PER LA NEGOZIAZIONE/EMISSIONE DEI PRESTITI OBBLIGAZIONARI DELLA BANCA (Adottata ai sensi delle Linee guida interassociative

Dettagli

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

I contratti finanziari. Corso di Economia degli Intermediari Finanziari I contratti finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Definizioni I contratti finanziari-detti anche attività finanziarie e strumenti finanziari-sono beni intangibili che costituiscono

Dettagli

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO

PERCORSO FUNZIONALE CREDITO MPI PERCORSO FUNZIONALE CREDIO DISPENSA DEI DOCENI MAERIALI INEGRAIVI A SUPPORO DELLE LEZIONI CURAORE: C. ZARA LA GESIONE DEL RISCHIO DI ASSO DI INERESSE Questo materiale è a disposizione esclusiva degli

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39

Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Strumenti finanziari Ias n.32 e Ias n.39 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 prof.ssa Sabrina

Dettagli

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE

Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Comunicato Stampa DIFFUSO A CURA DEL SERVIZIO SEGRETERIA PARTICOLARE Roma, 10 dicembre 2012 Rilevazione sui prodotti derivati over-the-counter a fine giugno 2012 La Banca d Italia comunica le informazioni

Dettagli