Appendice Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Appendice Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali"

Transcript

1 Appendice Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali Nel titolo di questo capitolo è scritto il suo fine. Può essere molto difficile valutare il grado di autonomia di un portatore di malattia, non solo neurologica. Riportiamo qui alcuni esempi di come affrontare questo problema. Premessa Sia l Indice di Barthel (BI) sia la Modified Rankin Scale (MRS) sono scale di comune impiego per misurare la disabilità o la dipendenza nelle attività della vita quotidiana (ADL). L indice di Barthel è un test sviluppato nel 1965 [1] e rivisto nel 1979 [2], che precisa l autosufficienza del paziente nell esecuzione di dieci comuni attività della vita quotidiana. Ogni attività è definita da un punteggio che va da 0 a 10; la somma totale dei vari item riassume il grado di disabilità in un numero da 0 a 100. Il punteggio massimo è 100 per un individuo che sia totalmente indipendente; il punteggio più basso è 0 e indica che il paziente è costretto a letto in una situazione di dipendenza completa. Una valutazione sintetica prevede la situazione descritta nella seguente Tabella 1. Indice di Barthel Tabella 1 Punteggi per la valutazione della disabilità Punteggio Valutazione 100 indipendenza totale quasi autosufficienza dipendenza lieve dipendenza moderata dipendenza grave < 25 dipendenza completa A. Sghirlanzoni, U. Genovese, Guida alla valutazione medico-legale del danno neurologico, Springer-Verlag Italia

2 228 Appendice Modified Rankin Scale La Modified Rankin Scale (MRS) misura l indipendenza piuttosto che la capacità di soddisfare compiti specifici [3]; cerca di definire in qualche modo la capacità fisica e mentale di adeguarsi ai deficit neurologici. La scala è divisa in 6 gradi, da 0 a 5. Lo 0 corrisponde a nessun deficit, 5 a una grave disabilità (Tabella 2).

3 Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali 229

4 230 Appendice Tabella 2 Modified Rankin Scale [3] Grado Descrizione 0 Nessun sintomo 1 Qulche sintomo, ma nessuna disabilità significativa; in grado di ottemperare agli usuali doveri e di svolgere le normali attività 2 Disabilità lieve; incapace di eseguire in modo complete tutte le attività precedenti, ma capace di provvedere a se stesso senza assistenza 3 Disabilità moderata; richiede qualche aiuto, ma è capace di camminare senza assistenza 4 Disabilità moderatamente grave; incapace di camminare e di accudire al proprio corpo senza assistenza 5 Disabilità grave; costretto a letto, incontinente, richiede attenzioni e cure constanti Oltre a quelle previste nella scala di Barthel, riportiamo un esempio di quelle che sono ritenute attività indispensabili per la vita quotidiana da altri autori. Attività della vita quotidiana Le attività della vita quotidiana sono le attività di base rivolte ad accudire se stessi (mangiare, lavarsi ecc.); le attività strumentali della vita quotidiana sono quelle comunque usuali, ma più complesse, che possono anche essere delegate ad altri (cura degli affari, cucinare ecc.) (Tabella 3).

5 Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali 231 Tabella 3 Cura di sé [4] Attività della vita quotidiana Fare il bagno, la doccia Provvedere ai bisogni corporali Vestirsi Mangiare Alimentarsi Muoversi in modo funzionale Cura dei propri strumenti Igiene personale Attività sessuale Dormire/riposare Attività strumentali della vita quotidiana Prendersi cura degli altri (ivi compresa la scelta e la gestione dei curanti) Cura degli animali domestici Cura dei bambini Uso degli strumenti di comunicazione Mobilità all interno della comunità Cura degli affari Cura della salute Cura della casa Preparazione dei pasti e pulizia Mantenimento della sicurezza e capacità di gestire l emergenza Capacità di fare acquisti La Tabella 4 presenta in termini puramente descrittivi un esempio di possibili criteri di valutazione dei deficit linguistici da lesione cerebrale. Questi parametri considerano non solo la comprensione linguistica, ma anche l abilità del paziente di produrre simboli linguistici comprensibili e appropriati, e possono essere applicati sia per l afasia sia per altre alterazioni della comunicazione linguistica, come l agrafia, l alessia o l acalculia. Disturbi del linguaggio

6 232 Appendice Tabella 4 Disturbi del linguaggio [5] Descrizione Invalidità % Minimi deficit di comprensione e di produzione dei simboli linguistici 0-15 necessari per le attività della vita quotidiana Moderata compromissione della comprensione e della produzione dei simboli linguistici necessari per le attività della vita quotidiana Incapacità di comprendere i simboli linguistici con una produzione linguistica incomprensibile o inappropriata per far fronte alle attività della vita quotidiana Assenza totale di comprensione o di capacità di simboli linguistici 95 sufficienti per le attività della vita quotidiana Deficit delle funzioni esecutive I disturbi delle funzioni esecutive derivano da ben note sindromi cerebrali di natura organica. I deficit possono riguardare l orientamento, la capacità di concepire o di comprendere concetti astratti; la memoria, sia immediata sia remota; la capacità di giudicare; la capacità di avviare un atto volontario e di eseguire serie di azioni pianificate; l idoneità a mantenere un comportamento sociale adeguato (v. Cap. 20). Tabella 5 Deficit delle funzioni esecutive [5] Descrizione Invalidità % Lieve compromissione delle funzioni cerebrali complesse con 5-15 mantenimento delle capacità di svolgere gran parte delle attività della vita quotidiana, come prima dell evento lesivo La compromissione delle funzioni cerebrali complesse richiede qualche controllo o direttiva nelle attività della vita quotidiana La compromissione delle funzioni cerebrali complesse è tale che le attività quotidiane devono essere dirette e sono possibili solo se confinate entro il luogo di residenza Il grado di compromissione delle attività cerebrali complesse 95 integrate è tale da rendere l individuo incapace di prendere cura di se stesso in qualsiasi modo o situazione

7 Tabelle di valutazione della capacità di provvedere a se stessi e di mantenere equilibrate relazioni sociali 233 Bibliografia essenziale 1. Mahoney F. Barthel D (1965) Functional evaluation: the Barthel Index. Md Med J 14: Granger CV, Devis LS, Peters MC, et al. (1979) Stroke rehabilitation: analysis of repeated Barthel Index measures. Arch Phys Med Rehabil 60: van Swieten JC, Koudstaal PJ, Visser MC, et al. (1988) Interobserver agreement for the assessment of handicap in stroke patients. Stroke 19: Youngstrom MJ (2002) The Occupational Therapy Practice Framework: the evolution of our professional language. Am J Occup Ther 56(6): Engelberg AL (ed) (1988) The Nervous System in: Guide to the Evaluation of Permanent Impairment. 3rd edition. American Medical Association, Chicago, pp

8 Indice analitico A Abuso di farmaci anti-emicranici (Medication overuse), 84 Acalculia, 219 Test per l acalculia, 219 Acromatopsia, 45 Acufeni, 106 Acuità/acutezza visiva, 91-95, 99, Adiadococinesia, 153, 156 Afasia espressiva o di Broca, 35, 37-40, recettiva o di Wernicke, 35-38, Insalata di parole, 216 Aachener Aphasie Test (AAT), 39, anomica, 36-38, pura, dell area di Wernicke, 35-38, di Broca, 35, 37-40, di conduzione, 36, 38, di Wernicke, 35-38, Esame del linguaggio II di Ciurli, 217 fluente, 36, globale, 35-38, grave, 37 lieve, 36 media, 37 motoria, 35 non fluente, 36, senso-percettiva, 35 sottocorticale, 38, Test dei gettoni (token test), 218 Test di comprensione, 118 Test di Denominazione Boston Naming Test, 218 Test di fluenza semantica, 219 transcorticale, motoria, sensoriale, Ageusia, 102 Agnosia, 44-45, 222 appercettiva, 222 Street s Test, 222 associativa, 222 Object Decision, 222 Prosopoagnosia, 223 Riconoscimento di volti, 223 visiva, 45 Agrafia, 45 Agrammatismo pseudoafasico, 188, 217 Alessia, Allucinazioni ipnagogiche, 160 ALS Functional Rating Scale, 138, Alzheimer, 19, 23, 25, 30, 72, 159, 175, 202 Amnesia anterograda, 61 non organica, 65 isterica, 193 post-traumatica, psicogena, 193 retrograda, 61 Anamnesi, 3, 10 Anomalie nella regolazione del tono dell umore, 14 Anomia, 38, 216 Anormalità psicogena della marcia, 189 Anosmia, 89-90, 184, 197 Anosoagnosia, 45 Anticipazione, 147 Anticorpi anti-musk, 55 Aprassia, ideativa o di utilizzazione, 220 bucco-facciale, 220 costruttiva, 221 Disegno con cubi, 221 Arco di Charcot, 193 Artrosi e protrusioni discali cervicali asintomatiche, 54 Asinergia, 153 Assicurazione Privata (AP), X Assone, 115 Assonotmesi, 115 Astasia-abasia, 189, 198 Astenia e faticabilità, 63 Atassia, cerebellare ereditaria, ereditaria, 154 extra-cerebellare, 155 frontale, 156 non cerebellare, sensitiva, 155 Atrofia multisistemica (MSA), 146 muscolare bulbo-spinale (malattia di Kennedy), 137 muscolare cronica, 134 muscolare spinale (SMA, Spinal Muscular Atrophy), olivopontocerebellare, 146 Attacchi pseudoepilettici o psicogeni, 192 Attacco cataplettico, 160 Atteggiamento concreto e perdita della capacità di astrazione, 14 Attention-deficit/hyperactivity disorder (ADHD), 30 Attenzione divisa,

9 236 Attenzione selettiva o focalizzata, 204 Attività della vita quotidiana, Attività strumentali della vita quotidiana, Audiometria, 186, 197 Auto-anticorpi specifici contro il recettore colinergico (autoanticorpi anti-achr), 55 B Biopsia muscolare, 56 Biopterina, 148 Bolo isterico, 188 Bradicinesia, 3, 142 C Campo visivo, 92-99, di tipo spirale o tubolare, 184 Canale cubitale, 118, 124 Canale di Guyon (del carpo), 118, 125 Cause di perdita dell udito, 187 Cause di stato vegetativo, 174 Cecità, 91-98, Cefalea, a grappolo, 81-82, Classificazione delle cefalee, 78 cronica quotidiana, 84 di tipo tensivo (CTT), 82 post-traumatica, 63 primaria, 85 secondaria, 85 Circuito di Papez, 213 Codifica, 211 Cofosi isterica, 86 Coma, isterico, 193 Comparto superiore del plesso brachiale, 120 Compiti associativi, 215 Compiti di verifica categoriale, 215 Compiti di rievocazione libera, Comportamento di prensione, 17 Concussione, 61 Conversione punteggio MODA MMSE, 25 Coordinazione motoria, 6, 155 Corea di Huntington, 146Corteccia orbitaria mediale, 203 Corteccia orbito-frontale, 203 Corteccia prefrontale dorso-laterale, 202 Coscienza, 174 Creatinfosfochinasi (CPK), 56 Criteri del DSM IV per disturbo algico, 180 Criteri diagnostici della CRPS-I e CRPS-II, 168 Criteri diagnostici di ritardo mentale, 224 CRPS di II tipo, 168 D Danno centro-midollare, 51 Dat-SCAN, 143 Deficit campimetrici, del campo visivo, binoculare, monoculare, 96-97, , 197 dell odorato/olfattivo, 89-90, 184 della funzione psichica, 28 delle funzioni esecutive, 232 di memoria, 22-23, 28 psicogeno, 179 sensitivo non organico, 191 visivi, 184 Degenerazione corticobasale (CBD), 145 Degenerazione striato-nigrica, 146 Deglutizione, 55, 101, , 138, 142, 163, 188 Delezione DeltaGAG del gene DYT1, 148, 196 Demenza, 19-26, cause, 23 da corpi di Levy, grave, 19 iniziale, 19Dermatosi simil-pellagrosa, 31 Deterioramento mentale/intellettivo, Difficoltà al cambiamento, 210 Difficoltà di consapevolezza, 210 Digit span, 212 Diplopia, monoculare, 184, 197 Disabilità da dolore (valutazione), Disabilità sociale, 13, 210 Disartria, 188, 198 Disautonomia, 146, 154, 162 Discinesie tardive, 147 Discromatopsia, 97 Disfonia, 110, 181, 188 Disinibizione, 13-14, 210 Dislessia, Dismetria, 153, 156 Disrafismo Spinale, 30 Dissinergia, 153 Distonia, 148, dopa-responsiva, 148, 196 infantile, 148 primaria, 148 psicogena, secondaria, 148 Distrofia simpatica riflessa, 168 Disturbi acquisiti del linguaggio, 37 algico, comportamentali nel sonno (RBD, REM sleep behavior disorder), 160 del comportamento, 22-23, 28 del sonno, 64, del tono dell umore, 65 della funzione gustativa fino alla ageusia, 102 di conversione, 179 di somatizzazione, 179 fittizio, 180 motorio non organico, 189 post-traumatici del sonno, 64 psicogeno, Dolore, 182 cervicale, 54, 170 cronico, lombare, neuropatico, 165 E Effetto nocebo, 63 Indice analitico

10 Indice analitico 237 Effetto placebo, 62 Emi-inattenzione (o emi-neglect), 44 Emianopsia binasale, 43 Emianopsia bitemporale, 43 Emianopsia inferiore, 43 Emicrania, classica, cronica o trasformata, 84 parossistica, 78 senza aura, trasformata, 81, 84 Emiparesi, 48-50, 103 Emiparkinsonismo, 141 Emiplegia spastica, Emisindrome deficitaria motoria, 47 Emisomatoagnosia, 43, 45 Endonevrio, 115 Enzimi muscolari, 56 Epilessia, 56-61, Assenze, 71 benigna dell infanzia, 71 Ceroido lipofuscinosi, 72 Convulsioni neonatali, 71 Encefalopatia mioclonica, 71 focale, 75 idiopatica, Lafora, 72 MERRF, 72 mioclonica, 71 parziale continua, 71 post-traumatica, 74 Sialidosi, 72 Sindrome di Lennox-Gastaut, 71 Spasmi infantili (sindrome di West), 71 Unverricht-Lundborg, 72 Epinevrio, 115 Ernia cervicale, 170 Ernia del disco, 169 Ernia lombare, 169 Esame audiometrico, 108, 186 Esame elettromiografico, 56, 116, 192 Esame neuropsicologico, 5 Esame obiettivo neurologico, 5 Esiti di sofferenza organica, 11, 19 Estinzione (o inattenzione sensitiva), 44 F Fascicolo arcuato, 38, 216 Fasi on-off, 144 Figura complessa di Rey, 214 Flessibilità cognitiva, 208 Fluenza fonemica, 16 Fonofobia, 65 Forza muscolare, 6, 131 Frontal Assessment Battery (FAB), Funzioni esecutive, 12-15, , 232 G Gene centromerico SMN2, 137 Gene telomerico Survival Motor Neuron (SMN), 137 Go, No Go, 17 Guaina di mielina, 115 H Head up tilt test, 163 I Idrocefalo, 31 Impulsività, 14, 59, 210 Inattenzione sensitiva (o estinzione), 44 Indice di Barthel (BI), 227 Indice di deterioramento Mentale (IDM), 224 Inerzia patologica, 14, 210 Infortunistica del Lavoro (IL), X Inibizione, 207 Insufficienza intellettiva, 28 Insufficienza mentale, 27 Invalidità Civile (IC), X Ipercinesia, 142 Ipersonnia, 64, 75, idiopatica, 159 Ipertono plastico, 7 Ipertono spastico, 7 Ipoacusia, 65 Iposmia, Ipotensione ortostatica (IO), Ipotono, 7, 142 Istruzioni contrastanti, 17 L Lesioni a C 5, 51 a C 7 -C 8, 51 a L 2, 51 a L 3 -S 1, 51 a S 1 -S 2, 51 completa del nervo sciatico, 128 da C 1 a C 4, 51 da colpo e contraccolpo, 58 del I e del II motoneurone, 50 del midollo spinale, 50 del nervo ulnare al polso (sindrome del canale di Guyon), 125 del plesso brachiale inferiore (radici C8-T1/tronco infe - riore), 121 del Sistema Nervoso Periferico, del tronco encefalico, 50 dell area motoria, 49 frontale, 12-15, Livello, 50 Lobo frontale, 12, 14, 256, M Malattia da espansione, 146 Malattia dei corpi di Levy diffusi (DLBD), 145 Malattia del motoneurone, Malattia di Hartnup, 31 Malattia/corea di Huntington, 146 Malattia di Kennedy, Malattia di Kugelberg-Welander, 137 Malattia di Parkinson, Malattia di Werdnig-Hoffmann, 136 Malattie dei muscoli, 56 Malattie del II motoneurone (amiotrofie spinali), 136 Mal da viaggio, 109

11 238 Indice analitico Mancanza di consapevolezza (anosognosia), 14 Manovra di Jendrassik, 7 Marcia anserina, 6 a piccoli passi, 6 falciante, 6 steppante, 6 Memoria a breve termine, 5, di lungo termine, 5, episodica, esplicita o dichiarativa, 213 procedurale, 211, 215 prospettica, 206 semantica, Meningocele, 30 Menomazioni bilaterali dell acuità visiva, Miastenia Gravis, 55 Microcefalia, 29 Mielomeningocele, 30 lombare, 27 Milan Overall Dementia Assessment (MODA), 14, 25, 223 Mini Mental State Examination (MMSE), 14, 24, 223 Modified Card Sorting Test (MCST), 208 Modified Rankin Scale (MRS), Mongoloidismo, 30 Monomelia (sindrome di Hirayama), 136 Monoparesi, 48-50, 118, 127 flaccida di un arto inferiore, 127 Monoplegia, 48-49, 118, dell arto superiore, 48, 118 Morte cerebrale, 178 Movimenti periodici degli arti, 159 Movimenti periodici notturni degli arti, 64 Movimento distonico, Muscolatura oculare estrinseca, 98 Mutismo acinetico, 177 N Narcolessia, 64, New Daily Persistent Headache (NDPH), 77 Neglect, Negligenza spaziale, 222 Neopterina, 148 Nervi circonflesso o ascellare, 125 cocleare, 108 cranici, I (nervo olfattorio), II (ottico), III (oculomotore), IV (trocleare), V (trigemino), VI (abducente) VII (facciale), VIII (acustico e vestibolare), IX-X (glossofaringeo e vago), XI (accessorio spinale), 112 XII (ipoglosso), 113 crurale, 127 femorale, gluteo inferiore, gluteo superiore, muscolo-cutaneo, 119 mediano, 121 otturatorio, peroneo comune (o popliteo esterno), popliteo esterno (o peroneo comune), popliteo interno (o tibiale), pudendo, 130 radiale, 119 safeno, 128 sciatico, politeo esterno, 126 popliteo interno, 126 sottoscapolare, 118 tibiale (o popliteo interno, o tibiale posteriore), toracico lungo, 125 ulnare, 119 Nevralgia del glosso-faringeo, 111 Nevralgia del trigemino, 4, 77, 78, 86, 87, 101, 110 Nevralgie del capo, 77-78, 87, 100, 110 Neuroaprassia, 115 Neuroma, 117, 170 Neuronografia, 116 Neuronopatia bulbospinale (malattia di Kennedy), 135 Neurotmesi, 115 Non ventilatore-dipendente, 53 O Oligofrenia, 20 Orexina-A, 160 P Pallestesica, 8, 156 Pandisautonomia, 162 Parafasia fonemica, Parafasia semantica, 216 Paralisi alterne, 50 cerebrale infantile, del nervo circonflesso, , del nervo mediano, , , 126 del nervo popliteo interno (nervo tibiale), 129 del nervo pudendo, 130 del nervo radiale, , 123 del nervo ulnare, , del sonno, 160 essenziale del nervo facciale (paralisi di Bell), 103 sopranucleare progressiva (PSP), 145 totale di un arto superiore, 117 Paraparesi, 30, Paraplegia, 30, alta, 51 distale, 51 lombare, 51 toracica, 51 Paresi, 49-50, 119, 127 Parkinson idiopatico, 14 complicato, 144 Parkinsonismo, Parosmia, 90 Past-pointing, 108

12 Indice analitico 239 Perimetria, 92, 94, 96, 99 Perdita dell astrazione, 211 Perdita di vista (non organica), 184 Perinevrio, 115 Periziando, 3-10 Perseverazione, 13, 207 Plegia, 49, 97 Plesso brachiale, 120 Plessopatia totale, 120 Poliradiculoneuropatia infiammatoria demielinizzante acuta (Guillain-Barré/AIDP), 55 cronica (CIDP), 55 Polizza Infortuni, X Polizza Malattia, X Postumi di trauma cranico, 57, Potenziali evocati olfattivi, 90, 184 Potenziali evocati uditivi, 108, 186, 198 Priming, 211, 215 Prognosi lavorativa, 54 Prognosi quoad vitam, Prosopagnosia, 45 Proteina huntingtina, 146 Proteina tau, 145 Pseudoepilessia, 192 Pseudoipoacusia, 186 Pseudoparalisi, 190 Pseudoptosi, 190 Pseudovertigini, 187 Q Quadrantopsia, Quoziente intellettivo (QI), 25-27, 224 R Ragionamento non verbale, 209 Ragionamento verbale, 209 Rapida valutazione neurologica, 5 Reazione automatica di ammiccamento o di evitamento (alla minaccia), 99 Recruitment, 107 Remembering an appointment, 206 Respirazione artificiale, 53 Responsabilità civile (RC), IX Riduzione dell iniziativa, 210 Riduzione dell olfatto, 89 Rievocazione guidata, Rievocazione libera visiva, 214 Riflessi, 7 achilleo, 129 addominale, 7 bicipitale, 7, 120, 125 brachioradiale, 7 del coltello a serramanico, 7 osteo-tendineo, 7, 10, 190 rotuleo, 128 superficiale, 7 tricipitale, 7 Rigidità muscolare, 142 Ritardo mentale (RiMent), criteri diagnostici, 224 Ritenzione, Rivermead Behavioural Memory Test, 206 S Scala di Baylor, Scala ASIA/IMSOP, Scala di Glasgow (Glasgow Coma Scale), 58 (Outcome Glasgow Scale), 59 Scapola alata, 125 Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA), 50, 127, Sclerosi Laterale Primaria, 136 Score di Baylor, 137 Segno di Babinski, 7, 49, 190 Segno di Hoover, 190 Segno di Tinel, 116 Sensazioni vertiginose e di disequilibrio, 63 Sensibilità, 8 Sequenza trinucleotidica, 146 Serie motorie, 16 Shock spinale, 51 Simulazione, 179 Sincope, 161 Sindromi apneica centrale, 159 arto fantasma, 170 cauda equina, cerebellare, concussiva, 61 coreica, 146 da colpo di frusta (whiplash syndrome), 54 del comparto muscolare, 56 del tunnel carpale, 116, 122 del tunnel cubitale, 124 dell uomo incarcerato (locked-in), 176 della giunzione neuro-muscolare, 55 della motricità volontaria, 47 delle apnee morfeiche ostruttive (OSAS, Obstructive Sleep Apnea Syndrome), 160 delle apnee notturne, 64 delle gambe senza riposo, 159 delle radici e dei nervi, 55 di Arnold-Chiari, 30 di Brown-Séquard, 50 di Down Trisomia 21, 27 di Edwards, 27, 29, 31 di Gilles de la Tourette (TS, Tourette Syndrome), 148 di Hartnup, 27 di Horner, 121 di Pancoast, 121 di Riley-Day, 162 di Shy-Drager, 146 distonica, , 194 dolorosa regionale complessa (CRPS, Complex Regional Pain Syndrome), 117, dolorose croniche, epilettiche, extrapiramidale, 141 extrapiramidali, 142 malformative, 27 occipitale, parietale, 43 piramidale,, 47-48, post-concussiva, 62 post-traumatica da stress (Post-traumatic Stress Disorder, PTSD), 66

13 240 Indice analitico prefrontale, pseudo-depressiva, 14 radicolare superiore tipo Erb-Duchenne, siringomielica, 51 soggettiva del traumatizzato cranico, 57 temporale, vertiginosa, vestibolare, Sintomi funzionali, 180 Sistema extrapiramidale, 142 Somiglianza, 16 Sonno REM (Rapid Eye Movement), 160 Sordità completa, Sordomutismo, 107 Span di memoria, 5, 212 Span visivo, Stato di coscienza minima, 173, 176 Stato vegetativo, Stenia, 6 Stime cognitive, 209 Street s Completion Test, 222, 224 Suggestione, 189, 195 SUNCT, 77-79, T Taupatia, 145 Test dei gettoni, 39, , 224 dell esagerazione di Waddel, 182 della greca, 207 della spinta, della Torre di Londra, 15, delle 15 parole di Rey, 214 delle Matrici Colorate Progressive, 209 di apprendimento, 214 di attenzione e di calcolo, 5 di cancellazione di lettere, 222 di cancellazione di linee, 222 di comprensione, 5, 218 di copia, 222 di denominazione, 5, 218 di fluenza grafica, 15, 210 di fluenza verbale, 15, 210 di funzionalità autonomica, 146 di linguaggio, 5 di ripetizione, 5 di Stroop, 208 delle matrici attentive, 204 Tetraparesi/tetraplegia, 47-48, 51 Timoma, 55 Tilt-test, 109 Tono muscolare 7 Trail Making Test, 205 Trauma cranico, minore, 65 sequele, 57 Trauma midollare, 50 aperto/chiuso, 58 di intenzione, 153 Tremore essenziale, 149, 191 Tremore psicogeno, 191 Trisomia del cromosoma 18, 21, 30, 31 Trucchi sensitivi, 195 U Unified Parkinson s Disease Rating Scale (UPDRS), 143 V Ventilatore-dipendente, 53 Vertigini, , 188, 198 fobiche posturali, 187 Vie piramidali, 49-50, W Wechsler Adult Intelligence Scale (WAIS), 14, 25, Wisconsin Card Sorting Test, 208 Working memory, 14-15, 203, 212 Z Zoppia di fuga, 6, 189

Corso di Neurologia. Prof. Fabio Cirignotta U.O. Neurologia Policlinico S.Orsola-Malpighi Università di Bologna

Corso di Neurologia. Prof. Fabio Cirignotta U.O. Neurologia Policlinico S.Orsola-Malpighi Università di Bologna Corso di Neurologia Prof. Fabio Cirignotta U.O. Neurologia Policlinico S.Orsola-Malpighi Università di Bologna Corso di Neurologia Prof. Fabio Cirignotta U.O. Neurologia Policlinico S.Orsola-Malpighi Università

Dettagli

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie

Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Inquadramento Diagnostico delle Malattie Neuromotorie Giancarlo Di Battista, Marialaura Santarelli Neurologia - ACO San Filippo Neri disabilità neuromotoria Insieme di deficit motori di diversa natura

Dettagli

Indice Presentazione La comunicazione medico-paziente I nervi cranici Le sindromi motorie Le sindromi sensitive

Indice Presentazione La comunicazione medico-paziente I nervi cranici Le sindromi motorie Le sindromi sensitive xi Indice Presentazione................................................................. ix 1 La comunicazione medico-paziente......................................... 1 L individualità e la complessità

Dettagli

ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO. Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia

ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO. Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia ESAME OBIETTIVO NEUROLOGICO Dr. Alberto Gajofatto Dipartimento di Scienze Neurologiche e del Movimento Sezione di Neurologia Consiste nella ricerca di segni di alterazione del normale funzionamento del

Dettagli

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA

PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA PROTOCOLLI DI IDONEITÀ ALLA GUIDA Malattie neurologiche Patologia Patente A-B Patente C-D-E Accertamenti Idoneità Non idoneità Idoneità Non idoneità Paraplegia spastica da: Lesione midollare Sclerosi multipla

Dettagli

Esame dell attività psichica superiore

Esame dell attività psichica superiore Esame dell attività psichica superiore Disturbi dell articolazione del linguaggio Emissione della parola 1) respirazione ( nella laringe, la colonna d aria viene trasformata in suoni primari nella fonazione)

Dettagli

Cenni di neuropsichiatria infantile

Cenni di neuropsichiatria infantile Cenni di neuropsichiatria infantile Le cause della disabilità possono essere genetiche, prenatali (insorte durante la vita fetale), perinatali (insorte alla nascita) o postnatali (insorte dopo la nascita).

Dettagli

Funzioni Nervose Superiori

Funzioni Nervose Superiori Università degli Studi di Perugia Funzioni Nervose Superiori Prof. Paolo Calabresi Corso Integrato di Neurologia AA 2004/2005 Linguaggio Strumento attraverso il quale avviene la comunicazione, grazie alla

Dettagli

Dal 08.10.2012 il Lunedi ore 15.00 17.00 Mercoledì ore 15.00 18.00 ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI

Dal 08.10.2012 il Lunedi ore 15.00 17.00 Mercoledì ore 15.00 18.00 ORARIO DI RICEVIMENTO DEGLI STUDENTI FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/1 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea in Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO - PRINCIPI E METODI DI NEURORIABILITAZIONE TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

AFASIE. Eloquio: comprende espressione verbale, modalità di esecuzione, capacità di fonazione ed articolazione.

AFASIE. Eloquio: comprende espressione verbale, modalità di esecuzione, capacità di fonazione ed articolazione. AFASIE Linguaggio: strumento attraverso il quale avviene la comunicazione, grazie alla possibilità di produrre e comprendere espressioni simboliche costituite da sequenze intelligibili di suoni articolati,

Dettagli

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2 9788871929422 I_XX_Layout 1 13/02/13 15:56 Pagina V Prefazione Introduzione all edizione italiana XV XVII Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2

Dettagli

Classificazione Internazionale delle Cefalee

Classificazione Internazionale delle Cefalee Classificazione Internazionale delle Cefalee Al fine di agevolare la comprensione delle dizioni diagnostiche utilizzate, si riporta di seguito la forma ridotta della versione italiana della Classificazione

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

Disabilità. vita quotidiana

Disabilità. vita quotidiana Disabilità e vita quotidiana Caracciolo Antonio Fisioterapista Coordinatore Servizio DAT (Domotica, Ausili, Terapia occupazionale) IRCCS Fondazione Don Carlo Gnocchi, Milano Di chi parliamo. Handiccappati

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

NERVI CRANICI PROF. ENRICO GRANIERI

NERVI CRANICI PROF. ENRICO GRANIERI NERVI CRANICI PROF. ENRICO GRANIERI Nervi cranici 1 Nervo olfattivo 2 Nervo ottico 3 Nervo oculomotore 4 Nervo trocleare (altro oculomotore) 5 Nervo trigemino 6 Nervo abducente (altro oculomotore) 7

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

Lateralizzazione e linguaggio

Lateralizzazione e linguaggio Lateralizzazione e linguaggio SCIENZE MOTORIE A.A. 2007-2008 Docente: M.Stella Valle SPLIT BRAIN Individuo normale Individuo con cervello diviso LATERALITA MANUALE E LATERALIZZAZIONE CEREBRALE 90% POPOLAZIONE

Dettagli

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE

PROBLEMI FISICI DEL DISABILE PROBLEMI FISICI DEL DISABILE Scale di valutazione funzionale e classificazione della disabilita Classificazione malattie (eziologia, clinica) nell ICD della Organizzazione Mondiale Sanità 1970 Non riportata

Dettagli

DI NEUROANATOMIA FUNZIONALE

DI NEUROANATOMIA FUNZIONALE L esame neurologico CENNI DI NEUROANATOMIA FUNZIONALE Per poter effettuare un esame neurologico competente ed essere in grado di interpretare i segni clinici è necessario conoscere poche nozioni di neuroanatomia

Dettagli

AGNOSIA. Modificazione dell ambiente. Riapprendimento. AGNOSIA VISIVA appercettiva

AGNOSIA. Modificazione dell ambiente. Riapprendimento. AGNOSIA VISIVA appercettiva AGNOSIA AGNOSIA VISIVA appercettiva AGNOSIA VISIVA associativa regioni posteriori dell encefalo Matching di oggetti. Giudizi identità differenza. Copia di disegni. Figure sovrapposte. Lettere incomplete.

Dettagli

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2014/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA

MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 2014/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA FACOLTÀ MEDICINA E CHIRURGIA ANNO ACCADEMICO 01/15 CORSO DI LAUREA (o LAUREA Laurea in Fisioterapia MAGISTRALE) CORSO INTEGRATO PRINCIPI E METODI DI NEURORIABILITAZIONE TIPO DI ATTIVITÀ Caratterizzante

Dettagli

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA

Le patologie da noi affrontate: PARALISI CELEBRALE INFANTILE SINDROME SPASTICA SINDROME ATASSICA SINDROME DISCINETICA SPINA BIFIDA DISTROFIA Disabilità motoria Introduzione Lo sviluppo motorio, dal quale può derivare lo sviluppo motorio atipico, deve essere considerato come un processo complesso che si verifica grazie alle interazioni bidirezionali

Dettagli

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO III EDIZIONE TORINO 21 FEBBRAIO 2015-20 DICEMBRE 2015 (Scadenza iscrizioni 15 GENNAIO 2015) Organizzato

Dettagli

La riabilitazione delle sindromi maggiori post ictus. Bruno Rossi U. O. Neuroriabilitazione AOU Pisa

La riabilitazione delle sindromi maggiori post ictus. Bruno Rossi U. O. Neuroriabilitazione AOU Pisa La riabilitazione delle sindromi maggiori post ictus Bruno Rossi U. O. Neuroriabilitazione AOU Pisa Ictus e statistiche Fascia 65 84 aa: P = 6,5%; I = 8,7/1000 Genesi: ischemica nell'80% dei casi emorragica

Dettagli

Guida alla valutazione medico-legale del danno neurologico

Guida alla valutazione medico-legale del danno neurologico Guida alla valutazione medico-legale del danno neurologico Angelo Sghirlanzoni Umberto Genovese Guida alla valutazione medico-legale del danno neurologico Presentazione di Lisa Licitra, Patrizia Olmi 123

Dettagli

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico?

Disturbi ossessivi compulsivi? Sono disturbi invalidanti? Trattamento farmacologico? ALCUNE DOMANDE DEL COMPITO SCRITTO DI NEUROLOGIA DEL 31 GENNAIO Mielite trasversa, caratteristiche cliniche. SLA Lobo più colpito nel morbo d Alzheimer Sede più frequente di emorragia intraparenchimale

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma

Maurizia Rasura. UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea. Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma DISABILITÀ DEL PAZIENTE CON ICTUS CARDIOEMBOLICO O Maurizia Rasura UOS Stroke Unit Azienda Ospedaliera Sant Andrea Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università, Roma Fibrillazione Atriale (FA)

Dettagli

INQUADRAMENTO DELLE PATOLOGIE NEUROLOGICHE DEL RACHIDE

INQUADRAMENTO DELLE PATOLOGIE NEUROLOGICHE DEL RACHIDE INQUADRAMENTO DELLE PATOLOGIE NEUROLOGICHE DEL RACHIDE Pietro MARANO U.O. di Riabilitazione Casa di Cura Villa dei Gerani,Catania Insegnamento di Neurologia e Neuropsicologia, C.d.L. in Fisioterapia, Università

Dettagli

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia

Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Paolo Liberini II U.O. Neurologia, Spedali Civili Brescia Anamnesi EON Diagnostica Strumentale 60% ISCHEMICO 30% EMORRAGICO ANALISI CLUSTER DI PROBABILITA Età M > F Familiarità Fumo Estroprogestinici Ipertensione

Dettagli

Domande di NEUROLOGIA

Domande di NEUROLOGIA Domande di NEUROLOGIA La paralisi centrale differisce da quella periferica perché (indicare l affermazione errata): può accompagnarsi ad ipertonia. non si associa mai a riflessi patologici. è dovuta a

Dettagli

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni

Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Meccanismi Biochimici delle Neurodegenerazioni Lesson1 Lesson2 Lesson3 Lesson4 Lesson5 Lesson6 INDEX Intro Aggregazione proteica: ripiegamento delle proteine sistema di controllo qualità delle proteine

Dettagli

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco

Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco Cosa cambia con i nuovi criteri diagnostici? Dr.ssa Laura Bracco DEMENZA Sindrome clinica caratterizzata dal deterioramento della memoria e delle altre funzioni cognitive rispetto al livello di sviluppo

Dettagli

La psicologia come diagnosi e riabilitazione

La psicologia come diagnosi e riabilitazione San Maurizio Canavese, 23/24 Febbraio 2012 Danilo De Gaspari ICP - CTO CENTRO PARKINSON MILANO L INTERVENTO PSICOLOGICO IN 2 FASI 1. LA DIAGNOSI DEI DISTURBI COGNITIVO-COMPORTAMENTALI 2. LA PRESA IN CARICO

Dettagli

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva

Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Optic radiation: anatomy Patologie delle vie ottiche postchiamsatiche e della corteccia visiva Caratterizzati da emianopsia omonima.

Dettagli

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA. www.slidetube.it

SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA. www.slidetube.it SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA Definizione di SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (ALS) A- absence of myo- trophic Lateral muscle nourishment pertaining to side (of spinal cord) Sclerosis hardening of (lateral

Dettagli

Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico. Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG)

Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico. Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG) Un introduzione alle demenze: il punto di vista neuropsicologico Stefano Stefanini Psicologo - Psicoterapeuta Centro Alzheimer Gazzaniga (BG) Aspetti Neuropsicologici Orientamento e attenzione Funzioni

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato

La Malattia di Alzheimer. Manuel Soldato La Malattia di Alzheimer Manuel Soldato Caratteristiche Più frequente forma di demenza Deterioramento ingravescente delle capacità cognitive Comparsa di disturbi comportamentali e dell affettività Progressiva

Dettagli

CADASIL. CONGRESSO SEZIONE APULO-LUCANA SOCIETA ꞌ ITALIANA di NEUROLOGIA Bari, 18 ottobre 2013

CADASIL. CONGRESSO SEZIONE APULO-LUCANA SOCIETA ꞌ ITALIANA di NEUROLOGIA Bari, 18 ottobre 2013 CONGRESSO SEZIONE APULO-LUCANA SOCIETA ꞌ ITALIANA di NEUROLOGIA Bari, 18 ottobre 2013 CADASIL Marco Petruzzellis UO Neurologia e Stroke Unit F. Puca Azienda Ospedaliero-Universitaria Consorziale Policlinico

Dettagli

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia)

DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) DISORDINI DELLE SENSIBILITA (somato estesia) Enrico Granieri Direttore delle Scuole di Specializzazione in Neurologia e Neurochirurgia Direttore della Sezione di Neurologia e del Dipartimento di Discipline

Dettagli

MALATTIA DI ALZHEIMER

MALATTIA DI ALZHEIMER MALATTIA DI ALZHEIMER FORME FAMILIARI FORME SPORADICHE 5-10% 90-95% Esordio precoce (40-60 aa) (EOFAD) Esordio tardivo (>60 aa) (LOFAD) Esordio precoce (65 aa) (LOAD) (Fattori

Dettagli

Indice generale. Sistema nervoso 1. Introduzione 1. Elementi costitutivi del sistema nervoso 17. Midollo spinale e nervi spinali 47

Indice generale. Sistema nervoso 1. Introduzione 1. Elementi costitutivi del sistema nervoso 17. Midollo spinale e nervi spinali 47 IX Indice generale Sistema nervoso 1 Introduzione 1 GeneralitaÁ 2 Sviluppo e organizzazione 2 Circuiti funzionali 2 Topografia del SN 4 Sviluppo e organizzazione dell'encefalo 6 Sviluppo dell'encefalo

Dettagli

LINGUAGGIO. agli inizi, lesioni cerebrali. metodologia. recentemente, tecniche di neuroimmagine

LINGUAGGIO. agli inizi, lesioni cerebrali. metodologia. recentemente, tecniche di neuroimmagine LINGUAGGIO metodologia agli inizi, lesioni cerebrali recentemente, tecniche di neuroimmagine 1 AFASIA Perdita parziale o completa delle capacità linguistiche conseguente ad un danno cerebrale, spesso senza

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA

SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA MANTOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Dipartimento di Scienze Cliniche e Sperimentali CORSO DI STUDIO IN FISIOTERAPIA CARTELLA DIDATTICO-RIABILITATIVA Anno Accademico STUDENTE SEZIONE DI CORSO BRESCIA CREMONA

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

MALATTIE DEL MIDOLLO SPINALE. www.fisiokinesiterapia.biz

MALATTIE DEL MIDOLLO SPINALE. www.fisiokinesiterapia.biz MALATTIE DEL MIDOLLO SPINALE www.fisiokinesiterapia.biz Anatomia Anatomia LESIONI DEL MIDOLLO SPINALE Una lesione trasversale acuta del midollo comporta - la paralisi flaccida immediata (deficit di forza

Dettagli

CENTRO EUROPEO COLONNA

CENTRO EUROPEO COLONNA Apporto delle indagini elettrofisiologiche alle patologie del rachide Dr. Enrico Alfonsi IX Congresso Internazionale S.I.R.E.R. Il rachide lombare Cappella Ducale di Palazzo Farnese - Piacenza 30 settembre

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

L impatto delle malattie neurologiche

L impatto delle malattie neurologiche Esame neurologico L impatto delle malattie neurologiche 4,38% : Prevalenza delle malattie neurologiche acute nella popolazione 3,54%: Prevalenza delle malattie neurologiche croniche nella popolazione Enorme

Dettagli

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento

scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento scheda 03.01 Poliambulatorio specialistico Ambulatorio per la malattia di Parkinson ed i disordini del movimento Cos è L ambulatorio dedicato ai pazienti affetti da malattia di Parkinson e disordini del

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO

OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A VERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO OLIMPIADI ITALIANE DELLE NEUROSCIENZE 2014 GARE LOCALI - A ERSIONE PER I DOCENTI ISTRUZIONI PER L USO NEUROANATOMIA (prova individuale): 4 diverse tavole mute di cervello umano, con indicate 5 diverse

Dettagli

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri

Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Aggiornamenti in Audiovestibologia Varese, 11 marzo 2015 Demenza e Sordità Marco Mauri Università degli Studi dell Insubria- DBSV U.O. Neurologia e Stroke Unit Ospedale di Circolo - Varese Alzheimer with

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Medicina fisica e riabilitativa - 31/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Medicina fisica e riabilitativa - 31/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Medicina fisica e riabilitativa Scenario 1: Una donna di 55 anni si presenta in Pronto Soccorso per comparsa, il giorno precedente durante la guida della propria

Dettagli

SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO

SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO SCUOLA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MEDICINA E CHIRURGIA MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO ANNO DI OFFERTA 2013-2014 INSEGNAMENTO H4101D025 MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO COORDINATORE

Dettagli

DEMENZE. Demenze secondarie

DEMENZE. Demenze secondarie Prof. Benvenuti DEMENZE La demenza è caratterizzata da un declino cognitivo che si manifesta con uno stato di coscienza normale e in assenza di altre malattie acute o sub-acute che possono causare un declino

Dettagli

Testi del Syllabus. Testi in italiano. Insegnamento: H4101D025 - MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO. Anno regolamento: 2011 CFU: Anno corso: 5.

Testi del Syllabus. Testi in italiano. Insegnamento: H4101D025 - MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO. Anno regolamento: 2011 CFU: Anno corso: 5. Testi del Syllabus Resp. Did. FERRARESE CARLO Anno offerta: 2015/2016 Insegnamento: H4101D025 - MALATTIE DEL SISTEMA NERVOSO Corso di studio: H4101D - MEDICINA E CHIRURGIA Anno regolamento: 2011 CFU: 8

Dettagli

L IPERTENSIONE ENDOCRANICA:

L IPERTENSIONE ENDOCRANICA: L IPERTENSIONE ENDOCRANICA: L ipertensione endocranica consiste generalmente in un aumento della pressione all interno della scatola cranica, che può essere dovuto generalmente a tre fattori: ---aumento

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE

INDICE CAPITOLO 1 IL DANNO ALLA PERSONA IN RESPONSABILITÀ CIVILE Prefazioni alla seconda edizione............................ XI Prefazione alla prima edizione............................. XIX Introduzione....................................... 1 CAPITOLO 1 IL DANNO

Dettagli

Indice. Autori V Presentazione VII Introduzione IX

Indice. Autori V Presentazione VII Introduzione IX Indice Autori V Presentazione VII Introduzione IX PARTE I INTRODUZIONE ALLE NEUROSCIENZE CLINICHE DEL COMPORTAMENTO: LE BASI NEUROBIOLOGICHE E NEUROPSICOLOGICHE 1. La neuropsichiatria nell ambito delle

Dettagli

LE SCALE DI VALUTAZIONE:

LE SCALE DI VALUTAZIONE: LE SCALE DI VALUTAZIONE: Scale di valutazione Rappresentano parte della semeiotica della riabilitazione Sono state elaborate a partire dagli anni 50 Esistono migliaia di scale di valutazione Proprietà

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA

PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA DEMENZA VASCOLARE PATOLOGIE 3 ALTRE FORME DI DEMENZA CRITERI DIAGNOSTICI DEL DSM-IV Esaminiamo adesso i principali quadri di demenza secondaria, iniziando dalle demenze vascolari, le più frequenti, che

Dettagli

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO

Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO Capitolo 5_d URGENZE MEDICHE ADULTO 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE NEUROLOGICHE CHE PROVOCANO ALTERAZIONI DELLA COSCIENZA IDENTIFICARE I SEGNI E SINTOMI DI: SINCOPE, CONVULSIONI, MENINGITE,

Dettagli

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15

INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 INDICE 1. RINORREE 1 Cenni di anatomia e fisiologia delle fosse nasali 1 Cenni di anatomia e fisiologia dei seni paranasali 11 Rinorrea sierosa 15 Rinorrea purulenta 21 Rinorrea crotosa 30 LESIONI DELLA

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli

ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO. a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli ANATOMIA DEL SISTEMA NERVOSO a cura di Antonio Matarangolo Luciana Rocchitelli Sistema Nervoso DISPOSITIVO DI RECEZIONE (AFFERENTE) SISTEMA DI ELABORAZIONE DISPOSITIVO DI TRASMISSIONE (EFFERENTE) SISTEMA

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta...

INDICE SOMMARIO. Presentazione, dig.gulotta... INDICE SOMMARIO Presentazione, dig.gulotta... xi Capitolo 1 DANNO NON PATRIMONIALE E DANNO BIOLOGICO DI NATURA PSICHICA: DEFINIZIONI E CRITERI DI VALUTAZIONE (di G.B. Camerini-G. Sergio) 1. Responsabilita`

Dettagli

Sviluppo del tronco encefalico

Sviluppo del tronco encefalico Tronco encefalico Sviluppo del tronco encefalico Proencefalo mesencefalo rombencefalo mesencefalo ponte bulbo cervelletto midollo Tronco encefalico Tronco Encefalico: visione esterna VISIONE VENTRALE VISIONE

Dettagli

SISTEMA VESTIBOLARE. La posizione del corpo e relativamente delle sue varie parti (testa, tronco e arti) fra di loro

SISTEMA VESTIBOLARE. La posizione del corpo e relativamente delle sue varie parti (testa, tronco e arti) fra di loro SISTEMA VESTIBOLARE FUNZIONI DEL SISTEMA VESTIBOLARE Mantenimento dell'equilibrio In stazione e in movimento RIFLESSI POSTURALI La posizione del corpo e relativamente delle sue varie parti (testa, tronco

Dettagli

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti

Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12. Dott.ssa Ilenia Zanotti LA STIMOLAZIONE COGNITIVA PER IL BENESSERE DELLA PERSONA AFFETTA DA DEMENZA Centro Le Pozzette, Villa Verucchio 27.01.12 Dott.ssa Ilenia Zanotti COS E LA STIMOLAZIONE COGNITIVA La Stimolazione Cognitiva

Dettagli

PRINCIPI DI NEUROLOGIA

PRINCIPI DI NEUROLOGIA Indice 1 2 INTRODUZIONE........................... 1 1.1 Sviluppo della tecnica del massaggio connettivale................ 1 1.2 Diagnostica dell area del riflesso............ 4 Cambiamenti di tipo nervoso

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

LE PARESTESIE: introduzione

LE PARESTESIE: introduzione Corso di formazione specifica in Medicina Generale REGIONE EMILIA ROMAGNA: sede di Reggio Emilia LE PARESTESIE: introduzione Mario Baratti UNITA OPERATIVA DI NEUROLOGIA Ospedale Ramazzini Carpi, AUSL Modena

Dettagli

Casi clinici esemplari

Casi clinici esemplari Modulo 5 Casi clinici esemplari Dott. Stelvio Sestini Medico Nucleare, Dirigente medico, UO di Medicina Nucleare USL4, Prato Background (1) Il radiofarmaco 123I-N-ω-fluoropropyl-2-β-carbometossi-3-β-(4-iodofenil)-nortropano

Dettagli

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene

Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Malattie degenerative, sporadiche ed ereditarie, prevalentemente dementigene Prof. Roberto Cotrufo 2009 Definizione di demenza La demenza è una sindrome caratterizzata da deterioramento di capacità cognitive

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (BAS/08/44682) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamati: la propria deliberazione n 2678 del 20 dicembre 2004 recante Approvazione del programma Assistenza odontoiatrica nella Regione

Dettagli

DISORDINI NEUROPSICOLOGICI DELLA MEMORIA

DISORDINI NEUROPSICOLOGICI DELLA MEMORIA DISORDINI NEUROPSICOLOGICI DELLA MEMORIA La memoria umana è abitualmente definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, veridico o erroneo, gli avvenimenti del passato. La memoria

Dettagli

ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA

ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA ESAME NEUROLOGICO ESAME DELLA MOTILITA ESAME DELLA FORZA Una modesta e diffusa riduzione della forza ha scarso significato clinico rispetto ad una condizione di deficit localizzato ad un solo distretto

Dettagli

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH

DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH DISTROFIA FACIO SCAPOLO-OMERALE (FSH = facioscapulohomeral muscolar daystrophy) Detta anche distrofia di Landouzy-Dejerine che per primi la descrissero nel 1884. Definizione La distrofia FSH è la terza

Dettagli

PFA "La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale"

PFA La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale PFA "La diagnostica per immagini ed il M.M.G. - patologie del sistema nervoso centrale" E. Arena *, S. Calia^,, A. Leonardi* * U.O.C. Neurologia ^U.O.C. Diagnostica per Immagini Ospedale S. Paolo Aspetti

Dettagli

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo

Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore e disabilità (il dolore del bambino e della famiglia) dr Valter Sonzogni USC Anestesia e Rianimazione I AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo Dolore: un problema, un mistero Il dolore l animale lo evita,

Dettagli

SISTEMA NERVOSO NERVI CRANICI E SPINALI PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA. Prof.

SISTEMA NERVOSO NERVI CRANICI E SPINALI PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA. Prof. FONDAMENTI ANATOMO-FISIOLOGICI DELL ATTIVITÀ PSICHICA PROGRAMMA SISTEMA NERVOSO PERIFERICO NERVI CRANICI E SPINALI Prof. CINZIA GIULI Sistema nervoso periferico Sistema somatico (volontario) Sistema autonomo

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) La più grave fra le malattie che colpiscono il motoneurone: sclerosi atrofia gliotica laterale cordoni

Dettagli

Classificazione e quadri clinici principali. Giampietro Zanette

Classificazione e quadri clinici principali. Giampietro Zanette Classificazione e quadri clinici principali Giampietro Zanette Eziologia del danno neurologico brachiale 1. intrappolamento 2. compressione 3. trauma 4. Lesione infiammatoria 5. infiltrazione o compressione

Dettagli

L ESAME NEUROPSICOLOGICO IN MEDICINA GENERALE

L ESAME NEUROPSICOLOGICO IN MEDICINA GENERALE Rivista SIMG (www.simg.it) Gennaio 1999 L ESAME NEUROPSICOLOGICO IN MEDICINA GENERALE Angelo Bianchi1, Saverio Luzzi2 1 Neuropsicologo 2 Medico Generale e Neurologo L esame neuropsicologico è un importante

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016

CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI. Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 CORSO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE MALATTIE NEUROLOGICHE SENILI Dott.ssa Ornella Sassone 14-22 marzo 2016 MODALITÀ DI APPROCCIO ALL ANZIANO CON PATOLOGIE NEUROLOGICHE PIÙ O MENO GRAVI Acquisire quanti più

Dettagli

EROGAZIONE DEL BUONO MENSILE A FAVORE DELLE PERSONE CON GRAVISSIME DISABILITA (D.G.R. n.740 del 27/09/2013)

EROGAZIONE DEL BUONO MENSILE A FAVORE DELLE PERSONE CON GRAVISSIME DISABILITA (D.G.R. n.740 del 27/09/2013) Spett.le DIRETTORE DISTRETTO DI EROGAZIONE DEL BUONO MENSILE A FAVORE DELLE PERSONE CON GRAVISSIME DISABILITA (D.G.R. n.70 del 7/09/0) Il/La sottoscritto/a (cognome) (nome) nato/a a il residente a prov

Dettagli

Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità

Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità Numero 42 /2015 Certificato medico Invalidità Civile: le novità Come è noto la Commissione per l accertamento dell Invalidità civile, dell handicap e della disabilità è composta un medico specialista in

Dettagli

Disturbi comportamentali Aspetti clinici

Disturbi comportamentali Aspetti clinici Disturbi comportamentali Aspetti clinici Dott. ssa Livia Ludovico La Malattia di Alzheimer: gli aspetti clinici e l alleanza terapeutica Hotel Parma & Congressi Via Emilia Ovest, 281/A - Parma 24 settembre

Dettagli

( ) %'!"#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)"$& +1 (( (!)*%%!"(!!($%!&(

( ) %'!#$%!&'(!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'(!)$& +1 (( (!)*%%!(!!($%!&( !"##"$!"#!" %&#' ) %'!"#$%!&'!)*%%+!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 0 # $, $%!-'!)"$& +1!)*%%!"!!$%!&!,-.$%!$/ $%!&.$%!*# 2 & * ## $! #!"! "!""!+"&#,-!&! 1/3 4#56!7#5 # 8 1#/ 3 ' *,,!9%"$%!- 8 / #8,*)$!*:$9%"$%!-'

Dettagli

Classificazione dell'insonnia Lalli N, Fionda A, 1994

Classificazione dell'insonnia Lalli N, Fionda A, 1994 Classificazione dell'insonnia Lalli N, Fionda A, 1994 1994 Liguori Editore 2002 WEB Presente in: N. Lalli, A. Fionda, L altra faccia della luna. Il mistero del sonno. I problemi dell insonnia, Liguori

Dettagli