La gestione dell energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dell energia"

Transcript

1 La gestione dell energia 20 luglio 2009 International Energy Consultants Dichiarazione Ambientale Redatta secondo il Regolamento CE n. 1221/2009

2 INDICE 1. Introduzione Pag Chi è TERA Pag L Azienda Pag I nostri servizi Pag I nostri valori Pag La politica ambientale Pag Il sistema di gestione ambientale Pag Gli aspetti ambientali Pag Identificazione attività, prodotti e servizi Pag Identificazione degli input e output di attività, prodotti e servizi Pag Identificazione delle condizioni normali, anomale e di emergenze delle attività Pag Identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita all attività Pag Identificazione degli aspetti ambientali significativi Pag Valutazione del grado di priorità di intervento Pag Controllo operativo degli aspetti ambientali Pag Aspetti ambientali diretti Pag Consumo di carta e toner Pag Consumo di energia elettrica Pag Consumo di gas naturale Pag Consumo di acqua Pag. 31 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 2

3 - Produzione e gestione rifiuti Pag Aspetti ambientali indiretti Pag Consumo TEP da parte dei clienti Pag Rispetto ambientale da parte dei fornitori Pag Gestione delle emergenze Pag Inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Pag Rottura delle caldaie Pag Incendio Pag Gli Obiettivi e il Programma di Miglioramento Pag Riduzione del consumo di materie prime e risorse naturali Pag Miglioramento del dialogo con gli stakeholders per diffondere la cultura ambientale e la responsabilità sociale di impresa Pag Nuovi obiettivi Pag Glossario Pag Principali requisiti legali applicabili in materia di ambiente e sicurezza Pag. 42 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 3

4 1. Introduzione La Dichiarazione Ambientale è per Tera Energy uno strumento di comunicazione delle performance ambientali delle attività svolte e si rivolge ai nostri clienti, partner, fornitori e a chiunque sia interessato ai nostri servizi. Attraverso la Dichiarazione Ambientale, Tera assume la responsabilità degli impegni di politica ambientale espressi e dei risultati ottenuti. Al fine di garantire che l informazione oltre che trasparente sia partecipata e quindi aperta alle esigenze del nostri interlocutori, offriamo a chiunque sia interessato la possibilità di inviare suggerimenti e commenti con le seguenti modalità: - Posta: Tera Energy, Via Guglielmo Marconi 55, Firenze - Telefono: Fax: Le persone di riferimento per i contatti sono: Roberto Olivieri Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale, Etico e Qualità Maria Pia Taviani Addetta al Sistema di Gestione Ambientale, Etico e Qualità II Presidente Roberto Olivieri Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 4

5 2. Chi è Tera Ragione sociale Tera Energy S.r.l. Indirizzo e località Via Guglielmo Marconi Firenze Codice NACE Settore attivato in Camera di Commercio dal 2 Maggio Altri servizi di supporto alle imprese n.c.a. Prestazione di servizi in campo energetico e ambientale, ovvero gestione dell energia, controllo e ottimizzazione dei consumi e dei costi, incluso studi per l utilizzazione razionale dell energia, misurazione dell andamento del bisogno energetico; eliminazione dei picchi, controllo e misurazione delle costanti; analisi di fattibilità in riferimento a tutte le fonti energetiche; studio di impianti di cogenerazione; auditing energetico; analisi sugli impianti con riferimento all utilizzazione, all approvvigionamento alla distribuzione di energia; diffusione delle tecnologie energetiche; servizi di formazione professionale in campo energetico e ambientale. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 5

6 2.1 L azienda Tera Energy è una società di consulenza indipendente specializzata in strategie per la gestione dei costi energetici sul mercato italiano e internazionale. In Italia siamo attivi dal 1995 con medie e grandi industrie e gruppi internazionali fornendo strumenti per ridurre i costi e gestire il rischio connesso alla volatilità dei mercati. Il target di clientela sono i medi e grandi consumatori di energia di ogni settore produttivo. La struttura operativa è composta prevalentemente dai dipartimenti di Analisi, Market Intelligence & Forecasting, Ricerca e Informazione. All inizio del 2010 è stato ristrutturato e adibito ad ambiente di lavoro il piano seminterrato dell edificio. La superficie complessiva è passata da 300 mq a 400 mq con la presenza di un giardino. Tera si occupa inoltre di utilizzo razionale dell energia e di fonti rinnovabili. E accreditata presso l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) come Energy Service Company (ESCO). Tera è inoltre certificata secondo gli standard internazionali ISO9001:2008, ISO14001:2004 e SA8000:2008. Tera ha ricevuto il Certificato di Registrazione EMAS il 14 Dicembre 2010 da parte del Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione EMAS Italia, con il numero identificativo IT ed è in attesa del rinnovo dal Ministero. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 6

7 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 7

8 2.2 I nostri servizi Strategic Energy Plan (SEP) Analisi SWOT (Strengths Weaknesses Opportunities Threats) Strategia di acquisto e cessione Benchmarking/Targeting Market Price Analisi normativa Market Intelligence Market Information Analisi e ricerca dei fornitori Forecasting di breve e medio/lungo termine Verifica fatture Prefatturazione Budgeting Supporto alla gestione amministrativa/burocratica Rapporti con le Istituzioni Risk Determination Risk Management Gestione produzione e autoproduzione Negoziazioni (tendering, aste on-line) Analisi mercati internazionali Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 8

9 Studi di settore (Market Value, Gas to Gas Competition) Audit energetici Studi di fattibilità per l impiego di fonti rinnovabili Studi di fattibilità per la cogenerazione e trigenerazione Richiesta e qualifica IAFR Vendita/acquisto Certificati Verdi Gestione e progettazione di interventi per l efficienza energetica Assegnazione e trading di Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi) Gestione, monitoraggio e trading CO 2 (ETS) Assistenza ai rapporti con Ufficio Tecnico della Finanza (UTF) Formazione manageriale Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 9

10 2.3 I nostri valori Qualità, Ambiente, Etica Tera è certificata ISO 9001 Qualità dal 2004 al fine di perseguire l obiettivo principale di soddisfazione della Clientela. E inoltre certificata ISO Ambiente e SA8000 Etica e Responsabilità Sociale dal 2008 e con tale Sistema di gestione integrato ha correttamente individuato i propri impatti sull ambiente e le proprie criticità sociali. Indipendenza La gestione dei costi è data dall accesso a informazioni strategiche e dalla capacità di analisi. La gestione dei costi è realizzabile se si conosce il mercato. La conoscenza del mercato vuol dire capacità di controllo. L indipendenza dell informazione vuol dire conoscere il mercato. Tera garantisce di essere advisor indipendente e neutrale. Esperienza Il nostro lavoro si basa su informazione ed esperienza. Pertanto Tera investe continuamente sulle proprie risorse non avvalendosi di collaboratori esterni. Le persone che lavorano in Tera sono tutti dipendenti su base permanente, hanno seguito percorsi formativi appropriati in Italia e all estero. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 10

11 Organigramma di Tera Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 11

12 3. La politica ambientale La tutela dell ambiente, lo sviluppo sostenibile, l etica e la responsabilità sociale e l erogazione di servizi di qualità rappresentano per Tera principi imprescindibili da rispettare e da diffondere all esterno. Tera è impegnata nel rispetto delle prescrizioni ambientali applicabili, nel monitoraggio e controllo degli impatti, nell adottare un approccio preventivo rispetto ai possibili effetti negativi per l ambiente, nel promuovere una maggiore responsabilità ambientale, nell incoraggiare l adozione di best practice e nell applicazione delle più innovatrici tecnologie ambientali. Tera aspira a creare condivisione su principi di rispetto dell ambiente ed etica con l impegno a sensibilizzare tutto il personale in merito alla prevenzione dell inquinamento, alla responsabilità sociale e all adozione di pratiche per il miglioramento delle proprie prestazioni ambientali e a garantire che tutti siano a conoscenza della politica ambientale e dei suoi obbiettivi. E di conseguenza criterio di preferenza il rispetto dei principi di responsabilità ambientale e sociale nella scelta dei fornitori e partner. Tera ritiene che la creazione di valore aggiunto per i propri clienti è strettamente legata alla promozione dell innovazione eco compatibile. Per il miglioramento dell ambiente di lavoro Tera favorisce lo sviluppo del potenziale di ciascuna risorsa e la sua crescita professionale mirando all innovazione, all efficienza e alla creatività nel rispetto dell ambiente, della personalità e della dignità di ciascuno. Imprescindibile è una comunicazione trasparente, chiara e certa sulle politiche ambientali e sul Sistema di Gestione Ambientale Etica e Qualità. Questa politica è diffusa a tutto il personale e sarà disponibile al pubblico. La sua conoscenza rappresenta la base per stabilire e riesaminare i nostri obiettivi e i traguardi e permetterà a ognuno di impegnarsi, nell ambito delle proprie competenze, a contribuire al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, etiche e di innovazione della propria attività e dell organizzazione. Il Presidente Roberto Olivieri Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 12

13 4. Il sistema di gestione ambientale L implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) da parte di Tera è finalizzato al perseguimento della politica ambientale e consente, oltre all ottenimento dei vantaggi impliciti all implementazione del SGA quali conformità normative e miglior immagine pubblica, il conseguimento di un duplice obiettivo: da un lato il miglioramento continuo delle performance ambientali dell organizzazione, dall altro un miglior posizionamento strategico sul mercato. Tera ha implementato il SGA conforme ai requisiti del Regolamento CE n. 1221/2009 e della norma ISO 14001:2004, il cui campo di applicazione è rappresentato dall insieme dei servizi di consulenza nella gestione dell energia e attraverso le fasi di progettazione ed erogazione. II SGA è stato progettato in seguito all analisi delle attività, degli aspetti ambientali e delle prescrizioni normative applicabile. Sulla base dell analisi ambientale e degli impegni contenuti nella Politica Ambientale, Tera ha definito un programma che comprende obiettivi di miglioramento da raggiungere che saranno oggetto di monitoraggio periodico. Al fine di realizzare obiettivi e traguardi ambientali, Tera ha definito ruoli e responsabilità e ha pianificato tutte le operazioni associate agli aspetti ambientali significativi, diretti e indiretti, definendo procedure operative specifiche che consentano di controllarne lo svolgimento e quindi migliorare le proprie prestazioni ambientali. Tera si impegna a supportare il personale ai fini della corretta attuazione del SGA e garantisce un adeguata preparazione e risposta a incidenti o situazioni di emergenza al fine di prevenire i rischi o danni che ne possano derivare. II monitoraggio periodico sugli aspetti ambientali significativi delle attività svolte, sullo stato della conformità normativa e sul livello di raggiungimento di obiettivi ambientali è indispensabile ai fini della corretta implementazione del SGA e per verificare l effettivo miglioramento delle prestazioni ambientali di Tera nel tempo. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 13

14 Attraverso l esecuzione periodica di audit interni viene verificata l efficacia del SGA e garantito il suo corretto funzionamento al fine di perseguire obiettivi coerenti con i principi della Politica Ambientale. Riesame della Direzione. Fra i principali elementi del Riesame della Direzione emergono i risultati degli audit, le performance ambientali, di responsabilità sociale e di qualità, le azioni preventive e correttive e le segnalazioni da parte del personale. Conformità legislativa. Tera si impegna a individuare tutte le prescrizioni e normative applicabili relative agli aspetti ambientali, alla sicurezza delle attività svolte e dei servizi erogati e a mantenere nel tempo la conformità a tali requisiti. Prestazioni. Tera si impegna a migliorare continuamente le proprie prestazioni ambientali. Per verificare l effettivo miglioramento nel tempo, Tera monitora periodicamente gli aspetti ambientali significativi delle attività svolte e il livello di raggiungimento degli obiettivi. Comunicazione esterna. La comunicazione esterna garantisce la trasparenza della gestione ambientale dell azienda ed è finalizzata alla corretta gestione delle richieste e segnalazioni ambientali provenienti dall esterno e a condividere con le parti interessate gli elementi del SGA. Il SGA definisce modalità operative da adottare. Partecipazione del personale. Il personale di Tera è coinvolto attivamente nella progettazione del SGA e nella sua implementazione fin dalla fase di analisi ambientale. Esso è stato chiamato a condividere e discutere aspetti operativi del SGA attraverso la condivisione dei contenuti del manuale e la partecipazione alla redazione di procedure e istruzioni. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 14

15 5. Gli aspetti ambientali Il SGAEQ al momento di effettuare l analisi ambientale iniziale e successivamente in fase d implementazione ha provveduto a identificare gli aspetti ambientali e i relativi impatti dell organizzazione. Tali aspetti saranno aggiornati al verificarsi delle situazione di seguito elencate. Nuove prescrizioni per l organizzazione dovute a leggi nazionali/regionali/locali; Nuovi accordi sottoscritti dall organizzazione con parti interessate esterne/interne; Modifica alla politica ambientale dell organizzazione; Introduzione e/o utilizzo di nuove materie prime; Introduzione e/o utilizzo di nuove fonti di energia; Modifica di impianti/macchine già esistenti; Adozione di nuove attrezzature di lavoro; Modifiche significative alle singole attività aziendali; Modifiche ai programmi di manutenzione, misurazione e controllo; Riesame del SGA da parte della Direzione. La metodologia in base alla quale viene aggiornato l elenco degli aspetti ambientali si articola in 6 fasi: Fase 1: identificazione delle attività, prodotti e servizi dell organizzazione; Fase 2: identificazione degli input e output di ogni attività, prodotto, e servizio; Fase 3: identificazione per ogni attività delle condizioni normali e anormali nonché delle possibili emergenze e/o dei possibili incidenti; Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 15

16 Fase 4: identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita alle attività; Fase 5: valutazione della significatività degli aspetti ambientali; Fase 6: valutazione del grado di priorità d intervento. 5.1 Identificazione di attività, prodotti e servizi Le attività di Tera che possono generare aspetti ambientali diretti e indiretti sono: ATTIVITA' DI UFFICIO MANUTENZIONE ATTREZZATURE UFFICIO PULIZIA LOCALI CLIMATIZZAZIONE 5.2 Identificazione degli input e output di attività, prodotti e servizi Per ognuna delle attività individuate vengono indicate: Il luogo di svolgimento dell attività Gli impianti, le macchine e le altre attrezzature di lavoro utilizzate Le materie in entrata Le fonti di energia utilizzate I prodotti/servizi in uscita Eventuali aspetti ambientali indiretti Le eventuali note di supporto Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 16

17 Tabella A.1 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Attività di ufficio Aspetti ambientali generati: Diretti e indiretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature PC, stampanti, fax, fotocopiatrice D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Carta Cancelleria varia Uso delle risorse idriche E) Uso delle fonti di energia Elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Report delle attività di consulenza Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Scarichi in ambiente idrico Carta e plastica (materiali raccolti e riciclati) Scarichi dei bagni Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Consumo TEP Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 17

18 Tabella A.2 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Manutenzione attrezzature ufficio Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature PC, stampanti, fax, fotocopiatrice D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Toner Uso delle risorse idriche E) Uso delle fonti di energia F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti RAEE, Toner Scarichi in ambiente idrico Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Non corretta gestione dei rifiuti da parte dei manutentori Note La manutenzione viene effettuata dal personale interno e da aziende esterne. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 18

19 Tabella A.3 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Pulizia locali Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Locali palazzina uffici C) Impianti, macchine e attrezzature Aspirapolvere D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Uso delle risorse idriche Acqua d acquedotto Detersivi Limitata ai lavori di pulizia E) Uso delle fonti di energia Elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Scarichi in ambiente idrico Flaconi in plastica dei detersivi Acque chiare Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Rispetto dell ambiente da parte del personale delle imprese di pulizie Note Servizio fornito da impresa esterna Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 19

20 Tabella A.4 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Climatizzazione Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature Impianto di riscaldamento alimentato a gas metano e splitter alimentati a energia elettrica e gas R410, comandati con timer e termostati. D) Materie in entrata Uso delle materie prime Acqua da acquedotto Uso delle materie ausiliarie Uso delle risorse idriche Acqua da acquedotto E) Uso delle fonti di energia Gas naturale ed energia elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Aria calda e aria fredda Vapori emessi durante le attività Durante la manutenzione Scarichi in ambiente idrico Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Note Tutti gli impianti sono sottoposti a regolare controllo e manutenzione Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 20

21 5.3 Identificazione delle condizioni normali, anomale e di emergenza delle attività Il SGAEQ in collaborazione con i responsabili di ogni area operativa ha definito di seguito tutte le condizioni prevedibili, pertinenti all attività indicate nelle varie tabelle A. Le condizioni individuate sono quelle prevedibili che generano o possono generare impatti ambientali su cui il personale di Tera può esercitare un influenza o un certo controllo. Tali condizioni includono: ATTIVITÀ CONDIZIONI CONDIZIONI EMERGENZE E/O NORMALI ANORMALI INCIDENTI Attività di ufficio Svolgimento attività con l utilizzo di attrezzature quali PC, stampanti ecc Emergenza incendio. Inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Manutenzione Manutenzione, Errore di Emergenza incendio. attrezzature ufficio sostituzione toner, filtri manutenzione. e altro materiale di consumo. Pulizia dei locali Svolgimento attività con l utilizzo di attrezzature e prodotti idonei. Climatizzazione Avviamento, marcia, arresto e manutenzione del sistema. Errore umano nell utilizzo dei prodotti. Bruciatori fuori taratura e ostruzione della canna fumaria. Emergenza incendio. Emergenza incendio. Rottura della caldaia. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 21

22 5.4 Identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita alle attività Per ogni attività (attività di ufficio, manutenzione attrezzature ufficio, pulizie dei locali e climatizzazione), sono stati individuati gli aspetti ambientali di interesse per le azioni di svolgimento delle attività in condizioni normali, anormali e di emergenza (vedi tabella riassuntiva B). 5.5 Identificazione degli aspetti ambientali significativi Sono stati considerati aspetti ambientali diretti e indiretti significativi quelli che interessano almeno uno dei seguenti criteri: 1) Criteri di politica ambientale: aspetti specificatamente considerati nella Politica Ambientale; 2) Criteri legali: aspetti che sono oggetto di specifica regolamentazione nazionale/regionale/locale; 3) Criteri di tutela ambientale: aspetti che possono provocare impatti sull ambiente di grave entità, anche se la probabilità di accadimento è bassa; 4) Criteri sociali: aspetti che possono provocare grave pregiudizio per l immagine pubblica di Tera; aspetti che possono provocare pregiudizio ai rapporti con le parti interessate. (vedi tabella riassuntiva B) Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 22

23 5.6 Valutazione del grado di priorità d intervento Una volta identificati gli aspetti ambientali significativi, Tera definisce le priorità d intervento su tali aspetti. La priorità d intervento è definita: Alta: nei casi in cui Tera può esercitare un azione diretta sull aspetto ambientale; azione grazie alla quale è possibile ottenere un miglioramento ambientale significativo. Bassa: nei casi in cui Tera può esercitare soltanto un azione indiretta sull aspetto ambientale; azione esclusivamente di sensibilizzazione. (vedi tabella riassuntiva B) Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 23

24 TABELLA B ATTIVITÀ CONDIZIONE ASPETTI Normale Anormale Emergenza AMBIENTALI DIR. IND. SIGNIFICATIVITA PRIORITA DI INTERVENTO ATTIVITÀ DI UFFICIO x Consumo carta x x ALTA x Consumo energia elettrica x x ALTA x Consumo acqua x x BASSA x Produzione di rifiuti (carta e plastica) x X ALTA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Produzione di rumore X X BASSO x Consumo TEP x X BASSA MANUTENZIONE ATTREZZATURE UFFICIO x Consumo toner x X ALTA x Produzione di rifiuti (Toner e RAEE) x X ALTA x Produzione di rifiuti (Toner e RAEE) x X ALTA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 24

25 x x x Consumo di materiali ausiliari Consumo energia elettrica Produzione di rumore x X BASSA x X ALTA x X BASSA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X Non corretta gestione dei rifiuti X X BASSA PULIZIA LOCALI x Consumo acqua da acquedotto x X BASSA x x x Consumo materie ausiliarie (detersivi) Consumo di energia elettrica Produzione di rifiuti (flaconi in plastica dei detersivi e acque di scarico) x X BASSA x X ALTA x X BASSA x Produzione di rifiuti (flaconi in plastica dei detersivi e acque di scarico) x X BASSA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 25

26 X Rispetto del ambiente da parte del personale dell impresa di pulizie X X BASSA CLIMATIZZAZIONE x Consumo acqua da acquedotto x X BASSA x x x Consumo energia elettrica Consumo gas naturale Produzione di rifiuti durante la manutenzione x X ALTA x X ALTA x X BASSA x x Emissioni in atmosfera Consumo di energia elettrica e gas naturale x X BASSA X X ALTA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X rottura della caldaia Emissione in atmosfera X X BASSA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 26

27 6. Controllo operativo degli aspetti ambientali Tera monitora gli aspetti ambientali diretti e indiretti conseguenti allo svolgimento delle proprie attività. I dati riportati di seguito si riferiscono al periodo , fino al primo trimestre Il trimestre viene indicato con la lettera Q (Quarter). 6.1 Aspetti ambientali diretti - Consumo di carta e toner Nello svolgimento delle proprie attività, Tera utilizza una quantità significativa di carta e toner. Perciò fin dall inizio del percorso di implementazione del sistema di gestione ambientale, l azienda ha avuto come obiettivo la riduzione dell uso di tali risorse. Per ottenere la riduzione del consumo di carta e toner, Tera persegue l ottimizzazione dei processi di gestione tecnico amministrativi al fine di ridurre il materiale stampato (documentazione fornita dal cliente) a favore di elaborazioni effettuate direttamente a video e con la piattaforma internet Energy Outsourcing System (EOS). Il 2012 ha riportato una diminuzione pro capite per consumo di carta e un incremento di consumo di toner. Tale incremento è attribuibile all acquisto e utilizzo di una nuova stampante al piano seminterrato, che ha portato a un maggior utilizzo di toner per carta utilizzata. Il consumo di toner e carta è dovuto principalmente alla stampa della normativa/regolamenti e leggi. Continua quindi la sensibilizzazione di Tera sul poter analizzare e studiare la normativa a video. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 27

28 Consumo pro capite di risme di carta Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,83 6,42 3,21 4, , Q Q Q Q Q Q Q1 2,50 3,21 1,79 1,43 0, ,92 Consumo pro capite di unità di toner Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,75 0,35 0,14 0,27 0,64 1, Q Q Q Q Q Q Q1 0,33 0,14 0,07 0 0, ,23 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 28

29 - Consumo di energia elettrica In Tera l energia elettrica è impiegata per l illuminazione dei locali, per la climatizzazione e per l alimentazione delle apparecchiature dell ufficio quali computer, stampanti ecc. Per ottenere la riduzione del consumo di energia elettrica Tera si è impegnata ad acquistare macchinari (computer, video ecc.) e impianti (illuminazione ecc.) con basso consumo di energia. Tutto il personale è stato sensibilizzato alla riduzione dei consumi energetici. I consumi di energia elettrica nel 2012 e nel primo trimestre 2013 mostrano un aumento della quota pro capite, dovuto all incremento dei server nel locale tecnico e quindi a un incremento del consumo per il condizionamento durante 24 ore per tutto l anno. Tale dato ci conferma che la climatizzazione e i server sono le principali cause di consumo rispetto alla singola postazione. Consumo pro capite di energia elettrica in kwh Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno , , , , , Q Q Q Q Q Q Q1 375,08 362,64 417,36 445, ,38 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 29

30 - Consumo di gas naturale In Tera il consumo di gas naturale è legato esclusivamente alle caldaie dell impianto di riscaldamento alimentato a gas naturale. Come stabilito dalla normativa vigente, vengono svolte la manutenzione annuale e il controllo biennale dei fumi di combustione e del rendimento delle caldaie. Tali manutenzioni vengono effettuate da una ditta esterna qualificata e registrate sui libretti di impianto. Nel corso del 2012 e nella prima parte del 2013 si sono registrati consumi di gas naturale inferiori rispetto all anno precedente. Tale diminuzione è ascrivibile al minor freddo della stagione invernale rispetto all inverno 2011/2012, che ha permesso un minor consumo per il riscaldamento degli ambienti, oltre alla chiusura completa per due settimana dell ufficio nel periodo natalizio e inizio anno. Consumo pro capite in mc di gas naturale Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,58 171,64 210,21 161, ,15* *pari a 0,41 tonnellate di CO 2 emessa 2007 Q Q Q Q Q Q Q1 188,08 165,86 182,14 203,86 168, ,23 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 30

31 - Consumo di acqua L acqua, fornita dall acquedotto comunale, è utilizzata esclusivamente per il funzionamento dei servizi igienici, per la gestione del locale ristoro, per la caldaia e per la pulizia degli ambienti di lavoro, oltre che per l innaffiamento del giardino nel periodo estivo. Il consumo della risorsa idrica mostra un incremento per il 2012 in linea con la presenza del giardino che ha sicuramente richiesto maggior inaffiamento dovuto alla scarsità di pioggia nell estate Consumo pro capite in mc di acqua Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,66 9,64 8,62 6, , Q Q Q Q Q Q Q1 7,58 1 1,71 2,14 1,73 1,36 1,54 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 31

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per le imprese Seminario Strumenti, opportunità e potenzialità dell efficienza energetica a supporto del sistema locale

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014

AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager. Novembre 2014 AzzeroCO2 : Servizi informatici, gestionali e consulenziali a servizio degli Asset Manager Novembre 2014 AZZEROCO 2 AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS

DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS ANCONA DICHIARAZIONE AMBIENTALE ai sensi del Regolamento CE 761/01 EMAS anno 2007 sede centrale in Via De Bosis, 3a - ANCONA N. Registro I-000411 1. INTRODUZIONE...3 2. L AZIENDA...4 2.1 CHI SIAMO... 4

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale

Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale Se spengo, non spreco e non spendo! Relazione finale La Settimana dell Educazione all Energia Sostenibile Dal 6 al 12 novembre si è celebrata la Settimana Nazionale dell Educazione all Energia Sostenibile,

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM V e VI: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100

VERDE COMPRA DALL IMPRESA SI TOTALE KG CO2-2.600. Kg CO2-200 -300-200 -800-1.100 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Province di: Cagliari Carbonia Iglesias Medio Campidano Nuoro Ogliastra Olbia Tempio Oristano Sassari ACQUA

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

POWERED BY SUN LEAF ROOF

POWERED BY SUN LEAF ROOF POWERED BY SUN LEAF ROOF DALLA COPERTURA COME PROTEZIONE... [...] essendo sorto dopo la scoperta del fuoco un principio di comunità fra uomini [...] cominciarono in tale assembramento alcuni a far tetti

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.)

La stazione di rifornimento. M. Rea (SOL S.p.A.) La stazione di rifornimento M. Rea (SOL S.p.A.) Chi è SOL Il Gruppo SOL Fondata nel 1927, SOL è una multinazionale italiana presente in 23 paesi con oltre 2.500 dipendenti. SOL è focalizzata in due aree

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI

PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI PROCESS DESIGN: STRUMENTI, ESEMPI E METODI G. Noci e E. Pizzurno I N D I C E 1. LA RILEVANZA DELLA PROBLEMATICA AMBIENTALE 246 2. LE OPZIONI STRATEGICHE A DISPOSIZIONE DELLE IMPRESE 247 3. IL PROCESSO

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE N.B. Qualora ritenga importante integrare il questionario con commenti particolari o chiarimenti che ritiene importanti può farlo scrivendo quanto ritiene opportuno nello

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli