ANNO SCOLASTICO 2013/ 2014 DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE 5IA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANNO SCOLASTICO 2013/ 2014 DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE 5IA"

Transcript

1 ANNO SCOLASTICO 2013/ 2014 DOCUMENTO FINALE DELLA CLASSE 5IA Disciplina Docente Ore s.li verif. Firma del docente Italiano Di Sario Angelina Malta 3 S.O. Storia Di Sario Angelina Malta 2 O. Lingua inglese Papini Paola 3 O. Matematica Lab. matematica Cacciamani Tiziana Caramelli David 3 ( 1 ) S.O.P. Calcolo e statistica Attanasi Francesca 3 O.P. Lab. calcolo e statistica Caramelli David ( 1 ) Elettronica e Telec. Viti Paolo 5 Lab di elettronica e tel. Lucarelli Rinaldo ( 3 ) S.O.P. Informatica Frosini Angelo 5 Lab. informatica Nesti Leandro ( 3 ) S.O.P. Sistemi el.dati e trasm.inf Giusti Luca 5 Lab. sistemi e trasm.inf Nesti Leandro ( 2 ) S.O.P. Educazione fisica Gelli Rossella 2 P.O. Religione Vaccaro Andrea 1 O. fra parentesi le ore in compresenza con l ITP s: scritta g: grafica s/g: scritto/grafica - o: orale p: pratica Pistoia, 15 maggio 2014 Il Docente Coordinatore (Prof. Nesti Leandro) Il Dirigente Scolastico (Prof. Bernardi Paolo) 1

2 1) PROFILO DELL INDIRIZZO ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE PARTE GENERALE Il Perito Industriale per l Informatica trova la sua collocazione sia nelle imprese specializzate nella produzione di software sia in tutte le situazioni in cui la produzione e la gestione del software, il dimensionamento e l esercizio di sistemi di elaborazione dati siano attività rilevanti indipendentemente dal tipo di applicazione. In esse può essere impiegato in una vasta gamma di mansioni che, oltre ad una buona preparazione specifica, richiedano capacità di inserirsi nel lavoro di gruppo, di assumersi compiti e di svolgerli in autonomia anche affrontando situazioni nuove, di accettare gli standard di relazione e di comunicazione richiesti dall organizzazione in cui opera, di adattarsi alle innovazioni tecnologiche ed organizzative. In tali ambiti il Perito Informatico potrà: a) collaborare all analisi di sistemi di vario genere ed alla progettazione dei programmi applicativi; b) collaborare, per quanto riguarda lo sviluppo del software, alla progettazione di sistemi industriali e di telecomunicazione; c) sviluppare pacchetti software nell ambito di applicazione di vario genere, come sistemi di automazione e di acquisizione dati, banche dati, calcolo tecnico scientifico, sistemi gestionali, applicazioni in ambiente WEB per reti INTERNET/INTRANET. d) progettare sistemi di elaborazione dati, anche in rete locale, inclusa la scelta ed il dimensionamento di interfaccia verso apparati esterni; e) pianificare lo sviluppo delle risorse informatiche in piccole realtà produttive e dimensionare sistemi di elaborazione dati; f) curare l esercizio di sistemi di elaborazione dati; g) assistere gli utenti dei sistemi di elaborazione dati fornendo loro consulenza e formazione di base sul software e sull hardware. 2) PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe è composta da sedici studenti, tutti provenienti dalla stessa classe quarta, ad eccezione di due ripetenti. All interno della classe sono presenti: uno studente con piano PEI (vedi documento riservato predisposto dai docenti di sostegno) e uno studente con piano PDP ( redatto dal consiglio di classe e allegato al presente documento). Per tale studente il consiglio di classe ritiene necessario che sia concesso di utilizzare il computer per le prove di esame. Nella prima prova scritta sarebbe opportuno affiancare allo studente un lettore del testo (docente di sostegno già presente per l alunno con PEI). Si richiede che siano concessi tutti gli strumenti compensativi e dispensativi utilizzati durante l anno in tutte le prove di esame. La partecipazione della classe al dialogo educativo è stata buona, mentre l impegno nello studio individuale in alcune materie è stato discontinuo, ad eccezione di un terzo della classe che si è applicato con regolarità. La capacità di relazionarsi sia tra di loro che con i singoli docenti è stata sempre adeguata. I risultati conseguiti sono generalmente discreti o sufficienti, con l eccezione di alcuni studenti che hanno raggiunto una preparazione buona e in un caso eccellente. La continuità didattica è stata regolare ad eccezione di Statistica (dalla quarta alla quinta). 2

3 3) OBIETTIVI TRASVERSALI (EDUCATIVI E FORMATIVI) EFFETTIVAMENTE CONSEGUITI: 1. Sanno comprendere un testo scritto o grafico e individuarne gli elementi essenziali. 2. Sono in grado di utilizzare le conoscenze apprese, salvo alcuni casi. 3. Sanno produrre un testo organizzato logicamente e finalizzato all esposizione delle conoscenze. 4. Sono in grado di ricercare e consultare documentazione tecnica anche in lingua Inglese 4) ATTIVITA FORMATIVE AD INTEGRAZIONE DEI PERCORSI CURRICOLARI - Gare di Matematica per alcuni studenti - Visita tecnica al Museo del Calcolo a Pisa e al Data Center di Aruba di Arezzo. - Orientamento alla scelta universitaria con stage presso il dipartimento di matematica di Pisa per due studenti - Spettacolo in lingua inglese The picture of Dorian Gray - Spettacolo teatrale Re Lear - Concorso Serietà e impegno del Rotary Club per alunni meritevoli per impegno didattico e etico-sociale - Orientamento al mondo del lavoro 3

4 5) CRITERI E STRUMENTI DELLA MISURAZIONE DELLE VALUTAZIONI (FORMULAZIONE DEI GIUDIZI E ATTRIBUZIONE DEI VOTI) PRIMA PROVA SCRITTA tipologia A INDICATORI PMA* LIVELLI DI VALORE/VALUTAZIONE PCDL* Comprensione complessiva del testo proposto 3 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 0,5 1 1,5 2 2,5 3 Completezza di analisi del testo 5 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo 0,25 1 1, ,5 4 5 Correttezza nell uso della lingua e proprietà terminologica 4 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 1 1, ,5 4 Contestualizzazione e rielaborazione 3 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 0,5 1 1,5 2 2, PMA = Punteggio massimo attribuibile PCDL = Punteggio corrispondente ai diversi livelli Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali viene approssimato matematicamente. La sufficienza è corrispondente al voto di 10/15. 4

5 PRIMA PROVA SCRITTA tipologia B (saggio breve e articolo di giornale) INDICATORI PMA* LIVELLI DI VALORE/VALUTAZIONE PCDL* Utilizzazione dei documenti proposti e conoscenza dell argomento. 3 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 0,5 1 1,5 2 2,5 3 Organizzazione dell elaborato: rispetto delle consegne, organizzazione dei contenuti, coerenza 5 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo 0,25 1 1, ,5 4 5 Correttezza e proprietà nell uso della lingua 4 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 1 1, ,5 4 Rielaborazione critica e approfondimenti 3 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 0,5 1 1,5 2 2, PMA = Punteggio massimo attribuibile PCDL = Punteggio corrispondente ai diversi livelli Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali viene approssimato matematicamente. La sufficienza è corrispondente al voto di 10/15. 5

6 PRIMA PROVA SCRITTA tipologie C e D INDICATORI PMA* LIVELLI DI VALORE/VALUTAZIONE PCDL* Conoscenza relativa all argomento e contestualizzazione. 3 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 0,5 1 1,5 2 2,5 3 Organizzazione dell elaborato: articolazione e coerenza 4 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo 0,25 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 Correttezza e proprietà nell uso della lingua 4 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo 0,25 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 Rielaborazione critica e approfondimenti 4 Inapprezzabile Gravemente insufficiente Insufficiente mediocre sufficiente discreto buono/ottimo 0,25 1 1,5 2,5 3 3, PMA = Punteggio massimo attribuibile PCDL = Punteggio corrispondente ai diversi livelli Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali viene approssimato matematicamente. La sufficienza è corrispondente al voto di 10/15. 6

7 SECONDA PROVA SCRITTA INDICATORI PUNTEGGIO MASSIMO ATTRIBUIBILE LIVELLI DI VALORE/ VALUTAZIONE PUNTEGGIO CORRISPONDENTE AI DIVERSI LIVELLI 1) Padronanza della materia (concetti di base) 2) Conoscenza specifica degli argomenti richiesti 3 punti 6 punti Inapprezzabile Gravemente insuff. Insufficiente Sufficiente Discreto Buono/ottimo Inapprezzabile Gravemente insuff. Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo 0, , , ) Capacità di organizzare gli elaborati e di giungere a risultati corretti 3 punti Inapprezzabile gravemente insuff. Insufficiente Sufficiente Discreto Buono/ottimo 0, ) Capacità di elaborazione critica e originalità 3 punti Inapprezzabile gravemente insuff. Insufficiente Sufficiente Discreto Buono/ottimo 0, Il voto complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli indicatori, in presenza di numeri decimali viene approssimato matematicamente. La sufficienza è corrispondente al voto di 10/15. 7

8 TERZA PROVA SCRITTA Tipologia B (10 quesiti a risposta singola) Candidato: Classe: Disciplina 1 Disciplina 2 Disciplina 3 Disciplina 4 Disciplina 5 Indicatore Livelli di valutazione Punteggio Quesito 1 Quesito 2 Quesito 1 Quesito 2 Quesito 1 Quesito 2 Quesito 1 Quesito 2 Quesito 1 Quesito 2 1) Conoscenza specifica degli argomenti richiesti 2) Padronanza della lingua italiana e tecnica 3)Correttezza e precisione dello svolgimento/ Uso appropriato delle procedure di calcolo Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Gravemente insufficiente Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Buono Ottimo Totali singoli quesiti 0,1 0,2 0,3 0,4 0,45 0,5 0,6 0,1 0,2 0,3 0,4 0,45 0,5 0,6 0,05 0,1 0,2 0,25 0,3 Totali per disciplina Alla risposta non data si assegnano 0 punti. Il punteggio complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli quesiti, in presenza di numeri decimali, viene approssimato matematicamente. Se il punteggio totale grezzo è inferiore a 1, la valutazione da assegnare è 1/15. Punteggio totale grezzo : La Commissione Valutazione della prova: /15 8

9 TERZA PROVA SCRITTA Tipologia C (30 quesiti a risposta multipla) Candidato: Classe: Punteggio di ogni risposta esatta: 0,5 Disciplina 1 Disciplina 2 Disciplina 3 Disciplina 4 Disciplina 5 N risp. esatte Punteggio Totale C: Il punteggio complessivo risultante dalla somma dei punteggi attribuiti ai singoli quesiti, in presenza di numeri decimali, viene approssimato matematicamente. Se il punteggio totale grezzo è inferiore a 1, il punteggio totale da assegnare è 1/15. Punteggio totale grezzo: La Commissione Punteggio attribuito alla prova: /15 9

10 COLLOQUIO INDICATORI PUNTEGGIO MASSIMO ATTRIBUIBILE LIVELLI DI VALORE/ VALUTAZIONE PUNTEGGIO CORRISPONDENTE AI DIVERSI LIVELLI 1) Padronanza della lingua, capacità espressive e logico linguistiche 8 punti Non risponde Gravemente insuff. Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo 0, ) Conoscenza specifica degli argomenti richiesti (aderenza alla traccia) 14 punti Non risponde Gravemente insuff. Scarso Insufficiente Sufficiente Più che sufficiente Discreto Buono Ottimo 0, ) Capacità di utilizzare le conoscenze acquisiste o di collegarle anche in forma inter-disciplinare 4 punti Non risponde Gravemente insuff Insufficiente Sufficiente Buono/Ottimo 0, ) Capacità di elaborazione critica, originalità e/o creatività 4 punti Non risponde Gravemente insuff Insufficiente Sufficiente Buono/Ottimo 0, ) TIPOLOGIA DELLE PROVE EFFETTUATE (3 PROVA) 3 prova: una simulazione con tipologia B (2 quesit i per 5 materie) e una con tipologia C (6 quesiti per 5 materie) Durante le prove è stato autorizzato l uso della calcolatrice non programmabile, dei manuali tecnici e dei dizionari. Agli studenti è stato consentito l uso di fogli per la brutta copia forniti dalla commissione e consegnati alla stessa insieme all elaborato. 8) ALTRI ELEMENTI RITENUTI SIGNIFICATIVI Non è stata realizzata la simulazione della prova orale perchè non ci sono stati studenti disponibili. 9) ALLEGATI (ELENCO) n. 10 parti disciplinari n. 16 schede personali candidati interni n. 2 relazioni riservate 10

11 Materia: Lettere Italiane Docente: Malta A. Di Sario ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE PARTE DISCIPLINARE Libri di testo adottati: B. Panebianco, M. Gineprini, S. Seminara LETTERAUTORI Percorsi ed esperienze letterarie Il secondo Ottocento e il Novecento Vol. 3, Zanichelli. Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2013/14 Ore di lezione settimanali: 3 79 alla data del 8 maggio presumibili dal 08/5 al 07/6, per un totale di 91 ore, su 99 previste. Obiettivi specifici della disciplina: Relativamente alle conoscenze: Conoscere la linea di svolgimento e gli autori fondamentali della letteratura in relazione agli argomenti trattati; Compiere la lettura del testo letterario come prima interpretazione del significato; Riconoscere i caratteri specifici del testo letterario e la sua fondamentale polisemia; Ricondurre il testo al suo quadro storico-letterario; Riconoscere gli elementi che nelle diverse realtà storiche entrano in relazione col testo letterario. Relativamente alle competenze: Produrre testi scritti su argomenti conosciuti in forma chiara e corretta. Relativamente alle capacità: Formulare il discorso orale in modo organizzato, chiaro e corretto; Mettere in rapporto il testo con le proprie esperienze e la propria sensibilità per formulare un proprio giudizio critico. Obiettivi raggiunti La classe ben dotata sul piano delle capacità, nel corso dell anno non ha manifestato un comportamento responsabile e un adeguata disponibilità verso la disciplina. Ad eccezione di pochissimi allievi(4-5) che si sono distinti per l impegno e l acquisizione matura dei contenuti proposti, la maggioranza della classe ha avuto nel corso di tutto l anno scolastico un atteggiamento opportunistico, finalizzando l impegno al momento delle verifiche. Tale comportamento ha prodotto una preparazione poco organica, segnata da spiacevoli tratti di nozionismo. In merito al grado di preparazione raggiunto, va rilevato che un esiguo numero di alunni ha conseguito un profitto discreto, tre/quattro alunni hanno un profitto quasi buono, la maggioranza, avendo preso coscienza della necessità di impegnarsi solo nell ultimo periodo, ha una preparazione che non va oltre la sufficienza. 11

12 COMPETENZE : Pochissimi allievi, seppur a livelli diversificati, riescono ad utilizzare le conoscenze acquisite e ad impiegare metodi adeguati per interpretare le questioni letterarie nel loro svolgimento, per individuare, attraverso i documenti e gli autori più significativi, le linee fondamentali della storia letteraria e gli elementi che entrano in relazione con essa. Le competenze della maggioranza degli allievi si limitano genericamente alle problematiche proposte, con modesta capacità di rielaborazione critica personale ed evidenti difficoltà di ordine espressivo sia nella forma scritta che nell esposizione orale. CAPACITA' : Le conoscenze e le competenze acquisite hanno contribuito a stimolare e consolidare la capacità degli allievi migliori, i quali hanno dimostrato di saper rielaborare i contenuti proposti, di approfondirli Contenuti e tempi del percorso formativo (Programma svolto) Moduli e unità ore Testi IL SECONDO OTTOCENTO Il contesto: la scienza e l'evoluzionismo; il positivismo; la crisi della ragione; i letterati e la società borghese. Le poetiche della lirica Le poetiche della narrativa Il Naturalismo francese e il Verismo italiano Giovanni Verga 16 C.Darwin, "L'origine e l'evoluzione dell'uomo", da L'origine dell'uomo; Intorno all'obiettivo della scienza da La gaia scienza F. Nietzsche, "Dio è morto", da Così parlò Zarathustra C. Baudelaire, "Perdita d'aureola" da Lo spleen di Parigi. A. Rimbaud, " Lettera del veggente", da Lettera a Paul Demeny E. Zola, "Il romanzo sperimentale", da Il romanzo sperimentale La rabbia della folla, da Germinale G. Flaubert, "La festa al castello", da Madame Bovary F. Dostoevskij G. Verga, Nedda da Primavera e altri racconti "Rosso Malpelo", da Vita dei campi "Fantasticheria "L'amante di Gramigna Lettera a Salvatore Farina I Malavoglia (consigliata la lettura integrale) La prefazione La presentazione dei Malavoglia Il coro popolare di Aci Trezza Il distacco dalla casa del nespolo Ora è tempo di andarsene da I Malavoglia La roba e Libertà da Novelle rusticane L'addio alla roba e la morte da Mastro don Gesualdo 12

13 IMMAGINI DEL POETA NELLA LETTERATURA ITALIANA Lo sfondo europeo: i simbolisti francesi 20 C. Baudelaire, "L'albatro", "Corrispondenze", "Spleen" (da I fiori del male) A. Rimbaud, "Vocali" (da Poesie) S. Mallarmé "Brezza marina" (da Poèsies) Un colpo di dadi non abolirà mai il caso La poesia in Italia: la Scapigliatura Il fanciullino, l'immaginifico ( Pascoli, D'Annunzio) La vergogna di essere poeta L'avanguardista e il saltimbanco G. Pascoli, "La grande proletaria si è mossa" (Prose) "Digitale purpurea" (da Primi poemetti) "E' dentro noi un fanciullino (da Il fanciullino) "X agosto", "L'assiuolo", "Arano", Lavandare "Temporale", "Il lampo", Il tuono (da Myricae) "Il gelsomino notturno" "La mia sera" (da Canti di Castelvecchio) G. D'Annunzio, "L'esteta Andrea Sperelli" (da Il Piacere) "La sera fiesolana" "La pioggia nel pineto" (da Alcyone) S. Corazzini, "Desolazione di un povero poeta sentimentale" G. Gozzano, "La signorina Felicita" A. Palazzeschi, "Lasciatemi divertire"( da L'incendiario) F.T.Marinetti, "Bombardamento" ( da Zang Tumb Tumb) "Manifesto del futurismo" La lirica in Italia fra le due guerre L'Ermetismo U. Saba, Amai, "A mia moglie", Trieste, Mio padre è stato per me l'assassino "Teatro degli Artigianelli" (Canzoniere) S. Quasimodo, Vento a Tindari, "Ed è subito sera" M. Luzi, Avorio (da Avvento notturno) LA NARRATIVA DEL PRIMO NOVECENTO Il pensiero della crisi I capostipiti del nuovo romanzo La narrativa in italia: la prosa d'arte, la narrativa della memoria, il "realismo magico". L. Pirandello, la vita, le idee, le opere. La "vita" e la "forma". La frantumazione dell'io. Il relativismo. Sentimento e riflessione. 10 R. Musil, "Veggenza e inettitudine" da L'uomo senza qualità F. Kafka, "L'esecuzione" (da Il processo) Il problema del matrimonio da Lettera al padre M. Proust, "Il sapore della maddalena" da Alla ricerca del tempo perduto J. Joyce, "La vitalità sensuale di Molly Bloom" da Ulisse L. Pirandello, "Avvertimento e sentimento del contrario "La vita e la forma" da L'Umorismo 13

14 I romanzi: Il fu Mattia Pascal e Uno, nessuno e centomila. Il teatro Italo Svevo: la vita e le idee. I romanzi Una vita e Senilità. La coscienza di Zeno: la trama e la struttura. L'inettitudine di Zeno. Salute e malattia. Il tempo e l'inconscio. Il narratore inattendibile. L'ironia. La lingua. da Novelle per un anno "La carriola" La patente da Il fu Mattia Pascal Il narratore inattendibile La scissione tra il corpo e l'ombra Mattia Pascal dinanzi alla sua tomba da Uno, nessuno e centomila Il naso di Vitangelo Moscarda da Sei personaggi in cerca d'autore Lo scontro tra i personaggi e gli attori da Enrico IV "La scelta della pazzia " da Senilità Emilio e Angiolina da La coscienza di Zeno: "Prefazione" "Preambolo" "Il fumo" "Lo schiaffo del padre" "La domanda di matrimonio "La vita è inquinata alle radici IMMAGINI DEL POETA E DELLA POESIA NELL'OPERA DI UNGARETTI E MONTALE 8 G. Ungaretti: la vita e le idee; le opere. da L'Allegria: Il porto sepolto, "Veglia" "San Martino del Carso" "I fiumi" Mattina Allegria di naufragi da Sentimento del tempo: "Stelle da Il dolore: "Non gridate più E. Montale: la vita, la poetica, le opere. da Ossi di seppia: da Le occasioni: da La bufera e altro "Non chiederci la parola" "I limoni" Meriggiare pallido e assorto "Spesso il male di vivere " "Cigola la carrucola" "Non recidere, forbice, quel volto La casa dei doganieri La bufera da Satura Ho sceso, dandoti il braccio Avevamo studiato per l aldilà 14

15 LA NARRATIVA ITALIANA TRA GLI ANNI TRENTA E IL NEOREALISMO Le diverse forme della narrazione. Tendenze della narrativa italiana. Il Neorealismo. Gli autori e i temi. LA NARRATIVA ITALIANA NEL SECONDO E TERZO NOVECENTO Due scrittori "inattuali": Elsa Morante e Giuseppe Tomasi di Lampedusa. 5 Primo Levi, Arbeit macht frei (da Se questo è un uomo) C. Pavese, "I timori e i sensi di colpa di Corrado" (da La casa in collina) Lettura integrale di uno dei seguenti testi: Carlo Emilio Gadda: Quer pasticciaccio brutto di via Merulana Leonardo Sciascia: Il giorno della civetta G. Tomasi di Lampedusa, "Il Gattopardo" Elsa Morante, La Storia 18 ore complessive, nel corso dell anno scolastico, sono state utilizzate per le prove scritte. Altre tre ore sono state utilizzate per andare al teatro Manzoni Metodi di insegnamento: Ha prevalso la lezione frontale, in cui si è cercato sistematicamente l apporto degli studenti alternata al colloquio orale e alle prove scritte di verifica del profitto. In alcune occasioni (verifica della lettura di testi letterari compiuta a casa individualmente), è stata usata la discussione guidata dall insegnante. Mezzi di lavoro Come strumenti di lavoro sono stati usati prevalentemente i libri di testo in adozione, insieme a materiali fotocopiati per la trattazione degli argomenti di cultura generale finalizzati alla acquisizione ed elaborazione di informazioni utili per lo svolgimento della traccia di argomento generale. Alcune lezioni si sono svolte utilizzando la LIM. Spazi Le lezioni si sono svolte nell aula della classe. Tempi (Vedi tabella del programma) Criteri e strumenti di verifica adottati: Sono state effettuate diverse prove per la valutazione dello scritto nelle forme previste dalle tipologie indicate per la prima prova. scritta del nuovo esame di maturità da 4 a 6 prove di profitto utili per la valutazione nell orale ed effettuate sia secondo la modalità del colloquio tradizionale sia attraverso test di verifica sulla base delle tipologie previste per la terza prova del nuovo esame di maturità. Pistoia 15 Maggio 2014 L'insegnante Malta Di Sario 15

16 PARTE DISCIPLINARE Materia: Storia Docente: Malta A. Di Sario Libro di storia adottato: F.M. Feltri La torre e il pedone Vol. 3, Ed. Sei. Ore di lezione effettuate : nell anno scolastico 2013/2014 n 47 ore effettuate alla data dell 8 maggio. A fine a.s. saranno effettuate 55 ore su n. ore 66 previste dal piano di studi. Obbiettivi specifici della disciplina Relativamente alle conoscenze: conoscenza delle linee generali dello sviluppo storico italiano e europeo, con qualche cenno ai, paesi extraeuropei emergenti, dal 1870 al e, limitatamente ad alcune tematiche, fino ai nostri giorni. Relativamente alle capacità: padroneggiare gli strumenti concettuali propri della disciplina (es: concetti-base quali: rivoluzione, progresso, stato, popolo, classe, ecc.); riconoscere le interazioni fra gli elementi che concorrono a determinare le condizione storiche; utilizzare le conoscenze storiche per orientarsi nel presente. Obbiettivi raggiunti L impegno manifestato dalla classe nello studio è stato soddisfacente per la maggior parte degli studenti, buono per un congruo numero che ha manifestato interesse e determinazione nello studio, e ottimo per due/tre alunni che si sono distinti per attenzione, impegno, acquisizione matura dei contenuti proposti e capacità di rielaborarli in modo organizzato, chiaro e corretto. Gli obiettivi sono stati raggiunti da tutti gli studenti che, ad eccezione di pochissimi, rivelano di avere elaborato e assimilato le conoscenze in modo organico, l'esposizione dei fatti e delle problematiche relative ai periodi studiati è chiara e corretta, discreta risulta la capacità di correlazione spazio-temporale e di causa-effetto. Contenuti e tempi del percorso formativo MODULO UNITA ORE STRUMENTI 1. L'età dell imperialismo e la prima guerra mondiale L imperialismo e la crisi dell'equilibrio europeo L'Italia giolittiana La prima guerra mondiale La rivoluzione russa L'Europa e il mondo dopo il conflitto 10 Libro di testo 16

17 2. L'età dei totalitarismi e la seconda guerra mondiale 3. Il mondo bipolare: dalla guerra fredda alla dissoluzione dell'urss 4. L'Italia del tempo presente L'Unione Sovietica fra le due guerre e lo stalinismo Il dopoguerra in Italia e l'avvento del fascismo Gli Stati Uniti e la crisi del '29 La crisi della Germania repubblicana e il nazismo Il regime fascista in Italia La seconda guerra mondiale Il bipolarismo Usa-Urss, la guerra fredda e i tentativi di disgelo La decolonizzazione. Crisi dell'assetto bipolare L'Italia della prima Repubblica Dall'autunno caldo agli anni di piombo La crisi della Prima Repubblica L'Italia di oggi 18 Libri di testo 5 5 Articoli di giornale Fotocopie fornite dal docente Metodi di insegnamento E stato prevalentemente utilizzato il metodo tradizionale della spiegazione alternata alle verifiche della preparazione degli studenti, molte delle quali sono state fatte mediante la somministrazione di test strutturati e semi-strutturati. Mezzi di lavoro Libro di testo, fotocopie di sintesi e/o di approfondimento, filmati. Spazi Le lezioni si sono svolte nell'aula della classe e della LIM. Tempi : (Vedi tabella del programma) Strumenti di verifica Sono state effettuate 6 prove di verifica, quattro scritte e due orali, cercando di rispettare la cadenza modulare; le verifiche scritte sono state costruite in forma di test secondo le indicazioni fornite per la terza prova dell esame di maturità. In tutte le tipologie di prove usate si è tenuto comunque conto dell impegno profuso dallo studente e si sono misurati i risultati in relazione alla situazione iniziale e ai progressi compiuti rispetto ad essa, attribuendo valore formativo al momento della valutazione. Pistoia 15 Maggio 2014 L'insegnante Malta Di Sario 17

18 TERZA PROVA - Storia Tipologia B: Quesiti a risposta aperta Alunno Classe 5IA Data.. 1. Con quali provvedimenti legislativi e con quali altre iniziative Hitler riuscì a trasformare la Repubblica federale in uno Stato totalitario? (Max 12 righe) 2. Riassumi gli eventi principali che determinarono la caduta del fascismo e la firma dell armistizio dell 8 settembre del (Max 10 righe) 18

19 1) MATERIA: Lingua Inglese PARTE DISCIPLINARE 2) DOCENTE: Prof. Paola Papini 3) LIBRI DI TESTO ADOTTATI Libro di testo adottato per la microlingua: Bernardini, Haskell, Information Technology, Loescher,2012 Libro di testo adottato per l inglese generale: L.& J. Soars, Headway Digital,Upper-Intermediate, OUP 4) ORE DI LEZIONE EFFETTUATE NELL'ANNO SCOLASTICO 2013/14 Ore di lezione settimanali: 3 Ore di lezione effettuate nell anno scolastico 2013/14: 77 alla data del 15 maggio 2014 più 9 presumibili dal 15/05/14 al 08/06/14, per un totale di 89 ore. Le ore impiegate per assemblee di Istituto, gite tecniche, gita d istruzione, impegni scolastici vari non sono state conteggiate. 5) OBIETTIVI REALIZZATI Obiettivi specifici della disciplina Relativamente alle conoscenze: Acquisizione di conoscenze di strutture del discorso con particolare riferimento all uso dei tempi, all impostazione di ipotesi ai meccanismi che definiscono le relazioni fra i vari elementi della frase e del periodo,alle tecniche che permettono e facilitano l ampliamento del vocabolario. Acquisizione di termini tecnici di base della materia professionalizzante e del relativo vocabolario, approfondimento di alcuni argomenti tecnici grazie alla partecipazione ad alcune ore di lezione con esperto della materia tecnica di informatica. Relativamente alle competenze: Acquisizione della competenza comunicativa specifica relativa alle funzioni di: riferire una conversazione precedentemente avvenuta, raccontare, riferire su un testo scritto di tipo letterario e/o tecnico scientifico, recensire un film, esprimere il proprio apprezzamento riguardo ad un testo letterario, ad un film, saper esporre in modo critico la propria opinione supportandola con citazioni, esempi, dati. Saper sfruttare le informazioni ottenute dalle letture, da ricerche in rete, da discussioni ecc. per lo scopo richiesto. Saper spiegare procedimenti e problemi relativi alle discipline tecniche. 19

20 Relativamente alle capacità: Saper comprendere conversazioni di tipo generale su argomenti vari, saper comprendere le principali notizie di un telegiornale in lingua, saper comprendere lo sviluppo della storia di un film cogliendone le principali caratteristiche dal punto di vista linguistico. Saper comprendere il senso generale di un articolo o di un brano, saper individuare le idee e le parole chiave così come le informazioni dettagliate di cui si ha bisogno. Saper interagire in una conversazione su argomenti di cui si è discusso, saper distinguere i vari tipi di registro ( formale-informale) con conseguente scelta del vocabolario e delle strutture adeguate. Obiettivi raggiunti La classe risulta composta per la maggior parte da alunni di normali capacità,caratterizzati da un impegno generalmente sufficiente,solo in pochi casi discontinuo e carente, e da alcuni alunni che hanno mostrato invece un impegno profondo ed assiduo che ha permesso loro di ottenere risultati soddisfacenti grazie al loro senso critico e capacità di rielaborazione. In linea generale gli studenti, salvo pochi, hanno dimostrato interesse per la materia. In alcuni casi non sono stati raggiunti gli obiettivi prestabiliti, vuoi per carenze di base incolmabili, vuoi per disinteresse allo studio ma, in generale, la classe può dirsi dotata di una preparazione media,ed in alcuni casi, buona. Si può affermare che la capacità comunicativa è stata sviluppata ed alcune competenze relative allo sviluppo delle quattro abilità, soprattutto nel settore della microlingua, sono state acquisite, pur con le dovute differenziazioni, in un range che va dal livello lower intermediate all'advanced. 6) CONTENUTI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO (Programma svolto) Testo utilizzato per la microlingua: Bernardini, Haskell, Information Technology, Loescher,2012 Testo utilizzato per l inglese generale: L.& J. Soars, Headway Digital, Upper-Intermediate, OUP Moduli e unità Settembre,Ottobre Modulo di lingua generale Unit 7 del testo Headway Getting on together:modals and related verbs : able to,manage to, bound to, supposed to, allowed to, decorative questions, questions ex pressing surprise, hot verb get: get on well, get on so s nerves, get angry, old, get it, get at-away-into-off-on-out-over-round-throughup,everyday English:exaggeration and under statement reading: Meet the K.I.P.P.E.R.S 20

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2

L. Pandolfi. Lezioni di Analisi Matematica 2 L. Pandolfi Lezioni di Analisi Matematica 2 i Il testo presenta tre blocchi principali di argomenti: A Successioni e serie numeriche e di funzioni: Cap., e 2. B Questa parte consta di due, da studiarsi

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Cosa sono gli esoneri?

Cosa sono gli esoneri? Cosa sono gli esoneri? Per superare l esame di Istituzioni di Matematiche è obbligatorio superare una prova scritta. Sono previsti due tipi di prova scritta: gli esoneri e gli appelli. Gli esoneri sono

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2013 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Archimede esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA La funzione f

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento:

+ P a n n=1 + X. a n = a m 3. n=1. m=4. Per poter dare un significato alla somma (formale) di infiniti termini, ricorriamo al seguente procedimento: Capitolo 3 Serie 3. Definizione Sia { } una successione di numeri reali. Ci proponiamo di dare significato, quando possibile, alla somma a + a 2 +... + +... di tutti i termini della successione. Questa

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor

Corso di Analisi Matematica. Polinomi e serie di Taylor a.a. 2013/14 Laurea triennale in Informatica Corso di Analisi Matematica Polinomi e serie di Taylor Avvertenza Questi sono appunti informali delle lezioni, che vengono resi disponibili per comodità degli

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli