VIRAL K MARKETING. Andrea Natella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VIRAL K MARKETING. Andrea Natella"

Transcript

1 VIRAL K MARKETING 1

2

3 VIRAL K MARKETING Andrea Natella

4 Siamo tutti soggetti all azione delle idee virali. Come nell isteria di massa. Una musica che ti entra in testa e continui a canticchiarla per tutto il giorno e, alla fine, l attacchi a qualcun altro. Le barzellette. Le leggende metropolitane. Le religioni strampalate. Il marxismo. E per quanto intelligenti diventiamo, esiste sempre in noi questa parte irrazionale profonda che ci rende potenziali portatori di informazioni autoreplicanti. Neal Stephenson, Snow Crash Viral marketing e pubblicità virale sono termini riferiti a tecniche di comunicazione che usano social network preesistenti per incrementare la awareness o per ottenere altri obiettivi di marketing attraverso dei processi di auto-replicazione analoghi a quelli propri della diffusione dei virus biologici o informatici. Il marketing virale può prendere le forme di clip video, advergame, ebook, software brandizzato, immagini o testi. Wikipedia, Marketing Virale Nel 1898 il botanico olandese Martinus Beijerinck fu il primo a identificare l agente di una strana epidemia che colpiva la famiglia delle solanaceae, piante come le patate, le melanzane, il pomodoro, il peperoncino e il tabacco. Attraverso un operazione di filtraggio delle foglie di tabacco Beijerinck riuscì a isolare il virus del mosaico del tabacco, il primo virus identificato dall uomo. Per riuscire in questa impresa Beijerinck utilizzò un filtro inventato pochi anni prima da Charles Chamberland. Si trattava di un filtro in porcellana che, una volta riscaldato, riusciva a trattenere particelle che fino ad allora era impossibile rilevare.

5 VIRAL K MARKETING Le pagine che seguono rappresentano un tentativo di riscaldare il mondo del marketing virale per vedere cosa rimane al di qua di un metaforico filtro di Chamberland, quali sono cioè le caratteristiche propriamente virali dei contenuti di comunicazione scambiati tra gli utenti. Proveremo a prendere sul serio le similitudini con il mondo della biologia per verificare fino a che punto questa metafora possa reggere il confronto con le problematiche proprie della comunicazione pubblicitaria. Negli ultimi tempi la metafora al cuore del marketing virale si è progressivamente indebolita. I social media hanno costituito un proprio campo autonomo di investimenti in virtù della loro forza in termini di misurabilità. L attenzione si è così spostata dalla virologia all epidemiologia, dal virus al suo ambiente di replicazione. Ora che le numeriche associate ai social media mostrano la loro fragilità intrinseca è ancora più necessario non perdere di vista il ruolo del virus, l agente moltiplicatore che contraddistingue ogni campagna virale efficace e di successo. POSTA BOLLENTE Il termine viral marketing è stato reso popolare nel 1996 dai venture capitalist di Draper Fisher Jurvetson per sostenere il proprio investimento su Hotmail, uno dei primissimi servizi di gratuite disponibile sul web. Con questo termine si voleva descrivere la rapidità con cui Hotmail riusciva a 5

6 farsi adottare da nuovi utenti. La strategia era semplice ed è tuttora la chiave di qualsiasi strategia di marketing vincente: il prodotto deve incorporare una funzione pubblicitaria al suo interno. Storicamente ciò è sempre avvenuto grazie alle qualità intrinseche del prodotto stesso: la bontà del prodotto. In tempi recenti, a partire dagli anni cinquanta, al valore della qualità intrinseca del prodotto si è aggiunto il design: la bellezza del prodotto. Il successo di Hotmail inaugura una terza possibilità ovvero quella per cui il prodotto incorpora un elemento verbale o paraverbale di autopromozione: la bravura del prodotto. La soluzione adottata dai marketer di Hotmail fu probabilmente istintiva: in coda a ogni inviata è stata aggiunta una semplice tag-line Ottieni la tua casella privata e gratis con come se avessero prodotto delle t-shirt con la scritta compra anche tu una maglietta come questa. Nel caso di Hotmail però questa strategia ha davvero funzionato. Il messaggio di Hotmail ha potuto essere efficace nonostante fosse esplicito e diretto in modo quasi grossolano grazie al fatto che presentava 1) un servizio gratuito 2) facile da spiegare ad altri che 3) possono attivarlo rapidamente 4) spinti da vantaggi 5) che possono essere condivisi 6) grazie a una rete tecnica che preesiste al messaggio stesso. Sono i sei principi del marketing virale teorizzati e resi celebri da Ralph F. Wilson in un celebre articolo del 2000 su Web Marketing Today3. È anche grazie all identificazione di questi principi che Hotmail è diventato rapidamente un benchmark di viral marketing.

7 VIRAL K MARKETING Oggi però quando si parla di marketing virale non ci si riferisce quasi mai a prodotti che incorporano naturalmente questi sei elementi di viralità. Il prodotto da promuovere può essere di qualsiasi tipo e il compito a cui è chiamato a rispondere il viral marketer è quello di articolare una relazione con il consumatore in grado di raggiungere obiettivi analoghi a quelli raggiunti da Hotmail. Per farlo ci si affida ad artefatti esterni al prodotto, strumenti di mediazione simbolica come video, applicazioni, advergame o siti web. Sono mediatori che includono simbolicamente il prodotto stesso: i valori di marca, le funzionalità, la fisicità etc. Questi mediatori sono il fantasma di un prodotto virale come Hotmail ma hanno il vantaggio della replicabilità infinita e consentono una precisa misurazione delle redemption di fruizione degli utenti. Ma anche se la misura del risultato finale può essere molto precisa, la possibilità di prevedere tali risultati è sempre un azzardo. Come nei processi epidemiologici gli esiti dipendono dall aggressività che il virus è in grado di mostrare nell ambiente, così l efficacia di una campagna di marketing virale dipende dalla forza della creatività e può essere misurata solo al termine del processo. Lo sviluppo epidemico è fluido, asintotico, browniano, per questo non è del tutto prevedibile se non per quella parte sostenuta da strumenti più tradizionali come banner, inserzioni, digital pr etc. L unica misurazione certa di un processo virale è possibile solo al termine del processo, quando il virus viene debellato oppure diventa endemico. 7

8 Per questo, nonostante l enfasi sulla misurabilità consentita dai social media, la logica della viralità risponde a logiche più simili a quelle della teoria del caos che non alla meccanica newtoniana azione-effetto. Come nella meteorologia, il successo di una campagna virale dipende da movimenti stocastici, traiettorie infinite e strani attrattori. Solo attraverso la definizione delle condizioni iniziali e la conoscenza dei meccanismi di viralità è possibile anticipare i risultati e non ridursi al ruolo di danzatori della pioggia nel cortile delle aziende. PARASSITI OBBLIGATI I virus sono entità biologiche incapaci di riprodursi autonomamente. Non sono organismi viventi in senso proprio in quanto non possiedono le strutture biochimiche e biosintetiche necessarie alla loro replicazione. I virus non potrebbero vivere o, meglio ancora, sarebbero già estinti se non avessero trovato un modo creativo per sopperire a questa loro condizione: penetrano all interno delle cellule e utilizzano le loro strutture per la replicazione. La scienza definisce questo stile di vita con il termine di parassitaggio endocellulare obbligato. In altre parole, i virus sono obbligati a essere parassiti altrimenti non potrebbero riprodursi e si estinguerebbero alla prima generazione. È la creatività a salvare i virus dalla morte. Una creatività che ha la forma di un testo scritto in codice genetico che deve poter essere compreso dalle strutture delle cellule parassitate.

9 VIRAL K MARKETING Infatti ciò che il virus vuole preservare non è la sua esistenza individuale ma è piuttosto la sua identità di specie, il suo contributo particolare e unico all ecosistema vivente: il suo patrimonio genetico. È per preservare questo tesoro che il patrimonio genetico viene sempre nascosto alla cellula da una capside, una capsula proteica codificata dal genoma virale. Se la capside non viene accolta dalla cellula ospite allora il patrimonio genetico non riesce a replicarsi ed è destinato all estinzione. È questo che succede alla maggior parte dei virus. La cellula si difende dall invasione e il virus non riesce a penetrarla, oppure la cellula non capisce il messaggio del virus e semplicemente lo ignora. Come durante l assedio di Troia, il cavallo deve essere riconosciuto come un dono di pace affinché gli vengano aperte le porte della città. Ma se i soldati che scendono dal cavallo di Troia si limitano alla conquista della città, nel caso dei virus invece quei soldati scendono e utilizzano Troia come opificio per costruire nuovi cavalli con cui conquistare nuove città da trasformare in opifici. 9

10 ALGORITMI INFORMATICI Questa meccanica ricorsiva prima di diventare una suggestione per il mondo del marketing ha infettato quello dell informatica ed è diventata metafora per spiegare il funzionamento di una categoria specifica di malware informatici. Come i virus biologici anche quelli informatici sono incapaci di produrre un effetto se non quando riescono a infettare almeno un file presente nella memoria di un computer. A partire da questo primo file, il virus riesce a copiare se stesso su altri file presenti nella macchina ospite e in altri sistemi a questa collegati. I software infetti iniziano così a funzionare in modi non previsti dal proprio codice e rispondono alle esigenze di replicazione del virus e alle finalità spesso malevole previste da chi li ha programmati. Per raggiungere questi risultati i virus informatici adottano una strategia di dissimulazione. Nascondono al software la propria identità e comunicano con i file senza destare sospetti presentandosi come un dato che il file è abituato a scambiare con il suo ambiente esterno. Attraverso questo sotterfugio creativo di programmazione i virus informatici raggiungono il loro obiettivo: accrescere la popolazione e moltiplicare i propri effetti. Come i virus biologici anche i virus informatici non perseguono la vita del singolo programma ma quella di un patrimonio genetico che in campo informatico prende il nome di algoritmo. Un algoritmo è un modello matematico finalizzato alla risoluzione di un problema. È un concetto che esprime

11 VIRAL K MARKETING in modo immediato e diretto la tensione verso un effetto. Ovviamente anche il patrimonio genetico contempla un effetto in quanto è responsabile dello sviluppo del fenotipo. L algoritmo sottolinea però con più evidenza la funzione escatologica poiché è per definizione un metodo per produrre un risultato. Se il patrimonio genetico ci induce a guardare al cavallo, con l algoritmo vediamo già la conquista di migliaia di città trasformate in opifici per la produzione di cavalli di Troia. CREATIVITÀ OBBLIGATA Sono queste caratteristiche ad avere permesso che il termine virale trovasse posto con facilità ed eleganza accanto alla parola marketing. Così il viral marketing è diventato una tecnica che, attraverso meccanismi analoghi a quelli dei virus biologici o informatici, sfrutta i social network per incrementare la brand awareness o ottenere altri obiettivi commerciali. Il virus in questo caso è un mediatore simbolico che può assumere la forma di un video, di un sito web, di un advergame o anche solo di un semplice testo. Questi formati assolvono la funzione di mediazione poiché codificano al loro interno un algoritmo di marketing, un insieme di istruzioni rivolte ai consumatori e tese alla valorizzazione del prodotto. Come nel caso dei virus biologici o informatici, l essenziale non è la replicazione del messaggio ma la propagazione del suo algoritmo: il patrimonio genetico della marca. 11

12 Nel mondo biologico la struttura della capside con cui il virus si presenta alle cellule è uno degli effetti previsti dal suo patrimonio genetico. In informatica come nel viral marketing il modo in cui il patrimonio virale si presenta al pubblico è invece un invenzione creativa. Compito del programmatore come del pubblicitario è quello di immaginare e realizzare un mediatore simbolico che abbia le stesse caratteristiche di inseparabilità che in natura rendono il patrimonio genetico e la capside un unica entità biologica. In gergo informatico si direbbe che si tratta di realizzare un buon hack, una creazione in cui eleganza e funzione si integrano con naturalezza. Quando il mediatore simbolico viene messo alla prova della diffusione deve essere abbastanza robusto da preservare il patrimonio genetico da dinamiche ricombinanti che possono ledere l identità e il messaggio di marca. Per questo la creatività è il vero fattore strategico di ogni campagna virale. Il messaggio virale perfetto dovrebbe avere l efficacia dello Snow Crash di Neal Stephenson4, un virus neurolinguistico in grado di colpire direttamente le strutture profonde del cervello umano, oppure quello della Ninna Nanna di Chuck Palahniuk5, la filastrocca africana che provoca la morte di chi la ascolta. VIRUS E VIROIDI Si dice spesso che i video virali di maggior successo hanno una caratteristica comune: sono stati realizzati con spontaneità,

13 VIRAL K MARKETING inconsapevolezza o incoscienza; non sono cioè stati pensati per essere virali. Si tratta di un affermazione non corretta. I video prodotti in modo ingenuo non possono raggiungere alcun obiettivo di comunicazione preordinato. Il pubblico ne riconosce l innocenza e valuta esclusivamente il contenuto esplicito senza alzare barriere di giudizio o di censura sulle intenzioni del produttore. Grazie a questa caratteristica i contenuti ingenui riescono a raggiungere con maggiore facilità una vasta diffusione. Sebbene presentino caratteristiche epidemiologiche analoghe a quelle dei video virali, quello che qui manca è un patrimonio genetico distinto dalla capside. Il video non comunica altro che se stesso. Se volessimo utilizzare una metafora biologica potremmo parlare di viroidi. I viroidi sono entità biologiche più semplici dei virus poiché privi di capside. Il loro patrimonio genetico e il loro messaggio esplicito coincidono, e non c è spazio per articolare alcuna comunicazione di marca. È una differenza capitale per chi vuole realizzare campagne di marketing virale. La confusione tra virus e viroidi ha portato spesso a un certo automatismo creativo. Vengono costruiti dei mediatori simbolici che emulano le caratteristiche statisticamente più diffuse dei contenuti viroidi di successo. Ecco spuntare banali formule di viralità come sex, pets and absurd o la regola delle tre esse: sangue, sesso o stronzate. In sostanza per garantire la viralità di un messaggio, come una clip video, è sufficiente che il mediatore simbolico giochi su qualche doppio senso sessuale, mostri un gattino impacciato, ci 13

14 faccia vedere un incidente stradale spettacolare oppure qualche strano personaggio impegnato in un attività completamente priva di senso. A scelta le immagini possono avere la bassa qualità di un telefonino o una videocamera di sorveglianza o all opposto sfruttare le ultime novità nel campo della post-produzione. Il prodotto viene infilato nel video con la stessa logica dei peggiori product placement oppure ancor più semplicemente con un packshot di chiusura come in uno spot. Sarebbe questa la ricetta per eccitare gli umori degli utenti del web e spingerli alla condivisione del contenuto. E da un certo punto di vista la ricetta funziona. I migliori video realizzati con queste ricette riescono effettivamente a circolare e a raggiungere i numeri che marketing manager si aspettano da essi. Ma sono poche le aziende i cui valori possono essere espressi compiutamente dal principio delle tre esse e anche in questi casi è sempre complesso rendere solido e coerente il legame tra il mediatore simbolico e il patrimonio della marca. Come sono articolati i valori di marca dentro quelle clip? Reggerà il collante che tiene insieme viralità e comunicazione di prodotto? Il rischio infatti è che quel tenero gattino esprima valori assai diversi da quelli che la marca deve esprimere oppure che la forza delle immagini sia tale che ci si ricordi del gattino ma si dimentichi completamente il prodotto. Per non parlare dei rischi di editing, remix o di spoof da parte di utenti attivi che possono tagliare o sostituire il codino pubblicitario.

15 VIRAL K MARKETING Quando si entra nel mondo della comunicazione virale le dinamiche ricombinanti sono un fattore che deve essere considerato preventivamente per evitare la dispersione del patrimonio genetico e dell identità di marca. Sono gli inconvenienti del passaparola che riemergono a dispetto della riproducibilità digitale. Come nel gioco del telefono senza fili quello che viene detto dal primo giocatore non corrisponde mai a ciò che capisce l ultimo della catena. IL PASSAPAROLA Sembra paradossale il successo del termine passaparola associato alla diffusione di contenuti di digital marketing. Il termine passaparola nasce nel XVII secolo in ambito militare per indicare la tecnica di trasmissione di un ordine da un capo all altro di una fila di soldati. Con la diffusione dei mezzi di comunicazione di massa il significato del termine si è esteso a spiegare la diffusione di informazioni orali che sfuggivano alle maglie della riproducibilità tecnica. Questa caratteristica di irriducibilità agli strumenti di comunicazione convenzionali è esplosa con la rivoluzione digitale. In un mondo in cui tutto diventa riproducibile, il passaparola si manifesta per sottrazione, come rumore oppure come oggetto non identificato. Quando la scrittura si sradica da qualsiasi supporto come nell universo digitale, il testo diventa orfano. Il passaparola invece non è mai stato figlio di nessun supporto, nasce libero 15

16 e senza complessi edipici. Può così indicare con precisione la diffusione informale di informazioni che non sono state pensate per raggiungere obiettivi specifici. Il passaparola si presenta in modo innocente, come la capside di un virus che avvicina una cellula da infettare, ma può dissimulare un contenuto di comunicazione specifico. Ed è esattamente questo l aspetto che sopravvive del significato originario del termine. La parola che passava da un militare all altro serviva a veicolare un comando, un algoritmo, una funzione militare autonoma dal significato della parola trasmessa. Nonostante l utilizzo del passaparola sia stato ampiamente sfruttato come strumento di intelligence per operazioni di disinformazione, fino a oggi le peculiarità e la forza del passaparola nell ambito del marketing sono state utilizzate in modo più empirico che scientifico. Viene dagli studi socio-antropologici una più puntuale analisi del passaparola in grado di spiegare quali sono i meccanismi linguistici che favoriscono il passaggio del patrimonio genetico che può essere veicolato dal passaparola. In particolare sono stati identificati due formati che sono riusciti a piegare la logica conversazionale dell oralità alle esigenze di massimizzazione della riproducibilità verbale. Sono le barzellette e le leggende metropolitane le due forme di narrazione orale che più di qualsiasi altra hanno attraversato le rivoluzioni della stampa, delle comunicazioni di massa e del digitale e conservato la propria identità. Due strutture narrative diverse di cui sono

17 VIRAL K MARKETING state identificate le retoriche e delineate le meccaniche di funzionamento. Entrambe sono narrazioni brevi, emozionali, composte in modo da agevolare la memorizzazione e la successiva ripetizione. Il messaggio privilegia sempre elementi che rispondono al bisogno antropologico di verifica e rafforzamento delle relazioni umane. Il movente psicologico che spinge gli esseri umani a raccontare una barzelletta o una leggenda urbana è sempre il desiderio di consolidare i propri rapporti sociali attraverso la condivisione di sentimenti o di valori. Sono le stesse ragioni che spingono alla condivisione di un contenuto virale sul web: il bisogno di costruzione della propria identità sociale, l affermazione del sé attraverso la presentazione di contenuti estetici o etici, la ricerca o la conferma di una relazione. LEGGENDE METROPOLITANE E BARZELLETTE Le leggende metropolitane sono storie insolite presentate come realmente accadute e raramente suscitano ilarità in chi le ascolta. Secondo Jan Harold Brunvand6, il massimo esperto accademico di urban legend, ogni leggenda metropolitana veicola un contenuto valoriale, una paura sociale, un pregiudizio emergente. Per garantirne il portato emotivo queste storie sono sempre presentate come realmente accadute all amico di un amico. La forza del loro impatto è accresciuta dal numero di persone che racconta la storia come vera, attribuendola ad 17

18 amici diversi o introducendo variazioni individuali. Queste alterazioni narrative piuttosto che indebolire la viralità delle leggende urbane rappresentano una strategia darwiniana di adattamento all ambiente. Si tratta di mutazioni che, come nel caso dei virus, garantiscono alla leggenda una vita più duratura e una maggiore persistenza del patrimonio valoriale veicolato. Le barzellette funzionano in modo diverso. Alla base c è un meccanismo più semplice di rovesciamento in forma comica o ridicola di situazioni normali. Questo rovesciamento, che avviene generalmente al termine della storia, crea un effetto sorpresa e scatena una reazione di ilarità nell ascoltatore. È la condivisione di questa ilarità il meccanismo alla base della viralità delle barzellette, è l affermazione o la conferma di una relazione umana. Per questa ragione il margine di reinterpretazione di una barzelletta è molto basso. Al contrario di quanto avviene nelle leggende metropolitane, apportare una variazione al testo di una barzelletta è sempre un lavoro difficile che rischia di compromettere l efficacia virale della storia. L interpretazione e la mimica paraverbale il saperla raccontare - giocano un ruolo decisivo che può decretare il successo o il fallimento di uno stesso testo. Nel caso delle leggende metropolitane invece il testo nel suo mutare può moltiplicare le occasioni di contagio e garantire così la sopravvivenza del patrimonio valoriale. Per le barzellette esiste invece - sebbene solo in astratto - un unica interpretazione perfetta.

19 VIRAL K MARKETING Da questo punto di vista il meccanismo linguistico alla base della barzelletta è analogo a quello dei viroidi. Le barzellette non comunicano altro che se stesse e per questo sono destinate a scomparire quando non fanno più ridere, cioè quando cambia il contesto storico o culturale con cui si erano concatenate. STRATEGIA r/k In ecologia esiste un modello teorico che descrive la dinamica attraverso la quale una popolazione di una determinata specie cresce e si afferma all interno di un ecosistema. Si tratta di un modello matematico che considera due variabili principali: r è il potenziale biotico della specie che è definito attraverso parametri come la fecondità, il raggiungimento dell età fertile, i tempi di gestazione etc.; K è la capacità portante dell ambiente che esprime il numero massimo di individui della specie che possono essere mantenuti stabilmente in un ambiente. Lo sviluppo della popolazione di ogni specie dipende dal suo potenziale biotico e dalla resistenza che a questo oppone l ambiente circostante. Questo sviluppo può essere rappresentato graficamente attraverso una curva matematica che descrive la strategia di sviluppo della specie. 19

20 POPOLAZIONE r k TEMPO L analisi dello sviluppo demografico delle diverse specie ha reso riconoscibili due comportamenti estremi, indicati rispettivamente come strategia r e strategia K. La prima strategia è tipica di organismi semplici come batteri, funghi, alghe, invertebrati, pesci, piante infestanti ed è caratterizzata da curve di crescita rapida nel breve periodo e andamenti instabili e decrescenti sul lungo periodo. Il caso tipico è quello delle ostriche che depongono 500 milioni di uova l anno a cui non viene prestata alcuna cura. L assenza di cura parentale è la causa dell incapacità di adattamento. Infatti se le ostriche vengono immesse nel giusto contesto marino crescono rapidamente ma se il contesto è sbagliato non hanno le risorse per trovare alternative evolutive. La strategia K si riscontra invece più frequentemente nelle specie evolute come gli uccelli o i mammiferi, organismi con

21 VIRAL K MARKETING ritmi di crescita lenti che, una volta raggiunta la capacità portante dell ambiente, trovano un livello di equilibrio grazie alla propria capacità di adattamento. A differenza delle specie a strategia r, lo sviluppo della popolazione tende a non subire crolli repentini ma ha un andamento asintotico verso la massima capacità portante. Il caso esemplare è quello dei primati che partoriscono a distanza di anni, tempo durante il quale possono fornire a ciascun nuovo membro della specie gli strumenti cognitivi per sopravvivere alle contingenze ambientali e alle possibili avversità future. Possiamo guardare le campagne di viral marketing attraverso il modello r/k e verificare se questo modello può suggerirci un nuovo approccio nella progettazione della campagne. Consideriamo la creatività come il potenziale biotico e il target potenzialmente raggiungibile come la capacità portante dell ambiente. Sono i due fattori chiave inscritti nella progettazione di qualsiasi campagna di comunicazione. Analizzando questi due fattori possiamo prevedere l esito della campagna nei termini di strategia r/k. Avremo così campagne che contagiano rapidamente il target e poi scompaiono dall agenda e altre più lente all avvio ma con una più lunga persistenza nel tempo. Entrambe le strategie possono essere efficaci se raggiungono la capacità portante dell ambiente di comunicazione ovvero tutto il target potenzialmente raggiungibile. In linea di principio se il target è ampio e deve essere raggiunto rapidamente è necessario sviluppare una strategia r con un elevato potenziale 21

22 biotico. Una creatività semplice e generalista di immediata comprensione, tipo sex, pets and absurd può essere la scelta più efficace. Gli utenti sorrideranno e saranno ben disposti a condividere quel momento di allegrezza con i propri amici. Probabilmente una campagna di questo tipo non sarà efficiente nel comunicare con precisione i valori del prodotto ma, se ben strutturata, potrà raggiungere un elevato numero di contatti. Viceversa laddove si voglia ottenere una persistenza nel tempo dei valori della marca, magari presso un target mirato, l approccio migliore è una strategia K. Una campagna che attiva una riflessione narrativa piuttosto che fare leva sulla condivisione d impulso. Il modello ecologico sottolinea però che quando aumenta il numero delle specie in competizione in uno stesso ambiente ne diminuisce la capacità portante. La crescita e lo sviluppo di ogni singola specie vivente diventa più difficile. Allo stesso modo in un ambiente di comunicazione sovraccarico di campagne virali la sopravvivenza di ogni singola campagna diviene più ardua. L utente è sottoposto a un viral overload, un sovraccarico di informazioni che lo porta a innalzare le difese immunitarie e a scegliere con maggior cura cosa condividere e cosa no. Chiaramente in questo contesto diventa più difficile il successo della campagne di tipo r. Per raggiungere risultati soddisfacenti è necessario un potenziale biotico sempre più elevato oppure il drogaggio artificiale dell ambiente attraverso mezzi più tradizionali come inserzioni, banner, digital pr etc.

23 VIRAL K MARKETING Per tale ragione campagne con strategia r hanno maggiori possibilità di successo laddove puntano su nicchie ambientali, target molto ristretti di cui interpretare l idioletto. In questo modo si abbassa la capacità portante dell ambiente e aumentano le possibilità di successo. IL SEEDING Le nicchie possono svolgere inoltre una funzione tattica. Possono essere il microambiente in cui incubare la prima delicata fase di seeding, la fase di inseminazione in cui si sceglie dove e come pubblicare il contenuto virale. È infatti evidente che se non c è un paziente zero nessun virus potrà mai esistere. I viroidi di successo si sviluppano normalmente a partire da un seeding ingenuo. L autore si limita a condivide il contenuto con il proprio network amicale e confida nella proattività dei suoi contatti. Possiamo immaginare che ci siano migliaia di contenuti virali di potenziale successo sepolti nelle bacheca di anonimi autori semplicemente perché non hanno catalizzato l attenzione del loro network più prossimo. Questi contenuti esploderanno magari casualmente in un momento qualsiasi nel tempo quando capiteranno sotto gli occhi dell untore giusto. Chiaramente si tratta di una situazione non compatibile con nessun piano di marketing. Una campagna virale ha necessità di una chiara identificazione del target e deve trovare i migliori canali per raggiungere almeno una parte di esso. Tanto meglio 23

24 è identificata questa porzione maggiori saranno le possibilità e la velocità con cui si raggiunge l ambiente portante. Per questo il seeding è una variabile strategica nella progettazione di ogni campagna virale. È necessario selezionare siti web, blog, mailing list, gruppi di discussione e trend-setter a cui affidare la fase di inoculazione della campagna. Si tratta di una fase che non dovrebbe essere considerata secondo parametri quantitativi. Se il mediatore simbolico è stato creato con il giusto potenziale biotico è idealmente sufficiente identificare e contattare un unico paziente zero. Molto spesso si assiste invece a campagne virali che vengono lanciate con logiche pubblicitarie e sostenute forzosamente con inserzioni massive e attività aggressive di digital pr. È un paradosso che deriva da esigenze preventive di contabilizzazione che non sono conciliabili con la scelta di un approccio virale. La fase del seeding è sempre decisiva ma deve essere pianificata con la stessa logica che guida la realizzazione del virus. Se l investimento per il seeding è superiore a quello per realizzare il mediatore simbolico non si sta facendo una campagna virale. Campagne con strategia K possono essere attivate con un seeding a intensità ridotta poiché la portata dell ambiente di comunicazione opporrà comunque la propria resistenza inerziale al potenziale biotico. Ma anche quando ci si affida a una strategia r, la pianificazione del seeding deve essere guidata da logiche qualitative, da una ricerca dei target iniziali calibrata sui bisogni emotivi e valoriali.

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto

marketing 24/36 Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto marketing non convenzionale Stupire! Emozionare! La sorpresa gioca a favore del prodotto buzz marketing guerrilla marketing viral marketing ambient marketing street marketing 24/36 Nulla di nuovo: è il

Dettagli

I Modelli della Ricerca Operativa

I Modelli della Ricerca Operativa Capitolo 1 I Modelli della Ricerca Operativa 1.1 L approccio modellistico Il termine modello è di solito usato per indicare una costruzione artificiale realizzata per evidenziare proprietà specifiche di

Dettagli

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse

Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse UNCONVENTIONAL. LE NUOVE FRONTIERE DELLE CAMPAGNE SOCIALI Interessano anche al volontariato, perché possono aprire nuove prospettive Nel terzo settore la comunicazione è essenziale tanto e forse più di

Dettagli

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta

VF Produzioni Tel 0287250422. Facce Ride. Presenta VF Produzioni Tel 0287250422 Facce Ride Presenta VF Produzioni Tel. 0287250422 2 Risate in tv: Da sempre un sicuro investimento Le barzellette cosa sono La barzelletta è un breve racconto umoristico, trasmesso

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA.

CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CYBER PR: TROVA I TUOI POTENZIALI FANS E LI RENDE PARTE ATTIVA DELLA TUA MUSICA. CHE COS'E' IL CYBER PR? Il CYBER PR è una campagna di promozione discografica digitale il cui scopo è quello di sfruttare

Dettagli

tra la pubblicità online e il ROI

tra la pubblicità online e il ROI Una chiara tra la pubblicità online e il ROI Analisi dell impatto della pubblicità online nel media mix delle società di telecomunicazioni Greg Forbes, Research Manager, Microsoft Advertising Una chiara

Dettagli

condividi Alchimia Digitale >> START

condividi Alchimia Digitale >> START condividi Alchimia Digitale >> START Introduzione Ci sono molti vantaggi nel creare un business online ma molte persone lo fanno perché hanno necessità di guadagnare soldi. Il business online è ideale

Dettagli

Marketing non convenzionale. Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco

Marketing non convenzionale. Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Marketing non convenzionale Corso di Marketing Informatica per il management Università di Bologna Andrea De Marco Definizione Wikipedia Insieme di strategie promozionali che sfruttano metodi di comunicazione

Dettagli

La biblioteca del marketing. www.marketingeditoriale.com. Sfoglia il catalogo on line

La biblioteca del marketing. www.marketingeditoriale.com. Sfoglia il catalogo on line La biblioteca del marketing www.marketingeditoriale.com Sfoglia il catalogo on line 1 La biblioteca di www.marketingeditoriale.com Realizzazione editoriale: ME Autore: Stefano Calicchio Titolo: Trasmetti

Dettagli

Marketing e Comunicazione Virale. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios.it

Marketing e Comunicazione Virale. Gp.Studios Via del Cavone 7, 47100 Forlì tel e fax 0543 84099 www.gpstudios.it info@gpstudios.it Marketing e Comunicazione Virale Definizione di Marketing Virale L espressione marketing viraledenota ogni strategia che stimoli e incoraggi gli individui a trasmettere ad altri e a diffondere un messaggio

Dettagli

AUTO MUTUO AIUTO cos è?

AUTO MUTUO AIUTO cos è? AUTO MUTUO AIUTO cos è? L Auto Mutuo Aiuto è un processo, un modo di trattare i problemi concreti che ciascuno si trova a fronteggiare nella propria vita: malattie, separazioni, lutti, disturbi alimentari,

Dettagli

ANDREA NATELLA. market- ing,

ANDREA NATELLA. market- ing, guerriglia ANDREA NATELLA market- ing, L universo della comunicazione e del marketing sta subendo una radicale trasformazione. Le tecnologie digitali e Internet sono diventate il motore di un nuovo paradigma

Dettagli

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat

Social media marketing. Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Social media marketing Spunti per un discorso con i Giornalisti nell Erba #nonsolochat Il marketing [Wikipedia] Il marketing viene definito come quel processo sociale e manageriale diretto a soddisfare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTÀ DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E MANAGEMENT TESI DI LAUREA IN MARKETING STRATEGICO LE NUOVE FRONTIERE DELLA COMUNICAZIONE ON-LINE:

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale

Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione. CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione. Psicologia Generale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione CdL in Sienze dell Educazione e della Formazione Psicologia Generale A.A. 2013-2014 Docente: prof.ssa Tiziana Lanciano t.lanciano@psico.uniba.it

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald

La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e il modello matematico di Ross e McDonald La malaria e una malattia causata da un parassita, il plasmodio (un genere di sporozoi), che vive e si riproduce alternativamente nell uomo e in un

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

CAPITOLO 3 Previsione

CAPITOLO 3 Previsione CAPITOLO 3 Previsione 3.1 La previsione I sistemi evoluti, che apprendono le regole di funzionamento attraverso l interazione con l ambiente, si rivelano una risorsa essenziale nella rappresentazione di

Dettagli

Il ruolo della comunicazione

Il ruolo della comunicazione IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE Affinché si realizzi lo scambio tra domanda e offerta non è sufficiente il verificarsi della concomitanza delle condizioni materiali dello scambio; è altrettanto necessario

Dettagli

I 5 errori più frequenti

I 5 errori più frequenti I 5 errori più frequenti degli ottici su di Mauro Gamberini In questo report scoprirai: i 5 errori più frequenti commessi dagli Ottici su FB Qual è l errore principale e perché non commetterlo i 5 motivi

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching

Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Gestione del gruppo di lavoro: motivazione e coaching Il team Un gruppo di persone che: condividono uno scopo, hanno un obiettivo in comune collaborano, moltiplicando le loro risorse condividono i vantaggi

Dettagli

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog?

Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Raccontarsi, condividere e apprendere in rete: dai Blog al Podcasting Nuovi modelli comunicativi per la scuola Chi scrive (e Quanto scrive) sui blog? Linda Giannini e Carlo Nati 1 Chi scrive Linda Giannini

Dettagli

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana

EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli. Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana EDUCARE ALLA CORRESPONSABILITA Aspetti psico-educativi nella relazione genitori-figli Alessandro Alessandro Ricci Ricci Psicologo Psicologo Psicoterapeuta Psicoterapeuta Università Università Salesiana

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Il giardino nella macchina: la vita artificiale. 2003 Mauro Annunziato

Il giardino nella macchina: la vita artificiale. 2003 Mauro Annunziato Il giardino nella macchina: la vita artificiale 2003 Mauro Annunziato La fondazione della vita artificiale Chris Langton ( 89) Artificial Life (Alife) : programmi che autonomamente si evolvono all interno

Dettagli

Può fare formazione in modo semplice e immediato. Senza aula, senza sottrarre ore preziose.

Può fare formazione in modo semplice e immediato. Senza aula, senza sottrarre ore preziose. Il format Le storie sono la più potente tecnologia mai creata dall uomo. Nel corso dei secoli hanno svolto le funzioni più diverse: hanno intrattenuto, insegnato, creato gruppi e trasmesso valori. E il

Dettagli

COMUNICAZIONE 3 ANNO Prof. Stefano Rizza

COMUNICAZIONE 3 ANNO Prof. Stefano Rizza http://www.youget.it/comunicare/ COMUNICAZIONE 3 ANNO Prof. Stefano Rizza Dice un proverbio arabo che ogni parola, prima di essere pronunciata, dovrebbe passare da tre porte. Sull'arco della prima porta

Dettagli

STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING

STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING STRATEGIE DI MARKETING NON CONVENZIONALE: MARKETING VIRALE E GUERRILLA MARKETING IL MARKETING VIRALE Adriana Cristiano INDICE - Principale differenza tra marketing tradizionale e marketing virale - Definizione

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa

POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14. Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro. Dispensa DISPENSA I.C.T. POR Regione Campania 2000-2006 Misura 3.14 Promozione della partecipazione Femminile al Mercato del Lavoro Dispensa WEB ADVERTISING: PRINCIPI E TECNICHE PER LA PUBBLICITA ON LINE INDICE

Dettagli

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca

Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca Appunti sulle ricerche per l analisi delle performance di mercato del prodotto e della marca La valutazione delle performance competitive di un prodotto rappresenta una fase centrale del processo di decision

Dettagli

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO

LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO LA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Alessandra Cenerini Presidente ADi 1 ORIGINE DELLA VALUTAZIONE PER L APPRENDIMENTO Il termine è stato ufficialmente coniato dal pamphlet Valutazione per l apprendimento:

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo

HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS e Benessere Riproduttivo HIV-AIDS Un emergenza da non dimenticare A livello globale, l epidemia di HIV-AIDS pare essersi stabilizzata. Il tasso di nuove infezioni è in costante diminuzione dalla

Dettagli

Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand

Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand Come realizzare campagne di branding online attraverso le nuove piattaforme di marketing digitale e aumentare la visibilità del tuo brand Crea sempre contenuti di valore per i tuoi clienti Promozioni,

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO IL POSITIONING DEL PRODOTTO Obiettivi: Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di:

google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: google AdWords facebook Twitter Soluzioni Web Marketing personalizzate Concessionaria ufficiale di: DAVVERO GRANDI. INDICE google ADWORDS 4 facebook & TWITTER 8 Il meglio del Web Marketing... GOOGLE AdWOrds

Dettagli

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO?

LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Cosa fa un bullo? Sai cos è il BULLISMO? LEGGI QUESTE PAGINE, POTRANNO ESSERTI UTILI A CAPIRE E RICONOSCERE IL BULLISMO... Ehi, ti è mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza? Cosa fa un bullo? Prende a calci e

Dettagli

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione

Marketing. Per realizzare la pubblicità outdoor le PMI hanno a disposizione numerose agenzie di comunicazione Outdoor: quando e perché realizzarla Per outdoor, ossia fuori casa si intendono tutte quelle attività promozionali e pubblicitarie che sono visibili all esterno delle pareti domestiche. Si tratta in sintesi

Dettagli

PERSONAL BRANDING: l arte di promuovere se stessi Movicar Srl Formazione in Movimento e ASD L'arte del meglio vivere Personal Branding 1 Noi siamo gli amministratori delegati delle nostre stesse aziende:

Dettagli

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA?

CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? MALATTIE INFETTIVE CHE COSA E UNA MALATTIA INFETTIVA? E IL RISULTATO DEL CONTATTO TRA UN SOGGETTO SANO E UN MICRORGANISMO I MICRORGANISMI POSSONO ESSERE DI DIVERSI TIPI: BATTERI VIRUS FUNGHI BATTERI Posseggono

Dettagli

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza

GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza GUIDA NATURALISTICA La Lomellina, agricoltura e natura come conoscenza ECOLOGIA I 9 marzo 2013 Mariella Nicastro Parco Regionale della Valle del Lambro CHE COS E L ECOLOGIA Se lo chiedete a tre professori,

Dettagli

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali

Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali Seeding e Tracking Come inseminare e misurare i contenuti virali OmnicomExpo, Roma 14 maggio 2009 Viralbeat Viral Beat è un centro media 2.0, specializzato nell attivazione di campagne di seeding strategico.

Dettagli

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI

INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS SOCIAL SOLUTIONS MOBILE SOLUTIONS VIDEO SOLUTIONS MARKETING SOLUTIONS CONNETTITI CON NOI INTERNET SOLUTIONS Sia che vogliate un nuovo sito completo e aggiornato secondo i nuovi criteri

Dettagli

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane

Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Il primo questionario di assessment europeo con un approccio sistemico nato per rispondere alle esigenze più evolute di sviluppo delle risorse umane Che cos è Dolquest? E uno strumento che favorisce e

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE

IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE IL PROGETTO ORGANIZZATIVO-GESTIONALE 1 Un organizzazione è l insieme di attività che hanno bisogno di essere gestite in modo coordinato per essere finalizzate e dirette in funzione del perseguimento dei

Dettagli

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi:

STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION. La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: WEB 2.0 STRUMENTI E TECNICHE LEZIONE 3: BRAND REPUTATION Tina Fasulo VERSO LA DIGITAL BRAND REPUTATION La reputazione di un brand dipende da due fattori collegati e interconnessi: Ciò che viene comunicato

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore

Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Zoonosi e emergenze epidemiche: cosa cambia quando c è di mezzo un vettore Stefano Marangon Gioia Capelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie Definizione di infezione (re)-emergente E un

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Cap.21 La comunicazione digitale. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it

Cap.21 La comunicazione digitale. Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 1 Cap.21 La comunicazione digitale Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it 2 Capitolo 21 La comunicazione digitale La comunicazione digitale Complesso

Dettagli

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto

Marketing politico: Un approccio strategico. Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Marketing politico: Un approccio strategico Marco M. Cacciotto Forme della Comunicazione Politica 16 novembre 2013, San Benedetto del Tronto Una disciplina recente Il marketing politico è una disciplina

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO

vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO vip vip VIRAL IDEA PROJECT Idee e strategie di comunicazione Identifichiamo il giusto canale per diffondere le tue idee. CHI SIAMO Viral Idea Project (VIP) è un progetto nato da un team di professionisti

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006

Branding. Cos è e perché è così importante. Antonio Tresca, 2006 Branding Cos è e perché è così importante Antonio Tresca, 2006 1 Agenda Definizioni: cos è il Brand Anatomia del Brand: le componenti della Brand Equity Perché costruire un Brand forte 2 Definizioni: cos

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO

IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO IL POSITIONING DEL PRODOTTO TURISTICO Far riconoscere i fattori fondamentali attraverso cui l azienda individua e interpreta gli orientamenti della clientela Acquisire consapevolezza dell'importanza di

Dettagli

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA

PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA PIANO PER IL MARKETING TERRITORIALE DELLA REGIONE DI SUMADIJA- POMORAVLJA Introduzione: le strategie di marketing territoriale L Agenzia di Sviluppo Economico della Regione Sumadija-Pomoravlja, nell ambito

Dettagli

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE

IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE E SALUTE Prof. Umberto Tirelli Direttore Dipartimento di Oncologia Medica Istituto Nazionale Tumori di Aviano www.umbertotirelli.it 1 Secondo la definizione della Commissione

Dettagli

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico

14 consigli per essere un perfetto gentleman cattolico Riprendiamo sul nostro sito il testo pubblicato il 4 novembre 2015 dal sito www.aleteia.org Restiamo a disposizione per l immediata rimozione se la presenza sul nostro sito non fosse gradita a qualcuno

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag.

Guida ai Concorsi a Premio Digital. www.aladino-net.com. pag. 1 L obiettivo di questo e-book è quello di creare uno strumento semplice ma molto utile per comprendere quali sono le opportunità per raggiungere e premiare i propri consumatori attraverso i concorsi a

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico?

Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Come rendere la valutazione delle politiche meglio utilizzabile nel processo decisionale pubblico? Alberto Martini alberto.martini@sp.unipmn.it Sintesi: La valutazione intende offrire ai decisori pubblici

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro?

Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Tra il dire e l educare c è di mezzo il web. Come può la comunicazione educare alla cultura dell incontro? Marco Deriu docente di Teoria e tecnica delle comunicazioni di massa, Università Cattolica per

Dettagli

Social Network : Tra Rischi e Opportunità

Social Network : Tra Rischi e Opportunità Social Network : Tra Rischi e Opportunità Analisi Cosa non fare Cosa fare Franco Battistello Imprenditore IT battistello.franco@ibs.vi.it WEB : evoluzione velocissima Quiz : valore di un cellulare Quiz

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Un idea per Eden Viaggi

Un idea per Eden Viaggi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni (CPO) Un idea per Eden Viaggi Anno Accademico 2009/2010 INDICE Premessa

Dettagli

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson

Funerali senza dio - capitolo 6. Richard Brown & Jane Wynne Willson Funerali senza dio - capitolo 6 Richard Brown & Jane Wynne Willson Edizioni Omnilog 2010 6. Stesura della cerimonia Questo capitolo presenta un modello per preparare il testo di un funerale laico, e spiega

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

VISUAL COMMUNICATION. Le immagini generano. LA condivisione. E-book n 3 - Copyright Reserved

VISUAL COMMUNICATION. Le immagini generano. LA condivisione. E-book n 3 - Copyright Reserved VISUAL COMMUNICATION Le immagini generano LA condivisione Indice «L occhio vede ciò che la mente conosce.» Formati immagine e risoluzioni pagina 3-4 Visual Story Telling pagina 5-8 Tim Berners-Lee Gioca

Dettagli