Architettura e Multinazionali della moda: les liaisons dangereuses

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Architettura e Multinazionali della moda: les liaisons dangereuses"

Transcript

1

2 Architettura e Multinazionali della moda: les liaisons dangereuses

3 indice 1. brand architecture DEFINIZIONE DI ARCHITETTURA DI MARCA COMPOSIZIONE DI UN PORTFOLIO PROCESSO CREATIVO DI UNA MARCA GLOSSARIO 2. marca e retailing IL RETAIL STUDIO DELLA CONCORRENZA IL CONSUMATORE E LE SUE ESIGENZE COMUNICAZIONE 3. marketing e strategie di espansione INFLUENZA DEL MARKETING SULLE VENDITE ESPANSIONE A LIVELLO GLOBALE : CASO PRADA LEGAME COL TERRITORIO: CASO BENETTON, CASO CUCCINELLI, CASO FENDI

4 4. moda & architettura COMUNIONE D INTENTI IL FENOMENO DEL LIFE STYLE I NUOVI PUNTI NEVRALGICI I DISTRETTI DEL LUSSO 5. criticità del sistema AUTOPROMOZIONE E SPETTACOLARIZZAZIONE BRAND ART FETICISMO DELLA MATERIA 6. progettare un flagship store MODALITà ATTUATIVE CONTENUTO /CONTENITORE Scheda 1 Scheda 2 Scheda 3 INNOVAZIONE TECNOLOGICA Scheda 4 4

5 NEGOZIO SCENOGRAFIA Scheda 5 Scheda 6 ASSERVIMENTO AL LOGO Scheda 7 Scheda 8 Scheda 9 Bibliografia Scheda 10 Tavole di progetto Tav.1 elaborazione 3d Tav. 2 Tav. 3 Tav. 4 Tav. 5 Tav. 6 Tav. 7 Tav. 8 Tav. 9 Tav. 10 5

6 Brand Architecture Il concetto di brand architecture designa la struttura che organizza il portafoglio di una o più marche detenute da un impresa, specificando quale ruolo è svolto da ciascuna di queste e quali rapporti intercorrono tra i vari brand, nella specificità rappresentata da ciascun contesto di prodotto-mercato in cui sono calati. Un architettura di marca progettata efficacemente ed armonicamente concorre a rendere più cristallina l offerta ai clienti e, nello stesso tempo, a favorire concrete possibilità di sinergia tra le marche gestite sfruttando le risorse condivise. L ambito generale in cui ricade l architettura di marca è quello propriamente definito della Brand Leadership, che prevede l inserimento della marca in una prospettiva globale, vale a dire una prospettiva che travalichi i confini nazionali e sia finalizzata alla creazione di un brand forte. A questo proposito, il modello della leadership di marca (elaborata dalla coppia di autori Aacher e Joachimsthaler in Brand Leadership, 2001) contempla quattro attività che devono essere svolte contestualmente per potenziare le realtà di un medesimo portafoglio. La prima attività raffigurata (1) consiste nella creazione della struttura organizzativa e dei processi aziendali che facilitino il rafforzamento della marca: in sintesi, realizzare un contesto in grado di supportare veramente lo sviluppo del brand. Questo obiettivo non può essere perseguito in assenza di un programma che preveda l accesso a più media e il raggiungimento di una certa credibilità agli occhi del cliente potenziale, compito assolto dalla seconda dimensione, quella relativa al potenziamento della marca (2).La terza attività (3), invece, garantisce la coerenza nella definizione dell identità del brand attraverso un posizionamento che guidi ed 6

7 ispiri il potenziamento dell impresa in relazione al cliente. Infine, opera l architettura di marca (4), la quale deve proporsi di indagare l intero spettro di rapporti tra i vari brand, definendo ruoli. L architettura di marca, in altri termini, esplicita la forza e la vitalità delle singole brand e sub-brand che compongono il sistema del portafoglio operativo di marca, e soprattutto pone in luce la natura e l entità dei legami delle diverse brand e sub-brand, rendendo di conseguenza chiaro per ogni singolo portafoglio: 1. le marche dominanti e i relativi fattori prioritari di identificazione; 2. gli elementi di vulnerabilità riferiti a singole marche e/o a specifiche aree che compongono una definita architettura; 3. le marche marginali in relazione ad una determinata configurazione di portafoglio di marca. Questo sistema nasce dall esigenza (imposta da una serie di fattori tra i quali l internazionalizzazione, le strategie di gruppo, le modificazioni nei comportamenti d acquisto, il crescente rilievo delle diversità culturali, ecc.) di passare da un economia centrata sulla marca, ad un economia centrata sul portafoglio di marca (ovvero da un offerta mono ad un offerta multi). Tale passaggio comporta un accresciuta complessità gestionale, che si traduce anche in modificate condizioni operative ed innovate strutture organizzative. In ogni caso, si tratta di un sistema associabile ad aziende forti, in grado di gestire culture diverse, fattori produttivi differenti, ecc., non mediante una loro semplice addizione, bensì,appunto, tramite una composizione sistemica Finalizzata di garantire migliori risultati complessivi. 7

8 Gli ultimi anni hanno confermato una situazione da tempo consolidata e che non mostra segnali di inversione di tendenza: l offerta è ormai strutturalmente superiore alla domanda. La condizione di eccesso di offerta in particolare impone alle aziende di perseguire linee di sviluppo caratterizzate da un predominio dei fattori immateriali di prodotto e di impresa, senza i quali risulta impossibile consolidare (e migliorare) i risultati raggiunti1. Nell ambito dei fattori immateriali di prodotto, ecco quindi che la marca, assume una criticità fondamentale per il successo delle attività aziendali; dal momento che ad ogni brand viene associato un insieme di attributi, altrettanto essenziale diviene l analisi secondo modelli predefiniti, del valore competitivo di questi ultimi, al fine di valutare il patrimonio di marca (brand equity) di cui sono espressione. Questa particolare attenzione rappresenta un esigenza imprescindibile anche per definire e circoscrivere, in modo compiuto, i caratteri distintivi di una specifica identità di marca, quale elemento di consolidamento del legame con il consumatore. E quindi diventato fondamentale conoscere il processo che porta alla nascita di un brand o alla rivitalizzazione di uno esistente anche per chi dovrà progettare i punti vendita che sono l unico punti contatto tra il cliente e il brand. Di seguito verranno riportati alcuni schemi illustrativi del processo dalla messa a punto della strategia operativa fino al mantenimento e alla sicurezza della marca ed un glossario dei termini fondamentali per la comprensione del fenomeno. 8

9 Strategia per l'identità di marca Creazione dell'identità di una marca Applicazione dell'identità di una Marca Per intraprendere la strategia migliore per la definizione dell'identità da adottare per un marchio, si effettuano specifiche attività di analisi e ricerche mirate alla definizione della brand equity per la creazione o il rinnovamento dell'identità d'impresa o di Per una reale e competitiva differenziazione di un brano nel proprio mercato di riferimento, si creano innovativi sistemi di codificazione verbale e visiva di una marca attraverso lo sviluppo di dispositivi nominali -naminge visuali -design-, fino alla Per l'evoluzione del linguaggio di una marca, bisogna occuparsi dell'implementazione della brand identity sia attraverso un supporto costante in modalità di advisoring, sia attraverso programmi di immagine coordinata per l'applicazione del marchio agli 9

10 prodotto. BRAND IDENTITY STRATEGY realizzazione dei tool per la gestione dell'identità nel BRAND IDENTITY CREATION tempo. strumenti di comunicazione. BRAND IDENTITY APPLICATION Ricerca, analisi e strategie di identità per la costruzione o il riposizionamento di una marca. Individuazione dei codici connotativi visuali di un brand e formulazione delle norme per la gestione dell identità di una marca nel tempo. Sviluppo creativo degli strumenti di comunicazione. Aree di attività: - Brand Analysis - Brand Research - Brand Equity Aree di attività: - Brand Naming - Brand Design - Brand Manual Aree di attività: - Brand Publishing - Brand Packaging - Brand Advertising Brand Analysis Attività di analisi desk del vissuto dell'identità di una marca esistente e del suo scenario competitivo, per razionalizzare lo status-quo di una brand identity. Brand Research Attività di ricerche qualitative mirate alla definizione dell'identità di una marca -attraverso interviste in profondità e focus group- con modelli dedicati e proprietari di Univisual. Brand Equity Brand Naming Creazione e definizione di dispositivi nominali e verbali per l'identificazione di marche di imprese, di insegne, di prodotti/servizi con tutto il relativo supporto legale. Brand Design Creazione/ridefinizione, progettazione ed esecuzione del marchio e di tutti i suoi elementi connotativi primari che lo compongono (concept, logo, font, colori ecc.). Brand Publishing Sviluppo creativo ed esecutivo delle pubblicazioni aziendali e di tutto il btl; come per es. monografie istituzionali, brochure di prodotto, house-organ e siti internet. Brand Packaging Sviluppo progettuale ed esecutivo delle confezioni di prodotto e dei materiali a supporto per il punto vendita; come espositori, cartelli vetrina ecc. 10

11 Definizione dei valori di una marca e formulazione della sua strategia di identità, del suo statement e della sua architettura. Brand Manual Implementazione del sistema d'identità con la relativa formulazione delle regole d'uso di un marchio e sviluppo esecutivo dei tool operativi. Brand Advertising Sviluppo creativo delle campagne pubblicitarie, dal lancio di una nuova brand identity fino allo studio di una cartella stampa. 11

12 La metodologia Per creare identità è necessario implementare gli elementi di supporto e di controllo per un Brand, il logo da solo spesso non è sufficiente ad attribuire alla marca una forza percettivamente connotativa e distintiva. Le fasi operative sono specifiche per tipologia di intervento, ma il percorso base per il raggiungimento di un obiettivo parte sempre da un'analisi strategica dei problemi di business, che consente di avviare l'esplorazione creativa delle soluzioni con una mappa progettuale predefinita. BRAND IDENTITY DEVELOPMENT TOTAL PROCESS 12

13 BRAND CONSULTING BRAND ANALYSIS BRAND RESEARCH Consiste nella consulenza per individuare le modalità con cui le aziende devono porsi nel proprio mercato e con cui devono porre la propria offerta, mettendo a disposizione know-how e strumenti dedicati per la creazione, la costruzione e la gestione di una marca. L'obiettivo di questa pratica è fornire soluzioni che permettano un'elasticità strategica di adattamento a un mercato oggi in continua evoluzione e aiutare a trovare la giusta formula dei codici connotativi per rendere espliciti i valori di un'entità, consentendo ai propri clienti di conquistare una posizione privilegiata nella memoria del proprio pubblico e quindi consentire al business performance di successo. BRAND EQUITY L'attività di analisi mira a produrre e razionalizzare le informazioni necessarie per il successivo piano di sviluppo della strategia di identità, sia per individuare le operazioni di branding da adottare sia per verificarne la coerenza e la pertinenza di un brand esistente. In funzione delle evoluzioni dello scenario interno e di quello competitivo, si adottano modelli di analisi propri,come una perizia tecnico-percettiva per la valutazione degli elementi connotativi di un marchio, misurandone la complementarietà tra gli elementi connotativi che lo compongono e la coerenza con gli obiettivi valoriali da trasmettere. Inoltre si possono effettuare monitoraggi costanti ad hoc, per supportare l'individuazione delle tendenze di mercato e per valutare nuove opportunità di business. BRAND STRATEGY e lo sviluppo di indagini esclusivamente finalizzate al Branding, sia attraverso modelli propri dedicati e con attività di advisoring, sia affiancandosi al management aziendale e al suo istituto di ricerca per lo svolgimento di classiche indagini di mercato. E un modello di ricerca integrato, flessibile e modulare, per la valutazione dell'equity di una marca esistente, al fine di tracciare il patrimonio valoriale pertinente e distintivo che lo 'spettro' identificativo di un brand presidia nel territorio mentale del suo pubblico. Gli output di ricerca rilevati hanno l'obiettivo di comprendere lo status-quo dell'identità di un brand, sia per consolidare la consapevolezza necessaria sul suo vissuto sia per poter pianificare un corretto ed eventuale piano di branding, diventi altamente rilevante per il business dell'impresa. BRAND COMMUNICATION La brand equity di un marchio rappresenta oggi l'asset strategico primario per il business di un'azienda, che deve considerare la marca il vero e primo prodotto da vendere. Decidere quindi quali devono essere i valori che un brand dovrà veicolare è una cruciale e delicata fase operativa per consentire la sua reale differenziazione identificativa nei confronti dei concorrebti. Si utilizza un mix di analisi tecnica e semiotica, focus group, indepth interview, indagini etnografiche, che - modularmente segmentati a seconda delle possibili necessità di ricerca- consente di progettare un posizionamento preciso e coerente con i valori identitficativi da trasmettere. Consiste nello sviluppo di strategie di brand identity per la creazione di marche innovative e differenzianti rispetto al proprio scenario di mercato. Dalla profilazione del target all'analisi dei competitor, dalla definizione del posizionamento fino al lancio della marca, si individuano le corrette modalità con cui un brand si dovrà porre rispetto al proprio pubblico e come dovrà proporre e organizzare la sua offerta di prodotti e servizi nei confronti dei suoi clienti. La mancanza di omogeneità nella comunicazione aziendale crea delle difficoltà nella comprensione del messaggio che si vuole trasmettere, ponendo il problema di dover supportare il proprio brand in termini di posizionamento e percezione nei propri pubblici di riferimento. Uniformare le modalità di comunicazione, qualunque esse siano, significa trasmettere un'immagine univoca e coerente del soggetto emittente favorendone la riconoscibilità. Partendo dallo studio dell'immagine e del vissuto dell'azienda, si giunge alla definizione precisa e dettagliata degli elementi che accompagneranno ogni processo comunicativo, alla progettazione del sistema di normalizzazione dell'identità e allo sviluppo degli strumenti di comunicazione cui dovranno attenersi sia gli organi interni, sia i 13

14 BRAND MANAGEMENT Sia per brand appena nati sia per quelli presenti da tempo sul mercato, sono necessari servizi costanti per la gestione di un marchio o di interi sistemi d'identità. Le aziende ormai hanno programmi continuativi di controllo, verifica e monitoraggio delle performance delle loro identità di marca. Attraverso attività di advisoring,si aiuta le aziende nella valutazione dei loro piani di sviluppo e nella definizione delle modalità con cui l'identità di una marca dovrà affrontare le nuove opportunità di business. BRAND CONCEPT Ogni marca ha alla base della sua storia e della sua personalità un concetto costituente del suo essere, del senso su cui si fonda la sua matrice.nel processo di trasformazione di un marchio in una marca,si applicano le tecniche del branding per l'individuazione dell'idea su cui costruire il percorso evolutivo di un brand. L'elaborazione del Brand Concept ha come obiettivo funzionale quello di tracciare la linea guida su cui verranno studiati tutti gli elementi connotativi di un'identità, dal soggetto/oggetto da raffigurare nell'identità visiva fino alla definizione del linguaggio della marca su cui ideare le campagne pubblicitarie. collaboratoesterni.. BRAND IDENTITY La definizione dell'identità di una marca, sia essa di impresa o di prodotto, è il fulcro del business moderno. Si costruisce un brand di successo mettendo in atto una creatività orientata e ispirata dalle indicazioni strategiche dei paradigmi dello scenario di mercato di questo XXI secolo. L'obiettivo principale è quello di ideare e gestire virtuosamente tutte le espressioni visuali e testuali di un Brand, al fine di presidiare una salda differenziazione nell'immaginario del pubblico di riferimento. 14

15 BRAND TRENDS BRAND PERSONALITY BRAND ARCHITECTURE Affinchè una marca svolga le sue funzioni di business developer, è importante che venga considerata come un essere vivente, come fosse una persona in carne ed ossa, con tanto di cervello ed emozioni. Come ogni individuo, anche la marca cresce e fa esperienze; si deve evolvere e stare al passo coi tempi, pur mantenendosi coerente alla sua anima identificativa. Diventa molto importante considerare il momento storico e sociale in cui siamo, affinchè si possa essere sempre a conoscenza dei cambiamenti del mercato. Sono necessari monitoraggi costanti delle tendenze che interessano i settori merceologici chiave, ed è in grado di rilevare ciò che si discosta dagli standard obsoleti e quindi individuare i main-trend che caratterizzano e prefigurano i nuovi scenari valoriali. La contestualizzazione e la comprensione del mondo di riferimento in un'ottica allargata, consente di cogliere le opportunità di mercato. BRAND REVITALIZATION La dinamicità con cui un oggi brand si sviluppa, rispecchia la necessità di rispondere ai cambiamenti continui del mercato e di individuare la chiave per sintonizzarsi con lo spirito del tempo e con le variazioni dell'impresa. La fase analisi consente di stabilire le fondamenta per avviare il processo di attualizzazione, sia per un restyling della brand identity sia verso l'aggiornamento dello status percettivo; per esempio nei casi in cui è necessario rendere più coerente il modo di porsi ai reali valori d'impresa e di prodotto. Al fine di creare differenziazione, unicità e riconoscibilità e costruire relazioni significative, distintive e durevoli con il mercato e con i diversi target,bisogna sviluppare un modello per definire la personalità della marca, aspetto oggi necessario per lo sviluppo di una corretta strategia di branding. Sia in caso di creazione di una nuovo brand o di rivitalizzazione di una esistente, ormai si opera con una caratterizzazione antropomorfica della marca in termini di attributi, atteggiamenti, caratteri e inclinazioni e sentimenti. Al termine del processo, i caratteri dominanti individuati o stabiliti costituiranno l'imprinting che guiderà coerentemente la marca nel suo percorso di affermazione. BRAND NAMING L'identità nominale di una marca è il codice connotativo per eccellenza: è dimostrato che il nome di un brand è in grado di determinare il successo di un prodotto o di un'azienda. Nell'era del branding, infatti, i paradigmi del mercato attribuiscono alle entità verbali un ruolo preponderante nella strategia di business, perchè -se trattati in modalità brand oriented- consentono di presidare posizionamenti durevoli e performanti, più del prodotto stesso. Semantica e creatività, associate a competenze specializzate in materia di protezione legale dei L'organizzazione di un insieme di brand è oggi una delle attività maggiormente in corso per l'ottimizzazione di un portfolio di prodotti o per la definizione del modello d'identità con cui legare le società di un gruppo. Diagnosi di line-up attuali, delle aree di coerenza, pertinenza e distintività della marca, analisi swot dedicate al branding, mappe di posizionamento valoriale associate ad analisi dello scenario competitivo, sono solo alcuni degli strumenti adottati per supportare il management dell azienda nello sviluppare architetture di marche. Ciò consente di costruire, razionalizzare o ristrutturare l'architettura di marca stabilendo la struttura dell'offerta, l'identità valoriale delle linee di prodotto e il sistema identitario complessivo del brand nel modo più coerente e duraturo. BRAND DESIGN Il design di un marchio rappresenta il mezzo con cui delineare l'interfaccia connotativa e comunicativa di un brand. Il design di un marchio ha la funzione di definire il 'codice' con cui una marca trasmette i propri valori e il proprio posizionamento. Dopo la razionalizzazione degli obiettivi di comunicazione del marchio e l'attribuzione dei compiti a ogni elemento che lo compone, rispettivamente ai valori strategici, si interviene quindi nell'ideazione in un processo di qualità 15

16 marchi, consentono di progettare nomi d'impresa e di prodotti/servizi moderni e innovativi. considerato oggi la massima espressione del design italiano, premiato dai principali riconoscimenti del settore. BRAND NORMALISING Il potere di una marca è nullo, o comunque rischioso, senza controllo. In questa citazione è implicita la necessità che ogni marca, per poter esistere e prosperare, abbia bisogno di regole da seguire. Solo così può mantenere e raggiungere i suoi obiettivi di crescita e affermazione. Per il supporto delle attività di brand management, occorrono manuali d istruzioni per il corretto utilizzo di un marchio sia sistemi informatizzati per la gestione operativa quotidiana di una brand identity. La metodologia moderna si preoccupa del problema di applicazione e implementazione di una marca sin già dalla progettazione del sistema di branding, considerando le criticità d'uso che una marca avrà nel tempo. BRAND PROTECTION Data l'importanza strategica di una marca e il valore finanziario che ricopre sul piano del business, è importante che vengano attuate le necessarie procedure per la sua tutela giuridica. Esiste un intero processo di protezione legale dei marchi, attraverso attività preliminari di analisi delle criticità insite nella natura di marchi esistenti. Il percorso per limitare la contraffazione di un marchio, inizia dal suo concepimento strategico e prosegue per tutto lo svolgimento creativo di costruzione del brand. BRAND PORTFOLIO VALUE portafoglio di marca (brand portfolio), è un sistema che comprende tutte le brands e sub-brands correlate ai prodotti-mercati nei quali l azienda opera, includendo, nell ottica di una bundle strategy, le co-brands sviluppate in collaborazione con altre aziende di distribuzione, fornitrici o clienti, di produzione (cioè concorrenti). Di questo fanno parte immobili azioni immateriali( area influenza marca etc..) e materiali come possono essere considerate le proprietà immobiliari destinate ai punti vendita. 16

17 MARCA E RETAILING Vent anni fa i brand consideravano i retailer come meri vincoli alla distribuzione, non come partner strategici, ed erano soliti pensare di possedere il consumatore. Ora l ago della bilancia si è spostato a favore dei retailer. Il principio valido in passato one size fits all oggi è la chiave per il fallimento. I brand devono tornare al centro dell attenzione del cliente finale (tab. 2) e per farlo devono effettivamente pensare ed essere come i retailer nazionali, orientarsi alle esigenze dei clienti locali e creare con essi un rapporto sempre più credibile e corretto. Se i brand non procedono in questa direzione si troveranno ad affrontare un futuro strategico commercialmente limitato. L espansione delle catene multinazionali ha schiacciato molti retailer specializzati e individuali determinando così un mercato più omogeneo. Basta guardare le strade dello shopping nei diversi continenti e si trova lo stesso tipo di negozio e lo stesso prodotto in offerta: Starbucks, McDonald s e Zara si trovano ovunque. L approccio al retail rappresenta quindi la strategia di crescita dei brand che pongono il consumatore al centro della propria organizzazione. Passare da un approccio brand oriented a uno consumer oriented non è sempliceu: un retailing vantaggioso e proficuo è diventato un attività complessa e mutevole, che deve saper affrontare diversi macro business attraverso differenti canali di distribuzione. I retailer locali, competenti e avanzati, stanno continuando a espandere la loro influenza e ora sempre più brand stanno pensando alla distribuzione diretta. Contemporaneamente I clienti sono sempre più bene informati rispetto al passato. Definire e applicare la 17

18 corretta strategia retail, adatta alle esigenze di ciascun mercato e avere la capacità di implementarla,è dunque fondamentale per il successo di un brand. Il Retail Diventa quindi fondamentale sviluppare una mentalità retail,soprattutto per quanto riguarda i brand della moda i cui negozi sono i principali punti di contatto con il consumatore finale. In questa sede il cliente può toccare il prodotto e il retailer può ottimizzare il valore del brand. Nella moda questo si raggiunge attraverso punti vendita monomarca (diretti o in franchising) o collaborazioni con partner multimarca, ma i brand del settore devono comunque essere visibili nel mercato retail. Esempio vincente è di sicuro Giorgio Armani ha percorso una lunga strada: era uno dei tanti disegnatori e venditore di abiti, poi pensando da retailer, e non da designer, ha creato un retail brand forte e solido, ha posto il retail al centro del suo business e si è focalizzato sul creare una shopping experience eccezionale. In ogni punto della retail experience in cui si analizza il suo brand si ha la chiara sensazione che la priorità sia quella di offrire alla clientela la shopping experience migliore in assoluto. Attualmente Giorgio Armani possiede oltre 20 brand diversi che si sono estesi dal core business dell abbigliamento a cosmetici, gioielli, arte, dolci, fi ori, libri, ristoranti, night club e alberghi. Ma non è soltanto flagship o retail o shopping experience la maniera di affrontare queste sfide, si può anche fare attraverso la collaborazione tra brand e retail. 18

19 Questa è possibile perché hanno la stesso obbiettivo, ossia generare un maggior volume di vendite seguendo il semplice principio di smettere di combattersi e iniziare a collaborare per realizzare benefici comuni. I brand devono fare delle strategie retail il cuore della strategia aziendale e pensare ad esso ogni volta che prendono decisioni, mentre i retailer per rendersi utili devono trasmettere ai brand informazioni più precise possibili sul cliente finale e sulle prestazioni di prodotto, collaborando così al suo sviluppo. Non è necessario formare strutture complesse, basta essere solo più reattivi e intelligenti nel modo di vendere i prodotti al cliente finale. Nella moda, in particolare, è necessario creare una struttura integrata di gestione del merchandising che aiuti i vertici della catena retail e del brand manufacturer a collaborare in modo stretto. Tali strutture aiutano a colmare i tipici problemi di performance. Questo approccio integrato di cooperazione e collaborazione winwin fra brand e retail va meglio incontro alle diverse necessità dei clienti finali nell ambito dei vari mercati del network, garantendo la massimizzazione delle vendite e dei profitti in ogni canale distributivo. La redditività delle superfici destinate alla vendita dipende da vari fattori come il tipo di retail ( monomarca o wholesalee ) ma anche l esclusività del prodotto, il servizio al cliente, l identità e il controllo di marca. C è però un altro fattore fondamentale nell attività di vendita: la struttura e dalla gestione dell assortimento. Negli ultimi anni questo aspetto è stato molto rivalutato e si è passati da gestioni tradizionali a quelle più innovative. L offerta tradizionale, wholesale, è caratterizzata da tre principi: 19

20 un offerta ampia di prodotti, ritenuta in grado di ridurre il rischio, ma in realtà dispersiva e con un gran numero di approcci e varianti modello/colore una profondità indifferenziata, ossia tutti i codici vengono acquistati e allocati con la stessa profondità una bassa rotazione, con il prodotto che rimane statico nel punto vendita per quasi tutta la stagione. La prima criticità sta quindi nella fase di programmazione commerciale, che genera un andamento altalenante. infatti quando si passa alle vendite i pochi prodotti best seller si esauriscono rapidamente, mentre tutto il resto della stagione viene gestito con i tanti prodotti slow seller,che generano alte rimanenze e scarsa attrattività del punto vendita nel suo complesso. Una struttura di retail evoluta, quella che si riscontra nelle insegne monomarca integrate, è invece caratterizzata da altri principi fondamentali: un offerta focalizzata, con meno opzioni, ma incentrata su gruppi di consumatori-obiettivo una profondità differenziata, legata al ruolo dei prodotti che vengono allocati in base a esso un riassortimento con flussi successivi e il prodotto che ha quindi un ciclo di vita breve e viene ruotato nel tempo. In questo modo è sfruttato l meglio il potenziale commerciale dei best seller, che generano alte vendite e solo raramente si esauriscono, mentre gli slow seller hanno incidenze inferiori e si consumano lentamente senza creare 20

21 scorte indesiderate che necessitano di ampi spazi. L obiettivo è quello di avere almeno 3 flussi principali collegati alle collezioni con un alto rapporto tra venduto e immesso,in modo che il cliente trovi, nel giro di poche settimane, il nuovo prodotto ogni volta che visita il punto vendita. Questo metodo ormai è utilizzato anche dai brand evoluti nella gestione degli ordini con i key account wholesale. La strategia dei flussi di prodotto ha anche una conseguenza economica: ilbudget di acquisto del punto vendita viene consumato durante la stagione a ridosso del momento di vendita per meglio reagire alle indicazioni del consumatore. Preso atto della mutevolezza del cliente e della difficoltà di prevederne i gusti, è importante che nell introduzione di flussi successivi di prodotto anche il consumo del budget per l acquisto venga dilazionato nel tempo e avvicinato quanto più possibile al momento in cui arriva in vendita. Questo aiuta a costruire una mentalità retail di vera integrazione con il produttore e può arrivare a determinare fino al 30% di crescita della redditività dei negozi nell ambito del settore abbigliamento e moda. Studio della concorrenza In un progetto retail è importante e strategico sviluppare un dettagliato esame della concorrenza presente sul territorio nel quale si vuole essere presenti. La maggior parte dei brand e dei retailer ha sempre prestato molta attenzione alla concorrenza, ma non necessariamente al giusto livello di dettaglio necessario invece per avere una visione profonda all interno di ciascun mercato nei diversi canali di distribuzione. Adesso i migliori brand e retailer stanno regolarmente adottando tecniche che forniscono un quadro aggiornato del mercato, dei concorrenti e delle novità: ricerche di mercato e analisi comportamentali, performance benchmarking e mappature di mercato dettagliate dell offerta dei concorrenti. In questo modo le nuove idee possono permettere di realizzare business strategici e di successo in tempi brevi arrivando a generare, in alcuni casi, addirittura il fallimento di un concorrente. 21

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità.

Scegli il Totem. La forza di Tòco sta nella continuità. Studio Le tue aspettative, il nostro Totem. Nella tradizione indigena il tucano rappresenta la guida per la comunicazione tra la realtà ed il mondo dei sogni. Per Tòco è il simbolo della comunicazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

LA POLITICA DI PRODOTTO

LA POLITICA DI PRODOTTO LA POLITICA DI PRODOTTO COS E UN PRODOTTO? LE FASI PER LA DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI PRODOTTO CLASSIFICAZIONE EVENTUALE LANCIO DI NUOVI PRODOTTI DEFINIZIONE DELLA POLITICA DI MARCA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment

Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Esperienze di successo per un vantaggio competitivo 27 ottobre 2011 Quando imprenditorialità e management si sposano: il caso Moment Raffaella Graziosi Project & Portfolio Manager ACRAF SpA Gruppo Angelini

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI

PLAYBOOK EMAIL REMARKETING. Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI PLAYBOOK OTTIMIZZAZIONE DELLE CONVERSIONI EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti che abbandonano il carrello. EMAIL REMARKETING Tre modi per trasformare in acquirenti gli utenti

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET

INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET INDAGINE CONFCOMMERCIO-FORMAT SUL NEGOZIO NELL ERA DI INTERNET Per circa il 70% dei consumatori e degli imprenditori i negozi tradizionali tra dieci anni avranno ancora un ruolo importante, ma solo se

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com

Il mobile e lo shopping on demand. Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto. tradedoubler.com Il mobile e lo shopping on demand Come il performance marketing aiuta a ridisegnare i percorsi d acquisto tradedoubler.com I canali di performance marketing mobile stanno trasformando l esperienza di acquisto

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

La disseminazione dei progetti europei

La disseminazione dei progetti europei La disseminazione dei progetti europei Indice 1. La disseminazione nel 7PQ: un obbligo! 2. Comunicare nei progetti europei 3. Target audience e Key Message 4. Sviluppare un dissemination plan 5. Message

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris.

ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. ghd crea una comunità online professionale che si dedica all acconciatura. Grazie a hybris. Sin dal lancio, avvenuto dieci anni fa, il marchio ghd è diventato sinonimo di prodotti di hair styling di fascia

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Excellence Programs executive. Renaissance management

Excellence Programs executive. Renaissance management Excellence Programs executive Renaissance management Renaissance Management: Positive leaders in action! toscana 24.25.26 maggio 2012 Renaissance Management: positive leaders in action! Il mondo delle

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI?

PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? PUBLIC, PRIVATE O HYBRID CLOUD: QUAL È IL TIPO DI CLOUD OTTIMALE PER LE TUE APPLICAZIONI? Le offerte di public cloud proliferano e il private cloud è sempre più diffuso. La questione ora è come sfruttare

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY

EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY EuroColori YOUR BEST PARTNER IN COLOR STRATEGY THE FUTURE IS CLOSER Il primo motore di tutte le nostre attività è la piena consapevolezza che il colore è

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli