ESSERE INFERMIERE IN PSICHIATRIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESSERE INFERMIERE IN PSICHIATRIA"

Transcript

1 Collegio IPASVI della provincia di Pavia ESSERE INFERMIERE IN PSICHIATRIA L attività Fisico-Sportiva: uno strumento coerente per rinforzare l unità e l autonomia nella persona. Effetti di un lavoro di riabilitazione in psichiatria. L esperienza della Comunità Torchietto di Pavia:

2 SOMMARIO La Comunità Torchietto di Pavia ha avuto sin dal 1992 una particolare attenzione all attività motoria. Negli ultimi sette anni, dal 2003 ad oggi, l attività è progettata e condotta da una infermiera che ha maturato una lunga esperienza in campo sportivo e le competenze specifiche per realizzare una attività terapeutica e riabilitativa in ambito psichiatrico. L attività che ha visto la partecipazione integrata degli utenti delle strutture residenziali e semiresidenziali della Comunità Torchietto, è stata svolta inizialmente nella palestra della struttura sanitaria. Dal 2005 l attività è stata portata all esterno e svolta presso il Palazzetto dello Sport di Pavia, ottenuto in concessione gratuita dal Comune della città. Dal 2003 al 2010 è stato possibile sperimentare: la danzamovimentoterapia, la ginnastica dolce, la ginnastica a corpo libero, il pilates, un lavoro di stretching, giochi con la palla e giochi per sviluppare il movimento e l espressione corporea, un lavoro sulla respirazione. Molti sono stati i risultati positivi. L attività motoria ha favorito la crescita dei e nel gruppo, un gruppo che sceglie di partecipare a questo nuovo modo di stare insieme, un modo che ha sviluppato anche la conoscenza reciproca, l amicizia, l accettazione, la collaborazione oltre il progetto terapeutico. L attività motoria è uno dei percorsi più apprezzati dagli utenti della Comunità Torchietto più giovani e meno giovani ed è essenziale per armonizzare lo sviluppo biopsicosociale della persona e il movimento, è un mezzo e non un fine. I dati dell osservazione dell attività sia a livello individuale sia di gruppo, sono stati raccolti ogni anno attraverso strumenti cartacei creati ad hoc, elaborati, analizzati e rappresentati graficamente. SUMMARY The Community Torchietto of Pavia since 1992 has had a particular attention to motor activity. Over the past seven years, since 2003, the activity is designed and conducted by a nurse who has extensive experience in the field of sport and the skills to achieve a therapeutic and rehabilitative activities in the field of psychiatry. The activity that saw the participation of users of integrated residential and semi Community Torchietto, was initially held in the gymnasium of the hospital. Since 2005 the business was brought out and held at the Sports Palace of Pavia, a concession for free by the City Council. From 2003 to 2010 it was possible to experiment: the danzamovimentoterapia, the gymnastics, the free exercises, Pilates, a work of stretching, ball games and games to develop body movement and expression, work on breathing. There have been many positive results. Physical activity has encouraged the growth of and in the group, a group that chooses to participate in this new way of being together, so that has also developed a mutual understanding, friendship, acceptance, cooperation beyond the project therapy. Physical activity is one of the most popular paths that users of the Community Torchietto younger and older people and is essential to harmonize the development of the biopsychosocial and person movement, is a means and not an end. The observational data of both individual and group, were collected annually through ad hoc papers, processed, analyzed and graphed. 2

3 Presentazione La Comunità Torchietto a Pavia è organizzata all interno del Dipartimento di Salute Mentale (Azienda Ospedaliera Pavia) della Provincia di Pavia dal 1998, anno della definitiva chiusura dell ex Ospedale Psichiatrico di Voghera, con tre strutture cosiddette intermedie di cui, due di tipo residenziale (CRT (Centro Riabilitativo Terapeutico) sino al gennaio CRA (Centro Riabilitativo ad Alta Assistenza) sino al 28 Febbraio attualmente CRM (Centro Riabilitativo a Media Assistenza) e la (Comunità Protetta ad Alta Assistenza) CPA) ed una di tipo semiresidenziale, il Centro Diurno (CD). Nella Comunità si organizzano e si realizzano le diverse attività terapeutiche-riabilitative di gruppo con la partecipazione integrata degli utenti-ospiti delle tre strutture e la conduzione integrata anch essa degli operatori: infermieri, educatori e tecnici della riabilitazione psichiatrica. E sempre prevista la partecipazione di altre figure presenti nelle nostre strutture come supporto aggiuntivo e per motivi legati alla preparazione di lavori di tesi sul campo: sono i Medici Specializzandi in Psichiatria e gli studenti del corso di laurea in tecnica della riabilitazione psichiatrica dell Università degli Studi di Pavia. Il percorso riabilitativo parte dalla Comunità e arriva sul territorio per favorire i processi di socializzazione e l utilizzo di servizi, spazi ed attività esistenti nella comunità sociale. Uno spazio, il Torchietto, sulla soglia che sogna di essere in permanente dialettica con il fuori. L Attività Motoria nella Comunità Torchietto di Pavia: una pratica consolidata. Il Progetto L educazione motoria si inserisce nell ambito delle attività di riabilitazione e di socializzazione che si svolgono all interno della struttura psichiatrica denominata Comunità Torchietto in Pavia. Il lavoro clinico-assistenziale occupandosi della totalità dell essere non può esimersi dal prendere in considerazione la motricità, il movimento umano, la gestualità come modo di comu- 3

4 nicazione e modo di essere che sono i segni della socievolezza del soggetto e del suo adattamento al mondo in cui deve vivere. Nello specifico della sofferenza psichiatrica i fini dell educazione motoria non riguardano esclusivamente l aspetto del movimento e dell esercizio fisico ma spaziano oltre, assumendo connotati psico-affettivi, cognitivi, emotivi e sociali. Infatti, le persone con sofferenza psichiatrica presentano una alterazione del funzionamento sociale con difficoltà nel sostenere un ruolo. I sintomi positivi e cioè i deliri, le allucinazioni, i disturbi del pensiero caratteristici delle psicosi impediscono all individuo di esercitare abilità e attività limitando l adempimento di ruoli sociali e lavorativi. Altri sintomi, cosiddetti negativi e quindi ritiro sociale, apatia, mancanza di energia, trascuratezza, anedonia non rispondono ai farmaci come i sintomi positivi, comunque gli stessi farmaci non possono agire sulle abilità connesse al vivere e sulle abilità di coping se non indirettamente attraverso la riduzione o l eliminazione dei sintomi. Questi sono i sintomi con cui maggiormente ci si confronta. Molte dunque sono le condizioni che possono ridurre il movimento. Si vuole valutare con questa attività, se attraverso una strategia di intervento basata sull educazione fisico-motoria è possibile migliorare il disagio psichico e sociale, gli eventuali sintomi negativi e positivi, la performance individuale; ridurre gli effetti collaterali extrapiramidali dei farmaci antipsicotici che compromettono notevolmente le abilità motorie degli utenti (distonia acuta, ovvero contrazioni muscolari del dorso, del collo, del volto, della lingua, rigidità, tremori, bradicinesia, iporiflessia posturale, acatisia); fronteggiare la sedazione associata a sensazione di affaticamento. L educazione motoria afferisce alle aree fondamentali della personalità di un individuo: area corporea, area emotivo-affettiva, area intellettuale, area morale e sociale. L educazione motoria che basa il suo campo di indagine sul corpo, sul movimento e sulla comunicazione non verbale risulta un mezzo efficace per stabilire un rapporto. Questo aspetto relazionale riguarda diversi livelli: soggetto e attività, soggetto e gruppo, soggetto e operatori e soggetto con se stesso. L attività motoria rappresenta uno strumento essenziale per armonizzare lo sviluppo biopsico-sociale della persona e il movimento è un mezzo non un fine. OBIETTIVI - SVILUPPO DELLA PERSONA - SVILUPPO MENTALE - SVILUPPO ARTISTICO METODOLOGIA L incontro è strutturato in tre fasi: 1. FASE DI ACCOGLIMENTO: dedicata al saluto e alla relazione. 2. FASE CENTRALE DI ATTIVITA : in cui viene attuato il programma del giorno. 3. FASE FINALE: riguarda la verbalizzazione dei vissuti dell ospite nel corso dell incontro. Le tecniche e gli strumenti per svolgere l attività sono definiti in itinere. 4

5 MODALITA Il gruppo è aperto, gli utenti proposti all attività per gli anni sono stati gli ospiti delle tre strutture della comunità Torchietto; nel periodo Ottobre 2007 Giugno 2008 l attività è stata rivolta agli ospiti delle due strutture residenziali e il periodo Ottobre 2008 Giugno 2009 l attività è stata riservata agli ospiti della struttura CRA (Centro Residenziale al Alta Assistenza) che hanno aderito nel numero di 9 su 12 in totale; nell attività in corso periodo sono state reintegrate le strutture residenziali CPA (4 ospiti partecipanti) e CRM (8 ospiti partecipanti) del Torchietto. SEDI dell ATTIVITA sono state: SALONE DEL CENTRO DIURNO PALASPORT Via Treves Pavia PALESTRA Interna al Polo Torchietto. GIORNI e DURATA 4 INCONTRI MENSILI - DUE FASCE ORARIO: e La documentazione è composta da: SCHEDA DI RILEVAZIONE PRESENZA/ASSENZA SCHEDA INDIVIDUALE RELAZIONE TRIMESTRALE di osservazione del gruppo. RELAZIONE CONCLUSIVA con elaborazione e rappresentazione grafica dei dati raccolti. Al termine di ogni incontro è prevista la compilazione della SCHEDA di VALUTAZIONE/OS- SERVAZIONE INDIVIDUALE orientata a rilevare i livelli di autonomia negli ambiti seguenti: Orientamento Spazio/Temporale Abilità Cognitive (ATTENZIONE CONCENTRAZIONE MEMORIA OPERATIVA) Comunicazione Non Verbale (Postura Rilassata Mimica Distesa Orientata al Sorriso Gestualità Armonica Sguardo Sereno Distanza Intersoggettiva Adeguata) Comunicazione Verbale (Forma Adeguata, Contesto Appropriato, Contenuto e Ricchezza del Vocabolario) Ambito del Movimento (Muscoli del Corpo Rilassati e Distesi Respiro Calmo e Tranquillo Capacità di Rimanere Fermi anche a Lungo Movimenti Composti e Armonici Quantità di Attività Equilibrate Attività Motorie e Sportive Adeguate Capacità o Talento Particolare) Area del Comportamento (Adeguatezza, Disturbo, Aggressività, Clamorosità, Opposività, Reattività, Rifiuto Ostinato, Fuga Nelle aeree considerate la valutazione ha i seguenti livelli: AREA DEL COMPORTAMENTO AREA DELLA COMUNICAZIONE NON VERBALE 5 Mai 5 Totale Autonomia (acquisito) 4 Raramente 1 Assenza di Autonomia (non acquisita) 2 Spesso 3 Parziale Autonomia (emergente) 3 Talvolta 1 Sempre 5

6 ORIENTAMENTO SPAZIOTEMPORALE / ABILITA COGNITIVE / COMUNICAZIONE VERBALE / MOVIMENTO 5 Totale Autonomia (nessun aiuto) 4 Sufficiente Autonomia (aiuto verbale e/o gestuale) 3 Parziale Autonomia (modellamento e imitazione) 2 Minima Autonomia (aiuto fisico) 1 Assenza di Autonomia (totale sostituzione) E rilevata la Presenza/Assenza su apposita scheda. La documentazione prevede anche una relazione trimestrale sul gruppo e una relazione conclusiva. L Attività Motoria è aperta alla partecipazione degli studenti tirocinanti in Scienze Infermieristiche, in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica e ai Medici Specializzandi in Psichiatria. PROGRAMMA ATTIVITA svolto in tutto il periodo : obiettivi e feedback degli utenti. Stretching Si tratta di una pratica di esercizi che vanno intesi come una sorta di dialogo aperto tra l Io e la fisicità. Lo stretching rappresenta un importante mezzo di auto educazione corporea e mentale. Un messaggio che questa disciplina ci manda: divenire flessibili e disponibili nella mente e nel corpo. Durante lo stretching gli utenti sono riusciti a mantenere la concentrazione per tutto il tempo e ad esprimere le loro difficoltà chiedendo aiuto, col passare del tempo sono inoltre riusciti a migliorare la loro tolleranza al dolore derivante dall allungamento muscolare. Giochi con la palla e giochi per sviluppare il movimento e l espressione corporea La palla infatti, è un attrezzo che si presta ad una grande varietà di esercizi e di giochi. E un attrezzo che costituisce un centro di interesse e da una nota di giocosità all incontro. Affina la sensibilità neuromuscolare, migliora la prontezza di percezione, abitua al giusto impiego di energia, aumenta il dinamismo dell atto motorio, acuisce il senso dello spazio e contribuisce all educazione ritmica. L uso della palla inoltre, permette l acquisizione di nuovi schemi motori migliora la prontezza dei riflessi, la valutazione del tempo e dello spazio, le doti di destrezza ed abilità, la velocizzazione delle azioni motorie. Inoltre nell attrezzo si può trovare un valido aiuto contro le inibizioni e le insicurezze diventando anche, la base insostituibile del rapporto di collaborazione fra i vari componenti del gruppo, favorendo quindi la socialità. Sono state previste palle di diversa misura, colore e peso e in più palla psicomotoria e medica. Il programma complessivo comprende: PALLEGGI, ROTOLOMENTI, LANCI, OSCILLAZIONI e CIR- CONDUZIONI, GIOCHI di SQUADRA. I Giochi più in generale, hanno avuto lo scopo di far sperimentare ai partecipanti una particolare forma di apprendimento, facilitando l acquisizione di nuovi modi di pensare, sentire e relazionarsi, di stimolare sul piano emotivo, affettivo, cognitivo ed esperienzale ed infine, di offrire condizioni che favoriscono l attivazione di processi dinamici all interno del gruppo: Regole e Prescrizioni che orientano il comportamento Spazio Ludico in cui fare esperienze con altre persone Garanzie di Sicurezza perché i giochi proposti non presentano situazioni ansiogene. 6

7 Il programma ha previsto soltanto i giochi che, utilizzando tecniche psico-corporee, potevano favorire la percezione e la consapevolezza dell unità mente/corpo. GINNASTICA DOLCE La ginnastica dolce costituisce un multiforme approccio al movimento perchè si avvale del contributo di numerose discipline come lo yoga, il rilassamento, l espressione corporea. La ginnastica dolce, a differenza della ginnastica tradizionale, bandisce lo sforzo e lo spirito di competizione, sostituendoli con un lavoro fondato sulla sensazione e sulla distensione. Inoltre la ginnastica dolce, mira a costruire il rapporto tra uno spazio interno, o schema corporeo (definizione di Schilder: quadro mentale che ci facciamo del nostro corpo, vale a dire il modo in cui il corpo appare a noi stessi), ed uno spazio esterno, o spazio d azione, soprattutto attraverso un lavoro fondato sulla senso-percezione. La costruzione dello schema corporeo può allora avvalersi di elementi cinestesici, non solo visivi, ottenendo una migliore adeguazione tra il corpo vissuto ed il corpo rappresentato. Ginnastica e Cura del Corpo: CORPO LIBERO Questo programma comprende tutta la gamma degli esercizi elementari semplici e combinati su tutte le parti del corpo: capo, arti superiori ed inferiori, tronco, busto, bacino, mani e piedi, tipici dell educazione fisica di base. Tali esercizi (individuali, a coppie, in gruppo) sono stati eseguiti in stazione eretta, in decubito supino e prono, senza attrezzi e con attrezzi (palle, clavette, bastoni, nastri, cerchi, etc.), hanno riguardato la respirazione, l equilibrio, lo schema corporeo, la coordinazione senso-motoria e senso-percettiva, la strutturazione spazio-temporale, il movimento in generale (circuiti, percorsi, andature, salti, marce, esercizi di reazione), la coordinazione dinamica generale. Ginnastica e Cura del Corpo: METODO PILATES Pilates è un metodo di allenamento mente-corpo sviluppato da Joseph Pilates nei primi anni del XX Secolo. Si tratta di una pratica che si concentra sull armonia fra mente, corpo e spirito e trae origine dalle antiche culture orientali, dalle arti marziali e dalla cerimonia giapponese del tè. Il lavoro è stato svolto con le sequenze consigliate. Ciascun esercizio ripetuto dalle 3/5 alle 10 volte procedendo in modo graduale. Per l anno in corso sono stati perfezionati gli esercizi base. Step e Ginnastica Aerobica La ginnastica (aerobica) con lo step deve invece ritenersi estremamente allenante. Circuiti/Percorsi Ginnici L allenamento a circuito ( circuit training ) consente di migliorare contemporaneamente la forza, la potenza e la resistenza a livello muscolare, ma anche la funzionalità dell apparato cardio-respiratorio. Gli esercizi proposti sono stati facili da apprendere e semplici da eseguire. Gli obiettivi hanno considerato soprattutto l orientamento spazio/temporale, l attenzione e concentrazione, la memoria operativa. E stata stimolata anche la creatività dei partecipanti nella creazione di un percorso ginnico con e senza gli attrezzi. Rilassamento/Defaticamento/Raffreddamento Il programma ha utilizzato il rilassamento muscolare per favorire: la decontrazione da opporre alla fase attiva caratterizzata dalla contrazione muscolare la distensione generale la presa di coscienza di tutto il corpo il defaticamento mentale un piacevole stato generale di calma. Per ogni incontro è stato preparato un programma su cui saranno indicati: ambito, fasi, spiegazione degli esercizi per l esecuzione degli stessi, gli obiettivi. 7

8 DOCUMENTAZIONE & VALUTAZIONE Attività Motoria Periodo Settembre Giugno 2007 La registrazione dell attività prevedeva nel primo quadriennio, la compilazione da parte degli operatori, di una scheda di osservazione e valutazione del lavoro svolto nella giornata e di un altro modulo per trascrivere il commento dell attività da parte degli ospiti partecipanti ed eventuali note degli operatori. La scheda formata da due parti, la prima parte contenente i dati generali, il programma svolto nella seduta e l osservazione sul gruppo di lavoro. Nella seconda parte è stata valutata la prestazione di ciascun ospite rispetto a tre parametri: comportamento, attenzione (concentrazione) e partecipazione. Per rendere maneggevole lo strumento proposto, le tabelle sotto riportate hanno permesso di descrivere in modo sintetico le diverse situazioni di comportamento, attenzione (concentrazione) e partecipazione; i numeri posti a fianco dei termini nelle tabelle sono stati riportati su una scheda individuale per permettere una rapida analisi, elaborazione e valutazione dei dati raccolti. I COMPORTAMENTO 0 attività impossibile 1 disturba molto 2 disturba poco 3 non disturba II ATTENZIONE (CONCENTRAZIONE) 0 non attento 1 per un po 2 per molto 3 per tutto il tempo III PARTECIPAZIONE 0 opposizione 1 con passività 2 con interesse 3 con impegno 4 collaborazione 5 iniziativa Al termine di ogni incontro è stata compilata una scheda (allegata qui di seguito) con le osservazioni sul sul lavoro individuale in termini di comportamento, attenzione e partecipazione (Punteggio CAP che è stato tradotto graficamente per una valutazione complessiva di questi parametri). A partire dal mese di Gennaio 2007, in vista della preparazione del saggio, è stata introdotta la valutazione di un altra funzione cognitiva: la memoria operativa in via sperimentale. Tutti gli esercizi facenti parte del programma di ginnastica dolce, sono stati trascritti con il linguaggio tecnico su fogli di diverso colore (ogni fase era contraddistinta da un colore). Complessivamente questo allenamento a memorizzare gli esercizi ha gradualmente aiutato gli utenti a comprendere un linguaggio specifico ed a posizionare e muovere il corpo conseguentemente, a interiorizzare meglio gli esercizi proposti e indirettamente ha dato vita ad una competizione leale. SCHEDA DI OSSERVAZIONE/VALUTAZIONE GIORNALIERA (ospiti partecipanti operatori programma strumenti usati) con le osservazioni sul gruppo SCHEDA INDIVIDUALE COGNOME/A o P * COMPORTAMENTO ATTENZIONE PARTECIPAZIONE

9 LEGENDA I COMPORTAMENTO II ATTENZIONE (CONCENTRAZIONE) III PARTECIPAZIONE 0 non attento 0 non attento 0 - opposizione 1 per un po 1 per un po 1 con passività 2 per molto 2 per molto 2 con interesse 3 per tutto il tempo 3 per tutto il tempo 3 con impegno 4 - collaborazione 5 iniziativa COMMENTO ATTIVITA da parte degli ospiti Il commento dell attività ad ogni incontro condotto dall operatore e orientato a rielaborare ed esprimere verbalmente l esperienza vissuta, ad esplicitare eventuali momenti di difficoltà o di soddisfazione o piacere. Periodo A partire dal mese di ottobre 2006, la documentazione per registrare l attività è stata modificata come segue: SCHEDA PRESENZA/ASSENZA Data COGNOME ASSENTE PRESENTE SCHEDA INDIVIDUALE Nome e Cognome Operatori A. TANZI L. ANGIONI M. D AMATO Data Orientamento Spazio/Temporale Abilità Cognitive ATTENZIONE CONCENTRAZIONE MEMORIA OPERATIVA Comunicazione Non Verbale Postura Rilassata/Gestualità Armonica Mimica Distesa Orientata al Sorriso Sguardo Sereno/Contatto Oculare Distanza Intersoggettiva Adeguata Comunicazione Verbale Forma Adeguata Contesto Appropriato Contenuto e Ricchezza del Vocabolario Ambito del Movimento Muscoli del Corpo Rilassati e Distesi

10 Respiro Calmo e Tranquillo Capacità di Rimanere In Attività Movimenti Composti e Armonici Attività Motorie e Sportive Adeguate Capacità o Talento Particolare Area del Comportamento Mai/ Raramente/ Talvolta/ Spesso/ Sempre Adeguatezza Comportamento Disturbante Rifiuto Ostinato Fuga AREA DEL COMPORTAMENTO AREA DELLA COMUNICAZIONE NON VERBALE 5 Mai 5 Totale Autonomia (acquisito) 4 Raramente 1 Assenza di Autonomia (non acquisita) 2 Spesso 3 Parziale Autonomia (emergente) 3 Talvolta 1 Sempre ORIENTAMENTO SPAZIOTEMPORALE / ABILITA COGNITIVE / COMUNICAZIONE VERBALE / MOVIMENTO 5 Totale Autonomia (nessun aiuto) 4 Sufficiente Autonomia (aiuto verbale e/o gestuale) 3 Parziale Autonomia (modellamento e imitazione) 2 Minima Autonomia (aiuto fisico) 1 Assenza di Autonomia (totale sostituzione) NOTE PUNTUALITA SI NO GRADIMENTO ATTIVITA : Molto Interessante Abbastanza Interessante Poco Interessante IMPEGNO: Molto Impegnativa Abbastanza Impegnativa Poco Impegnativa SODDISFAZIONE: Soddisfatto/a Abbastanza Soddisfatto/a Non Soddisfatto/a DIVERTIMENTO: Presente Abbastanza Presente Non Presente Come da progetto la documentazione ha compreso scheda/programma giornaliero, scheda trimestrale di osservazione gruppo e relazione conclusiva. L Esperienza L attività motoria nell intervento riabilitativo offre la possibilità di sperimentare il proprio corpo, di sentirlo e usarlo per entrare in relazione con se stessi e con gli altri, vuol dire anche veicolare esperienze relazionali socio-affettive e cognitive. Una ri-esplorazione del mondo per riappropriarsi di conoscenze e riprendere ad aver fiducia nelle proprie capacità. L Espressione Corporea nella Riabilitazione Psichiatrica Come premesso, l attività motoria nella Comunità Torchietto ha una lunga storia e in questa storia diversi operatori si sono alternati nella conduzione dell attività dal 1992 ad oggi. Dall anno 2003, ideatore e referente principale del progetto sono io, infermiera esperta nell ambito sportivo e psichiatrico, successivamente è stato costruito uno staff, con infermieri, tecnici della riabilitazione psichiatrica, educatori che si sono alternati nella co-conduzione e collaborazione per l attività motoria. 10

11 Dal 2003 ad oggi. Nel Settembre 2003 (Anno 2003/2004), utilizzando dapprima la piccola palestra della Comunità Torchietto a Pavia e successivamente per esigenze di uno spazio fisico più ampio il salone del Centro Diurno, ha avuto inizio l esperienza ed a tutt oggi è ormai consolidata. All interno del progetto di partenza, ci sono stati in questi anni cambiamenti organizzativi e di staff impiegato nella co-conduzione del gruppo; cambiamenti riguardanti l utenza che ha potuto usufruire di questa attività sebbene non significativi. Infatti, molte persone stanno completando un percorso psicomotorio di ben sei anni. Sono stati anche modificati di anno in anno i programmi rispetto alla maturità psicomotoria acquisita dal gruppo ed allo sviluppo del senso di responsabilità verso la propria salute fisica, psichica e sociale. Nel 2003, l attività è partita utilizzando lo spazio - palestra interno alla Comunità, strada facendo è diventata una opportunità riabilitativa e terapeutica per uscire fuori dalla struttura sanitaria, dallo spazio del quotidiano, per abitare con il proprio corpo luoghi nuovi (Palasport di Pavia). L educazione motoria, afferisce alle aree fondamentali della persona: area corporea, area affettiva-emotiva, area intellettuale, e area morale-sociale. L aspetto relazionale, riguarda diversi livelli, vede il: soggetto e attività, soggetto e gruppo, soggetto e se stesso, soggetto ed operatori. Portare fuori l attività ha degli obiettivi precisi: Integrare il sanitario con il sociale; Sviluppare l autonomia per il rispetto di sé e degli altri; Vivere nuovi spazi oltre la struttura sanitaria; Migliorare i rapporti in seno al gruppo degli utenti, condividendo luoghi e spazi comuni, rispettando regole di comportamento, orari e date. Il progetto riabilitativo non è stato strutturato sul comportamento patologico dell utente, ma sull individuo nella sua interezza, quindi il movimento come mezzo di educazione globale della personalità. Si è sempre cercato di valorizzare il potenziale di salute presente nel soggetto. All attività hanno partecipato inizialmente quindici utenti (diventati poi diciotto) eterogenei per sesso, età e diagnosi psicopatologica, che presentavano totalmente e/o in parte: difficoltà di relazione con l Altro dimensione spazio-temporale disturbata difficoltà a sentire l unità corporea e un accettazione vera e profonda del corpo difficoltà a scoprirsi e scoprire il proprio corpo in una dimensione diversa difficoltà a provare piacere e gioia del movimento difficoltà ad esprimersi con il corpo ed a comunicare attraverso il corpo difficoltà nelle funzioni cognitive: memoria, attenzione, concentrazione difficoltà nella coordinazione delle diverse parti del corpo difficoltà a controllare il movimento ed a dirigerlo sui contrari (dentro/fuori alto/basso e lateralità sinistra/destra). A tutto questo si possono aggiungere abulia, indifferenza, depressione, ansia, paura della prestazione, scarso controllo delle emozioni, spesso inadeguato grado di adattamento alla realtà e incapacità di sopportare frustrazioni. Il lavoro è stato sempre organizzato per fasi: Prima fase, dopo un momento di accoglienza e di saluti, si è cercato di stabilire un rap- 11

12 porto, un contatto attraverso il corpo, il movimento e la comunicazione non verbale con il riscaldamento (utilizzando la musica). Seconda fase, ha preso in considerazione il gioco soprattutto con l uso delle palle (di diverso diametro, colore, forma, consistenza e caratteristiche) e in alternativa esercizi per stimolare e sviluppare la percezione di sé e quindi, esercizi di ritmo, tempo, spazio ed equilibrio ed esercizi sulla lateralità e sui contrari; esercizi per il controllo e la distensione dell ipertono muscolare; esercizi sia individuali sia coppia per permettere il contatto con l intera superficie corporea e in seguito esercizi in gruppo che hanno consentito di accedere ad una maggiore intimità e identità gruppale con incremento del senso di appartenenza attraverso DANZA/MOVIMENTO GINNASTICA DOLCE ESERCIZI A CORPO LIBERO SU TUTTE LE PARTI DEL CORPO PILATES. Il GIOCO, anche quello a squadre, è stato una delle componenti per il riscaldamento e affiatamento iniziali. Il gioco a squadre reca in sé piacere e divertimento e arricchisce la relazione e l interazione tra i partecipanti. Si tratta di una attività che permette di mettersi in gioco su un piano di realtà per quello che si è in grado di fare al di là dei ruoli abituali. Poi il gioco ha delle regole, e attraverso il gioco si riesce a mantenere controllo e concentrazione. Terza fase, stretching preparatorio individuale e di gruppo. Ampio spazio ha avuto la respirazione, la conoscenza delle fasi di inspirazione ed espirazione e l attuazione di esercizi corretti a favorirle. Rispetto alla respirazione gli utenti sono stati aiutati a divenire consapevoli di questa funzione vitale per il controllo della stessa sulla sfera affettiva ed emotiva, per comprendere il ritmo e l ampiezza di respiro (questi ultimi cambiano ogni volta che ci troviamo, per esempio, ad essere dubbiosi, spaventati, eccitati) considerato che la respirazione, è l unica funzione corporea che ogni essere è in grado di modificare volontariamente. E stato comunque eseguito, grazie agli esercizi di padronanza del respiro a livello individuale, un esercizio di sintonia di ritmo respiratorio durante il lavoro di gruppo. Sono stati utilizzati strumenti quali: la musica, il ritmo, il suono, il gioco ed oggetti attivatori di azioni e movimento. Complessivamente è stata posta molta attenzione a creare un contesto emotivo piacevole e via via questo ha permesso l espressione delle emozioni, una gestualità sempre meno stereotipata, un controllo dell ansia derivante dal senso di contenimento nel gruppo oltre che dallo stare in uno spazio definito e chiuso, un discreto controllo dei movimenti nel tempo e nello spazio richiesto e infine, un atteggiamento di fiducia nei confronti degli operatori. Ogni seduta è stata completata da una fase di rilassamento/defaticamento muscolare e da una fase finale con la verbalizzazione dei vissuti dell utente nel corso dell incontro, attraverso il racconto delle proprie emozioni e sensazioni e delle proprie difficoltà e/o consapevolezza di aver acquisito nuove abilità motorie o di aver migliorato la propria performance. Nell arco di questi anni sono emersi cambiamenti sia a livello motorio sia a livello relazionale. Inizialmente, numerose sono state le difficoltà dei partecipanti per apprendere i nuovi schemi motori programmati, gradualmente le capacità motorie dei singoli sono migliorate e vi è stata una maggiore presa di coscienza dell appartenenza al gruppo. Nell esperienza pratica dell attività basata sulla GINNASTICA, sono stati tenuti presenti, alcuni principi base di questa, a sottolineare l indissolubile legame tra schema corporeo, vissuto corporeo motorio e vissuto psichico L iter di crescita a livello motorio ha avuto proprio come punto di partenza la presa di coscienza del proprio corpo per rendere il movimento una via 12

13 per ascoltare di più il corpo, conoscerlo meglio, allentando blocchi e tensioni per migliorare il contatto con la dimensione della fisicità. All interno di un periodo durato circa due anni, si è già potuto notare il buon livello di padronanza corporea raggiunto dagli utenti. In alcuni si sono osservati, una corretta esecuzione degli esercizi, un discreto livello di equilibrio e di coordinazione. In altri, questi elementi hanno raggiunto comunque una sufficienza nonostante alcuni impedimenti di natura fisica, l età non giovane e talora difficoltà nell apprendimento del gesto e della sua memorizzazione. E bene evidenziare che l attività non è mai stata impostata sulla necessità di insistere sulla esatta riproduzione del gesto in riferimento ad un modello (il conduttore), ma di lasciare spazio alla spontaneità, se pure veicolata verso l obiettivo che si è inteso proseguire nell incontro, controllando comunque la correttezza delle posture. E ancora più importante far risaltare che i gesti non sono quasi mai sembrati svuotati di senso soprattutto nel periodo avanzato e in prossimità del saggio, per questo si può affermare che la prestazione fisica corrispondeva ad un vissuto interiore del movimento, un movimento abitato dal di dentro e non riprodotto meccanicamente. Attraverso esercizi in coppia e in gruppo si è cercato di attuare un graduale avvicinamento reciproco, per sollecitare i partecipanti a riconoscere le diverse potenzialità fisiche di ciascuno, ottenendo così un reciproco adeguamento motorio. Sono stati introdotti anche esercizi di espressione corporea, utilizzando suoni (battiti di mani, vocalizzi, parole, tamburello) per portare l attenzione su modalità percettive diverse da quelle visive. Il lavoro gradualmente si è spostato sull allenare il senso dell udito e del tatto (contatto fisico), inteso come porsi all ascolto del proprio corpo e imparare a toccarlo e massaggiarlo, perché normalmente è stato notato che dei cinque sensi quello più usato è la vista che in un certo qual modo rende sicuri e protegge. Anche se il contatto corporeo è la forma più arcaica di comunicazione, e il tatto è il canale privilegiato per i bambini, la comunicazione dipende soprattutto dai canali visivi e verbali. La nostra esperienza degli altri è molto intellettualizzata. Nella vita, il contatto e la consapevolezza sensoriale degli altri, sono molto limitati: il contatto fisico è quasi esclusivamente sessuale o aggressivo. Il contatto corporeo veicola molte emozioni. Gli esercizi di adeguamento motorio reciproco portano non solo ad adattarsi ai ritmi ed ai movimenti dell Altro, ma anche a sentire il gruppo come unità, percependo meglio l identità di gruppo. Il movimento così diventa più complesso, in quanto è richiesta una maggiore coordinazione, e si svolge al contempo un dialogo motorio che permette di accrescere sia la consapevolezza di sé sia quella degli altri. Nella realtà operativa è stato rispettato il criterio della gradualità nel contatto con l altro, utilizzando ad esempio il passaggio, senza contatto diretto, di un oggetto (palloni di diverse misure, stoffe e nastri) o del gioco sino a stabilire un contatto diretto attraverso il tenersi per mano che è sempre stato ben accolto dal gruppo. Con i pazienti psichiatrici, l uso dell oggetto o del gioco molto strutturato sono percepiti in modo meno invasivo rispetto al contatto corporeo diretto o alla situazione libera: entrambi svolgono una funzione rassicurante. Con la pressione o l invasione si rischia il brusco rifiuto o un ripiegamento del soggetto su di sé. Il passaggio di un attrezzo tra i soggetti disposti in circolo favorisce inoltre, attraverso la continuità del movimento di ricevere e consegnare, la capacità di inserirsi in una azione collettiva. 13

14 Si avvia così un importante processo di comunicazione nel realizzare un gesto motorio necessario a ricevere l attrezzo da un vicino per passarlo a quello successivo. Esprimendo la propria corporeità con gli altri, l individuo fa del proprio corpo uno spazio sociale, luogo di incontro e di scambio. Il suono, come il grido, come il lancio degli oggetti, è, in primo luogo, prolungamento del gesto che l ha prodotto, prolungamento simbolico del corpo nello spazio Lapierre, B. Aucouturier L organizzazione di saggi a conclusione di un percorso annuale e prima della pausa estiva, ha evidenziato anche un attivazione sul piano cognitivo (memoria, attenzione, concentrazione, apprendimento), ha stimolato e sviluppato armoniosamente la sensibilità artistica approfondendo l espressione corporea in termini di tempo, spazio ed energia ed ha contribuito a tirar fuori la creatività e a rompere il silenzio o il rumore interno e a rompere il silenzio con l esterno con l Altro, con il mondo della vita, ad interrompere l abulia, la tristezza, la frammentazione, a calmare le tensioni e talora i bisogni di scoppio. Il lavoro finale ha stimolato e sviluppato armoniosamente la sensibilità artistica approfondendo l espressione corporea in termini di tempo, spazio ed energia ed ha contribuito a tirar fuori la creatività. Il saggio è un momento di grande emozione, il gruppo ha sempre offerto una prestazione di ottimo livello motorio se si considerano talora, limiti e difficoltà sui quali la riabilitazione non può incidere per poterli superare, soprattutto limiti e difficoltà sul piano fisico. Il saggio di fine anno (in giugno) è una esperienza che mira anche a far trascorrere una giornata diversa, in cui scendere in campo per misurarsi con se stessi e con le abilità acquisite, è una esperienza interessante e affascinante, è una opportunità di relazione e socialità per le persone portatori di un disagio psichiatrico e psicosociale, una relazione che privilegiata perché il movimento del CORPO, ne è stato il mediatore. Aspetti tecnici Il saggio è organizzato con le attività specifiche svolte in tutto l arco dell anno: FASE DI RISCALDAMENTO: corpo e musica con la realizzazione di una coreografia. FASE DELLA RESPIRAZIONE con l esecuzione di 10 esercizi in piedi. FASE CENTRALE: Sintesi dell attività ginnica svolta FASE CONCLUSIVA: esercizi di respirazione in posizione supina e commento finale. FASE DELLA PREMIAZIONE con attestato di partecipazione personalizzato e un dono. A completamento di tutto il lavoro svolto sono stati realizzati due DVD, un archivio fotografico, una documentazione contenente i dati raccolti in termini oggettivi ma anche in termini soggettivi con la narrazione dell esperienza (memoria storica). I Risultati Mens sana in corpore sano L attività motoria rappresenta dopo 7 anni, un lavoro clinico molto importante, che si occupa della totalità dell essere, e delle capacità di movimento come mezzo di comunicazione e d espressione della personalità. Il gruppo motorio della Comunità Torchietto, è un gruppo aperto per cui in itinere, in ogni pe- 14

15 riodo di attività considerati, ci sono stati nuovi inserimenti anche per un tempo determinato (ne è seguita la dimissione dalle strutture). Questi cambiamenti hanno determinato un minimo di destabilizzazione che è rientrata velocemente per la forza stessa del gruppo. Gli ospiti nuovi si sono sempre ben inseriti ed integrati. RIFLESSIONE SUGLI AMBITI MOTORI PROPOSTI. Il GIOCO, è stato un momento molto gradito dagli ospiti, disciplinati ma anche desiderosi di vincere nei giochi di squadra o nelle prove individuali in circuito e a tempo. Questi aspetti sono stati osservati persino in quei soggetti lenti dal punto di vista motorio ma anche mentale. Il gioco ha risvegliato il senso della sfida e della competizione sebbene nel rispetto di un certo fair play. Ogni volta, il momento del gioco è stato determinante per far accettare il lavoro motorio successivo. La fase del gioco e dell uso del pallone è sicuramente una parte ludica irrinunciabile nella quale gli ospiti hanno anche sviluppato capacità di conduzione e creatività. E in questa fase che si raggiunge l obiettivo del divertimento e del piacere e, si consolida lo spirito di gruppo. La fase centrale dedicata alla ginnastica è stata spesso faticosa e richiesta con livelli di difficoltà crescenti. Tuttavia, gli ospiti sono diventati sempre più attenti e concentrati a tirar fuori il meglio di sé sul piano motorio. E stata osservata grande serietà nel portare a termine il compito. La fase del rilassamento/defaticamento sportivo è un momento di grande importanza, è un lavoro che piace a tutti ma il controllo del proprio movimento e del contesto ambientale ed umano intorno a sè, non hanno immediatamente consentito un pieno rilassamento a partire dalla chiusura degli occhi. Per alcuni ospiti, rilassamento e chiusura degli occhi appaiono normali e spontanei accompagnati da un senso di piacevolezza che è emerso dalle verbalizzazioni finali. Nella fase dedicata al commento finale, è stata osservata attivazione spontanea, corretta capacità di critica, autocritica e consapevolezza dei propri limiti corporei e motori ma anche delle proprie capacità di apprendimento motorio, attenzione, concentrazione e partecipazione. La chiusura dell incontro con il commento, è stata l occasione e la possibilità per gli utenti di rivivere in pochi minuti, le sensazioni, emozioni, la fatica e il piacere vissuti durante l attività ed anche l approdo ad una maggiore spontaneità e ricerca del confronto, della relazione con un gruppo. LA DIMENSIONE INDIVIDUALE La maggior parte delle persone partecipanti ha migliorato o reso possibile la propria coordinazione motoria, ha imparato ad avere confidenza con il ritmo, ad affrontare il problema del tempo ed a rispettare il tempo, ad usare tutto lo spazio fisico e mentale per armonizzare l incontro tra mondo interno e mondo esterno, a confrontarsi in modo costante e dinamico con le proprie capacità; a scoprire piacevolmente le proprie possibilità e a prendere coscienza dei propri limiti, a sentire l unità corporea, a recuperare la spontaneità e soprattutto a divertirsi e provare piacere, un piacere che riguarda anche l essere in un gruppo di persone per condividere emozioni e conoscersi. Si sono potuti osservare costanti miglioramenti soprattutto nella conoscenza e nel controllo del proprio corpo per porre attenzione e concentrarsi e sulle richieste motorie. Le risposte 15

16 motorie positive hanno riguardato l equilibrio, l attenzione sui contrari (dentro/fuori, alto/basso, avanti/indietro) e sulla lateralità (destra/sinistra). Complessivamente l attività non è stata molto disturbata, non sono mai mancati l interesse, l impegno ed il piacere di muoversi. Sul piano della collaborazione attiva e della iniziativa è sicuramente indispensabile un lavoro più lungo tuttavia, quando gli ospiti sono stati variamente chiamati a condurre certi esercizi, paure, incertezze e un senso di inadeguatezza hanno via via lasciato il posto alla spontaneità e capacità di iniziativa. La maggior parte degli ospiti ha sempre accettato il lavoro proposto ed ha mantenuto un considerevole impegno anche nel momento in cui il livello di difficoltà motorio è aumentato. Ogni partecipante ha gradualmente imparato a rilassarsi, a concentrarsi e riflettere sul proprio corpo. Le musiche utilizzate sono state accolte favorevolmente ed il trasporto emotivo evocato è stato evidenziato verbalmente. La respirazione (fase inspiratoria ed espiratoria) è completamente consapevolizzata, negli esercizi a corpo libero è utilizzata quasi automaticamente senza aver bisogno di una consegna in questa direzione. In questa esperienza sono emersi cambiamenti importanti (a livello motorio e relazionale), questo è stato anche il vissuto dei partecipanti che hanno alla fine di ogni incontro verbalizzato i loro miglioramenti, le emozioni, le difficoltà, esprimendo comunque la necessità di questo appuntamento perché la ginnastica fa bene alla salute in generale e generalmente intesa (e così percepita dagli ospiti) quale stato di benessere fisico, psichico e sociale. LA DIMENSIONE GRUPPALE L attività motoria ha favorito la crescita dei e nel gruppo, un gruppo che sceglie di partecipare a questo nuovo modo di stare insieme, un modo che ha sviluppato anche la conoscenza reciproca, l amicizia, l accettazione, la collaborazione oltre il progetto terapeutico. Si è creato un setting di gruppo in cui gli utenti e operatori hanno avuto la possibilità di sperimentare relazioni ed emozioni con una valenza terapeutica molto forte. Il senso di appartenenza al gruppo è stato un risultato concreto di un efficace lavoro riabilitativo. Il gruppo, presenta un ottimo livello di maturità psicomotoria nonostante l eterogeneità dei componenti in termini di età, sesso, condizioni fisiche e psichiche. Il gruppo ha interiorizzato l impegno e questo ha determinato la totale autonomia a presentarsi puntuali all attività. La partecipazione è stata elevata nel tempo di durata dell attività come emerge dalla rappresentazione grafica dei dati raccolti. Sul piano del comportamento si sottolineano disciplina e adeguatezza crescenti. Il gruppo ha dimostrato di saper accettare consigli sul piano motorio e la risposta ha configurato un maggior impegno a progredire. Il lavoro proposto ha ottenuto un indice di gradimento elevato. La palla ed il lavoro di lanci hanno mantenuto i maggiori consensi. Tuttavia, la GINNASTICA è stata accettata ed eseguita con molta serietà. In massima parte gli obiettivi del progetto riguardanti lo sviluppo della persona, lo sviluppo mentale, lo sviluppo creativo/artistico sono stati raggiunti. Questo risultato è stato avvertito dal gruppo e comunicato a livello verbale. Nel lavoro complessivo, ogni ospite frequentemente ha avuto la possibilità di sperimentare il ruolo di conduzione di un gioco o di improvvisare ritmi, esercizi, lanci con la palla. E un ruolo che è stato sempre accettato, la responsabilità è avvertita ma nessuno rinuncia e le proposte/improvvisazioni sono spesso bizzarre e creano divertimento. 16

17 Gli elementi che hanno sempre avuto un ruolo determinante sono stati: la continuità e l impegno, il progredire della motivazione e la volontà di apprendimento nell esecuzione degli esercizi anche quando il lavoro è diventato via via più impegnativo sia fisicamente sia mentalmente. Conclusioni Il gruppo favorisce il contatto di un ampia gamma di individualità, ognuna delle quali porta tutta se stessa e trova il suo posto diventando l incarnazione dell intero. L attività motoria è uno dei percorsi consolidati nella Comunità Torchietto ed è essenziale per armonizzare lo sviluppo biopsicosociale della persona e il movimento, è un mezzo e non un fine. Gli utenti nonostante l irreversibilità della condizione clinica, possiedono capacità motorie non totalmente compromesse per questo, si è giustamente pensato di poter lavorare sulla persona, sulla mente e sulle fantasie e attitudini artistiche, traendone dei vantaggi sulla visione in toto del corpo. L attività è puntualmente riconfermata ogni anno dall equipe curante e rinnovata la fiducia al referente principale del progetto. Avere davanti un fine è fondamentale per dare una ragione esterna al lavoro che si svolge per ricostruire l intero dai frammenti di pensieri, di movimenti, di parole che la malattia ha spezzato. La sostanza nervosa ha trovato, nell efficacia della propria attività muscolare, un criterio per distinguere un dentro e un fuori. S. Freud 17

18 PERIODO Ottobre 2003 Giugno 2007 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI DATI RACCOLTI 18

19 PERIODO Ottobre Giugno 2008 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEI DATI RACCOLTI L indagine ha avuto come obiettivo iniziale la determinazione di un punteggio medio per utente in ogni ambito di osservazione e valutazione. Nello specifico, gli ambiti di osservazione e valutazione esaminati sono i seguenti: Orientamento spazio-temporale Abilità cognitive Comunicazione non verbale Comunicazione verbale Abito del movimento Ambito del movimento Area del comportamento Segue tabella rappresentativa del punteggio medio delle schede di valutazione individuali dei 12 utenti partecipanti, attribuito su scala da 1 a 5. Utenti Ambiti di osservazione e valutazione Orientamento Abilità Comunicazione Comunicazione Ambito del Area del comportamento spazio-temporale cognitive non verbale verbale movimento A.B. 3,08 2,91 2,43 2,45 3 SEMPRE ADEGUATO P.B. 4,61 4,46 4,46 3,92 4,15 SEMPRE ADEGUATO C.G. 3,84 3,68 3,15 2,5 3,39 SEMPRE ADEGUATO D.Q. 4,18 4,52 3,17 3,68 3,84 SEMPRE ADEGUATO A.P. 4,9 4,8 4,87 3,65 4,57 SEMPRE ADEGUATO E.R. 4,47 4,25 4,1 4,5 4,55 SEMPRE ADEGUATO N.C. 4,94 4,89 5 3,5 4,68 SEMPRE ADEGUATO L.G. 4,94 4,84 4,36 3,52 4,52 SEMPRE ADEGUATO G.L. 4,26 4,93 4,86 4,46 4,9 SEMPRE ADEGUATO V.B ,5 4,85 SEMPRE ADEGUATO A.C. 2,73 2,93 2,47 2,19 2,82 SPESSO ADEGUATO M.S ,4 1,7 1,6 RARAMENTE ADEGUATO Successivamente, al fine di ottenere i valori medi complessivi sul campione, è stata calcolata una media aritmetica sui punteggi medi individuali. Il grafico seguente riporta per ogni ambito di osservazione e valutazione il valore medio del campione: 19

20 Come si evince dal grafico, i valori medi del campione sono positivi e non inferiori a 3. Tale risultato conferma che, nel corso del TERZO PROGETTO DI ATTIVITA MOTORIA del POLO TORCHIETTO, il lavoro svolto dagli utenti è stato produttivo in quanto le difficoltà motorie e relazionali comunicative, dovute alla patologia psichiatrica, sono state consapevolmente superate o parzialmente modificate. L area del comportamento, che manca nel grafico precedente, è stata valutata tenendo conto di nove precisi parametri, osservati nei singoli incontri, e di seguito riportati: Adeguatezza Comportamento Disturbante Invadenza Aggressività Clamorosità Opposività Reattività Rifiuto Ostinato Fuga L analisi dei dati relativi all area del comportamento ha come oggetto il parametro dell adeguatezza. I dati raccolti sono sintetizzati nella seguente tabella: Area del comportamento Adeguatezza Utenti Mai 0 Raramente 1 Talvolta 0 Spesso 1 Sempre 10 Totale campione 12 20

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE AL MOVIMENTO Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014

CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ICTORRIMPIETRA CORPO MOVIMENTO SPORT CLASSE PRIMA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 A. IL CORPO E LE FUNZIONI SENSO-PERCETTIVE L alunno/a acquisisce consapevolezza di sé attraverso l ascolto e l osservazione del

Dettagli

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia

Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1 Società Cooperativa Sociale OLINDA o.n.l.u.s. 1 Progetto di educazione Psicomotoria per la Scuola dell Infanzia 1. Premessa 2. Linee di

Dettagli

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE

EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA INDICATORE (CATEGORIA) IL CORPO E LA SUA RELAZIONE INFANZIA L alunno raggiunge una buona autonomia personale nell'alimentarsi e nel vestirsi, conosce il proprio corpo e le diverse parti

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO

DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO DIREZIONE DIDATTICA di CORCIANO dalla prima alla quinta classe Scuole Primarie del Circolo Didattico di Corciano Anno scolastico 2010-2011 LE NUOVE INDICAZIONI: QUALI VIE PER LA SCUOLA? Circolo didattico

Dettagli

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità

Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia. Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Dott. Andrea Pazzocco Psicomotricità - Laurea Magistrale in Psicologia Clinica e di Comunità Progetto di Psicomotricità per la Scuola dell infanzia Via Spagna, 5, 37123, Verona 1 Intervento sul bambino

Dettagli

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO-

MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- MONOENNIO SCUOLA PRIMARIA 3^ CIRCOLO DIDATTICO- CARPI Curricoli in verticale di Ed. Motoria a. sc.2009-2010 Nucleo fondante NUCLEO TEMATICO IL CORPO Riconoscere e denominare le varie parti del corpo su

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA CURRICOLO DI EDUCAZIONE MOTORIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA DI 1 GRADO TRAGUARDI FORMATIVI SCUOLA DELL INFANZIA Competenza chiave europea CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014

Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica anno scolastico 2013-2014 EDUCAZIONE FISICA

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE ISTITUTO COMPRENSIVO RIVA 1 Piano di Studio di Istituto SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PREMESSA Partendo dalle indicazioni delle Linee Guida per i Piani di Studio Provinciali del Primo ciclo di Istruzione,

Dettagli

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a )

Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE (Parte 1 a ) Istituto Istruzione Secondaria Superiore PEANO Via Andrea del Sarto, 6/A 50135 FIRENZE É 055/661628 Ê 055/67.841 www.peano.gov.it FITD06000T@PEC.ISTRUZIONE.IT posta@peano.gov.it LICEO TECNICO ECONOMICO

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO PROGETTO DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE SALUTE MENTALE Settembre 2006 Il percorso di apprendimento in ambito clinico relativo al problema prioritario di salute malattia

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO. Anno scolastico 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS ATRIPALDA (AV) PROGETTAZIONE di SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PRIMO BIENNIO Anno scolastico 2013-2014 Docente Prof.ssa Caramico Luigina LINEE GENERALI E COMPETENZE Acquisire

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

L ARTE DI EMOZIONARSI

L ARTE DI EMOZIONARSI ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta

FINALITÀ METODOLOGIA STRUMENTI VERIFICHE. ludica, introducendo di volta in volta CURRICOLO DI EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA Classe Prima TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA L alunno: utilizza il linguaggio corporeo e motorio per comunicare ed

Dettagli

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e

ETA 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 Capacità di apprendimento motorio Capacità di differenziazione e FINALITA I nuovi programmi Ministeriali ritengono l educazione motoria una componente essenziale dell unità educativa della persona per cui essa concorre alla realizzazione delle finalità proprie della

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.

ISTITUTO COMPRENSIVO F. ISTITUTO COMPRENSIVO F. De Sanctis CURRICOLO VERTICALE A.S. 2014/2015 EDUCAZIONE FISICA Educazione Fisica La finalità principale dell educazione motoria e dell educazione fisica è quella di utilizzare

Dettagli

Responsabile del Progetto

Responsabile del Progetto Si propone di seguito un progetto di educazione motoria e giocosport da realizzarsi nell Istituto Comprensivo Marina di Cerveteri in orario curriculare all interno delle ore destinate alla disciplina Corpo

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 EDUCAZIONE FISICA L educazione fisica promuove la conoscenza di sé e delle proprie potenzialità in relazione con l ambiente, gli altri e gli

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

I.C.Trilussa CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA

I.C.Trilussa CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA Istituto Comprensivo Statale TRILUSSA via Trilussa 10-20157 Milano scuola Primaria e scuola Secondaria di 1 grado Plessi dipendenti: Plessi di Scuola Primaria: via Trilussa 10 - via Graf 70 Plesso scuola

Dettagli

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA

Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA. TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA Curricolo verticale di EDUCAZIONE FISICA Scuola Primaria TRAGUARDI DI COMPETENZA AL TERMINE della SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio corpo e la

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

Curricolo Scuola dell'infanzia

Curricolo Scuola dell'infanzia Curricolo Scuola dell'infanzia I Campi d'esperienza sviluppati sono destinati a confluire nei nuclei tematici che le diverse discipline svilupperanno già a partire dal primo anno della Scuola Primaria

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori

CORPO MOVIMENTO SPORT Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia. Dimensione Competenza Abilità Conoscenze Eseguire piccoli compiti motori Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia 1 Eseguire piccoli compiti motori Essere in grado di riconoscere le possibilità di Il proprio corpo e quello degli altri movimento dei diversi segmenti

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE

Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Educazione fisica COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Consapevolezza ed espressione culturale riguarda l importanza dell espressione creativa di idee, esperienze ed emozioni in un ampia varietà di mezzi di comunicazione,

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica

Curricolo verticale. Educazione Motoria/ Educazione Fisica 1 Curricolo verticale Educazione Motoria/ Educazione Fisica 2 Competenza 1 al termine della scuola dell Infanzia Obiettivi di apprendimento Dimensione Competenza Abilità Eseguire piccoli compiti motori

Dettagli

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE

CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE CURRICULO VERTICALE SCIENZE MOTORIE Nei primi anni di vita dei bambini il movimento riveste un importanza fondamentale negli apprendimenti e nella socializzazione. Corpo e movimento costituiscono il nucleo

Dettagli

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino

Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Istituto Paritario Parrocchiale Maria Ausiliatrice Luino Classe PRIMA PROGETTAZIONE DIDATTICA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Secondaria di Primo Grado Anno Scolastico 2013-2014 1. Traguardi Le attività

Dettagli

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO

ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO ALL.A - CURRICOLO D ISTITUTO CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA (dalle INDICAZIONI NAZIONALI) IL SE E L ALTRO: Il bambino gioca

Dettagli

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE - LINEE GENERALI Al termine del percorso liceale lo studente deve aver acquisito la consapevolezza della propria corporeità intesa come conoscenza, padronanza e rispetto del

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME

GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME GIOCA L ATLETICA VINCI INSIEME 1 Gioca l atletica, vinci insieme Premessa Tempi e fasi di realizzazione Obiettivi generali Obiettivi prioritari Centri di avviamento all Atletica Collaborazioni e soggetti

Dettagli

I PROGETTI PROGETTO MUSICA

I PROGETTI PROGETTO MUSICA I PROGETTI I progetti di lavoro fanno parte dei programmi rivolti ai bambini da tre a sei anni. Progetto di lavoro per indicare gli studi approfonditi che, piccoli gruppi di bambini, portano avanti su

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ

CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ CURRICOLO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 CONOSCERE E RICONOSCERE LE VARIE PARTI DEL CORPO, LA LORO FUNZIONALITÀ E POTENZIALITÀ

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA PROGETTO ACCOGLIENZA sviluppare il senso dell'identità personale è consapevole delle differenze e sa averne rispetto conoscere le regole di convivenza e saperle rispettare Il bambino vive positivamente

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO

PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO PROGETTO FORMATIVO DI CIRCOLO SCUOLA DELL INFANZIA «Il bambino che non gioca non è un bambino, ma l'adulto che non gioca ha perso per sempre il bambino che ha dentro di sé.» Pablo Neruda GIOCHI PER CRESCERE

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA

CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA CURRICOLO VERTICALE EDUCAZIONE FISICA SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno acquisisce consapevolezza di sé attraverso la percezione del proprio

Dettagli

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.

ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai. ASILO NIDO REGINA MARGHERITA Via dei Campani, 75 00185 Roma tel 064462381 fax 0649385738 nido@ipabirai.it - rosarita.antico@ipabirai.it PROGETTO PEDAGOGICO SEZIONE GRANDI La sezione è composta da 21 bambini

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (CLASSI TERZE) secondo le Indicazioni del 2012 NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N. 1 UDA N. 2 Unità di apprendimento

Dettagli

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo

Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Conoscere l Autismo Modelli di trattamento educativo Sviluppo e Integrazione delle Funzioni Neuropsicologiche Verona 26 Febbraio 2011 maurizio gioco Centro Ricerca, Diagnosi e Cura per l Autismo Az.Ulss20

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO

IL CORPO E IL MOVIMENTO IL CORPO E IL MOVIMENTO COMPETENZE SPECIFICHE Padroneggiare abilità motorie di base in situazioni Partecipare alle attività di gioco e di sport, rispettandone le regole; assumere responsabilità delle proprie

Dettagli

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO

SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO Largo Madonna, 22 65125 Pescara Tel. 085.4171765 Cell. 338.1967097 www.scuolamusicando.net info@scuolamusicando.net SCUOLA DI MUSICA MUSICANDO MUSICOTERAPIA: Nuove prospettive per l abilitazione e la riabilitazione

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Sandra Serafini e Monia Cavallini PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che promuovono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO

ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ISTITUTO COMPRENSIVO O.FREZZOTTI CORRADINI LATINA DIPARTIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA PLESSO DI VIA QUARTO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 ISTITUTO COMPRENSIVO FREZZOTTI-CORRADINI SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA QUARTO

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI

PROGETTO ACCOGLIENZA CAMPI DI ESPERIENZA FINALITA' OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI PROGETTO ACCOGLIENZA APPRENDIMENTO 3-4-5 ANNI IMMAGINI, SUONI E COLORI sviluppare il senso dell'identità personale consapevolezza delle differenze conoscere e rispettare le regole di convivenza Il bambino

Dettagli

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri

PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014. 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore. Io e gli altri PROGETTAZIONE 1^UdA SCUOLA INFANZIA settembre-novembre 2013 a.s. 2013-2014 1^UDA - AFRODITE le rose dell amore Periodo Settembre - Novembre 2013 AFRODITE le rose dell amore Avviarsi comprendere /Comprendere/Pot

Dettagli

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO

IL CORPO E IL MOVIMENTO. INDICATORI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE DELL ALUNNO SCUOLA DELL INFANZIA IL CORPO E IL MOVIMENTO POTENZIARE LE ATTIVITÀ MOTORIE ALLE ATTIVITÀ DI GIOCO MOTORIO/ SPORTIVO DENOMINARE E INDIVIDUARE LE PARTI DEL CORPO CONTROLLANDOLE GLOBALMENTE. DISCRIMINARE

Dettagli

CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CURRICOLO DI COMPETENZE DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Competenze in uscita per la classe prima Nuclei fondanti ^Percezione e conoscenza del corpo ^ Gioco Obiettivi specifici di apprendimento - Le varie

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE

CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE CURRICOLO VERTICALE DI EDUCAZIONE FISICA COMPETENZE CHIAVE Competenze sociali e civiche: riconosce la propria identità nel contesto culturale di riferimento. Assimila il senso e la necessità del rispetto

Dettagli

UNA SCUOLA VERDE E BLU

UNA SCUOLA VERDE E BLU La Scuola dell Infanzia si propone come contesto di relazione, di cura e di apprendimento nel quale le sollecitazioni che i bambini sperimentano nelle loro esperienze possono essere filtrate, analizzate

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto

2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Definizione Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto 2. INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Alla base dei principi dell integrazione c è il riconoscimento del diritto di ciascun soggetto a ricevere, nella comunità, tutte le opportunità educative per lo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA

PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GRAZIA DELEDDA CATANIA PROGETTAZIONE ANNUALE DI SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2015-2016 La Progettazione annuale delle Attività Didattiche elaborata per l anno scolastico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE

PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 MATERIA: SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Il seguente piano di lavoro annuale viene redatto in accordo con la formulazione dei Programmi, di cui al d.p.r.908 del 01-10-1982,e

Dettagli

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE

PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE PERCORSO DI CONVIVENZA CIVILE INSEGNANTI DI RIFERIMENTO: Alessandra Pallotti e Suor Laurentina Kadinde PREMESSA Questo progetto coinvolge tutti i bambini della nostra scuola con una serie di proposte che

Dettagli

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO

VIAGGIO FANTASCIENTIFICO: ALLA SCOPERTA DI TERRA - ARIA ACQUA FUOCO ISTITUTO COMPRENSIVO "PIERO FORNARA" DI CARPIGNANO SESIA Via Ettore Piazza, 5-28064 Carpignano Sesia (Novara) C.F.80015590039 Tel. 0321 825185 / 824520 - Fax. 0321 824586 website: http://share.dschola.it/carpignanosesia

Dettagli

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA

G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA G I OC ON F A PROGETTO DI PRATICA PSICOMOTORIA La proposta educativa La proposta Psicomotoria educativa rivolta a bambini dai 2 ai 6 anni, tende ad una armonica formazione della personalità vista come

Dettagli

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive

I.I.S. C. MARCHESI. INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive Pag. 1 di 5 ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PIANO ANNUALE DI LAVORO INSEGNANTE Rossetto Monica CL. 5 SEZ. CL MATERIA Educazione fisica - Scienze Motorie e Sportive 1) PROFILO INIZIALE DELLA CLASSE a) comportamento

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli

L Accertamento. nel Nursing di Salute Mentale CEREF. Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli L Accertamento nel Nursing di Salute Mentale CEREF Aggiornamenti per l assistenza infermieristica psichiatrica Docente: Paolo Barelli Accertamento - Valutazione Iniziale Processo scientifico di identificazione

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2

Curricolo per campi di esperienza a.s. 2013-2014 - Istituto Comprensivo Assisi 2 La comunicazione nella madrelingua Vive pienamente la propria corporeità, ne percepisce il potenziale comunicativo ed espressivo,matura condotte che gli consentono una buona autonomia nelle gestione della

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE

CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE CAMPO DI ESPERIENZA: I DISCORSI E LE PAROLE I. Il bambino usa la lingua italiana, arricchisce e precisa il proprio lessico, comprende parole e discorsi, fa ipotesi sui significati. II. Sa esprimere e comunicare

Dettagli

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum

QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum QUELLO CHE CERCHI C È Il mago di Oz - L. FrankBaum Questa storia è stata scelta perché ricca di spunti educativi. Nel periodo dell inserimento ci guiderà DOROTHY che ci aiuterà nella conoscenza delle regole

Dettagli

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO

DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO DIPARTIMENTO DI EDUCAZIONE FISICA PROGRAMMA DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE BIENNIO OBIETTIVI DELLA DISCIPLINA Acquisire la consapevolezza della propria corporeità, intesa come conoscenza, padronanza, rispetto

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente.

1.4 Interpretare gli stimoli esterni che consentono al corpo di adattarsi all ambiente. SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE OB. FORMATIVI COMPETENZE CLASSE 1 1. OSSSERVARE, CONOSCERE E RAPPRESENTARE IL CORPO, E DISCRIMINARE ATTRAVERSO I SENSI. 1.1 Riconoscere e denominare le parti del corpo su se

Dettagli

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori

Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori PROGETTAZIONE DIDATTICA a/s 2013-2014 Il mondo di ARCIMBOLDO gusti,sapori e colori Breve viaggio attorno al cibo e oltre Percorso di scoperta ed interazione tra il cibo e le qualità che gli alimenti nascondono:

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO

LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO LA CONOSCENZA DEL Se ATTRAVERSO IL MOVIMENTO CREATIVO Il movimento creativo o danzaterapia o espressività corporea è un particolare modo di utilizzare il corpo, il movimento e il contatto, che ha come

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera

SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII. Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 1 di 8 SCUOLA DELL INFANZIA GIOVANNI XXIII Progetto Pedagogico della Sezione Primavera Pagina 2 di 8 1. PREMESSA La scelta pedagogica di istituire la sezione Primavera, all interno della Scuola

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli