MiComunico. Comunicazione di genere nella provincia di Milano

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Differenziare per non discriminare: la visibilità di genere nella comunicazione istituzionale dell'università di Bologna

comunicare la differenza progetto a favore del rispetto delle differenze di genere nel linguaggio

Il genere femminile nell'italiano di oggi: norme e uso

DICHIARAZIONE D INTENTI

Progetto impari A SCUOLA SINTESI DEI RISULTATI DELL INDAGINE

Guida per una redazione rispettosa della parità di genere

Il Valore Economico dalla Scelta Universitaria

L apparente neutralità del linguaggio La comunicazione istituzionale rispetta i generi?

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

Linguaggio giuridico e lingua di genere: una simbiosi possibile. Stefania Cavagnoli Università di Roma, Tor Vergata

Relatore: Paula Eleta

ALFABETO DEL CITTADINO. Libera Lombardia

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PUBBLICAZIONI PUBBLICAZIONI DELLA COMMISSIONE PARITÀ

METTI IN MOTO IL TALENTO

Linee guida per l uso del genere nel linguaggio amministrativo

ELEZIONI EUROPEE 25 MAGGIO

Direttive 1 per il rispetto del genere nei testi dell Amministrazione provinciale

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna

COMUNE DI CASELETTE Provincia di Torino P.A.P. - PIANO DI AZIONI POSITIVE - TRIENNIO 2013/2015

Istituto Comprensivo "NOTARESCO"

Tema: E giusto che il corso magistrale in comunicazione presso la nostra facoltà sia in inglese?

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, aprile

PROGETTO di COORDINAMENTO CISL GIOVANI FROSINONE

Corso di formazione per la Dirigenza Enti Locali ott.94 mag 95 università Bocconi Milano

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

Linee guida in ottica di genere Regione Emilia-Romagna. Uno sguardo nuovo nella comunicazione pubblica

COMUNE DI PAGLIETA Provincia di Chieti

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

Progettare un unità di apprendimento di lingua straniera (francese)

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

Generi e Mutamenti. 17 gennaio 2015 Villa Pallavicini, Bologna. Isabella Crespi (Università di Macerata)

Elementi di Pedagogia di genere. Dott.ssa Irene Biemmi

Azioni e progetti sulla pubblicità sessista

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

Paola Profeta Università Bocconi 28 October 2013

Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

INFORMAZIONI PERSONALI

SINDACATO DELLE FAMIGLIE

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

Le parole e le cose - Correttore

Durata: 36 ore (6 giornate infrasettimanali, di 6 ore ciascuna, con pausa pranzo sorvegliata, distribuite nell'arco di 2-3 mesi).

SICUREZZA DIGITALE COME VIVERE E USARE IL WEB INTERATTIVO

Giunta Regionale del a Campania - Ufficio Stampa

SDA Bocconi School of Management. Osservatorio Diversity Management 9 febbraio

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

Indicazioni nazionali per il curricolo

Scuola dell Infanzia Paritaria. Magic School 2 coop. soc. Via G. Meli Ficarazzi LE QUATTRO STAGIONI ANNO SCOLASTICO 2012/2013

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Quadro storico degli ordinamenti scolastici vigenti

PROGRAMMAZIONE DI GEOGRAFIA. Anno scolastico

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO. Ufficio Stampa. Rassegna Stampa. Roma 3 dicembre 2015

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Anno Europeo dei. Rita Sassu Europe for Citizens Point

Parole e espressioni del testo

non siamo bambole Gruppo Assembleare Regione Emilia-Romagna

Linguaggio del corpo per la seduzione (per donne che vogliono sedurre uomini)

PIANO DELLE AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITA PER IL TRIENNIO 2015/2017

Maggio Le donne al vertice delle imprese

Inclusione dei disabili

CURRICOLO DI ITALIANO FINE CLASSE TERZA SCUOLA PRIMARIA

Cristina Gamberi Università di Bologna

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

Bilancio sociale 2013

RICERCA: SPORTELLO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO E CULTURALE (MLC) NELLA SCUOLA LA RICERCA: TEMI, SCELTE DI METODO, ATTUAZIONE

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Diversamente uguali nello Sport

Titolo Relazione finale. Donna e ruolo dirigenziale nell Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi

Capitolo 5 Qual è il "mandato" della scuola?

LINGUA INGLESE E SECONDA LINGUA COMUNITARIA

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

COMUNE DI CANCELLARA

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

Promozione della salute

CAMERA DEI DEPUTATI RISOLUZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO. Risoluzione sui diritti delle persone disabili. Annunziata il 22 gennaio 1997

COMUNE DI GONNOSNO PROVINCIA DI ORISTANO PIANO TRIENNALE DELLE AZIONI POSITIVE 2013/2015

Lavoro notturno. Definizione, normativa, rischi per la salute e la sicurezza

Nell anno 2003 Università degli Studi di Padova

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

Decreto Legislativo 5 dicembre 2003, n. 343

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

MARIA LISA GARZITTO PAVIA DI UDINE (UD)

Carta di Ottawa per la promozione della salute (Ottawa Charter for Health Promotion)

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

Promozione della Cittadinanza Europea Attiva

PIANO POSITIVE in collaborazione con il Comitato Unico di Garanzia

Catania, Boldrini: "Più Sud nell'agenda politica"

2. OGGETTO DELL AVVISO

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Advertisement
Transcript:

MiComunico Comunicazione di genere nella provincia di Milano Progetto co-finanziato dalla Regione Lombardia all interno del bando Piccoli progetti per grandi idee. Vademecum per l uso del linguaggio non sessista A cura di Centro di Iniziativa Europea soc. coop. Giugno 2010 Comune di Novate Milanese

2 MiComunico Comunicazione di genere nella provincia di Milano MiComunico è un progetto co-finanziato dalla Regione Lombardia all interno del bando Piccoli progetti per grandi idee. Vademecum a cura di: Carmen Disanto e Irene Ferrario, C.d.I.E. Centro di Iniziativa Europea soc. coop. Con la collaborazione di Rossella Sobrero, Koinetica Giugno 2010

Raccomandazioni per un linguaggio non sessista 3 Le raccomandazioni stilate in questo Vademecum sono ispirate alle Raccomandazioni per un uso non sessista della lingua italiana. Per la scuola e per l editoria scolastica di Alma Sabatini (Commissione nazionale per la realizzazione della parità tra uomo e donna, 1986). Nonostante siano passati oltre 20 anni, in Italia il dibattito su un uso non sessista della lingua è ancora agli esordi, e nella lingua correntemente usata dai media, e in particolare dalla stampa, nonché nel parlato e nello scritto comuni, si utilizzano a tutt'oggi pochissimi neologismi e si tende a usare il maschile con funzione neutra. Anche in altri Paesi dell Unione Europea, è stato ritenuto necessario rimarcare l importanza di un linguaggio non discriminatorio attraverso l emanazione di un regolamento comunitario che dia indicazioni in merito a come formulare i documenti ufficiali. Le indicazioni che riportiamo di seguito hanno lo scopo di promuovere l'uso di un linguaggio più ampio e flessibile, in modo che esso sia in grado di registrare anche la presenza femminile nei vari aspetti della vita quotidiana. 10 proposte da seguire 1. Evitare l'uso del maschile generico nei termini collettivi solitamente declinati al maschile. I cittadini I professori I dirigenti L uomo La cittadinanza Il corpo docente La dirigenza L umanità 2. Evitare parole e sintagmi quali: usare invece fratellanza, l'uomo della strada, a misura d'uomo, i diritti dell'uomo. solidarietà, la gente comune, a misura dell'essere umano, i diritti umani 3. Evitare di citare le donne come categorie a sé o come categorie deboli.

4. Evitare di anteporre sempre il maschile nelle coppie oppositive e cercare di alternare 4 Uomini e donne Donne e uomini 5. Evitare di accordare sempre al maschile aggettivi e participi. Accordare al femminile se la maggioranza dei nomi e l'ultimo nome sono al femminile: Giulio, Maria, Giovanna e Francesco sono arrivati Francesco, Maria e Giovanna sono arrivate 6. Abolire l'articolo 'la' seguito dal cognome per le donne con incarichi pubblici e politici ed evitare segnalazioni asimmetriche di donne e uomini Berlusconi e la Gelmini Berlusconi e Gelmini Neologismi: che fare? Nell ambito della comunicazione attenta al genere, ci sono domande che molti comunicatori e comunicatrici si pongono e che non trovano la risposta sul dizionario. Tuttavia, la grammatica insegna una cosa elementare: che per gli uomini esiste un maschile e per le donne un femminile. Le lingue parlate e scritte son in costante evoluzione e si modificano in linea con i cambiamenti della società. Nel corso dell ultimo secolo, le donne hanno via via assunto nuovi ruoli nella società cominciando ad esercitare pubbliche professioni e professioni private, inizialmente appannaggio del genere maschile. Nel corso del tempo hanno conquistato ruoli, carriere e visibilità. Tuttavia, la lingua italiana non sembra aver registrato completamente i cambiamenti avvenuti nel corso dell ultimo secolo. Anzi, sembra che la nostra lingua così come il nostro modo di esprimerci abbia faticato ad adattarsi. In particolare, tuttora mancano (o sono poco diffusi) i femminili relativi ad alcune professioni e cariche precedentemente ricoperti prevalentemente da uomini. Se da un lato i femminili sono invece ben presenti e radicati per ruoli e mestieri tradizionalmente svolti dalle donne (casalinga, massaia, governante, lavandaia, infermiera, merlettaia, segretaria, nutrice, levatrice, etc.) per molti di questi sostantivi manca significativamente il maschile, oppure esso assume un significato totalmente diverso. Per colmare queste lacune, alcuni linguisti e studiosi di linguaggio di genere suggeriscono di puntare direttamente alla creazione del femminile che manca, anche se questo inizialmente suona male. In generale, più è rara la presenza femminile in questi ruoli più è difficile accettarne il femminile.

Le professioni 5 Di seguito, riportiamo alcuni suggerimenti nel caso di indecisione linguistica: 7. Evitare il maschile per posizioni di prestigio quando a ricoprirle è una donna, anche se il femminile viene di solito usato per mansioni inferiori. Il segretario generale Il governante La Segretaria generale La Governante n.b. E possibile mettere la prima lettera in maiuscolo per sottolineare il ruolo prestigioso ricoperto. 8. Evitare la forma in -essa, percepita come riduttiva (ad eccezione dei titoli dottoressa, professoressa e poetessa ormai entrati nell'uso corrente), 9. Preporre al nome l'articolo femminile 10. Come diventiamo al femminile i termini in -sore, i termini -o, -aio/ario, - i termini in -tore mutano in -sora. Es.: assessora, difensora. iere mutano in -a, -aia/aria, -iera. Es.: appuntata, capitana, notaia, chirurga, colonnella, critica, marescialla, ministra, prefetta, primaria. mutano in -trice. Es.: ambasciatrice, ricercatrice, amministratrice, ispettrice, redattrice, senatrice, accompagnatrice, rettrice, sostituta procuratrice. Nei seguenti casi non si ha adeguamento morfofonetico al femminile, ma solo l'anteposizione dell'articolo femminile: termini in -e o in -a. composti con capo Es.: la presidente, la dirigente, la parlamentare, la caporale, la maggiore, la vigile, la custode, la tenente, la comandante, la profeta, la pilota. Es.: la capofamiglia, la capotreno, la capostazione, la capo ufficio stampa.

6 Per saperne di più: La legislazione sulle donne tra parità e differenziazione: azioni positive e quote elettorali, Elisabetta Palici Di Suni, Università degli studi di Torino, 2000 Il genere femminile nell'italiano di oggi: norme e uso / The Feminine Gender in Today's Italian: Rules and Use, C. Robustelli, Bruxelles, 2007 Lingua ed Identità di genere, in Vademecum Polite, C. Robustelli, Associazione Italiana Editori, Torino, 2001 Lingua e identità di genere, C. Robustelli, in Saperi e libertà (a cura di E. Serravalle), Progetto Polite, Associazione Italiana Editori, Milano, 2000 Linguaggio e questioni di genere: alcune riflessioni introduttive, a cura di Amiche di ABCD. Disponibile online: www.amichediabcd.org/dialogandonne/da_mi_fai_male%5b1%5d.pdf Sul web: Server donne: www.women.it Kila il punto di vista delle donne: www.kila.it/parole-di-genere.html Il sessismo dei linguaggi: http://ilsessismoneilinguaggi.blogspot.com/2009/01/il-generefemminile-nellitaliano-di.html Noi donne: www.noidonne.org/articolo.php?id=01578