Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework"

Transcript

1 Progetto ACTIVE AGE evaluating active ageing policies in Italy: an innovative methodological framework SINTESI RAPPORTO LIGURIA A cura di ELISABETTA BECCARIA Salerno, 04 novembre 2009

2 Chi siamo Agenzia Liguria Lavoro - Liguria (IT) è l Ente Strumentale della Regione Liguria che sviluppa studi e ricerche, azioni, eventi e progetti a sostegno delle politiche regionali dell istruzione, della formazione e del lavoro nell ottica di favorirne l integrazione con l obiettivo di: 1. analizzare il contesto economico e sociale e i fabbisogni professionali del territorio ligure per fornire alla Regione Liguria strumenti conoscitivi che permettano di PROGRAMMARE azioni di politica attiva del lavoro; 2. fornire assistenza al sistema regionale nello sviluppo e nel monitoraggio delle azioni di Orientamento, Formazione e Lavoro programmate dalla Regione Liguria per permettere, alla Regione stessa, di VALUTARE l efficacia delle azioni intraprese e la loro sostenibilità nelle programmazioni future; 3. gestire i processi di informazione, diffusione e promozione delle azioni realizzate dalla Regione Liguria in materia di orientamento, formazione e lavoro, attraverso un sistema multimediale integrato e interattivo che, sulla base delle esigenze espresse dalla Regione Liguria, permetta di COMUNICARE efficacemente sul territorio le azioni realizzate e le proposte di sviluppo..

3 Agenzia Liguria Lavoro nel progetto In riferimento al progetto Agenzia Liguria Lavoro è coinvolta sia nella fase di raccolta di policy che di prassi nell ambito a livello regionale/ provinciale, con particolare attenzione all integrazione verticale e orizzontale: tra Organismi e tra settori di intervento ( formazione, lavoro, cultura, sport, sociale, sanitario,tempo libero, ) Gli obiettivi prioritari del suo coinvolgimento, coerentemente con i macro obiettivi di progetto sono: definizione di un quadro di contesto dell invecchiamento in Liguria con dati quali quantitativi del fenomeno; descrizione delle normative regionali e locali a favore dell invecchiamento attivo e del miglioramento della qualità della vita della popolazione anziana insistente nella regione; definizione dell attuale politica regionale nell ambito, con particolare riferimento agli strumenti di pianificazione/ programmazione atti a garantire la sostenibilità delle scelte politiche (programmi, piani, ) definizione delle prassi/progetti regionali e locali maggiormente significativi, potenzialmente riproducibili e trasferibili, sull invecchiamento attivo.

4 L invecchiamento in Liguria La Regione Liguria è una regione anziana L Annuario Statistico Regionale del 2008, frutto della collaborazione tra la Regione Liguria, l Ufficio Regionale Istat per la Liguria e la Unioncamere liguri, conferma la Liguria quale regione con la maggior percentuale di popolazione anziana: le persone con più di 65 anni risultano il 26,5 % del totale, contro una media italiana del 19,7%. I dati ISTAT, aggiornati al 2006, ci confermano che, la popolazione della Liguria tra i 65 e 74 anni di età è circa il 13.3% e il 13,4% ha più di 75 anni, ciò significa che il 26,5% della popolazione ligure, circa di abitanti ha più di 65 anni. Al contrario, il tasso di natalità risponde quasi allo zero per cento.

5 Il quadro normativo Il 25 settembre la giunta regionale ha approvato un disegno di legge sulla PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO. A breve anche la Regione Liguria avrà un legge specifica. Il disegno di legge fa riferimento: alla legge regionale 24 maggio 2006, n 12, PROMOZIONE DEL SISTEMA INTEGRATO DI SERVIZI SOCIALI E SOCIO SANITARI ( art. 34), e alla legge regionale 11 maggio 2009, n 18 SISTEMA EDUCATIVO REGIONALE DI ISTRUZIONE, FORMAZIONE e ORIENTAMENTO. La Regione Liguria inoltre, per migliorare il servizio alla popolazione anziana, ha attivato il sito promosso dall Assessorato alle Politiche Sociali. E il portale della Regione Liguria per la terza età ed eroga una pluralità di informazioni utili alla vita quotidiana, sui servizi sanitari ed assistenziali, sulle iniziative culturali e sportive per la terza età.

6 Strumenti di programmazione il PSIR Uno strumento fondamentale di programmazione ad oggi in vigore è IL PIANO SOCIALE INTEGRATO REGIONALE (PSIR) , approvato con la deliberazione n 35 del 1 agosto del 2007, così articolato: - La prima parte sulle politiche di maggior rilievo da realizzare nel periodo di vigenza del piano; -La seconda parte individua obiettivi concreti da perseguire attraverso reti integrate di Attori locali e servizi; -La terza parte indica le risorse finanziarie messe a disposizione dalla Regione Liguria; le indicazioni per il finanziamento e il sistema di indicatori e modalità di valutazione dei piani distrettuali. Nel PSIR le POLITICHE ATTIVE PER L INVECCHIAMENTO sono così definite: L invecchiamento attivo si riferisce, in particolare, a coloro che, in condizioni psico fisiche non problematiche, a conclusione della vita lavorativa utilizzano il tempo liberato per produrre relazioni sociali e mantenere un ruolo di partecipazione e cittadinanza attiva nella propria comunità.

7 Strumenti di programmazione il PSIR In tal senso vanno particolarmente favorite le iniziative per coloro che versano in condizioni socio economiche e culturali di maggiore svantaggio i quali, più faticosamente degli altri, riescono a cogliere le occasioni di promozione che vedono l anziano protagonista e non solo destinatario di servizi. Nella logica di politiche integrate che promuovono il ben-essere sociale dei cittadini e il miglioramento della qualità di vita e della salute per le persone fragili residenti nella Regione e le azioni di formazione, qualificazione professionale e lavoro, nonché di politiche abitative, la LR 12/06, ha normato i sistemi organici di rete quali sistemi di risposta integrati ai bisogni dei cittadini La rete integrata d offerta che concerne le POLITICHE ATTIVE PER L INVECCHIAMENTO (INDIRIZZI REGIONALI PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO, LR 12/06, art. 25,34) ha tre obiettivi principali: 1.Attivazione di progetti ed azioni positive volte a favorire la crescita, il protagonismo e la cittadinanza attiva delle persone anziane; 2. Promozione di forme di scambio ed apprendimento intergenerazionale. 3.Promozione di stili di vita e comportamenti che perseguano il benessere, contrastando i fattori di rischio sociale.

8 Strumenti di programmazione il PSIR Interventi attuabili (in relazione alla LR 12/06): 1. Promozione della partecipazione degli anziani alla comunità locale, anche attraverso attività civiche; 2. Attivazione di servizi ricreativi locali in cui promuovere forme di associazionismo e inserimento sociale; 3. Interventi che favoriscono, anche con il concorso delle imprese, il ruolo attivo dell anziano nella trasmissione dei saperi alle nuove generazioni; 4. Realizzazione di un informazione efficace su educazione alla salute e invecchiamento. Questi interventi vengono declinati in progetti/iniziative, in collaborazione, e secondo le proprie competenze, dai seguenti Soggetti: Ambiti territoriali Sociali / Province/ Distretti Socio Sanitari.

9 Strumenti di programmazione il PSIR Gli Ambiti territoriali Sociali (individuati dalla L. 328/2000 e dalla LR 12/06) sono associazioni intercomunali (insieme di più Comuni fino a abitanti) che, in una determinata area geografica, gestiscono attività in ambito sociale. Ciò permette anche ai Comuni più piccoli di garantire i servizi sociali di base. L'Ambito Territoriale Sociale rappresenta la sede di accesso alla rete locale di interventi e servizi sociali. I servizi sociali complessi richiedono un integrazione con le politiche sanitarie o con quelle dell istruzione, della formazione e del lavoro. A tal proposito é stato istituito il Distretto Sociosanitario (di cui all articolo 9 e 10 della LR 12/2006). Il Distretto Sociosanitario é la dimensione territoriale in cui si integrano le funzioni sociali complesse o di secondo livello e le funzioni sociosanitarie. Le Province, secondo la RL 12/06, concorrono alla programmazione sociale collaborando al Piano Sociale Integrato Regionale e alla programmazione territoriale de i Distretti Sociosanitari. In collaborazione con gli Ambiti Territoriali Sociali, con i Distretti Sociosanitari e con le ASL, le Province concorrono a realizzare, ai sensi della normativa regionale, iniziative di formazione ed aggiornamento professionale per gli operatori del sistema integrato.

10 Strumenti di programmazione il PSIR Il PSIR dà come indicatore di realizzazione della rete sull invecchiamento attivo almeno un azione in ogni Distretto, per ogni annualità del Piano, relativa alle attività di socializzazione, impegno civico, promozione della partecipazione e cittadinanza attiva, scambio intergenerazionale a favore delle persone anziane anche in collaborazione con enti ed associazioni del territorio; e almeno un azione in ogni Distretto, per ogni annualità del Piano, sui temi di educazione alla salute e promozione di stili di vita salutari, di interesse per le persone anziane e per la comunità locale. La Regione, nella propria attività di indirizzo e di programmazione persegue, tra gli altri, l obiettivo di promuovere nuovi stili di vita nei minori, negli adolescenti, negli adulti, nelle persone anziane al fine di migliorare la qualità della vita e le condizioni dell invecchiamento, attraverso progetti integrati - da avviare a livello di Distretto Sociosanitario in collaborazione con l ASL e con le istituzioni del territorio. I principali campi di azione riguardano l educazione alimentare; la lotta alle dipendenze; la diffusione di una cultura attenta ai problemi della mobilità e all importanza dell esercizio fisico in tutte le fasi dell esistenza (cap.4.4 PSIR - PROMOZIONE DI NUOVI STILI DI VITA PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI PSICO-FISICHE)

11 Programma operativo Ob. 2 Regione Liguria FSE Tra le tematiche trasversali ai vari assi d intervento un ambito prioritario riguarda gli anziani, fascia numericamente importante della popolazione e portatrice di potenzialità e problematiche. Si evidenzia che: le fasce di popolazione over 54 sono un target importante per l aumento del tasso di attività, per gli interventi di riqualificazione professionale e reinserimento lavorativo (alla luce delle crisi aziendali presenti nel nostro territorio); gli anziani sono generatori di occupazione (interventi integrati di assistenza a loro favore possono migliorarne la qualità della vita e l'inclusione sociale, nonché agevolare l'ingresso/ il rientro nel mondo del lavoro dei familiari che prestano loro servizi di cura); gli anziani sono consumatori di servizi (assistenza a domicilio ma anche servizi per il tempo libero, con ricadute occupazionali da sviluppare con interventi adeguati, quali, ad es. formazione per gli assistenti domiciliari, interventi di formazione e accompagnamento per lo sviluppo di imprenditorialità sociale, interventi di formazione e accompagnamento per l imprenditorialità culturale e del tempo libero, etc )

12 L INTEGRAZIONE I princìpi ispiratori del PSIR e dell evoluzione normativa della Regione Liguria in materia di integrazione si possono ritrovare nella legge 8 novembre 2000, n 328, Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e nella Legge Regionale 12/06 che apre il tema delle politiche sociali al metodo aperto di coordinamento, incrociando la governance tra Enti (Conferenza Permanente per la Programmazione Sociosanitaria regionale) con la partecipazione alla formazione di un moderno sistema di welfare, delle istanze della società civile (famiglie, associazioni di promozione sociale), delle parti sociali, degli Enti Confessionali e del Terzo Settore.

13 LE PRASSI Convegni/ seminari sul tema (principali): LA SPERIMENTAZIONE AL SERVIZIO DELL INNOVAZIONE: L ESPERIENZA DELLA LIGURIA NEL RIPENSARE I SERVIZI PER GLI ANZIANI novembre 2006, promosso dal Ministero della Salute e da Regione Liguria VOGLIA DI RESTARE IN GIOCO: PROPOSTE PER UNA CONFERENZA REGIONALE SULL INVECCHIAMENTO ATTIVO marzo 2007, promosso da Cgil; Spi Cgil e Auser INVECCHIAMENTO ATTIVO Regione Liguria - febbraio 2008, promosso da Liguria Ricerche FILSE e IL CATALOGO DELLE BUONE PRATICHE FSE: STRUMENTI PER LE POLITICHE A FAVORE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO ottobre 2008, promosso dal Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali e da Regione Liguria

14 Progetto integrato della Società dell Informazione a favore della Terza Età e coinvolgimento fasce giovanili 2 edizione Progetto promosso da Regione Liguria, Ministero dello Sviluppo Economico, Ministero della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali. Finalità: migliorare la qualità della vita del cittadino anziano attraverso le tecnologie. Vengono erogate attività formative e di aggregazione sociale intergenerazionale nei C.I.S. (Centri Informatizzati di Socializzazione), collocati in tutte Province Liguri per un totale di 56 centri. I CIS sono ospitati in locali di associazioni/onlus di promozione sociale per gli anziani. Le attività formative vengono tenute da personale qualificato di enti di formazione del territorio ligure, selezionati tramite bando dedicato. I posti disponibili per l annualità in corso (2009) sono 4000 per la partecipazione ai moduli formativi di base (per chi vuole avvicinarsi al mondo informatico), 8000 per la partecipazione a moduli formativi avanzati (per perfezionare le proprie conoscenze). La durata del corso di primo livello, in aula, è di 30 ore più 2 ore di orientamento.

15 Progetto integrato della Società dell Informazione a favore della Terza Età e coinvolgimento fasce giovanili 2 edizione Il progetto prevede, ad integrazione delle ore in aula del percorso formativo di 1 livello, una formazione a distanza, presso le sedi territoriali, per un periodo complessivo di 30 ore, articolate sulle tematiche sviluppate nella formazione frontale. Il percorso di 2 livello sarà erogato attraverso un percorso formativo a distanza per un totale di 30 ore. Il progetto integrato approvato con d.g.r. n 295 del 31/03/2006 è stato attuato nella sua prima edizione negli anni Dal 2002 la RL promuove progetti/ iniziative di informatica per la terza età. I progetti per la terza età hanno diversi obiettivi: Migliorare la qualità di vita Ridurre la condizione di isolamento dell anziano Condividere/reinserire l anziano nella vita attiva Promuovere la comprensione intergenerazionale tra anziani e giovani e favorire la socializzazione, attraverso strutture in cui la socializzazione iniziata con un percorso formativo comune possa continuare

16 Progetto integrato della Società dell Informazione a favore della Terza Età e coinvolgimento fasce giovanili 2 edizione Far accedere l anziano alla società dell informazione, Far conoscere all anziano nuovi canali comunicativi, ossia mettere gli ultrasessantenni in grado di utilizzare le nuove tecnologie, in particolare i servizi web, quali: Consultazione su servizi di Enti Pubblici e Regionali (Sanità, Servizi Sociali) in particolare il portale dedicato che veicola anche l accesso alla formazione a distanza e agli strumenti di community Lettura di quotidiani e altri giornali Operazioni bancarie Consultazione Conto Corrente, utilizzo telepass Pagamento bollette via rete Spesa via rete Volontariato Meccanismi di ricerca e browser Siti web e home page URL

17 PROGETTO ANZIANI 2009 ETA LIBERA Progetto regionale finanziato dalla Fondazione CARIGE ( Cassa di Risparmio di Genova) e coordinato da AUSER Liguria Obiettivo: Promuovere l invecchiamento attivo delle persone valorizzando i rapporti tra diverse età, culture e la solidarietà Azioni: 1.Interventi di sostegno a persone di anziane con fragilità sociali semplici o complesse Si va dal contatto telefonico settimanale, alle visite mensili (2 al mese) al monitoraggio 24h su 24 come Telesoccorso e 2 contatti telefonici settimanali come Telecompagnia. Agli anziani presi in carico viene data la possibilità di usufruire di n verde informativo gratuito

18 PROGETTO ANZIANI 2009 ETA LIBERA 2. Promuovere la solidarietà, la relazione dei diritti degli anziani ospiti degli istituti, degli alloggi protetti, dei centri diurni, a) Promuovere iniziative tra comunità territoriale e Istituti con l obiettivo di aprire una relazione con i diversi soggetti sociali in essa presenti; b) Promuovere attività di socializzazione, di animazione attraverso il coinvolgimento di giovani ed adulti; c) Promuovere verso le persone in grado di deambulare la loro partecipazione ad eventi e iniziative territoriali 3. Educazione permanente, cultura e turismo sociale a) Attivazione di laboratori di educazione permanente: percorsi formativi in una logica laboratoriale su alcune tematiche quali, ad esempio: dal lavoro al pensionamento, vivere bene l invecchiamento, consumi intelligenti ed ecocompatibili, aprirsi al volontariato e alla cittadinanza attiva, laboratori di cinema, teatro, fotografia,

19 PROGETTO ANZIANI 2009 ETA LIBERA b) Realizzazione di convegni sui seguenti temi: Politiche e progetti per invecchiare in salute: prevenzione, stili di vita, benessere psicofisico, ; Terza età e nuove politiche di sviluppo: innovazione tecnologica, nuovi prodotti; stili di consumo, ecc. Domiciliarità, residenzialità, housing sociale; Anziani e cultura: da spettatori a protagonisti c) Promozione della partecipazione e dell accesso agli anziani ad eventi culturali e di turismo sociale nella regione Visite guidate gratuite al patrimonio storico, culturale, sociale dei vari luoghi, partecipazione ad eventi/ feste locali, promozione di attività estive a cui gli anziani possano facilmente accedere ed essere coinvolti,

20 PROGETTO ANZIANI 2009 ETA LIBERA 4. Promozione della socializzazione e del tempo libero Azioni di ri-valorizzazione del tempo in un ottica di scambio anche intergenerazionale, condivisione, partecipazione,, quali: Organizzazione di concorsi (pittura, fotografia, temi e riflessioni con le scuole,...) Organizzazione di gare, tornei di scacchi, bocce, dama, ballo Organizzazione e promozione di giornate dedicate, a livello locale e/o regionale es. organizzazione delle attività motorie e fisiche per gli anziani, maratoneta per tutte le età, poesia e scrittura adulti, L attuazione delle azioni è capillare nei territori e più precisamente nelle aree geografiche che corrispondono ai distretti socio sanitari e prevede la stretta collaborazione di una pluralità di Attori: Associazioni, Comuni, Province, Asl, cooperative sociali,

21 GRAZIE PER L ATTENZIONE

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico.

In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. In Liguria una strategia per vincere la sfida del cambiamento demografico. La complessità del quadro demografico Le persone ultra sessantenni sono oltre 540.000, di cui le donne sono 261.000; gli ultra

Dettagli

PASSI D ARGENTO Genova 5 novembre 2013 Teatro della Gioventù DANIELA MORTELLO Regione Liguria Dipartimento Salute e Servizi Sociali Le Politiche Regionali per l Invecchiamento Attivo: quadro di riferimento

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 48 PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELL INVECCHIAMENTO ATTIVO (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena

Competenze-chiave, futuro chiavi in mano: protagonismo giovanile e cittadinanza attiva in provincia di Modena SCHEDA-PROGETTO PER LE ATTIVITÀ DI SPESA CORRENTE PROMOSSE DA EE.LL. (PUNTO 2.2, LETTERE A. E B. DELL ALLEGATO A) FINALIZZATE AD INTERVENTI RIVOLTI AD ADOLESCENTI E GIOVANI. (L.R. 14/08 "NORME IN MATERIA

Dettagli

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA

MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA MACRO AREA RETE BENESSERE SALUTE COMUNITA Questa macro area organizza e sviluppa le proprie azioni e attività sulla base dell ascolto, lettura dei bisogni sociali, di assistenza, di salute della comunità

Dettagli

PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012

PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012 PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO Edizione 2012 Premessa Il progetto Età Libera Invecchiamento Attivo 2012 permette di avviare in via definitiva una fase innovativa sui temi che ruotano intorno

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over. Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello

Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over. Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello Programma Italia- Francia Marittimo Progetto Over To Over Dipartimento Salute e Servizi Sociali Daniela Mortello Mercoledì 15 aprile 2015 Le Politiche Regionali per l Invecchiamento Attivo: quadro di riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA

REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA REGOLAMENTO INTERVENTI DI MUTUALITA E SOLIDARIETA Principi Ispiratori e Obiettivi Gli interventi di mutualità e solidarietà rientrano nella missione della Cassa Rurale che, come realtà radicata sul territorio,

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009

Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania. Fernanda Mazzotta Università di Salerno. Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Politiche di invecchiamento Attivo Regione Campania Fernanda Mazzotta Università di Salerno Genova Workshop, 13 Novembre 2009 Analisi socio economica Regione più giovane e minore incidenza over 45 Incidenza

Dettagli

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute

La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute La Cooperativa Gnosis si sta impegnando in questi ultimi anni nella sperimentazione di un modello virtuoso di collaborazione con i Servizi di Salute Mentale, gli Enti locali, le Associazioni dei Familiari

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGA Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto GIPRO_1_ 2015 2. Titolo del progetto "Essere educatore. Ruolo e strategie psico-educative per chi inter-agisce

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG)

Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) Mod. A2 PGZ Scheda di presentazione progetto del Piano Operativo Giovani (POG) 1. Codice Progetto APG_1_ 2015 2. Titolo del progetto G.I.GI. all'altropiano 3. Riferimenti del compilatore Nome Giuliana

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale.

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità. Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale. Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Nota informativa: Il programma sperimentale italiano Staffetta Generazionale Maggio 2013 Indice Premessa 1. Il Programma sperimentale Staffetta Generazionale

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI

E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI Friuli Venezia Giulia Protocollo d intesa REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA AUSER FVG FEDERSANITA ANCI FVG ANCI FVG PER L INVECCHIAMENTO ATTIVO E LE SINERGIE TRA GENERAZIONI 1 PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

SCHEDA IDEA DI PROGETTO

SCHEDA IDEA DI PROGETTO SCHEDA IDEA DI PROGETTO Requisiti: - respiro temporale di medio-lungo termine - coinvolgimento di più soggetti (possibilmente integrazione pubblico-privato) - intersettorialità / multidisciplinarità (non

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1

INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 INTEGRAZIONE ALL ACCORDO DI PROGRAMMA DEL PIANO DI ZONA 2005-2007 PER L ADOZIONE DEL PROGRAMMA ATTUATIVO 2006 DEL DISTRETTO N. 1 IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 8 NOVEMBRE 2000, N. 328 E DELLA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità

Esiti del laboratorio Lavoro di comunità Attuazione del Programma regionale per la promozione e tutela dei diritti, la protezione e lo sviluppo dei soggetti in età evolutiva e il sostegno alla genitorialità ai sensi della Legge regionale n. 14/08

Dettagli

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione

Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Gender Community per la valorizzazione delle donne e del lavoro. Un percorso di innovazione Daniela Oliva - IRS Bologna, 30 Giugno 2015 Una storia che inizia da lontano donne e lavoro 2007 - Analisi e

Dettagli

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità

AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI. Regolamento Centri Laboratori per la Comunità All.B3 R.A/LAB REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE AMBITO SOCIALE DI ZONA ALTO AGRI Regolamento Centri Laboratori per la Comunità Art. 1 Definizione I centri laboratori si propongono

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE

PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE PROGRAMMA PROVINCIALE SPERIMENTALE SULLA DISABILITA (L.R. 41/96 ARTT. 5 21) TRIENNIO 2011 2013 PIANO DI ATTUAZIONE Definizione obiettivi: descrizione degli obiettivi di piano riferiti agli obiettivi generali

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali:

Premessa. L approccio preventivo proposto si basa su alcuni presupposti fondamentali, quali: Piano locale per la prevenzione delle dipendenze 2011/2012 Premessa La DGR 9/937 del 1 dicembre 2010 Determinazioni in ordine alla gestione del servizio socio sanitario regionale per l esercizio 2011,

Dettagli

"In Testa ai miei pensieri"

In Testa ai miei pensieri "In Testa ai miei pensieri" Documento tecnico e proposte operative per l adolescenza a Bologna documento cittadino Premessa Il presente documento è il frutto del confronto che si è avviato all interno

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA :

Fanno parte della Collana TRENTINOFAMIGLIA : La collana TRENTINOFAMIGLIA è un iniziativa del Progetto Speciale Coordinamento politiche familiari e di sostegno alla natalità atta ad informare sui progetti in atto in Provincia di Trento e a raccogliere

Dettagli

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012

BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 BRUXELLES 6 GIUGNO 2012 Chi siamo Il Forum nasce con l assemblea di Firenze il 21 maggio 2011. Il Forum sta raccogliendo le idealità, il lavoro, le esperienze, maturate in tutta Italia negli ultimi 10

Dettagli

VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia VIAGGI DA RACCONTARE Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Viaggi da raccontare intende progettare e garantire benessere ed una buona qualità di vita alle persone

Dettagli

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE

ATTO. REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Rimodulazione del Fondo di solidarietà per la gravi disabilità rinominato "CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' PER LA RESIDENZIALITA' E SEMIRESIDENZIALITA (DISABILI, PAZIENTI PSICHIATRICI E PERSONE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DOTE 3

AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Area Sviluppo Economico Settore Lavoro PIANO PROVINCIALE DISABILI Annualità 2014 AVVISO PUBBLICO DOTE 3 Azioni finalizzate al sostegno all occupazione dei lavoratori con disabilità psichica o intellettiva

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo

1. Il welfare locale. 1. 1 Contesto normativo 1. 1 Contesto normativo L evoluzione normativa, avvenuta negli ultimi trentanni a livello nazionale in materia sanitaria e sociale e a livello regionale (dalle Leggi Regionali n. 78/1979, n. 13/ 1980,

Dettagli

Presenti, come le montagne

Presenti, come le montagne Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale A.S.S. n. 3 Alto Friuli Progetto Azioni di sistema per la promozione dell Accessibilità e della Domiciliarità

Dettagli

Ambito Distrettuale 6.1

Ambito Distrettuale 6.1 Ambito Distrettuale 6.1 Piano di Zona 2013-2015 AREE DI INTERVENTO: OBIETTIVI STRATEGICI, PRIORITA DEL PDZ, AZIONI, TEMPI E RISORSE 4.2 AREA DISABILITA PREMESSA. Negli ultimi anni l azione progettuale

Dettagli

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA

LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA LE PROPOSTE DEL FORUM A.S. ALLA XIII COMMISSIONE AGRICOLTURA DELLA CAMERA Consegnate alla Commissione agricoltura della Camera dei deputati il 26 aprile 2012 1. Il Forum per una legge nazionale Il Forum

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

La ricerca No Profit 2013

La ricerca No Profit 2013 Dicembre 2014, anno VIII N. 12 La ricerca No Profit 2013 1^ edizione del Premio Persona e Comunità di Roberta Ottaviani 1, Ernesto Vidotto 2 Il Centro Studi Cultura e Società ha presentato, il 2 ottobre

Dettagli

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO

ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO ALLEGATO B Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale Bandi 2006/2007 ORGANIZZAZIONI di VOLONTARIATO (Legge regionale n. 22/93) SCHEMA DI PRESENTAZIONE DEI PROGETTI N progetto (spazio riservato

Dettagli

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014

Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Progetto PON FSE Supporto alla Transnazionalità Programma nazionale Azione di Sistema Welfare to Work per le politiche di reimpiego 2012 2014 Nota informativa: Il Programma Ponte Generazionale in Lombardia

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Special project Newsletter 1

Special project Newsletter 1 PO F.S.E. Regione Abruzzo 2007-23, Obiettivo C.R.O. - Asse V Piano Operativo 2007-2008; Codice Identificativo (CIG) n. 64280FF5 L incremento dei fabbisogni di assistenza per non i autosufficienti ed il

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI

SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI SCHEDA SINTETICA DEL PROGETTO PER L IMPIEGO DEI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA E CRITERI DI SELEZIONE ADOTTATI ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI LAINO CASTELLO Piazza I Maggio n 18

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Sub 1

AVVISO PUBBLICO Sub 1 AVVISO PUBBLICO Sub 1 Per l'assegnazione di un contributo agli Istituti di Istruzione Secondaria di 2 grado della provincia di Pordenone per la realizzazione di progetti al supporto di giovani studenti

Dettagli

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere.

Riti di passaggio. Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. Riti di passaggio Descrizione sintetica del bisogno territoriale a cui il progetto intende rispondere. L'associazione CIGD e gli enti partner del presente progetto individuano nei preadolescenti la fascia

Dettagli

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro

Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione Generale dell Immigrazione Piano per l integrazione nella sicurezza: Identità e incontro Programmi del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Passport ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO Il progetto intende coniugare stili di vita e intenzionalità educativa, all interno di un rinnovato quadro

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA

PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA PROGRAMMA N. 16: PER LE PARI OPPORTUNITA 235 236 PROGETTO 16.1: CONTRASTO AL MALTRATTAMENTO ED ALLA VIOLENZA SULLE DONNE OBIETTIVI PER IL TRIENNIO 2015-2017 Titolo obiettivo 1: Sostenere la legge contro

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali

Obiettivi Impegno degli ambiti distrettuali Allegato 3 Delibera di Giunta regionale n. 1206 del 30/7/2007 Linee di indirizzo per favorire la qualificazione e la regolarizzazione del lavoro di cura delle assistenti familiari nell ambito delle azioni

Dettagli

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci

- Schema-tipo regolamento per il funzionamento della Conferenza dei Sindaci CRONOPROGRAMMA GENERALE ASSESSORATO POLITICHE SOCIALI, TERZO SETTORE, COOP. SVILUPPO, POLITICHE GIOVANILI, PARI OPPORTUNITA PARTE 1: AZIONI DI SISTEMA 1. Assetti organizzativi e istituzionali a. Ruolo

Dettagli

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Programmazione e governo della rete dei servizi socio sanitari e sociali Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato Lecco 27 Febbraio 2014 IL CAMBIAMENTO DEL CONTESTO E LE REGOLE DI

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE Città di Stradella ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI CARTA DEI SERVIZI CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE Indice 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. DEFINIZIONE E FINALITA 4. OBIETTIVI 5. DESTINATARI

Dettagli

Unione europea Fondo sociale europeo REGIONE LIGURIA Provincia di Genova. il progetto

Unione europea Fondo sociale europeo REGIONE LIGURIA Provincia di Genova. il progetto Unione europea Fondo sociale europeo REGIONE LIGURIA Provincia di Genova il progetto l origine del progetto Il progetto MENTEALLAVORO Laboratorialmente nasce dalla volontà di mettere in Rete esperienze,

Dettagli

Comune di Trieste. Montebello

Comune di Trieste. Montebello Montebello Il nuovo insediamento ATER è inserito in un rione fortemente urbanizzato ma povero di servizi e luoghi di aggregazione. Comprende 10 condomini-180 alloggi- 480 persone. Presenza significativa

Dettagli

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1

Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario. Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 Piano Giovani di Zona di Valle di Cembra piano operativo giovani anno 2012 Sommario Valorizzazione PGZ (CEM_1_2012)... 1 13-11-2012 SCHEDA di presentazione progetti 1 Codice progetto 1 CEM_1_2012 2 Titolo

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto AXIA FAMIGLIA - RETE INFORMATIVA Ambito/settore di intervento Settore E: Educazione e promozione culturale Area d intervento:

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia;

LA GIUNTA REGIONALE. SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Famiglia; Oggetto: Piano di utilizzazione annuale 2011 degli stanziamenti per il sistema integrato regionale di interventi e servizi sociali. Approvazione documento concernente Linee guida ai Comuni per l utilizzazione

Dettagli

LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME. 22 settembre 2015

LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME. 22 settembre 2015 LO SPORT: UN OCCASIONE PER CRESCERE INSIEME 22 settembre 2015 Lo sport può portare qui ma anche se non si diventa campioni: Lo sport è un fattore di prevenzione e promozione del benessere psicofisico e

Dettagli

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A.

Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. Accordo Quadro tra Regione Abruzzo e Italia Lavoro S.p.A. La Regione Abruzzo, rappresentata dal componente la Giunta preposto alle Politiche attive del lavoro, Formazione ed Istruzione, Politiche Sociali,

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva

DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva DIGITAL-GYM Palestra digitale per la terza età attiva I Bando 2015 Fondazione della Provincia di Lecco 1. DESCRIZIONE DEL CONTESTO Studi demografici dimostrano che la longevità nel nostro paese aumenta

Dettagli

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R.

Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. Il progetto P.T.O. di Crema E tempo di... Più tempo al tempo è un progetto del comune di Crema con il contributo di Regione Lombardia L.R. 28/2004 A1 E tempo di una giornata per te Introduzione giornata

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Portatori di saggezza Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari A) Centro diurno In- Contrada Coop. La Quercia Il

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP

ASSOCIAZIONE PROGETTO FILIPPIDE ASD Benemerita riconosciuta dal CIP RILEVAZIONI ALLA PREMESSA DELLA PROPOSTA DI LEGGE CONCERNENTE SISTEMA INTEGRATO DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI SOCIALI DELLA REGIONE LAZIO Dopo la legge regionale del 9 settembre 1996 n. 38, che anticipava

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI

Comune di Alzano Lombardo PROGETTO GIOVANI Ente titolare Comune di Alzano Lombardo Riferimenti: Ufficio Servizi alla Persona Via G.Mazzini, 69-24022 (BG) Tel. 035 4289000 Email servizi.sociali@comune.alzano.bg.it Comune di Alzano Lombardo PROGETTO

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ART 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina, nell ambito dei principi dell ordinamento e nel rispetto della normativa, l attività

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3414 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI IORI, GNECCHI, GIUSEPPE GUERINI,

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE

PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE PIANO PROVINCIALE DISABILI 2014-2016 OLTRE LA CRISI ANNO 2014 SISTEMA DOTALE - AVVISO 3) TIROCINI E ADOZIONI LAVORATIVE 1) RIFERIMENTI NORMATIVI Legge 8 novembre 1991 n. 381: Disciplina delle cooperative

Dettagli

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia.

Ultimi dati sulla popolazione giovanile in Lombardia e Italia. La Dote di Regione Lombardia: un opportunità per sostenere l occupazione giovanile Paola Gabaldi Agenzia Regionale Istruzione, Formazione Lavoro, ARIFL Milano, 1 marzo 2012 Ultimi dati sulla popolazione

Dettagli

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti

Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Università Vita e Salute Milano Politiche Per la Buona Permanenza a domicilio dell anziano non autosufficiente. Esperienze e spunti Georgia Casanova Università Vita e Salute San Raffaele, Milano geo.casanova@gmail.com

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli