Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale"

Transcript

1 La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 1 marzo 2012 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale Auditorium Regione Emilia-Romagna Via A. Moro, 18 Bologna 1

2 ^ La casistica del Registro: *

3 Numero di casi per residenza La casistica del Registro Residenza PERIODO MAMMELLA Altra in situ invasivi Totale morfologia PIACENZA^ ,559 1,773 PARMA ,737 5,386 REGGIO EMILIA ,096 5,690 MODENA 10 1,170 7,163 8,343 BOLOGNA* ,014 7,784 IMOLA ,244 1,468 FERRARA ,210 4,617 RAVENNA ,299 4,921 FORLI' ,042 2,378 CESENA ,842 2,061 RIMINI ,735 3,006 Totale RER 97 5,389 41,941 47, % 88.6% ^ PIACENZA periodo * BOLOGNA periodo FERRARA periodo Altra morfologia: Sarcomi, sede non mammella (dermatofibroma, osteosarcoma, condrosarcoma mixoide); Tumore filloide benigno e borderline, Linfomi 3

4 Le lesioni e le donne del Registro PERIODO ,330 lesioni della mammella Donne N. di lesioni Numero % 1 lesione 43, lesioni 1, lesioni lesioni Totale 45, Lesioni definite come secondo tumore per le regole IARC Donne con più di una lesione 1,950 Donne N. di lesioni Numero % 1 tumore 45, tumori Totale 45, ,404 lesioni IARC della mammella registrate in 45,337 donne 1,926 lesioni della mammella registrate in più rispetto ad un Registro Tumori 4

5 Livello della diagnosi PERIODO PER PERIODO LIVELLO (%) n.casi DCO Clinico Citologico Istologico su metastasi Istologico Missing Totale , , , , Totale 45, PER CLASSI DI ETA n. casi DCO Clinico Citologico LIVELLO (%) Istologico su metastasi Istologico Missing Totale <=49 9, , , >=70 14, Totale 45,

6 Topografia ICDO 3 TOTALE Topografia Numero % Capezzolo Parte centrale 3, Q. Supero interno 4, Q. Infero interno 2, Q. Supero esterno 15, Q. Infero esterno 3, Prolungamento ascellare Altre parti^ 3, Mammella, NAS 11, totale 45, ^ Altre parti della mammella: linea mediana, parte inferiore, parte laterale, parte mediale, parte superiore *Stadio TNM VI revisione modificato PERIODO % MAMMELLA, NAS PER PERIODO Periodo Mammella, NAS n.11, % MAMMELLA, NAS PER CLASSI DI ETA Classi di età Mammella, NAS n.11, % MAMMELLA, NAS PER STADIO Mammella, NAS STADIO* n.11, I 18.6 II SARCOMA 47.2 NON STADIATO

7 Morfologia ICDO 3 PERIODO IN SITU INVASIVI Morfologia n % n % DUTTALE 3, , LOBULARE , DUT/LOB MISTO , MUCOIDE MIDOLLARE SQUAMOSA PAGET ADENOCA ALTRO* , SARCOMA Totale 4, ,

8 Morfologia ICDO 3 Altro* ICDO3 N. % Neopl. maligna Cellule tum. maligne Tum. maligno a cell. fusate Tum. maligno a cell. chiare Carcinoma in situ Carcinoma, NAS Carcinoma a grandi cell., NAS Ca. neuroendocrino a grandi cell Ca. indifferenziato, NAS Ca. anaplastico, NAS Ca. pleomorfo Ca. a cellule giganti Ca. a cellule fusate Ca. pseudosarcomatoso Ca. a piccole cellule, NAS Ca. combinato a piccole cellule Totale 2, PERIODO Distribuzione delle morfologie nella categoria altro* 2,410 morfologie: altro ICDO n n n n.184 Carcinoma, NAS n.1,645 Neopl. maligna Cel. tum. maligne Carcinoma, NAS ICDO I n.32 STADIO II+ n.596 NON STAD. n.1,782 Neopl. maligna Cel. tum. maligne

9 Procedura diagnostica Diagnosi microistologica: 28.4% 100 % PERIODO CLINICA CITOLOGICO BIOPSIA MAMMOTOME CITOLOGIA NAS Diagnosi microistologica: 47.2% %, missing 9

10 Procedura diagnostica Microistologia IN SITU + INVASIVI PERIODO % MICROISTOLOGIA PER CLASSI DI ETA Classi di età n 1, n 1, n 2, n 3,939 Totale n. (%) , , , ,

11 Procedura diagnostica Microistologia IN SITU + INVASIVI PERIODO % MICROISTOLOGIA PER CENTRO DI SCREENING Residenza n 1, n 1, n 2, n 3,939 Totale n. (%) PIACENZA^ PARMA REGGIO E , MODENA , BOLOGNA* IMOLA FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI ^ PIACENZA periodo * BOLOGNA periodo FERRARA periodo

12 Procedura diagnostica PERIODO , ANNI SCREEN DETECTED NON SCREEN DETECTED CLINICA CITOLOGICO BIOPSIA MAMMOTOME CITOLOGIA NAS % %, missing 12

13 Intervento chirurgico PERIODO IN SITU NON ESEGUITO CONSERVATIVO MASTECTOMIA IGNOTO MULTIFOCALI INVASIVI % n ,217 3,496 3,534 3,443 3,441 3,470 3,591 3,783 3,728 3,020 3,029 2,957 13

14 Intervento chirurgico Non eseguito Anno diagnosi INVASIVI PERIODO % DI PAZIENTI NON OPERATE PER ANNO E PER CLASSI DI ETA CLASSI DI ETA' TOTALE n % Totale ,

15 Intervento chirurgico Non eseguito INVASIVI PERIODO % DI PAZIENTI NON OPERATE PER PERIODO E PER MORFOLOGIA Anno diagnosi DUTTALI LOBULARI ALTRI CA. * TOTALE n % n % n % n % Totale , , *Ca. mucinoso (33 casi), Ca midollare(1 caso), adenocarcinoma (75 casi), npl maligna, cell tum. maligne, Carcinoma, NAS 15

16 % SCREEN DETECTED Intervento chirurgico PERIODO , ANNI INVASIVI NON ESEGUITO CONSERVATIVO MASTECTOMIA IGNOTO MULTIFOCALI NON SCREEN DETECTED n

17 Intervento chirurgico SCREEN DETECTED PERIODO , ANNI IN SITU NON ESEGUITO CONSERVATIVO MASTECTOMIA IGNOTO NON SCREEN DETECTED % n

18 Tempo dalla data di incidenza IN SITU Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=3,721 all intervento chirurgico PERIODO MASTECTOMIA n=849 TOTALE n=4,594 0,5% intervento ignoto <1mese INVASIVI Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=23,286 MASTECTOMIA n=14,113 TOTALE n=37, Totale <1mese DATA DI INTERVENTO CHIRURGICO: data dell intervento più grave che la donna ha ricevuto DATA DI INCIDENZA: criteri di scelta e priorità: data della prima conferma istologica o citologica certa della neoplasia; data del ricovero ospedaliero durante il quale viene formulata la prima diagnosi di tumore; data del primo esame clinico o strumentale; data di morte per i casi DCO Totale ,2% intervento ignoto 18

19 Tempo dalla data di incidenza all intervento chirurgico PERIODO INVASIVI SCREEN DETECTED NON SCREEN DETECTED Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=7,330 MASTECTOMIA n=1,811 TOTALE n=9,175 Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=5,261 MASTECTOMIA n=3,520 TOTALE n=8,888 <1mese Totale ,4% intervento ignoto <1mese Totale ,2% intervento ignoto 19

20 Tempo dalla data di incidenza all intervento chirurgico PERIODO SCREEN DETECTED INVASIVI NON SCREEN DETECTED Residenza <1mese Residenza <1mese PIACENZA^ ,0 PARMA REGGIO E MODENA BOLOGNA* IMOLA FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI PIACENZA^ PARMA REGGIO E MODENA BOLOGNA* IMOLA FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI Survey SQTM: intervento entro 30 gg dalla prescrizione chirurgica risultato ottimale 80% ^ PIACENZA periodo *BOLOGNA periodo FERRARA periodo

21 Tempo dalla data di incidenza all intervento chirurgico PERIODO IN SITU SCREEN DETECTED NON SCREEN DETECTED Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=1,509 MASTECTOMIA n=236 TOTALE n=1,752 Mesi intercorsi CONSERVATIVO n=720 MASTECTOMIA n=199 TOTALE n=925 <1mese Totale ,4% intervento ignoto <1mese Totale ,6% intervento ignoto 21

22 Tempo dalla data di incidenza all intervento chirurgico PERIODO SCREEN DETECTED Residenza <1mese IN SITU NON SCREEN DETECTED Residenza <1mese PIACENZA^ PARMA REGGIO E MODENA BOLOGNA* IMOLA FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI PIACENZA^ PARMA REGGIO E MODENA BOLOGNA* IMOLA FERRARA RAVENNA FORLI' CESENA RIMINI ^ PIACENZA periodo *BOLOGNA periodo FERRARA periodo

23 Linfonodo sentinella PERIODO Percentuali di casi con linfonodo sentinella eseguito per morfologia % IN SITU INVASIVO 23

24 Linfonodo sentinella eseguito % di esecuzione del linfonodo sentinella per classi di età Linfonodo sentinella Classi di età eseguito n % di esecuzione del linfonodo sentinella per focalità della lesione Focalità Linfonodo sentinella eseguito n.682 Unifocale 54.9 Multifocale 58.7 Ignoto 26.1 ^ PIACENZA periodo *BOLOGNA periodo FERRARA periodo PERIODO IN SITU % di esecuzione del linfonodo sentinella per grading Linfonodo sentinella Grading eseguito n.682 I 38.0 II 52.8 III 69.9 Ignoto 60.2 % di esecuzione del linfonodo sentinella per residenza Linfonodo sentinella Residenza eseguito n.682 PIACENZA^ 69.3 PARMA 80.5 REGGIO E MODENA 39.9 BOLOGNA* IMOLA 39.6 FERRARA 68.4 RAVENNA 45.2 FORLI' 81.1 CESENA 68.8 RIMINI

25 Linfonodo sentinella PERIODO ANNI Percentuali di casi con linfonodo sentinella eseguito per morfologia e stato di screening 100 INVASIVI 100 IN SITU 85.7 % % NON SCREEN DETECTED SCREEN DETECTED NON SCREEN DETECTED SCREEN DETECTED 25

26 Dissezione ascellare PERIODO Percentuali di casi con dissezione ascellare eseguita per morfologia % IN SITU INVASIVO 26

27 Dissezione ascellare eseguita PERIODO INVASIVO % di esecuzione della dissezione ascellare per classi di età Classi di età Dissezione eseguita n.3, % di esecuzione della dissezione ascellare per stadio Stadio* Dissezione eseguita n.3,581 0[^] 70.0 I 13.5 II Sarcoma 33.3 Non stadiato % ha eseguito la dissezione ascellare con esito positivo senza aver eseguito il linfonodo % di esecuzione della dissezione ascellare per linfonodo sentinella Linfonodo sentinella Dissezione eseguita n.3,581 non eseguito 60.1 eseguito 26.6 missing % ha eseguito il linfonodo sentinella con esito positivo, con stadio II+ ed età compresa tra anni [^] 7 casi con yt=is *Stadio TNM VI revisione modificato 27

28 Dissezione ascellare PERIODO ANNI Percentuali di casi con dissezione ascellare eseguito per morfologia e stato di screening 100 INVASIVI IN SITU % % NON SCREEN DETECTED SCREEN DETECTED NON SCREEN DETECTED SCREEN DETECTED 28

29 Stato di screening Stadio PERIODO anni Distribuzione percentuale dei tumori per stadio secondo le modalità diagnostiche STADIO* (%) Stato di screening^ 0 I II+ Sarcoma Non stadiato NSD n=10, SD n=11, Totale^ n=21, % di casi con stadio II+ Stato di screening NSD SD ^692 casi pre screening inclusi nel totale *Stadio TNM VI revisione modificato 29

30 Stato di screening Stadio PERIODO anni Distribuzione percentuale dei tumori per stadio secondo le modalità diagnostiche STADIO(%) Stato di screening 0 I II+ Sarcoma Non Stadiato n. Totale Screen Detected I ,134 Screen Detected II ,256 Early rescreen Early recall Ca in donne con almeno un test negativo ,261 Ca in donne mai rispondenti ,872 Ca in donne non invitate ,109 Ca in donne escluse Pre screening Dubbio/Inclassificabile TOTALE ,957 *Stadio TNM VI revisione modificato 30

31 Stato di screening Grading PERIODO anni Distribuzione percentuale dei tumori per grading secondo le modalità diagnostiche GRADING (%) Stato di screening* I II III IGNOTO NSD n=10, SD n=11, Totale* n=21, *692 casi pre screening inclusi nel totale 31

32 Stato di screening Grading PERIODO anni Distribuzione percentuale dei tumori per grading secondo le modalità diagnostiche GRADING (%) Stato di screening I II III IGNOTO n. Totale Screen Detected I ,134 Screen Detected II ,256 Early rescreen Early recall Ca in donne con almeno un test negativo ,261 Ca in donne mai rispondenti ,872 Ca in donne non invitate ,109 Ca in donne escluse Pre screening Dubbio/Inclassificabile TOTALE ,957 32

33 Cancri identificati in donne con almeno un test di screening conclusosi negativamente PERIODO anni Tempo intercorso n % <6mesi CA INTERVALLO n=2, Totale 3,

34 Cancri d intervallo e azienda USL PERIODO anni Residenza <12 mesi n. (%) mesi n. (%) Piacenza^ Parma Reggio Emilia Modena Bologna* Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale , ^ PIACENZA periodo *BOLOGNA periodo FERRARA periodo Residenza N. % su tot tumori CI+SD in anni Piacenza^ Parma Reggio Emilia Modena Bologna* Imola Ferrara Ravenna Forlì Cesena Rimini Totale 2,

35 Cancri d intervallo e stadio PERIODO anni Distribuzione dei cancri di intervallo entro i 24 mesi per stadio e fascia di età Stadio (%) Classi di età 0 I II+ NS Totale n= n= n= n= n= Totale n=2, SD n=11, *Stadio TNM VI revisione modificato 35

36 Incidenza del tumore della mammella Tassi standardizzati (per donne) 140 INVASIVI IN SITU stima INVASIVI stima IN SITU Tassi per (INVASIVI) APC: 17.5%* APC: 0.3% APC: 1.9% Tassi per (IN SITU) Analisi Joinpoint dei tassi standardizzati (STD EUROPA) APC : variazione percentuale annua * Dato significativo statisticamente 36

37 Tassi età specifici di incidenza per abitanti Periodo INVASIVI IN SITU 300 Tassi per Classi di eta 37

38 Sopravvivenza relativa per pt: % di sopravviventi a 5 anni dalla diagnosi ANALISI DI COORTE RER PERIODO % 90% 100% 100% 99% 97% 88% coorte coorte % 80% 70% 65% 60% 57% 50% 40% 30% 20% 10% 0% T1mic T1a T1b T1c T2(21 30mm) T2(31 50mm) T3 T4abcd 38

39 100% 90% 80% 70% Sopravvivenza relativa per pn: % di sopravviventi a 5 anni dalla diagnosi ANALISI DI COORTE 99% 89% 81% RER PERIODO coorte coorte % 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% negativo N1 N2 N3 39

40 APPROFONDIMENTO Incidenza di secondi tumori invasivi della mammella nelle donne con pregressa diagnosi di tumore in situ della mammella Background Franceschi S, 1998 SIR=7.2 Crocetti E, 2001 SIR=4.6 omolaterale e SIR=3.5 controlaterale Rawal R, 2005 RR=3.9 omolaterale e RR=2.0 controlaterale Soerjomataram I, 2006 SIR=1.9 omolaterale e SIR=2.0 controlaterale Innos D, 2008 SIR=1.7 omolaterale e SIR=1.4 controlaterale Robinson D, 2008 SIR=2.4 omolaterale e SIR=1.7 controlaterale 40

41 APPROFONDIMENTO: Incidenza di secondi tumori invasivi della mammella nelle donne con pregressa diagnosi di tumore in situ della mammella Casistica: Registro di patologia del tumore della mammella della RER Periodo: Esclusioni effettuate: Donne con almeno una diagnosi di linfoma/sarcoma Casi di tumore benigno Donne con tumore sincrono* bilaterale mastectomizzate Casi associati al tumore sincrono* con stadio meno grave Casi con tumore non confermato istologicamente (livello 6 e 7) Casi non operati o con intervento sconosciuto Casi con data di diagnosi uguale alla data di fine follow up Casi con tumore invasivo alla prima diagnosi *sincrono: con diagnosi avvenuta entro 6 mesi 41

42 APPROFONDIMENTO DEFINIZIONE: Secondo tumore invasivo Tumori invasivi Tumori che insorgono dopo 6 mesi dalla prima diagnosi Appartenenti a tutti i gruppi morfologici ad eccezione dei linfomi/sarcomi e benigni Tumori con conferma citologica e/o istologica SONO STATE CONDOTTE DUE ANALISI DISTINTE CHE CONSIDERANO: Eventi omolaterali Sono escluse dall analisi le donne che hanno eseguito mastectomia sulla prima diagnosi Eventi controlaterali 42

43 EVENTO OMOLATERALE Patients No. % No. of person years at risk Caratteristiche delle pazienti (n,%) e relativi anni persona Total 3, ,281 Age at diagnosis <=39 years years , years 1, , years 1, , years ,910 >=80+ years Time period of diagnosis , , , , , , ,534 Tumour grade Low ,534 High 2, ,222 Missing ,525 Tumour morphology Ductal 3, ,598 Lobular ,709 Mixed+other Focality Unifoci 2, ,049 Multifocal 1, ,910 Missing ,322 Synchronous tumour present absent 3, ,096 43

44 EVENTO OMOLATERALE Obs Exp SIR 95% IC Total Rischio di avere un secondo tumore invasivo omolaterale Obs: osservato Exp: atteso Age at diagnosis <=39 years years years years years >=80+ years Time period of diagnosis Tumour grade Low High Missing Tumour morphology Ductal Lobular Mixed+other Focality Unifoci Multifocal Missing Synchronous tumour absent present Time since diagnosis <1 years years years >=10 years SIR: Rapporto standardizzato di incidenza calcolato come rapporto fra eventi osservati ed eventi attesi assumendo che gli osservati si distribuiscano secondo una Poisson Sono escluse dall analisi le donne che hanno eseguito al primo tumore l intervento di mastectomia 44

45 EVENTO CONTROLATERALE Caratteristiche delle pazienti (n,%) e relativi anni persona Patients No. % No. of person years at risk Total 4, ,820 Age at diagnosis <=39 years years 1, , years 1, , years 1, , years ,654 >=80+ years Time period of diagnosis , , , , , , ,841 Tumour grade Low ,095 High 2, ,895 Missing 1, ,830 Tumour morphology Ductal 3, ,418 Lobular ,969 Mixed+other ,432 Focality Unifoci 2, ,321 Multifocal 1, ,971 Missing ,527 Synchronous tumour present absent 4, ,630 Surgery Conservative 3, ,251 Radical ,569 45

46 Obs Exp SIR 95% IC EVENTO CONTROLATERALE Rischio di avere un secondo tumore invasivo controlaterale Total Age at diagnosis <=39 years years years years years >=80+ years Time period of Tumour grade Low High Missing Tumour morphology Ductal Lobular Mixed+other Focality Unifoci Multifocal Missing Synchronous tumour absent present Surgery Conservative Radical Time since diagnosis <1 years years years >=10 years Obs: osservato Exp: atteso SIR: Rapporto standardizzato di incidenza calcolato come rapporto fra eventi osservati ed eventi attesi assumendo che gli osservati si distribuiscano secondo una Poisson 46

47 47

48 Tasso di richiamo e Cancri di intervallo Table 1. Total proportional incidence of interval breast cancers Interval year First Second WYR, n 587, Interval cancers OBS, n OBS, rate EXP, n 1, ,045.1 OBS:EXP ratio 0.18 ( ) 0.43 ( ) (95% CI) Table 2. Proportional incidence of interval breast cancers by woman's age, screening centre specific recall rate and screening round First interval year Second interval year WYR, n OBS, n (rate) EXP,n OBS:EXP ratio (95% CI) WYR, n OBS, n (rate) EXP,n OBS:EXP ratio (95% CI) Woman's age , [51.0] [ ] 109, [114.5] [0.46 0,66] , [45.2] [ ] 109, [115.7] [ ] , [34.3] [ ] 115, [96.7] [ ] , [34.5] [ ] 100, [87.2] [ ] Recall rate <5% 306, [48.9] [ ] 222, [121.8] [ ] >=5% 280, [33.2] [ ] 213, [84.9] [ ] Screening round First 151, [46.2] [ ] 143, [95.1] [ ] Subsequent 435, [39.7] 1, [ ] 291, [108.0] [ ]

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna

L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna L impatto dello screening nei tumori femminili in Emilia-Romagna Dott. Fabio Falcini Responsabile U.O. Prevenzione Oncologica-AUSL Forlì- Ravenna Direttore U.O. Registro Tumori della Romagna-R.T.Ro-IRST

Dettagli

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale F. FALCINI

Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia regionale F. FALCINI La sorveglianza epidemiologica dello screening mammografico nella Regione Emilia-Romagna Seminario di studio Bologna, 18 marzo 2013 Analisi dei dati sull impatto dello screening dal registro di patologia

Dettagli

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE

I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE I TUMORI OGGETTO DI SCREENING: SPECIFICITA DELLA REGISTRAZIONE E VARIABILI AGGIUNTIVE Orietta Giuliani Registro Tumori della Romagna IRCCS Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori

Dettagli

Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini

Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini Silvia Mancini, Elisa Rinaldi, Rosa Vattiato, Fabio Falcini 1 #2003-2007 1996-2007 ^1997-2006 INVASIVI ^1997-2005 IN SITU *1997-2007 2 Centro di screening In situ Invasivi Linfomi n medio Totale D06 C53

Dettagli

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale

Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Padova, 3 novembre 2010 Impatto dei programmi di screening del carcinoma colorettale Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto IRCCS Registro Tumori del Veneto Programmi di screening colorettale attivi in

Dettagli

Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale?

Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale? Il Registro tumori di patologia della Regione Emilia-Romagna: cosa è cambiato nella patologia tumorale colorettale? Fabio Falcini, Orietta Giuliani, Silvia Mancini, Alessandra Ravaioli, Rosa Vattiato Registro

Dettagli

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto?

E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Gruppo Italiano Screening Colorettale E possibile applicare la metodologia dello Studio Impact al colon retto? Dott. Fabio Falcini Registro Tumori della Romagna Napoli - 11 dicembre 2006 1 Lo Studio Impact:

Dettagli

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento

NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento NEWSLETTER Screening Mammografico provincia di Trento Anno 2003 A cura del gruppo tecnico di valutazione Screening Mammografico Direzione per la Promozione e l'educazione alla Salute Giugno 2004 Gruppo

Dettagli

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO

IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO IL TUMORE DELLA MAMMELLA NEL MONDO In tutto il mondo il carcinoma della mammella è il tumore più frequente nella popolazione femminile, sia per incidenza sia per mortalità. L Organizzazione Mondiale della

Dettagli

Neoplasie della mammella - 1

Neoplasie della mammella - 1 Neoplasie della mammella - 1 Patologia mammaria FIBROADENOMA CISTI ASCESSO ALTERAZIONI FIBROCISTICHE NEOPLASIA NEOPLASIA RETRAZIONE CUTANEA Carcinoma mammario Incidenza per 100.000 donne Western Europe

Dettagli

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità

Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Seminario di studio Tempi di attesa per il trattamento chirurgico dei tumori della mammella: sistemi di rilevazione regionali e nazionali e loro criticità Bologna, 23 marzo 2015 P Sassoli de Bianchi; M

Dettagli

Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna

Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna Registro dei Tumori del Collo dell Utero dell Emilia Romagna Alessandra Ravaioli Bologna, 23 febbraio 2006 Che cos è? nasce con l obiettivo di valutare il programma di screening cervicale registra i casi

Dettagli

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente

ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente ginecomastia aumento di volume della mammella maschile, mono o bilateralmente diagnosi differenziale: carcinoma della mammella sono elementi di sospetto: monolateralità, rapido sviluppo Primitiva: puberale,

Dettagli

Generalità sugli standard di registrazione

Generalità sugli standard di registrazione Corso intensivo di formazione sui controlli di qualità Generalità sugli standard di registrazione C. Buzzoni 1,2 1 ISPO, Firenze 2 Banca Dati AIRTUM Salerno, 10-12 Giugno 2015 Standard di registrazione:

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA IN VENETO Registro Tumori del Veneto novembre 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990.

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. agosto 2015 EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELLE DONNE GIOVANI IN VENETO. PERIODO 2005-2008 E ANDAMENTI TEMPORALI DAL 1990. Registro Tumori del Veneto Baracco M, Baracco S, Bovo E, Cesco G, Dal

Dettagli

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto

Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Il NPS ed il carcinoma polmonare nel Veneto Paola Zambon Registro Tumori del Veneto (IOV IRCCS) Manola Lisiero, Mario Saugo (SER) Belluno, 20 Ottobre 2011 Casi annui in Veneto stimati nel 2011 a partire

Dettagli

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale

ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale ROER (Rete Oncologica Emiliano-Romagnola) Maurizio Leoni Oncologia Medica Ravenna Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale Azienda USL di Bologna Azienda USL di Imola Azienda USL di Ferrara AOSPU di Bologna

Dettagli

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007

Principi di codifica delle neoplasie. Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Principi di codifica delle neoplasie Piera Vicari Registro Tumori Piemonte Corso per operatori dei Registri Reggio Emilia dicembre 2007 Perché codificare Dare un nome girasole tulipano iris margherita

Dettagli

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia

1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia 1.4 Rete nazionale dei registri tumori: indicatori e controllo del cancro in Italia Coordinatori: R. Capocaccia (ISS Roma) M. Vercelli (IST Genova) E. Paci (Registro Tumori Toscano) P. Picci (IOR Bologna)

Dettagli

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì

Risultati del test e commenti. Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Risultati del test e commenti Dolores Santini, Modena Lauro Bucchi, Forlì Menu caratteristiche dei casi risultati del test criteri 2007 vs. 2005 commenti commenti commenti Dati richiesti all applicativo

Dettagli

Il programma di screening della cervice uterina: risultati, criticità e prospettive

Il programma di screening della cervice uterina: risultati, criticità e prospettive CORSO di FORMAZIONE Strategie di comunicazione e advocacy per promuovere lo screening della cervice uterina presso le fasce di popolazione più svantaggiate evento residenziale: Cesena, 15 e 16 ottobre

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA 1. Background Epidemiologico Il tumore della mammella, all interno del gruppo delle malattie neoplastiche, rappresenta di gran lunga il

Dettagli

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova

8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova 8. Valutazione degli screening di prevenzione delle patologie tumorali nell ASL di Mantova I programmi di screening per la prevenzione dei tumori della mammella, del colon retto e della cervice uterina

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO

EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO EPIDEMIOLOGIA DEL TUMORE DEL PANCREAS IN VENETO Registro Tumori del Veneto agosto 213 Baracco M, Bovo E, Dal Cin A, Fiore AR, Greco A, Guzzinati S, Monetti D, Rosano A, Stocco CF, Tognazzo S, Zorzi M e

Dettagli

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA

VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA LA STRATEGIA CHIRURGICA VIENE DEFINITA SULLA BASE DI UN INQUADRAMENTO DIAGNOSTICO PREOPERATORIO CONDIVISA A LIVELLO MULTIDISCIPLINARE CON LA DONNA IMAGING MICROISTOLOGIA TUMORE EREDO FAMILIARE CLINICA

Dettagli

XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013

XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013 XVII Riunione annuale AIRTUM Bolzano 22 marzo 2013 Comunicazione orale: I carcinomi del colon-retto e gli adenomi con displasia di alto grado: confronto nel periodo pre e post screening Relatore: Dott.

Dettagli

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE

QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SINDROMI CORRELATE QUADRO EPIDEMIOLOGICO DELLA MALATTIA DI CREUTZFELDT- JAKOB E SIDROMI CORRELATE EMILIA-ROMAGA, 1 GEAIO 2010-31 DICEMBRE 2012 Segnalazioni di MCJ el periodo 2010-2012 sono pervenute al Sevizio Sanità pubblica

Dettagli

SOC di Epidemiologia e Biostatistica, IRCCS Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano (PN)

SOC di Epidemiologia e Biostatistica, IRCCS Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano (PN) Antonella Zucchetto per il gruppo di lavoro IMPATTO-CERVICE SOC di Epidemiologia e Biostatistica, IRCCS Centro di Riferimento Oncologico (CRO) di Aviano (PN) CONVEGNO NAZIONALE GISCI 2014 - Firenze, 12-13

Dettagli

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara

Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Risultati del programma di screening dei tumori del colon retto a Ferrara Aldo De Togni direttore Unità Operativa Organizzazione Oncologica Dipartimento di Sanità Pubblica Il tumore del colon-retto è un

Dettagli

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007)

Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la fine del progetto (31/12/2007) Allegato A In risposta alle osservazioni sul progetto di screening colorettale della Regione Emilia- Romagna: Progressione dello screening in vista di una copertura effettiva superiore al 95% entro la

Dettagli

Screening del carcinoma mammario in Regione Lombardia. Aggiornamento 2012

Screening del carcinoma mammario in Regione Lombardia. Aggiornamento 2012 Screening del carcinoma mammario in Regione Lombardia Aggiornamento 2012 Ottobre 2013 INTRODUZIONE Il presente documento descrive l aggiornamento al 2012 dei dati di attività e risultato dello screening

Dettagli

CARCINOMA DELLA MAMMELLA

CARCINOMA DELLA MAMMELLA CARCINOMA DELLA MAMMELLA TRATTAMENTO LOCO REGIONALE e ADIUVANTE NEOPLASIE INTRAEPITELIALI DELLA MAMMELLA Neoplasia Lobulare Intraepiteliale (LIN 2-3) Nessun trattamento (dopo la diagnosi) Resezione mammaria

Dettagli

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA

PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Allegato A PROGETTO DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA Background Epidemiologico Esclusi i carcinomi della cute, In Italia i cinque tumori più frequentemente diagnosticati

Dettagli

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria)

I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M. CLASSIFICAZIONE CLINICA (prima del trattamento -preoperatoria) I CARCINOMI DELLA MAMMELLA : CLASSIFICAZIONE T.N.M A cura del Dott. G.Antonini RIASSUNTO La classificazione della Unione Internazionale Contro il Cancro ha proposto una classificazione in base alle dimensioni

Dettagli

XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014. Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi.

XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014. Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi. XII Convegno Osservatorio Nazionale Screening Bologna, 31 Gennaio 2014 L esperienza di gestione dell alto rischio in Regione Emilia-Romagna Carlo Naldoni, Priscilla Sassoli de Bianchi. Delibera di Giunta

Dettagli

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PROGETTO DI ATTIVAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING DEI TUMORI DEL COLON-RETTO NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Dati epidemiologici In Emilia-Romagna i tumori del colon-retto costituiscono la seconda causa

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

Assistenza Sanitaria Collettiva

Assistenza Sanitaria Collettiva Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Assistenza Sanitaria Collettiva Contenuti informativi minimi per la rilevazione delle prestazioni di Screening oncologico Metadato per la rilevazione delle prestazioni

Dettagli

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza

Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Oncologia epato-bilio-pancreatica Metastasi da tumore a sede primitiva ignota Monza, 06 Maggio 2011 Laura Catena Istituto di Oncologia Policlinico di Monza Epidemiologia Rappresentano meno del 5% di tutte

Dettagli

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag.

Sommario. 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso. PERCORSO Codice DVA 09 Rif. P 01. Pag. Rif. P 01 Pag. 1 Sommario 1. Scopo e applicabilità 2. Riferimenti 3. Allegati 4. Descrizione del percorso REVISIONI N REV. DATA STESURA DESCRIZIONE Rif. PARAGR. Rif. PAGINA 00 20/10/2009 Prima emissione

Dettagli

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia

11 Incontro di Oncologia ed Ematologia 11 Incontro di Oncologia ed Ematologia Sestri Levante, 18 maggio 2013 Maria Sironi C è ancora un ruolo per la citologia da agoaspirato con ago sottile nella diagnostica dei noduli mammari? 1 mm Quali tecniche

Dettagli

coin lesion polmonare

coin lesion polmonare coin lesion polmonare accurata anamnesi ed esame obiettivo impossibile confronto con precedenti radiogrammi lesione non preesistente o modificatasi TC Follow-up caratteri di benignità lesione sospetta

Dettagli

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009

ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 ANALISI DI ALCUNI INDICATORI DI FOLLOW-UP NEL TUMORE DELLA MAMMELLA NELL ASL DELLA PROVINCIA DI VARESE ANNO 2009 A cura di: Dr.ssa M. Gambino, Dr.ssa Ass. San. L. Balconi, Dr. S. Pisani U. O. S. Sorveglianza

Dettagli

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze

Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze LA CITOLOGIA NEGLI SCREENING ONCOLOGICI Roma 19 Novembre 2014 IL PAP TEST NEI DIVERSI SCENARI: SIMILITUDINI E DIFFERENZE Massimo Confortini Direttore Laboratorio Prevenzione Oncologica ISPO Firenze Bertozzi

Dettagli

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test

Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Lo screening per la prevenzione dei tumori della cervice uterina in Emilia Romagna Risultati del triage e del follow-up post-trattamento con HPV-DNA test Bologna, 29 marzo 2011 HPV TEST NEL TRIAGE DI ASC-US

Dettagli

- programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening per i tumori della mammella

- programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening per i tumori della mammella DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio di Medicina Preventiva nelle Comunità CENTRO DI PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI - programma di screening per i tumori della cervice uterina - programma di screening

Dettagli

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010

Il cancro della vescica. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 Il cancro della vescica Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte - CPO Piemonte Corso di base sulla registrazione dei tumori Rho, 10 maggio 2010 La vescica La vescica La vescica è un organo cavo situato

Dettagli

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo

Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale: quali alternative? Dott Fulvio Lagana Urologia O.C.Dolo Neoplasia renale Fino al 50% dei casi riscontri incidentali Costante aumento dell incidenza di nuove diagnosi Aumento dell eta

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

Il polipo cancerizzato Dimensione del problema

Il polipo cancerizzato Dimensione del problema Reggio Emilia, 7 Aprile 2011 Il polipo cancerizzato Dimensione del problema Lucia Mangone Azienda Ospedaliera Reggio Emilia La dimensione del problema. dipende - Emilia-Romagna: Fabio Falcini - Ferrara:

Dettagli

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE

L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE L IMPORTANZA DELLO SCREENING E L IMPATTO SULLE RISORSE RENATO CANNIZZARO S.O.C. GASTROENTEROLOGIA ONCOLOGICA CRO-ISTITUTO NAZIONALE TUMORI IRCCS - AVIANO L IMPORTANZA DELLO SCREENING L IMPATTO SULLE RISORSE

Dettagli

Gentile signora, Carlo Lusenti

Gentile signora, Carlo Lusenti Gentile signora, I programmi di screening per la prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori della mammella e del collo dell utero sono in corso nella nostra regione dal 1996, rappresentando un elemento

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Seminario concordanza 2012 Consensus Conference il 12 Giugno 2012 a Bologna Aula Tinozzi Ospedale Bellaria

Seminario concordanza 2012 Consensus Conference il 12 Giugno 2012 a Bologna Aula Tinozzi Ospedale Bellaria Seminario concordanza 2012 Consensus Conference il 12 Giugno 2012 a Bologna Aula Tinozzi Ospedale Bellaria Foglio appunti di Xxxxx Yxxxxxx Caso # 1 Elenco vetrini digitali, notizie cliniche e diagnosi

Dettagli

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne.

Nella provincia di Latina sono diagnosticati in media ogni anno 98 casi ogni 100.000 uomini e 27 ogni 100.000 donne. TUMORE DEL POLMONE Nel periodo 27-211 sono stati registrati complessivamente in provincia di Latina 172 nuovi casi di tumore del polmone. E risultato al 1 posto in termini di frequenza fra le neoplasie

Dettagli

SCREENING CON HPV DNA TEST

SCREENING CON HPV DNA TEST SCREENING CON HPV DNA TEST L HPV ha un ruolo etiologico nella carcinogenesi Progressione della malattia Il DNA virale è rintracciabile in tutte le fasi Epitelio normale Infezione da HPV CIN I CIN II CIN

Dettagli

Classificazione del carcinoma mammario

Classificazione del carcinoma mammario Classificazione del carcinoma mammario Carcinoma mammario invasivo Carcinoma più frequente della donna: 1 su 9 Rischio aumentato con l étà Def.: Lesione epiteliale maligna invasiva derivata dalla unità

Dettagli

SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA

SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA SCREENING MAMMOGRAFICO E REGISTRO TUMORI DI POPOLAZIONE VALUTAZIONE DEI PRIMI TRE ANNI DI ATTIVITA' COORDINATA * Fabio Pannozzo *Susanna Busco, **Giuseppe Cerimoniale, **Paola Bellardini, *Leonarda Macci,

Dettagli

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura

Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Lo screening mammografico una revisione sui dati di letteratura Cos è uno screening Strategia di indagini diagnostiche generalizzate, utilizzate per identificare una malattia in una popolazione standard

Dettagli

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid

I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI. Ivan Rashid I FLUSSI INFORMATIVI E LA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Ivan Rashid OBIETTIVI Come funzionano i registri tumori (RT)? Quali flussi informativi sono utilizzati dai RT? Quali flussi informativi non sono utilizzati

Dettagli

sintesi dei risultati

sintesi dei risultati sintesi dei risultati In questo primo rapporto collaborativo tra i registri tumori delle province emiliane di Parma, Reggio Emilia e Modena vengono presentati i dati di incidenza, mortalità e sopravvivenza

Dettagli

Il linfonodo sentinella: esperienza dell Ospedale S. Chiara

Il linfonodo sentinella: esperienza dell Ospedale S. Chiara : esperienza dell Ospedale S. Chiara Mariella Bonzanini; Davide Donner; Daniela Cazzolli; Bruno Zani Trento 19 novembre 2009 1 Criteri di eligibilità 2002-2005 Ca infiltrante (diagnosi Mx e FNAB) unifocale,

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Livelli di Assistenza

Dettagli

Ospedale S.Chiara - Trento ANAMNESI

Ospedale S.Chiara - Trento ANAMNESI LA VALUTAZIONE DEI MARGINI SUI CAMPIONI OPERATORI CASO CLINICO Dott. Fabio Gasperetti Chirurgia Generale I Dott.ssa Bragantini Emma Anatomia Patologica Ospedale S.Chiara - Trento ANAMNESI M.F. anni 42

Dettagli

Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide. Carlo Naldoni

Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide. Carlo Naldoni Programma RER: presupposti, contenuti, criticità e sfide Carlo Naldoni - Piano nazionale (regionale) della prevenzione 2010-2012 - Delibera di Giunta Regionale n. 1035/2009 Strategia regionale per il miglioramento

Dettagli

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena

Il Punto Senologico. Dott.ssa Elda Longhitano. 25 settembre 2009. Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena Il Punto Senologico Dott.ssa Elda Longhitano Direttore di Presidio Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena 25 settembre 2009 XIII Conferenza Nazionale della Rete HPH Ospedali e Servizi

Dettagli

Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara

Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori del colon-retto nella Regione Emilia-Romagna Seminario di Studio Bologna, 3 marzo 2009 Stefano Ferretti Registro Tumori della provincia di Ferrara

Dettagli

La linea giusta è prevenire.

La linea giusta è prevenire. La linea giusta è prevenire. PROGRAMMA DI SCREENING PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI DEL COLON-RETTO I.P. filo diretto con la sanità: www.saluter.it programmi di screening, che propongono controlli mirati

Dettagli

La prevenzione di genere in provincia di Ferrara: a che punto siamo Il carcinoma del collo dell utero

La prevenzione di genere in provincia di Ferrara: a che punto siamo Il carcinoma del collo dell utero La prevenzione di genere in provincia di Ferrara: a che punto siamo Il carcinoma del collo dell utero Paola Garutti Modulo di UnitàOperativa Semplice in coordinamento degli screening Clinica Ostetrica

Dettagli

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara

Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara Rapporto sullo stato delle Dipendenze Patologiche nella provincia di Ferrara 13 marzo 2007 Cristina Sorio Responsabile Osservatorio Epidemiologico Dipendenze Patologiche Azienda USL di Ferrara LIVELLO

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore dell ovaio. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore dell ovaio Adele Caldarella Tumore dell ovaio in Italia 9 tumore più frequente nel sesso femminile 2.9% delle diagnosi tumorali

Dettagli

Aggiornamenti sullo studio IMPATTO

Aggiornamenti sullo studio IMPATTO Incontro Annuale Screening Mammografico Aggiornamenti sullo studio IMPATTO Manuel Zorzi Istituto Oncologico Veneto - Registro Tumori del Veneto Studio Impatto studio multicentrico italiano casistiche di

Dettagli

Differenze socio-economiche nella cura del tumore della mammella in Emilia-Romagna

Differenze socio-economiche nella cura del tumore della mammella in Emilia-Romagna La sorveglianza epidemiologica dello screening dei tumori della mammella nella Regione Emilia-Romagna Differenze socio-economiche nella cura del tumore della mammella in Emilia-Romagna Barbara Pacelli,

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

Monitoraggio aspetti critici

Monitoraggio aspetti critici Monitoraggio aspetti critici raccolta dati carente qualitativamente e quantitativamente RADIOTERAPIA E TERAPIE ADIUVANTI INDICATORI DI ESITO (FU RECIDIVE CPL ECOS) Screen MMG Breast Unit Sur Diagnostic

Dettagli

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna

Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Mammografia digitale e RIS-PACS in Regione Emilia Romagna Modena 27 novembre 2008 Silvia Salimbeni in collaborazione con Rita Bisognin .un po di storia Fine anni 90 in tutta la Regione Emilia Romagna si

Dettagli

Mammella RIASSUNTO DELLE MODIFICHE

Mammella RIASSUNTO DELLE MODIFICHE Mammella C50.0 Capezzolo C50.1 Porzione centrale della mammella C50.2 Quadrante superiore interno della mammella C50.3 Quadrante inferiore interno della mammella C50.4 Quadrante superiore esterno della

Dettagli

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero

Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione del carcinoma del collo dell utero Prevenzione primaria : agisce sulla causa del tumore (HPV alto rischio) e sui cofattori (stile di vita) Interviene su tutta la popolazione indistintamente

Dettagli

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna

Gentile signora, Giovanni Bissoni Assessore alle politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna Gentile signora, dal 1 gennaio 2010 in Emilia Romagna il programma di screening per la diagnosi precoce dei tumori della mammella è esteso a tutte le donne dai 45 ai 74 anni. La Giunta regionale ha preso

Dettagli

L uso attuale del PSA in Italia

L uso attuale del PSA in Italia L uso attuale del PSA in Italia Regione Emilia-Romagna Priscilla Sassoli de Bianchi, Flavia Baldacchini, Carlo Naldoni, Lauro Bucchi Regione Veneto Elena Schievano, Ugo Fedeli, Mario Saugo e Manuel Zorzi

Dettagli

Gli screening oncologici. Maria Serena GALLONE

Gli screening oncologici. Maria Serena GALLONE Gli screening oncologici Maria Serena GALLONE Prevenzione PRIMARIA SECONDARIA TERZIARIA Cosa è lo screening? Esame sistema2co, condo7o con mezzi clinici, strumentali o con test di laboratorio finalizzato

Dettagli

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto

Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto Ecografia, risonanza magnetica nello screening mammografico: luoghi dove è meglio non avventurarsi? Stefano Ciatto anni 35 - sintomatica EO: nodulo in regione infero-centrale Mammografia: quadro negativo

Dettagli

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella

Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007. Tumore del polmone. Adele Caldarella Corso per operatori dei Registri Tumori Reggio Emilia 3-6 dicembre 2007 Tumore del polmone Adele Caldarella Frequenza del tumore del polmone in Italia AIRTum AIRTum Mortalità per tumore del polmone AIRTum

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico

Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Progetto di consolidamento dello screening del cercivocarcinoma La popolazione target del Veneto è di circa 1.350.000 donne e programmi di screening citologico sono attivi in tutte le 21 Aziende ULSS della

Dettagli

Femmina nata nel 1923. Esente ticket cod 048, vivente

Femmina nata nel 1923. Esente ticket cod 048, vivente Femmina nata nel 1923. Esente ticket cod 048, vivente 1.o ricovero chirurgia 2 / 11 / 2002 Diagnosi di ricovero :Versamento pleurico bilaterale. SDO 1749 + 428.0 19 11 2002 8541 Mastectomia semplice monola

Dettagli

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella

Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella SIAPEC PIEMONTE Concordanza e uniformità di refertazione diagnostica nelle anatomie patologiche della Regione Piemonte Requisiti minimi e standard di refertazione per carcinoma della mammella Statement

Dettagli

Il melanoma cutaneo. Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte

Il melanoma cutaneo. Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007. Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte Il melanoma cutaneo Reggio Emilia 2-5 dicembre 2007 Silvia Patriarca Registro tumori Piemonte La pelle La pelle La pelle è il più esteso organo del corpo. Protegge contro il caldo, la luce solare, i traumi

Dettagli

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI

ESPERIENZA SULLE BIOPSIE VACUUM-ASSISTED ASSISTED E LORO INDICAZIONI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE MEDICO-CHIRURGICHE SEZIONE DI RADIODIAGNOSTICA CATTEDRA DI RADIOLOGIA DIRETTORE: PROF. G. GANDINI RISULTATI DEL PROGRAMMA REGIONALE DI SCREENING

Dettagli

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo

Offerta sanitaria e sopravvivenza di pazienti con tumore del colon nella Provincia di Palermo Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute Registro Tumori della Provincia di Palermo Università degli Studi di Palermo Direttore Prof. Nino Romano Regione Sicilia AUSL 6 Palermo Dipartimento

Dettagli

Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Direzione generale sanità e politiche sociali Agenzia sanitaria e sociale regionale Il TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA DELLA MAMMELLA NELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Dicembre 2007 - pag. 2 - TRATTAMENTO

Dettagli

La Risonanza Magnetica della Mammella

La Risonanza Magnetica della Mammella La Risonanza Magnetica della Mammella - in 15 minuti - Dr Renzo Taschini Centro Oncologico Fiorentino RM Mammella : i requisiti 1- TECNOLOGIA Magnete ad elevato campo (1.5T o 3T) Elevata risoluzione spaziale

Dettagli

Gli screening oncologici Il ruolo dei Registri Tumori nella valutazione epidemiologica

Gli screening oncologici Il ruolo dei Registri Tumori nella valutazione epidemiologica CORSO SULLA REGISTRAZIONE DEI TUMORI Reggio Emilia, 3-6 dicembre 2007 Gli screening oncologici Il ruolo dei Registri Tumori nella valutazione epidemiologica Lucia Mangone Registro Tumori, Reggio Emilia

Dettagli

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia

Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Maurizio Bersani Direzione Generale Salute Regione Lombardia Complessità Sistema Sanitario e Sociosanitario Natura delle patologie stadio ed evoluzione necessità assistenziali Domanda popolazione che esprime

Dettagli

Risultati della chirurgia per cancro gastrico

Risultati della chirurgia per cancro gastrico Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione San Giuseppe Moscati Avellino - Italy Struttura Complessa di Chirurgia Generale Dir. prof. F. Caracciolo Risultati della chirurgia per

Dettagli

Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia?

Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia? Epidemiologia del carcinoma della prostata in Ticino: fine di un'epidemia? Laura Ortelli Registro Tumori Canton Ticino Istituto cantonale di patologia, Locarno Nuova classificazione WHO (2016) dei tumori

Dettagli

NEWSLETTER Pap test in provincia di Trento

NEWSLETTER Pap test in provincia di Trento Direzione per la Promozione e l'educazione alla Salute NEWSLETTER Pap test in provincia di Trento Anno 2003 A cura del gruppo tecnico di valutazione del Pap test Luglio 2004 Gruppo tecnico di valutazione

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli