S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n A R C O R E Tel.: Nota di applicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota di applicazione"

Transcript

1 Nota di applicazione Premessa ARMANI Alberto Con l impiego dell integrazione di Schroeder, la tecnica dell eccitazione con impulsi per la determinazione del tempo di riverberazione si è dimostrata più pratica, più veloce oltre che più accurata. Le sorgenti impulsive più utilizzate per questo scopo consistono in esplosioni ottenute con colpi di pistola o scoppi di palloncini. Questa nota tecnica descrive una nuova sorgente sonora impulsiva realizzata con due semplici assi di legno incernierate su un lato in modo da consentirne la battuta mediante impugnatura su apposite maniglie. Il risultato ottenuto dopo la sperimentazione di numerose varianti si dimostra molto interessante poiché consente una eccitazione ripetibile con costanza e con una ottima estensione anche sulle basse frequenze. Eccitazione con impulsi La peculiare caratteristica che rende così attraente l eccitazione impulsiva per molte applicazioni di analisi del segnale consiste nella possibilità di eccitare contemporaneamente un largo spettro in frequenza con un tipo di segnale molto facile da generare. La base storica del segnale impulsivo è costituita dalla delta di Dirac ossia da un impulso infinitamente breve, con energia infinitamente alta e con copertura di una banda in frequenza infinitamente ampia; nella pratica si utilizza un segnale impulsivo caratterizzato da una durata sufficientemente breve per eccitare la gamma in frequenza desiderata. Disporre di un segnale che istantaneamente consente di eccitare una ampia gamma di frequenze, rende molto efficiente tutto il campo delle analisi condotte con i moderni sistemi digitali real-time. Un esempio grafico può meglio di altre trattazioni analitiche descrivere queste particolarità dell eccitazione impulsiva. In fig.1 viene mostrato a sinistra la Fig.1 Impulsi nel tempo e corrispondente spettro in frequenza. descrizione del segnale impulsivo nel dominio del tempo come forma d onda mentre a destra osserviamo il corrispondente spettro in frequenza. Risulta facile notare come per l impulso più breve riportato in alto a sinistra, corrisponde uno spettro che Pag. 1

2 si estende sino ad oltre i 40 khz in quanto generato da un impulso di durata 9.76 micro secondi corrispondente ad un campione della frequenza di campionamento di Hz. All impulso con durata più lunga di 10 volte, riportato in basso a sinistra, corrisponde uno spettro con un livello che decresce bruscamente a tende ad annullarsi alla frequenza di Hz per poi risalire e riscendere con lobi ognuno di larghezza sempre pari a Hz ovvero pari a 1/T (1/97.65µs). Il segnale riportato in rosso si riferisce ad una condizione intermedia ovvero con un impulso di durata pari a 48.8 µs e quindi con un primo zero dello spettro alla frequenza di Hz (1/48.8µs) seguito da lobi con larghezza costante sempre pari all inverso della durata dell impulso. La presenza dei lobi è conseguenza della forma squadrata del segnale utilizzato, che presenta bruschi transitori all attacco ed al termine dell impulso. Ottimizzare un segnale impulsivo risulta però piuttosto agevole come mostrato in fig.2 dove in rosso, viene riportato il risultato conseguente all azione di raccordo condotta sui transitori di attacco e di discesa del segnale originale riportato in blue; lo spettro in frequenza originale, caratterizzato dalla sequenza di lobi è ora definito dalla risposta in frequenza corrispondente alla sola banda Fig.2 Impulso raccordato e spettro senza lobi alle frequenze alte. base che va da zero a 1/T. Generazione di impulsi sonori: Pistola a salve Generare un impulso sonoro risulta però meno semplice di un impulso elettrico. Sebbene sia fattibile la possibilità di inviare un segnale elettrico di tipo impulsivo ad un amplificatore di potenza ed ad una cassa acustica con caratteristiche omnidirezionali quali quelli di una classica sorgente dodecaedrica, la soluzione si dimostrerebbe scarsamente efficiente sia come resa sonora sia come portabilità complessiva del sistema. Un generatore di impulsi sonori molto efficiente è invece costituito dalle esplosioni ottenute con dei colpi a salve di pistola fig.3. La pistola è una sorgente sonora impulsiva quasi ideale poiché è di dimensioni contenute, leggera, facilmente trasportabile e genera un impulso molto breve e con alta energia. Gli aspetti negativi sono però insiti nell oggetto medesimo in quanto trattasi di una vera e propria pistola anche se a salve e quindi di un oggetto che presenta qualche problema pratico per il suo possesso e trasporto, soprattutto se ci si deve spostare con mezzi aerei! Occorre aggiungere anche che dovrebbe essere una pistola adattata opportunamente oppure di grosso calibro poiché diversamente non si potrebbe ottenere uno spettro sufficientemente esteso Fig.3 Pistola a salve specie per le frequenze inferiori ai 300 Hz. In fig.4 dove viene riportato lo spettro in frequenza tipico della risposta impulsiva prodotta da un colpo di pistola calibro 38, si può osservare come la massima energia viene rilasciata nel campo delle medie ed alte frequenze. L alto livello di pressione sonora rilasciato da un colpo di pistola può determinare facilmente il sovraccarico dello stadio d ingresso del fonometro o del suo sistema di analisi e quindi si dovrà regolare con cura la gamma dinamica di misura. Nei casi dove ad un microfono prepolarizzato ad elettreti è abbinato un preamplificatore microfonico alimentato a corrente costante del tipo ICP TM, si dovrà prestare attenzione a non superare il valore di massima tensione ammissibile all ingresso del Pag. 2

3 preamplificatore poiché il fenomeno di sovraccarico interno non verrebbe rilevato dal sistema di analisi. Utilizzando un tradizionale microfono da 1/2 con 50mV/Pa di sensibilità nominale, sarà sufficiente un livello di 137 db di picco per superare la soglia di tensione massima d ingresso di 10 Volt ed innescare una condizione di misura critica per la maggior parte dei preamplificatori microfonici. Questo fatto determina in pratica l impossibilità di utilizzare il tradizionale microfono da 50 mv/pa in dotazione alla quasi totalità dei fonometri di classe 1, quando per l eccitazione sonora in ambienti confinati di non grandi dimensioni, viene utilizzato un colpo di pistola a salve. Il livello di picco di un colpo di pistola rilevato a 2.5 metri di distanza, in un ambiente di medie dimensioni risulta generalmente sempre superiore ai 155 db. Fig.4 Spettro in frequenza colpo di pistola Occorre infine fare qualche appunto sulla omnidirettività della sorgente pistola poiché sebbene di dimensioni contenute, l energia rilasciata nelle diverse direzioni risulta molto variabile e dipende sia dal calibro, sia dal tipo di arma ovvero a tamburo o a retrocarica; in termini di ripetibilità questo tipo di sorgente impulsiva risulta piuttosto scadente. Generazione di impulsi sonori: Palloncini Un'altra sorgente sonora impulsiva di facile reperibilità è costituita dai palloncini in lattice che dopo averli gonfiati vengono fatti esplodere al momento opportuno tramite uno spillo fig.5. Il contenuto di basse frequenze rilasciato dallo scoppio di un palloncino risulta in relazione diretta con la sua dimensione ed il mercato offre una nutrita varietà di palloncini con dimensioni variabili da pochi centimetri a fino oltre i due metri di diametro. Per l impiego tipico di eccitazione sonora di un ambiente di piccole o medie dimensioni risulta sufficiente un palloncino con un diametro di centimetri. In fig.6 vengono mostrati due spettri sovrapposti di cui uno corrispondente allo scoppio di un palloncino da 18 cm e l altro allo scoppio di un palloncino da 40 cm.; dalla loro comparazione, risulta evidente il maggior livello sonoro globale emesso dal palloncino con dimensioni maggiori, (superiore di circa 12 db) e la mancanza di Fig.5 Palloncini gonfiabili energia per tutte le frequenze inferiori ai 500 Hz per il palloncino di piccole dimensioni. Lo spettro risulta non uniforme in ragione delle disomogeneità del materiale con cui il palloncino viene realizzato e poiché tale problema è specifico per ogni palloncino, questo rende molto variabile a parità di tipo di Fig.6 Spettro in frequenza palloncini palloncino, lo spettro di emissione tra una esplosione e l altra. Pag. 3

4 La diversa quantità d aria usata per gonfiare ogni palloncino contribuirà ad introdurre un'altra variabile che influenzerà il livello globale di emissione sonora durante lo scoppio. Disomogeneità del materiale e diversa quantità d aria tra palloncini, determinano durante lo scoppio anche una diversa modalità di emissione direzionale; se una certa zona del palloncino risulta più debole di un'altra, durante l esplosione si lacererà con modalità diverse influenzando di volta in volta in modo imprevedibile l emissione sonora dell intera unità. Un evidente sintomo associato a questi due problemi risulta ben visibile osservando la diversa forma che il palloncino può assumere durante il suo gonfiaggio. Per ultimo dobbiamo anche considerare che l impiego dei palloncini richiede il loro gonfiaggio, operazione un po impegnativa e che li rende spesso meno pratici nell impiego sul campo di altri tipi di sorgenti sonore impulsive. Generazione di impulsi sonori: Clappatore Prendendo spunto dalla più antica sorgente impulsiva, utilizzata per la valutazione della resa acustica degli ambienti confinati ovvero dalla classica battuta di mani, si è cercato di trovare una soluzione adatta per aumentare l energia sonora emessa, rendere ripetibile l impulso e soprattutto estendere l eccitazione sulle basse frequenze. Considerando la dinamica della battuta di mani, sono state acquistate due tavole di legno truciolare nobilitato melamminico per uso mensole con spessore 18 mm e dimensioni di 200 mm di larghezza per 600 mm di lunghezza, incernierando poi fra di loro i due lati più corti e disponendo due impugnature su ciascuna delle tavole. Il generatore di impulsi così realizzato viene battezzato Clappatore per assonanza con la definizione inglese di hand clap che sta per battuta di mani. Il clappatore viene mostrato in fig.7 con due foto corrispondenti alla realizzazione iniziale del 2007, costituita dalle sole tavole di legno e da una successiva modifica in cui è stata praticata un apertura sulla parte superiore di una delle tavole, chiusa poi verso il Fig.7 Tavole di legno incernierate Clappatore - versione iniziale 2007 lato esterno con gomma da 5 mm di spessore incollata sui bordi; il vano interno è riempito con materiale assorbente ad alta densità. La versione modificata trae origine ancora una volta da quanto un operatore può fare con il suo battito di mani per estendere verso il basso lo spettro delle frequenze eccitate; cercando di creare una conca con la mano per ottenere un maggior volume all atto della battuta di mani, si produce un evento sonoro più corposo, più sordo e più esteso sulle basse frequenze. Agendo sulle apposite impugnature è possibile fare impattare le due tavole per generare un impulso sonoro di elevata intensità. La soluzione con le due tavole di legno produce un impulso con uno spettro di frequenza carente per tutte le frequenze inferiori agli 800 Hz; in fig.8 lo spettro della versione iniziale viene confrontato con la risposta in frequenza ottenuta con una delle prime modifiche pensate per estendere la risposta sulle basse frequenze. In teoria l obiettivo può essere raggiunto semplicemente allungando la durata dell impulso ma nella dinamica di un dispositivo così semplice, gli elementi su cui è possibile agire per raggiungere questo scopo portano inevitabilmente alla ricerca di un compromesso poiché se cerchiamo di ottenere più energia alle basse frequenze troveremo poi una non Fig.8 Risposta in frequenza. Solo legno e legno + gomma trascurabile diminuzione sulle alte frequenze, Pag. 4

5 come viene ben mostrato dai grafici di fig.8. Dopo numerose versioni ed esperienze pratiche di impiego diretto in campo, si è consolidata la convinzione che la prestazione ottimale per un generatore sonoro ad impulsi è quella elencata nei punti seguenti: Gamma frequenze generate : 80 Hz 5 khz ±5 db Elevato livello di energia sonora generata Buona ripetibilità del livello e dello spettro per singoli impulsi Ingombro contenuto (60 cm x 20 cm) Praticità e semplicità di impiego Leggero Robusto Facile nel trasporto Economico La versione 2009 in fig.9 del clappatore è caratterizzata da due scatolati in legno posti sulla metà superiore di ciascuna delle due tavole e chiusi verso il lato esterno sempre con uno strato in gomma da 4 mm; lo scopo è quello di ottenere una maggiore energia concentrata nello spettro di frequenze comprese tra i 100 Hz ed i 500 Hz; il volume interno di ognuno degli scatolati viene riempito con materiale assorbente spugnoso di tipo poliuretanico per spalmare l effetto delle Fig.9 Clappatore versione 2009 risonanze della cavità. I bordi esterni nella dimensione maggiore di ognuna delle due tavole sono irrobustiti dal proseguimento del listello di legno che chiude ai lati lo scatolato. In fig.10 vengono riportate le fotografie che mostrano i lavori eseguiti sulle singole tavole del clappatore, i rinforzi, lo strato di gomma di copertura e la posizione delle maniglie per l impugnatura. Il peso totale del dispositivo assemblato varia tra i 3 ed i 5 kg in relazione al tipo dei materiali impiegati. La cavità creata con la soluzione dello scatolato produce una serie di risonanze molto accentuate attorno alle frequenze dei 140 e 250 Hz che smorzate con l impiego della schiuma di Fig.10 Lavori sulle singole tavole di legno poliuretano ad alta densità consentono di raggiungere l obbiettivo desiderato la cui curva di risposta in frequenza viene riportata in fig.11 a confronto con le realizzazioni fatte in precedenza. L esaltazione delle basse frequenze permette un utilizzo del clappatore nella sua ultima versione su una gamma di frequenze che si estende da 80 Hz ad 8 khz con variazioni di livello tra singole bande di 1/3 d ottava inferiore ai 4 db. Per quanto riguarda la durata dell impatto, gli smorzamenti alle varie risonanze sono tali da non introdurre alcuna coda sul riverbero strutturale del clappatore; i tempi di riverbero rilevati in campo libero risultano confrontabili con i tempi di risposta elettrica corrispondenti a ciascun filtro Fig.11 Esaltazione delle basse frequenze ottenuta con lo uno scatolato su ciascuna delle assi del clappatore Pag. 5

6 di 1/3 d ottava. La risposta nel tempo del clappatore non introduce quindi alcuna limitazione per quanto riguarda la capacità di misura dei tempi di riverbero più brevi rilevabili dal sistema di analisi. A differenza da quanto riportato a proposito delle altre sorgenti sonore impulsive quali la pistola a salve o i palloncini gonfiabili, la ripetibilità ottenuta con il clappatore tra un impatto ed il successivo risulta molto buona ed è documentata nel grafico di fig. 12 dove in un ambiente adibito ad ufficio sono stati ripetuti dallo stesso operatore 12 impulsi in successione, mantenendo la medesima posizione relativa tra sorgente e posizione microfonica; il grafico mostra uno scostamento massimo tra le varie bande di 1/3 d ottava compreso tra ±2.5 db con uno scarto tipo inferiore a 2 db. Cambiando operatore la situazione non subisce sostanziali scostamenti poiché risulta difficile introdurre una velocità d impatto molto diversa tra un impulso e l altro in ragione del peso delle singole tavole e del posizionamento delle maniglie di impugnatura che sono posizionate piuttosto vicine alla cerniera tra le due tavole. L energia sonora rilasciata da ciascun impatto Fig.12 Esaltazione delle basse frequenze ottenuta con lo uno scatolato su ciascuna risulta sostenuta ed in grado di eccitare locali di dimensioni fino a 200 m 3 con livelli per 1/3 d ottava compresi tra 80 e 100 db e quindi con la garanzia di un buon rapporto segnale disturbo. Si ricorda quindi che l operatore risulta sempre direttamente investito dall energia sonora generata con l impatto del clappatore con livelli di largamente superiori ai 146 db di picco(c) e di conseguenza viene vivamente raccomandato l impiego di adeguati dispositivi di protezione contro il rumore (cuffie o inserti auricolari). In relazione alla direttività del dispositivo è opportuno richiamare il campo di impiego del clappatore, (ISO 140, ISO 354 ed ISO ) destinato ad una eccitazione per la valutazione della riverberazione in normali ambienti confinati e non per la determinazione dei parametri di Room Acoustic o di qualità degli ambienti quali chiarezza C, definizione D, tempo centrale Cs, energia laterale LF ed LCF (ISO ); questi parametri sono più attinenti alla valutazione acustica di teatri, chiese, studi di registrazione e sale conferenze; per questo scopo risulta importante l impiego di una sorgente sonora dalle caratteristiche di emissione più omnidirezionali possibili. Volendo comunque dare una caratterizzazione della direttività del clappatore sono state sperimentate tecniche di misura innovative con risultati molto interessanti. In fig.13 sono riportati i risultati nella forma di fonomappatura acustica ottenuta su un piano di emissione orizzontale posto a 20 cm dal bordo superiore del clappatore; la rappresentazione cromatica con i colori in rosso per i livelli più elevati ed in blue per quelli più bassi, consente di osservare facilmente la complessa modalità di emissione che avviene in corrispondenza di alcune bande di 1/3 d ottava. L emissione acustica ottenuta con l impatto, risulta omnidirettiva fino alla frequenza degli 800 Hz ma con una particolare interferenza centrata sul 1/3 d ottava dei 500 Hz dove si osserva una emissione con 4 lobi disposti a 90 lungo le direttrici longitudinale e trasversale; l origine di questa forma di emissione potrebbe essere associata alla dimensione maggiore del clappatore che risulta pari a 60 cm (320m/s/0.6m = 533Hz); a 1000 e 1250 Hz sono prevalenti le emissioni lungo la direttrice longitudinale ovvero quella corrispondente al piano di battuta del clappatore mentre per le frequenze superiori sono dominanti le emissioni sul piano trasversale ovvero quello normale alle due assi del clappatore. La procedura che ha consentito la visualizzazione riportata in fig.13 è realizzata sfruttando la capacità di analisi parallela del sistema SoundBook ad 8 canali; sette canali provengono da un insieme di microfoni da 1/4" disposti in linea a distanza di 20 cm l uno dall altro, mentre l ottavo microfono è vincolato su una delle tavole del clappatore e viene utilizzato Pag. 6

7 per ottenere il segnale di sincronizzazione degli impulsi e per la loro normalizzazione in ampiezza. L acquisizione delle misure si è svolta generando con il clappatore, una serie di impulsi ponendosi in campo libero e con la linea di microfoni parallela al terreno a 2 m d altezza; ogni sequenza di 5 impulsi veniva mediata in modo sincrono e memorizzata quindi si spostava di 22.5 l angolazione di eccitazione del clappatore mantenendo un asse ed una altezza fissa, compiendo un'altra sequenza con media sincrona sui 5 impulsi e così di seguito per un totale di 16 volte (80 impulsi, 7 postazioni microfoniche, 7 x 16 = 112 punti di misura). Riteniamo utile sottolineare la semplicità generale di questa procedura di misura soprattutto considerando la qualità dei risultati che possono essere ottenuti e non ultimo il fatto che dal momento dell allestimento hardware all esecuzione delle misure fino al risultato grafico finale, sono trascorsi meno di 80 minuti. Le misure acquisite per ogni postazione microfonica sono poi state trasferite nel software Noise & Vibration Works e con l opzione mappe è stata organizzata la disposizione radiale dei 112 punti di misura ottenendo così i risultati riportati in fig.13. Fig.13 Fonomappe di emissione del clappatore in campo libero su piano orizzontale sui 1/3 d ottava dei 160, 500, 800, 1000 e 2500 Hz;raggio 1.5 m. Con una modalità simile ma orientando verso l alto il supporto con i 7 microfoni in linea, sono state acquisite le medie sincrone degli impulsi su direttrici poste a distanza crescente lungo il piano trasversale di impatto del clappatore; i risultati espressi sempre nella forma grafica di fonomappe, sono riportati in fig.14. L emissione sul piano trasversale mostra che la maggior quantità di energia sonora viene rilasciata dalla parte superiore del clappatore dove risulta maggiore la velocità d impatto e dove corrisponde anche una ampia superficie liscia tra le due tavole. Alcuni modi propri di vibrare delle tavole mostrano dei massimi proprio sugli angoli estremi superiori. L interazione tra le dimensioni fisiche del clappatore, i materiali usati, le risonanze nelle cavità degli scatolati, i modi di vibrare, i vincoli e la posizione delle impugnature, rendono estremamente articolata l emissione acustica del clappatore. Pag. 7

8 In generale dalle frequenze basse fino a 800 Hz l emissione è prevalente nella zona centrale e superiore mentre tra 1000 e 2000 Hz si concentra nella zona centrale per poi coinvolgere la metà superiore del clappatore da 2500 a 4000 Hz e sfumare verso l estremo superiore alle frequenze superiori. Con identiche procedure sono state eseguite altre misure per produrre anche le fonomappe relative all emissione sul piano longitudinale ottenendo conferma della complessità nei vari modi di irradiare del clappatore. Fig.14 Fonomappe di emissione del clappatore in campo libero su piano trasversale sui 1/3 d ottava dei 200, 630, 1250, 2500 e 4000 Hz. Conclusione. Il dispositivo descritto si propone come una valida alternativa quando si preferisce utilizzare l eccitazione impulsiva al metodo classico del rumore interrotto per la valutazione del tempo di riverberazione in conformità con le norme ISO 140, ISO 354 ed ISO L eccitazione impulsiva ottenuta con il clappatore, unitamente all integrazione di Schroeder, rende questo metodo più pratico, più veloce e più accurato; non occorre né alimentazione a rete né a batteria; è facilmente portatile ed è economico. A ribadire la validità del metodo dell eccitazione impulsiva rispetto al rumore interrotto, trascriviamo quanto riportato al punto della ISO : Incertezza di misurazione La ripetibilità nelle misurazioni utilizzando il metodo della risposta integrata all impulso è dello stesso ordine di grandezza della ripetibilità di una media di 10 misurazioni con il metodo del rumore interrotto. Pag. 8

T = 0.16 (s) S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota di applicazione

T = 0.16 (s) S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota di applicazione Nota di applicazione ARMANI Alberto 09-2009 Premessa Nelle misure di acustica edilizia ed acustica architettonica, la valutazione del tempo di riverberazione si è sempre dimostrata la più critica e la

Dettagli

http://www.spectra.it/

http://www.spectra.it/ La mappatura del campo sonoro prospicente una sorgente sonora, è la soluzione più semplice ed intuitiva per ottimizzare ogni tipo di intervento acustico. La tecnica della mappatura acustica è proposta

Dettagli

MOVIMENTO DI GAS (ARIA)

MOVIMENTO DI GAS (ARIA) BONIFICA ACUSTICA: MOVIMENTO DI GAS (ARIA) Affrontiamo questo problema inizialmente esaminando un impianto RCV (raffreddamento, condizionamento, ventilazione) La generazione del rumore Le cause della rumorosità

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING

IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING IDENTIFICAZIONE DELLE SORGENTI SONORE CON LA TECNICA BEAMFORMING A. Cerniglia(1), T. Valente (2), A. Costa (3) (1) 01dB Italia Via Sanzio, 5 Cesano Boscone cerniglia@01db.it (2) Studio Ambiente e Sicurezza

Dettagli

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica

S P E C T R A S. r. l. Via Belvedere n. 42 20043 A R C O R E Tel.: 0 3 9 6 1 3 3 2 1. Nota tecnica Nota tecnica ARMANI Alberto Novembre-2013 Premessa Con l impiego di strumentazione di misura sempre più integrata con i sistemi operativi di Windows, molti operatori si sono posti il problema di come poter

Dettagli

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it I NUOVI TRAGUARDI NELLE MISURE ACUSTICHE Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N.8, agosto 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle potenzialità offerte dalla strumentazione e

Dettagli

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è:

Legge di massa e scostamenti per pareti reali (rappresentazione grafica qualitativa) Il coefficiente di trasmissione acustica è: ACUSTICA Coefficiente di trasmissione e definizione di potere fonoisolante Potere fonoisolante: l attitudine a ridurre la trasmissione del suono. in cui t è il coefficiente di trasmissioneacustica della

Dettagli

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici

Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici Misura dei requisiti passvi acustici degli edifici I parametri acustici per la Determinazione dei requisiti acustici passivi degli edifici. Il decreto : DPCM 05-12-1997 si prefigge di: migliorare la qualità

Dettagli

Noise Equipment for Building Acoustics Measurements

Noise Equipment for Building Acoustics Measurements Noise Equipment for Building Acoustics Measurements Loudspeaker Systems OMNI and DIR Power Amplifier AMG Tapping Machine SLIM Microphone Boom Rotation ROTOSTANDone AMG GENERATORE DI RUMORE ROSA E BIANCO

Dettagli

Materiali e metodi per la. sport

Materiali e metodi per la. sport Materiali e metodi per la misura di forze impulsive nello sport Genova 22 gennaio 2011 A cura di ANDREA CAMBIASO 1 FORZA IMPULSIVA Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Una forza impulsiva è una forza che

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Analisi con due Velocità

Analisi con due Velocità Analisi con due Velocità Questo documento descrive il metodo di misura di due velocità. Analisi, interpretazione esperienze e documenti complementari si trovano nei manuali del Software PIT-W versione

Dettagli

Isolamento acustico. Andrea Nicolini

Isolamento acustico. Andrea Nicolini Isolamento acustico Andrea Nicolini Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Ingegneria Industriale, sezione di Fisica Tecnica nicolini.unipg@ciriaf.it ISOLAMENTO ACUSTICO Strutture fonoisolanti

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia

RAPPORTO DI PROVA. MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Perugia RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 febbraio 2007 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8

FONOISOLAMENTO. SpA. Bonifica acustica_modulo j8 Coefficiente τ di trasmissione del rumore di una parete τ = W W t = Potere fonoisolante R di una parete i potenza sonora trasmessa al di là della parete potenza sonora incidente sulla parete R = livello

Dettagli

HD 2040 HD 2050 HD 2050.20 HD 2050.30 HD 2050.40

HD 2040 HD 2050 HD 2050.20 HD 2050.30 HD 2050.40 HD 2040 HD 2050 HD 2050.20 HD 2050.30 HD 2050.40 Caratteristiche tecniche: martelli Altezza di caduta mento del martello Distanza tra i martelli Direzione di caduta Piedini di supporto Uscita seriale di

Dettagli

MATERIALI ASSORBENTI: CONFRONTO TRA LE MISURE ACQUISITE CON IL TUBO DI IMPEDENZA E LE MISURE ESEGUITE CON UNA SONDA MICROFONICA

MATERIALI ASSORBENTI: CONFRONTO TRA LE MISURE ACQUISITE CON IL TUBO DI IMPEDENZA E LE MISURE ESEGUITE CON UNA SONDA MICROFONICA Associazione Italiana di Acustica 42 Convegno Nazionale Firenze, 16-17 luglio 2015 MATERIALI ASSORBENTI: CONFRONTO TRA LE MISURE ACQUISITE CON IL TUBO DI IMPEDENZA E LE MISURE ESEGUITE CON UNA SONDA MICROFONICA

Dettagli

!"#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA

!#$%%&''&&( # )$%&%') #*+ RAPPORTO DI PROVA RAPPORTO DI PROVA MISURAZIONE IN OPERA DELL ISOLAMENTO DAL RUMORE DI CALPESTIO DI SOLAI secondo la norma tecnica UNI EN ISO 140-7 (2000) Data di Emissione: 13 ottobre 2006 Luogo di Emissione: Committente:

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA RUMORE A CUI SONO ESPOSTI I CENTRALINISTI TELEFONICI A. Peretti 1, M. Gravino 2, A. Farina 3 1) Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro, Università di Padova 2) Tecnico

Dettagli

Il vetro e l isolamento acustico

Il vetro e l isolamento acustico Proprietà e funzioni del vetro 31 Principi generali Intensità, pressioni e livelli sonori La "potenza" di un rumore può essere data dalla sua intensità I o dalla sua pressione P (misurate rispettivamente

Dettagli

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente

Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Programmi per lo studio dell acustica di un ambiente Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Backstage n.15, aprile 1999, Gruppo editoriale Jackson) Spesso, al fine di studiare l acustica di un

Dettagli

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE

ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE ACUSTICA E INQUINAMENTO DA RUMORE IL SUONO Propagarsi di onde meccaniche in un mezzo. Le onde fanno vibrare la membrana del timpano dando la sensazione sonora. La frequenza del suono è data dal numero

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso

GA-11. Generatore di segnale a bassa frequenza. Manuale d uso INFORMAZIONE AGLI UTENTI ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 25 luglio 2005, n. 15 Attuazione delle Direttive 2002/95/ CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE, relative alla riduzione dell uso di sostanze

Dettagli

Rumore virtuale. Andrea Cerniglia hilbert@venus.it. (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove)

Rumore virtuale. Andrea Cerniglia hilbert@venus.it. (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove) Rumore virtuale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXVI N. 7, luglio 1999, Tecniche Nuove) Una semplice descrizione del processo di auralizzazione, ossia di quanto viene offerto da

Dettagli

Che cos'è la profondità di colore

Che cos'è la profondità di colore Che cos'è la profondità di colore 1 Vediamo che cos'è la Profondità di Bit e di Colore di una immagine o di un filmato video; vediamo inoltre cosa sono Gamma dinamica e Gamma di densità. La profondità

Dettagli

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55

2) Parametri R w D 2m,nT,w L n,w 1) D 55 45 58 2) A, C 50 40 63 3) E 50 48 58 4) B, F, G 50 42 55 Valente Sonia Matricola 139047 Lezione del 16/01/003 10:30-1:30 ntroduciamo l argomento dell ACUSTCA EDLZA riprendendo il discorso della lezione precedente riguardante l acustica architettonica che ha

Dettagli

I MIGLIORI STRUMENTI AL MONDO PER L ASCOLTO E L OSSERVAZIONE IN DISTANZA A LIVELLO PROFESSIONALE

I MIGLIORI STRUMENTI AL MONDO PER L ASCOLTO E L OSSERVAZIONE IN DISTANZA A LIVELLO PROFESSIONALE I MIGLIORI STRUMENTI AL MONDO PER L ASCOLTO E L OSSERVAZIONE IN DISTANZA A LIVELLO PROFESSIONALE Al termine di un lungo ed intenso lavoro di ricerca e sviluppo durato oltre quattro anni, SPECTRADOME è

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 08

ELEMENTI DI ACUSTICA 08 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 2012/2013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni ELEMENTI DI ACUSTICA 08 ACUSTICA ARCHITETTONICA 02 FONOISOLAMENTO ASSORBIMENTO, RIFLESSIONE,

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 317066

RAPPORTO DI PROVA N. 317066 Istituto Giordano S.p.A. Via Rossini, 2-47814 Bellaria-Igea Marina (RN) - Italia Tel. +39 0541 343030 - Fax +39 0541 345540 istitutogiordano@giordano.it - www.giordano.it PEC: ist-giordano@legalmail.it

Dettagli

Progetto M.E.S. Descrizione del progetto M.E.S.

Progetto M.E.S. Descrizione del progetto M.E.S. Progetto M.E.S Premessa Esoterico termine che significa riservato agli iniziati o per trasposizione per pochi eletti indicava una cerchia filosofica dell antica Grecia. Nell ascolto del suono ad alta fedeltà,

Dettagli

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Un caso di bonifica acustica in ambiente industriale Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da Antinquinamento, anno V N. 3, settembre 1998, Tecniche Nuove) Una traccia che mostra come sia possibile

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012

Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012 Inquadramento legislativo e normativo: dal D.Lgs.81/2008 alla UNI/TR 11450:2012 Modena 12 ottobre 2012 Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 Capo II Protezione dei lavoratori contro i rischi di esposizione al

Dettagli

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione

Misurazione della portata, rumorosità e lay-out impiantistico degli impianti di aspirazione ALLEGATO 6 Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Lombardia -------------------------------- Documento d inquadramento per le cappe chimiche nei Dipartimenti Provinciali dell ARPA Lombardia.

Dettagli

Mappa Informativa Scritte SLS-ANY

Mappa Informativa Scritte SLS-ANY Mappa Informativa Scritte SLS-ANY Prodotto/i : Scritte luminose scorrevoli serie SLS-ANY ALTRE DEFINIZIONI DI SCRITTA SCORREVOLE: Insegne luminose scorrevoli. Giornali luminosi. Pannelli indicatori di

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

ELEMENTI DI ACUSTICA 03

ELEMENTI DI ACUSTICA 03 I.U.A.V. Scienze dell architettura a.a. 01/013 Fisica Tecnica e Controllo Ambientale Prof. Piercarlo Romagnoni EEMENTI DI ACUSTICA 03 PROPAGAZIONE DE SUONO 0 DIRETTIVITA DEA SORGENTE FREQUENZA SONORA PROPAGAZIONE

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE

REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE REAL TIME NOISE MONITORING: UN APPROCCIO INNOVATIVO AL MONITORAGGIO ACUSTICO AMBIENTALE Andrea Cerniglia (1), Giovanni Brambilla (2), Patrizio Verardi (2) 1) 01 db Italia, Milano 2) Istituto di Acustica

Dettagli

1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5.

1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5. I materiali fonoassorbenti 1. Modalità di assorbimento del suono 2. Grandezze caratteristiche dei materiali fonoassorbenti 3. Materiali fibrosi 4. Materiali porosi 5. Risonatori 1 Modalità di assorbimento

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR

PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA. Chiara Scrosati ITC-CNR PRESTAZIONI ACUSTICHE DEGLI EDIFICI: PROBLEMATICHE DI MISURA E CRITICITÀ DELLA POSA IN OPERA Chiara Scrosati ITC-CNR Istituto per le Tecnologie della Costruzione del Consiglio Nazionale delle Ricerche

Dettagli

Clima VRRK 500. Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV

Clima VRRK 500. Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV Regolatori di portata autoregolanti per impianti CAV Funzionamento Il regolatore di portata autoregolante è un elemento di regolazione che opera autonomamente senza energia ausiliaria, mantenendo sempre

Dettagli

ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15

ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15 ALLEGATO 4 Rapporto di prova emesso dall università di Bologna riguardante la valutazione in opera dell isolamento acustico di una parete NYD 15 Rapporto di prova riguardante la valutazione in opera dell

Dettagli

ESPERIMENTI SUL. s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14

ESPERIMENTI SUL. s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14 ESPERIMENTI SUL s.m.s. Majno III H a.s. 2013/14 Esperimento 1: diapason Materiali e strumenti: diapason, cassa di risonanza, pallina da ping pong PRIMA PARTE Esecuzione:Ho colpito uno dei rebbi del diapason

Dettagli

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi

Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Prova Isolamento acustico per giunti di riempitivi Verbale di prova 167 41634/1 ROSENHEIM Committente Denominazione prodotto Hilti AG Befestigungstechnik Feldkircherstrasse 100 9494 Schaan Principato di

Dettagli

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo

IL SUONO. Grandezze Fisiche. Y = Spostamento della particella. t = Tempo IL SUONO Caratteristiche Generali Il suono é un onda elastica (ha bisogno di un mezzo per propagarsi),longitudinale (la perturbazione avviene parallelamente alla direzione di propagazione); per la sua

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

Compressore tipo 1 x (Scroll), ermetico, 2 x (Scroll), ermetico Fluido frigorigeno R407c kg 4,0 4,2 6,0 6,1 9,0

Compressore tipo 1 x (Scroll), ermetico, 2 x (Scroll), ermetico Fluido frigorigeno R407c kg 4,0 4,2 6,0 6,1 9,0 Dati tecnici - Incluse le perdite di sbrinamento Hoval Belaria (8-33), Hoval Belaria twin (0-30) Belaria Belaria twin Tipo (8) (0) () (5) (0). stadio. stadio Potenzialità nominale con A/W35 secondo EN

Dettagli

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO

MISURE CON L OSCILLOSCOPIO MISURE CON L OSCILLOSCOPIO Misure di ampiezza (1/4) Per effettuare misure di ampiezza con l oscilloscopio l di norma si eseguono in sequenza i seguenti passi: 1. Si procede innanzitutto alla predisposizione

Dettagli

Indagine circa la qualità sonora dei locali mensa. Scuola Elementare Daneo

Indagine circa la qualità sonora dei locali mensa. Scuola Elementare Daneo Indagine circa la qualità sonora dei locali mensa. Scuola Elementare Daneo Paolo Monte 1, Corrado Conti 2 1 Polizia Municipale Genova, e-mail: pmonte@comune.genova.it 2 Comune di Genova, Staff Progettazione-Area

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax.

Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. Università degli Studi di Ferrara DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA Laboratorio di Acustica Via Saragat, 1 44100 Ferrara Tel. 0532-974852 Fax. 0532-974870 Misurazioni in opera del livello normalizzato di rumore

Dettagli

SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI

SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI SIMULAZIONE ED ANALISI BEM/FMBEM & FEM/FEM AML DI SISTEMI DI ALTOPARLANTI modulari Giuseppe Miccoli, Tommaso Nizzoli u acustica u Il campo acustico emesso da un altoparlante a tromba utilizzato in una

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

ACUSTICA ARCHITETTONICA

ACUSTICA ARCHITETTONICA ACUSTICA ARCHITETTONICA Prof. Luigi Di Francesco I principi dell'acustica fisica vengono applicati in edilizia per due problemi nettamente diversi. Il primo problema dell'acustica edilizia è lo studio

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

3B SCIENTIFIC PHYSICS

3B SCIENTIFIC PHYSICS 3B SCIENTIFIC PHYSICS Kit "Propagazione del suono in aste" 230 V, 50/60 Hz: 1018469 / U8557180-230 115 V, 50/60 Hz: 1018468 / U8557180-115 Istruzioni per l'uso 04/15 TL/UD 1. Norme di sicurezza Un utilizzo

Dettagli

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO

1 SCOPO... 3 4 LIMITI DI LEGGE... 4 ECOL STUDIO S.R.L. - LABORATORIO ANALISI - CONSULENZA - FORMAZIONE - MEDICINA DEL LAVORO INDICE 1 SCOPO... 3 2 DESCRIZIONE DEL CICLO PRODUTTIVO... 3 3 COLLOCAZIONE DELL ATTIVITÀ... 4 4 LIMITI DI LEGGE... 4 5 STRUMENTAZIONE UTILIZZATA... 5 6 INCERTEZZA DI MISURA... 5 6.1 RIPETIBILITÀ DELLE

Dettagli

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI

REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI REQUISITI ACUSTICI PASSIVI DEGLI EDIFICI ai sensi della Legge Quadro n 447/95: verifica degli adempimenti di cui al D.P.C.M. del 05/12/97 CERTIFICAZIONE MEDIANTE MISURE SPERIMENTALI DEI REQUISITI ACUSTICI

Dettagli

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi

8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8. Realizzazione di prototipi di endoscopi 8.1 Introduzione In parallelo al lavoro di analisi e sintesi riportato nel capitolo 6, sono stati realizzati vari prototipi per verificare la fattibilità pratica

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) FLAT 150 FLAT 150

UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) FLAT 150 FLAT 150 UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI (efficienza >90%) UNITA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON RECUPERO CALORE PER EDIFICI RESIDENZIALI Unità

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti Ing. Oreste Boccia 1 Interazione del suono con la materia

Dettagli

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it

LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO. www.slidetube.it LA TOMOGRAFIA COMPUTERIZZATA: LA TECNOLOGIA SLIP RING LA TECNOLOGIA SPIRALE E LA TC MULTISTRATO www.slidetube.it INTRODUZIONE Le prestazioni della TC precedentemente illustrate non sono ben rispondenti

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE

ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE ESPERIENZA 5 OTTICA FISICA INTERFERENZA E DIFFRAZIONE Lo scopo di quest esperimento è osservare la natura ondulatoria della luce, nei fenomeni della diffrazione e dell interferenza propri delle onde. In

Dettagli

Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE

Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE Macchina per l affilatura delle superfici di spoglia laterali di lame circolari con riporti in metallo duro, da Ø 80 a 650 mm CPF 650 SEGA CIRCOLARE / SEGA CIRCOLARE // SUPERFICIE DI SPOGLIA LATERALE UNA

Dettagli

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line.

Misureremo e analizzeremo la distribuzione di intensità luminosa di diverse figure di diffrazione in funzione della posizione acquisite on- line. 4 IV Giornata Oggi termineremo questo percorso sulla luce misurando l intensità luminosa della distribuzione di massimi e minimi delle figure di diffrazione e di interferenza. In particolare confronteremo

Dettagli

Capitolo 6 Descrizione apparato sperimentale

Capitolo 6 Descrizione apparato sperimentale Capitolo 6: Descrizione apparato strumentale 103 Capitolo 6 Descrizione apparato sperimentale 6.1 Attrezzatura In collaborazione con la Avio s.p.a. è in corso di svolgimento presso il laboratorio del Centro

Dettagli

SOFFITTI&PARETI SOLUZIONI. Prodotto per soffitti. Insieme a noi, le idee prendono forma 11.2013. METAL Canopy

SOFFITTI&PARETI SOLUZIONI. Prodotto per soffitti. Insieme a noi, le idee prendono forma 11.2013. METAL Canopy SOFFITTI&PARETI SOLUZIONI Insieme a noi, le idee prendono forma Prodotto per soffitti 11.2013 METAL Canopy Creare, Accentuare, Definire I METAL CANOPY fanno parte dell ampia gamma di controsoffitti discontinui

Dettagli

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA)

Condizioni ambientali per le le macchine utensili. Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) 1 Condizioni ambientali per le le macchine utensili Ing. Gianfranco Malagola Alesamonti Barasso (VA) Condizioni ambientali 2 Per garantire le migliori prestazioni della macchina utensile è necessario mantenere

Dettagli

Matematica e teoria musicale 1

Matematica e teoria musicale 1 Matematica e teoria musicale 1 Stefano Isola Università di Camerino stefano.isola@unicam.it Il suono Il fine della musica è dilettare e muovere in noi diversi sentimenti, il mezzo per raggiungere tale

Dettagli

Bystar L. laser cutting. efficiency in. Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati

Bystar L. laser cutting. efficiency in. Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati efficiency in laser cutting Bystar L Impianti di taglio laser di grande formato per lamiere, tubi e profilati 2 Bystar L grande, precisa e autonoma Gli impianti universali di taglio laser della serie Bystar

Dettagli

In questa seconda puntata

In questa seconda puntata TEORIA TEORIA MHZ RISORSE MHZ SPECIALE RISORSE SPECIALE PRATICA Visual Analyser 90 In questa seconda puntata presentiamo una delle applicazioni del programma Visual Analyser: la misura della risposta in

Dettagli

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace

Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace Corso di Acustica prof. ing. Gino Iannace e-mail: gino.iannace@unina2.it prof. ing. Gino IANNACE 1 Il suono è un "rumore sgradevole", "un suono fastidioso, non desiderato". Dal punto di vista fisico, il

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

Documento tecnico: Introduzione, vantaggi e confronto con i sistemi di prova del colore tradizionali

Documento tecnico: Introduzione, vantaggi e confronto con i sistemi di prova del colore tradizionali Documento tecnico: PROVA COLORE A VIDEO Introduzione, vantaggi e confronto con i sistemi di prova del colore tradizionali Questo documento tecnico tratta della prova colore a video e ne dimostra la validità

Dettagli

MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO MONITORAGGIO ACUSTICO CONTINUO NEGLI AMBIENTI DI LAVORO A. Cerniglia (1), G.Amadasi (2) (1) 01dB Italia S.r.l. - Cesano Boscone, cerniglia@01db.it (2) SCS Controlli e Sistemi - Campodarsego Grazie all'impiego

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA

PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA PROGRAMMA DEL CORSO PER TECNICO COMPETENTE IN ACUSTICA Organizzato da Ordine degli Architetti della Provincia di Salerno in collaborazione con Sonora srl MODULO 1 - FONDAMENTI DI ACUSTICA Lezione di teoria

Dettagli

BONIFICA ACUSTICA: URTI E IMPATTI. Bonifica acustica_moduloj1_rev_3_10_03

BONIFICA ACUSTICA: URTI E IMPATTI. Bonifica acustica_moduloj1_rev_3_10_03 BONIFICA ACUSTICA: URTI E IMPATTI La potenza sonora che viene generata dall urto è proporzionale all energia a cinetica che possiede il corpo in movimento al momento dell urto; ; di conseguenza essa è

Dettagli

ACUSTICA IN EDILIZIA L ACUSTICA NEGLI AMBIENTI INTERNI

ACUSTICA IN EDILIZIA L ACUSTICA NEGLI AMBIENTI INTERNI ACUSTICA IN EDILIZIA associato L ACUSTICA NEGLI AMBIENTI INTERNI Sala B. Fenoglio Via Vittorio Emanuele 19 12051 - Alba Relatore: Fabio Girolametti 04 Aprile 2012 ACUSTICA ARCHITETTONICA ACUSTICA DEGLI

Dettagli

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE.

LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. Pagina 1 di 5 LA REGISTRAZIONE DEI FILE AUDIO.WAV IN CONTEMPORANEA CON LE MISURE FONOMETRICHE. A. Armani G. Poletti Spectra s.r.l. Via Magellano 40 Brugherio (Mi) SOMMARIO. L'impiego sempre più diffuso

Dettagli

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA

COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA COMPARAZIONE COSTI LAMPADE AI VAPORI DI MERCURIO AL ALTA PRESSIONE VS LED BAY ECOMAA VANTAGGI E SVANTAGGI DELLE PRINCIPALI LAMPADE UTILIZZATE NELL ILLUMINAZIONE DI FABBRICATI NON RESIDENZIALI, FABBRICHE,

Dettagli

Protocollo di prova n. 423-MNK-12

Protocollo di prova n. 423-MNK-12 Protocollo di prova n. 423-MNK-12 Protocollo approvato da: Ing. Josef Novak, responsabile del laboratorio Data: 16/7/2012 Data: 16/7/2012 Numero di copie: 4 Pagina 1 di 5 1. Committente BALBY s.r.o., Celakovskeho

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

TRASMETTITORI E RICEVITORI

TRASMETTITORI E RICEVITORI Esempio: Un ricevitore ha un resistore di polarizzazione del valore di 10 kω e una capacità di giunzione del fotodiodo del valore di 4 pf. Il fotodiodo è accoppiato in continua con un amplificatore ad

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE CASI DI STUDIO IN CAMPO DINAMICO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE CASI DI STUDIO IN CAMPO DINAMICO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE IN CAMPO DINAMICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 27 a.a. 26-7 IN CAMPO DINAMICO STRUMENTAZIONE DI MISURA

Dettagli