Decisioni di Comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decisioni di Comunicazione"

Transcript

1 Corso di MARKETING A.A. 2006/2007 Decisioni di Comunicazione Angelo Riviezzo Benevento, 13 Novembre 2006 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la comunicazione dell impresa è finalizzata principalmente a differenziare i suoi prodotti/servizi da quelli della concorrenza, costruendo e gestendo nel tempo una immagine di marca. 1

2 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Per differenziazione del prodotto s intende s un apprezzamento del consumatore nei confronti di un determinato prodotto, offerto da una specifica impresa, distinto da quello che lo stesso consumatore manifesta nei confronti degli altri prodotti appartenenti alla stessa classe e destinati a soddisfare i medesimi bisogni di base. INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Ogni prodotto è differenziato rispetto ai prodotti appartenenti alla stessa classe nella misura in cui i consumatori ritengono che esso abbia attributi diversi, o dia maggiori garanzie di costanza qualitativa, o il suo uso si associ ad altri benefici, anche di carattere socio-psicologico. 2

3 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE La differenziazione può prescindere dall effettiva diversità del prodotto quanto a caratteristiche tecniche, a contenuti merceologici ed a prestazioni effettive. Al limite possono manifestarsi situazioni di assoluta standardizzazione tecnico- produttiva nell ambito di una classe di prodotti che si accompagnano, tuttavia, a gradi di differenziazione elevati (differenziazione psicologica o marginale). INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Vi sono tuttavia anche politiche di differenziazione dei prodotti che investono le loro prestazioni e la loro affidabilità (differenziazione sostanziale).. In linea di principio, la differenziazione psicologica e quella sostanziale sono politiche aziendali che richiedono di essere integrate. 3

4 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Le politiche di differenziazione dei prodotti acquistano rilevanza, come strumenti di segnalazione del valore specifico degli output produttivi dell impresa, nella misura in cui vengono percepite ed apprezzate dal gruppo di consumatori ai quali l impresa l stessa indirizza la propria offerta ( (target group). INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Pur essendo molteplici gli elementi con cui l impresa si rapporta con il proprio target group,, quelli specificatamente deputati alla comunicazione, nelle sue varie forme, sono senza dubbio gli elementi più importanti, ai quali gli studi di marketing hanno dedicato, sin dalle origini, un attenzione particolare. 4

5 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Oggi la comunicazione è interpretata in modo nuovo, come un dialogo interattivo tra l impresa e i suoi clienti che ha luogo durante tutte le fasi della relazione: prevendita, vendita, consumo, post vendita.. INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE Le nuove tecnologie ( (Information and Communication Technologies - ICT) ) hanno incoraggiato le imprese a spostarsi da una comunicazione di massa a modalità di comunicazione dirette, interattive e personalizzate. 5

6 LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING Il proliferare delle modalità e delle occasioni di comunicazione con i clienti impone alle imprese l esigenza l di coordinare l insieme l delle attività comunicazionali,, al fine di assicurare il massimo impatto informativo e persuasivo e la massima coerenza. Per questo motivo si parla di Comunicazione Integrata di Marketing (Integrated Marketing Communication - IMC). LA COMUNICAZIONE IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE Qualsiasi processo di comunicazione implica uno scambio di segnali tra un emittente e un destinatario ed il ricorso ad un sistema di codifica e di decodifica che permette di esprimere ed interpretare i messaggi (Lambin,, 1991). 6

7 LA COMUNICAZIONE IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE Il processo di comunicazione si compone pertanto dei seguenti elementi: L emittente o fonte o comunicatore: è il soggetto che è l origine della comunicazione La codifica: è il processo attraverso il quale l emittente l esprime in simboli, immagini, suoni e segni il messaggio che intende comunicare Il canale o mezzo o medium: è il mezzo attraverso il quale il messaggio viene inviato o trasmesso al destinatario La decodifica: è il processo mentale attraverso cui chi riceve il messaggio conferisce un significato ai segni e ai simboli trasmessi dall emittente I destinatari: sono coloro ai quali è diretto il messaggio La risposta: è l insieme delle reazioni (cognitive e comportamentali) dei destinatari determinate dalla ricezione e dalla decodifica del messaggio La retroazione o feedback: è la parte della risposta che l emittente è in grado di riconoscere LA COMUNICAZIONE IL PROCESSO DI COMUNICAZIONE Uno dei problemi più frequenti in un processo di comunicazione è rappresentato dalla decodifica da parte del destinatario di un significato diverso da quello codificato dalla fonte. In questo caso si parla di rumore.. Il rumore è qualunque cosa che riduca la chiarezza e l accuratezza l della comunicazione; ha molte cause e può influenzare qualsiasi parte del processo (la fonte, il mezzo, il destinatario). 7

8 LA COMUNICAZIONE IL MIX PROMOZIONALE Per comunicare con individui, gruppi e organizzazioni possono essere utilizzati diversi metodi. In generale, i quattro elementi possibili di un mix promozionale (promotion mix) ) che devono essere coordinati e gestiti dalla Comunicazione Integrata di Marketing sono: La pubblicità (advertising) La promozione delle vendite (sales promotion) Le pubbliche relazioni (public relations) La comunicazione personale (personal selling) IL MIX PROMOZIONALE LA PUBBLICITÀ La pubblicità è una forma di comunicazione a pagamento che si avvale di mezzi impersonali per presentare i prodotti/servizi di un impresa o l impresa l stessa, evidenziandone alcune caratteristiche distintive, al fine di suscitare o conservare, in un definito target group,, la loro conoscenza,, un atteggiamento favorevole nei loro confronti e comportamenti di acquisto o riacquisto. 8

9 IL MIX PROMOZIONALE LA PROMOZIONE DELLE VENDITE La promozione delle vendite comprende un insieme eterogeneo di iniziative finalizzate ad influire esclusivamente sui comportamenti di acquisto o di riacquisto,, ossia a suscitare risposte di tipo comportamentale dando per acquisite le risposte cognitive e quelle riguardanti gli atteggiamenti dei consumatori. Oltre che ai consumatori finali, possono essere indirizzate anche ai rivenditori e ai venditori. IL MIX PROMOZIONALE LE PUBBLICHE RELAZIONI A differenza delle altre componenti del promotion mix, le pubbliche relazioni sono dirette a pubblici-obiettivo più ampi dei target group prescelti (all opinione pubblica in generale, agli opinion leader,, agli stakeholder dell impresa, quali azionisti, finanziatori, dipendenti, etc.). Consistono in una pluralità di iniziative ed attività finalizzate a creare e mantenere relazioni favorevoli tra un organizzazione e i suoi stakeholder,, nonché a far parlare dell impresa e dei suoi prodotti. 9

10 IL MIX PROMOZIONALE LA COMUNICAZIONE PERSONALE La comunicazione personale è una forma diretta di comunicazione con i clienti intermedi o con i clienti finali ed è uno dei compiti (spesso il più importante) degli addetti alle vendite che, oltre a comunicare con la clientela, si occupano della conclusione dei contratti di vendita e della raccolta di informazioni sui bisogni e le aspettative del mercato. Per il suo carattere interattivo è più efficace delle altre forme di comunicazione. IL MIX PROMOZIONALE LA COMUNICAZIONE PERSONALE Oltre alla parola, il venditore ed il cliente possono ricorrere anche ad altre forme di comunicazione interpersonale, tra le quali: 1. Comunicazione cinesica: si attua attraverso il movimento della testa, degli occhi, delle braccia, delle mani, delle gambe o del torso 2. Comunicazione prossemica: si attua variando la distanza fisica reciproca nelle interazioni faccia a faccia 3. Comunicazione tattile: si attua attraverso il contatto fisico 10

11 IL MIX PROMOZIONALE UN QUADRO DI SINTESI LEVE DEL PROMOTION-MIX MIX NATURA DELLA COMUNICAZIONE VANTAGGI SVANTAGGI PUBBLICITÀ Non personale Di massa Messaggio standard controllabile Assenza di feed-back diretto PROMOZIONE DELLE VENDITE Non personale Di massa Messaggio standard Ad efficacia rapida Messaggio non costante PUBBLICHE RELAZIONI Non personale Di massa Assenza di costi diretti Credibilità del messaggio Assenza di feed-back diretto Messaggio non controllabile COMUNICAZIONE PERSONALE Personale Messaggio tagliato sul cliente. Feed-back diretto Alti costi-contatto contatto IL MIX PROMOZIONALE DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE Nella definizione del mix promozionale occorre valutare numerosi fattori, tra i quali: La tipologia di prodotto e di mercato La scelta di una strategia push o pull Lo stato di disponibilità all acquisto acquisto del cliente La fase del ciclo di vita del prodotto 11

12 DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE LA TIPOLOGIA DI PRODOTTO E DI MERCATO La vendita personale si applica soprattutto a beni costosi e percepiti come rischiosi e a mercati con pochi grandi venditori. È,, in generale, lo strumento comunicazionale più adeguato nelle relazioni business to business. Per i beni di consumo, invece, la pubblicità e gli altri strumenti di comunicazione impersonale si lasciano preferire per i minori costi e il maggior numero di contatti utili instaurabili in poco tempo (contattare una persona con un venditore costa circa 100 volte in più rispetto al contatto con un annuncio pubblicitario) (Kotler, 1996). DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE LA SCELTA DI UNA STRATEGIA PUSH O PULL Una strategia push implica che il prodotto venga spinto fino al consumatore finale attraverso i canali di distribuzione; il produttore rivolge le sue attività di comunicazione esclusivamente agli intermediari per indurli ad ordinare il prodotto e a promuoverlo presso i clienti finali. Gli strumenti prioritari saranno dunque la promozione delle vendite e la comunicazione personale. 12

13 DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE LA SCELTA DI UNA STRATEGIA PUSH O PULL Con una strategia pull invece l impresa l indirizza le attività di comunicazione ai clienti finali per indurli ad acquistare il prodotto. Gli strumenti prioritari saranno la pubblicità,, le pubbliche relazioni e la promozione delle vendite al dettaglio. Se la comunicazione è efficace i consumatori richiederanno il prodotto agli intermediari, i quali lo ordineranno ai produttori. Il prodotto sarà dunque attratto dalla domanda attraverso i canali di distribuzione. DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE LO STATO DI DISPONIBILITÀ ALL ACQUISTO ACQUISTO La pubblicità e le pubbliche relazioni sono strumenti fondamentali nelle fasi di consapevolezza e di conoscenza, più importanti delle visite a freddo dei venditori. Il gradimento, le preferenze e le convinzioni sono maggiormente influenzati dalla vendita personale, oltre che dalla pubblicità.. La promozione delle vendite e la vendita personale sono invece fondamentali per la chiusura della vendita. 13

14 DEFINIZIONE DEL MIX PROMOZIONALE LA FASE DEL CICLO DI VITA DEL PRODOTTO Nella fase di introduzione la pubblicità e le pubbliche relazioni sono essenziali ma è la promozione delle vendite che contribuisce maggiormente al lancio. Nella fase di crescita va utilizzata la vendita personale, oltre che continuare con la pubblicità e le pubbliche relazioni. Nella fase di maturità la promozione delle vendite torna ad assumere maggior peso della pubblicità.. Nella fase di declino tutti gli strumenti assumono minor importanza, tranne, in alcune circostanze, la promozione delle vendite. LA COMUNICAZIONE QUALCHE APPROFONDIMENTO SULLE COMPONENTI DEL MIX PROMOZIONALE Soffermiamoci con maggiore attenzione su ciascuna delle componenti di un mix promozionale (promotion mix) ) che devono essere coordinate e gestite dalla Comunicazione Integrata di Marketing, ovvero: La pubblicità (advertising) La promozione delle vendite (sales promotion) Le pubbliche relazioni (public relations) La comunicazione personale (personal selling) 14

15 IL MIX PROMOZIONALE LA PUBBLICITÀ La pubblicità è una forma di comunicazione a pagamento che si avvale di mezzi impersonali (TV, radio, Internet, stampa, direct mail, cartellonistica, etc.) per raggiungere differenti pubblici-obiettivo, che vanno da piccoli gruppi specifici a gruppi molto grandi. A seconda della sua natura e dei suoi obiettivi è possibile operare diverse classificazioni della pubblicità. LA PUBBLICITÀ CLASSIFICAZIONE DELLA PUBBLICITÀ Pubblicità istituzionale: promuove le immagini, le idee e le questioni politiche di un organizzazione Pubblicità di prodotto: promuove gli impieghi, le caratteristiche e i benefici di un prodotto/servizio Nell ambito della pubblicità di prodotto distinguiamo: Pubblicità pionieristica: stimola la domanda di una categoria di prodotti, anziché di una specifica marca Pubblicità competitiva o concorrenziale: stimola la domanda di una specifica marca, promuovendone le caratteristiche e i vantaggi, talvolta attraverso confronti con le marche concorrenti (pubblicit( pubblicità comparativa). 15

16 LA PUBBLICITÀ SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA Le fasi principali della creazione di una campagna pubblicitaria sono: 1. Identificazione del target audience 2. Determinazione degli obiettivi 3. Definizione del contenuto del messaggio 4. Definizione del budget 5. Sviluppo del piano media 6. Creazione del messaggio 7. Esecuzione della campagna 8. Misurazione dei risultati SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 1. IDENTIFICAZIONE DEL TARGET AUDIENCE Il primo passo nella predisposizione di un efficace campagna pubblicitaria è rappresentato dalla chiara identificazione del target audience,, vale a dire del pubblico che s intende s raggiungere - non necessariamente coincidente in maniera fedele con il proprio target market. In generale i destinatari della pubblicità possono essere: Gli attuali e/o potenziali utilizzatori del prodotto/servizio dell impresa I decisori delle scelte di acquisto (ad esempio: i genitori per prodotti/servizi destinati ai bambini) Gli influenzatori delle scelte di acquisto 16

17 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 2. DETERMINAZIONE DEGLI OBIETTIVI Definito il target, occorre determinare i risultati che s intende ottenere. In generale la pubblicità ha come obiettivo finale un aumento delle vendite per prodotto, segmento o canale; può tuttavia avere anche degli obiettivi intermedi differenti (un aumento della notorietà del prodotto, dell impresa o della marca; un aumento degli atteggiamenti positivi nei confronti del prodotto; etc.). Nel fissare gli obiettivi della comunicazione occorre sapere in quale stadio di disponibilità all acquisto acquisto si trova il proprio target audience. L acquisto L è,, infatti, l atto l conclusivo di un lungo processo decisionale. L obiettivo L della comunicazione è quello di spostare il cliente da uno stadio di tale processo a quello successivo fino ad arrivare all acquisto acquisto finale. SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 2. DETERMINAZIONE DEGLI OBIETTIVI Il target-audience audience può trovarsi in una qualsiasi delle seguenti fasi del processo decisionale che porta all acquisto: acquisto: Consapevolezza Conoscenza Gradimento Preferenza Convinzione Acquisto Fonte: adattamento da Kotler,,

18 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 3. DEFINIZIONE DEL CONTENUTO DEL MESSAGGIO Dopo aver fissato il proprio target e gli obiettivi da raggiungere, occorre definire il contenuto del messaggio, costruendo una piattaforma pubblicitaria. La piattaforma pubblicitaria elenca l insieme l di elementi o selling point (argomenti di vendita) che necessariamente devono essere presenti nella campagna pubblicitaria. Anche se la piattaforma indica gli aspetti fondamentali che devono essere contenuti nella campagna, non indica come presentarli. SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 4. DEFINIZIONE DEL BUDGET Una delle decisioni più difficili da assumere attiene alla determinazione del budget da destinare alla pubblicità per uno specifico intervallo temporale. I metodi maggiormente utilizzati nella pratica sono: Metodo delle risorse disponibili Metodo della percentuale sulle vendite Metodo della parità competitiva Metodo dell obiettivo perseguito 18

19 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 4. DEFINIZIONE DEL BUDGET Metodo delle risorse disponibili: destina alla comunicazione il budget che l impresa l può permettersi in funzione dell andamento economico dell esercizio esercizio in corso e di quelli precedenti. Metodo della percentuale sulle vendite: destina alla comunicazione un budget pari ad una percentuale (fissa) delle vendite attuali o previste. Metodo della parità competitiva: destina alla comunicazione un budget in linea con quello dei concorrenti diretti o con quello medio del settore (rilevato da pubblicazioni specialistiche settoriali). Metodo dell obiettivo perseguito: destina alla comunicazione un budget proporzionato agli obiettivi che s intende s raggiungere; alle attività da implementare per raggiungere quegli obiettivi; ai costi delle attività pianificate. Il budget sarà quindi dato dalla somma dei costi necessari all implementazione delle singole attività. SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 5. SVILUPPO DEL PIANO MEDIA Il passo successivo alla definizione del budget è rappresentato dalla selezione dei mezzi attraverso cui si vuol fare arrivare il messaggio al target audience. Il piano media è il documento che specifica dettagliatamente i veicoli mediatici da impiegare (periodici, quotidiani, stazioni televisive, etc.), nonché le date e le ore in cui compariranno gli annunci. Il piano si focalizza sul numero di persone nel target audience che saranno esposte al messaggio e sulla frequenza di esposizione. L obiettivo L di un media planner è raggiungere il numero massimo di persone target consentito dal budget. 19

20 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 5. SVILUPPO DEL PIANO MEDIA Più in particolare, nella scelta dei mezzi di comunicazione occorre valutare: Il grado di copertura del target (cioè la percentuale di potenziali clienti che si potrà raggiungere) La stabilità della copertura nel tempo La possibilità di selettività (in termini socio-demografici, di consumo e di stile di vita) Il costo unitario del contatto con il target audience La probabilità di ricezione del messaggio La durata del messaggio Le possibilità espressive del mezzo Il grado di saturazione (cioè il volume pubblicitario complessivo del mezzo e la presenza dei concorrenti) SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 6. CREAZIONE DEL MESSAGGIO Il contenuto e la forma di un messaggio pubblicitario sono influenzati da diversi fattori, tra i quali: le caratteristiche del prodotto/servizio, le caratteristiche del target audience, gli obiettivi perseguiti, la piattaforma fissata, i mezzi selezionati. In generale, il messaggio deve essere in grado di attirare i destinatari, catturarne l interesse, l farne crescere il desiderio nei confronti del prodotto o servizio e stimolarne l acquisto. l Questa dinamica è nota come modello AIDA. 20

21 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 7. ESECUZIONE DELLA CAMPAGNA L esecuzione di una campagna pubblicitaria richiede un costoso lavoro di pianificazione e coordinamento, poiché sono coinvolte sia risorse interne all impresa che diverse risorse esterne (imprese di produzione, enti di ricerca, imprese mediatiche,, grafici pubblicitari, etc.). L advertising management deve valutare costantemente la qualità del lavoro e assicurare che le varie fasi siano eseguite correttamente e secondo i tempi stabiliti. SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 8. MISURAZIONE DEI RISULTATI Gli effetti di una campagna pubblicitaria possono essere valutati prima, durante e dopo che la stessa sia eseguita. Prima della campagna è possibile effettuare un pre-test test.. L obiettivo L è quello di valutare l efficacia l di uno o più elementi del messaggio, sottoponendo ad una giuria di consumatori (consumer jury) o ad un panel di consumatori (consumer panel) due o più versioni del messaggio e registrando le loro osservazioni. Durante la campagna è possibile effettuare una inquiry (richiesta di informazioni sul prodotto). Possono essere usati più annunci pubblicitari contemporaneamente ciascuno con un coupon o un numero verde al quale richiedere informazioni; alla fine verrà scelto l annuncio che riceve il maggior numero di inquiry. Dopo la campagna è possibile effettuare un post-test test.. L obiettivo L è quello di verificare in che misura la campagna abbia condotto ai risultati attesi. Il tipo di test che può essere fatto dipende, dunque, dagli obiettivi della campagna. 21

22 SVILUPPO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA 8. MISURAZIONE DEI RISULTATI In generale, a seconda che gli obiettivi della campagna siano fissati in termini di risposte cognitive, di atteggiamenti o di risposte comportamentali da parte del target audience, è possibile valutarne l efficacia: l Compiendo un indagine presso il pubblico obiettivo al fine di verificare il tasso di ricordo del messaggio, gli elementi ricordati, le sensazioni generate, la propensione attuale e passata nei confronti del prodotto e dell impresa. Valutando il numero di contatti ricevuti (ad esempio: il numero di visite e il numero medio di pagine visitate sul sito Internet dell impresa). Misurando gli acquisti generati dalla comunicazione, confrontando le vendite precedenti alla campagna con quelle successive oppure confrontando le vendite passate con i passati investimenti in comunicazione. IL MIX PROMOZIONALE LA PROMOZIONE DELLE VENDITE La promozione delle vendite comprende un insieme eterogeneo di iniziative finalizzate ad incentivare le vendite, offrendo valore aggiunto o vantaggi specifici che fungono da incentivi addizionali all acquisto acquisto del prodotto. Alcune forme di promozione sono progettate specificatamente per stimolare la domanda e l efficacia l dei rivenditori, altre sono dirette ad aumentare la domanda dei consumatori, altre ancora si focalizzano sia sui consumatori che sui rivenditori. 22

23 LA PROMOZIONE DELLE VENDITE METODI DI PROMOZIONE DELLE VENDITE PER I CONSUMATORI Le iniziative promozionali dirette ai consumatori (consumer promotion) sono di 4 tipi: 1. Promozioni di convenienza: cut-price price, economy- pack,, 3x2, vendita abbinata, buono sconto, supervalutazione dell usato, etc. 2. Omaggi: sampling, experimental-sampling 3. Operazioni a premio: collection, reusable- pack, gift in pack,, etc. 4. Concorsi a premio: estrazioni, gratta e vinci, etc. LA PROMOZIONE DELLE VENDITE METODI DI PROMOZIONE DELLE VENDITE PER I DISTRIBUTORI Le iniziative promozionali dirette ai distributori (trade promotion) sono di 4 tipi: 1. Promozioni di convenienza: sconto di acquisto, sconto di riacquisto, sconto sul numero di pezzi scansionati,, sconto merce, etc. 2. Omaggi: merci gratuite e regali per i rivenditori che acquistano una quantità specifica di prodotti 3. Operazioni a premio: premi in denaro, gare di vendita, etc. 4. Pubblicità cooperativa ed elenchi di distributori: accordi per dividere le spese di advertising 23

24 IL MIX PROMOZIONALE LE PUBBLICHE RELAZIONI Le pubbliche relazioni consistono in una pluralità di iniziative ed attività finalizzate a creare e mantenere relazioni favorevoli tra un organizzazione e i suoi stakeholder (azionisti, finanziatori, clienti, dipendenti, etc.). Sono incentrate sull esaltazione dell immagine complessiva dell organizzazione: poiché gli atteggiamenti del pubblico nei confronti di un impresa tendono ad influenzarne le vendite, risulta fondamentale per le imprese creare e mantenere una percezione positiva della propria immagine. LE PUBBLICHE RELAZIONI GLI STRUMENTI DI PUBLIC RELATIONS Le imprese utilizzano diversi strumenti di PR per comunicare messaggi e creare immagini. I professionisti di PR (interni o esterni all impresa) preparano materiali scritti (brochure, newsletter, periodici aziendali, comunicati stampa, rapporti annuali, etc.) che raggiungono i vari stakeholder. Gli addetti alle PR creano anche materiali di identità aziendale (corporate identity),, quali logo, biglietti da visita, materiale di cancelleria e cartellonistica,, che rendono immediatamente riconoscibili le imprese. 24

25 LE PUBBLICHE RELAZIONI LA PUBLICITY Una particolare forma di pubbliche relazioni è la cosiddetta publicity,, che consiste nel provocare l elaborazione di articoli o di servizi radio-televisivi da parte di comunicatori professionali (giornalisti) sui nuovi prodotti che vengono annunciati o lanciati dall impresa o sull impresa in generale e la sua attività. Il vantaggio essenziale risiede nella maggiore credibilità che il pubblico attribuisce a servizi giornalistici ed articoli, piuttosto che alla pubblicità. LE PUBBLICHE RELAZIONI LA SPONSORIZZAZIONE Un altra particolare forma di pubbliche relazioni è costituita dalle sponsorizzazioni,, che consistono nella partecipazione al finanziamento di eventi di interesse pubblico (di carattere sportivo, culturale, sociale) o di loro protagonisti (soprattutto sportivi) in modo che le comunicazioni su tali eventi comprendano anche l evidenziazione l del marchio dell impresa. 25

26 IL MIX PROMOZIONALE LA COMUNICAZIONE PERSONALE La comunicazione personale è una forma diretta di comunicazione con i clienti intermedi o con i clienti finali svolta dagli addetti alle vendite che, oltre a comunicare con la clientela, si occupano della conclusione dei contratti di vendita e della raccolta di informazioni sui bisogni e le aspettative del mercato. Per il suo carattere interattivo è più efficace delle altre forme di comunicazione, anche perché si focalizza esclusivamente sui clienti potenziali e lascia la massima libertà di adattamento del messaggio. LA COMUNICAZIONE PERSONALE IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE Le fasi principali del processo di vendita personale sono: 1. Prospecting 2. Pre-approccio 3. Approccio 4. Presentazione 5. Superamento delle obiezioni 6. Conclusione della vendita 7. Follow-up 26

27 IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 1. PROSPECTING Il primo passo che deve intraprendere un venditore è la redazione di una lista di clienti potenziali (prospect) da raggiungere. I nominativi vengono raccolti attraverso fonti sia interne all impresa (documenti di vendita, data-base commerciali, richieste di informazione pervenute, etc.) sia esterne (fiere, elenchi telefonici, associazioni di categoria, albi professionali, etc.). I nominativi di nuovi clienti vengono spesso suggeriti da altri clienti (referral). IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 2. PRE-APPROCCIO Prima di contattare i clienti potenziali, un venditore acquisisce ed analizza il maggior numero possibile di informazioni sulle caratteristiche personali, sui bisogni specifici e sull uso uso attuale del prodotto di ciascuno di loro. Questo pre-approccio consente di sviluppare una presentazione di vendita che comunichi esattamente ciò che il cliente richiede. 27

28 IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 3. APPROCCIO L approccio, cioè il modo in cui un venditore contatta un cliente potenziale, rappresenta una fase critica del processo di vendita. Durante il primo contatto, anziché limitarsi a spingere un prodotto, il venditore deve sviluppare una relazione con il cliente potenziale: creare un impressione favorevole e costruire un rapporto con lui sono attività fondamentali in questa fase. IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 4. PRESENTAZIONE La presentazione di vendita deve attirare e mantenere l attenzione del cliente potenziale, stimolarne la curiosità e suscitare in lui il desiderio di provare il prodotto. Quando è possibile il venditore deve effettuare una dimostrazione sulle funzionalità del prodotto. Durante la presentazione il venditore deve saper ascoltare, oltre che parlare. Ascoltando le domande e i commenti del cliente, il venditore ha la possibilità di comprendere i suoi bisogni specifici ed adattare la sua comunicazione. 28

29 IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 5. SUPERAMENTO DELLE OBIEZIONI Un venditore efficace cerca di identificare le obiezioni del cliente potenziale in modo da saperle affrontare o di prevenirle. L approccio migliore è probabilmente quello di gestire le obiezioni man mano che vengono poste dai clienti. IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 6. CONCLUSIONE DELLA VENDITA La conclusione della vendita è la fase in cui il venditore chiede al cliente potenziale di acquistare il prodotto. Un venditore dovrebbe tentare di chiudere in diversi momenti della presentazione, perché il cliente potrebbe essere già convinto dell acquisto oppure perché potrebbe sollevare obiezioni fin a quel momento taciute, che possono essere affrontate dal venditore. 29

30 IL PROCESSO DI VENDITA PERSONALE 7. FOLLOW-UP Dopo la conclusione positiva della vendita, il venditore si preoccupa di verificare che il prodotto ordinato sia stato consegnato in tempo ed installato correttamente (nel caso di una richiesta di installazione) e che non si siano verificati problemi. Questa fase di follow-up è strategica anche per determinare il bisogno futuro di prodotti/servizi da parte del cliente. LA COMUNICAZIONE PERSONALE LA GESTIONE DELLA FORZA VENDITA La gestione della forza vendita ( (salessales management) ) riguarda essenzialmente: 1. Definizione degli obiettivi della forza vendita 2. Determinazione della dimensione della forza vendita 3. Reclutamento e selezione dei venditori 4. Formazione del personale di vendita 5. Retribuzione dei venditori 6. Motivazione dei venditori 7. Gestione delle aree di vendita 8. Controllo delle performance della forza vendita force 30

31 Grazie dell attenzione! 31

Comunicazione Integrata di Marketing

Comunicazione Integrata di Marketing Corso di MARKETING A.A. 2011/2012 Comunicazione Integrata di Marketing Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Benevento, 9 Gennaio 2012 INTRODUZIONE LA COMUNICAZIONE In un ottica di marketing la

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING LEZIONI N. 15 e 16 La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE FINALITA far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito (significati simbolici, segnali di valore) La differenziazione

Dettagli

La Comunicazione Integrata di Marketing

La Comunicazione Integrata di Marketing La Integrata di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE ANALIZZARE LA STRUTTURA E LE COMPONENTI DELLA COMUNICAZIONE INTEGRATA DI MARKETING COMPRENDERE

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero 1 LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE Prof. Giancarlo Ferrero 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne

Dettagli

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing

SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing SODDISFARE LE OPPORTUNITÀ DI MARKETING Capitolo 19 Comunicazione integrata di marketing e direct marketing Il processo di comunicazione (1) Fonte: chi emette il messaggio nei confronti di un altro soggetto

Dettagli

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP.

Page 1 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2015/2016 COMUNICAZIONE INTEGRATA, PUBBLICITÀ, PROMOZIONE E RELAZIONI PUBBLICHE, SALES MANAGEMENT, MARKETING ON LINE (CAP. 19, 20, 21, 22) Unit 12 Slide 12.2.1 SODDISFARE

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento LA COMUNICAZIONE LA COMUNICAZIONE CONOSCENZE La comunicazione è una delle politiche del marketing mix e può essere definita come il complesso di azioni poste in essere dall

Dettagli

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2

La pubblicità 1. Le strategie di comunicazione 1. Le strategie di comunicazione 2 Le strategie di comunicazione 1 Pubblicità Promozione delle vendite Forza vendita Azioni x notorietà marca (advertising) (promotion) (sale force) (publicity) Ricerca del promotion mix per garantire immediata

Dettagli

Comunicazione integrata per il marketing dei servizi

Comunicazione integrata per il marketing dei servizi Corso di Marketing Strategico Comunicazione integrata per il marketing dei servizi Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Gap del fornitore n. 4 CLIENTE AZIENDA Erogazione del servizio Gap n. 4 (di

Dettagli

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.12 Le relazioni pubbliche. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap.12 Le relazioni pubbliche Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Capitolo 12 Le relazioni pubbliche Le relazioni pubbliche (PR) Insieme di attività

Dettagli

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit

Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Modulo Il piano di comunicazione di un organizzazione non profit Materiale didattico a cura di ALFONSO SIANO Università degli Studi di Salerno sianoalf@unisa.it 2010 1 Piano di comunicazione MARKETING

Dettagli

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti

Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing. Come essere competitivi, affrontare i mercati e i concorrenti MA.VE.CO. Consulting www.maveco-consulting.it Viale Stazione,43-02013 Antrodoco (Rieti) Tel. 0746-578699 e-mail : info@maveco-consulting.it Strategie di impresa, Tattiche operative e Piano di Marketing

Dettagli

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1

Capitolo 16. La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 Capitolo 16 La vendita personale e la promozione delle vendite. Capitolo 16 - slide 1 La vendita personale e la promozione delle vendite Obiettivi di apprendimento Vendita personale Il ruolo della forza

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

parlargli con che mezzo con quale intensità

parlargli con che mezzo con quale intensità 4.2.3 Il Piano di Il piano di integra le diverse attività di con l'obiettivo della soddisfazione del cliente Il tipo di pubblico da raggiungere con la determina contenuto e medium del messaggio Per una

Dettagli

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione

4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione 4.1.4 Il marketing mix nella pubblica amministrazione La pianificazione strategica si sviluppa su più piani e individua gli strumenti in grado di soddisfare i bisogni dei segmenti obiettivo Nell ambito

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa

Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Approfondimento L interazione tra mercato e impresa Glossario di marketing Accettazione: pubblico. misura l accoglimento di un annuncio pubblicitario da parte del Account: figura professionale che svolge

Dettagli

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it

Le forme di promozione nei mercati esteri. Michela Floris micfloris@unica.it Le forme di promozione nei mercati esteri Michela Floris micfloris@unica.it Cos è la promozione La promozione riguarda tutto quanto può informare il potenziale compratore circa il prodotto e può indurlo

Dettagli

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato

DIFFERENZIARE LE CAMPAGNE DI MARKETING La scelta del canale adeguato Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it DIFFERENZIARE

Dettagli

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI

IL BUDGET PUBBLICITARIO SILVIA LEGNANI SILVIA LEGNANI IL BUDGET! È un programma di spesa, riferito ad un periodo di tempo stabilito.! Le voci che compongono il budget riguardano tutti i settori dell azienda.! IL BUDGET PUBBLICITARIO! È il programma

Dettagli

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino

LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE. Prof. Giancarlo Ferrero Corso di Marketing Università di Urbino LE POLITICHE DI COMUNICAZIONE 1 FINALITA Le politiche di comunicazione sono principalmente rivolte a: far conoscere, differenziare e fare memorizzare il prodotto e la marca ad accrescerne il valore percepito

Dettagli

Il processo di comunicazione

Il processo di comunicazione Il processo di comunicazione La comunicazione comprende l insieme delle attività che nutrono le relazioni biunivoche tra l impresa ed i suoi pubblici di riferimento (interni ed esterni) con l obiettivo

Dettagli

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile

LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile LA STESURA DEL PIANO DI MARKETING: IL PRODOTTO, IL PREZZO, LA DISTRIBUZIONE E LA PROMOZIONE Dott.sa Martina Pertile Obiettivi dell incontro Oggi cercheremo di rispondere ad alcune domande: Che cosa andiamo

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Gli strumenti del communication mix. Il Direct Marketing

Gli strumenti del communication mix. Il Direct Marketing Gli strumenti del communication mix Il Direct Marketing Sempre più il marketing si rivolge al singolo cliente come entità individuale. Il Direct Marketing mira a realizzare un rapporto diretto e interattivo

Dettagli

Ringraziamenti dell Editore

Ringraziamenti dell Editore 00 Pratesi romane.qxp:. 23-12-2008 16:56 Pagina VII INDICE Prefazione Ringraziamenti dell Editore XVII XXI Capitolo 1 Introduzione al processo di marketing management 1 1.1 La filosofia del marketing,

Dettagli

Marketing mix: promozione e comunicazione

Marketing mix: promozione e comunicazione Marketing mix: promozione e comunicazione La presente documentazione è ad esclusivo uso didattico. Al di fuori del corso nessuna parte può essere riprodotta in qualsiasi forma a stampa, fotocopia o altri

Dettagli

Comunicazione persuasiva e manipolazione

Comunicazione persuasiva e manipolazione Comunicazione persuasiva e manipolazione Il messaggio persuasivo, tipico della comunicazione pubblicitaria o politica, è quel messaggio che induce il ricevente ad un certo comportamento, perché in grado

Dettagli

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti

Il catalogo MARKET. Mk6 Il sell out e il trade marketing: tecniche, logiche e strumenti Si rivolge a: Forza vendita diretta Agenti Responsabili vendite Il catalogo MARKET Responsabili commerciali Imprenditori con responsabilità diretta sulle vendite 34 di imprese private e organizzazioni

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.

Cap.5 La comunicazione di marketing. Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb. Cap.5 La comunicazione di marketing Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione di marketing: definizione Strumento di governo delle

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Allegato 5 CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 24 febbraio 2006, n. 1 art. 6 comma 4 lett. d) 1 Indice Introduzione...3....3 Piano di marketing strategico per l estero... 4 Organizzazione funzione

Dettagli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli

Lezione 8: Direct Marketing. Stella Romagnoli Lezione 8: Direct Marketing Direct Marketing Definizione Obiettivi Misurazione dell efficacia 2 Obiettivo fondamentale del Direct Marketing (DM) è quello di realizzare un rapporto diretto ed interattivo

Dettagli

Pubblicità e promozione

Pubblicità e promozione Pubblicità e Promozioni Relatore: Andrea Baioni (abaioni@abstudio.it) Pubblicità e promozione Consiste nello sviluppo e nell invio di messaggi diretti ad un destinatario specifico E efficace quando il

Dettagli

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON

IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON IL DIRECT MARKETING CAMPAGNE MARKETING CON INTRODUZIONE Ad ognuno la giusta azione di Marketing All interno del cosiddetto Customer Acquisition Funnel 1, le attività di Direct Marketing si posizionano

Dettagli

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali

Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Il Marketing Internazionale per le PMI Come affondare con successo i mercati internazionali Obiettivi : l obiettivo del corso è con rifornire alla piccola e media impresa un insieme di strumenti teorici

Dettagli

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015

Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 Social media management Social Media Strategy Proff. Giovanni Ciofalo, Stefano Epifani a.a. 2014/2015 IL PIANO DI COMUNICAZIONE prima di cominciare 3 4 Le fasi 1. Pianificazione 1.1 Strategica 1.2 Operativa

Dettagli

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco

CORSO DI MARKETING STRATEGICO. Alessandro De Nisco CORSO DI MARKETING STRATEGICO Alessandro De Nisco Il Corso GLI OBIETTIVI Fornire conoscenze e competenze su: i concetti fondamentali del marketing strategico e il suo ruolo nella gestione aziendale; il

Dettagli

PIANO STRATEGICO MARKETING

PIANO STRATEGICO MARKETING PIANO STRATEGICO di MARKETING a che serve il Piano strategico? ad individuare ed esprimere in modo chiaro e sistematico le SCELTE aziendali a MEDIO e LUNGO TERMINE DECISIONI E PROGRAMMI DI AZIONE per giungere,

Dettagli

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA

SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 Marcel Duchamp, L.H.O.O.Q., 1919 SONO I DETTAGLI A FARE LA DIFFERENZA Quest opera paradigmatica, capitale non solo per lo sviluppo dell arte moderna, ma anche e soprattutto

Dettagli

Università degli Studi di Padova. Facoltà di Scienze Statistiche. Corso di Laurea in Statistica e Gestione delle Imprese.

Università degli Studi di Padova. Facoltà di Scienze Statistiche. Corso di Laurea in Statistica e Gestione delle Imprese. Università degli Studi di Padova Facoltà di Scienze Statistiche Corso di Laurea in Statistica e Gestione delle Imprese Tesi di Laurea STRATEGIE DI COMUNICAZIONE: PROGRAMMAZIONE E PARTECIPAZIONE AD UNA

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2)

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (2) dott. Matteo Rossi Benevento, 20 aprile 2007 La politica del prodotto Assume un ruolo centrale e prioritario nelle

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing LEZIONE N. 3 di Marketing Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso di Marketing OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE COMPRENDERE IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE, IMPLEMENTAZIONE E CONTROLLO DI

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE

CRM E GESTIONE DEL CLIENTE CRM E GESTIONE DEL CLIENTE La concorrenza è così forte che la sola fonte di vantaggio competitivo risiede nella creazione di un valore superiore per i clienti, attraverso un investimento elevato di risorse

Dettagli

Marketing Agroalimentare Marketing mix

Marketing Agroalimentare Marketing mix Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Corso di Valutazione qualitativa e promozione dei prodotti agroalimentari Marketing Agroalimentare Marketing mix Prof.ssa Agata Nicolosi Dott. Marco Strazzulla

Dettagli

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco

IL MARKETING. Prof. Francesco Bifulco IL MARKETING E il processo sociale e manageriale mediante il quale una persona o un gruppo ottiene ciò che costituisce oggetto dei propri bisogni e desideri creando, offrendo e scambiando prodotti e valori

Dettagli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli

Lezione 19: Comunicazione di Marketing Stella Romagnoli Lezione 19: Comunicazione di Marketing Definizione Target e contenuto della comunicazione di marketing Gli obiettivi Il processo di apprendimento I principali strumenti di comunicazione La promozione delle

Dettagli

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi

MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi 01 MARKETING AUTOMATION Potenzialità, numeri e vantaggi Contenuti 1.0 1.1 1.2 Marketing Automation, un introduzione Cosa e quanto cambia in azienda Le prestazioni Le aziende che utilizzano la marketing

Dettagli

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE

OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE OLTRE LA BIRRA C E DI PIU : DAL MARKETING AL PACKAGING DI UN BIRRIFICIO ARTIGIANALE Fermo, 31 Gennaio 2015 CHE COS E IL MARKETING? Il marketing può intendersi come il complesso di attività che un azienda

Dettagli

Company Profile. www.irtop.com

Company Profile. www.irtop.com Company Profile www.irtop.com 2 > Valori > Mission > Profilo > Obiettivi > Servizi di consulenza > Track record > Pubblicazioni > Contatti 3 VALORI Passione Crediamo nelle storie imprenditoriali dei nostri

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Communication mix - Advertising

Communication mix - Advertising Economia e Tecnica della Comunicazione Aziendale Communication mix - Advertising Lezione 11 Pubblicità Qualunque forma di presentazione e promozione non personale di idee, beni o servizi svolta dietro

Dettagli

Il marketing operativo

Il marketing operativo MARKETING OPERATIVO Il marketing operativo Definiti gli obiettivi (mercato, fornitori, intermediari, ecc) e la direzione per raggiungerli, la parte operativa del marketing si preoccupa materialmente di

Dettagli

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business

La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business 2 La guida CRM per eliminare le incertezze: prendete il controllo del vostro business (2 - migliorate la vostra credibilità: i 5 passi per dimostrare l efficacia del Marketing) Pagina 1 di 9 SOMMARIO PREMESSA...

Dettagli

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT

CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT CATALOGO SERVIZI REALI EXPORT Legge Regionale 2007, n. 2, articolo 24, comma 13 1/18 Indice Introduzione 3 Piano di marketing strategico per l estero.4 Organizzazione funzione commerciale/ufficio export..5

Dettagli

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale

Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Le politiche di marketing nell industria turistica. Marketing mix e marketing relazionale totale Lingue e Cultura per l Impresa Economia e Gestione delle Imprese Turistiche A.A. 2007-2008 Ddr Fabio Forlani

Dettagli

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA

CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA CAPITOLO 4 MANAGER E COMUNICAZIONE D IMPRESA Indice 4.1 LA COMUNICAZIONE INTERNA...............................................69 Comprendere lo stato dell arte...................................................70

Dettagli

Le fasi di un percorso di consultazione online

Le fasi di un percorso di consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Le fasi di un percorso di consultazione online Autore: Angela Creta, Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance

Dettagli

La funzione Marketing e Vendite

La funzione Marketing e Vendite Lezione 14 La funzione Marketing e Vendite prof. ssa Clara Bassano Corso di Economia e Gestione delle Imprese A.A. 2005-2006 .. una traiettoria evolutiva fase dell orientamento alla produzione D > O (artigianalità

Dettagli

Economia e tecnica della pubblicità

Economia e tecnica della pubblicità Si fa presto a dire pubblicità * * Pubblicità - s.f. (franc. Publicité): notorietà pubblica//carattere di ciò che è fatto in presenza del pubblico//insieme dei mezzi utilizzati per far conoscere prodotti

Dettagli

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010

Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO. Lezione 16 12 maggio 2010 Lingue e culture per il turismo e il commercio internazionale MARKETING DEL TURISMO Lezione 16 12 maggio 2010 . IMBUTO PROMOZIONALE informazioni PUBBLICHE RELAZIONI No vendita, ma modificazione atteggiamento,

Dettagli

Cosa si intende per pubblicità

Cosa si intende per pubblicità Cosa si intende per pubblicità ADV: creare un messaggio ed inviarlo a qualcuno che a sua volta avrà una reazione. SOGGETTTO MEDIATICO A PAGAMENTO!!! Advertising: TV, RADIO, CARTA STAMPATA, MURALES INTERNET!!

Dettagli

L area grande. Emanuele Gabardi

L area grande. Emanuele Gabardi L area grande Emanuele Gabardi L area grande q L area grande, o area allargata, o below-the-line comprende tutte le forme di comunicazione, con l esclusione della pubblicità, le principali delle quali

Dettagli

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING =

28/02/2011. Renato Agati IL MARKETING. Cos'è il marketing? MARKETING = Renato Agati IL MARKETING Cos'è il marketing? MARKETING = tutto ciò che fa mercato 1 IL MARKETING Il Marketing è l'attività che costruisce e regola il rapporto tra l'impresa e il mercato La funzione del

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Gallerie Commerciali. Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti

Gallerie Commerciali. Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti Progetti di fidelizzazione per incrementare le vendite e premiare i clienti Per fidelizzare la clientela è necessario utilizzare sistemi innovativi, flessibili e personalizzabili. Sistemi che diano valore

Dettagli

La comunicazione degli eventi

La comunicazione degli eventi La comunicazione degli eventi 1 2 Gli strumenti di comunicazione 3 4 Immagine e branding 5 Il branding è l insieme delle attività strategiche e operative relative alla costruzione della marca. Definizione

Dettagli

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing

Marketing research. Marketing research. Le ricerche di marketing - 1. Le ricerche di marketing - 2. Campi della ricerca di marketing Marketing research Definition (AMA): Marketing research is the function that links the consumer, customer, and public to the marketer through information--information used to identify and define marketing

Dettagli

Piano Marketing Operativo esempio

Piano Marketing Operativo esempio Piano Marketing Operativo esempio Il Piano Marketing Operativo è la parte conclusiva del Piano di Marketing: nel Piano Marketing Operativo vengono attuate le Strategie studiate nel Piano Marketing Strategico.

Dettagli

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria

10/02/2010. Economia e Tecnica della Pubblicità. Il Piano di comunicazione A.A. 2009-2010. La Pianificazione Pubblicitaria Economia e Tecnica della Pubblicità A.A. 2009-2010 La Pianificazione Pubblicitaria Fulvio Fortezza Il Piano di comunicazione 2 1 OBIETTIVI Gli obiettivi devono essere specifici e, possibilmente, misurabili

Dettagli

Marketing Decisioni sulla comunicazione. Prof. Michele Gorgoglione Corso di Marketing e modelli di e-business

Marketing Decisioni sulla comunicazione. Prof. Michele Gorgoglione Corso di Marketing e modelli di e-business Marketing Decisioni sulla comunicazione Prof. Michele Gorgoglione Corso di Marketing e modelli di e-business Sommario Il modello delle 4 P Mix della comunicazione Obiettivi della comunicazione modelli

Dettagli

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN

PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PROFILO DEL VOSTRO MARKETING PLAN PERCHÉ ELABORARE UN MARKETING PLAN? Il marketing plan è un componente essenziale del vostro business. Quando si avvia una nuova azienda o si lanciano prodotti o servizi

Dettagli

Email Marketing Vincente

Email Marketing Vincente Email Marketing Vincente (le parti in nero sono disponibili nella versione completa del documento): Benvenuto in Email Marketing Vincente! L email marketing è uno strumento efficace per rendere più semplice

Dettagli

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG

LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG LE SCELTE STRATEGICHE DI MKTG IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE STRATEGICA LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA DI MTKG È LA SEQUENZA LOGICA DI ATTIVITÀ CHE CONSENTE DI: Stabilire gli obiettivi di mtkg, Formulare

Dettagli

Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide

Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide Carte e marketing: opportunità collegamenti possibili sfide Anna Omarini Università L. Bocconi SDA Bocconi School of Management anna.omarini@unibocconi.it ABI CARTE DIEM Roma, 27-28 Novembre 2008 Agenda

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi

Marketing dei servizi. Alessandro Danovi Alessandro Danovi Concetto di servizi Servizi = effetti economicamente utili di beni materiali o attività umane di cui beneficiano altri beni o gli uomini Classificazioni Servizi reali -Servizi personali

Dettagli

Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione

Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione 1 Telemarketing: - Guida del Partecipante- Vietata ogni riproduzione Olympos Group srl. Via XXV aprile, 40-24030 Brembate di Sopra (BG) Tel.03519965309 -Fax 1786054267 -customer.service@olympos.itwww.olympos.it

Dettagli

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo

ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo ALLEGATO SUB A) Metodologia di Valutazione delle performance del Comune di San Martino Buon Albergo Indice 1. Premessa 3 2. Il sistema di misurazione e valutazione delle performance 4 3. Criteri per la

Dettagli

Parte IV Il communication mix

Parte IV Il communication mix Parte IV Il communication mix Cap.11 Advertising Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2012-2013 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cos è la pubblicità Storicamente rappresenta l industrializzazione

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

Corso di MARKETING OPERATIVO

Corso di MARKETING OPERATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI FACOLTA DI ECONOMIA CdL in Marketing e Comunicazione d Azienda Bari Corso di MARKETING OPERATIVO La comunicazione Luca Petruzzellis lu.petruzzellis@disag.uniba.it Case Study

Dettagli

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE

PROGRAMMA CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE CORSI 1. LA QUALITÀ DEL FRONT OFFICE NELLE STRUTTURE ALBERGHIERE E RISTORATIVE In un mondo del lavoro altamente competitivo, nel quale l offerta turistica è molto vasta e i clienti possono scegliere tra

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO

INTRODUZIONE AL CORSO Corso di Marketing Strategico INTRODUZIONE AL CORSO A.A. 2009/2010 Angelo Riviezzo angelo.riviezzo@unisannio.it Orario del Corso Lunedì, AULA 7, Ore 9:00-11:00 Martedì, AULA 4, Ore 14:00-16:00 Orario di

Dettagli

Prof. Giuseppe Pedeliento

Prof. Giuseppe Pedeliento Corso di MARKETING INTERNAZIONALE Prof. Giuseppe Pedeliento 18.09.2015 Anno Accademico 2015/2016 AGENDA Marketing Keywords Orientamenti al marketing Il processo di marketing Marketing Definizioni di marketing

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DEI CLIENTI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 ORIENTAMENTO ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 ASPETTATIVE E SODDISFAZIONE DEL CLIENTE... 3 MISURARE

Dettagli

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI

L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ IL NOSTRO LAVORO I NOSTRI SERVIZI CI HANNO SCELTO CONTATTI L AGENZIA, CHI SIAMO, LE NOSTRE QUALITÀ Ma&Mi è un agenzia di comunicazione a servizio completo, dove differenti professionalità si mettono al servizio del cliente per creare valore e per supportare lo

Dettagli

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento

Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto. Approfondimento APPROFONDIMENTO ICT Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento OBIETTIVI, STRATEGIE E TATTICHE DI MARKETING ON-LINE: L INTERNET MARKETING PLAN ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese

Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) Gli argomenti del corso. Gli obiettivi del corso. Economia e gestione delle imprese Economia e gestione delle imprese Le funzioni di gestione dell impresa: il marketing (1) dott. Matteo Rossi Benevento, 7 gennaio 2008 Gli argomenti del corso ANALISI DELLE FUNZIONI PRIMARIE DELL IMPRESA

Dettagli

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE

STRATEGIA DI COMUNICAZIONE STRATEGIA DI COMUNICAZIONE Prof. Paolo Ricotti 30 Novembre 2009 STRATEGIA DI COMUNICAZIONE 1 CICLO DEL PRODOTTO 2 IMPATTO MEDIA DEFINIZIONE BUDGET GRP: GROSS RATING POINT OTS: OPPORTUNITY TO SEE NAZIONALE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E GESTIONE DELLE IMPRESE TESI DI LAUREA LA PUBBLICITA E LA SUA EFFICACIA: UNA RASSEGNA. RELATORE: PROF.SSA

Dettagli

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006

Il CRM operativo. Daniela Buoli. 2 maggio 2006 Il CRM operativo 2 maggio 2006 1. Il marketing relazionale Il marketing relazionale si fonda su due principi fondamentali che è bene ricordare sempre quando si ha l opportunità di operare a diretto contatto

Dettagli

, pr omozione siti web e posizionamento sui motori di ricerca e smart site.

, pr omozione siti web e posizionamento sui motori di ricerca e smart site. TELEVAS, nell'ottica di seguire il suo Cliente nello sviluppo di una propria strategia marketing basata sul WEB, ha predisposto alcune soluzioni per diffondere l'immagine e rendere più popolare la presenza

Dettagli

IL MARKETING STRATEGICO

IL MARKETING STRATEGICO IL MARKETING STRATEGICO Definizione di Marketing Marketing: un processo attuo a definire, prevedere, soddisfare, creare, distribuire, promuovere beni e/o servizi, bisogni e esigenze dei clienti consumatori

Dettagli

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing

Il Business Game di Conform. Il Piano di Marketing Il Business Game di Conform Il Piano di Marketing 2 Indice -- Premessa -- Business game - marketing plan -- La struttura del gioco -- Un caso concreto -- Le modalità di gioco -- L inizio del percorso --

Dettagli