VIRAL K MARKETING. Andrea Natella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIRAL K MARKETING. Andrea Natella"

Transcript

1 VIRAL K MARKETING 1

2

3 VIRAL K MARKETING Andrea Natella

4 Siamo tutti soggetti all azione delle idee virali. Come nell isteria di massa. Una musica che ti entra in testa e continui a canticchiarla per tutto il giorno e, alla fine, l attacchi a qualcun altro. Le barzellette. Le leggende metropolitane. Le religioni strampalate. Il marxismo. E per quanto intelligenti diventiamo, esiste sempre in noi questa parte irrazionale profonda che ci rende potenziali portatori di informazioni autoreplicanti. Neal Stephenson, Snow Crash Viral marketing e pubblicità virale sono termini riferiti a tecniche di comunicazione che usano social network preesistenti per incrementare la awareness o per ottenere altri obiettivi di marketing attraverso dei processi di auto-replicazione analoghi a quelli propri della diffusione dei virus biologici o informatici. Il marketing virale può prendere le forme di clip video, advergame, ebook, software brandizzato, immagini o testi. Wikipedia, Marketing Virale Nel 1898 il botanico olandese Martinus Beijerinck fu il primo a identificare l agente di una strana epidemia che colpiva la famiglia delle solanaceae, piante come le patate, le melanzane, il pomodoro, il peperoncino e il tabacco. Attraverso un operazione di filtraggio delle foglie di tabacco Beijerinck riuscì a isolare il virus del mosaico del tabacco, il primo virus identificato dall uomo. Per riuscire in questa impresa Beijerinck utilizzò un filtro inventato pochi anni prima da Charles Chamberland. Si trattava di un filtro in porcellana che, una volta riscaldato, riusciva a trattenere particelle che fino ad allora era impossibile rilevare.

5 VIRAL K MARKETING Le pagine che seguono rappresentano un tentativo di riscaldare il mondo del marketing virale per vedere cosa rimane al di qua di un metaforico filtro di Chamberland, quali sono cioè le caratteristiche propriamente virali dei contenuti di comunicazione scambiati tra gli utenti. Proveremo a prendere sul serio le similitudini con il mondo della biologia per verificare fino a che punto questa metafora possa reggere il confronto con le problematiche proprie della comunicazione pubblicitaria. Negli ultimi tempi la metafora al cuore del marketing virale si è progressivamente indebolita. I social media hanno costituito un proprio campo autonomo di investimenti in virtù della loro forza in termini di misurabilità. L attenzione si è così spostata dalla virologia all epidemiologia, dal virus al suo ambiente di replicazione. Ora che le numeriche associate ai social media mostrano la loro fragilità intrinseca è ancora più necessario non perdere di vista il ruolo del virus, l agente moltiplicatore che contraddistingue ogni campagna virale efficace e di successo. POSTA BOLLENTE Il termine viral marketing è stato reso popolare nel 1996 dai venture capitalist di Draper Fisher Jurvetson per sostenere il proprio investimento su Hotmail, uno dei primissimi servizi di gratuite disponibile sul web. Con questo termine si voleva descrivere la rapidità con cui Hotmail riusciva a 5

6 farsi adottare da nuovi utenti. La strategia era semplice ed è tuttora la chiave di qualsiasi strategia di marketing vincente: il prodotto deve incorporare una funzione pubblicitaria al suo interno. Storicamente ciò è sempre avvenuto grazie alle qualità intrinseche del prodotto stesso: la bontà del prodotto. In tempi recenti, a partire dagli anni cinquanta, al valore della qualità intrinseca del prodotto si è aggiunto il design: la bellezza del prodotto. Il successo di Hotmail inaugura una terza possibilità ovvero quella per cui il prodotto incorpora un elemento verbale o paraverbale di autopromozione: la bravura del prodotto. La soluzione adottata dai marketer di Hotmail fu probabilmente istintiva: in coda a ogni inviata è stata aggiunta una semplice tag-line Ottieni la tua casella privata e gratis con come se avessero prodotto delle t-shirt con la scritta compra anche tu una maglietta come questa. Nel caso di Hotmail però questa strategia ha davvero funzionato. Il messaggio di Hotmail ha potuto essere efficace nonostante fosse esplicito e diretto in modo quasi grossolano grazie al fatto che presentava 1) un servizio gratuito 2) facile da spiegare ad altri che 3) possono attivarlo rapidamente 4) spinti da vantaggi 5) che possono essere condivisi 6) grazie a una rete tecnica che preesiste al messaggio stesso. Sono i sei principi del marketing virale teorizzati e resi celebri da Ralph F. Wilson in un celebre articolo del 2000 su Web Marketing Today3. È anche grazie all identificazione di questi principi che Hotmail è diventato rapidamente un benchmark di viral marketing.

7 VIRAL K MARKETING Oggi però quando si parla di marketing virale non ci si riferisce quasi mai a prodotti che incorporano naturalmente questi sei elementi di viralità. Il prodotto da promuovere può essere di qualsiasi tipo e il compito a cui è chiamato a rispondere il viral marketer è quello di articolare una relazione con il consumatore in grado di raggiungere obiettivi analoghi a quelli raggiunti da Hotmail. Per farlo ci si affida ad artefatti esterni al prodotto, strumenti di mediazione simbolica come video, applicazioni, advergame o siti web. Sono mediatori che includono simbolicamente il prodotto stesso: i valori di marca, le funzionalità, la fisicità etc. Questi mediatori sono il fantasma di un prodotto virale come Hotmail ma hanno il vantaggio della replicabilità infinita e consentono una precisa misurazione delle redemption di fruizione degli utenti. Ma anche se la misura del risultato finale può essere molto precisa, la possibilità di prevedere tali risultati è sempre un azzardo. Come nei processi epidemiologici gli esiti dipendono dall aggressività che il virus è in grado di mostrare nell ambiente, così l efficacia di una campagna di marketing virale dipende dalla forza della creatività e può essere misurata solo al termine del processo. Lo sviluppo epidemico è fluido, asintotico, browniano, per questo non è del tutto prevedibile se non per quella parte sostenuta da strumenti più tradizionali come banner, inserzioni, digital pr etc. L unica misurazione certa di un processo virale è possibile solo al termine del processo, quando il virus viene debellato oppure diventa endemico. 7

8 Per questo, nonostante l enfasi sulla misurabilità consentita dai social media, la logica della viralità risponde a logiche più simili a quelle della teoria del caos che non alla meccanica newtoniana azione-effetto. Come nella meteorologia, il successo di una campagna virale dipende da movimenti stocastici, traiettorie infinite e strani attrattori. Solo attraverso la definizione delle condizioni iniziali e la conoscenza dei meccanismi di viralità è possibile anticipare i risultati e non ridursi al ruolo di danzatori della pioggia nel cortile delle aziende. PARASSITI OBBLIGATI I virus sono entità biologiche incapaci di riprodursi autonomamente. Non sono organismi viventi in senso proprio in quanto non possiedono le strutture biochimiche e biosintetiche necessarie alla loro replicazione. I virus non potrebbero vivere o, meglio ancora, sarebbero già estinti se non avessero trovato un modo creativo per sopperire a questa loro condizione: penetrano all interno delle cellule e utilizzano le loro strutture per la replicazione. La scienza definisce questo stile di vita con il termine di parassitaggio endocellulare obbligato. In altre parole, i virus sono obbligati a essere parassiti altrimenti non potrebbero riprodursi e si estinguerebbero alla prima generazione. È la creatività a salvare i virus dalla morte. Una creatività che ha la forma di un testo scritto in codice genetico che deve poter essere compreso dalle strutture delle cellule parassitate.

9 VIRAL K MARKETING Infatti ciò che il virus vuole preservare non è la sua esistenza individuale ma è piuttosto la sua identità di specie, il suo contributo particolare e unico all ecosistema vivente: il suo patrimonio genetico. È per preservare questo tesoro che il patrimonio genetico viene sempre nascosto alla cellula da una capside, una capsula proteica codificata dal genoma virale. Se la capside non viene accolta dalla cellula ospite allora il patrimonio genetico non riesce a replicarsi ed è destinato all estinzione. È questo che succede alla maggior parte dei virus. La cellula si difende dall invasione e il virus non riesce a penetrarla, oppure la cellula non capisce il messaggio del virus e semplicemente lo ignora. Come durante l assedio di Troia, il cavallo deve essere riconosciuto come un dono di pace affinché gli vengano aperte le porte della città. Ma se i soldati che scendono dal cavallo di Troia si limitano alla conquista della città, nel caso dei virus invece quei soldati scendono e utilizzano Troia come opificio per costruire nuovi cavalli con cui conquistare nuove città da trasformare in opifici. 9

10 ALGORITMI INFORMATICI Questa meccanica ricorsiva prima di diventare una suggestione per il mondo del marketing ha infettato quello dell informatica ed è diventata metafora per spiegare il funzionamento di una categoria specifica di malware informatici. Come i virus biologici anche quelli informatici sono incapaci di produrre un effetto se non quando riescono a infettare almeno un file presente nella memoria di un computer. A partire da questo primo file, il virus riesce a copiare se stesso su altri file presenti nella macchina ospite e in altri sistemi a questa collegati. I software infetti iniziano così a funzionare in modi non previsti dal proprio codice e rispondono alle esigenze di replicazione del virus e alle finalità spesso malevole previste da chi li ha programmati. Per raggiungere questi risultati i virus informatici adottano una strategia di dissimulazione. Nascondono al software la propria identità e comunicano con i file senza destare sospetti presentandosi come un dato che il file è abituato a scambiare con il suo ambiente esterno. Attraverso questo sotterfugio creativo di programmazione i virus informatici raggiungono il loro obiettivo: accrescere la popolazione e moltiplicare i propri effetti. Come i virus biologici anche i virus informatici non perseguono la vita del singolo programma ma quella di un patrimonio genetico che in campo informatico prende il nome di algoritmo. Un algoritmo è un modello matematico finalizzato alla risoluzione di un problema. È un concetto che esprime

11 VIRAL K MARKETING in modo immediato e diretto la tensione verso un effetto. Ovviamente anche il patrimonio genetico contempla un effetto in quanto è responsabile dello sviluppo del fenotipo. L algoritmo sottolinea però con più evidenza la funzione escatologica poiché è per definizione un metodo per produrre un risultato. Se il patrimonio genetico ci induce a guardare al cavallo, con l algoritmo vediamo già la conquista di migliaia di città trasformate in opifici per la produzione di cavalli di Troia. CREATIVITÀ OBBLIGATA Sono queste caratteristiche ad avere permesso che il termine virale trovasse posto con facilità ed eleganza accanto alla parola marketing. Così il viral marketing è diventato una tecnica che, attraverso meccanismi analoghi a quelli dei virus biologici o informatici, sfrutta i social network per incrementare la brand awareness o ottenere altri obiettivi commerciali. Il virus in questo caso è un mediatore simbolico che può assumere la forma di un video, di un sito web, di un advergame o anche solo di un semplice testo. Questi formati assolvono la funzione di mediazione poiché codificano al loro interno un algoritmo di marketing, un insieme di istruzioni rivolte ai consumatori e tese alla valorizzazione del prodotto. Come nel caso dei virus biologici o informatici, l essenziale non è la replicazione del messaggio ma la propagazione del suo algoritmo: il patrimonio genetico della marca. 11

12 Nel mondo biologico la struttura della capside con cui il virus si presenta alle cellule è uno degli effetti previsti dal suo patrimonio genetico. In informatica come nel viral marketing il modo in cui il patrimonio virale si presenta al pubblico è invece un invenzione creativa. Compito del programmatore come del pubblicitario è quello di immaginare e realizzare un mediatore simbolico che abbia le stesse caratteristiche di inseparabilità che in natura rendono il patrimonio genetico e la capside un unica entità biologica. In gergo informatico si direbbe che si tratta di realizzare un buon hack, una creazione in cui eleganza e funzione si integrano con naturalezza. Quando il mediatore simbolico viene messo alla prova della diffusione deve essere abbastanza robusto da preservare il patrimonio genetico da dinamiche ricombinanti che possono ledere l identità e il messaggio di marca. Per questo la creatività è il vero fattore strategico di ogni campagna virale. Il messaggio virale perfetto dovrebbe avere l efficacia dello Snow Crash di Neal Stephenson4, un virus neurolinguistico in grado di colpire direttamente le strutture profonde del cervello umano, oppure quello della Ninna Nanna di Chuck Palahniuk5, la filastrocca africana che provoca la morte di chi la ascolta. VIRUS E VIROIDI Si dice spesso che i video virali di maggior successo hanno una caratteristica comune: sono stati realizzati con spontaneità,

13 VIRAL K MARKETING inconsapevolezza o incoscienza; non sono cioè stati pensati per essere virali. Si tratta di un affermazione non corretta. I video prodotti in modo ingenuo non possono raggiungere alcun obiettivo di comunicazione preordinato. Il pubblico ne riconosce l innocenza e valuta esclusivamente il contenuto esplicito senza alzare barriere di giudizio o di censura sulle intenzioni del produttore. Grazie a questa caratteristica i contenuti ingenui riescono a raggiungere con maggiore facilità una vasta diffusione. Sebbene presentino caratteristiche epidemiologiche analoghe a quelle dei video virali, quello che qui manca è un patrimonio genetico distinto dalla capside. Il video non comunica altro che se stesso. Se volessimo utilizzare una metafora biologica potremmo parlare di viroidi. I viroidi sono entità biologiche più semplici dei virus poiché privi di capside. Il loro patrimonio genetico e il loro messaggio esplicito coincidono, e non c è spazio per articolare alcuna comunicazione di marca. È una differenza capitale per chi vuole realizzare campagne di marketing virale. La confusione tra virus e viroidi ha portato spesso a un certo automatismo creativo. Vengono costruiti dei mediatori simbolici che emulano le caratteristiche statisticamente più diffuse dei contenuti viroidi di successo. Ecco spuntare banali formule di viralità come sex, pets and absurd o la regola delle tre esse: sangue, sesso o stronzate. In sostanza per garantire la viralità di un messaggio, come una clip video, è sufficiente che il mediatore simbolico giochi su qualche doppio senso sessuale, mostri un gattino impacciato, ci 13

14 faccia vedere un incidente stradale spettacolare oppure qualche strano personaggio impegnato in un attività completamente priva di senso. A scelta le immagini possono avere la bassa qualità di un telefonino o una videocamera di sorveglianza o all opposto sfruttare le ultime novità nel campo della post-produzione. Il prodotto viene infilato nel video con la stessa logica dei peggiori product placement oppure ancor più semplicemente con un packshot di chiusura come in uno spot. Sarebbe questa la ricetta per eccitare gli umori degli utenti del web e spingerli alla condivisione del contenuto. E da un certo punto di vista la ricetta funziona. I migliori video realizzati con queste ricette riescono effettivamente a circolare e a raggiungere i numeri che marketing manager si aspettano da essi. Ma sono poche le aziende i cui valori possono essere espressi compiutamente dal principio delle tre esse e anche in questi casi è sempre complesso rendere solido e coerente il legame tra il mediatore simbolico e il patrimonio della marca. Come sono articolati i valori di marca dentro quelle clip? Reggerà il collante che tiene insieme viralità e comunicazione di prodotto? Il rischio infatti è che quel tenero gattino esprima valori assai diversi da quelli che la marca deve esprimere oppure che la forza delle immagini sia tale che ci si ricordi del gattino ma si dimentichi completamente il prodotto. Per non parlare dei rischi di editing, remix o di spoof da parte di utenti attivi che possono tagliare o sostituire il codino pubblicitario.

15 VIRAL K MARKETING Quando si entra nel mondo della comunicazione virale le dinamiche ricombinanti sono un fattore che deve essere considerato preventivamente per evitare la dispersione del patrimonio genetico e dell identità di marca. Sono gli inconvenienti del passaparola che riemergono a dispetto della riproducibilità digitale. Come nel gioco del telefono senza fili quello che viene detto dal primo giocatore non corrisponde mai a ciò che capisce l ultimo della catena. IL PASSAPAROLA Sembra paradossale il successo del termine passaparola associato alla diffusione di contenuti di digital marketing. Il termine passaparola nasce nel XVII secolo in ambito militare per indicare la tecnica di trasmissione di un ordine da un capo all altro di una fila di soldati. Con la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa il significato del termine si è esteso a spiegare la diffusione di informazioni orali che sfuggivano alle maglie della riproducibilità tecnica. Questa caratteristica di irriducibilità agli strumenti di comunicazione convenzionali è esplosa con la rivoluzione digitale. In un mondo in cui tutto diventa riproducibile, il passaparola si manifesta per sottrazione, come rumore oppure come oggetto non identificato. Quando la scrittura si sradica da qualsiasi supporto come nell universo digitale, il testo diventa orfano. Il passaparola invece non è mai stato figlio di nessun supporto, nasce libero 15

16 e senza complessi edipici. Può così indicare con precisione la diffusione informale di informazioni che non sono state pensate per raggiungere obiettivi specifici. Il passaparola si presenta in modo innocente, come la capside di un virus che avvicina una cellula da infettare, ma può dissimulare un contenuto di comunicazione specifico. Ed è esattamente questo l aspetto che sopravvive del significato originario del termine. La parola che passava da un militare all altro serviva a veicolare un comando, un algoritmo, una funzione militare autonoma dal significato della parola trasmessa. Nonostante l utilizzo del passaparola sia stato ampiamente sfruttato come strumento di intelligence per operazioni di disinformazione, fino a oggi le peculiarità e la forza del passaparola nell ambito del marketing sono state utilizzate in modo più empirico che scientifico. Viene dagli studi socio-antropologici una più puntuale analisi del passaparola in grado di spiegare quali sono i meccanismi linguistici che favoriscono il passaggio del patrimonio genetico che può essere veicolato dal passaparola. In particolare sono stati identificati due formati che sono riusciti a piegare la logica conversazionale dell oralità alle esigenze di massimizzazione della riproducibilità verbale. Sono le barzellette e le leggende metropolitane le due forme di narrazione orale che più di qualsiasi altra hanno attraversato le rivoluzioni della stampa, delle comunicazioni di massa e del digitale e conservato la propria identità. Due strutture narrative diverse di cui sono

17 VIRAL K MARKETING state identificate le retoriche e delineate le meccaniche di funzionamento. Entrambe sono narrazioni brevi, emozionali, composte in modo da agevolare la memorizzazione e la successiva ripetizione. Il messaggio privilegia sempre elementi che rispondono al bisogno antropologico di verifica e rafforzamento delle relazioni umane. Il movente psicologico che spinge gli esseri umani a raccontare una barzelletta o una leggenda urbana è sempre il desiderio di consolidare i propri rapporti sociali attraverso la condivisione di sentimenti o di valori. Sono le stesse ragioni che spingono alla condivisione di un contenuto virale sul web: il bisogno di costruzione della propria identità sociale, l affermazione del sé attraverso la presentazione di contenuti estetici o etici, la ricerca o la conferma di una relazione. LEGGENDE METROPOLITANE E BARZELLETTE Le leggende metropolitane sono storie insolite presentate come realmente accadute e raramente suscitano ilarità in chi le ascolta. Secondo Jan Harold Brunvand6, il massimo esperto accademico di urban legend, ogni leggenda metropolitana veicola un contenuto valoriale, una paura sociale, un pregiudizio emergente. Per garantirne il portato emotivo queste storie sono sempre presentate come realmente accadute all amico di un amico. La forza del loro impatto è accresciuta dal numero di persone che racconta la storia come vera, attribuendola ad 17

18 amici diversi o introducendo variazioni individuali. Queste alterazioni narrative piuttosto che indebolire la viralità delle leggende urbane rappresentano una strategia darwiniana di adattamento all ambiente. Si tratta di mutazioni che, come nel caso dei virus, garantiscono alla leggenda una vita più duratura e una maggiore persistenza del patrimonio valoriale veicolato. Le barzellette funzionano in modo diverso. Alla base c è un meccanismo più semplice di rovesciamento in forma comica o ridicola di situazioni normali. Questo rovesciamento, che avviene generalmente al termine della storia, crea un effetto sorpresa e scatena una reazione di ilarità nell ascoltatore. È la condivisione di questa ilarità il meccanismo alla base della viralità delle barzellette, è l affermazione o la conferma di una relazione umana. Per questa ragione il margine di reinterpretazione di una barzelletta è molto basso. Al contrario di quanto avviene nelle leggende metropolitane, apportare una variazione al testo di una barzelletta è sempre un lavoro difficile che rischia di compromettere l efficacia virale della storia. L interpretazione e la mimica paraverbale il saperla raccontare - giocano un ruolo decisivo che può decretare il successo o il fallimento di uno stesso testo. Nel caso delle leggende metropolitane invece il testo nel suo mutare può moltiplicare le occasioni di contagio e garantire così la sopravvivenza del patrimonio valoriale. Per le barzellette esiste invece - sebbene solo in astratto - un unica interpretazione perfetta.

19 VIRAL K MARKETING Da questo punto di vista il meccanismo linguistico alla base della barzelletta è analogo a quello dei viroidi. Le barzellette non comunicano altro che se stesse e per questo sono destinate a scomparire quando non fanno più ridere, cioè quando cambia il contesto storico o culturale con cui si erano concatenate. STRATEGIA r/k In ecologia esiste un modello teorico che descrive la dinamica attraverso la quale una popolazione di una determinata specie cresce e si afferma all interno di un ecosistema. Si tratta di un modello matematico che considera due variabili principali: r è il potenziale biotico della specie che è definito attraverso parametri come la fecondità, il raggiungimento dell età fertile, i tempi di gestazione etc.; K è la capacità portante dell ambiente che esprime il numero massimo di individui della specie che possono essere mantenuti stabilmente in un ambiente. Lo sviluppo della popolazione di ogni specie dipende dal suo potenziale biotico e dalla resistenza che a questo oppone l ambiente circostante. Questo sviluppo può essere rappresentato graficamente attraverso una curva matematica che descrive la strategia di sviluppo della specie. 19

20 POPOLAZIONE r k TEMPO L analisi dello sviluppo demografico delle diverse specie ha reso riconoscibili due comportamenti estremi, indicati rispettivamente come strategia r e strategia K. La prima strategia è tipica di organismi semplici come batteri, funghi, alghe, invertebrati, pesci, piante infestanti ed è caratterizzata da curve di crescita rapida nel breve periodo e andamenti instabili e decrescenti sul lungo periodo. Il caso tipico è quello delle ostriche che depongono 500 milioni di uova l anno a cui non viene prestata alcuna cura. L assenza di cura parentale è la causa dell incapacità di adattamento. Infatti se le ostriche vengono immesse nel giusto contesto marino crescono rapidamente ma se il contesto è sbagliato non hanno le risorse per trovare alternative evolutive. La strategia K si riscontra invece più frequentemente nelle specie evolute come gli uccelli o i mammiferi, organismi con

21 VIRAL K MARKETING ritmi di crescita lenti che, una volta raggiunta la capacità portante dell ambiente, trovano un livello di equilibrio grazie alla propria capacità di adattamento. A differenza delle specie a strategia r, lo sviluppo della popolazione tende a non subire crolli repentini ma ha un andamento asintotico verso la massima capacità portante. Il caso esemplare è quello dei primati che partoriscono a distanza di anni, tempo durante il quale possono fornire a ciascun nuovo membro della specie gli strumenti cognitivi per sopravvivere alle contingenze ambientali e alle possibili avversità future. Possiamo guardare le campagne di viral marketing attraverso il modello r/k e verificare se questo modello può suggerirci un nuovo approccio nella progettazione della campagne. Consideriamo la creatività come il potenziale biotico e il target potenzialmente raggiungibile come la capacità portante dell ambiente. Sono i due fattori chiave inscritti nella progettazione di qualsiasi campagna di comunicazione. Analizzando questi due fattori possiamo prevedere l esito della campagna nei termini di strategia r/k. Avremo così campagne che contagiano rapidamente il target e poi scompaiono dall agenda e altre più lente all avvio ma con una più lunga persistenza nel tempo. Entrambe le strategie possono essere efficaci se raggiungono la capacità portante dell ambiente di comunicazione ovvero tutto il target potenzialmente raggiungibile. In linea di principio se il target è ampio e deve essere raggiunto rapidamente è necessario sviluppare una strategia r con un elevato potenziale 21

22 biotico. Una creatività semplice e generalista di immediata comprensione, tipo sex, pets and absurd può essere la scelta più efficace. Gli utenti sorrideranno e saranno ben disposti a condividere quel momento di allegrezza con i propri amici. Probabilmente una campagna di questo tipo non sarà efficiente nel comunicare con precisione i valori del prodotto ma, se ben strutturata, potrà raggiungere un elevato numero di contatti. Viceversa laddove si voglia ottenere una persistenza nel tempo dei valori della marca, magari presso un target mirato, l approccio migliore è una strategia K. Una campagna che attiva una riflessione narrativa piuttosto che fare leva sulla condivisione d impulso. Il modello ecologico sottolinea però che quando aumenta il numero delle specie in competizione in uno stesso ambiente ne diminuisce la capacità portante. La crescita e lo sviluppo di ogni singola specie vivente diventa più difficile. Allo stesso modo in un ambiente di comunicazione sovraccarico di campagne virali la sopravvivenza di ogni singola campagna diviene più ardua. L utente è sottoposto a un viral overload, un sovraccarico di informazioni che lo porta a innalzare le difese immunitarie e a scegliere con maggior cura cosa condividere e cosa no. Chiaramente in questo contesto diventa più difficile il successo della campagne di tipo r. Per raggiungere risultati soddisfacenti è necessario un potenziale biotico sempre più elevato oppure il drogaggio artificiale dell ambiente attraverso mezzi più tradizionali come inserzioni, banner, digital pr etc.

23 VIRAL K MARKETING Per tale ragione campagne con strategia r hanno maggiori possibilità di successo laddove puntano su nicchie ambientali, target molto ristretti di cui interpretare l idioletto. In questo modo si abbassa la capacità portante dell ambiente e aumentano le possibilità di successo. IL SEEDING Le nicchie possono svolgere inoltre una funzione tattica. Possono essere il microambiente in cui incubare la prima delicata fase di seeding, la fase di inseminazione in cui si sceglie dove e come pubblicare il contenuto virale. È infatti evidente che se non c è un paziente zero nessun virus potrà mai esistere. I viroidi di successo si sviluppano normalmente a partire da un seeding ingenuo. L autore si limita a condivide il contenuto con il proprio network amicale e confida nella proattività dei suoi contatti. Possiamo immaginare che ci siano migliaia di contenuti virali di potenziale successo sepolti nelle bacheca di anonimi autori semplicemente perché non hanno catalizzato l attenzione del loro network più prossimo. Questi contenuti esploderanno magari casualmente in un momento qualsiasi nel tempo quando capiteranno sotto gli occhi dell untore giusto. Chiaramente si tratta di una situazione non compatibile con nessun piano di marketing. Una campagna virale ha necessità di una chiara identificazione del target e deve trovare i migliori canali per raggiungere almeno una parte di esso. Tanto meglio 23

24 è identificata questa porzione maggiori saranno le possibilità e la velocità con cui si raggiunge l ambiente portante. Per questo il seeding è una variabile strategica nella progettazione di ogni campagna virale. È necessario selezionare siti web, blog, mailing list, gruppi di discussione e trend-setter a cui affidare la fase di inoculazione della campagna. Si tratta di una fase che non dovrebbe essere considerata secondo parametri quantitativi. Se il mediatore simbolico è stato creato con il giusto potenziale biotico è idealmente sufficiente identificare e contattare un unico paziente zero. Molto spesso si assiste invece a campagne virali che vengono lanciate con logiche pubblicitarie e sostenute forzosamente con inserzioni massive e attività aggressive di digital pr. È un paradosso che deriva da esigenze preventive di contabilizzazione che non sono conciliabili con la scelta di un approccio virale. La fase del seeding è sempre decisiva ma deve essere pianificata con la stessa logica che guida la realizzazione del virus. Se l investimento per il seeding è superiore a quello per realizzare il mediatore simbolico non si sta facendo una campagna virale. Campagne con strategia K possono essere attivate con un seeding a intensità ridotta poiché la portata dell ambiente di comunicazione opporrà comunque la propria resistenza inerziale al potenziale biotico. Ma anche quando ci si affida a una strategia r, la pianificazione del seeding deve essere guidata da logiche qualitative, da una ricerca dei target iniziali calibrata sui bisogni emotivi e valoriali.

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

E. Bisetto e D. Bordignon per

E. Bisetto e D. Bordignon per Personal Branding pensare, creare e gestire un brand a cura di E. Bisetto e D. Bordignon per Cosa significa Personal Branding Come si fa Personal Branding Come coniugare Brand Personale e Brand Aziendale

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI

DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI DIFENDERSI DAI MODERNI ATTACCHI DI PHISHING MIRATI 2 Introduzione Questa email è una truffa o è legittima? È ciò che si chiedono con sempre maggiore frequenza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING

STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING STRUMENTI DI ANALISI E DI INTERPRETAZIONE DEI PROBLEMI: LE TECNICHE DI PROBLEM SOLVING Gianna Maria Agnelli Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Clinica del Lavoro "Luigi Devoto Fondazione IRCCS Ospedale

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello

Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Turello Lo sviluppo del linguaggio l idea di lettura e scrittura e il numero nella scuola dell infanzia Marialuisa Antoniotti Claudio Lo sviluppo delle abilità numeriche La psicologia genetica (Piaget 1896-1980)

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata:

Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Teorie comunicative Morris ha identificato tre diversi registri secondo i quali la comunicazione umana può essere analizzata: Sintattico Livello della trasmissione del messaggio Semantico Livello della

Dettagli

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS

La LEADERSHIP nei piccoli gruppi. RUOLI e STATUS LE DIFFERENZE DI STATUS La LEADERSHIP nei piccoli gruppi Uno degli aspetti più studiati nella dinamica di gruppo è, probabilmente, la leadership, vale a dire l esercizio del comando, la funzione di guida che una persona assume

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

10 errori e-mail da evitare!

10 errori e-mail da evitare! 10 errori e-mail da evitare! Dal sito PILLOLE DI MARKETING WEB Le e-mail sono parte integrante dell attività di business come mezzo di contatto e di relazione e come tali diffondono l immagine di aziende

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Che cos è il Marketing 3.0?

Che cos è il Marketing 3.0? Che cos è il Marketing 3.0? di Fabrizio Pieroni Philip Kotler, studioso di Marketing attento ai cambiamenti della società e pronto a modificare di conseguenza le sue posizioni, ha recentemente presentato

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie

INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie INTERACTIVE ADVERTISING New media per nuove strategie Mobile Marketing Interattivo QR Code Inside Active Mailing Interattivo Interattivo Chi Siamo Interactive Advertising si avvale di un network di manager

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli