Qualsiasi progetto, per sua natura, è destinato ad affrontare congiunture del tutto imprevedibili. É un mondo inedito, in cui gli algoritmi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Qualsiasi progetto, per sua natura, è destinato ad affrontare congiunture del tutto imprevedibili. É un mondo inedito, in cui gli algoritmi"

Transcript

1 GARANTIRE IL CREDITO ALLE MEDIE-PICCOLE IMPRESE LINEAMENTI DI UNA STRATEGIA, COMPLEMENTARE AI RATING, PER AFFRONTARE IL RISCHIO IDIOSINCRATICO Franco Rebuffo, Presidente di Alétheia Qualsiasi progetto, per sua natura, è destinato ad affrontare congiunture del tutto imprevedibili. É un mondo inedito, in cui gli algoritmi predittivi hanno scarsa presa: è il mondo del rischio idiosincratico. Milano, febbraio 2011

2 INDICE 1. IL PROBLEMA 2. STABILITÀ VERSUS INSTABILITÀ 3. NUOVI MODELLI ORGANIZZATIVI: INTERCETTAZIONE DEL RISCHIO, OFFERING COMMERCIALE E PROBLEMA DELL EFFICIENZA 4. UN BREVE AUSPICIO FINALE: VERSO UNA SUPPLY CHAIN FINANCE

3 1. Il problema 1.1. Lo scenario che sta emergendo Gli intermediari, dopo il ridimensionamento della cosiddetta ingegneria finanziaria, hanno progressivamente spostato il core delle loro attività dalla finanza, basata su di un intermediazione tipo originate-to-distribute, verso la più tradizionale intermediazione creditizia. Sul terreno del credito all impresa, per effetto della recessione, sono costretti a fronteggiare, rispettivamente, sia livelli di redditività inferiori rispetto al passato (per il basso livello dei tassi di interesse, quindi di spread) sia un maggior assorbimento di capitale, dovuto all inevitabile deterioramento della qualità del credito (1). In questo contesto, i gruppi bancari sono stati costretti a forzosi immobilizzi da gestire mediante strategie ad hoc, come la ristrutturazione del credito; l acquisizione di partecipazioni; i sostegni finanziari garantiti da pegni su pacchetti azionari; etc. Tutti questi fattori sottopongono gli intermediari a vincoli stringenti nelle politiche di impiego e li espongono a più rilevanti rischi di perdite (2). In questo contesto, fare credito alla media-piccola impresa, anche per effetto delle più vantaggiose condizioni previste dalla normativa di Basilea, potrebbe rappresentare un indubbia opportunità. Tuttavia le difficoltà che si incontrano sono numerose (3) Le difficoltà nel credito alle medie-piccole imprese Per essere in grado di rispondere al quesito, occorre accennare brevemente alle caratteristiche strutturali della nostra media-piccola impresa che, occorre ricordarlo, rappresenta la parte più competitiva del nostro sistema produttivo, quella su cui si regge gran parte del nostro export. Hanno dimensioni ridotte, adatte a mercati di nicchia, ed operano con livelli di capitalizzazione e di investimento più limitati rispetto alla grande impresa. Stante il loro contesto operativo, non potendo contare su significative economie di scala, generano livelli di redditività più contenuti. 1 A questo proposito cfr. la relazione di Stefano Mieli, Direttore Centrale per la vigilanza creditizia e finanziaria della Banca d Italia, Fare credito in tempi di crisi. La relazione è stata tenuta al convegno ABI Accesso al credito e garanzie per le imprese: garantire lo sviluppo e crescere nella stabilità, Roma 15 Dicembre Nella relazione sono riportati i dati dei primi sei mesi del 2009, in essi si rileva che gli accantonamenti, a fronte dei rischi del credito, sono cresciuti del 180% assorbendo, più della metà dei risultati della gestione; gli utili complessivi si sono ridotti del 60% e il ROE si è dimezzato al 4,7%. In questo quadro di riferimento, si inserisce il deterioramento del credito erogato alla grande impresa. 2 Relativamente alle difficoltà delle Grandi Banche nell attuale congiuntura economica, ci piace citare la relazione di Francesco Cesarini, tenuta nella Tavola Rotonda Uscire dalla crisi: la storia torna a parlare al presente, promossa dall Archivio Storico di Intesa SanPaolo, Milano -Palazzo Anguissola- 15 novembre L aspetto veramente interessante della relazione di Cesarini è rappresentato da un sorta di exaptation che riposiziona nel nostro contesto storico, segnato dalla recessione del 2008, il valore della strategia di cambio di business model, seguita dalla Comit durante la cosiddetta Grande crisi. 3 Volendo stabilire se, in questa congiuntura recessiva, convenga effettivamente fare credito alle medie-piccole imprese, vorremmo riferirci ancora alla relazione di Stefano Mieli, Fare credito in tempi di crisi. In primo luogo, a parità di condizioni, nelle banche che adottano rating interni, il credito alle medie-piccole imprese genera assorbimenti patrimoniali inferiori del 50% rispetto al credito dato alle grandi imprese. In secondo luogo, anche le banche che utilizzano modelli standard di rating (più penalizzanti rispetto ai primi) possono fruire di assorbimenti patrimoniali che, per le imprese con fatturati inferiori ai 5 milioni, conserva un vantaggio del 25% rispetto agli immobilizzi richiesti dai prestiti alle grandi imprese.

4 Occorre considerare, però, che queste stesse caratteristiche sono proprio quelle che consentono alle medie-piccole imprese di affrontare mercati limitati e soggetti a variazioni improvvise: riescono a riposizionare velocemente le strategie; possono affrontare rapidamente, e senza apprezzabili vincoli, i fattori di rischio connessi alla ridefinizione dell offerta; soffrono, in maniera trascurabile, l obbligo di dover remunerare a breve gli azionisti. In sostanza, la loro competitività si basa sia sull offerta di prodotti tecnologicamente unici in specifiche nicchie di mercato (per lo più con alta qualità e con prezzo elevato) sia su di una distintiva flessibilità nel riposizionare l offerta in ragione degli eventuali cambiamenti dei mercati stessi. Sono tutte caratteristiche che fotografano la competitività della nostra media-piccola impresa, ma proprio questa capacità di operare in mercati limitati e instabili risulta poco adatta a rientrare nei paradigmi statistico-predittivi con cui gli intermediari valutano il merito di credito. Infatti, la grossa impresa opera in mercati globali in cui i fattori di rischio dipendono classicamente dal ciclo economico. Ad esempio, il fatto che un determinato produttore non raggiunga gli standard tecnologici previsti dalla media-competitiva del proprio settore, permette di anticipare statisticamente la sua rischiosità nei confronti dei competitor che posseggono quegli standard. In sostanza, si tratta di una situazione dominabile (almeno in linea di principio) dall algoritmo statistico-predittivo dei rating. Al contrario, nelle nicchie (i territori di mercato in cui operano le medie-piccole imprese) la rischiosità è determinata da molteplici fattori esogeni del tutto esterni al contesto in cui si sta operando. Ad esempio, potrebbe verificarsi, in maniera del tutto improvvisa, l ingresso di un nuovo competitor e questo potrebbe alterare completamente i fattori di competitività validi sino a quel momento. Oppure un partner, sempre per cause del tutto esogene, potrebbe ridefinire completamente le proprie strategie chiudendo improvvisamente tutte le possibilità d azione. In questo caso, la rischiosità non dipende da fattori specifici del ciclo economico ma da fattori idiosincratici non riconducibili a campionature definite, come tali fuori dalla portata statistico-predittiva dei rating. Occorre tener presente che l attuale necessità, da parte della media-piccola impresa, di entrare nei mercati emergenti finisce per elevare ulteriormente l incidenza del suo rischio idiosincratico. Infatti, nei nuovi mercati, vi è una maggiore difficoltà ad individuare nicchie in cui la qualità del prodotto risulti un fattore competitivo nei confronti del prezzo. Per superare queste difficoltà occorrerebbero progetti del tutto innovativi in grado di adattare l offerta a queste nuove situazioni. Si tratta di vere e proprie strategie di riposizionamento nei mercati che richiederebbero di essere alimentate da adeguate risorse finanziarie. Per questo, i fattori di rischio (descritti poco sopra) potrebbero generare conseguenze molto gravi. Potrebbe risultare compromessa la risorsa del credito proprio alle imprese maggiormente competitive, soprattutto in una fase congiunturale critica come quella attuale. Per la verità le banche sono da tempo alla ricerca di modelli organizzativi più adeguati per affrontare l imprevedibilità del rischio idiosincratico, quindi per rispondere in modo più efficace ai bisogni della media-piccola impresa. Tuttavia risulterebbe impossibile risolvere il problema ricercando, come in molti casi si sta facendo, modelli più efficaci nel reperire le informazioni qualitative da utilizzare in maniera proiettiva e steady-state. Al contrario occorrerebbero nuovi modelli esperienzial in grado di intercettare in maniera continua le variazioni dei livelli di rischio, sia quelli negativi (pericoli di sofferenze) sia quelli positivi (potenzialità commerciali).

5 2. Stabilità versus instabilità 2.1. Uso del rating e instabilità Seguendo il filo delle argomentazioni trattate sino ad ora, potrebbe anche venire spontaneo un giudizio radicalmente negativo circa l opportunità tout court di usare il rating. Ma questa sarebbe una conclusione completamente sbagliata. Infatti, quello che risulta importante sono i differenti ambiti del suo utilizzo ed il come deve essere utilizzato. Da quanto abbiamo detto, risulterebbe applicabile in tutte quelle situazioni in cui la rischiosità sia imputabile a fattori riconducibili al ciclo economico. Nei mercati stabili, ovviamente, si realizzano in pieno queste condizioni. Tuttavia, anche nelle situazioni di stabilità, potendosi verificare inaspettati eventi traumatici, si possono tracciare due tipi distinti di casistiche: la prima, abbondantemente maggioritaria, in cui la rischiosità risulterebbe statisticamente prevedibile, quindi gestibile coprendo il rischio con un quantum di costo a carico del cliente; la seconda, del tutto minoritaria, in cui, data l imprevedibilità del rischio, non rimarrebbe che far ricorso al proprio patrimonio per far fronte a default improvvisi. Nei mercati instabili, al contrario, il rapporto precedente risulterebbe radicalmente mutato: il perimetro in cui agisce l imprevedibilità (rischi idiosincratici) diventerebbe molto più esteso. Quindi, in tutti questi casi, come abbiamo già anticipato, occorrerebbero modelli organizzativ in grado di consentire, in maniera sistematica, di esperire quando si presentano le frequenti improvvise variazioni La coesistenza dei due paradigmi Si verificherebbe, in questa prospettiva, una vera e propria convivenza tra due approcci affatto differenti. Il primo, statistico-predittivo, che si regge sui risultati, prodotti da un sistema algoritmico; il secondo, di tipo esperienziale, che si regge su risultati ostensivi, quindi possibili solo se le specifiche caratteristiche del modello organizzativo lo permettono. È come se, tra i due approcci, vi fosse un passaggio di enfasi dal modello tecnologico al modello organizzativo. Quindi, il rating continua ad essere fondamentale in tutti quei casi in cui occorre valutare l affidabilità di un impresa in relazione alle performance-campione del suo settore di appartenenza. È una prospettiva che consente di stimare, sulla base di standard storicamente consolidati, il posizionamento dell azienda stessa. Il termine know that (conoscere quello che un oggetto rappresenta ) fotografa molto bene questa situazione. Al contrario, la prospettiva esperienziale risulta fondamentale quando occorre intercettare il rischio idiosincratico. Cioè in tutti quei casi in cui progetti di sviluppo (o mercati interessati da profonde evoluzioni) sono intersecati da eventi esogeni (come tali non intercettabili dai rating) in grado di cambiarne improvvisamente la direzione. In questo caso il termine inglese know how (conoscere come un determinato oggetto stia evolvendo) fotografa adeguatamente la situazione. Tuttavia, in molti casi, le due prospettive potrebbero confliggere.

6 Le procedure di override dovrebbero, appunto, affrontare quelle situazioni in cui le conclusioni automatiche dei rating non sono in grado di vedere le improvvise variazioni che possono verificarsi in qualsiasi tratto della traiettoria evolutiva. In questi casi, le conclusioni esperienziali potrebbero derogare dal giudizio automatico del rating. Malgrado la loro importanza, allo stato attuale, vi sono una serie di problemi che fanno dell override un semplice auspicio completamente sulla carta. É come se mancassero convincenti requisiti organizzativi in grado di fondarne la stringenza, quindi la concreta percorribilità. 3. Nuovi modelli organizzativi: intercettazione del rischio, offering commerciale e problema dell efficienza 3.1. Un modello esperienziale per affrontare gli aspetti idionsicratici del rischio Poniamo che una media-impresa, produttrice di apparecchiature diagnostiche, proponga un contratto, ad una big pharma, per la distribuzione sul mercato di un proprio prodotto innovativo. In questo caso, l aspetto idiosincratico del rischio sarebbe rappresentato dall imprevedibilità della decisione, da parte della big pharma, di accettare o rifiutare la proposta della partnership distributiva. Nell un caso o nell altro, la strategia di sviluppo della nostra media-impresa prenderebbe direzioni completamente divergenti. Se la decisione risultasse positiva, l impresa potrebbe contare sugli stessi mercati controllati dalla big pharma, molto più estesi rispetto ai propri; dovrebbe provvedere alla costruzione di un sito produttivo adatto a soddisfare l incremento della domanda; dovrebbe essere assistita nella gestione dell export e così via. In questo modo, la sua traiettoria strategica prenderebbe una piega in cui si avrebbe, rispettivamente, sia una diminuzione del tasso di rischiosità dovuto al concreto progresso della strategia (il suo percorso sta evolvendo positivamente) sia un aumento dei bisogni dovuto al nuovo scenario del mercato (4). Stante questa situazione, l intero arco temporale di una strategia potrebbe apparire come una traiettoria punteggiata da tutti gli eventi idiosincratici, statisticamente imprevedibili ma in grado di determinare altrettante traiettorie divergenti della strategia stessa. É come se rappresentassero altrettante milestone che segnano il destino del progetto di sviluppo. Alla scadenza di ciascuna milestone è possibile esperire, quasi in maniera osservativa (ostensione), la piega che hanno preso gli eventi (quali delle due traiettorie divergenti si sono verificate). 4. La media-impresa a cui ci riferiamo ha fatto parte di un progetto che ha interessato 500 medie-piccole imprese, finalizzato alla realizzazione sperimentale di un modello organizzativo il cui funzionamento doveva prevedere, appunto, la rappresentazione delle strategie di riposizionamento, di ognuna di queste imprese, mediante milestone idiosincratiche.

7 Riferendoci ancora alla nostra media-impresa produttrice di diagnostici e continuando ad ipotizzare la decisione positiva da parte del management della big pharma, allora la stessa rete commerciale dovrebbe, rispettivamente, (i) constatare, alla scadenza della relativa milestone, l esito (positivo) della decisione presa dalla big pharma; (ii) prendere atto della diminuzione della rischiosità dovuta al progredire del progetto strategico; (iii) mettere a punto il relativo offering, in questo caso la proposta di un mutuo per acquisire un nuovo sito produttivo che garantisca adeguatamente le forniture al partner ed, ovviamente, un ulteriore offering relativo al sostegno dell export; (iv) istruire la relativa pratica commerciale in cui le offerte (mutuo, affidamento e servizi all export) risultino tutte coperte dalla constatazione della variazione positiva dei livelli di rischio. É una prospettiva possibile solo all interno di un modello organizzativo le cui modalità di funzionamento prevedano: in primo luogo, in collaborazione con l imprenditore, la rappresentazione, punteggiata dalle milestone idiosincratiche, dell intera strategia di sviluppo dell impresa; in secondo luogo, sempre in collaborazione con l imprenditore, la pianificazione delle azioni di verifica degli andamenti dei livelli di rischio; in terzo luogo, sulla base dei bisogni emergenti, la messa a punto di un offering commerciale, come abbiamo visto, coperto dalla variazione in positivo della rischiosità. Si tratta di un modello organizzativo in grado di operare in maniera adattiva alla scadenza di ciascuna milestone del cliente, ovviando in questo modo, alla rigidità steady-state dei rating. Proprio in virtù di questa sua adattività, consentirebbe, inoltre, di incrementare la stessa efficacia commerciale intercettando bisogni emergenti (ad ogni scadenza di milestone) che la tradizionale attività commerciale difficilmente riuscirebbe ad intercettare (5) Il problema dell efficienza Il modello che abbiamo descritto presenta indubbi vantaggi sul terreno dell efficacia in quanto, oltre ad intercettare in tempo reale le variazioni della rischiosità, fidelizza l imprenditore nell intero arco temporale in cui si realizza il ciclo di riposizionamento della sua impresa. Come abbiamo detto, si tratta di un change management che incrementa l efficacia della stessa attività commerciale rendendola più sistematica e vicina al cliente. Però questi indubbi vantaggi ottenibili sul terreno dell efficacia, dovrebbero essere misurati anche in relazione alla loro efficienza. Il punto incriminato sarebbe rappresentato dall investimento di risorse necessarie per alimentare quella che è una vera e propria strategia di partnership con il cliente. Il problema risulta ancora più rilevante se si tiene presente che la stessa scelta strategica sulla media-piccola impresa, dato l inevitabile aumento del numero della potenziale clientela (rispetto alle alternative sulla grande impresa), andrebbe ad aumentare ulteriormente i costi del processo. Sono tutte buone ragioni che obbligano a ricercare nuove direzioni per il recupero dell efficienza. 5. Questo nuovo modello organizzativo ha già avuto applicazione in uno dei maggiori gruppi bancari italiani. Il case ci ha consentito di equiparare i risultati, prodotti dal modello basato sull intercettazione esperienziale delle variazioni dei livelli di rischio con le corrispondenti valutazioni predittive del rating. Per il 56% vi è stata una sostanziale coincidenza. Nel 27% dei casi i risultati esperienziali sono stati peggiori delle valutazioni automatiche espresse dal rating. Nel 17% sono stati migliori. In conclusione, l affidarsi tout court all automatismo del rating (senza prevedere mosse ad hoc) delimiterebbe un perimetro del 27% caratterizzato dalla possibilità di sofferenze ed un perimetro del 17% in cui risultano possibili le strategie di override.

8 3.3. Le direzioni inedite in cui viene recuperata efficienza Queste nuove direzioni possono emergere proprio dall inedito sistema di gestione che è possibile implementare a ridosso del modello organizzativo. Infatti, le stesse sue performance, che già abbiamo descritto relativamente all efficacia, riescono a produrre altrettante performance sul terreno dell efficienza che, oltretutto, potrebbero ovviare a disefficienze storicamente molto diffuse nelle reti. Potremmo riepilogare schematicamente sei direzioni in cui è possibile il recupero di efficienza: a. riduzione dello spreco di risorse dovuto alla non conferma, da parte del credit manager, di una istruttoria commerciale già realizzata in precedenza, quindi con il conseguente impiego a vuoto delle risorse. La riduzione dello spreco sarebbe possibile in quanto, nel nostro modello organizzativo, l istruttoria commerciale deve avvenire sempre a fronte di una variazione in positivo del livello di rischiosità; b. praticabilità di una budgettizzazione, articolata per cliente, con previsionalità ad uno-due anni, che renderebbe possibile pianificare e rendere efficienti le azioni commerciali sulla base delle scadenze di ciascuna milestone; c. pianificazione stringente delle azioni commerciali, oltre che sul singolo cliente, sull intero processo commerciale; d. possibilità di un ulteriore incremento dell offering sulla base dei nuovi bisogni emergenti ad ogni scadenza di milestone; e. bilanciamento della stessa gestione del portafoglio in quanto, nell allocazione del budget, si eviterebbero disequilibri a favore di alcune parti del portafoglio a scapito di altre; f. pianificazione, in anticipo, per ogni cliente delle condizioni in cui diventa conveniente (a fronte della verifica del miglioramento dei livelli di rischio) la proposta di override. Queste possibilità potrebbero rappresentare l hard core di un vero e proprio change management finalizzato all incremento di efficienza nella gestione di un centro impresa, ma anche (e soprattutto) nella gestione dell intero processo commerciale e dell erogazione del credito.

9 4. Un breve auspicio finale: verso una efficiente supply chain finance Stante quello che abbiamo detto, il nostro modello organizzativo finirebbe per coinvolgere il cliente, come un vero e proprio partner, nella rappresentazione della propria strategia di sviluppo. In questo senso, lo scambio di informazioni tra banca e impresa potrebbe determinare una duplice coincidenza di intenti. La banca potrebbe realizzare l allineamento dell andamento dei livelli di rischio con i conseguenti fabbisogni finanziari dell impresa da affidare. Nello stesso tempo, l impresa potrebbe realizzare l obiettivo di allineare le fasi del proprio sviluppo con il conseguente fabbisogno di risorse. Su questi presupposti, si configurerebbe una sorta di supply chain finance, compartecipata da banca e impresa, in cui le azioni, in ciascuna fase del processo, sarebbero il risultato di una coincidenza di obiettivi che, impegnando in maniera proattiva entrambi i partner, faciliterebbero l efficienza del processo stesso. Questo, oltretutto, realizzerebbe una reciproca fidelizzazione destinata ad incrementare, su ambedue i versanti del partnerariato, anche l efficacia nei confronti del mercato. La nostra breve memoria, in buona sostanza, ha descritto una sorta di aggiramento che permetterebbe di affrontare, con mosse ad hoc (override), tutto quanto risulta intangibile alla stringenza statistico-predittiva. Occorre ricordare, a questo proposito, che il problema non riguarda soltanto il caso isolato del rischio idiosincratico nei mercati finanziari, infatti tutti i sistemi che rappresentano, allo stato attuale, la spina dorsale dell organizzazione sono interessati da un analogo problema, potremmo dire, di esigenza di override. Ci riferiamo, ad esempio, ai sistemi di pianificazione strategica, di project management, ai sistemi CRM, ai sistemi di supply chain ed in genere a tutti quei sistemi che, reggendosi su campionature statistico-predittive, devono vedersela con insiemi di eventi esogeni. In tutti questi casi, gli eventi idiosincratici dovrebbero essere affrontati con mosse ad hoc che presentano gli stessi aspetti costruttivi delle corrispettive mosse ad hoc implicite nelle strategie di override. Il modello che abbiamo descritto si inserisce in un contesto di questo tipo, e ci auguriamo possa fornire un contributo per garantire, in maniera virtuosa, le risorse alla nostra media-piccola impresa impegnata in un epocale riposizionamento nei mercati.

10 ROLL DATE Ringraziamenti Questa memoria rappresenta un semplice stimolo, una sorta di occasione per animare il dibattito del convegno Il credito alle imprese in tempi di instabilità. Occorre un ripensamento nei criteri di valutazione del rischio?, Milano, Auditorium Assolombarda, 8 marzo Vorrei ringraziare personalmente il professor Francesco Cesarini e il professor Marco Vitale che, con la loro competenza ed esperienza, hanno offerto un contributo intellettuale decisivo alla eleboarzione dei temi. Un sentito ringraziamento va a tutti i relatori che hanno accettato di portare il loro qualificato contributo ai lavori. Un grazie anche agli sponsor e ai partner che hanno voluto sostenere questa iniziativa organizzata da Alétheia. VN IN PARTNERSHIP CON VITALE - NOVELLO IN COLLABORAZIONE CON SI RINGRAZIA MEDIA PARTNER SPONSOR TECNICI DIRECTOR CAMERA

11 Alétheia - ricerca e consulenza viale Bligny Milano

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale

Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale Centrale Rischi Banca d Italia: dal suo monitoraggio alla gestione attiva dell andamentale di Luca Martini e Valerio Vimercati (*) In un contesto dove l accesso al credito da parte delle imprese risulta

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating

Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating articolo n. 3 giugno 2014 Qualificare i fornitori attraverso un sistema analitico di rating MASSIMILIANO MARI Responsabile Acquisti, SCANDOLARA s.p.a. Realizzare un sistema di rating costituisce un attività

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE

IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE IL SETTORE ASSICURATIVO E IL FINANZIAMENTO DELLE IMPRESE ALCUNE CONSIDERAZIONI A MARGINE DELLA REVISIONE DELLE NORME SUGLI INVESTIMENTI A COPERTURA DELLE RISERVE TECNICHE CONVEGNO SOLVENCY II 1 PUNTI PRINCIPALI

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Una Crescita Possibile

Una Crescita Possibile Accordo 2014/2015 Intesa Sanpaolo e Confindustria Piccola Industria Una Crescita Possibile INTESA SANPAOLO S.p.A. in seguito denominata Intesa Sanpaolo o "Banca" con sede in Torino, Piazza San Carlo 156,

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi

La gestione del rischio. Vademecum a uso dei confidi La gestione del rischio Vademecum a uso dei confidi 1 Il presente lavoro è stato curato dall ufficio studi e comunicazione del Consorzio camerale per il credito e la finanza, nell'ambito della collaborazione

Dettagli

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/

Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive. https://nonconf.unife.it/ Istruzioni operative per la gestione delle Non Conformità e delle Azioni Correttive https://nonconf.unife.it/ Registrazione della Non Conformità (NC) Accesso di tipo 1 Addetto Registrazione della Non Conformità

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Il Project Financing. Introduzione

Il Project Financing. Introduzione Il Project Financing Introduzione Il Project Financing nasce nei paesi anglosassoni come tecnica finanziaria innovativa volta a rendere possibile il finanziamento di iniziative economiche sulla base della

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY

25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY 25 Ottobre 2011-3 Convegno Nazionale ITALIAN PROJECT MANAGEMENT ACADEMY Milano, ATAHOTELS Via Don Luigi Sturzo, 45 LA GESTIONE DEI PROGETTI NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DEL FUTURO. I SUOI RIFLESSI NEI

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Direttive della CAV PP D 02/2013

Direttive della CAV PP D 02/2013 italiano Commissione di alta vigilanza della previdenza professionale CAV PP Direttive della CAV PP D 02/2013 Indicazione delle spese di amministrazione del patrimonio Edizione del: 23.04.2013 Ultima modifica:

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E

R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E R I S K M A N A G E M E N T & F I N A N C E 2010 Redexe S.u.r.l., Tutti i diritti sono riservati REDEXE S.r.l., Società a Socio Unico Sede Legale: 36100 Vicenza, Viale Riviera Berica 31 ISCRITTA ALLA CCIAA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli