Analisi di bilancio: redditività e finanza

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di bilancio: redditività e finanza"

Transcript

1 Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria tradizionale e gli sviluppi successivi le scelte manageriali a vantaggio degli azionisti Scelte finanziarie manageriali per la crescita: la struttura del capitale (liquidità e finanziamenti) la politica dei dividendi le strategie per la crescita dell impresa Politecnico di Torino 1

2 Obiettivi della lezione Chiarire le ipotesi sottostanti alla teoria neoclassica della finanza d impresa Descrivere le origini del problema della struttura finanziaria ottimale per gli azionisti Analizzare le soluzioni al problema proposte da Modigliani e Miller Delineare brevemente gli sviluppi successivi 3 Prerequisiti per la lezione L assimilazione del corso di Economia ed organizzazione aziendale I La comprensione approfondita degli effetti della leva finanziaria descritti nella precedente lezione sulla redditività finale per i proprietari Politecnico di Torino 2

3 Bibliografia per la lezione L IMPRESA. Teoria, organizzazione, strategia, tecniche economiche e contabili Piercarlo Ravazzi, Mario Calderini, Paolo Neirotti, Emilio Paolucci, Laura Rondi Edizioni il Mulino - Bologna, 2007 cap. 13: L analisi di bilancio: redditività finale del patrimonio netto par. 5: La leva finanziaria ottimale per i proprietari 5.2. I presupposti della teoria della finanza classica 5.3. La teoria tradizionale della finanza 5.4. Il teorema di Modigliani-Miller 5.5. Le teorie successive sulle imperfezioni di mercato 5 Bibliografia per la lezione L IMPRESA. Teoria, organizzazione, strategia, tecniche economiche e contabili Piercarlo Ravazzi, Mario Calderini, Paolo Neirotti, Emilio Paolucci, Laura Rondi Edizioni il Mulino - Bologna, 2007 cap. 13: L analisi di bilancio: redditività finale del patrimonio netto par. 6: Uso degli indicatori per valutare i risultati 6.1. Valutazioni autonome dei managers 6.2. Valutazioni a vantaggio degli azionisti: il CAPM 6.3. Valutazioni a vantaggio degli azionisti: dal CAPM all EVA Politecnico di Torino 3

4 Contenuti della lezione : I presupposti della teoria La teoria tradizionale Il teorema di Modigliani-Miller Le teorie successive sulle imperfezioni Uso degli indicatori per valutare i risultati dell impresa: CAPM e EVA Politecnico di Torino 4

5 Rendimento del capitale netto (ROE) Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: REA ROE = ROI + (ROI IDN) LDN ROE = RE KN = REA (1 QR) (1 TC) Ipotesi: mercato dei capitali perfetto: perfetta informazione QR = 0 assenza d imposte TC = 0 9 Rendimento del capitale netto (ROE) Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: REA ROE = ROI + (ROI IDN) LDN ROE = RE KN = REA (1 QR) (1 TC) Ipotesi: mercato dei capitali perfetto: perfetta informazione QR = 0 assenza d imposte TC = Politecnico di Torino 5

6 Rendimento del capitale netto (ROE) Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: REA ROE = ROI + (ROI IDN) LDN ROE = RE KN = REA 11 Rendimento del capitale netto (ROE) Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: ROE = ROI + (ROI IDN) LDN Trasformiamo questa relazione contabile in una relazione di mercato: alle variabili contabili sostituiamo quelle rilevate sul mercato dei capitali Politecnico di Torino 6

7 Rendimento atteso dal mercato Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: ROE = ROI + (ROI IDN) LDN Ipotesi: costo netto costante i d indebitamento Ipotesi: rendimenti attesi dagli azionisti r E Aspettative di di rendimento sulle azioni = costo del del capitale azionario per per l impresa 13 Rendimento atteso dal mercato Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: ROE = ROI + (ROI IDN) LDN Ipotesi: costo netto costante i d indebitamento Ipotesi: rendimenti attesi dagli azionisti r E e Aspettative di di rendimento sul sul capitale totale = costo del del capitale investito per per l impresa Politecnico di Torino 7

8 Rendimento atteso dal mercato Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: ROE = ROI + (ROI IDN) LDN Ipotesi: costo netto costante i d indebitamento Ipotesi: rendimenti attesi dagli azionisti r E e 15 Rendimento atteso dal mercato Relazioni contabili di REA e ROE per DN = DF AF > 0 LDN = DN/KN > 0: ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN r E Ipotesi: costo netto costante i d indebitamento Ipotesi: rendimenti attesi dagli azionisti r E e Ipotesi: il leverage viene misurato facendo riferimento ai valori di mercato: L = DN/KNM Politecnico di Torino 8

9 Costo medio del capitale per l impresa = r 1 E + i 1+L L 1+L ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN L r E Per il manager-agente è il costo medio del capitale che riflette le aspettative del mercato: r E = + L i L = (1 + L) i L 17 Costo medio del capitale per l impresa = r 1 E + i 1+L L 1+L 1+L = 1+DN/KNM = (KNM+DN)/KNM = KM = KNM + DN DN Valore di di mercato dell impresa KM KNM Politecnico di Torino 9

10 Costo medio del capitale per l impresa = r 1 E + i 1+L L 1+L 1+L = 1+DN/KNM = (KNM+DN)/KNM = KM KNM 19 Costo medio del capitale per l impresa = r KNM E + i KM L 1+L KM 1+L = 1+DN/KNM = (KNM+DN)/KNM = KNM DN L/(1+L) = (DN/KNM)/(KM/KNM) = KM Politecnico di Torino 10

11 Costo medio del capitale per l impresa = r KNM E + i KM DN KM 1+L = 1+DN/KNM = (KNM+DN)/KNM = L/(1+L) = (DN/KNM)/(KM/KNM) = DN KM KM KNM DN/KM = l KNM/KM = (KM DN) / KM = 1 l 21 Costo medio del capitale per l impresa = r KNM E + i KM DN KM 1+L = 1+DN/KNM = (KNM+DN)/KNM = L/(1+L) = (DN/KNM)/(KM/KNM) = DN KM KM KNM DN/KM = l KNM/KM = (KM DN) / KM = 1 l Politecnico di Torino 11

12 Costo medio del capitale per l impresa = r E (1 l) + i l Il costo medio del capitale è una media pesata del costo r E del capitale azionario e del costo i dei debiti finanziari, i cui pesi sono le quote 1 l e l delle due fonti sul valore di mercato Obiettivo dei managers-agenti è minimizzare il costo del capitale allo scopo di massimizzare i valori di mercato dell impresa e delle azioni KM e KNM = RON e KM KM = RONe Politecnico di Torino 12

13 Teoria tradizionale della finanza = r E (1 l) + i l Gli azionisti come si comportano? capitalizzano gli utili, per cui r E ècostante, indipendente dal leverage l = DN/KM = r E (r E i) l i < r E per l 1 Il costo medio del capitale diminuisce linearmente al crescere del leverage l, per cui i managers-agenti devono massimizzare il debito per minimizzare e massimizzare il valore di mercato dell impresa 25 Teoria tradizionale della finanza = r E (1 l) + i l r E = + ( i) L Gli azionisti come si comportano? capitalizzano gli utili, per cui r E ècostante, indipendente dal leverage l = DN/KM = r E (r E i) l i < r E per l 1 capitalizzano i redditi operativi, per cui il costo medio del capitale r k ècostante, mentre il leverage L = DN/KNM accresce il rendimento e il rischio per gli azionisti Politecnico di Torino 13

14 Teoria tradizionale della finanza = r E (1 l) + i l r E = + ( i) L Gli azionisti come si comportano? La struttura finanziaria non influenza il valore di mercato capitalizzano dell impresa, gli utili, ma il per rendimento cui r E ècostante, richiesto sulle indipendente azioni, che dal aumenta leverage linearmente l = DN/KM con L = r E (r E i) l i < r E per l 1 capitalizzano i redditi operativi, per cui il costo medio del capitale r k ècostante, mentre il leverage L = DN/KNM accresce il rendimento e il rischio per gli azionisti 27 Teoria tradizionale della finanza 0 l Politecnico di Torino 14

15 Teoria tradizionale della finanza Tutto il il capitale è finanziato con il il debito 0 1 l 29 Teoria tradizionale della finanza i Capitalizzazione del del reddito operativo (r ( costante) 0 1 l Politecnico di Torino 15

16 Teoria tradizionale della finanza La La struttura finanziaria è indifferente i 0 1 l 31 Teoria tradizionale della finanza r E i 0 r E = + ( i) L l = + ( i) per l 1 1 l 1 l Politecnico di Torino 16

17 Teoria tradizionale della finanza r E Capitalizzazione degli utili (r (r E costante) i 0 = r E (r E i) l i per l 1 1 l 33 Teoria tradizionale della finanza r E Massimo indebitamento i 0 = r E (r E i) l i per l 1 1 l Politecnico di Torino 17

18 Teoria tradizionale della finanza i 0 Fra le due posizioni estreme se ne afferma una intermedia 1 l 35 Teoria tradizionale della finanza Si capitalizza l utile fino al punto M a partire dal quale si percepisce il rischio crescente del debito, che fa salire il costo medio M i 0 1 l Politecnico di Torino 18

19 Teoria tradizionale della finanza M i Struttura finanziaria ottimale 0 l* 1 l Politecnico di Torino 19

20 Il primo teorema di Modigliani-Miller Modigliani e Miller (1958) dimostrano invece la correttezza della teoria della capitalizzazione del reddito operativo ( costante): la struttura finanziaria non influenza KM e quindi non esiste un leverage ottimale Ipotesi: mercati perfetti razionalità degli operatori perfetta informazione assenza di costi di transazione e d imposte divisibilità dei titoli uguali saggi d interesse per tutti i soggetti 39 Il primo teorema di Modigliani-Miller Per assurdo valga la capitalizzazione degli utili r E = cost > i = r E (r E i) l i per l 1 Impresa A senza debiti: l = 0 A = r E = cost Impresa B con debito: l > 0 B < r E = A KM(B) = KNM(B)+DN > KM(A) = RON e /A Conviene vendere B e comprare A indebitandosi per la differenza = KM(A) KNM(B) > 0: RON e Utile operativo Politecnico di Torino 20

21 Il primo teorema di Modigliani-Miller Per assurdo valga la capitalizzazione degli utili r E = cost > i = r E (r E i) l i per l 1 Impresa A senza debiti: l = 0 A = r E = cost Impresa B con debito: l > 0 B < r E = A KM(B) = KNM(B)+DN > KM(A) = RON e /A Conviene vendere B e comprare A indebitandosi per la differenza = KM(A) KNM(B) > 0: RON e i [KM(A) KNM(B)] Interessi sul debito 41 Il primo teorema di Modigliani-Miller Per assurdo valga la capitalizzazione degli utili r E = cost > i = r E (r E i) l i per l 1 Impresa A senza debiti: l = 0 A = r E = cost Impresa B con debito: l > 0 B < r E = A KM(B) = KNM(B)+DN > KM(A) = RON e /A Conviene vendere B e comprare A indebitandosi per la differenza = KM(A) KNM(B) > 0: RON e i [KM(A) KNM(B)] Utile netto dell acquirente Politecnico di Torino 21

22 Il primo teorema di Modigliani-Miller Per assurdo valga la capitalizzazione degli utili r E = cost > i = r E (r E i) l i per l 1 Impresa A senza debiti: l = 0 A = r E = cost Impresa B con debito: l > 0 B < r E = A KM(B) = KNM(B)+DN > KM(A) = RON e /A Conviene vendere B e comprare A indebitandosi per la differenza = KM(A) KNM(B) > 0: RON e i [KM(A) KNM(B)] > RON e i DN Utile netto dell impresa B venduta 43 Il primo teorema di Modigliani-Miller Per assurdo valga la capitalizzazione degli utili r E = cost > i = r E (r E i) l i per l 1 Impresa A senza debiti: l = 0 A = r E = cost Impresa B con debito: l > 0 B < r E = A KM(B) = KNM(B)+DN > KM(A) = RON e /A Conviene vendere B e comprare A indebitandosi per la differenza = KM(A) KNM(B) > 0: RON e i [KM(A) KNM(B)] > RON e i DN KNM(B) + DN > KM(A) Politecnico di Torino 22

23 Il primo teorema di Modigliani-Miller La vendita delle azioni dell impresa B (indebitata) fa scendere KM(B), mentre l acquisto delle azioni dell impresa A (non indebitata) fa salire KM(A) Il processo di acquisti e vendite si arresta quando i due valori si sono livellati: l arbitraggio tra azioni e debito di 2 imprese identiche, eccetto che per la struttura finanziaria, porta a un identico valore In un mercato perfetto la struttura finanziaria è indifferente: gli azionisti percepiscono il rischio crescente al crescere del debito e, a parità di, richiedono un più alto tasso di rendimento r E 45 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto Rendimento ante imposte Politecnico di Torino 23

24 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto = t Aliquota d imposta sul reddito d impresa 47 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto = t( il) Rendimento imponibile Politecnico di Torino 24

25 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto = t( il) = (1 t) + t i l Rendimento netto in assenza di debito 49 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto = t( il) = (1 t) + til Risparmio fiscale Politecnico di Torino 25

26 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti Le imposte sul reddito e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva l (Modigliani-Miller 1963) netto = t( il) = (1 t) + t i l netto r = t 1 t K 1 t i l 51 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Studi empirici successivi al lavoro di M-M non confermano la presenza della costanza di al variare della struttura finanziaria dell impresa Nella realtà i mercati sono imperfetti La Le capitalizzazione imposte sul reddito del reddito e gli interessi operativo deducibili dopo le imposte fanno diminuire (netto = il cost) costo comporta medio del la capitale diminuzione al crescere del costo della medio leva del l (Modigliani-Miller capitale al crescere 1963) del leverage l per effetto del beneficio fiscale netto = t( il) = (1 t) + t i l netto r = t 1 t K 1 t i l d t = i < 0 dl 1 t Politecnico di Torino 26

27 Il secondo teorema di Modigliani-Miller netto 1 t netto r = t 1 t K 1 t i l netto 1 t t i 1 t 0 1 l 53 Il secondo teorema di Modigliani-Miller netto r = t 1 t K 1 t i l 0 Massimo indebitamento Minimo costo del del capitale Massimo valore dell impresa 1 l Politecnico di Torino 27

28 Il secondo teorema di Modigliani-Miller Le imposte personali sul reddito degli azionisti ridimensionano il beneficio fiscale, ma non lo annullano 0 1 l Politecnico di Torino 28

29 Teorie sulle imperfezioni del mercato Critiche al secondo teorema di Modigliani e Miller sulla convenienza a massimizzare l indebitamento il rischio connesso all indebitamento personale è diverso da quello dell impresa, per cui il tasso di interesse per l arbitraggio non è uguale, ma chi possiede risorse le può utilizzare senza indebitarsi i costi di transazione non sono nulli, ma vi sono intermediari finanziari che li minimizzano il tasso d interesse non è costante, ma cresce al crescere dell indebitamento, contrastando il beneficio fiscale 57 Tasso d interesse crescente netto r = t 1 t K 1 t i (l) l M i Struttura finanziaria ottimale 0 l* 1 l Politecnico di Torino 29

30 Teorie sulle imperfezioni del mercato Critiche al secondo teorema di Modigliani e Miller sulla convenienza a massimizzare l indebitamento rischi di fallimento crescenti al crescere del debito con conseguenti costi crescenti (spese legali, calo di produttività e perdite di liquidazione) la separazione tra proprietà e controllo comporta costi crescenti di agenzia da parte degli intermediari finanziari al crescere del debito Le imperfezioni (tassi d interesse crescenti, costi di fallimento e costi di agenzia) implicano l esistenza di una struttura finanziaria ottimale 59 Teorie sulle imperfezioni del mercato Critiche al secondo teorema di Modigliani e Miller sulla convenienza a massimizzare l indebitamento rischi di fallimento crescenti al crescere del debito Le verifiche con conseguenti empiriche costi non crescenti sono confortanti: (spese legali, non calo emerge di produttività una regola e per perdite stabilire di liquidazione) il leverage ottimale. Imprese la separazione analoghe tra adottano proprietàstrutture e controllo finanziarie comporta differenti, costi crescenti imposte di dalle agenzia preferenze da parte dei degli managers intermediari finanziari al crescere del debito Le imperfezioni (tassi d interesse crescenti, costi di fallimento e costi di agenzia) implicano l esistenza di una struttura finanziaria ottimale Politecnico di Torino 30

31 Valutazioni autonome dei managers I managers utilizzano essenzialmente le informazioni contabili per valutare i risultati, anziché i segnali provenienti dal mercato I confronti vengono effettuati rispetto al passato e rispetto alla concorrenza o al settore Più utile è il confronto con indicatori-obiettivo da conseguire sulla base dei quali valutare i risultati Per esempio: ROI >< ρ* = valore critico del costo del capitale Come i managers dovrebbero scegliere ρ*? Politecnico di Torino 31

32 Valutazioni a vantaggio degli azionisti Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: Il Capital Asset Pricing Model (Sharpe 1964 e Lintner 1965) è un modello di equilibrio di lungo periodo di un mercato finanziario perfettamente concorrenziale con soggetti razionali avversi al rischio e aspettative omogenee sui rendimenti 63 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f Rendimento risk free di un titolo privo di rischio Politecnico di Torino 32

33 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Rendimento eccedente come premio per il rischio azionario 65 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Il rendimento eccedente specifico dell impresa è funzione del rendimento eccedente di mercato: r σ = (r M r f ) β Rendimento eccedente di mercato rispetto al risk free Rendimento medio di tutti i titoli rischiosi presenti sul mercato Politecnico di Torino 33

34 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Il rendimento eccedente specifico dell impresa è funzione del rendimento eccedente di mercato: r σ = (r M r f ) β Rischio relativo dell impresa rispetto a quello del mercato 67 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Il rendimento eccedente specifico dell impresa è funzione del rendimento eccedente di mercato: r σ = (r M r f ) β Coefficiente di correlazione Cov (r E, r M ) β = σ 2 = R σ E σ M M σ 2 M Scarti medi quadratici Politecnico di Torino 34

35 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Il rendimento eccedente specifico dell impresa è funzione del rendimento eccedente di mercato: r σ = (r M r f ) β Rischio sistematico impresa Cov (r E, r M ) R σ β = σ 2 = E σ M = M σ M 2 R σ E σ M 69 CAPM (Capital Asset Pricing Model) Per la teoria della finanza i managers devono trarre il valore di ρ* dal mercato finanziario, in quanto esso esprime le preferenze degli azionisti Costo del capitale azionario secondo il CAPM: r E = r f + r σ Il rendimento eccedente specifico dell impresa è funzione del rendimento eccedente di mercato: r σ = (r M r f ) β Sostituiamo la seconda relazione nella prima: r E = r f + β (r M r f ) Politecnico di Torino 35

36 CAPM (Capital Asset Pricing Model) β = 0 r E = r f (assenza di rischio) β = 1 r E = r M (rischio impresa = mercato) β > 1 r E > r M (rischio impresa > mercato) β < 1 r E < r M (rischio impresa < mercato) r E = r f + β (r M r f ) 71 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ r σ = r E r f = β (r M r f ) Politecnico di Torino 36

37 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ r M r f r σ = r E r f = β (r M r f ) 73 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ r M r f r σ = r E r f = β (r M r f ) Politecnico di Torino 37

38 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ Retta di regressione r M r f r σ = r E r f = β (r M r f ) 75 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ β = 1 β < 1 r M r f Linea caratteristica r σ = r E r f = β (r M r f ) Politecnico di Torino 38

39 Valutazioni a vantaggio degli azionisti Stimato il beta delle azioni della sua impresa, il management è ora in grado di calcolare il costo del capitale azionario r E = r f + β (r M r f ) e il costo medio del capitale = r E (1 l) + i l che dovrebbe utilizzare per le decisioni di investimento, se volesse massimizzare il valore di mercato dell impresa e la ricchezza degli azionisti 77 EVA (Economic Value Added) Il costo del capitale dovrebbe servire anche per un confronto con i risultati aziendali: ROI >< ρ* = valore critico del costo del capitale = se deve riflettere le preferenze del mercato Moltiplichiamo per il capitale operativo netto KON per trasformare i rendimenti in flussi: ROI KON = RON >< KON Definiamo EVA (Economic Value Added) la differenza: EVA = RON KON >< 0 EVA è proposto come indicatore di creazione di valore per il management-agente degli azionisti Politecnico di Torino 39

40 EVA (Economic Value Added) Il costo del capitale dovrebbe servire anche Un confronto più corretto non dovrebbe utilizzare il per un confronto con i risultati aziendali: valore contabile del capitale (KON), ma ricorrere a ROI >< ρ* = valore critico del costo del capitale quello di mercato (KM), omogeneo al costo r = se deve riflettere le preferenze del mercato K : Moltiplichiamo EVA = per RON il capitale r operativo netto K KM >< 0 KON per trasformare i rendimenti in flussi: ROI KON = RON >< KON Definiamo EVA (Economic Value Added) la differenza: EVA = RON KON >< 0 EVA è proposto come indicatore di creazione di valore per il management-agente degli azionisti 79 Conclusioni 2007 Politecnico di Torino 40

41 Sommario della lezione : I presupposti della teoria Return on relazione on equity contabile (dal bilancio dell impresa) ROE = ROI + (ROI IDN) LDN relazione di mercato (aspettative dei finanziatori) ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN L r E Costo del del capitale azionario 81 Sommario della lezione : i presupposti della teoria Return relazione on contabile on investment (dal bilancio dell impresa) ROE = ROI + (ROI IDN) LDN relazione di mercato (aspettative dei finanziatori) ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN L r E Costo del del capitale totale Politecnico di Torino 41

42 Sommario della lezione : i presupposti della teoria Interessi sul sul debito relazione contabile (dal bilancio dell impresa) ROE = ROI + (ROI IDN) LDN relazione di mercato (aspettative dei finanziatori) ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN L r E Interessi sul sul debito 83 Sommario della lezione : i presupposti della teoria Leva contabile relazione contabile (dal bilancio dell impresa) ROE = ROI + (ROI IDN) LDN relazione di mercato (aspettative dei finanziatori) ROE = ROI + (ROI IDN) i LDN L r E Leva di di mercato Politecnico di Torino 42

43 Sommario della lezione : i presupposti della teoria costo medio del capitale nell ottica di mercato = r E (1 l) + i l obiettivo dei managers-agenti è minimizzare il costo del capitale per massimizzare i valori di mercato dell impresa (KM) e delle azioni (KNM) = RON e KM KM = RONe 85 Sommario della lezione : la teoria tradizionale: r E Capitalizzano il il reddito operativo (r ( cost) i Leverage indifferente 0 1 l Politecnico di Torino 43

44 Sommario della lezione r E : la teoria tradizionale: Capitalizzano gli gli utili (r (r E cost) Massimo debito i 0 = r E (r E i) l i se l 1 1 l 87 Sommario della lezione r E : i 0 la teoria tradizionale: posizione intermedia si capitalizza l utile fino al punto M a partire dal quale si percepisce il rischio crescente del debito, che fa salire il costo medio Struttura finanziaria ottimale M l* 1 l Politecnico di Torino 44

45 Sommario della lezione : il teorema di Modigliani-Miller in mercati perfetti gli azionisti capitalizzano i redditi operativi (struttura finanziaria indifferente) gli azionisti percepiscono il rischio crescente al crescere del debito e, a parità di, richiedono un più alto tasso di rendimento r E sulle azioni in mercati imperfetti, le imposte e gli interessi deducibili fanno diminuire il costo medio del capitale al crescere della leva finanziaria, per cui la soluzione ottimale è il massimo indebitamento 89 Sommario della lezione : le teorie successive sulle imperfezioni il rischio personale è diverso da quello dell impresa, per cui il tasso di interesse non è uguale i costi di transazione non sono nulli il tasso d interesse cresce al crescere dell indebitamento, contrastando il beneficio fiscale i rischi di fallimento crescono al crescere del debito con costi crescenti (spese legali, cali di produttività e perdite di liquidazione) la separazione tra proprietà e controllo comporta costi crescenti di agenzia al crescere del debito Politecnico di Torino 45

46 Sommario della lezione : le teorie successive sulle imperfezioni Le imperfezioni (tassi d interesse crescenti, costi di fallimento e costi di agenzia) implicano l esistenza di una struttura finanziaria ottimale Le verifiche empiriche non sono confortanti: non emerge una regola per stabilire il leverage ottimale. Imprese analoghe adottano strutture finanziarie differenti, imposte dalle preferenze dei managers 91 Sommario della lezione : uso di indicatori per valutare i risultati dell impresa i managers prediligono le informazioni contabili per confronti intertemporali e interaziendali più utile è il confronto con indicatori-obiettivo: ROI >< ρ* = valore critico del costo del capitale per la teoria della finanza ρ* va preso dal mercato costo del capitale azionario secondo il CAPM: rendimento eccedente dell impresa rispetto al risk free dipende da quello eccedente di mercato Politecnico di Torino 46

47 Sommario della lezione : uso di indicatori per valutare i risultati dell impresa i managers prediligono le informazioni contabili per confronti intertemporali e interaziendali più utile è il confronto con indicatori-obiettivo: ROI >< ρ* = Coefficiente valore critico del costo del capitale Rendimento per la teoria della finanza ρ* va preso dal mercato Rendimento eccedente dell impresa di di rischio relativo costo del capitale azionario secondo il CAPM: relativo del mercato rendimento eccedente dell impresa rispetto al risk free dipende da quello eccedente di mercato r σ = r E r f = β (r M r f ) eccedente del mercato 93 CAPM (Capital Asset Pricing Model) RELAZIONE TRA I RENDIMENTI ECCEDENTI r σ β < 1 β = 1 β = 0 r E = r f β = 1 r E = r M β > 1 r E > r M β < 1 r E < r M r M r f r σ = r E r f = β (r M r f ) Politecnico di Torino 47

48 Sommario della lezione : uso di indicatori per valutare i risultati dell impresa stima del beta delle azioni della sua impresa per calcolare il costo del capitale azionario e il costo medio del capitale e decidere sugli investimenti r E = r f + β (r M r f ) = r E (1 l) + i l il costo del capitale dovrebbe servire anche per confrontare i risultati aziendali: ROI >< ρ* = valore critico = EVA (Economic Value Added) come indicatore di creazione di valore per il management-agente: EVA = RON KON >< 0 95 Verifica di apprendimento della lezione : presupposti della teoria Domande di riepilogo teoria tradizionale e sviluppi successivi Domande di riepilogo uso di indicatori per valutare i risultati dell impresa Domande di riepilogo Politecnico di Torino 48

Domande di riepilogo

Domande di riepilogo UNITÁ C ANALISI DI BILANCIO: REDDITIVITÀ E FINANZA Lezione 1 Redditività finale per i proprietari Rendimento del capitale netto ante imposte e rettifiche Definire il ROE (Return On Equity) e spiegare la

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

Domande di riepilogo

Domande di riepilogo QuickTime e un decompressore sono necessari per visualizzare quest'immagine. Economia e organizzazione aziendale II UNITÁ C ANALISI DI BILANCIO: REDDITIVITÀ E FINANZA Lezione 4 Scelte finanziarie manageriali

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE.

IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. IL RISCHIO D IMPRESA ED IL RISCHIO FINANZIARIO. LA RELAZIONE RISCHIO-RENDIMENTO ED IL COSTO DEL CAPITALE. Lezione 5 Castellanza, 17 Ottobre 2007 2 Summary Il costo del capitale La relazione rischio/rendimento

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Introduzione alla contabilità generale

Introduzione alla contabilità generale Economia e organizzazione aziendale I Contabilità generale Analisi degli eventi gestionali Rettifiche di fine esercizio Esercizio: stato patrimoniale iniziale Esercizio: la gestione Esercizio: primo bilancio

Dettagli

Le decisioni manageriali inerenti al capitale. Analisi del capitale nell ottica manageriale

Le decisioni manageriali inerenti al capitale. Analisi del capitale nell ottica manageriale Analisi di bilancio: il capitale Analisi di bilancio: il capitale Analisi del capitale nell ottica manageriale impieghi: diversificazione del rischio finanziamenti: preferenza per le fonti interne Analisi

Dettagli

Le decisioni di finanziamento dell impresa. Stefano Lucarelli. Bergamo a.a. 2007-08

Le decisioni di finanziamento dell impresa. Stefano Lucarelli. Bergamo a.a. 2007-08 Bergamo a.a. 2007-08 08 lezione nell ambito del corso di Imposte, Incentivi fiscali, Appalti Le decisioni di finanziamento dell impresa Stefano Lucarelli Testo di riferimento Giorgio Ragazzi, Lezioni di

Dettagli

FINANZA AZIENDALE AVANZATO

FINANZA AZIENDALE AVANZATO FINANZA AZIENDALE AVANZATO La diversificazione di portafoglio e il CAPM Lezione 3 e 4 1 Scopo della lezione Illustrare il modello logico-teorico più utilizzato nella pratica per stimare il rendimento equo

Dettagli

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1

Prefazione. Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Indice Prefazione Autori XI XV Parte prima - La funzione finanziaria nel management delle imprese 1 Capitolo 1 Compiti ed evoluzione della funzione finanziaria 3 1.1 Compiti e finalità della funzione finanziaria

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO.

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO Docente: Roberto M. Brioli Collaboratore: dott. Mirko Bisulli Alcune considerazioni sul finanziamento del progetto Cosa vi ricordate di quello che abbiamo

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Introduzione alla contabilità generale. Analisi degli eventi gestionali

Introduzione alla contabilità generale. Analisi degli eventi gestionali Contabilità generale Contabilità generale Introduzione alla contabilità generale Rettifiche di fine esercizio Esercizio: stato patrimoniale iniziale Esercizio: la gestione Esercizio: primo bilancio di

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DEL CAPITALE AZIONARIO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale: la logica di fondo Le finalità del calcolo del costo del capitale Il costo del capitale

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio

Finanza Aziendale. Lezione 12. Analisi del rischio Finanza Aziendale Lezione 12 Analisi del rischio Obiettivi i della lezione I rendimenti e la loro misurazione I rendimenti medi ed il loro rischio La misurazione del rischio e l effetto diversificazione

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

ANALISI FINANZIARIA TRADIZIONALE

ANALISI FINANZIARIA TRADIZIONALE ANALISI FINANZIARIA TRADIZIONALE STRUTTURA PATRIMONIALE E PER SCADENZA DEL CAPITALE RICHIESTA DAGLI INTERMEDIARI FINANZIARI ATTIVO Beni di proprietà dell'impresa PASSIVO Indebitamento CAPITALE NETTO Ricchezza

Dettagli

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore

Indice generale. Parte prima Valore 1. Nota dell editore 02. indice (V-X) 14-07-2003 16:40 Pagina V Nota dell editore XI Parte prima Valore 1 1 Perché la finanza aziendale è importante 3 1.1 Ruolo del manager finanziario 3 1.2 Chi è il manager finanziario? 5

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI Obiettivo dell analisi per indici è la valutazione delle scelte dell imprenditore attraverso la misurazione degli effetti economici, finanziari e patrimoniale prodotti dalle stesse. La corretta misurazione

Dettagli

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari

Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Rischio e rendimento degli strumenti finanziari Capitolo 15 Indice degli argomenti 1. Analisi dei rendimenti delle principali attività

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento

Esame preliminare delle decisioni di finanziamento PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale - Valore: Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti Esame preliminare

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

Test ingresso lauree magistrali_mgm

Test ingresso lauree magistrali_mgm 1. Un debitore risponde delle sue obbligazioni: Test ingresso lauree magistrali_mgm a. con tutti i suoi beni presenti e futuri b. solo con i beni oggetto di specifica garanzia reale c. con tutti i beni

Dettagli

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE

GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE GLI SCHEMI DI RICLASSIFICAZIONE Si differenziano soprattutto per il trattamento delle poste patrimoniali. Il criterio della liquidità/esigibilità: attività in ordine di liquidità decrescente, passività

Dettagli

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale

TEMA 5: Introduzione al costo del capitale TEMA 5: Introduzione al costo del capitale Rischio e capital budgeting (Brealey, Meyers, Allen, Sandri: cap. 11) Argomenti trattati (segue) Stima del beta Le determinanti del beta Ciclicità dei ricavi

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING AND FINANCE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del

Dettagli

Decisioni di investimento e variabili finanziarie. Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo)

Decisioni di investimento e variabili finanziarie. Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo) Decisioni di investimento e variabili finanziarie Appunti per il corso di Economia finanziaria (prof. G.Garofalo) Testo di riferimento G.Garofalo, Economia politica. Corso intermedio con esercitazioni,

Dettagli

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione

Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V. Indice. Introduzione Manelli Capitolo 00:Manelli Cap 0 21-09-2009 9:11 Pagina V Indice XI Introduzione 3 CAPITOLO 1 Il valore come sintesi degli obiettivi aziendali 3 1.1 Evoluzione e contenuti della funzione finanziaria d

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii

Sommario. Presentazione dell edizione italiana... xi. efazione... xiii Sommario Presentazione dell edizione italiana... xi Prefazione efazione... xiii Capitolo 1 Il lato oscuro o della valutazione... 1 Definizione di un impresa tecnologica... 2 La crescita del settore tecnologico...

Dettagli

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI

30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI 30018-CLEF Prima Esercitazione (Irpef) TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepito, nel corso del 2008, i seguenti redditi: - Redditi da lavoro dipendente

Dettagli

L ANALISI PER INDICI

L ANALISI PER INDICI L ANALISI PER INDICI 1. Gli indici di bilancio Dopo aver riclassificato il bilancio d esercizio è possibile calcolare partendo dai dati dello Stato Patrimoniale e del Conto economico alcuni indicatori,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI INGEGNERIA GESTIONALE. I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio I quozienti di bilancio servono a valutare l andamento della redditività e dell economicità dell attività aziendale. I quozienti si possono comparare nel tempo e gli indici utili

Dettagli

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari

continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II Testi di riferimento PROGRAMMA Parte relativa alla gestione dei rischi bancari continuazione CORSO ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI II 3) Rischi e redditività ruolo del capitale allocazione del capitale valutazione della performance della banca e dei singoli centri operativi

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Finanza Aziendale Lezione 14 Le scelte d i di s truttura struttura finanziaria

Finanza Aziendale Lezione 14 Le scelte d i di s truttura struttura finanziaria Finanza Aziendale Lezione 14 Le scelte di struttura finanziaria Obiettivi della lezione Massimizzazione del valore dell impresa e del valore del capitale azionario (anche il capitale di rischio ha un costo)

Dettagli

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4

Teoria della Finanza Aziendale La v a v lutazione dei titoli titoli rischiosi : le azioni 4 Teoria della Finanza Aziendale La valutazione dei titoli rischiosi : le azioni 4 1-2 Argomenti Rendimenti richiesti Prezzi delle azioni e EPS Cash Flows e valore economico d impresa 1-3 Domande chiave

Dettagli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli

Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Investimento Immobiliare Mercato, valutazione, rischio e portafogli Martin Hoesli Giacomo Morri Capitolo 2 RENDIMENTO E RISCHIO DI UN INVESTIMENTO IMMOBILIARE Agenda Rendimento - Rendimenti immediati -

Dettagli

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta

1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta CORSO DI ECONOMIA MONETARIA A.A.2002/2003 Prof. M. Marini 1. CAPITOLO - Ruolo e origine della moneta Domande ed esercizi 1. Quali sono le funzioni principali svolte dalla moneta? Tali funzioni sono separabili?

Dettagli

3. L ACCERTAMENTO DELLA REDDITIVITA AZIENDALE

3. L ACCERTAMENTO DELLA REDDITIVITA AZIENDALE 3. L ACCERTAMENTO DELLA REDDITIVITA AZIENDALE E LA CAPACITA DELL AZIENDA DI REMUNERARE I FATTORI DELLA PRODUZIONE, COMPRESO IL RISCHIO IMPRENDITORIALE. GLI INDICI UTILIZZABILI PER VERIFICARE LA REDDITIVITA

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani

RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI. Docente: Prof. Massimo Mariani RISCHIO E RENDIMENTO DEGLI STRUMENTI FINANZIARI Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il rendimento di un attività finanziaria: i parametri rilevanti Rendimento totale, periodale e medio Il market

Dettagli

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln Esercizio 1 La Rayburn Manufacturing è attualmente un impresa priva di debito. La sua capitalizzazione di mercato è pari a 2 mln di euro. Il costo del capitale è pari al 18%. Non vi sono imposte. La società

Dettagli

La valutazione delle aziende in perdita - La scelta dei modelli di valutazione

La valutazione delle aziende in perdita - La scelta dei modelli di valutazione 12. La valutazione delle aziende in perdita - La scelta dei modelli di valutazione Ulteriori riflessioni sui metodi misti Profili e problemi valutativi delle aziende in perdita Ambiti di applicazione dei

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione

2. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione CONDIVISIONE DEI RISCHI 1. Ci sono due soggetti, 1 e 2. Ciascun soggetto i (i = 1; 2) ha la funzione di utilità Von Neumann-Morgenstern (VNM) 500Wi 5W U(W i ) = i 2 per W i 50 12500 per W i 50 : (1) La

Dettagli

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria

Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria Il caso Fonti di finanziamento: l effetto positivo della leva finanziaria di Silvia Tommaso - Università della Calabria Nella scelta delle fonti di finanziamento, necessarie alla copertura del fabbisogno

Dettagli

Impairment test: la valutazione di una partecipazione

Impairment test: la valutazione di una partecipazione Impairment test: la valutazione di una partecipazione 1 Finalità e limitazioni dell incarico 2 La metodologia valutativa 3 La valutazione della società 4 Criticità riscontrate nella valutazione 5 Verifiche

Dettagli

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese

La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La determinazione dell equilibrio finanziario nelle imprese La ricerca dell equilibrio fra teoria e vincoli Fabrizio Bencini Partner Kon Spa, dottore commercialista e revisore contabile Leonardo Filippini

Dettagli

Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro

Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del 19.02.16 (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di 2.000.000 di euro e 4 opportunità di

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO DATALOGIC ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo Datalogic redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli

Dettagli

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro

LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI. Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro LA RELAZIONE SULLA GESTIONE E GLI INDICATORI DI RISULTATO FINANZIARI Roma, 2 marzo 2010 Prof. Fabrizio Di Lazzaro Direttiva 2003/51/CE D.Lgs. 32/2007 Le società di capitali italiane sono tenute a seguire

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 415/04/CONS IL MODELLO DI DETERMINAZIONE DEL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE IMPIEGATO 1 1. Il modello di calcolo del tasso di remunerazione del capitale impiegato L Autorità,

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI CORPORATE BANKING SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Qual è il fine dell impresa nella logica della finanza aziendale? Massimizzare la creazione del valore per

Dettagli

Analisi di bilancio 2007-2008

Analisi di bilancio 2007-2008 Analisi di bilancio 2007-2008 1 L analisi di bilancio Svilupperemo l analisi di bilancio sulla base di un sistema integrato di indicatori Obiettivo 1) 1) Valutare andamento dell impresa nel nel suo suo

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

CRESCITA DELL IMPRESA E FABBISOGNO FINANZIARIO L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Pianificazione economico-finanziaria Prof.

CRESCITA DELL IMPRESA E FABBISOGNO FINANZIARIO L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE. Pianificazione economico-finanziaria Prof. CRESCITA DELL IMPRESA E FABBISOGNO FINANZIARIO L ANALISI DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE Lo sviluppo finanziariamente sostenibile Lo sviluppo del giro d affari crea fabbisogno finanziario incrementale per l

Dettagli

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti

Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti Nella prima parte del corso l attenzione è venuta appuntandosi sui problemi inerenti la valutazione di investimenti aziendali e di strumenti finanziari in un contesto di flussi finanziari certi, tuttavia

Dettagli

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5)

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) Scelta intertemporale n periodi di tempo Flusso e Stock Calcolo del valore attuale e del valore futuro (2 periodi) Vincolo di bilancio intertemporale Scelta intertemporale

Dettagli

EQUILIBRI DI GESTIONE

EQUILIBRI DI GESTIONE EQUILIBRI DI GESTIONE MAPPA DEGLI EQUILIBRI GESTIONALI Gestione caratteristica Equilibrio economico Gestione extra-caratteristica costi ricavi oneri proventi di lungo periodo fonti impieghi Equilibrio

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci

L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di cassa l approccio del valore l approccio

Dettagli

Bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Contabilità direzionale Strumenti tecnico-contabili di supporto a rilevazione, organizzazione e interpretazione delle informazioni economico-finanziarie Budget Contabilità

Dettagli

Argomenti. Il valore finanziario del tempo: principi fondamentali. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale

Argomenti. Il valore finanziario del tempo: principi fondamentali. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale 1-1 2 Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2007-2008 Il valore finanziario del tempo: principi fondamentali Argomenti Valore attuale Valore attuale netto Come si calcola il VAN Il rendimento

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E.

RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. RICLASSIFICAZIONE ECONOMICA DELLO S.P. E DEL C.E. La riclassificazione economica dello SP: La gestione dell impresa viene idealmente scomposta in aree omogenee di attività Le attività e le passività, i

Dettagli

Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende

Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende Università degli studi di Bari A. Moro Corso di Laurea magistrale in Consulenza professionale per le aziende Economia dei tributi Anno accademico 2013/2014 Prova scritta del 9 giugno 2014 Prima parte per

Dettagli

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1%

No (questo accadrebbe, all incirca, se l elasticità fosse pari a -2) 1.5.3. FALSO. Un aumento del prezzo dell 1% Facoltà di Economia Test intermedio di Microeconomia A-K del 7/04/011 Turno A-C SOLUZIONI 1. Attenzione: in questo prototipo l ordine delle domande è diverso da quello di ciascuno dei vostri compiti; inoltre,

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI

GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI GUIDA ALLA LETTURA DELLE SCHEDE FONDI Sintesi Descrizione delle caratteristiche qualitative con l indicazione di: categoria Morningstar, categoria Assogestioni, indice Fideuram. Commenti sulla gestione

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Massimizzazione del profitto

Massimizzazione del profitto Massimizzazione del profitto Diversi tipi di impresa Obiettivo dell impresa: massimo profitto Profitto Economico e Profitto Contabile Costo Economico (Costo Opportunità) Profitto Normale e Extra-Profitto

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Teoria del Valore d impresa a.a. 2009/2010 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO REDDITUALE

Teoria del Valore d impresa a.a. 2009/2010 Università degli Studi di Verona. Esercitazione METODO REDDITUALE Esercitazione METODO REDDITUALE L impresa Beta, produttrice di mobili per arredo, presenta il seguente profilo reddituale: I risultati netti contabili* desunti dal pre-consuntivo 2009, dal budget 2010

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI

Valutazione d Azienda. Lezione 11 I METODI RELATIVI Valutazione d Azienda Lezione 11 I METODI RELATIVI 1 I metodi relativi Le valutazioni comparative di mercato «Le valutazioni comparative comportano l applicazione, a grandezze aziendali rilevanti, di moltiplicatori

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

La politica dei dividendi BMAS Capitolo 15

La politica dei dividendi BMAS Capitolo 15 Finanza Aziendale La politica dei dividendi BMAS Capitolo 15 Argomenti Remunerazione degli azionisti e dividendi Le modalità di pagamento Il buy-back (riacquisto di azioni) Politica dei dividendi Irrilevanza

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

SCIENZA DELLE FINANZE Compito del 9 gennaio 2012. Domanda numero 1 Rispondere sinteticamente (6-7 righe) alle seguenti domande:

SCIENZA DELLE FINANZE Compito del 9 gennaio 2012. Domanda numero 1 Rispondere sinteticamente (6-7 righe) alle seguenti domande: a) Che differenza c è tra moral hazard ed averse selection? Perché sono concetti rilevanti per l economia del benessere? b) Definire le nozioni di indebitamento netto, risparmio pubblico e avanzo primario.

Dettagli

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio

Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Scelta intertemporale: Consumo vs. risparmio Fino a questo punto abbiamo considerato solo modelli statici, cioè modelli che non hanno una dimensione temporale. In realtà i consumatori devono scegliere

Dettagli

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo

5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5 Risparmio e investimento nel lungo periodo 5.1 Il ruolo del mercato finanziario Il ruolo macroeconomico del sistema finanziario è quello di far affluire i fondi risparmiati ai soggetti che li spendono.

Dettagli

1 Le decisioni finanziarie delle imprese

1 Le decisioni finanziarie delle imprese 1 Le decisioni finanziarie delle imprese 1.1 Introduzione Una delle principali attività delle imprese riguarda quali decisioni di investimento intraprendere e in che modo rinvenire i mezzi per effettuaretaliinvestimenti:

Dettagli