NINO ZANTIFLORE ROULETTE TERZINE CAVALLI NUMERI PIENI EVENTO LIMITE CERTO SU SESTINE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NINO ZANTIFLORE ROULETTE TERZINE CAVALLI NUMERI PIENI EVENTO LIMITE CERTO SU SESTINE"

Transcript

1 NINO ZANTIFLORE ROULETTE TERZINE CAVALLI NUMERI PIENI EVENTO LIMITE CERTO SU SESTINE 1

2 2

3 Introduzione Da parecchi decenni nel mondo della roulette ha fatto la sua comparsa la Legge del terzo. Fra molte discussioni sulla sua esistenza e molti tentativi di imbrigliarla, siamo arrivati ai giorni nostri senza che qualcuno sia riuscito a trovare un meccanismo adatto a trarre un sicuro e costante vantaggio dalla sua presenza; o per lo meno così sembra. Per la verità di meccanismi io ne ho trovati a decine, ma tutti hanno una limitazione: a causa degli inevitabili "scarti" ricorrenti nella permanenza, qualsiasi disegno, o configurazione statistica costruibile con questa Legge, si può formare con un certo ritardo. La conseguenza di questo ritardo è che il disegno ricercato diventa probabile in più punti dello schema causando un aumento delle Chances da mettere in gioco. Questa proliferazione di "aperture" può causare un elevato impegno economico che per arrivare al disegno ricercato talvolta può diventare non sostenibile. Sappiamo che l'utilizzo di questa Legge permette di ottenere particolari configurazioni visive che si formano all'interno di schemi appositamente creati: schemi che assumono diverse forme secondo la Chance scelta per il gioco. Queste configurazioni sono "costruite" tramite l'inserimento di una delimitata permanenza (ciclo logico) nello schema e ciò che si ottiene è un disegno statisticamente costante con l'aumentare delle prove. La statistica, però, tende alla perfezione proprio con l'aumentare del numero delle prove (Principio di Bernoulli) il che significa che, nel singolo caso, ci possono essere deviazioni che non rispecchiano la tendenza. Le configurazioni che tramite la Legge del terzo possiamo ottenere all'interno di uno schema sono di due tipi: 1 ) Se il disegno è tendenziale, può non realizzarsi. 2 ) Se il disegno è certo, è ottenuto con certezza, ma può essere necessario puntare su un allargamento anche massimo delle Chances che stiamo usando per costruirlo. Qual è la causa di questi risultati così incerti? Perché non si riesce a trarre un vantaggio certo da quei 12 doppioni tendenziali che si sviluppano in una permanenza di 37 numeri casuali? La risposta sta nella variabilità della permanenza e cioè in quella imprevedibilità possibile in una serie di numeri casuali. Statisticamente abbiamo dei risultati che nella molteplicità delle prove sono stabili, ma se guardiamo nel singolo frammento possiamo avere risultati anche molto anomali, dove le caratteristiche del risultato totale (stabile) possono essere disattese per un periodo abbastanza lungo, procrastinando la formazione del risultato verso la fine del ciclo logico. Al completamento del ciclo il disegno statistico si realizza, ma il necessario sostegno economico può diventare impegnativo. In sostanza, la ragione dell'instabilità nei risultati statistici previsti dalla Legge del terzo è dovuta alla grande variabilità dei segmenti di permanenza contenuti nei cicli logici e cioè è la soggezione temporanea della permanenza a possibili scarti sul calore o sull'allargamento. Prima di affrontare il rimedio a questo inconveniente è necessario conoscere il significato di alcuni termini che sono correntemente utilizzati nei miei trattati. Quando affrontiamo un gioco il cui esito dipende da un disegno formato dalla Legge del terzo, dobbiamo creare uno schema dove sono inseriti i numeri, o le Chances, di una permanenza e questo schema deve avere una capienza tale da contenere una quantità di simboli (rappresentativi dei numeri o delle altre Chances Multiple o Semplici) pari alla quantità degli elementi contenuti nella Chance che è utilizzata. Si costruiscono quindi schemi diversi secondo si pratichi il gioco su Pieni, Cavalli, Terzine, Sestine o figure delle 3

4 Chances Semplici. Questi schemi saranno formati da tante posizioni quanti sono gli "elementi" che compongono la Chance utilizzata per il gioco e ogni numero che esce dalla roulette andrà a occupare la propria posizione all'interno dello schema. Questo inserimento di numeri della permanenza (tramutati se occorre in multiple come Cavalli, Terzine o Sestine) avrà la durata di un ciclo logico, dopo di che lo schema sarà completo e il disegno statistico si sarà formato. Lo schema quindi si completa con l'inserimento di un determinato segmento di permanenza chiamato "ciclo" che, secondo i casi, può essere "logico" o "assoluto". 1 ) Il ciclo logico è una permanenza di tanti termini quanti sono gli elementi che compongono una Chance. Per la Chance multipla dei Pieni il ciclo logico è una permanenza che comprende 37 spin. Per i Cavalli è una permanenza che comprende 18 spin. Per le Terzine 12 e per le Sestine 6. In pratica il ciclo logico da la possibilità alla roulette di far sortire tutti gli elementi che costituiscono la Chance su cui si gioca, mentre la Legge del terzo condiziona queste sortite producendo, alla fine del ciclo, la nota proporzione fra Chances sortite (due terzi) e mancanti (un terzo). In questo modo ne risultano delle tendenzialità che possiamo così riassumere secondo il loro grado di affidabilità: Numeri Pieni: ciclo logico 37 spin; presenze 24, assenze 13. Cavalli: ciclo logico 18 spin; presenze 12, assenze 6. Terzine: ciclo logico 12 spin; presenze 8, assenze 4. Sestine: ciclo logico 6 spin; presenze 4, assenze 2. Per le Dozzine/Colonne e le Chances Semplici il solo ciclo logico è troppo aleatorio e quindi è inutile descriverlo. Naturalmente questa è una tendenza le cui variazioni in più o in meno dalla giusta proporzione sono influenzate dalla grandezza della Chance. 2 ) Il ciclo assoluto è sempre una permanenza di 36 spin, anche se le Chances giocate contengono un numero di elementi inferiore a 36. Lo zero è escluso dal conteggio perchè non rientra nella simmetria degli schemi. Per i numeri Pieni i due cicli sono uguali perchè gli elementi della Chance e il numero di spin coincidono. Per Cavalli, Terzine o Sestine non c'è uguaglianza fra gli elementi delle Chances e i 36 spin (escluso lo zero) del ciclo assoluto e quindi bisogna procedere a una "moltiplicazione di eventi" al fine di eguagliare il tutto. Ecco che per un ciclo assoluto sui Cavalli occorre uno schema contenente due cicli logici di 18 spin (36). Per le Terzine uno schema contenente tre cili logici di 12 spin (36) e per le Sestine uno schema di 6 cicli logici di 6 spin (36). In questi casi si dovranno costruire degli schemi che contengono due volte i Cavalli, tre volte le Terzine e sei volte le Sestine perchè il ciclo assoluto deve essere sempre di 36 spin. In questo modo ogni numero del cilindro ha la possibilità di sortire e nel contempo diamo la possibilità allo schema di formare gli stessi disegni prodotti da un ciclo logico sui Numeri Pieni, ottenendo così una maggiore costanza nel complesso dei risultati. Il motivo di questa analogia fra ciclo logico sui Pieni e ciclo assoluto sulle altre Chances Multiple è facilmente intuibile. Con il ciclo logico sui Pieni diamo la possibilità alla pallina di visitare tutte le caselle disponibili (vedi Legge del terzo) mentre con il ciclo assoluto diamo la possibilità alla Chance giocata di compensare eventuali anomalie dei singoli cicli logici con una "moltiplicazione di eventi". Per esempio, su un complessivo di 6 cicli logici di Sestine, ci saranno cicli logici in allargamento e cicli logici in calore. Nell'insieme dei 6 cicli queste anomalie si compenseranno, dandoci alla fine una configurazione simile a quella che si ottiene con un ciclo logico sui Numeri Pieni. 4

5 Altri due termini comunemente usati nei miei trattati sono "allargamento" e calore". 1 ) L'allargamento indica la sortita di numeri nuovi nello svolgersi della permanenza. La Legge del terzo indica che in un ciclo logico sui Numeri Pieni le presenze (numeri usciti almeno una volta) saranno tendenzialmente 24 con variazioni che di solito non superano i 4 punti in difetto o in eccesso. Il termine è quindi usato per indicare la quantità dei numeri presenti in una permanenza, ma anche un momentaneo andamento della permanenza privo di doppiaggi di numeri già sortiti in precedenza. La stessa cosa vale anche per le altre Chances Multiple oltre ai pieni. Una permanenza che contenga uno sviluppo di 10 Terzine o 15 Cavalli, è una permanenza in allargamento. 2 ) Il calore indica quei numeri che durante lo svolgersi della permanenza escono per la seconda, terza, o più volte. La Legge del terzo indica che in un ciclo logico sui numeri pieni essi saranno tendenzialmente 12 con variazioni di 4 punti in più o in meno. Per le altre Chances Multiple saranno tendenzialmente un terzo degli elementi che compongono la Chance, ma con una maggiore aleatorietà nel singolo risultato rispetto ai pieni. Il termine è usato per indicare la quantità dei doppiaggi in un ciclo logico di permanenza, ma anche un andamento temporaneamente ripetitivo dei numeri, o altre Chances, che stanno sortendo. L'esperienza ci dice che se alla roulette applichiamo un solo gioco di allargamento o di calore, saremo sempre soggetti a uno scarto sull'uno o sull'altro tipo di andamento. La ragione per cui un unico gioco base fallisce è che durante la partita interviene un andamento contrario: se giochiamo sul calore, interviene un periodo di allargamenti; se giochiamo sull'allargamento interviene un periodo di calore e cioè di doppiaggi. E' inutile avvantaggiarsi di numerose partite vincenti se poi arriva la partita che, oltre a tutti gli utili pregressi, si rimangia anche la cassa utilizzata per il gioco. Questo è l'unico difetto attribuibile ai sistemi che ricercano un disegno statistico formato dalla Legge del terzo. L'unico rimedio che può superare uno scarto contrario su uno dei due andamenti sarebbe l'esecuzione di due giochi complementari che comprendano allo stesso tempo allargamento e calore, ma una simile condotta implicherebbe una enorme proliferazione di numeri da mettere in gioco e sappiamo che questo non sempre vuol dire vincite più facili. A questo punto, per evitare i ritardi sulla formazione dei disegni statistici, la cui conseguenza è la proliferazione delle aperture, non ci rimane che un'unica strada. Bisogna che l'attacco sia portato all'estremo statistico e cioè bisogna scegliere il momento opportuno in cui ci sia la formazione statistica di un evento limite. Tale evento deve essere presente nel 100% dei casi e deve comportare un limitato quantitativo di numeri da mettere in gioco. Sembrerebbe cosa di non facile attuazione ma, dopo migliaia di test su cicli logici di 36 spin ciascuno, sono riuscito a individuare il giusto punto di attacco, con una bassissima percentuale di esiti negativi. Naturalmente non si tratta di un gioco continuo. Necessita di un'attesa iniziale fino alla formazione della condizione ottimale, dopo di che la vincita scade sicura e con un minore allargamento degli usuali giochi sui disegni statistici prodotti dalla Legge del terzo. L'unico disagio di questo gioco è l'attesa di inizio seduta, necessaria ad arrivare a un attacco ottimale e il limitato utilizzo di uno schema per 2-3 vincite al massimo. Un ulteriore proseguimento della partita sullo stesso schema andrebbe fatalmente incontro al fenomeno contrario al gioco. Poichè le ragioni del sistema traggono le fondamenta dagli effetti della Legge del terzo in un ciclo logico o assoluto, il primo capitolo parlerà di questa Legge. 5

6 6

7 Capitolo I LA LEGGE DEL TERZO Se vogliamo affrontare un gioco non casuale alla roulette, dobbiamo considerare gli effetti che ogni spin produce in un insieme di questi colpi. Tale insieme di risultati si chiama "Permanenza". La permanenza quindi è un insieme di singoli colpi di roulette e si presenterà come un susseguirsi di simboli che rappresentano i numeri che escono dagli "spin". Se la permanenza riguarda i Pieni, sarà formata dai numeri stessi. Se la permanenza riguarda altre Chances Multiple, sarà formata dal "nome" degli elementi della Chance. Se per esempio la Chance giocata è quella delle Terzine, la permanenza sarà formata dal "nome" della Terzina e cioè dal primo numero che le compone ( ecc...). Se la Chance giocata è quella delle Sestine, la permanenza sarà formata dal "nome" delle Sestine ( ). In sostanza la permanenza è formata sì dal numero che esce dal cilindro, ma per facilitarne la lettura è descritta dal "nome" dell'elemento della Chance su cui si sta giocando. Un gioco ragionato (non casuale) su questi risultati comporta due tipi di rilevazione della permanenza: 1 ) La rilevazione continua di una serie illimitata di colpi casuali. 2 ) La rilevazione di un susseguirsi di quantitativi delimitati di colpi casuali. Vediamo le caratteristiche e le differenze di entrambi. 1 ) Rilevazione continua. Consiste nel rilevare una permanenza senza soluzione di continuità. Si sfruttano gli andamenti favorevoli e si supportano gli andamenti contrari con manovre finanziarie che dovrebbero annullare le fasi negative. Questa rilevazione è particolarmente usata dai giocatori di Chances Semplici. I fautori di queste tipologie di gioco si ispirano al teorema di Bernoulli che dice: Con l'aumentare del numero di prove effettuate nelle stesse condizioni, la frequenza relativa tende alla probabilità e la media sperimentale tende alla media teorica''. Una volta scoperta la tendenza all'equilibrio, alcuni giocatori iniziano il loro attacco dopo aver rilevato uno scarto negativo fittizio e cioè non realmente giocato, cercando poi di sfruttare il probabile rientro nella media teorica. Il fatto è che il principio di Bernoulli non pone limiti di tempo alla realizzazione della probabilità e della media teorica. Anzi, sottintende la sicura realizzazione di questi avvenimenti in un tempo che tende all'infinito. Il problema per questo tipo di giochi, quindi, è la durata dello scarto contrario. Credo che quando una serie continua di numeri casuali produce una qualsiasi vincita, possa anche produrre un'uguale perdita perché, data l'uguale e costante grandezza delle Chances in contrapposizione, un andamento favorevole ha le stesse probabilità di un andamento contrario. Il fatto poi che non vi sia un termine al "numero delle prove", implica che il momento dell'attacco può non avere alcuna influenza e che il ritorno alle probabilità ricercate possa protrarsi ben oltre la nostra capacità finanziaria di sostegno. 2 ) Rilevazione delimitata. Se vogliamo considerare un limitato quantitativo di colpi, dobbiamo stabilire di quanti colpi sarà composto il quantitativo. Per utilizzare la Legge del terzo alla roulette si prendono tanti colpi (o spin) quanti sono gli elementi disponibili della 7

8 Chance che si è scelto di giocare. Se si giocano Numeri Pieni, la rilevazione sarà di 37 colpi. Se si giocano Cavalli, la rilevazione sarà di 18 colpi. Se si giocano Terzine sarà di 12 e per le Sestine di 6. Ognuno di questi quantitativi di colpi è definito "ciclo logico" perchè da alla roulette la possibilità di far sortire lo stesso quantitativo degli elementi disponibili per la Chance giocata. In questo caso si sceglie una Chance per il gioco e la si attacca nell'arco di un ristretto quantitativo di boules pari al suo ciclo logico. Qual è la differenza fra le due rilevazioni? 1 ) Con la rilevazione continua non c'è una fine del gioco e quindi non ci sono limiti allo scarto che, come può essere positivo, può essere negativo. Con la rilevazione delimitata vi è un inizio e un termine, oltre il quale la partita finisce e, in caso di esito negativo, vi è uno stop naturale. 2 ) Con la rilevazione continua non vi sono riferimenti visivi di ciò che la roulette sta producendo, se non la possibilità di analizzare grafici sull'andamento positivo o negativo. Con la rilevazione delimitata vi è la possibilità di osservare visivamente la formazione di un immancabile disegno quantitativamente logico e coerente, reso possibile proprio dal limitato numero di boules prese in considerazione. In pratica il vantaggio di una rilevazione delimitata al ciclo logico è che possiamo fare affidamento su determinate configurazioni che sono previste all'interno del ciclo stesso e che sono influenzate dalla cosiddetta "Legge del terzo". Il gioco avrà un inizio e un termine, oltre il quale non ci saranno più risultati tendenziali. Avremo la possibilità di osservare visivamente la formazione di un disegno statisticamente ricorrente, reso possibile dalla improbabilità di un equilibrio che in ogni singolo ciclo logico è contrastato dalla "Legge dello scarto", che altro non è se non la più conosciuta "Legge del terzo". E' chiaro che il secondo modo di considerare i giochi applicabili alla roulette è il più conveniente; sia perché ci da la possibilità di vedere ciò che si sta formando, sia perché ciò che si sta formando è una conseguenza di un comportamento tendenziale, sempre presente in una serie quantitativamente limitata di colpi casuali. Con questa rilevazione il nostro attacco non è illimitato, ma ha un inizio e una fine e in ogni caso l'aspettativa di vincita non ha davanti a sé l'infinito. La mia preferenza va al secondo modo di considerare i giochi applicabili alla roulette; sia perché mi da la possibilità di vedere ciò che si sta formando, sia perché ciò che si sta formando è una conseguenza di un comportamento tendenziale, sempre presente in una serie quantitativamente limitata di numeri casuali. Tale comportamento è prodotto dalla cosiddetta Legge del terzo. I sistemi che si avvalgono di questa legge possono contare su una statistica nei risultati che essa stessa produce. La sua conoscenza ci permetterà di stabilire quando l'opportunità di un attacco è giustificata perché sarà conseguente alla formazione di un disegno che si sta completando in quel momento. Si tratta di una tendenza fondamentale che, pur essendo anch'essa soggetta agli scarti in difetto o in eccedenza, raramente si discosta dalla sua configurazione standard più di quattro punti. Questa legge può essere così enunciata: LEGGE DEL TERZO: In una permanenza di tanti termini quanti sono i numeri disponibili, risultano presenti (o sortiti) mediamente i due terzi dei numeri disponibili. Questa legge, che era già conosciuta prima della nascita della roulette, si adatta a qualsiasi serie di risultati casuali. In conformità a questa legge, se rileviamo 37 colpi di roulette (che chiameremo "ciclo logico" perchè la loro quantità è pari ai numeri disponibili 8

9 nel cilindro) dovrebbero risultare, mediamente, numeri presenti (due terzi) e numeri assenti (un terzo). E' chiaro che la quantità dei numeri assenti è pari alla quantità dei doppiaggi dei numeri già usciti una prima volta. Possiamo verificare la veridicità di tale principio rilevando quattro cicli di 37 colpi ciascuno da una permanenza tratta dalla rivista Italiana "INFORMAZIONI LUDOGRAFICHE" del Centro Studi di Scienza e Gioco (riportata a pag.4 e relativa al giorno 31 marzo 1937 al Casinò di Monte Carlo). I numeri sono esposti prima come permanenza di 37 spin secondo la loro sortita, poi secondo l'occupazione dei 37 spazi del cilindro della roulette e infine secondo l'occupazione nel tappeto dei soli numeri presenti in un cilo logico di 36 spin escluso lo zero. I numeri neri nella permanenza rappresentano le "presenze" e cioè i numeri sortiti per la prima volta nel ciclo logico. I numeri rossi rappresentano i "doppiaggi" e cioè quelli usciti la seconda volta dopo la loro prima apparizione. I rossi sottolineati sono quelli usciti ulteriori volte dopo la seconda. 1a Permanenza: Su 37 spin: Numeri presenti 23 (due terzi meno 1). Numeri assenti 14 (un terzo più 1). Ciclo logico di 36 spin escluso lo zero. Su 36 spin: Numeri presenti 23 (due terzi meno 1), Numeri assenti 13 (un terzo più 1). 2a Permanenza: Su 37 spin: Numeri presenti 23 (due terzi meno 1). Numeri assenti 14 (un terzo più 1). Ciclo logico di 36 spin escluso lo zero. Su 36 spin: Numeri presenti 22 (due terzi meno 2). Numeri assenti 14 (un terzo più 2). 9

10 3a Permanenza: Su 37 spin: Numeri presenti 24 (due terzi). Numeri assenti 13 (un terzo). Ciclo logico di 36 spin escluso lo zero. Su 36 spin: Numeri presenti 23 (due terzi meno 1). Numeri assenti 13 (un terzo più 1). 4a Permanenza: Su 37 spin: Numeri presenti 22 (due terzi meno 2). Numeri assenti 15 (un terzo più 2). Ciclo logico di 36 spin escluso lo zero. Su 36 spin: Numeri presenti 22 (due terzi meno 2). Numeri assenti 14 (un terzo più 2). Questi quattro risultati costituiscono un esempio delle proporzioni tendenziali presenti in ogni ciclo logico di qualsiasi Chance: Numeri Pieni, Cavalli, Terzine, Sestine e Figure delle Chances Semplici. Nel caso dei numeri pieni molto raramente il singolo ciclo può deviare più di 4 punti in eccesso o in difetto e, come il Principio di Bernoulli ci dice, con l'aumentare del numero delle prove la frequenza relativa tende alla probabilità e la media sperimentale tende alla media teorica. Ciò significa che con l'aumentare delle prove la proporzionalità dei risultati tende alla perfezione. Quali sono le ragioni di questo comportamento? Al di la di giustissime spiegazioni matematiche, che purtroppo stancano il comune lettore, possiamo comprendere questo comportamento tendenziale in un modo intuitivo, anche perchè il fenomeno è dovuto essenzialmente a un meccanismo fisico. 10

11 Prendiamo in considerazione le 37 caselline disponibili di una roulette, considerandole inizialmente vuote, e facciamo 37 lanci di pallina (spin). All'uscita del primo numero la pallina occuperà una casellina, o posizione. A questo punto, per determinare il numero uscente al secondo spin, la pallina avrà a disposizione una casellina già visitata contro 36 ancora vuote. E' logico che le probabilità siano a favore di una casellina non visitata e quindi, con ogni probabilità, al successivo assalto la pallina occuperà una seconda posizione. Ora il rapporto è diventato di 2 caselline visitate contro 35 vuote e con il passare degli spin il primo termine aumenterà sempre più. Con il suo aumentare, però, aumenterà sempre di più la possibilità che la pallina cada in una casellina già visitata impedendo, ogni volta che ciò avviene, l'occupazione di caselline vuote perchè il ciclo è di 37 colpi e ogni volta che la pallina va a finire in una casellina già visitata, ci sarà un colpo in meno disponibile per le caselline vuote. Arrivati a 18 occupazioni vi sarà parità fra i due termini, dopo di che il primo termine comincerà a essere in maggioranza, accogliendo con una maggior frequenza gli assalti della pallina. Alla fine dei 37 assalti risulterà una media di caselle visitate e non visitate. Gli assalti che avrebbero dovuto occupare le caselle rimaste vuote sono andati a visitare, per la seconda, terza (o più) volta, caselle già visitate in precedenza. Con questa delimitazione di colpi pari al ciclo logico abbiamo dato alla roulette la possibilità di produrre teoricamente tutti i numeri una volta ciascuno, per poi osservare quale sarà stata invece la sua evoluzione naturale. Abbiamo visto che in 37 spin non escono una volta ciascuno tutti i numeri presenti nel cilindro, bensì ne usciranno con una certa regolarità 24 diversi, mentre 13 mancheranno. Ciò significa che nei 37 spin ci saranno stati dei numeri che saranno usciti 2 o più volte per una quantità totale di volte. Queste proporzioni (24-25 presenti, assenti, doppiati) sono tendenziali e ciò significa che aumentando il numero delle prove prese in esame tendono a raggiungere queste proporzioni (Principio di Bernoulli). Questo significa anche che nel singolo ciclo logico questa è una tendenza, ma che tale tendenza può deviare dalle proporzioni standard e che, secondo la statistica, queste deviazioni dalla quantità delle presenze, generalmente non superano i 4 punti in più o in meno. Ecco che allora in casi possibili, ma eccezionali, potremo trovare presenze e 8-9 assenze, oppure presenze e assenze. Entro questi limiti si sviluppa la stragrande maggioranza delle permanenze. Di certo qualcuno sorriderà nel leggere una spiegazione tanto semplicistica della Legge del terzo, ma l'ho esposta volutamente in questi termini perché non tutte le persone che leggeranno questo capitolo saranno in grado, o avranno la voglia, di affrontare una dimostrazione matematica. 11

12 Questa è la rappresentazione grafica delle proporzioni tendenziali prodotte dalla Legge del terzo in un ciclo logico di 36 colpi (zero escluso) di roulette. E' vero quindi che alla roulette ogni colpo è nuovo e che fra i numeri vi è uguale spettanza probabilistica, ma è altrettanto vero che in una quantità di boules pari alla quantità dei numeri disponibili, l'aumento delle caselle visitate toglie tale possibilità a un terzo delle caselle disponibili. Ciò crea un comportamento tendenziale nei fenomeni prodotti dalla roulette che possiamo definire standard e che raramente producono più di quattro punti di scarto, sia in allargamento con i numeri presenti, sia in calore con i numeri doppiati. Questa regola è particolarmente valida se applicata a una permanenza di cui si considerino soltanto i singoli numeri pieni. Non altrettanto si può dire se consideriamo le altre chances multiple come Cavalli, Terzine o Sestine perché, più il raggruppamento di numeri è grande, più aumenta l'aleatorietà nei risultati. Ciò detto possiamo fare una classifica, dove troviamo al primo posto la chance che più mantiene la Legge del terzo e, a seguire, le altre che la mantengono sempre meno. 1 ) Numeri pieni: su cicli di 37 boules con presenze e assenze; 2 ) Cavalli: su cicli di 18 boules (zero escluso) con 12 presenze e 6 assenze; 3 ) Terzine: su cicli di 12 boules (zero escluso) con 8 presenze e 4 assenze; 4 ) Sestine: su cicli di 6 boules (zero escluso) con 4 presenze e 2 assenze. In base a questa classifica possiamo affermare che il risultato medio statistico dei due terzi è attribuibile principalmente ai Numeri Pieni. Certo si possono trovare sporadiche eccezioni dove gli allargamenti raggiungono le 30 unità, o dove il calore raggiunge la metà dei numeri disponibili. Anche se personalmente non ho mai rilevato scarti di questo tipo, sono certo che si possano trovare, specialmente se si frequenta la roulette con una certa assiduità. Per quanto riguarda le Chances Multiple diverse dai Pieni, possiamo incontrare questi scarti con una maggiore frequenza, specialmente se per il gioco viene considerato un solo ciclo logico. L'applicazione a queste chances di un qualsiasi gioco che si basi sulla Legge del terzo non è molto affidabile a causa della loro composizione. I due numeri che formano i Cavalli, o i tre che formano le Terzine, o i sei che formano le Sestine, non garantiscono, con un solo ciclo logico, una perfetta possibilità per la formazione delle proporzioni stabilite dalla Legge del terzo. Tutto ciò, però, se consideriamo gli effetti di una pura e semplice applicazione della legge del terzo a una serie quantitativamente limitata di numeri casuali come può essere un ciclo logico. Questa indeterminatezza nei risultati delle Chances Multiple (esclusi i pieni) è stata superata ricorrendo a schemi prodotti con le "moltiplicazioni di eventi" e applicati poi a rilevazioni di cicli assoluti. Tramite questi accorgimenti possiamo ottenere gli stessi risultati che la Legge del terzo produce sui Pieni. Quello che segue è un esempio di schema sulle sestine dove con una moltiplicazione di eventi può essere inserito un ciclo assoluto di permanenza, pari a 36 spin. Il risultato sarà uguale a quello ottenuto dall'immissione di un ciclo logico di Numeri Pieni su un normale schema quadrato. 12

13 Gli schemi sono già preimpostati al loro interno con le varie chances cui si riferiscono. Abbiamo schemi fissi e a rotazione come nel seguente esempio che riguarda le Sestine. Moltiplicazione di eventi fissa. Moltiplicazione di eventi a rotazione. Oltre a questi vi sono anche gli schemi a costruzione. Si tratta di schemi di cui inizialmente appare solo il contenitore e quindi il loro interno sarà inizialmente vuoto. Man mano che le Chances escono saranno inserite al loro interno; la prima volta con il numero che le contraddistingue e successivamente con i relativi segni (prima un cerchio e poi una barra) che ne indicano il doppiaggio. Schema a costruzione sulle Sestine: Questi sono solo alcuni degli schemi che possono essere creati allo scopo di raccogliere, ordinare e visualizzare la Chance multipla delle Sestine al fine di trarre vantaggio da quei disegni geometrici prodotti, in modo tendenziale, dalla Legge del terzo. Per quanto riguarda la Chance delle Terzine, la moltiplicazione di eventi è un po' più difficoltosa perchè, a meno di creare uno schema 12x12, molto lungo nella maturazione di un qualsiasi disegno, dobbiamo creare degli schemi settoriali che si spartiscono le 12 Terzine. Ecco che allora avremo due schemi divisi fra Terzine del Passe/Manque che di solito sono a rotazione. 13

14 Oppure avremo tre schemi di Terzine divisi per Dozzina. Entrambe le suddivisioni possono essere formate con schemi a costruzione, dove apparità soltanto il contenitore e le Terzine saranno immesse man mano che escono dalla roulette occupando gli spazi riga per riga da sinistra a destra. 14

15 Capitolo II L'EVENTO LIMITE CERTO Nell'introduzione di questo trattato ho richiamato l'attenzione sull'unico pericolo che si può trovare nella ricerca dei disegni statistici prodotti dalla Legge del terzo. Questo pericolo è costituito dal ritardo con cui si forma il disegno e dalla conseguente proliferazione delle "aperture" perchè il disegno diventa probabile in più punti dello schema. Abbiamo detto che per ovviare a questo inconveniente "Bisogna che l'attacco sia portato all'estremo statistico e cioè bisogna scegliere il momento più opportuno in cui ci sia la probabilità di una formazione statistica di un evento limite. Tale evento deve essere presente nel 100% dei casi e deve comportare un limitato quantitativo di numeri da mettere in gioco". Vediamo allora questo tipo di attacco e le ragioni per cui il suo successo si avvicina il più possibile al 100% degli esiti positivi. Per ottenere un risultato pressoché sicuro sulle tendenze della Legge del terzo, bisogna che tale tendenza si verifichi sempre. Come secondo requisito bisogna che tale tendenza maturi il suo disegno il più tardi possibile e cioè verso la fine di un cilco logico per i numeri pieni, o di un ciclo assoluto per le altre Chances Multiple. Se così non fosse, saremmo soggetti a un ritardo nella formazione finale del disegno che stiamo cercando e alla proliferazione di nuove aperture in più punti dello schema. Come ho già detto, la conseguenza sarebbe uno scoperto a volte insostenibile. Per prima cosa, quindi, stabiliamo il limite ottimale per un attacco che ci dia la certezza di almeno una chiusura entro breve tempo e comunque sostenibile fino alla conclusione di un ciclo logico di 36 spin. Per ottenere questo risultato dobbiamo individuare e utilizzare una Chance che ci dia un'indicazione del momento di attacco al limite della maturazione finale di un disegno statistico. A questo scopo utilizzeremo la Chance delle Sestine. Individuazione del momento favorevole. Certamente tutti gli appassionati di ludologia conoscono il sistema della "Piramide" che, affidandosi alla Legge del terzo, va alla ricerca del primo numero che doppia in un ciclo di 37 spin. In pratica si comincia a giocare i numeri che man mano escono, nella speranza che uno di essi sortisca una seconda volta abbastanza presto. Ho usato il termine "speranza" perchè nulla ci garantisce contro la possibilità che il primo doppiaggio avvenga oltre il 24 spin e in questo caso non ci sono capitali al mondo in grado di sostenere un simile evento. Pur avendo una conclusione statistica certa, un simile gioco non è sostenibile, proprio per un possibilissimo allargamento dei numeri da giocare spin dopo spin. Il gioco della Piramide, però, si basa sul seguente principio vero e inconfutabile: su 37 spin non usciranno mai i 37 numeri diversi bensì, come la Legge del terzo ci insegna, ne usciranno tendenzialmente 24 e non più di 30 e, di conseguenza, ci saranno almeno 7 doppiaggi. A questo punto possiamo facilmente intuire che nonostante l'esito finale sia certo, non abbiamo nessuna certezza che il primo doppiaggio avvenga prima dei spin, rendendo inutile qualsiasi manovra finanziaria. Il gioco della Piramide, però, può essere applicato anche alle altre Chances Multiple come Cavalli, Terzine o Sestine che però, essendo composte di più di un numero, se giocate con lo stesso criterio, nel loro risultato finale sarebbero molto più aleatorie dei numeri Pieni. Per esempio, un ciclo logico di Terzine può contenere le 12 Terzine diverse nel 0,005% dei casi, e un ciclo di Sestine può contenere le 6 Sestine diverse nel 0,833% dei casi e cioè una volta ogni 120 colpi di media. In pratica, le Chances Multiple diverse dai Pieni possono 15

16 produrre cicli logici di completo allargamento e ciò si riflette anche nei loro disegni statistici, che possono ritardare le loro chiusure sia in allargamento che in calore. A questo punto poniamoci una domanda: se un ciclo logico di Sestine può contenere le 6 diverse Sestine per una volta ciascuna ogni 120 colpi di media, un gruppo di sei cicli logici di Sestine (pari a un loro ciclo assoluto) può contenere sei volte ciascuna le 6 Sestine? La matematica ci dice di si, ma ciò avviene una volta ogni casi e cioè con una percentuale del 0,00214%. Direi che una simile probabilità è alquanto remota e comunque tale da giustificare un attacco che, anche se dovesse fallire, non sarebbe frequente e costoso come un attacco fallito su un singolo ciclo logico di Sestine. Infatti, attaccando una Sestina e poi 2, 3, 4, 5, ci costerebbe alla fine 299 pezzi (non considerando l'azione dello zero). Ma anche incappando in quell'unico caso su , gli accorgimenti che metteremo in atto per ottenere l'evento limite ci consentiranno di superare il ciclo ottenendo ugualmente almeno una chiusura. Nel prosieguo di questo trattato saranno usati due termini che solitamente uso in tutti i miei giochi: Apertura: termine usato per indicare che all'interno dello schema è maturata la configurazione di un disegno ricercato ed è arrivato il giusto momento per il suo attacco. Nel nostro caso una Sestina che arriva alla linea di equilibrio si "apre" al gioco. Chiusura: termine usato per indicare che la configurazione aperta al gioco ha ottenuto la sua conformazione statistica. Nel nostro caso una Sestina che raggiunge le sette presenze, superando la linea di equilibrio, ci da una chiusura. Fin qui abbiamo stabilito che in un ciclo assoluto di 36 spin ci sarà quasi sempre una o più Sestine che si presentano più di 6 volte ciascuna e quindi abbiamo stabilito un punto di attacco abbastanza avanzato nel completamento di un ciclo assoluto per le Sestine, equivalente a un ciclo logico per i Numeri Pieni. Facciamo una prima verifica di questa tendenza utilizzando le quattro permanenze viste nel capitolo della Legge del terzo. Inseriamo i 36 numeri della permanenza nelle 36 posizioni di uno schema delimitato da una linea di equilibrio e vediamo quante sestine superano tale linea producendo quindi una "chiusura". Di fianco allo schema sono indicati (in ordine cronologico) la sestina che raggiunge la linea di equilibrio e che quindi si apre alla possibilità di superarla; il colpo in cui avviene tale apertura e il colpo delle sue sortite (chiusure) oltre la linea. 1a Permanenza:

17 In questo esempio le Sestine hanno superato la linea del perfetto equilibrio, mentre un uguale numero di posizioni sono rimaste vuote nelle Sestine 4 e 6. Questa permanenza arriva al 36 spin con 5 vincite (chiusure) che sono dovute proprio alle Sestine uscite più di 6 volte. Questo è l'effetto della Legge dello scarto rapportato alla Chance delle Sestine aumentate, con una moltiplicazione di eventi, fino a 36 posizioni. Osserviamo che la prima apertura è avvenuta al 19 spin e la prima chiusura al 23. Le successive chiusure sono avvenute agli spin e 36. L'intervallo fra una chiusura e l'altra non ha superato i 5 spin. 2a Permanenza: In questo ciclo le Sestine 5 e 6 hanno superato la linea del perfetto equilibrio per 8 volte. La prima apertura è stata al 18 spin e la prima chiusura al 21. Le successive chiusure sono avvenute agli spin e 35. L'intervallo fra una chiusura e l'altra non ha superato i 4 spin. 3a Permanenza: In questo caso le Sestine 1 2 e 6 hanno superato la linea dell'equilibrio per 5 volte. La prima apertura è avvenuta al 21 spin e la prima chiusura, dopo 10 spin, al 31. Le 17

18 successive chiusure sono scadute agli spin e 36. L'intervallo tra una chiusura e l'altra dopo la prima non supera i due spin. Dal 21 spin al 23 si gioca su una sola Sestina. Dal 23 al 28 si gioca su due Sestine e dal 28 alla prima vincita (31 ) si gioca su tre Sestine. Il ritardo della prima vincita può essere agevolmente assorbito dalle rimanenti vincite che si presentano ravvicinate. 4a Permanenza: In questa permanenza solo la Sestina 6 ha superato la linea di equilibrio per due volte. La prima apertura è avvenuta al 26 spin e la prima chiusura al 35, dopo 9 spin. La successiva chiusura è avvenuta al colpo successivo (36 spin) giocando su 4 Sestine. Questa può essere considerata una delle partite impegnative dove le vincite avvengono verso la fine del ciclo ma il ritardo della prima apertura, con la Sestina 1, ci ha fatto iniziare l'attacco a schema avanzato (26 spin) e le successive aperture si sono presentate a pochi spin dalla fine del ciclo. Questi quattro esempi rispecchiano i risultati di test su altrettanti cicli assoluti di 36 spin (zero escluso) che stabiliscono che di questi soltanto 4 cicli (pari al 0,0460% dei casi) hanno avuto il perfetto equilibrio delle Sestine; 50 cicli hanno avuto una sola eccedenza (0, 576%) e 357 hanno avuto due sole eccedenze (4,113%). Questa è l'analisi fatta al riguardo su permanenze reali e da processore: Possiamo inoltre osservare che molto raramente vi è una sola eccedenza (7 a), mentre la maggioranza dei cicli contiene da due eccedenze in su. Un'altra importante osservazione (che non traspare dai test ma che è facilmente riscontrabile) è che, oltrepassando il ciclo assoluto, prima che tutte le Sestine raggiungano le 6 sortite, si possono ottenere ulteriori vincite su quelle Sestine che sono in disequilibrio e cioè su quelle che hanno già raggiunto e 18

19 superato la linea di equilibrio e che per effetto dello scarto continuano a sortire. Per esempio, nella quarta permanenza, dopo il 36 spin si possono ottenere altre dieci vincite fino al 48 spin, quando anche la Sestina 2 raggiunge per ultima la sua sesta sortita. Naturalmente più il tempo passa, più le Sestine in gioco si allargano diventando 4 e poi 5 e 6. A quel punto il gioco finirebbe obbligatoriamente perchè lo schema si è riempito con tutte le Sestine che hanno raggiunto la loro linea del perfetto equilibrio uscendo un minimo di 6 volte ciascuna. E' chiaro che a quel punto non ci si deve mai arrivare perchè il puntamento di 5 Sestine non è sostenibile. Si potrebbe abbassare la linea di equilibrio di una riga, ma a questo punto, perchè il gioco abbia un senso, bisognerebbe eliminare 6 numeri dall'inizio della permanenza, altrimenti non ci sarebbe più la ragione dello scarto sull'equilibrio. Comunque, anche se il gioco può dare vincite in continuazione per parecchi spin, più il tempo passa più c'è la probabilità che anche le Sestine deficitarie pervengano alla linea dell'equilibrio causando un aumento delle Sestine in gioco. E' per questo che ogni partita non dovrebbe durare più di 2-3 chiusure, dopo di che si dovrebbe tagliare una decina di numeri della permanenza iniziale e ricostruire un nuovo gioco. Ciò servirà a non legare fra loro le varie partite in modo da impedire che nella permanenza si formi l'equilibrio totale fra le Sestine, che a lungo andare diventerebbe automatico e inevitabile. ATTACCO INTERNO ALLE SESTINE IN GIOCO. Il precedente procedimento di scelta della Chance e individuazione del momento di attacco potrebbe gia essere di per sé un valido sistema. Una volta individuata la Sestina che esce 6 volte, si può iniziare l'attacco giocando quella Sestina e tutte le altre che successivamente la raggiungono. Il problema di un simile gioco è che l'incasso di una Sestina è soltanto di 6 pezzi (compresa la mise) e un'eventuale apertura precoce, seguita da un successivo allargamento a Sestine, sarebbe impossibile da sostenere. L'esempio che segue è realmente accaduto al sottoscritto e dimostra che lo scarto è sì un nostro amico, ma in alcuni casi estremi può essere un nemico e ciò si verifica quando si presenta anticipatamente e concentrato in un unico punto. In quel caso non c'è altro da fare se non aspettare un migliore attacco in cui non ci siano grossi squilibri di deficit su più di due Sestine. Vediamo l'esempio con la seguente permanenza prodotta in live da un sito Internet. Perman In questo caso vi è stato un forte calore della Sestina 4 fino al raggiungimento delle 6 presenze, mentre le Sestine sono fortemente deficitarie. La prima e la terza Dozzina hanno addirittura una sola presenza. Un attacco in queste condizioni implica il puntamento continuo sulla Sestina 4 e se a questo punto le altre Sestine dovessero riprendersi dal ritardo, saremmo costretti a puntare continuamente a vuoto. L'unico comportamento attuabile in questi casi è aspettare che la situazione si evolva con il recupero delle altre Sestine fino al raggiungimento di un minore squilibrio. In sostanza, le Sestine in ritardo non devono essere 19

20 più di 3 e non devono avere un ritardo superiore ai tre spazi dello schema. Una sestina può essere fortemente in ritardo e questo generalmente è un vantaggio, ma non lo devono essere tre o quattro contemporaneamente. Nel caso sopra descritto ho aspettato che la permanenza si evolvesse diversamente lasciando sfilare nuovi spin fino alla formazione di una configurazione più consona all'attacco. Questo è il seguito della permanenza non giocata fino alla situazione ottimale per un giusto attacco. Perman Dopo aver lasciato sfilare tutti questi numeri (in nero) sono risalito fino alla barra di separazione indicata nella permanenza e ho ricostruito lo schema che questa volta è divenuto attaccabile. Durante l'attesa per la nuova configurazione la Sestina 3 è uscita altre due volte, ma ciò non deve influenzarci perchè dobbiamo guardare l'insieme dello schema e soprattutto evitare la possibilità che l'evento negativo si instauri. La Sestina 4 è sempre al limite delle 6 presenze ed è stata raggiunta dalla 5. Le Sestine 1 e 2 hanno raggiunto entrambe le 5 presenze e quindi basta una loro prossima sortita per entrare in gioco. Le Sestine 3 e 6 sono rimaste deficitarie e probabilmente lo rimarranno anche nei prossimi spin, necessitando di molte sortite per raggiungere la linea dell'equilibrio. Sono risalito di 25 spin e ne mancano 11 per la fine del ciclo. Iniziamo l'attacco con le due aperture al 25 spin e con ogni probabilità, se le Sestine 4 e 5 non dovessero uscire nei prossimi colpi, entreranno in gioco le Sestine 1 o 2 per le quali manca soltanto una sortita. Completiamo il ciclo fino a 36 spin e vediamo quante vincite ci sono state. Perman La partita si è conclusa con 7 chiusure. La prima vincita è avvenuta sulla Sestina 4 al 27 colpo della permanenza, ma dopo due soli spin dal momento di attacco, dopo l'apertura della Sestina 1 e con un risparmio di otto puntate non effettuate per effetto della risalita. 20

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA

COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA COMUNE DI CAMPIONE D ITALIA REGOLAMENTO DI GIOCO DELLA ROULETTE (al Casino Municipale di Campione d Italia) adottato con delib. C.C. n. 83 del 2.12.1993 approvata dal CRC con atto n. 13 in data 4.1.1994

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore

Cicli in Visual Basic for Application. For contatore = inizio To fine istruzioni Next contatore Cicli in Visual Basic for Application Le strutture del programma che ripetono l'esecuzione di una o più istruzioni sono chiamate Cicli. Alcune strutture per i cicli sono costruite in modo da venire eseguite

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i

DISTRIBUZIONE di PROBABILITA. Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che può assumere i DISTRIBUZIONE di PROBABILITA Si dice variabile aleatoria (o casuale) discreta X una quantità variabile che uò assumere i valori: ; ;, n al verificarsi degli eventi incomatibili e comlementari: E ; E ;..;

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

1. Scopo dell esperienza.

1. Scopo dell esperienza. 1. Scopo dell esperienza. Lo scopo di questa esperienza è ricavare la misura di tre resistenze il 4 cui ordine di grandezza varia tra i 10 e 10 Ohm utilizzando il metodo olt- Amperometrico. Tale misura

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI

SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI G. FANO (Torino - Italia) SULLE VARIETÀ ALGEBRICHE A TRE DIMENSIONI AVENTI TUTTI I GENERI NULLI 1. - La distinzione, che pareva tradizionale, tra scienze di ragionamento e scienze sperimentali è ormai

Dettagli

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite.

In base alla formula di torneo adottata i tornei possono pertanto prevedere lo svolgimento di una o più partite. Formule di gioco La successione di mani necessarie per l eliminazione del penultimo giocatore o per la determinazione dei giocatori che accedono ad un turno successivo costituisce una partita. In base

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

Calcolo delle Probabilità

Calcolo delle Probabilità Calcolo delle Probabilità Il calcolo delle probabilità studia i modelli matematici delle cosidette situazioni di incertezza. Molte situazioni concrete sono caratterizzate a priori da incertezza su quello

Dettagli

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani

Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso. Luigi De Giovanni, Laura Brentegani Ricerca Operativa Esercizi sul metodo del simplesso Luigi De Giovanni, Laura Brentegani 1 1) Risolvere il seguente problema di programmazione lineare. ma + + 3 s.t. 2 + + 2 + 2 + 3 5 2 + 2 + 6,, 0 Soluzione.

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

CARIBBEAN POKER. Come si gioca

CARIBBEAN POKER. Come si gioca CARIBBEAN POKER INDICE Caribbean Poker 2 Il tavolo da gioco 3 Le carte da gioco 4 Il Gioco 5 Jackpot Progressive 13 Pagamenti 14 Pagamenti con Jackpot 16 Combinazioni 18 Regole generali 24 CARIBBEAN POKER

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

Esercizi di calcolo combinatorio

Esercizi di calcolo combinatorio CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi di calcolo combinatorio Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability di Sheldon Ross, quinta

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI

IL GIOCO DEL 15. OVVERO: 1000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI IL GIOCO DEL. OVVERO: 000$ PER SPOSTARE DUE BLOCCHETTI EMANUELE DELUCCHI, GIOVANNI GAIFFI, LUDOVICO PERNAZZA Molti fra i lettori si saranno divertiti a giocare al gioco del, uno dei più celebri fra i giochi

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Se si insiste non si vince

Se si insiste non si vince Se si insiste non si vince Livello scolare: 2 biennio Abilità interessate Valutare la probabilità in diversi contesti problematici. Distinguere tra eventi indipendenti e non. Valutare criticamente le informazioni

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli

su web che riportano documentazione e software dedicati agli argomenti trattati nel libro, riportandone, alla fine dei rispettivi capitoli, gli Prefazione Non è facile definire che cosa è un problema inverso anche se, ogni giorno, facciamo delle operazioni mentali che sono dei metodi inversi: riconoscere i luoghi che attraversiamo quando andiamo

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate

CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA. Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate CORSO DI CALCOLO DELLE PROBABILITÀ E STATISTICA Esercizi su eventi, previsioni e probabilità condizionate Nota: Alcuni esercizi sono tradotti, più o meno fedelmente, dal libro A first course in probability

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13

CAP X GLI INTERVALLI. Teoria musicale - 13 Teoria musicale - 13 CAP X GLI INTERVALLI Quando si parla di intervalli nella teoria musicale, si intende la valutazione tonale della distanza tra due note. Non si tratta quindi l argomento dal punto di

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k

Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità. Le disposizioni semplici di n elementi di classe k Pordenone Corso di Matematica e Statistica 4 Calcolo combinatorio e probabilità UNIVERSITAS STUDIORUM UTINENSIS Giorgio T. Bagni Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Matematica e Informatica

Dettagli

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9

Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 Regole del gioco UNO CONTENUTO DELLA CONFEZIONE: 108 Carte così distribuite: 19 Carte di colore Rosso che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Blu che vanno dallo 0 al 9 19 Carte di colore Giallo che

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità

Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Probabilità Probabilità Gli eventi sono stati definiti come i possibili risultati di un esperimento. Ogni evento ha una probabilità Se tutti gli eventi fossero ugualmente possibili, la probabilità p(e)

Dettagli

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni

Svolgimento del gioco. Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Un gioco di Matthias Cramer per 2-5 persone dai 10 anni Anno 1413 Il nuovo re d'inghilterra, Enrico V di Lancaster persegue gli ambiziosi progetti di unificare l'inghilterra e di conquistare la corona

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI

ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI ALGEBRA I: CARDINALITÀ DI INSIEMI 1. CONFRONTO DI CARDINALITÀ E chiaro a tutti che esistono insiemi finiti cioè con un numero finito di elementi) ed insiemi infiniti. E anche chiaro che ogni insieme infinito

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1

L : L/2 = 1 : ½ = 2 : 1 LA SCALA PITAGORICA (e altre scale) 1 IL MONOCORDO I Greci, già circa 500 anni prima dell inizio dell era cristiana, utilizzavano un semplice strumento: il monocordo. Nel monocordo, un ponticello mobile

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

conquista il mondo in pochi minuti!

conquista il mondo in pochi minuti! conquista il mondo in pochi minuti! Il gioco di conquista e sviluppo più veloce che c è! Il gioco si spiega in meno di 1 minuto e dura, per le prime partite, non più di quindici minuti. Mai nessuno ha

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Come si diventa insegnanti

Come si diventa insegnanti Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web Come si diventa insegnanti Il reclutamento del personale

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org

GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it. in modalità compatibile www.dyndns.org GUIDA alla configurazione di un DVR o Router su dyndns.it in modalità compatibile www.dyndns.org Questa semplice guida fornisce le informazioni necessarie per eseguire la registrazione del proprio DVR

Dettagli

Effetto reddito ed effetto sostituzione.

Effetto reddito ed effetto sostituzione. . Indice.. 1 1. Effetto sostituzione di Slutsky. 3 2. Effetto reddito. 6 3. Effetto complessivo. 7 II . Si consideri un consumatore che può scegliere panieri (x 1 ; ) composti da due soli beni (il bene

Dettagli

Esercitazioni di Statistica

Esercitazioni di Statistica Esercitazioni di Statistica Test d ipotesi sul valor medio e test χ 2 di adattamento Prof. Livia De Giovanni statistica@dis.uniroma1.it Esercizio 1 Si supponga che il diametro degli anelli metallici prodotti

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche

I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche I beni pubblici come causa del fallimento del mercato. Definizioni e caratteristiche (versione provvisoria) Marisa Faggini Università di Salerno mfaggini@unisa.it I beni pubblici rappresentano un esempio

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante

Le Opzioni. Caratteristiche delle opzioni. Sottostante Le Caratteristiche delle opzioni...1 I fattori che influenzano il prezzo di un opzione...4 Strategie di investimento con le opzioni...5 Scadenza delle opzioni...6 Future Style...7 Schede prodotto...8 Mercato

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli