ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI"

Transcript

1 ALIMENTI E TECNOLOGIE ALIMENTARI

2 Alimenti e tecnologie alimentari Mutamenti sociali, economici e culturali degli ultimi 60 anni Mutamenti nelle abitudini alimentari: abbandono dieta mediterranea vs dieta ricca di grassi animali, condimenti, zuccheri semplici, povera di fibra Aumentata insorgenza di patologie cronico-degenerative: diabete, ipertensione, cardiopatie ischemiche, tumori ed OBESITA

3 Alimenti e tecnologie alimentari Necessità di garantire ai consumatori due diritti fondamentali: 1) la sicurezza dei prodotti alimentari La Commissione della CE ha emanato nel tempo diversi regolamenti, direttive e raccomandazioni, volti a disciplinare la produzione, l importazione e la commercializzazione dei prodotti alimentari 2) la possibilità di una scelta consapevole Campagne di educazione alimentare e divulgazione di lineeguida per una corretta e sana alimentazione

4 Food Safety and Food Security Ad oggi si punta alla possibilità che tutta la popolazione mondiale abbia accesso ad alimenti sicuri e sani Paesi industrializzati: obiettivo quantitativo raggiunto -Grande produttività industriale - allargamento dei mercati - moderne tecniche di produzione e conservazione Attenzione è rivolta alla QUALITA SICUREZZA ALIMENTARE SALUBRITA E GARANZIA DI NON TOSSICITA DEGLI ALIMENTI FOOD SAFETY

5 Food Safety and Food Security Nei Paesi in via di sviluppo (Africa, Asia) l obiettivo da raggiungere diventa quantitativo: FOOD SECURITY SICUREZZA NUTRIZIONALE: - accesso ad alimentazione equilibrata - ad acqua potabile in misura che tutta la popolazione (bambini, adulti e anziani) possano esprimere integralmente il loro potenziale genetico di sviluppo fisico e mentale

6 Errate abitudini alimentari Ridotta attività fisica Malnutrizione per eccesso Incremento dell interesse dell industria alimentare Alimenti e tecnologie alimentari Patologie cardiovascolari, dismetaboliche e degenerative Incremento dell interesse dei consumatori verso le problematiche inerenti l alimentazione Prodotti modificati o innovativi con possibili proprietà salutistiche

7 Alimenti e tecnologie alimentari Classificazione (in continua evoluzione) Alimenti modificati (light; arricchiti; fortificati) Alimenti biologici Alimenti funzionali Alimenti innovativi (novel foods) Alimenti geneticamente modificati

8 ALIMENTI MODIFICATI 1) Alimenti nei quali uno o più nutrienti sono stati tolti Alimenti light

9 ALIMENTI Light A basso contenuto di zuccheri Senza zuccheri I carboidrati sono sostituiti da dolcificanti (aspartame, acesulfame, xilitolo, fruttosio, saccarina, etc.)

10 ALIMENTI MODIFICATI A basso contenuto di grassi Senza grassi

11 ALIMENTI FORTIFICATI O ARRICCHITI Gli alimenti arricchiti addizionati di vitamine o sali minerali che normalmente contengono; quelli fortificati sono addizionati di vitamine o sali minerali che normalmente non contengono (ferro nel latte) Arricchimenti e fortificazioni sono importanti quando dimostrata una carenza in una particolare popolazione o in un gruppo di popolazione (bambini, anziani, etc.). In questo caso è necessario identificare quale alimento arricchire o fortificare (deve essere comunemente assunto dalla popolazione target) e, successivamente, monitorare l efficienza dell intervento.

12 ALIMENTI FUNZIONALI (NUTRACEUTICI) Alimenti che esercitano una influenza positiva su alcune funzioni dell organismo Tale influenza si realizza indipendentemente dal valore nutrizionale dell alimento legata alla presenza di componenti dell alimento presenti naturalmente Per classificare un alimento come funzionale è necessario che venga dimostrato, in modo scientificamente rigoroso, che l alimento è in grado di interagire con i fenomeni biochimici o genetici che stanno alla base di una data funzione; dovrebbe essere chiaro il meccanismo che lega l ingestione dell alimento con la protezione dall insorgenza della malattia

13 ALIMENTI FUNZIONALI : PROBIOTICI E I PREBIOTICI I probiotici contengono microrganismi che possono modificare la qualità della flora intestinale e migliorare le difese immunitarie, agendo sul sistema linfatico intestinale. yogurt (latte di mucca fermentato con Lactobacillus bulgaricus e Streptococcus termophilus). Effetto benefico: capacità dei batteri dell alimento di migliorare la qualità della microflora intestinale, poichè inibirebbero l attecchimento e la crescita di batteri patogeni

14 ALIMENTI FUNZIONALI : PROBIOTICI E I PREBIOTICI Gli alimenti prebiotici contengono oligosaccaridi non digeribili (lattulosio, lattitolo, raffinoso, stachioso, verbascoso, inulina, amido resistente all amilasi), naturali o addizionati, che, fermentando, favoriscono la crescita di alcuni ceppi batterici intestinali, anziché altri capaci di stimolare selettivamente la crescita e/o l'attività di uno o di un numero limitato di batteri benefici presenti nel colon Abuso di tali alimenti Eccessiva fermentazione Flatulenza e diarrea

15 Vero e proprio organo La microflora Oltre 400 specie batteriche, sia aerobiche che anaerobiche (99%) Funzioni sintesi di vitamine produzione di acidi organici e gas reazioni di glicosilazione metabolismo dei composti steroidei sviluppo del sistema immunitario

16 La microflora Il ph acido gastrico è una vera e propria barriera chimica che si oppone all ingresso di batteri estranei provenienti dalla cavità orale Lo stomaco umano è privo di una vera e propria flora normale Tuttavia nel lume possono essere rinvenuti Streptococchi e Lattobacilli (aerobi). Inoltre, la sua parete può essere colonizzata da alcuni microrganismi, come l Helicobacter pylori Nel tenue, il numero dei batteri aumenta progressivamente dal duodeno all ileo Nel duodeno, la flora riflette quella dello stomaco sia quantitativamente che qualitativamente, mentre nell ileo distale (densità batterica 10 6 CFU/ml), riflette quella del colon

17 La microflora Nel crasso, la concentrazione e la composizione batterica è differente. Nel cieco, la concentrazione batterica è 10 8 CFU/ml, mentre nel colon di sinistra e nelle feci all emissione è la proliferazione batterica è notevole, ed è limitata da: La normale peristalsi, che determina la regolare eliminazione di quote di batteri con le feci La presenza del tessuto linfoide intestinale

18 La microflora Il 99% dei batteri presenti sono anaerobi non sporigeni Gli anaerobi facoltativi (Lattobacilli ed Escherichia coli) sono circa il 25% della microflora del cieco, mentre nelle feci all espulsione prevalgono nettamente gli anaerobi obbligati (Bifidobatteri, Bacterioides e Clostridi) Le specie batteriche reperibili nelle feci variano molto tra i diversi individui, ma in uno stesso soggetto la composizione della microflora è abbastanza stabile La variabilità da soggetto a soggetto può dipendere dal tipo di alimentazione del soggetto

19 La microflora 1. Alla nascita, l intestino è sterile 2. Colonizzazione da parte di microrganismi provenienti da fonti diverse 3. Processi di selezione Qualità finale Importanza dell alimentazione nel primo anno di vita Nei neonati allattati al seno predominano Bifidobatteri (ceppo particolarmente benefico per la salute umana)e, in minor misura, Lattobacilli, mentre i neonati allattati artificialmente presentano, oltre che Bifidobatteri, Bacteroides e, in minor misura, Escherichia coli, Stafilococchi e Clostridi; inoltre, tale flora si insedia più precocemente Svezzamento Aggiunta di alimenti diversi dal latte in un apparato digerente le cui funzioni non sono ancora ben sviluppate Cambiamento della microflora Substrati diversi utilizzabili dai batteri A un anno, la flora assume i connotati della flora dei soggetti adulti

20 FUNZIONI DELLA MICROFLORA 1. Sviluppo, stimolazione e modulazione del sistema immunitario Durante la vita, la mucosa intestinale viene a contatto con un numero incalcolabile di antigeni (batteri, virus, parassiti, antigeni alimentari, farmaci e diversi altri composti chimici) Gut-Associated Lymphoid Tissue (GALT): -linfociti presenti tra le cellule epiteliali (1/6 delle cellule del villo), e nel connettivo della lamina propria, - follicoli linfatici isolati (più frequenti nel colon) o aggregati (placche del Peyer, nell ileo) Ad un corretto sviluppo partecipa la microflora poiché animali germ-free hanno alterazione nello sviluppo del sistema immunitario intestinale

21 2. DIFESA CONTRO BATTERI ESOGENI I batteri della microflora intestinale inibiscono l adesione di batteri esogeni introdotti con gli alimenti, competono con essi per i substrati metabolici, producono sostanze ad attività antibatterica (batteriocine e acidi grassi volatili) Antibiotici Inibitori della pompa protonica Aumento del ph gastrico Rottura dell equilibrio fra le specie batteriche autoctone Colonizzazione di specie batteriche resistenti (Clostridium difficile) Accrescimento eccessivo di specie indigene resistenti

22 3. DIGESTIONE DI NUTRIENTI NON ALTRIMENTI DIGERIBILI Dai carboidrati non digeriti Acidi grassi volatili (acetico, propionico, butirrico) Modulano il turnover e la differenziazione dei colonociti. In particolare, l acido butirrico è una fonte energetica per queste cellule Trascurabile fonte energetica nell uomo Fino a 1 anno, la secrezione pancreatica di amilasi è l 1-6% dell adulto. Raggiunge i livelli dell adulto all età di 5 anni Una significativa quantità di carboidrati fermentescibili e di amido passa nel crasso dove viene fermentata In età neonatale, la produzione e l assorbimento degli acidi grassi volatili (osmoticamente attivi) inducono assorbimento idrico nel crasso

23 4. SINTESI DI VITAMINE Vitamine del gruppo B e la vitamina K Entità variabile e, di solito, nutrizionalmente non rilevante La malattia emorragica del neonato è dovuta non solo alla sterilità dell intestino neonatale, ma anche alla scarsa quantità di vitamina K nel latte materno e alla ridotta capacità del fegato neonatale a sintetizzare i fattori della coagulazione Il ruolo della sintesi batterica della vitamina K è ancora da definire Tuttavia, quando l assunzione con gli alimenti è scarsa, la somministrazione di un antibiotico che inibisca la crescita della flora intestinale, può aggravarne la carenza

24 5. Correlazioni tra microflora, sue attività metaboliche e tumori del colon L alimentazione di tipo Occidentale, ricca di grassi e di carni, incrementa il rischio di contrarre il carcinoma del colon Bacteroides e Clostridium sono associati ad una maggiore frequenza e ad una maggiore velocità di crescita dei tumori del colon, mentre Lattobacilli e Bifidobatteri mostrano un effetto protettivo (studi su animali)

25 5. Correlazioni tra microflora, sue attività metaboliche e tumori del colon β-glicuronidasi e 7α-deidrossilasi della microflora determinano deconiugazione dei sali biliari con formazione di sali biliari secondari Tra questi l acido chenico in acido litocolico; poichè cancerogeno l entità di questa trasformazione è un fattore importante per il rischio di carcinoma del colon La microflora presenta anche attività azoreduttasica e nitroreduttasica; enzimi che riducono composti organici aromatici azotati (spesso presenti negli alimenti come i coloranti alimentari) ad amine aromatiche con comparsa di composti intermedi N-idrossilati e di nitrosamine, considerati sostanze cancerogene

26 5. Correlazioni tra microflora, sue attività metaboliche e tumori del colon Diversi enzimi della microflora sono inducibili dal substrato Col variare del tipo di alimentazione, è possibile un cambiamento di alcune attività metaboliche dei ceppi batterici Diversi studi indicano che l assunzione di fibra alimentare riduce molte attività enzimatiche della microflora (soprattutto le attività 7α-deidrossilasica, β-glucoronidasica, nitroreduttasica e azoreduttasica) e quindi l escrezione fecale di prodotti potenzialmente cancerogeni

27 6. Attività metabolica della microflora e metabolismo degli estrogeni Circa il 60% degli estrogeni circolanti vengono coniugati nel fegato con acido glicuronico o con solfato ed escreti con la bile Come i sali biliari, successivamente vengono in parte riassorbiti e ritornano al fegato La β-glicuronidasi e la solfatasi della microflora operano le reazioni inverse rispetto a quelle operate dal fegato; gli estrogeni deconiugati sono in parte riassorbiti e in parte escreti con le feci; quelli non deconiugati vengono escreti quasi del tutto con le feci Una terapia antibiotica che abbia ripercussioni sulla microflora può ridurre l emivita dei contraccettivi orali

28 Problematiche inerenti l uso dei probiotici 1. L efficacia Studi in vivo sull uso dei probiotici nella prevenzione o nella terapia di diverse patologie hanno fornito risultati sia positivi che negativi Le diversità nella gravità delle patologie e nelle condizioni sperimentali possono essere responsabili di risultati diversi Cause Sono stati presi in esame differenti ceppi di batteri Ogni ceppo batterico potrebbe essere maggiormente utile per una data patologia, anziché per un altra; bisognerebbe conoscere più specificamente le caratteristiche dei diversi batteri e utilizzarli in modo più mirato Occorrono molti altri studi clinici controllati

29 Problematiche inerenti l uso dei probiotici 2. La sicurezza Sono stati descritti fenomeni indesiderati anche gravi, soprattutto endocarditi Ceppi di Lattobacilli reperiti nelle feci umane presentano resistenza agli antibiotici in percentuale superiore ai Lattobacilli che si trovano nei prodotti lattiero-caseari La resistenza agli antibiotici è un fenomeno che i Lattobacilli acquisiscono nell uomo Possibile diffusione della resistenza agli antibiotici nell ambiente

30 Normativa sugli alimenti funzionali Cosa sono i (nutritional claims) e gli (health claims)?

31

32 Tali indicazioni fanno riferimento ai seguenti elementi: a) il ruolo di una sostanza nutritiva per la crescita, lo sviluppo e le funzioni dell organismo, o b) funzioni psicologiche e comportamentali, o c)... il dimagrimento o il controllo del peso oppure la riduzione dello stimolo della fame o un maggiore senso di sazietà o la riduzione dell energia apportata al regime alimentare

33 ALIMENTI BIOLOGICI Sono alimenti provenienti da agricoltura biologica, in cui è escluso l uso di concimi o altri composti chimici; ma utilizzando metodologie biologiche I princîpi su cui si basa l agricoltura biologica sono la salvaguardia delle risorse naturali ed il mantenimento delle biodiversità Sfruttamento della fertilità naturale del suolo, esclusione dell uso dei prodotti chimici di sintesi, degli OGM e delle radiazioni ionizzanti Limitato l impatto sull ambiente, l inquinamento di terreni e delle acque La produzione può essere agevolata solo con l uso di prodotti vegetali, animali e minerali, non di sintesi; in difesa delle piante viene privilegiata la lotta biologica

34 ALIMENTI BIOLOGICI La produzione biologica interessa anche gli animali. In questo caso, le tecniche di allevamento rispettano il benessere degli animali, che vengono alimentati con vegetali ottenuti dall agricoltura biologica Vietati gli allevamenti intensivi e i metodi di forzatura della crescita Per le patologie animali, il principio fondamentale è la prevenzione Per la terapia sono permessi rimedi omeopatici e fitoterapici, tranne nei casi in cui l uso di farmaci allopatici sia assolutamente indispensabile

35 Problematiche legate alla diffusione dell agricoltura biologica 1. Sicurezza Con i metodi di coltivazione biologica, almeno teoricamente, i vegetali sono più facilmente esposti ad infestazioni fungine Rischio della presenza di micotossine

36 Problematiche legate alla diffusione dell agricoltura biologica 2. Sostenibilità Le coltivazioni biologiche hanno inevitabilmente una resa minore Per ottenere una stessa quantità di raccolto, necessita una maggiore estensione di terreno È opportuna la diffusione dell agricoltura biologica, se è vero, come purtroppo è vero, che annualmente milioni di persone muoiono per denutrizione?

37 Problematiche legate alla diffusione dell agricoltura biologica 3. Costi La resa è minore e si rende necessario un maggior numero di lavorazioni meccaniche Costi di produzione superiori Costi di commercializzazione superiori Prodotto biologico = Prodotto elitario

38 ALIMENTI INNOVATIVI ( NOVEL FOODS ) Da diversi anni, le industrie alimentari propongono alcuni alimenti nuovi o contenenti ingredienti inconsueti Lo scopo: rispondere alle richieste dei consumatori sempre più consapevoli verso consumo di alimenti come mezzo per prevenire malattie cronico degenerative e mantenere un buono stato di salute e di benessere Rischi: immissione nel mercato dei novel foods può determinare fenomeni tossici o allergici, o perché la sostituzione degli alimenti tradizionali con essi può essere per il consumatore svantaggiosa dal punto di vista nutrizionale

39

40 ALIMENTI INNOVATIVI ( NOVEL FOODS )

41 ALIMENTI INNOVATIVI ( NOVEL FOODS ) Le industrie alimentari propongono i novel foods come risposta alla richiesta da parte dei consumatori di alimenti che possono esercitare un effetto positivo sulla salute Ci si è resi conto presto che le problematiche inerenti la produzione e la commercializzazione degli OGM, nonché le loro finalità, sono assolutamente diverse Due differenti normative per i novel foods e gli OGM Per gli OGM sono in vigore la Dir. CEE 2001/18/CE ed il Regolamento CE 1829/2003 Per i novel foods la nuova normativa è ancora allo stadio di proposta, per cui vige ancora il Regolamento del 97

42 ALIMENTI INNOVATIVI ( NOVEL FOODS ) I novel foods la cui commercializzazione è consentita dalla CE sono: alimenti e bevande: prodotti lattiero-caseari (yogurt, formaggi molli) addizionati di fitosteroli succo ottenuto dal gelso indiano (o noni: Morinda citrifolia), succhi di frutta ottenuti mediante pastorizzazione ad elevata pressione; composti da utilizzare per la preparazione di alimenti: margarine addizionate di fitosteroli, oli ricchi di DHA proveniente da microalghe coadiuvanti tecnologici nell industria alimentare: proteine coagulate di patate, fosfolipidi estratti dal tuorlo, trealosio,

43 GLI ALIMENTI OGM MUTAGENESI

44 GLI ALIMENTI OGM Perché un organismo possa essere indicato come geneticamente modificato, è importante non tanto la provenienza del gene o dei geni inseriti, quanto piuttosto la modalità con cui la modifica è stata effettuata Se si trasferisce un gene da un organismo ad un altro appartenente ad una specie diversa, avremo un OGM transgenico; se l organismo che fornisce il gene e quello che lo riceve appartengono alla stessa specie, avremo un organismo cisgenico, ma considerato sempre un OGM

45 GLI ALIMENTI OGM Per verificare se il trasferimento del DNA è avvenuto con successo, insieme al DNA codificante la proteina voluta, viene inserito DNA codificante per una determinata caratteristica facilmente evidenziabile (marker) spesso è la resistenza ad un determinato antibiotico; in questo modo, le cellule ospiti vengono fatte crescere in un terreno di coltura contenente quell antibiotico; le cellule che non muoiono sono quelle che hanno il marker e, di conseguenza, anche il gene che si voleva trasferire Solitamente nei prodotti GM vengono inseriti geni per la resistenza ad antibiotici

46 GLI ALIMENTI OGM SCOPO delle manipolazioni genetiche: ottimizzare la produzione di quel dato alimento (piante che crescono più in fretta, più resistenti a condizioni climatiche avverse, a funghi e batteri, agli erbicidi e agli insetti, nutrizionalmente migliori)

47 VANTAGGI Da sempre, sia mediante incroci e innesti, sia mediante l uso di agenti fisici (radiazioni: frumento Creso ) Fenotipi con caratteristiche più vantaggiose Le modificazioni dei fenotipi sono elevate e non prevedibili Non facilmente controllabili Teoricamente, gli OGM dovrebbero rappresentare un passo avanti, in quanto vengono inseriti geni ben determinati, di cui si conosce la funzione Maggiore prevedibilità In realtà, vi sono diverse incertezze legate sia alla sicurezza degli OGM, sia agli effetti sugli ecosistemi dell immissione di OGM

48 SVANTAGGI Imprevedibilità delle modificazioni indotte Che il gene introdotto sia ben conosciuto non significa che non possa dare sorprese a livello fenotipico, interagendo con altri elementi dell ecosistema in modo imprevedibile. Una cosa è lasciare che l ambiente selezioni le modificazioni genetiche, un altra è introdurre un gene da un altra specie o da un altro regno, violando i confini della evoluzione naturale e con effetti non prevedibili in ecosistemi complessi

49 La sicurezza alimentare degli OGM CONTRO Possibili allergie Alcune proteine trascritte dai geni inseriti possono essere responsabili di manifestazioni allergiche Questo si è verificato sicuramente nel caso di una varietà di soia alla quale era stato inserito un gene proveniente dalla Noce del Brasile, al fine di migliorare il valore biologico delle proteine, aumentando la quantità di aminoacidi solforati Possibile tossicità per l uomo La tossicità può essere diretta oppure realizzarsi inducendo nelle piante la formazione di sostanze tossiche

50 La sicurezza alimentare degli OGM PRO Da oltre 10 anni almeno negli USA vengono consumati alimenti GM e (tranne il caso prima citato) non sono stati riscontrati fenomeni tossici o allergici legati ad essi

51 La sicurezza alimentare degli OGM In USA, prima di esserne autorizzato il commercio, gli alimenti GM devono superare tests di tossicità e di allergenicità presso enti come l FDA (Food and Drug Administration), gli NIH (National Institutes of Health), l EPA (Environmental Protection Agency) Nella CE (vegetali GM ammessi: soia, mais, colza, cotone), la garanzia di sicurezza (e quindi la produzione e la commercializzazione) è affidata agli Stati membri, che indicano le autorità competenti che dovranno valutare caso per caso, secondo parametri ben precisi, se un OGM possa avere effetti negativi sulla salute e/o sull ambiente Questi organismi hanno anche funzioni di controllo e di monitoraggio

52 OGM ed ambiente Incertezze riguardanti: l interazione tra OGM ed altri organismi, sia della stessa specie che di specie diversa il possibile aumento dell inquinamento da pesticidi la possibile diffusione in natura della resistenza agli antibiotici

53 Interazione tra OGM ed altri organismi, sia della stessa specie che di specie diversa CONTRO Vantaggio selettivo nei confronti degli organismi non-gm, sia della stessa specie che di specie diversa Possibile distruzione delle varietà autoctone Il flusso di geni da OGM a non-ogm potrebbe portare a conferire a questi ultimi alcune caratteristiche che prima non possedevano (es.: se una pianta non-ogm acquisisce la capacità di non essere attaccata da alcune specie di insetti, potrebbe diventare infestante) Perdite economiche in quei produttori che hanno investito in coltivazioni non-gm

54 Interazione tra OGM ed altri organismi, sia della stessa specie che di specie diversa Principi generali e indicativi per la coltivazione di OGM Adeguatezza delle distanze tra le coltivazioni (variabili a seconda se le piante da coltivare sono allogame o autogame); creazione di barriere per il polline (impianto di siepi); applicazione di sistemi di rotazione colturale; uso di mezzi opportuni per la lavorazione del terreno; attuazione di pratiche di manipolazione e conservazione delle sementi e dei raccolti che evitino le mescolanze o le fuoriuscite accidentali

55 Interazione tra OGM ed altri organismi, sia della stessa specie che di specie diversa Queste raccomandazioni non garantiscono la impossibilità che si verifichino commistioni di geni Ad esempio, la distanza di sicurezza può non bastare: alla lunga, le piante OGM proprio perché più resistenti, potrebbero, in modo prima non prevedibile, penetrare ed aggredire diversi habitat e sostituire le piante non OGM Tra l altro gli studi intrapresi per stabilire le distanze da osservare tra coltivazioni GM e non-gm non sono conclusivi, date le numerose variabili in causa

56 Interazione tra OGM ed altri organismi, sia della stessa specie che di specie diversa CONTRO Alcune piante OGM sono progettate per resistere agli insetti In linea teorica, questo potrebbe ridurre il ricorso agli insetticidi e, nel contempo, assicurare raccolti più abbondanti La resistenza agli insetti è fornita da un gene di un batterio, il Bacillus thuringiensis, che esprime una proteina tossica per gli insetti, ma non per l Uomo Possibilità che si selezionino naturalmente insetti resistenti alla proteina tossica

57 Possibile aumento dell inquinamento da pesticidi CONTRO PRO Piante resistenti a specifici erbicidi (magari prodotti dalla stessa multinazionale che commercializza i semi GM) Piante resistenti agli insetti minore uso di pesticidi riduzione dell inquinamento Maggiore rischio per il consumatore di ingerirne Inquinamento di suolo ed acqua

58 Possibile diffusione in natura della resistenza agli antibiotici CONTRO PRO L inserimento di un gene per la resistenza ad un antibiotico (i più usati riguardano kanamicina e ampicillina) è utilizzato come espediente tecnico (marker) per identificare e selezionare le cellule nelle quali la modificazione genetica è riuscita La normativa CEE prevede che da 2010 gli OGM autorizzati non debbano presentare come marker alcun gene per la resistenza agli antibiotici Possibilità di propagazione nell ambiente, soprattutto nei batteri, della resistenza agli antibiotici

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti

Organismi Geneticamente. Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti Organismi Geneticamente Modificati Estratto da FederBio 2014 Vademecum sugli OGM Cosa sono e quali sono le loro caratteristiche ed effetti In Italia è vietata la coltivazione di OGM, anche se non ne è

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Alterazioni della flora intestinale?

Alterazioni della flora intestinale? Alterazioni della flora intestinale? Una gamma di prodotti per una microflora intestinale bilanciata ed efficiente. Qualità, Efficacia, Garanzia. Think Green. Live Green. PER IL MANTENIMENTO DI UN INTESTINO

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

Alimenti funzionali II

Alimenti funzionali II Alimenti funzionali II Probiotici Etimologia della parola Dal greco Pro Bios cioè A favore della vita Il termine è stato usato per la prima volta a metà del secolo scorso Definizione Probiotico è un supplemento

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale

MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI. Carmine Correale MAS MARKER ASSISTED SELECTION SELEZIONE ASSISTITA DEI MARCATORI Carmine Correale CHE COS E La Selezione Assistita dei Marcatori (MAS Marker Assisted Selection) è una tecnica che accelera e semplifica la

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere).

In agricoltura biologica non si utilizzano sostanze chimiche di sintesi (concimi, diserbanti, anticrittogamici, insetticidi, pesticidi in genere). L'agricoltura biologica è un metodo di produzione regolato sotto l aspetto legislativo a livello comunitario con un primo regolamento, il Regolamento CEE 2092/91, sostituito successivamente dai Reg. CE

Dettagli

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti.

IL VIAGGIO DEL CIBO. Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. IL VIAGGIO DEL CIBO Quando arrivano nel corpo, gli alimenti compiono un lungo viaggio di trasformazione per diventare nutrienti. Dalla bocca passano nello stomaco e da qui all intestino per poi venire

Dettagli

La digestione degli alimenti

La digestione degli alimenti La digestione degli alimenti Le sostanze alimentari complesse (lipidi, glucidi, protidi) che vengono introdotte nell organismo, devono subire delle profonde modificazioni che le trasformano in sostanze

Dettagli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli Definizione di farmaco ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative

Dettagli

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane

Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Integratori alimentari a base di probiotici: Linee Guida Italiane Alfonsina Fiore DSPVSA Reparto Pericoli Microbiologici Connessi agli Alimenti Istituto Superiore di Sanità Convegno INTEGRATORI ALIMENTARI:

Dettagli

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto.

L unico ceppo probiotico autorizzato sia per il cane sia per il gatto. Probiotico che ha nuovamente ottenuto l autorizzazione a livello Europeo per l uso nel cane e nel gatto in base alla Direttiva 1831/2003 Vi presentiamo la strada scientificamente provata per integrare

Dettagli

FOOD AND WATER FOR LIFE

FOOD AND WATER FOR LIFE FOOD AND WATER FOR LIFE 1.000.000.000 di persone soffrono la fame, la malnutrizione e la sete Milioni di persone soffrono per malattie associate al sovraalimentazione o per nutrizione di scarsa qualità

Dettagli

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO

NOVEL FOOD: QUADRO TECNICO NORMATIVO Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA SICUREZZA ALIMENTARE E GLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE Direzione Generale dell Igiene e Sicurezza, degli Alimenti

Dettagli

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M

Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Organismi Geneticam ente Modificati O.G.M Uno dei problemi inerenti lo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico, che sarà di seguito affrontato per gli importanti risvolti che presenta per lo sviluppo

Dettagli

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana

Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Organismi Geneticamente Modificati (OGM) Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana IL DNA L'acido desossiribonucleico o deossiribonucleico (DNA) presente nelle cellule di

Dettagli

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario

Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Milano, 16 ottobre 2015 Il microbiota intestinale e il sistema immunitario Annamaria Castellazzi Dipartimento di Scienze Clinco-chirurgiche, Diagnostiche e pediatriche Università degli Studi di Pavia Vice-Presidente

Dettagli

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ

ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ Secondo le Nazioni Unite, circa 25 mila persone muoiono di fame tutti i giorni, soprattutto bambini e anziani. Per ELIMINARE LA FAME E LA POVERTÀ, è prioritario affrontare la questione della terra, del

Dettagli

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa

Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa Alimentazione Equina: il valore aggiunto dell'olio e semi di canapa L uomo ha sempre cercato di addomesticare i cavalli a seconda delle esigenze che più gli convenivano, sia per il lavoro che per il divertimento,

Dettagli

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO

PRO CONTRO GENETICAMENTE MODIFICATO ORGANISMO ORGANISMO GENETICAMENTE MODIFICATO PRO CONTRO LA FAME NEL MONDO Il maggior utilizzo degli Ogm consentirà una maggiore produttività dei raccolti, garantendo cibo in abbondanza anche ai paesi più arretrati

Dettagli

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes

dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes dal latte, il Latte LINEA VITAL I vantaggi dell innovativa integrazione Frabes La rimonta è il futuro di un azienda, rappresenta un investimento per la redditività a lungo termine. Particolare attenzione

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi

1. Iperlipidemie. 2.2. Fabbisogno di lipidi ,3(5/,3,'(0,( 1. Iperlipidemie Le iperlipidemie, ed in particolar modo l ipercolesterolemia, rappresentano sicuramente il più riconosciuto ed importante fattore di rischio per l insorgenza dell aterosclerosi

Dettagli

LA DIETA VEGETARIANA

LA DIETA VEGETARIANA LA DIETA VEGETARIANA La dieta vegetariana è uno dei modelli dietetici a base vegetale che esclude rigorosamente dall alimentazione la carne di qualsiasi animale. È basata su cereali, legumi, verdura e

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AGRICOLTURA BIOLOGICA: CERTIFICAZIONE DI QUALITA DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI ENTE DI FORMAZIONE: CO.S.P.A. Cooperativa Servizi Professionali Agroalimentari F.I.P.A. Federazione

Dettagli

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita.

1. Obesità. Per valutare la distribuzione del grasso corporeo, si può utilizzare il rapporto vita. 2%(6,7 1. Obesità L incidenza del sovrappeso e/o dell obesità è andata aumentando dal dopoguerra in tutti i paesi industrializzati per l abbondanza e la disponibilità di cibi raffinati da un lato e la

Dettagli

Quale cibo per il futuro?

Quale cibo per il futuro? Quale cibo per il futuro? C. Forni Laboratorio di Botanica e Fitotecnologie Università degli Studi di Roma Tor Vergata forni@uniroma2.it Frascati Scienza 22 9 14 1 Le piante sono costituite da tante molecole

Dettagli

CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CHIMICA DEGLI ALIMENTI CHIMICA DEGLI ALIMENTI Alimento: sostanza che l organismo può assumere e metabolizzare per produrre l energia ed il calore necessari allo svolgimento delle funzioni vitali. Derrata alimentare (Codex Alimentarius,

Dettagli

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle

Piergiovanni Piatti. NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Piergiovanni Piatti NO OGM e carne di RAZZA PIEMONTESE: motivazioni alla base di queste scelte e strumenti per garantirle Impiego di tecniche biomolecolari per l analisi l degli alimenti e la tracciabilità

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto

L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE. Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto L OLIO DIOLIVA EXTRAVERGINE UNA GARANZIA PER LA SALUTE Prof. Publio Viola Presidente Sezione Medico Nutrizionale Accademia Nazionale dell Olivo e dell Olio Spoleto I grassi sono indispensabili per il nostro

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014

EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 ESPOSIZIONE UNIVERSALE (EXPO) EXPO Milano 2015 1 Maggio 31 Ottobre Classe 2B a.s. 2013-2014 CENNI STORICI Cos è EXPO: EXPO = Esposizione Universale EXPO = esposizione a carattere INTERNAZIONALE. Ogni EXPO

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE EZIOPATOGENESI DELLA CARIE saliva Flusso Potere tampone Lisozima, lattoferrina perossidasi Mucine, glicoproteine, lipidi Iga, IgG smalto Ipoplasia Permeabilità Composizione chimica Contenuto di fluoro

Dettagli

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo

Alimentazione nel mondo. I.C. D.Galimberti Bernezzo Alimentazione nel mondo Nord/Sud Una divisione economica più che geografica Situazione mondiale Il 35% dell intera popolazione della terra ha un alimentazione insufficiente, inferiore cioè a 2000 Kcal

Dettagli

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico

I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura vs selvatico UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CAGLIARI Dipartimento di Scienze della Vita e dell Ambiente Laboratorio di Analisi Chimica degli Alimenti - Food Toxicology Unit I prodotti ittici e la salute umana: Acquacoltura

Dettagli

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di

Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di Mangiamo perché abbiamo bisogno di energia, di materiali con cui costruire il nostro corpo, di materiali per riparare parti del nostro corpo, di materiali per fare funzionare il nostro corpo È il carboidrato

Dettagli

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione

Il seno. preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Il seno preserviamolo iniziando da una corretta alimentazione Disturbi al seno: una guerra che può essere vinta iniziando da una corretta alimentazione In ogni età la donna può presentare, in relazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE BIOTECNOLOGIE INNOVATIVE SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA SCIENTIFICO TECNOLOGICO BIOTECNOLOGIE AGRARIE DOCENTE FREDDI MARCELLA MONOENNIO CLASSE 5 CORSO E SEZIONE TECNICA

Dettagli

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE

GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE GLI OMEGA 3: UN CIBO PER LA MENTE Gli acidi grassi omega 3 rappresentano una risorsa fondamentale per la nostra salute, in grado di svolgere numerose funzioni preventive e terapeutiche. Rappresentano un

Dettagli

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali

I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Guida di informazione e approfondimento scientifico Sostenitori del Naturale Curativo I Fermenti Lattici Non sono tutti Uguali Scegliere la QUALITÀ che CONTA è IMPORTANTE! Superceppi selezionati, estratti

Dettagli

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole

Concimi chimici, raffinazione industriale, inquinamento, cibi in scatola ecc.. sottopongono il nostro corpo ad uno stress fisico notevole ALIMENTAZIONE BENESSERE BELLESSERE Le proprietà farmacologiche, salutistiche, estetiche del cibo La mancanza di equilibrio tipica dell alimentazione moderna è spesso correlata al determinismo di molte

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE STUCCHI, REGUZZONI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2548 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI STUCCHI, REGUZZONI Disposizioni per assicurare l informazione dei consumatori sul livello

Dettagli

I prodotti dell agricoltura biologica

I prodotti dell agricoltura biologica I prodotti dell agricoltura biologica non esistono i prodotti biologici, ma i prodotti dell agricoltura biologica due prodotti privi di residui chimici ed assolutamente identici possono essere l uno il

Dettagli

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può

Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può Sale e salute Il sale è un elemento fondamentale per l alimentazione umana ed è costituito da cloruro di sodio (NaCl). Una sua eccessiva introduzione però può causare gravi problemi alla salute. La quantità

Dettagli

Prodotti alimentari «free from»

Prodotti alimentari «free from» Prodotti alimentari «free from» Stefania Pinton Progettazione e Innovazione Cremona, 22/10/2014 THIENE ROMA PARMA CUNEO BARI TRENTO SASSARI UK POLAND CROATIA TURKEY I NUOVI STILI DI CONSUMO Affermazione

Dettagli

Cos è il farro? farro

Cos è il farro? farro La Storia Il farro è un antico grano le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente vicino a quello che ora è l Iran. Coltivato diffusamente fino al principio del XX secolo

Dettagli

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida

Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Il Pediatra tra famiglia, protocolli e linee guida Baia di Conte Alghero - 9 16 Settembre 2006 C è un razionale nella scelta di una formula funzionale nell alimentazione del lattante? V. Tripodi Dipartimento

Dettagli

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE

COMPITO AFFIDATO ALLA COMMISSIONE Roma, 25 marzo 2003 Gruppo di lavoro misto CNBB-MIPAF: Protocolli tecnici per la sperimentazione in regime di sicurezza delle attività di ricerca e di sperimentazione riguardanti gli OGM in campo agricolo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1301 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERNARDO, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, D IPPOLITO VITALE, GERMANÀ, GIAMMANCO,

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Ammendante Compostato Misto

Ammendante Compostato Misto Ammendante Compostato Misto Cos è il Compost? Il Compost deriva da rifiuti, come buona parte dei fertilizzanti, dal letame alla farina di carne, dal cuoio idrolizzato al solfato ammonico. Il Compost non

Dettagli

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra

Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra Sinergie tra nutrienti e fattori limitanti l utilizzo della fibra A. Formigoni e A. Palmonari andrea.formigoni@unibo.it Impianti di Biogas 8 InfoBiogas- Montichiari (Bs) 19-1- 2012 Obiettivi dei gestori

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA

GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA GLI INTEGRATORI ALIMENTARI NELLA PRATICA SPORTIVA INTRODUZIONE Un corretto regime alimentare è in grado di soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un individuo sano. Esistono casi in cui è necessario

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI

ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI ZUCCHERI E FERMENTAZIONI RUMINALI IL RUMINE HA BISOGNO DI ZUCCHERI Micropopolazione Ruminale Nel rumine si trovano microrganismi: 1.BATTERI (10 9-10 10 /ml), 2.MICETI (LIEVITI) (10 7 /- 10 8 /ml), 3.PROTOZOI

Dettagli

Acqua: nutriente essenziale

Acqua: nutriente essenziale Acqua: nutriente essenziale Funzioni dell acqua 1. Solvente delle reazioni metaboliche; 2. Regola il volume cellulare; 3. Regola la temperatura corporea; 4. Permette il trasporto dei nutrienti; 5. Permette

Dettagli

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca

Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Scenari futuri per le produzioni animali e per la relativa ricerca Andrea Rosati European Ambiente Socio Economico La popolazione mondiale raggiungerà 9,2 miliardi nel 2050 La produzione di cibo dovrà

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR)

Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Seminari Merial Italia PROGRAMMA RIPRODUZIONE MERIAL 20 novembre 2008 Corte Morandini, Valeggio sul Mincio (VR) Sommario Colostro e colostratura Il passaggio dall alimentazione lattea a quella solida:

Dettagli

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE

STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE STRESS E PATOLOGIE CORRELATE: STRATEGIE NUTRIZIONALI E MOTORIE Dott. ssa Annalisa Caravaggi Biologo Nutrizionista sabato 15 febbraio 14 STRESS: Forma di adattamento dell organismo a stimoli chiamati STRESSOR.

Dettagli

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa

Omega 3. Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Omega 3 Il Benessere e la Salute prima di tutto Relatore dr Donata Soppelsa Gli Omega 3 Antinfiammatori Naturali Presenza di Omega 3 o 6 Siamo circondati da cibi arricchiti o Functional Foods.. I super

Dettagli

OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili

OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili OGM: AL DI LÀ DELLE APPARENZE Intervista al Prof. Dr. Adolfo Panfili La scelta e la qualità del cibo che consumiamo quotidianamente influenza il nostro benessere e la nostra salute. Abbiamo incontrato

Dettagli

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999)

Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Percentuali di tumori attribuibili a diversi fattori ambientali nel Regno Unito (R.Doll, 1999) Fattore % fumo di tabacco (attivo) 29-31 alcol 4-6 dieta 20-50 infezioni (parassiti, batteri, virus) 10-20

Dettagli

L apparato digerente

L apparato digerente L apparato digerente Distinguiamo le due fasi: DIGESTIONE e ASSORBIMENTO. Attraverso la digestione facciamo entrare i cibi nel nostro corpo, li spezziamo in molecole più piccole; con l assorbimento forniamo

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE

ALIMENTAZIONE E SALUTE Istituto Arrigo Serpieri BOLOGNA Franco Minardi ALIMENTAZIONE E SALUTE 27 aprile 2013 BOLOGNA Definizione di tumore Cos è il tumore: proliferazione a partire da una cellula Tipi di proliferazione: controllata

Dettagli

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016

ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 ETICHETTA NUTRIZIONALE NEI PRODOTTI LATTIERO-CASEARI REGOLAMENTO (UE) 1169 / 2011 MACOMER 23 APRILE 2016 Marcella Cabiddu, Ignazio Ibba, Danilo Muggianu Contribuire ad assicurare un livello elevato di

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE.

L APPARATO DIGERENTE. E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. L APPARATO DIGERENTE E formato da un insieme di organi e di strutture che servono a TRASFORMARE ( cioè DIGERIRE) gli alimenti per poterli ASSORBIRE. Disegno molto semplificato ma efficace che rende bene

Dettagli

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE

EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE EFFETTI DEL TIPO DI SUBSTRATO SUL ph RUMINALE NELL ALIMENTO ph NEL RUMINE Massima quantità di mangimi altamente fermentescibili (come melasso di c.z. e cereali trattati termicamente) determina massimizzazione

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale L APPARATO DIGERENTE un laboratorio chimico naturale Come fa il nostro organismo a sfruttare i principi nutritivi nascosti nel cibo? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le

Dettagli

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone

Viaggi di gusto IRASE UIL. Il latte vegetale. di Daniela Leone Viaggi di gusto IRASE UIL Il latte vegetale di Daniela Leone Questo articolo prende in rassegna le caratteristiche dei diversi tipi di latte vegetale: da quelli più utilizzati, come quello di soia o di

Dettagli

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento L o l i o d i c a n a p a n e l l a l i m e n t a z i o n e L olio di semi di canapa è un alimento che si ricava dalla spremitura a freddo dei semi della pianta di canapa. Il seme di canapa è l alimento

Dettagli

Impatto ambientale delle attività zootecniche

Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche Impatto ambientale delle attività zootecniche: effetto potenzialmente inquinante per l aria, l acqua e il terreno dovuto alle emissioni nell ambiente di varie

Dettagli

Lo svezzamento è l evento più significativo

Lo svezzamento è l evento più significativo STRATEGIE PER MIGLIORARE LA FUNZIONALITÀ INTESTINALE Da vari studi emergono indicazioni per ridurre il più possibile lo stress di tipo nutrizionale, immunologico e psicologico a cui sono soggetti i suinetti

Dettagli

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in

Il progresso tecnico in agricoltura. agricoltura. le dimensioni del progresso tecnico in Il progresso tecnico in agricoltura le dimensioni del progresso tecnico in agricoltura gli effetti del progresso tecnico (il caso del progresso tecnico risparmiatore dei costi) la nuova rivoluzione tecnologica

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare

Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte alimentare Requisiti generali per la produzione di latte alimentare Il latte crudo per essere ammesso all'alimentazione umana non condizionata deve provenire: da allevamenti ufficialmente indenni

Dettagli

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute

Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Sicurezza Alimentare, Qualità dell Ambiente, Garanzia per la Salute Il Biologico nella Ristorazione Collettiva Sabato 7 novembre 2009 Sala Botticelli Palazzo dei Congressi Roma EUR IL BIOLOGICO: REALI

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

Manto del cane: Omega3 Omega6, Canapa e il giusto apporto.

Manto del cane: Omega3 Omega6, Canapa e il giusto apporto. Manto del cane: Omega3 Omega6, Canapa e il giusto apporto. [vc_row][vc_column width= 3/4 ][vc_single_image border_color= grey img_link_target= _self image= 556 img_size= 1280 720 img_link_large= yes lightbox=

Dettagli

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI

CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI CORSO ECM FISIOLOGIA DELLA NUTRIZIONE E PATOLOGIE INFETTIVE GASTROINTESTINALI Razionale Occuparsi di nutrizione ai nostri giorni è il contributo maggiore che si può offrire alla comunità, perché è il metodo

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa

Azioni principali Tonificante, rigenerante, depurativa. Principio Attivo Chlorella Pyrenoidosa CLORELLA Contenuto 1 8 0 c o m p r e s s e d a 5 0 0 m g d i Chlorella Pyrenoidosa frantumata Clorella Bio con marchio di produzione Biologica della Comunità Europea Indicazioni Disintossicante, stai di

Dettagli

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO

PERCHE MANGIAMO? Gli alimenti sono necessari per. .il FUNZIONAMENTO dell organismo. e per il suo ACCRESCIMENTO PROGETTO ALIMENTAZIONE E CULTURA Impariamo a nutrirci per crescere meglio CIRCOLO DIDATTICO DI ARICCIA Centro Studi Regionale per l Analisi e la Valutazione del Rischio Alimentare (CSRA) - IZS Lazio e

Dettagli

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale

Vag. SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Vag SymbioVag ovuli vaginali ad azione riequilibrante della microflora batterica vaginale Leggere attentamente le avvertenze e le istruzioni per l uso Benessere intimo Vag ovuli vaginali BENESSERE INTIMO

Dettagli

la digestione, l assorbimento, l alimentazione

la digestione, l assorbimento, l alimentazione la digestione, l assorbimento, l alimentazione 1 LA DIGESTIONE Digestione meccanica, il cibo è macinato, rimescolato e insalivato Digestione chimica, il cibo è scomposto in sostanze più semplici dall azione

Dettagli

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI

I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Le applicazioni attuali delle biotecnologie NON OGM nel settore alimentare diego.mora@unimi.it www.distam.unimi.it I MICRORGANISMI E GLI ALIMENTI Quanti microrganismi ingeriamo con gli alimenti? Si ingeriscono

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO

SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SPERIMENTAZIONE DI TECNOLOGIE DI BIORISANAMENTO SARA BORIN DIPARTIMENTO DI SCIENZE PER GLI ALIMENTI, LA NUTRIZIONE E L AMBIENTE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Sara.borin@unimi.it GRUPPO DI MICROBIOLOGIA

Dettagli

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori

Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Valutazione della qualità delle fonti fibrose e ottimizzazione del loro utilizzo nei digestori Andrea Formigoni andrea.formigoni@unibo.it 7 INFOBIOGAS Montichiari - 28 gennaio 2011 Cos è la fibra? Costituenti

Dettagli