Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro"

Transcript

1 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è frazionato in due anni di cantiere ed è pari a 300 milioni all anno zero e 400 milioni all anno 1. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione, successivi ai due di cantiere. Si prevedono 100 milioni di spese per manutenzioni straordinarie, ammortizzabili all infinito, all anno 3 e all anno 5 di gestione. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento iniziale complessivo realizzato nei due anni di cantiere sia ceduto incassando 250 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato da nuovo equity; quello dell anno 1 da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 200 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 75 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 500 milioni annui. Nel primo anno di gestione si prevede che il CCNC cresca del 10% del MOL totale, mantenendosi poi costante all infinito. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 5,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,2; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 9 miliardi; il beta debito è attualmente 0,3. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2,0 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,5 e un beta debito pari a 0,8. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 1500 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 25% 10% 6 1,5 B 30% 8% 4 1,25 C 45% 12% 8 2 0,98 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) La tecnica della rendita annua equivalente (RAE o CAE): modalità di utilizzo e ipotesi applicative Quesito 6 (5 punti) La security market line

2 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si classifichino le tre alternative descritte in tabella dalla migliore alla peggiore Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 400 milioni all anno zero. Si prevedono 100 milioni di ulteriori investimenti, ammortizzabili fiscalmente all infinito, all anno 3 e all anno 5 di gestione. L investimento iniziale ha vita utile infinita, ma è fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 150 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato per 150 mln da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 120 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 70 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 430 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 6,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,2 e un beta debito pari a 0,9. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 600 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 5000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 12% 4 0,2 B 15% 4 0,5 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 4% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 14%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) In quali casi nei problemi di capital budgetimg è utile utilizzare l indice di redditività/profittabilità? Come comportaris se il capitale è razionato? Quesito 6 (5 punti) La security market line

3 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del solo fuori corso (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è frazionato in due anni di cantiere ed è pari a 300 milioni all anno zero e 300 milioni all anno 1. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione, successivi ai due di cantiere. Si prevedono 50 milioni di spese per manutenzioni straordinarie, ammortizzabili all infinito, all anno 3 e all anno 5 di gestione. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento iniziale complessivo realizzato nei due anni di cantiere sia ceduto incassando 250 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato da nuovo equity; quello dell anno 1 da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 200 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 100 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 500 milioni annui. Nel primo anno di gestione si prevede che il CCNC cresca del 10% del MOL totale, mantenendosi poi costante. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 6,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,8; il prezzo attuale del titolo azionario è 20; i debiti ammontano a 5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,75. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2,0 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,6 e un beta debito pari a 1. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 800 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 5000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 12% 8 0,5 B 16% 8 0,5 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 4% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 13%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Perché la diversificazione riduce il rischio? Quesito 6 (5 punti) Commentare il seguente grafico spiegandone il contenuto e i riferimenti teorici tassi rendimen to,r WACC con imposte rendimento atteso dal netto capitale = Ke(L) rendimento atteso dell'impresa=wacc delle attività rendime =Ke(U) atteso debito= nto dal Kd

4 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è frazionato in due anni di cantiere ed è pari a 250 milioni all anno zero e 400 milioni all anno 1. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione, successivi ai due di cantiere. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento iniziale complessivo realizzato nei due anni di cantiere sia ceduto incassando 100 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato da nuovo equity; quello dell anno 1 da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 400 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 500 a 600 milioni annui. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO complessivi pari a 150 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 7,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 20; i debiti ammontano a 5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2,0 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 2 e un beta debito pari a 1. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 1000 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 8000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 15% 20% 9 2 B 50% 10% 3 1,5 0,90 C 35% 15% 6 1,75 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) La security market line Quesito 6 (5 punti) Commentare il seguente grafico spiegandone il contenuto e i riferimenti teorici tassi rendimen rendimento atteso dal to,r netto capitale = Ke(L) rendimento atteso dell'impresa=wacc delle attività WACC con imposte rendime =Ke(U) atteso debito= nto dal Kd

5 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si formi una graduatoria di preferenza per le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 500 milioni all anno zero. Si prevedono 100 milioni di spese per nuovi investimenti all anno 3 e all anno 5 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 150 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 40% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 150 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 75 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,6; il prezzo attuale del titolo azionario è 15; i debiti ammontano a 9 miliardi; il beta debito è attualmente 0,6. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,25 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 2 e un beta debito pari a 0,75. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 2 miliardi, a fronte di un esborso iniziale pari a 15 miliardi, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 12% 8 0,5 B 16% 8 0,5 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 4% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 13%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Il TIR: presupposti teorici e trappole applicative. Quesito 6 (5 punti) Perché la diversificazione riduce il rischio?.

6 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è frazionato in due anni di cantiere ed è pari a 200 milioni all anno zero e 300 milioni all anno 1. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione, successivi ai due di cantiere. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento iniziale complessivo realizzato nei due anni di cantiere sia ceduto incassando 100 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato da nuovo equity; quello dell anno 1 da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 125 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 475 a 500 milioni annui. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO complessivi pari a 65 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 6,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,8; il prezzo attuale del titolo azionario è 20; i debiti ammontano a 5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,75. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2,0 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,6 e un beta debito pari a 1. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 800 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 5000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 35% 10% 6 1,6 B 40% 12% 8 2 C 25% 8% 4 1,2 0,92 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Che cosa è il beta di una attività? Quesito 6 (5 punti) Commentare il seguente grafico spiegandone il contenuto e i riferimenti teorici tassi di rendimento,r rendimento atteso dal capitale netto = Ke(L) WACC con imposte rendimento atteso delle attività dell'impresa=wacc=ke(u) rendimento atteso dal debito=kd

7 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (solo FC) (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 300 milioni all anno zero. Si prevedono 100 milioni di spese per nuovi investimenti all anno 3 e all anno 5 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 100 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 120 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 60 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 6,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 10; i debiti ammontano a 6 miliardi; il beta debito è attualmente 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 2 e un beta debito pari a 0,6. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 1 miliardo, a fronte di un esborso iniziale pari a 10 miliardi, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 15% 10 0,5 B 20% 10 0,5 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 4% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 18%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Il TIR: presupposti teorici e trappole applicative. Quesito 6 (5 punti) Perché la diversificazione riduce il rischio?.

8 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è frazionato in due anni di cantiere ed è pari a 300 milioni all anno zero e 300 milioni all anno 1. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione, successivi ai due di cantiere. Si prevedono 50 milioni di spese per manutenzioni straordinarie, ammortizzabili all infinito, all anno 3 e all anno 5 di gestione. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento iniziale complessivo realizzato nei due anni di cantiere sia ceduto incassando 250 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato da nuovo equity; quello dell anno 1 da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 200 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 100 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 500 milioni annui. Nel primo anno di gestione si prevede che il CCNC cresca del 10% del MOL totale, mantenendosi poi costante. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 7,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 1; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 6 miliardi; il beta debito è attualmente 0,6. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,5 e un beta debito pari a 0,8. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 750 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 4500 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 50% 12% 6 1,5 B 30% 10% 4 1,25 C 20% 20% 8 2,5 0,94 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) La tecnica della rendita annua equivalente (RAE o CAE): modalità di utilizzo e ipotesi applicative Quesito 6 (5 punti) La security market line

9 Tecnica e Gestione degli Investimenti/Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 500 milioni all anno zero. Si prevedono 50 milioni di spese per manutenzioni straordinarie, ammortizzabili all infinito, all anno 3 e all anno 5 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 100 milioni. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 40% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 125 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 75 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 480 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 8,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 1,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 15; i debiti ammontano a 9 miliardi; il beta debito è attualmente 0,75. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 0,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,25 e un beta debito pari a 0,6. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 500 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 6000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 0,5 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 13% 5 0,5 B 18% 5 0,5 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 4% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 15%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Ipotesi teoriche e applicative sottostanti all utilizzo dell indice di redditività per la scelta tra più alternative di investimento Quesito 6 (5 punti) Il CAPM: impostazione teorica e suo utilizzo nell ambito della valutazione degli investimenti.

10 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 400 milioni all anno zero più altri 100 milioni all anno 3 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 75 milioni e che sempre al quinto anno di gestione si effettuino manutenzioni straordinarie per 50 milioni ammortizzabili all infinito. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 150 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 100 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 50; i debiti ammontano a 2,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,6. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 5% e quello free risk 1%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 0,75 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 0,25 e un beta debito pari a 0,3. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 250 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 15% 20% 8 2 B 45% 10% 5 1,5 0,94 C 40% 15% 6 1,75 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Dopo aver spiegato funzione e modalità di calcolo del TIR, si descrivano vantaggi e criticità derivanti dal suo utilizzo. Quesito 6 (5 punti) La prima proposizione di Modigliani e Miller

11 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si valutino le tre alternative di investimento seguenti evidenziando l ordine di convenienza per il decisore. Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 300 milioni all anno zero più altri 100 milioni all anno 3 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 50 milioni e che sempre al quinto anno di gestione si effettuino manutenzioni straordinarie per 75 milioni ammortizzabili all infinito. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 125 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 50 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 475 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 7,5% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 3; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 7,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,8. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 6% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 0,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 2,0 e un beta debito pari a 0,6. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 250 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 3000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella titolo quota di partecipazione al portafoglio Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A A 20% 8% 4 1,5 B 30% 12% 6 2,25 0,90 C 50% 16% 8 3 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Perché la diversificazione riduce il rischio? Quesito 6 (5 punti) Ipotesi e assunzioni alla base dell applicabilità del Van a Wacc unico come criterio di scelta degli investimenti

12 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento consistente in due stabilimenti produttivi identici. L esborso complessivo previsto è di 250 milioni all anno zero per immobili e 250 mln all anno uno per macchinari. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione corrente. Nel piano di impresa si prevede che al 5 di gestione corrente uno dei due stabilimenti gemelli venga venduto a 50 milioni e che per l altro siano necessarie spese per manutenzioni straordinarie pari a 100 mln, ammortizzabili all infinito. L investimento iniziale sarà finanziato da nuovo equity per quanto riguarda gli immobili e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 200 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione il MOL sarà pari a 120 milioni e decrescerà del 10% all anno. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) L impresa Alfa SpA, quotata in borsa, presenta un rapporto D/V pari a 0,4 e un wacc pari a 8,00% a valori di mercato; il prezzo attuale del titolo azionario è 25 con 400 milioni di azioni in circolazione; il beta debito è 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è 6% e quello free risk 2%. L impresa intende acquistare l impresa Beta, caratterizzata da un D/E pari a 2,0, un betaeqlev pari a 1,5 volte quello dell impresa Alfa, e un beta debito pari a 0.8. La Beta ha 25 milioni di azioni in circolazione a un prezzo di 100. Per acquisire in toto la Beta, Alfa acquisirà le azioni Beta al valore di mercato utilizzando nuovo equity e si accollerà i debiti esistenti rinegoziando però il tasso in funzione del proprio beta. Per effetto dell acquisizione, si stima che il valore originario della Alfa cresca del 10% (beneficio derivante dall acquisizione). Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria a copertura del nuovo investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 15% 10 2 B 25% 14 3 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 6% e quello dei titoli free risk è pari al 2%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 18%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Dopo aver spiegato funzione e modalità di calcolo del TIR, si descrivano vantaggi e criticità derivanti dal suo utilizzo Quesito 6 (5 punti) La Security Market Line

13 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 400 milioni all anno zero più altri 100 milioni all anno 3 di gestione. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento complessivo sia ceduto incassando 75 milioni e che sempre al quinto anno di gestione si effettuino manutenzioni straordinarie per 50 milioni ammortizzabili all infinito. L investimento dell anno zero sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 5% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 150 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 100 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 2; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 6 miliardi; il beta debito è attualmente 0,8. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 6% e quello free risk 1,0%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 0,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,0 e un beta debito pari a 0,5. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 250 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1500 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A portafoglio A 25% 10% 4 1,5 B 35% 16% 6 2,0 0,95 C 40% 20% 8 2,5 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Ipotesi teoriche e applicative sottostanti all utilizzo del VAN quale modello di selezione delle alternative di investimento Quesito 6 (5 punti) Il CAPM: utilizzo e criticità

14 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di di euro e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 euro A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 600 milioni all anno zero. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 3 anno di gestione 1/4 dell investimento iniziale sia ceduto incassando 100 milioni; alla fine del 5 anno di gestione si prevede che un altro quarto dell investimento iniziale sia ceduto incassando altri 100 milioni, da utilizzare in tutto o in parte per realizzare ristrutturazioni straordinarie di importo pari a 50 milioni, ammortizzabili all infinito. L investimento iniziale sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 5% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 130 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 75 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 50; i debiti ammontano a 2,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,6. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 5% e quello free risk 1%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 0,75 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 0,25 e un beta debito pari a 0,3. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 250 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 12% 10 2 B 18% 12 3 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 5% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 14%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Dopo aver spiegato funzione e modalità di calcolo del TIR, si descrivano vantaggi e criticità derivanti dal suo utilizzo Quesito 6 (5 punti) La Capital Market Line

15 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 400 milioni all anno zero. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno di gestione metà dell investimento sia ceduto incassando 100 milioni, utilizzati per effettuare per manutenzioni straordinarie di pari importo, ammortizzabili all infinito. L investimento iniziale sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 5% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 100 milioni annui per i primi 5 anni di gestione. A partire dal 6 anno di gestione genererà FCFO pari a 50 milioni annui, decrescenti del 20% all anno. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 8,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,4; il prezzo attuale del titolo azionario è 40; i debiti ammontano a 2,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,3. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 6% e quello free risk 1,5%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,25 e un beta debito pari a 1,3. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 200 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1200 milioni, coperto solo con un D/E a valori contabili pari a 5,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella titolo quota di partecipazione al portafoglio Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A A 15% 20% 8 2 B 45% 10% 5 1,5 0,94 C 40% 15% 6 1,75 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) La security market line Quesito 6 (5 punti) Esporre la seconda proposizione di Modigliani e Miller e la successiva correzione per le imposte commentando formule e grafici

16 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 200 milioni all anno zero per immobili e 200 mln all anno uno per macchinari. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni di gestione corrente. Nel piano di impresa si prevede che al 5 di gestione corrente anno saranno necessarie spese per manutenzioni straordinarie pari a 100 mln, ammortizzabili all infinito. L investimento a partire dal 6 anno di gestione compreso genererà FCFO decrescenti del 20% all anno rispetto al valore dell anno 4 di gestione. L investimento iniziale sarà finanziato da nuovo equity per quanto riguarda gli immobili e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 5% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 100 milioni annui. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 500 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,25; il prezzo attuale del titolo azionario è 15; i debiti ammontano a 1,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,25. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4,0 % e quello free risk 1,0 %. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,25 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,5 e un beta debito pari a 0,8. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare FCFO costanti all infinito pari a 125 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1500 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli tre titoli come descritto in tabella titolo quota di partecipazione al portafoglio Rendimento atteso Sqm beta Corr lin A-B B-C C-A A 25% 18% 6 2,2 B 35% 15% 5 2 0,96 C 40% 12% 4 1,8 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Il candidato giustifichi l ipotesi che la diversificazione riduce il rischio evidenziando limiti e peculiarità Quesito 6 (5 punti) La Capital Market line

17 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si scelga la migliore tra le tre alternative descritte in tabella Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 300 milioni all anno zero. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno siano necessarie spese per manutenzioni straordinarie pari a 100 milioni, ammortizzabili all infinito. L investimento a partire dal 6 anno compreso genererà FCFO decrescenti del 20% all anno rispetto al valore dell anno 4. L investimento iniziale sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 5% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. L investimento genererà un MOL di 75 milioni annui. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 480 a 490 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 10,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,25; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 1,5 miliardi; il beta debito è attualmente 0,8. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 5,5% e quello free risk 1,5%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 1,5 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 1,5 e un beta debito pari a 1,5. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare un MOL costante all infinito pari a 260 milioni, a fronte di un esborso iniziale pari a 1500 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 2,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 9% 10,2 0,5 B 14% 8 1 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 5,5% e quello dei titoli free risk è pari al 1,5%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 13%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) La valutazione dei titoli obbligazionari e azionari Quesito 6 (5 punti) Il rischio di un portafoglio di attività ben diversificate e non

18 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si valutino le tre alternative di investimento descritte in tabella scegliendo la migliore Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 12,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 200 milioni all anno zero equamente suddivisi su due capannoni completi di linee produttive. L investimento complessivo ha vita utile infinita, pur essendo fiscalmente ammortizzabile in 5 anni. Nel piano di impresa si prevede che alla fine del 5 anno uno dei due capannoni, completo di macchinari, venga dismesso e venduto per 20 milioni di euro. L investimento che rimarrà in attività, a partire dal 7 anno compreso genererà FCFO decrescenti del 20% all anno. L investimento iniziale sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 5% e rimborsato a quote capitali costanti nei primi 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. Ognuno dei due capannoni genererà un MOL di 50 milioni annui. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 500 a 490 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 9,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 40; i debiti ammontano a 2000 milioni; il beta debito è attualmente 1,0. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 4% e quello free risk 1%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari a 2 volte quello dell impresa, un rapporto D/E pari a 2 e un beta debito pari a 1,5. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare FCFO pari a 125 milioni costanti all infinito, a fronte di un esborso iniziale pari a 1000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli due titoli come descritto in tabella quota di partecipazione al titolo Rendimento atteso Sqm beta Corr lin portafoglio A 25% 18% 6,00 2,2 0,96 B 75% 12% 4,00 1,8 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) Il beta di un attività: teoria e aspetti applicativi legati alla sua determinazione. Dopo aver spiegato in termini generali quanto richiesto, il candidato si soffermi sul caso della determinazione del beta per attività quotate e non Quesito 6 (5 punti) Il candidato esponga le differenze tra valore contabile, di mercato ed economico di una attività soffermandosi sulle problematiche connesse alla determinazione di ciascuno dei tre.

19 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Selezionare la strategia di investimento migliore con un budget di e 4 opportunità di investimento, tutte con vita utile di un anno, con un costo del capitale del 10%, nell ipotesi di investimenti replicabili e frazionabili, non replicabili ma frazionabili, replicabili ma non frazionabili e non replicabili e non frazionabili. La quota del budget eventualmente non investita nelle varie strategie di investimento rende il 10%. Alternativa Investimento iniziale euro Flusso di cassa anno1 A B C D (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 200 milioni all anno zero e riguarda nuovi macchinari da posizionare in un capannone vuoto da prendere in fitto a 2 milioni di euro annui per i primi 5 anni di gestione; alla fine del 5 anno di gestione il capannone (vita utile e ammortamento all infinito) sarà acquistato spendendo 50 milioni. L investimento in macchinari è fiscalmente ammortizzabile in 5 anni, ma avrà vita utile infinita. Negli anni successivi al 6 anno di gestione, i flussi di cassa operativi decresceranno del 20% all anno. L investimento iniziale sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% da considerare quale debito costante all infinito. L acquisto del capannone sarà finanziato mediante nuovo debito costante all infinito acquisito al 6%. L investimento genererà un MOL di 120 milioni annui senza considerare le spese per l affitto del capannone. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 500 a 550 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 8,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,6; il prezzo attuale del titolo azionario è 25; i debiti ammontano a 1800 milioni; il beta debito è attualmente 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 5% e quello free risk 1%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari al 50% di quello dell impresa stessa, un rapporto D/E pari a 0,2 e un beta debito pari a 0,2. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare FCFO pari a 150 milioni costanti all infinito, a fronte di un esborso iniziale pari a 1500 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1,0 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è uguale a quello dell impresa. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Due azioni presentano le seguenti informazioni azione Rendimento atteso dagli azionisti Prezzo stimato all anno 1 Dividendo stimato all anno 1 A 10% 11 2 B 15% 8 1 Determinare per entrambe il prezzo di equilibrio all anno zero. Sapendo che il rendimento del mercato è pari al 5% e quello dei titoli free risk è pari al 1%, determinare il beta dei due titoli. Quali quote di A e di B vorreste detenere nel portafoglio per avere un rendimento atteso del 13%? Che beta avrebbe tale portafoglio? Quesito 5 (5 punti) Dopo aver spiegato funzione e modalità di calcolo del TIR, si descrivano vantaggi e criticità derivanti dal suo utilizzo. Quesito 6 (5 punti) La prima proposizione di Modigliani e Miller

20 Finanza Aziendale 5cfu Prova scritta del (4 punti) Si valutino le tre alternative di investimento descritte in tabella scegliendo la migliore Alternativa Investimento iniziale euro MOL annuo Vita utile in anni A B C infinita aliquota di imposta 30% costo del capitale 10,0% (8 punti) Una impresa esistente, in forte utile ogni anno, sta studiando un investimento di ampliamento. L esborso previsto è di 300 milioni e riguarda un nuovo macchinario da posizionare in un capannone vuoto costato 50 milioni di euro due anni fa e attualmente inutilizzato. L investimento è fiscalmente ammortizzabile in 5 anni, ma avrà vita utile infinita. A partire dal 6 anno di gestione l investimento è da ritenersi completamente ammortizzato e i flussi di cassa operativi decresceranno del 20% all anno. L investimento sarà finanziato per il 50% da nuovo equity e, per il restante importo, da due mutui di uguale importo; uno acceso al tasso del 4% e rimborsato a quote capitali costanti nei 5 anni di gestione dell investimento; l altro acceso al 6% e costante al infinito. L investimento genererà un MOL di 100 milioni annui. Inoltre, a causa del nuovo investimento, il MOL delle attività già in essere passerà da 450 a 425 milioni annui. L aliquota di imposta è del 30%. Per aiutare l impresa a valutare la convenienza si determinino gli FCFO, gli FCFE, il valore attuale del beneficio fiscale derivante dalle scelte di indebitamento e l ADSCR. Si valuti infine l investimento sapendo che il KeU è il 10%. Quesito 3 (6 punti) Un impresa presenta un wacc pari a 10,0% e un rapporto D/E a valori di mercato pari a 0,5; il prezzo attuale del titolo azionario è 20; i debiti ammontano a 1500 milioni; il beta debito è attualmente 0,5. L aliquota di imposta è il 30%, il rendimento del mercato è il 6% e quello free risk 2%. L impresa intende investire in un nuovo settore caratterizzato da un betaeqlev pari al 75% di quello dell impresa stessa, un rapporto D/E pari a 0,25 e un beta debito pari a 0. L investimento, con vita utile infinita, dovrebbe generare FCFO pari a 250 milioni costanti all infinito, a fronte di un esborso iniziale pari a 2000 milioni, coperto con un D/E a valori contabili pari a 1,5 con il debito da considerarsi costante all infinito. Il beta debito connesso alla realizzazione dell investimento è pari a 0,4. Si calcoli il rendimento atteso dagli azionisti (Keqlev) prima e dopo la decisione di investire. Si calcoli inoltre il range di prezzo per l emissione azionaria necessaria alla realizzazione dell investimento. Quesito 4 (4 punti) Un portafoglio è composto da soli due titoli come descritto in tabella titolo quota di partecipazione al portafoglio Rendimento atteso Sqm beta Coefficiente di correlazione lineare A 40% 20% 7,00 2 B 60% 10% 3,50 1,5 0,92 Calcolare il rendimento e il rischio del portafoglio nell ipotesi che il portafoglio sia o non sia ben diversificato. Quesito 5 (5 punti) La seconda proposizione di Modigliani e Miller e la successiva correzione per le imposte Quesito 6 (5 punti) La Capital Market Line

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006

FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 FINANZA AZIENDALE RISULTATI ESAME DEL 30/1/2006 NORME PER LA VERBALIZZAZIONE GLI STUDENTI CON VOTAZIONE MAGGIORE DI 18/30 CHE INTENDONO RIFIUTARE IL VOTO DEVONO PRESENTARSI IN DATA 15/5/2006 DURANTE LA

Dettagli

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO

TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO TUTORATI - FINANZA AZIENDALE 1 SOTTOPERIODO - BERGAMO 1) Riclassificare secondo il criterio di pertinenza gestionale, presentando il prospetto sintetico: IMPIEGHI SP riclassificato secondo il criterio

Dettagli

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln

Dati sulla società Utili annui = 27 mln euro Numero di azioni in circolazione = 10 mln Esercizio 1 La Rayburn Manufacturing è attualmente un impresa priva di debito. La sua capitalizzazione di mercato è pari a 2 mln di euro. Il costo del capitale è pari al 18%. Non vi sono imposte. La società

Dettagli

FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 6/5/2009

FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 6/5/2009 FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 6/5/2009 Si ricorda agli studenti che: 1. se si intende rifiutare il voto si DEVE farlo presente al docente entro il 6/5/2009 via mail con il seguente oggetto RIFIUTO FINANZA

Dettagli

FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 24/6/2009

FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 24/6/2009 FINANZA AZIENDALE RISULTATI DEL 24/6/2009 Si ricorda agli studenti che: 1. se si intende rifiutare il voto si DEVE farlo presente al docente entro il 7/7/2009 via mail con il seguente oggetto RIFIUTO FINANZA

Dettagli

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi

A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi A.G.I.S. Agenzia Gestione Impianti Sportivi Provincia di Caserta OGGETTO: Rilievo e studio di fattibilità da porre a base di gara per l'affidamento in project financing della ristrutturazione e gestione

Dettagli

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti

Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti Il Capital asset pricing model è un modello di equilibrio dei mercati, individua una relazione tra rischio e rendimento, si fonda sulle seguenti ipotesi: Gli investitori sono avversi al rischio; Gli investitori

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici. Prof. Michele Meoli UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di (7,5 CFU) Allievi Meccanici Prof. Michele Meoli 3.2 Il Valore Attuale Netto Analisi degli investimenti Overview tecniche di valutazione degli investimenti Tra

Dettagli

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA -

SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - CORSO DI PIANIFICAZIONE FINANZIARIA SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE - la metodologia EVA - Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2002 Cap. 9 (Dottor

Dettagli

Gli ambiti della finanza aziendale

Gli ambiti della finanza aziendale LA FUNZIONE FINANZA Finanza aziendale Governo delle risorse di capitale dell azienda, attuato regolando tutti i movimenti di acquisizione e di impiego dei mezzi finanziari Gli ambiti della finanza aziendale

Dettagli

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901)

Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Test di ammissione al Corso di Laurea magistrale a numero programmato in: Finanza, Intermediari e Mercati - CLAMFIM (cod. 0901) Classe: LM-16 (Finanza) Anno Accademico 2011/2012 1 1) Secondo qualsiasi

Dettagli

FINANZA AZIENDALE RISULTATI PROVA DEL 13/9/2005

FINANZA AZIENDALE RISULTATI PROVA DEL 13/9/2005 FINANZA AZIENDALE RISULTATI PROVA DEL 13/9/2005 Si ricorda agli studenti che: 1. la registrazione del voto avverrà improrogabilmente in data 20/9/2005 alle ore 10.00. LO STUDENTE CHE NON SI PRESENTA IN

Dettagli

Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010

Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010 Metodi Matematici 2 B 28 ottobre 2010 1 Prova Parziale - Matematica Finanziaria TEST Cognome Nome Matricola Rispondere alle dieci domande sbarrando, nel caso di risposta multipla, la casella che si ritiene

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 6 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale

Finanza Aziendale. Lezione 13. Introduzione al costo del capitale Finanza Aziendale Lezione 13 Introduzione al costo del capitale Scopo della lezione Applicare la teoria del CAPM alle scelte di finanza d azienda 2 Il rischio sistematico E originato dalle variabili macroeconomiche

Dettagli

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1

Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 Indice Prefazione Introduzione XIII XV Capitolo 1. Profilo finanziario degli investimenti 1 1.1 Definizione e tipologie di investimento 1 1.1.1 Caratteristiche degli investimenti produttivi 3 1.1.2 Caratteristiche

Dettagli

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3

Sommario. Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1. Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 Sommario Prefazione XI PARTE I INTRODUZIONE 1 Capitolo 1 Arbitraggio e decisioni finanziarie 3 1.1 Valutazione dei costi e benefici 4 Utilizzo dei prezzi di mercato per determinare valori monetari 4 Quando

Dettagli

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali

Teoria del valore dell impresa. Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Casi aziendali sui metodi finanziari e reddituali Si determini, utilizzando il metodo unlevered discounted cash flow, il valore del capitale economico di un impresa alla data del 1 gennaio 2008 operante

Dettagli

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice della lezione. La finanza aziendale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di Corporate Banking a.a. 2010-2011 (Professor Eugenio Pavarani) La stima del costo del capitale 1 Indice della lezione Il costo del capitale (=

Dettagli

FUSIONI E ACQUISIZIONI

FUSIONI E ACQUISIZIONI FUSIONI E ACQUISIZIONI 1. Fusioni e acquisizioni: concetti introduttivi 2. Il valore del controllo di un impresa 3. La redditività di un acquisizione 4. Alcuni tipi particolari di acquisizioni: LBO, MBO

Dettagli

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN

AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING. in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: BUSINESS PLAN AREA FINANZA INNOVATIVA DIVISIONE PROJECT FINANCING in qualità di ADVISOR DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN VINCENZO (LI) per: PROGETTO DI AMPLIAMENTO DEL PORTO TURISTICO DI SAN VINCENZO (LI) BUSINESS

Dettagli

Valutazione d Azienda Lezione 5

Valutazione d Azienda Lezione 5 Valutazione d Azienda Lezione 5 1 Le prospettive di valutazione [P.I.V. I.7] Generico operatore partecipante al mercato Specifico soggetto 2 I partecipanti al mercato Si tratta della generalità dei potenziali

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

CAPITOLO 3 MINI CASO Zappa S.p.A.

CAPITOLO 3 MINI CASO Zappa S.p.A. CAPITOLO 3 MINI CASO Zappa S.p.A. Mini caso Analisi di bilancio, rendiconto finanziario e pianificazione finanziaria in Zappa S.p.A. La Zappa S.p.A. produce abbigliamento di alta moda. I prospetti di stato

Dettagli

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014

IL BUSINESS PLAN PER TUTTI. 25 giugno 2014 IL BUSINESS PLAN PER TUTTI 25 giugno 2014 Elaborazione del Modello di Greitner Esempio di Mappa strategica Massimizzazione del profitto Remunerazione adeguata dei soci Economico Finanziaria Aumento della

Dettagli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli

Finanza Aziendale. Rischio e Valutazione degli Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valutazione degli investimenti 9 1-2 Argomenti trattati Costo del capitale aziendale e di progetto Misura del beta Costo del capitale e imprese diversificate Costo

Dettagli

Economia e organizzazione aziendale

Economia e organizzazione aziendale Economia e organizzazione aziendale Corso di Laurea: Ing. Meccanica Ing. e Informatica Prof. Fabio Bertoni Esercizi su analisi degli investimenti Esercizio 1 Un impresa intende valutare la possibilità

Dettagli

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA

Indice. Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA UNIVERSITA DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria A.a. 2003/2004 1 Indice La Capital Market Theory di Markowitz Il Teorema della separazione di Tobin e la Capital Market Line

Dettagli

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale

Indice della lezione. Per fare scelte coerenti in termini di Finanza Aziendale. La finanza aziendale. La stima del costo del capitale UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria Il costo del capitale è un tasso di attualizzazione Quale tasso di attualizzazione? Il Wacc La stima del costo del

Dettagli

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE

CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

È importante la struttura finanziaria?

È importante la struttura finanziaria? CAPITOLO 17 È importante la struttura finanziaria? Semplici PROBLEMI 1. Si noti che il valore di mercato di Copperhead supera di molto il suo valore contabile: Valore di mercato Azioni (8 milioni di azioni

Dettagli

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione.

PARTE A 1. Si valuti la convenienza della operazione di acquisto di una posizione di cambio a termine a tre mesi, in assenza di costi di negoziazione. PARTE A 1 A1) L azienda Beta presenta questi due problemi: a) L azienda vende i propri prodotti ad una società straniera per un importo di 480.000 $, con pagamento a tre mesi. L azienda ha sostenuto i

Dettagli

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani

TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO. Docente: Prof. Massimo Mariani TECNICHE DI STIMA DEL COSTO DELLE ALTRE FORME DI FINANZIAMENTO Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO Il costo del capitale stima del costo del capitale stima del costo del capitale di aziende operanti

Dettagli

CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO CAPITOLO I LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO 1. PREMESSA. Nell ambito di un impresa è importante la ricerca di 3 equilibri: 1) Reddituale: o capacità dell azienda di stare sul mercato, nel

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice

Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere. A) Capitalizzazione semplice Calcolo economico e finanziario: Esercizi da svolgere A) Capitalizzazione semplice A.1) Il capitale di 3.000 viene impiegato al tasso i=0,07 per 4 anni. Calcolare il montante. A.2) Il capitale di 3.500

Dettagli

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni

Bilancio Consolidato di Gruppo a.a. 2005-2006. La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni La rettifica delle operazioni infragruppo: esemplificazioni Cessione infragruppo di merci e servizi: riconciliazioni strumentali all eliminazione delle partite infragruppo La società Alfa detiene una partecipazione

Dettagli

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti

Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti Calcolo economico e finanziario: Esercizi svolti 1. Si vuole realizzare un investimento acquistando un macchinario il cui costo è 1.000. Sarà finanziato per metà attraverso un prestito rimborsabile in

Dettagli

Finanza Aziendale (6 cfu)

Finanza Aziendale (6 cfu) Finanza Aziendale (6 cfu) Docente: Prof. Giuseppe Frisella (profrisella@gmail.com) Ricevimento: Lunedì ore 10:00 Dipartimento SEAF-Economia 4 Piano Anno Accademico 2012/2013 Il corso ha l obiettivo di

Dettagli

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale.

Capitolo 11. Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini. Esercizio 1. Una Società, il 31-12-2000 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Capitolo 11 Esercizi di contabilità e bilancio di Mario Calderini Esercizio 1 Una Società, il 31-12-2 presenta il seguente Stato Patrimoniale. Terreni Immobilizzazioni tecniche Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

La valutazione delle aziende. 4a parte

La valutazione delle aziende. 4a parte La valutazione delle aziende 4a parte 95 Il WACC Il WACC non è né un costo, né un rendimento minimo: è la media ponderata di un costo e di un rendimento minimo. Considerare il WACC un costo può essere

Dettagli

La dinamica finanziaria

La dinamica finanziaria La dinamica finanziaria Analisi del bilancio per flussi. Il rendiconto finanziario Esame della dinamica finanziaria: finalità Valutare la capacita dell impresa di generare flussi finanziari e di adattare

Dettagli

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING

RISCHIO E CAPITAL BUDGETING RISCHIO E CAPITAL BUDGETING Costo opportunità del capitale Molte aziende, una volta stimato il loro costo opportunità del capitale, lo utilizzano per scontare i flussi di cassa attesi dei nuovi progetti

Dettagli

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009

II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 DEFS01 II sessione d esame per il conseguimento del Diploma uropean Financial Services D FS Venerdì 12 giugno 2009 Prova D FS 1 KNOWLEDGE 1 Il rischio specifico di un titolo azionario: 1. è quantificabile

Dettagli

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ]

Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 1 Calcolare il montante F di 10.000 con un interesse semplice del 15% annuo, dopo 4 anni. [16.000 ] Esercizio 2 Del precedente esercizio calcolare il montante in regime di capitalizzazione composta.

Dettagli

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz

Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTA DI ECONOMIA Corso di pianificazione finanziaria da Markowitz al teorema della separazione e al CAPM Le curve di indifferenza sulla frontiera di Markowitz Markowitz

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU)

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) A.A. 2010-2011 ESERCIZIO N. 1 Si valuti la convenienza di un investimento di ampliamento caratterizzato dai seguenti dati previsionali: Costo dell impianto 40.000

Dettagli

RISULTATI PROVA INTERMEDIA DI FINANZA AZIENDALE del 24-01-09

RISULTATI PROVA INTERMEDIA DI FINANZA AZIENDALE del 24-01-09 RISULTATI PROVA INTERMEDIA DI FINANZA AZIENDALE del 24-01-09 Gli studenti che hanno superato la prima prova (votazione maggiore o uguale a 18/30) potranno sostenere il 14 marzo 2009 la seconda prova scritta

Dettagli

Il rendiconto finanziario Ias n.7

Il rendiconto finanziario Ias n.7 Il rendiconto finanziario Ias n.7 Corso di Principi Contabili e Informativa Finanziaria Prof.ssa Sabrina Pucci Facoltà di Economia Università degli Studi Roma Tre a.a. 2004-2005 Situazione sulla base delle

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici

Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici Valutazione di investimenti e finanziamenti: Strumenti matematici di Angelo Fiori Prima parte Premessa Di seguito si indicano gli strumenti matematici che ci vengono in aiuto per valutare sia progetti

Dettagli

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A

Matematica Finanziaria A - corso part time prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A prova d esame del 21 Aprile 2010 modalità A 1. Un tizio ha bisogno di 600 euro che può chiedere, in alternativa, a due banche: A e B. La banca A propone un rimborso a quote capitale costanti mediante tre

Dettagli

Corso di Corporate e Investment Banking

Corso di Corporate e Investment Banking Anno Accademico 2010/2011 Corso di Corporate e Investment Banking Appello del 21 settembre 2011 Il tempo a disposizione è di 120 minuti. Scrivere subito su ogni pagina nome, cognome e numero di matricola.

Dettagli

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi

LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) Valutazione d impresa aprile 2012 dott. Lanfranco Lodi LA STIMA DEL COST OF EQUITY (Ke) 0 CAPM: si fonda sul presupposto che investitori realizzino diversificazione di portafoglio remunerazione solo del rischio non diversificabile R i =K el* = R f + β i x

Dettagli

Quesiti livello Application

Quesiti livello Application 1 2 3 4 Se la correlazione tra due attività A e B è pari a 0 e le deviazioni standard pari rispettivamente al 4% e all 8%, per quali dei seguenti valori dei loro pesi il portafoglio costruito con tali

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione.

Determinare l ammontare x da versare per centrare l obiettivo di costituzione. Esercizi di matematica finanziaria 1 VAN - DCF - TIR Esercizio 1.1. Un investitore desidera disporre tra 3 anni d un capitale M = 10000 euro. Investe subito la somma c 0 pari a 1/4 di M. Farà poi un ulteriore

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani

PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA. Docente: Prof. Massimo Mariani PRINCIPI DI COMPOSIZIONE DELLA STRUTTURA FINANZIARIA Docente: Prof. Massimo Mariani 1 SOMMARIO La politica finanziaria aziendale: definizione I benefici del ricorso al debito Gerarchia delle fonti di finanziamento

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU)

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE (9 CFU) ESERCIZIO N. 1 Si valuti la convenienza di un investimento di ampliamento caratterizzato dai seguenti dati previsionali: Costo dell impianto 60.000 Costi di installazione

Dettagli

Politecnico di Milano. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Finanza Aziendale. Esercitazione 1 17 e 20/10/2014

Politecnico di Milano. Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale. Finanza Aziendale. Esercitazione 1 17 e 20/10/2014 Politecnico di Milano Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Finanza Aziendale Esercitazione 1 17 e 20/10/2014 Esercizio 1 La Monti è un impresa non indebitata il cui equity ha un valore di

Dettagli

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005-

Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- Dipartimento II Servizio 6 GESTIONE DEL DEBITO MONITORAGGIO INVESTIMENTI Analisi dell andamento del Debito -31/12/2003 31/12/2005- 1. Introduzione Obiettivo del Report è produrre l analisi del debito al

Dettagli

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea)

Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Esercizi sulle imposte per il corso di Scienza delle finanze a.a. 2015-16 (Clea) Gli esercizi servono per verificare se avete capito la logica, la struttura di un imposta. Pertanto, quando fate il compito

Dettagli

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni

dimostrabilità: tutti i dati utilizzati nel calcolo devono poter trovare un riscontro e una coerenza con le ipotesi a fondamento delle previsioni utile alla determinazione del valore economico di un complesso aziendale o di specifiche categorie di beni Premessa La dottrina e la pratica offrono diverse possibilità nelle metodologie di calcolo del

Dettagli

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO.

Cosa vi ricordate di quello che abbiamo visto la volta scorsa? LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO. LA VALUTAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA DEL PROGETTO Docente: Roberto M. Brioli Collaboratore: dott. Mirko Bisulli Alcune considerazioni sul finanziamento del progetto Cosa vi ricordate di quello che abbiamo

Dettagli

IAS/IFRS: Attività finanziarie detenute fino a scadenza Criterio del costo ammortizzato

IAS/IFRS: Attività finanziarie detenute fino a scadenza Criterio del costo ammortizzato IAS/IFRS: Attività finanziarie detenute fino a scadenza Criterio del costo ammortizzato Esercitazione (a cura del prof. Salvatore Loprevite) Al termine dell esercizio 2011 la società Omega S.p.A. acquista

Dettagli

Dott. Alfonso Mariella

Dott. Alfonso Mariella CASO PRATICO Caratteristiche della società GAMMA che propone il concordato: - holding di partecipazione; - le partecipazione possedute sono in società che operano nel settore industriale da oltre 20 anni;

Dettagli

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel

Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Valutazione di investimenti e finanziamenti Strumenti matematici e utilizzo di Microsoft excel Prima parte... 2 Premessa... 2 Valore attuale di una rendita... 3 Sintassi per l utilizzo delle formule in

Dettagli

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE

Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE Bilancio consolidato e principi contabili internazionali A.A. 2012/2013 ESERCITAZIONE In data 01/01/2012 la Società Alfa acquista una partecipazione del 90% nella Società Beta al prezzo di Euro 115.000.

Dettagli

Public & Private Factory per gli investimenti sanitari

Public & Private Factory per gli investimenti sanitari Management per la Sanità Public & Private Factory per gli investimenti sanitari Valutare e Finanziare i Progetti di Investimento Veronica Vecchi Milano, 11 settembre 2015 Valutare i progetti di investimento

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento

La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Associazione Industriali Reggio Emilia 31 maggio 2012 La valutazione economico finanziaria degli investimenti Scelte di finanziamento Prof. Riccardo Ferretti Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

LA VALUTAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA. prof. Franco PRIZZON POLITECNICO DI TORINO - DISET

LA VALUTAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA. prof. Franco PRIZZON POLITECNICO DI TORINO - DISET LA VALUTAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA prof. Franco PRIZZON POLITECNICO DI TORINO DISET 16 ottobre 2008 SdF e progettazione 1. SDF ANTECEDENTE AL PROGETTO PRELIMINARE 2. SDF E DOCUMENTO PRELIMINARE DI AVVIO

Dettagli

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino

E.G.I. Executive summary. Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Scienze della Comunicazione - Università di Torino Executive summary L impresa Corporate governance Le strategie d impresa Le politiche di pianificazione e controllo Le politiche organizzative La valutazione della performance 1 Il valore finanziario del

Dettagli

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità

L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali. Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità L Innovazione Finanziaria negli Enti Locali Gestione del debito tra efficienza e sostenibilità Intervento nell ambito del Ciclo di Seminari Glocus - FareFuturo L Innovazione nei Territori Roma, 23 ottobre

Dettagli

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale

I flussi finanziari strutturati secondo lo schema del flusso di cassa disponibile: Obiettivo principale L impostazione dell analisi: 5 possibili approcci [3] L approccio dei flussi di cassa l approccio dello schema di raccordo degli indici l approccio dello sviluppo sostenibile l approccio dei flussi di

Dettagli

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione

ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione ECONOMIA DEI GRUPPI E BILANCIO CONSOLIDATO (9 CFU) Simulazione Prof. Stefano Coronella Cognome: Nome: Matricola: Aula: Documento identità (tipo e numero; basta anche il solo libretto universitario) Rilasciato

Dettagli

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller.

Contenuti. Fatti stilizzati microeconomici. L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. Contenuti L evidenza empirica è in contrasto con le previsioni del teorema Modigliani Miller. ECONOMIA MONETARIA E FINANZIARIA (7) Esistono quindi delle imperfezioni dei mercati. Le imperfezioni dei mercati

Dettagli

Analisi di bilancio: redditività e finanza

Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Analisi di bilancio: redditività e finanza Redditività finale per i proprietari: gli effetti della finanza gli effetti delle imposte e delle rettifiche : la teoria

Dettagli

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo.

LEZIONE 4. Il Capital Asset Pricing Model. Professor Tullio Fumagalli Corso di Finanza Aziendale Università degli Studi di Bergamo. LEZIONE 4 Il Capital Asset Pricing Model 1 Generalità 1 Generalità (1) Il Capital Asset Pricing Model è un modello di equilibrio dei mercati che consente di individuare una precisa relazione tra rendimento

Dettagli

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef

Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z. Esercizi sull Irpef Esercizi per il Corso di Scienza delle Finanze a.a. 2007/08 Studenti A-Z Esercizi sull Irpef Esercizio 1 Nel corso del 2007, il signor Rossi ha percepito un reddito da lavoro dipendente, al lordo delle

Dettagli

Lezione n. 20 Obiettivi della lezione Le domande a cui vogliamo rispondere: Analisi di bilancio - II La formulazione delle assumption. La previsione della gestione finanziaria attiva e la chiusura del

Dettagli

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A.

SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. SPACE S.P.A. - POLITICA DI INVESTIMENTO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E GESTITI DA BORSA ITALIANA S.P.A. 1. PREMESSE La presente politica di investimento è stata approvata dall assemblea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAMI DI STATO DOTTORI COMMERCIALISTI II SESSIONE 2014 TEMI D ESAME PRIMA PROVA SCRITTA (19/11/2014) TEMA N. 1 Una società di capitali, esercente attività di fonderia, risulta produttivamente articolata

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030)

Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti. (periodo 2011-2030) Simulazione del fabbisogno finanziario per gli investimenti (periodo 2011-2030) 1. IPOTESI DI BASE Per effettuare un analisi di scenario legata al fabbisogno finanziario degli investimenti, sono state

Dettagli

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1

LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO. Giuseppe G. Santorsola 1 LA VALUTAZIONE DI PORTAFOGLIO Giuseppe G. Santorsola 1 Rendimento e rischio Rendimento e rischio di un singolo titolo Rendimento e rischio di un portafoglio Rendimento ex post Media aritmetica dei rendimenti

Dettagli

Metodi matematici 2 14 febbraio 2~~8

Metodi matematici 2 14 febbraio 2~~8 Metodi matematici febbraio ~~8 TEST Rispondere alle dieci domande sbarrando la casella che si ritiene corretta nel caso di risposta multipla (una sola risposta è corretta). Si indichi la risposta ma non

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione ANALISI DEGLI INVESTIMENTI Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico 2015-2016 1 ------------------------------------

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

GLI EQUILIBRI AZIENDALI

GLI EQUILIBRI AZIENDALI GLI EQUILIBRI AZIENDALI Il fine ultimo dell azienda è se stessa, ossia la sua capacità di sopravvivere e svilupparsi, operando in condizioni di «equilibrio». Le condizioni di equilibrio aziendale sono

Dettagli

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO

Valutazione d Azienda. Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO Valutazione d Azienda Lezione 9 IL METODO FINANZIARIO 1 Il modello finanziario Il modello finanziario è stato molto dibattuto in dottrina a partire dalla prima metà degli anni novanta. Impostazioni metodologiche:

Dettagli

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio

Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Il rendiconto finanziario e gli indici di bilancio Erika Cresti Firenze, 18 ottobre 2013 Indice La gestione della variabile finanziaria Il rendiconto finanziario: normativa e principi contabili di riferimento

Dettagli

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE

06/11/15 OBIETTIVI ESERCIZIO 1: CAE E OTC IL COSTO ANNUO EQUIVALENTE OBIETTIVI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE AZIENDALE ESERCITAZIONI DI FINANZA AZIENDALE ESERCITAZIONE 4 1) CAE; 2) OTC; 3) Sostituzione anticipata

Dettagli

Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa

Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa Metodo pratico per la definizione della leva finanziaria ottimale di un impresa Di: Pietro Bottani Dottore Commercialista in Prato Introduzione La definizione della leva finanziaria ottimale nella valutazione

Dettagli

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI

IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI IL COSTO DI ACQUISTO E DI PRODUZIONE DELLE IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI La società industriale Alfa S.p.A. deve redigere il Bilancio dell esercizio 20x5 ai sensi della normativa nazionale. A tal fine, si

Dettagli

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426)

ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) ESERCIZI SULLE SINGOLE VOCI DI BILANCIO (ART. 2426) 22 IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI ACQUISTO DI UNA IMMOBILIZZAZIONE MATERIALE DA TERZI CON ACCONTO AL FORNITORE (punto 1, art. 2426) Si faccia l esempio dell

Dettagli

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri

Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite. Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Lezione 1: Richiami ai concetti di base: Valore Attuale, VAN, Rendite Analisi degli Investimenti 2015/16 Lorenzo Salieri Il valore dell impresa come una torta Debito Capitale Azionario 2 Struttura Finanziaria

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti

MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti MATEMATICA FINANZIARIA Schede Esercizi a.a. 2014-2015 Elisabetta Michetti 1 MODULO 1 1.1 Principali grandezze finanziarie 1. Si consideri una operazione finanziaria di provvista che prevede di ottenere

Dettagli

Le scelte di investimento: concetti introduttivi

Le scelte di investimento: concetti introduttivi Le scelte di investimento: concetti introduttivi La valutazione degli investimenti Obiettivo: misurare il valore creato da un iniziativa di investimento supponendo, per il momento, che la struttura finanziaria

Dettagli

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * *

Economia dei gruppi e bilancio consolidato. Esempi di quesiti d esame. (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) * * * Economia dei gruppi e bilancio consolidato Esempi di quesiti d esame (limitatamente alla parte dedicata al bilancio consolidato) Q. 1 Il Candidato, ricorrendo alla costruzione del foglio di lavoro di stato

Dettagli