Citando Enzo Spaltro, ritengo che ciò che permette l apprendimento siano essenzialmente

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Citando Enzo Spaltro, ritengo che ciò che permette l apprendimento siano essenzialmente"

Transcript

1 Citando Enzo Spaltro, ritengo che ciò che permette l apprendimento siano essenzialmente la partecipazione e la condivisione tra un gruppo di allievi ed una presenza di esperti che determina input e proposte ma che lascia al gruppi di allievi stessi la leadership del progetto di apprendimento. È giunto il momento di superare la tradizionale conduzione di corsi e lezioni di derivazione accademica con presenze di solo docenti, ma è necessario che essi siano anche e soprattutto esperti ed animatori. La condizione di apprendimento è costituita dal gruppo degli allievi, per tale ragione, verranno proposte ed utilizzate metodologie classiche ma al contempo innovative ed alternative, teoriche e pratiche, tutte comunque centrate più sull apprendimento che sull insegnamento (secondo il tipo LCT Learning Centered Training = Formazione centrata sull Apprendimento). La formazione non è un addestramento per cui è rivolta a favorire l apprendere più che esaltare l insegnare, una formazione rivolta allo sviluppo personale ed al benessere soggettivo sia dell allievo che dell organizzazione che lo utilizza, presupponendo una coincidenza tra lo sviluppo del singolo ed il risultato dell impresa, nonché, di riflesso, la crescita della realtà sociale di appartenenza.

2 Creatività, Autostima, Motivazione CREATIVITA : Il discorso sulla creatività è strettamente connesso con quello della qualità e della bellezza, e quindi del benessere. Sembra metaforico ma la società che ha preceduto la nostra è stata quella della scarsità, dell obiettività e del malessere. Siamo talmente abituati al malessere che, senza stare male, ci sembra non si possa godere di nulla. Il costo del piacere è parte integrante dell idea stessa del piacere. La creatività ne è un esempio: essere creativi vuol dire essere originali, ma anche un po strani, per cui tale idea è in parte anche associata al discorso di anticonformismo e di devianza. Ma essere creativi è anche opportunità, ossia un nuovo modo di vedere e agire le cose: oggi ci affacciamo timidamente allo spazio del benessere, della soggettività, della qualità, tremando per la paura di fare qualcosa che non ci spetta e per cui potremmo essere puniti. Viviamo al di sopra delle nostre possibilità e questo ci viene spesso ricordato come rimprovero. Benestanti si diventa, non si nasce. Nessuno nasce benestante. Ciò significa che è evidente che si può imparare a stare bene e che di conseguenza lo si può insegnare. Prima però il c è da riflettere sul discorso del benessere: il benessere in natura non esiste e quindi bisogna inventarlo, ed è anche evidente che lo star bene è essenzialmente un sentirsi bene, un vivere di più la dimensione soggettiva della nostra vita. Il benessere obiettivo è sempre più la conseguenza del benessere soggettivo. La soggettività è il vedere ognuno a modo suo, la capacità di attribuire un senso al proprio mondo, di costruirlo e non di subirlo. Tutti i discorsi che si fanno oggi sulla creatività hanno in comune un punto: che ogni produzione creativa deriva da un investimento energetico, da un interesse, da un muoversi, da un cambiare un oggetto d amore. La creatività è basata sulla costruzione di un circolo virtuoso, fatto cioè di sfumature successive, che aumentino il benessere di chi investe su un oggetto d amore, un puntare quindi sulla qualità e non sulla quantità dell investimento. Creatività letteralmente è la creazione di realtà inesistenti e accompagnata perciò da due effetti fondamentali: leggerezza e allegria. La leggerezza è imminenza, ossia sentimento di possibilità, di qualcosa che sta per succedere. L allegria è investimento, flusso, andamento, passaggio, novità. La creatività è una risorsa psichica componente delle Risorse Umane. Essa può avere diverse accezioni quali: a) creatività vs EMOTIVITA = non logica, non razionale, se troppo pensata viene meno. b) creatività vs ESTETICA = non normativa, senza regole, bella più che buona. c) creatività vs ALLEGRIA = gioia, abbondanza, benessere, euforia. LA CREATIVITA VA DIFESA, ESSA SI PROPONE SPONTANEAMENTE COME MODELLO MENTALE ALTERNATIVO. VA OLTRE LA STRUTTURA. Si distingue dagli strumenti mentali classici come le metafore, la logica, la difesa dell oggettività e si pone tra gli strumenti emotivi. Fondamentale per l espressione della

3 creatività è l interpretazione. Per la classe dominante la creatività è devianza perché essendo irrazionale ed incontrollabile conduce all errore, per cui spesso la creatività è nell immaginario collettivo correlata con il concetto di rischio. Citando Guilford egli ci parla di pensiero divergente costruire, concretizzare ciò che si produce; e di pensiero convergente in cui si ha la produzione delle idee e dove la creatività non è legata all intelligenza. Emisfero destro sensitivo (mappe mentali) Emisfero sinistro logico (numeri, dati, parole) La fase di maggior creatività è la fase onirica, quando si sogna, in quanto si abbassano le difese perché ci si distacca dal giudizio. Lo stesso Guilford insieme ad Osborne ha creato un modello che è composto da una serie di fasi che gli autori definiscono Tappe della Creatività : intenzione: ho voglia di sviluppare un idea preparazione: raccolgo le informazioni attraverso tutti i sensi e gli stimoli incubazione: elaborazione delle informazioni a disposizione illuminazione: si fa la scelta verifica: composizione ed applicabilità pratica una delle tecniche di creatività più conosciute e più applicata soprattutto dalle aziende di pubblicità e marketing per trovare il nome dei prodotti da lanciare, è quella che viene definita BREINSTORMING (letteralmente tempesta di cervelli): si propone un tema e i partecipanti attraverso associazioni tipo parole, frasi, ecc. assolutamente libere (annotate da un segretario) esternano le idee che poi vengono filtrate. Esistono soltanto quattro regole: 1. c = critica abolita 2. q = quantità 3. e = estrosità 4. m = moltiplicazione sistematica la creatività è bloccata dal giudizio e dai vincoli sociali ed individuali interni come l influenza dell autostima e della percezione del sé. In particolare i vincoli sociali (o culturali) inducono ad aver paura nell esporsi nei confronti di un qualcosa di fittizio, intangibile ed imprevedibile. Una delle maniere migliori per utilizzare la creatività è passare attraverso la consapevolezza, ossia diventare consapevoli di ciò che si è inconsapevoli.

4 Un altro autore molto importante a proposito di creatività è certamente De Bono, il quale ci dice che ognuno di noi può essere una persona creativa in quanto possediamo due tipologie di pensiero: - il Pensiero Verticale, quando si pensa ad un problema e si arriva linearmente, per logica, attraverso degli step alla soluzione, anche per analogia sulla base di esperienze pregresse; - il Pensiero Laterale, quando si pensa fuori dagli schemi. Si passa da un elemento all altro senza logica, lasciandosi trasportare. Per sviluppare il pensiero laterale bisogna identificare le idee dominanti e neutralizzarle, tenere in considerazione gli eventi fortuiti ed il caso, cambiare prospettiva, utilizzare punti di vista differenti trovando nuove chiavi di lettura. Lo stesso autore attraverso una metafora di cappelli e di colori ci dice che ognuno di noi in base al contesto in cui interagisce si veste o meno di un particolare stile di pensiero legati alla passività e/o all azione. - ROSSO soggettivo, rifletto gli eventi su di me; - BIANCO oggettivo; - NERO critico negativo; - GIALLO critico positivo; - VERDE creatività, fertilità; - BLU sintesi, il cielo, tiene tutto e abbraccia tutti i punti di vista; AUTOSTIMA L identità personale nasce dall interazione tra: - SE REALE, come che siamo - SE IDEALE, come vorremmo essere - SE NORMATIVO, come dobbiamo essere L autostima dipende dalla discrepanza tra i vari sé. Se abbiamo un sé normativo fortemente interiorizzato ogni volta che si va contro di esso cala il livello di autostima in quanto sé ideale e sé normativo si scontrano. Inoltre la concordanza tra sé reale e sé normativo provoca lo scontro con il sé ideale. Ogni gap tra i vari sé genera problemi. L identità nasce dalla reciprocità tra SE PRIVATO e SE PUBBLICO. Sistemi di autoalimentazione dell autostima: BASSA AUTOSTIMA aspettative negative scarso impegno fallimento conferma dell autovalutazione negativa BASSA AUTOSTIMA

5 ALTA AUTOSTIMA aspettative positive massimo impegno successo conferma dell autovalutazione positiva ALTA AUTOSTIMA MOTIVAZIONE La motivazione può essere definita come la spinta a Essa può essere estrinseca (avere), ossia il raggiungimento di un obiettivo fuori dall individuo, come ad es. un bisogno; o intrinseca (essere) centrata sull azione. Due delle teorie classiche per la spiegazione delle energie che ci spingono ad agire sono: la scala dei bisogni di Maslow: egli fa riferimento a specifici bisogni il cui soddisfacimento è fondamentale per il benessere e la sopravvivenza dell organismo; esse ci spiegano quindi perché una persona deve agire ma non ci dicono che tipo di azione verrà scelta per soddisfare quei bisogni. bisogni fisiologici bisogni di sicurezza bisogni di affetto bisogni di stima bisogni di autorealizzazione la teoria del valore di Adams e Mc Clelland: prendono in considerazione ciò che l individuo vuole o desidera, ossia secondo l idea che le persone agiscono per massimizzare un vantaggio. I valori esprimono una preferenza o avere un carattere morale; essi vengono apprese attraverso l esperienze e l interazione con l ambiente e differiscono da persona a persona. La maggior parte delle teorie sulla motivazione al lavoro sono teorie del valore e si concentrano sull influenza di uno o più valori sull azione. Il discorso legato agli aspetti motivazionali in ambito organizzativo è uno dei concetti maggiormente trattati dalla psicologia del lavoro. Una definizione che potrebbe contenerne altre, nello specifico riferito all ambito lavorativo, potrebbe essere quella coniata da Steers e Porter, i quali parlano di un aspetto dell individuo che inizia, dirige, sostiene l azione umana verso una prestazione lavorativa, ciò che induce a mettere in atto un determinato comportamento o prestazione. Oltre al concetto di valore legata al discorso della motivazione in ambito organizzativo c è quello di obiettivo: per ottenere un certo valore bisogna decidere quali compiti e standard di prestazione scegliere, l obiettivo è più vicino all azione dei bisogni o dei valori in quanto consente di predire e spiegare il comportamento anche se l azione umana è determinata da tutti e tre i costrutti. Ai fini del nostro contributo ci interessa

6 evidenziare la causa più prossima del comportamento organizzativo evitando di proporre una teoria onnicomprensiva della motivazione e pertanto ci soffermeremo sulla teoria del goal setting. Un goal = obiettivo è ciò che un individuo sta cercando di raggiungere, è l oggetto o lo scopo di un azione. Il goal come altri processi mentali ha due principali attributi: il contenuto e l intensità. 1. Con contenuto del goal ci si riferisce all oggetto o risultato che deve essere raggiunto; in genere si tratta di aspetti del mondo esterno in altri è possibile avere obiettivi di tipo psicologico come la felicità, inoltre il contenuto del goal può differire sia da un punto di vista quantitativo che da un punto di vista qualitativo. È inoltre importante fare una distinzione tra task (compito) e goal (obiettivo) usati spesso ed erroneamente in maniera interscambiabile. Con task si fa riferimento ad una parte del lavoro che deve essere fatta; con goal ci si riferisce all ottenimento di uno specifico standard di abilità/competenza su un certo compito, normalmente entro un certo limite. Possiamo riassumere che con TASK SI FA RIFERIMENTO AL FARE MENTRE CON GOAL SI SOTTINTENDE IL PENSARE. 2. La seconda dimensione che definisce l obiettivo si riferisce all intensità del goal e attiene al processo di assegnazione del goal o di come si raggiunge. L intensità viene misurata da fattori quali: a) lo scopo del processo cognitivo, b) il grado di sforzo richiesto, c) l importanza del goal, d) il contesto nel quale viene assegnato. Il goal setting si configura come un sistema di gestione che va dall assegnazione degli obiettivi alla valutazione e piano di sviluppo del collaboratore e poggia su due assunti fondamentali: Obiettivi difficili: conducono a prestazioni più elevate rispetto a quelli facili. Tali risultati vengono attribuiti al fatto che le persone normalmente adattano il loro sforzo alle difficoltà del compito intrapreso e perseverano maggiormente nei compiti difficili rispetto a quelli più facili. Crescendo la difficoltà cresce anche il livello di prestazione. Obiettivi specifici: conducono a prestazioni più elevate rispetto a obiettivi del tipo fai del tuo meglio) o alla mancanza di obiettivi. Mentre i goal sono vaghi sono compatibili con parecchi risultati, i goal specifici confrontano la persona con standard di prestazione predefiniti e quindi inequivocabili. In tale contesto la scelta del goal riflette l integrazione di due tipi di considerazioni che riguardano da un lato ciò che è possibile e dall altro ciò che si vuole. Per capire perché il goal setting interessa la prestazione è necessario far riferimento ai mediatori, o meccanismi causali, attraverso i quali i goal regolano l azione. Tali meccanismi sono: la direzione, lo sforzo, la perseveranza, lo sviluppo di strategie.

7 Un goal accettato dirige e canalizza l attenzione verso quelle attività che sono rilevanti per il goal ed attiva capacità e conoscenze di cui l individuo dispone e che diversamente non utilizzerebbe. Un goal specifico regola l investimento di sforzo o di energia; le persone adeguano il loro sforzo in funzione della difficoltà del compito, ed è questo l effetto cruciale del goal difficile. Un goal interessa la persistenza nelle situazioni dove non vengono imposti limiti di tempo, ovvero la tenacia di fronte ad ostacoli e difficoltà nel mantenersi concentrati nel raggiungimento dell obiettivo. Di fronte a compiti complessi, dove questi tre meccanismi possono risultare insufficienti il goal stimola a sviluppare strategie e piani d azione. Anche il tempo che intercorre tra l assegnazione dell obiettivo e la sua realizzazione costituisce una variabile rilevante. L assegnazione di obiettivi ravvicinati (come sotto-obiettivi di quelli distanti) può influenzare positivamente pensieri autoreferenti, motivazioni e prestazione. Il goal distante invece da solo può essere tuttavia efficace se le persone hanno un elevato interesse nelle attività e qualora sia richiesta una certa flessibilità e l uso di strategie che devono essere cambiate nel tempo. Importante moderatore che influenza la prestazione inteso come fattore che può o meno facilitare e/o ostacolare la traduzione del goal in prestazione di successo è l impegno, ovvero il grado di attaccamento della persona al goal, la convinzione sia circa la possibilità di raggiungere il goal sia circa l importanza del goal stesso. La maggior parte dei comportamenti è regolata da processi di anticipazione che prendono la forma di obiettivi. L assegnazione personale di obiettivi è influenzata dalla valutazione delle proprie capacità: più forte è la percezione della propria self-efficacy (percepita e definita come la convinzione delle persone circa le proprie capacità di produrre livelli di prestazione in grado di esercitare influenza sugli eventi che interessano la loro vita), più alto è l obiettivo che le persone si assegnano e più persistente è l impegno su di esso. La maggior parte del corso delle azioni è inizialmente organizzato in pensieri. Le credenze delle persone nella loro efficacia prendono la forma di scenari anticipatori che esse costruiscono e ripercorrono mnemonicamente. Quelli che hanno un elevata self-efficacy visualizzano scenari di successo che forniscono guide e supporto positivi alla prestazione. Le credenze di efficacia personale (legate all autostima) giocano un ruolo fondamentale nella regolazione della propria motivazione. LE PERSONE MOTIVANO SE STESSE E GUIDANO LE LORO SCELTE ATTRAVERSO UN PROCESSO DI ANTICIPAZIONE. In tale ottica anche il feedback assume un ruolo di primaria importanza: ovvero, il ritorno, la conoscenza dei propri risultante funge da rinforzo e quindi da moderatore.

8 IL SUCCESSO TRA OTTIMISMO E PESSIMISMO La psicologia quasi mai si pone come obiettivo complementare quello di far star meglio le persone che stanno già bene. Forse perché, come afferma Spaltro, le società che hanno preceduto la nostra, ed in parte ancora oggi, siamo talmente abituati all idea del malessere che senza stare male ci sembra non si possa godere di nulla. Il costo del piacere è parte integrante dell idea stessa del piacere. Oggi ci affacciamo timidamente all idea ed allo spazio del benessere, della soggettività, della qualità, tremanti per la paura di fare qualcosa che non ci spetta, per cui potremmo essere puniti. Quando agiamo comportamenti e situazioni al di sopra delle nostre possibilità spesso veniamo rimproverati e tendiamo ad entrare in conflitto col nostro sé normativo. Benestanti si diventa, non si nasce: lo stare bene è essenzialmente un sentirsi bene. È da qui che prende sempre più corpo l idea che il benessere obiettivo, quello di tutti, è sempre più la risultante di un benessere soggettivo, quello proprio. Spostare l attenzione dal pessimismo verso l ottimismo, dal malessere verso il benessere, dal fallimento verso il successo, è in sintesi questo; ossia, vivere a 360 la propria soggettività, riuscire ad andare oltre gli stereotipi e le strutture, essere capaci di attribuire un senso al proprio mondo, di costruirlo e non di subirlo. Passare da un ottica pessimistica ad una prospettiva ottimistica, e quindi anche da un probabile fallimento (non solo in termini di quantità di obiettivi raggiunti, ma anche e soprattutto in termini di soddisfazione e di qualità) ad un possibile successo è possibile non solo per le persone psichicamente deboli ma anche per le persone psichicamente stabili. Citando nuovamente Spaltro, il passaggio dalla psicologia (intesa come disciplina normativa e nell uso comune connotata con il malessere e la cura attraverso la terapia) alla psichica (intesa come interesse rivolto verso il soggetto in condizioni di normalità, di benessere e che tende al miglioramento della propria condizione) potrebbe essere il punto di partenza per una virata in tal senso. Contestualizzando questo discorso in ambito organizzativo, ogni qual volta si vivono sentimenti di disagio, stress, alienazione, insoddisfazione (aspetti sintomatologici legati spesso al burnout) si aggiunge un nuovo tassello al mosaico del malessere che porta gradualmente al distacco e quindi alla perdita o abbandono del lavoro. Ogni qual volta un soggetto non ha successo o perde il lavoro vuol dire che soffre. Per molto tempo una pubblicità, a cavallo con l ingresso dell Italia nell Europa monetaria, per lubrificare e favorire il cambiamento a partire dalla percezione di una realtà differente a prescindere dal confronto con la precedente moneta, ci ha invitati a pensare in euro : bene, cambia il contenuto ma il processo resta il medesimo, ossia, pensare al benessere innalza le possibilità di successo e quindi di realizzazione, favorisce la qualità della vita e migliora l adattamento degli individui all ambiente.

9 Azzardo a questo punto una possibile strada da percorrere: abbandonare il pessimismo distruttivo a favore di un ottimismo costruttivo. Ogni grande cambiamento parte dall interno di ognuno di noi, solo e soltanto se davvero lo vogliamo: adottare uno stile ottimistico non è tanto quello che riusciamo a dire agli altri ma prevalentemente è ciò che riusciamo a dire a noi stessi al momento di un rifiuto, di un insuccesso, di una delusione. Sono molte le teorie che hanno tentato di sintetizzare le variabili soggettive intervenienti in un processo di elaborazione mentale del genere, ma non è questa la sede opportuna per discorrerne, faccio solo un breve cenno a quella che ritengo sia più vicina alle situazioni che quotidianamente un soggetto, in ambito personale e professionale, pubblico e privato, si ritrova più facilmente a vivere. La teoria dello stile esplicativo, infatti, afferma che ciò che favorisce il successo, soprattutto in prossimità di circostanze che presuppongono una sfida e/o una competizione, è la complicità risultante da tre fattori: attitudine, motivazione, ottimismo. Il successo implica la persistenza, l abilità e la forza di non arrendersi al fallimento. Un calciatore può avere il talento di Maradona o di Pelè ed uno smisurato desiderio di fama e successo; tuttavia se crede di non riuscire ad esibire prestazioni con uno standard calcistico elevato e consono alle sue ambizioni, non otterrà alcun risultato. L ottimismo è fondamentale nell agire soggettivo perché produce persistenza, e la persistenza ( intesa come impegno, caparbietà, tenacia, costanza, professionalità, ecc.) è la via maestra da percorrere per il raggiungimento di qualunque obiettivo desiderato. Il pessimista manca a priori di immaginazione e di iniziativa ma soprattutto manca d azione; l ottimista non si preclude alcuna strada, anzi, attraverso la creatività si crea nuove ed apparentemente invisibili opportunità. Un pessimista, critico per definizione, non potrà mai essere creativo in quanto la creatività è bloccata dal giudizio e dai vincoli esterni (sociali e culturali) ed interni (bassa autostima e percezione di sé negativa). La creatività come risorsa del soggetto, come energia psichica che spinge all agire, va difesa. Essa si propone come un modello mentale alternativo. Ma il pessimismo è in ognidove: alcune persone ne sono perennemente afflitte, ma chi più, chi meno, ne risente. Ma che cos è il pessimismo? È uno di quei meccanismi in cui ci sono tutti i pezzi ma che evidentemente sono stati montati male e non ce ne accorgiamo oppure non riusciamo a coglierne la valenza ma in realtà anch esso svolge un ruolo importante nell omeostasi naturale? Istintivamente verrebbe da dire che un sano pessimismo risulta essere necessario in quanto si pone alla base di un pensare realistico di cui spesso abbiamo bisogno. Per usare un espressione di gergo comune si potrebbe dire che siamo bravi a sognare e a crearci delle illusioni ma bisogna stare con i piedi per terra perché se si cade volando da troppo in alto si rischia di farsi male e non poco. Ma non mi sembra sufficiente ne convincente, infatti, tra i suoi paradigmi di base il pessimismo ritiene che l ottimismo sia per natura infondato. È il caso di ripetuti fallimenti per cui pur avendo la forza di continuare a

10 vedere le cose in maniera positiva non è di per sé sufficiente a cambiarle. Molte volte è più funzionale (e per i pessimisti incalliti, più intelligente) ridurre le perdite ed investire i propri pensieri, il proprio tempo, le proprie energie in altre direzioni piuttosto che individuare sterili ragioni che inducano alla perseveranza. Anche di questo il pessimismo da le sue ragioni. Mantenere il controllo delle situazioni in cui si agisce è prerogativa dei pessimisti. Calcando la mano in maniera provocatoria ed esasperata, in molti tra i fautori del pessimismo sostengono che le persone depresse, la maggior parte delle quali si rivela pessimista, giudicano in maniera accurata e ponderata il loro livello di controllo degli eventi; viceversa, le persone non depresse, quindi ottimisti (?!?!?) per la maggior parte, credono di avere molto più controllo sugli eventi di quanto ne hanno realmente, soprattutto nelle situazioni in cui, di fatto, sono impotenti. È quantomeno inquietante sapere che le persone depresse vedono la realtà correttamente mentre quelle non depresse la distorcono e la adattano in maniera illusoria alle proprie necessità! Sarà forse che felicità e verità, ottimismo e benessere, creatività e realtà, siano rispettivamente l una l antitesi dell altra? Certamente è innegabile che l ottimismo ha un proprio ruolo nell evoluzione della specie. In OPTIMISM: THE BIOLOGY OF HOPE, Lionel Tiger sostiene che la specie umana è stata selezionata dall evoluzione in virtù delle sue illusioni ottimistiche della realtà. In quale altro modo una specie avrebbe potuto altrimenti evolvere al punto di fare una semina in primavera e persistere poi alla siccità ed alla carestia sino all autunno oppure avere la forza di lavorare le materie prime e di costruire imponenti monumenti e cattedrali il cui tempo di realizzazione superava quello di molte vite umane? È la capacità di agire sperando in un futuro migliore che generalmente attiva questo coraggioso e stravagante comportamento. Ma se il pessimismo è il fondamento della depressione e del suicidio, se fa calare il rendimento, se altera sino a distruggere le relazioni, se ha effetti negativi sul sistema immunitario e quindi sullo stato di salute, se elimina il sorriso, perché non è scomparso nel corso del tempo? Per quale buon motivo è necessario alla specie umana da non poterlo eliminare? Esisterà forse nei meandri dei nostri emisferi uno spazio che diventa recettivo esclusivamente se stimolato da input di pensieri negativi? Ma com è possibile migliorare, crescere, evolvere, svilupparsi, tendere al ad un sempre maggiore benessere se non si pensa e non si sogna qualcosa che non esiste ancora? Incitare alla cautela è opportuno in ogni circostanza in cui per eccessiva euforia si rischierebbe altrimenti di non fare delle scelte del tutto azzeccate, ma dall essere prudenti e non sventurati, al mettere il carro davanti ai buoi, ne passa! Forse una possibile alternativa sarebbe quella di adottare un pensiero sì ottimistico, ma altrettanto flessibile. È solo una questione di misura, ma ritengo altresì che crearsi delle illusioni e agire dei comportamenti sulla base del nulla siano degli aspetti che non appartengono

11 all ottimismo, mentre il pessimismo prende la forma di una vera e propria profezia che si autodetermina. Anche i più ottimisti fanno esperienze di stati mentali di pessimismo: secondo alcuni studiosi, pare che (ma è ancora tutto da dimostrare) lo stile esplicativo precedentemente citato segna un ritmo biologicamente determinato. I ritmi circadiani in certi momenti fanno emergere una lieve depressione: tipicamente si è più depressi al risveglio mentre col procedere del giorno si è più ottimisti. Questi ritmi sono compresi in un ciclo biologico più generale: il ciclo di attività-riposo (Basic Rest and Activity Cycle o BRAC). Come si è visto, esso declina intorno alle quattro del pomeriggio ed alle quattro di mattina, mentre raggiunge il picco nella tarda mattinata e all inizio della sera, anche se tale ciclo varia con un margine di oscillazione da individuo a individuo. Quando il BRAC raggiunge i punti più alti si è più ottimisti. Senza tali momenti non si realizzerebbe niente di apparentemente difficile ne tenteremmo mai nulla di rischioso: l Everest non sarebbe stato scalato, i computer non sarebbero stati inventati, nessuno avrebbe mai volato, nessuno avrebbe mai calcato il suolo di latri pianeti attraversando lo spazio e le galassie. Il genio dell evoluzione sta dunque tra una tensione dinamica fatta di ottimismo flessibile e sano pessimismo dato dalla reciprocità della loro interazione e dai continui aggiustamenti. Tale fluttuazione che porta talvolta a rischiare talvolta a trincerarsi, genera quella tensione che permette agli esseri umani di realizzare così tante cose. Ma l ottimismo, in special modo in principio, è soprattutto emozione, è sentire le cose, per cui ognuno di noi vive e sopravvive anche attraverso di esso e attraverso gli stati mentali, le percezioni e le sensazioni che l ottimismo ci regala. E poi, come poter pensare ad un sano pessimismo (la cui pronuncia rimanda immediatamente a delle accezioni dai connotati poco confortanti e positivi!) senza essere ottimisti?

12 I GRUPPI: Essere membri di un gruppo è qualcosa di più che far parte di un insieme di persone. Kurt Lewin per spiegarci tale fenomeno conia la teoria del campo attraverso cui ci spiega che esiste una caratteristica fondamentale quale l interdipendenza per cui ogni membro è in una condizione di reciproca relazione, di interazione e di scambio, con gli altri membri, all interno di uno spazio definito e condiviso, e si adopera per il raggiungimento degli obiettivi comuni. La mancanza eventuale di uno dei membri del gruppo tenderà a creare una sorta di meccanismo compensatorio dovuto al maggiore impegno dei restanti membri. Da ciò si evince che un gruppo è di più della somma delle singole parti che lo compongono, semmai, dovendolo descrivere attraverso una metafora matematica quantitativa, ne è il suo prodotto. Per definire un gruppo è necessario che siano presenti una serie di elementi che lo caratterizzano: 1) appartenenza, come consapevolezza dell essere insieme. noi rispetto a loro 2) fini comuni 3) interdipendenza 4) relazione/comunicazione. Strutturazione attraverso i ruoli 5) riconoscimento. Dall esterno 6) identità. Percezione da parte dei membri legata al riconoscimento distinguiamo inoltre due grandi tipologie di gruppi: - GRUPPI PRIMARI: (informali). piccolo numero di persone che interagiscono in maniera diretta e immediata con coinvolgimento di personalità; - GRUPPI SECONDARI: (formali). scarsi legami emotivi, minore coinvolgimento e maggiore importanza a ruoli e funzioni; le persone tendono a costituirsi in piccoli gruppi per poter soddisfare quelle esigenze emotive che i gruppi di grandi dimensioni non permetterebbero di fare. Perché si formano i gruppi? Bisognerebbe fare una premessa sulle basi biologiche e psicologiche dello sviluppo delle relazioni tra individui. Max Weber tra i suoi tanti scritti definì l uomo come animale sociale. In gruppo gli individui si adattano e sfruttano l ambiente in modo più efficace di quanto non si possa fare singolarmente. La socializzazione ci rende adatti alla vita sociale e aiuta a conservare il gruppo oltre la vita dei singoli individui stessi. - TEAM/EQIPE si forma per eseguire uno specifico lavoro (gruppi strumentali) non eseguibile dai singoli (es. gruppi di lavoro, task force, ecc.)

13 - GRUPPI ESPRESSIVI si formano per soddisfare bisogni di accettazione, stima e dipendenza. Formazione spontanea (es. amici) - GRUPPI DI SUPPORTO hanno come obiettivo l unione al fine di ridurre sensazioni negative, di distrarsi, di divulgare informazioni (es. associazioni di volontariato). La partecipazione è di tipo volontario e non hanno alcun legame con istituzioni governative. - GRUPPI TERAPEUTICI tipologia simile alla precedente. Perseguono obiettivi specifici e ben definiti (es. fondazioni in memoria) - ISTITUZIONI TOTALI mentre le precedenti tipologia di gruppo avevano come fine il raggiungimento degli obiettivi prefissati x il bene dei membri, questi ultimi hanno come obiettivo il bene comune, della società (es. ospedali, caserme, prigioni, monasteri, ecc.) Struttura e dimensione dei gruppi: bisogna innanzitutto fare una prima distinzione tra: a) diadi: gruppi di due persone estremamente fragili perché possono essere distrutti dall allontanamento di uno dei due membri; b) triadi: a rischio coesione e quindi rottura perché evolverà in maniera del tutto naturale il fatto che prima o poi due stabiliranno rapporti più stretti tra di loro ed escluderanno l altro; c) piccoli gruppi: maggiormente produttivi. Avendo potenzialmente maggiori relazioni e maggiori risorse conseguentemente si avranno maggiori opportunità. Al crescere del numero dei membri in maniera inversamente proporzionale avremo una maggiore necessità di organizzazione, quindi di strutturazione e di formalizzazione, per cui il risultato sarà maggiore dispersione e minore consenso, minore soddisfazione e minore coinvolgimento. La struttura di un gruppo fa riferimento ai ruoli ed alle funzioni svolte dai singoli membri ed alle forze che ne mantengono l organizzazione. Essa consiste degli elementi che danno forma al gruppo e che ne alimentano il suo funzionamento. RUOLI: reciproche aspettative di comportamento che i membri sviluppano e si comunicano in base alla posizione occupata ed alle norme; FUNZIONI: attività che vengono svolte in funzione degli obiettivi; L EFFICACIA DI UN GRUPPO DIPENDE DA UNA CORRETTA PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA OSSIA DA UNA CORRETTA INTEGRAZIONE TRA FUNZIONI E RUOLI.

14 Il gruppo può costituire per l individuo l occasione sia di un esperienza positiva che di un esperienza negativa: il problema fondamentale è sapere quali fattori sono in grado di favorire una buona disposizione tra i suoi componenti e quali fattori determinano invece il prevalere dell antagonismo. Un ruolo importante in tale senso viene esercitato dalla coesione, termine con cui indichiamo il grado di attrazione reciproca dei membri, presi come singoli, del gruppo nel suo complesso e dal valore attribuito ad essa. Festinger sosteneva che la coesione interna può essere favorita da qualsiasi fattore in grado di innalzare il valore del gruppo agli occhi del singolo componente (es. il raggiungimento degli obiettivi prefissati). Inoltre la coesione aumenta in valore e l autostima cresce quando si ha la percezione che i guadagni del singolo dipendono dal contributo di tutti. In questo contesto la competizione fa da modulatore: quella esterna favorisce la coesione del gruppo, quella interna sortisce l effetto contrario. Importante per la vita del gruppo e dei propri membri è la valorizzazione del proprio contributo in termini di riconoscimento: ciò favorisce la soddisfazione, innalza l autostima ed il senso di appartenenza. Man mano che aumenta il numero di membri di un gruppo diminuisce lo sforzo prestato da ogni singolo individuo: questa reazione viene definita inerzia sociale, per cui l individuo non mette grande impegno in un dato compito quando il suo contributo resta inglobato nella prestazione complessiva del gruppo. i gruppi di tipo partecipativo sembrano avere maggiore stabilità, durata e coesione, quindi maggior riconoscimento. FASI DI CRESCITA DEI GRUPPI: Ogni gruppo attraversa stadi di sviluppo differenti. Fattori di influenza sono lo spazio ed il tempo in relazione alla percezione degli obiettivi ed alla soggettività dei membri che lo compongono, nonché alle variabili socio-culturali che intervengono; tra tutte: - atteggiamenti: stati mentali organizzati nel corso dell esperienza che influenzano le risposte degli individui con oggetti e persone con cui si relazionano; - abitudini: funzioni mentali legate all esperienza ed in relazione ad obiettivi specifici ed a situazioni che fungono da rinforzo; - comportamenti: insieme stabile di azioni e reazioni di un organismo a stimoli interni (motivazione) e/o esterni; in un organizzazione la pressione temporale genera l aspettativa che il gruppo funzioni come un meccanismo programmato: ma il gruppo è formato da individui, da soggetti, che vanno al di là delle funzioni cui sono chiamati ad adempiere, per cui si configura più come organismo, del quale è possibile individuare e prevedere alcune grandi tappe di sviluppo senza dare per scontato i modi e i tempi della sua evoluzione:

15 1) ORIENTAMENTO (forming - non è ancora un gruppo). si palesano i bisogni di sicurezza e di affiliazione, si definiscono il territorio, gli obiettivi, le attività, le regole, le leadership; si passa alla fase successiva solo se c è confronto 2) COFLITTUALITA (storming si tende al pensiero collettivo attraverso la condivisione delle risorse). Valutazione delle azioni comuni, delle tensioni, delle resistenze e delle ostilità. Creazione di sottogruppi. Sfida alla leadership. si passa alla fase successiva se si supera il conflitto e vi è stabilità 3) COESIONE (norming si è formato un gruppo: cominciano le dinamiche ad alto confronto). Consenso sugli obiettivi, fiducia, condivisione delle regole, cooperazione, accettazione reciproca. si passa alla fase successiva attraverso la percezione della consapevolezza di essere gruppo 4) STRUTTURAZIONE (performing si agiscono i comportamenti). Si sviluppa senso di appartenenza, riconoscimento del gruppo, tolleranza e costruttività, gestione dei conflitti, flessibilità, raggiungimento degli obiettivi. IL PROCESSO DI FORMAZIONE E DI CRESCITA DAL PRIMO ALL ULTIMO STADIO PASSA SU UN CONTINUUM CHE PORTA UNO SVILUPPO DA UNA FASE DI IMMATURITA AD UNA FASE DI MATURITA. Secondo Weber la burocrazia nasce dalla necessità di razionalizzare e quindi gestire, controllare e prevedere, i comportamenti e le azioni. Implica il passaggio dal lavoro generico al lavoro specialistico (dal lavoro manuale alla produzione meccanicizzata a partire dalla rivoluzione industriale). La maggiore produttività è una delle ragioni del prevalere della burocrazia. La burocrazia implica delle regole: le regole sono molto simili agli ordini ma meno personali e dirette. Etzoni fa della burocrazia una classificazione che riportiamo di seguito: - COERCITIVA: si esercita il controllo attraverso la forza - NORMATIVA: l adesione si basa sulla persuasione morale - UTILITARIA: si servono di forme di pagamento (salari, stipendi, condizioni di lavoro, premi, ecc.) per ottenere l adesione dei lavoratori organizzazioni industriali

16 Grandoni definisce il gruppo a livello macro-sociale come una modalità di coordinamento dell azione collettiva. Le organizzazioni come gruppi numerosi tendono ad essere più complesse: la complessità è in funzione del numero di livelli di autorità e del numero di ruoli in cui sono suddivise le attività a ciascun livello. Le regole sono necessarie a soddisfare i bisogni del sistema, ossia quei bisogni che mettono il gruppo in condizione di adempiere alle sue funzioni (gruppo = sistema di entità relazionanti). Burocrazia e norme introducono il discorso sul controllo nei gruppi: la maniera più diffusa in ambito organizzativo è il controllo attraverso il consenso sugli obiettivi, attraverso l accettazione di ruoli e compiti assegnati. Ciò rende i comportamenti strutturati e più o meno prevedibili, si abbassano le possibilità di conflitto e si favoriscono i comportamenti desiderati attraverso le norme (aspettative di comportamento condivise). Le norme riflettono i valori, gli atteggiamenti e le opinioni in quanto sono espressioni di diritti e doveri condivisi che garantiscono l equità. Influenzano la libertà dei singoli e favoriscono il controllo: quanto più una norma è restrittiva, tanto più è maggiore il controllo esercitato. Le norme servono a creare comunanza e condivisione, facilitano i rapporti sociali. Le norme più importanti si trasformano spesso in prassi, regole e procedure che i membri sono tenuti a seguire. Affinchè avvenga tale passaggio è necessario che una norma sia investita e rivestita di valore e condivisa. Il potere delle norme sta nel fatto che sono così radicate che spesso vengono tacitamente accettate, inoltre generano in noi aspettative: l influenza ed il controllo esercitati sono in funzione del grado di valutazione attribuito alla conseguenza della violazione. LA CULTURA ORGANIZZATIVA: Tra gli aspetti organizzativi che influenzano maggiormente l efficacia di un gruppo vi è sicuramente la cultura organizzativa, intesa come il modo di pensare, sentire e agire che esiste e si specifica all interno di un dato contesto aziendale. Possiamo intendere la cultura di una organizzazione come l insieme di significati acquisiti che orientano e regolano i comportamenti delle persone e più in generale, gli eventi, ovvero l organizzazione ideologica dell azienda costituita da quei sistemi di concetti e convinzioni mediante i quali si esprimono i valori usati dall organizzazione ed i simboli attorno ai quali i valori stessi sono organizzati. Cultura è in sostanza l insieme dei modi di soluzione che vengono adottati prevalentemente nell affrontare problemi di esistenza della società all interno della quale si agisce, da cui scaturiscono modelli di comportamento e consequenziali percezioni di modelli potenzialmente adatti o potenzialmente devianti. Mancando la cultura viene a mancare il collante che tiene uniti gli individui e i gruppi che fanno parte dello stesso contesto lavorativo, e quanto più questo contesto è differenziato, reticolare e complesso, tanto più è necessario il riferimento ad un sistema di valori condivisi. La cultura è inoltre espressione e

17 rappresentazione delle norme e dei valori del sistema formale e della loro traduzione e ricodificazione nel sistema informale e riflette la storia dell organizzazione: ad essa si fa riferimento per interpretare e valutare le azioni, i comportamenti, e per identificare un criterio di uniformità. Schein definisce la cultura come un insieme di assunti di base, inventati, scoperti o sviluppati dai membri di una organizzazione per affrontare i problemi di adattamento esterno o di integrazione interna che si è dimostrato così funzionale da essere considerato valido e, conseguentemente, da essere indicato ai nuovi membri come il modo corretto di percepire, di pensare e di sentire in relazione a quei problemi. Egli sostiene che una cultura organizzativa si esprima a tre livelli: 1) il livello più visibile è costituito dagli artefatti: l ambiente fisico (architettura, arredamento, oggetti simbolici e non), la tecnologia in uso, il linguaggio scritto e parlato, le procedure ed i comportamenti manifesti delle persone; 2) ad un livello più latente ci sono i valori condivisi dal gruppo e presidiati dal management. I valori sono preferenze accordate, stime di un ipotetico vantaggio, convincimenti circa il miglior modo di fare la cose, valutazione di desiderabilità. Se il valore, alla verifica oggettiva, si rivela funzionale al risultato desiderato si trasforma in convinzione e col passare del tempo si da per scontato che per quel particolare tipo di problemi c è un modello di comportamento più adeguato degli altri. 3) Se il valore ha funzionato si trasforma in assunto. Gli assunti di base costituiscono il livello più profondo, latente, inaccessibile di una cultura, rappresentano le concezioni fondamentali sulla natura delle cose natura dell uomo, natura della relazioni, natura delle attività di lavoro e tutti insieme costituiscono l anima di una unità sociale. Sono qualcosa in più dei valori nel senso che quando si consolida un assunto le persone non lo discutono più e scartano automaticamente tutte le alternative di scelta. LEADERSHIP: influenza: processo attraverso il quale si cerca di ottenere il consenso e/o la modifica di un atteggiamento/comportamento da uno stato iniziale a quello desiderato. All interno di un gruppo la sola presenza degli altri, anche senza un coinvolgimento attivo, origina un influenza sui comportamenti. La performance indotta dai comportamenti altrui (facilitazione e inibizione sociale) in caso di compiti facili o conosciuti aumenta, mentre peggiora se i compiti sono difficili e nuovi. Molte persone infatti diventano apprensive quando sono osservate e valutate e vengono distratte dalle opinioni altrui. L influenza può dar vita a diversi fenomeni tra cui conformismo, inerzia sociale, cittadinanza organizzativa (altruismo e generosità, supporto e aiuto agli altri membri senza secondi fini o ritorni). La ricerca sulla leadership prese avvio negli USA durante l ascesa del nazismo in Germania.

18 La leadership passa attraverso il consenso ed il riconoscimento e costituisce il passo decisivo nella differenziazione dei ruoli: dipende dalle caratteristiche del gruppo e dai suoi obiettivi, nonché dalla tipologia di interazioni presenti al suo interno. Di solito il gruppo riconosce il ruolo del leader o di guida in base a due scale di valori: capacità di coordinamento e capacità di essere ben voluti. Siccome raramente le due capacità sono impersonate da un unico individuo, spesso si verifica un tipo di reggenza a due, uno riscuote benevolezza, l altro raccoglie in sé efficienza e organizzazione. Lewin fa una distinzione tra varie tipologie di leader: AUTORITARIO: forte dipendenza dai membri, competizione tra i membri DEMOCRATICO: scarsa dipendenza dei membri, rendimento quantitativo modesto ma superiore qualità della vita e soddisfazione PERMISSIVO: scarsa dipendenza dei membri, rendimento quantitativo modesto, elevata partecipazione Secondo Freud il leader è colui il quale tutti i membri proiettano il proprio ideale dell io. INTERAZIONE E COMUNICAZIONE DI GRUPPO: Una rete di comunicazione totale in cui tutti possono comunicare e tutti lo fanno, presuppone un interazione diretta tra i membri, i quali devono possedere parità di condizione, ossia capacità e possibilità di influenza equilibrata e reciproca. Parte di tali interazioni, soprattutto in presenza di conflitti d interesse, renderebbe necessario il ricorso alla negoziazione. Di fondo resta comunque inamovibile la condivisione degli obiettivi per cui i conflitti possono riguardare i modi migliori per farlo, i giudizi, l interpretazione delle informazioni, ecc., in sintesi, conflitti di giudizio e d opinione risolvibili mediante confronto e decisioni di gruppo. c è da ribadire sempre che, più il gruppo è numeroso, più aumentano i costi e l impiego di energie, in termini di tempo ed in numero di comunicazioni (connessioni: combinazioni possibili tra le varie parti). La comunicazione come scambio di messaggi significativi e condivisi, costituisce il perno attorno cui ruota e si sviluppa la vita del gruppo: per la sociologia e la psicologia sociale un insieme di individui non è un gruppo se non esiste e si instaura uno scambio di gesti significativi e dotati di un senso, ossia, il gesto dell uno significa per l altro ciò che il primo pensa di fare successivamente. Attraverso tali comunicazioni il gruppo si crea una finalità comune, atteggiamenti e comportamenti che, opposti ad altri individui, ne rafforzano la coesione. Le comunicazioni sono causa ed effetto della struttura interna: Il numero di comunicazioni che un individuo emette e riceve è connesso con lo status che occupa (strutture); Gli scambi di comunicazione dipendono dal grado di divergenza tra le opinioni oggetto di discussione (processi);

19 La comunicazione segue vie formali e vie informali, orizzontali e verticali; Il meccanismo centrale è mettere in comune informazioni e competenze attraverso il confronto. Nel caso di un problema, la possibilità di vedere aspetti prima non considerati e di accedere a nuove informazioni, porta le persone ad accettare di rivedere le proprie percezioni, giudizi e posizioni e a persuadersi a vicenda. Sulla soluzione dei problemi il decidere in gruppo consegue grandi vantaggi a livello cognitivo e quindi decisionale oltre che a livello motivazionale in termini di opportunità di riuscita. COMPORTAMENTI NEI GRUPPI: Gruppi centrati sul contenuto EFFICACI: iniziare (proporre, suggerire) su obiettivi, compiti, azioni, idee, attività, punti di vista informarsi (chiedere) informazioni, dati, opinioni per comprendere meglio scopi e azioni informare (offrire) informazioni, dati, fatti, opinioni chiarire & elaborare (interpretare e specificare) idee, suggerimenti, termini, piani, ecc. verificare (criticare positivamente) idee, metodi, piani, ecc. a cui corrispondono rispettivamente INEFFICACI: dare per scontato (dare per noti, evitare di formulare) su obiettivi, compiti, azioni, idee, attività, punti di vista attendere (attendere passivamente) informazioni, dati, opinioni per comprendere meglio scopi e azioni mantenere (tenere per sé) informazioni, dati, fatti, opinioni dare per compreso (accettare passivamente) idee, suggerimenti, termini, piani, ecc. dare per compreso (evitare qualsiasi critica di) idee, metodi, piani, ecc. Gruppi centrati sulla relazione EFFICACI: incoraggiare (mostrarsi disponibile verso gli altri) armonizzare (tentare di armonizzare e ridurre diversità, divergenze e tensioni) mantenere aperta la comunicazione (facilitare la partecipazione di tutti) verificare il consenso (chiedere per valutare il grado di condivisione delle decisioni) stimolare (attivarsi per fare riflessioni sul modo di operare del gruppo) a cui corrispondono rispettivamente

20 INEFFICACI: bloccare (mantenere le distanze dagli altri) attaccare (reagire aggressivamente alle diversità, divergenze e tensioni) dominare la comunicazione (impedire la partecipazione di tutti) manipolare (dare per scontato, evitare di far esprimere il grado di condivisione delle decisioni) svalutare (assumere posizioni ciniche verso il modo di operare del gruppo) COPPIE, GRUPPI, ORGANIZZAZIONI: Un tempo si credeva che il comportamento organizzativo fosse essenzialmente una modalità di funzionamento collettivo, oggi si crede che il campo organizzativo comprenda e permetta il massimo dei livelli di funzionamento sociale: il campo sociale è il luogo psicologico dove avvengono relazioni a quattro livelli: coppia, gruppo, collettivo, comunità, che ruotano attorno a tre meccanismi/dinamiche/sentimenti: 1) Sicurezza: quello che io so e quello che gli altri sanno di me è vero? Lo posso utilizzare? Mi posso e ci possiamo fidare? 2) Colpevolezza: quello che io so e quello che gli altri sanno di me è in accordo o in contrasto? Chi ha ragione? Che conseguenze può avere la diversità di percezione? 3) Appartenenza: quello che io so e quello che gli altri sanno di me proviene dallo stesso ambiente e dalle relazioni o è solo similitudine e non c è relazione, quindi siamo estranei? La sicurezza influenza il bisogno di obiettività e di autorità e rifiuta il conflitto. Si passa continuamente dalla certezza all incertezza e si tende a rendere unico il plurale. La colpevolezza pone il problema del passaggio dalla dualità/ambivalenza tipica della colpevolezza stessa, all unità rassicurante del mito (negazione della realtà). Si oscilla tra realtà deprimenti e desideri mitologici. L appartenenza da origine alle motivazioni, alla conflittualità, ad amicizie ed inimicizie, ed è intesa come produttrice di soggettività. Il gruppo è una presa in considerazione dei comportamenti altrui, è uno stato d animo, è un linguaggio, è una cultura, è un livello di funzionamento sociale che gestisce l ansietà in quanto da sicurezza. Mayo lo ha definito teatro del potere, ossia il luogo ed il tempo in cui agire ansie, paure, angosce, colpe, estraneità (potere: capacità di produrre o di impedire un cambiamento). Il gruppo si pone come momento intermedio tra soggetto e organizzazione ed il gruppo stesso attraverso la soggettività crea cultura. In ambito organizzativo oggi si parla di quattro tipologie di cultura come differenti funzionamenti di livello sociale: 1) COPPIA relazioni interpersonali, livello individuale o di coppia; 2) GRUPPO relazioni sociali, livello sociale o di gruppo;

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca

Filippo Ferrari, Aleph Zero Formazione e Ricerca MOTIVAZIONE AL LAVORO, TEORIA DEL GOAL SETTING E PROGETTI DI INSERIMENTO ORGANIZZATIVO (PIO) Un ipotesi di applicazione della riforma Biagi applicata ai contratti di inserimento nelle organizzazioni. Filippo

Dettagli

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership

IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI. Definizione e funzioni. Processi decisionali di gruppo. Leadership IL GRUPPO DI LAVORO (CAPITOLO XI) ARGOMENTI Definizione e funzioni Processi decisionali di gruppo Leadership Cos è un gruppo? Lewin (1951, Field Theory in Social Science) Il gruppo non è la somma dei suoi

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

La motivazione del personale 2013

La motivazione del personale 2013 La motivazione del personale 2013 Federica Bandini Concetto fondamentale Necessario garantire continua compatibilità tra: Esigenze del sistema organizzativo (ente) Esigenze di individui e gruppi Assicurare

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010

CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 CONVEGNO FISM SIRACUSA 27 NOVEMBRE 2010 INTERCULTURA PARITARIA: STRUMENTI E TECNICHE PSICOLOGICHE DI COMUNICAZIONE PER FAVORIRE L INCLUSIONE E LA RECIPROCITA mariellabianca psicoterapeuta analista transazionale

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IL CONFLITTO IL GIOCO DELL INTERRELAZIONE annalisa amadi Latina Scalo 22-23 giugno 2013 1 il conflitto si esprime attraverso i comportamenti 2 il comportamento è la manifestazione

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team

Lezione 7. Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team Lezione 7 Team building e team work: il ruolo del leader e le modalità di gestione del team 1 COS E UN GRUPPO Si definisce gruppo: un insieme di individui con caratteristiche o interessi comuni, legati

Dettagli

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE MODELLI DI GESTIONE DELLE RISORSE UMANE SOMMARIO La ricerca di nuovi modelli di sviluppo delle r.u. La pianificazione dello sviluppo del personale Modelli di leadership La ricerca di nuovi modelli di sviluppo

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA

AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA LUCIA TODARO, PSICOPEDAGOGISTA AUTOSTIMA QUESTA CHIMERA SCONOSCIUTA Autostima = giudizio che ognuno dà del proprio valore ( dipende sia da fattori interni che esterni ) EricKson: la stima di sé deve venire da dentro, dal nocciolo di

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012

CORSO AVANZATO EFAC. Roma, 30 marzo 2012 CORSO AVANZATO EFAC Roma, 30 marzo 2012 1 Corso avanzato per Caf Assessor La leadership e le dinamiche di gruppo 2 Da Henry Ford a Steve Jobs Siate affamati,.. siate folli Voi non dovete pensare, ci sono

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE

Cap. 7: L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE : L IMPRENDITORE MANAGER E IL MANAGER - IMPRENDITORE Definizioni Per lo sviluppo di un impresa sono necessarie sia le abilità dell imprenditore che quelle dei manager * Le abilità imprenditoriali sono

Dettagli

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica.

IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA. www.ergonomica. IL COMPORTAMENTO DEL LEADER E LA REAZIONE DEI MEMBRI DEL GRUPPO IN TRE DIVERSI CLIMI AZIENDALI AUTORITARIO DEMOCRATICO LASSISTA Ogni decisione sul da farsi viene presa dal leader. Tutte le cose da farsi

Dettagli

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento

IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento IL SIGNIFICATO DEI COMPITI A CASA: oltre la necessità di apprendimento Riflessioni su tempo, sviluppo, regole, autonomia, fiducia, sostegno Dr.ssa Nadia Badioli IL SENSO DEI COMPITI STRUMENTO PER: incentivare

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

Vediamo dei piccoli passi da fare:

Vediamo dei piccoli passi da fare: L assertività L assertività è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro e valido le proprie emozioni e opinioni senza offendere né aggredire l interlocutore.

Dettagli

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE.

COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. COACHING & COUNSELING, IDENTITA E DIFFERENZE. A cura di: Domenico Nigro. Direttore didattico e trainer della Scuola IN Counseling. Consulente aziendale. Life e Business Coach. INDICE Cap.1: Coaching &

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Alcune domande fondamentali

Alcune domande fondamentali PSICOLOGIA DEI GRUPPI sabina.sfondrini@unimib.it Testi: Boca, Bocchiaro, Scaffidi Abbate, Introduzione alla Psicologia sociale, Il Mulino, Bologna. Tutti i capitoli tranne il 3 Speltini, 2002, Stare in

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

Le componenti dell'assertività

Le componenti dell'assertività ASSERTIVITA Il comportamento assertivo è quel comportamento attraverso il quale si affermano i propri punti di vista, senza prevaricare né essere prevaricati. Si esprime attraverso la capacità di utilizzare

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e

L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e L autostima (self-esteem) è il complesso delle valutazioni che l individuo ha maturato sul proprio conto. L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA

PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA PRINCIPI DI TERAPIA COGNITIVA Secondo la terapia cognitiva, l uomo possiede la chiave della comprensione e soluzione del suo disturbo psicologico entro il campo della sua coscienza. I problemi dell individuo

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Experiential Training Activity

Experiential Training Activity Experiential Training Activity L EXPERIENTIAL TRAINING ACTIVITY È un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti molto complessi. L Experiential Training Activity è una

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione

INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione INNOVARE PER PROGETTARE O PROGETTARE PER INNOVARE? La cultura e le competenze aziendali per un efficace progettazione Roma, 21/04/2015 1 INNOVAZIONE PROGRAMMI UE CHE FINANZIANO L INNOVAZIONE Finanziamenti

Dettagli

LA SICUREZZA E IMPORTANTE

LA SICUREZZA E IMPORTANTE DISC PROFILO VERDE INTRODUZIONE Le persone con un alto profilo comportamentale VERDE preferiscono lavorare all interno di strutture esistenti e collaborare con gli altri. Il VERDE vuole sentirsi sicuro

Dettagli

IL GRUPPO E I GRUPPI DI LAVORO

IL GRUPPO E I GRUPPI DI LAVORO IL GRUPPO E I GRUPPI DI LAVORO IL GRUPPO Etimologia Il termine «gruppo» deriva da «groppo» (nodo) che rimanda all idea di assemblaggio, qualcosa che riunisce, lega tra loro molteplici elementi ma anche

Dettagli

Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione

Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione Gestire lo stress e vivere bene nell organizzazione Stefania Mussi Consulente senior Gruppo Galgano Formatrice area Risorse Umane 2 I contenuti che incontreremo Dal saper essere al saper ben-essere Stress

Dettagli

Le relazioni tra pari

Le relazioni tra pari Le relazioni tra pari Al di fuori della famiglia Oltre ai genitori, altre persone influenzano lo sviluppo del bambino (in modo diretto o indiretto). I bambini passano Sviluppo cognitivo molto tempo con

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL

20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL 20 GENNAIO 2011 SCHEMA DELLA RELAZIONE DEL DOTT. ANDREA TOSI Chi sono i miei interlocutori Quale è il mio ruolo Quale situazione devo affrontare Quale richiesta mi viene effettuata Cosa faccio io di fronte

Dettagli

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE

DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE DIAGNOSI DI TUMORE E REAZIONI PSICOLOGICHE CAMBIAMENTO ED OMEOSTASI ALL INTERNO DEL SISTEMA FAMILIARE ASPETTI DELLA MALATTIA Il tipo di malattia La gravità Il livello di cronicità L impatto sociale della

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

L UOMO L ORGANIZZAZIONE

L UOMO L ORGANIZZAZIONE UNITÀ DIDATTICA 1 L UOMO E L ORGANIZZAZIONE A.A 2007 / 2008 1 PREMESSA Per poter applicare con profitto le norme ISO 9000 è necessario disporre di un bagaglio di conoscenze legate all organizzazione aziendale

Dettagli

Organizzazione come Cervello

Organizzazione come Cervello Organizzazione come Cervello Molte sono state le considerazioni fatte per descrivere la funzione del cervello: Una sofisticata banca dati Un sistema complesso di reazioni chimiche che danno vita ad azioni

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com

LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com LE POSSIBILITA DELL ASSERTIVITA Dott.ssa Monica Monaco e-mail : menteviva.eu@libero.it siti web: www.menteviva-eu.com www.centroaspen.it www.titania.ct.it www.benessere.com L assertività: dalle origini

Dettagli

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE

INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET E SCUOLA PRIMAVERA MULTIMEDIALE INTERNET NELLE SCUOLE GUARDIAMOCI ATTORNO PRIMAVERA MULTIMEDIALE A ciascuno il suo punto di vista Alla scuola nel suo complesso con la varietà di ruoli Alla società

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone)

SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) SULLA LEADERSHIP (3 parte) (liberamente tratto dalla letteratura manageriale anglosassone) Dopo una prima descrizione dei sei stili di leadership, si espongono di seguito ulteriori evidenze emerse dalla

Dettagli

-Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit

-Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit -Risorse umane e valoriali La gestione delle persone nelle aziende non profit Anffas Rivarolo Canavese Costanza Ceda Di cosa parleremo Premessa Da ONP a ANP: l approccio economico aziendale alle organizzazioni

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

L autostima. A cura di Graziella Priulla

L autostima. A cura di Graziella Priulla L autostima A cura di Graziella Priulla E vero che in media le donne hanno meno autostima degli uomini? Che hanno debole percezione del proprio valore? Sono soprattutto le donne a soffrire di bassa autostima,

Dettagli

Risorse Umane e Performance Organizzativa

Risorse Umane e Performance Organizzativa Risorse Umane e Performance Organizzativa Perché Investire sulle Risorse Umane? Paula Benevene Università LUMSA, Roma Le persone costituiscono il fattore critico di successo Negli USA il costo dei dipendenti

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale)

IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA. A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) IL MARKETING DEL PROFESSIONISTA A cura di Roberta Dott.ssa Fabbri (Commercialista, Revisore Legale dei Conti, Docente di Formazione Imprenditoriale) VERSO UN NUOVO UMANESIMO ECONOMICO E nata una nuova

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 1. Comprendere le principali caratteristiche distintive dei gruppi di lavoro 2. Conoscere i fattori che incidono sul funzionamento dei gruppi di lavoro 3. Acquisire conoscenze

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi

Lezione 9. Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento. I gruppi Lezione 9 Le barriere al cambiamento e le tecniche per il loro superamento I gruppi 1 LE TIPOLOGIE DI BARRIERE ORGANIZZATIVE AL CAMBIAMENTO: UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE mancata percezione dei benefici

Dettagli

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI

Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Seminario di aggiornamento Quadri Tecnici di base delle ASD Poggio Mirteto, 28 aprile 2015 Casa della Cultura STILI DI GUIDA E SVILUPPO DEI COLLABORATORI Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO

L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO L A CONDIVISIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Diagnosi : sindrome da alterazione globale dello sviluppo psicologico. Seguito dall insegnante di sostegno (già dallo scorso anno) per 16 ore settimanali. Inserito

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola

Documento di approfondimento. Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola Documento di approfondimento Valutazione dello stress lavoro correlato e benessere organizzativo nella scuola VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO E BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA SCUOLA Il Decreto

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning

Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011. Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Scuola Primaria I circolo didattico Marsciano a.s. 2010/2011 Percorso didattico tra educazione alla prosocialità e cooperative learning Studio e riflessione sui distinguo teorici e analisi delle affinità

Dettagli