1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del"

Transcript

1

2 1.1 Premessa Il presente studio si pone come obbiettivo la mitigazione della pericolosità idraulica in corrispondenza del torrente Picone e del canale deviatore Lamasinata, a tal fine è stato effettuato uno studio preliminare di compatibilità idrologica-idraulica a scala di bacino atto ad integrare l attuale quadro conoscitivo sintetizzabile nelle perimetrazioni dell Autorità di Bacino della Puglia e dello studio di fattibilità Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del canale deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico a firma dei professionisti Prof. Ing. V. Cotecchia e Dott. Geol. Greco. Lo svolgimento di questa fase preliminare è stata suddivisa nei seguenti punti: o Fase di inquadramento generale, con breve descrizione dell area oggetto dello studio. o Fase di acquisizione dei dati: per raggiungere l obiettivo è stata effettuata una accurata raccolta di dati geografici della zona in esame del tratto fluviale interessato: cartografia, rilievi topografici, rilievi batimetrici dell alveo ed un modello digitale del terreno DEM. o Fase di simulazione idraulica, attraverso l utilizzo di programmi di calcolo: il software utilizzato in questo caso per le modellazioni è Hec-Ras. o Fase di analisi dei risultati preliminari: trasformazione dei risultati del calcolo idraulico in informazione geografica, valutazione dell attendibilità del risultato ed individuazione di eventuali errori (la simulazione della piena è stata effettuata nell ipotesi di verifica della Sicurezza Idraulica ovvero per un tempo di ritorno di 00 anni, confermando i precedenti studi effettuati dall AdBP, che ha valutato tale portata in 350 m3/sec). Subito dopo la fase preliminare, sulla base di uno studio dettagliato del sito, si è proceduto ad individuare le principali criticità ai fini della sussistenza della sicurezza idraulica e successivamente gli interventi strutturali, dando assoluta priorità a quelli indicati nel bando da Codesta Amministrazione, atti a mitigare il rischio idraulico e che sono stati opportunamente riprodotti nelle simulazioni al fine di validare l efficacia degli stessi. 1

3 .1 Analisi idraulica Effettuato il calcolo delle portate massime, ovvero i picchi degli idrogrammi di piena relativamente ai tempi di ritorno di 30 e 00 anni, si è proceduto alla verifica idraulica del canale, effettuata in corrispondenza delle sezioni rilevate visibili sia in fig 10 e 11 e negli allegati, in termini di adeguatezza della sezione idraulica nonche di tutti gli attraversamenti presenti ritenedo assolutamente prioritaria la mitigazione del rischio idraulico nel tratto in corrispondenza di via Donadonisi per i motivi precedentemente riportati. * * * Le simulazioni sono state effettuate riproducendo i duplici scenari di: o stato dei luoghi attuali rappresentativa della situazione ante interventi a farsi; o stato dei luoghi dopo gli interventi rappresentativa della situazione post interventi; tenendo presente che si sono rese necessarie delle fasi simulative, in itinere, per ottimizzare la funzione costi- benefici (in termini di funzionalità idraulica del canale e nel rispetto di ogni singolo intervento presente nel Disciplinare posto a base di Gara D Appalto). Pertanto in fase di restituzione di output sia numerici che grafici si è suddivisa l analisi due distinte sessioni: o Analisi dei risultati FASE ANTE ; o Analisi dei risultati FASE POST ; * * * Per le verifiche si è utilizzato, quale programma di calcolo e modellazione, HEC RAS (Hydrologic Engineering Center s River Analysis System) software freeware prodotto dallo US ARMY Engineering Corps.. Nel paragrafo a seguire si illustrano brevemente i contenuti del modello, rimandando ad ogni approfondimento, ai documenti presenti sul sito ufficiale (www.hec.usace.army.mil). Teoria del modello idraulico (moto permanente) HEC-RAS è un programma realizzato per effettuare calcoli idraulici monodimensionali per reticoli idrografici (indifferentemente naturali ed artificiali); il software può lavorare in regime di moto permanente o vario. Le simulazioni effettuate, per il caso di studio, sono state condotte in regime di moto permanente. Nel caso di moto permanente, il software è in grado di modellare profili sia di correnti lente che veloci, ed inoltre è possibile valutare profili misti, con passaggio attraverso lo stato critico. Il profilo idraulico è calcolato normalmente (standar step method) attraverso la soluzione iterativa della equazione dell energia, tra due sezioni consecutive. Le perdite relative al termine cinetico dell equazione,

4 sono calcolate aggiungendo alle perdite continue per attrito, J, un coefficiente di contrazione/espansione, che viene moltiplicato per la differenza delle altezze cinetiche medie tra due sezioni successive. L equazione che esprime la perdita di energia è la seguente: dove: L = α V V h e = LJ ' + C α1 1 g g lunghezza del tratto di alveo compreso tra le due sezioni successive, pesata in funzione della portata defluente all interno della sezione trasversale su zone con differente coefficiente di attrito (basato sulla equazione di Manning) J = pendenza di attrito rappresentativa (media) delle due sezioni successive (in caso di moto uniforme sarebbe parallela al fondo e costante). C = coefficiente di contrazione o di espansione Occorre ribadire che il software è programmato per il calcolo di profili nell ipotesi monodimensionale, e quindi fornisce, per ciascuna sezione trasversale, un unica altezza del pelo libero e un unica altezza della linea dell energia. L altezza della linea dell energia, è ottenuta dal calcolo del valore pesato dalla portata di ciascuna delle sottosezioni in cui si può suddividere la sezione trasversale. Per calcolare quindi il valore dell energia per l intera sezione, bisogna ricavare la parte relativa alla altezza cinetica media, passando attraverso la valutazione del coefficiente di velocità (a sua volta pesato ): V1 Q1 + Q V g α = g Q1 + Q In generale si ottiene, per Q = Q1 + Q + + QN: α = V g [ QV + Q V + + Q V ] Come detto, le perdite continue per attrito sono valutate come il prodotto di dove QV J ' f L J ' f è la pendenza media della linee dell energia tra due sezioni consecutive distanti tra loro L (pesate in funzione delle portate trasversali ). La pendenza della linea dell energia è calcolata, per ciascuna sezione, tramite l equazione di Manning, nel modo seguente: Q J f = K dove K rappresenta il termine di trascinamento e quindi influenza le perdite continue; il modello contiene espressioni alternative che possono essere scelte dall utente. In particolare l espressione N N 3

5 è quella di default nel programma. J f Q = K Q K Le perdite per contrazione ed espansione, rappresentative in un certo senso delle perdite localizzate, sono calcolate in HEC-RAS tramite la seguente equazione: dove: C = coefficiente di contrazione o espansione. α V V h = C 1 1 α ce g g Il programma assume che vi sia una contrazione, ogni volta che l altezza cinetica (velocity head) a valle è maggiore di quella immediatamente a monte. Al contrario si assume una espansione, quando la altezza cinetica a valle è minore di quella di monte. In definitiva l equazione della energia, al fine della valutazione della incognita ovvero del tirante idrico nella singola sezione, viene applicata in maniera iterativa, secondo il seguente schema, assegnate che siano le condizioni al contorno: 1. viene assunta una altezza del pelo libero nella sezione a monte di quella ritenuta nota (o a valle a seconda se siamo in corrente lenta o veloce);. su questo valore ipotetico, si valutano i valori di K e della altezza cinetica; 3. ora viene calcolato il termine J f e quindi è possibile valutare h e ; 4. con i valori ricavati, si ricava la altezza del pelo libero nella sezione di monte; 5. si confrontano il valore appena ricavato, con quello assunto al punto 1 e si reitera il calcolo, sino ad una tolleranza di m (valore predefinito, modificabile dall utente). Il criterio utilizzato per l assunzione di una altezza iniziale del tirante, varia nell ambito della procedura, man mano che si sviluppano passaggi successivi. Nel primo passaggio, relativo ai 5 punti descritti, il tirante si basa sulla proiezione di quello della sezione precedente nella sezione in studio. Nel secondo passaggio, invece, è utilizzato il tirante del primo passaggio, incrementata del 70% dell errore risultante al primo passaggio (altezza calcolata altezza assunta). Il terzo passaggio e i successivi, sono invece basati su un metodo di proiezione secante, tendente a limitare la discrepanza evidenziata. In tutte le situazioni in cui non si ha un profilo di corrente gradualmente variato, ma che prevedono risalti idraulici, passaggio attraverso lo stato critico (per bruschi cambi di pendenza, restringimenti, attraversamenti, ponti) e quindi si generano profili di corrente rapidamente variati, il programma utilizza in luogo della equazione dell energia, l equazione del momento, o dell equilibrio dinamico. 4

6 L equazione deriva dalla seconda legge di Newton (F= m*a, ovvero Forza=massa*accelerazione), applicata ad una massa d acqua compresa tra due sezioni; l espressione della differenza dei momenti nell unità temporale tra le sezioni 1 e, si esprime con la seguente equazione P P + W 1 x F dove: P = spinta sulle sezioni 1 e W x = forza peso nella direzione del moto F f = forza dovuta alle perdite per l attrito esterno tra e 1 Q = portata ρ = densità dell acqua V x = cambio di velocità tra e 1 nella direzione del moto. f = Qρ V x Risolvendo le varie componenti dell equazione base, si perviene alla formulazione usata dal modello che la soluzione dell equazione dei momenti, che risulta essere la seguente: Qβ ga + A Y A1 + A + LS 0 A1 + A LS Q β 1 1 f = + ga1 A Y 1 1 Per concludere questa panoramica sul modello, si rammenta la possibilità di inserire nella geometria del sistema aree di accumulo e rilascio, di esondazione al di fuori del canale principale, e di deposito temporaneo o definitivo (ovvero zone in cui la componente cinetica si annulla). 3.1 Caratteristiche della progettazione Interventi tipo Prima di passare alla descrizione degli interventi di mitigazione, si individuano di seguito le principali tipologie di intervento che verranno riproposte in base alle differenti esigenze tecnico-funzionali del sito. Gli interventi tipo possono così sintetizzarsi: A. sezione tipo costituita da: -muro di sponda in calcestruzzo (savanella) armato con mensola da gettare lato alveo con finalità, oltre che di ripristino delle condizioni strutturali originarie del deviatore, di stabilizzare le sponde sia rispetto ai fenomeni di instabilità gravitativi sia nei confronti delle azioni idrodinamiche della corrente; il muro verrà vincolato al terreno per una profondità non inferiore ad 1,00 m e per migliorare la stabilità dello stesso si poserà sulla mensola ad incastro un gabbione rinverdito con talee (vedi fig. 3) che avrà anche la triplice funzione di difesa dall erosione, dallo scalzamento spondale e di sistema drenante. Altre caratteristiche sono: il rivestimento in pietrame per limitare 5

7 l impatto visivo degli interventi oltre a non alterare le scabrezze naturali del canale, la previsione di indispensabili fori drenanti che attraversano il corpo dell opera, la presenza di una sottofondazione in cls da magrone, una difesa della sponda sovrastante il muro di sostegno ottenuta mediante compattazione del materiale utilizzato e messa a dimora di talee; la ratio dell intervento riproduce, per molti aspetti, funzionalità tecniche presenti in letteratura (vedi fig) ove però non sono stati previsti interventi quali taglioni o jet grouting atti a mitigare fenomeni di scalzamento anche per la significativa presenza del gabbione sovrastante; -materasso a moduli prefabbricati in rete metallica, co spessore di minimo 0,17cm, rivestito con geostuioie o biofeltri e riempiti con materiale inerte, delle dimensioni medie come da elaborato Particolari Costruttivi, i moduli verranno assemblati con punti metallici in acciaio zincato al fine di conseguire un struttura monolitica, si effettueranno sulla superficie semina e messa a dimora di talee; B Il secondo intervento tipo è simile al primo fatto salvo per la presenza di un prolungamento del muro di sostegno a mo di parapetto sempre rivestito in pietrame, da adottarsi in sinistra idraulica in corrispondenza della zona S. Rita tra le sezioni 4 e 43 (ca 5mt) ed a difesa delle aree urbanizzate ivi presenti e nel tratto immediatamente a valle di via Donadonisi, tra le sezioni 47 e 51 (ca 68mt) a difesa della viabilità presente, ovviamente in sinistra idraulica per esigenze tecniche ed economiche non si è prevista una fascia golenale che invece è presente in destra ed è stata ripristinata mediante l intervento tipo A. Fig 1): Messa a dimora di talee; 6

8 Fig ): Dettaglio costruttivo di difesa spondale adottato lungo il fiume Isarco; Fig 3): Esempio di gabbione rinverdito con talee; 7

9 Fig 4):-tipologia di materasso con doppia rete metallica e rinverdito; Dal punto di vista funzionale ed economico, questi interventi sembrano i più idonei a ripristinare l officiosità originaria del canale soprattutto perché, mediante il muro in cls, si possono limitare (soprattutto con riferimento alla sx idraulica) i volumi d intervento in un tratto critico della lama che per esigenze antropiche (abitazioni in sponda sinistra e viabilità) presenta un restringimento dell alveo mentre in destra si è ripristinata la condizione presistente alla costruzione di via Donadonisi, inoltre viene mitigato l impatto dell opera mediante i già citati interventi di ingegneria naturalistica integrativi ed il rivestimento del calcestruzzo con pietrame calcareo a vista. 8

10 4.1 Gli interventi oggetto della presente progettazione e rientranti nell economie a disposizione Considerati: o gli interventi prioritari individuati dall Autorità di Bacino della Puglia e riportati nel documento preliminare della progettazione; o altre criticità così come rinvenienti dallo Studio di Fattibilità (settembre 007) Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del canale deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico ; o che alcuni interventi, in corrispondenza della zona ex Cava di Maso, sono già in fase di previsione; sulla base delle simulazioni effettuate, si è individuato come tratto a priorità assoluta il tratto in corrispondenza di via Donadonisi che dovrà prevedere all interno delle economie previste dal Quadro Economico i seguenti interventi: o Demolizione del rilevato stradale della via Donadonisi attraversante l alveo oggetto di intervento; o Risagomatura del fondo alveo con ripristino della pendenza originaria del canale stimabile in 0,5%, con tratto interessato quello tra le sezioni 4 e 5 (in particolare la prima e l ultima sezione conserveranno la quota di fondo mentre la sezione 51 necessita di un leggero ricarico per coprire la roccia affiorante scalzata dagli eventi del 005 vedi foto1) per un movimento di materia stimabile in ca 5000mc; o Risagomatura per messa in quota e pulizia del fondo alveo da effettuarsi tra le sezioni 41 e 5 per un movimento di materia stimabile in ca 9000mc; o Ripristino della vecchia arginatura in destra idraulica, prevista con muro di sostegno in cls rivestito in pietrame e dente consolidato con gabbione al piede per quanto riguarda la ipotetica savanella del canale mentre il ripristino dell area golenale sarà effettuato con un materasso di pietrame e doppia rete metallica resistente a torsione (vedi tavola Particolari costruttivi), da effettuarsi tra le sezioni 44 sino al tratto a valle della sezione 49 a raccordarsi con l arginatura esistente (vedi foto ), per una lunghezza di ca 115mt restando inteso che la D.L. potrà limitare le aree d intervento qualora l arginatura presente risulti idonea; o Messa in sicurezza idraulica del canale in sinistra, in corrispondenza delle sezioni 4 e 43 (ca 5mt) e delle sezioni 47 e 51 (ca 68mt) consistente essenzialmente nel garantire idonei franchi di sicurezza con riferimento alla piena ducentennale ottenuta mediante un muro di sostegno che riprende l attuale sezione del canale e fuorisce a vista del necessario a garantire idonei franchi di sicurezza alle abitazioni ed alla viabilità fiancheggiante il canale (per i tratti restanti, come evidente dallo studio effettuato, risulta fondamentale la risagomatura la pulizia del fondo alveo necessaria ad arginare la piena duecentennale anche per l azione di contenimento dei muri civili esistenti); o Demolizione dei tre collettori DN600 mm di fogna bianca presenti in alveo a ricostituzione degli stessi, preservandone le pendenze, in prossimità della sponda sinistra del canale senza costituire 9

11 ostacolo al deflusso e munirle di valvole a claipè per evitare riflussi di controcorrente durante gli eventi di piena; o La linea del gasdotto, come da elaborati, risulta non interferire con i lavori di messa in sicurezza del canale; Risultano di secondaria importanza e non rientranti nel quadro economico del presente studio, le criticità in corrispondenza dei tondi di Carbonara e dello svincolo della tangenziale di Bari (precedentemente ampiamente commentati, subordinando gli stessi ad eventuali economie a disposizione di Codesta Amministrazione e destinate ad interventi futuri. Fig 5):Ripristino dell arginatura originaria in dx idraulica del canale- via Donadonisi; Fig 6):-Costruzione della parete in sx idraulica del canale-via Donadonisi; 10

12 Fig 7):-Rimozione dei collettori di fogna bianca e dei massi presenti-via Donadonisi; Fig 8):-Pulizia del canale e arginatura in sx nel tratto a monte di via Donadonisi; Fig 9):Risagomatura e pulizia del canale; 11

13 Fig 30): Arginatura in sinistra idraulica con intervento tipo B; Fig 31):Risagomatura e pulizia del canale; Fig 3): Risagomatura e pulizia del canale, 1

14 5.1 Descrizione di massima degli interventi oggetto della presente progettazione Risulta opportuno precisare come bisogna leggere le distanze e le misure presenti negli allegati e qui riassunte: o con riferimento alle sezioni del canale, le ascisse relative seguono le tracce così come rinvenienti dalla planimetria del rilievo e come origine del riferimento l estremo in sinistra idraulica del rilievo; o con riferimento al profilo, le ascisse curvilinee del fondo alveo sono misurate da valle verso monte secondo l asse sezione, ovvero con riferimento all ouput della river station di Hec-Ras; o con riferimento alle sponde destra e sinistra del canale, le ascisse curvilinee degli argini, per ogni stazione, sono riferite all ascissa della river station; questa precisazione risulta doverose per le misure riguardanti le sezioni 46 e 47 ed il rilievo dell attraversamento di via Donadonisi che sono inclinate di 30 circa rispetto alla normale all asse canale. Considerazioni sul rilievo e risultati dei sopralluoghi effettuati Dall analisi dei sopralluoghi effettuati è emersa la fondamentale interferenza delle murature civili in sinistra idraulica sul deflusso di piena, in particolare l attuale perimetrazione in corrispondenza delle sezioni 40 e 43 deriva, stante i risultati della modellazione ante, da un lieve rigurgito della sezione 41. La pericolosità connessa a questa criticità, come ampiamente evidente dagli elaborati, viene eliminata mediante l intervento di risagomatura del fondo alveo garantendo anche idonei franchi di sicurezza. Altro aspetto emerso è che la sezione 43 del rilievo contrasta l analisi fotografica e lo stato dei luoghi attuali, di fatti la quota di sommità spondale in sinistra idraulica (45,78 mt) sembra in realtà riferirsi ad un accenno di arginatura affiorante ormai dissestata dagli impatti antropici come evidente nelle evidenziazioni in rosso di seguito riportate. dev+picone Plan: Plan 49 08/1/ Legend EG 00 WS 00 Ground Bank Sta Elevation (m) Station (m) Sezione 41 13

15 dev+picone Plan: Plan 49 08/1/ Legend EG 00 WS 00 Ground Bank Sta Elevation (m) Station (m) Sezione 43 Per dare consistenza ai risultati ed alle verifiche degli stessi, si è reso necessario in fase di simulazione procedere all interpolazioni ottenute mediante il comando opzionale del simulatore Hec-Ras, delle sezioni destinate agli interventi (sezioni 41-5), anche al fine di modellare gli interventi previsti e non sempre ricadenti in corrispondenza delle sezioni del rilievo di partenza. A valle di questa interpolazione si è proceduto ad una leggera ricalibratura di ogni sezione interpolata (come riportato in allegato sezioni interpolate ) eliminando le incongruenze ottenute mediante l interpolazione automatica, con particolare riferimento alle correzioni effettuate: o sulla sezione 43 (per i motivi precedentemente esposti) in cui si riportata la quota del muro presente (freccia blu); 14

16 o sulle sezioni interpolate tra la 41 e la 4, conservando e cautelativamente abbassando la quota del muro della sezione 41,freccia rossa (diversamente si interpolerebbe con la sezione 4 che ha come punto battuto l estradosso di un edificio, freccia blu). Criteri di progetto adottati I criteri di progetto utilizzati possono come di seguito riassumersi: A. Per il ripristino dell arginatura in destra idraulica, si è proceduto al rifacimento della vecchia sponda (savanella+golena) distrutta durante la costruzione della via Donadonisi, in alveo, previa verifica che la stessa fosse idonea a contenere la piena duecentennale con adeguati franchi di sicurezza. Pertanto sono stati trovati due punti fissi sia per la golena che per la savanella, rinvenibili nelle sezioni 44 e 51 (per i valori rifarsi agli allegati), sono stati congiunti e successivamente verificati i tiranti idrici, il franco di piena del tratto a farsi risulta essere comunque superiore a 0,50mt+1,70mt (a sommarsi i franchi sia della savanella che della golena); con riferimento alla larghezza delle sezioni si è cercato di conservare quelle presumibilmente originarie con un leggero allargamento della sezione 44 (e di conseguenza di quelle immediatamente raccordate ad essa). B. Per il progetto dell arginatura in sinistra idraulica, si è proceduto alla previsione della stessa in corrispondenza delle sezioni tra la 4 e 43 come da elaborati e tra la 47 e la 51, l esigenza di avere una quota pari all arginatura in destra non è risultata conseguibile per esigenze prettamente 15

17 economiche, d'altronde i franchi (golena + savanella) in destra risultano essere sovrabbondanti (vicino al 75% dei tiranti idrici); pertanto anche in questo caso si sono considerate delle sezioni con quote fissate e si è proceduto ad un raccordo lineare previa verifica dei battenti(come sezioni fisse si è considerato le 4 ed una sezione interpolata a valle della 50), i franchi dell arginatura in sinistra a farsi risultano maggiori di 1,75mt (si ribadisce che laddove in sinistra non è stata prevista arginatura, la stessa funzionalità viene assolta dalle opere civili presenti); Stima sommaria degli interventi o Il muro in destra idraulica deve essere ripristinato secondo la tipologia A) precedentemente descritta e per una lunghezza di circa 115 m tra le sezioni 44 e subito a valle della 49, come evidente dagli allegati grafici; o Il muro in sinistra idraulica deve essere ripristinato tra le sezioni 47 e 51 e tra le sezioni 4 e 43 secondo la tipologia B) e per una lunghezza di circa 68+5 mt; o Risagomatura del fondo alveo con ripristino della pendenza originaria dell alveo di 0,5% e stimabile in 5.000mc di movimenti di materia e secondo le modalità presenti negli allegati grafici; o Pulizia ed asportazione dei materiali presenti nel canale deviatore per un tratto di 300mt a cavallo di via Donadonisi (50 mt a monte e 50 mt a valle della viabilità) per un altezza media di materiale asportato di circa 0,50 mt e per un volume totale di 7.000mc; o Spostamento dei collettori di fogna bianca che sfocieranno (pendenze permettendo) sulla parete sinistra a farsi e che saranno munite di valvole a claipè di non ritorno; I muri di sponda in destra idraulica hanno un altezza variabile tra 4,70 a 5,0 m comprensivi di affondamento, e come quota di coronamento quella della savanella, oltre al materasso con rete metallica disposto per circa 3 m sul piano orizzontale e sulla sponda di scarpa 1:1 alta mediamente 1,80m. I muri di sponda in sinistra idraulica hanno un altezza di circa 6,00 m comprensivi di affondamento e come quota di coronamento quella della sommità argine sinistro. 6.1 Analisi dei risultati della modellazione L analisi dettagliata degli output delle modellazioni è riportata nel CD in allegato e negli allegati grafici della presente relazione specialistica; le simulazioni sono state effettuate per condizioni al contorno di stato critico sia a monte che a valle e computandole come mixed flow. 16

18 Si effettuerà ora un rapido commento dei risultati delle simulazioni con riferimento alla condizione ante e post interventi, evidenziando come, nei limiti dell economie a disposizione dell Amministrazione, si è proceduto alla mitigazione del rischio idraulico. Gli interventi, in via Donadonisi, descritti nel paragrafo 8.1 sono stati implementati nelle simulazioni nel seguente modo: o Per modellare l eliminazione dei collettori di fogna sono stati tolti i blocked ostructions precedentemente introdotti; o In corrispondenza della zona critica 1, le risagomature sia delle sezioni che dell alveo sono state inserite come ridefinizione delle sezioni di interesse (vedi tavole allegate); o L abbattimento del rilavato stradale di tale via è stato ottenuto eliminando la inlet structure ; o A vantaggio di sicurezza nelle simulazioni post, è stata trascurata la pulizia del canale e come scabrezza si è considerata quella del modello ante ; o Sono state effettuate delle interpolazioni delle sezioni ogni 5 mt e ricalibrate come precedentemente commentato. Dall analisi dei profili di moto permanente, sia nella condizione ante che post, si evince che la corrente è di tipo lenta (tranne quando la stessa è costretta a dissipare dei surplus di energia che ha acquistato in corrispondenza di influenze quali briglie, ponti, rilevati stradali) dev+picone Plan: Plan 06 14/10/008 dev_pic 1 Legend EG 00 Crit 00 WS 00 Ground Left Levee Right Levee Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 33):Profilo ante interventi, 17

19 55 50 dev+picone Plan: 1) Plan 46 09/1/008 dev_pic 1 Legend EG 00 WS 00 Ground Left Levee Right Levee Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 34):Profilo post interventi; A tal proposito si evidenzia l efficacia degli interventi previsti, in quanto la presenza del rilevato in alveo di via Donadonisi tende a far rigurgitare l acqua in un ampio tratto a monte, sino al primo sovrappasso stradale, provocando i pericolosi effetti precedentemente discussi (che culminano con l esondazione della piena che dal deviatore trasferisce parte della portata nel suo vecchio alveo e franchi esigui nel tratto a monte), a seguito degli interventi rientranti nel Quadro Economico i tiranti idrici della condizione post si abbassano notevolmente ed a dimostrazione di questo basti pensare che la piena passa nella briglia a monte di via Donadonisi (sede di infrastrutture secondarie) nello stato di corrente critica invece che essere sommersa da un profilodi corrente lenta rigurgitata della condizione ante. Analizzando il profilo di moto permanente del solo tratto di via Donadonisi (post) si nota un leggero rigurgito del battente idrico assolutamente compatibile con i franchi di sicurezza che vengono comunque garantiti e che trova spiegazione nell inevitabile restringimento dell alveo, anche a seguito di risagomatura, per la presenza di abitazioni civili che tra l altro con le loro strutture arginano in sinistra idraulica la piena. 18

20 dev+picone Plan: 1) Plan 46 09/1/008 dev_pic 1 Legend EG 00 WS Ground Left Levee Right Levee 46 Elevation (m) Main Channel Distance (m) Fig 35):Dettaglio profilo post interventi- via Donadonisi, 7.1 Conclusioni Nel presente studio di compatibilità idraulica è stata affrontata la verifica idraulica del Canale Deviatore fino alla confluenza di quest ultimo alla Lama Sinata, in territorio di Bari. La verifica ha necessitato dell individuazione del bacino scolante (Bacino Picone) afferente al canale ed il calcolo delle portate attese per eventi di piena aventi tempo di ritorno pari a 30, e 00 anni (sussistenza della sicurezza idraulica), usando la metodologia VAPI per la determinazione degli afflussi meteorici e del metodo SCS per la stima delle portate di piena con tempo di ritorno di 00 anni confermando le risultanze di studi precedenti effettuati dall Autorità di Bacino della Puglia ed in uno studio di Fattibilità Anticipazioni sugli interventi in corrispondenza del Canale Deviatore della città di Bari, urgenti in ordine alla prevenzione da rischio idraulico a firma dei professionisti esterni Prof. Ing. V. Cotecchia ed Dott. Geol. A. Greco. Sulla base della cartografia a disposizione ed un rilievo di dettaglio è stato costruito un modello digitale, utilizzato per compiere le simulazioni attraverso il software Hec-Ras, sviluppato dall US Army Corps of Engineers; in tal modo si sono ottenuti i profili di rigurgito dovuti al transito delle portate di piena precedentemente calcolate, riproducendo la situazione attuale e lo scenario susseguente agli interventi rientranti nel Quadro Economico della presente Progettazione. L analisi dei risultati ha permesso di giungere alle seguenti conclusioni: 19

21 o Gli interventi individuati come prioritari e descritti in dettaglio nel capitolo 8.1 sono idonei a mitigare le criticità più urgenti con riferimento al rischio idraulico (Tr=00 anni) come si evince dalle fig.36 e 37; Fig 36):Pericolosità idraulica ante interventii, 0

22 Fig 37):Pericolosità idraulica post interventii, 1

Ingegneri & Geologi Associati

Ingegneri & Geologi Associati MODELLI IDRAULICI MONODIMENSIONALI Si riportano gli output forniti dal codice di calcolo Hec-Ras relativi al modello dello stato attuale e allo stato di progetto: per il primo si allegano La tabella con

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Guida Illustrata alle Risposte

Guida Illustrata alle Risposte IDRAIM sistema di valutazione IDRomorfologica, AnalisI e Monitoraggio dei corsi d'acqua Guida Illustrata alle Risposte Appendice al Manuale tecnico operativo per la valutazione ed il monitoraggio dello

Dettagli

Università degli studi di Firenze

Università degli studi di Firenze Università degli studi di Firenze Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente e il Territorio Anno Accademico 2010-2011 Progettazione preliminare di un sistema di casse di laminazione

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12

GURS Parte I n. 12 del 2007 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 Page 1 of 10 REPUBBLICA ITALIANA GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA PARTE PRIMA PALERMO - VENERDÌ 16 MARZO 2007 - N. 12 SI PUBBLICA DI REGOLA IL VENERDI' DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE:

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II.

Piano Stralcio di Bacino per l Assetto Idrogeologico (P.A.I.) (ART.1 D.L. 180/98 CONVERTITO CON MODIFICHE CON LA L.267/98 E SS.MM.II. REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale del Territorio e dell Ambiente DIPARTIMENTO REGIONALE DELL AMBIENTE Servizio 3 "ASSETTO DEL TERRITORIO E DIFESA DEL SUOLO (P.A.I.) (ART.1 D.L.

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol.

Coordinamento generale di progetto. arch. Paolo Tolentino. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania. geol. Autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania - Napoli - 2009 c REGIONE CAMPANIA Assesorato all'ambiente Piano Stralcio per l'assetto Idrogeologico dell'autorità di Bacino Nord Occidentale della Campania

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2

PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 Oggetto Corso Docente PROGETTO DI UNA RETE FOGNARIA Roma Castellaccio comparto 2 PROTEZIONE IDRAULICA DEL TERRITORIO (2 MODULO) Ingegneria Civile Prof. Corrado Paolo Mancini Berti Andrea Campolese Mattia

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI

ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI ISPETTORI DI PONTI E VIADOTTI CERTIFICAZIONE UNI CEI EN ISO/IEC 1702 Corso 1 Livello In collaborazione con l Ordine degli Ingengeri della Provincia di Rimini Associazione CONGENIA Procedure per la valutazione

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Carta M_02 Carta Geomorfologica

Carta M_02 Carta Geomorfologica Carta M_02 Carta Geomorfologica La Carta Geomorfologica è senz altro quella che ha comportato il maggiore sforzo di documentazione e di armonizzazione. Lo scopo della carta è quello di illustrare la dinamica

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO

COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO COMUNE DI LENDINARA Provincia di Rovigo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DIFESA DELL ASSETTO IDRAULICO DEL TERRITORIO Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n 74 del 30.11.2009 ESECUTIVO DAL 28.12.2009

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013

Prof. Ing. Alberto Pistocchi, Ing Davide Broccoli. Ing Stefano Bagli, PhD. Ing Paolo Mazzoli. Torino, 9-10 Ottobre 2013. Italian DHI Conference 2013 Implementazione di un modello dinamico 3D densità a dipendente all'interno di un sistema Web-GIS per la gestione e il monitoraggio della qualità delle acque di falda per un comparto di discariche Prof.

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti

COMUNE DI MASSAFRA. Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti COMUNE DI MASSAFRA Analisi del rischio idraulico nel bacino del canale Patemisco e dei suoi principali affluenti II Parte Tratto di monte del Patemisco e Gravine Madonna della Scala, Colombato e San Marco

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO

PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO Autorità di Bacino Regionale della Campania Centrale PIANO STRALCIO PER L ASSETTO IDROGEOLOGICO G R U P P O D I P R O G E T T O R.U.P. arch. Marina Scala ASPETTI GEOLOGICI geol. Federico Baistrocchi geol.

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net

... Printed by Italsoft S.r.l. - www.italsoft.net ........... COMUNITA' MONTANA MUGELLO Oggetto dei lavori: REALIZZAZIONE DI NUOVO LOCALE TECNICO - I DIACCI II LOTTO Progettista: Geom. Francesco Minniti COMPUTO METRICO ESTIMATIVO 2 LOTTO - COMPUTO METRICO

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente

Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente tel. 055.32061 - fax 055.5305615 PEC: arpat.protocollo@postacert.toscana.it p.iva 04686190481 Nuova edificazione in prossimità di un elettrodotto esistente Guida pratica per le informazioni sulle fasce

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE

NORME TECNICHE DI POLIZIA IDRAULICA RETICOLO IDRICO MINORE COMUNALE COMUNE DI: SAN GIACOMO FILIPPO Provincia di Sondrio ATTUAZIONE DELLA D.G.R n.- 7/7868 del 25 gennaio 2002 e successive integrazioni Determinazione del reticolo idrico principale. Trasferimento delle funzioni

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI)

Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Regione Autonoma della Sardegna Piano stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) Interventi sulla rete idrografica e sui versanti Legge 18 Maggio 1989, n. 183, art. 17, comma 6 ter D.L. 180/98 e successive

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile

Comune di Prato Leventina. - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile Comune di Prato Leventina - Microcentrale elettrica sulla condotta d approvvigionamento acqua potabile 1 Marzo 2004 Incarico del Municipio di Prato-Leventina per la valutazione dell efficienza funzionale

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno

bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non cambiano mai segno Parametri dei segnali periodici I segnali, periodici e non periodici, si suddividono in: bipolari, quando essi, al variare del tempo, assumono valori sia positivi che negativi unipolari, quando essi non

Dettagli

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA

TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TIP AND TRICKS 01 DEFINIZIONE DEI PARAMETRI DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA TECNICA DI DEFINIZIONE DELLE PROPRIETA' DI UNA LASTRA ORTOTROPA EQUIVALENTE A UNA VOLTA MURARIA Descrizione

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo

Manual e per il c ensiment o dell e oper e in al veo Provincia di Torino Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Servizio Pianificazione Risorse Idriche Regione Piemonte Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste Settore Pianificazione

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli