Lo sviluppo sostenibile come strumento di management

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lo sviluppo sostenibile come strumento di management"

Transcript

1 Ivan Ciceri, Paolo Terni Lo sviluppo sostenibile come strumento di management (*) P. Terni, consulente Festo, si occupa di dinamica dei sistemi, complessità, comportamenti organizzativi e strumenti di gestione e governo aziendale. In particolare, sul tema sostenibilità, ha sviluppato un percorso di formazione al ruolo di eco/ mobility manager. I. Ciceri, consulente free lance si occupa di sviluppo sostenibile, dinamica dei sistemi e strategie di innovazione per le aziende (1) Errore di cui iniziamo a renderci conto nel momento in cui la qualità dell aria impone alle autorità di prendere provvedimenti restrittivi nei confronti della mobilità dei singoli cittadini e delle merci, con un notevole impatto sulla operatività della movimentazione. In questo articolo esploreremo l applicazione della sostenibilità alle pratiche di gestione aziendale. Cosa c è di interessante nel concetto di sviluppo sostenibile per le aziende? Cosa differenzia lo sviluppo sostenibile dalle altre strategie di management consolidate? Lo sviluppo sostenibile è in grado di offrire ritorni in termini di profitto, vantaggio competitivo, valore per gli azionisti o in qualche altra forma tangibile? Cercheremo di dare una risposta a queste domande. In primo luogo, è bene intendersi sui termini. Parole come sostenibile sono spesso usate a sproposito e caricate di significati impropri. Per approccio sostenibile si intende un modello di sviluppo che rimedi all errore logico della teoria capitalistica: infatti, quest ultima assegna valore ai vari stadi del processo di lavorazione industriale e della vendita dei beni, dimenticandosi però di farlo per il primo input nella catena di trasformazione: le risorse naturali (1). Considerandole come un bene gratuito e disponibile per tutti, questo modo di pensare ha di fatto introdotto tutta una serie di costi ambientali, sociali, e gestionali che solo ora, a causa del ritardo nel loop sistemico delle conseguenze, ci troviamo a pagare. Una strategia che abbia come presupposto una assegnazione di valore critico all utilizzo ottimale delle risorse naturali automaticamente consente, a chi la adopera, di collocarsi con un atteggiamento realistico e proattivo in una situazione economica di scarsità / criticità delle risorse. Non è un caso che il Dow Jones Sustainability Group Index, che censisce il portfolio delle aziende che si ispirano a questi principi, nel periodo abbia avuto una crescita del 36,1%, meglio del Dow Jones Global Index. Passando al concreto della realtà aziendale, applicare una strategia di sviluppo sostenibile vuol dire creare nuove fonti di valore partendo da un migliore utilizzo delle risorse naturali. Questo è possibile farlo: 1 - migliorando la produttività delle risorse naturali 2 - ridisegnando i processi produttivi ispirandosi a modelli biologici 3 - cambiando i modelli di business 4 - reinvestendo nel capitale naturale. Questi interventi si traducono in valore aggiunto per l azienda nelle seguenti aree: creazione di nuove opportunità controllo dei costi preferenza del consumatore riduzione dei rischi. Vediamo quindi di fare alcune considerazioni, punto per punto. Sistemi & Impresa N.3 - Aprile

2 1 - Migliorare la produttività delle risorse naturali L obiettivo è quello di eliminare gli sprechi di energia, acqua, materie prime e di tutti gli altri input del processo industriale. Possiamo individuare due strategie fondamentali per raggiungere quest obiettivo: 1 - Whole-System Design ( Progettazione Sistema Integrato ): adottare un approccio che consideri i sistemi industriali nel loro complesso piuttosto che come un insiemi di parti; 2 - utilizzo sistematico di tecnologie innovative: rimpiazzare le vecchie tecnologie industriali con nuove tecnologie basate su processi e materiali naturali. Whole-System Design e Lean Manufacturing Persone che sembrano aver avuto nuove idee spesso hanno semplicemente smesso di avere vecchie idee. La vecchia idea sostiene che realizzare un risparmio nell utilizzo delle risorse e ridurre emissioni e sprechi sia eccessivamente costoso. Del resto, venti anni fa si pensava che migliorare la qualità fosse costoso; dieci anni fa si pensava lo stesso sull applicazione delle misure di sicurezza. La nuova idea sostiene invece che risparmiare risorse sia economicamente vantaggioso. L antidoto universale alle pratiche di spreco (tempi morti, prodotti difettosi e magazzino) e all utilizzo non ottimale delle risorse è rappresentato dal lean thinking. Il lean thinking è un metodo che aggredisce il problema da quattro angolazioni diverse: creare un flusso continuo (1) di valore, così come è definito dal cliente (2), secondo la quantità e i tempi (3) richiesti dal cliente, alla ricerca costante della perfezione (4), che altro non è che l eliminazione dello spreco (di risorse e di energie). Tutti e quattro gli elementi sono essenziali al lean thinking. Per esempio, se un organizzazione adotta tecniche lean e quindi il flusso di beni scorre più veloce, ma i beni prodotti non sono richiesti dal mercato, il risultato è ancora una situazione di spreco. Ogni risultato ottenuto su uno dei quattro fronti del ILCASO FESTO L approccio Festo alla Lean Production, realizzata con successo nello stabilimento Festo di Rohrbach, segue i 5 passaggi delineati da Womack e Jones nel loro libro Lean Thinking: Banish Waste and create Wealth in Your Corporation. 1 - Definire precisamente il valore partendo dalla prospettiva del consumatore finale in termini di uno specifico prodotto con specifiche caratteristiche offerto in un preciso momento ad un certo prezzo. Nella catena del valore ciascuna entità coinvolta (società diverse o dipartimenti diversi di una stessa società) deve essere in grado di definire il valore che la riguarda dato dal proprio appartenere alla catena del valore stesso (profitto, carriere, utilizzo di sistemi produttivi esistenti). Non sempre invece ciascuna di queste entità è in grado di definire il valore da essa prodotto per il consumatore finale. 2 - Identificare l intero flusso di valore per ciascun prodotto ed eliminare lo spreco. Il flusso di valore è dato da tutte le azioni specifiche necessarie per portare uno specifico prodotto attraverso tre fasi: definizione del prodotto; information management; trasformazione fisica. Identificare il flusso del valore spesso significa scoprire molte situazioni di spreco, quali passaggi non necessari o passaggi all indietro. 3 - Realizzare i restanti passaggi necessari per la creazione di valore. Realizzare i passaggi di flusso di valore significa lavorare su ciascun progetto, ordine e prodotto in modo continuo dall inizio alla fine in modo tale che non ci siano attese, sprechi di tempo o scarti. Ciò di solito richiede l introduzione di nuove metodologie di organizzazione e di tecnologia e l eliminazione di macchinari monumentali la cui grande scala richiede un un operatività in modalità batch/push. 4 - Progettare e fornire ciò che il cliente vuole solo quando il cliente lo vuole. Lasciare che sia il consumatore finale a tirare la produzione. 5 - Cercare la perfezione. Non c è fine al processo di miglioramento e nella tensione di offrire un prodotto che tenda a coincidere con ciò che il consumatore effettivamente vuole. Si tratta di un circolo virtuoso: una definizione più precisa di valore mette alla prova i passaggi nel flusso di valore e rivela lo spreco e dare valore al flusso consente sempre di manifestare le forme di spreco nascoste. lean thinking rinforza il lavoro sugli altri, proprio perché si tratta di un intervento sistemico per eccellenza, dove tutte le variabili sono interrelate fra loro: facendo scorrere il flusso più velocemente si palesa lo spreco all interno del flusso di valore. E più forte si tira e più gli impedimenti al flusso si rivelano e possono quindi essere rimossi. Squadre dedicate ad ogni prodotto in dialogo diretto con i clienti, come avviene per lo stabilimento Festo di Rohrbach, in Germania, trovano sempre il modo di specificare il valore più accuratamente. Dire che il flusso è tirato (pull) continuamente dal cliente si Sistemi & Impresa N.3 - Aprile 2002

3 ILCASO INTERFACE Applicando l approccio whole-system si può ottenere anche di più, come è dimostrato dal seguente esempio. Interface Corporation è una multinazionale che produce moquette. Nel nuovo impianto di Shanghai un liquido doveva circolare attraverso un circuito standard di pompaggio simile a quello usato in quasi tutte le altre industrie del gruppo. Una rinomata società di ingegneria ha disegnato il progetto che richiedeva un totale di 95 cavalli di potenza. Ma prima che la costruzione incominciasse, un ingegnere di Interface si accorse che due semplicissime modifiche avrebbero ridotto la potenza richiesta a soli 7 cavalli, quindi con una riduzione di energia richiesta del 92 %. Il nuovo progetto costava meno da costruire, non richiedeva nuova tecnologia e funzionava meglio. Come è possibile che due modifiche di progettazione ottengano un risparmio di 12 volte nella potenza richiesta? In primo luogo, si sono scelti tubi di diametro maggiore che creano molto meno attrito rispetto a tubi più stretti e quindi richiedono meno energia di pompaggio. Il progettista originale aveva scelto dei tubi più stretti perché il costo maggiore di tubi più grossi non sarebbe stato giustificato dall energia di pompaggio risparmiata. Ma l ingegnere di Interface ottimizzava l intero sistema considerando non solo il costo più alto dei tubi più grossi ma anche il costo più basso del sistema di pompaggio necessario. Le pompe, i motori, i controlli dei motori e le componenti elettriche potevano infatti essere molto più piccole dal momento che non vi era meno attrito: il costo globale diminuiva. Quindi scegliere tubi grandi e pompe piccole piuttosto che tubi piccoli e pompe grandi costava comunque meno anche senza contare i futuri risparmi energetici. La seconda miglioria consisteva nel ridurre ancora di più l attrito usando tubi corti e dritti invece che tubi lunghi e curvi. Questo è possibile stendendo prima i tubi e poi posizionando le varie cisterne, bollitori e tutto l equipaggiamento che va collegato. I progettisti normalmente prima piazzano in modo arbitrario l equipaggiamento produttivo e poi collegano il tutto con i tubi. Ma la dislocazione casuale obbliga i tubi a fare numerose curve che aumentano di molto l attrito. Coloro i quali stendono i tubi non se ne preoccupano dal momento che sono pagati ad ore e più il lavoro è contorto e complesso più guadagnano. Inoltre i tubi diritti sono più facili da isolare e si isolano meglio evitando la dispersione di calore. Questo piccolo esempio ha grandi implicazioni per due motivi. In primo luogo il pompaggio è la principale applicazione dei motori e i motori usano di solito tre quarti di tutta l energia di un industria. Inoltre i circuiti di pompaggio di Interface mostrano come dei piccoli cambiamenti nella mentalità di progettazione possono condurre a grandi risparmi di risorse. Il modo di pensare whole-system può aiutare i manager a trovare i piccoli cambiamenti che permettono grandi risparmi e questi cambiamenti costano poco, sono gratis o addirittura meglio che gratis perché rendono l intero sistema più economico da costruire. gnifica che niente viene prodotto a monte se a valle qualcuno non lo richiede. È l opposto dell approccio push seguendo il quale si produce grandi quantità di beni in anticipo basandosi sulle previsioni di domanda. Cosa sempre più difficile da fare in un mercato sempre più interconnesso e quindi imprevedibile. Il vecchio sistema è talmente incorporato nelle organizzazioni che per applicare la lean manufacturing è necessaria una completa destrutturazione e riorganizzazione del proprio approccio (anche mentale) alle logiche produttive. Tecnologie innovative Già oggi sono disponibili a buon prezzo parecchie tecnologie innovative che consentono di realizzare processi industriali in modo più efficiente e con un minimo impatto ambientale. Le barriere alla realizzazione di processi lean a questo punto sono più di natura culturale che economica o tecnica. Prendiamo ad esempio quella che è stata il paradigma dell industrializzazione, l industria automobilistica: il prodotto medio di tale industria non è di certo efficiente! Sistemi & Impresa N.3 - Aprile

4 Solo l 1% dell energia consumata dall automobile è usata per muovere colui che guida l auto - che poi sarebbe la ragione d essere del veicolo; infatti, in media, solo il 15-20% dell energia generata dalla combustione di carburante nel motore raggiunge le ruote per la trazione (il resto si perde nel motore stesso e nella trasmissione); di questo 15-20%, poi, solo una piccola parte serve per muovere il guidatore (intorno al 5%); il resto serve per muovere la massa dell automobile. un vero spreco, insomma! Già da un paio d anni il Rocky Mountain Institute ha sperimentato la fattibilità della Hypercar, un auto che integra le migliori tecnologie esistenti e che arriva a ridurre i consumi fino all 85% e la quantità di materiale usato per produrre le auto fino al 90%! 2 - Ridisegnare i processi produttivi ispirandosi a modelli biologici (Closed-loop Manufacturing) Il closed-loop manufacturing è un metodo per creare nuovi prodotti e processi senza sprechi. Il concetto principale che anima questo approccio è che lo spreco / prodotto di scarto di un processo industriale può essere materia prima di un altro processo industriale. Adottando tale metodo, ogni output o torna nell ecosistema come fonte di cibo per altri processi naturali/organici, oppure viene inserito in un altro ciclo produttivo. Infatti, se è vero che l efficienza a livello di singola azienda può generare considerevole valore, ancor maggiore è la potenzialità se la logica viene applicata a più aziende che collaborano tra loro (a questo proposito si pensi all opportunità offerta dal sistema dei distretti industriali italiani). Gli scarti di un azienda possono diventare input per un altra. Un management integrato di scarti e risorse può tagliare i costi di trasporto, i costi ambientali ed i costi connessi con gli sprechi. La closed-loop manufacturing non è una semplice teoria. In alcuni Paesi sono già state prese iniziative per incoraggiare le aziende a pensare in questi termini. In Germania, ad esempio, molte aziende sono per legge responsabili dei loro prodotti, anche quando sono diventati rifiuti. Per l Italia si pensi alle strategie recentemente adottate da Merloni. Tornando alla dimensione aziendale: Interface, azienda che si occupa di rivestimenti interni, utilizza un nuovo materiale di propria invenzione per la pavimentazione, il Solenium, il quale può essere completamente riciclato in un nuovo prodotto identico. La strategia verde di Interface non solo ha guadagnato il plauso degli ambientalisti, ma si è anche rivelata una strategia remunerativa. Dal 1993 al 1998, le entrate sono più che raddoppiate, i profitti sono più che triplicati e il numero di dipendenti è aumentato del 73%. La Collins Pine Companies, che basa le sue attività sulla lavorazione del legno, ha ridotto di 8 milioni di litri il consumo annuale d acqua semplicemente recuperando la condensa dalle proprie caldaie industriali, con un semplice sistema di tubazioni che ha consentito un risparmio di US$ per anno (2). 3 - Cambiare i modelli di business (Solutions-based Business Models) Non basta cambiare modo di produrre: per sfruttare appieno le opportunità offerte da un approccio sostenibile, occorre anche avere un modello di business che articoli queste possibilità e capitalizzi su di esse. La stessa Interface di cui abbiamo parlato poco sopra, ha costruito il proprio modello di business partendo da una semplice considerazione: i clienti vogliono camminare sulla moquette, vogliono vedere la moquette in casa, ma non necessariamente possederla. Considerando poi che la pavimentazione va cambiata ogni 10 anni per via dell usura e semplicemente inviata in discarica, Interface ha deciso di interrompere questo ciclo improduttivo trasformandosi da una società che vende e installa moquette ad una società che fornisce servizi di pavimentazione. Con il programma Evergreen Lease, (2) The Natural Step newsletter, autunno Sistemi & Impresa N.3 - Aprile 2002

5 ILCASO IKEA Dopo una rapida espansione, negli anni 80 la crescita dell IKEA si arrestò quando toccò un muro, una barriera che non era stata prevista in quanto nessun sistema di bilancio o di forecasting aveva voci per incasellare il fenomeno. Questo limite era rappresentato da una serie di domande che i clienti iniziarono a fare; domande tipo: le lampade alogene causano il cancro? : oppure: le vostre librerie sono fatte con legno proveniente da foreste tropicali? ; quali materiali usate per lucidare i vostri mobili?. Queste domande rappresentavano una maggiore consapevolezza dei consumatori sulle tematiche ambientali - e non avere risposte sufficientemente buone era un costo. Si è calcolato, ad esempio, che solo il caso, emerso in una serie di documentari TV, dell elevata tossicità dei materiali utilizzati per rendere lucido il legno dei mobili Ikea abbia portato ad un costo per l azienda di più di 10 milioni di dollari in mancate vendite. Contemporaneamente, sotto lo scrutinio costante dei media e dei legislatori, emersero altri problemi: la quantità di formaldeide impiegata nei prodotti Ikea risultò superiore a quanto ammesso dalla legge danese, con conseguente denuncia, cattiva immagine, ed un calo di vendite del 20%. A questo si aggiunsero le critiche e le campagne stampa dove l Ikea si trovò sotto accusa, via via, per lo spreco di materiali di imballaggio, per l uso eccessivo di plastiche PVC, e per la maniera non ecologica con cui venivano prodotti i cataloghi. Si trattava di tutta una serie di problemi nuovi che non coinvolgevano solo aspetti tecnici, ma anche legali e di immagine presso i consumatori; l unica cosa certa, però, era che questi problemi avevano un effetto concreto sul bilancio. L azienda si avvalse allora dei protocolli indicativi forniti dall organizzazione non governativa e no profit The Natural Step. Costruendo su questi, elaborò un programma di formazione a tappeto per tutti i dipendenti, dove venivano formulate le linee guida di ogni prodotto IKEA: costruito utilizzando al minimo sostanze estratte dalla terra, nessun danno all ambiente durante la fase di produzione, assenza nel prodotto di sostanze chimiche non naturali e non biodegradabili, minimo impatto ambientale nell utilizzo del prodotto, reintegrazione delle risorse (naturali ed umane) là dove venivano prese. Questi principi divennero poi delle parole chiave che dovevano essere applicabili ad ogni prodotto Ikea: Riciclabile Biodegradabile Differenziabile Naturale Di lunga durata Di qualità Efficiente (in uso e in produzione) Riutilizzabile. I benefits per l Ikea di questo processo di cambiamento culturale sono stati: - La creazione di una consapevolezza e cultura della sostenibilità a tutti i livelli. - La definizione di una identità aziendale basata su principi base di rispetto ambientale. - La costruzione di una immagine environmentally friendly per i consumatori, e conseguente aumento vendite. - La ri-analisi dei processi aziendali che ha portato ad individuare parecchie aree di miglioramento ed innovazione. - Un quadro di riferimento per incoraggiare i dipendenti a trovare soluzioni innovative e a fare quei piccoli passi che presi insieme danno la misura del cambiamento aziendale. Sostenibilità è la parola chiave per il futuro non è sufficiente essere amici dell ambiente - dobbiamo adattarci ad esso. - Anders Moberg, Presidente, IKEA Sistemi & Impresa N.3 - Aprile

6 Interface non vende più moquette ma un servizio di pavimentazione : con il pagamento di una tariffa mensile, Interface garantisce di mantenere il pavimento del cliente in ordine e pulito.ispezioni mensili controllano e rimpiazzano le parti rovinate. Inoltre affittare la pavimentazione può rappresentare un vantaggio fiscale per il cliente, dal momento che è una spesa deducibile dalle tasse. Il risultato è che il cliente ottiene un servizio migliore e più economico che al produttore costa molto meno fornire. Il cambiamento di Interface verso la fornitura di un servizio piuttosto che la vendita di un prodotto, è cambiamento fondamentale rispetto al modello tradizionale seguito dalla maggior parte delle aziende manifatturiere, che ancora guardano ai loro business come macchine per produrre e vendere prodotti - quindi più prodotti si vendono e meglio è. In realtà ogni modello che spreca risorse spreca denaro. In ultima analisi, questo modello tradizionale non sarà in grado di competere con un modello di servizio che enfatizza la soluzione dei problemi e che prevede la costruzione di relazioni di lunga durata con i clienti piuttosto che semplicemente fare e vendere prodotti (solutions economy). Interface non è la sola: Schindler (ascensori) affitta servizi di trasporto verticali, Dow Chemical e Safety-Kleen vendono servizi invece che vendere solventi, perché così facendo si possono usare gli stessi solventi diverse volte abbassando i costi. La divisione Carrier di United Technologies, il più grande produttore mondiale di condizionatori d aria, sta spostando il proprio business dalla vendita di condizionatori alla fornitura di servizi di comfort. Fare condizionatori più duraturi e più efficienti può compromettere le vendite future ma fornisce ai clienti ciò che loro cercano: il comfort migliore al prezzo più basso. Carrier sta andando oltre: insieme ad altre società progetta e costruisce edifici più efficienti che necessitano meno aria condizionata. Carrier sarà pagata per fornire un certo livello di comfort a prescindere dal modo in cui il comfort viene fornito. Quindi i profitti più alti deriveranno dalla fornitura delle soluzioni migliori piuttosto che dalla vendita di più prodotti. Il comfort con poca o niente aria condizionata (per mezzo di edifici meglio disegnati o altre soluzioni) funziona meglio e costa meno di comfort con molta aria condizionata, quindi Carrier sarà stimolata a trovare margini di profitto nel migliorare queste aree. Lo spostamento verso un modello di business basato sui servizi consente dei vantaggi non solo per coloro i quali partecipano al business, ma in generale per tutta l economia. Infatti un economia basata sul flusso di servizi riduce la volatilità e la ciclicità proprie dei mercati di beni introducendo al contrario un economia più stabile basata su contratti anche pluriennali di fornitura di servizi. 4 - Reinvestire in natural capital Il fondamento del capitalismo è il prudente re-investimento dei guadagni in capitale produttivo. I natural capitalists, coloro che seguono un approccio sostenibile e che hanno aumentato la produttività delle risorse, chiuso i circuiti di produzione e spostato i loro business verso modelli basati sulla fornitura di servizi, hanno ancora un obiettivo da raggiungere: restaurare, sostenere ed espandere la più importante forma di capitale - il loro habitat naturale e la risorsa biologica di base. Quando un azienda manifatturiera si accorge che un suo fornitore di componenti chiave non riesce a soddisfare le richieste e a smaltire gli ordini, prende delle immediate iniziative per evitare che la produzione debba essere fermata. L ecosistema è un fornitore di componenti chiave per la vita del pianeta e incomincia a non essere più capace di smaltire gli ordini. Il fallimento nel proteggere e nel reinvestire nel capitale naturale può colpire i ricavi di un azienda indirettamente. Molte società stanno scoprendo che la percezione del pubblico della responsabilità ambientale, o la sua mancanza, può influire sulle vendite. Ad esempio, MacMillan Bloedel, indicata dagli attivisti ambientalisti come azienda inquinante, ha perso quasi il 5% delle vendite da un giorno all altro quando fu rifiutata come fornitore da Scott Paper 40 - Sistemi & Impresa N.3 - Aprile 2002

7 ILCASO RONDECO La società svedese Rondeco ha trasformato un vecchio cementificio in un impianto per lo smaltimento di rifiuti e la produzione di compost. Come si è giunti alla creazione di un business molto redditizio partendo da diverse situazioni problematiche. La quantità di rifiuti solidi urbani prodotti in Europa è in costante crescita, le discariche non rappresentano più una soluzione adeguata (come dimostrato anche dai recenti fatti di cronaca in Italia) ed infine l Unione Europea richiede che in 8 anni le discariche di rifiuti biodegradabili siano ridotte del 50% rispetto i livelli del Infine l inquinamento da fertilizzanti chimici e l impoverimento del suolo sono problemi sempre più riscontrati. L industria del cemento è in crisi, negli ultimi anni abbiamo assistito al crollo della domanda di cemento. In Europa vi sono diversi cementifici non più competitivi. L unica soluzione sembrerebbe essere quella di incrementare sensibilmente le quantità prodotte per contenere i costi. Inoltre i cementifici inquinano e sono quindi necessari robusti investimenti per abbattere le emissioni inquinanti. Anche a voler smantellare i vecchi impianti cementifici bisogna considerare che i costi di smantellamento di un cementificio sono molto elevati. Due ingegneri svedesi hanno fondato Rondeco una società per convertire i vecchi forni di cementifici in grandi unità di compostaggio. L idea iniziale di Rondeco era semplicemente quella di applicare il processo ad un vecchio cementificio a sud di Stoccolma. Nel 1996 l idea si è evoluta e il concetto ZERI (ZERO EMISSIONI) è stato introdotto in Rondeco riuscendo ad implementare un circolo virtuoso economico per l intera area. Usando il forno del vecchio cementificio si può produrre compost a prezzi e qualità competitivi rispetto i fertilizzanti sintetici mentre costruire un impianto di questo tipo ex novo risulterebbe troppo costoso. Ci guadagnano tutti: il cementificio risparmia sui costi di dismissione, la città aumenta la vita delle sue discariche e i coltivatori comprano compost a prezzi competitivi. Il nucleo dell operazione è il forno del cemento. E un tunnel lungo 80 metri, di acciaio spesso 5 centimetri, ruotante, ben chiuso: è l elemento centrale del processo di compostaggio. L uso del forno da cemento per il compostaggio permette di processare 300 o anche 1000 tonnellate al giorno per materiale non assortito. Una nuova unità di compostaggio di quelle dimensioni costruita ex novo e non potrebbe mai contare sulla qualità e l infrastruttura offerta da un ex cementificio: molo, silos per materie prime e prodotti finiti, stazioni di pesatura e nastri trasportatori. Una normale unità di compostaggio ben difficilmente potrebbe permettersi una tale infrastruttura. In aggiunto ai rifiuti solidi urbani il forno può accogliere anche le acque reflue. L integrazione del fango nel forno aiuta la fase di compostaggio aggiungendo acqua e principi nutritivi ai rifiuti domestici. I rifiuti dopo una scelta iniziale vengono caricati nel forno composter. Il composter è formato da 3 compartimenti e la mistura resta un giorno in ciascun comparto. L attività microbiologica scompone il materiale organico in compost in 3 giorni senza aggiunta di calore né di sostanze chimiche. Durante il secondo giorno la temperatura del processo raggiunge i 70 gradi centigradi. Dal momento che non vengono utilizzate nel processo operazioni di spezzettamento i materiali non biodegradabili escono intatti dal composter. Questo permette di separare i materiali non biodegradabili e di utilizzarli successivamente per essere riciclati. Il compost deve poi maturare per un periodo di 6 settimane dopo di che viene seccato ed è pronto per essere venduto. Il progetto di Rondeco va oltre: una grande serra riscaldata sarà costruita, infatti la fase di compostaggio genera calore e diossido di carbonio (utilizzabile ad esempio per coltivazione di pomodori). Il progetto Rondeco è un esempio di come il natural capitalism possa rappresentare un efficiente metodologia utile per risolvere situazioni critiche e realizzare nuove e redditizie opportunità di business. Sistemi & Impresa N.3 - Aprile

8 e Kimberly-Clark. Spesso queste azioni degli ambientalisti servono ad introdurre un approccio sostenibile nelle aziende prese di mira, come è successo per la Home Depot, la Sony e la Burger King, prese di mira dal Rainforest Action Network e poi rivoltesi ad organizzazioni non-governative e di consulenza per cambiare le proprie practices e non essere più oggetto di boicottaggio ed altre forme di pressione. Numerosi studi dimostrano che le società all avanguardia nell implementare cambiamenti che aiutano a proteggere l ambiente tendono a guadagnare dei vantaggi sproporzionati rispetto alle società percepite come irresponsabili su queste tematiche. Molti analisti ritengono che un forte impegno ambientale rappresenti un indicatore affidabile di profittabilità. Non solo: integrare lo sviluppo sostenibile con l analisi dei rischi permette di arrivare ad un risk management a 360. Un azienda può infatti ridurre le perdite evitabili uscendo dai business che considera non sostenibili. In una situazione in cui le società competono per i talenti migliori, le società con valori fondamentali forti, come è il caso delle aziende che hanno abbracciato l approccio sostenibile, hanno maggiori possibilità di attrarre e trattenere i migliori individui. Si riscontra spessissimo che quando la visione di una società è in linea con quella del lavoratore, l organizzazione guadagna in performance e innovazione. Valori, comunicazione e innovazione: questi sono gli elementi necessari alla trasformazione. In sintesi, sebbene molte aziende ancora non si preoccupino dell impatto ambientale delle loro attività, è ormai dimostrata la profittabilità di un approccio sostenibile. La società di consulenza Arthur D. Little ha condotto ricerche su un gruppo di business leader americani ed europei e ha trovato che l 83% di loro è già convinto di poter ottenere valore reale di business implementando un approccio di sviluppo sostenibile alla strategia e alle operations. Basta dare un occhiata ai nomi e ai contenuti dei 42 - Sistemi & Impresa N.3 - Aprile 2002 più importanti programmi di cambiamento aziendale realizzati negli ultimi tempi: ad esempio, l Iniziativa di Integrazione della Sostenibilità, programma lanciato dalla Nike il 30 agosto 1999 e concluso con successo nel maggio 2000, e che ha coinvolto 100 fra i più influenti leader e manager dell azienda; questo progetto nasce dal successo del N.E.A.T. (Nike Environmental Action Team), un team con il compito di coordinare azioni globali relative all ambiente - i suggerimenti del Team hanno portato ad un risparmio di 4.5 milioni di dollari l anno, senza contare i benefici di immagine dovuti ad altre iniziative relative al packaging ed al riciclo dei prodotti (3). Rimane il problema di come fare, di come applicare tutto questo in pratica. Ormai anche per l implementazione esistono delle strategie già consolidate e sperimentate con successo. Si pensi al The Natural Step (vedi anche riquadro dedicato al caso Ikea ); si tratta di una organizzazione non governativa e no-profit che si dedica al diffondere una cultura della sostenibilità presso aziende ed enti pubblici e governativi. Condensando i dati scientifici che sono alla base della necessità di una strategia sostenibile in 4 principi di semplice assimilazione: 1 - Le sostanze estratte dalla crosta terrestre non devono aumentare in modo sistematico nell ambiente; 2 - Le sostanze prodotte dall uomo non devono aumentare in modo sistematico nell ambiente; 3 - Le basi fisiche per la produttività e la diversità della natura non devono essere sistematicamente deteriorate; 4 - Deve esserci un uso giusto ed efficiente delle risorse nel rispetto del soddisfacimento dei bisogni di tutte le persone), gli incontri delle comunità locali con TNS offrono ai partecipanti un occasione di riflessione sulle loro pratiche di business e sulle possibilità di costruire una rete di attività integrate sostenibili sul territorio. È anche un occasione di interiorizzare un framework che serva da bussola nel disegnare specifiche soluzioni che vadano verso la sostenibilità. (3) The Natural Step newsletter, primavera 1999

WashTec rispetta l ambiente

WashTec rispetta l ambiente j tecnologia INNOVATIVA PER L AUTOLAVAGGIO WashTec rispetta l ambiente j vantaggi AMBIENTALI ED ECONOMICI Impegno ecologico In qualità di fornitore leader a livello mondiale di prodotti e servizi per l

Dettagli

La teoria Rifiuti Zero

La teoria Rifiuti Zero 1. La visione rifiuti zero: La fine dell era dello spreco Per tutto il XX secolo, i rifiuti sono stati considerati come il termine naturale della produzione industriale, lasciati alla gestione da parte

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI. Nozioni EcoCentro Lombardia Scheda Tecnica di Approfondimento Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca GESTIONE DEL CICLO DEI RIFIUTI Nozioni Il Decreto legislativo n. 152/2006, Norme in materia

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione italiana Più di venticinque anni fa Masaaki Imai, guru della strategia di miglioramento continuo, introduceva il mondo occidentale al concetto di Kai Zen e ai sistemi che nelle

Dettagli

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2

GREEN IT. Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008. GREEN IT rel 1.2 GREEN IT Ancora soltanto un ipotesi o già una interessante mainstream? Marzo 2008 GREEN IT rel 1.2 1 INDICE Visione di insieme I diversi aspetti del GREEN IT Cosa dicono gli IT Manager 7 buoni motivi per

Dettagli

I METODI DEL MIGLIORAMENTO

I METODI DEL MIGLIORAMENTO I METODI DEL MIGLIORAMENTO 1 Le macro-tipologie di intervento di miglioramento: Su base giornaliera: è un intervento che può essere applicato quando i processi rispondono agli obiettivi aziendali, ma possono

Dettagli

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI

Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Le attivitàdi prevenzione nel settore degli imballaggi: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Area Tecnica Treviso, 25 novembre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione e CONAI Il Dossier

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità.

Per quanto riguarda l attenzione alla qualità del prodotto è stato necessario far capire alle persone quale fosse l enorme costo della non qualità. Anzitutto volevo ringraziare per l opportunità che mi è stata data di presentare qui oggi la mia azienda. Noi imprenditori di solito siamo orgogliosi delle nostre creature, e quindi siamo contenti quando

Dettagli

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE

BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE BETTER GROWTH, BETTER CLIMATE The New Climate Economy Report EXECUTIVE SUMMARY La Commissione Mondiale per l Economia ed il Clima fu istituita per esaminare se sia possible ottenere una crescita economica

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

Il contesto europeo ed internazionale

Il contesto europeo ed internazionale Il contesto europeo ed internazionale Negli ultimi anni il tema delle criticità derivanti dalla gestione dei rifiuti dell energia e delle risorse idriche sono divenuti centrali all interno del dibattito

Dettagli

XVII Master in Marketing Management Project Work

XVII Master in Marketing Management Project Work XVII Master in Marketing Management Project Work GREEN MARKETING Baveno 14/02/2014 Letizia Marzulli Roberta Pazienza Serena Zammartini Vito Macaddino COS È IL GREEN MARKETING? Un APPROCCIO DEL MARKETING

Dettagli

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena"

Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 Terre di Siena Eco-efficienza e strategie per un'ecologia industriale a cura di Ing. Elisa Poggiali Gruppo di Coordinamento Agenda 21 "Terre di Siena" Secondo il WBCSD (World Business Council for Sustainable Development),

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1

Introduzione. Capitolo 1 Capitolo 1 Introduzione Che cos è un azienda lean? Sono molte, al giorno d oggi, le imprese che stanno trasformandosi in azienda lean, convertendo i loro sistemi di produzione di massa ormai obsoleti in

Dettagli

III. La percezione dei cittadini europei e italiani sull ambiente

III. La percezione dei cittadini europei e italiani sull ambiente in generale, sui cambiamenti climatici, sulla gestione dei rifiuti e sull efficienza delle risorse Premessa L informazione e la comunicazione ambientale, oggi, rappresentano per decisori politici, operatori

Dettagli

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è?

II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità. Agenda 21: Cosa è? Comune di Rieti II FORUM AGENDA 21 SCUOLA La Scuola nel Percorso verso la Sostenibilità Sala Riunioni Comune di Rieti giovedì 14 settembre 2006 ore 16.00 http://www.comune.rieti.it/portalerieti/agenda21/index.asp

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro

Kyoto Club e la formazione per la green economy. di Patricia Ferro Kyoto Club e la formazione per la green economy di Patricia Ferro Presentazione E un organizzazione non profit di più di 230 imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali, impegnati nel raggiungimento

Dettagli

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali

Salone internazionale del Gusto e Terra Madre. Partner istituzionali Salone internazionale del Gusto e Terra Madre Partner istituzionali L iniziativa fa parte del Calendario di Torino World Design Capital 2008 Salone Internazionale del Gusto e Terra Madre, coerentemente

Dettagli

riqualificare risparmiare guadagnare

riqualificare risparmiare guadagnare riqualificare risparmiare guadagnare Il valore da proteggere Spesa annua per il riscaldamento domestico Francia 1150 Spagna 1116 Germania 1104 Ambiente, Energia e Casa. Tre parole unite da un unico comune

Dettagli

Carlo Ravazzolo. Coperture edili

Carlo Ravazzolo. Coperture edili Carlo Ravazzolo Coperture edili Concetto di BioEdilizia Negli ultimi anni, nell abitare sono emersi molti degli effetti negativi legati all uso spesso incauto e spropositato dei prodotti dell industria

Dettagli

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International

I.P. SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. Guardate il video. www.mondigroup.com/gogreen. Europe & International I.P. Europe & International LA storia VErA degli IMBALLAGGI VErdI SOLUZIONI. PER IL VOSTRO SUCCESSO. /gogreen Guardate il video Una storia vera Affermazioni green Fatti green Green Range L IMBALLAGGIO

Dettagli

Marketing globale e R & S

Marketing globale e R & S EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo sedici Marketing globale e R & S 16-3 Caso di apertura Kodak entrò in Russia agli inizi degli anni Novanta - Il paese stava attraversando una turbolenta transizione

Dettagli

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti

Mappatura della supply chain. Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain Soluzioni Clienti Mappatura della supply chain State cercando di migliorare la gestione della supply chain della vostra organizzazione? Mappare i processi rappresenta una modalità

Dettagli

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI

ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Alla scoperta degli ACQUSTI PUBBLICI SOSTENIBILI Lugano 9 marzo 2006 Ing. Andrea Rigato Sviluppo sostenibile Vari significati, attribuiti in ambiti diversi Definizione più comune (e accettata) Uno sviluppo

Dettagli

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico

Evoluzione Energetica. La selezione naturale del risparmio energetico Evoluzione Energetica La selezione naturale del risparmio energetico PER VIVERE A UN LIVELLO SUPERIORE ESPERTI DI DENTRO E DI FUORI Dalla E alla A: con Energetica Consulting il passaggio alle classi superiori

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

Le Energie Rinnovabili

Le Energie Rinnovabili Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il progetto è uno studio personale svolto durante il corso di apprendistato, pertanto il format scelto è stato

Dettagli

IMPIANTI EOLICI. Che cos è

IMPIANTI EOLICI. Che cos è IMPIANTI EOLICI Che cos è Il vento è un fenomeno provocato dalla differenza di riscaldamento delle masse d'aria che si trovano al di sopra della terra ferma e del mare. Le zone al di sopra delle terre

Dettagli

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio

Del Vecchio-Governatori. Riciclaggio Del Vecchio-Governatori Riciclaggio 1 Il problema della gestione dei rifiuti Il problema della gestione dei rifiuti è diventato sempre più rilevante: la crescita dei consumi e dell'urbanizzazione hanno

Dettagli

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA

GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Gennaio 2010 GUIDA PER GLI UFFICI A IMPATTO ZERO: COME RIDURRE LE EMISSIONI DI GAS AD EFFETTO SERRA Questa Guida è

Dettagli

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura

Capitolo 12. La strategia di espansione globale. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo 12 La strategia di espansione globale Caso di apertura 12-3 La Wal-Mart si è rivolta verso altri paesi per tre ragioni - Le opportunità di crescita interna stavano

Dettagli

IKEA LOGISTIC CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY. Andrea Colzani Managing Director IID. andrea.colzani@ikea.com

IKEA LOGISTIC CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY. Andrea Colzani Managing Director IID. andrea.colzani@ikea.com IKEA LOGISTIC CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY Andrea Colzani Managing Director IID andrea.colzani@ikea.com 13/06/2012 IKEA Sustainability Direction 1 IKEA ITALIA OVERVIEW 13/06/2012 IKEA Sustainability

Dettagli

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI

PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE SOLUZIONI PANORAMICA SOLUZIONI PER LA GESTIONE ENERGETICA MONITORAGGIO, ANALISI E CONTROLLO DEI CONSUMI ENERGETICI LA NOSTRA MISSIONE La nostra missione consiste nell aiutare i clienti a ottimizzare i propri consumi

Dettagli

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della:

PRESENTAZIONE. In collaborazione con: E un iniziativa della: E un iniziativa della: In collaborazione con: LEAN COMMUNITY Laboratorio di approfondimento e diffusione di concetti, metodologie e buone pratiche di Lean Transformation a favore delle PMI Padovane PRESENTAZIONE

Dettagli

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY

IL VALORE DELLA FIDUCIA. STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY IL VALORE DELLA FIDUCIA STRUMENTI INNOVATIVI PER COMUNICARE LA SOSTENIBILITA: VALORE CONDIVISO e ENERGY SAVING COMPANY SOSTENIBILITA La sostenibilità rappresenta una grande opportunità per le imprese,

Dettagli

R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL

R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL R.D. ITALIA RACCOLTA DIFFERENZIATA SRL R.D. ITALIA 2 IL VALORE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA Nell attuale scenario, dove la produzione di rifiuti è costantemente in crescita e la cui gestione comporta sempre

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack

PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution di Barack 4. LE ENERGIE PULITE La ricerca di alternative possibili al petrolio e al nucleare è la sfida che i paesi industrializzati si devono imporre per il prossimo futuro. PERCORSO COMPOSITIVO 1. La Energy revolution

Dettagli

Quali modelli organizzativi efficaci

Quali modelli organizzativi efficaci Quali modelli organizzativi efficaci Il sistema CONAI Piero Perron Vicepresidente CONAI Intervento al VIII Forum G.I. Federalimentare 17 Settembre 2011 La gestione degli imballaggi Il sistema CONAI e i

Dettagli

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl

GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA. mani. OMTEC Engineering srl GUIDA ALL EFFICIENZA ENERGETICA Il futuro è nelle vostre mani Cosa si intende per efficienza energetica? La definizione efficienza energetica indica una serie di azioni di programmazione, pianificazione

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 6 Angelo Bonomi ECONOMIA E AMBIENTE Il documento Draft Reference Document on Economics and Cross- Media Effects

Dettagli

Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei

Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei Soluzioni di Riscaldamento per Luoghi di Culto e Musei Indice 03. Introduzione 04. Pedane Radianti 06. Riscaldamento sotto-moquette o sotto-tappeto 08. Riscaldamento a pavimento per interni 08-09. Cuscini

Dettagli

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei

Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei Riscaldamento elettrico in Fibra di Carbonio Soluzioni per luoghi di culto e musei Indice 03. Introduzione 04. Pedane Radianti 06. Riscaldamento sotto-moquette o sotto-tappeto 08. Riscaldamento a pavimento

Dettagli

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica

Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Servizi a valore aggiunto per l efficienza energetica Aumenta la tua consapevolezza energetica e riduci i consumi www.siemens.it/efficienzaenergetica Identificare Consulenza energetica Conforme alla ISO

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com

NAOHG LIVING WATER www.naohg.com NAOHG LIVING WATER www.naohg.com LE GRANDI TRASFORMAZIONI ECONOMICHE DELLA STORIA AVVENGONO QUANDO UNA NUOVA TECNOLOGIA DI COMUNICAZIONE CONVERGE CON UN NUOVO SISTEMA ENERGETICO www.naohg.com COMPANY Registrata

Dettagli

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica.

In genere si ritiene che lo spreco di energia si manifesti solo nell uso dei carburanti, dei combustibili e dell energia elettrica. 1 2 3 L energia incide sul costo di tutti i beni ed i servizi che utilizziamo ma, in questo caso, prendiamo come riferimento il costo che una famiglia di Aprilia con consumo medio sostiene ogni anno per

Dettagli

Ammodernare per anticipare il futuro Rinnovate il vostro ascensore

Ammodernare per anticipare il futuro Rinnovate il vostro ascensore Ammodernare per anticipare il futuro Rinnovate il vostro ascensore ThyssenKrupp Elevator Italia 2 ThyssenKrupp Elevator Italia Modernizzazioni Svariate soluzioni per tutte le esigenze. Pacchetti migliorativi

Dettagli

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali

Salvaguardiamo il nostro pianeta. Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente. Informazione Attivita Ambientali Salvaguardiamo il nostro pianeta Tecnologie e strumenti per la cura dell ambiente Informazione Attivita Ambientali Konica Minolta: la societa che rispetta l ambiente In qualita di produttore leader nelle

Dettagli

I trattamenti post-frantumazione

I trattamenti post-frantumazione I trattamenti post-frantumazione Forum ELV - Ecomondo, 8 Novembre 2007 Ing. Feralpi Siderurgica S.p.A. Il Tavolo Tecnico FIAT-AIRA AIRA Obiettivi Collaborazione di filiera - Selezione soluzioni tecnologiche

Dettagli

Risparmio energetico e sostenibilità:

Risparmio energetico e sostenibilità: Risparmio energetico e sostenibilità: ora o mai più Consumi del settore edifici Gli edifici (residenziali e commerciali) rappresentano dal 25 al 40% dell energia finale consumata nei paesi dell OCSE e

Dettagli

Le 7 competenze chiave del Consulente IT

Le 7 competenze chiave del Consulente IT Le 7 competenze chiave del Consulente IT di Pierluigi Demaria Pierluigi Demaria ha partecipato a decine di progetti nazionali e internazionali supportando oltre 200 consulenti e manager nella implementazione,supporto

Dettagli

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali

Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Premi EMAS 2014 Informazioni di base Le misure ambientali più efficaci ed ecoinnovative per il miglioramento delle performance ambientali Introduzione Il Premio Europeo EMAS è il riconoscimento più prestigioso

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEI PROCESI INDUSTRIALI Prof. Ing. Cesare Saccani DIEM - Università degli

Dettagli

Perché affidarsi a tecnico di proget

Perché affidarsi a tecnico di proget TEC. Baroni 45 imp 2-04-2004 10:54 Pagina 50 TECNICA Perché affidarsi a tecnico di proget d i S a r a B a r o n i Uno studio di ingegneria, maturando esperienza in realtà differenti, sviluppa una competenza

Dettagli

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby.

Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. Il riciclo che vale Sostenibilità e profitto, in una parola: Garby. chi è GARBY L obiettivo: evolvere la raccolta testata e certificata di qualità. Garby organizza, attraverso tecnologie innovative e automatiche,

Dettagli

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI

SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI SOSTENIAMO I PARLAMENTARI EUROPEI 3 / PER UN FUTURO A BASSA EMISSIONE DI CARBONIO L Europa si è impegnata a limitare l aumento della temperatura globale a 2 C. Sotto questo livello si calcola che gli impatti

Dettagli

CONSUMABILI DI STAMPA

CONSUMABILI DI STAMPA CONSUMABILI DI STAMPA #2012 L AZIENDA 39 35 37.00-16 11 17.07 Fin dal 1995, Sanzo Srl, è un azienda leader nel settore della produzione di consumabili di stampa che fornisce servizi e soluzioni integrate

Dettagli

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia

Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia E.ON Connecting Energies Il vostro partner per le soluzioni integrate nel settore dell energia Volete ridurre i costi energetici della vostra azienda? Avete obiettivi ambientali ambiziosi? La sicurezza

Dettagli

Il Percorso al Biometano

Il Percorso al Biometano www.biogasmax.eu Biogasmax Training 1 Il Percorso al Biometano STEFANO PROIETTI ISTITUTO DI STUDI PER L INTEGRAZIONE DEI SISTEMI Biogasmax Training 2 Struttura della presentazione Raccolta dei rifiuti;

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1

QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 QUIZ LEZIONE n. 3 LE ENERGIE RINNOVABILI 1 GIOCO A SQUADRE Si guadagna 1 punto rispondendo correttamente alla propria domanda Si perde 1 punto rispondendo in modo errato alla propria domanda Sono concessi

Dettagli

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department

RICOH E L AMBIENTE. Ottobre 2013. TQM/CSR Department RICOH E L AMBIENTE Ottobre 2013 TQM/CSR Department 1 Strategia di sostenibilità Ricoh L approccio delle 3P assicura che il modello di business sia continuamente finalizzato al raggiungimento degli obiettivi

Dettagli

Spirax EasiHeat TM DHW

Spirax EasiHeat TM DHW soluzioni per la trasmissione del calore Spirax EasiHeat TM DHW Unità compatta di scambio termico con tecnologia integrata First for Steam Solutions E X P E R T I S E S O L U T I O N S S U S T A I N A

Dettagli

Confronto tra fotovoltaico e biomassa sulla fattibilità energetica su larga scala

Confronto tra fotovoltaico e biomassa sulla fattibilità energetica su larga scala Confronto tra fotovoltaico e biomassa sulla fattibilità energetica su larga scala Giulio De Simon Università di Trieste gdesimon@units.it Pubblicato su www.aspoitalia.net, Febbraio 2007 Introduzione Biomassa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica [14/03/2013 Prot. 647] Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica Programmazione 2014-2020 Tavolo tecnico B Valorizzazione, gestione e tutela dell ambiente

Dettagli

INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA

INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA INDICATORI DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER L INDUSTRIA DELL ALLUMINIO IN EUROPA FATTORI CHIAVE E DATI 2012 Impegno per lo sviluppo sostenibile Nota per il lettore L Associazione Europea dell Alluminio (EAA)

Dettagli

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec.

GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE. I livelli del Progresso Tecnologico. Evoluzione dei Sistemi Produttivi. Fino al XVIII sec. GESTIONE DELLA QUALITA TOTALE Prof.ssa Federica Murmura Anno Accademico 2009-2010 1 I livelli del Progresso Tecnologico Simondon (1958) distingue storicamente tre livelli dello sviluppo tecnologico, ognuno

Dettagli

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23

come risparmiare... portello dell Energia Come risparmiare Sportello dell Ener sportello dell energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 portello dell Energia SEDE Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 E Palazzo Grossi - Piazza Morlacchi, 23 (Perugia) CONTATTI SPORTELLO: CONTATTI SPORTELLO: Mail: info.energia@comune.perugi Mail: info.energia@comune.perugia.it

Dettagli

MANIFESTAZIONI NAZIONALI 2012 FORMAZIONE AMBIENTALE Napoli 13-14 Gennaio Parma 20 21 Gennaio

MANIFESTAZIONI NAZIONALI 2012 FORMAZIONE AMBIENTALE Napoli 13-14 Gennaio Parma 20 21 Gennaio MANIFESTAZIONI NAZIONALI 2012 FORMAZIONE AMBIENTALE Napoli 13-14 Gennaio Parma 20 21 Gennaio PRODURRE MENO RIFIUTI, RIUSARE, RICICLARE Dipartimento delle attività Settore nazionale ambiente Santino Cannavò

Dettagli

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE

CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE CAPITOLO 15 CONTROLLO DELLE SCORTE Domande di analisi e ripasso 1. Distinguete quali materiali possono essere a domanda dipendente e a domanda indipendente in un ristorante McDonald s, in un produttore

Dettagli

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali

Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Ridurre l impatto l ambientale nella scelta degli imballaggi: indicazioni operative e requisiti essenziali ambientali Torino, 8 ottobre 2013 Francesca Ilgrande Quanti rifiuti da imballaggio in un anno?

Dettagli

Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali Biomassa Termoregolazioni

Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali Biomassa Termoregolazioni Collettori solari Paradigma presenta Il miglior pannello solare termico sul AQUA PLASMA. mercato, certificato dai test Solar Keymark. e i t La perfezione di Aqua Solar System Paradigma r m G a n n i y

Dettagli

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi

Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Focus group di settore Fase di ascolto-confronto Formazione / Saperi Incontro 29 luglio 2010 - Fiorano Valutazione contesto esistente 1. Quali sono in generale i 3 punti di debolezza attuali del distretto

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Progetto Green Schools

Progetto Green Schools SCUOLA DELL INFANZIA FONDAZIONE MARIA SERBELLONI TAINO Progetto Green Schools EDUCAZIONE AMBIENTALE E RISPARMIO ENERGETICO A.s. 2013-2014 1 INTRODUZIONE Il progetto greeen schools in questo anno scolastico

Dettagli

1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI. www.cvo-italia.it

1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI. www.cvo-italia.it 1/2014 L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI www.cvo-italia.it L UTILIZZO DEI VEICOLI A METANO E GPL NELLE FLOTTE AZIENDALI 1 La presente monografia è stata realizzata dal Corporate

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA

SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA SCHEDA INFORMATIVA DESCRITTIVA IL PROGRAMMA ECOSCHOOLS Il programma Eco-Schools, promosso dalla FEE, Foundation for Environmental Education, si applica all'ambiente di vita della comunità della scuola

Dettagli

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING

Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Presentazione delle attività di consulenza relative a: LEAN WAREHOUSING Via Durando, 38-20158 Milano Italy Tel +39 02 39 32 56 05 - Fax +39 02 39 32 56 00 www.simcoconsulting.it - E-mail c.cernuschi@simcoconsulting.it

Dettagli

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance

Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance Playing by the Rules: Optimizing Travel Policy and Compliance A CWT White Paper Una panoramica sui temi della travel policy e compliance Carlson Wagonlit Travel (CWT), l azienda leader mondiale nel settore

Dettagli

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO

RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO RIFIUTI: RIDUCO, RIUSO, RICICLO OVVERO O CHIUDI IL CERCHIO O CHIUDI IL FUTURO Prof. Maurizi Franco I.T.I.S. e Liceo S-T. A. Einstein - Roma novembre 08- settimana DESS PRIMO: LA SOSTENIBILITA «lo Sviluppo

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico.

Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Alpiq EcoServices Con sicurezza verso l obiettivo energetico. Assumersi responsabilità. Con provvedimenti energeticamente efficienti. L efficienza energetica è una strategia efficace per la protezione

Dettagli

Sosteniamo. nuova energia

Sosteniamo. nuova energia Sosteniamo nuova energia Progettazione, costruzione e assistenza La PlanET Biogastechnik GmbH fa parte dei costruttori leader di impianti di biogas in tutto il mondo. Il portafoglio prestazionale dell

Dettagli

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel

ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Condividere saperi. I corsi di base della Fondazione Serughetti La Porta ABITARE LEGGERO Partiamo dalle nostre esigenze e rileggiamo l ambientel Il linguaggio. La comunicazione che vogliamo sentirci raccontare

Dettagli

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti

C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti C è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti (Henry Ford) CHI SIAMO? CHI SIAMO? Sicurezza del risultato Utilizzo di prodotti d eccellenza Progettazione accurata

Dettagli

RELAZIONE GIORNATA SOSTENIBILITA IL RIUSO NELL ECONOMIA: UNA RISORSA INDISPENSABILE

RELAZIONE GIORNATA SOSTENIBILITA IL RIUSO NELL ECONOMIA: UNA RISORSA INDISPENSABILE RELAZIONE GIORNATA SOSTENIBILITA IL RIUSO NELL ECONOMIA: UNA RISORSA INDISPENSABILE Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione delle Acciaierie Venete SpA, Christian Frelich, ci ha parlato

Dettagli

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile

Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Risultati indagine: Le aziende e la mobilità sostenibile Cisalpina Research è il centro studi creato da Cisalpina Tours per rilevare dati e tendenze, opportunità e sfide del mercato dei viaggi d affari.

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale

3x3 buone ragioni per Emas. Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 3x3 buone ragioni per Emas Incrementa le performance ambientali con il migliore standard di gestione ambientale 1 2 3 4 5 6 7 8 9 INDICE INTRODUZIONE 3X3 BUONE RAGIONI PER EMAS INTRODUZIONE pag. 1 EMAS

Dettagli

Esistono vari tipi di inquinamento:

Esistono vari tipi di inquinamento: L inquinamento L inquinamento è un alterazione delle caratteristiche ambientali. Queste variazioni possono essere provocate da fenomeni naturali e da fenomeni dovuti all azione dell uomo, in particolar

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli