Capitolo 2. La forza. 2.1 Definizione del concetto di forza. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo 2. La forza. 2.1 Definizione del concetto di forza. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze"

Transcript

1 Capitolo 2 La forza 2.1 Definizione del concetto di forza La forza è un concetto che viene usato per descrivere l interazione di un oggetto con l ambiente circostante che include altri oggetti. La forza può essere definita come un agente che produce o tende a produrre una variazione dello stato di moto o di quiete di un oggetto. Esempio: Una persona che pattina sul ghiaccio manterrà una velocità costante a meno che una forza non determini una variazione del moto (intensità o direzione). Lo studio del moto che include considerazioni sulla forza come la causa del movimento, è chiamato dinamica. 2.2 Composizione e risoluzione delle forze Poiché la forza è una grandezza vettoriale, la completa specificazione della sua azione deve includere intensità, direzione verso e punto di applicazione. Quindi, essendo la forza un vettore, possiamo determinare la risultante di diverse forze (composizione) o alternativamente scomporre la risultante in diverse componenti (risoluzione) utilizzando la tecnica grafica o trigonometrica. La figura 2.1 illustra come sia stata usata la composizione per determinare l effetto risultante della coattivazione della porzione sternale e clavicolare del muscolo grande pettorale. La tecnica grafica La tecnica grafica coinvolge la manipolazione delle forze rappresentate come frecce (vettori), dove la loro lunghezza indica l intensità della forza e l orientamento della freccia rappresenta la direzione. Una caratteristica dei vettori, molto utile in questa procedura, è che essi possono slittare lungo la loro linea di azione e possedere ancora lo stesso effetto. La tecnica richiede:

2 Una misurazione precisa della lunghezza della freccia Una scala dove la lunghezza del vettore (cm) viene convertita in forza (N). La figura 2.1a indica la direzione e l intensità esercitata dalla porzione sternale (Fm 1 s) e clavicolare (Fm 1 c) del muscolo grande pettorale. La componente clavicolare esercita una forza di 224 N e la sua direzione è di 0,55 rad al di sopra dell asse orizzontale, mentre la componente sternale ha un intensità di 251 N e agisce 0,35 rad al di sotto dell asse orizzontale. Il processo di analisi grafica per determinare la risultante include l aggiunta della punta alla coda facendo scivolare o l uno o l altro vettore lungo la linea di azione (fig.2.1b) e congiungendo successivamente la punta di un vettore alla coda dell altro vettore per ottenere la forza risultante (fig.2.1c). L intensità della forza risultante è ottenuta misurando la lunghezza della freccia (3 cm) e convertendo questa misura in newtons (400 N) con la scala indicata. La direzione è ottenuta misurando l angolo con un goniometro. La forza risultante (Fm), quindi, ha un intensità di 400 N e una direzione di 0,1 rad al di sopra dell asse orizzontale. La procedura opposta consiste nella scomposizione grafica della risultante in due componenti. Questa procedura (fig.2.2) necessita la costruzione di un parallelogramma, dove la risultante rappresenta la diagonale e i lati l intensità e la direzione delle componenti. In molti casi, specialmente nella forza muscolare, il parallelogramma diventa un rettangolo, quindi permette di identificare le due componenti che sono orientate ad angolo retto (1,57 rad, o 90 ) tra di loro. Nell analisi della forza muscolare, le componenti perpendicolari si riferiscono alla componente normale e tangenziale. La componente normale costituisce la quota di forza muscolare che agisce perpendicolarmente alla lunghezza dell osso e quindi produce la rotazione del segmento corporeo. La componente tangenziale rappresenta la parte della forza muscolare diretta lungo l asse del segmento osseo, verso l articolazione e quindi contribuisce alla stabilizzazione o compressione dell articolazione. La tecnica trigonometrica Composizione e risoluzione possono essere ottenute usando l analisi trigonometrica. Il vantaggio rispetto alla tecnica grafica consiste nel minor grado di precisione richiesta nella misurazione. 2

3 Ipotizzando che la forza risultante in figura 2.2 abbia un intensità di 450 N e la sua linea di azione è 0,3 rad (17,2 ) rispetto all asse dell omero, possiamo calcolare l intensità della componenti. Innanzitutto ricostruiamo il parallelogramma e successivamente usando i dati trigonometrici calcoliamo la Fm 1 n e la Fm 1 t. sen 0,3 = Fm 1 n/450 Fm 1 n = 450 x sen 0,3 = 450 x 0,2955 Fm 1 n = 133 N cos 0,3 = Fm 1 t/450 Fm 1 t = 450 x cos 0,3 = 450 x 0,9553 Fm 1 t = 430 N Quindi la componente normale ha un intensità di 133 N e la componente tangenziale di 430 N. Entrambi i valori sembrano validi poiché: l angolo di trazione della maggior parte dei muscoli è piuttosto piccolo e quindi la maggior parte della forza risultante è generata nella direzione tangenziale; la risultante rappresenta la diagonale del parallelogramma, quindi dovrebbe possedere il valore più elevato. 3

4 Fig.2.1. Composizione grafica della forza risultante. 4

5 Fig.2.2. Risoluzione grafica della forza risultante prodotta dall attivazione del muscolo deltoide. 5

6 2.3 Le leggi di Newton Isac Newton ( ) elaborò la relazione tra forza e moto e fornì tre leggi conosciute come le leggi del moto La legge dell inerzia La legge dell accelerazione La legge dell azione-reazione L inerzia Ogni corpo mantiene il proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme fino a quando forze esterne non agiranno su di esso. Più semplicemente, una forza è necessaria per fermare, iniziare o alterare il moto. Questo principio è facilmente dimostrato dagli astronauti quando eseguono delle manovre in condizioni di microgravità. In un mondo gravitazionale, comunque, diverse forze agiscono continuamente sui corpi e una variazione del moto avviene quando si verifica uno squilibrio netto delle forze. In questo contesto, il termine corpo può riferirsi al corpo umano, a parti di esso (tronco, mano, coscia etc.) o anche a qualche oggetto. Per apprezzare pienamente le implicazioni di questa legge, dobbiamo comprendere il significato del termine inerzia. Il concetto di inerzia è riferito alla difficoltà di alterare la velocità di un oggetto. La massa, espressa in grammi (g), è una misura della quantità di materia costituente l oggetto ed è una misura quantitativa dell inerzia. Alterare il moto di un oggetto avente maggiore massa è più difficile e l oggetto con più massa è descritto come avente più inerzia. Poiché il moto viene descritto in termini di velocità, l inerzia di un oggetto è una proprietà della materia che si manifesta solo quando il corpo è stato accelerato e quindi, la sua velocità ha subito una variazione. Secondo il principio di inerzia, un corpo in movimento manterrà il suo moto uniforme (velocità costante). Questo significa che la tendenza di un oggetto è quella di viaggiare in una linea retta. La traiettoria di un proiettile sarà rettilinea se non sarà influenzato da forze, come ad esempio la gravità e la resistenza dell aria. Nel moto uniforme la velocità è costante, sia in intensità che in direzione, mentre quando un oggetto viaggia lungo una traiettoria curvilinea una forza dovrebbe essere presente. Questa forza impedisce all oggetto di seguire la sua naturale tendenza a viaggiare in una traiettoria rettilinea. Nella fig.2.3 ciò può essere dimostrato considerando il moto di una 6

7 palla in due istanti di tempo. La lunghezza della freccia (intensità del vettore) è la stessa nelle due posizioni, poiché la palla sta viaggiando a velocità costante, mentre la direzione è differente. Il cambiamento di direzione può essere causato soltanto dalla presenza di una forza. La forza diretta all interno che provoca un cambiamento nella direzione ma non nell intensità della velocità durante il moto angolare è conosciuta come la forza centripeta. La forza centripeta è definita come: F c = mv 2 /r (2.1) 7

8 Dove m = massa, v = velocità e r = il raggio della traiettoria curvilinea. Nell equazione 2.1, che cosa accadrebbe se la velocità della palla e la lunghezza della corda rimanessero costanti e la massa aumentasse? La forza centripeta (F c ) dovrebbe incrementare. Inversamente la forza centripeta dovrebbe decrescere se la massa della palla e la velocità restano costanti mentre la lunghezza della corda aumenta. Consideriamo il problema recentemente risolto nelle gare ufficiali di atletica. Atleti impegnati nel lancio del martello rischiavano di colpire gli atleti impegnati nelle gare su pista. Come potrebbe essere risolto il problema manipolando l attrezzo allo scopo di ridurre la distanza del lancio? Poiché la distanza del lancio dipende dalla velocità di rilascio, dall equazione 2.1 possiamo ricavare la velocità: v = F c r/m L equazione indica che la velocità (quindi lo spostamento subito dal martello) è correlata positivamente alla forza e al raggio e, negativamente alla massa. Le opzioni disponibili per controllare la lunghezza dei lanci nelle competizioni ufficiali possono interessare o un aumento della massa del martello o una riduzione di lunghezza della corda. Legge dell accelerazione La variazione della quantità di moto di un corpo è proporzionale alla forza applicata e si determina nella direzione in cui la forza agisce. La quantità di moto (G) posseduta da un corpo è definita come il prodotto della massa (m) per la velocità (v). Un fondista con una massa di 60 kg che corre alla velocità di 8 m/s possiede una quantità di moto di 480 kg m/s. quindi: G = mv (2.2) La variazione della quantità di moto può essere scritta come: G/ t = (mv)/ t 8

9 9

10 Nell analisi del movimento la variazione della massa può essere trascurata (m = costante); quindi secondo la legge dell accelerazione, la forza applicata (F) è proporzionale alla variazione della quantità di moto, F = G/ t = m v/t essendo v/t equivalente all accelerazione (a), F = m a (2.3) L equazione 2.3 è l espressione algebrica della legge di accelerazione di Newton e stabilisce che la forza è uguale alla massa volte l accelerazione. Concettualmente è una relazione causa-effetto. La parte sinistra dell equazione (F) riguarda la causa poiché rappresenta l interazione tra un sistema e il suo ambiente, mentre la parte destra rivela l effetto in quanto indica gli effetti cinematici (ma) delle interazioni sul sistema. Legge dell azione-reazione Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria. Il principio di azione-reazione implica che l effetto esercitato da un corpo su un altro corpo è neutralizzato dall effetto che il secondo ha esercitato sul primo. Questa interazione tra i corpi è descritta come una forza, che ha un effetto su entrambi i corpi. Quindi i due corpi interagiscono simultaneamente. Ad esempio, possiamo considerare il tiro in sospensione di un cestista. Durante la fase di spinta il soggetto esercita una forza sul suolo e il suolo risponde simultaneamente con una forza di reazione sul soggetto. Il principio di azione-reazione indica che le forze tra il cestista e il suolo sono equivalenti in intensità ma opposte nel verso. La conseguenza di questa interazione, definita dalle legge di accelerazione (F = ma), è che ogni corpo subisce una accelerazione che dipende dalla propria massa. Se la forza media fosse di 1,5 N e la persona avesse una massa di 75 kg, l accelerazione subita dal soggetto sarebbe di 20 m/s 2. Anche il suolo subirebbe una accelerazione, ma, essendo la massa della terra molto elevata l accelerazione sarebbe impercettibile. 10

11 11

12 Fig.2.3. Moto angolare. 12

13 2.4 Le forze nel movimento umano Nell analisi del movimento umano, otto forze sono frequentemente coinvolte nel diagramma del corpo: La forza peso La forza di reazione del suolo La forza di reazione articolare La forza muscolare La pressione intraddominale La resistenza dei fluidi La forza elastica La forza inerziale La forza peso Newton definì la gravità in una legge conosciuta come la legge di gravitazione. Tutti i corpi si attraggono con una forza proporzionale al prodotto delle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. Quindi: F = m 1 m 2 /r 2 (2.4) dove m 1 e m 2 sono le masse dei due corpi ed r è la distanza tra di loro. Le forze di attrazione tra oggetti sono trascurabili nello studio del movimento umano con l eccezione dell attrazione tra la terra e diversi oggetti. L intensità di questa attrazione, nota come la forza peso, dipende dalla massa degli oggetti coinvolti e dalla loro distanza. La forza peso è una forza (quantità derivata), mentre la massa è una misura della quantità di materia (nel Sistema Internazionale). L aumento di altitudine determina un decremento della gravità. Questo spiega i vantaggi nell eseguire ad elevate altitudine eventi sportivi dove l obiettivo è contrastare la gravità (p.e. salto il lungo, sollevamento pesi etc.). La riduzione di gravità, specialmente in condizioni di microgravità, evidenzia interessanti implicazioni nel controllo del movimento (Davis e Cavanagh, 1993). L intensità totale del vettore della forza peso del corpo è facilmente determinato utilizzando una comune bilancia da bagno. La validità di questa procedura può essere dimostrata con una semplice analisi basata sulla legge di accelerazione di Newton (equazione 2.3), 13

14 F = ma In cui la somma ( ) delle forze (F) produce una accelerazione (a) del sistema che dipende dalla massa (m) del sistema. Poiché la forza peso agisce soltanto nella direzione verticale (z), l analisi può essere confinata a quelle componenti che agiscono verticalmente: la forza peso (F w ) è diretta verso il basso ed è indicata come negativa, mentre la componente verticale della forza di reazione del suolo (F gz ) è diretta verso l alto ed è indicata come positiva. La decisione di indicare la F w negativa e F g.z positiva è abbastanza arbitraria; comunque, è essenziale distinguere il verso tra le due forze. Nella fig.2.4 è mostrato un appropriato diagramma del corpo. L analisi è la seguente: F z = ma z -F w + F gz = ma z F w = F gz ma z Poiché il soggetto è stazionario, a z = 0. Quindi: 14

15 F w = F gz 0 F w = F gz La direzione del vettore della forza peso è sempre verticale e verso il centro della terra; il vettore origina da un punto chiamato centro di gravità. Il centro di gravità (CG) rappresenta un punto di equilibrio, dove tutte le particelle dell oggetto sono equamente distribuite. E un punto astratto che si muove quando i segmenti corporei si muovono reciprocamente. IL CG può non essere confinato nei limiti fisici dell oggetto; infatti, il centro di gravità di un pneumatico è indubbiamente localizzato all interno del foro centrale. Ad esempio, l abilità dei saltatori in alto è riuscire a proiettare il CG fuori dal proprio corpo o almeno verso l estremità dei segmenti corporei. Come mostra la fig.2.5, l altezza che un saltatore può raggiungere comprende tre componenti (Hay, 1978): L altezza (H 1 ) del CG nella fase finale della spinta L altezza (H 2 ) con cui l atleta può elevare il CG al di sopra di H 1 La differenza tra la massima altezza raggiunta dal CG e l altezza dell asta (H 3 ). Consideriamo l altezza H 3 ; anche se un atleta puo saltare 2.28 m, ciò non implica che il CG sia stato elevato a quell altezza ma semplicemente che il corpo è passato al di sopra dell asta, le due cose non sono sinonimi. Una volta che il saltatore lascia il suolo la traiettoria del CG è gia stata predeterminata. Analisi segmentale Il centro di gravità rappresenta il centro di massa di un oggetto ed è un punto dove la massa dell oggetto è equamente distribuita. Quindi, se la massa dell oggetto viene ridistribuita, come ad esempio durante il movimento, il centro di gravità si sposta. Allo scopo di determinare l ubicazione del centro di gravità in movimenti come il salto in alto, diversi biomeccanici hanno sviluppato una procedura chiamata analisi segmentale. Questa procedura si basa sulla stima delle masse dei diversi segmenti corporei e sull ubicazione del centro di gravità in ogni segmento allo scopo di determinare il CG dell intero corpo. 15

16 Fig.2.4. Diagramma semplificato del corpo. 16

17 Fig.2.5. Rappresentazione schematica delle altezze raggiunte durante l esecuzione di un salto in alto. 17

18 2.5 Forza di reazione del suolo La forza di reazione del suolo descrive la forza di reazione fornita dalla superficie di appoggio su cui si esegue il movimento. Essa deriva dalla legge di azione-reazione di Newton e costituisce la forza di reazione del suolo alle accelerazioni di tutti i segmenti corporei. La forza di reazione del suolo può essere misurata mediante una pedana di forza, che essenzialmente funziona come una scala per la misurazione del peso. Diversi ricercatori iniziarono ad utilizzare questa tecnica nel 1930 (Elftman, 1938; Fenn, 1930; Manter, 1938), anche se l idea fu proposta precedentemente (Amar, 1920; Marey, 1879). Una differenza molto importante tra la piattaforma di forza e la scala del peso è che la piattaforma può misurare la forza di reazione del suolo in tre componenti. La risultante della forza di reazione del suolo può essere scomposta in tre componenti le cui direzioni sono funzionalmente definite come verticale, orizzontale e trasversale. Il grado in cui ciascun segmento corporeo influenza la forza di reazione del suolo dipende dalla massa del segmento corporeo e dalla accelerazione del suo centro di massa (CM). Miller (1990) ha stimato che il tronco e la testa contribuiscono per circa il 50% nell accelerazione di un runner, ciascun arto circa il 17% e le braccia del 5%. Un esempio istruttivo dell associazione tra la forza di reazione del suolo e le variabili cinematiche è mostrato in figura 2.6. Il movimento è un salto verticale. L altezza del salto dipende dall intensità della velocità verticale durante lo stacco, che a sua volta è determinata dalla componente verticale della forza di reazione del suolo. Il soggetto inizia il movimento dalla postura eretta e successivamente esegue un contromovimento verso il basso di circa 0,2 m prima di cambiare direzione (la velocità passa per lo zero, da negativa a positiva) e muoversi verso l alto fino alla posizione di stacco. La fase di volo avviene quando la componente verticale della forza di reazione cade a zero (t =0,53 s). Il soggetto rimane in aria circa 0,41 s, durante il quale il suo centro di massa è elevato a 0,49 m rispetto alla posizione di partenza. In questo salto verticale il picco di velocità negativa (accelerazione = 0) si determina nel punto di mezzo durante il contromovimento verso il basso (t = 0,19 s), mentre il picco di velocità positiva (accelerazione = 0) immediatamente prima della fase di volo. Durante la fase di volo la forza di reazione del suolo è zero e la componente verticale dell accelerazione ha un valore di 9,81 m/s 2 ( azione dela forza di gravità sul CM del soggetto). 18

19 La forza di reazione del suolo presenta quattro fasi e un andamento parallelo all accelerazione: (a) Una fase iniziale in cui la forza è inferiore rispetto al peso corporeo (accelerazione negativa) (b) Una fase in cui la forza supera il peso del corpo (accelerazione positiva) (c) Una fase di volo, dove la forza è zero (accelerazione = -9,81 m/s 2 ) (d) Una fase di impatto, dove il saltatore ritorna al suolo. La figura 2.7 illustra la componente verticale della forza di reazione del suolo (F g.z ) durante un passo ( corsa e marcia). Questi dati indicano il modo in cui la F g.z cambia dall istante di contatto del piede al suolo (t = 0 sull ascissa) fino all istante in cui lo stesso piede lascia il suolo (t = 0). Questo intervallo è conosciuto come fase di appoggio (o di sostegno). La forza di reazione è diversa da zero soltanto nella fase di appoggio e cambia continuamente intensità durante tutta questa fase. E importante ricordare dalla discussione sulla forza peso che l intensità del vettore della forza peso è equivalente alla forza di reazione del solo nel caso in cui il corpo non acceleri nella direzione verticale. Di conseguenza, quando F g.z differisce dalla forza peso, il sistema subisce un accelerazione verticale; Se F g.z è maggiore del peso del corpo, l accelerazione del CM è verso l alto; Se F g.z è minore della forza peso, l accelerazione del CM è verso il basso. Nella figura 2.8 sono rappresentate le tre componenti della forza di reazione di un runner durante la fase di appoggio al suolo del piede. Il soggetto nella fase di non-appoggio subisce un accelerazione verso il basso (dovuta alla gravità) di 9,81 m/s 2, ciò significa che il piede quando tocca il suolo determina una componente verticale della forza di reazione diretta verso l alto, (F g.y ) che si oppone al movimento del runner verso il basso. Inoltre quando il piede tocca il suolo, essendo la sua posizione avanti rispetto al CM del soggetto, determina una componente orizzontale (F g.x ) diretta all indietro (freno). Quando il CM del soggetto passa sopra il piede di appoggio, la componente orizzontale agisce in avanti (propulsione). La componente trasversale (F g.z ) ha un intensità inferiore, ma in compenso è più variabile rispetto alle altre due. 19

20 Fig.2.6. Associazione delle variabili cinematiche con quelle cinetiche durante un salto verticale. 20

21 Fig.2.7. Componente verticale della forza di reazione durante la fase di appoggio (marcia e corsa). 21

22 Fig.2.8. Componenti della forza di reazione del suolo durante la fase di appoggio in un passo di corsa. 22

23 Esempio: determinazione della risultante della forza di reazione del suolo Supponiamo che il runner descritto nella figura precedente subisca le seguenti componenti della forza di reazione durante un istante nella fase di appoggio: F g.x = -286 N (positiva = in avanti) F g.y = 812 N (positiva = verso l alto) F g.z = 61 N (positiva = verso l esterno 23

24 a. Disegnare un diagramma delle tre componenti e la forza risultante nel piano sagittale, frontale trasversale b. Calcolare l intensità e la direzione di ogni risultante. Piano sagittale: Intensità = F 2 g.x + F 2 g.y = (-286) 2 + (812) 2 = 861 N Direzione = tg -1 = 286/812 = 0,34 rad rispetto all asse verticale Piano frontale: Intensità = F 2 g.y + F 2 g.z = (812) 2 + (61) 2 = 814 N Direzione = tg -1 = 61/812 = 0,07 rispetto all asse verticale Piano trasversale: Intensità = F 2 g.x + F 2 g.z = (-286) 2 + (61) 2 = 292 N Direzione = tg -1 = 61/286 = 0,21 rad rispetto all orizzontale c. Utilizzando il teorema di Pitagora determinare l intensità della forza di reazione risultante F g = F 2 g.z + F 2 2 g.y + F g.x = (-286) F g = 863 N 24

25 25

26 2.6 L attrito La risultante delle due componenti orizzontali della forza di reazione del suolo (F g.x e F g.z ) determina l attrito, o forza di taglio (F s ) tra la scarpa e il suolo. Essa è la reazione del suolo alle forze esercitate sul piano orizzontale dal corpo umano o da un oggetto. L attrito è importante nella locomozione poiché fornisce le basi per la progressione orizzontale del CM. La massima forza di attrito è determinata dall intensità della forza normale (o perpendicolare) alla superficie, in questo caso dalla forza di reazione del suolo (F g.y ), e da un coefficiente (μ) che caratterizza il tipo di contatto (liscio-ruvido, statico-dinamico etc.) tra i due corpi, quindi: F s.max = μf g.y (2.5) Per un determinato contatto scarpa-suolo, il coefficiente di attrito differisce se la scarpa è stazionaria (statico, μ s ) o si sta movendo rispetto al suolo (dinamico, μ d ). Poiché il valore di μ s è maggiore di μ d la forza di attrito (F s ) raggiunge valori più elevati quando la scarpa assume una posizione stazionaria al suolo. È possibile determinare l intensità di μ tra scarpa e superficie di appoggio sperimentalmente, dal rapporto F s /F g.y nel momento immediatamente precedente il movimento della scarpa rispetto al suolo. Con questo approccio di analisi, i valori di μ s riportati in letteratura (Nigg, 1986; Stucke e Baumann, 1984) variano da 0,3 a 2,0; e quelli di μ d da 0,003 a 0,007 durante competizioni di pattinaggio su ghiaccio (de Koning, 1992). Quando la F s è inferiore al suo massimale, comunque, l attrito è semplicemente uguale alla risultante della forza nel piano orizzontale. Quando una scarpa tocca il suolo, la forza di attrito (F s ) dipende dall intensità della forza di spinta (F p ) esercitata dalla scarpa sulla superficie (fig.2.9): (a) statico-quando la scarpa non scivola, F s = F p = F 2 2 g.x + F g.z (b) massimale-il picco della forza di attrito (F s.max ) avviene appena prima della fase di scivolamento sulla superficie di appoggio, cioè quando F s = μ s F g.y (c) dinamico-una volta che la scarpa scivola sul suolo, F s varia in funzione di μ d F g.y. Queste caratteristiche indicano che, per determinate condizioni scarpa-suolo rappresentate da μ, l attrito aumenta con F g.y e, poiché F g.y è influenzato dalla forza peso (F w ) l entità dell attrito è spesso maggiore nei soggetti più pesanti. 26

27 Fig.2.9. Fattori determinanti la forza di attrito. 27

28 2.7 Forza di reazione articolare Il concetto di forza di reazione articolare è invocato per rappresentare la reazione di segmenti corporei adiacenti alle forze esercitate da un sistema identificato. È una forza tridimensionale che ha una componente normale alla superficie dell articolazione e due componenti tangenziali La componente normale è tipicamente diretta all interno della superficie dell articolazione determinando la forza di compressione. Le due componenti tangenziali compongono la forza di taglio che agisce lungo la superficie articolare. La forza di reazione articolare può essere influenzata da qualsiasi forza che agisce sul corpo. Esempi sono le forze trasmesse dall estremità di un segmento all estremità di un altro segmento (forze di reazione del suolo), forze dovute alle strutture dei tessuti molli (legamenti, capsule articolari) e forze estrinsecate dai muscoli. L intensità di queste forze può essere elevata. L intensità trasmessa dai tessuti molli, specialmente dai legamenti, è controversa, comunque secondo studi recenti (Mommersteeg e coll., 1997; Shelburne e coll., 1997) sembra che queste forze possano essere significative e variare in funzione dei gradi di escursione articolare. Il contributo più significativo e consistente alle forze di reazione articolari è dato dalla forza determinata dall attività muscolare (Duda e coll., 1997; O Connor e coll., 1997). Quando un muscolo si contrae, la componente tangenziale del vettore della forza muscolare è trasmessa all interno dell articolazione esercitando una azione di compressione sul sistema articolare. Essendo l angolo di trazione del muscolo piuttosto piccolo, la maggior parte della forza muscolare è diretta lungo la componente tangenziale. Ad esempio Lu e coll. (1997) hanno evidenziato in soggetti che eseguivano, dalla postura eretta, contrazioni isometriche con i flessori, estensori, adduttori e abduttori dell anca, la forza tangenziale lungo il femore è circa 20 volte maggiore della componente normale misurata alla caviglia. In queste contrazioni, i muscoli dell anca esercitarono forze medie di circa 2000 N. Sperimentalmente la misurazione delle forze di reazione articolare (F j ) risulta difficoltosa e generalmente coinvolge una procedura invasiva. Alcuni autori (Bergmann e coll., 1993) impiantarono trasduttori di forza per misurare la forza di reazione articolare dell anca in due pazienti con protesi. Quando i due soggetti 28

29 camminavano sul nastro trasportatore a 1,1 m/s, le forze di reazione articolari all anca variavano durante il passo (fig.2.10). La componente verticale era diretta verso il basso (compressione) con un intensità di picco tre volte superiore al peso corporeo; la componente trasversale era diretta medialmente con un intensità di picco pari al peso corporeo; e la componente orizzontale, di intensità della metà del peso corporeo, era diretta prima in avanti e poi indietro. Nella maggior parte degli studi, comunque, l intensità di F j è generalmente stimata determinando tutte le forze che agiscono sul corpo e assumendo che l effetto rimanente sia dovuto alla F j ; questa procedura è conosciuta come l analisi residua. L utilizzo dell analisi residua è possibile soltanto se il sistema è in equilibrio, ovvero tutte le forze che agiscono sul sistema devono essere bilanciate. Valori di F j sono stati stimati mediante l analisi residua per attività come: stare in piedi, alzarsi in piedi da seduto, camminare, correre e sollevare pesi (Harrison e coll., 1986). Ad esempio, quando la richiesta motoria consiste nell eseguire un accosciata completa dalla posizione eretta e ritorno alla posizione di partenza, la massima forza di reazione dell articolazione tibio-femorale varia da 4,7 a 5,6 volte il peso corporeo, mentre la componente di taglio da 3,0 a 3,9 (Dahlkvist e coll., 1982). I sollevatori di peso subiscono durante le competizioni, a livello delle articolazioni L4-5 forze massime di compressione e di taglio rispettivamente di circa 17 e di 2.3 volte il loro peso corporeo. Un approccio, per stimare la F j, alternativo all analisi residua è misurare l accelerazione e usare la dinamica inversa per determinare le forze e i momenti articolari (Bogert e coll., 1996). Inserendo 4 accelerometri in siti conosciuti nei tronchi corporei di individui, è stato possibile stimare la forza di reazione nell articolazione dell anca durante la marcia, la corsa e lo sci (Bogert e coll., 1999). I picchi di forze, in termini di peso corporeo (F w ), mediamente erano di 2 volte il peso camminando a 1,5 m/s, 5 volte F w correre a 3,5 m/s, 4-7 volte F w nello sci (alpino), 4 volte F w nello sci nordico e 7-13 volte F w nello sci acrobatico (con gobbe). 29

30 Fig Forze di reazione nell articolazione dell anca nelle due fasi di appoggio del piede al suolo (HS=calcagno; TO=alluce) durante la marcia su nastro trasportatore. 30

31 2.8 Forza muscolare Nell analisi del movimento umano, la forza muscolare è spesso la componente più importante che agisce sul corpo umano. Il vettore della forza muscolare inserendosi sull osso e coinvolgendo un articolazione (o due, muscoli bi-articolari) determina un effetto di trazione sul segmento provocando la sua rotazione. Il concetto generalizzato di forza (spinta o trazione che altera lo stato di moto di un oggetto) non può essere esteso al muscolo, poiché esso è in grado di esercitare una forza di trazione ma non di spinta. Comunque la tensione prodotta dal muscolo può essere trasmessa lungo un segmento osseo ed esercitare una forza di compressione osso su osso. A causa della capacità unidirezionale della forza muscolare, il movimento dell articolazione è controllato da una serie di muscoli in opposizione tra di loro (agonisti-antagonisti). Ad esempio, il movimento di estensione-flessione del gomito è controllato da un gruppo di muscoli che provocano l accelerazione nella direzione estensione (estensori del gomito) e da un altro gruppo che provoca l accelerazione nella direzione flessione (flessori del gomito). Il vettore della forza muscolare può essere rappresentato graficamente con una freccia ed essere definito in termini di intensità, direzione e verso. Intensità della forza muscolare Sia l intensità sia la direzione del vettore forza muscolare sono difficili da misurare. La misurazione diretta dell intensità del vettore, è possibile soltanto attraverso la misura della forza esercitata dal tendine. In esperimenti sul muscolo isolato, questo processo coinvolge la connessione del tendine a trasduttori di forza. In esperimenti sull uomo, quando il tendine non è staccato dall osso, è possibile misurare la forza ponendo un trasduttore sul tendine. Questa è una procedura chirurgica che trova applicazione nella ricerca ma non nella valutazione di routine su atleti. Più recentemente Komi e coll. (1998) hanno sviluppato una tecnica che consiste nell inserire sul tendine una fibra ottica (0,5 di diametro) per misurare la forza estrinsecata dal tendine in diverse attività. Comunque, la maggior parte dei soggetti non desidera sottoporsi a procedure invasive, di conseguenza nella valutazione della forza è necessario usare tecniche indirette. Molte delle informazioni disponibili sull intensità e direzione della forza muscolare sono state derivate da indici di stima. Un approccio comune è determinare l area di sezione trasversa del muscolo eseguita perpendicolarmente all orientamento delle fibre 31

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore)

CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013. Unità 3 (4 ore) L. Zampieri Fisica per CdL Professioni Sanitarie A.A. 12/13 CdL Professioni Sanitarie A.A. 2012/2013 Statica del Corpo Rigido Momento di una forza Unità 3 (4 ore) Condizione di equilibrio statico: leve

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA A.A. 204/5 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Energia potenziale Problema 26 Una molla ha una costante elastica k uguale a 440 N/m. Di quanto

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA

VALUTAZIONE DELLA FORZA MASSIMALE DINAMOMETRIA ISOMETRICA CLASSIFICAZIONE DELLA FORZA Harre 1972 (mod. 1994) MASSIMALE massima tensione che il sistema neuromuscolare è in grado di esprimere con una contrazione mm isometrica RAPIDA (VELOCE) capacità del sistema

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca

v = 4 m/s v m = 5,3 m/s barca SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 2 Esercizio n.1 v = 4 m/s Esercizio n.2 v m = 5,3 m/s = 7 minuti e 4 secondi Esercizio n.3 Usiamo la seguente costruzione grafica: fiume 1 km/h barca 7 km/h La velocità della

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA...

VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... VERIFICA A ALUNNO. CLASSE I^. DATA... N.B. SCHEMATIZZARE LA SITUAZIONE CON UN DISEGNO IN TUTTI GLI ESERCIZI INDICARE TUTTE LE FORMULE E TUTTE LE UNITA DI MISURA NEI CALCOLI 1-Quando spingi un libro di

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Richiami di meccanica

Richiami di meccanica Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 1 Richiami di meccanica - Tipologie di movimento - E opportuno iniziare questa sintesi degli elementi di meccanica da applicare ai movimenti del corpo umano precisando

Dettagli

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE

ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ESERCIZI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA MOBILITÀ ARTICOLARE E PER L ALLUNGAMENTO MUSCOLARE ARTICOLAZIONI DELLA CAVIGLIA Flessioni del piede da stazione eretta con la punta su un rialzo o contro una parete

Dettagli

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV )

Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) LA BIOMECCANICA DELLA CORSA E DELLA MARCIA Dott. Franziskus Vendrame, Chinesiologo, Centro Kinesis, Conegliano ( TV ) Analizzare l azione del trailrunner non è cosa semplice. Fondamentalmente perché non

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE

RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE RETRAZIONE CATENA MUSCOLARE POSTERIORE È il test iniziale della batteria di prove a carattere funzionale : da posizione seduta, con arti inferiori distesi e piedi a martello, distendere gli arti superiori

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d

. Si determina quindi quale distanza viene percorsa lungo l asse y in questo intervallo di tempo: h = v 0y ( d Esercizio 1 Un automobile viaggia a velocità v 0 su una strada inclinata di un angolo θ rispetto alla superficie terrestre, e deve superare un burrone largo d (si veda la figura, in cui è indicato anche

Dettagli

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S.

DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. DINAMICA e LAVORO esercizi risolti Classi terze L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti la dinamica dei sistemi materiali, nei quali vengono discusse le caratteristiche

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO

basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO L allenamento funzionale nel basket Siena 05-12- 09 PROF. SANDRO BENCARDINO PROGRAMMMA COSTRUZIONE FISICA 1. Conoscere le sollecitazioni specifiche della disciplina praticata 2. Conoscere i modelli biomeccanici

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo

bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo Momento di una forza Nella figura 1 è illustrato come forze uguali e contrarie possono non produrre equilibrio, bensì una tendenza a ruotare quando vengono applicate in punti diversi di un corpo esteso.

Dettagli

Dimensionamento delle strutture

Dimensionamento delle strutture Dimensionamento delle strutture Prof. Fabio Fossati Department of Mechanics Politecnico di Milano Lo stato di tensione o di sforzo Allo scopo di caratterizzare in maniera puntuale la distribuzione delle

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

LA FISICA PER LO SCI ALPINO

LA FISICA PER LO SCI ALPINO LA FISICA PER LO SCI ALPINO ASPETTI PRELIMINARI Introduzione Consideriamo uno sciatore che percorre un pendio innevato: egli compie un azione complessa, determinata da diversi fattori, come schematizzato

Dettagli

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15

Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Liceo G.B. Vico Corsico a.s. 2014-15 Programma svolto durante l anno scolastico Classe: 3C Materia: FISICA Insegnante: Graziella Iori Testo utilizzato: Caforio, Ferilli - Fisica! Le regole del gioco -

Dettagli

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE

I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE I MUSCOLI PER CORRERE E PER SALTARE Testo e disegni di Stelvio Beraldo L' ottimale di scatti, salti e balzi è legata alla FORZA RAPIDA (o veloce) che è la capacità del sistema neuromuscolare di superare

Dettagli

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi

Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi Area Fisico Motoria Giuseppe Trucchi Esercizi per il miglioramento della forza del calciatore: i balzi di Giuseppe Trucchi Tra le capacità fondamentali per un giocatore di calcio la forza occupa un posto

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1

Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 Corso di Laurea in Farmacia Verifica in itinere 3 dicembre 2014 TURNO 1 COMPITO A Un blocco di massa m 1 = 1, 5 kg si muove lungo una superficie orizzontale priva di attrito alla velocità v 1 = 8,2 m/s.

Dettagli

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO

MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO MESOCICLO ARBITRI PERIODO AGONISTICO (Modulo) 10' Corsa (Borg 2-3) Inserendo anche corsa laterale 5' Stretching Dinamico 5' Andature (Skip, Corsa, Calciata, Scivolamenti laterali ecc. 3x10m) 3x Allungo

Dettagli

3D Motion Gait Analys

3D Motion Gait Analys 3D Motion Gait Analys La Gait Analysis (Gait=passo) è una tecnica che permette tramite analisi computerizzata di monitorare i movimenti del corpo umano con particolare attenzione alle fasi durante il cammino.

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Scientifico statale Innocenzo XII Anzio (Roma) PROGRAMMA SVOLTO (a.s. 2013/14) Classe PRIMA sez

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1)

Consideriamo una forza di tipo elastico che segue la legge di Hooke: F x = kx, (1) 1 L Oscillatore armonico L oscillatore armonico è un interessante modello fisico che permette lo studio di fondamentali grandezze meccaniche sia da un punto di vista teorico che sperimentale. Le condizioni

Dettagli

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton

Unità didattica 4. 1 La prima legge di Newton Unità didattica 4 Forza e moto COMPETENZE Descrivere e spiegare le tre leggi di Newton. Spiegare la forza di attrito. Descrivere il moto circolare e spiegare la natura della forza centripeta. Enunciare

Dettagli

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori

Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori Programma di riscaldamento, stretching e potenziamento della cuffia dei rotatori a cura di Peppe Mele PREMESSE: Gli esercizi contenuti in questa dispensa, sono particolarmente indicati per gli atleti che

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale

Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Corso per tecnici di pesistica Valutazioni funzionale Senza un attenta analisi posturale, non possiamo inoltrarci in una valutazione funzionale (squat test, one legged test, etc.) A cura di Ferdinando

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J.

Anche nel caso che ci si muova e si regga una valigia il lavoro compiuto è nullo: la forza è verticale e lo spostamento orizzontale quindi F s =0 J. Lavoro Un concetto molto importante è quello di lavoro (di una forza) La definizione di tale quantità scalare è L= F dl (unità di misura joule J) Il concetto di lavoro richiede che ci sia uno spostamento,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi

STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO. Una breve rassegna sui più importanti studi STUDI CLASSICI SULLA FORZA ED IL SUO ALLENAMENTO Una breve rassegna sui più importanti studi MECCANISMI DELLA FORZA La possibilità per un atleta di produrre forza e velocità sempre più elevata dipende

Dettagli

Elasticità e oscillazioni

Elasticità e oscillazioni 10txtI #12:GIAMBATTISTA 7-12-2007 13:52 Pagina 371 Elasticità e oscillazioni Capitolo 10 Legge di Hooke (Paragrafo 6.6) Relazioni grafiche tra posizione, velocità e accelerazione (Paragrafi 3.2 e 3.3)

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

L adattamento dell allenamento isoinerziale

L adattamento dell allenamento isoinerziale FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE E DELLO SPORT Milano sabato 19 ottobre 2013 Principi e adattamenti dell allenamento della forza: dalle molecole

Dettagli

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

Unità didattica 2 Campo elettrico e potenziale elettrico. Competenze

Unità didattica 2 Campo elettrico e potenziale elettrico. Competenze Unità didattica 2 Campo elettrico e potenziale elettrico Competenze Definire il campo elettrico e descrivere come il campo elettrico è disegnato dalle linee di campo. Applicare l equazione dell intensità

Dettagli

LE FORZE. Due forze uguali agiscono in opposte direzioni Risultato L oggetto si muove L oggetto rallenta e L oggetto rimane

LE FORZE. Due forze uguali agiscono in opposte direzioni Risultato L oggetto si muove L oggetto rallenta e L oggetto rimane Unità didattica 2 LE FORZE Competenze Comprendere e spiegare il concetto di forza. Distinguere le forze a contatto dalle forze di campo (a distanza). Descrivere le forze fondamentali della natura. Distinguere

Dettagli

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D A A 2 0 1 2-2 0 1 3 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

Considerazioni energetiche sull attività motoria

Considerazioni energetiche sull attività motoria Considerazioni energetiche sull attività motoria [La maggior parte dei dati, figure e tabelle riportati nel seguito sono tratti da: R. Margaria, Fisiologia muscolare e meccanica del movimento, Mondadori,

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione ISPEED Dati utili Lunghezza del treno: 8,8 m Durata del percorso: 55 s Lunghezza del percorso: 1200 m Massa treno a pieno carico: 7000 kg Altezza della prima

Dettagli

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra:

Il potenziale a distanza r da una carica puntiforme è dato da V = kq/r, quindi è sufficiente calcolare V sx dovuto alla carica a sinistra: 1. Esercizio Calcolare il potenziale elettrico nel punto A sull asse di simmetria della distribuzione di cariche in figura. Quanto lavoro bisogna spendere per portare una carica da 2 µc dall infinito al

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI

CARATTERISTICHE TECNICHE TESYS 800: - 3 INGRESSI Il TESYS 1000 è l unità centrale alla quale è possibile collegare le varie periferiche a seconda del tipo di valutazione che si vuole eseguire. Il TESYS 1000 a sua volta viene collegato al computer grazie

Dettagli

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m);

L ENERGIA 1. IL LAVORO. Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J = (1 N) (1 m); 1 L ENERGIA holbox/shutterstock 1. IL LAVORO Il joule come unità di misura derivata Abbiamo visto che la definizione di joule è: 1 J (1 N) (1 m); inoltre, la formula (5) del capitolo «I princìpi della

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

La riabilitazione del piede nello sportivo

La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione del piede nello sportivo La riabilitazione in ambito sportivo è caratterizzata dalla necessità di brevità nei tempi di recupero e dal raggiungimento di alti livelli di prestazione sportiva.

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata

Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Franco Medici Giorgio Tosato Tecnologia dei Materiali e Chimica Applicata Complementi ed esercizi Copright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo,

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo)

Azioni interne (definizione di tensione o sforzo) 18/05/011 ES. Sforzo Una barra di acciaio AISI 304 a sezione tonda, di diametro pari a 10 mm, deve sorreggere una massa di t. Qual è lo sforzo a cui è soggetta la barra? Cosa accade se vengono aggiunti

Dettagli

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara SISSIS Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo LA STATICA: Le macchine semplici di Elena La Guidara Tesina del Corso di Fondamenti della Fisica I Prof. V. Bellini INDICE 1. STATICA DEL PUNTO 1.1 Punto

Dettagli

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia

PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO. Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia PREVENZIONE DEI TRAUMI E MIGLIORAMENTO DELLA PRESTAZIONE NEL GOLF PROFESSIONISTICO Giorgio Pasetto Dottore in scienze motorie Dottore in osteopatia STRATEGIA STABILOMETRIA, TEST ISOCINETICO, BIOMECCANICA

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare negli insiemi numerici N, Z, Q, calcolare espressioni,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA SOSPENSIONE del giudizio anno scolastico 2012/13: INDICAZIONI LAVORO

Dettagli

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni

Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni Associazione Italiana Arbitri - AIA Settore Tecnico: Modulo Preparazione Atletica Esercizi per la Prevenzione degli Infortuni AIA CAN-D Stagione Agonistica 2010-2011 Prevenzione Infortuni Introduzione

Dettagli

SETUP DI UN AUTOVEICOLO

SETUP DI UN AUTOVEICOLO Inizio 14.15 Proge&azione di sistemi di trasporto SETUP DI UN AUTOVEICOLO Ing. Mattia Strangi Università degli Studi di Bologna DiparBmento DICAM Ingegneria Civile, Ambientale e dei Materiali www.dicam.unibo.it

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla)

IIS D ORIA - UFC. Laboratorio Relazioni di laboratorio Verifiche scritte di laboratorio (elaborazione dati, domande aperte, test a risposta multipla) INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 L EQUILIBRIO DEI SOLIDI 2 IL MOVIMENTO: LA VELOCITA 3 IL MOVIMENTO: L ACCELERAZIONE 4 I PRINCIPI DELLA DINAMICA 5 IL LAVORO, LA POTENZA E L ENERGIA 6 LA TEMPERATURA

Dettagli

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore.

La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. La progressione dei carichi nello sportivo operato all arto inferiore. All interno di un moderno programma di rieducazione funzionale è necessario porre particolare attenzione alla fase iniziale di recupero

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli