STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE E FONDO SOCIALE EUROPEO IN ITALIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE E FONDO SOCIALE EUROPEO IN ITALIA"

Transcript

1 ISFOL NOTIZIE INO Isfol SETTEMBRE 2003 N.8 EDITORIALE STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE E FONDO SOCIALE EUROPEO IN ITALIA Il tema dell occupazione in Italia rappresenta da sempre un fattore critico del sistema produttivo: indicatore dello stato di salute del paese e oggetto di un incessante lavorio politico-normativo. A fronte di ciò si ravvisa nel tempo una certa stasi, dovuta spesso al costante ritardo nell attuazione dei disegni messi a punto dal legislatore sull argomento. Il Fondo sociale europeo (Fse), nel caso italiano funge da anticipatore e traino delle politiche rivolte all occupazione e alla formazione, favorendo l attuazione di disposizioni legislative già esistenti, come ad esempio nel caso della normativa sulla formazione dei lavoratori (Fse ) e di quella relativa ai Servizi per l impiego (Fse ). Nell ambito dei fondi strutturali, inoltre, il Fse è lo strumento finanziario che in particolare contribuisce a sviluppare le risorse umane e l integrazione sociale nel mercato del lavoro concorrendo in tal modo alla realizzazione della Strategia europea per l occupazione (Seo). A sua volta la Seo, è il risultato di un compromesso tra la tendenza degli Stati nazionali a mantenere la piena sovranità nel campo delle politiche del lavoro e la necessità di una graduale convergenza ed armonizzazione delle condizioni dei mercati del lavoro negli stati membri. Il recente rapporto realizzato dalla Struttura nazionale di valutazione dell Isfol analizza il contributo del Fondo sociale europeo alla Strategia europea per l occupazione nel periodo Esso costituisce il primo tentativo di analizzare l'effettivo sostegno del Fse alla Seo. Oltre a considerare in che modo la programmazione del Fse rifletta la Seo, esso esamina in particolare quale sia la sua incidenza sulle politiche attive del lavoro e occupazionali nazionali attuate in Italia. L analisi, infatti, viene condotta sia sulla programmazione finanziaria che sulla realizzazione dei programmi, in modo da permettere un primo raffronto tra il contributo desiderato ed il contributo effettivo del Fse ai pilastri (obiettivi) e alle linee guida (priorità) della Seo. Nelle pagine successive vengono descritti i punti più significativi dell analisi sintetizzati di seguito: - oltre l 88% della programmazione finanziaria Fse è direttamente riconducibile ai pilastri della Seo; - il contributo Fse ha acquisito maggiore visibilità nei Piani nazionali di azione per l occupazione (Nap) più recenti; - il Fse ha contribuito ad allargare lo spettro delle azioni cofinanziate nei programmi regionali, coerentemente alle linee guida della Seo; - il Fse ha assunto un ruolo strategico nello sviluppo delle pari opportunità. Tali risultati testimoniano un crescente adeguamento alla Seo delle politiche rivolte all occupazione in Italia rispetto al periodo precedente e preparano ad una lettura prospettica di una nuova fase della Seo, avviata nel Dopo i primi 5 anni di attività, infatti, la Commissione ha adottato un nuovo approccio, semplificato e più aderente alle modifiche intervenute nel mercato del lavoro europeo, che tiene conto anche del prossimo allargamento ai nuovi paesi nel Le raccomandazioni che in particolare il Consiglio rivolge al nostro paese, in vista della definizione del Nap italiano 2003, riguardano problematiche ancora irrisolte come i bassi tassi di occupazione di donne e anziani, la disparità in tema di occupazione tra Centro-nord e Sud e la modesta flessibilità nel mercato del lavoro, non supportata da misure di tutela e garanzia. Aspetti, questi, più volte dibattuti che troveranno verosimilmente indirizzo, stimolo e sostegno nel restante periodo di programmazione del Fse Il Direttore Responsabile

2 INOIsfol Sulla scia dell attenzione rivolta al tema dell occupazione nel Libro bianco di Delors è stata formulata per la prima volta, a seguito del Consiglio di Essen del 1994, la Strategia europea per l occupazione (Seo). Solo dopo la legittimazione normativa, avvenuta con l introduzione del titolo sull occupazione nel Trattato di Maastricht del 1997, gli sforzi di costruzione di una strategia occupazionale di carattere sopranazionale ha ricevuto l impulso necessario a renderla operativa. Il tema del lavoro, e più in generale dell occupazione, è stato affrontato attraverso un metodo nuovo di governo comunitario: il metodo di coordinamento aperto. Esso ha infatti dato avvio ad un processo di perseguimento comune di obiettivi in una materia in cui lo spazio politico dei singoli Stati membri è stato indiscusso anche in tempi di unione monetaria e vincoli finanziari comuni. Il metodo di coordinamento aperto consiste nella fissazione di obiettivi comuni, pur nella piena sovranità nazionale che ne definisce gli strumenti, e nell accompagnamento del processo tramite azione di monitoraggio e processi di benchmarking utili al rafforzamento dell efficacia delle azioni. APPUNTI DELLA RICERCA LA STRATEGIA EUROPEA PER L'OCCUPAZIONE IL METODO DI COORDINAMENTO APERTO L EVOLUZIONE DELLA SEO Nel mese di novembre del 1997, il Consiglio europeo di Lussemburgo ha avviato la Seo. I capi di stato e di governo si sono accordati su un piano d azione basato su un insieme di obiettivi comuni riferiti a quattro pilastri: capacità d inserimento professionale; spirito imprenditoriale; capacità di adattamento e pari opportunità. Per ciascuno di essi la Commissione ha definito annualmente alcuni orientamenti (linee guida) per la definizione delle politiche. I Piani d azione nazionali per l occupazione (Nap), elaborati ogni anno da ciascuno Stato membro, riprendono questi orientamenti secondo un percorso di concertazione noto anche come processo di Lussemburgo. L evoluzione delle linee guida di prima generazione (dal 1998 al 2002) ha visto la progressiva focalizzazione dell attenzione sui temi dei servizi all impiego e della formazione lungo tutto l arco della vita, considerato come strumento per il mantenimento dell occupabilità dei lavoratori e dell adattabilità delle imprese. Nel corso degli anni gli orientamenti comunitari hanno introdotto il tema dell invecchiamento attivo e della qualità del lavoro, argomenti che si ritrovano oggi nella formulazione della nuova Seo (Seo di seconda generazione). In particolare i temi della qualità del lavoro accanto a quello della piena occupazione e della riduzione degli squilibri regionali sono stati introdotti negli orientamenti a partire dal Uno dei punti cardine della Seo consiste nel trasformare le politiche passive relative al mercato del lavoro, in politiche attive. Il Fse, incoraggia e sostiene gli Stati membri in questa evoluzione. A gennaio 2003 la Commissione ha adottato un nuovo approccio strategico, semplificato e più aderente alle modifiche intervenute nel mercato del lavoro europeo, che tiene conto anche del prossimo allargamento del 2004 ai nuovi Paesi. Il nuovo approccio ha messo in evidenza dieci priorità: una nuova piattaforma per l elaborazione della futura Seo e dei relativi Nap. L obiettivo rimane quello della piena occupazione nell Unione entro il 2010, fissato durante il Consiglio europeo di Lisbona, e il consolidamento del metodo della concertazione e del partenariato locale. IL FONDO SOCIALE EUROPEO IN ITALIA LA PROGRAMMAZIONE FSE E IL SUO CONTRIBUTO ALLA SEO La programmazione presenta delle significative innovazioni e discontinuità rispetto alle precedenti: secondo quanto previsto dai due nuovi Regolamenti di riferimento del Fse, infatti, esso è concepito innanzitutto come uno strumento che promuove e sostiene a livello nazionale la Seo e in particolare i Nap che annualmente vengono elaborati dagli Stati membri. A loro volta i Nap contengono il complesso delle politiche pubbliche del lavoro e delle risorse umane (e quindi non solo quelle sostenute dal Fse) strutturate secondo i cosiddetti pilastri della Seo e le relative linee-guida annuali: questa è la ragione per la quale i documenti di programmazione Fse (ma anche la loro attuazione) si misureranno e si confronteranno in maniera formale fino al 2006 con i contenuti e le priorità annuali della Seo. Oltre a contribuire alle azioni intraprese nell ambito della Seo, il Fse rimane comunque - in continuità con la programmazione strumento di coesione economica e sociale nonché di promozione dell occupazione e della parità tra uomini e donne. Il complesso di queste finalità viene perseguito dal 2

3 INOIsfol SEO 2002 SEO 2003 I quattro pilastri Occupabilità (Lg. 1-7) Imprenditorialità (Lg. 8-12) Adattabilità (Lg ) Pari Opportunità (Lg ) Linee guida Lg. 1: combattere la disoccupazione giovanile e prevenire la disoccupazione di lunga durata Lg. 2: sviluppare sistemi fiscali, previdenziali e formativi che favoriscano l occupazione Lg. 3: elaborare una politica di invecchiamento attivo Lg. 4: sviluppare competenze per il nuovo mercato del lavoro nel contesto del lifelong learning; migliorare la qualità dei sistemi di istruzione e formazione Lg. 5: promuovere la società dell informazione per i cittadini - sviluppo e-learning Lg. 6: sviluppare politiche attive per sostenere il collocamento e per prevenire e combattere il manifestarsi di strozzatrure nei nuovi mercati del lavoro europei Lg. 7: combattere la discriminazione e promuovere l integrazione sociale mediante l accesso all occupazione Lg. 8: ridurre le spese generali e gli oneri amministrativi delle imprese Lg. 9: incoraggiare le attività imprenditoriali Lg. 10: sfruttare il potenziale occupazionale di alcuni settori dei servizi Lg. 11: creare posti di lavoro a livello locale Lg. 12: ridurre il carico fiscale Lg. 13: modernizzare l organizzazione del lavoro Lg. 14: adattere i contratti di lavoroh Lg. 15: sostenere l adattabilità delle risorse umane nelle aziende nell ambito dell apprendimento lungo tutto l arco della vita I tre obiettivi Pieno Impiego Migliorare la qualità e la produttività del lavoro Rafforzare la coesione e l inclusione sociale Orientamenti specifici Misure attive e preventive per le persone disoccupate e inattive Creazione di posti di lavoro e imprenditorialità Affrontare il cambiamento e promuovere l adattabilità e la mobilità nel mercato del lavoro Promuovere lo sviluppo del capitale umano e l apprendimento lungo l arco della vita Aumentare la disponibilità di manodopera e promuovere l invecchiamento attivo Parità uomo-donna Promuovere l integrazione delle persone svantaggiate sul mercato del lavoro e combattere la discriminazione nei loro confronti Far sì che il lavoro paghi attraverso incentivi finanziari per aumentare l attrattiva del lavoro Trasformare il lavoro nero in occupazione regolare Affrontare le disparità regionali in materia di occupazione Lg. 16: promuovere in maniera sistematica le pari opportunità tra donne e uomini Lg. 17: ridurre i divari di genere Lg. 18: realizzare politiche in favore delle famiglie e sostenere il reinserimento nel mercato del lavoro di chi intende rientrare al lavoro Fse attraverso una gamma di attività ammissibili decisamente più ampia di quella che aveva caratterizzato il periodo precedente La programmazione finanziaria Fse (che ammonta complessivamente a ,5 milioni di euro) è direttamente riconducibile ai pilastri della Seo per oltre l 88%. Di questo il 68,6% ad Occupabilità, il 13,9% ad Adattabilità e il 7,4% ad Imprenditorialità, mentre le risorse relative a Pari opportunità riflettono all incirca la riserva del 10% indicata come priorità della programmazione. Il Fse italiano risulta dunque, con assoluta chiarezza, collegato prioritariamente al pilastro Occupabilità, come peraltro nella maggioranza dei Paesi membri dell Unione europea e ciò è in evidente coerenza con la situazione di contesto socio-economico esistente in Italia al momento della programmazione. La concentrazione su Occupabilità è comune ai due Obiettivi, mentre essi si differenziano sensibilmente in relazione ai pilastri Imprenditorialità (al quale il Qcs Ob.1 assegna il 10,3% delle risorse contro il 5,8% del Qcs Ob.3) e Adattabilità (ove la situazione è opposta, con il Qcs Ob.3 che vi alloca il 15,6% delle risorse a fronte del 10,9% del Qcs Ob.1). In generale, l intera programmazione del Fse (a meno del 12% delle risorse) è espressa in misure di Fse collegate alla Seo, e la composizione per pilastri dell attuazione riflette quella auspicata dalla programmazione in Ob.3 e in Ob.1, nonostante i diversi tempi che nei due Obiettivi si sono resi necessari per giungere a tale risultato. IL FSE NEI NAP Il riconoscimento del contributo del Fse all attuazione della Seo a livello nazionale è aumentato in maniera netta ed inequivocabile nel passaggio dal Nap 1999 al Nap Ciò è avvenuto nel quadro di una modifica generale della strutturazione dei Nap ed è individuabile con chiarezza sulla base di tre indicatori: le citazioni ed i richiami al Fse nell ambito del Nap; la copertura dapprima in crescita poi progressivamente più concentrata di linee guida interessate dal Fse nel singolo Nap; il grado di precisione nell individuazione del Fse in appoggio alla singola linea guida (con il passaggio dal Fse in generale all asse/policy field fino alla misura). 3

4 L andamento di questi indicatori nei Nap considerati mostra nel quadriennio un aumento - sebbene in un percorso di tipo non lineare e non progressivo - del peso attribuito al Fse a sostegno della Seo nazionale. Il confronto tra Fse e Nap 2002 conferma, con riferimento alle linee guida indicate per il 2002, il contributo significativo del Fse alla Seo così come declinato nel Nap Italia. Nello specifico, il Fse viene indicato come centrale rispetto alle linee guida relative ai servizi per l impiego (lg 1), alle azioni formative e di politica attiva del lavoro (lg 2), al miglioramento della qualità dei sistemi di educazione e formazione (lg 4), allo sviluppo dell e-learning (lg 5), alla lotta all esclusione sociale (lg 7), allo sfruttamento delle potenzialità occupazionali del settore dei servizi (lg 10) e della dimensione locale dello sviluppo (lg 11), all apprendimento lungo tutto l arco della vita (lg 15), alla riduzione delle differenze e delle discriminazioni di genere (lg 16, 17 e 18). Il legame del Fse con la Seo ha ampliato inoltre la varietà delle politiche cofinanziate dal fondo e tale passaggio costituisce un elemento di forte innovazione con il quale le Autorità di gestione si stanno misurando. Nel primo triennio di attuazione del Fse, la programmazione attuativa si è, infatti, sviluppata su più direttrici, coprendo la quasi totalità delle linee di intervento previste a sostegno della Seo. L analisi della programmazione attuativa mostra come le Autorità di gestione utilizzino gli strumenti a disposizione nella cassetta degli attrezzi del Fse nelle diverse misure, domandando ai soggetti attuatori di realizzare progetti di varia natura. L ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI COFINANZIATI Per quanto riguarda la spesa regionale cofinanziata dal Fse relativa alle misure collegate alla Seo, al 30 giugno 2002, il 73,1% è riservato ad Occupabilità, il 14,2% ad Adattabilità, l 8,2% di Pari opportunità e il 4,6% per Imprenditorialità. Le differenze fra la composizione dell attuazione e quella della programmazione sono imputabili alle difficoltà di attuazione delle misure relative ad Imprenditorialità (in particolare nell Ob.3) ed alla relativa facilità di attuazione delle misure di Occupabilità. Mentre infatti per Occupabilità e Adattabilità la quota relativa alla spesa al 30 giugno 2002 è superiore alla quota relativa alle risorse programmate (rispettivamente 73,1% contro 68,6% e 14,2% contro 13,9%) per Imprenditorialità e Pari opportunità è vero il viceversa (rispettivamente 4,5% contro 7,4% e 8,1% contro 10%). Le differenze tra attuazione e programmazione che si delineano a livello nazionale per Imprenditorialità e Pari opportunità valgono anche per i singoli Obb.1 e 3. Nel caso invece di Occupabilità la maggiore quota relativa alla spesa registrata a livello nazionale è imputabile all Ob. 3 (Ob.3 speso 75,1% contro il 68,4% programmato, Ob.1 speso 68,9% contro 69,1% programmato) al contrario di quanto avviene per Adattabilità, ove la migliore performance in sede di attuazione è attribuibile al contributo dell Ob.1 (in Ob.3 14,0% contro 15,6%, in Ob.1 14,6% contro 10,8%). LA CONCENTRAZIONE DEL FSE ANALISI DEL LEGAME DELLE MISURE FSE CON I PILASTRI SEO (DATI DI ATTUAZIONE FINANZIARIA) Fonte: Isfol Struttura nazionale di Valutazione Fse 4

5 COME INCIDE IL FSE SULLE POLITICHE NAZIONALI Un ulteriore elemento da porre in evidenza riguarda l analisi congiunta di concentrazione e rilevanza del Fse, intendendo per rilevanza l incidenza del Fse sul totale delle politiche nazionali rivolte all occupazione. Mentre questi due indici appaiono speculari a livello di pilastro, ciò non si verifica a livello di linee guida. All interno dei singoli pilastri il Fse si presenta come uno strumento finanziario la cui efficienza si rivela nel suo intensivo utilizzo sulle linee guida nelle quali le politiche nazionali sono relativamente meno consistenti dal punto di vista finanziario. Relativamente al pilastro Occupabilità, la rilevanza del Fse è costantemente pari al 100% per le linee guida sulla qualità del sistema scolastico e formazione permanente (lg 4). La rilevanza è invece costantemente nulla nel caso della linea guida relativa agli interventi per l invecchiamento attivo (lg 3). Il contributo del Fse risulta invece in crescita nel caso della linea guida per sviluppare sistemi fiscali, previdenziali e formativi che favoriscono l occupazione (lg 2). In decrescita invece la rilevanza finanziaria del Fse nella linea guida interventi per l integrazione delle fasce deboli (lg 7), che scende dal 100% del 2000 al 54,1% del 2001 (a fronte di un altissima crescita della spesa Fse si registra una crescita ancora più sostenuta della spesa nazionale). Per ciò che concerne il pilastro Imprenditorialità, il contributo del Fse è nullo per le linee guida creazione di posti di lavoro a livello locale (lg 11) e autoimprenditorialità (lg 9), positivo e in crescita per la linea guida interventi per lo sfruttamento del potenziale occupazionale di alcuni settori (lg 10). Per il pilastro Adattabilità risulta assai basso il contributo Fse sulla linea guida adattabilità dei contratti di lavoro (parte della lg 14): 0% nel 2000 e 0,8% nel 2001; in crescita invece il peso del Fse nell ambito della linea guida interventi per la formazione continua (lg 15): dal 2,8% del 2000 al 14,8% del All interno del pilastro Pari opportunità la rilevanza del Fse raggiunge il 100% in entrambe le annualità per gli interventi che vengono compresi nelle linee guida 16, 17 e 18. Prossima allo zero invece la rilevanza del Fse nel caso di interventi inclusi nella linea guida 16. Per il pilastro Pari opportunità, l analisi della concentrazione e della rilevanza del Fse evidenzia bene il forte contributo che le politiche cofinanziate forniscono alla promozione delle pari opportunità pur assorbendo una percentuale piuttosto ridotta dell intero Fse, pari al 10% nella programmazione e all 8% in attuazione. Per informazioni: FSE E POLITICHE NON COFINANZIATE PER LINEE GUIDA IN ITALIA ( ) Fonte: Isfol Struttura nazionale di Valutazione Fse 5

6 l tema dell occupazione in Italia rappresenta da sempre un fattore critico del sistema produttivo: indicatore dello stato di salute del paese e oggetto di un incessante lavorio politico-normativo. A fronte di ciò si ravvisa nel tempo una certa stasi, dovuta spesso al costante ritardo nell attuazione dei disegni messi a punto dal legislatore sull argomento. Il Fondo sociale europeo (Fse), nel caso italiano funge da anticipatore e traino delle politiche rivolte all occupazione e alla formazione, favorendo l attuazione di disposizioni legislative già esistenti, come ad esempio nel caso della normativa sulla formazione dei lavoratori (Fse ) e di quella relativa ai Servizi per l impiego (Fse ). Nell ambito dei fondi strutturali, inoltre, il Fse è lo strumento finanziario che in particolare contribuisce a sviluppare le risorse umane e l integrazione sociale nel mercato del lavoro concorrendo in tal modo alla realizzazione della Strategia europea per l occupazione (Seo). A sua volta la Seo, è il risultato di un compromesso tra la tendenza degli Stati nazionali a mantenere la piena sovranità nel campo delle politiche del lavoro e la necessità di una graduale convergenza ed armonizzazione delle condizioni dei mercati del lavoro negli stati membri. Il recente rapporto realizzato dalla Struttura nazionale di valutazione dell Isfol analizza il contributo del Fondo sociale europeo alla Strategia europea per l occupazione nel periodo Esso costituisce il primo tentativo di analizzare l'effettivo sostegno del Fse alla Seo. Oltre a considerare in che modo la programmazione del Fse rifletta la Seo, esso esamina in particolare quale sia la sua incidenza sulle politiche attive del lavoro e occupazionali nazionali attuate in Italia. L analisi, infatti, viene condotta sia sulla programmazione finanziaria che sulla realizzazione dei programmi, in modo da permettere un primo raffronto tra il contributo desiderato ed il contributo effettivo del Fse ai pilastri (obiettivi) e alle linee guida (priorità) della Seo. Nelle pagine successive vengono descritti i punti più significativi dell analisi sintetizzati di seguito: - oltre l 88% della programmazione finanziaria Fse è direttamente riconducibile ai pilastri della Seo; - il contributo Fse ha acquisito maggiore visibilità nei Piani nazionali di azione per l occupazione (Nap) più recenti; - il Fse ha contribuito ad allargare lo spettro delle azioni cofinanziate nei programmi regionali, coerentemente alle linee guida della Seo; - il Fse ha assunto un ruolo strategico nello sviluppo delle pari opportunità. Tali risultati testimoniano un crescente adeguamento alla Seo delle politiche rivolte all occupazione in Italia rispetto al periodo precedente e preparano ad una lettura prospettica di una nuova fase della Seo, avviata nel Dopo i primi 5 anni di attività, infatti, la Commissione ha adottato un nuovo approccio, semplificato e più aderente alle modifiche intervenute nel mercato del lavoro europeo, che tiene conto anche del prossimo allargamento ai nuovi paesi nel Le raccomandazioni che in particolare il Consiglio rivolge al nostro paese, in vista della definizione del Nap italiano 2003, riguardano problematiche ancora irrisolte come i bassi tassi di occupazione di donne e anziani, la disparità in tema di occupazione tra Centro-nord e Sud e la modesta flessibilità nel mercato del lavoro, non supportata da misure di tutela e garanzia. Aspetti, questi, più volte dibattuti che troveranno verosimilmente indirizzo, stimolo e sostegno nel restante periodo di programmazione del Fse SETTEMBRE 2003 N.8 Il Direttore Responsabile INOIsfol NOTIZIE LE ULTIME DA FLAI-LAB: ATTIVITÀ E PRODOTTI FLAI-lab riprenderà l attività di riunione del Comitato Tecnico Scientifico, il 25 settembre p.v.. Durante il CTS verranno presentati i lavori preparatori della ricerca-azione 2003 Imparare e innovare nella net economy. E previsto l intervento del presidente del Forum Cooperazione e Tecnologia e del direttore di Studio Theos che presenteranno le fasi della ricerca progettata in collaborazione con FLAI-lab. Attesa anche la partecipazione del direttore generale dell ISFOL, dottor Antonio Francioni. In questa occasione ai partecipanti sarà presentata in anteprima Sviluppo del territorio nella new e net economy, ricerca pubblicata nella collana del FSE. Il testo indaga tematiche relative allo sviluppo del locale. Chi vuole il cambiamento e l innovazione, non soltanto delle imprese, ma anche della propria vita, qui troverà approfondimenti incrociati relativi ad esperienze concrete d innovazione di luoghi, attori e sistemi di relazione che fanno rete nell internet. Quali modelli possono favorire l uso consapevole dell NTIC da parte di aggregati di PMI e facilitarne il passaggio alla new e net economy? Quale ruolo per la PA e le Autonomie Funzionali, nei processi di apprendimento nelle PMI della new e net economy e nel coordinamento di reti di attori interessati all innovazione e allo sviluppo locale? In questo testo, FLAI-lab vi propone elementi per rispondere a questi quesiti. Per informazioni: PUBBLICAZIONI INFORMAZIONE E PUBBLICITÀ DEL FSE: DALL ANALISI DEI PIANI DI COMUNICAZIONE AD UNA PROPOSTA DI INDICATORI PER IL MONITORAGGIO E LA VALUTAZIONE COLLANA I LIBRI DEL FONDO SOCIALE EUROPEO Il volume è il primo risultato di una articolato piano di ricerca del Progetto Informazione e Pubblicità per il FSE nel quadro del Piano di Assistenza Tecnica al PON Obiettivo 3. L indagine parte dall analisi dei Piani di Comunicazione delle Regioni Obiettivo 3 e si pone come obiettivo l individuazione di un modello di lettura trasversale e comparativa. Tale modello ha una valenza sperimentale ed è la base per discussioni e integrazioni da parte delle Autorità di gestione dei PON e dei POR, dei valutatori indipendenti e degli esperti del settore. Per informazioni: LE CAMPAGNE DI INFORMAZIONE PUBBLICA: UN ESPERIENZA NAZIONALE SULLA FORMAZIONE E LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO COLLANA I LIBRI DEL FONDO SOCIALE EUROPEO Il volume riporta i dettagli di un caso particolarmente rappresentativo di strategie di comunicazione istituzionale al fine di trasferirne i risultati più significativi. Si tratta di una campagna di comunicazione realizzata nel 2001 dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali UCOFPL con l assistenza tecnica del Progetto Informazione e Pubblicità per il FSE dell ISFOL. Per informazioni: Consulta Ino Isfol on-line INOIsfol INO Isfol ISFOL NOTIZIE EDITORIALE STRATEGIA EUROPEA PER L OCCUPAZIONE E FONDO SOCIALE EUROPEO IN ITALIA I Mensile di informazione dell'istituto per lo Sviluppo della Formazione Professionale dei Lavoratori Anno 8 numero 8 Direttore responsabile: Antonio Francioni Coordinamento editoriale: Diana Macrì Coordinamento internet: Giulio Minelli Comitato di redazione: P. Andreani, M. Benicampi, G. Benini, C. Bensi, M. R. Colella, F. Marchionne, V. Infante, L. Zabatta, A. Mocavini, M. Pasquali Coluzzi, F. Pomponi, S. Squillaci, A. Tirelli, B. Torchia, A. Vaiasicca Impaginazione: DDL Direzione e Amministrazione: ISFOL, Via G.B. Morgagni, Roma tel. 06/ fax 06/ Reg. n. 39 del presso il Tribunale Civile di Roma Stampa: DDL grafica snc, via Aretusa Roma 6

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari

1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari CAPITOLO I QUADRO GENERALE 1. Quadro generale delle strategie implementate e degli investimenti finanziari 1.1. Aspetti generali L'attuazione delle strategie di lifelong learning tende ad assumere in Italia

Dettagli

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL

DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive. Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRAMENTO DELLE POLITICHE DEL LAVORO E SVILUPPO LOCALE L ESPERIENZA ITALIANA Note introduttive Giovanni Principe General Director ISFOL DECENTRALISATION AND COORDINATION: THE TWIN CHALLENGES OF LABOUR

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche

Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Elementi di progettazione europea Le diverse tipologie di finanziamento europeo e le loro caratteristiche Antonella Buja Coordinatrice Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena Le diverse tipologie

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE SICILIA FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 UNIONE EUROPEA REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato regionale del Lavoro, della Previdenza Sociale, della Formazione Professionale e dell Emigrazione Dipartimento regionale

Dettagli

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines.

La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. La formazione professionale nella SEO: Employment Guidelines. Keywords: Training, Vocational Training, Retraining, Traineeships, Lifelong Training (Learning), Apprenticeship Training, Open Land Training,

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 STRUMENTI FINANZIARI DELLA POLITICA DI COESIONE PER IL PERIODO 2014-2020 POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA PROTOCOLLO D INTESA TRA DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA E CONFINDUSTRIA Premesso che il programma di Governo ha previsto una legislatura caratterizzata da profonde riforme istituzionali; che tale

Dettagli

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà

NEWSLETTER DICEMBRE 2009. La valutazione del POR Competitività, 2007-2013. Il Piano di Valutazione del POR Competititivà NEWSLETTER DICEMBRE 2009 IN QUESTO NUMERO... si parla di: EDITORIALE 01 La valutazione nel periodo di programmazione Fondi Strutturali 2007-2013 02 La valutazione del POR Competitività, 2007-2013 03 Il

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 24 DEL 16 GIUGNO 2008 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 11 aprile 2008 - Deliberazione N. 661 - Area Generale di Coordinamento N. 18 - Assistenza Sociale, Attività Sociali, Sport, Tempo Libero, Spettacolo N.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE

PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE PROGRAMMAZIONE FONDI STRUTTURALI 2014-2020 PON SISTEMI DI POLITICHE ATTIVE PER L OCCUPAZIONE RISORSE PON RIPARTIZIONE RISORSE PER ASSE DI INTERVENTO Asse Risorse Asse Occupazione 1.838.398.081,00 Asse

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013

Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori. Rieti, 5 novembre 2013 Programmazione FSE 2014-2020: definizione dei contenuti e confronto con il partenariato ed i territori Rieti, 5 novembre 2013 Presentazione degli incontri territoriali Finalità degli incontri Dare continuità

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Europa 2020, salute e sociale

Europa 2020, salute e sociale Europa 2020, salute e sociale Breve introduzione L Europa 2020 presenta tre priorità che si rafforzano a vicenda: Crescita intelligente: sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione.

Dettagli

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale:

Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: Politiche attive del lavoro e formazione: dalla sperimentazione dei progetti pilota alla programmazione regionale: L esperienza della Regione Marche Mauro Terzoni Dirigente Servizio Istruzione, Formazione

Dettagli

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene: FONDO SOCIALE EUROPEO IN ROMANIA Il Fondo Sociale Europeo (FSE) è lo strumento principale tramite il quale l Unione Europea finanzia gli obiettivi strategici delle politiche di occupazione. Da 50 anni,

Dettagli

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno

La programmazione europea. per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno La programmazione europea 2014 2020 per lo sviluppo della filiera turistica nel Mezzogiorno POIn (FESR) 2007-2013 - Attrattori culturali, naturali e turismo Asse II - Linea di intervento II.2.1 Intervento:

Dettagli

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015)

IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020. (Giugno 2015) IL PIANO DI VALUTAZIONE DEL POR FESR MARCHE 2014-2020 (Giugno 2015) Premessa Il nuovo ciclo di programmazione dei Fondi strutturali per il periodo 2014-2020 rappresenta un importante occasione per le Amministrazioni

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro

Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Fondo Sociale Europeo: Asse E una linea di finanziamento per le Pari Opportunità nel mondo del lavoro Linea 3 - possibilità alle aziende che vogliano sperimentare formule di conciliazione dei tempi La

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su

CNEL. Consiglio nazionale dell economia e del lavoro. Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su CNEL Consiglio nazionale dell economia e del lavoro Disegno di legge di iniziativa del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro su Disposizioni in materia di statistiche di genere Assemblea 26 giugno

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione

Modernizzare l organizzazione del lavoro. - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti. Comunicazione della Commissione Modernizzare l organizzazione del lavoro - Un atteggiamento positivo nei confronti dei cambiamenti Comunicazione della Commissione 1. Introduzione 1.1 Obiettivo della comunicazione L'obiettivo della comunicazione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA IN FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE (PMI): SMALL BUSINESS ACT Che cosa è lo Small Business Act? Tenuto conto del contesto globale, caratterizzato da continui mutamenti

Dettagli

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità

3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità 3.6 La mobilità transnazionale e la cooperazione a supporto dell istruzione, della formazione e dell'occupabilità Obiettivo globale 6 - Promuovere politiche di mobilità transnazionale e di cooperazione

Dettagli

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013

LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 Pierandrea Zotti Roma, 28 novembre 2008 Indice LE NOVITÀ DELLA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 1. Le politiche di sviluppo economico dell Unione Europea:

Dettagli

Patto politiche attive del 16 giugno 2009

Patto politiche attive del 16 giugno 2009 Patto politiche attive del 16 giugno 2009 1 Premessa: per il lavoro oltre la crisi L'Accordo sottoscritto in Lombardia il 4 maggio 2009 prevede uno stretto rapporto tra le politiche passive, attraverso

Dettagli

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020

IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Workshop Politiche di Integrazione Socio- Sanitaria: modelli a confronto e sfide per un futuro sostenibile IL TEMA SALUTE NELLA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2014-2020 Cittadella, 23-24 settembre 2014 IL

Dettagli

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi

III Agorà Regionale FQTS. Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi III Agorà Regionale FQTS Politiche attive del lavoro e terzo settore per uscire dalla crisi Anna Chiara Giorio - Ricercatrice Isfol - Welfare e Politiche Attive del Lavoro venerdì 6 dicembre 2013 Palermo

Dettagli

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI

ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI ACCORDO CONFINDUSTRIA CRUI OTTO AZIONI MISURABILI PER L UNIVERSITA, LA RICERCA E L INNOVAZIONE Premessa Nella comune convinzione che Università, Ricerca e Innovazione costituiscano una priorità per il

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO

DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO DIRETTIVA DEL MINISTRO DEL LAVORO CESARE DAMIANO - VISTI gli articoli 4 e 14 del Decreto Legislativo 30 marzo 2001, n.165, e successive modifiche ed integrazioni; - VISTA la Direttiva del Presidente del

Dettagli

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA

GOVERNANCE. Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013. crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Programma operativo NazioNale GOVERNANCE e assistenza tecnica Obiettivo Convergenza (FESR) 2007-2013 crescita coesione trasparenza efficienza competenze integrazione UNA PA PER LA CRESCITA Una premessa

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1. Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1

ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1. Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1 ALLEGATO 5 SCHEDA DI VALUTAZIONE STEERING RICERCA E INNOVAZIONE CIG: 0828392AB1 Allegato 5: Scheda di valutazione Pag. 1 PIANO UNITARIO DI VALUTAZIONE DELLA REGIONE PUGLIA 2007-2013 AGGIORNAMENTO DELLE

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Il NUOVO POR FSE 2014-2020

Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Il NUOVO POR FSE 2014-2020 Dipartimento Formazione, Istruzione e Lavoro Santo Romano INDICE 1. Nuova Programmazione le principali novità 2. Ripartizione Risorse 2014-2020 3. Calendario bandi triennio 2015-2017

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013

Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 Incontro del Tavolo nazionale Isfol- Associazioni datoriali Pro.P. Isfol, 20 giugno 2013 1 L interesse europeo Negli ultimi anni, l interesse della Commissione europea per l inclusione sociale è cresciuto

Dettagli

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014)

SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) SINTESI DEI PRINCIPALI RISULTATI DELL ULTIMA EDIZIONE DEL MONITORAGGIO DEL MICROCREDITO (dati 2014) A cura dell Ente Nazionale per il Microcredito, Team di monitoraggio Il monitoraggio condotto dall Ente

Dettagli

Città metropolitane e PON Metro

Città metropolitane e PON Metro Città metropolitane e PON Metro Corso di Pubblica Amministrazione e Sviluppo Locale Massimo La Nave 1 L area delle operazioni del PON Il pilastro del PON Metro è l identificazione dei Comuni capoluogo

Dettagli

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA Il principio della parità fra donne e uomini è sempre stato uno dei cardini della costruzione dell Europa unita. I suoi aspetti essenziali sono infatti espressi già nel Trattato

Dettagli

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA

EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA EUROPA 2020 Crescere in coesione PROMUOVERE IL SUCCESSO SCOLASTICO, LE PARI OPPORTUNITÀ E L INCLUSIONE SOCIALE: SVILUPPO DI RETI CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA E CREAZIONE DI PROTOTIPI INNOVATIVI 1 EUROPA

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013

PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 PROGRAMMA PER L APPRENDIMENTO PERMANENTE 2007-2013 Il Background del Programma LLP Dichiarazione di Bologna (1999): costruzione di uno spazio europeo dell istruzione superiore Consiglio di Lisbona (2000):

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese

Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, impresa e innovazione per far crescere l intero Paese Il PON Ricerca e Competitività 2007-2013 Ricerca Ricerca, l intero Paese Logiche d intervento nell utilizzo dei Fondi Strutturali: Adattamento ed evoluzione. Pasquale D Alessandro DG REGIO Unità G3: Italia

Dettagli

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020.

OGGETTO: programmazione fondi europei: periodo 2014-2020. Assessorat de l éducation et de la culture Assessorato istruzione e cultura Ai Dirigenti delle Istituzioni scolastiche comprensive della scuola secondaria di secondo grado comprese le paritarie Réf. n

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE

5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE 5 PIANO FINANZIARIO 5.1 ORGANIZZAZIONE DELLE FONTI DI FINANZIAMENTO E COINVOLGIMENTO DEL SETTORE PRIVATO La nuova fase di programmazione, attivata dal QCS 2000-2006, impegna tutti i soggetti coinvolti

Dettagli

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione

Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Regione Lazio Direzione regionale Formazione, Ricerca e Innovazione, Scuola e Università, Diritto allo studio Programmazione FSE 2014-2020: aggiornamento stato di attuazione Roma, Giugno 2014 1. Programmazione

Dettagli

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education

Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Piano Nazionale Youth Guarantee aspetti positivi e criticità Andrea Bairati Direttore Politiche Territoriali, Innovazione e Education Napoli 22 maggio 2014 1 LA GARANZIA GIOVANI NEL CONTESTO ITALIANO 45

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014

Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Star bene a scuola. L adozione come risorsa Poppi, 31 ottobre 2014 Adozioni nazionali e internazionali in Toscana: il quadro complessivo e i percorsi in atto per favorire l'inserimento scolastico dei bambini

Dettagli

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca

Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo della produzione nel settore pesca 2FISH: Inclusione delle professioni di servizio alla Pesca nel sistema dell Istruzione e Formazione Grant Contract 517846-LLP-1-2011-1-DK- LEONARDO-LMP Corso di formazione Finanziamenti per lo sviluppo

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013

Il ruolo della valutazione e del sistema di governance delle pari opportunità nella programmazione 2007-2013 MELTING BOX - FIERA DEI DIRITTI E DELLE PARI OPPORTUNITA PER TUTTI TORINO Centro Congressi Lingotto, 22-24 ottobre 2007 Diritti e Pari Opportunità nella nuova programmazione comunitaria 2007-2013 Il ruolo

Dettagli

La programmazione Regionale 2014-2020

La programmazione Regionale 2014-2020 La programmazione Regionale 2014-2020 Paolo Baldi Coordinatore dell Area Formazione, Orientamento e Lavoro Regione Toscana PROGRAMMA OPERATIVO 2014-2020 Investimenti a favore della crescita, dell occupazione

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014

Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Deliberazione Giunta Regionale n. 19 del 07/02/2014 Dipartimento 51 - Programmazione e Sviluppo Economico Direzione Generale 1 - Programmazione Economica e Turismo Oggetto dell'atto: MISURE VOLTE AL SOSTEGNO

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005

REGIONE PUGLIA. Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 REGIONE PUGLIA Programma Operativo Regionale 2007-2013 Fondo Sociale Europeo 2007IT051PO005 Approvato con Deliberazione n. 2282 del 29 dicembre 2007 pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 19 del 1 Febbraio

Dettagli

Proposta di regolamento generale

Proposta di regolamento generale Analisi delle priorità e degli obiettivi della in relazione alla proposta di regolamento generale dei Fondi del QSC Fondi del Quadro Strategico Comune (QSC) Obiettivi Una crescita intelligente: sviluppare

Dettagli

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE

PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE PROGRESS 2007-2013 PROGRAMMA COMUNITARIO PER L OCCUPAZIONE E LA SOLIDARIETA SOCIALE Davide Bonagurio DG Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità Unità Italia, Malta e Romania IL CONTESTO POLITICO

Dettagli

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria

Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Regione Calabria Analisi delle forme di incentivi corrisposti alle donne nella fase di start-up e/o per lo sviluppo di attività imprenditoriali nella Report di ricerca Rapporto realizzato da Viale della Resistenza 23 87036

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità

I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità I Fondi Strutturali nelle politiche di coesione e la promozione delle Pari Opportunità di Luisa Zappella Nel lungo percorso di costruzione dell Europa Unita gli obiettivi si sono progressivamente spostati

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DELL ACCORDO 23.06.2010: MODALITA DI UTILIZZO DELLE RISORSE ASSEGNATE PER LA PROGETTAZIONE SOCIALE Le linee guida di seguito illustrate rappresentano un primo risultato dell

Dettagli

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca

N. 512 FISCAL NEWS. Regione Campania: contributi per dottorati 21.11.2011. La circolare di aggiornamento professionale. A cura di Carlo De Luca a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 512 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 21.11.2011 Categoria Previdenza e lavoro Sottocategoria Agevolazioni

Dettagli

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo

HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo HORIZON 2020 E ALTRI FONDI EUROPEI PER IL NON PROFIT E LE IMPRESE SOCIALI I Fondi Europei di Sviluppo Regionale e il Fondo Sociale Europeo Direzione Generale Famiglia, Solidarietà Sociale e Volontariato

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo)

Art. 1 (Interventi regionali a sostegno del diritto d'asilo) Legge regionale 12 giugno 2009, n. 18 Accoglienza dei richiedenti Asilo, dei rifugiati e sviluppo sociale, economico e culturale delle Comunità locali. (BUR n. 11 del 16 giugno 2009, supplemento straordinario

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO (SETTIMA LEGISLATURA) PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI DI COOPERAZIONE DECENTRATA ALLO SVILUPPO E SOLIDARIETÁ INTERNAZIONALE PERIODO 2004-2006 * Allegato alla deliberazione

Dettagli

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali.

Progetto. Seminario per la formazione congiunta degli operatori. Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali. Progetto Seminario per la formazione congiunta degli operatori Fonti di finanziamento comunitarie, nazionali e regionali Ida Leone 30-31 Gennaio 2013 Uno sguardo sui Fondi UE Fondo Europeo Agricoltura

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020

LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 LA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2014-2020 Il 26 marzo 2010 il Consiglio Europeo ha approvato la proposta della Commissione Europea di lanciare Europa 2020, una nuova strategia per la crescita e l occupazione

Dettagli

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA

MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA MONITORAGGIO INTERVENTI COMUNITARI PROGRAMMAZIONE 2007/2013 OBIETTIVO COMPETITIVITA Attuazione finanziaria, situazione al 31 dicembre 2013 Sistema Nazionale di Monitoraggio del Quadro Strategico Nazionale

Dettagli

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura

Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura @bollettinoadapt, 2 maggio 2016 Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020: Guida alla lettura di Chiara Mancini Tag: #ricerca #PNR #PianoNazionaleRicerca #innovazione #Horizon2020 #MIUR Lo scorso Primo

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 LA NUOVA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 1. La riforma della politica di coesione La riforma dei Fondi Strutturali della Politica di Coesione della Unione Europea per il settennio 2007 2013, disegnata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA

I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 746 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA SCORSA SETTIMANA Roma, 11 Settembre 2015 I giovani presi in carico sono 441.589. A quasi 159 mila è stata proposta almeno una misura. Il Ministro Poletti ha dato il via al progetto Crescere in Digitale durante la conferenza

Dettagli

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento

LIFELONG LEARNING PROGRAMME. Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento LIFELONG LEARNING PROGRAMME Il Programma d'azione comunitaria nel campo dell'apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme (LLP), è stato istituito con decisione del Parlamento europeo e del

Dettagli

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari

progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Strumenti finanziari progredire con gli strumenti finanziari ESIF Il Fondo Sociale Europeo Gli strumenti finanziari co-finanziati dal Fondo Sociale Europeo permettono di investire, in modo sostenibile ed efficiente, per rafforzare

Dettagli

e delle imprese di servizi 2014/2015 Laurea magistrale in Servizio sociale e politiche sociali Fondi e finanziamenti Tipologie di Fondi Fondi pubblici: derivano dall attuazione di obiettivi politici locali

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE

OT 10 - INVESTIRE NELL ISTRUZIONE, FORMAZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, PER LE COMPETENZE E L APPRENDIMENTO PERMANENTE La formazione continua nella programmazione FSE 2014-2020 di Franco Silvestri Insieme con i Fondi Interprofessionali è il Fondo Sociale Europeo la principale fonte di finanziamento per gli interventi di

Dettagli

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE

IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE IL WORK-LIFE BALANCE E LE INIZIATIVE INNOVATIVE DI CONCILIAZIONE Il progetto In Pratica Idee alla pari e alcuni esempi di pratiche realizzate e di esperienze regionali di successo IRS Istituto per la Ricerca

Dettagli

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia

PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE. Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia PROPOSTA DI PROGETTO DI LEGGE Qualità, innovazione ed internazionalizzazione nei sistemi di istruzione, formazione e lavoro in Regione Lombardia Art. 1 (Innovazione nel sistema educativo di istruzione

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli