PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06"

Transcript

1 COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 PARTE SECONDA Adempimenti D.Lgs. 311/06 Allegto l Regolmento per l verific delle Prestzioni Energetiche degli Edifici, redtto i sensi dell rt. 123, comm 1, letter d) del Regolmento Edilizio Comunle (D.C.C. n. 41 del 5 giugno 2006)

2 Comune di Pdov Università degli studi di Pdov Diprtimento di Fisic Tecnic L presente guid è stt predispost sull bse di un incrico conferito dl Comune di Pdov, Settore Edilizi Privt, l Diprtimento di Fisic Tecnic dell Università di Pdov, (responsbile prof. Roberto Zecchin; collbortori ing. Michele De Crli, ing. Giuseppe Emmi, ing. Enrico Brinchilin, rch. Vlentin Ris, ing. Polo Bldss e dott. urb. Adrino Bisello).

3 INDICE Premess..1 Second Prte: Anlisi e riepilogo degli dempimenti D.Lgs. 311/06 1. Edifici di nuov costruzione Regole generli Procedur semplifict Amplimento di edifici esistenti Amplimenti di volume fino l 20% Amplimenti di volume mggiori del 20% Ristrutturzione di edifici esistenti Ristrutturzioni o demolizione con ricostruzione di edifici con S utile 1000m Ristrutturzioni o demolizione con ricostruzione di edifici con S utile >1000m Interventi sugli impinti Nuov instllzione o ristrutturzione impinti con Pn<100 kw Nuov instllzione o ristrutturzione impinti con Pn 100 kw Sostituzione del genertore di clore I

4 5. Schemi rissuntivi Tbelle rissuntive Dettglio delle verifiche Verific dell indice di prestzione energetic Edifici residenzili dell clsse E1 escluso collegi, conventi, cse di pen e cserme Tutti gli ltri edifici Verific delle trsmittnze Verific del rendimento globle medio stgionle Verific condenszione Limitzione del fbbisogno di energi per climtizzzione estiv..26 II

5 PREMESSA Queste linee guid si propongono di fornire gli opertori del settore uno strumento per fcilitre l ppliczione delle recenti disposizioni di legge in tem di risprmio energetico nel riscldmento degli edifici. Il D.Lgs. 192/05, ttutivo dell Direttiv Europe 2002/91/CE, è stto modificto e integrto dl D.Lgs. 311/06 del 29 dicembre 2006 e in regime trnsitorio h sostituito l tto dell Certificzione energetic degli edifici con quello dell Qulificzione energetic, demndndo ll emnzione delle linee guid nzionli l metodologi di clcolo e le modlità dell certificzione stess, m nello stesso tempo imponendo d subito non pochi obblighi volti rendere qunto prim opernte un indirizzo di mggior rigore nell uso dell energi negli edifici. Tli obblighi, definiti dl Titolo II del D.Lgs. 311/06 Norme trnsitorie, sono piuttosto rticolti per qunto rigurd le fttispecie e i prmetri considerti, e richiedono un ccurt nlisi dei csi pplictivi che possono presentrsi gli opertori. In prticolre l rt.11 h specificto che, dopo un nno dll pubbliczione delle linee guid, l ttestto di qulificzione energetic e le eventuli procedure comunli perdono l loro efficci. Riportimo innnzitutto un sintesi delle principli verifiche d eseguire second del tipo di intervento; l loro descrizione dettglit è riportt nei prgrfi successivi Tipologi edificio Prmetro (rt.3) Appliczione Verifiche EP i η g U Nuov costruzione S clpestbile 50 m 2 dl SI SI SI (+30%) (7) (comm 1.) S clpestbile <50 m 2 NO (1) (comm 3.c) Vincolti (2) NO (comm 3.) Industrili (3) NO Ristrutturzione o demolizione e ricostruzione Amplimento edifici esistenti Nuov instllzione o ristrutturzione di impinti termici Sostituzione genertore di clore (comm 3.b) S clpestbile >1000 m 2 (comm 2.) S clpestbile 1000 m 2 (comm 2.c.1) >20% volume (comm 2.b) 20% volume (comm 2.c.1) (comm 2.c.2) (comm 2.c.3) dl SI SI SI (+30%) (7) (4) (4) (4) (4) (4) NO NO SI (5) SI SI SI (+30%) (7) NO NO SI (5) NO SI (6) NO NO SI (6) NO 1

6 (1) Edificio isolto (2) Vincoli storici, rtistici, rchitettonici, qundo l intervento non è comptibile (3) Riscldti per esistenze produttive e non per il confort degli occupnti (4) Per questi csi l entrt in vigore segue queste regole: dl 1 luglio 2007 per gli edifici con superficie utile > 1000 m 2 ; nel cso di trsferimento titolo oneroso dell intero immobile; dl 1 luglio 2008 nche per gli edifici con superficie utile 1000 m 2 ; nel cso di trsferimento titolo oneroso dell intero immobile con esclusione delle singole unità bittive dl 1 luglio 2009 nel cso di trsferimento titolo oneroso nche delle singole unità immobiliri. (5) Per gli edifici industrili (E.8) i limiti si pplicno solo lle strutture opche verticli. (6) Per potenze >100kW si ggiunge un dignosi energetic dell edificio per ridurre il consumo di energi (7) Il vlore dell trsmittnz delle strutture viene umentto del 30% rispetto i vlori di tbell I risultti dei clcoli e delle verifiche sopr descritte devono essere presentti nell relzione tecnic secondo L.10/91, ttestnte l rispondenz lle prescrizioni in mteri di contenimento del consumo energetico degli edifici. L relzione và presentt in doppi copi insieme ll denunci di inizio dei lvori (modello dell relzione è riportto nell Allegto E del D.Lgs 311/06). 2

7 PARTE SECONDA ANALISI E RIEPILOGO DEGLI ADEMPIMENTI D.Lgs. 311/06 1 EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE 1.1. Regole generli Per edifici di nuov costruzione si intendono quelli per i quli si stt presentt l richiest di permesso costruire, o denunci di inizio ttività, prtire dl 2/02/2007. Non rientrno nell mbito di ppliczione di questo decreto: edifici industrili, rtiginli e gricoli non riscldti i fini del comfort; edifici soggetti vincoli storici e rtistici in cui l ppliczione del decreto comporterebbe un lterzione delle crtteristiche o dell spetto; edifici isolti di superficie utile inferiore 50 metri qudrti; impinti instllti i fini del processo produttivo relizzto nell edificio, nche se utilizzti, in prte non prepondernte, per gli usi tipici del settore civile Nel cso di pprtmenti di un condominio il decreto prevede tre possibilità in lterntiv: eseguire l certificzione di ogni singol unità bittiv vlutt distintmente; eseguire un certificzione comune dell intero edificio, per tutte le unità bittive dotte di un impinto termico comune; eseguire un certificzione bst sull vlutzione di un ltr unità bittiv rppresenttiv, pprtenente llo stesso condominio e vente l stess tipologi. Per dempiere lle disposizioni del decreto, in quest fse trnsitori sono previste le seguenti verifiche 1 (Allegto I comm 1): ) verific del indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle (EP i ), i vlori limite sono riportti l punto 6.1; b) verific del rendimento globle medio stgionle(vedi punto 6.3); c) verific delle trsmittnze dell Allegto C incrementte del 30%; occorre verificre che l trsmittnz termic delle diverse strutture edilizie opche e delle chiusure trsprenti che delimitno l edificio non superi di oltre 30% i vlori fissti dlle tbelle riportte l punto 6.2.; d) verific che l trsmittnz delle preti di seprzione si orizzontli che verticli con unità immobiliri confinnti o con locli non riscldti si 0,8 W/m 2 K. F eccezione il cso di edifici industrili o rtiginli o dove il rispetto dei requisiti custici pssivi (D.M ) impong dei vlori 1 Gli utilizzi di fonti rinnovbili per l produzione di cqu cld snitri e di fotovoltico per l produzione di energi elettric previsti i punti 12 e 13 dell Allegto I del D.Lgs. 311/06 sono ttulmente inpplicbili in ssenz dell pubbliczione delle Linee Guid nzionli. 3

8 mggiori. Il medesimo limite si pplic tutte le superfici opche che delimitno verso l esterno il locle non riscldto; e) verific dell ssenz di condenszione superficile e che l condenszione interstizile si evporbile (vedi punto 6.4); f) limitre il fbbisogno energetico per l climtizzzione estiv e l tempertur degli mbienti d esclusione di edifici dibiti d ttività sportive, industrili e rtiginli (vedi punto 6.5); g) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione; h) predisporre opere edili e impintistiche necessrie fvorire il collegmento reti di teleriscldmento solo nel cso di nel cso di trtti di rete d un distnz inferiore 1000 metri o in presenz di progetti pprovti per l relizzzione di tle rete Procedur semplifict Qundo il rpporto tr l superficie trsprente complessiv dell edificio e l su superficie utile è inferiore 0,18, il clcolo del fbbisogno nnuo di energi primri può essere omesso, se gli edifici e le opere edili e impintistiche rispettno le seguenti prescrizioni: ) sono rispettti i limiti sulle trsmittnze indicti nelle tbelle senz incrementi; b) sino instllti genertori di clore con rendimento termico utile crico pri l 100% dell potenz termic utile nominle, mggiore o ugule + 2 log Pn; dove log Pn è il logritmo in bse 10 dell potenz utile nominle del singolo genertore, espress in Kw, ed vle 90 nelle zone climtiche A, B e C, e vle 93 nelle zone climtiche D, E ed F. Per vlori di Pn mggiori di 400 Kw si pplic il limite mssimo corrispondente 400 Kw; di seguito è riportto il grfico per l zon climtic E; 4

9 c) l tempertur medi del fluido termovettore in corrispondenz delle condizioni di progetto si non superiore 60 C; d) sino instllti lmeno un centrlin di termoregolzione progrmmbile in ogni unità immobilire e dispositivi modulnti per l regolzione utomtic dell tempertur mbiente nei singoli locli o nelle singole zone venti crtteristiche di uso ed esposizioni uniformi l fine di non determinre sovrriscldmento per effetto degli pporti solri e degli pporti grtuiti interni; e) nel cso di instllzione di pompe di clore elettriche queste bbino un rendimento utile in condizioni nominli, ηu riferito ll energi primri, mggiore o ugule l vlore limite clcolto con l formul log Pn; dove log Pn è il logritmo in bse 10 dell potenz utile nominle del genertore, espress in Kw; l verific è ftt utilizzndo come fttore di conversione tr energi elettric ed energi primri 0,36 Wh en. elettr /Wh en. primri. In tl cso, ll edificio o porzione interesst, si ttribuisce il vlore del indice di prestzione energetic limite mssimo ll interno dell fsci di pprtenenz, che è dto, in bse l rpporto di form dell edificio e i grdi giorno, nelle precedenti tbelle. Rimngono d rispettre comunque tutti gli ltri punti d b) h). 5

10 2. AMPLIAMENTO DI EDIFICI ESISTENTI Per gli mplimenti di edifici esistenti si distinguono due csi in bse ll consistenz dell mplimento nei confronti dell edificio esistente: 1. mplimenti di volume fino l 20% del volume originrio; 2. mplimenti di volume mggiori del 20% del volume originrio Amplimenti di volume fino l 20% In questo cso il decreto prevede per l sol porzione in mplimento e per interventi di rifcimento di preti esterne, di intonci esterni, del tetto e dell impermebilizzzione dell copertur: ) il rispetto di vlori limite per le seguenti trsmittnze (riportte nche l punto 6.2 nuovmente per completezz con evidenziti i vlori reltivi ll fsci climtic del Comune di Pdov): 1. trsmittnz termic delle strutture verticli opche; (tb. 6.7); 2. trsmittnz termic delle strutture orizzontli o inclinte opche quli coperture e pvimenti d esclusione degli edifici industrili e rtiginli; (tb. 6.8 e 6.9); 3. trsmittnz termic delle chiusure trsprenti comprensive degli infissi e dei vetri d esclusione degli edifici industrili e rtiginli (tb 6.10 e 6.11); b) limitre il fbbisogno energetico per l climtizzzione estiv e l tempertur degli mbienti d esclusione di edifici dibiti d ttività sportive, industrili e rtiginli (vedi punto 6.5). Solo per ristrutturzioni totli dell edificio; c) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione. I vlori limite per le trsmittnze sono indicti nelle tbelle 2,3,4 e 5 dell Allegto C del D.Lgs. 311/06. Le trsmittnze si considerno ponte termico corretto; qulor il ponte termico non dovesse risultre corretto o qulor l progettzione dell'involucro edilizio non preved l correzione dei ponti termici, i vlori limite dell trsmittnz termic riportti nelle tbelle dell'allegto C devono essere rispettti dll trsmittnz termic medi (prete corrente più ponte termico). Nel cso di preti opche verticli esterne in cui fossero previste sottofinestre o ltri componenti con riduzione di spessore i limiti previsti nelle tbelle dell Allegto C fnno riferimento ll superficie totle di clcolo. 6

11 2.2. Amplimenti di volume mggiori del 20% Per questo tipo di mplimento, limittmente ll porzione di nuov relizzzione, il decreto rimnd l cso di edificio di nuov costruzione, in quest fse trnsitori sono previste le seguenti verifiche (Allegto I comm1): ) verific del indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle (EP i ), i vlori limite sono riportti l punto 6.1; b) verific del rendimento globle medio stgionle(vedi punto 6.3); c) verific delle trsmittnze dell Allegto C incrementte del 30%; occorre verificre che l trsmittnz termic delle diverse strutture edilizie opche e delle chiusure trsprenti che delimitno l edificio non superi di oltre 30% i vlori fissti dlle tbelle riportte l punto 6.2. d) verific che l trsmittnz delle preti di seprzione si orizzontli che verticli con unità immobiliri confinnti o con locli non riscldti si 0,8 W/m 2 K. F eccezione il cso di edifici industrili o rtiginli o dove il rispetto dei requisiti custici pssivi (D.M ) impong dei vlori mggiori. Il medesimo limite si pplic tutte le superfici opche che delimitno verso l esterno il locle non riscldto. e) verific dell ssenz di condenszione superficile e che l condenszione interstizile si evporbile (vedi punto 6.4) f) limitre il fbbisogno energetico per l climtizzzione estiv e l tempertur degli mbienti d esclusione di edifici dibiti d ttività sportive, industrili e rtiginli (vedi punto 6.5) g) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione, Vle nche in quest situzione l procedur semplifict indicto l punto

12 3. RISTRUTTURAZIONE O DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI ESISTENTI Per le ristrutturzioni o demolizioni e ricostruzioni, sino esse totli o przili, il decreto prevede obblighi diversi second dell estensione dell superficie utile: 1. interventi su di edifici con S utile 1000 m 2 ; 2. interventi su edifici con S utile >1000 m 2. Nel primo cso le verifiche prescritte vnno effettute solmente sui componenti interessti ll intervento, mentre nel secondo rigurdno l intero edificio Ristrutturzioni o demolizioni con ricostruzione di edifici con S utile 1000 m 2 In questo cso il decreto prevede per interventi di rifcimento di preti esterne, di intonci esterni, del tetto e dell impermebilizzzione dell copertur : ) il rispetto di vlori limite per le seguenti trsmittnze (riportte nche l punto6.2 nuovmente per completezz con evidenziti i vlori reltivi ll fsci climtic del Comune di Pdov): trsmittnz termic delle strutture verticli opche; (tb. 6.7); trsmittnz termic delle strutture orizzontli o inclinte opche quli coperture e pvimenti d esclusione degli edifici industrili e rtiginli; (tb. 6.8 e 6.9); trsmittnz termic delle chiusure trsprenti comprensive degli infissi e dei vetri d esclusione degli edifici industrili e rtiginli (tb 6.10 e 6.11); b) limitre il fbbisogno energetico per l climtizzzione estiv e l tempertur degli mbienti d esclusione di edifici dibiti d ttività sportive, industrili e rtiginli (vedi punto 6.5). Solo per ristrutturzioni totli dell edificio; c) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione. I vlori limite per le trsmittnze sono indicti nelle tbelle 2,3,4 e 5 dell Allegto C del D.Lgs. 311/06. Le trsmittnze si considerno ponte termico corretto; Qulor il ponte termico non dovesse risultre corretto o qulor l progettzione dell'involucro edilizio non preved l correzione dei ponti termici, i vlori limite dell trsmittnz termic riportti nell tbell dell'allegto C devono essere rispettti dll trsmittnz termic medi (prete corrente più ponte termico). Nel cso di preti opche verticli esterne in cui fossero previste sottofinestre o ltri componenti con riduzione di spessore i limiti previsti nelle tbelle dell Allegto C fnno riferimento ll superficie totle di clcolo. 8

13 3.2. Ristrutturzioni o demolizioni con ricostruzione di edifici con S utile >1000 m 2 Per questo tipo di intervento, il decreto rimnd l cso di edificio di nuov costruzione, in quest fse trnsitori sono previste le seguenti verifiche 2 (Allegto I comm1): ) verific del indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle (EP i ), i vlori limite sono riportti l punto 6.1; b) verific del rendimento globle medio stgionle(vedi punto 6.3); c) verific delle trsmittnze dell Allegto C incrementte del 30%; occorre verificre che l trsmittnz termic delle diverse strutture edilizie opche e delle chiusure trsprenti che delimitno l edificio non superi di oltre 30% i vlori fissti dlle tbelle riportte l punto 6.2.; d) verific che l trsmittnz delle preti di seprzione si orizzontli che verticli con unità immobiliri confinnti o con locli non riscldti si 0,8 W/m 2 K. F eccezione il cso di edifici industrili o rtiginli o dove il rispetto dei requisiti custici pssivi (D.M ) impong dei vlori mggiori. Il medesimo limite si pplic tutte le superfici opche che delimitno verso l esterno il locle non riscldto; e) verific dell ssenz di condenszione superficile e che l condenszione interstizile si evporbile (vedi punto 6.4); f) limitre il fbbisogno energetico per l climtizzzione estiv e l tempertur degli mbienti d esclusione di edifici dibiti d ttività sportive, industrili e rtiginli (vedi punto 6.5); g) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione; h) predisporre opere edili e impintistiche necessrie fvorire il collegmento reti di teleriscldmento solo nel cso di nel cso di trtti di rete d un distnz inferiore 1000 metri o in presenz di progetti pprovti per l relizzzione di tle rete. Vle nche in quest situzione l procedur semplifict indicto l punto Gli utilizzi di fotovoltico per l produzione di energi elettric previsti l punto 13 dell Allegto I del D.Lgs. 311/06 sono ttulmente inpplicbili in ssenz dell pubbliczione delle Linee Guid nzionli. 9

14 4. INTERVENTI SUGLI IMPIANTI Il decreto prevede, per gli interventi che rigurdno gli impinti, l seguente csistic: 1. nuov instllzione o ristrutturzione integrle di un impinto con P n <100 kw; 2. nuov instllzione o ristrutturzione integrle di un impinto con P n 100 kw; 3. sostituzione del genertore di clore Nuov instllzione o ristrutturzione impinti con P n <100 kw In questo cso il decreto richiede le seguenti verifiche 3 : ) verific che il rendimento globle medio stgionle secondo quest relzione: η η = + 3log ( P ) % g g, lim n Di seguito è riportto il grfico dell precedente relzione che per potenze superiori 1000 kw dott un rendimento dell 84%; b) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione. 3 L utilizzo di fonti rinnovbili per l produzione di cqu cld snitri previsto l punto 12 dell Allegto I del D.Lgs. 311/06 è ttulmente inpplicbile in ssenz dell pubbliczione delle Linee Guid nzionli. 10

15 4.2. Nuov instllzione o ristrutturzione impinti con P n 100 kw In questo cso il decreto richiede le seguenti verifiche 4 : ) verific che il rendimento globle medio stgionle secondo quest relzione: η η = + 3log ( P ) % g g, lim n Il grfico dell precedente relzione è riportto l punto 4.1, per potenze superiori 1000 kw si dott un rendimento dell 84%; b) relizzre l relzione previst secondo l Legge 10/91 con llegt un dignosi energetic dell edificio e dell impinto con evidenziti gli interventi di riduzione dell spes energetic con i reltivi tempi di ritorno dell investimento e i possibili migliormenti di clsse nel vigente sistem di certificzione energetic. L disposizione si pplic nche impinti termici condominili singoli o centrlizzti di potenz complessiv superiore 100 kw nche come somm delle potenze delle singole cldie qundo si intend: 1. instllre nuovi impinti termici individuli; 2. instllre impinti termici individuli per dismissione del sistem centrlizzto; 3. instllre impinti termici individuli per distcco di un singolo dll impinto centrlizzto; c) instllre dispositivi di regolzione utomtic dell tempertur mbiente quli d esempio vlvole termosttiche, per singolo locle o zon uniforme come uso ed esposizione. 4 L utilizzo di fonti rinnovbili per l produzione di cqu cld snitri previsto l punto 12 dell Allegto I del D.Lgs. 311/06 è ttulmente inpplicbile in ssenz dell pubbliczione delle Linee Guid nzionli. 11

16 4.3. Sostituzione del genertore di clore Per questo tipo di intervento, si può procedere in due modi lterntivi: 1. dottre l metodologi del punto precedente 4.1 (P<100kW) o 4.2 (P 100kW); 2. rispettre tutti i seguenti punti: ) i nuovi genertori di clore combustione bbino un rendimento termico utile l 100% dell potenz termic utile nominle mggiore o ugule : η tu100, lim = Log10Pn ; in lterntiv se il vlore del precedente rendimento non fosse rggiungibile si può derogre instllndo un genertore vente rendimento termico utile crico przile del 30% dell potenz termic utile nominle mggiore o ugule η tu30, lim = Log10 dove log Pn è il logritmo in bse 10 dell potenz utile nominle del genertore, espress in kw. Per vlori di Pn mggiori di 400 kw si pplic il limite mssimo corrispondente 400 kw Le motivzioni dell derog devono essere specificte dettglitmente nell relzione tecnic secondo Legge 10/91 o nell dichirzione di conformit (secondi indiczioni utorità locli); b) le nuove pompe di clore elettriche bbino un rendimento utile in condizioni nominli, η tu, riferito ll'energi primri, mggiore o ugule l vlore limite clcolto con l formul η tu, lim = Log10Pn ; dove log Pn è il logritmo in bse 10 dell potenz utile nominle del genertore, espress in kw; l verific è ftt utilizzndo come fttore di conversione tr energi elettric ed energi primri 0,36 Wh en.elettr /Wh en. primri; c) sino presenti lmeno un centrlin di termoregolzione progrmmbile per ogni genertore di clore e sistemi di regolzione modulnte dell tempertur mbiente o di zon in tutti i locli in cui possno esserci pporti grtuiti di clore si interni che esterni; le centrline devono poter consentire: 1. per impinti centrlizzti essere dott di sonde mbiente e eventulmente esterne con progrmmzione dell tempertur su lmeno due livelli nelle 24 ore; 2. per impinti utonomi consentire l progrmmzione dell tempertur su lmeno due livelli nelle 24 ore; d) nel cso di instllzioni di genertori con potenz nominle del focolre mggiore del vlore preesistente, l'umento di potenz si motivto con l verific dimensionle dell impinto di riscldmento; e) negli impinti centrlizzti il sistem di distribuzione si equilibrto in modo d riprtire correttmente l potenz sulle singole unità eventulmente instllndo conttori di clore; Pn 12

17 f) per sostituzioni di genertori di clore di potenz <35kW con ltri dell stess potenz, si richiede l presentzione dell dichirzione di conformità secondo L. 46/90 e successive vrizioni. 13

18 5. SCHEMI RIASSUNTIVI 5.1. Tbelle rissuntive Si riport un sintesi delle prescrizioni per i vri tipi di interventi vente l sol funzione di orientre sui vri cpitoli dell guid per gli pprofondimenti Tipo verific Edifici residenzili, lberghi, pensioni e ssimilbili (E.1) EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE Edifici per uffici, ospedli, cse di cur e pensioni, edifici dibiti d ttività ricretive, di culto e ssocitive, edifici scolstici, commercili Edifici dibiti d ttività sportive (E.6) Edifici industrili ed rtiginli riscldti per comfort occupnti (E.8) P.P. P.S. P.P. P.S. P.P. P.S. P.P. P.S. Verific EPi Verific U strutture opche verticli Verific U strutture opche orizzontli Verific U finestre (infissi inclusi) Verific U vetri Verific rendimento globle Verific igrotermic preti opche Verific schermi estivi serrmenti Verific U divisori interni Verific mss (+30%) (+30%) (+30%) (+30%) superficile P.P. Procedur principle zione d effetture P.S. Procedur semplifict (Sf< 0,18 Su) - zione non richiest 14

19 Tipo verific Verific U strutture opche orizzontli Verific U strutture opche verticli Verific U finestre (infissi inclusi) Verific U vetri zione d effetture AMPLIAMENTI Amplimento di volume 20% Amplimento di volume > 20% D trttre come edificio di nuov costruzione RISTRUTTURAZIONI O DEMOLOZIONI E RICOSTRUZIONI Tipo verific Edificio con S utile 1000 m 2 Edificio con S utile > 1000 m 2 Verific U strutture opche orizzontli Verific U strutture opche verticli Verific U finestre (infissi inclusi) Verific U vetri zione d effetture D trttre come edificio di nuov costruzione 15

20 Tipo verific INTERVENTI SUGLI IMPIANTI Nuov instllzione o ristrutturzione integrle impinto con Pn<100 kw Nuov instllzione o Sostituzione genertore di clore ristrutturzione integrle impinto con Pn 100 kw P.P. P.A. Utilizzo di fonti rinnovbili per 50% - - ACS Rendimento globle - Dignosi energetic per risprmi - Rendimento termico utile Regolzione utomtic tempertur Equilibrtur distribuzione Motivre incrementi di potenz x P.P. Procedur principle zione d effetture P.A. Procedur lterntiv - zione non richiest 16

21 6. DETTAGLIO DELLE VERIFICHE 6.1. Verific dell indice di prestzione energetic (EP i ) Per EP i (indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle) si intende l quntità di energi primri globlmente richiest, nel corso di un nno, per mntenere gli mbienti riscldti ll tempertur di progetto. Come richiesto dll normtiv, si deve clcolre l energi necessri l riscldmento (secondo UNI EN ISO ) e il rendimento dell impinto (secondo UNI 10348), entrmbi necessri l clcolo del fbbisogno di energi primri (Q). L norm prevede il clcolo del prmetro EP i (definito dl Decreto come fbbisogno nnuo di energi primri per l climtizzzione invernle) il cui vlore deve essere l di sotto dei vlori indicti nelle tbelle d e d Q EP i = Sutile S utile si riferisce ll superficie utile clpestbile Edifici residenzili dell clsse E1 quli: residenze con crttere continutivo (esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme); residenze con occupzione slturi; lberghi e pensioni, Tbell 6.1: Vlori limite nnui pplicbili dl 2 febbrio 2007 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 2 di EP i (Tbell 1, Allegto C, D.Lgs 192/05) Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre , , E d ricordre che l norm UNI Riscldmento degli edifici clcolo del fbbisogno di energi emnt i fini del DPR 412/93 per il clcolo del FEN è stt ritirt dll UNI e sostituit dll UNI EN 832 del 1998: Prestzione termic degli edifici Clcolo del fbbisogno di energi per il riscldmento Edifici residenzili, con pri finlità; tle norm, come in ess specificto, è pplicbile i soli edifici residenzili; successivmente (nel 2005) è stt emnt l norm UNI EN l cui ppliczione è estes gli edifici non residenzili. L norm UNI EN è ttulmente in fse di revisione e l ttule pren comprende nche l determinzione dei fbbisogni di energi per l climtizzzione estiv. 17

22 Tbell 6.2: Vlori limite nnui pplicbili dl 1 gennio 2008 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 2 Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre ,2 9,5 9, , Tbell 6.3: Vlori limite nnui pplicbili dl 1 gennio 2010 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 2 Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre ,2 8,5 8,5 12,8 12,8 21,3 21, ,8 46,8 0, Nel rpporto di form S/V, S è l superficie che delimit verso l esterno (ovvero verso mbienti non dotti di impinto di riscldmento) il volume riscldto V, cioè l superficie disperdente, che può essere minore o ugule ll superficie di inviluppo del volume considerto, V, che è il volume lordo delle prti di edificio riscldte. 18

23 Per il Comune di Pdov (2383 ) l ndmento del vlore limite di EPi per i tre periodi di ppliczione è riportto nel grfico seguente: 19

24 6.1.2 Tutti gli ltri edifici Tbell 6.4: Vlori limite nnui pplicbili dl 2 febbrio 2007 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 3 Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre ,2 2,5 2,5 4,5 4,5 7,5 7, , Tbell 6.5: Vlori limite nnui pplicbile dl 1 gennio 2008 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 3 Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre ,2 2,5 2,5 4,5 4,5 6,5 6,5 10,5 10,5 14,5 14,5 0, Tbell 6.6: Vlori limite nnui pplicbile dl 1 gennio 2010 dell indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle, espresso in kwh/m 3 Rpporto di form dell edificio S/V Zon Climtic A B C D E F Fino 600 D D D D Oltre , ,6 3, ,6 9,6 12,7 12,7 0,9 8,2 8,2 12,8 12,8 17,3 17,3 22,5 22, Nel rpporto di form S/V, S è l superficie che delimit verso l esterno (ovvero verso mbienti non dotti di impinto di riscldmento) il volume riscldto V, cioè l 20

25 superficie disperdente, che può essere minore o ugule ll superficie di inviluppo del volume considerto, V, che è il volume lordo delle prti di edificio riscldte. Per il Comune di Pdov (2383 ) l ndmento del vlore limite di EPi per i tre periodi di ppliczione è riportto nel grfico seguente: 21

26 6.2 Verific delle trsmittnze Di seguito sono riportte le tbelle contenenti i vlori limite delle trsmittnze ttuli e quelli che entrernno in vigore in seguito, nelle quli sono evidenziti i vlori reltivi ll fsci climtic del Comune di Pdov. Le strutture opche verticli, orizzontli e inclinte si intendono ponte termico corretto (come definito nell Allegto A del D.Lgs. 311/06), qulor il ponte termico non dovesse risultre corretto o qulor l progettzione non preved l correzione dei ponti termici, i vlori limite riportti nelle seguenti tbelle devono essere rispettti dll trsmittnz termic medi (prete corrente più ponte termico). VALORI BASE DEL DECRETO Tbell 6.7: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche verticli (Tbell 2, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Climtic Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 A 0,85 0,72 0,62 B 0,64 0,50 0,48 C 0,57 0,46 0,40 D 0,50 0,40 0,36 E 0,46 0,37 0,34 F 0,44 0,35 0,33 Dl 01/01/2010 Tbell 6.8: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche orizzontli o inclinte (Tbell 3, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Climtic Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 A 0,80 0,42 0,38 B 0,60 0,42 0,38 C 0,55 0,42 0,38 D 0,46 0,35 0,32 E 0,43 0,32 0,30 F 0,41 0,31 0,29 Dl 01/01/

27 Tbell 6.9: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche orizzontli di pvimento (Tbell 4, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Climtic Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 A 0,80 0,74 0,65 B 0,60 0,55 0,49 C 0,55 0,49 0,42 D 0,46 0,41 0,36 E 0,43 0,38 0,33 F 0,41 0,36 0,32 Dl 01/01/2010 Tbell 6.10: Vlori limite dell trsmittnz termic delle chiusure trsprenti (Tbell 4, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Climtic Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 A 5,5 5,0 4,6 B 4,0 3,6 3,0 C 3,3 3,0 2,6 D 3,1 2,8 2,4 E 2,8 2,4 2,2 F 2,4 2,2 2,2 Dl 01/01/2010 Zon Climtic Tbell 6.11: Vlori limite dell trsmittnz termic dei vetri (Tbell 5, Allegto C, D.Lgs 192/05) Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 A 5,0 4,5 3,7 B 4,0 3,4 2,7 C 3,0 2,3 2,1 D 2,6 2,1 1,9 E 2,4 1,9 1,7 F 2,3 1,7 1,3 Dl 01/01/

28 VALORI DEL DECRETO INCREMENTATI DEL 30% SOLO PER ZONA E Tbell 6.12: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche verticli (Tbell 2, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 Dl 01/01/2010 Climtic E 0,60 0,48 0,44 Tbell 6.13: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche orizzontli o inclinte (Tbell 3, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 Dl 01/01/2010 Climtic E 0,56 0,42 0,39 Tbell 6.14: Vlori limite dell trsmittnz termic delle strutture opche orizzontli di pvimento (Tbell 4, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 Dl 01/01/2010 Climtic E 0,56 0,49 0,43 Tbell 6.15: Vlori limite dell trsmittnz termic delle chiusure trsprenti (Tbell 4, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 Dl 01/01/2010 Climtic E 3,6 3,1 2,9 Tbell 6.16: Vlori limite dell trsmittnz termic dei vetri (Tbell 5, Allegto C, D.Lgs 192/05) Zon Dl 01/01/06 Dl 01/01/08 Dl 01/01/2010 Climtic E 3,1 2,5 2,2 24

29 6.3. Verific del rendimento globle medio stgionle Il vlore del rendimento globle medio stgionle (ηg) dell impinto termico, deve soddisfre l seguente relzione: η g η = log10 ( P ) g, lim n % in cui Pn è l potenz nominle del genertore o nominle complessiv dei genertori l servizio del singolo impinto termico, espress in kw. L sogli del rendimento globle medi stgionle è pri l 74% che corrisponde Pn=1000kW, per cui oltre quest potenz l formul non si pplic e si ssume sempre pri l 74% 6.4. Verific condenszione Ad eccezione degli edifici dibiti d ttività industrili e rtiginli occorre verificre l'ssenz di condenszioni superficili e che le condenszioni interstizili delle preti opche sino limitte ll quntità rievporbile, conformemente ll normtiv tecnic vigente (UNI EN 13788). Qulor non esist un sistem di controllo dell umidità reltiv intern, per i clcoli necessri, quest verrà ssunt pri l 65% ll tempertur intern di 20 C. 25

30 6.5. Limitzione del fbbisogno energetico per climtizzzione estiv e limitzione dell tempertur dei locli Al fine di limitre i fbbisogni energetici per l climtizzzione estiv e di contenere l tempertur intern degli mbienti, il progettist deve: vlutre l efficci dei sistemi schermnti delle superfici vetrte per ridurre l pporto solre; verificre per l loclità in oggetto (esclus zon F) se il vlore medio mensile dell irrdinz sul pino orizzontle nel mese di mssim insolzione si 290 W/m 2. In questo cso il vlore dell mss superficile Ms delle preti opche verticli, orizzontli e inclinte deve essere mggiore di 230 kg/m 2, oppure utilizzre tecniche o mterili innovtivi che dino gli stessi effetti positivi dell prete con l mss d 230 kg/m 2, in questo cso l soluzione deve essere degutmente documentt e certifict. Lo scopo è quello di sfsre l ond termic in modo che il suo mssimo si nel periodo di minim tempertur estern. Per l provinci di Pdov quest verific non è richiest essendo il vlore medio mensile dell irrdinz pri 249 W/m 2 ; sfruttte l meglio le condizioni mbientli esterne e le crtteristiche distributive degli spzi per fvorire l ventilzione nturle dell edificio; nel cso che il ricorso tle ventilzione non si efficce, può prevedere l impiego di sistemi di ventilzione meccnic In questo cso si deve dottre un recupertore di clore ogni qul volt per l portt di ricmbio indict in tbell nche trmite interpolzione, il numero di ore di funzionmento super i vlori riportti; G M Portt totle d ri Numero di ore nnue di funzionmento m3/h d grdi giorno oltre 2100 grdi giorno prevedere l instllzione di sistemi schermnti esterni, d eccezione di: o edifici per ttività sportive; o edifici dibiti d ttività industrili ed rtiginli; o tutt l ctegori E.1 con l esclusione di collegi, conventi, cse di pen cserme; o edifici con superficie utile 1000 m 2. 26

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008

Disposizioni inerenti all efficienza energetica in edilizia Regione Lombardia DGR 8745 del 22 dic 2008 Attività di di FORMAZIONE tecnici comunli Disposizioni inerenti ll efficienz energetic in edilizi Regione Lombrdi DGR 8745 del 22 dic 2008 BANDO CARIPLO Audit Energetico degli edifici comunli AUDIT AUDITEECERTIFICAZIONE

Dettagli

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale

REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI. 1. Indice di prestazione energetica per la climatizzazione invernale Allegto C REQUISITI ENERGETICI DEGLI EDIFICI 1. Indice di prestzione energetic per l climtizzzione invernle 1.1 Edifici residenzili dell Clsse E1, esclusi collegi, conventi, cse di pen e cserme Tbell 1.1

Dettagli

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65%

INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L gevolzione consiste nel riconoscimento di detrzioni dll impost IRPEF / IRES,

Dettagli

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Decreto del Ministero dello sviluppo economico 11 mrzo 2008 Attuzione dell'rt. 1, comm 24, letter ), dell Legge 24/12/2007, n 244, per l definizione dei vlori limite di fbbisogno di energi primri nnuo

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI

RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI RISPARMIO ENERGETICO EDIFICI COME FACCIO A RISPARMIARE ENERGIA? COME FACCIO AD AVERE AGEVOLAZIONI? COME UTILIZZARE LE ENERGIE ALTERNATIVE? INSERTO A CURA DI CONFCONSUMATORI DELL EMILIA ROMAGNA Decreto

Dettagli

PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs. 192/05

PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs. 192/05 COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 PARTE PRIMA Adempimenti D.Lgs.

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE PER LA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA 6 In cos consiste

Dettagli

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA

PROBLEMATICHE LEGATE ALL ENERGIA Fcoltà di Architettur Ing. Luc Srto Le regole per l efficienz l energetic livello nzionle e l più recente disciplin dell Regione Lombrdi. L certificzione energetic degli edifici: stto dell rte e prospettive

Dettagli

Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico

Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici. Ministero dello sviluppo economico COMUNE DI BERGMO Evoluzione della legislazione sull efficienza energetica La certificazione energetica degli edifici Bergamo 21 giugno 2007 Roberto MONET Ministero dello sviluppo economico DGERM Segreteria

Dettagli

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1).

Epigrafe. Premessa. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 (1). D.Lgs. 29-12-2006 n. 311 Disposizioni correttive ed integrtive l D.Lgs. 19 gosto 2005, n. 192, recnte ttuzione dell direttiv 2002/91/CE, reltiv l rendimento energetico nell'edilizi. Pubblicto nell Gzz.

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economi e delle Finnze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l rticolo 1 dell legge 27 dicembre 2006, n. 296, recnte legge finnziri per il 2007 (di seguito: legge

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2012 TABELLA DEGLI ANNO 0 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05).

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI DETRAZIONI FISCALI 2014 COME OTTENERE GLI INCENTIVI SUGLI INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 2 INTRODUZIONE Le detrzioni fiscli previste dll Legge di Stbilità 2014 L Legge di Stbilità

Dettagli

Allegato A (Articolo 2) (1)

Allegato A (Articolo 2) (1) Allegto A (Articolo 2) (1) (1) Allegto sostituito dll'rt. 8, comm 1, D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311, decorrere dl 2 febbrio 2007, modificto dll'rt. 7, comm 1, lett. ) e b), D.M. 26 giugno 2009 e dll'rt.

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornt con l legge finnziri 2008 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON LA LEE FINANZIARIA 2008 E IL DECRETO INTERMINISTERIALE 7 APRILE 2008 l genzi in f orm

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO aggiornamento l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento 2009 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE 5 1. L AGEVOLAZIONE

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON IL D.L. N. 185/2008 E DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 6 AGOSTO 2009 l genzi in

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO luglio aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento luglio 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 -

Guida alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica. - Luglio 2009 - Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Appendice Guid lle gevolzioni fiscli per gli interventi di riqulificzione energetic - Luglio 2009 - APPENDICE Normtiv di legge,

Dettagli

APPENDICE. Attestato di qualificazione energetica (e note per la compilazione)

APPENDICE. Attestato di qualificazione energetica (e note per la compilazione) APPENDICE 1 Attestto di qulificzione energetic (e note per l compilzione) Allegto A del Decreto del Ministro dell Economi e delle Finnze del 19 febbrio 2007 2 3 Schem di procedur semplifict per l determinzione

Dettagli

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007.

AVVISO LEGALE. Testo coordinato vigente al 06 settembre 2011. D.M. 19 febbraio 2007. AVVISO LEGALE Il presente testo non h crttere di ufficilità. L unico testo ufficile definitivo che prevle in cso di discordnz è quello pubblicto sull Gzzett Ufficile dell Repubblic Itlin mezzo stmp. Testo

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2014 TABELLA DEGLI ANNO 04 criteri di ppliczione (estrtto rt. 5ter, lett. "" del Regolmento Edilizio vigente) Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA

AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA Mrco Codzzi AGEVOLAZIONI FISCALI E SOSTENIBILITÀ ENERGETICA NUOVE COSTRUZIONI E RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE Gli interventi per l riqulificzione energetic degli edifici Procedure prtiche per le detrzioni

Dettagli

Copyright by Allestimenti Palladio snc

Copyright by Allestimenti Palladio snc I principli tipi d interventi mmessi ll detrzione Irpef del 36% Ecco un elenco esemplifictivo d interventi mmissibili fruire dell detrzione Irpef. In ogni cso, deve essere verifict l conformità lle normtive

Dettagli

riqualificazione energetica degli edifici

riqualificazione energetica degli edifici riqulificzione energetic degli edifici Riqulificzione energetic degli edifici ostenibilità L impiego di risorse non rinnovbili e l produzione di inquinnti hnno superto l sogli dei limiti sostenibili dll

Dettagli

Facoltà di Architettura

Facoltà di Architettura Università degli studi di Cgliri Fcoltà di Architettur Diprtimento di ingegneri del territorio Sezione dell Fisic tecnic WWW.FISICATECNICA UNICA.IT Punti Crdine nell Certificzione Energetic ed efficienz

Dettagli

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO

LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO LEGENDA DEI COLORI CONTENUTI NEL TESTO NERO : testo del Decreto 19.02.2007 BLU : testo del Decreto 26.10.2007 VERDE : testo del Decreto 11.03.2008 ROSSO : testo del Decreto 07.04.2008 Copyright EDILCLIMA

Dettagli

Oggetto dell'attestato

Oggetto dell'attestato DATI GENERALI Destinzione d'uso Nuov costruzione Oggetto dell'ttestto Residenzile Intero edificio Pssggio di proprietà Non residenzile Unità immobilire Loczione Gruppo di unità immobiliri Ristrutturzione

Dettagli

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità)

TITOLO I Principi generali. Art. 1 (Finalità) Decreto legisltivo 19 gosto 2005, n. 192, Attuzione dell direttiv 2002/91/CE sul rendimento energetico in edilizi integrto con il Decreto legisltivo 29 dicembre 2006, n. 311, Disposizioni correttive ed

Dettagli

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423

Febbraio 2014. PROGETTO: Studio di Architettura e Urbanistica Dott. Arch. Guido Leoni Via Affò, 4 - Parma - tel. 0521.233423 Comune di Poviglio Provinci di Reggio Emili Relzione illustrtiv dell Delierzione Consilire di pprovzione, dei coefficienti e prmetri di conversione che ssicurno l equivlenz tr le definizioni e le modlità

Dettagli

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO

SICU FORMULARIO PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI PROSPETTO RIEPILOGATIVO D restituire 60 giorni prim dell inizio dell evento PREVENZIONE INCENDI REZZA PROGETTO - MATERIALI DI ALLESTIMENTO IMPIANTO ELETTRICO ALLEGATI DATI DA COMPILARE OBBLIGATORIAMENTE A CURA DEL PARTECIPANTE:

Dettagli

.TTESTATO DJ "ERGETiCA DEGLI EDIFI. Q Gruppo di unità immobiliari. Ventilazione meccanica. Prod. acqua calda sanitaria

.TTESTATO DJ ERGETiCA DEGLI EDIFI. Q Gruppo di unità immobiliari. Ventilazione meccanica. Prod. acqua calda sanitaria CODICE IDENTIHC DTI GENERLI.TTESTTO DJ "ERGETiC DEGLI EDIFI Destinzione d'uso y^ Residenzile PI Non residenzile Clssificzione D.P.it 41 2/93: il(l) bitzioni dibite o residenz con crotiere continutivo Oggetto

Dettagli

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL 25. Canne Fumarie Doppia Parete Coibentazione 25 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Coibentzione 25 mm Cnne fumrie in cciio Inox CERTIFICAZIONI Cnne fumrie Doppi Prete INDICE 1 Elemento diritto mm 250... pg. 4 2 Elemento diritto mm 500... pg. 4 3 Elemento dritto

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Testo coordinto D.Lgs. 192/2005 DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192: "Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi" Coordinto con il Decreto Legisltivo 29 dicembre

Dettagli

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO

Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: SOGGETTI IRES - LA RILEVAZIONE CONTABILE DELLE IMPOSTE DI ESERCIZIO Al termine di ciscun periodo d impost, dopo ver effettuto le scritture di ssestmento e rettific,

Dettagli

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox

DUOSTEEL GD. Canne Fumarie Doppia Parete Grandi Diametri Coibentazione 50 mm. Canne fumarie in acciaio Inox Cnne Fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri Coientzione 50 mm Cnne fumrie in cciio Inox Cnne fumrie Doppi Prete Grndi Dimetri INDICE 1 Elemento diritto mm 500... pg. 3 2 Elemento diritto mm 1000... pg. 3 3 Elemento

Dettagli

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in

Efficienza energetica nell edilizia Allegato, parte prima Evoluzione normativa energetica e opportunità di incentivazione per gli interventi in 1 Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione normtiv energetic e opportunità di incentivzione per gli interventi in edilizi 2 1Efficienz energetic nell edilizi Allegto, prte prim Evoluzione

Dettagli

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60

Da 9.500,01 a 15.000,00 > 15.000,01 9.500,00 COSTO PASTO 1,15 2,30 3,45 4,60 Per l Anno Scolstico 2015/2016 l Deliber di Giunt Comunle n.25 del 16.04.2015 d oggetto: Determinzione dei criteri e ppliczione delle triffe dei servizi comunli introitti dl Comune nno 2015. Ricognizione

Dettagli

MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO

MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO Vincenzo Mnno Mri Cristin Spdfor MANUALE DEL CERTIFICATORE ENERGETICO GUIDA ALLA NUOVA PROFESSIONE AIORNATA CON IL QUINTO CONTO ENERGIA E CON LA UNI TS 11300/PARTE 4 TERZA EDIZIONE SOFTWARE INCLUSO NORMATIVA,

Dettagli

Pareti verticali Cappotto esterno

Pareti verticali Cappotto esterno Preti verticli Cppotto esterno L isolmento termico dei fbbricti dll esterno, comunemente detto cppotto, h vuto le sue prime ppliczioni lcuni decenni f e ncor oggi costituisce uno dei sistemi di isolmento

Dettagli

il comma 345, in forza del quale è riconosciuta una detrazione dall imposta

il comma 345, in forza del quale è riconosciuta una detrazione dall imposta Finnziri 2007: decreto ttutivo risprmio energetico Considerto il grnde interesse rigurdnte l finnziri 2007 per il risprmio energetico pubblico il decreto ttutivo l cui interno sono presenti lcune delucidzioni

Dettagli

Detrazione fiscale 55%

Detrazione fiscale 55% Istruzioni per l uso Detrzione fiscle 55% Gli interventi gevolti, le spese detribili, gli dempimenti edizione 2009 Crissimi Soci, poco dopo l pubbliczione dell prim edizione dell opuscolo ANGAISA Istruzioni

Dettagli

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28)

Testo coordinato del D.Lgs. n. 192/05. con tutte le modifiche legislative fino al Decreto rinnovabili (decreto 3.3.2011, n. 28) Testo coordinto del D.Lgs. n. 192/05 con tutte le modifiche legisltive fino l Decreto rinnovbili (decreto 3.3.2011, n. 28) Copyright EDILCLIMA S.r.l. 2012 Vi Vivldi 7 28021 Borgomnero (NO) Tel. 0322.835816

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO settembre 2010 aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento settembre 2010 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8)

COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionale 18 febbraio 2010, n. 8) COMUNICAZIONE PER VARIAZIONE BIVACCHI FISSI (Legge regionle 18 febbrio 2010, n. 8) N Prot. VARIAZIONE...del (d compilrsi cur dell ufficio competente) Al Comune di.. Il/L sottoscritto/: Cognome Nome Dt

Dettagli

RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55%

RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55% RISPARMIO ENERGETICO: LE AGEVOLAZIONI 55% Pgin stmpt dl sito internet WWW.ILMILLESIMOSRL.IT - pg. 1 Introduzione L legge finnziri per il 2007 (legge 27 dicembre 2006, n. 296) h introdotto importnti gevolzioni

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI STATO DELL ARTE Vincenzo Lttnzi LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI STATO DELL ARTE L legge 10/91 prevedev l emnzione, entro 90 giorni di un decreto ttutivo

Dettagli

ALLEGATO I. (Articolo 11)

ALLEGATO I. (Articolo 11) ALLEGATO I. (Articolo 11) REGIME TRANSITORIO PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI 1. Per tutte le categorie di edifici, così come classificati in base alla destinazione d uso all articolo 3 del

Dettagli

Vuoi un software per la certificazione energetica degli edifici che ti garantisca la massima affidabilità? Scegli il N.1!

Vuoi un software per la certificazione energetica degli edifici che ti garantisca la massima affidabilità? Scegli il N.1! Prestzioni Energetiche e Certificzione Vuoi un softwre per l certificzione energetic degli edifici che ti grntisc l mssim ffidbilità? Scegli il N.1! L verific delle prestzioni energetiche degli edifici

Dettagli

TITOLO I PRINCIPI GENERALI

TITOLO I PRINCIPI GENERALI Decreto Legisltivo 19 gosto 2005 n. 192 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/91/CE RELATIVA AL RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA (GU n. 222 del 23 settembre 2005 S.O. n. 158) TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA

Corso di Componenti e Impianti termotecnici IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE SECONDA IL PROGETTO TERMOTECNICO PARTE ECONDA 1 I ponti termici Il ponte termico può essere definito come: un elemento di elevt conduttività inserito in un prete o elemento di prete di minore conduttività. I ponti

Dettagli

Il nuovo calcolo. delle dispersioni termiche. Linee guida all applicazione del D.Lgs. 192/2005. A cura della redazione di BibLus-net.

Il nuovo calcolo. delle dispersioni termiche. Linee guida all applicazione del D.Lgs. 192/2005. A cura della redazione di BibLus-net. Il nuovo clcolo delle dispersioni termiche Linee guid ll ppliczione del D.Lgs. 192/2005 A cur dell redzione di BibLus-net 2 Edizione ACCA IL NUOVO CALCOLO DELLE DISPERSIONI TERMICHE Linee Guid ll ppliczione

Dettagli

Il rendimento energetico in edilizia secondo il D.Lgs. 311/06

Il rendimento energetico in edilizia secondo il D.Lgs. 311/06 Il rendimento energetico in edilizi secondo il D.Lgs. 311/06 rch. Crmel Plmieri Convenzione mondile sul clim di Kyoto del 1997 Si fronteggirono tre posizioni Europ, Stti Uniti, Cin e Indi contrpposte.

Dettagli

P43. Stato del recepimento della direttiva 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) a gennaio [Country review]

P43. Stato del recepimento della direttiva 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) a gennaio [Country review] [Country review] P43 22-03-2007 Mrcello Antinucci, Ginmrio Vrl, Giulino Dll O RENAEL Itly www.buildingspltform.eu Stto del recepimento dell direttiv 2002/91/CE (Rendimento energetico degli edifici) gennio

Dettagli

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche.

Figura 47: i ponti termici possono essere causati da discontinuità dei materiali o da discontinuità geometriche. Prestzioni PONTI TERMICI Normlmente il clcolo delle dispersioni termiche di un edificio viene svolto considerndo che le temperture interne ed esterne sino costnti (Regime Termico tzionrio). Questo signific

Dettagli

Temi speciali di bilancio

Temi speciali di bilancio Università degli Studi di Prm Temi specili di bilncio Le imposte (3) Il consolidto fiscle nzionle RIFERIMENTI Normtiv Artt. 117 129 del TUIR Art. 96 del TUIR Prssi contbile Documento OIC n. 25 Documento

Dettagli

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI

FASCICOLO TECNICO PRESTAZIONI ENERGETICHE SOLAI Pgin di 7 Rel. ermic soli Fscicolo tecnico per il clcolo delle prestzioni energetiche di soli lstre trliccite ( predlles ) IN ACCORDO ALLA NORMA UNI EN ISO 6946:008 0 07.0.00 Rev. Dt Descrizione Redtto

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO dicembre aggiornamento

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO dicembre aggiornamento l genzi in f orm ggiornmento dicembre 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi in f orm ggiornmento dicembre 2011 LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2009

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2009 TABELLA DEGLI ANNO 009 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05);

Dettagli

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

l agenzia in f orma LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO l genzi ggiornmento 2009 in f orm LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO AIORNATA CON IL D.L. N. 185/2008 E DECRETO DEL MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DEL 6 AGOSTO 2009 l genzi in

Dettagli

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2010

TABELLA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ANNO 2010 TABELLA DEGLI ANNO 00 criteri di ppliczione. Ai fini del clcolo degli oneri di urbnizzzione primri e secondri, i volumi sono clcolti secondo le norme degli strumenti urbnistici vigenti (rt. 7 c. 0 L.R./05);

Dettagli

A Ftn,aEtE. PQArcQA architettura ecologica e risparmio energetico www. prooere, it info@prooere,it pag. I. Coso unifomigliare a Givoletto (TO)

A Ftn,aEtE. PQArcQA architettura ecologica e risparmio energetico www. prooere, it info@prooere,it pag. I. Coso unifomigliare a Givoletto (TO) A Ftn,EtE Edif izio ecologico ed o bosso consumo energetico Coso unifomiglire Givoletto (TO) P r ogett zione b iocf imotico ed orch ítettonico, direzíone lovori: Tng. Clemente Rebor - ProAere - Avigliono

Dettagli

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere

LCA e prevenzione dei rifiuti: caso di studio sull acqua da bere Anlisi del ciclo di vit del sistem di gestione rifiuti in Lombrdi Milno 8 Mggio 212 LCA e prevenzione dei rifiuti: cso di studio sull cqu d bere S. Nessi Politecnico di Milno DIIAR Sezione mbientle Obiettivo

Dettagli

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA GUIDA PER L APPLICAZIONE DELLE NORME TRANSITORIE DI CUI AL D.LGS. N.192 DEL 19 AGOSTO 2005 E AL D.LGS. N.311 DEL 29 DICEMBRE 2006 INTRODUZIONE Allegato al Regolamento

Dettagli

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate

BOZZA. 1 2a S/2 S/2. Lezione n. 27. Le strutture in acciaio Le unioni bullonate Le unioni saldate Lezione n. 7 Le strutture in cciio Le unioni bullonte Le unioni sldte Unioni Le unioni nelle strutture in cciio devono grntire un buon funzionmento dell struttur e l derenz dell stess llo schem sttico

Dettagli

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio

Problemi di collegamento delle strutture in acciaio 1 Problemi di collegmento delle strutture in cciio Unioni con bulloni soggette tglio Le unioni tglio vengono generlmente utilizzte negli elementi compressi, quli esempio le unioni colonn-colonn soggette

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) residente in vi /pizz

Dettagli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli

Transazioni al di fuori della normale gestione. Emissione del Prestito Obbligazionario 02/11/2010. Analisi della trasparenza Giovanni Andrea Toselli Università degli studi di Pvi Fcoltà di Economi.. 2010-20112011 Sezione 26 Anlisi dell trsprenz Giovnni Andre Toselli 1 Sezione 26 Trnszioni l di fuori dell normle gestione Operzioni sull struttur finnziri

Dettagli

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione

07 GUIDA ALLA PROGETTAZIONE. Guida alla progettazione 07 Guid ll progettzione Scelt tubzioni e giunti 2 tubi di misur [mm] Dimetro tubzioni unità esterne (A) Giunti 12Hp 1Hp 1Hp Selezionre il dimetro delle unità esterne dll seguente tbell Giunto Y tr unità

Dettagli

Dichiarazione di conformità alle prescrizioni alla Norma CEI 0-21

Dichiarazione di conformità alle prescrizioni alla Norma CEI 0-21 Bureu Verits Consumer Products Services Germny GmbH Businessprk A96 86842 Türkheim Germny + 49 (0) 40 740 41 0 cps-tuerkheim@de.bureuverits.com Orgnismo di certificzione BV CPS GmbH Accreditmento EN 45011

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico

Corso di Laurea in Chimica Regolamento Didattico Corso di Lure in Chimic Regolmento Didttico Art.. Il Corso di Lure in Chimic h come finlità l formzione di lureti con competenze nei diversi settori dell chimic per qunto rigurd si gli spetti teorici che

Dettagli

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale

Regime di sconto commerciale. S = sconto ; K = somma da scontare ; s = tasso di sconto unitario V a = valore attuale ; I = interesse ; C = capitale Regime di sconto commercile Formule d usre : S = sconto ; K = somm d scontre ; s = tsso di sconto unitrio V = vlore ttule ; I = interesse ; C = cpitle s t = st i t st = st S t Kst V K st () () ; () ( )

Dettagli

DI OFFERTA FORMATIVA:

DI OFFERTA FORMATIVA: Stndrd di Percorso Formtivo Corso di formzione per l bilitzione di tecnici certifictori esclusivmente in mteri di certificzione energetic degli edifici i sensi del DPR 16 prile 2013, n. 75, rt. 2, commi

Dettagli

Emozioni da abitare.

Emozioni da abitare. Emozioni d bitre. L o s p i t l i t à, l n o s t r p s s i o n e Fre dell ccoglienz e dell ttenzione l cliente il proprio obiettivo professionle. Proprio su questi spetti si concentr, d sempre, l impegno

Dettagli

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti

RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti prot. Istituto di Previdenz e Assistenz RIChIestA di BORsA di studio UNIVeRsItà O IstItUtI equipollenti SpzIo RISeRVTo ll Ip Cndidto punteggio esito Il sottoscritto (iscritto ll Ip) nto/ il residente in

Dettagli

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo

Nota metodologica. Finalità, campo di osservazione, concetto di prezzo Not metodologic numeri indici dei prezzi l consumo misurno le vrizioni nel tempo dei prezzi di un pniere di eni e servizi rppresenttivi di tutti quelli destinti l consumo finle delle fmiglie presenti sul

Dettagli

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE

Allegato 1 RELAZIONE TECNICA RELATIVA ALLE FASI DI CANTIERIZZAZIONE - Progettzione impinti recupero e smltimento rifiuti - Consulenz mbientle - Sviluppo prtiche utorizztive - Prtiche Albo Gestori Rifiuti - Perizie Tecniche utomezzi - Consulenz A.D.R., Sicurezz sul lvoro,

Dettagli

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE FOGLIO COMPARATIVO SULLE TIPOLOGIE DI MUTUO IPOTECARIO / FONDIARIO PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (disposizioni di trsprenz i sensi dell rt. 2 comm 5 D.L. 29.11.2008 n. 185) Per tutte le condizioni

Dettagli

Sistemi modulari a condensazione MODULO NOVAKOND

Sistemi modulari a condensazione MODULO NOVAKOND M A D E I N I TA LY Sistemi modulri condenszione MODULO NOVAKOND SoluzioniIntegrte per il riscldmento GENERATORI SISTEMI MODULARI DI ARIA A CONDENSAZIONE CALDA A PAVIMENTO Combinndo i genertori NOVAKOND

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO - 2015 Art. 1 - FINALITA E OGGETTO Il presente ndo disciplin le modlità per l'ssegnzione

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE REGIONE SICILIA COMUNE DI ACI BONACCORSI PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE REGOLAMENTO DI BIOARCHITETTURA ALLEGATO: PROGETTISTA: 4 Versione ggiornt l D.D.G. n.13 del 12/02/2013 Arch. Luci Colosi Comune

Dettagli

CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI?

CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI? CONDENSA E MUFFE: COLPA DEI SERRAMENTI? di Giovnni Tisi * Il problem dell formzione di condens e dell crescit di muffe ll interno dei locli bitti è d sempre uno degli spetti più critici delle costruzioni:

Dettagli

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015.

COMUNE DI SUELLI. Settore Tecnico SETTORE : Cirina Sergio. Responsabile: 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 268 NUMERAZIONE GENERALE N. 10/07/2015. COMUNE DI SUELLI SETTORE : Responsbile: Settore Tecnico NUMERAZIONE GENERALE N. 514 NUMERAZIONE SETTORIALE N. 68 in dt 10/07/015 OGGETTO: CIG: ZD514AB0B - AFFIDAMENTO SERVIZIO DI RIPARAZIONE AUTOVETTURA

Dettagli

L indicatore della situazione economica equivalente ISEE ISEE. I limiti dei criteri di selettività precedenti la nascita dell Isee ISEE

L indicatore della situazione economica equivalente ISEE ISEE. I limiti dei criteri di selettività precedenti la nascita dell Isee ISEE Bosi ( cur di), Corso di scienz delle finnze, il Mulino, 212 1 Cpitolo VIII L indictore dell situzione economic equivlente Disciplinto un prim volt con l L 449 del 1997 e i DLgs 19 del 1998 e DLgs 13 del

Dettagli

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP

ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP NORMATIVA ASSENZE PER ASSISTENZA PORTATORI DI HANDICAP A cur di Libero Tssell d Scuol&Scuol del 21/10/2003 Riferimenti normtivi: rt. 21 e 33 5.2.1992 n. 104 e successive modifiche ed integrzioni, Dlgs.

Dettagli

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO

1.134,23 24/03/2016 MERCATO LIBERO in cso di mncto recpito Koinè srl c/o Firenze CMP Accettzione G.C.50019 Sesto F.no Energetic Source Luce & Gs S.p.A. - Società soggett direzione e coordinmento d prte di Energetic Source S.p.A. Sede Legle

Dettagli

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2.

DEBITI VERSO BANCHE 1 PREMESSA 2 CONTENUTO DELLA VOCE. Passivo SP D.4. Prassi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 2. Cp. 49 - Debiti verso bnche 49 DEBITI VERSO BANCHE Pssivo SP D.4 Prssi Documento OIC n. 12; Documento OIC n. 19 1 PREMESSA I debiti verso bnche ricomprendono tutti quei debiti in cui l controprte è un

Dettagli

8 Controllo di un antenna

8 Controllo di un antenna 8 Controllo di un ntenn L ntenn prbolic di un rdr mobile è montt in modo d consentire un elevzione compres tr e =2. Il momento d inerzi dell ntenn, Je, ed il coefficiente di ttrito viscoso, f e, che crtterizzno

Dettagli

COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA. Seal Group srl building solutions. Manuale pratico di costruzione per edifici ad alta efficienza termica.

COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA. Seal Group srl building solutions. Manuale pratico di costruzione per edifici ad alta efficienza termica. ALESSIO BERTINO COMFORT ABITATIVO NEL SUD ITALIA Mnule prtico di costruzione per edifici d lt efficienz termic. Sel Group srl building solutions Sel Group srl building solutions Selgroup srl h commissionto

Dettagli

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale

L accertamento di un entrata corrente di natura patrimoniale ........ Rilevzioni contbili: vecchi e nuov contbilità confronto. L ccertmento di un entrt corrente di ntur ptrimonile curdimurobellesi Dirigente Comune di Vicenz - Publicist... Premess Il cso L rubric

Dettagli

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE

PROVVEDIMENTO del Funzionario delegato DAL DIRETTORE ISTITUZIONE SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI CULTURALI E SPORTIVI DEL COMUNE DI CORREGGIO Vile dell Repubblic, 8 - Correggio (RE) 42015 tel. 0522/73.20.64-fx 0522/63.14.06 P.I. / C.F. n. 00341180354 PROVVEDIMENTO

Dettagli

Workbook 2-35. Statica 36-49. Resistenza al fuoco 50-53. Estetica 54-55. Ecologia 56-73. Isolamento acustico 74-89. Acustica del locale 90-101

Workbook 2-35. Statica 36-49. Resistenza al fuoco 50-53. Estetica 54-55. Ecologia 56-73. Isolamento acustico 74-89. Acustica del locale 90-101 2-35 Sttic 36-49 Resistenz l fuoco 50-53 Estetic 54-55 Ecologi 56-73 Isolmento custico 74-89 Acustic del locle 90-101 Isolmento termico 102-113 Progettzione esecutiv Workook 114-121 122-127 Montggio Multifunzionle

Dettagli

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE

SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE SERVIZIO DISTRIBUZIONE GAS METANO PREZZARIO DELLE ATTIVITA' ACCESSORIE PERIODO DI VALIDITA' I corrispettivi indicti nel presente prezzrio si intendono vlidi nel periodo dl 1 Gennio 2009 l 31 Dicemre 2009

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia"

DECRETO LEGISLATIVO 19 agosto 2005, n. 192: Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia DECRETO LEGISLATIVO 19 gosto 2005, n. 192: "Attuzione dell direttiv 2002/91/CE reltiv l rendimento energetico nell edilizi" Coordinto con DECRETO LEGISLATIVO 29 dicembre 2006, n. 311: "Disposizioni correttive

Dettagli

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a.

ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/a. Al Comune di Cursi Pizz Pio XII, snc 73020 CURSI (LE) ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA D'APPALTO PER SERVIZIO RISTORAZIONE SCOLASTICA NELL' ANNO SCOLASTICO 2015-2016. Il sottoscritto/ nto/ il residente

Dettagli

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici.

Il Primo Principio della Termodinamica non fornisce alcuna indicazione riguardo ad alcuni aspetti pratici. Il Primo Principio dell Termodinmic non fornisce lcun indiczione rigurdo d lcuni spetti prtici. l evoluzione spontne delle trsformzioni; non individu cioè il verso in cui esse possono vvenire. Pistr cld

Dettagli

Ventilazione residenziale. VMC con recupero di calore. I benefici. Valore aggiunto all edificio

Ventilazione residenziale. VMC con recupero di calore. I benefici. Valore aggiunto all edificio I benefici L VMC (Ventilzione Meccnic Controllt) doppio flusso con recupero di clore è un soluzione semplice d instllre, ltmente efficce per grntire il ricmbio d ri continuo, 24 ore su 24, in tutt l cs

Dettagli

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006

STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 STIMA 10 TFM Versione 6.2.02 Guida sintetica della revisione per D.Lgs n 311-29 Dicembre 2006 Premessa La revisione qui descritta riguarda le nuove procedure integrate STIMA10 e TFM nel programma in applicazione

Dettagli

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007

GESTIONE DELL ENERGIA A.A II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 II PROVA INTERMEDIA, 11 Luglio 2007 1- Economi bst su risorse non rinnovbili. Illustrre l influenz sul prezzo del petrolio dei costi di estrzione in generle e nel cso di costi di estrzione costnti ricvre

Dettagli

" Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6

 Osservazione. 6.1 Integrale indefinito. R Definizione (Primitiva) E Esempio 6.1 CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 Clcolo integrle 6. Integrle indefinito L nozione fondmentle del clcolo integrle è quell di funzione primitiv di un funzione f (). Tle nozione è in qulche modo speculre ll nozione di funzione

Dettagli