ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMANTALLE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE PIANO AZIENDALE 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMANTALLE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE PIANO AZIENDALE 2014"

Transcript

1 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMANTALLE DELL UMBRIA E DELLE MARCHE PIANO AZIENDALE

2 Introduzione Conformemente agli indirizzi di programma del Ministero della Salute e delle Regioni Umbria e Marche, sono stati elaborati, d intesa con il Direttore Sanitario e il Direttore Amministrativo, previa consultazione dei Direttori di Struttura Complessa e successiva validazione da parte del Nucleo di Valutazione nella seduta dello scorso 23/12/2013, gli Obiettivi Strategici e il Piano di Attività per l anno Gli Obiettivi Strategici tengono conto della necessità di procedere alla stesura del nuovo Statuto, del regolamento interno dei servizi amministrativi e della nuova dotazione organica. Tali attività, previste dal D.lgs 106/2012 sul riordino degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali, recepito dalle Regioni Umbria e Marche, rispettivamente con la L.r. n. 28 del 20/11/2013 e L.r. 40 del 25/11/2013. Il Piano di attività tiene conto: 1. degli indirizzi generali definiti dal Consiglio di Amministrazione dell Istituto di concerto con i rappresentanti delle due Regioni di competenza edelle risultanze della Conferenza dei Servizi del 26/10/2012, del 14/06/2013 e del 07/02/2014; 2. di quanto stabilito a livello nazionale dal Ministero della Salute, anche in recepimento di norme comunitarie in tema di azioni nel contesto della Sanità Pubblica Veterinaria; 3. del Piano Sanitario Nazionale; 4. dei Piani Sanitari Regionali Umbria e Marche; 5. del Piano Anticorruzione e Trasparenza l. 190/2012; 6. del complesso delle attività di carattere territoriale, quale elemento di riferimento per la programmazione delle attività tecnico scientifiche ed amministrative. Nel presente documento è previsto lo svolgimento di attività e il raggiungimento di obiettivi che rappresentano la continuazione di quanto già pianificato e attuato negli ultimi anni e vengono illustrate delle linee di sviluppo come contributo alle prospettive future di crescita dell Istituto. 2

3 Linee di sviluppo Questa Direzione ed il Consiglio di Amministrazione, sono impegnati ad adeguare lo Statuto, il Regolamento per l Ordinamento Interno dei Servizi e la nuova dotazione organica, ultimi e importanti atti da compiere a seguito del recepimento da parte delle regioni Umbria e Marche del D.lgs 106/2012 sul riordino degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali. Come risposta ai cambiamenti intervenuti nel panorama tecnico - scientifico l IZSUM ha rilevato l esigenza di innovare il modello organizzativo rendendolo più adeguato. Il processo di riorganizzazione dell IZSUM, infatti, è stato avviato già nel corso del 2010, e si è poi proceduto alla stesura del nuovo regolamento per l ordinamento interno dei servizi, al quale è stata data concreta applicazione a partire dal 01/01/2012. Il richiamato D. L.gs 106/2012 rappresenta un ulteriore passaggio ed opportunità per affinare il nostro modello organizzativo ma, soprattutto, rappresenta un ulteriore passo nel percorso evolutivo e di crescita dell Ente. Gli Istituti Zooprofilattici Sperimentali hanno una storia consolidata di attività di supporto tecnico scientifico di alto livello e di ricerca. Negli ultimi anni sono stati chiamati a fronteggiare, rispondendo in maniera attenta ed efficacie, tutta una serie di sollecitazioni esterne, non ultime le emergenze sanitarie che si sono presentate a livello regionale, nazionale ed internazionale(dalla BSE all influenza aviaria alla Peste Suina Africana all Antrax agli OGM ecc.). In effetti, gli ultimi anni hanno visto un radicale cambiamento nel tipo di attività di tutti gli Istituti, che sono passati da una proiezione territoriale ad una visione più interdisciplinare ed in contesto internazionale, legato al mercato libero e globale ed ai rischi sanitari a questo collegati. Questo ha imposto una rapida evoluzione profonda in termini di obiettivi, qualità del lavoro e risorse impegnate e soprattutto di comunicazione e flusso di informazioni in tempo reale. Per continuare a crescere occorre aprirsi di più ed ampliare le collaborazioni tecnico-scientifiche rafforzando i rapporti in ambito nazionale ed internazionale, nellaconvinzione che il futuro si giocherà sempre più sul piano dell innovazione e della ricerca. 3

4 Innovazione, sviluppo e ricerca Gli investimenti nella ricerca e nell'innovazione sono fondamentali per affrontare le grandi sfide della società e contribuiscono a creare posti di lavoro, prodotti e servizi innovativi, aumentare la prosperità, migliorare la qualità della vita e promuovere i beni pubblici globali. Per la sua mission, l IZSUM non può che mantenere la ricerca e l innovazione ai primi posti tra gli elementi portanti della propria attività, nel cammino verso l eccellenza tecnologica e scientifica nel campo della Sanità Pubblica Veterinaria. Lo conferma il deciso rafforzamento tecnologico delle strutture esistenti realizzato in questi anni e l aggiornamento continuo delle strumentazioni, sempre al passo con le più recenti tecnologie scientifiche. La sfida è continuare a sostenere con successo il confronto nello scenario della ricerca a livello nazionale, ma, soprattutto, internazionale. È questo il contesto nel quale è necessario muoversi oggi in maniera sempre più agile e sicura. Nel nostro Paese si registra un inesorabile contrazione delle risorse impegnate nella ricerca; questo non risparmia neanche la ricerca sanitaria e, con essa, i fondi destinati agli istituti Zooprofilattici. La possibilità di portare avanti attività di studio avanzate deve sempre di più rivolgersi ad altre fonti economiche, in primis di fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea. Questo, però, è un ambito nel quale è sempre più forte la competizione, dove per essere efficaci è necessario rispondere in maniera adeguata, moderna e tempestiva. Compito dell IZSUM è prepararsi a questa sfida ed a quelle già alle porte, tra tutte il programma Horizon 2020, facendo tesoro delle esperienze maturate e degli obiettivi raggiunti in questi anni ed avendo alle spalle una rete di strette collaborazioni a livello regionale, nazionale e, certamente, anche internazionale da spendere nel prossimo futuro. Un elemento importante sarà la collaborazione tra settore della ricerca pubblico e mondo della produzione privata. La possibilità di creare forme di collaborazione e co-finanziamento delle attività assume una rilevanza crescente con un impulso deciso verso una ricerca avanzata ma, anche e sempre di più, vicina alle necessità del mondo industriale, finalizzata a favorire la crescita e l innovazione delle aziende presenti nel territorio (Cluster Tecnologici). Sarà essenziale, in quest ottica, l apertura dell IZSUM verso il mondo della produzione agroalimentare e farmaceutica, per intercettare i bisogni esistenti ed indirizzare, di conseguenza, i propri programmi di ricerca verso obiettivi sempre meglio finalizzati. Altrettanto importante sarà delineare procedure amministrative snelle, che facilitino il consolidamento dei rapporti di collaborazione tra IZSUM, enti di ricerca e aziende private, aprendo sempre di più alla possibilità di finanziamento di progetti di interesse comune tra pubblico e privato. 4

5 Questi fondi accessori dovranno poter essere destinati a capitoli di spesa importanti quali l acquisizione di tecnologie avanzate o, ancora di più, la formazione del personale, elemento essenziale per una struttura impegnata nel settore della ricerca. Le forti limitazioni economiche imposte negli ultimi anni riducono drasticamente le possibilità della crescita professionale dei ricercatori. È quindi auspicabile poter prevedere procedure tali da rendere più agevole l utilizzo di fondi e permettere agli operatori di usufruire di periodi di scambio e formazione professionale presso altri centri di ricerca internazionali, facilitando così anche la creazione di solidi rapporti di collaborazione tra i questi centri e l IZSUM. L ampiezza del contesto nel quale ci si muove, l innumerevole serie di fonti di potenziale finanziamento, la complessità delle regole che le governano (basti pensare alle modalità di presentazione di un progetto internazionale e di rendicontazione economica) sono sufficienti a dimostrare come, per gestirle al meglio sia necessaria un altissima professionalità ed un campo di competenze molto ampio. È quindi importante per l IZSUM dotarsi di un nucleo di risorse umane specificamente formate su queste tematiche, per permettere un efficace ricerca e distribuzione di informazioni ed offrire ai ricercatori un supporto tecnico-amministrativo di alto livello, contribuendo a facilitare il raggiungimento dell obiettivo del successo, inteso come finanziamento dei propri progetti di ricerca. 5

6 Cooperazione internazionale L apertura crescente alle collaborazioni internazionale è un altro obiettivo strategico dell IZSUM e in quest ottica si pone l impegno crescente verso attività di cooperazione nell ambito della sanità pubblica veterinaria. Ne è testimonianza tangibile l accordo con l Organizzazione Internazionale della Salute Animale (OIE) che apre alla gestione coordinata di progetti ed attività in vari teatri internazionali, così come l apertura di un canale operativo diretto con la FAO, che sta offrendo all istituto la possibilità di rendere sempre più visibili le proprie competenze e mettere a frutto il proprio expertise tecnico scientifico. L obiettivo è una cospicua partecipazione nel prossimo futuro a progetti di cooperazione (Twinnings, Taiex, ecc.) nei quali mettere a frutto il vasto ambito di specializzazioni professionali presenti in Istituto. Anche in questo contesto, però, l accesso ai finanziamenti è tutt altro che agevole; è necessario maturare conoscenze tecniche ed amministrative molto specifiche ed essere a conoscenza dei bandi e delle modalità di adesione per poter presentare proposte che possano risultare vincenti. Anche per questo l IZSUM ha necessità di dotarsi di un nucleo di risorse umane in grado di occuparsi con alta professionalità ed esperienza di questo settore, monitorando i bandi e le opportunità presenti a livello internazionale e supportando il personale tecnico-scientifico nelle procedure di presentazione o rendicontazione dei progetti. Amministrativamente dovranno essere individuati strumenti, anche economici, per incentivare la partecipazione del personale tecnico alle iniziative di cooperazione internazionale. Nuovo impulso ai centri di eccellenza dell Istituto. I Centri di referenza nazionali sono strumenti operativi, designati dal Ministero della Salute, che si caratterizzano per un'elevata competenza nei settori della sanità animale, dell'igiene degli alimenti e dell'igiene zootecnica. Dislocati presso gli Istituti Zooprofilattici, identificano dei laboratori di eccellenza, punto di riferimento sia per il Servizio sanitario nazionale, sia per le Organizzazioni Internazionali quali OMS, FAO, OIE, ed Unione Europea, che sono promotori di varie forme di collaborazione e cooperazione, per sviluppare competenze scientifiche. Dette Organizzazioni chiedono infatti ai Centri di Referenza di mettere a disposizione le tecnologie, i servizi, i prodotti diagnostici e profilattici, e la formazione per sostenere la crescita dei Paesi in via di sviluppo. 6

7 I tre Centri di Referenza dell IZSUM sono stati rafforzati con l inserimento di nuove figure professionali e con la dotazione di strumentazioni all avanguardia per far fronte alle emergenze che puntualmente si presentano nella sanità animale e nella sicurezza alimentare. Lo sforzo principale deve inoltre essere rivolto al loro definitivo inserimento in un ambito internazionale, con un percorso di progressiva qualificazione che conduca, auspicabilmente, al riconoscimento ufficiale quale laboratorio di referenza di organizzazioni sovranazionali e poter quindi spendere con maggiore facilità la loro expertise. I Centri di Referenza, grazie alla loro rete di relazioni internazionali maturate nel corso degli anni in settori di interesse emergente, costituiscono senza alcun dubbio gli interlocutori privilegiati per partecipare a progetti di ricerca internazionali; ne consegue che essi devono rappresentare il fulcro delle attività di ricerca dell intero Istituto. Pertanto verranno posti al centro delle tematiche di ricerca dell IZSUM innanzitutto, gli argomenti di interesse dei centri stessi coinvolgendo, laddove possibile, laboratori e competenze fino ad oggi poco integrati (biologia molecolare, sviluppo e produzione vaccini, sviluppo test diagnostici, proteomica, chimica ambientale). Attualizzazione e miglioramento del sistema qualità. La promozione della qualità rappresenta un esigenza culturale e tecnica di qualunque azienda moderna che offra un prodotto od un servizio. In particolare per gli IIZZSS l accreditamento sulla base della norma ISO rappresenta un pre-requisito per lo svolgimento delle attività nell ambito della sicurezza alimentare. La prevista promulgazione del nuovo assetto normativo comunitario per la salute animale ANIMAL HEALTH LAW, rende indispensabile una nuova modulazione del sistema qualità dell IZSUM ed una sua ottimizzazione anche in funzione del contenimento dei costi. Presenza sul territorio Il ruolo di riferimento storicamente svolto dall istituto zooprofilattico sperimentale di presidio territoriale, per quanto attiene le principali problematiche di Sanità Pubblica Veterinaria, deve essere mantenuto e, se possibile, ulteriormente consolidato. Oltre alle attività più tradizionali, legate al controllo delle malattie del bestiame soggette a piani nazionali e alla verifica dell igiene e sicurezza degli alimenti di origine animale e vegetale, i laboratori dell IZS forniscono, infatti, un contributo fondamentale nel valutare le problematiche sanitarie regionali in 7

8 relazione alle nuove zoonosi, alle malattie emergenti o riemergenti, ai nuovi allergeni ed inquinanti ambientali. Le esperienze degli ultimi anni confermano come queste continue sfide assumano un ruolo sempre crescente, legate alle modificate condizioni di produzione e alla dimensione globale del commercio di animali e derrate alimentari. La capacità di rispondere degli istituti diventa un requisito essenziale per continuare a svolgere nel tempo il ruolo di riferimento che hanno ricoperto nel panorama veterinario negli ultimi decenni. Questo anche attraverso il mantenimento di elevati livelli di qualità delle prestazioni, inserite in un sistema certificato che permea tutte le attività dell Istituto e che rappresenta un valore aggiunto fondamentale per i sistemi veterinari delle due regioni, riflettendosi su tutte le attività inerenti la Sanità Pubblica Veterinaria. In questi anni il contributo dell IZSUM si è tradotto in numerose attività svolte di concerto con i servizi sanitari regionali. Prima fra tutte la collaborazione alla definizione del Piano Integrato dei controlli, redatto secondo il Regolamento (CE) n.882/2004, un documento strategico che mira ad armonizzare e ad razionalizzare i controlli ufficiali in materia di alimenti, mangimi, sanità e benessere animale e sanità delle piante mediante un'opportuna considerazione dei rischi ed un adeguato coordinamento di tutti i soggetti istituzionali coinvolti. Sono poi state avviate esperienze di integrazione medico veterinaria, in particolare per la lotta alle zoonosi ed alle malattie trasmesse da vettori; ne è esempio, nelle Marche, il progetto svolto dall IZSUM in collaborazione con il Dipartimento di Prevenzione di Fabriano, che si inserisce a pieno titolo nelle strategie comunitarie di One Health. Obiettivo di salute è stata la diminuzione del rischio di diffusione delle zoonosi e delle malattie da vettori attraverso sistemi integrati di sorveglianza medico veterinaria. Nell ambito del progetto, che ha avuto avvio nel 2010, sono stati effettuati corsi di formazione per i medici di medicina generale, i pediatri, clinici ospedalieri, laboratoristi ospedalieri; sono stati prodotti e condivisi protocolli di diagnosi clinica, laboratoristica e di indagine epidemiologica, sono state elaborate linee guida sull indagine in corso di tossinfezione alimentare, è stato elaborato un protocollo di intervento di emergenza in caso di West Nile Disease, Chikungunya, Dengue. Infine, è stato avviato un servizio diagnostico per le malattie trasmesse da zecche, svolto dal laboratorio di diagnostica della sezione di Ancona, che prevede l identificazione del parassita e la ricerca dei patogeni trasmissibili. In Umbria, invece, un esperienza di particolare significato è stata l istituzione del Centro Regionale di Farmacovigilanza (Deliberazione della Giunta Regionale dell Umbria n del 26 novembre 2012), collocato funzionalmente in 8

9 Istituto, con la collaborazione della Facoltà di Medicina Veterinaria dell Università di Perugia. Il Centro, ai sensi del D. Lgs. n.190/2006, è stato chiamato a monitorare le reazioni avverse che il medicinale veterinario può provocare sugli animali, sull uomo che lo manipola e sull ambiente. In quest ambito l Istituto ha già intrapreso ricerche per monitorare il corretto utilizzo del farmaco negli allevamenti da latte e vigilare che il farmaco utilizzato risponda alle caratteristiche dichiarate dal produttore. A questo si aggiunga l istituzione del Registro tumori animali, con l obiettivo di valutare sotto il profilo epidemiologico, l incidenza di tali patologie rispetto ad una popolazione conosciuta, attraverso la classificazione e la registrazione delle diverse patologie oncologiche di interesse medico-veterinario. Nel caso di animali domestici, quali cani e gatti, che condividono con l uomo lo stesso contesto abitativo ed ambientale e di conseguenza l eventuale esposizione ai medesimi fattori oncogeni, lo studio dell andamento dei tumori può fornire informazioni molto interessanti circa l esistenza di fattori di rischio non noti provenienti dal Registro Tumori di popolazione umana ed eventualmente con quelli ambientali forniti da ARPA. Allo scopo è stato attivato il Centro funzionale di patologia veterinaria per il Registro Tumori Animali quale modalità funzionalmente integrata fra il servizio diagnostico di patologia veterinaria del Dipartimento di Scienze Biopatologiche della Facoltà di Veterinaria dell Università di Perugia ed il Laboratorio di Istopatologia e chimica-clinica dell IZSUM. Sul versante più specifico della sicurezza alimentare, in questi anni è stato sviluppato, nelle due regioni, un programma di formazione per Auditor di settore e di sistema su aziende agro- zootecniche e produttrici di alimenti destinato al personale delle aziende sanitarie. A questo si affiancano le attività svolte nell ambito del progetto Ars alimentaria finalizzato alla caratterizzazione ed alla valutazione del rischio, effettuata secondo schemi scientificamente validati, delle principali produzioni alimentari tradizionali del nostro territorio. Infine il programma di collaborazione con ARPA nell ambito delle specifiche competenze e del proprio mandato istituzionale, per dotare le regioni di un supporto analitico sempre più efficace nel il controllo degli alimenti, coerente con le esigenze di efficienza e più rispondente alla crescente domanda di sicurezza dei consumatori e dei produttori, specializzando ed orientando le attività di laboratorio in maniera da evitare sovrapposizioni e duplicazioni. Sulla scorta di queste esperienze, per il futuro sarà compito dell istituto dare ancora maggiore impulso alla propria presenza sul territorio delle regioni di 9

10 competenza, in un ottica di costante integrazione con gli altri servizi del sistema sanitario. Sarà strategico valutare la possibilità di utilizzare sistemi di sorveglianza alternativi, basati non più sul controllo totale delle popolazioni soggette al fenomeno ma sull analisi del rischio, per le malattie soggette a piani di sorveglianza, che permettano un intervento mirato e contemporaneamente un risparmio nei costi analitici e delle attività di prelievo. Un deciso supporto dovrà anche essere dato, insieme ai servizi veterinari, alle aziende per il raggiungimento di specifici obiettivi di salute; ad esempio, un requisito al quale sarebbe progressivamente necessario giungere è la qualifica di Indenne da Trichinella per gli allevamenti suini, che porterebbe ad un notevole risparmio nell attività analitica finora condotta, così come il definitivo ottenimento dello stato sanitario di ufficialmente indenne da Tubercolosi negli allevamenti bovini. Ulteriori piani di controllo dovranno poi essere elaborati ed implementati per affrontare problematiche sanitarie non nuove ma, sicuramente, importanti; tra tutte basti pensare alla Paratubercolosi bovina per i suoi riflessi economici e sanitari. Sarà poi auspicabile dare sviluppo all Entomologia medico-veterinaria facendo tesoro dell esperienza e delle competenze maturate in questi anni dal personale dell IZSUM, in particolare del laboratorio di Diagnostica integrata della sezione di Ancona, nel settore generale delle malattie trasmesse da vettori. Un altro ambito nel quale l IZS può fornire un contributo prezioso è la sorveglianza delle popolazioni animali selvatiche. La presenza nelle Marche e in Umbria di rilevanti aree naturalistiche e le competenze che il personale ha acquisito in questo settore rende strategico un investimento di personale e di risorse in questo campo. Infine, potrà essere attivato un centro di eccellenza sulle attività di Sanità Pubblica Veterinaria nelle catastrofi (in collaborazione con la rete della Protezione Civile). Il Centro andrebbe a costituire un punto di riferimento locale e nazionale per la formazione e la ricerca nella sanità pubblica veterinaria delle catastrofi. Rappresenterebbe un soggetto di elevato livello tecnico-scientifico a supporto dei servizi di protezione civile regionali e del servizio nazionale di protezione civile, per la pianificazione e organizzazione dei servizi veterinari in occasione di catastrofi naturali, la valutazione e mitigazione della vulnerabilità della filiera produttiva agro-zootecnica, la tutela della sicurezza della sanità e del benessere animale in caso di disastri naturali e tecnologici. 10

11 In tutti questi ambiti di lavoro s inserisce a pieno titolo il ruolo degli osservatori epidemiologici regionali come nodi nevralgici della Sanità Pubblica Veterinaria moderna. Sono ormai uno strumento essenziale per la raccolta centralizzata e l elaborazione epidemiologica dei dati che vengono costantemente prodotti dai Servizi Veterinari. Questo permette di generare informazioni utili alla pianificazione e alla programmazione delle azioni, nonché alla verifica dell efficienza ed efficacia degli interventi. Nelle Marche esiste già una realtà consolidata di raccordo tra la regione e l Istituto rappresentata dal Centro Epidemiologico Regionale Veterinario (CERV), nato nel dicembre 2008 e che svolge anche un ruolo di raccordo funzionale tra i Servizi dei Dipartimenti di Prevenzione delle varie Aree vaste territoriali. Al CERV sono assegnate ogni anno importanti attività quali la gestione dei debiti informativi obbligatori, la gestione del sistema informativo veterinario regionale, l analisi dei dati per la produzione di informazioni necessarie al governo del sistema. Il CERV produce ogni anno una relazione tecnica sulle attività di sorveglianza portate avanti dai Servizi Veterinari dell ASUR e sulla situazione epidemiologica delle più importanti patologie animali. Per il futuro è auspicabile un riconoscimento formale anche in Umbria del ruolo dell Osservatorio epidemiologico regionale, in considerazione delle attività che da anni svolge in collaborazione con i servizi di prevenzione regionali ed i servizi sanitari Servizio diagnostico integrato In questi anni forte impulso è stato dato all attività di supporto diagnostico alle imprese zootecniche. Ma alla semplice attività analitica si è progressivamente affiancato un servizio consulenziale altamente specializzato, per rispondere alle mutate esigenze delle aziende. I dati dell ultimo censimento Istat (periodo ) sulle consistenze degli allevamenti e dei relativi animali allevati della specie bovina, ovina e suina a livello regionale e nazionale mostrano come la popolazione bovina attualmente presente nel territorio umbro-marchigiano ammonti a circa capi, di cui circa da carne. In particolare, una larga proporzione di questi appartengono ad allevamenti del tipo linea vacca-vitello di razza Chianina e Marchigiana. Si evidenzia come negli ultimi 10 anni si sia assistito ad una forte contrazione numerica del numero di allevamenti (-27%), ma, al contempo, si sia osservata una modesta riduzione del numero di capi allevati con uno scostamento che si aggira intorno al 4%. Questo testimonia la tendenza di un incremento del numero di animali allevati da parte di aziende sempre più strutturate ed 11

12 organizzate a discapito delle piccole realtà che, non potendo più competere sul mercato, preferiscono chiudere. Per quanto riguarda l allevamento ovino, dai dati si evidenzia come ad una drastica riduzione degli allevamenti di circa il 47%, come per la specie bovina si assiste solo ad una lieve contrazione numerica dei capi allevati di circa lo 0,7% L allevamento del suino, a motivo anche della forte ristrutturazione che il settore ha subito, mostra una forte concentrazione dell attività in unità produttive di dimensioni sempre maggiori, spesso dislocate al di fuori del nostro territorio di competenza. Rispetto al 2000, a fronte di una riduzione delle aziende pari all 83%, la consistenza dei capi suini allevati risulta in crescita dell 8,5%. In questo scenario si è inserita l attività diagnostica dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell Umbria e delle Marche (IZSUM), con la finalità di offrire un efficace supporto tecnico scientifico ad allevamenti in forte evoluzione, nei quali la tecnologia e il management aziendale supportano l equilibrio tra i sempre più alti costi di produzione e i ricavi che da essa ne derivano. Per rispondere alla contrazione numerica del patrimonio zootecnico del nostro territorio, l'izsum ha poi allargato i suoi confini di attività oltre i territori regionali di propria competenza, entrando in aziende moderne dislocate su tutto il territorio nazionale e fronteggiando la competizione diretta del mercato. Da qui l esigenza di sviluppare competenze tecnico-scientifiche adeguate, in grado di rispondere alla richiesta sempre più pressante di una consulenza di alto livello. L attività diagnostica ha anche ampliato i propri settori di interesse tradizionali includendo tematiche di crescente rilevanza quali la tutela del benessere animale e della biodiversità (mantenimento e protezione di razze animali di particolare pregio ed adattamento alle aree appenniniche, studio dei loro caratteri di resistenza genetica ad alcune malattie), la protezione delle aree zootecniche marginali e dei modelli agricoli e socio economici sostenibili. Questa crescente richiesta di intervento ma anche la necessità di gestire al meglio le risorse disponibili, in particolare in momenti di contrazione economica, impone per il futuro di rivedere l organizzazione complessiva del servizio. Questo per rispondere ancora meglio alle esigenze delle tante realtà produttive presenti nelle nostre Regioni, attraverso un nuovo modello di diagnostica che veda un potenziamento dell attività presso le sezioni periferiche, finalizzato ad una maggiore efficacia, alla riduzione dei costi ed alla presenza più capillare ed incisiva dell IZSUM sul territorio. 12

13 Il modello che si vuole realizzare si basa su un approccio organizzativo in rete Sede centrale - Sezioni che permetta di ottimizzare l utilizzo delle risorse esistenti all'interno dei laboratori e soddisfare le esigenze di un utenza distribuita sul territorio (in particolare in aree marginali e svantaggiate). L'obiettivo è costituire un polo unico di diagnostica dell'izsum basato su un forte coordinamento delle attività sia sul territorio che all'interno dei laboratori. L'attività sarà svolta in maniera uniforme da un nucleo di persone adeguatamente formate e che condividono procedure e protocolli d'intervento. In questo senso sarà fondamentale la collaborazione con il settore Ricerca e Sviluppo, per la messa a punto di tecniche analitiche necessarie a rispondere in modo adeguato alle esigenze diagnostiche e approfondire (anche tramite attività specifiche di ricerca) tematiche e settori attualmente non indagati. Importante sarà infine stimolare la crescita dei rapporti tra utenza e IZSUM anche attraverso un attività di comunicazione, informazione e formazione costante a tecnici ed allevatori. Specializzazione delle sezioni territoriali Le sezioni, con la loro presenza capillare sul territorio, rappresentano un presidio essenziale per la Sanità Pubblica Veterinaria delle Regioni Umbria e Marche. La tendenza per loro, in questi anni, è stata quella di una progressiva specializzazione nelle funzioni e nelle attività svolte. Ne è esempio la sezione di Ancona che negli anni si è specializzata nello studio e controllo dei molluschi bivalvi. Oggi è sede del Centro di Referenza Nazionale per il controllo microbiologico e chimico dei Molluschi bivalvi e svolge un ruolo di assoluto riferimento per chi opera nel controllo della filiera dei molluschi bivalvi. In particolare ha svolto il ruolo di collegamento tra tutti gli attori istituzionali e non istituzionali del settore, portando avanti attività innovative sia di ricerca che di raccolta e analisi dei dati. La sezione di Macerata ha invece assunto il ruolo di Centro di Riferimento Regionale per gli Enteropatogeni, istituito nell'ottobre 2001, e rappresenta oggi un nodo insostituibile per la Sanità Pubblica Regionale, sia per quanto riguarda la sorveglianza epidemiologica dei patogeni enterici, con particolare riguardo alla Salmonella, ma anche per l'elaborazione di appropriate strategie di intervento. La sezione di Pesaro, a sua volta, si è qualificata negli anni nel settore dell autocontrollo per le aziende agroalimentari; il personale gestisce le attività inerenti lo sviluppo di piani di autocontrollo nelle aziende agroalimentari, con particolare riguardo alla metodologia HACCP, promuove percorsi formativi sugli aspetti igienico-sanitari e sulle tecnologie di produzione, rivolti agli addetti del settore ed effettua consulenza ad organi istituzionali o ad aziende private. 13

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

DECRETO N. 20 del 09.07.2013

DECRETO N. 20 del 09.07.2013 L Assessore DECRETO N. 20 del 09.07.2013 Oggetto: Modifiche al Decreto attuativo del Piano straordinario di eradicazione della Peste Suina Africana. Anni 2012 e 2013. VISTO lo Statuto Speciale della Regione

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE

ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE AUSL DI FROSINONE Esito monitoraggioal 30/09/2013 (ai sensi dell'art. 14, comma 4, lettera a ), del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.150) 1 30.09.2013 PREMESSA

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano

La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano La Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano VISTO gli articoli 2, comma 2, lett. b) e 4, comma 1 del decreto legislativo 28 agosto 1997,

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU)

CURRICULUM VITAE. alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Sesso Data e luogo di nascita Nazionalità ALEX NANNI alex.nanni1@gmail.com alex.nanni@auslrn.net Maschio 06 ottobre 1980 Novafeltria (PU) Italiana

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011

PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PIANO TRIENNALE DI FORMAZIONE INTERNA 2009-2011 PROPOSTA TECNICA Genova, Giugno 2009 SOMMARIO 1 PREMESSA... 3 2 QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO...4 2.1 LE NORME CONTRATTUALI... 4 2.2 LA FORMAZIONE OBBLIGATORIA

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT

S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT S.A.T.A. PROGETTO TOSSMONIT MONITORAGGIO DELLE MICOTOSSINE NEI PRINCIPALI ALIMENTI ZOOTECNICI PRESENTI SUL MERCATO LOMBARDO PER GARANTIRE PRODUZIONI ZOOTECNICHE DI QUALITA Siamo giunti alla 3 pubblicazione

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Ministero della Salute. Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018

Ministero della Salute. Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 Ministero della Salute Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 Indice 1. 1.1. L esperienza dei precedenti Piani nazionali di prevenzione 1.2. Vision, principi, priorità, criteri, struttura, valutazione

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia

malattie del bestiame. Informazione&Zootecnia UMBRIA INFORMAZIONE&ZOOTECNIA Corretta prassi e biosicurezza nell allevamento bovino A.R.A. Associazione Regionale Allevatori dell SEDE LEGALE ED OPERATIVA di Perugia: Via O.P. Baldeschi, 59 06073 Taverne

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 9 mercoledì, 17 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018

ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Piano Nazionale riguardante il Controllo Ufficiale DeGLI ADDITIVI ALIMENTARI TAL QUALI E NEI PRODOTTI AlimentARI 2015-2018 Paolo Stacchini Dipartimento di Sanità Pubblica veterinaria e Sicurezza Alimentare

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE PER LA SALUTE E I CONSUMATORI Salute pubblica e valutazione dei rischi Minacce per la salute Strategia per la pianificazione generale della capacità di intervento

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica

Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica GIORNATE DIVULGATIVE SULLA "NORMATIVA APISTICA" Regolamento di polizia veterinaria anagrafe apistica dott. Vanni Floris PROGRAMMA APISTICO REGIONALE Reg. (CE) N. 1234/2008 - AZIONE A4 Argomenti Gli articoli

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE

ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE ALLEGATO IV SCHEDA DI INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PER BLUE TONGUE BLUE TONGUE INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PARTE 1 DATA DI COMPILAZIONE / / CODICE IDENTIFICATIVO DEL FOCOLAIO NOME E COGNOME DEL VETERINARIO (STAMPATELLO)

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli