1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del"

Transcript

1

2 1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del canale deviatore Lamasinata, a tal fine è stato effettuato uno studio preliminare di compatibilità idrologica-idraulica a scala di bacino atto ad integrare l attuale quadro conoscitivo sintetizzabile nelle perimetrazioni dell Autorità di Bacino della Puglia e dello studio di fattibilità Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del canale deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico a firma dei professionisti Prof. Ing. V. Cotecchia e Dott. Geol. Greco. Lo svolgimento di questa fase preliminare è stata suddivisa nei seguenti punti: o Fase di inquadramento generale, con breve descrizione dell area oggetto dello studio. o Fase di acquisizione dei dati: per raggiungere l obiettivo è stata effettuata una accurata raccolta di dati geografici della zona in esame del tratto fluviale interessato: cartografia, rilievi topografici, rilievi batimetrici dell alveo ed un modello digitale del terreno DEM. o Fase di simulazione idraulica, attraverso l utilizzo di programmi di calcolo: il software utilizzato in questo caso per le modellazioni è Hec-Ras. o Fase di analisi dei risultati preliminari: trasformazione dei risultati del calcolo idraulico in informazione geografica, valutazione dell attendibilità del risultato ed individuazione di eventuali errori (la simulazione della piena è stata effettuata nell ipotesi di verifica della Sicurezza Idraulica ovvero per un tempo di ritorno di 00 anni, confermando i precedenti studi effettuati dall AdBP, che ha valutato tale portata in 350 m3/sec). Subito dopo la fase preliminare, sulla base di uno studio dettagliato del sito, si è proceduto ad individuare le principali criticità ai fini della sussistenza della sicurezza idraulica e successivamente gli interventi strutturali, dando assoluta priorità a quelli indicati nel bando da Codesta Amministrazione, atti a mitigare il rischio idraulico e che sono stati opportunamente riprodotti nelle simulazioni al fine di validare l efficacia degli stessi. 1

3 .1 Analisi idraulica Effettuato il calcolo delle portate massime, ovvero i picchi degli idrogrammi di piena relativamente ai tempi di ritorno di 30 e 00 anni, si è proceduto alla verifica idraulica del canale, effettuata in corrispondenza delle sezioni rilevate visibili sia in fig 10 e 11 e negli allegati, in termini di adeguatezza della sezione idraulica nonche di tutti gli attraversamenti presenti ritenedo assolutamente prioritaria la mitigazione del rischio idraulico nel tratto in corrispondenza di via Donadonisi per i motivi precedentemente riportati. * * * Le simulazioni sono state effettuate riproducendo i duplici scenari di: o stato dei luoghi attuali rappresentativa della situazione ante interventi a farsi; o stato dei luoghi dopo gli interventi rappresentativa della situazione post interventi; tenendo presente che si sono rese necessarie delle fasi simulative, in itinere, per ottimizzare la funzione costi- benefici (in termini di funzionalità idraulica del canale e nel rispetto di ogni singolo intervento presente nel Disciplinare posto a base di Gara D Appalto). Pertanto in fase di restituzione di output sia numerici che grafici si è suddivisa l analisi due distinte sessioni: o Analisi dei risultati FASE ANTE ; o Analisi dei risultati FASE POST ; * * * Per le verifiche si è utilizzato, quale programma di calcolo e modellazione, HEC RAS (Hydrologic Engineering Center s River Analysis System) software freeware prodotto dallo US ARMY Engineering Corps.. Nel paragrafo a seguire si illustrano brevemente i contenuti del modello, rimandando ad ogni approfondimento, ai documenti presenti sul sito ufficiale (www.hec.usace.army.mil). Teoria del modello idraulico (moto permanente) HEC-RAS è un programma realizzato per effettuare calcoli idraulici monodimensionali per reticoli idrografici (indifferentemente naturali ed artificiali); il software può lavorare in regime di moto permanente o vario. Le simulazioni effettuate, per il caso di studio, sono state condotte in regime di moto permanente. Nel caso di moto permanente, il software è in grado di modellare profili sia di correnti lente che veloci, ed inoltre è possibile valutare profili misti, con passaggio attraverso lo stato critico. Il profilo idraulico è calcolato normalmente (standar step method) attraverso la soluzione iterativa della equazione dell energia, tra due sezioni consecutive. Le perdite relative al termine cinetico dell equazione,

4 sono calcolate aggiungendo alle perdite continue per attrito, J, un coefficiente di contrazione/espansione, che viene moltiplicato per la differenza delle altezze cinetiche medie tra due sezioni successive. L equazione che esprime la perdita di energia è la seguente: dove: L = α V V h e = LJ ' + C α1 1 g g lunghezza del tratto di alveo compreso tra le due sezioni successive, pesata in funzione della portata defluente all interno della sezione trasversale su zone con differente coefficiente di attrito (basato sulla equazione di Manning) J = pendenza di attrito rappresentativa (media) delle due sezioni successive (in caso di moto uniforme sarebbe parallela al fondo e costante). C = coefficiente di contrazione o di espansione Occorre ribadire che il software è programmato per il calcolo di profili nell ipotesi monodimensionale, e quindi fornisce, per ciascuna sezione trasversale, un unica altezza del pelo libero e un unica altezza della linea dell energia. L altezza della linea dell energia, è ottenuta dal calcolo del valore pesato dalla portata di ciascuna delle sottosezioni in cui si può suddividere la sezione trasversale. Per calcolare quindi il valore dell energia per l intera sezione, bisogna ricavare la parte relativa alla altezza cinetica media, passando attraverso la valutazione del coefficiente di velocità (a sua volta pesato ): V1 Q1 + Q V g α = g Q1 + Q In generale si ottiene, per Q = Q1 + Q + + QN: α = V g [ QV + Q V + + Q V ] Come detto, le perdite continue per attrito sono valutate come il prodotto di dove QV J ' f L J ' f è la pendenza media della linee dell energia tra due sezioni consecutive distanti tra loro L (pesate in funzione delle portate trasversali ). La pendenza della linea dell energia è calcolata, per ciascuna sezione, tramite l equazione di Manning, nel modo seguente: Q J f = K dove K rappresenta il termine di trascinamento e quindi influenza le perdite continue; il modello contiene espressioni alternative che possono essere scelte dall utente. In particolare l espressione N N 3

5 è quella di default nel programma. J f Q = K Q K Le perdite per contrazione ed espansione, rappresentative in un certo senso delle perdite localizzate, sono calcolate in HEC-RAS tramite la seguente equazione: dove: C = coefficiente di contrazione o espansione. α V V h = C 1 1 α ce g g Il programma assume che vi sia una contrazione, ogni volta che l altezza cinetica (velocity head) a valle è maggiore di quella immediatamente a monte. Al contrario si assume una espansione, quando la altezza cinetica a valle è minore di quella di monte. In definitiva l equazione della energia, al fine della valutazione della incognita ovvero del tirante idrico nella singola sezione, viene applicata in maniera iterativa, secondo il seguente schema, assegnate che siano le condizioni al contorno: 1. viene assunta una altezza del pelo libero nella sezione a monte di quella ritenuta nota (o a valle a seconda se siamo in corrente lenta o veloce);. su questo valore ipotetico, si valutano i valori di K e della altezza cinetica; 3. ora viene calcolato il termine J f e quindi è possibile valutare h e ; 4. con i valori ricavati, si ricava la altezza del pelo libero nella sezione di monte; 5. si confrontano il valore appena ricavato, con quello assunto al punto 1 e si reitera il calcolo, sino ad una tolleranza di m (valore predefinito, modificabile dall utente). Il criterio utilizzato per l assunzione di una altezza iniziale del tirante, varia nell ambito della procedura, man mano che si sviluppano passaggi successivi. Nel primo passaggio, relativo ai 5 punti descritti, il tirante si basa sulla proiezione di quello della sezione precedente nella sezione in studio. Nel secondo passaggio, invece, è utilizzato il tirante del primo passaggio, incrementata del 70% dell errore risultante al primo passaggio (altezza calcolata altezza assunta). Il terzo passaggio e i successivi, sono invece basati su un metodo di proiezione secante, tendente a limitare la discrepanza evidenziata. In tutte le situazioni in cui non si ha un profilo di corrente gradualmente variato, ma che prevedono risalti idraulici, passaggio attraverso lo stato critico (per bruschi cambi di pendenza, restringimenti, attraversamenti, ponti) e quindi si generano profili di corrente rapidamente variati, il programma utilizza in luogo della equazione dell energia, l equazione del momento, o dell equilibrio dinamico. 4

6 L equazione deriva dalla seconda legge di Newton (F= m*a, ovvero Forza=massa*accelerazione), applicata ad una massa d acqua compresa tra due sezioni; l espressione della differenza dei momenti nell unità temporale tra le sezioni 1 e, si esprime con la seguente equazione P P + W 1 x F dove: P = spinta sulle sezioni 1 e W x = forza peso nella direzione del moto F f = forza dovuta alle perdite per l attrito esterno tra e 1 Q = portata ρ = densità dell acqua V x = cambio di velocità tra e 1 nella direzione del moto. f = Qρ V x Risolvendo le varie componenti dell equazione base, si perviene alla formulazione usata dal modello che la soluzione dell equazione dei momenti, che risulta essere la seguente: Qβ ga + A Y A1 + A + LS 0 A1 + A LS Q β 1 1 f = + ga1 A Y 1 1 Per concludere questa panoramica sul modello, si rammenta la possibilità di inserire nella geometria del sistema aree di accumulo e rilascio, di esondazione al di fuori del canale principale, e di deposito temporaneo o definitivo (ovvero zone in cui la componente cinetica si annulla). 3.1 Caratteristiche della progettazione Interventi tipo Prima di passare alla descrizione degli interventi di mitigazione, si individuano di seguito le principali tipologie di intervento che verranno riproposte in base alle differenti esigenze tecnico-funzionali del sito. Gli interventi tipo possono così sintetizzarsi: A. sezione tipo costituita da: -muro di sponda in calcestruzzo (savanella) armato con mensola da gettare lato alveo con finalità, oltre che di ripristino delle condizioni strutturali originarie del deviatore, di stabilizzare le sponde sia rispetto ai fenomeni di instabilità gravitativi sia nei confronti delle azioni idrodinamiche della corrente; il muro verrà vincolato al terreno per una profondità non inferiore ad 1,00 m e per migliorare la stabilità dello stesso si poserà sulla mensola ad incastro un gabbione rinverdito con talee (vedi fig. 3) che avrà anche la triplice funzione di difesa dall erosione, dallo scalzamento spondale e di sistema drenante. Altre caratteristiche sono: il rivestimento in pietrame per limitare 5

7 l impatto visivo degli interventi oltre a non alterare le scabrezze naturali del canale, la previsione di indispensabili fori drenanti che attraversano il corpo dell opera, la presenza di una sottofondazione in cls da magrone, una difesa della sponda sovrastante il muro di sostegno ottenuta mediante compattazione del materiale utilizzato e messa a dimora di talee; la ratio dell intervento riproduce, per molti aspetti, funzionalità tecniche presenti in letteratura (vedi fig) ove però non sono stati previsti interventi quali taglioni o jet grouting atti a mitigare fenomeni di scalzamento anche per la significativa presenza del gabbione sovrastante; -materasso a moduli prefabbricati in rete metallica, co spessore di minimo 0,17cm, rivestito con geostuioie o biofeltri e riempiti con materiale inerte, delle dimensioni medie come da elaborato Particolari Costruttivi, i moduli verranno assemblati con punti metallici in acciaio zincato al fine di conseguire un struttura monolitica, si effettueranno sulla superficie semina e messa a dimora di talee; B Il secondo intervento tipo è simile al primo fatto salvo per la presenza di un prolungamento del muro di sostegno a mo di parapetto sempre rivestito in pietrame, da adottarsi in sinistra idraulica in corrispondenza della zona S. Rita tra le sezioni 4 e 43 (ca 5mt) ed a difesa delle aree urbanizzate ivi presenti e nel tratto immediatamente a valle di via Donadonisi, tra le sezioni 47 e 51 (ca 68mt) a difesa della viabilità presente, ovviamente in sinistra idraulica per esigenze tecniche ed economiche non si è prevista una fascia golenale che invece è presente in destra ed è stata ripristinata mediante l intervento tipo A. Fig 1): Messa a dimora di talee; 6

8 Fig ): Dettaglio costruttivo di difesa spondale adottato lungo il fiume Isarco; Fig 3): Esempio di gabbione rinverdito con talee; 7

9 Fig 4):-tipologia di materasso con doppia rete metallica e rinverdito; Dal punto di vista funzionale ed economico, questi interventi sembrano i più idonei a ripristinare l officiosità originaria del canale soprattutto perché, mediante il muro in cls, si possono limitare (soprattutto con riferimento alla sx idraulica) i volumi d intervento in un tratto critico della lama che per esigenze antropiche (abitazioni in sponda sinistra e viabilità) presenta un restringimento dell alveo mentre in destra si è ripristinata la condizione presistente alla costruzione di via Donadonisi, inoltre viene mitigato l impatto dell opera mediante i già citati interventi di ingegneria naturalistica integrativi ed il rivestimento del calcestruzzo con pietrame calcareo a vista. 8

10 4.1 Gli interventi oggetto della presente progettazione e rientranti nell economie a disposizione Considerati: o gli interventi prioritari individuati dall Autorità di Bacino della Puglia e riportati nel documento preliminare della progettazione; o altre criticità così come rinvenienti dallo Studio di Fattibilità (settembre 007) Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del canale deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico ; o che alcuni interventi, in corrispondenza della zona ex Cava di Maso, sono già in fase di previsione; sulla base delle simulazioni effettuate, si è individuato come tratto a priorità assoluta il tratto in corrispondenza di via Donadonisi che dovrà prevedere all interno delle economie previste dal Quadro Economico i seguenti interventi: o Demolizione del rilevato stradale della via Donadonisi attraversante l alveo oggetto di intervento; o Risagomatura del fondo alveo con ripristino della pendenza originaria del canale stimabile in 0,5%, con tratto interessato quello tra le sezioni 4 e 5 (in particolare la prima e l ultima sezione conserveranno la quota di fondo mentre la sezione 51 necessita di un leggero ricarico per coprire la roccia affiorante scalzata dagli eventi del 005 vedi foto1) per un movimento di materia stimabile in ca 5000mc; o Risagomatura per messa in quota e pulizia del fondo alveo da effettuarsi tra le sezioni 41 e 5 per un movimento di materia stimabile in ca 9000mc; o Ripristino della vecchia arginatura in destra idraulica, prevista con muro di sostegno in cls rivestito in pietrame e dente consolidato con gabbione al piede per quanto riguarda la ipotetica savanella del canale mentre il ripristino dell area golenale sarà effettuato con un materasso di pietrame e doppia rete metallica resistente a torsione (vedi tavola Particolari costruttivi), da effettuarsi tra le sezioni 44 sino al tratto a valle della sezione 49 a raccordarsi con l arginatura esistente (vedi foto ), per una lunghezza di ca 115mt restando inteso che la D.L. potrà limitare le aree d intervento qualora l arginatura presente risulti idonea; o Messa in sicurezza idraulica del canale in sinistra, in corrispondenza delle sezioni 4 e 43 (ca 5mt) e delle sezioni 47 e 51 (ca 68mt) consistente essenzialmente nel garantire idonei franchi di sicurezza con riferimento alla piena ducentennale ottenuta mediante un muro di sostegno che riprende l attuale sezione del canale e fuorisce a vista del necessario a garantire idonei franchi di sicurezza alle abitazioni ed alla viabilità fiancheggiante il canale (per i tratti restanti, come evidente dallo studio effettuato, risulta fondamentale la risagomatura la pulizia del fondo alveo necessaria ad arginare la piena duecentennale anche per l azione di contenimento dei muri civili esistenti); o Demolizione dei tre collettori DN600 mm di fogna bianca presenti in alveo a ricostituzione degli stessi, preservandone le pendenze, in prossimità della sponda sinistra del canale senza costituire 9

11 ostacolo al deflusso e munirle di valvole a claipè per evitare riflussi di controcorrente durante gli eventi di piena; o La linea del gasdotto, come da elaborati, risulta non interferire con i lavori di messa in sicurezza del canale; Risultano di secondaria importanza e non rientranti nel quadro economico del presente studio, le criticità in corrispondenza dei tondi di Carbonara e dello svincolo della tangenziale di Bari (precedentemente ampiamente commentati, subordinando gli stessi ad eventuali economie a disposizione di Codesta Amministrazione e destinate ad interventi futuri. Fig 5):Ripristino dell arginatura originaria in dx idraulica del canale- via Donadonisi; Fig 6):-Costruzione della parete in sx idraulica del canale-via Donadonisi; 10

12 Fig 7):-Rimozione dei collettori di fogna bianca e dei massi presenti-via Donadonisi; Fig 8):-Pulizia del canale e arginatura in sx nel tratto a monte di via Donadonisi; Fig 9):Risagomatura e pulizia del canale; 11

13 Fig 30): Arginatura in sinistra idraulica con intervento tipo B; Fig 31):Risagomatura e pulizia del canale; Fig 3): Risagomatura e pulizia del canale, 1

14 5.1 Descrizione di massima degli interventi oggetto della presente progettazione Risulta opportuno precisare come bisogna leggere le distanze e le misure presenti negli allegati e qui riassunte: o con riferimento alle sezioni del canale, le ascisse relative seguono le tracce così come rinvenienti dalla planimetria del rilievo e come origine del riferimento l estremo in sinistra idraulica del rilievo; o con riferimento al profilo, le ascisse curvilinee del fondo alveo sono misurate da valle verso monte secondo l asse sezione, ovvero con riferimento all ouput della river station di Hec-Ras; o con riferimento alle sponde destra e sinistra del canale, le ascisse curvilinee degli argini, per ogni stazione, sono riferite all ascissa della river station; questa precisazione risulta doverose per le misure riguardanti le sezioni 46 e 47 ed il rilievo dell attraversamento di via Donadonisi che sono inclinate di 30 circa rispetto alla normale all asse canale. Considerazioni sul rilievo e risultati dei sopralluoghi effettuati Dall analisi dei sopralluoghi effettuati è emersa la fondamentale interferenza delle murature civili in sinistra idraulica sul deflusso di piena, in particolare l attuale perimetrazione in corrispondenza delle sezioni 40 e 43 deriva, stante i risultati della modellazione ante, da un lieve rigurgito della sezione 41. La pericolosità connessa a questa criticità, come ampiamente evidente dagli elaborati, viene eliminata mediante l intervento di risagomatura del fondo alveo garantendo anche idonei franchi di sicurezza. Altro aspetto emerso è che la sezione 43 del rilievo contrasta l analisi fotografica e lo stato dei luoghi attuali, di fatti la quota di sommità spondale in sinistra idraulica (45,78 mt) sembra in realtà riferirsi ad un accenno di arginatura affiorante ormai dissestata dagli impatti antropici come evidente nelle evidenziazioni in rosso di seguito riportate. dev+picone Plan: Plan 49 08/1/ Legend EG 00 WS 00 Ground Bank Sta Elevation (m) Station (m) Sezione 41 13

15 dev+picone Plan: Plan 49 08/1/ Legend EG 00 WS 00 Ground Bank Sta Elevation (m) Station (m) Sezione 43 Per dare consistenza ai risultati ed alle verifiche degli stessi, si è reso necessario in fase di simulazione procedere all interpolazioni ottenute mediante il comando opzionale del simulatore Hec-Ras, delle sezioni destinate agli interventi (sezioni 41-5), anche al fine di modellare gli interventi previsti e non sempre ricadenti in corrispondenza delle sezioni del rilievo di partenza. A valle di questa interpolazione si è proceduto ad una leggera ricalibratura di ogni sezione interpolata (come riportato in allegato sezioni interpolate ) eliminando le incongruenze ottenute mediante l interpolazione automatica, con particolare riferimento alle correzioni effettuate: o sulla sezione 43 (per i motivi precedentemente esposti) in cui si riportata la quota del muro presente (freccia blu); 14

16 o sulle sezioni interpolate tra la 41 e la 4, conservando e cautelativamente abbassando la quota del muro della sezione 41,freccia rossa (diversamente si interpolerebbe con la sezione 4 che ha come punto battuto l estradosso di un edificio, freccia blu). Criteri di progetto adottati I criteri di progetto utilizzati possono come di seguito riassumersi: A. Per il ripristino dell arginatura in destra idraulica, si è proceduto al rifacimento della vecchia sponda (savanella+golena) distrutta durante la costruzione della via Donadonisi, in alveo, previa verifica che la stessa fosse idonea a contenere la piena duecentennale con adeguati franchi di sicurezza. Pertanto sono stati trovati due punti fissi sia per la golena che per la savanella, rinvenibili nelle sezioni 44 e 51 (per i valori rifarsi agli allegati), sono stati congiunti e successivamente verificati i tiranti idrici, il franco di piena del tratto a farsi risulta essere comunque superiore a 0,50mt+1,70mt (a sommarsi i franchi sia della savanella che della golena); con riferimento alla larghezza delle sezioni si è cercato di conservare quelle presumibilmente originarie con un leggero allargamento della sezione 44 (e di conseguenza di quelle immediatamente raccordate ad essa). B. Per il progetto dell arginatura in sinistra idraulica, si è proceduto alla previsione della stessa in corrispondenza delle sezioni tra la 4 e 43 come da elaborati e tra la 47 e la 51, l esigenza di avere una quota pari all arginatura in destra non è risultata conseguibile per esigenze prettamente 15

17 economiche, d'altronde i franchi (golena + savanella) in destra risultano essere sovrabbondanti (vicino al 75% dei tiranti idrici); pertanto anche in questo caso si sono considerate delle sezioni con quote fissate e si è proceduto ad un raccordo lineare previa verifica dei battenti(come sezioni fisse si è considerato le 4 ed una sezione interpolata a valle della 50), i franchi dell arginatura in sinistra a farsi risultano maggiori di 1,75mt (si ribadisce che laddove in sinistra non è stata prevista arginatura, la stessa funzionalità viene assolta dalle opere civili presenti); Stima sommaria degli interventi o Il muro in destra idraulica deve essere ripristinato secondo la tipologia A) precedentemente descritta e per una lunghezza di circa 115 m tra le sezioni 44 e subito a valle della 49, come evidente dagli allegati grafici; o Il muro in sinistra idraulica deve essere ripristinato tra le sezioni 47 e 51 e tra le sezioni 4 e 43 secondo la tipologia B) e per una lunghezza di circa 68+5 mt; o Risagomatura del fondo alveo con ripristino della pendenza originaria dell alveo di 0,5% e stimabile in 5.000mc di movimenti di materia e secondo le modalità presenti negli allegati grafici; o Pulizia ed asportazione dei materiali presenti nel canale deviatore per un tratto di 300mt a cavallo di via Donadonisi (50 mt a monte e 50 mt a valle della viabilità) per un altezza media di materiale asportato di circa 0,50 mt e per un volume totale di 7.000mc; o Spostamento dei collettori di fogna bianca che sfocieranno (pendenze permettendo) sulla parete sinistra a farsi e che saranno munite di valvole a claipè di non ritorno; I muri di sponda in destra idraulica hanno un altezza variabile tra 4,70 a 5,0 m comprensivi di affondamento, e come quota di coronamento quella della savanella, oltre al materasso con rete metallica disposto per circa 3 m sul piano orizzontale e sulla sponda di scarpa 1:1 alta mediamente 1,80m. I muri di sponda in sinistra idraulica hanno un altezza di circa 6,00 m comprensivi di affondamento e come quota di coronamento quella della sommità argine sinistro. 6.1 Analisi dei risultati della modellazione L analisi dettagliata degli output delle modellazioni è riportata nel CD in allegato e negli allegati grafici della presente relazione specialistica; le simulazioni sono state effettuate per condizioni al contorno di stato critico sia a monte che a valle e computandole come mixed flow. 16

18 Si effettuerà ora un rapido commento dei risultati delle simulazioni con riferimento alla condizione ante e post interventi, evidenziando come, nei limiti dell economie a disposizione dell Amministrazione, si è proceduto alla mitigazione del rischio idraulico. Gli interventi, in via Donadonisi, descritti nel paragrafo 8.1 sono stati implementati nelle simulazioni nel seguente modo: o Per modellare l eliminazione dei collettori di fogna sono stati tolti i blocked ostructions precedentemente introdotti; o In corrispondenza della zona critica 1, le risagomature sia delle sezioni che dell alveo sono state inserite come ridefinizione delle sezioni di interesse (vedi tavole allegate); o L abbattimento del rilavato stradale di tale via è stato ottenuto eliminando la inlet structure ; o A vantaggio di sicurezza nelle simulazioni post, è stata trascurata la pulizia del canale e come scabrezza si è considerata quella del modello ante ; o Sono state effettuate delle interpolazioni delle sezioni ogni 5 mt e ricalibrate come precedentemente commentato. Dall analisi dei profili di moto permanente, sia nella condizione ante che post, si evince che la corrente è di tipo lenta (tranne quando la stessa è costretta a dissipare dei surplus di energia che ha acquistato in corrispondenza di influenze quali briglie, ponti, rilevati stradali) dev+picone Plan: Plan 06 14/10/008 dev_pic 1 Legend EG 00 Crit 00 WS 00 Ground Left Levee Right Levee Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 33):Profilo ante interventi, 17

19 55 50 dev+picone Plan: 1) Plan 46 09/1/008 dev_pic 1 Legend EG 00 WS 00 Ground Left Levee Right Levee Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 34):Profilo post interventi; A tal proposito si evidenzia l efficacia degli interventi previsti, in quanto la presenza del rilevato in alveo di via Donadonisi tende a far rigurgitare l acqua in un ampio tratto a monte, sino al primo sovrappasso stradale, provocando i pericolosi effetti precedentemente discussi (che culminano con l esondazione della piena che dal deviatore trasferisce parte della portata nel suo vecchio alveo e franchi esigui nel tratto a monte), a seguito degli interventi rientranti nel Quadro Economico i tiranti idrici della condizione post si abbassano notevolmente ed a dimostrazione di questo basti pensare che la piena passa nella briglia a monte di via Donadonisi (sede di infrastrutture secondarie) nello stato di corrente critica invece che essere sommersa da un profilodi corrente lenta rigurgitata della condizione ante. Analizzando il profilo di moto permanente del solo tratto di via Donadonisi (post) si nota un leggero rigurgito del battente idrico assolutamente compatibile con i franchi di sicurezza che vengono comunque garantiti e che trova spiegazione nell inevitabile restringimento dell alveo, anche a seguito di risagomatura, per la presenza di abitazioni civili che tra l altro con le loro strutture arginano in sinistra idraulica la piena. 18

20 dev+picone Plan: 1) Plan 46 09/1/008 dev_pic 1 Legend EG 00 WS Ground Left Levee Right Levee 46 Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 35):Dettaglio profilo post interventi- via Donadonisi, 7.1 Conclusioni Nel presente studio di compatibilità idraulica è stata affrontata la verifica idraulica del Canale Deviatore fino alla confluenza di quest ultimo alla Lama Sinata, in territorio di Bari. La verifica ha necessitato dell individuazione del bacino scolante (Bacino Picone) afferente al canale ed il calcolo delle portate attese per eventi di piena aventi tempo di ritorno pari a 30, e 00 anni (sussistenza della sicurezza idraulica), usando la metodologia VAPI per la determinazione degli afflussi meteorici e del metodo SCS per la stima delle portate di piena con tempo di ritorno di 00 anni confermando le risultanze di studi precedenti effettuati dall Autorità di Bacino della Puglia ed in uno studio di Fattibilità Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del Canale Deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico a firma dei professionisti esterni Prof. Ing. V. Cotecchia ed Dott. Geol. A. Greco. Sulla base della cartografia a disposizione ed un rilievo di dettaglio è stato costruito un modello digitale, utilizzato per compiere le simulazioni attraverso il software Hec-Ras, sviluppato dall US Army Corps of Engineers; in tal modo si sono ottenuti i profili di rigurgito dovuti al transito delle portate di piena precedentemente calcolate, riproducendo la situazione attuale e lo scenario susseguente agli interventi rientranti nel Quadro Economico della presente Progettazione. L analisi dei risultati ha permesso di giungere alle seguenti conclusioni: 19

21 o Gli interventi individuati come prioritari e descritti in dettaglio nel capitolo 8.1 sono idonei a mitigare le criticità più urgenti con riferimento al rischio idraulico (Tr=00 anni) come si evince dalle fig.36 e 37; Fig 36):Pericolosità idraulica ante interventii, 0

22 Fig 37):Pericolosità idraulica post interventii, 1

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita

Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita Relazione idraulica inerente la verifica delle condizioni di rischio residuo a valle del ponte di via Regina Margherita 1. PREMESSA... 1 2. CARATTERIZZAZIONE GEOMETRICA... 1 3. DETERMINAZIONE DEI VALORI

Dettagli

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4

INDICE. 1 - Premessa...2. 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3. 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 1 INDICE 1 - Premessa...2 2 - Determinazione della portata massima di verifica...3 3 - Teoria delle correnti a pelo libero...4 4 - Studio idraulico dei tratti interessati...6 4.1 - Tratto 1: a monte dell

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO

COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE PINEROLESE PEDEMONTANO PROGETTO PRELIMINARE Approvato con Decreto del Commissario Straordinario della C.M. del Pinerolese n. 43 del 16/07/2015 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNITA MONTANA VALLI CHISONE GERMANASCA PELLICE

Dettagli

RELAZIONE METODOLOGICA

RELAZIONE METODOLOGICA MODELLIZZAZIONE DEGLI EFFETTI IDRAULICI DEGLI INTERVENTI PREVISTI CON LE AZIONI B.3, B.4, B.5, B.6 nell ambito dell azione A.1 Approfondimenti idraulici e indagini geologiche, archeologiche e caratterizzazione

Dettagli

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007.

PREMESSA. Il progetto definitivo della cassa E4 è stato approvato con D.G.P n 181 del 28.12.2007. PREMESSA L intervento previsto dal progetto consiste nella realizzazione di una cassa in derivazione in loc. Molino di Ripassaia nei comuni di Peccioli e Lajatico e rientra nell ambito di un accordo (Protocollo

Dettagli

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F)

OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) Dott. Ing. Stefano SCORRANO Via Maccatella, 30 56124 PISA OGGETTO Studio Idrologico-idraulico di supporto al Piano Attuativo per la riqualificazione dell area denominata ex Nievoletta (PR-6F) UBICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo.

RELAZIONE TECNICA. UBICAZIONE E STATO DI FATTO L area interessata è localizzata a Ovest del capoluogo lungo il corso del rio Stanavazzo. RELAZIONE TECNICA Il Comune di Predosa ha conferito incarico ai sottoscritti ing. Italo BRUNO con recapito in Novi Ligure Via Manzoni n. 14. per la redazione del progetto di Consolidamento ponte e difesa

Dettagli

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni

Il rischio idraulico REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Servizio Tecnico Bacino Reno. Giuseppe Simoni Il rischio idraulico Giuseppe Simoni Servizio Tecnico Bacino Reno REGIONE EMILIA-ROMAGNA Il rischio da eventi naturali CONCETTI FONDAMENTALI 1) Il RISCHIO è il prodotto di più fattori : - PERICOLOSITA

Dettagli

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero

Manutenzione straordinaria del Torrente Salsero PREMESSA Il presente progetto prende le mosse da un finanziamento per complessivi 367.021,00 necessario la manutenzione straordinaria del Rio Salsero e cofinanziato dalla Regione Toscana, Provincia di

Dettagli

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA

COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA COMUNE DI PESCIA RELAZIONE IDRAULICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE AI SENSI DELL'ART.30 L.R. 65/2014 COMMITTENTE: COMUNE DI PESCIA IL TECNICO: DOTT. ING. CRISTIANO CAPPELLI MAGGIO 2015

Dettagli

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale

Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Variante al Piano Strutturale relativa all'assetto urbanistico del Viale Leonardo da Vinci per la localizzazione del polo espositivo Studio idraulico di supporto alla variante al Piano Strutturale Giugno

Dettagli

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE

Variante generale al piano strutturale del comune di San Giovanni Valdarno (AR). INDICE INDICE 1. Premessa... 2 1.1. Dati di base utilizzati per l implementazione dei modelli idraulici... 2 2. Studi idrologici-idraulici di interesse effettuati sul territorio comunale... 4 2.1. Studi sul fiume

Dettagli

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA

PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA PROGETTAZIONE PRELIMINARE DEGLI INTERVENTI PER LA MESSA IN SICUREZZA IDRAULICA DELL'ABITATO DI PONTREMOLI IN PROVINCIA DI MASSA CARRARA RELAZIONE TECNICA IDROLOGICA-IDRAULICA INDICE 1. PREMESSA...3 2.

Dettagli

SAI Progetti s.r.l. GeoTer

SAI Progetti s.r.l. GeoTer SAI Progetti s.r.l. GeoTer ALCUNI DATI DEL BACINO Area del bacino = 2,31 Km 2 Quota massima = 1.100 m Quota sezione di chiusura (Cherio) = 301,5 m Lunghezza asta principale = 2.370 m CALCOLO DELLA PORTATA

Dettagli

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5

INDICE. 1 Premesse... 2. 2 Inquadramento territoriale... 3. 3 Il progetto delle opere... 5. 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 INDICE 1 Premesse... 2 2 Inquadramento territoriale... 3 3 Il progetto delle opere... 5 3.1 Nuova rotatoria S.P. 248...5 3.2 Sistemazione dell area parcheggio commerciale...6 3.3 Interferenze e sistemazioni

Dettagli

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno

COMUNE DI SIGNA. Provincia di Firenze. Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno COMUNE DI SIGNA Provincia di Firenze Interventi per la riduzione del rischio idraulico nel Bacino del Fiume Arno Cassa di espansione dei Renai I LOTTO PROGETTO DEFINITIVO Opere civili e viabilità di accesso

Dettagli

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l..

SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO. ART S.r.l.. SI CONFERMA LA RELAZIONE DI CALCOLO STRUTTURALE DEL PROGETTO DEFINITIVO REDATTA DALL ING. IVO FRESIA DELLO STUDIO ART S.r.l.. 1 Generalità... 1 2 Carichi massimi sui pali... 3 2.1 Pile... 3 2.2 Spalle...

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014

SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 DIPARTIMENTO REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL TERRITORIO SERVIZIO IDROLOGICO SINTESI DELLE MISURE DI PORTATA CONDOTTE IN CONDIZIONI DI MORBIDA-PIENA SUL BACINO DEL LIVENZA-MEDUNA PERIODO 2010-2014 ARPAV

Dettagli

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera

CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera 08/0/000 CORSO DI IDRAULICA esercizi svolti di correnti a superficie libera Prof. E. Larcan - Ing. F. Ballio collaborazione dell'ing. Sara Marcante Sulla base dell'esperienza didattica nell'ambito dei

Dettagli

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana.

Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010. Auto Osservazione sulle mappe del DL 49 in area romana. AUTORITA' DI BACINO DEL FIUME TEVERE 00185 Roma, Ufficio Piani e Programmi Via V. Bachelet, 12 tel. 06.49249221 fax 06.49249300 Pubblicazione delle mappe di pericolosità e di rischio di cui al Dl.49/2010.

Dettagli

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro

ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE. Gaetano Passaro ESAME DI PROGETTO DI OPERE IDRAULICHE PROGETTO DI UN ARGINATURA FLUVIALE Studenti: Alessandro Serafini Docente: Corrado Paolo Mancini Gaetano Passaro Flavio Consolo Anno accademico 2011/2012 Sommario 1.INQUADRAMENTO

Dettagli

Relazione Tecnica Idraulica

Relazione Tecnica Idraulica Studio delle zone a rischio idraulico assoggettate alla normativa del Piano di Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Relazione Tecnica Idraulica Per conto: COMUNE DI SESTO SAN GIOVANNI Settore Pianificazione

Dettagli

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31

Gabbionata in rete metallica zincata rinverdita 31 SINONIMI Descrizione sintetica Gabbie in rete metallica zincata a doppia torsione e maglia esagonale, riempite in loco con pietrisco di pezzatura minima 15 cm, disposti a file parallele sovrapposte. Talee

Dettagli

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO

STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO AL COMPLETAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO STUDIO IDRAULICO DEL TRATTO VALLIVO DEL TORRENTE EMA CORRELATO

Dettagli

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO:

UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: UTILIZZO DI SOLUZIONI TECNICHE A DOPPIA TORSIONE NEL CAMPO DELLA PROTEZIONE E CONSOLIDAMENTO IDRAULICO: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio Tecnico Borghi

Dettagli

Premesse. Giuseppe Negrinelli Ingegnere - Albo Ordine di Brescia n. 1564

Premesse. Giuseppe Negrinelli Ingegnere - Albo Ordine di Brescia n. 1564 Premesse La presente relazione illustra in sintesi le attività svolte per la revisione delle fasce di rispetto definite dall articolo 3 del Regolamento di Polizia Idraulica di competenza del Comune di

Dettagli

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese

Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Gestione del sistema di difesa idraulica nell area nord milanese Lambro pulito, Lambro sicuro Contratto fiume Lambro settentrionale URBAN CENTER di Monza Milano, 7 marzo 2015 Ing. Gaetano LA MONTAGNA Responsabile

Dettagli

INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3

INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3 INDICE 1 PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA E DELLE SUE PARTI:... 2 2 PREMESSA... 2 3 DATI IDENTIFICATIVI DELL OPERA... 3 4 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 4 5 PIANO DI MANUTENZIONE DELLE OPERE DI INGEGNERIA

Dettagli

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO

ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO ALLEGATO TECNICO N. 2 AGGIORNAMENTO STUDIO IDRAULICO 1 RACCOLTA E VALIDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE DISPONIBILE 1.1 Cartografia e dati di base I dati cartografici e topografici di base per l aggiornamento

Dettagli

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo

Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti sul torrente Gesso attraversamento di Cuneo Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione e Difesa del Suolo Via Petrarca, 44 Torino Studio per la definizione del programma di gestione dei sedimenti

Dettagli

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI

ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Tesi di laurea specialistica in INGEGNERIA PER LA TUTELA DELL AMBIENTE E DEL TERRITORIO ANALISI IDRAULICA DELL AREA DI LAMINAZIONE PONTE NUOVO SUL

Dettagli

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare

Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare Cassa di espansione sul T. Baganza Progetto preliminare ANALISI DELLE CRITICITA IDRAULICHE PORTATE COMPATIBILI NEI DIVERSI TRATTI Il sistema idraulico Parma Baganza è stato oggetto di numerosi studi allo

Dettagli

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO...

Ing. Stefàna ROSSI. Via XX Settembre, 34-18038 Sanremo (IM) 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... INDICE Pag. 1. PREMESSA... 1 2. DESCRIZIONE DEL TRATTO INDAGATO E DELLE AREE DI INTERVENTO... 2 2.1 IL TRATTO INDAGATO... 2 2.2 AREE OGGETTO DI INTERVENTO... 5 3. OPERE IN PROGETTO... 5 4. INQUADRAMENTO

Dettagli

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia

COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia COMUNE DI GINOSA Provincia di Taranto Regione Puglia Interventi di miglioramento sui recapiti finali costituiti da CISNS e dal suolo - Rinaturalizzazione del canale Galaso-Marinella, recapito finale dell'

Dettagli

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA

RELAZIONE IDROLOGICA - IDRAULICA COMUNE DI EMPOLI PROVINCIA DI FIRENZE REALIZZAZIONE STRADA DI COLLEGAMENTO TRA VIA PIOVOLA E LO SVINCOLO "EMPOLI EST" DELLA S.G.C. FI-PI-LI PROGETTO DEFINITIVO COMMITTENTE COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE IDROLOGICA

Dettagli

Gabbioni e Gabbioni drenanti

Gabbioni e Gabbioni drenanti 1 Gabbioni e Gabbioni drenanti Utilizzo dei Gabbioni Come vengono utilizzati oggi I gabbioni: In edilizia per la costruzione di muri di recinzione, complessi residenziali, industrie, muri di sostegno,

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti

Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Studio idrologico e idraulico del tratto vallivo del Borro di Gavinaia in loc. Greve in Chianti Autore: Alberto Meucci Titolo di Laurea: Laurea Triennale in Ingegneria Civile Università: Facoltà di Ingegneria

Dettagli

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE

MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA DI ESPANSIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di laurea in INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Tesi di Laurea: ANNO ACCADEMICO 2006/2007 MODELLAZIONE DEL SISTEMA IDRAULICO DELLA CASSA

Dettagli

CAPITOLO I. Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati.

CAPITOLO I. Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. CAPITOLO I Modalità per la descrizione dell'opera e l'individuazione dei soggetti interessati. Scheda I Descrizione sintetica dell'opera ed individuazione dei soggetti interessati Descrizione sintetica

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Lecce (dal 04 al 07 Febbraio 2014) e Foggia (dal 18 al 21 Febbraio 2014) I Semestre

Dettagli

Comuni di: Almenno S. Bartolomeo Barzana Bonate Sotto Brembate di Sopra Bonate Sopra

Comuni di: Almenno S. Bartolomeo Barzana Bonate Sotto Brembate di Sopra Bonate Sopra Comuni di: Almenno S. Bartolomeo Barzana Bonate Sotto Brembate di Sopra Bonate Sopra Mapello Palazzago Ponte S. Pietro Presezzo (capofila) STUDIO IDROGEOLOGICO E PROGETTAZIONE PRELIMINARE A SCALA DI SOTTOBACINO

Dettagli

R 2 - LINEE DI INTERVENTO

R 2 - LINEE DI INTERVENTO Accordo di Pianificazione ai sensi dell art. 57 della L.R. 36/1997 tra Autorità di bacino del fiume Po Regione Liguria e Provincia di Genova R 2 - LINEE DI INTERVENTO PROGETTO Codice : 1.2/17/04 VARIANTE

Dettagli

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio

Master di II Livello in. Relazione finale attività di Tirocinio Centro di Ricerca CERI Previsione, Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Master di II Livello in Analisi e mitigazione del rischio idrogeologico

Dettagli

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV

IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA. Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV IL CONSOLIDAMENTO SPONDALE IN VAPRIO TRA MARTESANA E ADDA Ing. Mario Fossati Vicedirettore Consorzio ETV OGGETTO DI INTERVENTO: PREMESSA Tratto di strada alzaia del naviglio Martesana che collega la statale

Dettagli

Università degli Studi di Firenze

Università degli Studi di Firenze Università degli Studi di Firenze Corso di Laurea in Ingegneria Civile Modellazione idraulica del Torrente Greve nel tratto dell abitato di Greve in Chianti ABSTRACT Relatori Prof. Ing. Ignazio Becchi

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 03//04 COMUNE DI FABRIANO PIAZZA DEL COMUNE - FABRIANO (AN) LAVORI - Piani di Recupero Centro Storico-Borgo - studio di fattibilità - modifiche apportate dopo incontro del 07-0-2004 00 - Sistemazione torrente

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno)

COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) COMUNE DI BIBBONA (Provincia di Livorno) VARIANTE AL PIANO STRUTTURALE E AL REGOLAMENTO URBANISTICO Valutazioni delle condizioni idrauliche delle aree oggetto di variante Committente: Responsabile del

Dettagli

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO

FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO FUSINA S.R.L. INDAGINI NEL SOTTOSUOLO COMMITTENTE : M + ASSOCIATI SEREGNO (MB) 2165_15 STUDIO IDROGEOLOGICO E IDRAULICO IN SUPPORTO AL PROGETTO DI UN PERCORSO CICLOPEDONALE NEL COMUNE DI MELZO (MI), DA

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10

Direttiva per la manutenzione degli alvei e la gestione dei sedimenti 2 di 10 PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA DIREZIONE GENERALE DELLA AGENZIA REGIONALE DEL DISTRETTO IDROGRAFICO DELLA SARDEGNA DIRETTIVA PER LO SVOLGIMENTO DELLE VERIFICHE DI SICUREZZA DEI CANALI DI GUARDIA ESISTENTI (ARTICOLO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO Giunta Regionale Direzione Generale Ambiente e Difesa del Suolo e della Costa Servizio Tecnico dei bacini degli affluenti del Po Sede di Parma Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile OPCM

Dettagli

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7

3.1 Richiami sulla geologia dell area...7 3.2 Censimento della franosità dell area...7 RELAZIONE INTEGRATIVA PAG 1 SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 NOTE INTEGRATIVE SUL RETICOLO IDRAULICO MINORE...3 2.1 Generalità...3 2.2 Fossi della Piana di San Giovanni...4 2.3 Fosso della Concia e Fosso Carpani...5

Dettagli

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso...

I N D I C E. 1 Premessa... 2. 2 Scheda identificativa dell opera... 3. 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4. 4 Manuale d uso... I N D I C E 1 Premessa... 2 2 Scheda identificativa dell opera... 3 3 Riepilogo delle parti piu importanti del bene... 4 4 Manuale d uso... 4 5 Manuale di manutenzione... 6 6 Programma di manutenzione...

Dettagli

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI E OBIETTIVI DI INTERVENTO VV Manutenzione ordinaria del sistema viario minore (piste, sentieri, ) L obiettivo dell intervento VV è quello di migliorare l

Dettagli

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA:

UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: UTILIZZO DI STRUTTURE DI SOSTEGNO IN GABBIONI NELLE OPERE DI CONSOLIDAMENTO DEI TERRENI E NELL INGEGNERIA NATURALISTICA: CARATTERISTICHE CAMPI DI APPLICAZIONE POTENZIALITA Dott. Geol. Massimo Salmi Ufficio

Dettagli

37. AMBITO AVA FIUME SECCHIA OPERE DI INTERESSE PUBBLICO: CENTRALE IDROELETTRICA A VALLE DEL VIADOTTO DELLA STRADA PEDEMONTANA Il progetto di impianto idroelettrico è previsto su un area demaniale, a ridosso

Dettagli

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni

Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Definizione delle aree a pericolosità idraulica realizzata nell ambito degli studi per l attuazione della Direttiva Alluvioni Dott. Aldo Guadagnino Dirigente Servizio 3 Assetto del territorio e difesa

Dettagli

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA

COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI ACCEGLIO E CANOSIO COMUNITA MONTANA VALLI GRANA E MAIRA LAVORI DI REALIZZAZIONE DI OPERE DI MANUTENZIONE IDRAULICO-FORESTALE E DI TUTELA DELLE RISORSE IDRICHE

Dettagli

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO

PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 VALUTAZIONE DELLE AREE A RISCHIO IDRAULICO Comune di Caorso (PC) PIANO STRUTTURALE COMUNALE L.R. 24 Marzo 2000 n. 20 SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 1.1 Finalità... 2 1.2 Procedimento adottato... 2 1.3 Basi cartografiche... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE...

Dettagli

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani

Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi marchigiani REGIONE MARCHE Dipartimento per le Politiche Integrate di Sicurezza e per la Protezione Civile Centro Funzionale per la Meteorologia, l Idrologia e la Sismologia Il monitoraggio delle PORTATE dei fiumi

Dettagli

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA

COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE PROVINCIA DI PISTOIA RELAZIONE IDRAULICA A SUPPORTO DEL P.A.4 NEL COMUNE DI PIEVE A NIEVOLE CON INDICAZIONE SUL SISTEMA DI INVARIANZA IDRAULICA Il TECNICO INCARICATO Dott. Ing.

Dettagli

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO

AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO MODULO 2 FORMAZIONE DELLA PIENA (AFFLUSSI E DEFLUSSI) ALCUNI CONCETTI E TERMINI DI IDRAULICA FLUVIALE DIFESA DALLE PIENE: TIPOLOGIA DI INTERVENTI Interventi strutturali (modificano le caratteristiche degli

Dettagli

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI

LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI Computo metrico estimativo pag. 1 di 5 LAVORI OPERE SOGGETTE A RIBASSO LAVORI PREPARATORI 1 47 Sfalcio meccanico di vegetazione spontanea eterogenea costituita in prevalenza da canne e cespugli pulizia

Dettagli

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1

INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 1 3 INDIVIDUAZIONE DEL RETICOLO IDROGRAFICO ESISTENTE... 1 4 PIANO STRALCIO PER L'ASSETTO IDROGEOLOGICO... 2 4.1 NODO VALLONE CERNICCHIARA/RAFASTIA...

Dettagli

Variazioni del profilo di fondo alveo

Variazioni del profilo di fondo alveo Assetto Schedatura morfologico dei tratti e idraulico fluviali Fiume: Parma Ordine: II sx/dx Po: Destra P Lunghezza tratto (Km): 7, Tratto: PO_46 - PR_ confluenza Parma in Po - ponte stradale a Est di

Dettagli

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA

AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA AUTORITA DI BACINO INTERREGIONALE DEL FIUME FIORA Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario Tecnico Il fiume Fiora tra la S.S. 1 ed il mare: aspetti idraulici e difesa costiera Roma, 16

Dettagli

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA A) RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSE Nell ambito della programmazione all art. 31 della L.183/89 e dell art. 9 della L. 253/90 il Ministero delle LL.PP. assegnava alla Regione dell Umbria la somma

Dettagli

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso

Studio di prefattibilità relativo alle opere di mitigazione del rischio nel territorio del comune di Capurso Pagina 1di 16 1. PREMESSA... 3 2. SINTESI DESCRITTIVA DEL RISCHIO IDRAULICO INDIVIDUATO... 3 3. INDIVIDUAZIONE DELLE CRITICITA... 6 4 OPERA DI MITIGAZIONE DEL RISCHIO: GENERALITA' E SOLUZIONI PROPOSTE...

Dettagli

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO

4. PROGETTO INTERVENTI DI CONSOLIDAMENTO STUDIO DI GEOLOGIA ASSOCIATO -------------------------------------------------------------------------------------- oggetto: relazione geologico-tecnica per il progetto di consolidamento della Rupe di

Dettagli

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello

Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello NR/9343 SPC. -LA-E-8525 Fg. 1 di 14 METANODOTTO: FALCONARA RECANATI DN 15 (42 ), DP 75 bar Attraversamenti dei corsi del F. Musone e del Torrente Fiumicello V. Forlivesi Emissione S. Buccafusca M. Matteucci

Dettagli

I problemi e le soluzioni

I problemi e le soluzioni ANY REPRODUCTION, INCLUDING PHOTOCOPY, FILM AND MICROFILM, IS FORBIDDEN. ALL RIGHTS RESERVED WORLDWIDE. O p e r e f l u v i a l i I problemi e le soluzioni Garanzia di Qualità La produzione, il sistema

Dettagli

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua

Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua Monitoraggio della qualità morfologica dei corsi d acqua 1. Premessa Nel 2010 ISPRA ha pubblicato il metodo per la valutazione della qualità morfologica dei corsi d acqua basato sull Indice di Qualità

Dettagli

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI

Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Capitolo 32 CANALI 1 CARATTERISTICHE GENERALI Il trasporto a superficie libera presenta, rispetto a quello in pressione, il vantaggio che l acqua è ovunque a pressione molto bassa. È possibile quindi impiegare

Dettagli

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere

Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle Cantiere Comune di Adrara San Rocco Via G. Marconi n. 1 24060 Adrara San Rocco (Bs) Progetto definitivo esecutivo Interventi di manutenzione straordinaria della strada agrosilvopastorale Sorgente Glera-Volfo-Piei-Valle

Dettagli

PROFILI DI MOTO PERMANENTE

PROFILI DI MOTO PERMANENTE PROFILI DI MOTO PERMANENTE Alcuni appunti Andrea Defina Novembre 010 Prefazione Spesso, gli studenti dei corsi di idraulica mi hanno sottolineato le perplessità e le difficoltà da loro incontrate nella

Dettagli

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora

Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Seminario proposto dall Ordine degli Architetti PCC Monza e Brianza col Patrocinio della Consulta Architetti Lombardi Durata presentazione : 1 ora Sala conferenze ELLEPI libere professioni Monza (MB),

Dettagli

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva.

I dati ricavabili da suddette verifiche (tiranti, velocità, etc.) saranno comunque necessari per procedere con la fase progettuale esecutiva. INDICE 1. Premessa 1 2. Descrizione dei luoghi 1 3. Valutazione degli afflussi meteorici 3 4. Valutazione dei deflussi 6 5. Calcolo del DMV 7 6. Modifiche alle portate attese a seguito delle opere 10 1.

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA

COMUNE DI RIO MARINA COMUNE DI RIO MARINA REGOLAMENTO URBANISTICO Documentazione Fotografica di supporto alle verifiche idrauliche sul Fosso di Riale 1 foto 1 - Fosso di Riale immediatamente a monte del ponte sulla Provinciale

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

ELEMENTI DI PRECISAZIONE

ELEMENTI DI PRECISAZIONE ELEMENTI DI PRECISAZIONE LA NATURA DELLA PROBLEMATICA INERENTE IL COLLETTORE NERO DI ACERRA Particolare rilevanza rivestono gli interventi sul Collettore Emissario dell Area Industriale di Acerra (cd.

Dettagli

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE

1. PREMESSA 2. CALCOLI E VERIFICHE FOGNATURA ACQUE REFLUE 1. PREMESSA La presente verifica idraulica fa riferimento alla precedente verifica allegata al progetto preliminare approvato con Deliberazione del Giunta Municipale n. 113 del 19.09.2011, con la quale

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM

PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM SOCIETA CHIMICA LARDERELLO S.p.A. Socio Unico (POMARANCE) DISCARICA BULERA PROGETTO PRELIMINARE PER INSTALLAZIONE IMPIANTO DI TRATTAMENTO DEL PERCOLATO DI DISCARICA CON TECNOLOGIA RECAM RETE DI REGIMAZIONE

Dettagli

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento...

0 SOMMARIO... 2. 2 PROGETTO DELLA SOLUZIONE SELEZIONATA... 4 2.1 Descrizione della soluzione selezionata... 4 2.2 Fattibilità dell'intervento... INDICE 0 SOMMARIO... 2 FINALITÀ DELL'INTERVENTO E SCELTA DELLE ALTERNATIVE PROGETTUALI:... 3. Descrizione delle motivazioni giustificative della necessità dell'intervento e delle finalità che si prefigge

Dettagli

Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio

Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Comune di Nerviano (MI) Studio Idraulico collegato al Piano di Governo del Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica e Ambientale Università di Pavia Prof. Ing. Paolo Ghilardi Revisione 1.2 2009

Dettagli

Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo

Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo 0 15/03/2011 Emissione M. Macciò REVISIONE DATA SPECIFICHE TECNICHE / MODIFICHE REDATTO Manutenzione straordinaria della copertura e dell'impianto fotovoltaico della scuola elementare A. Baodo PROGEOS

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio.

Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio. Relazione idrologica idraulica integrativa a supporto della Variantte al RU inerente le aree ricadenti nel Bacino del Serchio DATA: Aprile Indice generale 1. RELAZIONE IDROLOGICA E CALCOLO DEGLI IDROGRAMMI

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO.

1) RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA. CRONOPROGRAMMA. QUADRO ECONOMICO. Servizio Tecnico di Bacino Romagna (CESENA, FORLI, RAVENNA, RIMINI) Assetto Idraulico Sede di Forlì MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE ACCORDO DI PROGRAMMA FINALIZZATO ALLA

Dettagli

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti

Manuale operativo sulla vulnerabilità idraulica dei ponti Cliente Progetto Vulnerabilità Ponti Azioni per il controllo delle condizioni di sicurezza idraulica dei ponti della Provincia di Torino ricadenti nelle Fasce Fluviali PAI Manuale operativo sulla vulnerabilità

Dettagli

RUWA acqua territorio energia

RUWA acqua territorio energia RUWA acqua territorio energia Modellistica Idrologica e Idraulica Programma di formazione software HEC Corsi in aula a Catanzaro ed in video conferenza II Semestre 2012 HEC-HMS (V.3.5) HEC-RAS (V.4.1)

Dettagli

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza

Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza ENEL Produzione Sicurezza Dighe e Opere Idrauliche Nord Ovest Dighe di competenza regionale Interventi di riabilitazione e messa in sicurezza Relatore: Giovanna de Renzis Enel Produzione - ICI-SDOI Nord-Ovest

Dettagli

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO

Dott. Ing. Cristiano Cappelli RELAZIONE TECNICA SOMMARIO SOMMARIO 1 PREMESSA... 2 2 FASI DELLO STUDIO... 3 3 ACQUISIZIONE ED ANALISI DEI RISULTATI DELLO STUDIO IDRAULICO A SUPPORTO DEL RU... 4 3.1 Corsi d'acqua studiati... 4 3.2 Dati topografici... 5 3.3 Analisi

Dettagli

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICO-SPECIALISTICA COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO Provincia di Livorno SETTORE INTERVENTI SUL TERRITORIO E QUALITA URBANA U.O. PROGETTAZIONE e DIREZIONE LAVORI Oggetto: RIQUALIFICAZIONE AMBIENTALE AREA ARTIGIANALE LE MORELLINE

Dettagli

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche

Piano generale di utilizzazione delle acque pubbliche D: Opere speciali Nelle opere speciali rientrano tutte quelle tipologie di opere che non appartengono specificatamente a categorie di intervento quali sistemazioni d alveo o di versante. Sono particolari

Dettagli