Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico"

Transcript

1 Master di I livello in Management e sviluppo socioeconomico Modulo Le politiche di marketing territoriale Lezione I I I Dr. Antonio Gioioso Eurobic Abruzzo & Molise SpA

2 Contenuti Analisi del Programma di marketing territoriale Docup Abruzzo Mis Az

3 Finalità/obiettivi del Programma Caratteristiche generali promuovere il potenziale di attrazione della regione (Aree Ob.2) per favorire investimenti esogeni nel suo territorio Valorizzando i punti di eccellenza del territorio (qualità della vita, sviluppo economico nel rispetto dell ambiente, innovazione tecnologica, formazione, ricerca scientifica, tessuto imprenditoriale, posizione geografica) Contribuire a rafforzare l identità dell Abruzzo in Europa e presentare la Regione come soggetto competitivo nel panorama mondiale.

4 Periodo e soggetti attuativi Periodo di attuazione del Programma Luglio 2006 Settembre 2007 Soggetti attuatori/realizzatori NETWORK TRILATERALE Ad.Venture Agenzia di MKT & Comunicazione I Elsag Datamat Centro di produzione sistemi Informativi territoriali Accenture SpA Società di Servizi alle Imprese

5 Struttura del Programma Analisi di tipo statico del territorio Analisi di tipo dinamico del territorio Individuazione Pacchetti per attrarre gli IDE

6 a. Analisi di tipo statica del territorio Finalità determinazione di specifici indicatori che sintetizzino l attuale assetto assetto socioeconomico industriale regionale Definizione geoeconomica del territorio (1 step dell analisi) - Assetto dualistico fascia costiera fascia appenninica - Aree Ob.2 86% dei Comuni - Risorse naturalistiche tutto il territorio - Infrastrutture 2 direttrici litoranea adriatica litorenea transappeninica

7 a. Analisi di tipo statica del territorio Definizione socioeconomica del territorio (2 step) Quadro macroeconomico Primario 2% Secondario 22% Tessuto imprenditoriale Terziario 76% - Forte peso del settore terziario (rispetto al MdL e al reddito complessivo prodotto in Abruzzo) - Netta prevalenza di micro imprese

8 a. Analisi di tipo statica del territorio Analisi dei Distretti industriali (3 step) - Sistemi localizzati di imprese all interno di un area geografica circoscritta - volano per lo sviluppo locale - disponibilità di manodopera specializzata D.I. Vibrata Tordino Vomano D.I. servizi Pescara Montesilvano D.I. Maiella D.I. Piana del Cavaliere D.I. del Vastese D.I. agro-industriale della Marsica

9 a. Analisi di tipo statica del territorio Le specializzazioni dei distretti - Distretto Vibrata Tordino Vomano : tessile, pelletteria, abbigliamento ( aziende) - Distretto della Maiella : legno/pelletteria (3.954 aziende) - Distretto del Piana del Cavaliere : grafica, elettronica, ottica (588 aziende) - Distretto del Vastese : chimica, abbigliamento (9.000 aziende) - Distretto agroalimentare della Marsica : agricoltura, alimentare - Distretto dei servizi Pescara-Montesilvano : servizi, commercio ( aziende)

10 b. Analisi dinamica del territorio Finalità determinazione dei punti di forza, debolezza, minacce, opportunità (SWOT) per definire i principali vantaggi competitivi della Regione, su cui basare l individuazione di possibili opportunità di investimento da proporre ad investitori esterni. Utilizza gli indicatori/risultati emersi dall Analisi statica Sistema territoriale Sistema demografico-sociale Fonte: Regione Abruzzo Fonte: Regione Abruzzo

11 b. Analisi dinamica del territorio Mercato del lavoro Fonte: Regione Abruzzo

12 b. Analisi dinamica del territorio Sistema produttivo Fonte: Regione Abruzzo

13 b. Analisi dinamica del territorio Ambito extra-regionale Fonte: Regione Abruzzo

14 b. Analisi dinamica del territorio Ambito turistico

15 Definizione: opportunità di investimento identificate, selezionate e proposte dal Programma di MKT territoriale della Regione Abruzzo Processo di costruzione: Determinazione del campione Indagine sui fattori competitivi del tessuto produttivo locale Def.ne metodologia per l individuazione dei pacchetti * Identificazione Pacchetti Selezione di un campione di soggetti da intervistare per comprendere le caratteristiche del tessuto produttivo e dei fattori ritenuti rilevanti per far crescere gli investimenti esogeni Raccolta dati necessari per Individuare i Pacchetti Localizzativi attraverso indagini dirette (interviste della fase precedente) e Indagini indirette (raccolta dati presenti in apposite banche dati, utilizzo informazioni Analisi statica e dinamica) Scelta dei criteri necessari alla valutazione dei dati raccolti in precedenza per rintracciare le opportunità di investimento offerte dall Abruzzo Applicazione del Modello metodologico ai dati raccolti in precedenza

16 Metodologia per l individuazione dei Pacchetti in Abruzzo* Individuazione dell Area Valutazione della dotazione infrastrutturale Individuazione Settori strategici e delle potenzialità del tessuto produttivo Analisi dei vantaggi competitivi associati a specifici investimenti Delimita l area geografica d interesse sulla base delle indagini dirette e sull analisi statica e dinamica Ha permesso di identificare e valutare le infrastrutture presenti sulle aree considerate. Ha permesso di individuare i settori economici trainanti per l economia della singola area, e le potenzialità ancora inespresse dal tessuto imprenditoriale locale Ha evidenziato nuove opportunità d investimento nei settori valutati in precedenza e ha permesso di stimarne l appetibilità per un impresa potenziale. Individuazione di 20 Pacchetti

17 Chimica fine a Bussi A chi si rivolge investitori interessati, principalmente, ai prodotti della chimica fine, c.d. fine chemicals, (prodotti chimici di sintesi quali ad esempio, principi attivi, farmaci, fitofarmaci, etc.) Aziende presenti nell area Solvay Solexis, MedAvox,Silysiamont,Edison termoelettrica Presenza del Parco Industriale di proprietà di Solvay Solexis, che si occupa direttamente della vendita dei lotti per nuovi insediamenti industriali. Servizi comuni: vigilanza, antincendio, infermeria, amministrazione,laboratorio chimico completamente attrezzato, etc.) Prodotti disponibili: soda caustica, acido cloridrico, ipoclorito di sodio, idrogeno gas, cloro gas, acqua ossigenata, sodio percarbonato, cloruro di sodio, cloruro di metilene, cloroformio, tetracloruro di carbonio, metanolo, carbonato di sodio etc.. Competenze professionali: officina meccanica attrezzata, officina elettrostrumentale, imprese subfornitrici per la manutenzione, magazzinaggio, acquisti etc.), Ottima collocazione logistica, Cultura industriale (insediamento chimico centenario, ottimo rapporto con il territorio) Finanziamenti agevolati.

18 Produzione stampati in alluminio in Val di Sangro A chi si rivolge investitori interessati, principalmente, al mercato dei semilavorati e stampati in alluminio per auto e moto La produzione nazionale di stampati Alumotive soddisfa una percentuale esigua della domanda interna,obbligando le imprese acquirenti ad un forte ricorso alle importazioni. Elevata concentrazione di imprese operanti nel settore Automotive, come la Honda che produce moto l anno e la Sevel che produce veicoli l anno, mentre nella Regione non si rileva la presenza di produttori di stampati in alluminio. La localizzazione dell investimento nella Val di Sangro permetterebbe di beneficiare del bacino potenziale di imprese presenti nell area, riducendo gli attuali tempi di fornitura, e di sfruttare la domanda potenziale delle numerose imprese italiane attualmente costrette a rivolgersi, quasi esclusivamente, a produttori esteri. Modalità di assegnazione Aree : Consorzio per lo sviluppo industriale della Val di Sangro (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

19 Componenti per automotive Val di Sangro A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di componenti elettronici e meccanici per auto e moto. Domanda globale di componenti elettronici e meccanici per auto e moto, per il quadriennio , prevista in crescita di circa il 2%. Beneficio del bacino potenziale di imprese del settore Automotive presenti nell area (Honda, Sevel La localizzazione dell investimento nella Val di Sangro permetterebbe di beneficiare del bacino potenziale di imprese presenti nell area, riducendo gli attuali tempi di fornitura, e di sfruttare la domanda potenziale delle numerose imprese italiane attualmente costrette a rivolgersi, quasi esclusivamente, a produttori esteri. Modalità di assegnazione Aree Presenza di un indotto di settore che consente di avvalersi dei servizi offerti dalle imprese presenti e di esternalizzare, ove necessario, specifiche fasi della produzione. Consorzio per lo sviluppo industriale della Val di Sangro (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

20 Riciclaggio rifiuti industriali nel Vastese è rivolto agli investitori operanti nel settore dello smaltimento e riciclaggio dei rifiuti industriali,in grado di garantire il rispetto del territorio tramite l utilizzo di processi a basso impatto ambientale. A chi si rivolge Settore dello smaltimento/riciclaggio rifiuti in crescita costante negli ultimi anni Disponibilità di materiali di scarto (in Prov. di CH presenza di grandi realtà industriali Denso) Bassa concorrenza in Abruzzo. Presenza di un indotto di settore che consente di avvalersi dei servizi offerti dalle imprese presenti e di esternalizzare, ove necessario, specifiche fasi della produzione. Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale del Vastese (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area),

21 Trasformazione e distribuzione dei prodotti della Valle del Fucino è rivolto agli investitori interessati alla lavorazione ed alla distribuzione dei prodotti A chi si rivolge agroalimentari della Valle del Fucino, sia come prodotto finito, che come semilavorato per altre produzioni.. Domanda nazionale di prodotti agroalimentari in forte crescita Produzione agricola regionale di alta qualità Valle del Fucino (copertura del 30% della produzione nazionale di carote; circa 1,4 mln. di quintali annui di patate) Possibilità di confezionamenti in loco dei prodotti agroalimentari, riducendo i costi di produzione e migliorando le caratteristiche qualitative del prodotto stesso Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale di Avzzano (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area)

22 Produzione di capi di abbigliamento a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di capi di abbigliamento di alta qualità. Presenza del Distretto Ind. Vibrata-Tordino-Vomano (elevato n di aziende presenti nell area) Disponibilità di manodopera specializzata Possibilità di esternalizzare totalmente o in parte specifiche fasi del processo produttivo, ricorrendo ai servizi offerti dalle aziende della filiera Aziende presenti: Zucchi; Golden Lady; Maglificio Gran Sasso; Moda Montefiore; GI. EFFE etc ) Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo sviluppo industriale di Teramo (mediante l inoltro di apposita domanda (modulo richiesta assegnazione area)

23 Logistica aeroportuale a Pescara A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alle attività connesse alla c.d. logistica aeroportuale,che agli investitori operanti nel settore turistico. Trend positivo del settore (+10% traffico passeggeri; +7% trasporto merci) Programmazione interventi di potenziamento infrastrutture presenti (aumento n di Km di piste di volo; costruzione di una nuova aerostazione merci ec..) Modalità di assegnazione Aree SAGA (società Abruzzese Gestione Aeroporto) mediante trattativa privata

24 Centro smistamento merci della Marsica A chi si rivolge è rivolto alle alle aziende interessate all acquisizione di strutture logistiche all interno del Centro smistamento merci della Marsica, da utilizzare per il deposito, lo stoccaggio, la gestione degli ordini e la razionalizzazione del sistema di distribuzione verso il Centro-Sud Italia. Presenza di strutture per il deposito, lo stoccaggio delle merci, la gestione degli ordini, la promozione e la vendita delle merci. Realizzazione in corso di un progetto per l ampliamento del Centro che prevede la creazione di nuove strutture logistiche (area magazzini, area containers, edifici destinati a servizi). Posizione geografica favorevole in quanto polo logistico per il Centro-Sud Italia e nodo centrale per gli scambi lungo il c.d. Corridoio adriatico (asse di interconnessione fondamentale per il trasporto merci e passeggeri, del versante orientale della penisola). Modalità di assegnazione Aree Società di gestione del Centro smistamento merci

25 Chimica farmaceutica a L Aquila A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla realizzazione di prodotti farmaceutici. Trend del settore in crescita Manodopera specializzata, elevata purezza dell aria e dell acqua (fattori fondamentali per le aziende farmaceutiche) Posizione geografica favorevole in quanto polo logistico per il Centro-Sud Italia e nodo centrale per gli scambi lungo il c.d. Corridoio adriatico (asse di interconnessione fondamentale per il trasporto merci e passeggeri, del versante orientale della penisola). Aziende leader presenti: Menarini; Aventis Pharma; Dompè Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale dell Aquila (mediante apposita domanda

26 Terziario avanzato Area metropolitana Chieti/Pescara A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all'erogazione dei servizi appartenenti al c.d. Terziario avanzato" (ingegnerizzazione dei processi, informatica, marketing, consulenza tecnica, consulenza legale, comunicazione, etc.). Trend del settore in continua crescita Forte espansione nell area di servizi terziari (dovuto all aumento qualitativo/quantitativo della domanda regionale) Fattore attrattivo derivante dai Giochi del Mediterraneo 2009 Modalità di assegnazione Aree Comune di S.Giovanni Teatino

27 Produzione mobili a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati per l'acquisto delle aree da utilizzare per insediamenti alla produzione dei mobili da ufficio ed arredi per la casa. Trend del settore in crescita (aumento domanda) Lunga tradizione del mobile abruzzese Presenza in loco di numerose imprese specializzate Forte manodopera specializzata e costi contenuti per l acquisto delle aree da utilizzare per insediamenti produttivi. Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Teramo mediante inoltro di apposita domanda

28 Imbottigliamento e distribuzione di olio di oliva a Chieti A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all imbottigliamento e alla distribuzione dell olio d oliva prodotto in Prov. di CH Trend del settore in crescita Presenza di numerosi produttori di medio-piccole dimensioni a fronte di un ridotto n. di imprese di imbottigliamento e distribuzione Ridotta concorrenza e presenza di Marchi DOP Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale della Val di Sangro

29 Produzione dolciaria a Sulmona A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione dolciaria ed alla relativa commercializzazione. Trend del settore in crescita Manodopera specializzata, elevata purezza dell acqua e dell aria Possibilità di sfruttare la rinomatezza del luogo (noto soprattutto per la produzione dei confetti) Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona

30 Servizi termali A chi si rivolge è rivolto agli investitori operanti nel settore delle cure termali e dei servizi e prodotti ad esse annessi (ad esempio, beauty farm, produzione di cosmetici, strutture ricettive, etc.). Ricchezza di sorgenti termali in loco non ancora utilizzate Flussi turistici in Abruzzo in aumento Possibilità di creare un ambiente esclusivo attraverso la realizzazione di Hotels e beauty farm, sfruttando le proprietà delle acque termali e la collocazione all interno di aree protette Modalità di assegnazione Aree Comuni di Caramanico, Canistro, Raiano, Popoli

31 Produzione abiti da lavoro nel Vastese A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati alla produzione di abiti da lavoro e articoli antinfortunistici Le aziende di produzione di abiti da lavoro ed articoli antinfortunistici presenti sul territorio regionale, non riescono a soddisfare in pieno la domanda locale di tali prodotti. Le aziende locali soddisfano parte delle loro esigenze ricorrendo a forniture extra-regionali. Presenza di un numero rilevante di imprese, alcune di grandi dimensioni come la Denso, che conta circa dipendenti e la Pilkinton, con circa dipendenti Assenza di produttori di abiti da lavoro e articoli antinfortunistici. Scarsa concorrenza Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale del Vastese Elevato potenziale bacino d utenza Possibilità di ridurre gli attuali tempi di fornitura per le aziende locali

32 Imbottigliatura e distribuzione del vino a Teramo A chi si rivolge è rivolto agli investitori interessati all imbottigliamento e alla commercializzazione del vino abruzzese. Tassi di crescita nel settore (aumento dei consumi interni; crescita esportazioni) Crescita del ruolo e della produzione del vino abruzzese Provincia di Teramo: 37% della superficie coltivata dedicata alla produzione di uva di qualità (DOP DOCG) Scarsa concorrenza (scarso n di imprese di imbottigliamento e distribuzione a fronte di un alto n di produttori) Elevato potenziale bacino d utenza Possibilità di ridurre gli attuali tempi di fornitura per le aziende locali Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale di Teramo

33 Elettronica in Provincia dell Aquila A chi si rivolge è rivolto agli alla produzione ed assemblaggio di componenti elettronici altamente tecnologici (ad esempio, CPU, RAM, circuiti stampati, schede video, componenti per impianti di telecomunicazione, etc.). Domanda di componenti elettrici in ripresa Forti competenze professionali in loco Cultura industriale Presenza di una filiera produttiva nelle telecomunicazioni Possibilità di esternalizzare totalmente o parzialmente specifiche fasi del processo produttivo, ricorrendo ai servizi ed alle produzioni offerte dalle aziende della filiera presenti sul territorio. Aziende presenti nell area Finmek; Micron; Telespazio Modalità di assegnazione dell area Consorzio per lo sviluppo industriale dell Aquila e di Avezzano

34 Lavorazione e distribuzione del tartufo nero a L Aquila è rivolto agli interessati alla lavorazione del tartufo nero ed alla distribuzione sul A chi si rivolge mercato, sia sotto forma di prodotto finito, che come materia prima per la preparazione di altri prodotti (ad esempio, formaggi, paste, olio etc.). Produzione regionale molto diversificata (30 tipologie) Condizioni climatiche favorevoli Nascita spontanea del tartufo nero (a causa della ricca vegetazione) Scarsa concorrenza (mancanza di un adeguata rete di trasformazione e vendita) Area vasta Modalità di assegnazione Aree Consorzio per lo Sviluppo industriale dell Aquila

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni

CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni CAMPUS DELL INNOVAZIONE (AUTOMOTIVE e METALMECCANICA ) Prime indicazioni 22 Maggio 2007 1. LA SITUAZIONE IN ABRUZZO CON RIFERIMENTO ALLA PROVINCIA DI CHIETI L apparato industriale della Regione Abruzzo

Dettagli

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento

INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento INVESTIRE A L AQUILA Territorio, Economia, Opportunità di Investimento L Aquila (71.000 abitanti) è ubicata al centro dell Italia, a ridosso di grandi poli urbani: Roma e Pescara - raggiungibili in poco

Dettagli

Progetto di Territorio 2

Progetto di Territorio 2 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per lo Sviluppo del Territorio, la Programmazione ed i Progetti Internazionali Regione Abruzzo Direzione LL.PP., Servizio Idrico Integrato,

Dettagli

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo

Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo CASE STUDY Luci e ombre della cooperazione vitivinicola in Abruzzo Emilio Chiodo Il settore vitivinicolo in Abruzzo Il settore vitivinicolo riveste un importanza rilevante nell economia Abruzzese, così

Dettagli

Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca. Pescara, 17 Aprile 2012

Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca. Pescara, 17 Aprile 2012 Incontro con il Ministro per la Coesione Territoriale Fabrizio Barca Pescara, 17 Aprile 2012 1 PIATTAFORMA REGIONALE DI RACCORDO DEI POLI D'INNOVAZIONE La Piattaforma regionale di raccordo dei Poli d'innovazione

Dettagli

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei

Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei La promozione del territorio- lezione 14/ 02/ 08 Docente d. ssa Silvia Sarzanini Quadro sociale, istituzionale e normativo Il programma Leader I gal Gli ecomusei LE STRATEGIE DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL

Dettagli

Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress -

Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress - Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA Le aree di specializzazione della Regione Abruzzo - Work in progress - Giugno 2013 Indice Bozza per discussione Premessa

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO IL CONTESTO DI SVILUPPO ABRUZZESE

LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO IL CONTESTO DI SVILUPPO ABRUZZESE LA NUOVA PROGRAMMAZIONE EUROPEA 2007-2013 STRATEGIE E OPPORTUNITÀ PER L ABRUZZO Project Work n 1 Il ruolo della conoscenza e dell informazione nelle strategie di programmazione europea: prospettive e opportunità

Dettagli

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali

L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali L affermazione di modelli di sviluppo post-industriali Il rapporto tra attività produttive e territorio negli ultimi due decenni è andato in contro a profondi cambiamenti a causa di tre fenomeni interdipendenti:

Dettagli

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06

REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 REGIONE LAZIO COMPLEMENTO DI PROGRAMMAZIONE DOCUP OBIETTIVO 2 2000-06 4 dicembre 2001 modificato dal CdS del 2 aprile 2004 e dal CdS del 24 giugno 2004 PARTE GENERALE... 3 LA STRATEGIA DEL DOCUP: DAGLI

Dettagli

Bruno Biagi Curriculum Professionale

Bruno Biagi Curriculum Professionale Bruno Biagi Curriculum Professionale Aprile 2011 Bruno Biagi nato a Sulmona (AQ) il 10.02.1952 residente in via Monte Faito 50, 65124 Pescara telef/fax: 085 4156012 cell. 348 0095023 e-mail: biagi.bruno@gmail.com

Dettagli

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA

ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ANALISI DI CONTESTO: LE TENDENZE RECENTI ED I FATTORI CRITICI DI SUCCESSO NELLA FILIERA ORTOFRUTTICOLA ITALIANA ISMEA Direzione Servizi di Mercato e Supporti Tecnologici Dr. Mario Schiano lo Moriello 1

Dettagli

Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive" Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA

Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA Il ruolo del Distretto nei processi di ambientalizzazione delle aree produttive" Intervento a cura dell Ing. Lorenzo FERRARA 28 MARZO 2015 Candela (FG) Programma di Sviluppo - Le linee strategiche del

Dettagli

COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI

COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI La costa dei Trabocchi COMPRENSORIO TURISTICO DELLA COSTA DEI TRABOCCHI Linee guida allegate all intesa 7 Aprile 2010 Il patrimonio naturale/culturale della costa dei trabocchi E stata individuata quale

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA

7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA PIT N TITOLO DEL PIT PROVINCIA 7 PALERMO CAPITALE DELL EURO-MEDITERRANEO PA IDEA FORZA Caratteristiche L idea forza del PIT proposto parte dall assunto che il territorio del Comune di Palermo, collocato

Dettagli

Programma degli interventi

Programma degli interventi Allegato 1 alla Delib.G.R. n. 46/8 del 22.9.2015 Programmazione Unitaria 2014-2020. Strategia "Creare opportunità di lavoro favorendo la competitività delle imprese". Programma di intervento 3: Competitività

Dettagli

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016

MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 MASTERPLAN DEL CARSO Progetto per lo sviluppo rurale dell area del Carso Triestino 2012-2016 (La presentazione è su sfondo scuro per risparmio energetico) Come nasce il Masterplan del Carso? Predisposto

Dettagli

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. ALLEGATO A REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO PROGETTO REGIONALE FILIERA CORTA Rete regionale per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani. 1 PREMESSA Molti avvenimenti in questi

Dettagli

TRADIZIONE & CULTURA

TRADIZIONE & CULTURA PALATIPICO MODENA TRADIZIONE & CULTURA Le Produzioni Agroalimentari Modenesi D.O.P. e I.G.P. Corso 30560 MARKETING STRATEGICO Laurea in Economia e marketing nel sistema agro-industriale Facoltà di Agraria

Dettagli

Piano nazionale del Turismo

Piano nazionale del Turismo Piano nazionale del Turismo 5 azioni per raddoppiare il PIL del turismo C o n f e r e n z a s t a m p a 22 settembre 2010 Emma Marcegaglia, Presidente di Confindustria Daniel John Winteler, Presidente

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Il contesto europeo ed internazionale

Il contesto europeo ed internazionale Il contesto europeo ed internazionale Negli ultimi anni il tema delle criticità derivanti dalla gestione dei rifiuti dell energia e delle risorse idriche sono divenuti centrali all interno del dibattito

Dettagli

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari

La programmazione integrata delle filiere agro alimentari DIREZIONE OPERE PUBBLICHE ECONOMIA MONTANA E FORESTE La programmazione integrata delle filiere agro alimentari nelle aree LEADER del Piemonte Torino, 27 novembre 2014 1 PSR 2007 2013 ASSE IV LEADER 13

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE

Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE Il Made in Italy in India PROGRAMMA STRAORDINARIO DI PROMOZIONE promosso e finanziato dal IL MERCATO Il sistema economico indiano sta progressivamente cambiando forma: da economia rigidamente pianificata,

Dettagli

Notizie Sull'Azienda

Notizie Sull'Azienda Notizie Sull'Azienda Forma di conduzione Distribuzione percentuale della Forma di Conduzione (regione Abruzzo) % delle aziende con Conduzione diretta del coltivatore con solo manodopera familiare % delle

Dettagli

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP

F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP F. IL SISTEMA OLIVICOLO DELLA SABINA E LA GESTIONE DELLA DOP a cura di Stefano Petrucci, Arnaldo Peroni La filiera dell olio nel territorio sabino si è evoluta notevolmente dopo l ottenimento, nel 1996,

Dettagli

Corso di Economia e gestione delle imprese

Corso di Economia e gestione delle imprese Corso di Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Ciclo di direzione e Gestione Strategica Strategia globale Strategia competitiva Ciclo di direzione 2 1 Strategie di sviluppo e settori

Dettagli

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco

Scheda Paese Marocco. A cura di. Nadia Harbouli Ufficio Marocco Scheda Paese Marocco A cura di Nadia Harbouli Ufficio Marocco DESK ITALIA - MAROCCO MAROCCO MAROCCO Mercato prioritario per stabilità economica e politica Posizione geografica strategica Indicatori macro-economici

Dettagli

Scheda Sistema Territoriale

Scheda Sistema Territoriale VERONA E LE VALLI PREALPINE Scheda Sistema Territoriale Dati identificativi del Sistema Territoriale Nome: Verona e le valli prealpine Stato: Italia Centro urbano di riferimento: Verona Regione: Veneto

Dettagli

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia

Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia Attività produttive I nostri partner europei Intervista a Maria Kranohorska, Ambasciatrice di Slovacchia a cura di SRM - Studi e Ricerche per il Mezzogiorno Il Dossier Unione Europea accoglie in questa

Dettagli

Campus Innovazione Automotive e Metalmeccanica. 9 agosto 2013

Campus Innovazione Automotive e Metalmeccanica. 9 agosto 2013 Campus Innovazione Automotive e Metalmeccanica 9 agosto 2013 CONTENUTI a) La filiera Automotive b) La sfida c) Il Programma Automotive Abruzzo d) Il Campus Innovazione Automotive Mezzi trasporto gomma

Dettagli

Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino. Ipotesi alternative

Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino. Ipotesi alternative Obiettivo n. 1 L ambito Ottimale bacino di traffico Ipotesi alternative I livelli attuali di governo del TPL abruzzese Statale Sicurezza e tutela della concorrenza La L.R. 1/2011 dispone il trasferimento

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico MASTER PLAN DEGLI INTERVENTI DIRETTI A FAVORIRE LA RIPRESA PRODUTTIVA DELLA REGIONE ABRUZZO On. Claudio Scajola Dott. Gianni Chiodi D I C E M B R E 2 0 0 9 PRISMA Piano per Rilanciare Innovare Sviluppare

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 SCHEDE GRANDI PROGETTI (ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO (CE) 1083/2006) NOVEMBRE

Dettagli

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo»

Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Seminario «Imprese, mercati, nuove tecnologie e nuovi settori: come cambia l organizzazione aziendale nello scenario competitivo» Torino, 28-30 Novembre 2011 Luca Pignatelli Demografia (2010-2011) Popolazione

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera Obiettivo Cooperazione Territoriale Europea 2014-2020 Laura Pedriali Settore Cooperazione transfrontaliera e programmazione integrata

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE Il secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione è costituito dai percorsi quinquennali dell istruzione secondaria superiore (licei, istituti

Dettagli

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali

Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Il turismo culturale e l analisi dell impatto economico nelle regioni meridionali Salvio Capasso Responsabile Ufficio Economia delle Imprese e Mediterraneo - SRM Paestum, 30 Ottobre 2014 Agenda Il turista

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani

Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Strettamente riservato e confidenziale Fondo Parchi Agroalimentari Italiani Progetto FICO Illustrazione del Progetto 1 Introduzione Il fondo PAI Il fondo PAI, Parchi Agroalimentari Italiani, gestito da

Dettagli

Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio. Il traffico merci aereo

Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio. Il traffico merci aereo Osservatorio infrastrutture e trasporti della regione Lazio Il traffico merci aereo Gennaio 2009 OSSERVATORIO INFRASTRUTTURE, TRASPORTI E AMBIENTE II a ANNUALITA 1 Trend delle merci in Europa Il traffico

Dettagli

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1

Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 Le produzioni agroalimentari abruzzesi 1 2 Il posizionamento dell industria agroalimentare abruzzese Le produzioni agroalimentari abruzzesi 3 Il CRESA, Centro regionale di studi e ricerche economico-sociali

Dettagli

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine.

La Catena del Valore. Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze. Attività di supporto. Margine. La Catena del Valore Un sistema di classificazione delle risorse e delle competenze Attività di supporto Infrastrutture, Finanza, Approvvigionamenti Ricerca e Sviluppo Gestione e sviluppo risorse umane

Dettagli

Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: della Media e Bassa Valle del Tordino

Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: della Media e Bassa Valle del Tordino Un esperienza di pianificazione strategica condivisa: il Piano d Area d C O N T E S T O T E R R I T O R I A L E Metropolizzazione, Metropolizzazione, associazioni di Comuni e pianificazione provinciale

Dettagli

Architettura del paesaggio

Architettura del paesaggio Legge 84/2001 LOREM + ELEMENTUM Potenziare l export e gli investimenti in Serbia Le opportunità dell hub logistico e doganale di Novi Sad Architettura del paesaggio Il progetto Cor Log - Corridoi paneuropei

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

Aree produttive sostenibili e Green marketing

Aree produttive sostenibili e Green marketing Aree produttive sostenibili e Green marketing IL GREEN MARKETING COME OPPORTUNITÀ DI RILANCIO ECONOMICO Il marketing green si occupa di inserire nel mercato prodotti che salvaguardano l ambiente attraverso

Dettagli

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol.

1 Elaborazioni Euricse su dati forniti dalla Federazione Trentina della Cooperazione e da Raiffeisenverband Sudtirol. La storia e la teoria economica ci insegnano che il superamento della povertà in ambito agricolo è legato dalla capacità dei produttori di operare su una scala che consenta l accesso a mercati più ampi

Dettagli

Le strategie internazionali

Le strategie internazionali Le strategie internazionali Le strategie internazionali costituiscono alternative di fondo seguite nella costruzione e/o nel rafforzamento del vantaggio competitivo in ambito internazionale (Valdani &

Dettagli

Il territorio e gli ambiti della Provincia di Chieti

Il territorio e gli ambiti della Provincia di Chieti La proposta di sviluppo Raffaele Trivilino Vasto 8 maggio 2009 Il territorio e gli ambiti della Provincia di Chieti Il comprensorio è costituito dai territori della costa, dell Alto e Medio Vastese. Da

Dettagli

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci

PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI. Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci POR SARDEGNA 2000-2006 PROGETTAZIONE INTEGRATA ALLEGATO 3.7 INDUSTRIA, ARTIGIANATO E SERVIZI Sistema Logistico Intermodale per il Trasporto delle Merci Elementi per la Predisposizione dei Progetti Integrati

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli

SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci

SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci SUN Rimini 9 ottobre 2009 PROFIT SPA DESIGN: Come progettare il profitto in una SPA. Ing. Salvatore Picucci PREMESSA Interattività: IMMEDIATA per domande sull argomento trattato in quel momento A FINE

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA E REGIONALE Economia Urbana 2 TEORIA DELLO SVILUPPO LOCALE Economia Urbana

Dettagli

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE

Olio extra vergine di oliva Denominazione di Origine Protetta APRUTINO PESCARESE Manuale e piano di per la certificazione dell olio extra vergine di oliva rispondente ai requisiti per l ottenimento della Denominazione di Origine Protetta ai sensi del Reg. CEE 2081/92 Olio extra vergine

Dettagli

S.I.S.TE.MA. ABRUZZO

S.I.S.TE.MA. ABRUZZO Sviluppo e Innovazione dei Settori Terziario e Manifatturiero in Abruzzo: Presentazione del Progetto L Aquila, 23 Maggio 2007 Presentazione del Progetto Il progetto S.I.S.TE.MA. Abruzzo nasce come risposta

Dettagli

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013

Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Progetto Marchio d Area Viaggio negli Iblei. Pist 9 Linea d intervento 3.3.IA (attività C) del PO. FESR 2007/2013 Provincia Regionale di Ragusa Piani Integrati di Sviluppo Territoriale Progetto Viaggio

Dettagli

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO

LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO Ufficio di Casablanca - Sezione per la Promozione degli Scambi dell Ambasciata d Italia in Marocco LA FILIERA AUTOMOTIVE IN MAROCCO (novembre 2014) In base ai dati diramati dal Governo marocchino, il settore

Dettagli

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore.

Business Plan II. Agenda. La catena del valore. Il Business Model. Definizione. La struttura. Attività generatrici di valore. Business Plan II La catena del valore ed il Business Model Lezione 05 Prof. Paolo Di Marco Agenda La catena del valore Definizione La struttura Attività generatrici di valore Attività primarie Attività

Dettagli

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili

Blogecologia.it. 18 maggio 2014. Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili Blogecologia.it 18 maggio 2014 Il primo polo logistico del freddo alimentato da rinnovabili A poco meno di un anno dall annuncio, la Solis Spa realizza Solis GreenLog, il primo polo logistico del freddo

Dettagli

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo

Rapporto Finale Dicembre 2009. Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino Palermo Distretti produttivi e nodi logistici lungo il percorso italiano del Corridoio 1 Berlino - Palermo Rapporto Finale Dicembre 2009 Dicembre 2009 pagina 1 Uniontrasporti è una società promossa da Unioncamere

Dettagli

Finalità e metodologia dell indagine

Finalità e metodologia dell indagine RAPPORTO SULLE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TERZIARIO INNOVATIVO TORINESE Luglio 2012 Finalità e metodologia dell indagine Nelle pagine che seguono sono presentati i risultati di una indagine sul settore

Dettagli

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO

APPENDICE B RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI. Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO APPENDICE B I MATERIALI DI INDIRIZZO PER GLI APPROFONDIMENTI DEI TAVOLI DI CONCERTAZIONE CON RIFERIMENTO AI SINGOLI ASSI STRATEGICI Asse strategico 1 UNA STRATEGIA PER LO SVILUPPO TURISTICO Premessa Il

Dettagli

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori

L'immagine del Sud Italia nel mondo: i risultati di una indagine demoscopica del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo presso gli operatori 1 L INDAGINE Nel giugno 2003, il Servizio per le politiche dei Fondi strutturali comunitari del Dipartimento per le politiche di sviluppo del Ministero dell Economia e delle Finanze ha affidato, a seguito

Dettagli

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 23 Febbraio 2009 Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 Nelle linee guida definite dal Piano Regionale Integrato dei Trasporti della Regione Abruzzo, su richiesta della Provincia dell Aquila,

Dettagli

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER

IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER IL BILANCIO DELLE EDIZIONI PRECEDENTI DI LEADER INDICE 1. Il primo Leader p. 3 2. Il Leader II 3 2 1. Il primo Leader L iniziativa Leader (Liaison Entre Actions de Développement de l Economie Rurale ovvero

Dettagli

QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE

QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE APPENDICE QUESTIONARI UTILIZZATI PER LE INTERVISTE ALLE AZIENDE STIL Strumenti Telematici per l Interoperabilità nelle reti di imprese: Logistica digitale integrata per l Emilia Romagna D01 Requisiti del

Dettagli

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico

Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Reti d impresa: opportunità e prime esperienze nel settore turistico Udine, 10 ottobre 2013 Sommario Introduzione alle Reti di Impresa Prime esperienze nel settore turistico-alberghiero L approccio alle

Dettagli

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania

Programma di rilancio delle aree colpite da crisi industriale in Campania ALLEGATOn.1alProtocollodiIntesa.. PIANOAZIONECOESIONE TERZARIPROGRAMMAZIONE Programmadirilancio delleareecolpitedacrisiindustrialeincampania Maggio2013 1 PianodiAzioneperlaCoesione InterventonelleareedicrisiindustrialeinCampania

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile

Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile INFORMAZIONE PUBBLICITARIA Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile Il futuro dell agricoltura non è più legato solo alla produzione di materie prime per l alimentazione, ma anche alla sua centralità

Dettagli

abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi

abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi abstract Il sistema economico della provincia di Grosseto dopo la crisi 1 Lo scenario e le prospettive di crescita dell economia italiana Dalla metà del 2008 ad oggi, l economia mondiale attraversa un

Dettagli

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2

Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Toscana Turistica Sostenibile & Competitiva - Fase 2 Applicazione del Modello di Gestione sostenibile della Destinazione turistica Area di verifica AUTOVALUTAZIONE Elenco Domande per area tematica NECSTOUR

Dettagli

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY

Istituto nazionale per il Commercio Estero. Nota Congiunturale URUGUAY Istituto nazionale per il Commercio Estero Nota Congiunturale URUGUAY Maggio 2011 L'economia uruguaiana, nel 2010, ha registrato una significativa crescita del PIL dell 8,5% rispetto al 2009 e, nel primo

Dettagli

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia

le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia 18 giugno 2013 le catene del valore nel commercio internazionale e il ruolo dell Italia Alessandra Lanza Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre, ma nell'avere nuovi occhi. MARCEL

Dettagli

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT

PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT PTI NOVARA ASSE 1 INNOVAZIONE E TRANSIZIONE PRODUTTIVA AZIONE RICERCA E SPERIMENTAZIONE INTERVENTO 15.2.2.1 CAMPUS NOVAMONT 1. QUADRO CONOSCITIVO 1.1 Soggetto attuatore dell intervento: Novamont S.p.A.

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale

Regione Umbria Giunta Regionale Regione Umbria Giunta Regionale Area della programmazione regionale Servizio programmazione comunitaria Docup Ob.2 (2000-2006) Regolamento (CEE) n. 1260/99 N. CCI: 2000 IT 16 2 DO 010 Integrazioni al Rapporto

Dettagli

Società agricola Mercuri

Società agricola Mercuri Società agricola Mercuri dove la tradizione guarda al futuro 1 L azienda agricola L azienda biologica, le cui origini risalgono al 1920, si trova a Casperia in provincia di Rieti; la conduzione è familiare

Dettagli

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè

NGN CATANIA. Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010. Dr. Franco Bernabè Catania, Conferenza Stampa Venerdì 29 ottobre 2010 Dr. Franco Bernabè 1. Oggetto dell Incontro Vi ringrazio per aver accettato il nostro invito. Lo scopo dell evento di oggi è quello di annunciare l avvio

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. SAVE Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA AEROPORTO DI VENEZIA MARCO POLO S.P.A. Profilo del Gruppo pag. 1 La storia pag. 2 Le aree di attività pag. 3 I risultati pag. 6 Il Gruppo in sintesi pag. 7 Venezia,

Dettagli

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro

Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Corridoio Esino Prima riunione del Tavolo Tecnico Jesi, 14 dicembre 2005 Resoconto dell incontro Progetto Sistema Prima riunione del Tavolo tecnico, Jesi 14 dicembre 2005 Che cosa è il Progetto

Dettagli

La rilevanza e gli impatti economici dell attività crocieristica per il territorio livornese

La rilevanza e gli impatti economici dell attività crocieristica per il territorio livornese Milioni Risposte Turismo per Camera di Commercio di Livorno La rilevanza e gli impatti economici dell attività crocieristica per il territorio livornese ll fenomeno crocieristico, seppur associabile in

Dettagli

MODELLO DI ACCORDO QUADRO

MODELLO DI ACCORDO QUADRO MODELLO DI ACCORDO QUADRO a) Enti Pubblici b) Autorità di Coordinamento regionale del Distretto Bioenergetico c) Fornitori della biomassa - produttori di colture energetiche - produttori di residui agricoli

Dettagli

Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna

Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna Il comparto del nautico nelle province di Forlì-Cesena e Ravenna Paolo Zurla Polo Scientifico-Didattico di Forlì - Università di Bologna 10 Gennaio 2007 Soggetti responsabili nella realizzazione dell indagine

Dettagli

L AEROPORTO DI FIRENZE

L AEROPORTO DI FIRENZE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana L AEROPORTO DI FIRENZE Gli effetti dei progetti di qualificazione e potenziamento Giovanni Maltinti 14 Aprile 2010 3 buone ragioni: Perché qualificare

Dettagli

Con il supporto tecnico scientifico di

Con il supporto tecnico scientifico di OSSERVATORIO REGIONALE TRASPORTI, LOGISTICA E INFRASTRUTTURE ABRUZZO Con il supporto tecnico scientifico di Rapporto 2007 Il Rapporto 2007 "Osservatorio regionale trasporti, logistica e infrastrutture

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO

Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO Provincia dell Aquila Settore E government Informatica Provveditorato e Patrimonio PROGETTO DI MARKETING TERRITORIALE PROGETTO ESECUTIVO finanziato nell ambito dell ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO SVILUPPO

Dettagli

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia

Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia Il Piano Regionale dei Trasporti e della Mobilità La politica della mobilità delle merci in Sicilia La necessità che anche la Sicilia si dovesse dotare di uno strumento di pianificazione del settore dei

Dettagli

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA.

Piano Territoriale Provinciale di Catania (ex art.12 L.R.9/86) RELAZIONE GENERALE DELLO SCHEMA DI MASSINA. 4.1.7. L ATTIVITÀ TURISTICA. Secondo le stime del World Travel and Tourism Council, l industria dei viaggi e del turismo diventerà, a breve termine, la prima industria mondiale sia in termini di fatturato

Dettagli

OBIETTIVI DEL MASTER

OBIETTIVI DEL MASTER L Italia è una delle 5 maggiori destinazioni al mondo per turismo culturale e ambientale. 2 turisti stranieri su 3 considerano la cultura e il cibo come principale motivazione di un viaggio in Italia e

Dettagli

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT

GLI SCENARI. 3. L analisi SWOT 3. L analisi SWOT L analisi SWOT è un analisi di supporto alle scelte che risponde ad un esigenza di razionalizzazione dei processi decisionali. E una tecnica sviluppata da più di 50 anni come supporto

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono E-mail Contact Skype Antonio Gioioso Via Pietro Nenni 236/D, 66020 San Giovanni Teatino (CH) Mobile +39 3332241194

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento

Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento DIREZIONE LL. PP., CICLO IDRICO INTEGRATO, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA, PROTEZIONE CIVILE Piano di Gestione del Distretto Idrografico dell Appennino Centrale - I aggiornamento Le attività della Regione

Dettagli