risorse umane U-GOV Risorse Umane Potenziamento, integrazione, continuità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "risorse umane U-GOV Risorse Umane Potenziamento, integrazione, continuità"

Transcript

1 risorse umane U-GOV Risorse Umane Potenziamento, integrazione, continuità White Paper Maggio 2010

2 Titolo White Paper: Maggio 2010 S4-0 Autori: Relazioni Esterne, Divisione Risorse Umane Consorzio Interuniversitario Via Magnanelli 6/ Casalecchio di Reno (BO) Dipartimento Soluzioni e Servizi per l Amministrazione Universitaria Relazioni Esterne Tel: Questo documento è fornito solo a scopo informativo e i contenuti possono essere modificati senza previo avviso. Questo documento non può essere riprodotto o trasmesso in alcuna forma o attraverso alcun mezzo elettronico o meccanico, per alcun scopo, senza previa autorizzazione da parte di.

3 Indice 1. LA GESTIONE E LO SVILUPPO DELLE RISORSE UMANE IN ATENEO IL PUNTO DI VISTA SULLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ATENEO.7 3. LA SOLUZIONE : U-GOV RISORSE UMANE IL SISTEMA U-GOV U-GOV RISORSE UMANE: INTEGRAZIONE DI CSA E SVILUPPO DEL PERSONALE U-GOV RISORSE UMANE: INTEGRAZIONE CON LE AREE FUNZIONALI CONTABILITÀ, RICERCA E DIDATTICA I MODULI DI U-GOV RISORSE UMANE GESTIONE ORGANICO VALUTAZIONE PRESTAZIONI SVILUPPO E FORMAZIONE RECLUTAMENTO CARRIERE STIPENDI COMPENSI MISSIONI E TRASFERTE DA CSA A U-GOV RISORSE UMANE

4 4

5 1. La gestione e lo sviluppo delle risorse umane in Ateneo Negli ultimi anni sono diventati sempre più strategici i temi della gestione e della valorizzazione del personale. Al di là delle mode e delle teorie, vale, negli Organi di Governo, la consapevolezza sempre maggiore, che le persone hanno influenza diretta sulla qualità dei servizi erogati e sulla soddisfazione degli utenti finali. In questo contesto appare coerente l attenzione anche normativa da parte del legislatore, verso la valutazione delle prestazioni sia a livello di intere strutture organizzative, che a livello del singolo individuo. Va considerato inoltre che le risorse umane rappresentano la principale voce di spesa degli Atenei italiani ed è per questa ragione che una migliore gestione del personale può permettere di ottimizzare l utilizzo di una risorsa così preziosa e fondamentale. Gestire le risorse umane in Ateneo è un processo complesso perché il personale universitario è suddiviso in una grande varietà di figure professionali diverse fra loro. Questa complessità non solo riguarda la divisione tra personale docente e tecnico-amministrativo, ma è riferita alla presenza di un estrema varietà di ruoli e competenze professionali. Individuare, mantenere nel tempo, sviluppare queste professionalità è condizione necessaria per ottenere risultati significativi in termini di motivazione del personale e, quindi, di soddisfazione dell utente. In questo contesto diviene strategico affrontare in modo organico e quindi integrare le attività di gestione amministrative e di sviluppo professionale in un unico quadro di riferimento. Per integrare la varietà delle problematiche legate alla gestione del personale diventa inoltre fondamentale affidarsi ad un sistema che si adatti e comprenda tutte le specificità tipiche del mondo universitario. 5

6 6

7 2. Il punto di vista sulla gestione delle risorse umane in Ateneo Nella visione l area funzionale Risorse Umane fornisce gli strumenti per governare la complessità dei processi che ruotano attorno al dipendente. Le attività che consentono di gestire le risorse umane possono essere ricondotte e schematizzate attorno a 3 macro processi fondamentali: - Trattamenti economici - Gestione carriere - Sviluppo organizzativo Figura 1. Macroprocessi dell area Risorse Umane da molti anni fornisce soluzioni che automatizzano e integrano i processi di gestione amministrativa del personale; nell ambito del progetto U-GOV le soluzioni si sono arricchite di funzionalità che presidiano anche i processi di sviluppo organizzativo. Gestione carriere Il macroprocesso finalizzato alla gestione delle carriere si articola nei processi di reclutamento e selezione, gestione del ruolo attraverso tutti gli eventi di carriera e cessazione del rapporto. Non sempre questi processi sono ad oggi ancora 7

8 informatizzati e vengono gestiti manualmente dal personale preposto senza il supporto di strumenti informatizzati. A questo proposito il modulo consente di gestire lo stato matricolare di servizio del personale, di elaborare report configurabili e di produrre documenti (attestati, provvedimenti, lettere accompagnatorie ecc ) Trattamenti economici Il macroprocesso Trattamenti economici si articola nei processi di erogazione stipendi, calcolo compensi e missioni. Si pone l obiettivo di elaborare le retribuzioni stipendiali ed altre indennità al personale strutturato, così come di liquidare i compensi dovuti alle molteplici figure professionali operanti in Ateneo per le prestazioni erogate. Tutto ciò comprende la possibilità di espletare tutte le funzioni in qualità di Sostituto di imposta nonché di alimentare tutte le banche dati richieste a vario titolo dagli enti preposti (INPS, INPDAP, Agenzia delle entrate, MIUR, ). Sviluppo organizzativo Le funzioni di sviluppo organizzativo si fondano necessariamente sulla gestione centralizzata dell intero organico d Ateneo e dei corrispondenti ruoli professionali. Gli Atenei possono definire, in fase di pianificazione strategica, le necessità organizzative in termini di posizioni e competenze professionali necessarie. Il processo di valutazione delle prestazioni, in termini di obiettivi e competenze, consente successivamente di effettuare una fotografia dell esistente attraverso l individuazione di gap di risultato o di professionalità. Su questi gap è possibile costruire politiche mirate di formazione e di sviluppo del personale legando queste leve alle scelte strategiche fondamentali dell Ateneo. L approccio alla gestione di questi processi segue un paradigma che può essere visto come composto di tre fasi: individuazione dell assetto organizzativo più adatto a perseguire gli obbiettivi strategici prefissati; fotografia della situazione attraverso la valutazione della prestazione individuale; analisi complessiva delle criticità emerse dalla valutazione e individuazione di soluzioni operative finalizzate al loro superamento. Le attività gestite dai moduli relativi al processo di sviluppo organizzativo consentono di gestire la relazione tra organico e organizzazione interna, di operare la valutazione delle prestazioni del personale e di individuare e pianificare le iniziative di formazione. 8

9 3. La soluzione : U-GOV Risorse Umane La soluzione U-GOV Risorse Umane nasce integrata in un sistema molto più ampio che ha l obiettivo di gestire i principali processi in Ateneo. Questo sistema, denominato U-GOV, si basa su alcuni principi architetturali e funzionali che ne caratterizzano l eccellenza e che vengono ereditati da tutte le Aree Funzionali (Didattica e Studenti, Ricerca, Risorse Umane..) e dai moduli che le compongono. Prima di affrontare la trattazione di U-GOV Risorse Umane introduciamo nel paragrafo seguente una sintetica panoramica delle caratteristiche dell architettura U-GOV Il sistema U-GOV La progettazione del sistema U-GOV è stata indirizzata da alcuni principi di base, che troviamo sintetizzati nei seguenti punti: Struttura condivisa delle informazioni L utilizzo di anagrafiche comuni a tutto lo strato applicativo consente di condividere i dati attraverso i diversi processi, evitando la duplicazione di informazioni. Le modifiche effettuate sui dati sono rese visibili in tempo reale all interno di tutte le applicazioni. La base informativa integrata è il presupposto fondamentale per lo sviluppo di una governance di Ateneo e per garantire e facilitare l integrazione e l evoluzione dei servizi offerti dall Ateneo. Struttura di gestione dei processi U-GOV è caratterizzato da uno strato software specificatamente dedicato alla gestione dei processi interni all Ateneo che definisce un modello di interazione e integrazione tra le componenti applicative. Questo strato permette la definizione di flussi informativi e riduce la frammentazione dei processi di Ateneo. Grazie alla separazione tra regole di processo, soggette a variazioni, e funzioni elaborative e di registrazione, stabili nel tempo, è possibile adeguare facilmente U-GOV ai cambiamenti delle regole di gestione senza interventi diretti sul codice. Questa caratteristica permette di intervenire sulla configurazione dei processi per mettere in 9

10 pratica le decisioni relative al governo dell Ateneo. Architettura orientata ai servizi (SOA) e all integrazione (web services) L architettura U-GOV si concretizza in uno strato di servizi che consente di accedere ai dati e alle funzioni del sistema informativo in modo trasparente e riutilizzabile per le altre applicazioni. Questo migliora la capacità di cooperazione applicativa, facilitando l accesso ai dati e potenziando i flussi operativi e le sinergie tra diversi sistemi informativi. Standard aperti L uso di standard aperti, in particolare lo standard JEE per lo sviluppo delle componenti applicative, consente di sviluppare la comunicazione fra i diversi moduli ed offrire applicazioni distribuite, sicure e interoperabili U-GOV Risorse Umane: integrazione di CSA e sviluppo del personale Consolidare quanto già fatto e sviluppare strumenti a supporto della gestione del cambiamento organizzativo sono stati gli obiettivi che il Progetto U-GOV si è prefissato per potenziare le funzionalità adibite alla gestione delle Risorse Umane. La progettazione di quest area funzionale si è sviluppata a partire dall esperienza pluriennale che ha acquisito nell ambito della gestione giuridica ed economica del personale con l applicazione CSA (Carriere e Stipendi di Ateneo, il precedente software per la gestione del personale) e ha capitalizzato il patrimonio di esperienze maturato sul campo nella collaborazione con oltre 80 amministrazioni. La scelta è stata quella di privilegiare la fornitura di nuove funzionalità in nuovi ambiti correlati alla gestione del personale, piuttosto che avviare da subito la riscrittura delle funzionalità relative a CSA nel nuovo sistema. Si è deciso quindi di integrare CSA all interno di U-GOV. Le nuove funzionalità sviluppate nativamente in U-GOV riguardano i processi di sviluppo organizzativo Gestione Organico, Valutazione Prestazioni, Sviluppo e formazione ed, in futuro, Reclutamento. 10

11 In sintesi, per U-GOV Risorse Umane l attenzione è stata rivolta verso i seguenti punti. Continuità con le applicazioni già usate dagli Atenei utenti; Potenziamento della copertura funzionale; Integrazione di informazioni e processi U-GOV Risorse Umane: integrazione con le aree funzionali Contabilità, Ricerca e Didattica Sin dalla nascita del Progetto U-GOV nel 2005 è apparso evidente che l area delle Risorse Umane doveva rappresentare il punto di partenza su cui costruire le fondamenta di tutto il sistema. veniva infatti da una esperienza pluriennale di realizzazione di soluzioni software distinte per le principali aree amministrative degli Atenei; con molti di essi aveva affrontato problematiche di integrazione tra le diverse applicazioni, mettendo in luce la centralità dei dati e dei processi dell area delle Risorse Umane. Figura 2. Questa immagine, che rappresenta una screenshot di U-GOV Programmazione Didattica, mette il luce come da questo sistema sia possibile visualizzare i dati di carriera di un docente per la copertura di una attività didattica. Le anagrafiche delle persone, i dati riguardanti la struttura organizzativa e la condivisione delle informazioni giuridiche ed economiche del personale strutturato ed a contratto, rappresentano sicuramente un elemento strategico all interno di un sistema integrato che, come U-GOV, ambisce a coprire processi 11

12 trasversali tra diverse aree funzionali. Si pensi, a titolo di esempio, alla lista dei docenti da fornire alla programmazione didattica, piuttosto che alle informazioni storiche di carriere degli autori riconosciuti per le pubblicazioni della ricerca nonché i rendiconti dei costi di stipendi e compensi in contabilità (si vedano le figure 2 e 3). Figura 3. Questa immagine mostra una screenshot di U-GOV Catalogo e Valutazione Ricerca. Anche da questo sistema è possibile visualizzare direttamente i dati di un autore di una pubblicazione del catalogo della ricerca. Figura 4. Lo schema in figura evidenzia la condivisione delle informazioni tra il mondo delle risorse umane e il mondo della contabilità in U-GOV. 12

13 Di centrale importanza sono anche le integrazioni con il mondo della contabilità di U-GOV. I dati relativi ai compensi in U-GOV risiedono nelle stesse tabelle dove sono registrati gli emolumenti stipendiali. Ciò consente di rendere disponibili queste due tipologie di informazioni per tutti gli adempimenti centralizzati in maniera automatica, senza che sia necessario allineare i dati con procedure separate. 13

14 14

15 4. I moduli di U-GOV Risorse Umane U-GOV Risorse Umane è composto da 8 moduli nativamente integrati che insieme rappresentano una completa soluzione per i processi e le tematiche relative alla gestione del personale: - Carriere - Stipendi - Compensi - Missioni e trasferte - Gestione Organico - Valutazione Prestazioni - Sviluppo e Formazione - Reclutamento I seguenti paragrafi hanno l obiettivo di fornire una sintetica descrizione funzionale dei moduli sopra citati Gestione Organico U-GOV Gestione Organico consente di rappresentare la struttura organizzativa dell Ateneo attraverso la definizione delle posizioni organizzative, l individuazione dei ruoli corrispondenti cui è possibile associare varie tipologie di attributi quali competenze professionali, obiettivi di risultato ecc. Figura 5. Esempio di gestione di pianta organica. 15

16 Il Modulo consente di associare le persone alle posizioni organizzative individuando livello di copertura e fabbisogni di risorse. Grazie alla storicizzazione delle entità organizzative coinvolte, Gestione Organico consente inoltre di tracciare l evoluzione dell organizzazione nel tempo. Integrazione nativa con U-GOV Carriere L integrazione nativa tra il modulo U-GOV Gestione Organico e il modulo U-GOV Carriere permette di condividere le informazioni relative alla struttura organizzativa ed alle anagrafiche delle risorse umane evitando duplicazioni di dati. L inserimento delle informazioni è univoco e può avvenire da entrambe le applicazioni. La stessa funzionalità è facilmente attivabile per CSA, il sistema sviluppato da per la gestione delle carriere e degli stipendi ed attualmente utilizzato dalla maggior parte degli Atenei italiani. Tutti gli Atenei che utilizzano il sistema CSA potranno così beneficiare da subito delle nuove funzionalità del modulo U-GOV Gestione Organico e della completa integrazione tra le soluzioni. Orientamento alla governance Gestione Organico è un modulo U-GOV finalizzato alla governance di Ateneo per supportarlo nella definizione e gestione dell organizzazione allo scopo di tracciarne l evoluzione nel tempo. Consente di definire in modo formale l organizzazione interna in termini di relazioni tra le funzioni e in termini di responsabilità e attività. Consente inoltre di abbinare categoria contrattuale prevista e numero di personale richiesto a ciascuna posizione, individuando esuberi e carenze. Il modulo Gestione organica permette la rappresentazione dell organigramma istituzionale e dell organigramma di dettaglio interno agli uffici. (vedi figure 5 e 6) Figura 6. Esempio di organigramma funzionale ottenibile con i dati di Gestione Organico 16

17 Figura 7. Esempio di organigramma istituzionale ottenibile con i dati di Gestione Organico Gestione strategica delle competenze Gestione Organico consente la gestione completa del catalogo delle competenze strutturate secondo le classificazioni e le tipologie individuate dall Ateneo. Partendo dal modello organizzativo e dai relativi ruoli associati, U-GOV Gestione Organico permette inoltre la gestione dei profili di competenze richieste per l implementazione del modello organizzativo individuato. Per facilitare gli Atenei nella costruzione del modello, ha scelto di rendere disponibile un dizionario delle competenze ed una serie di profili standard. L offerta si articola in due soluzioni che hanno in comune la facilità di implementazione e il contenimento dei costi. Soluzione Base E dotata di un Dizionario di competenze trasversali e di un insieme di Profili ridotti all essenziale. Grazie ad una rapida implementazione con ridottissimi costi di consulenza, risponde all esigenza di rendersi adempienti alla normativa vigente minimizzando l impatto operativo sulle strutture. Soluzione Completa E dotata di un Dizionario di competenze trasversali e di una gamma di Profili più articolati rispetto alla soluzione Base. Il Modulo nella versione Completa, può essere implementato senza modifiche ma, a richiesta, consente di costruire un sistema minimamente personalizzato. 17

18 Partendo da una base predefinita è infatti possibile effettuare modifiche riducendo tempi e costi di realizzazione. Figura 8. L immagine mostra l insieme delle competenze richieste per un ruolo organizzativo. Integrazione con componenti esterni per la valutazione delle posizioni e l analisi retributiva L architettura di U-GOV favorisce l integrazione tramite web services con prodotti di terze parti che gestiscono processi avanzati in ambito risorse umane come l analisi retributiva o la valutazione delle posizioni organizzative. ha intrapreso una collaborazione con aziende specializzate volta a realizzare progetti di integrazione e interoperabilità in questa direzione Valutazione Prestazioni Il sistema di valutazione delle prestazioni rappresenta lo strumento fondamentale per la gestione strategica delle risorse umane ed è al centro dei recenti sviluppi normativi riguardanti la Pubblica Amministrazione. La valutazione delle prestazioni è articolata in due ambiti distinti ma integrabili costituti dagli obiettivi di risultato e dalle competenze professionali. Entrambi questi ambiti possono concorrere in modo univoco o combinato a definire la prestazione del personale rispetto a quanto richiesto dalla posizione organizzativa ricoperta. U-GOV Valutazione Prestazioni consente di gestire il processo di valutazione delle risorse umane in ogni sua fase: dalla definizione dell evento, alla notifica ai valutatori e valutati, dal supporto ai giudizi espressi alla gestione dell analisi di adeguatezza delle valutazioni fino all esame dei risultati delle valutazioni stesse. 18

19 Figura 9. L immagine mostra le fasi del processo di valutazione. Gli output del processo di valutazione possono essere utilizzati per finalità differenti: - la valutazione sugli obiettivi si presta ad un collegamento diretto con forme di retribuzione variabile; - la valutazione delle competenze trasversali può essere utilizzata sia per definire forme di retribuzione variabile (integrando il punto precedente), sia per concorrere come uno dei 5 elementi previsti dal CCNL alle progressioni orizzontali; - La valutazione delle competenze specialistiche offre una visione complessiva del patrimonio professionale dell organizzazione ed individua i fabbisogni formativi delle persone Sviluppo e Formazione Finalità del modulo è automatizzare e supportare i processi che ruotano attorno alla gestione della formazione del personale di Ateneo garantendo così un continuo e preciso monitoraggio dello sviluppo della singola risorsa in termini di competenze e capacità professionali. L analisi dei fabbisogni formativi e la programmazione delle attività formative sono strumenti primari e fondamentali per una corretta e utile valorizzazione e crescita del personale di Ateneo. 19

20 Integrazione nativa con U-GOV Valutazione Prestazioni U-GOV Valutazione Prestazioni individuando per ogni area di competenza le persone con gap da colmare, è in grado di fornire gruppi di persone con fabbisogni formativi omogenei. Collegando i corsi a catalogo alle competenze censite in Gestione Organico è possibile ottenere, come output automatico della valutazione delle prestazioni, un analisi dei bisogni formativi che sostituisce quasi interamente sia le interviste ai responsabili di struttura sia la raccolta di auto-candidature da parte del personale. Gestione dell attività di formazione Il Modulo consente la gestione di tutti i corsi interni ed esterni strutturabili in edizioni e moduli didattici; garantisce la gestione dei partecipanti sia in fase di inscrizione che in fase di presenza/assenza che in fase di valutazione del percorso formativo. Alimenta automaticamente il curriculum formativo del personale. Valutazione dell apprendimento U-GOV Sviluppo e Formazione consente di gestire e monitorare due differenti tipi di valutazione dell apprendimento. Uno, più comune, basato sul gradimento dei partecipanti ed un secondo, a disposizione del responsabile gerarchico, attinente all effettiva applicazione sul luogo di lavoro di quanto appreso. Produzione reportistica Il Modulo prevede un ampio insieme di interrogazioni e di stampe per rappresentare l investimento sul capitale umano operato dall amministrazione Reclutamento U-GOV Reclutamento automatizza il processo di assunzione del personale tecnicoamministrativo sia nel caso di concorsi interni che esterni all Ateneo nelle sue varie forme (concorsi, mobilità, chiamata diretta, ). Questo Modulo consente la produzione automatica di tutta la documentazione richiesta nelle modalità e nel rispetto della normativa vigente. Integrazione nativa con U-GOV Gestione Organico Nel caso sia attivato U-GOV Gestione Organico, l Ateneo può automaticamente evidenziare il fabbisogno di personale direttamente nel modulo Reclutamento per l avvio del processo di assunzione. Integrazione nativa con U-GOV Carriere 20

21 Attivando in Ateneo anche il modulo Carriere, il processo di assunzione gestito da Reclutamento mette a disposizione automaticamente i dati necessari alla gestione della carriera, evitandone il duplice inserimento e garantendo la congruità del dato. Produzione automatica della documentazione Il Modulo consente di produrre automaticamente gli output necessari per gestire il processo di reclutamento in tutte le sue fasi. Ad esempio sono prodotti automaticamente l avviso di bando da inviare ad Atenei e Ministero, le lettere di convocazione per gli ammessi, le lettere di convocazione della commissione, lettere di assunzione, risultati degli esami e graduatorie, ecc. La data di rilascio del modulo Reclutamento è ancora da definire Carriere Carriere ha come obiettivo la gestione dei dati giuridici del personale. La carriera di ogni dipendente viene vista come l insieme degli avvenimenti giuridici ed economici che lo riguardano a partire dall inizio del suo rapporto di lavoro con l amministrazione fino alla sua cessazione. Dall interpretazione della carriera, il modulo Carriere è in grado in automatico di determinare l inquadramento e gli emolumenti spettanti secondo le regole ed i meccanismi definiti dai contratti vigenti per tutte le figure professionali previste. Le informazioni giuridiche gestite da Carriere costituiscono quindi la base propedeutica alla corretta gestione economica del dipendente e in tal senso sono disponibili anche a tutti coloro che utilizzano il modulo Stipendi. L integrazione tra Carriere e Stipendi non inficia l autonomia di gestione degli uffici garantita ad esempio da un meccanismo di validazione degli eventi ai fini economici. L estrema flessibilità delle impostazioni del modulo Carriere e la completezza delle funzioni offerte conferiscono all Ufficio del Personale grandi potenzialità di gestione accrescendone l efficienza. Carriere infine consente la produzione dei documenti e delle stampe che vengono solitamente richieste ed elaborate dagli uffici preposti (stati matricolari o di servizio, certificati, elenchi del personale). 21

22 Progressione della carriera La progressione della carriera di un dipendente viene elaborata dalla procedura secondo regole e meccanismi che, sanciti dal contratto in vigore, consentono in automatico di: - determinare l inquadramento ad una certa data; - reperire gli emolumenti spettanti ad una certa data; - esporre eventi relativi agli avanzamenti determinati dall anzianità quando necessario, ad es. nello stato matricolare. Tali automatismi valgono per l insieme degli eventi con decorrenza uguale e/o successiva all applicazione delle leggi D.P.R. 382/80, per il personale docente e L. 312/80, per il personale tecnico-amministrativo, che hanno introdotto gli attuali inquadramenti giuridici del personale. In particolare, la procedura distingue la gestione precedente e successiva le date di entrata in vigore delle suddette normative. Stato giuridico ed economico Utilizzando diversi criteri di selezione, Carriere permette di consultare e visualizzare ad ogni data di riferimento, presente, passata o futura, l intero insieme delle variabili di stato della posizione del dipendente: attività, part time, supplenze, funzioni. E uno strumento utile per individuare e risolvere gli errori di interpretazione dovuti alla immissione di sequenze non corrette di eventi, senza attendere l elaborazione del cedolino. Stampe e documenti La stampa degli elenchi del personale è improntata alla massima flessibilità e consente in maniera estremamente facilitata di individuare i contenuti e disporli nelle aggregazioni e nella forma desiderata. I dati selezionati sono sempre disponibili in un file consultabile con strumenti di calcolo elettronico (Microsoft Excel, OpenOffice Calc, ). Inoltre è possibile stampare lo Stato matricolare di servizio contenente gli eventi di carriera utilizzando un word processor (Microsoft Word, OpenOffice Writer, ). Tutto ciò consente di personalizzare il modello di stampa da parte del personale di Ateneo. Infine Carriere produce, utilizzando i dati giuridici caricati nelle carriere e negli incarichi didattici, vari tipi di documenti come in particolare provvedimenti, lettere, attestati. 22

23 4.6. Stipendi Il modulo Stipendi nasce per gestire il trattamento economico del personale di Ateneo sia esso strutturato che a contratto. Esso consente la liquidazione degli emolumenti al personale strutturato e assimilato di tre comparti, Università, Sanità e Ricerca. Stipendi sviluppa una gestione storica di molte informazioni elaborate. Questa caratteristica permette alcune importanti funzionalità, come ad esempio i ricalcoli automatici dei conguagli dell anno corrente, ed eventuali arretrati di anni precedenti. Nel corso degli anni il modulo Stipendi è evoluto per soddisfare le nuove esigenze specifiche del mondo universitario: nuove figure professionali da gestire, informatizzazione dei rapporti con gli enti preposti, de-materializzazione dei documenti e degli atti. Stipendi fornisce, inoltre, gli strumenti per l assolvimento di tutti gli adempimenti fiscali e previdenziali che l Ateneo è tenuto a sostenere in qualità di Sostituto di imposta ed offre un ampio spettro di funzionalità per alimentare le banche dati degli Enti preposti a vario titolo: - CUD e Gestione TFR - Assistenza fiscale - Uni-Emens e DMA - Banca dati MIUR - Conto annuale - INAIL - Anagrafe delle prestazioni - F24. Particolare attenzione è stata posta alla produzione dei cedolini risultanti dal calcolo degli stipendi per consentire agli uffici stipendi di definire personalizzazioni grafiche e testuali e di impostare la modalità di consegna del cedolino preferita (su portale web, via mail, mezzo postel, ecc.). Le funzionalità del modulo subiscono una continua e tempestiva manutenzione evolutiva. provvede all adeguamento da un punto di vista normativo garantendo l implementazione degli aggiornamenti relativi all amministrazione del personale nel pieno rispetto dei tempi e delle scadenze previsti dalla legge. 23

24 Integrazione nativa con U-GOV Contabilità I processi che collegano i flussi informativi dall Area Funzionale Risorse Umane verso l Area della Contabilità (e viceversa) sono automaticamente disponibili senza nessun intervento tecnico. In particolare le Università che utilizzano i moduli contabili del sistema U-GOV possono beneficiare della condivisione automatica dei dati di liquidazione ai fini contabili e dei processi ad essi correlati. Questo consente per esempio di rendicontare in ragioneria automaticamente l elaborazione degli stipendi, offrendo un notevole vantaggio per l Ateneo velocizzando sensibilmente il processo e riducendo drasticamente gli sforzi operativi attualmente necessari. Rivalutazione Monetaria Il modulo Stipendi consente di gestire i processi relativi alla rivalutazione monetaria generando i risultati ottenuti al fine del pagamento e del conguaglio fiscale. Il calcolo degli importi di rivalutazione monetaria e/o interessi sulle somme nette può essere effettuato secondo varie modalità, secondo quanto disposto nella sentenza. I criteri implementati sono: - circolare n. 83 del 23/12/1998 del Ministero del Tesoro, Bilancio e Programmazione Economica - rivalutazione e interessi - il più favorevole tra rivalutazione e interessi. Infine, qualora si disponga degli importi lordi, il programma prevede una funzionalità di nettizzazione per le casse previdenziali INPS e INPDAP Compensi Il modulo Compensi definisce il calcolo dei corrispettivi che vengono pagati a vari soggetti a fronte di un contratto o di un incarico per una prestazione erogata verso una struttura dell Ateneo. Alla stessa stregua dell elaborazione di uno stipendio anche l elaborazione di un compenso presenta molti elementi di complessità. In particolare, la prestazione erogata va inquadrata entro un ambito normativo corretto, in modo da soddisfare diverse esigenze di calcolo quali: - determinare quanto deve essere liquidato come netto percipiente; - misurare gli oneri fiscali o previdenziali a carico dell'ente in relazione al compenso erogato ed al tipo di soggetto percettore; - computare quanto deve essere versato, in qualità di Sostituto di imposta, come onere fiscale e previdenziale a carico del percettore. 24

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007.

La vigenza dell articolo è poi stata confermata dal CCNL 24/7/2003, all art. 142, e dall art.146 CCNL - 2007. INDENNITÀ DI FUNZIONI SUPERIORI, DI REGGENZA e di DIREZIONE Riferimenti normativi: art. 69 del scuola 94-97 - tutt'ora in vigore in quanto richiamato esplicitamente dall'art. 146 del scuola 29/11/07 art.

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Il programma è articolato in due parti.

Il programma è articolato in due parti. 1 Il programma è articolato in due parti. La prima parte: illustra il sistema per la gestione dell anagrafica delle persone fisiche, con particolare riferimento all inserimento a sistema di una persona

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 250B LE VERIFICHE DELLA REGOLARE TENUTA DELLA CONTABILITÀ SOCIALE (In vigore per le verifiche della regolare tenuta della contabilità sociale svolte dal 1 gennaio 2015)

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La ricostruzione della carriera del personale della scuola

La ricostruzione della carriera del personale della scuola La ricostruzione della carriera del personale della scuola Se guardiamo gli ultimi 50 anni, l evoluzione della progressione di carriera aveva subito parecchie variazioni, ma sostanzialmente un principio

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO Ufficio VI -Area amministrazione e gestione delle risorse finanziarie Corso Ferrucci n. 3 10138 Torino SINTESI NORMATIVA EFFETTUAZIONE E LIQUIDAZIONE ORE ECCEDENTI ED ATTIVITA AGGIUNTIVE DI INSEGNAMENTO

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture

- Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo o Strutture SUA-RD - NOTE TECNICHE PER L UTILIZZO DELL INTERFACCIA Utenze abilitate alla compilazione della scheda SUA-RD: - Ateneo - Strutture (Dipartimenti/Facoltà) - Utenti di II livello, autorizzati da Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

Software di gestione delle partecipate per l ente l

Software di gestione delle partecipate per l ente l Software di gestione delle partecipate per l ente l locale Obiettivo Governance Le necessità di governo del sistema delle partecipate comportano l esigenza di dotarsi di un software adeguato, che permetta

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II*

CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* CINECA - NOTE TECNICHE per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) PARTE I e II* Indice 1. Informazioni generali 2. Parte I: obiettivi, gestione e risorse del Dipartimento

Dettagli

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file

Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file Prospettive di collaborazione: dall anagrafe agli authority file di Marco Paoli Eccellenze, autorità, colleghi bibliotecari, già con la firma dell Intesa fra CEI e MiBAC (18 aprile 2000) relativa alla

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI

CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI FORUM PA 2014 Roma, 27 maggio 2014 CINQUE IDEE PER LA P.A. DI DOMANI PERCHÉ UNA P.A. DI TUTTI HA BISOGNO DI TUTTI 1 - TRASPARENZA 2.0 Per render conto ai cittadini Garantire l'accessibilità totale Siamo

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

L Azienda non è mai stata cosi vicina.

L Azienda non è mai stata cosi vicina. L Azienda non è mai stata cosi vicina. AlfaGestMed è il risultato di un processo di analisi e di sviluppo di un sistema nato per diventare il punto di incontro tra l Azienda e il Medico Competente, in

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

Art. 3 Procedura di selezione

Art. 3 Procedura di selezione Regolamento per l'attribuzione a professori e ricercatori dell'incentivo di cui all'articolo 29, comma 19 della legge 240/10 (Emanato con Decreto del Rettore n.110 del 4 aprile 2014) Art. 1 Oggetto 1.

Dettagli