L Information Technology per l innovazione delle imprese edili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L Information Technology per l innovazione delle imprese edili"

Transcript

1 L Information Technology per l innovazione delle imprese edili Manuale per l imprenditore edile Con il patrocinio di

2

3 L Information Technology per l innovazione delle imprese edili Manuale per l imprenditore edile Realizzato da Microsoft in collaborazione con 3

4 SOMMARIO PREFAZIONE 6 INTRODUZIONE 8 IL SETTORE DELL EDILIZIA: GLI ATTORI DELLA FILIERA E IL QUADRO ECONOMICO 9 QUADRO DEL SETTORE E ANDAMENTO ECONOMICO 10 GLI ATTORI CHE COSTITUISCONO LA FILIERA 14 PECULIARITÀ OPERATIVE DEL SETTORE E TREND EVOLUTIVI 25 I MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE IMPRESE EDILI 31 L ORGANIZZAZIONE IMPRENDITORIALE NELLE PMI EDILI 32 IL MODELLO IMPRENDITORIALE 32 DAL MODELLO IMPRENDITORIALE AL MODELLO ORGANIZZATIVO 37 PERCHÉ È IMPORTANTE DEFINIRE I PROCESSI AZIENDALI 42 IL RUOLO DELL INNOVAZIONE NELLE IMPRESE EDILI E GLI STRUMENTI PER SUPPORTARLA 43 COME LE TECNOLOGIE E SOLUZIONI INFORMATICHE SUPPORTANO L INNOVAZIONE NELLE PMI DELL EDILIZIA 51 LE PICCOLE IMPRESE/IMPRESE ARTIGIANE 53 LE MEDIE IMPRESE 63 COME PIANIFICARE E REALIZZARE PROGETTI DI INNOVAZIONE 83 L APPROCCIO DA ADOTTARE 84 COME VALUTARE LA SOLUZIONE DA IMPLEMENTARE? 87 PIANIFICARE E REALIZZARE I PROCESSI INNOVATIVI 89 LE CRITICITÀ E I FATTORI DI SUCCESSO DI UN PROGETTO 92 4

5 COME MISURARE I VANTAGGI CONSEGUIBILI 95 I VANTAGGI CONSEGUIBILI DALLE SOLUZIONI INNOVATIVE 96 COME VALUTARE L INVESTIMENTO E ACCEDERE AGLI STRUMENTI FINANZIARI 101 COSTO DI INVESTIMENTO E COSTO DEL NON INVESTIMENTO 102 COME REPERIRE GLI STRUMENTI FINANZIARI 106 LE AGEVOLAZIONI ECONOMICHE OFFERTE DA MICROSOFT ALLE PMI 107 COSA CHIEDERE AI FORNITORI 109 IL COMPORTAMENTO DELL IMPRENDITORE 110 COSA CHIEDERE AL FORNITORE 111 QUALI RISPOSTE DA MICROSOFT 113 CONCLUSIONI 115 APPENDICE 1: Esempi di Soluzioni Software di Microsoft e dei suoi Partner 117 LA PREVENTIVAZIONE IN 8 CLIC 119 LE RILEVAZIONI DI MANODOPERA, ATTREZZATURE E AVANZAMENTO LAVORI IN CANTIERE 125 IL CONTROLLO ECONOMICO DELLA COMMESSA IN 5 STEP 131 RIFERIMENTI SOFTWARE 142 APPENDICE CODIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DEI PROCESSI COSTRUTTIVI IN EDILIZIA: LA BANCA DATI DEI COSTI DI COSTRUZIONE 144 INDICE FIGURE 156 5

6 PREFAZIONE L industria delle costruzioni italiana ha vissuto negli ultimi 8 anni una ripetuta fase di congiuntura favorevole risultando il settore produttivo più vitale sia per la crescita del PIL, sia per la crescita della occupazione del Paese. Per rispondere adeguatamente alle esigenze di trasformazione del territorio, le imprese di costruzioni sono da tempo impegnate in un processo di ristrutturazione organizzativa e strutturale. Il mestiere del costruire è da sempre attività complessa, sempre diversa in ogni intervento, mai uguale, mai standardizzata. Per il governo della complessità (considerata la frantumazione dimensionale delle imprese e la strumentazione gestionale disponibile) sino ad oggi è stato privilegiato il percorso della semplificazione organizzativa. Questo modello però ha esasperato la compressione dei costi, l elusione degli adempimenti, la rincorsa alla quantità a discapito della qualità ed ha prodotto risultati spesso non corrispondenti alle esigenze ed alle aspettative della domanda. Soprattutto ha creato diffidenza tra la domanda e l offerta la cui relazione, troppo spesso, viene relegata nel vortice della conflittualità anziché nello spirito costruttivo della collaborazione. Nel quadro del mercato globale lo sviluppo del Paese, oggi più che mai, pone l esigenza di ottimizzare le infrastrutture per la competitività del sistema economico e di migliorare la qualità della vita per l attrattività delle città. Ciò rende ancora centrale il ruolo dell industria delle costruzioni. Le imprese se vogliono svolgere compiutamente questo ruolo debbono necessariamente evolvere dalla semplificazione organizzativa ad un nuovo modello di governo delle complessità. Una evoluzione in primo luogo culturale (per cui è utile il passaggio generazionale della nuova classe imprenditoriale), ma soprattutto una evoluzione organizzativa, tecnologica e strumentale. Già nel passato l industria delle costruzioni si è misurata con le tecnologie informatiche. Un rapporto subito più che governato, che ha mutuato pratiche e tecniche gestionali pensate per altri comparti produttivi e che ha rappresentato più un vantaggio per l industria informatica che un servizio al settore delle costruzioni. 6

7 OGGI LE TECNOLOGIE APRONO NUOVI SCENARI. La costruzione di una rete tra le imprese per l ottimizzazione di funzioni condivise (consorzi d acquisto, marchi di qualità, gestione del parco mezzi, ricerca e sviluppo, business innovativi, sicurezza del lavoro, formazione); la creazione di una rete tra gli attori della filiera (progettista, committente, imprese, fornitori, subappaltatori); la creazione di una rete tra le imprese e le istituzioni a cui è demandato il compito di verificare gli adempimenti (responsabilità solidale); l interoperatività dei processi aziendali (progettazione, offerta, contrattualistica, pianificazione, produzione, rilevazione e rendicontazione, amministrazione e controllo), l operatività a remoto tra sedi e luoghi diversi (sede centrale, cantiere, ecc.), sono una necessità imprescindibile del nuovo modello organizzativo per il governo delle complessità. Se gli scenari sono tecnologicamente possibili, perché diventino pratica di successo, non bisogna sottovalutare lo scetticismo conseguente alle negative esperienze del passato. Soprattutto non bisogna dimenticare che cultura e tecnologia senza interoperatività degli attori e dei fattori del processo non sono sufficienti. In uno scenario caratterizzato dalla presenza nel processo costruttivo di attori plurimi, ognuno autonomo ed indipendente, serve la consapevolezza della inderogabile necessità di un linguaggio condiviso, di una semantica comune nella individuazione degli elementi e dei fattori della produzione senza la quale qualsiasi tecnologia è inutile e qualsiasi cultura è insufficiente. La strada della definizione del linguaggio comune è stato intrapresa con la partecipazione di tutti i soggetti della filiera che hanno elaborato la norma UNI sulla codifica ed uniformazione degli elementi del processo costruttivo. Un sistema che, grazie alle nuove tecnologie, consentirà di far circolare con tempestività informazioni, dati, opportunità interpretabili con facilità ed immediatezza. Il tempo, la condivisione degli obiettivi, il controllo degli adempimenti sono gli elementi che consentiranno all industria delle costruzioni di essere al servizio delle esigenze del Paese. L innovazione tecnologica può essere strumento per dare un contenuto concreto a questa volontà. Dott. Piero Torretta, Incaricato ANCE Tecnologie e Innovazione 7

8 INTRODUZIONE Competitività e innovazione sono ormai i due cardini inscindibili in cui si impernia la sviluppo del Sistema Italia e del nostro tessuto produttivo, costituito per lo più da piccole e medie imprese. Sappiamo bene che in molti Paesi dell Occidente l adozione di tecnologie informatiche da parte delle imprese ha già dimostrato di poter contribuire in modo sostanziale alla creazione di valore e al miglioramento della competitività. Molto si è dibattuto, ma ancora relativamente poco si è fatto per contribuire a colmare il gap culturale che finora non ha permesso alla PMI italiana di comprendere i benefici concreti e il valore apportato dalla tecnologia. Questo manuale è stato appositamente pensato da Microsoft per offrire un primo strumento pratico agli imprenditori edili che intendano valutare l introduzione nella loro azienda di soluzioni informatiche innovative ed accompagnarli nel processo di trasformazione indispensabile per il recupero di competitività. La piccola e media impresa italiana si trova in una situazione di ritardo rispetto alla concorrenza europea in termini di spesa in Information Technology, anche se si misura la spesa per dipendente. E non solo a causa della minore dimensione media delle imprese italiane. Questo ritardo sottintende un grave deficit strategico. L impresa italiana non sta facendo leva su tutti gli strumenti a sua disposizione per recuperare competitività, primo fra tutti l utilizzo di tecnologie che garantiscono un reale contributo al successo della PMI. L imprenditoria italiana, da sempre attenta all innovazione di prodotto, deve oggi cogliere il valore che risiede nell innovazione dei processi. Innovare i processi significa infatti migliorare il livello di integrazione tra le attività, disporre di informazioni sempre aggiornate, ridurre i costi e migliorare l efficienza per rispondere ai cambiamenti e raggiungere per primi nuovi mercati. Innovazione di prodotto e innovazione di processo trovano, dunque nelle soluzioni IT uno strumento indispensabile. Gli imprenditori possono raccogliere questa sfida sapendo di non essere solo nel percorso da compiere: Microsoft infatti ha creato un offerta progettata su misura per le piccole e medie imprese, veicolata attraverso un sistema di oltre 1000 Partner qualificati. 8

9 1Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico 9

10 1 In questo capitolo vogliamo tracciare un quadro panoramico del settore dell edilizia, cerchiamo cioè di capire qual è l andamento economico del settore, chi sono gli attori che vi operano, quali sono le particolarità operative che lo contraddistinguono e quali possibili evoluzioni future è plausibile attendersi. QUADRO DEL SETTORE E ANDAMENTO ECONOMICO Il mercato immobiliare italiano, a partire dal 1998 ha fatto registrare una notevole crescita. Lo scoppio della bolla speculativa in borsa sui titoli della cosiddetta New Economy, gli scandali finanziari che hanno investito Parmalat e Cirio, la questione dei Bond Argentini, hanno spinto sempre più italiani a privilegiare per i propri investimenti il mattone. Inoltre, il livello molto basso dei tassi di interesse negli ultimi anni, ha reso più facile e conveniente accedere ai mutui per finanziare l acquisto di un immobile. A oggi, molte famiglie nella scelta tra prendere una casa in affitto e pagare un mutuo per acquistarla, stanno propendendo per quest ultima soluzione. Dal 1997 i prezzi delle abitazioni sono aumentati di quasi il 70%. Questa crescita vertiginosa porta a sostenere che esista un pericolo di bolla immobiliare, ovvero che i prezzi degli immobili siano notevolmente superiori al loro reale valore di mercato e che quindi possano crollare improvvisamente con ripercussioni negative sia per il settore dell edilizia sia per l economia del paese. Tuttavia, l analisi sull andamento dei prezzi, anche in confronto con i mercati europei e internazionali fa ritenere poco probabile un crollo dei prezzi delle case, seppur un loro calo sia da mettere in conto nel prossimo futuro. Gli investimenti 1 in costruzioni segnano per il 2005 una crescita dell 1,5% (contro il +3,1% del 2004), che mostra alcune differenze nelle tre grandi aree geografiche del nostro Paese: se il Centro è infatti l area che mostra il 1 Fonte Ance 10

11 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico maggior sviluppo (+2,6%), gli investimenti in costruzioni al Nord sono cresciuti dell 1,4% mentre al Sud dello 0,7%. Per quanto riguarda l occupazione, l edilizia ha visto crescere nei primi sei mesi del 2005 il numero di occupati del 7,2%, confermando l andamento positivo degli ultimi anni. L edilizia continua a mostrare un aumento dei posti di lavoro che non trova riscontro in nessun altro settore di attività economica. Tra il 1999 e il 2005, il settore costruzioni è cresciuto complessivamente del 22,9%, contro una crescita dell economia italiana dell 8,6%. Nello stesso periodo l occupazione nel settore è cresciuta di oltre il 30%, e il tasso di irregolarità nelle costruzioni (il cosiddetto lavoro sommerso) è sceso sensibilmente fino a circa il 12%. Figura 1. Variazione % dell indice del costo di costruzione di un fabbricato residenziale su anno precedente 4,50% 4,00% 4,00% 3,70% 3,50% 3,00% 3,00% 2,50% 2,00% 2,20% 1,50% 1,00% 0,50% 0,00% Fonte: Eurostat 11

12 1 Se consideriamo invece l andamento dei costi di costruzione, nel 2004 si è registrato un aumento di circa il 4% dei costi di costruzione sia di un fabbricato residenziale, sia di un fabbricato non residenziale. Questo aumento è dovuto principalmente all aumento del costo della manodopera e al rincaro del ferro, il cui peso totale sui costi di costruzione è notevole e per alcune lavorazioni può raggiungere circa il 20%. Proprio il caro ferro ha spinto il Governo a introdurre il meccanismo del prezzo chiuso per coloro che partecipano all esecuzione di un lavoro pubblico. In pratica, questo meccanismo prevede una compensazione dell appalto, nel caso i prezzi crescano (o diminuiscano) più del 10% del prezzo corrente al momento di presentazione dell offerta. Quindi, gli indicatori disponibili mostrano una tendenza nel complesso positiva per il settore delle costruzioni, tuttavia vi sono delle differenze negli andamenti dei singoli comparti di attività. Infatti, se da un lato prosegue la crescita nell edilizia residenziale e nelle opere pubbliche, dall altro l edilizia destinata alle attività economiche rimane in fase di stallo. Figura 2. Investimenti in costruzioni 2005 (composizione %) Fabbricati non residenziali destinati alle attività economiche 26,1% Nuovo 27,2% Abitazioni 56,1% Opere Pubbliche 17,9% Manutenzione Straordinaria 28,9% Fonte: Ance 12

13 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico Gli investimenti in edilizia residenziale costituiscono nel 2005 circa il 56% del totale degli investimenti in costruzioni. L edilizia abitativa è il comparto che traina l intero settore, anche se nel 2005 la crescita, pari al 2,2%, è in rallentamento rispetto alla crescita del 2004 (+4,8%). La crescita interessa sia la costruzione di nuove abitazioni sia la ristrutturazione/riqualificazione di edifici già esistenti. Sull attività di riqualificazione hanno influito positivamente le agevolazioni, sotto forma di detrazioni fiscali, per l acquisto da parte delle famiglie delle abitazioni realizzate nei fabbricati ristrutturati dalle imprese edili. Anche per il 2006 è prevista una crescita dell edilizia residenziale simile a quella del Per quanto riguarda gli investimenti in fabbricati non residenziali destinati ad attività economiche, nel 2005 si registra un andamento sostanzialmente piatto (-0,1%), in miglioramento però rispetto all andamento negativo degli ultimi due anni. L andamento di questo comparto è fortemente influenzato dalla crisi economica che sta attraversando il nostro Paese e che rallenta gli investimenti da parte degli operatori economici. Anche gli investimenti in opere pubbliche crescono nel corso del 2005, seppur il tasso di crescita (+1,7%) risulti dimezzato rispetto al 2004 (+3,5%). Tale minor crescita è da attribuirsi a una riduzione significativa della crescita dei bandi di gara per appalti pubblici, questi ultimi sono cresciuti del 6,1% nel 2005 e del 2,8% nel 2004, dopo aver fatto registrare incrementi del 21,1% nel 2002 e del 55% nel In questo contesto, una quota sempre più rilevante degli investimenti è assorbita dai maxilavori, cioè dalle opere di rilevante importo, mentre l importo delle opere ordinarie si è ridotto. Infatti, le opere di importo superiore ai 50 milioni di Euro rappresentano ben il 35% del valore complessivo dei bandi. Ciò va a danneggiare le piccole e medie imprese del settore. Come abbiamo visto, quindi, il settore dell edilizia mostra ancora segnali positivi, migliori dell economia italiana nel suo complesso. 13

14 1 All interno del settore, alcuni comparti crescono di più (edilizia residenziale), così come alcune aree geografiche (il centro) rispetto alle altre. In generale, però, la crescita mostra qualche segno di rallentamento rispetto al biennio 2002/2003. GLI ATTORI CHE COSTITUISCONO LA FILIERA Il settore delle costruzioni è composto da un insieme molto vario di attori, di dimensione, ruolo, capacità produttive e professionalità assai diverse. La struttura del settore edilizio in Italia riflette quella che è la struttura tipica della nostra economia: vi sono pochissime grandi imprese, a cui si affiancano moltissime imprese di dimensioni medio-piccole e piccolissime. Se consideriamo le imprese di costruzioni, a livello europeo, soltanto la più grande azienda italiana è inclusa nella graduatoria delle prime 30, mentre la seconda è posizionata oltre il 50 posto, il numero medio di dipendenti non raggiunge i tre addetti per azienda. Nell insieme delle imprese edili ricadono anche tutta una serie di lavoratori che operano in autonomia con le funzioni più disparate: muratori, imbianchini, impiantisti, elettricisti, ecc. Oltre alle imprese edili il settore vede due altre categorie di attori molto importanti che svolgono il proprio ruolo a monte della realizzazione dell opera: i professionisti che curano tutta la progettazione dell opera, quali ingegneri, periti architetti e geometri; i committenti, proprietari o gestori dell immobile/opera. Volendo valutare quanti sono gli attori di questo settore in Italia, parleremmo di circa operatori, così suddivisi: 47% rappresentato da imprese, 44% da studi e società di ingegneria, circa il 9% da committenti (Figura 3). 14

15 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico Figura 3. Gli attori del settore costruzioni in Italia Committenti Proprietari/Gestori 8,8% Imprese 47,1% Studi/ Soc. di ingegneria 44,2% Fonte: Capgemini Quindi, il quadro del settore dell edilizia è formato da un numero molto alto di operatori, spesso piccolissimi, ognuno specializzato nello svolgere una parte molto specifica dei lavori di un cantiere. Tuttavia, tutti questi operatori, anche se indipendenti l uno dall altro, non possono svolgere il proprio lavoro senza essere in continuo contatto e collaborando con tutti gli attori che partecipano alla realizzazione di un cantiere. Per esempio, gli elettricisti non possono ignorare il lavoro dei muratori, o quello dei piastrellisti, così come nessuno può ignorare il lavoro svolto da chi ha progettato la costruzione o realizzato i calcoli strutturali. Le imprese costruttrici, inoltre, sono spesso specializzate nella realizzazione di una parte dell opera, ma non hanno le risorse o le competenze per realizzare tutti i lavori, dal primo scavo, alla consegna dell opera. Perciò esse devono allearsi per la durata dei lavori, dando spesso vita a un azienda temporanea, che funge da cappello all attività delle imprese coinvolte, fino al termine dei lavori. 15

16 1 In sostanza, per realizzare un opera edile, le aziende coinvolte nei lavori si raggruppano e creano temporaneamente una nuova azienda che nasce e muore con la realizzazione dell opera. Nei prossimi paragrafi analizzeremo nello specifico quali sono gli attori del settore edilizia, con particolare riferimento alle piccole e medie imprese, cui questo manuale è rivolto. Figura 4. Gli attori che costituiscono la filiera Imprese subappaltate Committenti Imprese Fornitori Progettisti Fonte: NetConsulting per Microsoft Le piccole imprese/imprese artigiane Come abbiamo accennato in precedenza, la struttura del settore edile in Italia rispecchia quella degli altri settori economici: moltissime sono le imprese medie e piccole a fronte di pochissime grandi imprese che operano a livello internazionale. Questa frammentazione in imprese di dimensioni molto piccole è ancora più accentuata nel settore edile, dove sono moltissime le aziende in cui lavorano meno di 6-7 persone, il cui ruolo centrale è svolto da un imprenditore e da persone a lui legate da legami di parentela. Spesso queste imprese na- 16

17 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico scono dalla volontà di un lavoratore del settore di mettersi in proprio sfruttando le conoscenze e le competenze acquisite in anni di attività sul campo. Queste piccole imprese generalmente non partecipano alle gare d appalto, dal momento che non hanno le competenze e le risorse per poter adempiere a tutti gli obblighi di documentazione necessari. Esse ottengono i lavori in due modi: attraverso privati che si rivolgono all azienda attraverso conoscenze dirette o indirette; attraverso lavori concessi all azienda in subappalto da un general contractor. Queste imprese spesso non si occupano di tutte le attività che la costruzione di un opera comporta ma si specializzano in alcuni ambiti di attività: perciò avremo aziende specializzate in opere di ristrutturazione o restauro, aziende che si occupano della realizzazione degli impianti, dell imbiancatura, aziende specializzate nella realizzazione di opere civili (strade, ecc.) e così dicendo. Le imprese di questa categoria si caratterizzano per l estrema flessibilità organizzativa e operativa, dettata dalla centralità della figura dell imprenditore-proprietario che è il vero e proprio punto di riferimento e factotum dell azienda. D altra parte, la dipendenza da un unica figura di riferimento e la forte connotazione sul campo delle competenze in azienda possono costituire anche il limite allo sviluppo e alla gestione efficiente dell azienda: infatti, spesso l imprenditore viene da una lunga esperienza come lavoratore nel settore e non è in possesso di approfondite competenze su come gestire a livello amministrativo e strategico un azienda, seppur di piccole dimensioni. Tale scarsa managerialità si riflette anche in una scarsa propensione da parte delle aziende di queste dimensioni ad adottare strumenti informatici per migliorare l efficienza dell attività. Come vedremo nei prossimi capitoli, il semplice utilizzo del personal computer può portare notevoli benefici nell attività lavorativa quotidiana anche per un azienda di queste dimensioni. Ovviamente l adozione di strumenti informatici ha un costo, dato in primo luogo dal tempo che l imprenditore e i suoi collaboratori devono spendere 17

18 1 per imparare ad usare gli strumenti acquistati. È importante però che l imprenditore comprenda che esistono strumenti di facile utilizzo che consentono risparmi in termini di costi e tempo che giustificano appieno lo sforzo di imparare ad utilizzarli. Nel capitolo 4 illustriamo in che modo e quali strumenti possono aiutare l imprenditore in alcune delle operazioni svolte ogni giorno sul lavoro. Le medie imprese Accanto alle imprese piccole o a quelle artigiane vi sono un buon numero di aziende di dimensioni medie che, pur non dovendo affrontare la complessità tipica della grande azienda, si trovano a dover gestire lavori, collaborazioni, approvvigionamenti e committenti che richiedono strumenti di gestione e pianificazione un po più avanzati. Pur avvalendosi di collaboratori interni ed esterni per gestire l azienda, anche nelle realtà di medie dimensioni è fondamentale il ruolo dell imprenditore/titolare, sul quale si accentra ogni decisione definitiva. Le strategie di mercato, le relazioni con la committenza, l individuazione delle opportunità, ma anche la supervisione generale dell attività aziendale, l impostazione dell attività produttiva, ovvero i sopraluoghi nei cantieri, i rapporti con i direttori dei lavori con il personale tecnico e con quello amministrativo. Pur operando in un settore che, come abbiamo visto nel paragrafo 1.1, può definirsi in salute, le aziende di dimensioni medie si trovano a dover affrontare: mercati in rapida evoluzione, dove gli attori, le normative e le esigenze cambiano molto velocemente; sempre maggiori aspettative in termini di qualità dei prodotti/servizi offerti; difficoltà di interpretazione e previsione della domanda, anche dovuta all impossibilità di prevedere in modo razionale l esito dei bandi di gara; margini di guadagno sempre minori, dovuti alla fortissima concorrenza sul prezzo in atto nel settore, talvolta svolta anche attraverso l utilizzo di metodi non legali, quali il lavoro in nero o il non rispetto di tutti gli obblighi regolamentari. 18

19 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico Inoltre, anche la domanda sta cambiando. Oggigiorno, per soddisfare il cliente infatti non basta più realizzare una buona costruzione seguendo le regole dell arte e obbedendo alle normative del settore. Non è più sufficiente realizzare e mettere sul mercato un edificio regolarmente costruito, in possesso di decreto di abitabilità e delle autorizzazioni richieste dalle altre autorità (ASL, Vigili del Fuoco, ecc.) pronto per essere abitato o utilizzato per fini commerciali. Oggi il cliente spesso richiede che insieme al prodotto-costruzione vengano serviti una serie di servizi quali la manutenzione, la vigilanza, la gestione del calore, del parcheggio, dello smaltimento rifiuti, ecc. Queste nuove richieste, impongono all impresa di costruzioni tradizionale di essere in grado di gestire direttamente o indirettamente tutte le difficoltà che queste richieste comportano. Perciò l imprenditore deve essere in grado di raffrontarsi e di collaborare con terze parti in grado di: progettare e costruire l opera; predisporre gli studi di fattibilità; bonificare le aree; seguire i rapporti con l Autorità; curare la commercializzazione; curare la gestione dei servizi post-vendita. Una conferma di quali siano i cambiamenti che stanno attraversando il settore dell edilizia viene da una recente indagine che NetConsulting ha svolto su un campione di imprese del settore edile. Alle imprese è stato chiesto di indicare quali sono le problematiche di business nel settore, quali le nuove opportunità e qual è il livello di importanza degli strumenti informatici per raggiungere gli obiettivi di business. 19

20 1 Figura 5. Le problematiche di business per le aziende del settore edile Aumento dei costi di gestione, con conseguente riduzione dei margini 40,7% 44,4% Aumento della competitività Riduzione dei prezzi di vendita, con conseguente riduzione dei margini Instabilità dei mercati nazionali ed internazionali Flessione dei consumi, con relativa contrazione degli ordini Mancanza di strutture per fronteggiare la globalizzazione Difficoltà ad adeguarsi a nuove nomative europee 3,7% 22,2% 18,5% 14,8% 11,1% Fonte: Indagine NetConsulting (2005) Come indicato in Figura 5, quasi la metà delle aziende intervistate ha indicato l aumento dei costi di gestione, la conseguente riduzione dei margini e l aumento della competitività come i problemi prioritari da fronteggiare. L aumento della competizione costringe inoltre le imprese a ridurre i prezzi di vendita (22,2% delle aziende intervistate). 20

21 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico Figura 6. Opportunità di business per le aziende del settore edile Iniziative nel settore da parte di Enti istituzionali/gruppi capifiliera Ripresa della domanda pubblica e privata Apertura verso i mercati internazionali Disponibilità di nuovi macchinari per migliorare i cicli di prodduzione 14,8% 25,9% 37,0% 44,4% Fonte: Indagine NetConsulting (2005) Se si analizzano invece in quali ambiti le imprese vedono le maggiori opportunità di business (Figura 6), si nota come buona parte degli intervistati (il 44,4% delle intervistate) si affida alla crescita del subappalto per ottenere nuovi lavori. Inoltre si registra una certa fiducia nella ripresa della domanda da parte di utenti privati e pubblici (37% delle aziende). Poche sono invece le aziende (il 14,8%) che vedono all orizzonte significativi miglioramenti dei macchinari e dei cicli di produzione. Il grado di utilizzo degli strumenti informatici all interno delle imprese di questa dimensione varia notevolmente da realtà a realtà. Vi sono aziende in cui sia la parte amministrativa/contabile sia quella tecnica (preventivazione, computo metrico, gestione del cantiere) vengono gestiti in maniera integrata attraverso applicativi, e in cui le persone che lavorano in mobilità vengono dotate di palmari o computer portatili in grado di connettersi al sistema informativo dell azienda. Nel contempo vi sono realtà in cui il Personal Computer, quando presente, viene usato per svolgere attività molto semplici, come la videoscrittura, e non viene connesso a Internet per sfruttare le sue potenzialità come strumento per comunicare ( ) o per favorire l operatività aziendale (per es. aggiornamento listini prezzi). All interno dell analisi NetConsulting già citata in precedenza è stata analiz- 21

22 1 zata l importanza dell uso degli strumenti informatici come supporto per raggiungere gli obiettivi di business (Figura 7). Figura 7. Il ruolo dell informatica a supporto degli obiettivi di business 50% 44,4% Obiettivi di business Molto importante Mediamente importante 45% 40% 33,3% 33,3% Scarsamente importante 35% 30% 25% 18,5% 18,5% 14,8% 14,8% 20% 15% 7,4% 10% 5% 0% Razionalizzazione costi Miglioramento efficienza processi produttivi Miglioramento efficienza processi logistici Miglioramento relazioni con committenti / fornitori Riorganizzazione aziendale Ampliamento mercati di riferimento Acquisizioni Alleanze Fonte: Indagine NetConsulting (2005) Quello che emerge è che il supporto dell informatica è considerato dalle imprese molto importante per perseguire quelli che sono gli obiettivi principali delle aziende in questo momento, vale a dire la riduzione dei costi e il miglioramento dell efficienza necessari ad affrontare una competenza sul prezzo sempre più agguerrita. La tecnologia è considerata uno strumento utile anche per migliorare lo scambio di informazioni con i committenti, i progettisti, i fornitori di attrezzature e materiali. 22

23 Il settore dell edilizia: gli attori della filiera e il quadro economico Le grandi imprese Accanto alle numerosissime PMI vi sono poche imprese che possono essere considerate di grandi dimensioni. Basti pensare che in totale nel nostro paese le imprese del settore con più di 100 addetti sono meno di 400, mentre gli operatori con più di 1000 addetti sono soltanto alcune unità. Le grandi aziende del settore hanno un ruolo molto importante anche per le PMI dal momento che, ricoprendo spesso il ruolo di capocommessa nei grandi cantieri, cedono a queste in subappalto parte dei lavori. Le aziende di grandi dimensioni si trovano a competere in un contesto sempre più aperto, dove le barriere nazionali stanno venendo meno e dove esse si ritrovano quindi a dover affrontare la concorrenza di imprese provenienti da paesi stranieri, le quali spesso possono trarre vantaggio da un minore costo del lavoro. Sono molti infatti gli investitori stranieri che, negli ultimi anni, hanno avviato iniziative imprenditoriali in Italia nel settore delle costruzioni. In genere, gli ambiti di maggiore interesse sono state le aree metropolitane di Roma e Milano, seguiti dai complessi del centro-sud. La maggiore apertura dei mercati, se da un lato costringe le imprese a ridurre i costi e ad aumentare la propria efficienza, dall altro apre nuove opportunità di business. La gestione dei sistemi informativi all interno di queste realtà è molto complessa e vede di solito la presenza di funzioni ad essa dedicate. Il ruolo delle grandi imprese rispetto all innovazione tecnologica all interno dell edilizia è molto importante, dal momento che la scelta di una determinata tecnologia o di un certo strumento possono fare da traino all adozione di queste innovazioni anche nelle realtà di minori dimensioni. L analisi delle esigenze e delle logiche di utilizzo delle nuove tecnologie nelle grandi aziende esula lo scopo di questo manuale e pertanto non verrà approfondita. Nei capitoli 3 e 4 cercheremo di analizzare quali sono le esigenze tipiche delle imprese di medie dimensioni che operano nel settore edile e in che modo gli strumenti informatici possono contribuire a soddisfarle. 23

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione

CONSIP PULIZIA SCUOLE: Servizi di pulizia ed altri servizi per le scuole ed i centri di formazione Oggetto dell'iniziativa La Convenzione prevede la fornitura del servizio di pulizia ed altri servizi tesi al mantenimento del decoro e della funzionalità degli immobili delle Scuole e dei Centri di Formazione

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della

UNA FINESTRA SUL FUTURO. a cura. della GENOVA 2015-2030 UNA FINESTRA SUL FUTURO Ricerca tipo Delphi a cura della Sezione Terziario di Confindustria Genova Coordinamento della ricerca Sergio Di Paolo PERCHÉ IL FUTURO Immaginare il futuro aiuta

Dettagli

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE

CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE CARTA EUROPEA PER LE PICCOLE IMPRESE Le piccole imprese sono la spina dorsale dell'economia europea. Esse sono una fonte primaria di posti di lavoro e un settore in cui fioriscono le idee commerciali.

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario

Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario Relazione sulla gestione e sull andamento economico e finanziario 9 Signori azionisti, il 2005 è stato per Manutencoop Facility Management S.p.A. un anno di particolare impegno: il completamento delle

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti

Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Ottimizzare gli sconti per incrementare i profitti Come gestire la scontistica per massimizzare la marginalità di Danilo Zatta www.simon-kucher.com 1 Il profitto aziendale è dato da tre leve: prezzo per

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001

Programma di Compliance Antitrust. Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Programma di Compliance Antitrust Allegato B al Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ex D. LGS. 231/2001 Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 19 febbraio 2015 Rev 0 del 19 febbraio

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli