Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico"

Transcript

1 Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico Modulo Le politiche di marketing territoriale Lezione I I I Dr. Antonio Gioioso Eurobic Abruzzo & Molise SpA

2 Contenuti Analisi del Programma di marketing territoriale Docup Abruzzo Mis Az

3 Finalità/obiettivi del Programma Caratteristiche generali promuovere il potenziale di attrazione della regione (Aree Ob.2) per favorire investimenti esogeni nel suo territorio Valorizzando i punti di eccellenza del territorio (qualità della vita, sviluppo economico nel rispetto dell ambiente, innovazione tecnologica, formazione, ricerca scientifica, tessuto imprenditoriale, posizione geografica) Contribuire a rafforzare l identità dell Abruzzo in Europa e presentare la Regione come soggetto competitivo nel panorama mondiale.

4 Periodo e soggetti attuativi Periodo di attuazione del Programma Luglio 2006 Settembre 2007 Soggetti attuatori/realizzatori NETWORK TRILATERALE Ad.Venture Agenzia di MKT & Comunicazione I Elsag Datamat Centro di produzione sistemi Informativi territoriali Accenture SpA Società di Servizi alle Imprese

5 Struttura del Programma Analisi di tipo statico del territorio Analisi di tipo dinamico del territorio Individuazione Pacchetti per attrarre gli IDE

6 a. Analisi di tipo statica del territorio Finalità determinazione di specifici indicatori che sintetizzino l attuale assetto assetto socioeconomico industriale regionale Definizione geoeconomica del territorio (1 step dell analisi) - Assetto dualistico fascia costiera fascia appenninica - Aree Ob.2 86% dei Comuni - Risorse naturalistiche tutto il territorio - Infrastrutture 2 direttrici litoranea adriatica litorenea transappeninica

7 a. Analisi di tipo statica del territorio Definizione socioeconomica del territorio (2 step) Quadro macroeconomico Primario 2% Secondario 22% Tessuto imprenditoriale Terziario 76% - Forte peso del settore terziario (rispetto al MdL e al reddito complessivo prodotto in Abruzzo) - Netta prevalenza di micro imprese

8 a. Analisi di tipo statica del territorio Analisi dei Distretti industriali (3 step) - Sistemi localizzati di imprese all interno di un area geografica circoscritta - volano per lo sviluppo locale - disponibilità di manodopera specializzata D.I. Vibrata Tordino Vomano D.I. servizi Pescara Montesilvano D.I. Maiella D.I. Piana del Cavaliere D.I. del Vastese D.I. agro-industriale della Marsica

9 a. Analisi di tipo statica del territorio Le specializzazioni dei distretti - Distretto Vibrata Tordino Vomano : tessile, pelletteria, abbigliamento ( aziende) - Distretto della Maiella : legno/pelletteria (3.954 aziende) - Distretto del Piana del Cavaliere : grafica, elettronica, ottica (588 aziende) - Distretto del Vastese : chimica, abbigliamento (9.000 aziende) - Distretto agroalimentare della Marsica : agricoltura, alimentare - Distretto dei servizi Pescara-Montesilvano : servizi, commercio ( aziende)

10 b. Analisi dinamica del territorio Finalità determinazione dei punti di forza, debolezza, minacce, opportunità (SWOT) per definire i principali vantaggi competitivi della Regione, su cui basare l individuazione di possibili opportunità di investimento da proporre ad investitori esterni. Utilizza gli indicatori/risultati emersi dall Analisi statica Sistema territoriale Sistema demografico-sociale Fonte: Regione Abruzzo Fonte: Regione Abruzzo

11 b. Analisi dinamica del territorio Mercato del lavoro Fonte: Regione Abruzzo

12 b. Analisi dinamica del territorio Sistema produttivo Fonte: Regione Abruzzo

13 b. Analisi dinamica del territorio Ambito extra-regionale Fonte: Regione Abruzzo

14 b. Analisi dinamica del territorio Ambito turistico

15 Definizione: opportunità di investimento identificate, selezionate e proposte dal Programma di MKT territoriale della Regione Abruzzo Processo di costruzione: Determinazione del campione Indagine sui fattori competitivi del tessuto produttivo locale Def.ne metodologia per l individuazione dei pacchetti * Identificazione Pacchetti Selezione di un campione di soggetti da intervistare per comprendere le caratteristiche del tessuto produttivo e dei fattori ritenuti rilevanti per far crescere gli investimenti esogeni Raccolta dati necessari per Individuare i Pacchetti Localizzativi attraverso indagini dirette (interviste della fase precedente) e Indagini indirette (raccolta dati presenti in apposite banche dati, utilizzo informazioni Analisi statica e dinamica) Scelta dei criteri necessari alla valutazione dei dati raccolti in precedenza per rintracciare le opportunità di investimento offerte dall Abruzzo Applicazione del Modello metodologico ai dati raccolti in precedenza

16 Metodologia per l individuazione dei Pacchetti in Abruzzo* Individuazione dell Area Valutazione della dotazione infrastrutturale Individuazione Settori strategici e delle potenzialità del tessuto produttivo Analisi dei vantaggi competitivi associati a specifici investimenti Delimita l area geografica d interesse sulla base delle indagini dirette e sull analisi statica e dinamica Ha permesso di identificare e valutare le infrastrutture presenti sulle aree considerate. Ha permesso di individuare i settori economici trainanti per l economia della singola area, e le potenzialità ancora inespresse dal tessuto imprenditoriale locale Ha evidenziato nuove opportunità d investimento nei settori valutati in precedenza e ha permesso di stimarne l appetibilità per un impresa potenziale. Individuazione di 20 Pacchetti

17 Chimica fine a Bussi A chi si rivolge investitori interessati, principalmente, ai prodotti della chimica fine, c.d. fine chemicals, (prodotti chimici di sintesi quali ad esempio, principi attivi, farmaci, fitofarmaci, etc.) Aziende presenti nell area Solvay Solexis, MedAvox,Silysiamont,Edison termoelettrica Presenza del Parco Industriale di proprietà di Solvay Solexis, che si occupa direttamente della vendita dei lotti per nuovi insediamenti industriali. Servizi comuni: vigilanza, antincendio, infermeria, amministrazione,laboratorio chimico completamente attrezzato, etc.) Prodotti disponibili: soda caustica, acido cloridrico, ipoclorito di sodio, idrogeno gas, cloro gas, acqua ossigenata, sodio percarbonato, cloruro di sodio, cloruro di metilene, cloroformio, tetracloruro di carbonio, metanolo, carbonato di sodio etc.. Competenze professionali: officina meccanica attrezzata, officina elettrostrumentale, imprese subfornitrici per la manutenzione, magazzinaggio, acquisti etc.), Ottima collocazione logistica, Cultura industriale (insediamento chimico centenario, ottimo rapporto con il territorio) Finanziamenti agevolati.

18 Produzione stampati in alluminio in Val di Sangro A chi si rivolge investitori interessati, principalmente, al mercato dei semilavorati e stampati in alluminio per auto e moto La produzione nazionale di stampati Alumotive soddisfa una percentuale esigua della domanda interna,obbligando le imprese acquirenti ad un forte ricorso alle importazioni. Elevata concentrazione di imprese operanti nel settore Automotive, come la Honda che produce moto l anno e la Sevel che produce veicoli l anno, mentre nella Regione non si rileva la presenza di produttori di stampati in alluminio. La localizzazione dell investimento nella Val di Sangro permetterebbe di beneficiare del bacino potenziale di imprese presenti nell area, riducendo gli attuali tempi di fornitura, e di sfruttare la domanda potenziale delle numerose imprese italiane attualmente costrette a rivolgersi, quasi esclusivamente, a produttori esteri. Modalità di assegnazione Aree : Consorzio per lo sviluppo industriale della Val di Sangro (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

19 Componenti per automotive Val di Sangro A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di componenti elettronici e meccanici per auto e moto. Domanda globale di componenti elettronici e meccanici per auto e moto, per il quadriennio , prevista in crescita di circa il 2%. Beneficio del bacino potenziale di imprese del settore Automotive presenti nell area (Honda, Sevel La localizzazione dell investimento nella Val di Sangro permetterebbe di beneficiare del bacino potenziale di imprese presenti nell area, riducendo gli attuali tempi di fornitura, e di sfruttare la domanda potenziale delle numerose imprese italiane attualmente costrette a rivolgersi, quasi esclusivamente, a produttori esteri. Modalità di assegnazione Aree Presenza di un indotto di settore che consente di avvalersi dei servizi offerti dalle imprese presenti e di esternalizzare, ove necessario, specifiche fasi della produzione. Consorzio per lo sviluppo industriale della Val di Sangro (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

20 Riciclaggio rifiuti industriali nel Vastese è rivolto agli investitori operanti nel settore dello smaltimento e riciclaggio dei rifiuti industriali,in grado di garantire il rispetto del territorio tramite l utilizzo di processi a basso impatto ambientale. A chi si rivolge Settore dello smaltimento/riciclaggio rifiuti in crescita costante negli ultimi anni Disponibilità di materiali di scarto (in Prov. di CH presenza di grandi realtà industriali Denso) Bassa concorrenza in Abruzzo. Presenza di un indotto di settore che consente di avvalersi dei servizi offerti dalle imprese presenti e di esternalizzare, ove necessario, specifiche fasi della produzione. Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale del Vastese (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

21 Trasformazione e distribuzione dei prodotti della Valle del Fucino è rivolto agli investitori interessati alla lavorazione ed alla distribuzione dei prodotti A chi si rivolge agroalimentari della Valle del Fucino, sia come prodotto finito, che come semilavorato per altre produzioni.. Domanda nazionale di prodotti agroalimentari in forte crescita Produzione agricola regionale di alta qualità Valle del Fucino (copertura del 30% della produzione nazionale di carote; circa 1,4 mln. di quintali annui di patate) Possibilità di confezionamenti in loco dei prodotti agroalimentari, riducendo i costi di produzione e migliorando le caratteristiche qualitative del prodotto stesso Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale di Avzzano (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area)

22 Produzione di capi di abbigliamento a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di capi di abbigliamento di alta qualità. Presenza del Distretto Ind. Vibrata-Tordino-Vomano (elevato n di aziende presenti nell area) Disponibilità di manodopera specializzata Possibilità di esternalizzare totalmente o in parte specifiche fasi del processo produttivo, ricorrendo ai servizi offerti dalle aziende della filiera Aziende presenti: Zucchi; Golden Lady; Maglificio Gran Sasso; Moda Montefiore; GI. EFFE etc ) Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale di Teramo (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area)

23 Logistica aeroportuale a Pescara A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alle attività connesse alla c.d. logistica aeroportuale,che agli investitori operanti nel settore turistico. Trend positivo del settore (+10% traffico passeggeri; +7% trasporto merci) Programmazione interventi di potenziamento infrastrutture presenti (aumento n di Km di piste di volo; costruzione di una nuova aerostazione merci ec..) Modalità di assegnazione Aree SAGA (società Abruzzese Gestione Aeroporto) mediante trattativa privata

24 Centro smistamento merci della Marsica A chi si rivolge è rivolto alle alle aziende interessate all acquisizione di strutture logistiche all interno del Centro smistamento merci della Marsica, da utilizzare per il deposito, lo stoccaggio, la gestione degli ordini e la razionalizzazione del sistema di distribuzione verso il Centro-Sud Italia. Presenza di strutture per il deposito, lo stoccaggio delle merci, la gestione degli ordini, la promozione e la vendita delle merci. Realizzazione in corso di un progetto per l ampliamento del Centro che prevede la creazione di nuove strutture logistiche (area magazzini, area containers, edifici destinati a servizi). Posizione geografica favorevole in quanto polo logistico per il Centro-Sud Italia e nodo centrale per gli scambi lungo il c.d. Corridoio adriatico (asse di interconnessione fondamentale per il trasporto merci e passeggeri, del versante orientale della penisola). Modalità di assegnazione Aree Società di gestione del Centro smistamento merci

25 Chimica farmaceutica a L Aquila A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla realizzazione di prodotti farmaceutici. Trend del settore in crescita Manodopera specializzata, elevata purezza dell aria e dell acqua (fattori fondamentali per le aziende farmaceutiche) Posizione geografica favorevole in quanto polo logistico per il Centro-Sud Italia e nodo centrale per gli scambi lungo il c.d. Corridoio adriatico (asse di interconnessione fondamentale per il trasporto merci e passeggeri, del versante orientale della penisola). Aziende leader presenti: Menarini; Aventis Pharma; Dompè Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale dell Aquila (mediante apposita domanda

26 Terziario avanzato Area metropolitana Chieti/Pescara A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all'erogazione dei servizi appartenenti al c.d. Terziario avanzato" (ingegnerizzazione dei processi, informatica, marketing, consulenza tecnica, consulenza legale, comunicazione, etc.). Trend del settore in continua crescita Forte espansione nell area di servizi terziari (dovuto all aumento qualitativo/quantitativo della domanda regionale) Fattore attrattivo derivante dai Giochi del Mediterraneo 2009 Modalità di assegnazione Aree Comune di S.Giovanni Teatino

27 Produzione mobili a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati per l'acquisto delle aree da utilizzare per insediamenti alla produzione dei mobili da ufficio ed arredi per la casa. Trend del settore in crescita (aumento domanda) Lunga tradizione del mobile abruzzese Presenza in loco di numerose imprese specializzate Forte manodopera specializzata e costi contenuti per l acquisto delle aree da utilizzare per insediamenti produttivi. Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Teramo mediante inoltro di apposita domanda

28 Imbottigliamento e distribuzione di olio di oliva a Chieti A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all imbottigliamento e alla distribuzione dell olio d oliva prodotto in Prov. di CH Trend del settore in crescita Presenza di numerosi produttori di medio-piccole dimensioni a fronte di un ridotto n. di imprese di imbottigliamento e distribuzione Ridotta concorrenza e presenza di Marchi DOP Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Val di Sangro

29 Produzione dolciaria a Sulmona A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione dolciaria ed alla relativa commercializzazione. Trend del settore in crescita Manodopera specializzata, elevata purezza dell acqua e dell aria Possibilità di sfruttare la rinomatezza del luogo (noto soprattutto per la produzione dei confetti) Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona

30 Servizi termali A chi si rivolge è rivolto agli investitori operanti nel settore delle cure termali e dei servizi e prodotti ad esse annessi (ad esempio, beauty farm, produzione di cosmetici, strutture ricettive, etc.). Ricchezza di sorgenti termali in loco non ancora utilizzate Flussi turistici in Abruzzo in aumento Possibilità di creare un ambiente esclusivo attraverso la realizzazione di Hotels e beauty farm, sfruttando le proprietà delle acque termali e la collocazione all interno di aree protette Modalità di assegnazione Aree Comuni di Caramanico, Canistro, Raiano, Popoli

31 Produzione abiti da lavoro nel Vastese A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di abiti da lavoro e articoli antinfortunistici Le aziende di produzione di abiti da lavoro ed articoli antinfortunistici presenti sul territorio regionale, non riescono a soddisfare in pieno la domanda locale di tali prodotti. Le aziende locali soddisfano parte delle loro esigenze ricorrendo a forniture extra-regionali. Presenza di un numero rilevante di imprese, alcune di grandi dimensioni come la Denso, che conta circa dipendenti e la Pilkinton, con circa dipendenti Assenza di produttori di abiti da lavoro e articoli antinfortunistici. Scarsa concorrenza Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale del Vastese Elevato potenziale bacino d utenza Possibilità di ridurre gli attuali tempi di fornitura per le aziende locali

32 Imbottigliatura e distribuzione del vino a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all imbottigliamento e alla commercializzazione del vino abruzzese. Tassi di crescita nel settore (aumento dei consumi interni; crescita esportazioni) Crescita del ruolo e della produzione del vino abruzzese Provincia di Teramo: 37% della superficie coltivata dedicata alla produzione di uva di qualità (DOP DOCG) Scarsa concorrenza (scarso n di imprese di imbottigliamento e distribuzione a fronte di un alto n di produttori) Elevato potenziale bacino d utenza Possibilità di ridurre gli attuali tempi di fornitura per le aziende locali Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale di Teramo

33 Elettronica in Provincia dell Aquila A chi si rivolge è rivolto agli alla produzione ed assemblaggio di componenti elettronici altamente tecnologici (ad esempio, CPU, RAM, circuiti stampati, schede video, componenti per impianti di telecomunicazione, etc.). Domanda di componenti elettrici in ripresa Forti competenze professionali in loco Cultura industriale Presenza di una filiera produttiva nelle telecomunicazioni Possibilità di esternalizzare totalmente o parzialmente specifiche fasi del processo produttivo, ricorrendo ai servizi ed alle produzioni offerte dalle aziende della filiera presenti sul territorio. Aziende presenti nell area Finmek; Micron; Telespazio Modalità di assegnazione dell area Consorzio per lo sviluppo industriale dell Aquila e di Avezzano

34 Lavorazione e distribuzione del tartufo nero a L Aquila è rivolto agli interessati alla lavorazione del tartufo nero ed alla distribuzione sul A chi si rivolge mercato, sia sotto forma di prodotto finito, che come materia prima per la preparazione di altri prodotti (ad esempio, formaggi, paste, olio etc.). Produzione regionale molto diversificata (30 tipologie) Condizioni climatiche favorevoli Nascita spontanea del tartufo nero (a causa della ricca vegetazione) Scarsa concorrenza (mancanza di un adeguata rete di trasformazione e vendita) Area vasta Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale dell Aquila

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni 22 Maggio 2007 1. LA SITUAZIONE IN ABRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA PROVINCIA DI CHIETI L apparato industriale della Regione Abruzzo

Dettagli

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento L Aquila (71.000 abitanti) è ubicata al centro dell Italia, a ridosso di grandi poli urbani: Roma e Pescara - raggiungibili in poco

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Progetto di Territorio 2

Progetto di Territorio 2 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali Regione Abruzzo Direzione LL.PP., Servizio Idrico Integrato,

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014

Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il Progetto di Marketing Unitario (PMU) Livorno, 21 marzo 2014 Il quadro di riferimento Por Creo 2007-2013, Linea di intervento 5.3 Obiettivo dell' Attività 5.3. Por Creo 2007-2013: attivare progetti integrati

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

Glossario delle Aree di Studio (*)

Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario delle Aree di Studio (*) Glossario Aree di studio Istituti Tecnici AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress -

Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress - Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress - Giugno 2013 Indice Bozza per discussione Premessa

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive" Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA

Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive" Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA 28 MARZO 2015 Candela (FG) Programma di Sviluppo - Le linee strategiche del

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di.

REGIONE TOSCANA. Linea A. DOCUMENTO STRATEGICO SUL SISTEMA DI INNOVAZIONE TERRITORIALE Linee di indirizzo del Comune di. REGIONE TOSCANA PRSE 2007 2010 Linea di intervento 5.3 Attivazione di iniziative mirate di marketing finalizzate a promuovere le risorse endogene e ad attrarre investimenti esterni nei settori avanzati

Dettagli

Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca. Pescara, 17 Aprile 2012

Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca. Pescara, 17 Aprile 2012 Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca Pescara, 17 Aprile 2012 1 PIATTAFORMA REGIONALE DI RACCORDO DEI POLI D'INNOVAZIONE La Piattaforma regionale di raccordo dei Poli d'innovazione

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine.

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine. La Catena del Valore Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze Attività di supporto Infrastrutture, Finanza, Approvvigionamenti Ricerca e Sviluppo Gestione e sviluppo risorse umane

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE Il secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione è costituito dai percorsi quinquennali dell istruzione secondaria superiore (licei, istituti

Dettagli

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali

Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali ente bilaterale lavanderie industriali fra AUIL FEMCA-CISL FILTEA-CGIL UILTA-UIL Primo Rapporto Osservatorio sul settore delle lavanderie industriali Sintesi Dati di scenario: 600 imprese per 15 addetti

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa

Logo LegaCoop Imola. EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Logo LegaCoop Imola 1 EXPERIMENT A.S. 2011-2012 Come sviluppare un progetto d impresa Rivolto alle allieve e agli allievi del 4 anno di Istituti Secondari Superiori Presentato da: Patrizia Andreani 2 DALL

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari

San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari San Paolo: multiple opportunità che danno un impulso ai tuoi affari L importanza dell economia paulista trascende le frontiere brasiliane. Lo Stato è una delle regioni più sviluppate di tutta l America

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI

COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI La costa dei Trabocchi COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI Linee guida allegate all intesa 7 Aprile 2010 Il patrimonio naturale/culturale della costa dei trabocchi E stata individuata quale

Dettagli

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei

Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Il nuovo Piano nazionale della logistica 2011-2020: effetti sul territorio veneto Aspetti economici e strutturali del sistema produttivo veneto in relazione agli assi di trasporto europei Gian Angelo Bellati

Dettagli

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali

Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali Workshop Piano di Settore Osservatorio Economico e dati statistici della filiera delle piante officinali 17 luglio 2013 Auditorium Biagio Alba, via G. Ribotta. ROMA La federazione Italiana Produttori Piante

Dettagli

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni:

Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: Esercizio n. 1 Indica con una crocetta la corretta collocazione delle seguenti affermazioni: INFORMAZIONI STRATEGICHE NON STRATEGICHE La responsabile dell ufficio acquisti segnala la necessità di sostituire

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Il processo di generazione di start-up in ARCA

Il processo di generazione di start-up in ARCA Il processo di generazione di start-up in ARCA Chi siamo ARCA è un consorzio partecipato da: Università di Palermo Associazione Sintesi (che associa le Università di Palermo, Catania e Messina) Easy Integrazione

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

Val di Sangro. ABRUZZO = N. 440 Aziende settore Metalmeccanica. Chieti = n. 176 aziende. Val di Sangro = 68 aziende. Settore Automotive = 90%

Val di Sangro. ABRUZZO = N. 440 Aziende settore Metalmeccanica. Chieti = n. 176 aziende. Val di Sangro = 68 aziende. Settore Automotive = 90% Val di Sangro ABRUZZO = N. 440 Aziende settore Metalmeccanica Chieti = n. 176 aziende Val di Sangro = 68 aziende Settore Automotive = 90% Storia Il Consorzio CISI, fondato nel 1992 da 13 soci in 16 anni

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare

Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare Competere con la logistica Esperienze innovative nella Supply Chain alimentare M. Bettucci R. Secchi V. Veronesi Unit Produzione e Tecnologia Il libro è frutto del lavoro di ricerca svolto con il Gruppo

Dettagli

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto

VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI. NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto VALUTAZIONE E PROMOZIONE DI ASSET IMMOBILIARI PER L ATTRAZIONE DI INVESTIMENTI NEL COMPARTO NON RESIDENZIALE Presentazione del progetto INDICE 1. Contesto di riferimento 2. Obiettivi del progetto 3. Gli

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020

La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 La Mobilità nella Programmazione Comunitaria 2014-2020 Dott.ssa Maria Pia Redaelli Direttore Funzione Specialistica Autorità di Gestione FSE E FESR 2014-2020, Programmazione Europea e Politiche Di Coesione

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO IL CONTESTO DI SVILUPPO ABRUZZESE

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO IL CONTESTO DI SVILUPPO ABRUZZESE LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO Project Work n 1 Il ruolo della conoscenza e dell informazione nelle strategie di programmazione europea: prospettive e opportunità

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

IL PROGETTO BIELORUSSIA

IL PROGETTO BIELORUSSIA IL PROGETTO BIELORUSSIA PRESENTAZIONE Lanza & Thompson nasce dall esperienza maturata da alcuni professionisti in società internazionali specializzate in assistenza alle imprese per servizi globali (fiscali,

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale Area della programmazione regionale Servizio programmazione comunitaria Docup Ob.2 (2000-2006) Regolamento (CEE) n. 1260/99 N. CCI: 2000 IT 16 2 DO 010 Integrazioni al Rapporto

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno

Aprile 2008. Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno FABBISOGNI FORMATIVI E MERCATO DEL LAVORO Aprile 2008 Analisi dell andamento del mercato del lavoro e dei fabbisogni formativi nella provincia di Livorno L economia provinciale All interno dell economia

Dettagli

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE

INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE INDUSTRIA INDIANA della TRASFORMAZIONE ALIMENTARE Novembre 2010 Report realizzato dalla Indo-Italian Chamber of Commerce & Industry Introduzione L industria della trasformazione alimentare in India è una

Dettagli

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici

Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Tecnologie di conversione e gestione dei flussi energetici Ravenna, 26 Settembre 2012 Tiziano Terlizzese NIER Ingegneria S.p.A. IL RAGGRUPPAMENTO La rete di imprese è composta da 3 PMI con un alta propensione

Dettagli

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI

Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI Commissione Incubatori Start-Up Spin-off Mappatura del sistema d incubazione afferente ai Parchi Scientifici e Tecnologici aderenti ad APSTI a cura del coordinatore della Commissione Incubatori Elisabetta

Dettagli

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari

Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI. Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Rafforzare il sistema innovativo regionale e le sue filiere: il ruolo dell ARTI Dott.ssa Adriana Agrimi ARTI 16 Giugno 2008, Bari Competizione tra territori Vi è una relazione positiva fra dimensione di

Dettagli

Bruno Biagi Curriculum Professionale

Bruno Biagi Curriculum Professionale Bruno Biagi Curriculum Professionale Aprile 2011 Bruno Biagi nato a Sulmona (AQ) il 10.02.1952 residente in via Monte Faito 50, 65124 Pescara telef/fax: 085 4156012 cell. 348 0095023 e-mail: biagi.bruno@gmail.com

Dettagli

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO

ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO ISTITUTO PRIMO LEVI SEREGNO TRASPORTI E LOGISTICA Articolazione LOGISTICA Cos è la logistica Insieme delle attività organizzative, gestionali e strategiche che governano i flussi di materiali e delle relative

Dettagli

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio

IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE. Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE DELLA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE Uno strumento per lo sviluppo delle imprese e del territorio LA FONDAZIONE PER LO SVILUPPO DELL OLTREPO PAVESE La Fondazione

Dettagli

Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia

Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia Un azione di sistema a sostegno del business delle imprese italiane in Serbia Ing. Renato Pujatti Pordenone, 9 giugno 2011 Obiettivi del progetto Costituire una rete di attori economici e istituzionali

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO

MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO MESSINA 2020- VERSO IL PIANO STRATEGICO COMMISSIONE 2 : LE INFRASTRUTTURE IMMATERIALI DELLA RICERCA E DELL INNOVAZIONE Sintesi risultati incontro del 9 Febbraio 2009 ASSISTENZA TECNICA A CURA DI: RAGGRUPPAMENTO

Dettagli

S.I.S.TE.MA. ABRUZZO

S.I.S.TE.MA. ABRUZZO Sviluppo e Innovazione dei Settori Terziario e Manifatturiero in Abruzzo: Presentazione del Progetto L Aquila, 23 Maggio 2007 Presentazione del Progetto Il progetto S.I.S.TE.MA. Abruzzo nasce come risposta

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna

Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna Opportunità imprenditoriali nel territorio di Ravenna Company profile Dal 1999 S.TE.P.RA. - Sviluppo Territoriale della Provincia di Ravenna - è l agenzia di marketing territoriale della Camera di Commercio

Dettagli

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione

Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Indagine sui fabbisogni formativi in materia di Internazionalizzazione Roma, 13 ottobre 2015 Focus internazionalizzazione Nei primi mesi del 2015 si rafforzano i primi segnali positivi per l economia italiana,

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area

l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area l Comuni del Chianti e le attività produttive: struttura e dinamica imprenditoriale dell Area Impruneta, 20 ottobre 2012 Riccardo Perugi Unioncamere Toscana - Ufficio Studi Indice dei contenuti 1. Una

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare

Fondi Demetra. Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Fondi Demetra Progetto Private Equity nel settore agro-alimentare Agenda 1.1 Lo scenario di riferimento 1.2 La Società di Gestione 1.3 La Governance della SGR 1.4 Il Fondo Demetra Demetra: dea greca del

Dettagli

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente

Una forza al servizio dell Uomo e dell ambiente CRS s.r.l. Via Piave, 21 10040 LEINI (TO) Tel. 011 9910270 - Fax : 011 9910992 P.IVA. - C.F. 07357640015 www.derichebourg.com Documento non vincolante - 10/2008 - www.epicea.com - Photo GettyImages - Corbis

Dettagli

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino

Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino Servizio di raccolta differenziata domiciliare della frazione cellulosica nel territorio della Città di Torino La nostra è una cooperativa stabile, affidabile, che ha dimostrato di saper fare e saper immaginare.

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO

IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO IL MOLISE D ECCELLENZA STRATEGIE E LOGICHE COMPETITIVE PER LE IMPRESE AGROALIMENTARI E TURISTICHE DEL TERRITORIO PERCORSO FORMATIVO PART TIME E MODULARE IN COLLABORAZIONE CON MAGGIO LUGLIO 2016 CUOA Business

Dettagli

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente

Scheda Progetto. Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale. Indirizzo Sede Amministrativa. Nome del Referente. Telefono del Referente Scheda Progetto Nome dell Impresa (o del Progetto) Indirizzo Sede Legale Indirizzo Sede Amministrativa Nome del Referente Telefono del Referente 1 1. In quale fase si colloca la Tua Impresa? (inserisci

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello

POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST. Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello POSIZIONAMENTO DI MERCATO E STRATEGIE DI FILIERA DELLE MEDIE IMPRESE DEL NORD-OVEST OVEST Claudio Gagliardi e Domenico Mauriello Centro Studi Unioncamere Brescia, 26 febbraio 2007 L INSERIMENTO DELLE MEDIE

Dettagli

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA

COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA COME FARE IMPRESA IN REPUBBLICA CECA OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO Nel corso dell ultimo anno, il sistema economico ceco ha dimostrato, nonostante il rallentamento economico globale ed europeo, di poter

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna

Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Il rapporto strutturale sul sistema economico produttivo della provincia di Bologna Gian Carlo Sangalli Presidente Camera di Commercio di Bologna IL SISTEMA ECONOMICO PRODUTTIVO BOLOGNESE E E IN UNA FASE

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno.

COMUNICATO STAMPA. Nel 2015-16 previsto un aumento del fatturato mediamente del 3,2% all anno. COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO PRESENTA IL SETTIMO RAPPORTO ANNUALE SULL ECONOMIA E FINANZA DEI DISTRETTI INDUSTRIALI 214 CON 46.5 AZIENDE ANALIZZATE protagonisti della ripresa: già nel biennio 213-14

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 (Aprile 2013) 1/373 Sperimentale secondo le modalità previste dalla Comunicazione

Dettagli

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007

Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita. Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 Le imprese manifatturiere del IV capitalismo: profili di crescita Paola Dubini Incontro Confindustria Prato 23 novembre 2007 1 % 40 35 30 25 20 15 10 5 0 % Ripartizione per classi dimensionali di fatturato

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise

Progetto promosso e finanziato dalla. Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Osservatorio Regionale sui Trasporti, la logistica e le infrastrutture in Molise Progetto promosso e finanziato dalla Unione Regionale delle Camere di Commercio del Molise Rapporto finale Gennaio 2008

Dettagli