Capitolo 2. La forza. 2.1 Definizione del concetto di forza. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 2. La forza. 2.1 Definizione del concetto di forza. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze"

Transcript

1 Capitolo 2 La forza 2.1 Definizione del concetto di forza La forza è un concetto che viene usato per descrivere l interazione di un oggetto con l ambiente circostante che include altri oggetti. La forza può essere definita come un agente che produce o tende a produrre una variazione dello stato di moto o di quiete di un oggetto. Esempio: Una persona che pattina sul ghiaccio manterrà una velocità costante a meno che una forza non determini una variazione del moto (intensità o direzione). Lo studio del moto che include considerazioni sulla forza come la causa del movimento, è chiamato dinamica. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze Poiché la forza è una grandezza vettoriale, la completa specificazione della sua azione deve includere intensità, direzione verso e punto di applicazione. Quindi, essendo la forza un vettore, possiamo determinare la risultante di diverse forze (composizione) o alternativamente scomporre la risultante in diverse componenti (risoluzione) utilizzando la tecnica grafica o trigonometrica. La figura 2.1 illustra come sia stata usata la composizione per determinare l effetto risultante della coattivazione della porzione sternale e clavicolare del muscolo grande pettorale. La tecnica grafica La tecnica grafica coinvolge la manipolazione delle forze rappresentate come frecce (vettori), dove la loro lunghezza indica l intensità della forza e l orientamento della freccia rappresenta la direzione. Una caratteristica dei vettori, molto utile in questa procedura, è che essi possono slittare lungo la loro linea di azione e possedere ancora lo stesso effetto. La tecnica richiede:

2 Una misurazione precisa della lunghezza della freccia Una scala dove la lunghezza del vettore (cm) viene convertita in forza (N). La figura 2.1a indica la direzione e l intensità esercitata dalla porzione sternale (Fm 1 s) e clavicolare (Fm 1 c) del muscolo grande pettorale. La componente clavicolare esercita una forza di 224 N e la sua direzione è di 0,55 rad al di sopra dell asse orizzontale, mentre la componente sternale ha un intensità di 251 N e agisce 0,35 rad al di sotto dell asse orizzontale. Il processo di analisi grafica per determinare la risultante include l aggiunta della punta alla coda facendo scivolare o l uno o l altro vettore lungo la linea di azione (fig.2.1b) e congiungendo successivamente la punta di un vettore alla coda dell altro vettore per ottenere la forza risultante (fig.2.1c). L intensità della forza risultante è ottenuta misurando la lunghezza della freccia (3 cm) e convertendo questa misura in newtons (400 N) con la scala indicata. La direzione è ottenuta misurando l angolo con un goniometro. La forza risultante (Fm), quindi, ha un intensità di 400 N e una direzione di 0,1 rad al di sopra dell asse orizzontale. La procedura opposta consiste nella scomposizione grafica della risultante in due componenti. Questa procedura (fig.2.2) necessita la costruzione di un parallelogramma, dove la risultante rappresenta la diagonale e i lati l intensità e la direzione delle componenti. In molti casi, specialmente nella forza muscolare, il parallelogramma diventa un rettangolo, quindi permette di identificare le due componenti che sono orientate ad angolo retto (1,57 rad, o 90 ) tra di loro. Nell analisi della forza muscolare, le componenti perpendicolari si riferiscono alla componente normale e tangenziale. La componente normale costituisce la quota di forza muscolare che agisce perpendicolarmente alla lunghezza dell osso e quindi produce la rotazione del segmento corporeo. La componente tangenziale rappresenta la parte della forza muscolare diretta lungo l asse del segmento osseo, verso l articolazione e quindi contribuisce alla stabilizzazione o compressione dell articolazione. La tecnica trigonometrica Composizione e risoluzione possono essere ottenute usando l analisi trigonometrica. Il vantaggio rispetto alla tecnica grafica consiste nel minor grado di precisione richiesta nella misurazione. 2

3 Ipotizzando che la forza risultante in figura 2.2 abbia un intensità di 450 N e la sua linea di azione è 0,3 rad (17,2 ) rispetto all asse dell omero, possiamo calcolare l intensità della componenti. Innanzitutto ricostruiamo il parallelogramma e successivamente usando i dati trigonometrici calcoliamo la Fm 1 n e la Fm 1 t. sen 0,3 = Fm 1 n/450 Fm 1 n = 450 x sen 0,3 = 450 x 0,2955 Fm 1 n = 133 N cos 0,3 = Fm 1 t/450 Fm 1 t = 450 x cos 0,3 = 450 x 0,9553 Fm 1 t = 430 N Quindi la componente normale ha un intensità di 133 N e la componente tangenziale di 430 N. Entrambi i valori sembrano validi poiché: l angolo di trazione della maggior parte dei muscoli è piuttosto piccolo e quindi la maggior parte della forza risultante è generata nella direzione tangenziale; la risultante rappresenta la diagonale del parallelogramma, quindi dovrebbe possedere il valore più elevato. 3

4 Fig.2.1. Composizione grafica della forza risultante. 4

5 Fig.2.2. Risoluzione grafica della forza risultante prodotta dall attivazione del muscolo deltoide. 5

6 2.3 Le leggi di Newton Isac Newton ( ) elaborò la relazione tra forza e moto e fornì tre leggi conosciute come le leggi del moto La legge dell inerzia La legge dell accelerazione La legge dell azione-reazione L inerzia Ogni corpo mantiene il proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme fino a quando forze esterne non agiranno su di esso. Più semplicemente, una forza è necessaria per fermare, iniziare o alterare il moto. Questo principio è facilmente dimostrato dagli astronauti quando eseguono delle manovre in condizioni di microgravità. In un mondo gravitazionale, comunque, diverse forze agiscono continuamente sui corpi e una variazione del moto avviene quando si verifica uno squilibrio netto delle forze. In questo contesto, il termine corpo può riferirsi al corpo umano, a parti di esso (tronco, mano, coscia etc.) o anche a qualche oggetto. Per apprezzare pienamente le implicazioni di questa legge, dobbiamo comprendere il significato del termine inerzia. Il concetto di inerzia è riferito alla difficoltà di alterare la velocità di un oggetto. La massa, espressa in grammi (g), è una misura della quantità di materia costituente l oggetto ed è una misura quantitativa dell inerzia. Alterare il moto di un oggetto avente maggiore massa è più difficile e l oggetto con più massa è descritto come avente più inerzia. Poiché il moto viene descritto in termini di velocità, l inerzia di un oggetto è una proprietà della materia che si manifesta solo quando il corpo è stato accelerato e quindi, la sua velocità ha subito una variazione. Secondo il principio di inerzia, un corpo in movimento manterrà il suo moto uniforme (velocità costante). Questo significa che la tendenza di un oggetto è quella di viaggiare in una linea retta. La traiettoria di un proiettile sarà rettilinea se non sarà influenzato da forze, come ad esempio la gravità e la resistenza dell aria. Nel moto uniforme la velocità è costante, sia in intensità che in direzione, mentre quando un oggetto viaggia lungo una traiettoria curvilinea una forza dovrebbe essere presente. Questa forza impedisce all oggetto di seguire la sua naturale tendenza a viaggiare in una traiettoria rettilinea. Nella fig.2.3 ciò può essere dimostrato considerando il moto di una 6

7 palla in due istanti di tempo. La lunghezza della freccia (intensità del vettore) è la stessa nelle due posizioni, poiché la palla sta viaggiando a velocità costante, mentre la direzione è differente. Il cambiamento di direzione può essere causato soltanto dalla presenza di una forza. La forza diretta all interno che provoca un cambiamento nella direzione ma non nell intensità della velocità durante il moto angolare è conosciuta come la forza centripeta. La forza centripeta è definita come: F c = mv 2 /r (2.1) 7

8 Dove m = massa, v = velocità e r = il raggio della traiettoria curvilinea. Nell equazione 2.1, che cosa accadrebbe se la velocità della palla e la lunghezza della corda rimanessero costanti e la massa aumentasse? La forza centripeta (F c ) dovrebbe incrementare. Inversamente la forza centripeta dovrebbe decrescere se la massa della palla e la velocità restano costanti mentre la lunghezza della corda aumenta. Consideriamo il problema recentemente risolto nelle gare ufficiali di atletica. Atleti impegnati nel lancio del martello rischiavano di colpire gli atleti impegnati nelle gare su pista. Come potrebbe essere risolto il problema manipolando l attrezzo allo scopo di ridurre la distanza del lancio? Poiché la distanza del lancio dipende dalla velocità di rilascio, dall equazione 2.1 possiamo ricavare la velocità: v = F c r/m L equazione indica che la velocità (quindi lo spostamento subito dal martello) è correlata positivamente alla forza e al raggio e, negativamente alla massa. Le opzioni disponibili per controllare la lunghezza dei lanci nelle competizioni ufficiali possono interessare o un aumento della massa del martello o una riduzione di lunghezza della corda. Legge dell accelerazione La variazione della quantità di moto di un corpo è proporzionale alla forza applicata e si determina nella direzione in cui la forza agisce. La quantità di moto (G) posseduta da un corpo è definita come il prodotto della massa (m) per la velocità (v). Un fondista con una massa di 60 kg che corre alla velocità di 8 m/s possiede una quantità di moto di 480 kg m/s. quindi: G = mv (2.2) La variazione della quantità di moto può essere scritta come: G/ t = (mv)/ t 8

9 9

10 Nell analisi del movimento la variazione della massa può essere trascurata (m = costante); quindi secondo la legge dell accelerazione, la forza applicata (F) è proporzionale alla variazione della quantità di moto, F = G/ t = m v/t essendo v/t equivalente all accelerazione (a), F = m a (2.3) L equazione 2.3 è l espressione algebrica della legge di accelerazione di Newton e stabilisce che la forza è uguale alla massa volte l accelerazione. Concettualmente è una relazione causa-effetto. La parte sinistra dell equazione (F) riguarda la causa poiché rappresenta l interazione tra un sistema e il suo ambiente, mentre la parte destra rivela l effetto in quanto indica gli effetti cinematici (ma) delle interazioni sul sistema. Legge dell azione-reazione Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Il principio di azione-reazione implica che l effetto esercitato da un corpo su un altro corpo è neutralizzato dall effetto che il secondo ha esercitato sul primo. Questa interazione tra i corpi è descritta come una forza, che ha un effetto su entrambi i corpi. Quindi i due corpi interagiscono simultaneamente. Ad esempio, possiamo considerare il tiro in sospensione di un cestista. Durante la fase di spinta il soggetto esercita una forza sul suolo e il suolo risponde simultaneamente con una forza di reazione sul soggetto. Il principio di azione-reazione indica che le forze tra il cestista e il suolo sono equivalenti in intensità ma opposte nel verso. La conseguenza di questa interazione, definita dalle legge di accelerazione (F = ma), è che ogni corpo subisce una accelerazione che dipende dalla propria massa. Se la forza media fosse di 1,5 N e la persona avesse una massa di 75 kg, l accelerazione subita dal soggetto sarebbe di 20 m/s 2. Anche il suolo subirebbe una accelerazione, ma, essendo la massa della terra molto elevata l accelerazione sarebbe impercettibile. 10

11 11

12 Fig.2.3. Moto angolare. 12

13 2.4 Le forze nel movimento umano Nell analisi del movimento umano, otto forze sono frequentemente coinvolte nel diagramma del corpo: La forza peso La forza di reazione del suolo La forza di reazione articolare La forza muscolare La pressione intraddominale La resistenza dei fluidi La forza elastica La forza inerziale La forza peso Newton definì la gravità in una legge conosciuta come la legge di gravitazione. Tutti i corpi si attraggono con una forza proporzionale al prodotto delle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. Quindi: F = m 1 m 2 /r 2 (2.4) dove m 1 e m 2 sono le masse dei due corpi ed r è la distanza tra di loro. Le forze di attrazione tra oggetti sono trascurabili nello studio del movimento umano con l eccezione dell attrazione tra la terra e diversi oggetti. L intensità di questa attrazione, nota come la forza peso, dipende dalla massa degli oggetti coinvolti e dalla loro distanza. La forza peso è una forza (quantità derivata), mentre la massa è una misura della quantità di materia (nel Sistema Internazionale). L aumento di altitudine determina un decremento della gravità. Questo spiega i vantaggi nell eseguire ad elevate altitudine eventi sportivi dove l obiettivo è contrastare la gravità (p.e. salto il lungo, sollevamento pesi etc.). La riduzione di gravità, specialmente in condizioni di microgravità, evidenzia interessanti implicazioni nel controllo del movimento (Davis e Cavanagh, 1993). L intensità totale del vettore della forza peso del corpo è facilmente determinato utilizzando una comune bilancia da bagno. La validità di questa procedura può essere dimostrata con una semplice analisi basata sulla legge di accelerazione di Newton (equazione 2.3), 13

14 F = ma In cui la somma ( ) delle forze (F) produce una accelerazione (a) del sistema che dipende dalla massa (m) del sistema. Poiché la forza peso agisce soltanto nella direzione verticale (z), l analisi può essere confinata a quelle componenti che agiscono verticalmente: la forza peso (F w ) è diretta verso il basso ed è indicata come negativa, mentre la componente verticale della forza di reazione del suolo (F gz ) è diretta verso l alto ed è indicata come positiva. La decisione di indicare la F w negativa e F g.z positiva è abbastanza arbitraria; comunque, è essenziale distinguere il verso tra le due forze. Nella fig.2.4 è mostrato un appropriato diagramma del corpo. L analisi è la seguente: F z = ma z -F w + F gz = ma z F w = F gz ma z Poiché il soggetto è stazionario, a z = 0. Quindi: 14

15 F w = F gz 0 F w = F gz La direzione del vettore della forza peso è sempre verticale e verso il centro della terra; il vettore origina da un punto chiamato centro di gravità. Il centro di gravità (CG) rappresenta un punto di equilibrio, dove tutte le particelle dell oggetto sono equamente distribuite. E un punto astratto che si muove quando i segmenti corporei si muovono reciprocamente. IL CG può non essere confinato nei limiti fisici dell oggetto; infatti, il centro di gravità di un pneumatico è indubbiamente localizzato all interno del foro centrale. Ad esempio, l abilità dei saltatori in alto è riuscire a proiettare il CG fuori dal proprio corpo o almeno verso l estremità dei segmenti corporei. Come mostra la fig.2.5, l altezza che un saltatore può raggiungere comprende tre componenti (Hay, 1978): L altezza (H 1 ) del CG nella fase finale della spinta L altezza (H 2 ) con cui l atleta può elevare il CG al di sopra di H 1 La differenza tra la massima altezza raggiunta dal CG e l altezza dell asta (H 3 ). Consideriamo l altezza H 3 ; anche se un atleta puo saltare 2.28 m, ciò non implica che il CG sia stato elevato a quell altezza ma semplicemente che il corpo è passato al di sopra dell asta, le due cose non sono sinonimi. Una volta che il saltatore lascia il suolo la traiettoria del CG è gia stata predeterminata. Analisi segmentale Il centro di gravità rappresenta il centro di massa di un oggetto ed è un punto dove la massa dell oggetto è equamente distribuita. Quindi, se la massa dell oggetto viene ridistribuita, come ad esempio durante il movimento, il centro di gravità si sposta. Allo scopo di determinare l ubicazione del centro di gravità in movimenti come il salto in alto, diversi biomeccanici hanno sviluppato una procedura chiamata analisi segmentale. Questa procedura si basa sulla stima delle masse dei diversi segmenti corporei e sull ubicazione del centro di gravità in ogni segmento allo scopo di determinare il CG dell intero corpo. 15

16 Fig.2.4. Diagramma semplificato del corpo. 16

17 Fig.2.5. Rappresentazione schematica delle altezze raggiunte durante l esecuzione di un salto in alto. 17

18 2.5 Forza di reazione del suolo La forza di reazione del suolo descrive la forza di reazione fornita dalla superficie di appoggio su cui si esegue il movimento. Essa deriva dalla legge di azione-reazione di Newton e costituisce la forza di reazione del suolo alle accelerazioni di tutti i segmenti corporei. La forza di reazione del suolo può essere misurata mediante una pedana di forza, che essenzialmente funziona come una scala per la misurazione del peso. Diversi ricercatori iniziarono ad utilizzare questa tecnica nel 1930 (Elftman, 1938; Fenn, 1930; Manter, 1938), anche se l idea fu proposta precedentemente (Amar, 1920; Marey, 1879). Una differenza molto importante tra la piattaforma di forza e la scala del peso è che la piattaforma può misurare la forza di reazione del suolo in tre componenti. La risultante della forza di reazione del suolo può essere scomposta in tre componenti le cui direzioni sono funzionalmente definite come verticale, orizzontale e trasversale. Il grado in cui ciascun segmento corporeo influenza la forza di reazione del suolo dipende dalla massa del segmento corporeo e dalla accelerazione del suo centro di massa (CM). Miller (1990) ha stimato che il tronco e la testa contribuiscono per circa il 50% nell accelerazione di un runner, ciascun arto circa il 17% e le braccia del 5%. Un esempio istruttivo dell associazione tra la forza di reazione del suolo e le variabili cinematiche è mostrato in figura 2.6. Il movimento è un salto verticale. L altezza del salto dipende dall intensità della velocità verticale durante lo stacco, che a sua volta è determinata dalla componente verticale della forza di reazione del suolo. Il soggetto inizia il movimento dalla postura eretta e successivamente esegue un contromovimento verso il basso di circa 0,2 m prima di cambiare direzione (la velocità passa per lo zero, da negativa a positiva) e muoversi verso l alto fino alla posizione di stacco. La fase di volo avviene quando la componente verticale della forza di reazione cade a zero (t =0,53 s). Il soggetto rimane in aria circa 0,41 s, durante il quale il suo centro di massa è elevato a 0,49 m rispetto alla posizione di partenza. In questo salto verticale il picco di velocità negativa (accelerazione = 0) si determina nel punto di mezzo durante il contromovimento verso il basso (t = 0,19 s), mentre il picco di velocità positiva (accelerazione = 0) immediatamente prima della fase di volo. Durante la fase di volo la forza di reazione del suolo è zero e la componente verticale dell accelerazione ha un valore di 9,81 m/s 2 ( azione dela forza di gravità sul CM del soggetto). 18

19 La forza di reazione del suolo presenta quattro fasi e un andamento parallelo all accelerazione: (a) Una fase iniziale in cui la forza è inferiore rispetto al peso corporeo (accelerazione negativa) (b) Una fase in cui la forza supera il peso del corpo (accelerazione positiva) (c) Una fase di volo, dove la forza è zero (accelerazione = -9,81 m/s 2 ) (d) Una fase di impatto, dove il saltatore ritorna al suolo. La figura 2.7 illustra la componente verticale della forza di reazione del suolo (F g.z ) durante un passo ( corsa e marcia). Questi dati indicano il modo in cui la F g.z cambia dall istante di contatto del piede al suolo (t = 0 sull ascissa) fino all istante in cui lo stesso piede lascia il suolo (t = 0). Questo intervallo è conosciuto come fase di appoggio (o di sostegno). La forza di reazione è diversa da zero soltanto nella fase di appoggio e cambia continuamente intensità durante tutta questa fase. E importante ricordare dalla discussione sulla forza peso che l intensità del vettore della forza peso è equivalente alla forza di reazione del solo nel caso in cui il corpo non acceleri nella direzione verticale. Di conseguenza, quando F g.z differisce dalla forza peso, il sistema subisce un accelerazione verticale; Se F g.z è maggiore del peso del corpo, l accelerazione del CM è verso l alto; Se F g.z è minore della forza peso, l accelerazione del CM è verso il basso. Nella figura 2.8 sono rappresentate le tre componenti della forza di reazione di un runner durante la fase di appoggio al suolo del piede. Il soggetto nella fase di non-appoggio subisce un accelerazione verso il basso (dovuta alla gravità) di 9,81 m/s 2, ciò significa che il piede quando tocca il suolo determina una componente verticale della forza di reazione diretta verso l alto, (F g.y ) che si oppone al movimento del runner verso il basso. Inoltre quando il piede tocca il suolo, essendo la sua posizione avanti rispetto al CM del soggetto, determina una componente orizzontale (F g.x ) diretta all indietro (freno). Quando il CM del soggetto passa sopra il piede di appoggio, la componente orizzontale agisce in avanti (propulsione). La componente trasversale (F g.z ) ha un intensità inferiore, ma in compenso è più variabile rispetto alle altre due. 19

20 Fig.2.6. Associazione delle variabili cinematiche con quelle cinetiche durante un salto verticale. 20

21 Fig.2.7. Componente verticale della forza di reazione durante la fase di appoggio (marcia e corsa). 21

22 Fig.2.8. Componenti della forza di reazione del suolo durante la fase di appoggio in un passo di corsa. 22

23 Esempio: determinazione della risultante della forza di reazione del suolo Supponiamo che il runner descritto nella figura precedente subisca le seguenti componenti della forza di reazione durante un istante nella fase di appoggio: F g.x = -286 N (positiva = in avanti) F g.y = 812 N (positiva = verso l alto) F g.z = 61 N (positiva = verso l esterno 23

24 a. Disegnare un diagramma delle tre componenti e la forza risultante nel piano sagittale, frontale trasversale b. Calcolare l intensità e la direzione di ogni risultante. Piano sagittale: Intensità = F 2 g.x + F 2 g.y = (-286) 2 + (812) 2 = 861 N Direzione = tg -1 = 286/812 = 0,34 rad rispetto all asse verticale Piano frontale: Intensità = F 2 g.y + F 2 g.z = (812) 2 + (61) 2 = 814 N Direzione = tg -1 = 61/812 = 0,07 rispetto all asse verticale Piano trasversale: Intensità = F 2 g.x + F 2 g.z = (-286) 2 + (61) 2 = 292 N Direzione = tg -1 = 61/286 = 0,21 rad rispetto all orizzontale c. Utilizzando il teorema di Pitagora determinare l intensità della forza di reazione risultante F g = F 2 g.z + F 2 2 g.y + F g.x = (-286) F g = 863 N 24

25 25

26 2.6 L attrito La risultante delle due componenti orizzontali della forza di reazione del suolo (F g.x e F g.z ) determina l attrito, o forza di taglio (F s ) tra la scarpa e il suolo. Essa è la reazione del suolo alle forze esercitate sul piano orizzontale dal corpo umano o da un oggetto. L attrito è importante nella locomozione poiché fornisce le basi per la progressione orizzontale del CM. La massima forza di attrito è determinata dall intensità della forza normale (o perpendicolare) alla superficie, in questo caso dalla forza di reazione del suolo (F g.y ), e da un coefficiente (μ) che caratterizza il tipo di contatto (liscio-ruvido, statico-dinamico etc.) tra i due corpi, quindi: F s.max = μf g.y (2.5) Per un determinato contatto scarpa-suolo, il coefficiente di attrito differisce se la scarpa è stazionaria (statico, μ s ) o si sta movendo rispetto al suolo (dinamico, μ d ). Poiché il valore di μ s è maggiore di μ d la forza di attrito (F s ) raggiunge valori più elevati quando la scarpa assume una posizione stazionaria al suolo. È possibile determinare l intensità di μ tra scarpa e superficie di appoggio sperimentalmente, dal rapporto F s /F g.y nel momento immediatamente precedente il movimento della scarpa rispetto al suolo. Con questo approccio di analisi, i valori di μ s riportati in letteratura (Nigg, 1986; Stucke e Baumann, 1984) variano da 0,3 a 2,0; e quelli di μ d da 0,003 a 0,007 durante competizioni di pattinaggio su ghiaccio (de Koning, 1992). Quando la F s è inferiore al suo massimale, comunque, l attrito è semplicemente uguale alla risultante della forza nel piano orizzontale. Quando una scarpa tocca il suolo, la forza di attrito (F s ) dipende dall intensità della forza di spinta (F p ) esercitata dalla scarpa sulla superficie (fig.2.9): (a) statico-quando la scarpa non scivola, F s = F p = F 2 2 g.x + F g.z (b) massimale-il picco della forza di attrito (F s.max ) avviene appena prima della fase di scivolamento sulla superficie di appoggio, cioè quando F s = μ s F g.y (c) dinamico-una volta che la scarpa scivola sul suolo, F s varia in funzione di μ d F g.y. Queste caratteristiche indicano che, per determinate condizioni scarpa-suolo rappresentate da μ, l attrito aumenta con F g.y e, poiché F g.y è influenzato dalla forza peso (F w ) l entità dell attrito è spesso maggiore nei soggetti più pesanti. 26

27 Fig.2.9. Fattori determinanti la forza di attrito. 27

28 2.7 Forza di reazione articolare Il concetto di forza di reazione articolare è invocato per rappresentare la reazione di segmenti corporei adiacenti alle forze esercitate da un sistema identificato. È una forza tridimensionale che ha una componente normale alla superficie dell articolazione e due componenti tangenziali La componente normale è tipicamente diretta all interno della superficie dell articolazione determinando la forza di compressione. Le due componenti tangenziali compongono la forza di taglio che agisce lungo la superficie articolare. La forza di reazione articolare può essere influenzata da qualsiasi forza che agisce sul corpo. Esempi sono le forze trasmesse dall estremità di un segmento all estremità di un altro segmento (forze di reazione del suolo), forze dovute alle strutture dei tessuti molli (legamenti, capsule articolari) e forze estrinsecate dai muscoli. L intensità di queste forze può essere elevata. L intensità trasmessa dai tessuti molli, specialmente dai legamenti, è controversa, comunque secondo studi recenti (Mommersteeg e coll., 1997; Shelburne e coll., 1997) sembra che queste forze possano essere significative e variare in funzione dei gradi di escursione articolare. Il contributo più significativo e consistente alle forze di reazione articolari è dato dalla forza determinata dall attività muscolare (Duda e coll., 1997; O Connor e coll., 1997). Quando un muscolo si contrae, la componente tangenziale del vettore della forza muscolare è trasmessa all interno dell articolazione esercitando una azione di compressione sul sistema articolare. Essendo l angolo di trazione del muscolo piuttosto piccolo, la maggior parte della forza muscolare è diretta lungo la componente tangenziale. Ad esempio Lu e coll. (1997) hanno evidenziato in soggetti che eseguivano, dalla postura eretta, contrazioni isometriche con i flessori, estensori, adduttori e abduttori dell anca, la forza tangenziale lungo il femore è circa 20 volte maggiore della componente normale misurata alla caviglia. In queste contrazioni, i muscoli dell anca esercitarono forze medie di circa 2000 N. Sperimentalmente la misurazione delle forze di reazione articolare (F j ) risulta difficoltosa e generalmente coinvolge una procedura invasiva. Alcuni autori (Bergmann e coll., 1993) impiantarono trasduttori di forza per misurare la forza di reazione articolare dell anca in due pazienti con protesi. Quando i due soggetti 28

29 camminavano sul nastro trasportatore a 1,1 m/s, le forze di reazione articolari all anca variavano durante il passo (fig.2.10). La componente verticale era diretta verso il basso (compressione) con un intensità di picco tre volte superiore al peso corporeo; la componente trasversale era diretta medialmente con un intensità di picco pari al peso corporeo; e la componente orizzontale, di intensità della metà del peso corporeo, era diretta prima in avanti e poi indietro. Nella maggior parte degli studi, comunque, l intensità di F j è generalmente stimata determinando tutte le forze che agiscono sul corpo e assumendo che l effetto rimanente sia dovuto alla F j ; questa procedura è conosciuta come l analisi residua. L utilizzo dell analisi residua è possibile soltanto se il sistema è in equilibrio, ovvero tutte le forze che agiscono sul sistema devono essere bilanciate. Valori di F j sono stati stimati mediante l analisi residua per attività come: stare in piedi, alzarsi in piedi da seduto, camminare, correre e sollevare pesi (Harrison e coll., 1986). Ad esempio, quando la richiesta motoria consiste nell eseguire un accosciata completa dalla posizione eretta e ritorno alla posizione di partenza, la massima forza di reazione dell articolazione tibio-femorale varia da 4,7 a 5,6 volte il peso corporeo, mentre la componente di taglio da 3,0 a 3,9 (Dahlkvist e coll., 1982). I sollevatori di peso subiscono durante le competizioni, a livello delle articolazioni L4-5 forze massime di compressione e di taglio rispettivamente di circa 17 e di 2.3 volte il loro peso corporeo. Un approccio, per stimare la F j, alternativo all analisi residua è misurare l accelerazione e usare la dinamica inversa per determinare le forze e i momenti articolari (Bogert e coll., 1996). Inserendo 4 accelerometri in siti conosciuti nei tronchi corporei di individui, è stato possibile stimare la forza di reazione nell articolazione dell anca durante la marcia, la corsa e lo sci (Bogert e coll., 1999). I picchi di forze, in termini di peso corporeo (F w ), mediamente erano di 2 volte il peso camminando a 1,5 m/s, 5 volte F w correre a 3,5 m/s, 4-7 volte F w nello sci (alpino), 4 volte F w nello sci nordico e 7-13 volte F w nello sci acrobatico (con gobbe). 29

30 Fig Forze di reazione nell articolazione dell anca nelle due fasi di appoggio del piede al suolo (HS=calcagno; TO=alluce) durante la marcia su nastro trasportatore. 30

31 2.8 Forza muscolare Nell analisi del movimento umano, la forza muscolare è spesso la componente più importante che agisce sul corpo umano. Il vettore della forza muscolare inserendosi sull osso e coinvolgendo un articolazione (o due, muscoli bi-articolari) determina un effetto di trazione sul segmento provocando la sua rotazione. Il concetto generalizzato di forza (spinta o trazione che altera lo stato di moto di un oggetto) non può essere esteso al muscolo, poiché esso è in grado di esercitare una forza di trazione ma non di spinta. Comunque la tensione prodotta dal muscolo può essere trasmessa lungo un segmento osseo ed esercitare una forza di compressione osso su osso. A causa della capacità unidirezionale della forza muscolare, il movimento dell articolazione è controllato da una serie di muscoli in opposizione tra di loro (agonisti-antagonisti). Ad esempio, il movimento di estensione-flessione del gomito è controllato da un gruppo di muscoli che provocano l accelerazione nella direzione estensione (estensori del gomito) e da un altro gruppo che provoca l accelerazione nella direzione flessione (flessori del gomito). Il vettore della forza muscolare può essere rappresentato graficamente con una freccia ed essere definito in termini di intensità, direzione e verso. Intensità della forza muscolare Sia l intensità sia la direzione del vettore forza muscolare sono difficili da misurare. La misurazione diretta dell intensità del vettore, è possibile soltanto attraverso la misura della forza esercitata dal tendine. In esperimenti sul muscolo isolato, questo processo coinvolge la connessione del tendine a trasduttori di forza. In esperimenti sull uomo, quando il tendine non è staccato dall osso, è possibile misurare la forza ponendo un trasduttore sul tendine. Questa è una procedura chirurgica che trova applicazione nella ricerca ma non nella valutazione di routine su atleti. Più recentemente Komi e coll. (1998) hanno sviluppato una tecnica che consiste nell inserire sul tendine una fibra ottica (0,5 di diametro) per misurare la forza estrinsecata dal tendine in diverse attività. Comunque, la maggior parte dei soggetti non desidera sottoporsi a procedure invasive, di conseguenza nella valutazione della forza è necessario usare tecniche indirette. Molte delle informazioni disponibili sull intensità e direzione della forza muscolare sono state derivate da indici di stima. Un approccio comune è determinare l area di sezione trasversa del muscolo eseguita perpendicolarmente all orientamento delle fibre 31

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso

Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso Descrivere la struttura e la funzione di un fuso neuromuscolare. Che cosa si intende per coattivazione alfa-gamma? Differenziare fra riflesso miotatico fasico e riflesso miotatico tonico. Inibizione dell

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO

LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO LE TRASFORMAZIONI GEOMETRICHE NEL PIANO Una trasformazione geometrica è una funzione che fa corrispondere a ogni punto del piano un altro punto del piano stesso Si può pensare come MOVIMENTO di punti e

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

ED. Equazioni cardinali della dinamica

ED. Equazioni cardinali della dinamica ED. Equazioni cardinali della dinamica Dinamica dei sistemi La dinamica dei sistemi di punti materiali si può trattare, rispetto ad un osservatore inerziale, scrivendo l equazione fondamentale della dinamica

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE ROTOLA 0. IL OETO D IERZIA GIRO DELLA ORTE ER U CORO CHE ROTOLA ell approfondimento «Giro della morte per un corpo che scivola» si esamina il comportamento di un punto materiale che supera il giro della morte

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

6. Moto in due dimensioni

6. Moto in due dimensioni 6. Moto in due dimensioni 1 Vettori er descriere il moto in un piano, in analogia con quanto abbiamo fatto per il caso del moto in una dimensione, è utile usare una coppia di assi cartesiani, come illustrato

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A.

Travature reticolari piane : esercizi svolti De Domenico D., Fuschi P., Pisano A., Sofi A. Travature reticolari piane : esercizi svolti e omenico., Fuschi., isano., Sofi. SRZO n. ata la travatura reticolare piana triangolata semplice illustrata in Figura, determinare gli sforzi normali nelle

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo.

Forze Conservative. Il lavoro eseguito da una forza conservativa lungo un qualunque percorso chiuso e nullo. Lavoro ed energia 1. Forze conservative 2. Energia potenziale 3. Conservazione dell energia meccanica 4. Conservazione dell energia nel moto del pendolo 5. Esempio: energia potenziale gravitazionale 6.

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA.

ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. ELEMENTI DI GEOMETRIA ANALITICA: LA RETTA. Prerequisiti I radicali Risoluzione di sistemi di equazioni di primo e secondo grado. Classificazione e dominio delle funzioni algebriche Obiettivi minimi Saper

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Esercitazioni di Meccanica Applicata alle Macchine

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale

4capitolo. Le leggi che governano il moto dei corpi. sommario. 4.1 La prima legge della dinamica. 4.4 La legge di gravitazione universale 4capitolo Le leggi che governano il moto dei corpi sommario 4.1 La prima legge della dinamica 4.1.1 La Terra è un riferimento inerziale? 4.2 La seconda legge della dinamica 4.2.1 La massa 4.2.2 Forza risultante

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1.

γ (t), e lim γ (t) cioè esistono la tangente destra e sinistra negli estremi t j e t j+1. Capitolo 6 Integrali curvilinei In questo capitolo definiamo i concetti di integrali di campi scalari o vettoriali lungo curve. Abbiamo bisogno di precisare le curve e gli insiemi che verranno presi in

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello.

CURVE DI LIVELLO. Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. CURVE DI LIVELLO Per avere informazioni sull andamento di una funzione f : D IR n IR può essere utile considerare i suoi insiemi di livello. Definizione. Si chiama insieme di livello k della funzione f

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano

APPUNTI DI SCIENZA DELLE COSTRUZIONI. Giulio Alfano PPUNTI DI SCIENZ DEE COSTRUZIONI Giulio lfano nno ccademico 004-005 ii Indice 1 TRVTURE PINE 1 1.1 Geometria, equilibrio e vincoli...................... 1 1.1.1 Piani di simmetria........................

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli