GLOBAL CITY REPORT Sesta edizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GLOBAL CITY REPORT Sesta edizione"

Transcript

1

2 GLOBAL CITY REPORT Sesta edizione GENERALI IMMOBILIARE ITALIA SGR: VIA MERAVIGLI, MILANO SCENARI IMMOBILIARI : VIA LORENZO MAGALOTTI, ROMA

3

4 Indice 1. Introduzione 5 2. Aspetti demografici ed economici 2.1 Trend demografico Mercato del lavoro e costo della vita Patrimonio immobiliare residenziale Patrimonio immobiliare terziario 4.1 Uffici Centri commerciali Accessibilità e competitività 5.1 Sistema aeroportuale Turismo e offerta ricettiva Spazi fieristici e sviluppo del settore terziario Sistema di trasporto urbano Offerta culturale 7.1 Infrastrutture culturali Sistema universitario Qualità della vita 8.1 Inquinamento e traffico Piste ciclabili Raccolta differenziata Conclusioni 68

5

6 1. Introduzione Gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da cambiamenti sempre più rapidi e radicali nella struttura fisica, demografica ed economica delle metropoli. In qualche caso i mutamenti hanno inciso positivamente sull evoluzione della struttura urbana, garantendo crescita economica, civile, sociale e culturale, quindi, un miglioramento della qualità della vita quotidiana. In altri casi il cambiamento ha causato un involuzione, che si traduce in decremento demografico e occupazionale, ma soprattutto accentuazione degli squilibri sociali e progressivo degrado ambientale. Recentemente il processo evolutivo ha subito una forte accelerazione, a causa dei consistenti flussi migratori, dell evoluzione delle tecnologie produttive, dei sistemi cognitivi, dei mezzi di comunicazione e delle dinamiche relazionali nel lavoro, nel tempo libero, nella sfera privata e nello spazio collettivo. Si sta affermando un modello di città diffusa. Una città che si espande fisicamente e funzionalmente sul territorio, integrandosi con altri sistemi territoriali e urbani in un sistema insediativo nuovo, diffuso ma fortemente interconnesso. L espansione non è riconducibile solo al trend demografico, ma deriva dalla progressiva frammentazione delle funzioni urbane, legate tra loro da complessi rapporti di causa ed effetto: frammentazione del mercato del lavoro, derivante dalla riduzione del lavoro salariato nella grande impresa e dalla crescita di professionalità e specializzazioni che si organizzano in rapporti sempre più diversificati e innovativi frammentazione sociale, come conseguenza delle crescenti diseguaglianze fra zone all interno delle grandi agglomerazioni e dei processi sempre più frequenti di emarginazione sociale frammentazione degli attori della regolazione urbana, con la sovrapposizione dei territori e degli ambiti di competenza e la moltiplicazione dei protagonisti nel panorama decisionale. I rapidi cambiamenti strutturali sono accompagnati dal ruolo sempre più importante che le metropoli svolgono nello scenario competitivo internazionale, da cui deriva una competizione sempre più accesa tra aree urbane per accrescere GLOBAL CITY REPORT 5

7 la propria attrattività, che può essere definita come l efficacia economica di un territorio e la capacità di attirare residenti, funzioni, capitali e talenti. Il concetto di attrattività ha implicazioni fisiche e psicologiche poiché il successo di una città dipende dalla capacità di soddisfare gli obiettivi sociali, gli imperativi economici e le esigenze dei cittadini, che da un lato sono profondamente diversi in ogni città, influenzati dalle vicende storiche e culturali, ma dall altro risentono del processo di globalizzazione, che ha trasformato le città europee rendendole simili alle città di altre parti del mondo. Questo Rapporto, giunto alla sesta edizione, ha lo scopo di aggiornare i dati sulla competitività e vivibilità delle principali città europee, mettendoli a confronto con quelli relativi al Cinque anni rappresentano un lasso di tempo breve, ma si tratta di un periodo particolarmente importante, perché la crisi economica globale ha aggravato gli squilibri economici e sociali, evidenziando le carenze delle nazioni e delle città e ponendo l accento sull esigenza di studiare soluzioni adeguate ad affrontare gli effetti di problematiche di più ampia portata, come i cambiamenti climatici e la scarsità di risorse. L obiettivo del Rapporto è di analizzare la pluralità di fattori che interagiscono nel quadro competitivo urbano per identificare le città che, grazie ad una maggiore capacità di diversificazione e solidità economica, hanno saputo interpretare la crisi come un occasione per cambiare e innovare, mantenendo un buon ritmo di crescita e, quindi, anticipandone la fine. Le città che non hanno saputo intervenire in modo efficace hanno subito le conseguenze della recessione, perdendo importanti posizioni nello scenario competitivo mondiale. Sono state prese in considerazione venti città, quindici capitali e cinque città di dimensioni medie e grandi che, pur non essendo capitali, giocano un ruolo importante sul piano europeo e mondiale. Lo scopo è di valutare i progressi compiuti e le prospettive future attraverso l analisi di indicatori che sottolineano i principali aspetti positivi e negativi delle città, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo: andamento demografico, mercato del lavoro e costo della vita patrimonio immobiliare residenziale e terziario/uffici dotazione di centri commerciali accessibilità e ricettività servizi urbani, spazi culturali e sistema universitario qualità della vita. GLOBAL CITY REPORT 6

8 Sono state analizzate solo le aree urbane, escludendo le zone metropolitane circostanti, in considerazione della logica concentrica dell organizzazione delle città europee e della maggiore confrontabilità dei dati. Per ogni aspetto è stata stilata una classifica tra le città prese in considerazione sulla base delle risultanze dell analisi e dei ranking realizzati nel corso dell anno dai principali istituti di ricerca internazionali. Dall analisi delle classifiche parziali, infine, ne è stata ricavata una generale che identifica le città più virtuose in assoluto e quelle che hanno compiuto i maggiori progressi negli ultimi cinque anni. La varietà e complessità delle modificazioni urbane non possono essere ricondotte ad uno schema interpretativo unitario e, dunque, si è cercato di interpretare i dati quantitativi tenendo conto delle specificità delle soluzioni sperimentate nei diversi ambiti territoriali. Ne è derivato un panorama complesso, in cui Parigi e Londra si confermano come le uniche due città globali europee, caratterizzate dalla concentrazione delle strutture di comando e di controllo del sistema economico, industriale e finanziario a scala mondiale, dalla presenza di complessi infrastrutturali di livello superiore, di alti livelli di specializzazione, grande differenziazione culturale, etnica e sociale, forte immagine simbolica. Le città di rango immediatamente inferiore sono quelle che hanno saputo migliorare struttura, servizi e immagine puntando su una o più funzioni specializzate, come Zurigo o alcune città del nord Europa, o intervenendo in modo coordinato sull attrattività e sull immagine complessiva. A un livello inferiore della gerarchia urbana europea si trovano le città che hanno mostrato notevoli miglioramenti strutturali, ma che non hanno saputo integrare le innovazioni in un modello di governance efficiente, capace di coordinare le azioni provenienti da un insieme eterogeneo di attori, pubblici e privati, in un piano strategico competitivo. Il caso più significativo è rappresentato da Milano. In fondo alla classifica si situano le città statiche, che per motivi diversi non hanno saputo adattarsi all evoluzione del panorama competitivo internazionale, come Roma e Dublino, che però hanno le potenzialità per ridurre il divario che le separa dalle concorrenti, e Atene e Lisbona, il cui ritardo sembra difficilmente recuperabile. GLOBAL CITY REPORT 7

9 2. Aspetti demografici ed economici 2.1 Trend demografico Le venti città analizzate hanno una popolazione complessiva di quasi 27,5 milioni di abitanti, che rappresentano il 5,5 per cento della popolazione totale dell Unione europea. Si tratta di città di medie e grandi dimensioni, con una popolazione media di quasi 1,4 milioni di abitanti. Per quanto riguarda il trend demografico, gli ultimi cinque anni hanno visto una crescita media della popolazione intorno al cinque per cento. L aumento più consistente riguarda le città situate nel nord Europa, guidate da Oslo, che ha visto aumentare gli abitanti del 12,3 per cento, seguita da Stoccolma, Bruxelles e Amsterdam, con un incremento superiore al dieci per cento. Helsinki ha registrato un aumento più contenuto, ma comunque superiore alla media delle città prese in considerazione. Milano e Roma sono le uniche metropoli con un calo della popolazione rispettivamente dello 0,8 e 2,7 per cento. La flessione è imputabile sia ad un saldo naturale negativo che allo spostamento di una parte delle famiglie verso le zone periferiche esterne alla città, in cerca di un ambiente più gradevole e costi delle case più contenuti. La situazione tra le due città, però presenta differenze sostanziali. A Roma si assiste ad un costante aumento degli stranieri, con percentuali decisamente superiori alla media europea. Gli ultimi cinque annui hanno visto un flusso immigratorio sempre più consistente, per un totale di circa 352mila ingressi, provenienti per il 45 per cento dall estero, contro 238mila emigrazioni, in larga maggioranza verso altre città italiane. La popolazione giovanile, invece, ha segnato una crescita marginale, dato che il trend immigratorio ha compensato solo in parte gli effetti causati dal calo delle nascite, a cui si aggiunge la crisi del mercato del lavoro. Milano presenta un maggiore dinamismo, con un aumento più consistente della popolazione giovanile, imputabile non ad un incremento delle nascite, che anzi sono calate del cinque per cento rispetto a cinque anni fa, ma all ingresso di giovani provenienti soprattutto da altre zone d Italia, attirati da maggiori opportunità di lavoro e dalla presenza di istituzioni universitarie di crescente importanza. Gli stranieri, invece, sono in calo nel capoluogo lombardo, in quanto l elevato costo della vita ha causato lo spostamento verso l hinterland. GLOBAL CITY REPORT 8

10 La composizione demografica interviene a vari livelli sull attrattività. L eterogeneità sociale, etnica e generazionale della popolazione presente sul territorio urbano condiziona la differenziazione delle attività produttive e il mix sociale. Inoltre la diversificazione della popolazione costituisce un elemento di attrazione di nuovi residenti e attività, anch essi diversificati. Il declino della fertilità e la crescente longevità hanno come risultato il progressivo invecchiamento della popolazione, che attualmente si compone per il 23 per cento di persone con più di sessanta anni: la percentuale dovrebbe salire al 29 per cento fra dieci anni e sfiorare il cinquanta per cento entro il Ancora più consistente sarà l aumento degli abitanti superiori agli ottanta anni. L invecchiamento della popolazione riveste grande importanza soprattutto perché implica la capacità della città di adeguare infrastrutture, servizi e offerta culturale e ricreativa alle esigenze di diverse categorie di età. Il trend non risparmia le due città italiane e Milano si conferma la metropoli europea con la percentuale più elevata di ultrasessantacinquenni, quasi nove punti al di sopra della media europea e la tendenza tenderà ad aumentare nei prossimi anni. La città che mostra il tasso di invecchiamento più accentuato rispetto al 2008 è Atene, probabilmente perché la grave crisi economica, con conseguente forte aumento della disoccupazione, ha indotto una quota consistente della popolazione attiva e dei giovani a lasciare la capitale, se non persino il Paese. A sorpresa è in aumento la popolazione anziana di Berlino che, a dispetto della sua fama di una delle città più giovani in Europa, ospita una percentuale di anziani superiore alla media europea e una quota di giovani inferiore al quindici per cento, la percentuale più bassa tra le venti città. Le due città italiane presentano percentuali lievemente superiori, ma sempre al di sotto della media. Londra continua a ospitare la percentuale più bassa di anziani, che rappresentano solo il 10,5 per cento degli abitanti, in lieve aumento rispetto al 9,4 per cento di cinque anni fa. In calo gli anziani a Bruxelles, che ha anche il primato per quanto riguarda i giovani al di sotto di 19 anni, che rappresentano il 24,6 per cento, in lieve aumento rispetto al La vocazione internazionale di Bruxelles richiama un elevato numero di giovani e di famiglie con bambini provenienti da tutto il mondo. Il dato trova conferma nell aumento della percentuale di stranieri a Bruxelles e Londra, dove rappresentano quasi un terzo della popolazione. Si tratta di un immigrazione di livello elevato, con un alta percentuale di lavoratori qualificati. GLOBAL CITY REPORT 9

11 Anche le città situate nell Europa settentrionale, quali Copenhagen, Stoccolma e Dublino, hanno visto aumentare i giovani, mentre a Zurigo è in crescita la popolazione attiva, visto che sono in calo sia i giovani che gli anziani. Tavola 1 Classifica in base all'andamento demografico (variazione % ) Oslo Stoccolma 12,3 11,8 Bruxelles 11,2 Amsterdam 10,4 Lisbona 9,6 Atene 9,5 Helsinki 7,0 Barcellona 6,8 Media 5,3 Francoforte 4,9 Vienna 4,7 Madrid 4,3 Dublino 4,2 Parigi 3,0 Lione 2,7 Londra 1,7 Berlino 1,0 Copenhagen 0,8 Zurigo 0,2 Milano -0,8 Roma -2,7-4,0-2,0 0,0 2,0 4,0 6,0 8,0 10,0 12,0 14,0 Fonte: Global city report GLOBAL CITY REPORT 10

12 Tavola 2 Andamento demografico a Milano (unità, dicembre di ogni anno) Anno Nascite Decessi Saldo naturale Immigrazione Da altre città Dall'estero italiane Emigrazione Verso altre città italiane Verso l'estero Saldo migratorio Totale Fonte: Istat Tavola 3 Andamento demografico a Roma (unità, dicembre di ogni anno) Immigrazione Emigrazione Saldo Saldo Anno Nascite Decessi Da altre città Verso altre Verso naturale Dall'estero migratorio italiane città italiane l'estero Totale Fonte: Istat GLOBAL CITY REPORT 11

13 Tavola 4 Andamento del rapporto tra giovani (0-19 anni) e anziani (>65 anni) (valori % sul totale della popolazione) Città caratterizzate da un aumento della popolazione giovane Città caratterizzate da un invecchiamento della popolazione Città Giovani Anziani Città Giovani Anziani Dublino 20,9 22,9 12,7 11,3 Atene 16,9 14,7 18,0 19,8 Copenhagen 18,6 20,9 11,4 10,4 Oslo 22,0 23,2 12,0 17,2 Bruxelles 23,7 24,6 15,0 13,5 Lione 22,0 21,4 14,0 16,6 Londra 22,2 24,1 9,4 10,5 Berlino 16,7 14,5 18,4 19,0 Parigi 19,3 19,0 14,4 13,3 Helsinki 20,6 19,8 14,2 15,8 Stoccolma 21,1 21,3 14,2 14,2 Roma 17,6 17,8 20,5 21,7 Barcellona 15,7 16,0 20,7 20,8 Vienna 20,0 19,2 16,5 16,6 Milano 15,9 16,5 23,9 25,1 Lisbona 18,1 17,6 24,2 24,3 Amsterdam 20,9 20,5 11,2 11,3 Francoforte 16,3 15,4 16,9 16,4 Madrid 17,4 17,7 19,1 19,7 Zurigo 15,7 14,7 16,8 16,0 Fonte: Global city report Tavola 5 Classifica in base alla percentuale di anziani (> 65 anni) (% sulla popolazione totale) Fonte: Global city report GLOBAL CITY REPORT 12

14 Tavola 6 Classifica in base alla percentuale di stranieri (% sulla popolazione totale) Fonte: Global city report Mercato del lavoro e costo della vita La crisi economica ha avuto un impatto drammatico sul mercato del lavoro europeo i cui effetti, anche in presenza di una fase di ripresa, si faranno sentire ancora nei prossimi anni. Si stima che attualmente nell Unione europea ci siano dieci milioni di posti di lavoro in meno di prima della crisi e che il ritorno a tassi normali richiederà dieci anni. Il tasso di disoccupazione è aumentato quasi ovunque, raggiungendo una media del 10,6 per cento nelle venti città, rispetto al 7,9 per cento di cinque anni fa. A livello dell Unione europea la disoccupazione è pari al 12,2 per cento. L aumento più consistente ha riguardato le città situate nei Paesi che hanno subito più duramente gli effetti della recessione. Barcellona e Atene superano il venti per cento, seguite a breve distanza da Madrid, contro una percentuale inferiore al dieci per cento nelle tre città nel Al di sopra della media europea si collocano anche Dublino e Roma, dove le problematiche del mercato del lavoro hanno visto un progressivo aggravamento nel corso degli ultimi anni. GLOBAL CITY REPORT 13

15 A Milano il tasso di disoccupazione è del 7,8 per cento, inferiore alla media europea ma più che raddoppiato rispetto al Nel capoluogo lombardo è in fase di lento recupero l occupazione giovanile, che si attesta intorno al 20,3 per cento, contro il 24 per cento del 2009 e una percentuale nazionale del 35 per cento. In controtendenza rispetto al resto dell Europa ci sono Helsinki e Francoforte dove, nonostante la recessione economica, la disoccupazione è scesa rispettivamente al sette e 7,5 per cento. Anche Bruxelles e Berlino hanno registrato un calo rispetto a cinque anni fa, ma sono ancora al di sopra della media europea. Nelle capitali nordiche il mercato del lavoro è più dinamico e offre maggiori occasioni, visto che presenta un tasso di disoccupazione contenuto e sono previsti efficienti piani di indennità per i disoccupati. Londra è stabile rispetto a cinque anni fa, intorno al 7,7 per cento, confermando il dinamismo e la solidità dell economia e del mercato del lavoro, mentre la città più virtuosa è Zurigo, dove il tasso di disoccupazione non supera il 3,6 per cento. La città è il motore trainante dell economia elvetica ed è tra i centri di eccellenza europei per quanto riguarda il settore terziario, con particolare riferimento ai servizi alle imprese e alle attività bancarie e assicurative. Inoltre negli ultimi anni Zurigo si è affermata in tema di innovazione, diventando un polo economico primario nel settore delle life sciences. Il costo della vita delle città considerate è superiore alla media europea e il divario tende ad aumentare. Fatto cento il valore dell Unione europea, la media delle venti città è passata da 125 nel 2008 all attuale 130. L aumento è condizionato dal migliore andamento del mercato immobiliare nelle grandi città rispetto ai piccoli centri, visto che il costo della vita viene calcolato considerando un paniere composto da circa duecento articoli, compreso l alloggio. Londra perde il primato di città più cara, superata da Zurigo e Oslo. In forte aumento anche Stoccolma e Amsterdam. In generale le città del nord Europa registrano il costo della vita più elevato, sostenuto però da stipendi nettamente superiori alla media europea e da un mercato del lavoro più dinamico. Milano e Roma hanno un indice superiore alla media di circa il quattordici per cento e hanno segnato un aumento moderato rispetto a cinque anni fa, mentre le due città spagnole, Lione, Berlino e Dublino sono le uniche ad aver registrato una riduzione, conseguendo un maggior equilibrio nel rapporto tra costo della vita e reddito pro capite rispetto al passato. GLOBAL CITY REPORT 14

16 Tavola 7 Impatto della recessione sull'occupazione (totale posti di lavoro in Ue27) * 2020* 2025* Livello attuale Livello previsto senza recessione * previsione Fonte: Cedefop Tavola 8 Classifica in base al tasso di disoccupazione (valori percentuali) Fonte: Global city report GLOBAL CITY REPORT 15

17 Tavola 9 Classifica in base al costo della vita (base 100; media Ue27 = 100) Costo della vita in calo rispetto alla media europea Costo della vita in aumento rispetto alla media europea Città Città Barcellona Berlino Dublino Lione Zurigo Amsterdam Bruxelles Copenhagen Stoccolma Oslo Parigi Vienna Madrid Helsinki Milano Roma Lisbona Londra Atene Francoforte Fonte: Global city report 3. Patrimonio immobiliare residenziale Gli ultimi cinque anni hanno registrato un brusco rallentamento dell attività edilizia in tutta Europa a causa della crisi economica generale e del conseguente forte calo della domanda. In media le venti città hanno visto aumentare lo stock dell 8,6 per cento per quanto riguarda il numero di alloggi e del 7,7 per cento per quanto riguarda la superficie occupata. Si tratta di un incremento medio di circa l 1,5 per cento annuo, inferiore rispetto al ritmo di crescita registrato da molte città nelle fasi positive di mercato. Nel complesso le venti città hanno uno stock di circa quattordici milioni di alloggi per un totale di oltre un miliardo di mq, che rappresenta circa il quattro per cento dello stock complessivo dell Unione europea. Le due città spagnole hanno visto un incremento ampiamente superiore alla media, in quanto negli ultimi anni è stata conclusa una parte dei progetti messi in cantiere prima dell inizio della recessione. Altri progetti sono rimasti incompleti per mancanza di risorse economiche, mentre dal l attività edilizia relativa a nuove iniziative è stata vicina allo zero. GLOBAL CITY REPORT 16

18 La maggiore progettualità spetta a Londra, sostenuta da una domanda vivace soprattutto da parte degli investitori istituzionali e incrementata dai progetti realizzati in occasione delle Olimpiadi dell anno scorso. Per l evento sono state costruite circa undicimila nuove abitazioni, che rappresentano il sei per cento della nuova offerta immessa sul mercato negli ultimi cinque anni. Numerosi nuovi progetti sono stati realizzati anche a Vienna e Berlino, che hanno risentito della recessione in modo limitato e dove la domanda di immobili residenziali ha mantenuto un trend positivo, e Parigi, dove l attività edilizia è concentrata nelle aree periferiche emergenti. Milano e Roma si collocano al di sotto della media europea, con una variazione dello stock rispettivamente del 3,4 e 4,3 per cento rispetto a cinque anni fa. Il ritmo di crescita è sensibilmente inferiore rispetto alla media delle città concorrenti, ma l attività era stata intensa nel periodo precedente. Lo stock di dimensioni più consistente continua ad essere quello di Berlino, con oltre 1,8 milioni di alloggi e una superficie di più di 127 milioni di mq, anche se, rapportando lo stock alla popolazione, il primato appartiene a Milano, con 43,6 mq per abitante, superiore a Oslo, Copenhagen e Barcellona. Tutte le altre città scendono al di sotto dei 40 mq, con una media di 37,1 mq, in lieve aumento rispetto a cinque anni fa. Nonostante una tendenza in crescita Roma è ancora al di sotto della media europea, con poco più di 36 mq per abitante. Marginale la flessione delle dimensioni medie degli alloggi, pari a 72,5 mq. Il dato dovrebbe registrare una progressiva flessione nei prossimi anni, in quanto la carenza di spazi disponibili nelle aree urbane induce i promotori a realizzare condomini in grado di offrire un elevato numero di alloggi, sacrificandone le dimensioni unitarie. Inoltre, le famiglie tendono a crescere di numero ma a ridursi dal punto di vista dimensionale, come conseguenza di numerosi fenomeni demografici e sociali, quali l aumento dei redditi, il calo dei matrimoni e l aumento di separazioni e divorzi, l invecchiamento della popolazione, la diffusione di stili di vita alternativi a quelli tradizionali. Negli ultimi decenni nelle grandi città europee il numero di nuclei familiari ha registrato una crescita più elevata del cinquanta per cento rispetto all incremento demografico. In generale aumenta il numero di famiglie monoparentali, dei single e degli anziani che vivono da soli e, di conseguenza, la domanda di appartamenti di piccole dimensioni. Inoltre i single e le coppie tendono ad abitare nelle aree GLOBAL CITY REPORT 17

19 centrali e semicentrali delle città, mentre le famiglie con bambini, che hanno bisogno di spazi più grandi, si orientano verso le aree esterne. Attualmente nell Unione europea si calcola una media di 2,4 persone per abitazione e le famiglie mononucleari rappresentano un terzo del totale nelle aree urbane. La città che ospita gli alloggi di maggiori dimensioni continua a essere Barcellona, nonostante una riduzione di quasi due metri quadrati rispetto al 2008, seguita da Oslo e Roma. Milano ha alloggi leggermente più piccoli, ma comunque superiori alla media europea, mentre Parigi non raggiunge settanta mq. La situazione cambierebbe se si estendesse l indagine all area metropolitana, in quanto l Ile-de-France ospita un elevato numero di complessi residenziali di livello qualitativo diversificato ma caratterizzati dalla presenza di alloggi di dimensioni maggiori, in quanto vi si concentra la domanda di famiglie con bambini. Gli alloggi più piccoli si trovano a Helsinki, dove superano di poco 63 mq, come conseguenza della cultura immobiliare locale ma anche delle dimensioni medie delle famiglie, inferiori rispetto alla maggior parte delle città concorrenti. In generale nelle capitali dei Paesi del nord le famiglie sono composte da una media di due persone, contro 2,6 dell Europa del sud e punte di 2,8 nelle città spagnole. Il calo dell attività edilizia ha come conseguenza un rallentamento del rinnovamento dello stock. Le residenze realizzate a partire dagli anni novanta rappresentano il 21,2 per cento del totale, rispetto al 19 per cento di cinque anni fa. La classifica è guidata da Barcellona, con una percentuale di immobili recenti vicina al 39 per cento, grazie ad un attività edilizia particolarmente intensa che ha comportato anche la demolizione di molti edifici realizzati prima del secondo conflitto mondiale. Madrid si colloca al quarto posto, dopo Berlino, la cui opera di ricostruzione dopo la caduta del Muro ha cambiato completamente il volto della città. Anche ad Atene il patrimonio realizzato negli ultimi vent anni è abbondante, pari al 36 per cento dello stock, grazie all elevato numero di costruzioni edificato in occasione delle Olimpiadi del Sia ad Atene che nelle due città spagnole l attività edilizia eccessiva, spesso senza controllo e priva di un piano urbanistico rigoroso, rappresenta una delle cause principali della grave crisi economica nazionale dei due Paesi. Roma si situa lievemente al di sopra della media europea, con una percentuale superiore al 23 per cento, mentre Milano ospita uno dei patrimoni più datati e precede solo Stoccolma e Helsinki. GLOBAL CITY REPORT 18

20 L età dello stock di Milano è dovuto alla scarsa attività edilizia del decennio precedente, mentre la città ha ridotto il divario rispetto alle concorrenti nel periodo successivo. Negli ultimi dieci anni, infatti, è stato realizzato oltre il sei per cento dello stock complessivo, percentuale superiore anche a Londra. Sono stati messi in cantiere progetti di buon livello, che stanno trasformando radicalmente alcuni quartieri semicentrali e periferici. Tavola 10 Composizione delle famiglie nell'unione europea (%, media centri urbani) Famiglie tradizionali (due genitori con figli) 27,5% Altro 9,6% Persone che vivono da sole (< 65 anni) 18,8% Persone che vivono da sole (> 65 anni) 14,3% Famiglie monoparentali (un genitore con figli) 3,5% Coppie (> 65 anni) 11,5% Coppie (< 65 anni) 14,8% Fonte: Global city report GLOBAL CITY REPORT 19

21 Tavola 11 Classifica in base alle dimensioni del patrimonio immobiliare residenziale (variazione % del numero di alloggi) 18,0 17,3 16,0 14,0 12,0 10,0 14,4 12,4 10,7 9,6 8,9 8,7 8,6 8,5 7,5 8,0 6,0 4,0 6,9 5,6 4,3 4,3 4,3 3,5 3,4 2,0 2,0 1,9 1,9 1,0 0,0 Fonte: Global city report Tavola 12 Classifica in base alle dimensioni medie degli alloggi (mq, giugno 2013) Barcellona Oslo Roma Madrid Milano Dublino Amsterdam Lisbona Media Stoccolma Lione Zurigo Francoforte Parigi Copenhagen Bruxelles Berlino Londra Vienna Atene Helsinki ,4 69,6 69,6 69,5 68,7 68,5 67,8 67,5 71,8 71,4 70,6 79,9 76,9 74,9 74,2 73,2 72,8 72,6 72,5 82,4 85,2 Fonte: Global city report GLOBAL CITY REPORT 20

22 Tavola 13 Classifica in base all'età dello stock (% dello stock realizzato dopo il 1990) Fonte: Global city report Per quanto riguarda la tipologia edilizia, le variazioni rispetto a cinque anni fa sono marginali. Milano presenta la percentuale più elevata di appartamenti, che rappresentano il 99,4 per cento delle abitazioni complessive, contro una media dell 83,6 per cento, in calo rispetto a cinque anni fa in considerazione della crescente domanda di case individuali situate nelle aree periferiche interne ed esterne alle grandi città. La percentuale più elevata di case individuali si trova a Dublino e Londra, per evidenti ragioni di politica urbanistica. Se a livello nazionale la percentuale di proprietari di case è aumentata pressoché ovunque, raggiungendo punte dell 83 per cento in Irlanda e dell 82 per cento in Italia, le grandi città presentano una realtà più diversificata. Gli ultimi anni hanno visto aumentare la quota di proprietari in alcune metropoli, mentre in altre è rimasta stabile o diminuita, in considerazione del difficile accesso al credito e dell impossibilità di molte giovani coppie di acquistare casa. Madrid presenta la quota di proprietari più elevata, pari all 82 per cento, distanziando di oltre quattordici punti l altra città spagnola. Roma si colloca al quarto posto con il 66,2 per cento, in calo rispetto al 2008, mentre Milano, con il GLOBAL CITY REPORT 21

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO?

DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? DOVE VANNO LE CITTÀ DEL MONDO? COS È GLOBAL CITY REPORT Global City Report è il primo Rapporto internazionale sul futuro delle città nei nuovi scenari economici, sociali e territoriali. Annualmente presenta

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA 14 settembre 2007 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta, memorizzata in un

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA EUROPEAN OUTLOOK 2014 Motori accesi, manca lo "start" SETTEMBRE 2013 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri

MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE IN ITALIA Dimensione, domanda e scenari futuri Intervento di CLARA GARIBELLO Direttore di ricerca di Scenari Immobiliari URBAN PROMO 2013 Outlook sul social housing Suddivisione

Dettagli

UNDICESIMO RAPPORTO SUL MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDO

UNDICESIMO RAPPORTO SUL MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDO Associazione Regionale dei Costruttori Edili Lombardi Istituto Indipendente di Studi e Ricerche UNDICESIMO RAPPORTO SUL MERCATO IMMOBILIARE LOMBARDO ESTRATTO PER LA STAMPA Si tratta di un rapporto riservato.

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea

Crisi economica e migrazioni nella realtà europea XIII CONVEGNO Italian National Focal Point Infectious Diseases and Migrant Salute e Migrazione: nuovi scenari internazionali e nazionali Roma, 17 Febbraio 2015 Crisi economica e migrazioni nella realtà

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SINTESI PER LA STAMPA I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO AGGIORNAMENTO 2012 Si tratta di un Rapporto riservato. Nessuna parte di esso

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa.

IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. IN CALO LE PRINCIPALI TARIFFE PUBBLICHE. COSA MAI AVVENUTA DA 20 ANNI A QUESTA PARTE I prezzi di luce e gas, però, sono tra i più alti d Europa. =========== Le tariffe pubbliche cominciano a scendere:

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO IMMOBILIARE RESIDENZIALE Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 1985 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992

Dettagli

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari)

IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO. Intervento a Urbanpromo 2012 di. Mario Breglia. (Presidente di Scenari Immobiliari) IL SOCIAL HOUSING COME MODELLO DI UN WELFARE EUROPEO Intervento a Urbanpromo 2012 di Mario Breglia (Presidente di Scenari Immobiliari) OTTOBRE 2012 1 1. Introduzione Il termine social housing è difficile

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008

Comunicato Stampa II Rapporto sul Mercato Immobiliare 2008 Bologna, 17 Luglio 2008 Comunicato Stampa Bologna, 17 Luglio 2008 Compravendite in diminuzione del 10% rispetto allo scorso anno. Nel 2007 si sono vendute 40 mila case in meno, nel 2008 si prevede un ulteriore calo di almeno

Dettagli

Famiglie e abitazioni

Famiglie e abitazioni Famiglie e abitazioni A Milano le famiglie in affitto sono più di 380.000 per un totale di quasi quasi 1 milione persone e occupano il 25% delle abitazioni della città circa il 50% delle abitazioni in

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Verona Indicatori socio-economici -20,6% -0,29% -27,3% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 VERONA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

APPALTI e CONCESSIONI

APPALTI e CONCESSIONI DOTAZIONE INFRASTRUTTURE: DATI UE E NAZIONALI L ISPO (Istituto per gli studi sulla Pubblica opinione) ha reso noti i dati di una ricerca comparata sulle infrastrutture, sia a livello comunitazio che nazionnale.

Dettagli

Il mercato delle ristrutturazioni a Roma

Il mercato delle ristrutturazioni a Roma CRESME RICERCHE SPA Il mercato delle ristrutturazioni a Roma La cifra di affari realizzata nel 2003 dal settore delle costruzioni nella provincia di Roma ammonta a 7,4 miliardi di, di cui 2,8 miliardi

Dettagli

Costruzioni, investimenti in ripresa?

Costruzioni, investimenti in ripresa? Costruzioni, investimenti in ripresa? Secondo lo studio Ance nelle costruzioni c'è ancora crisi nei livelli produttivi ma si riscontrano alcuni segnali positivi nel mercato immobiliare e nei bandi di gara

Dettagli

L AEROPORTO DI FIRENZE

L AEROPORTO DI FIRENZE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana L AEROPORTO DI FIRENZE Gli effetti dei progetti di qualificazione e potenziamento Giovanni Maltinti 14 Aprile 2010 3 buone ragioni: Perché qualificare

Dettagli

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011

I FONDI IMMOBILIARI IN ITALIA E ALL ESTERO RAPPORTO 2011 SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE COMUNICATO STAMPA CRESCE DEL 4,3 PER CENTO IL RISPARMIO GESTITO IN IMMOBILI TOTALE MONDIALE A 1.450 MILIARDI DI EURO OBIETTIVO 100 MILIARDI

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1%

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Novara Indicatori socio-economici -0,77% -46,1% Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione

Dettagli

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione

Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione MACCHINE E APPARECCHIATURE ELETTRICHE Le previsioni al 2015: valore aggiunto, produttività ed occupazione Nel primo grafico viene rappresentata la crescita del settore dell industria dell elettronica;

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive

Nota stampa del 17 luglio 2010. Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Nota stampa del 17 luglio 2010 Il mercato immobiliare in Sardegna Evoluzione e prospettive Le dinamiche demografiche, secondo gli ultimi dati Istat indicano in Sardegna una popolazione residente di 1.672.404,

Dettagli

VIVERE IN AFFITTO. Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale. Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto

VIVERE IN AFFITTO. Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale. Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto VIVERE IN AFFITTO Più case in affitto, più mobilità sociale e territoriale Indagine Censis-Sunia-CGIL sulle famiglie in affitto Roma, 4 Aprile, 2007 2 INDICE 1. IL QUADRO Pag. 1 1.1. La crisi dell affitto

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.

Milano I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 1.242.123 3.038.420. Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 1.242.123 3.38.42 Superficie (km 2 ) 182,1 1.578,9 Densità (ab. per km 2 ) 6.822,2 1.924,4 a cura del Settore Statistica del Comune di Milano

Dettagli

LA METROPOLITANA DI ORLY

LA METROPOLITANA DI ORLY LA METROPOLITANA DI ORLY Il secondo scalo della capitale francese si presenta come un esempio di aeroporto collegato al centro urbano mediante una linea metropolitana, anche se con i limiti di un percorso

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Le politiche abitative Quali politiche per quali contesti? Giulia Cordella Corso politica sociale 2014-2015 giulia.cordella@gmail.com Cosa sono Interventi che si muovono per assicurare agli individui e

Dettagli

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014

Figura 1 Andamento della popolazione residente in Piemonte dal 1951 al 2014 Capitolo 5.1 ANALISI DEI MOVIMENTI ANAGRAFICI DELLA PO- POLAZIONE 1 Maria Cristina Migliore Un primo sguardo di sintesi Nel 2014 la popolazione residente in Piemonte è diminuita di oltre 10mila unità.

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE UNA RIPRESA DI CRISTALLO SETTEMBRE 2014 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna

Dettagli

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030

La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 La popolazione: previsioni demografiche 2010-2030 Lamberto Soliani 1 - Introduzione. Le prossime trasformazioni demografiche nazionali e regionali sono descritte dall Istat in Previsioni demografiche 1

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO GIUGNO 2005 NUMERO DICIOTTO CON DATI AGGIORNATI AL 31 DICEMBRE 2004 INDICE pag.5 PREMESSA TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi

Dossier Casa. A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Dossier Casa A cura della Direzione Affari Economici e Centro Studi Casa 2 La crisi della nuova edilizia e delle infrastrutture e la crescita della riqualificazione delle abitazioni Investimenti in costruzioni*

Dettagli

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013

OPEN - Fondazione Nord Est Febbraio 2013 A7. FECONDITÀ, NUZIALITÀ E DIVORZIALITÀ Diminuisce il tasso di fertilità dopo la crescita degli ultimi anni A livello nazionale il tasso di fecondità totale (numero medio di figli per donna in età feconda)

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Il trend cittadino delle abitazioni. Continua la rivalutazione degli acquisti nel settore immobiliare romano i- niziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti,

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Continua la rivalutazione del settore immobiliare romano iniziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti, fino ad oggi. Tornando indietro nel tempo, sino

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Torino Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Torino TORINO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Torino Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore non

Dettagli

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario

CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario CAPITOLO 2 Struttura, evoluzione e valore del terziario 2.1 Il terziario a Roma: dimensioni e tendenze evolutive 2.2 Caratteristiche della realtà romana 2.3 Le attività del terziario nel comune di Roma:

Dettagli

Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale

Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale Un territorio che cambia: demografia e contesto sociale di Sergio Pasquinelli e Stefania Stea 1. Demografia a somma zero (o quasi) La popolazione residente in provincia di Milano è cresciuta, dal 1991

Dettagli

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa

Aeroporti e territorio: il caso Malpensa Aeroporti e territorio: il caso Malpensa * Aeroporti, magneti di imprese Nella storia le trasformazioni economiche hanno da sempre avuto forti riflessi sulla società, inducendo cambiamenti nel modo di

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA

ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA ANALISI DELLA DOMANDA TURISTICA NEGLI ESERCIZI ALBERGHIERI DI ROMA E PROVINCIA 1. L andamento generale negli alberghi della Provincia di Roma 2. L'andamento

Dettagli

Immobiliare, asset class vincente

Immobiliare, asset class vincente I MERCATI INTERNAZIONALI DEL REAL ESTATE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche che valutano le alternative di impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare Il trend cittadino delle abitazioni. Continua la rivalutazione degli acquisti nel settore immobiliare romano i- niziata nel 1999 e proseguita, con velocità diverse ma sempre crescenti,

Dettagli

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1

Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio 2015 NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A MAGGIO 2015 1 Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Erogazioni (milioni ) Compravendite (media mobile) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Luglio M I L A N O NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE

Dettagli

SINTESI DEL RAPPORTO

SINTESI DEL RAPPORTO SINTESI DEL RAPPORTO La numerazione di tabelle e figure segue quella del testo integrale L Atlante Censis della domanda immobiliare 2012 è acquistabile on line sul sito www.censis-store.it Roma, 9 novembre

Dettagli

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo

Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo sito di urbanistica, società e altre cose -1/6 - http://eddyburg.it Serena Righini, Vimercate: prove tecniche di sviluppo territoriale brianzolo Siamo ai piedi delle colline brianzole, quasi al confine

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-12 BERGAMO NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo

Dettagli

Roma Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N. I. 1996 = 100)

Roma Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N. I. 1996 = 100) Osservatorio sul Mercato mmobiliare, 2-11 ROMA NOTA CONGUNTURALE SUL MERCATO MMOBLARE A MAGGO 2011 1 Prezzi medi correnti di Abitazioni Usate, Uffici e Negozi (N.. 1996 = 0) Figura 1 Numeri indice ( 96

Dettagli

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO

AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO AGGIORNAMENTO DATI 1999 PER MERCATO ESTERO ARRIVI STRANIERI 1999 PER PROVENIENZA U.S.A. 1% S DK 1% 2% CZ 2% CH 2% ALTRI 10% GB 8% E 1% B 3% NL 6% F 2% A 7% D 55% STATI 1999 arrivi e presenze in provincia

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE

LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA CRISI DELLE COSTRUZIONI DEI PRIMI ANNI NOVANTA E LA CRISI ATTUALE ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO 2012 LA CRISI

Dettagli

Osservatorio sul mercato immobiliare

Osservatorio sul mercato immobiliare Camera di Commercio di Milano Osservatorio sul mercato immobiliare Settembre 2005 UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI Il presente documento è stato realizzato da: Angela Airoldi, Emilio Colombo, Luca

Dettagli

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto Maggio 2007 IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle 1 Premessa La presentazione che segue si pone

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE

MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE MILANO È UNA CITTÀ INTERNAZIONALE, MA DEVE MIGLIORARE I PARAMETRI DI PERCEZIONE Secondo i manager di società europee, non fa molto per promuovere se stessa e Parigi le migliori città d affari in Europa

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso Istituito ai sensi dell art. 36 del d.lgs. n. 58/98 Testo Unico della Finanza

Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso Istituito ai sensi dell art. 36 del d.lgs. n. 58/98 Testo Unico della Finanza Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Advisor e soggetto delegato Fondo Comune di investimento immobiliare di tipo chiuso Istituito ai sensi dell art. 36 del d.lgs. n. 58/98 Testo Unico della Finanza

Dettagli

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013

Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012. Luglio 2013 Il mercato immobiliare a Bologna nel 2012 Luglio 2013 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione a cura di: Marisa Corazza Mappe a cura di:

Dettagli

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8 Sommario 1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale.... 8 Demografie delle imprese... 8 Le imprese artigiane in Sardegna... 9 La situazione economica e finanziaria delle imprese...

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 8 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 8 1. L andamento del mercato

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2013 1. Provincia di Parma Indicatori socio-economici -41,7% Parma Indicatori immobiliari Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Marzo 13 PARMA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 13 1 Provincia di Indicatori socio-economici Figura 1 Negli ultimi dieci anni la popolazione è

Dettagli

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Indice Analisi congiunturale Indicatori di accessibilità 2 Analisi congiunturale 3 Aeroporti e segmenti di mercato Mercato

Dettagli

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III

CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III CONFERENZA URBANISTICA MUNICIPALE MUNICIPIO III SEDUTA INIZIALE 5 MAGGIO 2014 CONFERENZA URBANISTICA PERCORSO COMPLESSIVO 1. Seduta iniziale della conferenza municipale Illustrazione delle questioni, degli

Dettagli

CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI

CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI COMUNICATO STAMPA CROLLANO DEL 24,3 PER CENTO GLI ACQUISTI DEGLI IMMIGRATI NEL 2009 MA NEL 2010 SARA' PEGGIO, SE LE BANCHE NON TORNANO A DARE MUTUI Vera "emergenza casa" per milioni di lavoratori immigrati

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 2012 1 Osservatorio sul Mercato Immobiliare, 1-1 NOVARA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A FEBBRAIO 1 1 Tavola 1 Numero di compravendite di immobili residenziali e non residenziali nel periodo -11:

Dettagli

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1)

NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 2015 1. Venezia Evoluzione delle compravendite. Settore residenziale Settore non residenziale (1) Osservatorio sul Mercato Immobiliare, Novembre 215 Venezia VENEZIA NOTA CONGIUNTURALE SUL MERCATO IMMOBILIARE A OTTOBRE 215 1 Venezia Evoluzione delle compravendite Figura 1 Settore residenziale Settore

Dettagli

Preventivo 2016. In milliardi

Preventivo 2016. In milliardi Panoramica Preventivo 2016 In milliardi Deficit Uscite Per il 2016 è atteso un deficit del bilancio ordinario di 0,4 miliardi. Le direttive del freno all indebitamento potranno pertanto essere rispettate

Dettagli

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO

LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Associazione Nazionale Demolitori Italiani LA DEMOLIZIONE ITALIANA A CONVEGNO Parma, 26 novembre 2005 Trascrizione dell intervento dal titolo: IL MERCATO DELLE DEMOLIZIONI ANNI 2000: DAL RECUPERO ALLA

Dettagli

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079)

Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) Istruttoria legislativa sulla proposta di legge su incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia (C.2079) AUDIZIONE DELLA SVIMEZ c/o Camera dei Deputati Commissione VIª: Finanze INDICE DELL

Dettagli

TENDENZE GENERALI DI SPESA

TENDENZE GENERALI DI SPESA Dicembre 2009 I SEMESTRE 2009: SI E TOCCATO IL FONDO? Uvet American Express I DATI PIÙ SIGNIFICATIVI DEL 1 SEMESTRE 2009 TREND DI SPESA BIGLIETTERIA AEREA Diminuzione delle spese di viaggio Continua a

Dettagli

Ecco la fotografia del mercato immobiliare relativo a uffici, commerciale e industriale delle due città

Ecco la fotografia del mercato immobiliare relativo a uffici, commerciale e industriale delle due città Immobili: a Roma e Milano il mercato corporate si concentra su superfici di dimensioni contenute. Domanda di uffici sempre più orientata verso le zone a più alta vocazione direzionale Tendenziale ritorno

Dettagli

2006 2007) 500 - -. L

2006 2007) 500 - -. L COMUNICATO STAMPA I Rapporto sul Mercato Immobiliare 27 Tempi più lunghi per vendere o affittare ma i prezzi tengono. I prezzi crescono meno velocemente che in passato: nelle città di medie dimensioni,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 22 novembre 2013 S.A.F.

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS

LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE. GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS LA LETTURA COME STRUMENTO PER LO SVILUPPO E LA CONVIVENZA CIVILE (sintesi DELL INTERVENTO) GIUSEPPE ROMA Twitter @GiromRoma Senior Advisor CENSIS SENZA LETTURA NON C È CRESCITA QUOTIDIANI, PERIODICI E

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A.

Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Nota informativa per la stampa Piano di sviluppo al 2044 di Aeroporti di Roma S.p.A. Sommario 1. Tratti salienti 2. Il Piano di sviluppo al 2044 3. Occupazione: più di 230mila posti di lavoro 4. Grande

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE La notte non è finita, ma l'alba non è lontana SETTEMBRE 212 Si tratta di un rapporto riservato. Nessuna parte di esso può essere riprodotta,

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

Fondo Securfondo. Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014

Fondo Securfondo. Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014 Fondo Securfondo Assemblea dei Partecipanti 10 dicembre 2014 Considerazioni generali del mercato Il mercato immobiliare italiano nel corso degli ultimi mesi ha assistito ad una attenuazione della fase

Dettagli

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 -

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 - CERTET Centro di Economia regionale, dei trasporti e del turismo Unioncamere Lombardia Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione

Dettagli

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare

Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare con il sostegno della Seminario di presentazione del Rapporto Giorgio Rota su Napoli: Ci vuole una terra per vedere il mare Spunti di riflessione su società, economia e progetti dell area metropolitana

Dettagli

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle

La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle Trento, 23 gennaio 2012 La popolazione residente in provincia di Trento attraverso l anagrafe e i flussi demografici anche in un ottica di Comunità di Valle La popolazione residente in provincia di Trento

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA

Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA Scheda stampa SOCIAL HOUSING I NUMERI DELL EMERGENZA ABITATIVA CASA: EMERGENZA SOCIALE PER LE FASCE PIU DEBOLI La casa, il bene più amato dagli italiani, è stato messo a dura prova in questi anni di crisi:

Dettagli

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006

Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 n. 2 Settembre 2006 Mosaico statistico n. 2 Settembre 2006 Indice 1. Roma e le altre metropoli europee: Pil e potere d acquisto pag. 2 2. Popolazione: popolazione residente e movimento migratorio pag.

Dettagli

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita

L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita L industria immobiliare italiana 2012: opportunità per la crescita GUALTIERO TAMBURINI ASSEMBLEA ANNUALE FEDERIMMOBILIARE ROMA, 18 GENNAIO 2012 Il quadro macroeconomico PIL ed occupazione (variazioni %

Dettagli