Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25kV c.a."

Transcript

1 Simulazione di un sistema ferroviario a trazione elettrica 2x25k c.a. Gian Luca Mariotti, Roberto Paggi ItalConsul S.r.l. Roma, Italia Web: 1

2 Riassunto Lo studio proposto mostra come è stato possibile impiegare il software Simplorer di ANSYS per calcolare le tensioni di rotaia che possono instaurarsi in una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata durante il passaggio di un treno o in caso di cortocircuito (caduta della catenaria sulle rotaie). Simplorer ha permesso di realizzare un modello di una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata e di simulare i diversi casi di interesse. Sono stati modellati sia i componenti puntuali dell impianto (ad esempio gli autotrasformatori) che l intera linea per tutta l estensione della catenaria, del feeder, del circuito di ritorno e delle rotaie. Inoltre al fine di rendere disponibile un modello che consentisse di eseguire simulazioni di differenti scenari, con fenomeni (il passaggio di un treno, un cortocircuito o la loro concomitanza) che possono avvenire in diverse posizioni della linea, è stata effettuata la parametrizzazione del punto di prelievo della corrente. Ciò ha permesso di effettuare le simulazioni di un cortocircuito in qualunque punto della linea, semplicemente immettendo il valore desiderato in una variabile locale di progetto creata ad hoc, che in automatico consente l aggiornamento dei valori di resistenza e induttanza della linea in base alla distanza del punto di corto circuito dalla SSE. Sono quindi state lanciate le simulazioni nei diversi scenari con un analisi transitoria per un tempo di 200ms, trovando le seguenti tensioni di rotaia: 176 olt efficaci, nel punto in cui si trova il treno, per il caso di funzionamento normale (assorbimento di corrente da parte del treno); 4180 olt efficaci, nel punto in cui avviene il cortocircuito, in caso di guasto (cortocircuito franco tra catenaria e rotaia). 2

3 Introduzione ItalConsul è una società di consulenza operante nei campi dell Ingegneria Logistica e della Progettazione meccanica, elettrica ed elettronica, che affianca ad entrambi i settori attività di Ricerca & Sviluppo, per fornire risposte e soluzioni sempre più efficaci, efficienti ed innovative. Tra le attività che ItalConsul svolge, ci sono: in ambito logistico: analisi RAMS, FMECA, Testability, Manualistica, etc in ambito elettrico: sia progettazione tradizionale di impianti MT e BT e di linee di Trazione Elettrica, sia progettazione di circuiti e impianti elettrici/elettronici tramite l utilizzo di software Multi-Dominio; in ambito meccanico: analisi strutturali agli elementi finiti (FEM) A queste attività Italconsul affianca le capacità di Calcolo della Probabilità di Successo di un qualunque Processo tramite un proprio Tool certificato. In alcuni casi, nell ambito della progettazione di linee ferroviarie o di impianti ad esse attinenti, ItalConsul si avvale del software SIMPLORER dell ANSYS, che permette una modellazione delle linee/impianti semplice e flessibile (il modello si adatta facilmente a simulare differenti condizioni di funzionamento). Proprio da una attività di questo tipo nasce il caso di studio riportato nel presente articolo. Scopo ed applicabilità dell attività Scopo Scopo dell attività svolta è di calcolare le tensioni di rotaia che possono instaurarsi in una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata durante il passaggio di un treno o in caso di cortocircuito (caduta della catenaria sulle rotaie). Approccio utilizzato Il problema è stato affrontato mediante simulazione della linea di trazione elettrica. In particolare si è: Applicabilità costruito il modello di una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata tramite software Simplorer 10.0 (ANSYS) simulato i casi di interesse per calcolare le tensioni di rotaia L analisi si applica ad una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata. Descrizione della linea di trazione elettrica Il sistema di alimentazione 2x25k c.a. 50 Hz (utilizzato per linee A.. in Italia) è costituito da varie celle" adiacenti, separate tra loro dai Posti di Parallelo (PP) o dalle Sottostazioni Elettriche (SSE). Le SottoStazioni Elettriche svolgono la funzione di trasformazione da AT a 2x25 k per la linea di Trazione Elettrica (TE). Il distanziamento tra le SSE è di circa 50 km. Tra una SSE e l altra sono ubicati 3 PP: Posti di Autotrasformazione e di Parallelo, distanziati di circa 12 km. Dunque la configurazione tipica che si raggiunge tra due SSE è la seguente: 3

4 SSE PP PP PP SSE 12 km 12 km 12 km 12 km 48 km Principio di funzionamento della linea di trazione elettrica L'avvolgimento secondario del trasformatore di alimentazione delle SSE ha tensione pari a 50 k; un capo di questo è collegato alla linea di contatto, l'altro ad un conduttore ausiliario (o di ritorno), denominato "feeder", mentre il punto centrale dell'avvolgimento è collegato alla rotaia: in questo modo la tensione di alimentazione del treno è sempre 25 k. La corrente viene forzata a circolare nel conduttore ausiliario, o di ritorno, dagli autotrasformatori 50/25 k presenti nei PP, anch essi con i due estremi collegati uno alla catenaria e l'altro al conduttore ausiliario e con il punto intermedio collegato alla rotaia. La ripartizione delle correnti che ne consegue è rappresentata nella seguente figura (esempio di assorbimento di corrente da parte di un treno situato a metà della terza cella, a partire dalla SSE di alimentazione, con le prime due celle libere), dove si può notare che: la corrente che circola nel feeder e nella catenaria delle celle libere è la metà di quella assorbita dal treno; la corrente che circola nel feeder della cella occupata è un quarto di quella assorbita dal treno; la corrente che circola nella catenaria della cella occupata a monte e a valle del punto di assorbimento è rispettivamente tre quarti e un quarto di quella assorbita dal treno; la corrente di ritorno non interessa le rotaie delle celle libere, mentre nella cella occupata è pari alla metà di quella assorbita dal treno. 4

5 Creazione del modello Tramite il software Simplorer sono stati modellati sia componenti puntuali dell impianto (ad esempio gli autotrasformatori) che l intera linea per tutta la sua estensione. Modello dell autotrasformatore Per creare il modello dell autotrasformatore si è prima idealizzato di schematizzarlo come un avvolgimento, con presa centrale, avvolto attorno ad un nucleo magnetico. Si è quindi costruito il modello con tre componenti base della libreria Simplorer: due avvolgimenti elettromagneti ed un nucleo ferromagnetico. I due avvolgimenti sono stati posti in serie, definendo per ognuno il numero di spire e la resistenza dell avvolgimento (entrambe le grandezze sono state poste uguali per i due elettromagneti), mentre il nucleo ferromagnetico è stato definito tramite la sua permeabilità magnetica relativa. Il circuito così definito è stato editato come un sottocircuito, richiamabile come singolo componente in altri modelli. Nella seguente figura è rappresentato il modello del sottocircuito Autotrasformatore, in cui sono stati resi accessibili tramite pin solo i collegamenti estremi dei due avvolgimenti e il loro collegamento comune (presa centrale dell autotrasformatore). Tali pin sono direttamente collegabili ai pin degli altri componenti presenti nel modello in cui il sottocircuito è richiamato. ELTOMAG4 JACore2 AT JA ELTOMAG3 Modello dei conduttori di linea Con riferimento alla figura sottostante, di seguito è descritta la composizione tipica della linea di trazione elettrica 2x25k in corrente alternata (riferita ad un singolo binario). 5

6 La Linea di contatto ha una sezione globale pari a 270 mm², è costituita da: n 1 corda portante in rame di sezione pari a 120 mm²; n 1 filo di contatto sagomato di sezione pari a 150 mm². Il Feeder (conduttore di ritorno) è costituito da: n 1 conduttore di alluminio - acciaio di sezione complessiva pari a 307,7 mm². Modello della linea ferroviaria 2x25kca Il circuito di terra per ogni binario è costituito da: n 2 rotaie; Circuito di ritorno, a sua volta costituito da: n 1 un conduttore in rame interrato di sezione pari a 95 mm², denominato dispersore lineare; n 1 un conduttore di terra aereo, sez. 150 mm², in lega di alluminio. Si giunge quindi alla seguente modellazione della linea di trazione elettrica 2x25k in corrente alternata, in cui sono inoltre inseriti due componenti necessari per simulare il passaggio del treno (tramite una resistenza che riproduce l assorbimento di potenza) e un cortocircuito franco tra la linea di contatto e una rotaia (tramite un interruttore ideale): 12 km 12 km 12 km Feeder -25k R_F_C1 L_F_C1 R_F_C2 L_F_C2 R_F_C3 L_F_C3 SSE TR Trasformatore AT_1 Autotrasformatore_1 AT_2 Autotrasformatore_2 AT_3 Autotrasformatore_3 Catenaria R_C_C11 L_C_C11 R_C_C12 L_C_C12 R_C_C2 L_C_C2 R_C_C31 L_C_C31 R_C_C32 L_C_C32 Corto_Circuito Treno Rotaie R_R_C11 L_R_C11 R_R_C12 L_R_C12 R_R_C2 L_R_C2 R_R_C31 L_R_C31 R_R_C32 L_R_C32 Circuito di ritorno R_CR_C11 L_CR_C11 R_CR_C12 L_CR_C12 R_CR_C2 L_CR_C2 R_CR_C31 L_CR_C31 R_CR_C32 L_CR_C32 R_T1 R_T2 R_T3 R_T4 R_T5 R_T6 rot rot5 rot6 rot1 rot2 rot

7 Simulazione del passaggio del treno Per simulare il passaggio del treno nella terza cella, si è escluso il cortocircuito (tramite una grandezza di controllo si può comandare lo stato dell interruttore ideale, ponendolo sempre nel suo stato di aperto ) e si è imposto il valore di resistenza del treno pari a 50 Ohm (*), per simulare l assorbimento di corrente di un treno tipico della linea A. Quindi è stata lanciata un analisi transitoria per un tempo di 200ms. Nota (*): è stato possibile modellare l assorbimento di corrente da parte del treno tramite una semplice resistenza poiché in questo studio non ha importanza l analisi della corrente di trazione, ma solo il valore di tensione che si instaura sulle rotaie durante il passaggio del treno stesso. Risultati della simulazione Come evidenziato dalle figure sottostanti, sono stati riscontrati i risultati attesi, in particolare che: la corrente che circola nel feeder e nella catenaria delle celle libere è la metà di quella assorbita dal treno; la corrente che circola nel feeder della cella occupata è un quarto di quella assorbita dal treno; la corrente che circola nella catenaria della cella occupata a monte e a valle del punto di assorbimento è rispettivamente tre quarti e un quarto di quella assorbita dal treno; la corrente di ritorno non interessa le rotaie delle celle libere, mentre nella cella occupata essa è pari alla metà di quella assorbita dal treno. 7

8 Inoltre dalla simulazione, tramite la corrente che si richiude sulle rotaie, si ottengono le tensioni che si instaurano sulle rotaie nei diversi punti (vedere figura seguente), da cui si evince che la massima tensione di rotaia si ha in corrispondenza del punto in cui si trova il treno ed è pari a circa 176 olt efficaci. 8

9 Simulazione del cortocircuito Per simulare un cortocircuito franco tra catenaria e rotaia nella prima cella, si è escluso il passaggio del treno (definendo aperta la resistenza che simula l assorbimento di corrente da parte del treno stesso) e si è comandata la chiusura dell interruttore ideale al tempo t = 40ms. Quindi è stata lanciata un analisi transitoria per un tempo di 200ms. Parametrizzazione Di seguito sono riportati i risultati ottenuti simulando il cortocircuito a 6 km di distanza dalla SSE. Tuttavia nel modello realizzato si è voluto parametrizzare la distanza del punto di cortocircuito dalla SSE, al fine di effettuare ulteriori simulazioni senza dover modificare i valori dei parametri di tutti i componenti inseriti nel modello, ma semplicemente agendo su un unico parametro di una variabile creata ad hoc. Infatti nel modello Simplorer è stata creata una variabile locale di progetto Distanza_cc che indica a quanti chilometri dalla sottostazione avviene il cortocircuito. Tale variabile è stata poi utilizzata per definire i valori dei parametri di induttanze e resistenze di linea (sia a valle che a monte del punto di cortocircuito). In questo modo è possibile effettuare una simulazione di un cortocircuito in qualunque punto della cella, semplicemente immettendo il valore desiderato nella variabile Distanza_cc, infatti questo consente in automatico di aggiornare tutti i valori di resistenza e induttanza della linea in base alla distanza del punto di corto circuito dalla SSE. Risultati della simulazione Dalla simulazione, oltre a tutte le altre grandezze, si ottengono le tensioni che si instaurano sulle rotaie nei diversi punti (vedere figura seguente), da cui si evince che la massima tensione di rotaia si ha in corrispondenza del punto in cui avviene il cortocircuito ed è pari a circa 4180 olt efficaci. 9

10 Conclusioni Scopo dell attività svolta era di calcolare le tensioni di rotaia che possono instaurarsi in una linea ferroviaria a trazione elettrica 2x25k in corrente alternata durante il passaggio di un treno o in caso di cortocircuito (caduta della catenaria sulle rotaie). Principali risultati Tramite il software Simplorer: Ulteriori risultati abbiamo costruito in maniera semplice uno schema equivalente della linea di trazione elettrica 2x25k in corrente alternata abbiamo verificato il corretto comportamento del modello, confrontandolo con valori attesi noti abbiamo eseguito le simulazioni in regime transitorio, trovando le seguenti tensioni di rotaia: o 176 olt efficaci, nel punto in cui si trova il treno, per il caso di funzionamento normale (assorbimento di corrente da parte del treno) o 4180 olt efficaci, nel punto in cui avviene il cortocircuito, in caso di guasto (cortocircuito franco tra catenaria e rotaia) Inoltre, l utilizzo di Simplorer ha permesso di: Riferimenti realizzare dei componenti specifici (ad esempio l autotrasformatore) e di renderli disponibili per futuri progetti rendere disponibile un modello che consente di eseguire simulazioni di differenti eventi (il passaggio di un treno, un cortocircuito o la loro concomitanza) in diverse posizioni della linea, tramite la parametrizzazione del punto di prelievo della corrente, senza modificare il modello [1] Impianti Ferroviari - II olume Lucio Mayer - CIFI 10

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing.

Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni. Prof.ing. Il Sistema di alimentazione delle linee ferroviarie Italiane ad Alta Velocità: esigenze e nuove soluzioni Prof.ing. Alfonso Capasso Torino 26 Maggio 2009 LINEE FERROVIARIE AV CARATTERISTICHE PRINCIPALI

Dettagli

Le linee AC/AV in Italia

Le linee AC/AV in Italia Le linee AC/AV in Italia Gli impianti di energia e trazione elettrica delle nuove linee ferroviarie ad Alta Velocità sono realizzati con il sistema 2 x 25 kv a 50 Hz. Si tratta di linee con velocità superiori

Dettagli

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata

16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI. Trazione Elettrica corrente alternata 16 GIUGNO 2015 A LTA VELOC ITA RFI Trazione Elettrica corrente alternata I sistemi di trazione elettrica ferroviaria La trazione elettrica in corrente continua: - a 1,5 kv - a 3 kv La trazione elettrica

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Scheda di progettazione generale (UFC effettivamente svolte) UNITÀ DIDATTICHE 1. Elettromagnetismo 2. Le macchine elettromagnetiche

Scheda di progettazione generale (UFC effettivamente svolte) UNITÀ DIDATTICHE 1. Elettromagnetismo 2. Le macchine elettromagnetiche Elettrotecnica-Elettronica AREA DI RIFERIMENTO Professionale Docenti: INGROSSO Pasquale DANZA Salvatore Libro di testo adottato: Gaetano Conte, Corso di Elettrotecnica ed Elettronica per l articolazione

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

Le macchine elettriche

Le macchine elettriche Le macchine elettriche Cosa sono le macchine elettriche? Le macchine elettriche sono dispositivi atti a: convertire energia elettrica in energia meccanica; convertire energia meccanica in energia elettrica;

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche

Magnetic field. Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche Magnetic field Progetti e Soluzioni per Interferenze Elettromagnetiche su Tubazioni Metalliche M.Moro - G. Lucca SIRTI spa TUBAZIONI METALLICHE CORROSIONE in corrente continua (correnti vaganti prodotte

Dettagli

IL TRASFORMATORE REALE

IL TRASFORMATORE REALE Il trasformatore ideale è tale poiché: IL TRASFORMATORE REALE si ritengono nulle le resistenze R 1 e R 2 degli avvolgimenti; il flusso magnetico è interamente concatenato con i due avvolgimenti (non vi

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ) Opzione manutentore Meccanico CLASSE III

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE ) Opzione manutentore Meccanico CLASSE III Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 201/16 ( ore/settimana programmate su 30 settimane/anno, di cui 2 ore/settimana di compresenza) - 10 ore/anno ) PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.A. (TECNOLOGIE

Dettagli

Il nostro pool di specialisti è disponibile anche per consulenze e collaborazioni nella progettazione e realizzazione di prodotti su misura.

Il nostro pool di specialisti è disponibile anche per consulenze e collaborazioni nella progettazione e realizzazione di prodotti su misura. GTS Transformers è stata fondata nel 1963 e da 50 anni opera nel campo della produzione di trasformatori elettrici ed affini. Grazie alla competenza ed esperienza dei nostri tecnici e progettisti, si è

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO Elettrotecnica e Automazione (I.T.I.S.) MATERIA Elettrotecnica ANNO DI CORSO Quinto INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Generalità sulle macchine elettriche. 2 Macchine elettriche statiche. 3 Macchine elettriche asincrone. 4 Macchine elettriche sincrone. 5 Macchine elettriche in corrente

Dettagli

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE

SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE Progetto Figi - Corso in Cotutela SEZIONAMENTO DELLA LINEA DI CONTATTO E MESSA A TERRA DI SICUREZZA PER GALLERIE FERROVIARIE ING. ANTONIO COLLA DICEMBRE 2009 ARGOMENTI TRATTATI DECRETO E SPECIFICHE DI

Dettagli

Generazione campo magnetico

Generazione campo magnetico ELETTRO-MAGNETISMO Fra magnetismo ed elettricità esistono stretti rapporti: La corrente elettrica genera un campo magnetico; Un campo magnetico può generare elettricità. Generazione campo magnetico Corrente

Dettagli

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO...

CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... SOMMARIO CALCOLI DI CORRENTI DI CORTO CIRCUITO... 3 CALCOLI DI DIMENSIONAMENTO CAVI... 4 VERIFICA DELLA PROTEZIONE DEI CAVI... 5 ELABORATI DI CALCOLO... 6 1 INTRODUZIONE I calcoli elettrici che formano

Dettagli

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com 1 INTRODUZIONE La Norma CEI 64-8/6 tratta delle verifiche per gli impianti elettrici in BT. Le prove eseguibili sono in ordine sequenziale dirette a verificare e/o misurare: continuità dei conduttori di

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5.1 SEGNALAMENTO Tenuto conto dell entità del traffico e del prevedibile modello di esercizio, si ritiene sufficiente adottare per la regolazione della circolazione il

Dettagli

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso.

Sistemi Trifase. invece è nel senso degli anticipi (+) il sistema è denominato simmetrico inverso. Sistemi Trifase Un insieme di m generatori che producono f.e.m. sinusoidali di eguale valore massimo e sfasate tra di loro dello stesso angolo (2π/m) è un sistema polifase simmetrico ad m fasi. Se lo sfasamento

Dettagli

Soluzione del prof. Paolo Guidi

Soluzione del prof. Paolo Guidi Soluzione del prof. Paolo Guidi Lo schema elettrico del sistema formato dalla dinamo e dal motore asincrono trifase viene proposto in Fig. 1; Il motore asincrono trifase preleva la tensione di alimentazione

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore

Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Capitolo 4 (ultimo aggiornamento 14/05/04) 4.1 Considerazioni sul trasporto della energia elettrica a distanza ed importanza del trasformatore Il trasformatore è una macchina elettrica statica, il cui

Dettagli

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO

MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO MACROSETTORE LAVORAZIONI MECCANICHE E IMPIANTISTICA INSTALLATORE ELETTRICO Installatore elettrico 1 INSTALLATORE ELETTRICO TECNICO PROFESSIONALI prima annualità Installatore elettrico 2 Conoscenza dei

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Regole della mano destra.

Regole della mano destra. Regole della mano destra. Macchina in continua con una spira e collettore. Macchina in continua con due spire e collettore. Macchina in continua: schematizzazione di indotto. Macchina in continua. Schematizzazione

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria

Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria Convegno CIFI su Nuove Tecnologie per la Sicurezza e l Alta Velocità Ferroviaria Compatibilità elettromagnetica tra sistemi di trazione Correnti condotte e posti di confine elettrico tra sistemi di trazione

Dettagli

PROVE SU UN ALTERNATORE TRIFASE

PROVE SU UN ALTERNATORE TRIFASE LABORATORIO DI MACCHINE ELETTRICHE PROVE SU UN ALTERNATORE TRIFASE PROVA DI CORTO CIRCUITO Contenuti scopo della prova; schema del circuito di misura; esecuzione della prova; registrazione dati di misura;

Dettagli

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore

Macchine elettriche. La macchina sincrona. Corso SSIS 2006-07. 07 prof. Riolo Salvatore Macchine elettriche La macchina sincrona 07 prof. Struttura Essa comprende : a) albero meccanico collegato al motore primo b) circuito magnetico rotorico fissato all albero (poli induttori) i) c) avvolgimento

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSI DI LAUREA MAGISTRALI DI INGEGNERIA ELETTROTECNICA ED ENERGETICA LIBRETTO DELLE LEZIONI DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende:

Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: Un condominio, ubicato su un area a forma rettangolare, comprende: - tre piani fuori terra con una scala interna; - tre appartamenti per piano aventi rispettivamente una superficie di circa 50 m 2, 100

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI

PROGRAMMA PRELIMINARE DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@veronesemarconi.it

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN - CATANIA A. S. 2012-2013 ELETTROTECNICA, ELETTRONICA, AUTOMAZIONE CLASSE 3 Sez. C Prof. Fiorio Walter - Prof. Distefano Antonino LIVELLO DI PARTENZA: La classe

Dettagli

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI

3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3 PROVE MECCANICHE DEI MATERIALI METALLICI 3.1 Prova di trazione 3.1.3 Estensimetri La precisione e la sensibilità dello strumento variano a seconda dello scopo cui esso è destinato. Nella prova di trazione

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 -

ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento. Istituto Paritario Scuole Pie Napoletane - Anno Scolastico 2012-13 - ENERGIA ELETTRICA: Generatori e tipi di collegamento Quando un conduttore in movimento attraversa le linee di forza di un campo magnetico, nel conduttore si genera una forza elettromotrice indotta in grado

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE

LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE ITI OMAR CLASSE 5EB A.S. 2006/2007 NOVARA LA TRAZIONE ELETTRICA A 3kV CC NELLE FERROVIE ALUNNO: ANGOTTI ROBERTO INDICE - Prefazione pag. 1 - Generalità pag. 2 Cap. 1 : linea di contatto - generalità costruttive

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTO ELETTRICO File: Relazione tecnica Data 11-11-2009 1 INDICE RELAZIONE DI CALCOLO E CRITERI DI DIMENSIONAMENTO... 3 CRITERI DI PROGETTO... 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE

Dettagli

L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico

L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico L inverter SMA, il cuore di ogni impianto fotovoltaico L efficienza di un impianto fotovoltaico dipende dall efficienza dell inverter. Il suo compito è di trasformare la corrente continua delle celle solari

Dettagli

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici

SICUREZZA ELETTRICA collegamento a terra degli impianti elettrici SICUREA ELERICA collegamento a terra degli impianti elettrici classificazione dei sistemi elettrici in basa al collegamento a terra sistemi, -C,-S,I corrente di impiego collegamenti equipotenziali guasto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO - ELETTRONICHE ) CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione 1 Modulo 1 Circuiti e reti in corrente alternata 1.1 Risoluzioni

Dettagli

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE

COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE COMANDO E CONTROLLO DI GENERATORI PER TURBINE EOLICHE AFE - INVERTER OPDE Sistema di conversione Energia Configurazione con controllo digitale a DSP che consente di gestire nel modo più efficiente e dinamico

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14

Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14 1 Regola tecnica di riferimento per la connessione di utenti attivi e passivi alla rete AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica. 2 Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5 Parte 6 Parte

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

IL TRASFORMATORE Prof. S. Giannitto Il trasformatore è una macchina in grado di operare solo in corrente alternata, perché sfrutta i principi dell'elettromagnetismo legati ai flussi variabili. Il trasformatore

Dettagli

Generatore di Forza Elettromotrice

Generatore di Forza Elettromotrice CIRCUITI ELETTRICI Corrente Elettrica 1. La corrente elettrica è un flusso ordinato di carica elettrica. 2. L intensità di corrente elettrica (i) è definita come la quantità di carica che attraversa una

Dettagli

6.1 Macchine sincrone generalità

6.1 Macchine sincrone generalità Capitolo 6 (ultimo aggiornamento 31/05/04) 6.1 Macchine sincrone generalità La macchina sincrona è un particolare tipo di macchina elettrica rotante che ha velocità di rotazione strettamente correlata

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario

Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario Progettazione e Sviluppo di Tecnologie in campo ferroviario p ro d o tt i e s i s te m i Area Testing Produzione di apparecchiature, sistemi, banchi prova ed impianti tecnologici per l esecuzione delle

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

Generatore radiologico

Generatore radiologico Generatore radiologico Radiazioni artificiali alimentazione: corrente elettrica www.med.unipg.it/ac/rad/ www.etsrm.it oscar fiorucci. laurea.tecn.radiol@ospedale.perugia.it Impianto radiologico trasformatore

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia

Studio Tecnico Dott. Ing. Paolo Caruana La Spezia 1. PREMESSA Nella presente relazione sono illustrati i criteri di scelta delle soluzioni progettuali adottate, in relazione alla classificazione dei luoghi ed in ottemperanza alle norme tecniche di riferimento.

Dettagli

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso

Verifiche su impianti di Terra. Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso Apparecchiature per la verifica degli impianti di messa a terra e modalità d uso 1 Principale normativa inerente impianti di messa a terra Impianti elettrici CEI 99-2 (IEC EN 61936-1) CEI 99-3 (EN 50522)

Dettagli

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3)

Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Incontro tecnico Messa a terra degli impianti a tensione superiore a 1 kv in c.a. Norma CEI EN 50522, 2011-07 (CEI 99-3) Relatore Per. Ind. Gastone Guizzo 1 Padova, 04 febbraio 2012 La Norma CEI EN 50522

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA SU CONSISTENZA E TIPOLOGIA Progetto: Progetto1 Descrizione: Impianto 1 Committente: Mario Rossi Ubicazione: Barletta Progettista: Ing. Franco verdi Data: 18/02/2012

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

Programma Svolto. Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione. Classe IIIA

Programma Svolto. Tecnologie e Tecniche di Installazione e Manutenzione. Classe IIIA ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALESSANDRO VOLTA Via Volta, 1 - Tel. : 0785/53024 fax: 0785/52654 - e-mail: isisghilarza@tiscalinet.it - C.M. ORIS00100L - C.F.90027890954 09074 GHILARZA (Oristano)

Dettagli

Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante

Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante Corrosione ed interferenze elettromagnetiche in corrente alternata su tubazioni metalliche: effetto del degrado del rivestimento isolante G.Lucca SIRTI S.p.A - Milano Interferenze elettromagnetiche in

Dettagli

Impianti di Messa a Terra

Impianti di Messa a Terra FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti di Messa a Terra Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it Normativa L'impianto di terra può essere

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE "G. MARCONI" Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Meccaniche e Grafiche

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. MARCONI Via Milano n. 51-56025 PONTEDERA (PI) DIPARTIMENTO: Discipline Meccaniche e Grafiche PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE Monte ore annuo 132 Libro di Testo Sistemi ed Automazione Industriale vol1 Natali Aguzzi Ed. Calderini SETTEMBRE Grandezze elettriche, magnetiche e loro unità di

Dettagli

ARGANI A TAMBURO GAMMA TRACTEL. w w w. t r a c t e l. i t

ARGANI A TAMBURO GAMMA TRACTEL. w w w. t r a c t e l. i t RNI TMURO MM TRCTEL w w w. t r a c t e l. i t 2 RNI ELETTRICI TMURO H Utilizzo li argani elettrici tipo "DM" e "DT" sono destinati prevalentemente alla "trazione" di carichi. Caretteristiche tecniche Telaio

Dettagli

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06

Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 Classe 35 A Anno Accademico 2005-06 1) In un bipolo C, in regime sinusoidale, la tensione ai suoi capi e la corrente che l attraversa sono: A) in fase; B) in opposizione di fase; C) il fasore della corrente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E.

PROGRAMMAZIONE DI T.E.E. Materia: TECNOLOGIA ELETTRICO ELETTRONICA E APPLICAZIONI - 2014/1 ( ore/settimana programmate su 30 settimane/anno, di cui 2 ore/settimana di compresenza) - ore/anno ) PROGRAMMAZIONE DI T.E.E. (TECNOLOGIE

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE

IMPIANTO ELETTRICO ILLUMINAZIONE PUBBLICA STRADE DI LOTTIZZAZIONE OGGETTO Variante al piano attuativo di iniziativa privata ai sensi della L.R. 11/2005 autorizzato con delibera del C.C. n. 125 del 21/12/2005 S. Angelo di Celle - Deruta (Perugia) COMMITTENTE Novatecno

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche

Norme di rappresentazione grafica di reti e impianti elettrici. Classificazione dei materiali d interesse in relazione alle proprietà elettriche IPIA PLANA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 SEDE PROGRAMMA DI TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI CLASSE 3A MANUTENTORI E ASSISTENZA TECNICA PROF S. SECCIA CONTENUTI Norme di rappresentazione grafica

Dettagli

cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI

cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI cabtrasf_esercit1 1/16 ESERCITAZIONI DI IMPIANTI ELETTRICI PROGETTO DI MASSIMA DI UNA CABINA DI TRASFORMAZIONE Si deve realizzare l impianto elettrico di un medio insediamento industriale costituito da

Dettagli