IL Notiziario di Point of Care

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL Notiziario di Point of Care"

Transcript

1 Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario di Point of Care EDIZIONE SPECIALE Numero 1 PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory - Linea Critical Care Responsabile Pubblicazione: Francesco Ranieri RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA PER LE AREE DI ANESTESIA, EDIZIONE SPECIALE L Editoriale Intervento Prof. Luciano Gattinoni 2 2 Novità: Linee Guida CLSI su Laboratory Quality Control 3 Accuratezza della determinazione dell Emoglobina Totale in Co-ossimetria nella gestione del paziente anemizzato 8 Quale campione utilizzare in Emogasanalisi? 3 L Esperienza in Emogasanalisi presso l A.O.R.N. A. Cardarelli di Napoli La Cultura in Emogasanalisi Per i professionisti sanitari grazie ad una partnership di qualità 4 10 Gustav Magnus e la prima determinazione quantitativa in Emogasanalisi 12

2 IL Notiziario di Point of Care IL Notiziario di Point of Care, rivista destinata agli utilizzatori di sistemi di emoganalisi, è al suo terzo anno di pubblicazione. Abbiamo pensato di celebrare questo evento, prevedendo un edizione speciale destinata agli Anestesisti e Rianimatori offrendo a questo gruppo storico di utilizzatori di sistemi emogasanalitici una selezione mirata di interviste, articoli, poster pubblicati nel corso del triennio attorno al tema dell emogasanalisi. Ringrazio il Prof. Luciano Gattinoni (Fondazione IRCCS Ca Granda - Policlinico di Milano), esperto di fama mondiale (come attestato da numerosi riconoscimenti tra cui, ad esempio, il Society of Critical Care Medicine s Lifetime Achievement Award, ricevuto nel 2010) e noto cultore del tema Emogasanalisi ed equilibrio acido-base per averci offerto una sua riflessione sul ruolo che Instrumentation Laboratory, da anni, sta svolgendo per lo sviluppo della tecnologia emogasanalitica e la promozione della Cultura in Emogasanalisi ad essa associata. A voi, cari lettori, l augurio di una piacevole e fruttuosa lettura. Corrado Santagati Responsabile Linea Critical Care 2 INTERVENTO Prof. Luciano Gattinoni Prof. Luciano Gattinoni Con il termine Point of Care si identifica l esecuzione di esami di laboratorio nelle immediate vicinanze del paziente anziché nel laboratorio centrale. È ovvio che il Point of Care è tanto più utile quanto più le variabili misurate cambino rapidamente nel tempo e siano rilevanti nella valutazione del rischio. Esempio perfetto l emogasanalisi. Per gli Anestesisti/Rianimatori italiani questo tipo di Point of Care esisteva ben da prima che la terminologia stessa fosse introdotta. Si era infatti verificato questo curioso fenomeno: mentre negli ospedali anglosassoni, presi di solito come punto di riferimento, si è passati dal laboratorio centrale al Point of Care, da noi, date le carenze del laboratorio centrale, si è iniziato direttamente con il Point of Care. Nella maggioranza degli ospedali l emogasanalizzatore era infatti posto nelle immediate vicinanze del paziente e gli operatori più frequentemente coinvolti appartenevano alla nostra specialità. Instrumentation Laboratory ha accompagnato, fin dai suoi esordi, la nostra specialità e forse molti non sanno che il nucleo originario di IL era italiano. Lo sviluppo straordinario di IL e della cultura emogasanalitica, ad essa strettamente associata, è iniziato con l introduzione, da parte di questa industria dell ossimetria diretta. Questo ha permesso la misura di tutte le variabili emogasanalitiche al letto del paziente ed ha rappresentato un enorme progresso nelle tecniche rianimatorie. Infatti, avendo a disposizione un emogasanalisi arteriosa e venosa ed una cultura di base è possibile identificare nella stragrande maggioranza dei casi, sia le situazioni attuali di rischio che la loro patogenesi. Io sono profondamente grato a IL, con cui ho interagito fin da quando studiavo medicina, per la sua costante presenza nella nostra specialità. Nei decenni le conoscenze in rianimazione sono mutate, la tecnologia è avanzata, la proprietà di IL più volte cambiata, ma la cultura di fondo è rimasta quella originale: innovazione, qualità e partecipazione.

3 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Quale campione utilizzare in Emogasanalisi? Il campione emogasanalitico per eccellenza è quello arterioso. Il sangue prelevato da arteria o da catetere arterioso fornisce un istantanea precisa dello stato di ossigenazione e dell equilibrio acido-base del paziente. Il prelievo arterioso comporta però numerose criticità: la sua esecuzione è complessa e richiede competenze specifiche; si tratta di una procedura dolorosa per il paziente e non priva di rischi (ematoma, arteriospasmo, emboli, occlusione dell arteria, risposta vasovagale, per citarne alcuni). Tuttavia, le determinazioni volte a valutare la funzione di scambio polmonare (po2 e pco2) dovrebbero essere condotte esclusivamente su campioni di sangue arterioso. L arteria radiale è quella più comunemente utilizzata per il prelievo: si tratta infatti di un vaso di facile accesso, relativamente superficiale e dunque facile da pungere, e dotato di un circolo collaterale (in caso di danno, infatti, l arteria ulnare può portare sangue ai tessuti normalmente perfusi dall arteria radiale). E importante verificare l eventuale presenza di deficit dell arteria ulnare, eseguendo il Test di Allen prima del prelievo. Qualora non fosse possibile raccogliere un campione arterioso, un alternativa praticabile è quella di effettuare un prelievo di sangue capillare periferico. Affinché i parametri emogasanalitici del sangue capillare approssimino quelli di un campione arterioso, è necessario arterializzare il sangue. Questo si ottiene scaldando la pelle fino ad una temperatura di circa 42 C (applicando un termoforo oppure una pomata vasodilatante). Il prelievo di sangue capillare viene eseguito dal tallone (soprattutto nei neonati), dalla punta delle dita oppure dal lobo dell orecchio. E importante evitare di applicare eccessiva pressione per facilitare la fuoriuscita del sangue: in questo modo si rischia di contaminare il campione con fluido extracellulare, diluendolo ed alterandone quindi i valori. I campioni venosi non sono invece un valido sostituto di quelli arteriosi in emogasanalisi. Possono essere utilizzati esclusivamente per la valutazione di ph, pco2, elettroliti e disemoglobine (COHb o MetHb), ma non per po2, O2Hb e relativi parametri derivati. Fonte: Blood gas and ph Analysis and Related Measurements; approved Guideline -2nd edition (Feb. 2009)- CLSI Novità: Linee Guida CLSI su Laboratory Quality Control Sono state pubblicate negli scorsi mesi delle Linee Guida CLSI Laboratory Quality Control Based on Risk Management; Approved Guideline EP 23. Questo documento rappresenta una guida basata sulla gestione del rischio clinico in Laboratorio per sviluppare piani di Controllo Qualità (QC) realizzati su misura considerando la specifica combinazione costituita dal sistema analitico, dall organizzazione del laboratorio e dall applicazione clinica del test. A proposito di quest ultimo aspetto, da una sezione specifica del documento, emerge quanto segue: Informazioni sulle applicazioni cliniche :... Quando è possibile che sulla base di un risultato si agisca immediatamente, come potrebbe verificarsi nei dipartimenti d emergenza, le terapie intensive, o le sale operatorie, si raccomanda di focalizzare la strategie del Quality Control Plan sulla prevenzione (dell emissione) di risultati NON corretti, perché non ci sarà tempo per intervenire attraverso una nuova analisi quando fosse stato rilasciato un risultato errato. Per esempio, il referto per un profilo di emogasanalisi /elettroliti, viene richiesto per assumere decisioni in tempi brevissimi. Se la decisione fosse frutto di un risultato errato, ciò potrebbe avere serie conseguenze sul paziente prima che la decisione possa essere corretta Non c è alcun dubbio che anche le tecnologie (ad esempio emogasanalitiche) debbano poter, per essere realmente innovative e al servizio della Medicina di Laboratorio, degli utilizzatori e del paziente, disporre di funzioni ispirate al principio della prevenzione (dell emissione) di risultati non corretti. A cura della Linea Critical Care 3

4 IL Notiziario di Point of Care L Esperienza in Emogasanalisi presso L A.O.R.N. A. CARDARELLI DI NAPOLI Intervista al Prof. Carlo Di Iorio Coordinatore Dipartimento di Anestesia e Rianimazione 4 Qual è il ruolo dell Ospedale Cardarelli nell ambito dell offerta sanitaria cittadina/regionale? E un ruolo fondamentale. E un pilastro dell emergenza regionale ed interregionale se si pensa che abbiamo tutte le specialità chirurgiche tranne la cardiochirurgia. Nella nostra Azienda sono presenti l unico Centro Grandi Ustionati della Regione, l unico Centro Anti-veleni, l unico centro di Terapia Iperbarica che funzioni h/24, un eli-porto attivo h24, attrezzato anche per i voli notturni. Siamo sede della centrale operativa regionale e territoriale. Inoltre, abbiamo l unico Trauma Center, deliberato come Struttura Complessa, anche se adesso è diventato una struttura dipartimentale. A questo si assommi il fatto che la chiusura di molti presìdi ospedalieri periferici legati al piano di rientro regionale ha fatto si che l affluenza al Cardarelli aumentasse in maniera notevole. Lo dimostrano il pieno di tutti i reparti e le numerose barelle che ci affliggono. Questo per quanto riguarda la parte d emergenza. Poi abbiamo l alta specializzazione, che spazia dalla trapiantologia epatica ad altre specialità come la Neurochirurgia, l Urologia, la Chirurgia Vascolare, le 3 divisioni di Chirurgia e le 3 divisioni di Ortopedia, giusto per fare qualche esempio. Quindi, fondamentalmente, Il Cardarelli nel momento in cui c è una contrazione della recettività ospedaliera del territorio, rimane ancora di più il fulcro di tutta la sanità regionale. E quello del suo Dipartimento di Anestesia e Rianimazione nell ambito dell Ospedale Cardarelli? Per la prima volta è stato deliberato, pur nell ambito di una riduzione del numero di Dipartimenti (prima erano 14, adesso sono diventati 8), l istituzione del Dipartimento di Anestesia e Rianimazione. Ritengo che sia, nel meridione, l unico esempio in quanto la nostra disciplina spesso è presente, sia a livello ospedaliero che universitario, in altri dipartimenti: vedi nell emergenza, nelle chirurgie, nelle medicine di area medica. In effetti, noi invece abbiamo un dipartimento esclusivamente dedicato alla disciplina, che ho l onore di dirigere, e che serve a gestire con maggiori poteri rispetto al passato, il personale dirigente anestesista di Anestesia e Rianimazione del Cardarelli. Prof. Carlo Di Iorio Noi, in effetti, siamo 140 anestesisti, presenti all interno della struttura e la possibilità di gestire in maniera unitaria e coordinata tutte queste risorse mi consente un integrazione funzionale fra gli anestesisti dei vari servizi senza più quegli steccati di appartenenza che prima limitavano molto l operatività e la flessibilità dell organizzazione. D altra parte siamo in un momento di grossa carenza organica con una media mensile di circa 20 carenze, nell ambito di questi 140 anestesisti, che dobbiamo comunque coprire con l istituto dell auto-convenzionamento. Questo dopo che una razionalizzazione sull utilizzo del personale mi ha consentito di abbattere la storica pianta organica di 21 unità, portando da 161 a 140 il fabbisogno di anestesisti. Qualche tempo fa, per esempio, mi trovavo con 2 anestesisti giovani e poco esperti dell area, a gestire il filtro di Rianimazione che è l area di primo impatto dei pazienti critici che arrivano in ospedale. Naturalmente questo mi è stato possibile perché ho coinvolto in un ottica di integrazione funzionale e collegiale di collaborazione i 5 anestesisti che erano preposti alle urgenze chirurgiche e diagnostiche e le 2 guardie della Rianimazione vera e propria. La possibilità di utilizzare al meglio ed in modo rapido e flessibile le forze in campo è la ragione di vita del Dipartimento. Per quali ragioni l emogasanalisi è considerato un test diagnostico cruciale nell ambito del suo Dipartimento, in particolare per le Unità di Anestesia e Terapia Intensiva Post Operatoria? Immaginare un Area Intensiva, sia essa Post-Operatoria che di Rianimazione generale, poli-modale, Centro Ustioni o anche una TIN, o una UTIC senza la disponibilità del dato emogasanalitico significa far venire meno un requisito fondamentale che oltretutto è previsto per legge nei requisiti di accreditamento delle aree intensive: infatti esse è un requisito di base per poter parlare di Terapia Intensiva in senso lato, così come è cruciale il monitoraggio del dato pressorio o quello di un tracciato elettrocardiografico e di una saturimetria. Per me l emogasanalisi, ormai, rappresenta un elemento costante, obbligato e necessario per la gestione corretta del paziente critico.

5 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Emogasanalizzatore GEM Premier 4000 con iqm Considerata la storia ultracinquantenaria dell emogasanalisi, quali sono gli aspetti dell innovazione tecnologica che negli ultimi 5-10 anni anni hanno contribuito a migliorare i processi nell ambito delle Unità Operativa che fanno capo al Dipartimento da Lei diretto e, più in generale, nell ambito del Vostro ospedale? Io ero abituato ai vecchi emogasanalizzatori, che ingombravano quasi un intero ambiente e che chiaramente, pur con la loro mole, la farraginosità della procedura di titolazione e spesso l ambiguità del dato rappresentavano già allora un elemento importante nella gestione del paziente. Oggi come oggi avere dei sistemi che, con minimo ingombro, consentono di avere dei dati estremamente corretti, il fatto di poter avere un implementazione di un parametro come il cloro nel modello GEM 4000 piuttosto che il dato della Co-Ossimetria che rappresenta anch essa un must per alcuni ambiti, come la camera iperbarica e il centro ustioni, sono degli step che si sono via via superati e che appunto fanno sì che il sistema per emogasanalisi risulti un elemento fondamentale nella gestione del paziente critico. Avere il controllo di qualità automatico e la possibilità di utilizzare l apparecchio anche quando un sensore sia guasto sono tutti elementi di implementazione che hanno reso tale tecnologia sempre più indispensabile nella nostra attività quotidiana. Perché la tecnologia emogasanalitica GEM con iqm è stata considerata qualitativamente vincente rispetto alle altre soluzioni presenti sul mercato? La soluzione GEM con iqm non solo qualitativamente ma anche economicamente è vincente. Io ho fatto uno studio, raffrontando il decennio precedente all avvento con il periodo d uso degli Emogasanalizzatori della linea GEM con iqm. Questo studio ci dimostra come attraverso questa soluzione siamo riusciti ad avere una disponibilità del sistema emogasanalitico per molte più ore (circa un centinaio di ore in più all anno di utilizzo dello strumento per ognuno dei 23 apparecchi Emogasanalizzatori presenti) rispetto alla soluzione precedente. La qualità dell assistenza è fondamentale. Noi abbiamo avuto sempre una risposta in tempo reale alle nostre esigenze di manutenzione, siano esse state legate alla fornitura delle cartucce che alla riparazione di un guasto, cosa che in verità è accaduta molto raramente: il tutto senza tener conto del giorno festivo, prefestivo o quant altro. Per me la gestione della qualità (del dato e non solo) rappresenta un ulteriore elemento di sicurezza nella gestione clinica del paziente. Perché sono sicuro di partire dati certi, certificati e qualitativamente controllati. L esperienza vissuta con la tecnologia emogasanalitica GEM con iqm è stata soddisfacente. Quali i motivi? Inoltre, ci sono stati altri aspetti che ritiene siano stati di particolare soddisfazione? In parte, credo di avere già risposto precedentemente alla domanda. Oggi, a causa della crisi economica, abbiamo dovuto ridurre la presenza dei sistemi emogasanalitici, anche se, a mio parere, non è che la cosa serva molto, perché bisognerà perdere del tempo con il personale in giro per i viali dell Ospedale, con i rischi associati ad una cattiva gestione della fase pre-analitica che vengono amplificati da questo diradamento delle apparecchiature. E stata un esperienza importante, esaltante in cui a parte la collaborazione clinico-tecnologica, abbiamo sviluppato anche una collaborazione scientifica che, debbo dire, è stata di prima qualità, con l organizzazione di convegni, corsi, e con la partecipazione a riunioni in ambiti nazionali, in cui la nostra esperienza, in termini di gestione del Point of Care Testing /emogasanalisi, è stata portata alla ribalta di tutti gli addetti ai lavori. Quali degli appena aspetti menzionati relativi alla tecnologia emogasanalitica e degli aspetti più specificamente associati ai servizi considera irrinunciabili per il futuro? L iqm è fondamentale a mio parere e rappresenta il traino del sistema. L implementazione di parametri ottenuti mediante l integrazione di nuovi sensori, il fatto di poter continuare a usare l apparecchio anche in condizioni di eventuali anomalie (ad esempio: singolo sensore disabilitato o deriva dell elettrodo o presenza di un micro-coagulo) è senza dubbio un elemento fondamentale. La qualità dell offerta manutentiva, la continuità, l assiduità della presenza non solo dei rappresentanti locali ma anche dei vertici aziendali alla ns. attività quotidiana è anche un elemento che ci gratifica. Cos altro ci vedrebbe? Sarebbe opportuno integrare il dato emogasanalitico con un indirizzo diagnostico che coinvolga anche, se possibile, la valutazione di altri elementi che possono essere misurati o calcolati quali il GAP anionico e la SID (Strong Ion Difference) che possono essere importanti nella diagnostica dei disturbi misti e complessi dell equilibrio acido-base ed idro-elettrolitico. 5

6 Sistemi Emogasanalitici iqm Intelligent Quality Management Dal Controllo di Qualità all Assicurazione di Qualità iqm rende automatico il Controllo di Qualità, identifica, corregge e documenta le eventuali non conformità e qualifica le azioni correttive intraprese, in continuo e in totale automazione ore al giorno, sette giorni su sette, per tutta la durata della cartuccia. Unica cartuccia omnicomprensiva Semplicità, sicurezza, utilizzo immediato, nessuna manutenzione Gli emogasanalizzatori della famiglia GEM Premier con iqm semplificano enormemente le attività necessarie per il loro funzionamento: l unica operazione da compiere è il caricamento della cartuccia omnicomprensiva.

7 Famiglia GEM con iqm Una risposta per ogni esigenza GEMweb GEMweb Plus Soluzioni sicure e affidabili per la supervisione del sistema emogasanalitico GEMweb Plus: unico sistema gestionale in grado di abilitare l accesso a tutto il network di analizzatori direttamente dallo schermo touch-screen di ciascuno strumento. Evoluzione del rapporto uomo-macchina da controllo remoto a processo di supervisione. CO-Ossimetria Ampia scelta di profili analitici per ogni esigenza clinica CO-Ossimetria integrata per completare il profilo dei parametri richiesti aumentando la flessibilità di impiego.

8 IL Notiziario di Point of Care G. INTROCASO 1, S. FAINI 2, P. RUMI 1, M. RAGGI 1, A. CAVALLERO 1 1 U. O. Medicina di Laboratorio Centro Cardiologico Monzino, Milano 2 U.O. Terapia Intensiva Post-Operatoria Centro Cardiologico Monzino, Milano Accuratezza della determinazione dell Emoglobina Totale in Co-ossimetria nella gestione del paziente anemizzato Introduzione Gli emogasanalizzatori Point of Care (POC) misurano oltre ai parametri di emogasanalisi anche l emoglobina totale. Scopo del presente lavoro è stato valutare l attendibilità della misura dell emoglobina effettuata con CO-ossimetro e il suo possibile utilizzo nella valutazione dello stato di anemizzazione del paziente nell immediato periodo post-operatorio. GEM Premier 4000 Metodi Sono state effettuate determinazioni dell emoglobina totale ed ematocrito su 120 campioni prelevati da pazienti ricoverati in Unità di Terapia Intensiva Post-Operatoria cardiochirurgica (Tipo). I campioni, prelevati al letto del paziente utilizzando siringhe eparinate, sono stati analizzati utilizzando il CO-ossimetro GEM Premier 4000 (Instrumentation Laboratory). Entro 30 minuti dal test è stato eseguito un secondo prelievo in EDTA ed inviato in Laboratorio per l esame emocromocitometrico eseguito su sistema HMX (Beckman Coulter). I dati complessivi sono stati analizzati tramite regressione lineare, determinando l accuratezza relativa con grado di associazione e grado di accordo. 2.0 Absorbance O 2 Hb COHb MetHb HHb Bilirubin Wavelength (nm)

9 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA Risultati dal protocollo di confronto tra metodi abbiamo ottenuto i seguenti risultati: y = x r 2 = 0.96 r = 0.98 (p<0.0001) DS dei residui=0.2 è stato calcolato uno scostamento sistematico assoluto (bias) per 4 valori di emoglobina: 7, 8, 9, 10 g/dl, bias=0, 0, 0.1, 0.2 g/dl rispettivamente. Abbiamo ottenuto la seguente equazione di regressione dell ematocrito misurato: y = x , r 2 = 0.87 Per quattro valori di ematocrito pari a 21, 24, 27, 30% il bias dell ematocrito misurato su GEM è stato 0.2, 0.1, 0.4, 0.8% rispettivamente; il bias dell ematocrito calcolato è stato 1, 1, 1.6, 2% rispettivamente. Il coefficiente di correlazione dell ematocrito misurato è risultato r= 0.93 e dell ematocrito calcolato r=0.97 (p<0.0001). Co-ossimetro IL 282 Conclusioni La misura dell emoglobina totale POC si è dimostrata attendibile e con accuratezza elevata nella gestione dei pazienti anemizzati dopo l intervento cardochirurgico. Nella valutazione dell anemizzazione il dato dell emoglobina può, quindi, essere utilizzato in modo prioritario dai clinici. Emogasanalizzatore GEM Premier 4000: il CO-ossimetro è integrato Bibliografia Beneteau-Burnat B et Al. Evaluation of the Gem Premier 4000: a compact blood gas CO-Oximeter and electrolyte analyzer for point-of-care and laboratory testing. Clin Chem Lab Med 2008; 46 (2):

10 IL Notiziario di Point of Care La Cultura in Emogasanalisi PER I PROFESSIONISTI SANITARI GRAZIE AD UNA PARTNERSHIP DI QUALITÀ Intervista a: Prof. Fernando Schiraldi e Dr.ssa Giovanna Guiotto - ASL Napoli 1 - P.O. San Paolo Il Prof. Fernando Schiraldi è primario di Medicina d Urgenza e pronto Soccorso, componente dello European Board Examination of Emergency Medicine, docente in diverse Scuole di Specialità presso l Università Federico II e la seconda Università di Napoli, e responsabile dei corsi nazionali della società Italiana di Medicina di emergenza- Urgenza (SIMEU) su EAB, fluidi, elettroliti. La Dr.ssa Giovanna Guiotto è dirigente medico di Medicina d Urgenza e Pronto soccorso e docente nei corsi nazionali SIMEU su EAB, fluidi, elettroliti. 10 Prof. Schiraldi, ci racconta come è nata questa passione e per quale ragione ritiene che l emogasanalisi debba essere considerato lo strumento principe della In vitro diagnostica nei contesti di Pronto Soccorso? Ho cominciato come studente oltre quarant anni fa al Policlinico di Napoli in Nefrologia, dove esisteva una struttura abbastanza pioneristica per l epoca, che faceva anche ricerca, e il direttore Prof. Carmelo Giordano, allora Presidente della società europea di Nefrologia, quindi personalità di rilievo scientifico importante, fu uno dei primissimi in Italia ad usare l emogasanalisi per monitorare l evoluzione clinica di pazienti con insufficienza renale. Poiché la mia prima specialità è in Nefrologia ed il primo amore non si scorda mai, da allora è iniziato un interesse scientifico e culturale nei confronti dell emogasanalisi. Poi, poiché i percorsi di vita professionale mi hanno portato a maturare interesse anche in altri campi, preminentemente legati al malato critico, la disponibilità di informazioni che da l emogasanalisi, in particolare se eseguita in maniera seriata e collegata agli altri parametri clinici e di laboratorio, è di particolare importanza nel valutare la prognosi e seguire gli effetti della terapia. Anche in qualità di Past-President di Simeu, lei ha sviluppato un esperienza di collaborazione importante con molti interlocutori. Tra questi l industria, rappresentata da molte aziende fornitrici del mondo Prof. Fernando Schiraldi e Dr.ssa Giovanna Guiotto ospedaliero. Per quale ragione ha individuato in IL un partner strategico per sviluppare un ciclo così importante di corsi sull Emogasanalisi e quale ruolo hanno avuto la pregressa (tuttora attuale) esperienza con la tecnologia emogasanalitica GEM della IL? (F.S.) La tecnologia IL è sicuramente affidabile. Quello che IL ha mostrato è una sensibilità attenta alla diffusione delle conoscenze specifiche. Naturalmente in questo ci sono state una storia, diversi docenti ovvero diversi punti di vista, ma quello che è risultato molto valido è stato il principio di mantenere un attenzione ai progressi conoscitivi sul tema, attraverso cicli di conferenze, meeting, seminari, etc. Alla luce degli importanti cambiamenti che si stanno registrando nel contesto sanitario italiano (es. riorganizzazione della reti ospedaliere su base territoriale) e della fase di ristrettezza econonomica che stiamo attraversando, come vede il futuro del Pronto Soccorso (F.S.) L organizzazione in rete ha sicuramente dei vantaggi, e può anche coprire delle necessità che in un paese anche orograficamente complesso come l Italia può avere un senso, distinguendo due aspetti. Uno è quello delle figure professionali dedicate all attività extra-ospedaliere che nella mia ottica dovrebberero essere prevalentemente figure di

11 EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA infermieri professionali molto qualificate, technicians dell emergenza, non necessariamente medici, i quali possono essere collegati a secondo delle disponibilità economiche, in via informatizzata o no, devono avere un know-how molto preciso e avere anche a disposizione dei Point of Care non solo per l emogasanalisi, ma anche per esempio per la coagulazione per un primo approccio al trauma, per i principali markers miocardici, etc. Può avere molto senso per tutta la medicina d emergenza moderna nel mondo; girando un po, ci si fa l idea che sia utile privilegiare protocolli di approccio diagnostico e terapeutico il più precoci possibile. Quindi portando sempre più le tecnologie avanzate alla periferia, ovvero al tempo zero. In questo scenario economico e nell ambito del Point of Care, quale ruolo può avere IL a partire dall emogasanalisi? (F.S.) IL, come tutte le grandi aziende produttrici di strumentazione tecnologicamente avanzate, potrebbe avere degli spazi molto importanti grazie alla miniaturizzazione dei device e alla presenza di forme evolute di controlli di qualità. Meglio ancora vedrei in prospettiva dei mini-lab che facciano più indagini nella stessa struttura grazie ad un unica piattaforma. Avete imparato qualcosa da un esperienza pluriennale cosi particolare? Se si, cosa? (F.S.) Per me quello rappresenta un valore aggiunto, usando un termine che mi piace a prescindere, è l esplicitazione del meticciato culturale. Ovvero, i partecipanti partono da punti di vista diversi che però condividono da un lato l interesse per l argomento di per se anche un po complesso, dall altro consentono a noi di tener conto di diverse esperienze e diversi punti di vista. In linea di massima, questo mescolare le diverse esperienze e diverse professionalità è il valore aggiunto di questa formula. (G.G.) Sempre, in tutti questi anni, abbiamo trovato persone particolarmente interessate e culturalmente motivate: evidentemente la selezione dei partecipanti a questi corsi da parte di IL è molto attenta e, soprattutto, lungimirante. Dr.ssa Guiotto, cosa l ha colpita della formula di corsi organizzati da IL per i suoi clienti? Sicuramente ci ha dato la possibilità di confrontarci con una platea più varia rispetto a quella a cui solitamente ci rivolgiamo nella nostra attività didattica: non solo Medici d Urgenza o Rianimatori, ma anche Medici-Biologi e infermieri che si occupano di emogasanalisi, e questo ci arricchisce e ci obbliga, ogni volta, a rendere le informazioni fruibili a più livelli. Qual è il trucco specifico che impiegate per diffondere la Cultura in emogasanalisi ad una platea così diversa rispetto ai corsi tradizionalmente rivolti ad un gruppo omogeneo di specialisti? (G.G.) Il trucco, se c è, è che tutto il materiale che portiamo proviene da casi clinici della vita reale, oltre che dalla letteratura più recente sull argomento. Quindi credo che quello che viene apprezzato da chi ci ascolta è che noi parliamo delle cose che realmente facciamo e di cui ci interessiamo quotidianamente. Poi provenendo dalla Medicina d Urgenza, quindi da un mestiere faticoso, siamo abituati a metterci al servizio: questo un po lo spirito che colgono i partecipanti al corso. Da parte nostra non c è il desiderio di mostrare quante cosa sappiamo, ma condividere con i colleghi l approccio pratico all emogasanalisi come avviene, di fatto, al letto del malato, cercando di sollecitare il più possibile domane in itinere. L interattività credo sia, alla fine, la chiave del successo di questi corsi. Locandina del recente corso Cultura in Emogasanalisi 11

12 IL Notiziario di Point of Care EDIZIONE SPECIALE PER LE AREE DI ANESTESIA, RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA GUSTAV MAGNUS e la prima determinazione quantitativa in Emogasanalisi In una pubblicazione, come Il Notiziario di Point of Care, che abbia nella sua testatina un esplicito richiamo alla Cultura in Emogasanalisi non può mancare una digressione storica dedicata all autore che nel 1837, grazie ad un proprio lavoro scientifico, diede un contributo considerato di riferimento storico per lo sviluppo dell emogasanalisi. Per fare ciò ci siamo avvalsi di un testo di riferimento internazionale quale Science and Technology in Medicine: An Illustrated Account Based on Ninety-Nine Landmark Publications from Five Centuries Gedeon, Andras, Springer Science + Business Media, Inc., dal quale abbiamo estratto e tradotto la scheda di specifico interesse. In questo importante testo, parafrasando quanto sostenuto nella prefazione da Jeremy M. Norman, si documentano le origini di alcune tra le più significative scoperte nella scienza e nella tecnologia che sono state successivamente incorporate nella medicina. Ci auguriamo sia una lettura di vostro gradimento e che possa, eventualmente, essere da stimolo per ulteriori approfondimenti storici. 12 Gustav Magnus Gustav Magnus nacque a Berlino nel 1802, figlio di un mercante benestante. Dopo aver studiato privatamente matematica e scienze naturali, effettuo il suo dottorato all Università di Berlino nel Egli trascorse un anno a Stoccolma lavorando nei laboratori di Berzelius, che divenne il suo amico e mentore per il resto della sua vita. Magnus ritornò a Berlino in qualità di professore a contratto in chimica e tecnologia. Fu poi assunto come professore di tecnologia e chimica all università di Berlino nel 1845, un ruolo che mantenne per tutta la vita. Il suo primario interesse associato alla ricerca riguardò inizialmente la chimica, ma successivamente la sua attenzione fu rivolta in maniera ancora più importante ai problemi associati alla fisica, disciplina nell ambito della quale svolse significativi lavori sperimentali in numerosi campi. Sul contenuto dei Gas nel Sangue, Ossigeno, Azoto e Anidride Carbonica. Annali di Fisica e Chimica. Lipsia: 1837; 40:583. In questo lavoro, Magnus effettua la determinazione del contenuto di ossigeno, azoto e anidride carbonica del sangue arterioso e venoso dei cavalli. Introdotto il sangue e il mercurio in un imbuto e, applicando ripetutamente la pressione negativa, egli libera i gas presenti nel sangue. Il sigillo di mercurio mantiene la condizione anaerobica durante il passaggio dei gas all EU- DIOMETRO (37.1) per l analisi. Magnus scopre una differenza artero-venosa positiva per l ossigeno e una differenza negativa per l anidride carbonica. Da questo, Magnus ne deduce che l anidride carbonica è aggiunta non nei polmoni, bensi durante la circolazione. Egli calcola anche il balance dell anidride carbonica, assumendo i valori di gittata cardiaca, di anidride carbonica eliminata e la differenza artero-venosa misurata. Questa è la prima applicazione di quella che, in seguito, sarà definito il Principio di Fick (37.2). IL Notiziario di Point of Care Per la realizzazione della rivista, oltre agli autori degli articoli, hanno collaborato: Damiano Cappelli, Massimo Greco, Manuela Parravicini, Francesco Ranieri, Corrado Santagati, Martha Spizzi, Maurizio Santomassimo, Claudia Tartarotti. Per contattare la redazione della rivista IL Notiziario di Point of Care, scrivere a: IN PROSPETTIVA Nel 1662, Boyle dimostrò che una significativa quantità di gas poteva essere liberata dal sangue usando un pompa ad aria e Davy aveva osservato che il sangue contiene sia l ossigeno che l anidride carbonica (37.3). Il lavoro di Magnus condusse ad una lunga controversia riguardante il fatto che la combustione si verificasse durante la circolazione come osservato da Magnus e Pfluger (37.4) o almeno parzialmente nei polmoni come argomentato da Ludwig (37.5). Il tema fu risolto attraverso una serie di documenti di Marie e August Krogh nel 1910, dimostrando che nessun altro processo oltre alla diffusione si manifestasse nei polmoni (37.6) (37.7). La specifica capacità legante per l ossigeno del sangue fù scoperta da Meyer nel 1857 e poco dopo l emoglobina fu isolata e studiata da Hoppe-Seyler (37.8). All inizio del 20 secolo Barfcroft e Haldane migliorarono il metodo di misura dell emogasanalisi (37.9) (37.10). L importanza clinica di misurare i gas nel sangue durante l epidemia poliomielitica negli anni 50 motivò il successivo sviluppo della moderna tecnologia ad elettrodi per l emogasanalisi (37.11). Riferimenti: 37.1 Vedere # 22 Priestly pag.124 e rif Vedere # 56 Fick pag Vedere rif. 8.6 e #28 Davy pag Pfluger E. Zur Gasometrie des Blutes Zbl Med Wiss 1866; 4 (20): Ludwig C. Zusammenstellung der Unter-suchungen über Blutgase. Z k k Ges Ärtzte in Wien 1865; 1: Krogh A. On the mechanism of the Gas- Exchange in the Lungs. Skand Arch Physiol 1910;23: Krogh A, Krogh M. On the tension of gases in the arterial blood. Skand Arch Physiol 1910; 23: Meyer L. Die Gases der blutes: Inaugural-dissertation Medicinische Fakultät Würzburg. Göttingen;1857. Vedere anche # 51 Hoppe-Seyler pag Barcroft J. The respiratory function of the blood. Cambridge; Haldane JS. Methods of Air Analysis. 2nd ed. London; Veder anche rif Severinghaus JW, Astrup P, Murray JF. Blood gas Analysis and Critical Care Medicine. Am J Respir Crit Care Med 1998;157:S114. Vedere anche rif e #87 Engstrom pag.450. Nota: I riferimenti sono quelli originali, riportati nella specifica scheda n 37. Tutti i diritti riservati - Stampato in Italia - Instrumentation Laboratory 2013

IL Notiziario di Point of Care

IL Notiziario di Point of Care Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario MAGGIO 2012 Numero 1 Anno II PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory

Dettagli

IL Notiziario di Point of Care

IL Notiziario di Point of Care Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario SETTEMBRE 2012 Numero 2 Anno II PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory

Dettagli

Aspetti pratici dell emogasanalisi

Aspetti pratici dell emogasanalisi ITINERANTE 2013 Le alterazioni elettrolitiche nel paziente in emodialisi 26 febbraio 2013 - Ospedale san Paolo Milano Aspetti pratici dell emogasanalisi Francesco Ragusa Tecnico di Emodialisi Qualificato

Dettagli

La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico

La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico La miscelazione automatica del campione per una standardizzazione delle operazioni manuali in ambito preanalitico P.Allori S.C. Analisi Cliniche - Ospedale Regionale U. Parini- Aosta Direttore Dr. M. Di

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

LOTTO 2 EMOGASANALISI. La spesa a base d'asta per questo lotto è di 120.000,00 + Iva all'anno.

LOTTO 2 EMOGASANALISI. La spesa a base d'asta per questo lotto è di 120.000,00 + Iva all'anno. Allegato A LOTTO EMOGASANALISI La fornitura per questo lotto comprende un sistema analitico per l esecuzione di esami in Emogasanalisi e altri parametri biochimici in POCT, comprendente la strumentazione

Dettagli

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione?

Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? RILEVAZIONI Medici a laboratori clinici: quale rapporto e livello di comunicazione? I risultati da un indagine condotta in Puglia su un campione di medici di base Francesca Di Serio * I dati raccolti negli

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA

UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA UNA NUOVA STELLA NELL INFORMAZIONE SCIENTIFICA Essere sempre aggiornati sulla medicina e la salute, con informazioni di qualità e in tempo reale. Oggi è possibile. Costruiamo progetti informativi, culturali

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico

INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC. Centro Gestione Rischio Clinico INTRODUZIONE ALLA SIMULAZIONE DELL AUDIT GRC Centro Gestione Rischio Clinico DISCLAIM SUL CASO PRESENTATO Il presente caso è stato costruito esclusivamente a fini didattici; si è preso ispirazione da un

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia

P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia P.O. SS. Pietro e Paolo di Borgosesia Nuova Area attrezzata (recovery room) della S.C. di Anestesia e Rianimazione Presentazione del Progetto FASE 1 Federico Gallo Dg ASL VC 19 maggio 2014 L analisi del

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n.

Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. Indagine sulle opinioni degli studenti frequentanti in ordine alle attività didattiche (art.1 comma 2, della legge 19/10/1999, n. 73) anno accademico 2008/2009 Aprile 2010 INDICE 1. Obiettivi 2. Metodologia

Dettagli

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it

GEPRIM Snc. Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio. www.geprim.it GEPRIM Snc Consulenza, Formazione e Coaching per il Settore Creditizio Geprim per il Settore Creditizio Il settore del credito e la figura del mediatore creditizio hanno subito notevoli cambiamenti nel

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

METODO GLOBALE DI AUTODIFESA

METODO GLOBALE DI AUTODIFESA Giuseppe Locantore METODO GLOBALE DI AUTODIFESA MGA system www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Giuseppe Locantore Tutti i diritti riservati Per compiere grandi passi non dobbiamo solo agire, ma anche

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi

Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Come evitare gli errori della fase preanalitica in emogasanalisi Gitte Wennecke e Gitte Juel, Radiometer Medical ApS. Copyright 2005 Radiometer Medical ApS, Denmark. Radiometer Medical ApS, DK-2700 Brønshøj,

Dettagli

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica

MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE. Data di nascita 26/06/1959 Qualifica MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome AMATO TOMMASO Data di nascita 26/06/1959 Qualifica Dirigente medico I livello a rapporto esclusivo Chirurgia Generale Ospedale San

Dettagli

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA

STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA STOP ALLA TUBERCOLOSI IN ITALIA Prefazione Alla fine degli anni 90, i programmi di controllo della tubercolosi (TBC) in Italia sono stati adeguati alla mutata realtà epidemiologica, caratteristica di un

Dettagli

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014

Federica Danesi federica.danesi@unife.it. Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Federica Danesi federica.danesi@unife.it Telelavoro: perché? Ferrara, 27/10/2014 Com è cominciata Ho due bimbe, una di 6 e l altra di 2 anni, mio marito spesso lavora fuori città e da febbraio 2013 IO

Dettagli

Labour market intelligence in Europa

Labour market intelligence in Europa Labour market intelligence in Europa di Mara Brugia* e Antonio Ranieri** Dal nostro punto di osservazione che è quello di chi guarda all insieme del sistema europeo della formazione professionale e del

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE

ESECUZIONE DELL ACCERTAMENTO DI IDONEITA ALLA DONAZIONE Servizio di Medicina Trasfusionale S.Orsola Malpighi Bologna LA DETERMINAZIONE DELL EMOGLOBINA E/O L ESECUZIONE DELL ESAME EMOCROMOCITOMETRICO Dr.ssa Monica Benni 1 CENTRO RACCOLTA SANGUE ED EMOCOMPONENTI

Dettagli

La registrazione e la gestione delle non conformità del campione

La registrazione e la gestione delle non conformità del campione La registrazione e la gestione delle non conformità del campione Marco Nundini Laboratorio di Analisi Chimico Cliniche ed Ematologiche Ospedale Civile Maggiore Azienda Ospedaliera di Verona IL 70% DELLE

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

La formazione nella sanità

La formazione nella sanità La formazione nella sanità Donatella Becchio 22 maggio La formazione continua in sanità 1. Alcuni punti di partenza 2. Il programma ECM 3. Alcuni dati del contesto piemontese 4. Punti di forza e di debolezza

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA

LAB GENETIC. La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA CENTRO DIAGNOSTICO E SERVICE DI LABORATORIO SPECIALIZZATO IN GENETIC LAB La nostra passione per l eccellenza GENETICA MEDICA - DIAGNOSI PRENATALE - BIOLOGIA MOLECOLARE - MEDICINA PERSONALIZZATA Geneticlab

Dettagli

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico

Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Telemedicina a Messina: la città è già proiettata nel futuro Presentato il progetto RESPECT sul trauma cranico Mercoledì 7 giugno 2006 si è tenuta al Policlinico Universitario di Messina la conferenza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini. Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente

COMUNICATO STAMPA. Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini. Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente COMUNICATO STAMPA Il Centenario Bologna in GOL con il Gozzadini Parte la raccolta fondi per donare all ospedale una sala operatoria intelligente Bologna Football Club 1909 e il Policlinico S.Orsola Malpighi,

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

"RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE"

RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE "RUOLO DELL INFERMIERE NELL ACCERTAMENTO DELLA MORTE CEREBRALE" 4 marzo 2000-convegno AIDO Francesco Falli, presidente Collegio professionale infermieri/assistenti/vigilatrici Caposala Pronto Soccorso/Medicina

Dettagli

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003

INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato Performance Technology Solutions s.r.l. su Radio24 24 gennaio 2003 INTERVISTA A DIANE FRYMAN Amministratore Delegato su Radio24 24 gennaio 2003 Viaggio nelle professioni legate alla net-economy --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una

Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli. Ospedali romani all avanguardia per. l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una IL DIRETTORE GENERALE Il San Filippo Neri può essere considerato uno degli Ospedali romani all avanguardia per quanto concerne l aggiornamento tecnologico. Non possiamo immaginare una medicina moderna

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955. Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2)

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955. Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2) INFORMAZIONI PERSONALI Nome Di Grezia Giuseppe Data di nascita 01/11/1955 Qualifica I Fascia Amministrazione ASL AVELLINO (EX ASL 1 e 2) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente ASL I

Dettagli

ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA

ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA ATTIVITA CHIRURGICA DEI MEDICI IN FORMAZIONE NELLE SCUOLE DI CHIRURGIA CORROCHER R., FIOCCA R, S.M. GIULINI 2 Esigenza primaria per le scuole di specializzazione chirurgiche è la formazione professionalizzante.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo

Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeune: il medico, lo scienziato, l uomo Jerome Lejeuene 1923-199.. Viaggio alla scoperta di un grande genetista e di un grande uomo Jerome Lejeune (Montrouge, 13 giugno 1926 Parigi, 3 aprile 1994)

Dettagli

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo)

Dott.ssa GIULIA CANDIANI. (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Dott.ssa GIULIA CANDIANI (Coordinatore Settore Sanità Associazione Altroconsumo) Innanzitutto due parole di presentazione: Altroconsumo è una associazione indipendente di consumatori, in cui io lavoro

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive

Liceo Scientifico N. Copernico. Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Liceo Scientifico N. Copernico Indirizzo Scienze Motorie e Sportive Perché candidarsi? Il liceo Copernico vanta un' ottima tradizione sportiva con eccellenti risultati raggiunti negli anni dalle rappresentative

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/09/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e fax dell ufficio

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 08 ottobre 2013 Pagina 1 di 6 rassegna stampa Data 08 ottobre 2013 IL CITTADINO Lodi SANITÀ AVEVA UNA LACERAZIONE DELL AORTA, LA FAMIGLIA HA PRESENTATO UNA DENUNCIA -In ospedale con il mal di pancia, dopo l attesa muore

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa Bozza provvisoria FILIPPO SABETTA, Presidente del Consiglio d area di ingegneria aerospaziale dell Università La Sapienza di Roma. Io parlerò brevemente del ruolo della ricerca e dell università nelle

Dettagli

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011

INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 INCONTRO ANNUALE CONSOB CON IL MERCATO FINANZIARIO MILANO, 9 MAGGIO 2011 RINGRAZIO IL PRESIDENTE VEGAS PER AVERMI INVITATO IN OCCASIONE DELLA SUA PRIMA RELAZIONE ANNUALE. IL FATTO CHE SIAMO QUI OGGI TESTIMONIA

Dettagli

DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II

DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario DICEMBRE 2012 Numero 3 Anno II PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory

Dettagli

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche

L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche L accordo stato regioni sulla riforma delle professioni: il ruolo del coordinatore Sviluppo delle competenze infermieristiche Dott. A. Zagari Giardini Naxos 2013 Alcune diapositive di questa presentazione

Dettagli

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. FORUMPA SANITA' 2001 Azienda Ospedaliera Niguarda Cà Granda Direzione Sanitaria LE ATTIVITA DI PRELIEVO E TRAPIANTO COME LEVA STRATEGICA PER LA PROGRAMMAZIONE E RIORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Parte 1 : Anagrafica

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti

Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Gradimento, usabilità e utilità dei metodi e degli strumenti dell Osservatorio Buone Pratiche per la sicurezza dei pazienti Febbraio 2010 Agenas Sezione Qualità e Accreditamento Osservatorio Buone Pratiche

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA GALASSO ROSANNA Nato a : Montevarchi (AR), il 20 febbraio 1977 Residente a : Terranuova Bracciolini Prov. Arezzo (solo città) Professione : Infermiera Sede lavorativa: Rianimazione Pediatrica, AOU Meyer

Dettagli

La sicurezza nella manutenzione delle macchine

La sicurezza nella manutenzione delle macchine La sicurezza nella manutenzione delle macchine 1 Problemi di sicurezza connessi con la manutenzione Come noto l attività di manutenzione in quanto tale svolge una funzione essenziale per la sicurezza dei

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...

SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI... Pag. 1 di 8 SOMMARIO PRESENTAZIONE...2 PARTE I: PRESENTAZIONE DELL ASSOCIAZIONE...3 PARTE II: LE NOSTRE ATTIVITÀ...5 PARTE III: I NOSTRI STANDARD ED IMPEGNI...7 PARTE IV: LA VERIFICA DEGLI IMPEGNI ASSUNTI...8

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

digenerale@aosgmoscati.av.it

digenerale@aosgmoscati.av.it CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROSATO GIUSEPPE Indirizzo Telefono 0825203004 Fax 0825203637 E-mail N. 2, Fraternità della Misericordia, 83100 Avellino digenerale@aosgmoscati.av.it Nazionalità

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione

Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione Heinrich Lintze - Brema Altes Gymnasium Il canale duale tedesco: forme organizzative e soggetti della progettazione 1 la struttura della pubblica istruzione in Germania e gli ultimi sviluppi 1.1 cultura

Dettagli

PREFAZIONE Questo volume sintetizza l esperienza decennale del Laboratorio Management e Sanità della Scuola Superiore Sant Anna nell ambito della formazione manageriale e, coerentemente con le logiche

Dettagli

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS

RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Progetto Azioni positive per l' imprenditoria femminile RELAZIONE DI FINE STAGE PRESSO LA KINGSTON UNIVERSITY OF LONDON FACULTY OF COMPUTING, INFORMATION SYSTEM AND MATHEMATICS Stagista: Barbara Villarini

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 04 / 03 / 1966 MARCEDDU ALESSANDRA Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono

Dettagli

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118

SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SCHEDA SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA 118 SISTEMA DI EMERGENZA SANITARIA Questo sistema è detto Sistema di EMERGENZA URGENZA e fa capo al numero UNICO 118. Il 118 è un numero telefonico attivo 24 ore su

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità

Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Workshop al Liceo Scientifico G. Galilei sulla Globalizzazione e Fraternità Il 6 dicembre 2013, grazie alla collaborazione tra il Liceo Scientifico G. Galilei e L Associazione AMU-Azione per un Mondo Unito

Dettagli

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

ACCREDITAMENTO. Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative. Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali Perché la FAD nell ECM: quali le aspettative Dr. Paolo Messina Membro della commissione ECM 2003 AVANZAMENTO DEL SISTEMA ECM ITALIANO Accreditamento dei Provider, soggetti che producono le attività educazionali

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità

LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA. In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità LA COMUNICAZIONE AUMENTATIVA ALTERNATIVA In età evolutiva, più dello 0,5% della popolazione presenta disabilità complesse della comunicazione che, in assenza di adeguati interventi, interferiscono in modo

Dettagli

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori

Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori ARTICOLI ORIGINALI Il ruolo del coordinatore infermieristico nella formazione continua dei collaboratori 38 Tratto dalla propria Tesi di Master La percezione del Coordinatore Infermieristico sulla competenza

Dettagli

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED

Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED l e v o l u z i o n e d e l l a t e l e m e d i c i n a Meditel organizza e promuove servizi diagnostici specialistici erogati in telemedicina WEB BASED 2 Telemedicina E la pratica della medicina che si

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo?

Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Il Decreto attuativo della Regione Lazio: Punto di arrivo o punto di sviluppo? Francesco Cognetti Istituto Regina Elena Camera dei Deputati 2 Dicembre 2010 Perché una rete oncologica? Integrare tutte le

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3

Indice. 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 LEZIONE LA FORMAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE DOTT.SSA MARIA ANTONIETTA DE LUCA Indice 1. La formazione nelle organizzazioni sanitarie-------------------------------------------------------3 1.1.

Dettagli

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE

U.O. DI MEDICINA RIABILITATIVA E NEURORIABILITAZIONE TERZA SESSIONE IL PERCORSO DI CONTINUITA ASSISTENZIALE: I NODI DELLA RETE Giovanna Beretta Dirigente Struttura Complessa Medicina Fisica e Riabilitativa. A.O. Niguarda, Milano Buongiorno a tutti. Ringrazio

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari

HTA. Il protagonista del mese Nicola Laforgia Direttore della Sezione di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale del Policlinico di Bari 38 giugno 2015 corso di perfezionamento in HTA ISSN 2038-4238 Mensile - Anno VII - Poste Italiane S.p.A. Sped. in Abb. Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) Art. 1 Comma 1 - DCB Roma contiene

Dettagli

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA

PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA PROPOSTA DI PIANO FORMATIVO PER UN AZIENDA SANITARIA OSPEDALIERA Sormani Luisa*, Goggi Ezio *Responsabile Ufficio Formazione, Direzione Sanitaria Aziendale Ente Ospedaliero Valduce di Como (ospedale religioso

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica

Posizione Organizzativa - Infermieristica Territoriale - Staff Direzione Infermieristica INFORMAZIONI PERSONALI Nome De Fusco Giuditta Data di nascita 17/06/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio infermiere ASL DI PRATO Posizione Organizzativa - Infermieristica

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE

IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ ALL A.O. PENELOPE Manuela Brusoni Versione italiana a cura di Lisa Cosmi Copyright 2006 SDA Bocconi, Milano Caso Manuela Brusoni Lisa Cosmi IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito nell anno 1981/82, presso la scuola Infermiere Professionale di Sezze.

1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito nell anno 1981/82, presso la scuola Infermiere Professionale di Sezze. 1 Curriculum vitae composto da 51 voci, presentato da: Antonio Mattei nato a Sezze, il 04/02/1962, residente a Sezze, in Via della Speranza 14 C.A.P 04018. 1) Diploma di Infermiere Professionale conseguito

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

IL Notiziario di Point of Care

IL Notiziario di Point of Care Cultura in Emogasanalisi IL Notiziario DICEMBRE 0 Numero 6 Anno III PUBBLICAZIONE DI INSTRUMENTATION LABORATORY SPA PER GLI UTILIZZATORI DI SISTEMI DI EMOGASANALISI A cura di Instrumentation Laboratory

Dettagli

Introduzione Surfing time,navigare nel tempo, è stato il filo conduttore che il consiglio di classe si è dato per sviluppare il progetto, come illustrato nella mappa inserita nel documento di progettazione.

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli