IL Notiziario di Point of Care

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL Notiziario di Point of Care"

Transcript

1 Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario di Point of Care EDIZIONE SPECIALE Numero 1 PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory - Linea Critical Care Responsabile Pubblicazione: Francesco Ranieri RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA PER LE AREE DI ANESTESIA, EDIZIONE SPECIALE L Editoriale Intervento Prof. Luciano Gattinoni 2 2 Novità: Linee Guida CLSI su Laboratory Quality Control 3 Accuratezza della determinazione dell Emoglobina Totale in Co-ossimetria nella gestione del paziente anemizzato 8 Quale campione utilizzare in Emogasanalisi? 3 L Esperienza in Emogasanalisi presso l A.O.R.N. A. Cardarelli di Napoli La Cultura in Emogasanalisi Per i professionisti sanitari grazie ad una partnership di qualità 4 10 Gustav Magnus e la prima determinazione quantitativa in Emogasanalisi 12

2 IL Notiziario di Point of Care IL Notiziario di Point of Care, rivista destinata agli utilizzatori di sistemi di emoganalisi, è al suo terzo anno di pubblicazione. Abbiamo pensato di celebrare questo evento, prevedendo un edizione speciale destinata agli Anestesisti e Rianimatori offrendo a questo gruppo storico di utilizzatori di sistemi emogasanalitici una selezione mirata di interviste, articoli, poster pubblicati nel corso del triennio attorno al tema dell emogasanalisi. Ringrazio il Prof. Luciano Gattinoni (Fondazione IRCCS Ca Granda - Policlinico di Milano), esperto di fama mondiale (come attestato da numerosi riconoscimenti tra cui, ad esempio, il Society of Critical Care Medicine s Lifetime Achievement Award, ricevuto nel 2010) e noto cultore del tema Emogasanalisi ed equilibrio acido-base per averci offerto una sua riflessione sul ruolo che Instrumentation Laboratory, da anni, sta svolgendo per lo sviluppo della tecnologia emogasanalitica e la promozione della Cultura in Emogasanalisi ad essa associata. A voi, cari lettori, l augurio di una piacevole e fruttuosa lettura. Corrado Santagati Responsabile Linea Critical Care 2 INTERVENTO Prof. Luciano Gattinoni Prof. Luciano Gattinoni Con il termine Point of Care si identifica l esecuzione di esami di laboratorio nelle immediate vicinanze del paziente anziché nel laboratorio centrale. È ovvio che il Point of Care è tanto più utile quanto più le variabili misurate cambino rapidamente nel tempo e siano rilevanti nella valutazione del rischio. Esempio perfetto l emogasanalisi. Per gli Anestesisti/Rianimatori italiani questo tipo di Point of Care esisteva ben da prima che la terminologia stessa fosse introdotta. Si era infatti verificato questo curioso fenomeno: mentre negli ospedali anglosassoni, presi di solito come punto di riferimento, si è passati dal laboratorio centrale al Point of Care, da noi, date le carenze del laboratorio centrale, si è iniziato direttamente con il Point of Care. Nella maggioranza degli ospedali l emogasanalizzatore era infatti posto nelle immediate vicinanze del paziente e gli operatori più frequentemente coinvolti appartenevano alla nostra specialità. Instrumentation Laboratory ha accompagnato, fin dai suoi esordi, la nostra specialità e forse molti non sanno che il nucleo originario di IL era italiano. Lo sviluppo straordinario di IL e della cultura emogasanalitica, ad essa strettamente associata, è iniziato con l introduzione, da parte di questa industria dell ossimetria diretta. Questo ha permesso la misura di tutte le variabili emogasanalitiche al letto del paziente ed ha rappresentato un enorme progresso nelle tecniche rianimatorie. Infatti, avendo a disposizione un emogasanalisi arteriosa e venosa ed una cultura di base è possibile identificare nella stragrande maggioranza dei casi, sia le situazioni attuali di rischio che la loro patogenesi. Io sono profondamente grato a IL, con cui ho interagito fin da quando studiavo medicina, per la sua costante presenza nella nostra specialità. Nei decenni le conoscenze in rianimazione sono mutate, la tecnologia è avanzata, la proprietà di IL più volte cambiata, ma la cultura di fondo è rimasta quella originale: innovazione, qualità e partecipazione.

3 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Quale campione utilizzare in Emogasanalisi? Il campione emogasanalitico per eccellenza è quello arterioso. Il sangue prelevato da arteria o da catetere arterioso fornisce un istantanea precisa dello stato di ossigenazione e dell equilibrio acido-base del paziente. Il prelievo arterioso comporta però numerose criticità: la sua esecuzione è complessa e richiede competenze specifiche; si tratta di una procedura dolorosa per il paziente e non priva di rischi (ematoma, arteriospasmo, emboli, occlusione dell arteria, risposta vasovagale, per citarne alcuni). Tuttavia, le determinazioni volte a valutare la funzione di scambio polmonare (po2 e pco2) dovrebbero essere condotte esclusivamente su campioni di sangue arterioso. L arteria radiale è quella più comunemente utilizzata per il prelievo: si tratta infatti di un vaso di facile accesso, relativamente superficiale e dunque facile da pungere, e dotato di un circolo collaterale (in caso di danno, infatti, l arteria ulnare può portare sangue ai tessuti normalmente perfusi dall arteria radiale). E importante verificare l eventuale presenza di deficit dell arteria ulnare, eseguendo il Test di Allen prima del prelievo. Qualora non fosse possibile raccogliere un campione arterioso, un alternativa praticabile è quella di effettuare un prelievo di sangue capillare periferico. Affinché i parametri emogasanalitici del sangue capillare approssimino quelli di un campione arterioso, è necessario arterializzare il sangue. Questo si ottiene scaldando la pelle fino ad una temperatura di circa 42 C (applicando un termoforo oppure una pomata vasodilatante). Il prelievo di sangue capillare viene eseguito dal tallone (soprattutto nei neonati), dalla punta delle dita oppure dal lobo dell orecchio. E importante evitare di applicare eccessiva pressione per facilitare la fuoriuscita del sangue: in questo modo si rischia di contaminare il campione con fluido extracellulare, diluendolo ed alterandone quindi i valori. I campioni venosi non sono invece un valido sostituto di quelli arteriosi in emogasanalisi. Possono essere utilizzati esclusivamente per la valutazione di ph, pco2, elettroliti e disemoglobine (COHb o MetHb), ma non per po2, O2Hb e relativi parametri derivati. Fonte: Blood gas and ph Analysis and Related Measurements; approved Guideline -2nd edition (Feb. 2009)- CLSI Novità: Linee Guida CLSI su Laboratory Quality Control Sono state pubblicate negli scorsi mesi delle Linee Guida CLSI Laboratory Quality Control Based on Risk Management; Approved Guideline EP 23. Questo documento rappresenta una guida basata sulla gestione del rischio clinico in Laboratorio per sviluppare piani di Controllo Qualità (QC) realizzati su misura considerando la specifica combinazione costituita dal sistema analitico, dall organizzazione del laboratorio e dall applicazione clinica del test. A proposito di quest ultimo aspetto, da una sezione specifica del documento, emerge quanto segue: Informazioni sulle applicazioni cliniche :... Quando è possibile che sulla base di un risultato si agisca immediatamente, come potrebbe verificarsi nei dipartimenti d emergenza, le terapie intensive, o le sale operatorie, si raccomanda di focalizzare la strategie del Quality Control Plan sulla prevenzione (dell emissione) di risultati NON corretti, perché non ci sarà tempo per intervenire attraverso una nuova analisi quando fosse stato rilasciato un risultato errato. Per esempio, il referto per un profilo di emogasanalisi /elettroliti, viene richiesto per assumere decisioni in tempi brevissimi. Se la decisione fosse frutto di un risultato errato, ciò potrebbe avere serie conseguenze sul paziente prima che la decisione possa essere corretta Non c è alcun dubbio che anche le tecnologie (ad esempio emogasanalitiche) debbano poter, per essere realmente innovative e al servizio della Medicina di Laboratorio, degli utilizzatori e del paziente, disporre di funzioni ispirate al principio della prevenzione (dell emissione) di risultati non corretti. A cura della Linea Critical Care 3

4 IL Notiziario di Point of Care L Esperienza in Emogasanalisi presso L A.O.R.N. A. CARDARELLI DI NAPOLI Intervista al Prof. Carlo Di Iorio Coordinatore Dipartimento di Anestesia e Rianimazione 4 Qual è il ruolo dell Ospedale Cardarelli nell ambito dell offerta sanitaria cittadina/regionale? E un ruolo fondamentale. E un pilastro dell emergenza regionale ed interregionale se si pensa che abbiamo tutte le specialità chirurgiche tranne la cardiochirurgia. Nella nostra Azienda sono presenti l unico Centro Grandi Ustionati della Regione, l unico Centro Anti-veleni, l unico centro di Terapia Iperbarica che funzioni h/24, un eli-porto attivo h24, attrezzato anche per i voli notturni. Siamo sede della centrale operativa regionale e territoriale. Inoltre, abbiamo l unico Trauma Center, deliberato come Struttura Complessa, anche se adesso è diventato una struttura dipartimentale. A questo si assommi il fatto che la chiusura di molti presìdi ospedalieri periferici legati al piano di rientro regionale ha fatto si che l affluenza al Cardarelli aumentasse in maniera notevole. Lo dimostrano il pieno di tutti i reparti e le numerose barelle che ci affliggono. Questo per quanto riguarda la parte d emergenza. Poi abbiamo l alta specializzazione, che spazia dalla trapiantologia epatica ad altre specialità come la Neurochirurgia, l Urologia, la Chirurgia Vascolare, le 3 divisioni di Chirurgia e le 3 divisioni di Ortopedia, giusto per fare qualche esempio. Quindi, fondamentalmente, Il Cardarelli nel momento in cui c è una contrazione della recettività ospedaliera del territorio, rimane ancora di più il fulcro di tutta la sanità regionale. E quello del suo Dipartimento di Anestesia e Rianimazione nell ambito dell Ospedale Cardarelli? Per la prima volta è stato deliberato, pur nell ambito di una riduzione del numero di Dipartimenti (prima erano 14, adesso sono diventati 8), l istituzione del Dipartimento di Anestesia e Rianimazione. Ritengo che sia, nel meridione, l unico esempio in quanto la nostra disciplina spesso è presente, sia a livello ospedaliero che universitario, in altri dipartimenti: vedi nell emergenza, nelle chirurgie, nelle medicine di area medica. In effetti, noi invece abbiamo un dipartimento esclusivamente dedicato alla disciplina, che ho l onore di dirigere, e che serve a gestire con maggiori poteri rispetto al passato, il personale dirigente anestesista di Anestesia e Rianimazione del Cardarelli. Prof. Carlo Di Iorio Noi, in effetti, siamo 140 anestesisti, presenti all interno della struttura e la possibilità di gestire in maniera unitaria e coordinata tutte queste risorse mi consente un integrazione funzionale fra gli anestesisti dei vari servizi senza più quegli steccati di appartenenza che prima limitavano molto l operatività e la flessibilità dell organizzazione. D altra parte siamo in un momento di grossa carenza organica con una media mensile di circa 20 carenze, nell ambito di questi 140 anestesisti, che dobbiamo comunque coprire con l istituto dell auto-convenzionamento. Questo dopo che una razionalizzazione sull utilizzo del personale mi ha consentito di abbattere la storica pianta organica di 21 unità, portando da 161 a 140 il fabbisogno di anestesisti. Qualche tempo fa, per esempio, mi trovavo con 2 anestesisti giovani e poco esperti dell area, a gestire il filtro di Rianimazione che è l area di primo impatto dei pazienti critici che arrivano in ospedale. Naturalmente questo mi è stato possibile perché ho coinvolto in un ottica di integrazione funzionale e collegiale di collaborazione i 5 anestesisti che erano preposti alle urgenze chirurgiche e diagnostiche e le 2 guardie della Rianimazione vera e propria. La possibilità di utilizzare al meglio ed in modo rapido e flessibile le forze in campo è la ragione di vita del Dipartimento. Per quali ragioni l emogasanalisi è considerato un test diagnostico cruciale nell ambito del suo Dipartimento, in particolare per le Unità di Anestesia e Terapia Intensiva Post Operatoria? Immaginare un Area Intensiva, sia essa Post-Operatoria che di Rianimazione generale, poli-modale, Centro Ustioni o anche una TIN, o una UTIC senza la disponibilità del dato emogasanalitico significa far venire meno un requisito fondamentale che oltretutto è previsto per legge nei requisiti di accreditamento delle aree intensive: infatti esse è un requisito di base per poter parlare di Terapia Intensiva in senso lato, così come è cruciale il monitoraggio del dato pressorio o quello di un tracciato elettrocardiografico e di una saturimetria. Per me l emogasanalisi, ormai, rappresenta un elemento costante, obbligato e necessario per la gestione corretta del paziente critico.

5 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Emogasanalizzatore GEM Premier 4000 con iqm Considerata la storia ultracinquantenaria dell emogasanalisi, quali sono gli aspetti dell innovazione tecnologica che negli ultimi 5-10 anni anni hanno contribuito a migliorare i processi nell ambito delle Unità Operativa che fanno capo al Dipartimento da Lei diretto e, più in generale, nell ambito del Vostro ospedale? Io ero abituato ai vecchi emogasanalizzatori, che ingombravano quasi un intero ambiente e che chiaramente, pur con la loro mole, la farraginosità della procedura di titolazione e spesso l ambiguità del dato rappresentavano già allora un elemento importante nella gestione del paziente. Oggi come oggi avere dei sistemi che, con minimo ingombro, consentono di avere dei dati estremamente corretti, il fatto di poter avere un implementazione di un parametro come il cloro nel modello GEM 4000 piuttosto che il dato della Co-Ossimetria che rappresenta anch essa un must per alcuni ambiti, come la camera iperbarica e il centro ustioni, sono degli step che si sono via via superati e che appunto fanno sì che il sistema per emogasanalisi risulti un elemento fondamentale nella gestione del paziente critico. Avere il controllo di qualità automatico e la possibilità di utilizzare l apparecchio anche quando un sensore sia guasto sono tutti elementi di implementazione che hanno reso tale tecnologia sempre più indispensabile nella nostra attività quotidiana. Perché la tecnologia emogasanalitica GEM con iqm è stata considerata qualitativamente vincente rispetto alle altre soluzioni presenti sul mercato? La soluzione GEM con iqm non solo qualitativamente ma anche economicamente è vincente. Io ho fatto uno studio, raffrontando il decennio precedente all avvento con il periodo d uso degli Emogasanalizzatori della linea GEM con iqm. Questo studio ci dimostra come attraverso questa soluzione siamo riusciti ad avere una disponibilità del sistema emogasanalitico per molte più ore (circa un centinaio di ore in più all anno di utilizzo dello strumento per ognuno dei 23 apparecchi Emogasanalizzatori presenti) rispetto alla soluzione precedente. La qualità dell assistenza è fondamentale. Noi abbiamo avuto sempre una risposta in tempo reale alle nostre esigenze di manutenzione, siano esse state legate alla fornitura delle cartucce che alla riparazione di un guasto, cosa che in verità è accaduta molto raramente: il tutto senza tener conto del giorno festivo, prefestivo o quant altro. Per me la gestione della qualità (del dato e non solo) rappresenta un ulteriore elemento di sicurezza nella gestione clinica del paziente. Perché sono sicuro di partire dati certi, certificati e qualitativamente controllati. L esperienza vissuta con la tecnologia emogasanalitica GEM con iqm è stata soddisfacente. Quali i motivi? Inoltre, ci sono stati altri aspetti che ritiene siano stati di particolare soddisfazione? In parte, credo di avere già risposto precedentemente alla domanda. Oggi, a causa della crisi economica, abbiamo dovuto ridurre la presenza dei sistemi emogasanalitici, anche se, a mio parere, non è che la cosa serva molto, perché bisognerà perdere del tempo con il personale in giro per i viali dell Ospedale, con i rischi associati ad una cattiva gestione della fase pre-analitica che vengono amplificati da questo diradamento delle apparecchiature. E stata un esperienza importante, esaltante in cui a parte la collaborazione clinico-tecnologica, abbiamo sviluppato anche una collaborazione scientifica che, debbo dire, è stata di prima qualità, con l organizzazione di convegni, corsi, e con la partecipazione a riunioni in ambiti nazionali, in cui la nostra esperienza, in termini di gestione del Point of Care Testing /emogasanalisi, è stata portata alla ribalta di tutti gli addetti ai lavori. Quali degli appena aspetti menzionati relativi alla tecnologia emogasanalitica e degli aspetti più specificamente associati ai servizi considera irrinunciabili per il futuro? L iqm è fondamentale a mio parere e rappresenta il traino del sistema. L implementazione di parametri ottenuti mediante l integrazione di nuovi sensori, il fatto di poter continuare a usare l apparecchio anche in condizioni di eventuali anomalie (ad esempio: singolo sensore disabilitato o deriva dell elettrodo o presenza di un micro-coagulo) è senza dubbio un elemento fondamentale. La qualità dell offerta manutentiva, la continuità, l assiduità della presenza non solo dei rappresentanti locali ma anche dei vertici aziendali alla ns. attività quotidiana è anche un elemento che ci gratifica. Cos altro ci vedrebbe? Sarebbe opportuno integrare il dato emogasanalitico con un indirizzo diagnostico che coinvolga anche, se possibile, la valutazione di altri elementi che possono essere misurati o calcolati quali il GAP anionico e la SID (Strong Ion Difference) che possono essere importanti nella diagnostica dei disturbi misti e complessi dell equilibrio acido-base ed idro-elettrolitico. 5

6 Sistemi Emogasanalitici iqm Intelligent Quality Management Dal Controllo di Qualità all Assicurazione di Qualità iqm rende automatico il Controllo di Qualità, identifica, corregge e documenta le eventuali non conformità e qualifica le azioni correttive intraprese, in continuo e in totale automazione ore al giorno, sette giorni su sette, per tutta la durata della cartuccia. Unica cartuccia omnicomprensiva Semplicità, sicurezza, utilizzo immediato, nessuna manutenzione Gli emogasanalizzatori della famiglia GEM Premier con iqm semplificano enormemente le attività necessarie per il loro funzionamento: l unica operazione da compiere è il caricamento della cartuccia omnicomprensiva.

7 Famiglia GEM con iqm Una risposta per ogni esigenza GEMweb GEMweb Plus Soluzioni sicure e affidabili per la supervisione del sistema emogasanalitico GEMweb Plus: unico sistema gestionale in grado di abilitare l accesso a tutto il network di analizzatori direttamente dallo schermo touch-screen di ciascuno strumento. Evoluzione del rapporto uomo-macchina da controllo remoto a processo di supervisione. CO-Ossimetria Ampia scelta di profili analitici per ogni esigenza clinica CO-Ossimetria integrata per completare il profilo dei parametri richiesti aumentando la flessibilità di impiego.

8 IL Notiziario di Point of Care G. INTROCASO 1, S. FAINI 2, P. RUMI 1, M. RAGGI 1, A. CAVALLERO 1 1 U. O. Medicina di Laboratorio Centro Cardiologico Monzino, Milano 2 U.O. Terapia Intensiva Post-Operatoria Centro Cardiologico Monzino, Milano Accuratezza della determinazione dell Emoglobina Totale in Co-ossimetria nella gestione del paziente anemizzato Introduzione Gli emogasanalizzatori Point of Care (POC) misurano oltre ai parametri di emogasanalisi anche l emoglobina totale. Scopo del presente lavoro è stato valutare l attendibilità della misura dell emoglobina effettuata con CO-ossimetro e il suo possibile utilizzo nella valutazione dello stato di anemizzazione del paziente nell immediato periodo post-operatorio. GEM Premier 4000 Metodi Sono state effettuate determinazioni dell emoglobina totale ed ematocrito su 120 campioni prelevati da pazienti ricoverati in Unità di Terapia Intensiva Post-Operatoria cardiochirurgica (Tipo). I campioni, prelevati al letto del paziente utilizzando siringhe eparinate, sono stati analizzati utilizzando il CO-ossimetro GEM Premier 4000 (Instrumentation Laboratory). Entro 30 minuti dal test è stato eseguito un secondo prelievo in EDTA ed inviato in Laboratorio per l esame emocromocitometrico eseguito su sistema HMX (Beckman Coulter). I dati complessivi sono stati analizzati tramite regressione lineare, determinando l accuratezza relativa con grado di associazione e grado di accordo. 2.0 Absorbance O 2 Hb COHb MetHb HHb Bilirubin Wavelength (nm)

9 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Risultati dal protocollo di confronto tra metodi abbiamo ottenuto i seguenti risultati: y = x r 2 = 0.96 r = 0.98 (p<0.0001) DS dei residui=0.2 è stato calcolato uno scostamento sistematico assoluto (bias) per 4 valori di emoglobina: 7, 8, 9, 10 g/dl, bias=0, 0, 0.1, 0.2 g/dl rispettivamente. Abbiamo ottenuto la seguente equazione di regressione dell ematocrito misurato: y = x , r 2 = 0.87 Per quattro valori di ematocrito pari a 21, 24, 27, 30% il bias dell ematocrito misurato su GEM è stato 0.2, 0.1, 0.4, 0.8% rispettivamente; il bias dell ematocrito calcolato è stato 1, 1, 1.6, 2% rispettivamente. Il coefficiente di correlazione dell ematocrito misurato è risultato r= 0.93 e dell ematocrito calcolato r=0.97 (p<0.0001). Co-ossimetro IL 282 Conclusioni La misura dell emoglobina totale POC si è dimostrata attendibile e con accuratezza elevata nella gestione dei pazienti anemizzati dopo l intervento cardochirurgico. Nella valutazione dell anemizzazione il dato dell emoglobina può, quindi, essere utilizzato in modo prioritario dai clinici. Emogasanalizzatore GEM Premier 4000: il CO-ossimetro è integrato Bibliografia Beneteau-Burnat B et Al. Evaluation of the Gem Premier 4000: a compact blood gas CO-Oximeter and electrolyte analyzer for point-of-care and laboratory testing. Clin Chem Lab Med 2008; 46 (2):

10 IL Notiziario di Point of Care La Cultura in Emogasanalisi PER I PROFESSIONISTI SANITARI GRAZIE AD UNA PARTNERSHIP DI QUALITÀ Intervista a: Prof. Fernando Schiraldi e Dr.ssa Giovanna Guiotto - ASL Napoli 1 - P.O. San Paolo Il Prof. Fernando Schiraldi è primario di Medicina d Urgenza e pronto Soccorso, componente dello European Board Examination of Emergency Medicine, docente in diverse Scuole di Specialità presso l Università Federico II e la seconda Università di Napoli, e responsabile dei corsi nazionali della società Italiana di Medicina di emergenza- Urgenza (SIMEU) su EAB, fluidi, elettroliti. La Dr.ssa Giovanna Guiotto è dirigente medico di Medicina d Urgenza e Pronto soccorso e docente nei corsi nazionali SIMEU su EAB, fluidi, elettroliti. 10 Prof. Schiraldi, ci racconta come è nata questa passione e per quale ragione ritiene che l emogasanalisi debba essere considerato lo strumento principe della In vitro diagnostica nei contesti di Pronto Soccorso? Ho cominciato come studente oltre quarant anni fa al Policlinico di Napoli in Nefrologia, dove esisteva una struttura abbastanza pioneristica per l epoca, che faceva anche ricerca, e il direttore Prof. Carmelo Giordano, allora Presidente della società europea di Nefrologia, quindi personalità di rilievo scientifico importante, fu uno dei primissimi in Italia ad usare l emogasanalisi per monitorare l evoluzione clinica di pazienti con insufficienza renale. Poiché la mia prima specialità è in Nefrologia ed il primo amore non si scorda mai, da allora è iniziato un interesse scientifico e culturale nei confronti dell emogasanalisi. Poi, poiché i percorsi di vita professionale mi hanno portato a maturare interesse anche in altri campi, preminentemente legati al malato critico, la disponibilità di informazioni che da l emogasanalisi, in particolare se eseguita in maniera seriata e collegata agli altri parametri clinici e di laboratorio, è di particolare importanza nel valutare la prognosi e seguire gli effetti della terapia. Anche in qualità di Past-President di Simeu, lei ha sviluppato un esperienza di collaborazione importante con molti interlocutori. Tra questi l industria, rappresentata da molte aziende fornitrici del mondo Prof. Fernando Schiraldi e Dr.ssa Giovanna Guiotto ospedaliero. Per quale ragione ha individuato in IL un partner strategico per sviluppare un ciclo così importante di corsi sull Emogasanalisi e quale ruolo hanno avuto la pregressa (tuttora attuale) esperienza con la tecnologia emogasanalitica GEM della IL? (F.S.) La tecnologia IL è sicuramente affidabile. Quello che IL ha mostrato è una sensibilità attenta alla diffusione delle conoscenze specifiche. Naturalmente in questo ci sono state una storia, diversi docenti ovvero diversi punti di vista, ma quello che è risultato molto valido è stato il principio di mantenere un attenzione ai progressi conoscitivi sul tema, attraverso cicli di conferenze, meeting, seminari, etc. Alla luce degli importanti cambiamenti che si stanno registrando nel contesto sanitario italiano (es. riorganizzazione della reti ospedaliere su base territoriale) e della fase di ristrettezza econonomica che stiamo attraversando, come vede il futuro del Pronto Soccorso (F.S.) L organizzazione in rete ha sicuramente dei vantaggi, e può anche coprire delle necessità che in un paese anche orograficamente complesso come l Italia può avere un senso, distinguendo due aspetti. Uno è quello delle figure professionali dedicate all attività extra-ospedaliere che nella mia ottica dovrebberero essere prevalentemente figure di

11 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA infermieri professionali molto qualificate, technicians dell emergenza, non necessariamente medici, i quali possono essere collegati a secondo delle disponibilità economiche, in via informatizzata o no, devono avere un know-how molto preciso e avere anche a disposizione dei Point of Care non solo per l emogasanalisi, ma anche per esempio per la coagulazione per un primo approccio al trauma, per i principali markers miocardici, etc. Può avere molto senso per tutta la medicina d emergenza moderna nel mondo; girando un po, ci si fa l idea che sia utile privilegiare protocolli di approccio diagnostico e terapeutico il più precoci possibile. Quindi portando sempre più le tecnologie avanzate alla periferia, ovvero al tempo zero. In questo scenario economico e nell ambito del Point of Care, quale ruolo può avere IL a partire dall emogasanalisi? (F.S.) IL, come tutte le grandi aziende produttrici di strumentazione tecnologicamente avanzate, potrebbe avere degli spazi molto importanti grazie alla miniaturizzazione dei device e alla presenza di forme evolute di controlli di qualità. Meglio ancora vedrei in prospettiva dei mini-lab che facciano più indagini nella stessa struttura grazie ad un unica piattaforma. Avete imparato qualcosa da un esperienza pluriennale cosi particolare? Se si, cosa? (F.S.) Per me quello rappresenta un valore aggiunto, usando un termine che mi piace a prescindere, è l esplicitazione del meticciato culturale. Ovvero, i partecipanti partono da punti di vista diversi che però condividono da un lato l interesse per l argomento di per se anche un po complesso, dall altro consentono a noi di tener conto di diverse esperienze e diversi punti di vista. In linea di massima, questo mescolare le diverse esperienze e diverse professionalità è il valore aggiunto di questa formula. (G.G.) Sempre, in tutti questi anni, abbiamo trovato persone particolarmente interessate e culturalmente motivate: evidentemente la selezione dei partecipanti a questi corsi da parte di IL è molto attenta e, soprattutto, lungimirante. Dr.ssa Guiotto, cosa l ha colpita della formula di corsi organizzati da IL per i suoi clienti? Sicuramente ci ha dato la possibilità di confrontarci con una platea più varia rispetto a quella a cui solitamente ci rivolgiamo nella nostra attività didattica: non solo Medici d Urgenza o Rianimatori, ma anche Medici-Biologi e infermieri che si occupano di emogasanalisi, e questo ci arricchisce e ci obbliga, ogni volta, a rendere le informazioni fruibili a più livelli. Qual è il trucco specifico che impiegate per diffondere la Cultura in emogasanalisi ad una platea così diversa rispetto ai corsi tradizionalmente rivolti ad un gruppo omogeneo di specialisti? (G.G.) Il trucco, se c è, è che tutto il materiale che portiamo proviene da casi clinici della vita reale, oltre che dalla letteratura più recente sull argomento. Quindi credo che quello che viene apprezzato da chi ci ascolta è che noi parliamo delle cose che realmente facciamo e di cui ci interessiamo quotidianamente. Poi provenendo dalla Medicina d Urgenza, quindi da un mestiere faticoso, siamo abituati a metterci al servizio: questo un po lo spirito che colgono i partecipanti al corso. Da parte nostra non c è il desiderio di mostrare quante cosa sappiamo, ma condividere con i colleghi l approccio pratico all emogasanalisi come avviene, di fatto, al letto del malato, cercando di sollecitare il più possibile domane in itinere. L interattività credo sia, alla fine, la chiave del successo di questi corsi. Locandina del recente corso Cultura in Emogasanalisi 11

12 IL Notiziario di Point of Care EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA GUSTAV MAGNUS e la prima determinazione quantitativa in Emogasanalisi In una pubblicazione, come Il Notiziario di Point of Care, che abbia nella sua testatina un esplicito richiamo alla Cultura in Emogasanalisi non può mancare una digressione storica dedicata all autore che nel 1837, grazie ad un proprio lavoro scientifico, diede un contributo considerato di riferimento storico per lo sviluppo dell emogasanalisi. Per fare ciò ci siamo avvalsi di un testo di riferimento internazionale quale Science and Technology in Medicine: An Illustrated Account Based on Ninety-Nine Landmark Publications from Five Centuries Gedeon, Andras, Springer Science + Business Media, Inc., dal quale abbiamo estratto e tradotto la scheda di specifico interesse. In questo importante testo, parafrasando quanto sostenuto nella prefazione da Jeremy M. Norman, si documentano le origini di alcune tra le più significative scoperte nella scienza e nella tecnologia che sono state successivamente incorporate nella medicina. Ci auguriamo sia una lettura di vostro gradimento e che possa, eventualmente, essere da stimolo per ulteriori approfondimenti storici. 12 Gustav Magnus Gustav Magnus nacque a Berlino nel 1802, figlio di un mercante benestante. Dopo aver studiato privatamente matematica e scienze naturali, effettuo il suo dottorato all Università di Berlino nel Egli trascorse un anno a Stoccolma lavorando nei laboratori di Berzelius, che divenne il suo amico e mentore per il resto della sua vita. Magnus ritornò a Berlino in qualità di professore a contratto in chimica e tecnologia. Fu poi assunto come professore di tecnologia e chimica all università di Berlino nel 1845, un ruolo che mantenne per tutta la vita. Il suo primario interesse associato alla ricerca riguardò inizialmente la chimica, ma successivamente la sua attenzione fu rivolta in maniera ancora più importante ai problemi associati alla fisica, disciplina nell ambito della quale svolse significativi lavori sperimentali in numerosi campi. Sul contenuto dei Gas nel Sangue, Ossigeno, Azoto e Anidride Carbonica. Annali di Fisica e Chimica. Lipsia: 1837; 40:583. In questo lavoro, Magnus effettua la determinazione del contenuto di ossigeno, azoto e anidride carbonica del sangue arterioso e venoso dei cavalli. Introdotto il sangue e il mercurio in un imbuto e, applicando ripetutamente la pressione negativa, egli libera i gas presenti nel sangue. Il sigillo di mercurio mantiene la condizione anaerobica durante il passaggio dei gas all EU- DIOMETRO (37.1) per l analisi. Magnus scopre una differenza artero-venosa positiva per l ossigeno e una differenza negativa per l anidride carbonica. Da questo, Magnus ne deduce che l anidride carbonica è aggiunta non nei polmoni, bensi durante la circolazione. Egli calcola anche il balance dell anidride carbonica, assumendo i valori di gittata cardiaca, di anidride carbonica eliminata e la differenza artero-venosa misurata. Questa è la prima applicazione di quella che, in seguito, sarà definito il Principio di Fick (37.2). IL Notiziario di Point of Care Per la realizzazione della rivista, oltre agli autori degli articoli, hanno collaborato: Damiano Cappelli, Massimo Greco, Manuela Parravicini, Francesco Ranieri, Corrado Santagati, Martha Spizzi, Maurizio Santomassimo, Claudia Tartarotti. Per contattare la redazione della rivista IL Notiziario di Point of Care, scrivere a: IN PROSPETTIVA Nel 1662, Boyle dimostrò che una significativa quantità di gas poteva essere liberata dal sangue usando un pompa ad aria e Davy aveva osservato che il sangue contiene sia l ossigeno che l anidride carbonica (37.3). Il lavoro di Magnus condusse ad una lunga controversia riguardante il fatto che la combustione si verificasse durante la circolazione come osservato da Magnus e Pfluger (37.4) o almeno parzialmente nei polmoni come argomentato da Ludwig (37.5). Il tema fu risolto attraverso una serie di documenti di Marie e August Krogh nel 1910, dimostrando che nessun altro processo oltre alla diffusione si manifestasse nei polmoni (37.6) (37.7). La specifica capacità legante per l ossigeno del sangue fù scoperta da Meyer nel 1857 e poco dopo l emoglobina fu isolata e studiata da Hoppe-Seyler (37.8). All inizio del 20 secolo Barfcroft e Haldane migliorarono il metodo di misura dell emogasanalisi (37.9) (37.10). L importanza clinica di misurare i gas nel sangue durante l epidemia poliomielitica negli anni 50 motivò il successivo sviluppo della moderna tecnologia ad elettrodi per l emogasanalisi (37.11). Riferimenti: 37.1 Vedere # 22 Priestly pag.124 e rif Vedere # 56 Fick pag Vedere rif. 8.6 e #28 Davy pag Pfluger E. Zur Gasometrie des Blutes Zbl Med Wiss 1866; 4 (20): Ludwig C. Zusammenstellung der Unter-suchungen über Blutgase. Z k k Ges Ärtzte in Wien 1865; 1: Krogh A. On the mechanism of the Gas- Exchange in the Lungs. Skand Arch Physiol 1910;23: Krogh A, Krogh M. On the tension of gases in the arterial blood. Skand Arch Physiol 1910; 23: Meyer L. Die Gases der blutes: Inaugural-dissertation Medicinische Fakultät Würzburg. Göttingen;1857. Vedere anche # 51 Hoppe-Seyler pag Barcroft J. The respiratory function of the blood. Cambridge; Haldane JS. Methods of Air Analysis. 2nd ed. London; Veder anche rif Severinghaus JW, Astrup P, Murray JF. Blood gas Analysis and Critical Care Medicine. Am J Respir Crit Care Med 1998;157:S114. Vedere anche rif e #87 Engstrom pag.450. Nota: I riferimenti sono quelli originali, riportati nella specifica scheda n 37. Tutti i diritti riservati - Stampato in Italia - Instrumentation Laboratory 2013

LOTTO 2 EMOGASANALISI. La spesa a base d'asta per questo lotto è di 120.000,00 + Iva all'anno.

LOTTO 2 EMOGASANALISI. La spesa a base d'asta per questo lotto è di 120.000,00 + Iva all'anno. Allegato A LOTTO EMOGASANALISI La fornitura per questo lotto comprende un sistema analitico per l esecuzione di esami in Emogasanalisi e altri parametri biochimici in POCT, comprendente la strumentazione

Dettagli

DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II

DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory

Dettagli

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia Nuova Area attrezzata (recovery room) della S.C. di Anestesia e Rianimazione Presentazione del Progetto FASE 1 Federico Gallo Dg ASL VC 19 maggio 2014 L analisi del

Dettagli

Standard di qualità in Critical Care. il dato certo in ogni contesto sanitario

Standard di qualità in Critical Care. il dato certo in ogni contesto sanitario Standard di qualità in Critical Care il dato certo in ogni contesto sanitario GEM Premier 500 Nuovo GEM Premier 500 Soluzione tecnologica d avanguardia ed innovativa per Laboratorio e POCT Basato sulla

Dettagli

GEM Premier 3000, con iqm Il Nuovo Standard di Qualità in Critical Care

GEM Premier 3000, con iqm Il Nuovo Standard di Qualità in Critical Care GEM Premier 3000, con iqm Il Nuovo Standard di Qualità in Critical Care Emogasanalisi Elettroliti Metaboliti Ematocrito CO-Ossimetria Coagulazione GEM Premier 3000, con iqm Semplice. Intelli Univers Il

Dettagli

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE Servizio di Medicina Trasfusionale S.Orsola Malpighi Bologna LA DETERMINAZIONE DELL EMOGLOBINA E/O L ESECUZIONE DELL ESAME EMOCROMOCITOMETRICO Dr.ssa Monica Benni 1 CENTRO RACCOLTA SANGUE ED EMOCOMPONENTI

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito

competenze applicabili ai PoCT Il suo uso è sinergico con lo standard definito Congresso Nazionale Interdisciplinare Buona pratica clinica e ricerca scientifica nell urgenza-emergenza emergenza Innovazione tecnologica nell ambito della medicina d emergenza-urgenza Workshop: Le alterazioni

Dettagli

La registrazione e la gestione delle non conformità del campione

La registrazione e la gestione delle non conformità del campione La registrazione e la gestione delle non conformità del campione Marco Nundini Laboratorio di Analisi Chimico Cliniche ed Ematologiche Ospedale Civile Maggiore Azienda Ospedaliera di Verona IL 70% DELLE

Dettagli

AIR LIQUIDE ITALIA. Prodotti trasparenti, soluzioni chiare per crescere insieme

AIR LIQUIDE ITALIA. Prodotti trasparenti, soluzioni chiare per crescere insieme AIR LIQUIDE ITALIA Prodotti trasparenti, soluzioni chiare per crescere insieme TM Oltre la forma trasformiamo i gas dell aria in prodotti e servizi Ambiente, Sicurezza e Risorse Umane: il nostro vero capitale

Dettagli

Stat Profile CCX Critical Care Xpress

Stat Profile CCX Critical Care Xpress Stat Profile CCX Critical Care Xpress Semplicemente la miglior soluzione strumentale e gestionale dell emogasanalisi e dei parametri biochimici d urgenza Stat Profile CCX Critical Care Xpress PIU TEST...

Dettagli

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it

Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it Via Manzoni 14 17100 Savona www.asl2.liguria.it CURRICULUM VITAE DOTT. RAITERI DORANNA Data 20 febbraio 2014 Cognome e Nome RAITERI DORANNA Data di nascita 23/07/1959 Qualifica Collaboratore Professionale

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale

News letter. I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Editoriale News letter Numero 7 15 gennaio 2010 Editoriale Sommario I sistemi informativi in azienda: erogatori di prestazioni o fornitori di servizi? Come sviluppare abilità per gestire i clienti interni in una

Dettagli

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.

L emogasanalisi. L emogasanalisi. Modalità corretta di esecuzione del prelievo. Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O. L emogasanalisi Modalità corretta di esecuzione del prelievo Patrizia Ferrari CPSE U.O.Rianimazione e U.O.Terapia Intensiva L emogasanalisi E un prelievo di sangue arterioso attraverso il quale si analizzano

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome AMATO TOMMASO Data di nascita 26/06/1959 Qualifica Dirigente medico I livello a rapporto esclusivo Chirurgia Generale Ospedale San

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955. Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955. Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL I

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/09/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e fax dell ufficio

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - UOC MCAU Ospedale Piemonte

Dirigente ASL I fascia - UOC MCAU Ospedale Piemonte INFORMAZIONI PERSONALI Nome Trimarchi Tiziana Data di nascita 19/11/1974 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALE PIEMONTE Dirigente ASL I fascia

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO

MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI ORGANIZZATIVI PER L ATTUAZIONE DEL GOVERNO CLINICO Convention Nazionale Clinical Governance e Management Aziendale Sostenibilità delle innovazioni organizzative nell era del federalismo sanitario Bologna, 15-16 ottobre 2010 MANAGEMENT AZIENDALE E MODELLI

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Lettere & opinioni Un trattamento del paziente attento e dignitoso Pagina 1 di 6 rassegna stampa 12 Maggio 2015 IL CITTADINO Lodi Un trattamento del paziente attento e dignitoso Tre reparti formati da persone di qualità Codogno Medici di talento, premio ganelli a laura

Dettagli

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Mercoledì 7 giugno 2006 si è tenuta al Policlinico Universitario di Messina la conferenza

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

Invecchiamento della popolazione. Livelli minimi di assistenza. Gestione delle patologie croniche

Invecchiamento della popolazione. Livelli minimi di assistenza. Gestione delle patologie croniche Il contesto attuale: keywords Invecchiamento della popolazione Livelli minimi di assistenza Gestione delle patologie croniche Appropriatezza del servizio e della risposta sanitaria Sviluppo sostenibile

Dettagli

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO

LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA MEDICINA DI LABORATORIO giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 524 del 15 aprile 2014 pag. 1/9 AREA SANITA E SOCIALE Sezione Attuazione Programmazione Sanitaria LINEE GUIDA DI ACCREDITAMENTO PER LO SVILUPPO DELLA

Dettagli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli

III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli III Convegno Nazionale SPES Il sovraffollamento dei servizi di emergenza Ospedale Cardarelli Napoli Dott.ssa Maria Carla Attilia Pisano Medicina D Urgenza PS-AMC Primario Dott V. Piedimonte .. un unità

Dettagli

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED l e v o l u z i o n e d e l l a t e l e m e d i c i n a Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED 2 Telemedicina E la pratica della medicina che si

Dettagli

Storia, missione e valori

Storia, missione e valori Storia, missione e valori Il Centro Cardiologico Monzino di Milano è sin dal 1992 uno degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) italiani e l unico monospecialistico cardiovascolare.

Dettagli

Luca Rossi. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana

Luca Rossi. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana Luca Rossi Laboratorio Analisi Chimico Cliniche Specialistiche Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana L idea chiave che giustifica il carattere continuo della formazione è la necessità di: sviluppare

Dettagli

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi

Posizione Organizzativa - Dipartimento dei Servizi INFORMAZIONI PERSONALI Nome Andronico Pasquale Data di nascita 15/04/1975 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Coordinatore infermieristico titolare di posizione organizzativa

Dettagli

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome

EMANUELE GRIMALDI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome EMANUELE GRIMALDI Data di nascita 26 gennaio 1962 Qualifica Infermiere coordinatore Amministrazione Fondazione IRCCS CA GRANDA Ospedale Maggiore Policlinico

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo.

Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Invecchiare è un privilegio e una meta della società. E anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. (Organizzazione Mondiale della Sanità) Il progetto Accettazione

Dettagli

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it

3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it mmario2002@libero.it Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome / Cognome Mario Madeo Indirizzo via C. Colombo 19, 20090, Trezzano sul Naviglio (Mi) Telefono 02/5396972 3355793880 Cellulare: Fax E-mail mario.madeo@policlinico.mi.it

Dettagli

Alessandra Moretto. Attività clinica in sala operatoria, sala parto, pronto soccorso e terapia intensiva

Alessandra Moretto. Attività clinica in sala operatoria, sala parto, pronto soccorso e terapia intensiva F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Alessandra Moretto Nazionalità italiana Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE

CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE OSPEDALE MARTINI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO INTEGRATO DI ECONOMIA AZIENDALE LEZIONI Prof. Artemio BRUSA Sintesi concetti sulla contabilità analitica nel S.S.N.

Dettagli

PAROLE CHIAVE - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV

PAROLE CHIAVE  - Classe I - Classe II - Classe III - Classe IV INTRODUZIONE L interesse verso l argomento che intendo affrontare con questo elaborato, è maturato nel corso di questo triennio di studi, attraverso le conoscenze a me apportate dalle lezioni teoriche

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - medicina e chirugia accettazione e urgenza

Dirigente ASL I fascia - medicina e chirugia accettazione e urgenza INFORMAZIONI PERSONALI Nome Calandra Salvatore Data di nascita 04/07/1967 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico AZIENDA OSPEDALE PIEMONTE Dirigente

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI 1 CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DI ZENNARO ISABELLA AGGIORNATO AL 2 MARZO 2015 TITOLI CULTURALI GENERALI Diploma di Maturità Tecnica (1988) Istituto Tecnico Margherita di Savoia di Roma TITOLI PROFESSIONALI

Dettagli

digenerale@aosgmoscati.av.it

digenerale@aosgmoscati.av.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSATO GIUSEPPE Indirizzo Telefono 0825203004 Fax 0825203637 E-mail N. 2, Fraternità della Misericordia, 83100 Avellino digenerale@aosgmoscati.av.it Nazionalità

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA Essere sempre aggiornati sulla medicina e la salute, con informazioni di qualità e in tempo reale. Oggi è possibile. Costruiamo progetti informativi, culturali

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari.

ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. LA CARTA DEI VALORI ASCOLTO Secondo noi l ascolto è la necessaria premessa per l accoglienza e la comprensione dei bisogni della persona malata e dei suoi familiari. DIGNITÀ Ci impegniamo ogni giorno per

Dettagli

APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA: L OPINIONE DEI LETTORI

APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA: L OPINIONE DEI LETTORI p. 242-247 Baraldo:Ravani 6-03-2008 10:39 Pagina 242 GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA / ANNO 25 N. 2, 2008 / PP. 242-247 PROFESSIONE NEFROLOGO APPREZZAMENTO E RUOLO DEL GIORNALE ITALIANO DI NEFROLOGIA:

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio

Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio Il paziente oncologico tra ospedale e domicilio L intervento infermieristico sul territorio Dati Fondazione F.A.R.O. o.n.l.u.s. Nell anno 2005 sono stati seguiti a domicilio 850 Pazienti P.S. =>40 Età

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

Curriculum Vitae di LUCIA PILATI

Curriculum Vitae di LUCIA PILATI Curriculum Vitae di LUCIA PILATI DATI PERSONALI nato a TRENTO, il 07-09-1969 PROFILO BREVE Coordinatore Trapianti APSS/PAT Dal 2013 responsabile del coordinamento aziendale per le attività di trapianto

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo FUGGETTA LEONARDO Telefono Cell. 335 777 3704 Fax Uff. 011 2402067 E-mail leonardo.fuggetta@unito.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO

REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO REGOLAMENTO DEL POLICLINICO UNIVERSITARIO CAMPUS BIO-MEDICO Roma, 20 gennaio 2011 Articolo 1: Caratteristiche Generali 1. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico (di seguito Policlinico Universitario)

Dettagli

Lavorare dove inizia il futuro.

Lavorare dove inizia il futuro. Lavorare dove inizia il futuro. Volete una carriera con un futuro? Allora unitevi al team di Swiss Life. 2 Lavorare dove inizia il futuro. Swiss Life investe nel futuro dei suoi collaboratori. E voi? Chi

Dettagli

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax e-mail Nazionalità Data di nascita Seligardi Matteo via Giovanni Falcone 3, Rio Saliceto (RE) 3478710887 seligardi.matteo@asmn.re.it

Dettagli

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità

L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate. Flavia Gherardi Responsabile Qualità L esperienza dell Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate Flavia Gherardi Responsabile Qualità A.O. Bolognini di Seriate (BG) L Azienda opera all interno del Servizio Sanitario Lombardo. L Azienda 7

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ARRAS MARIALUISA Data di nascita 20-09-1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico ASL

Dettagli

Medico Specialista di Pneumologia

Medico Specialista di Pneumologia F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Cinti, Cristina, Indirizzo via Nazionale Toscana 8b, 40068 San Lazzaro di Savena, Bologna Telefono 051 477771;

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE BRUNO Emiliano Nato a Torre Annunziata il 01/04/1973 residente a Beinasco (To) Via Principe Amedeo 31 Recapito tel. 011 3497206 / 3383088341 e-mail: unosettetre@libero.it

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata.

Riflessioni su percorsi comuni di progettazione integrata. 2 CONVEGNO NAZIONALE OSPEDALE,CITTA E TERRITORIO Potenzialità e limiti dell IT nell integrazione tra i servizi ospedalieri e territoriali Università degli Studi di Verona Polo Didattico G. Zanotto 14 settembre

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ASL AVELLINO Commissario Straordinario dott. Mario Nicola Vittorio Ferrante TITOLO DEL PROGETTO SVILUPPO DEGLI STRUMENTI DEL GOVERNO CLINICO E DELAL VALUTAZIONE DELLA QUALITA E DSELAL SICUREZZA DELEL PRESTAZIOINI

Dettagli

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE

PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE Direzione centrale salute e protezione sociale PIANO SANITARIO E SOCIOSANITARIO REGIONALE 2006-2008 (ex articolo 7 L.R. 23 del 29 luglio 2004) Documento N.2 di 2 Schede di ospedale Dicembre 2005 INDICE

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO.

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA. RIORGANIZZAZIONE DEI PROCESSI TECNICO AMMINISTRATIVI IN MATERIA DI ACQUISTI E LOGISTICA. ESPERIENZE A CONFRONTO. Padova, 25 maggio 2010 La logistica e la sicurezza dei

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57.

CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. CURRICULUM FORMATIVO DEL SIG. GAETANO ANANIA NATO A NEMOLI 15/08/1953 ED IVI RESIDENTE ALLA C/DA LAGO SIRINO, 57. Il sottoscritto dopo le scuole dell obbligo il 16/08/1970 si è arruolato nella Marina Militare.

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA)

Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale di Lugo (RA) L INFERMIERE NEL CONTESTO LAVORATIVO DEL PRONTO SOCCORSO; LA MOTIVAZIONE DELLA RICERCA: DALLA IDEAZIONE, ALLO STUDIO DEI DATI, ALLE PROPOSTE PER IL CAMBIAMENTO. Inf L.Venturini Pronto Soccorso ospedale

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale

INFORMAZIONI PERSONALI BOMBARA, MARIA. Nome. Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale INFORMAZIONI PERSONALI Nome BOMBARA, MARIA Data di nascita 08/04/1962 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico I livello Responsabile della Sezione Professionale di Ematologia

Dettagli

DIRIGENTE MEDICO EX 1 LIVELLO FASCIA A, MEDICINA E CHIRURGIA D'ACCETTAZIONE E D'URGENZA PRONTO SOCCORSO H SANT'OMERO ASL TERAMO

DIRIGENTE MEDICO EX 1 LIVELLO FASCIA A, MEDICINA E CHIRURGIA D'ACCETTAZIONE E D'URGENZA PRONTO SOCCORSO H SANT'OMERO ASL TERAMO INFORMAZIONI PERSONALI Nome ANASTASI ALBERTO Data di nascita 10/01/1952 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE MEDICO EX 1 LIVELLO FASCIA A, MEDICINA E CHIRURGIA

Dettagli

Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona. nicolachirivi@libero.it

Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona. nicolachirivi@libero.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 0372436799 Fax 0372436799 E-mail Nicola Chirivì Via A Ghisleri, 2 Cremona nicolachirivi@libero.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006

RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 RISK MANAGEMENT Relazione anno 2006 INDICE: 1. Premessa 3 1.1. Linea guida di prevenzione delle cadute accidentali del paziente ricoverato 3 1.2. Progetto di Gestione dei rischi in sala operatoria 4 1.3.

Dettagli

Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO

Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO Scheda Tecnica SISTEMA DI MONITORAGGIO Caratteristiche generali Il sistema di aggio multiparametrico dovrà essere composto da multiparametrici, centrali di aggio, display per ripetizione di segnale e networking,

Dettagli

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti

1 Premessa. Daniela Borzatta. 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti 52 Statistica & Società/Anno 2, N. 1/Strumenti Il Management ospedaliero e la gestione strategica delle competenze nella società della conoscenza. Indagine empirica svolta presso l Azienda Sanitaria di

Dettagli

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE

MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE MANSIONARIO DELL INFERMIERE PROFESSIONALE Modifiche al R.D. 2 maggio 1940, numero 1310, sulle mansioni degli infermieri professionali e infermieri generici. TITOLO I - Mansioni dell infermiere professionale

Dettagli

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD

TABELLA DI CORRELAZIONE PROCESSI OPERATIVI DI ASSISTENZA, DI DIAGNOSI E CURA E PROCEDURE OPERATIVE STANDARD PR/AD/03 IO/AD/117 PR/AD/02 Gestione unità di degenza Medicina Interna Scheda di processo unità di degenza Medicina Interna Gestione unità di degenza Medicina d Urgenza Ciclo Degenza Accettazione sanitaria

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza

Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà. La telemedicina per la non Autosufficienza Innovazione tecnologica applicata. Autore Vincenzo Gullà Vogliamo riprendere il nostro viaggio attraverso le tecnologie per andare a vedere come la telemedicina può essere di aiuto nella non autosufficienza

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

COGNOME NOME SALA ANDREA. Professione : Medico. Sede lavorativa AOU Maggiore della Carità Novara E-mail: lpwss@tin.it CURRICULUM

COGNOME NOME SALA ANDREA. Professione : Medico. Sede lavorativa AOU Maggiore della Carità Novara E-mail: lpwss@tin.it CURRICULUM COGNOME NOME SALA ANDREA Professione : Medico Sede lavorativa AOU Maggiore della Carità Novara E-mail: lpwss@tin.it CURRICULUM ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Consegue il Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO 2015

PROGRAMMA FORMATIVO 2015 PROGRAMMA FORMATIVO 2015 SEGRETERIA ORGANIZZATIVA U.O. POLITICHE PER IL PERSONALE E FORMAZIONE COMUNICAZIONE - URP e-mail: ecm@ospedaliriunitipalermo.it urp@ospedaliriunitipalermo.it P.O. VILLA SOFIA Tel.

Dettagli

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C.

ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 46/22 del 22.9.2015 ATTIVITA DI CARDIOLOGIA REQUISITI MINIMI SPECIFICI Unità Terapia Intensiva Coronarica - U. T. I. C. Scheda La terapia intensiva coronarica rappresenta

Dettagli

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11

I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7. Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 I N D I C E RIASSUNTO...6 INTRODUZIONE...7 Motivazione e Obiettivi generali del CASE MANAGEMENT...11 CAPITOLO 1 - Elementi di un Contesto Ideale per la gestione del CM 1.1 Linee guida clinico/operative

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 18/09/1951. Occupazione desiderata e/o Settore professionale. Componente dell Organismo Indipendente di Valutazione

CURRICULUM VITAE. Data di nascita 18/09/1951. Occupazione desiderata e/o Settore professionale. Componente dell Organismo Indipendente di Valutazione CURRICULUM VITAE Informazioni personali Nome / Cognome RENATO MALTA Codice fiscale MLTRNT5P18B486N Indirizzo di residenza Via Matrice, 52 92022 Cammarata Domicilio Via Houel, 5 90138 Palermo Telefono +

Dettagli

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento

Protocollo POD. Nuove Reti Sanitarie Ospedalizzazione Domiciliare Riabilitativa Postcardiochirurgica. Modifiche del documento Protocollo del percorso di Ospedalizzazione Domiciliare riabilitativa postcardiochirurgica Versione aggiornata al 16/01/2012 Modifiche del documento Le modifiche rispetto alla versione pubblicata nell

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome LEONARDO FRANCESCO FARINA Indirizzo VIA REPUBBLICA 4 - OZIERI (SS) - 07014 Telefono 079/786560 cell. 347/4748738 Fax E-mail le.farina@tiscali.it

Dettagli

IL TECNICO SANITAIRO DI LABORATORIO ED IL POINT OF CARE TESTING A.VILLANI ASL 10 Osp. Civile Pinerolo (TO)

IL TECNICO SANITAIRO DI LABORATORIO ED IL POINT OF CARE TESTING A.VILLANI ASL 10 Osp. Civile Pinerolo (TO) IL TECNICO SANITAIRO DI LABORATORIO ED IL POINT OF CARE TESTING A.VILLANI ASL 10 Osp. Civile Pinerolo (TO) 1. PREMESSA Point of care testing is defined as testing at the point patient care, wherever that

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI NOME PANGALLO DOMENICO ANTONIO DATA DI NASCITA 23/10/1950 QUALIFICA I FASCIA Dirigente di Struttura Semplice II FASCIA (dal 22/0/2004 al 18/05/2006 Dirigente Struttura

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Cognome(i) / Nome(i) Amico Mario Indirizzo(i) Via della Treggia, 110-06125 Perugia (Italia) Telefono(i) 075/5899471

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele

Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Informativa per il trattamento chirurgico del Varicocele Il presente documento ha lo scopo di informarla e di fornirle, in maniera il più possibile semplice e comprensibile, tutte le notizie circa la sua

Dettagli

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia

Documento unitario dei gruppi di lavoro della Facoltà di Medicina e Chirurgia Il documento unitario della Facoltà di Medicina e Chirurgia (28 febbraio 2009) Pubblichiamo il documento della Facoltà di Medicina e Chirurgia che è stato approvato nel Consiglio di Facoltà del 24 febbraio

Dettagli