La gestione dell energia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione dell energia"

Transcript

1 La gestione dell energia 20 luglio 2009 International Energy Consultants Dichiarazione Ambientale Redatta secondo il Regolamento CE n. 1221/2009

2 INDICE 1. Introduzione Pag Chi è TERA Pag L Azienda Pag I nostri servizi Pag I nostri valori Pag La politica ambientale Pag Il sistema di gestione ambientale Pag Gli aspetti ambientali Pag Identificazione attività, prodotti e servizi Pag Identificazione degli input e output di attività, prodotti e servizi Pag Identificazione delle condizioni normali, anomale e di emergenze delle attività Pag Identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita all attività Pag Identificazione degli aspetti ambientali significativi Pag Valutazione del grado di priorità di intervento Pag Controllo operativo degli aspetti ambientali Pag Aspetti ambientali diretti Pag Consumo di carta e toner Pag Consumo di energia elettrica Pag Consumo di gas naturale Pag Consumo di acqua Pag. 31 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 2

3 - Produzione e gestione rifiuti Pag Aspetti ambientali indiretti Pag Consumo TEP da parte dei clienti Pag Rispetto ambientale da parte dei fornitori Pag Gestione delle emergenze Pag Inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Pag Rottura delle caldaie Pag Incendio Pag Gli Obiettivi e il Programma di Miglioramento Pag Riduzione del consumo di materie prime e risorse naturali Pag Miglioramento del dialogo con gli stakeholders per diffondere la cultura ambientale e la responsabilità sociale di impresa Pag Nuovi obiettivi Pag Glossario Pag Principali requisiti legali applicabili in materia di ambiente e sicurezza Pag. 42 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 3

4 1. Introduzione La Dichiarazione Ambientale è per Tera Energy uno strumento di comunicazione delle performance ambientali delle attività svolte e si rivolge ai nostri clienti, partner, fornitori e a chiunque sia interessato ai nostri servizi. Attraverso la Dichiarazione Ambientale, Tera assume la responsabilità degli impegni di politica ambientale espressi e dei risultati ottenuti. Al fine di garantire che l informazione oltre che trasparente sia partecipata e quindi aperta alle esigenze del nostri interlocutori, offriamo a chiunque sia interessato la possibilità di inviare suggerimenti e commenti con le seguenti modalità: - Posta: Tera Energy, Via Guglielmo Marconi 55, Firenze - Telefono: Fax: Le persone di riferimento per i contatti sono: Roberto Olivieri Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale, Etico e Qualità Maria Pia Taviani Addetta al Sistema di Gestione Ambientale, Etico e Qualità II Presidente Roberto Olivieri Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 4

5 2. Chi è Tera Ragione sociale Tera Energy S.r.l. Indirizzo e località Via Guglielmo Marconi Firenze Codice NACE Settore attivato in Camera di Commercio dal 2 Maggio Altri servizi di supporto alle imprese n.c.a. Prestazione di servizi in campo energetico e ambientale, ovvero gestione dell energia, controllo e ottimizzazione dei consumi e dei costi, incluso studi per l utilizzazione razionale dell energia, misurazione dell andamento del bisogno energetico; eliminazione dei picchi, controllo e misurazione delle costanti; analisi di fattibilità in riferimento a tutte le fonti energetiche; studio di impianti di cogenerazione; auditing energetico; analisi sugli impianti con riferimento all utilizzazione, all approvvigionamento alla distribuzione di energia; diffusione delle tecnologie energetiche; servizi di formazione professionale in campo energetico e ambientale. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 5

6 2.1 L azienda Tera Energy è una società di consulenza indipendente specializzata in strategie per la gestione dei costi energetici sul mercato italiano e internazionale. In Italia siamo attivi dal 1995 con medie e grandi industrie e gruppi internazionali fornendo strumenti per ridurre i costi e gestire il rischio connesso alla volatilità dei mercati. Il target di clientela sono i medi e grandi consumatori di energia di ogni settore produttivo. La struttura operativa è composta prevalentemente dai dipartimenti di Analisi, Market Intelligence & Forecasting, Ricerca e Informazione. All inizio del 2010 è stato ristrutturato e adibito ad ambiente di lavoro il piano seminterrato dell edificio. La superficie complessiva è passata da 300 mq a 400 mq con la presenza di un giardino. Tera si occupa inoltre di utilizzo razionale dell energia e di fonti rinnovabili. E accreditata presso l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) come Energy Service Company (ESCO). Tera è inoltre certificata secondo gli standard internazionali ISO9001:2008, ISO14001:2004 e SA8000:2008. Tera ha ricevuto il Certificato di Registrazione EMAS il 14 Dicembre 2010 da parte del Comitato Ecolabel Ecoaudit Sezione EMAS Italia, con il numero identificativo IT ed è in attesa del rinnovo dal Ministero. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 6

7 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 7

8 2.2 I nostri servizi Strategic Energy Plan (SEP) Analisi SWOT (Strengths Weaknesses Opportunities Threats) Strategia di acquisto e cessione Benchmarking/Targeting Market Price Analisi normativa Market Intelligence Market Information Analisi e ricerca dei fornitori Forecasting di breve e medio/lungo termine Verifica fatture Prefatturazione Budgeting Supporto alla gestione amministrativa/burocratica Rapporti con le Istituzioni Risk Determination Risk Management Gestione produzione e autoproduzione Negoziazioni (tendering, aste on-line) Analisi mercati internazionali Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 8

9 Studi di settore (Market Value, Gas to Gas Competition) Audit energetici Studi di fattibilità per l impiego di fonti rinnovabili Studi di fattibilità per la cogenerazione e trigenerazione Richiesta e qualifica IAFR Vendita/acquisto Certificati Verdi Gestione e progettazione di interventi per l efficienza energetica Assegnazione e trading di Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi) Gestione, monitoraggio e trading CO 2 (ETS) Assistenza ai rapporti con Ufficio Tecnico della Finanza (UTF) Formazione manageriale Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 9

10 2.3 I nostri valori Qualità, Ambiente, Etica Tera è certificata ISO 9001 Qualità dal 2004 al fine di perseguire l obiettivo principale di soddisfazione della Clientela. E inoltre certificata ISO Ambiente e SA8000 Etica e Responsabilità Sociale dal 2008 e con tale Sistema di gestione integrato ha correttamente individuato i propri impatti sull ambiente e le proprie criticità sociali. Indipendenza La gestione dei costi è data dall accesso a informazioni strategiche e dalla capacità di analisi. La gestione dei costi è realizzabile se si conosce il mercato. La conoscenza del mercato vuol dire capacità di controllo. L indipendenza dell informazione vuol dire conoscere il mercato. Tera garantisce di essere advisor indipendente e neutrale. Esperienza Il nostro lavoro si basa su informazione ed esperienza. Pertanto Tera investe continuamente sulle proprie risorse non avvalendosi di collaboratori esterni. Le persone che lavorano in Tera sono tutti dipendenti su base permanente, hanno seguito percorsi formativi appropriati in Italia e all estero. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 10

11 Organigramma di Tera Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 11

12 3. La politica ambientale La tutela dell ambiente, lo sviluppo sostenibile, l etica e la responsabilità sociale e l erogazione di servizi di qualità rappresentano per Tera principi imprescindibili da rispettare e da diffondere all esterno. Tera è impegnata nel rispetto delle prescrizioni ambientali applicabili, nel monitoraggio e controllo degli impatti, nell adottare un approccio preventivo rispetto ai possibili effetti negativi per l ambiente, nel promuovere una maggiore responsabilità ambientale, nell incoraggiare l adozione di best practice e nell applicazione delle più innovatrici tecnologie ambientali. Tera aspira a creare condivisione su principi di rispetto dell ambiente ed etica con l impegno a sensibilizzare tutto il personale in merito alla prevenzione dell inquinamento, alla responsabilità sociale e all adozione di pratiche per il miglioramento delle proprie prestazioni ambientali e a garantire che tutti siano a conoscenza della politica ambientale e dei suoi obbiettivi. E di conseguenza criterio di preferenza il rispetto dei principi di responsabilità ambientale e sociale nella scelta dei fornitori e partner. Tera ritiene che la creazione di valore aggiunto per i propri clienti è strettamente legata alla promozione dell innovazione eco compatibile. Per il miglioramento dell ambiente di lavoro Tera favorisce lo sviluppo del potenziale di ciascuna risorsa e la sua crescita professionale mirando all innovazione, all efficienza e alla creatività nel rispetto dell ambiente, della personalità e della dignità di ciascuno. Imprescindibile è una comunicazione trasparente, chiara e certa sulle politiche ambientali e sul Sistema di Gestione Ambientale Etica e Qualità. Questa politica è diffusa a tutto il personale e sarà disponibile al pubblico. La sua conoscenza rappresenta la base per stabilire e riesaminare i nostri obiettivi e i traguardi e permetterà a ognuno di impegnarsi, nell ambito delle proprie competenze, a contribuire al miglioramento continuo delle prestazioni ambientali, etiche e di innovazione della propria attività e dell organizzazione. Il Presidente Roberto Olivieri Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 12

13 4. Il sistema di gestione ambientale L implementazione di un Sistema di Gestione Ambientale (SGA) da parte di Tera è finalizzato al perseguimento della politica ambientale e consente, oltre all ottenimento dei vantaggi impliciti all implementazione del SGA quali conformità normative e miglior immagine pubblica, il conseguimento di un duplice obiettivo: da un lato il miglioramento continuo delle performance ambientali dell organizzazione, dall altro un miglior posizionamento strategico sul mercato. Tera ha implementato il SGA conforme ai requisiti del Regolamento CE n. 1221/2009 e della norma ISO 14001:2004, il cui campo di applicazione è rappresentato dall insieme dei servizi di consulenza nella gestione dell energia e attraverso le fasi di progettazione ed erogazione. II SGA è stato progettato in seguito all analisi delle attività, degli aspetti ambientali e delle prescrizioni normative applicabile. Sulla base dell analisi ambientale e degli impegni contenuti nella Politica Ambientale, Tera ha definito un programma che comprende obiettivi di miglioramento da raggiungere che saranno oggetto di monitoraggio periodico. Al fine di realizzare obiettivi e traguardi ambientali, Tera ha definito ruoli e responsabilità e ha pianificato tutte le operazioni associate agli aspetti ambientali significativi, diretti e indiretti, definendo procedure operative specifiche che consentano di controllarne lo svolgimento e quindi migliorare le proprie prestazioni ambientali. Tera si impegna a supportare il personale ai fini della corretta attuazione del SGA e garantisce un adeguata preparazione e risposta a incidenti o situazioni di emergenza al fine di prevenire i rischi o danni che ne possano derivare. II monitoraggio periodico sugli aspetti ambientali significativi delle attività svolte, sullo stato della conformità normativa e sul livello di raggiungimento di obiettivi ambientali è indispensabile ai fini della corretta implementazione del SGA e per verificare l effettivo miglioramento delle prestazioni ambientali di Tera nel tempo. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 13

14 Attraverso l esecuzione periodica di audit interni viene verificata l efficacia del SGA e garantito il suo corretto funzionamento al fine di perseguire obiettivi coerenti con i principi della Politica Ambientale. Riesame della Direzione. Fra i principali elementi del Riesame della Direzione emergono i risultati degli audit, le performance ambientali, di responsabilità sociale e di qualità, le azioni preventive e correttive e le segnalazioni da parte del personale. Conformità legislativa. Tera si impegna a individuare tutte le prescrizioni e normative applicabili relative agli aspetti ambientali, alla sicurezza delle attività svolte e dei servizi erogati e a mantenere nel tempo la conformità a tali requisiti. Prestazioni. Tera si impegna a migliorare continuamente le proprie prestazioni ambientali. Per verificare l effettivo miglioramento nel tempo, Tera monitora periodicamente gli aspetti ambientali significativi delle attività svolte e il livello di raggiungimento degli obiettivi. Comunicazione esterna. La comunicazione esterna garantisce la trasparenza della gestione ambientale dell azienda ed è finalizzata alla corretta gestione delle richieste e segnalazioni ambientali provenienti dall esterno e a condividere con le parti interessate gli elementi del SGA. Il SGA definisce modalità operative da adottare. Partecipazione del personale. Il personale di Tera è coinvolto attivamente nella progettazione del SGA e nella sua implementazione fin dalla fase di analisi ambientale. Esso è stato chiamato a condividere e discutere aspetti operativi del SGA attraverso la condivisione dei contenuti del manuale e la partecipazione alla redazione di procedure e istruzioni. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 14

15 5. Gli aspetti ambientali Il SGAEQ al momento di effettuare l analisi ambientale iniziale e successivamente in fase d implementazione ha provveduto a identificare gli aspetti ambientali e i relativi impatti dell organizzazione. Tali aspetti saranno aggiornati al verificarsi delle situazione di seguito elencate. Nuove prescrizioni per l organizzazione dovute a leggi nazionali/regionali/locali; Nuovi accordi sottoscritti dall organizzazione con parti interessate esterne/interne; Modifica alla politica ambientale dell organizzazione; Introduzione e/o utilizzo di nuove materie prime; Introduzione e/o utilizzo di nuove fonti di energia; Modifica di impianti/macchine già esistenti; Adozione di nuove attrezzature di lavoro; Modifiche significative alle singole attività aziendali; Modifiche ai programmi di manutenzione, misurazione e controllo; Riesame del SGA da parte della Direzione. La metodologia in base alla quale viene aggiornato l elenco degli aspetti ambientali si articola in 6 fasi: Fase 1: identificazione delle attività, prodotti e servizi dell organizzazione; Fase 2: identificazione degli input e output di ogni attività, prodotto, e servizio; Fase 3: identificazione per ogni attività delle condizioni normali e anormali nonché delle possibili emergenze e/o dei possibili incidenti; Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 15

16 Fase 4: identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita alle attività; Fase 5: valutazione della significatività degli aspetti ambientali; Fase 6: valutazione del grado di priorità d intervento. 5.1 Identificazione di attività, prodotti e servizi Le attività di Tera che possono generare aspetti ambientali diretti e indiretti sono: ATTIVITA' DI UFFICIO MANUTENZIONE ATTREZZATURE UFFICIO PULIZIA LOCALI CLIMATIZZAZIONE 5.2 Identificazione degli input e output di attività, prodotti e servizi Per ognuna delle attività individuate vengono indicate: Il luogo di svolgimento dell attività Gli impianti, le macchine e le altre attrezzature di lavoro utilizzate Le materie in entrata Le fonti di energia utilizzate I prodotti/servizi in uscita Eventuali aspetti ambientali indiretti Le eventuali note di supporto Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 16

17 Tabella A.1 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Attività di ufficio Aspetti ambientali generati: Diretti e indiretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature PC, stampanti, fax, fotocopiatrice D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Carta Cancelleria varia Uso delle risorse idriche E) Uso delle fonti di energia Elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Report delle attività di consulenza Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Scarichi in ambiente idrico Carta e plastica (materiali raccolti e riciclati) Scarichi dei bagni Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Consumo TEP Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 17

18 Tabella A.2 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Manutenzione attrezzature ufficio Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature PC, stampanti, fax, fotocopiatrice D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Toner Uso delle risorse idriche E) Uso delle fonti di energia F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti RAEE, Toner Scarichi in ambiente idrico Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Non corretta gestione dei rifiuti da parte dei manutentori Note La manutenzione viene effettuata dal personale interno e da aziende esterne. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 18

19 Tabella A.3 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Pulizia locali Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Locali palazzina uffici C) Impianti, macchine e attrezzature Aspirapolvere D) Materie in entrata Uso delle materie prime Uso delle materie ausiliarie Uso delle risorse idriche Acqua d acquedotto Detersivi Limitata ai lavori di pulizia E) Uso delle fonti di energia Elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Scarichi in ambiente idrico Flaconi in plastica dei detersivi Acque chiare Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Rispetto dell ambiente da parte del personale delle imprese di pulizie Note Servizio fornito da impresa esterna Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 19

20 Tabella A.4 ARGOMENTO DESCRIZIONE A) Attività Climatizzazione Attività che genera aspetti ambientali: Diretti B) Luogo di esecuzione Uffici C) Impianti, macchine e attrezzature Impianto di riscaldamento alimentato a gas metano e splitter alimentati a energia elettrica e gas R410, comandati con timer e termostati. D) Materie in entrata Uso delle materie prime Acqua da acquedotto Uso delle materie ausiliarie Uso delle risorse idriche Acqua da acquedotto E) Uso delle fonti di energia Gas naturale ed energia elettrica F) Prodotti in uscita Prodotti o servizi in uscita Emissioni in atmosfera Gestione dei rifiuti Aria calda e aria fredda Vapori emessi durante le attività Durante la manutenzione Scarichi in ambiente idrico Produzione di rumore G) Aspetti ambientali indiretti Note Tutti gli impianti sono sottoposti a regolare controllo e manutenzione Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 20

21 5.3 Identificazione delle condizioni normali, anomale e di emergenza delle attività Il SGAEQ in collaborazione con i responsabili di ogni area operativa ha definito di seguito tutte le condizioni prevedibili, pertinenti all attività indicate nelle varie tabelle A. Le condizioni individuate sono quelle prevedibili che generano o possono generare impatti ambientali su cui il personale di Tera può esercitare un influenza o un certo controllo. Tali condizioni includono: ATTIVITÀ CONDIZIONI CONDIZIONI EMERGENZE E/O NORMALI ANORMALI INCIDENTI Attività di ufficio Svolgimento attività con l utilizzo di attrezzature quali PC, stampanti ecc Emergenza incendio. Inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Manutenzione Manutenzione, Errore di Emergenza incendio. attrezzature ufficio sostituzione toner, filtri manutenzione. e altro materiale di consumo. Pulizia dei locali Svolgimento attività con l utilizzo di attrezzature e prodotti idonei. Climatizzazione Avviamento, marcia, arresto e manutenzione del sistema. Errore umano nell utilizzo dei prodotti. Bruciatori fuori taratura e ostruzione della canna fumaria. Emergenza incendio. Emergenza incendio. Rottura della caldaia. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 21

22 5.4 Identificazione degli aspetti ambientali correlati a ogni condizione operativa riferita alle attività Per ogni attività (attività di ufficio, manutenzione attrezzature ufficio, pulizie dei locali e climatizzazione), sono stati individuati gli aspetti ambientali di interesse per le azioni di svolgimento delle attività in condizioni normali, anormali e di emergenza (vedi tabella riassuntiva B). 5.5 Identificazione degli aspetti ambientali significativi Sono stati considerati aspetti ambientali diretti e indiretti significativi quelli che interessano almeno uno dei seguenti criteri: 1) Criteri di politica ambientale: aspetti specificatamente considerati nella Politica Ambientale; 2) Criteri legali: aspetti che sono oggetto di specifica regolamentazione nazionale/regionale/locale; 3) Criteri di tutela ambientale: aspetti che possono provocare impatti sull ambiente di grave entità, anche se la probabilità di accadimento è bassa; 4) Criteri sociali: aspetti che possono provocare grave pregiudizio per l immagine pubblica di Tera; aspetti che possono provocare pregiudizio ai rapporti con le parti interessate. (vedi tabella riassuntiva B) Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 22

23 5.6 Valutazione del grado di priorità d intervento Una volta identificati gli aspetti ambientali significativi, Tera definisce le priorità d intervento su tali aspetti. La priorità d intervento è definita: Alta: nei casi in cui Tera può esercitare un azione diretta sull aspetto ambientale; azione grazie alla quale è possibile ottenere un miglioramento ambientale significativo. Bassa: nei casi in cui Tera può esercitare soltanto un azione indiretta sull aspetto ambientale; azione esclusivamente di sensibilizzazione. (vedi tabella riassuntiva B) Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 23

24 TABELLA B ATTIVITÀ CONDIZIONE ASPETTI Normale Anormale Emergenza AMBIENTALI DIR. IND. SIGNIFICATIVITA PRIORITA DI INTERVENTO ATTIVITÀ DI UFFICIO x Consumo carta x x ALTA x Consumo energia elettrica x x ALTA x Consumo acqua x x BASSA x Produzione di rifiuti (carta e plastica) x X ALTA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X inserimento accidentale sirena di allarme antintrusione Produzione di rumore X X BASSO x Consumo TEP x X BASSA MANUTENZIONE ATTREZZATURE UFFICIO x Consumo toner x X ALTA x Produzione di rifiuti (Toner e RAEE) x X ALTA x Produzione di rifiuti (Toner e RAEE) x X ALTA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 24

25 x x x Consumo di materiali ausiliari Consumo energia elettrica Produzione di rumore x X BASSA x X ALTA x X BASSA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X Non corretta gestione dei rifiuti X X BASSA PULIZIA LOCALI x Consumo acqua da acquedotto x X BASSA x x x Consumo materie ausiliarie (detersivi) Consumo di energia elettrica Produzione di rifiuti (flaconi in plastica dei detersivi e acque di scarico) x X BASSA x X ALTA x X BASSA x Produzione di rifiuti (flaconi in plastica dei detersivi e acque di scarico) x X BASSA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 25

26 X Rispetto del ambiente da parte del personale dell impresa di pulizie X X BASSA CLIMATIZZAZIONE x Consumo acqua da acquedotto x X BASSA x x x Consumo energia elettrica Consumo gas naturale Produzione di rifiuti durante la manutenzione x X ALTA x X ALTA x X BASSA x x Emissioni in atmosfera Consumo di energia elettrica e gas naturale x X BASSA X X ALTA X incendio Emissioni in atmosfera X X BASSA X incendio Produzione di calore x X BASSA X incendio Produzione di odori x X BASSA X rottura della caldaia Emissione in atmosfera X X BASSA Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 26

27 6. Controllo operativo degli aspetti ambientali Tera monitora gli aspetti ambientali diretti e indiretti conseguenti allo svolgimento delle proprie attività. I dati riportati di seguito si riferiscono al periodo , fino al primo trimestre Il trimestre viene indicato con la lettera Q (Quarter). 6.1 Aspetti ambientali diretti - Consumo di carta e toner Nello svolgimento delle proprie attività, Tera utilizza una quantità significativa di carta e toner. Perciò fin dall inizio del percorso di implementazione del sistema di gestione ambientale, l azienda ha avuto come obiettivo la riduzione dell uso di tali risorse. Per ottenere la riduzione del consumo di carta e toner, Tera persegue l ottimizzazione dei processi di gestione tecnico amministrativi al fine di ridurre il materiale stampato (documentazione fornita dal cliente) a favore di elaborazioni effettuate direttamente a video e con la piattaforma internet Energy Outsourcing System (EOS). Il 2012 ha riportato una diminuzione pro capite per consumo di carta e un incremento di consumo di toner. Tale incremento è attribuibile all acquisto e utilizzo di una nuova stampante al piano seminterrato, che ha portato a un maggior utilizzo di toner per carta utilizzata. Il consumo di toner e carta è dovuto principalmente alla stampa della normativa/regolamenti e leggi. Continua quindi la sensibilizzazione di Tera sul poter analizzare e studiare la normativa a video. Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 27

28 Consumo pro capite di risme di carta Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,83 6,42 3,21 4, , Q Q Q Q Q Q Q1 2,50 3,21 1,79 1,43 0, ,92 Consumo pro capite di unità di toner Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,75 0,35 0,14 0,27 0,64 1, Q Q Q Q Q Q Q1 0,33 0,14 0,07 0 0, ,23 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 28

29 - Consumo di energia elettrica In Tera l energia elettrica è impiegata per l illuminazione dei locali, per la climatizzazione e per l alimentazione delle apparecchiature dell ufficio quali computer, stampanti ecc. Per ottenere la riduzione del consumo di energia elettrica Tera si è impegnata ad acquistare macchinari (computer, video ecc.) e impianti (illuminazione ecc.) con basso consumo di energia. Tutto il personale è stato sensibilizzato alla riduzione dei consumi energetici. I consumi di energia elettrica nel 2012 e nel primo trimestre 2013 mostrano un aumento della quota pro capite, dovuto all incremento dei server nel locale tecnico e quindi a un incremento del consumo per il condizionamento durante 24 ore per tutto l anno. Tale dato ci conferma che la climatizzazione e i server sono le principali cause di consumo rispetto alla singola postazione. Consumo pro capite di energia elettrica in kwh Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno , , , , , Q Q Q Q Q Q Q1 375,08 362,64 417,36 445, ,38 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 29

30 - Consumo di gas naturale In Tera il consumo di gas naturale è legato esclusivamente alle caldaie dell impianto di riscaldamento alimentato a gas naturale. Come stabilito dalla normativa vigente, vengono svolte la manutenzione annuale e il controllo biennale dei fumi di combustione e del rendimento delle caldaie. Tali manutenzioni vengono effettuate da una ditta esterna qualificata e registrate sui libretti di impianto. Nel corso del 2012 e nella prima parte del 2013 si sono registrati consumi di gas naturale inferiori rispetto all anno precedente. Tale diminuzione è ascrivibile al minor freddo della stagione invernale rispetto all inverno 2011/2012, che ha permesso un minor consumo per il riscaldamento degli ambienti, oltre alla chiusura completa per due settimana dell ufficio nel periodo natalizio e inizio anno. Consumo pro capite in mc di gas naturale Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,58 171,64 210,21 161, ,15* *pari a 0,41 tonnellate di CO 2 emessa 2007 Q Q Q Q Q Q Q1 188,08 165,86 182,14 203,86 168, ,23 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 30

31 - Consumo di acqua L acqua, fornita dall acquedotto comunale, è utilizzata esclusivamente per il funzionamento dei servizi igienici, per la gestione del locale ristoro, per la caldaia e per la pulizia degli ambienti di lavoro, oltre che per l innaffiamento del giardino nel periodo estivo. Il consumo della risorsa idrica mostra un incremento per il 2012 in linea con la presenza del giardino che ha sicuramente richiesto maggior inaffiamento dovuto alla scarsità di pioggia nell estate Consumo pro capite in mc di acqua Anno 2007 Anno 2008 Anno 2009 Anno 2010 Anno 2011 Anno ,66 9,64 8,62 6, , Q Q Q Q Q Q Q1 7,58 1 1,71 2,14 1,73 1,36 1,54 Aggiornamento alla Dichiarazione Ambientale Aprile 2013, dati aggiornati al Pag. 31

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie

Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie 2 Un esempio di manuale operativo: la gestione della norma ISO 14001 nel settore delle tipografie L esempio di manuale operativo che qui si propone analizza il caso dell azienda tipografica (attività di

Dettagli

Analisi Ambientale (AA)

Analisi Ambientale (AA) Sistema di Gestione Ambientale Analisi Ambientale (AA) Revisione: 02 Data: 27/02/2013 Redatto da: P. Novello Verificato da: P. Novello Approvato da: A. Marini INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. PREMESSA

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema

Sistema di Gestione Sicurezza e Salute sul Lavoro. Manuale del Sistema Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Manuale del SGSL M Rev 01 del 10/06/2013 Sistema di Gestione Sicurezza

Dettagli

Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria

Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria energy solution Servizi per le Imprese Energy Intensive e Industria Expertise Cosa possiamo fare per la tua Azienda? NRG.it è una Energy Service Company, certificata ISO 9001/2008 e UNI CEI 11352/2010

Dettagli

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ

3 DECALOGO DELLA QUALITÀ GENERALITÀ 1 / 10 Sommario Generalità 1 Politica della Qualità 3 DECALOGO DELLA QUALITÀ 4 Politica Ambientale PREVENZIONE 7 FORMAZIONE CULTURA ED ATTEGGIAMENTO 8 COMUNICAZIONE 8 COLLABORAZIONE CON FORNITORI

Dettagli

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI

Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Convegno: Efficienza Energetica: opportunità e casi di eccellenza Venerdì 23 marzo 2012 IL CONTRATTO SERVIZIO ENERGIA UN OPPORTUNITA PER IMPRESE E CLIENTI Relatore: Ing. Maurizio Landolfi Consumi energetici

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) COMUNE DI GREVE IN CHIANTI Provincia di Firenze Servizio nr. 6 Ambiente e Patrimonio GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2001 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1.

Dettagli

Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. Ing. Fabrizio Caldi. Firenze 29 Luglio 2009 Ing. Fabrizio Caldi

Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. Ing. Fabrizio Caldi. Firenze 29 Luglio 2009 Ing. Fabrizio Caldi Consorzio Romagna Energia S.c.p.A. 1 Ing. Fabrizio Caldi PROGRAMMA PREMESSA I MERCATI PER L AMBIENTE IL RISPARMIO ENERGETICO E LE OPPORTUNITA DI MERCATO 2 PREMESSA 3 PREMESSA DIPENDENZA ENERGETICA NEL

Dettagli

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care

1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 1. B - Caratteristiche essenziali e modalità applicative del Sistema di Gestione Responsible Care 20 gennaio 2009 INDICE Sezione Contenuto 1. Il programma Responsible Care: scopo e campo di applicazione

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013

INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 INCONTRO CON I SOCI TEATRO COMUNALE BUSNELLI Dueville (VI) - 13 Maggio 2013 1 Il progetto Il progetto acquisti centralizzati è stato studiato da e-globalservice per offrire ai consorziati del Consorzio

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

HOTEL IL CHIOSTRO. Dichiarazione Ambientale 2013-2016

HOTEL IL CHIOSTRO. Dichiarazione Ambientale 2013-2016 Opera Diocesana di Preservazione della Fede HOTEL IL CHIOSTRO Dichiarazione Ambientale 2013-2016 Aggiornamento annuale 2014 delle informazioni ambientali Dati aggiornati al 30/9/2014. Documento emesso

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG

I PROMOTORI I DESTINATARI OBIETTIVI I SETTORI. Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG 3 I PROMOTORI Società di servizi energetici accreditate presso l Autorità Energia Elettrica e Gas AEGG I DESTINATARI - Sistema Produttivo - Pubblica Amministrazione - Cittadini OBIETTIVI Incentivare il

Dettagli

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo

Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Il Verificatore ambientale EMAS: accreditamento e funzioni Capra Bertrand, Soraci Mariangela, Parrini Vincenzo Premessa L attuazione di uno schema di certificazione prevede, al fine della sua credibilità,

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90.

ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. GLOSSARIO ITEM L abitazione è precedente o successiva alla data di entrata in vigore della Legge 46/90. FATTORE DI RISCHIO CONNESSO La Legge 5 marzo 1990, n 46 (pubblicata sulla G.U. n 59) del 12.3.1990

Dettagli

MASTER GESTIONE INTEGRATA

MASTER GESTIONE INTEGRATA MASTER GESTIONE INTEGRATA ESPERTI in SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE: QUALITA, AMBIENTE E SICUREZZA ISO serie 9000, ISO serie 14000, OHSAS 18001, OHSAS 18002, ISO 22000, ISO 27001, Reg. EMAS, ISO 19011,

Dettagli

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica.

Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. Energy Manager. Un interprete per l efficienza energetica. La figura dell Energy Manager (EM) è stata introdotta con la Legge 10/91. L articolo 19 dispone infatti la nomina annuale di un tecnico responsabile

Dettagli

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS

BILANCIO AMBIENTALE. Cav. Lav. Domenico Bosatelli, Presidente di GEWISS BILANCIO AMBIENTALE 2012 GEWISS ha sempre superato di slancio tutte le sfide più importanti scommettendo sull innovazione e investendo nello sviluppo di nuovi prodotti. I traguardi che ci attendono saranno

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale

Parte 2: requisiti di competenza per le attività di audit e della certificazione di sistemi di gestione ambientale 1 Per conto di AICQ CN 1 Autore Giovanni Mattana Presidente AICQ CN Presidente della Commissione UNI Gestione per la Qualità e Metodi Statistici PECULIARITÀ DEL DOCUMENTO Il quadro di definizione delle

Dettagli

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale

Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale Strumenti di miglioramento: la certificazione ambientale La spirale perversa LEGGI SOCIALI ED AMBIENTALI PIÙ RESTRITTIVE POLITICI INDUSTRIA PERCEZIONE NEGATIVA DEGLI STAKEHOLDER PRESSIONE PER UNA MIGLIORE

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA

MANUALE DI GESTIONE AMBIENTALE COMUNE DI OFFIDA NOR DI RIFERIMENTO UNI EN ISO 14001:2004 Pagina 1 di 14 NUALE DI GESTIONE COMUNE DI OFFIDA COPIA CONTROLLATA N 01 COPIA NON CONTROLLATA Rev Data Descrizione Rif. Paragr. Rif. pagina Note 0 Mag.2005 Prima

Dettagli

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti

Nuovi Decreti Impianti Termici. Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti Nuovi Decreti Impianti Termici Esercizio, Conduzione, Manutenzione, Controllo, Ispezione degli impianti 1.1 Ambiti di intervento e finalità Definizioni: Esercizio: attività che dispone e coordina, nel

Dettagli

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la

Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la Libretto di impianto e Registro dell apparecchiatura per gli impianti di climatizzazione estiva e le pompe di calore elettriche per la climatizzazione estiva e invernale Obblighi e prescrizioni di legge

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS

CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS CORSI E.N.E.A. DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER ENERGY MANAGERS Ing. Sandro Picchiolutto IL SISTEMA DI GESTIONE DELL ENERGIA PREMESSE I Servizi costituiscono il 70% del PIL e della occupazione

Dettagli

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia

Consip SIE 3. Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3. Servizio Integrato Energia Consip SIE 3 Servizio Integrato Energia per le Pubbliche Amministrazioni Tempi rapidi e risultati garantiti di efficienza energetica con la convenzione SIE3 La Pubblica Amministrazione è attualmente impegnata

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi

Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi Corso di Formazione per Gestori Impianti Sportivi La sicurezza sui luoghi di lavoro Norme di sicurezza per costruzione e gestione impianti sportivi Ing. Luca Magnelli Firenze 19 ottobre 2010 D.M. 18 marzo

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. BS OHSAS 18001 (ed. 2007) 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA BS OHSAS 18001 (ed. 2007) Rev. 0 del 13/01/09 1/10 progetto Tecnico OHSAS 18001 Premessa La norma OHSAS 18001 rappresenta uno

Dettagli

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica

Consulenza e Gestione TEE - Generare valore economico dall efficienza energetica JPE2010 ha ottenuto la certificazione secondo la UNI CEI 11352, la norma italiana che stabilisce i requisiti per le società che svolgono il ruolo di Energy Service Company Jpe 2010 S.c.r.l. E.S.Co. Via

Dettagli

IL CICLO DELLE RISORSE ALIMENTARI Sostenibilità ambientale della produzione alimentare: trasformazione,trasporto,distribuzione 14 maggio 2009 Massimo Mauri ARPA Lombardia Indice: 1. Sostenibilità e salubrità

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net

Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net Via Tirone, n. 11 00146 Roma Tel. 06/45213469 Fax 06/45213301 e-mail: info@medisrl.net - web site: www.medisrl.net LA POLITICA E LA MISSION La MEDI srl opera nel settore della Progettazione, Smontaggi,

Dettagli

Fornitori d Eccellenza

Fornitori d Eccellenza Fornitori d Eccellenza Dal 1994 Consulenza e Formazione Aziendale www.gestaonline.it Sistemi gestionali Sicurezza sul lavoro Ambiente Modelli 231 Direzione aziendale La nostra missione è quella di aiutare

Dettagli

Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo

Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo CIRDER Centro Interdipartimentale di Ricerca e Diffusione delle Energie Rinnovabili Viterbo, 11 novembre 2014 Ing. Sonia Castellucci Ing. Giannone Bartolo INTRODUZIONE ALLA GIORNATA: progetto Tuscia Sostenibile

Dettagli

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici

Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Gli adempimenti dei Comuni previsti dal DM n. 37/2008 in materia di sicurezza di impianti negli edifici Dichiarazione di conformità Dichiarazione di rispondenza 1 La dichiarazione di conformità Progetto

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità

Diagnosi Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Energetica: da obbligo normativo ad opportunità Risparmi OBBLIGO NORMATIVO Il Decreto Legislativo 102/2014 obbliga le Grandi Imprese e le Imprese Energivore a svolgere una Energetica a norma entro il 5

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO. www.fenenergia.com

UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO. www.fenenergia.com UNO SGUARDO SUL NOSTRO FUTURO www.fenenergia.com Essere sostenibili significa creare valore per gli stakeholder utilizzando le risorse in modo da non compromettere i fabbisogni delle generazioni future

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA RATIONAL ENERGY SOLUTIONS IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA Strategie, procedure, esperienze IL GRUPPO SBS Una realtà industriale leader per tecnologie e competenze 100 milioni di fatturato, 240 addetti,

Dettagli

AUDIT ENERGETICO. Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi. 20 Maggio 2014. Paolo Torri

AUDIT ENERGETICO. Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi. 20 Maggio 2014. Paolo Torri AUDIT ENERGETICO Efficienza energetica nell'industria interventi e casi applicativi 20 Maggio 2014 AUDIT ENERGETICI Cos è Cosa Come Analisi degli usi e dei consumi energetici di un organizzazione attuata

Dettagli

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015

SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 SERVIZIO PULIZIA LOCALI CRITERI AMBIENTALI ED ENERGETICI V01 MAGGIO 2015 PREMESSA Guida alla lettura del documento: I criteri ambientali di seguito suggeriti sono estratti dal DM 24 maggio 2012 (G.U. n.

Dettagli

13.3 Sistemi di gestione ambientale

13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3 Sistemi di gestione ambientale 13.3.1 La certificazione ambientale Il continuo incremento della produzione industriale e l espansione delle aree urbane comportano un aumento della pressione antropica

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT

IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE ZEM ZUCCHETTI ENERGY MANAGEMENT IL SISTEMA GLOBALE PER LA GESTIONE INTELLIGENTE DELLE RISORSE ENERGETICHE 02 IL SISTEMA DEDICATO ALL ENERGY MANAGEMENT CHE RIDUCE COSTI E CONSUMI Gestione intelligente delle informazioni energetiche degli

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELLA LEGGE REGIONALE 13/2007 IN MATERIA DI IMPIANTI TERMICI Sommario Le principali novità introdotte dalla normativa statale e regionale Normativa Tecnica

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica

Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Il nuovo Libretto d impianto per la climatizzazione e i nuovi rapporti di controllo efficienza energetica Anna Martino CTI Comitato Termotecnico Italiano Energia e Ambiente Ente federato UNI Venerdì 23

Dettagli

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni

Codice Ambientale. Scopo e campo di applicazione. Definizioni Codice Ambientale Scopo e campo di applicazione Il presente documento, regola le norme che il personale della Società Nava deve rispettare nell esecuzione dei servizi di pulizia in merito alle modalità

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.) Sportello Unico dell Edilizia del Comune di GROPPARELLO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31 e s.m.i.) TITOLARE

Dettagli

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014

IL NUOVO CONTRATTO DI GLOBAL SERVICE 2008-2014 Patrocinio Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura - Dipartimento di Scienze per l'architettura Dottorato di Ricerca in "Recupero Edilizio ed Ambientale" Provincia di Genova CONVEGNO FACILITY

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

Indice. Prefazione 13

Indice. Prefazione 13 Indice Prefazione 13 1 Energia e sostenibilità: il ruolo chiave dell Energy 15 management 1.1 Sviluppo sostenibile e sistemi energetici 16 1.2 Il contesto delle politiche energetiche: competitività, energia

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali

Le certificazioni ambientali. Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Le certificazioni ambientali Sistemi di gestione ambientale - ISO 14001 - EMAS Certificazione ambientale di prodotto - Ecolabel - Marchi nazionali Evoluzione storica L attenzione alle questioni ambientali

Dettagli

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Premessa L assunzione del presente incarico da parte del Manutentore è subordinata all accertamento delle conformità

Dettagli

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner

Ingegneria Qualità e Servizi. Engineering Process Owner Ingegneria Qualità e Servizi Engineering Process Owner Gestione Aziendale Sostenibilità Ambientale Efficienza Energetica Infrastrutture e Costruzioni Chi è è una società di consulenza, che opera dal 1995

Dettagli

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI

LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI LA CLIMATIZZAZIONE DEGLI AMBIENTI Guida per l esercizio, controllo e manutenzione degli impianti termici Realizzato da ENEA nell ambito delle attività di informazione e formazione del Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per Enti Locali

Federesco. Le Energy Service Company. La situazione a livello nazionale e opportunità per Enti Locali Federesco Le Energy Service Company La situazione a livello nazionale e opportunità per Enti Locali Seminario Efficienza energetica del patrimonio pubblico: impegni e opportunità per gli enti locali Reggio

Dettagli

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP

Milano, 21 marzo 2012. Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP Azioni ambientali di UBI BANCA e CDP INDICE Strategia aziendale in materia di clima La policy ambientale e il codice etico La loro applicazione Il programma energetico Le opportunità derivanti da CDP 2

Dettagli

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti

1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti 1. Denominazione/Ragione sociale/riferimenti ENERGIKA S.r.l. Via Nuova circonvallazione, 57/D - 47923 RIMINI REA: 53992/1997 Assistenza clienti dalle ore 09,00-18,00 dal lunedì al venerdì: 199 44 55 10

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida.

LICEO SCIENTIFICO STATALE GIOVANNI DA PROCIDA via De Falco, 2 84126 Salerno 089 236665 info@liceodaprocida.it www.liceodaprocida. 3 L EDIFICIO SCOLASTICO 3.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO SCOLASTICO 3.1.1.IMPIANTO TERMICO CENTRALE -E presente all interno dell edificio nel piano seminterrato il locale caldaie. Ciascuna delle due caldaie

Dettagli

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione

Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Efficienza energetica: i servizi di illuminazione Aprile 2013 1Beghelli Servizi Srl Quadro normativo Nel 2007 la Commissione Europea ha introdotto degli obiettivi quantitativi in materia di efficienza

Dettagli

Dachs. Microcogenerazione ad alto rendimento. Vai oltre i sistemi tradizionali. Scegli il massimo!

Dachs. Microcogenerazione ad alto rendimento. Vai oltre i sistemi tradizionali. Scegli il massimo! Dachs Microcogenerazione ad alto rendimento. Vai oltre i sistemi tradizionali. Scegli il massimo! 1 La microcogenerazione ad alto rendimento I sistemi di generazione elettrica tradizionali sono caratterizzati

Dettagli

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico

Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento. Opuscolo tecnico Guida per realizzare un impianto di teleriscaldamento Opuscolo tecnico Che cos è il teleriscaldamento Il Gruppo Hera, una delle più importanti multiutility italiane che opera nei servizi dell ambiente,

Dettagli

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015

Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Investimenti, tecnologie e servizi incentivabili ai sensi del Fondo Energia Reggio Emilia, 1 luglio 2015 Agenda 1- Il Gruppo CertiNergy e CertiNergia 2- Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE

IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE IL SUPPORTO DELLA CONSULENZA NEL PROGRAMMA DI CERTIFICAZIONE AMBIENTALE GIANPAOLO QUATRARO Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Il supporto della consulenza nel programma ambientale 1 Il

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Report di Smart Reporting. Esempio Hotel Ottobre 2012

Report di Smart Reporting. Esempio Hotel Ottobre 2012 Report di Smart Reporting Esempio Hotel Ottobre 212 Agenda We ReFeel The World Report Introduzione e premesse 3 Metodologia e Note specifiche 4 Smart Metering: meters e utenze monitorate 5 Analisi consumi

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

L ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI DEL COMUNE DI RIVOLI E RELATIVA PRE-DIAGNOSI: una esperienza replicabile non solo per PA

L ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI DEL COMUNE DI RIVOLI E RELATIVA PRE-DIAGNOSI: una esperienza replicabile non solo per PA L ANALISI DEI CONSUMI ENERGETICI DEL COMUNE DI RIVOLI E RELATIVA PRE-DIAGNOSI: una esperienza replicabile non solo per PA Spunti e consigli operativi per i soggetti interessati all applicazione del metodo

Dettagli

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA

FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA ENERGETICA FOTOVOLTAICO ED EFFICIENZA ENERGETICA PROGETTO R.A.M.E. LE ESCO E L EFFICIENZA L ENERGETICA FERMO 24 Marzo 2006 Teatro dell Aquila Ing. Simone Capriotti Ing. Maurizio Croce Ing. Giacomo Detto In collaborazione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014

SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001. Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 SISTEMA DI GESTIONE ENERGIA ISO 50001 E APPLICATIVI DI SUPPORTO Gruppo CAP 22 OTTOBRE-2014 Il territorio del Gruppo copre 186 comuni nelle province di Milano, Monza e Brianza, Pavia, Como e Varese I NUMERI

Dettagli

SIRAM al servizio del progresso energetico

SIRAM al servizio del progresso energetico SIRAM al servizio del progresso energetico Il Gruppo Siram in Italia SIRAM SPA Leader in Italia nei servizi energetici e multitecnologici per il mercato Pubblico e Privato sede legale Milano 4 Unità di

Dettagli

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese

Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Decreto Efficienza Energetica (102/14) Implicazioni e nuove prospettive per le imprese Gianluca Riu, Direttore Impianti Energia Gruppo Egea Energie a servizio del territorio 22-24 maggio 2015 mercoledì

Dettagli

Le logiche di azione delle Esco nel settore

Le logiche di azione delle Esco nel settore Seminario Il risparmio energetico per il trasporto ADR: l opportunità dei certificati bianchi Le logiche di azione delle Esco nel settore Claudio G. Ferrari Presidente Roma, 29 ottobre 2015 1 (1) FEDERESCO

Dettagli