Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week"

Transcript

1 Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale, che è un po la Costituzione del nostro Movimento, parla chiaro: essere riconosciuti come organizzazioni Equo Garantite bisogna essere senza scopo di lucro. Le migliaia di volontari, i soci, i lavoratori di tutte le organizzazioni che operano in Italia sono quindi appieno inserite nel Terzo Settore e sono senza finalità di lucro. Altra questione riguarda il commercio equo fondato sulla certificazione di prodotto, che per sua stessa natura è aperto anche ai soggetti dell'economia tradizionale. E che ruolo hanno tutti i volontari delle botteghe ad esempio: senza di loro mi sembra che i conti torni non tornerebbero? O mi sbaglio? Con la risposta vorrei capovolgere totalmente la domanda: quale altro tipo di attività economica e commerciale riesce a dare alle persone una motivazione così forte da far loro impiegare il tempo senza un guadagno personale? Il volontariato è parte integrante del sistema equo e solidale e non ha tanto senso pensare ad una sostenibilità senza i volontari perché non si parlerebbe più di movimento ideale e di sensibilizzazione, ma solo di una rete di negozi: allora il discorso cambierebbe. Detto questo sicuramente senza il volontariato dal punto di vista squisitamente economico in questa fase non ci sarebbero i margini per una sostenibilità di molti punti vendita, ma ripeto che è proprio il volontariato il motore del meccanismo, non un suo ingranaggio. Perché ci tenete a definirvi Movimento del Commercio Equo e Solidale? Esiste o è esistita una dimensione politica del Commercio Equo e Solidale? Decisamente sì. E direi mai come oggi: il Commercio Equo e Solidale infatti non solo ha prodotti da offrire, ma vanta anche un portato di idee e proposte per migliorare l'economia a livello globale. Non siamo più una testimonianza, ma la prova provata che fare commercio secondo altre regole che non siano il profitto e la massimizzazione degli utili è possibile e porta reali benefici. Per questo saremo a Milano nel periodo dell'expo: con molti contenuti e proposte vogliamo partecipare al dibattito sul modello di sviluppo possibile. Posso anche affermare che dopo anni in cui la crisi economica ci aveva fatto ripiegare sulla badare alla sostenibilità delle nostre Organizzazioni, oggi ricominciamo a guardare lontano e a puntare di nuovo sui temi più ideali della nostra proposta. Che cosa è Agices e quali sono le priorità del ComES Italiano?

2 AGICES - Equo Garantito è allo stesso tempo l'organizzazione di categoria delle cooperative e associazioni di commercio equo e solidale e l'organo di controllo che grazie ad un sistema di monitoraggio certificato può dare garanzie ai consumatori sulla condotta dei propri aderenti. Per essere soci infatti le organizzazioni devono rispettare tutti i requisiti della carta dei criteri del commercio equo e solidale. In questo senso AGICES vuole promuovere sempre di più in Italia il commercio equo fondato sulle organizzazioni e su relazioni dirette tra consumatori e produttori per costruire un'economia più giusta e capace di futuro. Tra le altre priorità c'è quella di instaurare un dialogo con l economia solidale e permettere la maggiore integrazione delle nostre organizzazioni nelle reti; lavorare perché sia approvata una legge nazionale che disciplini il settore; garantire la sostenibilità economica dei nostri soci e sostenere l allargamento del mercato del Commercio Equo. Qual è - se esiste - la "via italiana" al Fair Trade? Il commercio equo italiano è un esempio nel mondo: perché? Esiste eccome, e non a caso l'italia è stata scelta dalla WFTO (l Organizzazione mondiale del commercio equo e solidale) per ospitare l'assemblea globale che si tiene ogni due anni. Il commercio equo italiano è fortemente fondato sulle Organizzazioni più che sui sistemi di certificazione di prodotto ed ha quindi una forte presenza sul territorio e una capacità di fare movimento, di proporre idee, di organizzare iniziative. C'è poi un aspetto tecnico interessante: il nostro sistema di monitoraggio è stato preso ad esempio a livello globale da WFTO e la rete di botteghe socie di AGICES - Equo Garantito è stata la prima al mondo ad essere riconosciuta come sistema di controllo compatibile con gli standard internazionali. Per questo adesso sulle vetrine delle nostre botteghe appare accanto al logo di Equo Garantito anche quello dell'organizzazione Globale. Un altro fattore non trascurabile né casuale: l attuale presidente di WFTO globale, Rudi Dalvai e di WFTO Europa, Giorgio Dal Fiume, sono italiani. È forse un indiretto riconoscimento al profilo alto che ha sempre caratterizzato la via italiana al Fair Trade. Quali sono secondo lei pregi e i difetti del Movimento italiano del Commercio Equo e Solidale? Cominciamo dai difetti: troppa divisione in organizzazioni tutte autonome tra di loro e spesso con comportamenti commerciali e strategici contrastanti da cui deriva una scarsa capacità di fare sistema: un certo invecchiamento della classe dirigente delle Organizzazioni; la difficoltà di capire, molto spesso, cosa chiedano i consumatori in termini di prodotti, servizi, informazioni; il non aver ancora trovato per le nostre botteghe un posizionamento specifico nel mercato del commercio al dettaglio e una fisionomia riconoscibile da tutti. Tra i pregi c'è la grande vitalità delle organizzazioni e la capacità di guardare al futuro. Per esempio, nella scelta politica di aprire a prodotti provenienti da economia sociale italiana vedo l'indicatore di quanto queste nostre organizzazioni sappiano trattare il tema dello sviluppo sostenibile in modo complessivo e in prospettiva. Un altro elemento di forza è

3 l'aver dimostrato sul campo che le pratiche economiche del settore equo e solidale non sono solo teorie o buone intenzioni, ma riescono a creare consolidate esperienze commerciali ed economiche che portano beneficio a milioni di produttori e nuova sensibilità ai consumatori italiani. Tra i pregi c'è, infine, la versatilità, la resistenza anche di fronte a periodi difficili, e la capacità di stimolare un dibattito interno adatto a creare nuove prospettive. La Lombardia sta per approvare in questi giorni una legge che aiuterà forse lo sviluppo del Commercio Equo e Solidale? Che importanza ha questa legge? Già oltre la metà delle Regioni italiane hanno una legge sul commercio equo e solidale e stiamo lavorando anche sul piano nazionale per una normativa complessiva. La Lombardia è la regione in cui c'è il maggior numero di organizzazioni di commercio equo e solidale, ed è anche la zona d'italia che produce il maggior fatturato: il fatto che mancasse una legge proprio in questa regione era, secondo noi, particolarmente problematico e per questo le Organizzazioni si sono mosse per avviare il percorso di una normativa di iniziativa popolare. Le leggi sul commercio equo hanno in generale tre obiettivi: il riconoscimento del nostro modo di fare economia e commercio; la tutela rispetto a tante realtà che equo solidali non sono, ma che cercano di saltare sul carro della sensibilità dei consumatori rispetto a questi temi; infine la promozione delle attività e dei progetti delle organizzazioni. Il commercio equo e solidale in Italia ha un valore di circa 200 milioni di euro (fonte rapporto Agices) con una percentuale di distribuzione che varia dal 2 al 5%. Che cosa si può fare per aumentare la fetta di mercato? Tre parole chiave: informazione, informazione e ancora informazione! Nel senso che l'unica nostra modalità per aumentare le quantità di mercato sono quelle di rendere i consumatori più sensibili al tema dello sviluppo sostenibile a livello soprattutto sociale, ma anche ambientale. Dobbiamo quindi far loro conoscere la rete delle nostre botteghe. Ci sarà poi da rivedere la nostra rete distributiva, perché è troppo discontinua la presenza sul territorio tra le varie zone d'italia (con una presenza molto scarsa al Mezzogiorno) per cui in alcune zone un consumatore rischia di avere la prima bottega equa a 100 chilometri da casa. Vorremo anche ragionare sui miglioramenti della struttura commerciale della nostra filiera puntando ad una maggiore efficienza generale della rete, pronta così ad affrontare la crescita del mercato. Le potenzialità ci sono tutte. Come si può attrarre il consumatore medio al vostro mercato? Noi abbiamo un biglietto da visita che può interessare anche il consumatore meno sensibile ai temi dello sviluppo sostenibile: la qualità dei nostri prodotti, accanto alla loro storia che parla di dignità del lavoro ad ogni latitudine. Come sta cambiando la sensibilità dei consumatori italiani?

4 Anche la recente crisi economica ha contribuito a cambiare la sensibilità di molti consumatori: prima di tutto ci si rende conto del grande ruolo che ciascuno di noi ha nell influire con i propri consumi sull'economia globale. È quindi aumentata la percezione del proprio potere d'acquisto non solo in termini economici, ma anche politici. L attenzione non è più legata solo ai temi dell'ambiente e del benessere della persona, ma anche alle condizioni di lavoro dei produttori. Molti si rendono conto che è assolutamente insensato uscire dalla crisi adottando l identico sistema economico e di relazioni tra commercio e finanza che a quella crisi ha portato. Bisogna cambiare a partire dalla spesa di ogni giorno. Direi quindi che l'impostazione rispetto a vent'anni fa è meno solidaristica -intesa come solo aiuto ai produttori- e più attenta al complessivo scenario economico Che cosa è EquoGarantito e cosa significa la vetrofania esposta nei punti vendita? Equo Garantito è innanzitutto un marchio per i consumatori, perché sappiano che le botteghe e le Organizzazioni che lo espongono sono controllate e rispettano la Carta Italiana dei Criteri del commercio equo e solidale con un sistema di monitoraggio certificato da un ente esterno e terzo. Ma c'è di più: Equo Garantito, infatti, vuole essere il cognome comune del movimento che riunisce tutte le organizzazioni di commercio equo e solidale socie, siano esse importatori o botteghe. Tra i soci di Equo Garantito ci sono le principali organizzazioni italiane di commercio equo solidale e i principali importatori. È decisamente giunto il momento di unire le forze sotto un unica bandiera. Ben riconoscibile all esterno. Nel programma di Wftw si legge di Domestic Fair Trade. Ci spiega quale ruolo avrà durante la settimana del commercio equo e solidale? È forse tra gli elementi più interessanti e strategici del momento, ossia l'apertura del Commercio Equo italiano all'economia solidale, una sorta di Commercio Equo nord-nord accanto al tradizione sud-nord. Nelle nostre botteghe quindi non saranno più presenti solo i produttori e i prodotti del Sud del mondo, che comunque dovranno essere e restare prevalenti, ma il commercio equo aprirà le porte sempre più a progetti di Economia Solidale: cooperazione sociale, economia carceraria, terre confiscate alla mafia. In poche parole vogliamo che chi entra in una bottega equo garantita capisca da subito che l'elemento forte che ci caratterizza è il rispetto delle condizioni di lavoro e di produzione ad ogni latitudine: perché solo da un lavoro rispettoso dei diritti potrà nascere una nuova economia più sostenibile sia in Italia che nel Sud del mondo. Sul vostro sito è attiva una campagna contro il TTIP -Transatlantic and Investment Partnership- e il CETA -Comprehensive Economic and Trade Agreement-. Che cosa cambierebbe per il commercio equo e solidale se questi due accordi dovessero essere ratificati dai Paesi Eu come il nostro?

5 Dal nostro sito si può scaricare un Quaderno del commercio equo e solidale monografico proprio su questo accordo. In una battuta possiamo dire che questi accordi sono il contrario speculare del commercio equo e solidale. Noi vogliamo infatti che il mercato abbia delle regole a protezione di tutti i soggetti della filiera produttiva, a partire dai produttori delle materie prime. La liberalizzazione dei mercati e l assenza di regole e di controllori sono state proprio le cause della crisi che da sei anni ha messo in seria difficoltà l'economia di mezzo mondo. Noi abbiamo molte idee su come superare la crisi con tutt altri presupposti, e la settimana di Milano vuole proprio dettare una nuova agenda per riuscire a nutrire il pianeta partendo proprio dall esperienza del Fair Trade.

1 In questa fase non è intenzione del Direttivo AGICES proporre nuove variazioni alla Carta dei Criteri rispetto a quelle di

1 In questa fase non è intenzione del Direttivo AGICES proporre nuove variazioni alla Carta dei Criteri rispetto a quelle di Con le pagine che seguono il direttivo di AGICES propone ai suoi Soci, ma anche a tutto il Movimento del Commercio Equo e Solidale italiano una visione di sviluppo della rete delle nostre Organizzazioni

Dettagli

L alternativa del Commercio Equo e Solidale

L alternativa del Commercio Equo e Solidale L alternativa del Commercio Equo e Solidale Non si vede bene che col cuore. l essenziale è invisibile agli occhi. (Antoine de Saint-Exupery) Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO

ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO ECONOMIA DEL FAIR TRADE DEFINIZIONI DI RIFERIMENTO 1 COSA S INTENDE CON FAIR TRADE Cos è FT per la gente della strada 20 Un movimento di cooperative, associazioni, organizzazioni non profit che commercializza

Dettagli

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013

e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 e-laborando Classi III B III E a.s. 2012-2013 PRIMA FASE: LO SVILUPPO SOSTENIBILE Le risorse della terra sono limitate I rifiuti e le emissioni inquinanti, in quanto prodotti dell uomo, hanno un impatto

Dettagli

Sarà perché la popolarità delle

Sarà perché la popolarità delle Banca etica Adulta a 15 anni Nata nel 1999, è ormai una struttura consolidata, che finanzia 7.500 progetti coniugando solidarietà e mercato di Nerina Trettel Sarà perché la popolarità delle banche continua

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione

PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione PIANO PER UNO SVILUPPO RESPONSABILE Documento sulle linee programmatiche-strategiche 2013>2018 In votazione INTRODUZIONE Pace e Sviluppo dopo 20 anni di attività come Cooperativa si trova ad essere tra

Dettagli

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30.

Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Proto Tilocca Intanto buon giorno a tutti. Cercherò di essere breve perché mi hanno chiesto di concludere entro le 13:30. Intanto permettetemi di ringraziare, a nome del CTM, la Regione non solo per averci

Dettagli

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015

IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 IDEE IN COMUNE DESTINATION EXPO MILANO 2015 CALL RISERVATA AI COMUNI ITALIANI E AI LORO TERRITORI PER LA PRESENZA NEL PADIGLIONE DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione a Milano

Dettagli

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015

EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 EXPLODING YOUR IDEA! DESTINATION EXPO MILANO 2015 1 CALL INTERNAZIONALE DI IDEE PER LO SVILUPPO DEL PROGRAMMA CULTURALE DEL SPAZIO ESPOSITIVO DELLA SOCIETA CIVILE IN EXPO MILANO 2015 1. PREMESSA L'assegnazione

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale

TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale Si è tenuta nella cornice del Palacongressi di Rimini la 36esima edizione della convention annuale dedicata ai partner di TeamSystem, principale software

Dettagli

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising

E il momento di iniziare: le fondamenta del fundraising ENGAGEDin propone corsi di formazione per le organizzazioni che vogliono avviare o sviluppare la propria attività di raccolta fondi attraverso la crescita delle proprie competenze, la discussione di casi

Dettagli

Servizi sociali per tutti

Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti Servizi sociali per tutti 4 Una voce che conta per i lavoratori e le lavoratrici dei servizi sociali d Europa La FSESP è la Federazione sindacale europea dei lavoratori dei servizi

Dettagli

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale.

Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Proposta di Legge 20 dicembre 2013, n. 303 Disposizioni per il sostegno e la diffusione del commercio equo e solidale. Art. 1 Oggetto e finalità 1. La Regione, in coerenza con i principi internazionali

Dettagli

venerdì 28 giugno 2013, 17:22

venerdì 28 giugno 2013, 17:22 A tutto Gas 1 Cambiare il mondo si può A tutto Gas Un modo semplice e rivoluzionario di fare la spesa venerdì 28 giugno 2013, 17:22 di Silvia Allegri A tutto Gas 2 A tutto Gas 3 A tutto Gas 4 A tutto Gas

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza

100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 100 GIORNI, 100 PROPOSTE Call per l organizzazione di iniziative culturali in Cascina Triulza 1. PREMESSA Per la prima volta nella storia delle Esposizioni Universali, Milano ha ospitato un padiglione

Dettagli

VADEMECUM PER L'APERTURA DEI MERCATI DELLA TERRA IN ITALIA

VADEMECUM PER L'APERTURA DEI MERCATI DELLA TERRA IN ITALIA VADEMECUM PER L'APERTURA DEI MERCATI DELLA TERRA IN ITALIA PREMESSA I Mercati della Terra sono una rete internazionale di mercati contadini, che nasce nel nome e con i principi di Slow Food. In questi

Dettagli

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole

Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole Percorsi per una cittadinanza attiva e consapevole - dare voce a chi non ha voce- Chi siamo? Siamo una Associazione iscritta al Registro regionale delle organizzazioni di volontariato. L Associazione ha

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane

Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Negoziati commerciali e competitività delle imprese agro alimentari italiane Giovanni Anania Università della Calabria Il commercio agroalimentare mondiale e il ruolo del Made in Italy Milano Expo 2015

Dettagli

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14

A SCUOLA DI MONDO. Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 A SCUOLA DI MONDO Percorsi di educazione interculturale e di educazione allo sviluppo per la scuola primaria ANNO SCOLASTICO 2013-14 Il commercio non è né buono né cattivo [...] può sia contribuire al

Dettagli

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ

LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E LA SOSTENIBILITÀ L SSOIZIONI I VOLONTRITO L SOSTNIILITÀ lle ssociazioni di volontariato del riuli Venezia iulia lle ssociazioni di promozione sociale del riuli Venezia iulia La sostenibilità, che viene declinata nella

Dettagli

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori

IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori IL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE e CONSUMO CRITICO I valori nello scambio Lo scambio di valori SOMMARIO PERCHE CHE COSA E LE ORIGINI GLI OBIETTIVI I CRITERI I PRINCIPALI PRODOTTI IL PREZZO TRASPARENTE LA RETE

Dettagli

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA

Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Patto comune della Rete dei GAS della provincia di Genova GASaGENOVA Birulò GAS Fratello Sole GAS Amici di Banca Etica GasSestri GAS Castelletto GAS Impronta GasOsa Gaspacho GAS Le Primule Gas Levante

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori

Confi ndustria Modena. Gruppo Giovani Imprenditori Confi ndustria Modena Gruppo Giovani Imprenditori Il Gruppo Giovani Imprenditori Modena CHI SIAMO Il Gruppo Giovani Imprenditori di Modena è elemento integrante della vita associativa di Confi ndustria

Dettagli

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili

Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Contabilità ordinaria, semplificata e altri regimi contabili Obiettivi del corso Iniziamo, con questa prima lezione, il nostro corso dal titolo addetto alla contabilità. Si tratta di un corso base che

Dettagli

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari

Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia - 1 - XI Legislatura - Atti consiliari TESTO PRESENTATO DAI PROPONENTI Art. 1 (Finalità)

Dettagli

UN MONDO DI OPPORTUNITÀ PER LA TUA IMPRESA.

UN MONDO DI OPPORTUNITÀ PER LA TUA IMPRESA. UN MONDO DI OPPORTUNITÀ PER LA TUA IMPRESA. Al tuo fianco, sempre. DIREZIONE ESTERO E SISTEMI DI PAGAMENTO. Scopri la differenza. Forte delle sue radici, Banca d Alba è oggi più che mai la banca di riferimento

Dettagli

CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso CREPAPANZA ERA. 1.buono e generoso 2.avido ed ingordo 3.cattivo e pericoloso IL NUTRIMENTO E UNA NECESSITA VITALE PER L UOMO,

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA

COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA COME CRESCERE IL MICROCREDITO IN ITALIA 61 di TEODORO FULGIONE * Intervista ad Alessandro Luciano capo del progetto Monitoraggio delle politiche del lavoro con le politiche di sviluppo locale dei sistemi

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a

Mani Tese 2013. www.manitese.it u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a u n i m p e g n o d i g i u s t i z i a MANI TESE ONG/ONLUS Da 49 anni verso un mondo più giusto Mani Tese è un Organizzazione Non Governativa nata in Italia nel 1964 per combattere la fame e gli squilibri

Dettagli

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy

Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy n. 022 - Martedì 31 Gennaio 2012 Guadagnare, lavorare e innovare: il ruolo del riciclo nella green economy Questo breve report dell Agenzia Europea per l'ambiente prende in esame il ruolo del riciclo nella

Dettagli

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna siamo non bambole Cercasi donne appassionate che vogliono cambiare la politica e migliorare il Paese Vorrei che la conferenza delle donne dell

Dettagli

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop

Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop Progetto: Il radicamento nel territorio come posizionamento distintivo di Coop IL CONTESTO Coop è inserita, per base sociale e rete di vendita, in territori differenti dal punto di vista culturale, sociale

Dettagli

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010

Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning. Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Convegno Risk Management vs Health Technology Assessment&Horizon Scanning Ottobre/ Novembre/ Dicembre 2010 Il Mattino 25 ottobre 2010 Giornale di Napoli 25 ottobre 2010 Corriere del Mezzogiorno 27 ottobre

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

A cura di: Giangiacomo Freyrie

A cura di: Giangiacomo Freyrie 1 Buongiorno. La collaborazione con Federcongressi&eventi entra nel vivo e nella fase più operativa. Partiamo dal gruppo dei PCO. Il primo con cui siamo entrati in contatto e con cui abbiamo cominciato

Dettagli

Fairtrade 2010. Fairtrade Italia

Fairtrade 2010. Fairtrade Italia Fairtrade Italia Contenuti 1. Il consorzio 2. L attività di Fairtrade Italia 3. Prodotti in Italia 4. Canali di distribuzione Il consorzio Fairtrade Italia Fairtrade Italia è il consorzio che dal 1994

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene:

1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: 1. Il rinnovo del CCNL delle Imprese di Assicurazione avviene: SUL PIANO GENERALE. in una fase storica mondiale di grandi cambiamenti e grandi tragedie. Pensiamo solo alla rapida evoluzione tecnologica,

Dettagli

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore

Anna Monterubbianesi - Ufficio stampa Forum Nazionale del Terzo Settore Ruolo, caratteristiche, criticità 1 La definizione Terzo Settore nasce per identificare tutto ciò che non appartiene né al Primo settore, ossia alla sfera pubblica (stato, regioni, enti locali, altri enti)

Dettagli

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale.

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9 Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. (Lombardia, BUR 5 maggio 2015, n. 19, Supplemento) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL

Dettagli

Date di vigenza che interessano il documento:

Date di vigenza che interessano il documento: Documento vigente Date di vigenza che interessano il documento: 01/03/2007 entrata in vigore Regione Umbria LEGGE REGIONALE 6 Febbraio 2007, n. 3 Diffusione del commercio equo e solidale in Umbria. Pubblicazione:

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso

PROGETTO ORTO SOLIDALE. Orto del Sorriso PROGETTO ORTO SOLIDALE Orto del Sorriso INDICAZIONI GENERALI DEL PROGETTO: Il progetto di Orto Solidale Orto del Sorriso nasce dal desiderio di riscattare il termine LAVORO dandogli una valenza positiva.

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S.

LINEE GUIDA. Indice. 1 - Chi siamo. 2 - Finalità e attività. 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. Indice LINEE GUIDA 1 - Chi siamo 2 - Finalità e attività 3 - Perché un G.A.S. 4 - Cos'è un G.A.S. 5 - Criteri per la selezione dei prodotti e dei fornitori 6 - Fasi di un ordine 1 - Chi siamo Un gruppo

Dettagli

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa

Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Al servizio di gente unica Iniziativa di sensibilizzazione sulla Responsabilitàsociale d impresa: una esperienza (in)formativa Dati aggiornati al 30/07/2012 Premessa La Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

A relazione dell'assessore Cerutti:

A relazione dell'assessore Cerutti: REGIONE PIEMONTE BU33 20/08/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 6 luglio 2015, n. 20-1673 L.R. 24/2009, articolo 2 - L.R. 6/1977, articoli 1 lett. c) e 4, primo comma. Adesione della Regione Piemonte

Dettagli

Promozione Straordinaria Autunno/Inverno 2013/14 Kit sciarpe La Via della Seta con possibilità di reso per sostituzione modelli o colori

Promozione Straordinaria Autunno/Inverno 2013/14 Kit sciarpe La Via della Seta con possibilità di reso per sostituzione modelli o colori Promozione Straordinaria Autunno/Inverno 2013/14 Kit sciarpe La Via della Seta con possibilità di reso per sostituzione modelli o colori Dedicate uno spazio in bottega alle sciarpe Craft Link vi offriremo

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Assemblea coordinamento donne Cesena

Assemblea coordinamento donne Cesena Cesena 11-12-2014 Assemblea coordinamento donne Cesena Il motivo per cui oggi ci troviamo qui è legato al fatto che le donne pensionate della CGIL stanno preparando l assemblea Regionale, poi nel 2015

Dettagli

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale!

ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! ActionAid e le Aziende per la Giustizia Sociale! Indice dei contenuti ActionAid Italia Giornata Mondiale per la Giustizia Sociale ActionAid e la Giustizia Sociale Progetto Etiopia Aziende in azione per

Dettagli

Ho l onore di partecipare a questa conferenza, in una sede prestigiosa, assieme a esponenti istituzionali di altri paesi, proprio in un momento storico in cui più intensa e probabilmente proficua è la

Dettagli

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana

PROGETTO Impari S. Impari S. Repubblica Italiana PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna PROGETTO Interventi di informazione, formazione e azioni di sistema per le aree GAL della Sardegna Lo

Dettagli

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015

Corso di formazione gratuito. ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Corso di formazione gratuito ASSOCIAZIONI DI MIGRANTI PER IL CO-SVILUPPO A.MI.CO. Milano 2015 Il corso di formazione Associazioni Migranti per il Co-sviluppo, promosso dall Organizzazione Internazionale

Dettagli

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione!

... La Campania la Cambi mo d vvero con una nuova Regione! ... La Campania la Cambimo dvvero con una nuova Regione! La Campania la CambiAmo davvero con una nuova Regione E' finito il tempo della Regione concepita come un posto di potere, che gestisce soldi e poltrone.

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin

Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin Comunicato stampa Conferenza internazionale Global Connectivity with the Mediterranean Basin La sfida del regime di free zone per i punti franchi di Trieste lanciata dal presidente Marina Monassi. Il messaggio

Dettagli

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe

Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Intervista a Giorgio Dal Fiume rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Presidente di World Fair Trade Organization Europe Maggio 2015 L Europa è la culla del Fair Trade: come e quanto è diffuso?

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

UN COLLOQUIO DA 1 MILIONE DI EURO

UN COLLOQUIO DA 1 MILIONE DI EURO UN COLLOQUIO DA 1 MILIONE DI EURO Scopriamo insieme perché è strategica la selezione dei vostri commerciali e quanto le loro performances influenzino i principali KPI della vostra azienda, tra questi,

Dettagli

PRESENTAZIONE DELL EVENTO E INVITO

PRESENTAZIONE DELL EVENTO E INVITO PRESENTAZIONE DELL EVENTO E INVITO Il panorama che stiamo osservando in questi ultimi anni aumenta la diseguaglianza sociale ed allarga la forbice delle povertà. Le azioni del non profit stanno diventando

Dettagli

L impresa Cooperativa. primo contatto

L impresa Cooperativa. primo contatto L impresa Cooperativa primo contatto CHE COS'E' UNA COOPERATIVA? La Cooperativa è una società costituita tra persone fisiche e/o giuridiche che condividono un obiettivo comune e che uniscono le loro forze.

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME

UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME QuickTime e un decompressore TIFF (Non compresso) sono necessari per visualizzare quest'immagine. UNIONE TERRE DI CASTELLI OPPORTUNITÀ DELLO STARE INSIEME ANALISI DI ECONOMICITÀ, EFFICACIA ED EFFICIENZA

Dettagli

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016

PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE. Primarie e Secondarie di 1. a.s.2015.2016 PROPOSTE EDUCATIVE PER LE SCUOLE Primarie e Secondarie di 1 a.s.2015.2016 La Casa delle Culture propone, attraverso la cooperativa, per l anno scolastico 2015/2016, un offerta di percorsi di animazione

Dettagli

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere.

Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. Quello che vogliamo esportare è ciò che siamo da sempre, ciò che vogliamo continuare ad essere. L idea Il Consorzio Il Made in Italy, conosciuto ovunque nel mondo, ha nei PRODOTTI AGROALIMENTARI una delle

Dettagli

PROGETTO DI LEGGE N. 0242

PROGETTO DI LEGGE N. 0242 REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 8485 PROGETTO DI LEGGE N. 0242 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Ciocca, Alloni, Baldini, Barboni, Brambilla, Buffagni, Busi, Del Gobbo,

Dettagli

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi

Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi Progetto ANCIperEXPO Centri Estivi Centri Anziani Centri Ricreativi ALESSANDRO ROSSO GROUP ALESSANDRO ROSSO GROUP Alessandro Rosso Group nasce nel 2002 da un gruppo di professionisti con oltre trent anni

Dettagli

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo.

PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... MODULO 6. Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. PRONTE AI POSTI VIA! LE 4 CHIAVI DI UN BUSINESS DI CUI ESSERE... pazza! MODULO 6 Eccoci arrivate alla fine di questo percorso con il sesto ed ultimo modulo. Dopo aver ragionato su quanto una spiccata consapevolezza

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE

TradeLab per NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE NON FOOD E GDO DESPECIALIZZATA: I PROCESSI DI INTERFACCIA TRA INDUSTRIA E DISTRIBUZIONE Introduzione Il perché della ricerca La presenza di prodotti non alimentari nelle diverse formule della distribuzione

Dettagli

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa

La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa La quotazione in borsa Una sfida che non spaventa Intervista alla dottoressa Barbara Lunghi, responsabile Mercato Expandi di Borsa Italiana Il percorso di quotazione in borsa consente oggi, anche alle

Dettagli

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014

Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 !1 COUNCIL OF THE EUROPEAN UNION Brussels, 22 July 2014 Opening Statement for the ECOFIN President attending the ECON meeting on 22 July 2014 Onorevole Presidente, Onorevoli Membri della Commissione, Sono

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO IN MATERIA DI TURISMO

PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE DEL CODICE ETICO IN MATERIA DI TURISMO PROVINCIA DI LECCE CAMERA DI COMMERCIO, INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI LECCE CONFCOMMERCIO CONFESERCENTI ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI ORGANIZZAZIONI SINDACALI PROTOCOLLO D INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014

INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne. 26 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 836 INTERVENTO DELL ON. CARFAGNA Nella Giornata internazionale per l'eliminazione

Dettagli

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati.

ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 1 ESB perché? Dare una svolta all'azienda grazie all'integrazione Dati. 2 Indice generale Abstract...3 Integrare: perché?...3 Le soluzioni attuali...4 Cos'è un ESB...5 GreenVulcano ESB...6 3 Abstract L'integrazione

Dettagli

Camera dei Deputati 17 Audizione 8

Camera dei Deputati 17 Audizione 8 Camera dei Deputati 17 Audizione 8 XVI LEGISLATURA COMMISSIONI RIUNITE V-XIV SEDUTA DEL 27 SETTEMBRE 2011 a partire dal 2018 andrà avanti il nuovo sistema di finanziamento al bilancio comunitario, con

Dettagli

Il futuro della stampa ECO-Compatibile

Il futuro della stampa ECO-Compatibile Il futuro della stampa ECO-Compatibile Chi è T-Trade Engineering Qual è la situazione attuale nell etichettatura industriale Perché pensare a queste tecnologie ora Cosa può cambiare con le soluzioni T-Trade

Dettagli

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY: UNA MODA VELOCE A KM ZERO La Moda si sta direzionando sempre più

Dettagli

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00

Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale. Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Intervento Convegno: Strumenti di Microfinanza per la prevenzione dell Usura e l inclusione Sociale Venerdì 24 Gennaio, ore 10:00 Sala delle Assemblee del Banco di Napoli di Ercole P. Pellicanò L'alto

Dettagli

INTRODUZIONE AI CICLI

INTRODUZIONE AI CICLI www.previsioniborsa.net INTRODUZIONE AI CICLI _COSA SONO E A COSA SERVONO I CICLI DI BORSA. Partiamo dalla definizione di ciclo economico visto l argomento che andremo a trattare. Che cos è un ciclo economico?

Dettagli

Commercio in Rete. tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia. giuseppe.castiglia@serviceupgrade.it

Commercio in Rete. tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia. giuseppe.castiglia@serviceupgrade.it Commercio in Rete tra il reale e il virtuale di Giuseppe Castiglia 1 Giuseppe Castiglia Titolare della Upgrade Electronic Service (www.serviceupgrade.net ) (servizi e hardware in tutta Italia grazie all

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI N. 15 BORSE DI STUDIO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO INTENSIVO SULLA FINANZA ETICA

BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI N. 15 BORSE DI STUDIO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO INTENSIVO SULLA FINANZA ETICA BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI N. 15 BORSE DI STUDIO PER LA PARTECIPAZIONE AL CORSO INTENSIVO SULLA FINANZA ETICA L interesse più alto è quello di tutti. Questo principio ha ispirato noi donne,

Dettagli

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune

AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita. L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune AFFILIARSI AL Consorzio Ingauno Energia Pulita L unione fa la forza: unirsi per uno scopo comune Il Consorzio Ingauno Energia Pulita: scopi e principali attività Perché unirsi Diritti e doveri del Consorzio

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Nuovi modelli di produzione e consumo

Nuovi modelli di produzione e consumo Nuovi modelli di produzione e consumo Francesco Bertolini Francesco.bertolini@unibocconi.it Una crisi senza precedenti La crisi che stiamo attraversando ha caratteristiche che la rendono, nella percezione

Dettagli