LA PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI"

Transcript

1 CORSO DI PROJECT MANAGEMENT Bulciago 2012/2013 PRESENTAZIONE LA PIANIFICAZIONE DEI PROGETTI PROGRAMMA DEL CORSO DI PROJECT MANAGEMENT Autore: Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 In collaborazione con: Rag. Giuseppe Camorani Con il patrocinio di: Associazione Namaste,, Assessorato alla cultura del Comune di Bulciago Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 1

2 PREMESSA AL CORSO DI PROJECT MANAGEMENT Le PMI in Italia rappresentano il nerbo dell attività produttiva, e continuano a stupire il mondo intero per la capacità di raggiungere la leadership globale in molti settori. Se da un lato la loro struttura molto snella e con un management spesso di carattere familiare, ha permesso negli anni una flessibilità e una capacità di adeguarsi al mercato senza eguali, dall altro l approccio manageriale basato sulle sole direttrici di perfezionamento della qualità del prodotto e del miglioramento continuo dei processi produttivi, in periodi di crisi rischia di mostrare tutti i suoi limiti. La crisi in corso da ormai qualche anno, sottraendo risorse finanziarie alle imprese, le ha costrette a spingere in modo esasperato sull efficienza e sui tagli alla spesa più che sull efficacia e sulla ricerca di sbocchi in nuovi mercati. In modo contestuale i trend globali di de-materializzazione 1 di prodotti e servizi hanno spinto al downgrading delle organizzazioni, eliminando strutture non fondamentali e agendo su alleanze e outsourcing. Le sfide poste dalla recessione e dalla crisi finanziaria si associano poi a quelle di un costo del lavoro elevato dovuto a stipendi elevati e forti tutele sindacali e occupazionali, che per ragioni storico-politiche sono molto radicate nelle nazioni di cultura europea occidentale. La risposta immediata da parte dalle imprese è stata la riduzione dei costi del personale, con azioni sulle risorse umane come pre-pensionamento, ricorso alla cassa integrazione e riduzione della manodopera. Quest ultimo tipo di reazione ha costretto le imprese a spingere su una maggiore efficienza, ovvero sulla capacità di erogare la stessa quantità di lavoro con meno risorse. Da un lato si ricorre a soluzioni esterne, come dotarsi di attrezzature all avanguardia tecnologica, sistemi informativi e robotica per il miglioramento della produttività. Dall altro lato si reagisce con soluzioni interne, che comportano un miglioramento del controllo, attraverso un profondo riesame della gestione delle attività aziendali. Anche l elevato tasso di cambio tecnologico, se da un lato permette all impresa il miglioramento produttivo, dall altro esercita sulle forme organizzative forti tensioni e pressioni a modificare le strutture aziendali tradizionali, basate su una struttura verticale e gerarchica, verso strutture più adatte a rispondere rapidamente ai cambiamenti esterni. Ne scaturisce un quadro in cui la capacità di innovare l impresa con nuovi progetti e al contempo di valutare correttamente il rischio associato a questi non riesce a divenire parte del tessuto produttivo delle PMI, proprio nel momento in cui servirebbero queste capacità per affrontare le complesse sfide odierne nella giusta prospettiva. La vera innovazione da affrontare è, anzitutto, nutrirsi di pensiero e di metodo organizzativo. La vera azione di intervento è quella che lavora sulla capacità di riorganizzare e gestire efficacemente il cuore produttivo dell azienda. Quante occasioni di business sono perse a causa dell'incapacità di sfruttare a pieno gli asset fisici ed umani che le imprese contengono? La capacità di innovare attraverso le migliori pratiche del mondo del Project Management può diventare la giusta risposta alle nuove sfide, ma va anche fatta assimilare dall imprese, senza cedere alle ovvie resistenze di gruppi dirigenziali che non accettano il cambiamento, per non divenire solo una pura illusione di approccio metodologico moderno. All interno delle organizzazioni di grandi dimensioni e più strutturate è stata ormai del tutto acquisita la consapevolezza che la gestione attraverso progetti riveste un ruolo fondamentale per creare valore. Attraverso progetti non sono più gestite solo attività quali la realizzazione di un nuovo prodotto o servizio, ma anche quelle della definizione di un nuovo processo interno o del miglioramento di uno esistente. 1 Il processo di dematerializzazione dei beni di consumo in atto più evidente è quello legato alla vendita di beni e servizi attraverso internet, in cui hanno stanno esaurendosi esercizi di vendita come quelli dei supporti multimediali (musica, film, giochi etc), di libri e documenti (guide telefoniche, enciclopedie, cataloghi) grazie alla virtualizzazione sui moderni supporti (ebook reader, tablet, etc). In senso più ampio si comprende in questo trend anche la modifica della modalità di fuizione dei servizi per il trasferimento di questi con l utilizzo della rete (uffici informazioni, agenzie viaggi, assicurazioni on line, banca on line, vari negozi di beni di consumo dai libri all elettronica, etc). Oggi il trend si sviluppa in modo più marcato anche su alcuni settori industriali, quali quello dell Information Technology (es. vendita di capacità di memorizzazione o di capacità di calcolo attraverso servizi Cloud su Internet). Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 2

3 Quando la velocità di risposta, il time-to-market, rappresenta uno dei principali elementi differenzianti per un organizzazione, diventano chiari i vantaggi di una gestione strutturata, logica e organizzata delle attività che, passo dopo passo, portano al raggiungimento di un determinato obiettivo. Il Project Management è l insieme delle regole che un organizzazione si dà per strutturare le attività di progetto. Queste regole sono parte del patrimonio aziendale e rientrano a tutti gli effetti tra gli asset dell organizzazione.. In questo contesto gioca un ruolo chiave la figura del Project Manager, primo e unico responsabile del raggiungimento degli obiettivi progettuali. Questo protagonista temporaneo nell azienda deve svolgere un compito complesso, che prevede un continuo lavoro di integrazione tra gli output delle singole attività progettuali. Nello stesso tempo deve coordinare tutti coloro che hanno qualche interesse (gli stakeholder) nel progetto. Si tratta di un compito non semplice poiché richiede doti aggiuntive accanto alla competenza tecnica: capacità organizzativa, abilità di comunicazione, capacità di individuare possibili situazioni rischiose e attitudine al problem solving. Il Project Manager è diventato dunque una figura chiave all interno delle organizzazioni e, per svolgere bene il proprio lavoro, deve avere esperienza e spiccate competenze. I gestori di progetto sono risorse che spesso vengono raccolte attraverso contratti a termine - che non possono dare continuità nell innovazione all impresa e al contempo lasciano i giovani collaboratori senza prospettive stabili per molti anni oppure attraverso consulenze - che spesso diventano sempre meno temporanee e quindi sempre più costose, ma non fanno entrare del tutto la cultura manageriale nell azienda che li impiega a contratto. Al contempo la situazione di incertezza del contesto odierno fa si che le risorse pregiate della produzione e i professionisti che lavorano da molti anni nelle imprese siano sempre più restii a gettarsi su progetti innovativi, per non esporre la loro posizione ai rischi di una remunerazione variabile. Quando la figura del Project Manager, anche in un organizzazione tradizionale, è individuato come risorsa interna, questo generalmente porta l organizzazione a raggiungere più efficacemente gli obiettivi dei progetti. Un Project Manager interno, infatti, è in grado di unire l esperienza della produzione con la formazione manageriale. Questa scelta inoltre mette alla prova figure junior dell organizzazione sulle loro capacità manageriali nelle direzioni dei team di lavoro, permettendo una corretta valutazione sul campo di un loro percorso verso posizioni di middle management. Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 3

4 INFORMAZIONI SUL CORSO DI PROJECT MANAGEMENT OBIETTIVI Il corso si propone di fornire le principali conoscenze consolidate e i più importanti strumenti di Project Management, necessari per avviare, pianificare, monitorare e controllare un progetto, sotto il profilo sia tecnico che economico. Le moderne pratiche condivise di gestione dei progetti affrontate nel corso, partendo dall approccio classico relativo alla gestione di tempi, costi, qualità e ambito, estendono il dominio di competenza di questa disciplina ai temi di finanziamento del progetto, di una corretta gestione delle risorse umane, della gestione dei contratti di acquisto e della elaborazione dei piano di risposta ai rischi. DESTINATARI L iniziativa si rivolge a tutti coloro che sono o saranno impegnati all interno di imprese private, in attività di gestione e coordinamento di iniziative progettuali. In particolare la proposta formativa del corso di Project Management è rivolta a due specifici target: giovani neo-laureati -diplomati e neo -laureati in materie tecniche privi di conoscenze gestionali, per favorire l ingresso di nuovi professionisti privi di formazione manageriale nel mercato del lavoro validi professionisti e collaboratori interni di alta professionalità tecnica e minore anzianità aziendale, che desiderano dotarsi di conoscenze e strumenti adatti per potersi poi proporre quali gestori di progetti nella loro azienda. ORARIO E DATE Le lezioni si svolgeranno di sabato mattina dalle 9:30 alle 12. Il corso inizia il 27 Ottobre 2012 e termina il 5 Aprile SEDE E CONTATTI, piazza Aldo Moro Bulciago (LC). Per ulteriori informazioni sul corso, contattare il coordinatore Giuseppe Camorani, al numero di telefono , QUOTA DI ISCRIZIONE Intero percorso (22 gg.): Donazione Libera all associazione; La quota minima sara concordata al momento della presentazione del corso. Per informazioni chiedere al coordinatore. ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE La partecipazione al corso dà diritto al rilascio di un attestato di frequenza (frequenza minima richiesta: 80% delle attività di formazione). REFERENTI DELL INIZIATIVA Stefano Brivio (docente) e Giuseppe Camorani (coordinatore) Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 4

5 CALENDARIO 20 Ottobre 2012 Presentazione del corso 27 Ottobre 2012 Lezione 1 - Introduzione Definizioni, Ciclo di Vita Progetto/Prodotto 10 Novembre 2012 Lezione 1 Introduzione Il progetto nelle organizzazioni, Ruoli 17 Novembre 2012 Lezione 2 Integrazione di progetto Project Charter; Analisi degli investimenti 24 Novembre 2012 Lezione 2 - Integrazione di progetto Piano integrato, controllo, change 1 Dicembre 2012 Lezione 3 Ambito di progetto Raccolta dei requisiti; Statement of Work 15 Dicembre 2012 Lezione 3 - Ambito di progetto WBS; Verifica d ambito; definizione attività Data da definire Seminario 1 Project Financing 12 Gennaio 2013 Lezione 4 Tempi di progetto Sequenzializzazione; Stima delle risorse, durata delle attività 17 Gennaio 2013 Lezione 4 - Tempi di progetto CPM; CCM; Compressione; esercizi 2 Febbraio 2013 Lezione 5 Costi di progetto Stime costi, riserve, curva a S 16 Febbraio 2013 Lezione 5 Costi di progetto Metodo EV, controllo costi, esercizi 23 Febbraio 2013 Lezione 6 Qualità di progetto definizione; assicurazione/controllo, piano 2 Marzo 2013 Lezione 6 Qualità di progetto costo della qualità; strumenti della qualità 9 Marzo 2013 Lezione 7 Rischi di progetto Rischio + e -; probabilità e impatto 16 Marzo 2013 Lezione 7 Rischi di progetto Pianificazione risposta al rischio; esercizi Data da definire Seminario 2 Valutazione dei Rischi 23 Marzo 2013 Lezione 8 Acquisti di progetto MakeBuy; Tipi di Contratto; Negoziazione; 6 Aprile 2013 Lezione 9 Comunicazione di progetto Stakeholders; teorie della comunicazione 13 Aprile 2013 Lezione 10 Risorse Umane e progetto Individui; Motivazione; Gruppi 20 Aprile 2013 Lezione 10 Risorse Umane e progetto HR nel progetto; Organizzazioni aziendali Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 5

6 ARGOMENTI TRATTATI - Progetto, Project, Program e Portfolio Management - Strategie di progetto, requisiti, obiettivi, Criteri di successo e di Valutazione del progetto - Analisi degli investimenti e valutazione finanziaria del progetto - Fasi del progetto e ciclo di vita del prodotto; Contesto e stakeholder - Gestire le variabili principali: tempi, costi, ambito e qualità - Sviluppo del Piano di Project Management; direzione, monitoraggio e controllo dell esecuzione del progetto - Sviluppo del Project Charter e definizione preliminare dell ambito del progetto - Raccolta dei requisiti, stesura del Capitolato Tecnico e creazione della WBS - Stime risorse e durata attività, tecnica di scheduling Pert/CPM - La teoria dei vincoli e la tecnica di scheduling Critical Chain - Stime dei costi, curva ad S, valutazione riserve; Metodo Earned Value per la valutazione dell'avanzamento - Gestione rischi e opportunità, valutazione qualitativa e quantitativa dei rischi, piano delle risposte ai rischi - Definizione della qualità; il piano della qualità, i 7 strumenti di Ishikawa per il controllo della qualità - Gestione e pianificazione acquisti di progetto selezione e qualificazione dei fornitori - Analisi Make or Buy; Tipi di Contratto; Negoziazione; Chiusure - Gestione delle risorse di progetto; Formazione, sviluppo e gestione del team di progetto - I fondamentali nella gestione delle risorse umane: Individui; Motivazione; Gruppi; Organizzazione - Gestione degli Stakeholders del progetto; pianificazione della comunicazione di progetto Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 6

7 ACRONIMI ABS Activity Breakdown Structure. ACWP Actual Cost of Work Petformed. BAC Budget At Completion. BCWP Budget Cost of Work Performed. BCWS Budget Cost of Work Scheduled. CCB Change Control Board. CMS Configuration Management System. COQ Cost Of Quality. CPM Critical Path Method. CPAF Cost Plus Award Fee. CPF Cost Plus Fee. CPFF Cost Plus Fixed Fee CPI Cost Performance Index CPIF Cost Plus Incentive Fee CR Change Request CV Cost Variance EAC Estimate At Completion. EMV Expected Monetary Value EF Early Finish. ETC Estimate To Complete. EV Earned Value. FF Finish-to-Finish. FFP Firm Fixed Price FMEA Failure Mode and Effect Analysis FP-EPA Fixed Price with Economic Adjustment FPIF Fixed Price Incentive Fee FS Finish-to-Start IFB Invitation For Bid LF Late Finish date LS Late Start date OBS Organizational Breakdown Structure MBO Management By Objectives PBS Product Breakdown Structure. PDM Precedence Diagramming Method PERT Program Evaluation and Review Technique PMI Project Management Institute PMP Project Management Professional PV Planned Value QA Quality Assurance RACI Responsible, Accountable, Consult, Inform RAM Responsibility Assignment Matrix RBS Risk Breakdown Structure RFI Request For Information RFP Request For Proposal RFQ Request For Quotation SF Start-to-Finish SOW Statement Of Work SPI Schedule Performance Index SS Start-to-Start SV Schedule Variance SWOT Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats T&M Time and Material TQM Total Quality Management WBS Work Breakdown Structure Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 7

8 CENNI STORICI DEL PROJECT MANAGEMENT Prima industria Seconda guerra mondiale Guerra Fredda Anni 50 e 60 Anni 70 e 80 Periodo Riferiment Storici Note Era preindustriale Anni 90 e A.C. Piramidi Egizie 200 A.C. / 500 D.C. Civiltá Romana, acquedotti, strade, ponti Rinascimento e primei metodi scientifici 1700 Macchinari a vapore richiedono nuove ottimizzazioni delle risorse 1800 Grandi progetti, come ferrovia transcontinentale USA, canale di Suez, spesso ancora senza ottimizzazione risorse Progetto Manatthan (R. Oppenheimer) costruzione bomba atomica Progetti del ministero difesa USA e della NASA usano il Project Management (bombardiere B52, missile Minuteman, sottomarino Polaris) 1956 venne fondata la "Association for the Advancement of Cost Engineering" (AACE che formalizza le prassi di pianificazione, stima dei costi, controllo di progetto) L introduzione del computer nelle aziende stimola ulteriormente il Project Management, per il vantaggio del suo uso inter-funzionale in Europa fondazione dell International Project Management Association (IPMA) 1969 fondazione del Project Management Institute (PMI) 1981 il PMI pubblica la Guida al "Project Management Body of Knowledge Anni 80, elaborazione delle prime teorie di risk management Effetti della Recessione: ritorno allo status quo, eliminazione Project Management, strutture R&D, formazione. Recessione, con sospensioni di impiegati. Focalizzazione R&D, formazione. Crescita del Project Management 1987 ISO 29000, prevenzione non-conformitá Re-Engineering (ristrutturazioni) 1994 ISO 9000, centralitá del cliente 1994 controllo dei costi per progetti 1995 focus sul Change Management 1999 Importanza Concurrent Engineering 2000 Acquisizioni P.M. internazionale 2003 Rapporti sulle reti e uso risorse Primo riferimento: nel De Bello Gallico, Giulio Cesare descrive i dettagli tecnici ed organizzativi (tempi, obiettivi, materiali utilizzati, gestione delle risorse) della costruzione di un ponte sul Reno. F. Taylor osserva il lavoro nelle industrie metallurgiche e introduce concetti di efficienza Gannt studia la sequenza delle attivitá di progetto nella preparazione di navi militari e inventa il diagramma che porta il suo nome. Lo sforzo bellico e post-bellico (guerra fredda) richiedeva una ottimizzazione manodopera. I progetti industriali gestiti con logica over the fence. Introduzione diagrammi reticolari (PERT 1958), e metodo percorso critico (CPM, 1957). Norme MIL-STD per i contractors della DoD Il settore privato vede solo costi aggiuntivi in queste tecniche gestionali. Il Project Management informale si diffonde nell industria aerospaziale civile, nelle costruzioni, dell ingegneria ad alta tecnologia Resta fuori da settori con attivitá semplici, come il manufacturing con tecnologia che cambia lentamente Si incominciano a percepire i conflitti di autoritá fra le strutture temporanee e quelle funzionali. Aumenta la complessitá tecnologica e di conseguenza gli investimenti in inoovazione e R&D e le informazioni disponibili. Le societá incominciano a comprendere che il Project Management é una necessitá per la sopravvivenza, non piú una scelta. Si comprende dove c é spinta per efficacia ed efficienza (R&D), meno dove c é solo competitivitá. Le societá non vedono vantaggi a spostarsi sul Project Management. Si cercano soluzioni a breve durata. Si cercano soluzioni a lunga durata, il Project Management si afferma insieme alla gestione dei rischi. Le societá investono molto sulla qualitá (TQM Total Quality Management), coinvolgono tutto il personale e ne fanno una strategia competitiva le norme ISO spostano l attenzione sull efficacia e sul miglioramento continuo. Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 8

9 GLI APPROCCI METODOLOGICI E LE CERTIFICAZIONI L operatività dell impresa si esprime sostanzialmente in progetti e processi o regole per la loro gestione. Tutti i professionisti che operano nei progetti per le organizzazioni necessitano di una profonda preparazione. Se per le imprese è difficile individuare coloro a cui assegnare compiti di gestione dei progetti, per i professionisti capaci di gestirli è ancor più faticoso far riconoscere in modo oggettivo le proprie idoneità ed attitudini. Le certificazioni in Project Management rappresentano la garanzia che un professionista possiede la cultura, le esperienze e le capacità per gestire in modo consapevole progetti complessi. In ambito internazionale si stanno diffondendo diversi programmi per la certificazione. Le certificazioni PMI Il primo e più famoso blocco di certificazioni è di stampo anglosassone, edito dallo statunitense Project Management Institute. Il PMI sponsorizza un programma di certificazione, rilasciato dall ente internazionale più autorevole nel campo del Project Management. I differenti livelli di credenziali PMI che attestano, a livello internazionale, conoscenza ed esperienza nel campo sono: CAPM (Certified Associate in Project Management) Introdotta nel 2002, questa credenziale ha lo scopo di costituire un livello base di certificazione prima di acquisire il livello professionale di PMP. Si rivolge tipicamente al team di supporto al Project Manager, ai membri del Project Management Office aziendale o a tutti coloro che stanno per affrontare il mondo del lavoro nell ambito della gestione progetti. È una certificazione che si propone di attestare la conoscenza del Project Management ed è accessibile anche ai neofiti, ad esempio ai neolaureati, che pensano di orientare la propria professione al Project Management. Può certificarsi chiunque, sia appartenente che non ad associazioni o ad organizzazioni PMP (Project Management Professional) Il programma PMP è stato progettato per valutare la conoscenza professionale nel campo. La credenziale di PMP si rivolge ai Project Manager ed è il titolo della professione maggiormente conosciuto e apprezzato nel mondo. Può certificarsi chiunque, sia appartenente che non ad associazioni o ad organizzazioni. PgMPSM (Program Management Professional) Credenziale destinata al professionista a capo della gestione coordinata di Progetti Multipli. Questa terza credenziale è indicata per chi vuole attestare l eccellenza professionale più ampia di Project e Program Management Project Scheduling È la credenziale di ultima generazione (introdotta nel 2008) per l organizzazione del progetto. Ogni credenziale richiede la verifica del possesso di una serie di differenti requisiti in termini di titolo di studio posseduto, ore di formazione specialistica frequentate ed ore di esperienza in un team di progetto maturate entro un predefinito periodo di tempo. Il possesso dei requisiti è necessario per ottenere l ammissione all esame (eligibility). Per conseguire la specifica credenziale occorre superare un esame in forma di test composto da una batteria variabile di domande con risposte a scelta multipla. Le certificazioni Prince2 La risposta europea al PMI È la certificazione su Prince2, edita dal British Office of Government Commerce (OGC). PRINCE2, è una metodologia per il project management basata su un approccio per processi, ed in questo è simile al framework delineato nel PMBOK dal PMI. Mentre il PMBOK descrive la disciplina del project management in modo più teorico, PRINCE2 ha un approccio pratico e offre delle metodologie e degli strumenti del fare coerenti con i dettami del PMI. Inoltre PRINCE2 permette un approccio modulare in ragione dei requisiti richiesti, sia di complessità dei progetti sia di rischi relativi sia di dimensioni. Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 9

10 Il process model di PRINCE2 si compone di otto processi gestionali: 1. Iniziare (effettuare lo start-up di) un progetto Starting up a project (SU) 2. Dirigere un progetto Directing a project (DP) 3. Definire un progetto Initiating a project (IP) 4. Gestire le transizioni tra i vari stadi di progetto Managing stage boundaries (SB) 5. Effettuare attività di controllo durante uno stadio del progetto Controlling a stage (CS) 6. Gestire la consegna effettiva del prodotto Managing product delivery (MP) 7. Chiudere il progetto Closing a project (CP) 8. Creare e gestire un project plan Planning (PL) PRINCE2 descrive attività e componenti per ognuno degli otto processi citati, e fornisce poi utili strumenti di gestione. Le certificazioni disponibili in ambito Prince2 sono: Foundation Certificate Certificazione di base, l esame dura un ora e si compone di 75 domande a risposta multipla Practitioner Certificate L esame dura tre ore con domande basate su tre casi di studio ed occorre ottenere 75 punti sui 150 a disposizione. I PRINCE2 Registered Practitioner devono rifare l esame ogni tre/cinque anni per mantenere la certificazione (ma il mantenimento si basa su un solo caso di studio) Le certificazioni IMPA Chiudiamo la nostra carrellata sulle certificazioni nel project management con la soluzione della Italian Project Management Academy, che consente di certificare in Italia i Project Manager secondo le metodologie e le procedure fissate dalla International Project Management Association (IPMA). Il Sistema di Certificazione IPMA si articola in 4 livelli: Livello A Certified Projects Director Destinato al Direttore Progetti, che abbia maturato una notevole esperienza nella conduzione di più progetti o di programmi di management e ricoperto per 5 anni la responsabilità di Direttore in funzioni di leadership nel coordinamento e nella gestione del portafoglio progetti o di un programma. L esame tende a valutare l esperienza professionale maturata dal candidato e si svolge come per il livello B. Livello B Certified Senior Project Manager Destinato al Capo Progetto che abbia maturato una notevole esperienza nel campo della direzione e gestione dei progetti per 5 anni nella conduzione di progetti ad elevata complessità. Prevede la presentazione da parte del candidato di un Rapporto su un progetto complesso da lui svolto di recente ed un colloquio di valutazione. Livello C Certified Project Manager Destinato al Responsabile di Progetto che abbia maturato una esperienza nel campo della gestione dei progetti di cui almeno 3 anni nella gestione di progetti di limitata complessità, o sia responsabile di una parte di un progetto complesso o di un servizio tecnico/economico. Prevede l invio di un rapporto su un progetto di limitata complessità, un esame scritto con domande aperte, in accordo con gli elementi di conoscenza contenuti nel Manuale delle Competenze di Project Management (IPMA Competence Baseline - ICB), ed un colloquio finale. Livello D Certified Project Management Associate destinato ai componenti del Project Management Team che abbiano maturato una significativa conoscenza delle metodologie e delle tecniche di Project Management. Prevede un esame scritto con domande a quiz e domande aperte, in accordo con gli elementi di conoscenza contenuti nel Manuale delle Competenze di Project Management. Gli attestati di Certificazione per i livelli A, B, C hanno una validità di 5 anni e sono rinnovabili; per il livello D la validità è illimitata. Programma del corso Ing. Stefano Brivio, PMP, ITILv3 Page 10

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

Earned Value e monitoring del progetto

Earned Value e monitoring del progetto IT Project Management Lezione 8 Earned Value Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Aspetti economico-finanziari (1) Costi C Fine progetto T Tempo La curva a S è chiamata baseline dei costi risultato dell aggregazione

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP

PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP www.formazione.ilsole24ore.com PROJECT MANAGEMENT CORSO DI PREPARAZIONE ALLA CERTIFICAZIONE PMP ROMA, DAL 19 NOVEMBRE 2012-1 a edizione MASTER DI SPECIALIZZAZIONE In collaborazione con: PER PROFESSIONISTI

Dettagli

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE. F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe): SEZIONE F: DESCRIZIONE DELL'AZIONE Project Management e Information Technology Infrastructure Library (ITIL V3 F.l- Modalita organizzative, gestione operativa e calendario dell'intervento. (Max 200 righe):

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento

PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento LA GUIDA DEL SOLE 24 ORE AL PROJECT MANAGEMENT Lo standard internazionale di PM per gestire l innovazione nei prodotti e nei servizi, le commesse, i progetti di miglioramento Stefano Tonchia e Fabio Nonino

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015

PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROFESSIONAL. Project Management 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 PROJECT MANAGEMENT EXECUTIVE PERCORSO DI CERTIFICAZIONE PMP PROJECT MANAGEMENT PROFESSIONAL CON LA SUPERVISIONE SCIENTIFICA DI XVIII Edizione / Formula weekend 26 MARZO - 24 LUGLIO 2015 Z1099 2015 Project

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA

ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA LA PROPOSTA DI ENGINEERING SARDEGNA AGENZIA FORMATIVA Carlo Carta Responsabile Commerciale ENGINEERING SARDEGNA e IL GRUPPO ENGINEERING La prima realtà IT italiana. oltre 7.000 DIPENDENTI 7% del mercato

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE

MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE Management Risorse Umane MASTER TRIENNALE DI FORMAZIONE MANAGERIALE La formazione di eccellenza al servizio dei Manager PRESENTAZIONE Il Master Triennale di Formazione Manageriale è un percorso di sviluppo

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona

1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS 20 Verona PRINCIPI PROJECT MANAGEMENT PRINCIPI DI PROJECT MANAGEMENT Elisabetta Simeoni 1), Giovanni Serpelloni 2) 1. UPM (Unità di Project Management) Centro di Medicina Preventiva e Comunitaria - Azienda ULSS

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale

Gestire l innovazione nelle PMI. Il Project Management come competenza manageriale Gestire l innovazione nelle PMI Il Project Management come competenza manageriale Indice Presentazione Pag. Gli autori» Introduzione» 1. Il contesto di riferimento del Project Management nei progetti di

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE

MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E FORMATIVE Master MES - Management of Education and School 4 a EDIZIONE APRILE 2015 - NOVEMBRE 2016 partner MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT

BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BUSINESS INTELLIGENCE & PERFORMANCE MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Problem Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Problem Management Obiettivi Obiettivo del Problem Management e di minimizzare l effetto negativo sull organizzazione degli Incidenti e dei Problemi causati da errori nell infrastruttura e prevenire gli

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche

Introduzione al Project Management. AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Introduzione al Project Management AIPA Area Monitoraggio e Verifiche Contenuti del corso Impostazione del progetto; Pianificazione delle attività, risorse e costi; Coordinamento e controllo durante le

Dettagli

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT

Executive Master in. Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT Executive Master in Governance dei Progetti e dei Servizi IT GPSIT OBIETTIVI Il Master ha l obiettivo di formare executive e professional nella governance dei progetti e dei servizi IT, integrando quelle

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA

LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA SUZANNE ROBERTSON MASTERING THE REQUIREMENTS PROCESS COME COSTRUIRE IL SISTEMA CHE IL VOSTRO UTENTE DESIDERA ROMA 20-22 OTTOBRE 2014 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA,

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado

Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado ISBN 9788896354643 CC BY ND Gestione di progetto e organizzazione di impresa Il project management nella scuola secondaria di secondo grado Autori Antonio Dell Anna info@antoniodellanna.it Martina Dell

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Gli Standard hanno lo scopo di:

Gli Standard hanno lo scopo di: STANDARD INTERNAZIONALI PER LA PRATICA PROFESSIONALE DELL INTERNAL AUDITING (STANDARD) Introduzione agli Standard L attività di Internal audit è svolta in contesti giuridici e culturali diversi, all interno

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

24 ORE EDUCATION ON LINE

24 ORE EDUCATION ON LINE www.masteronline.ilsole24ore.com 24 ORE EDUCATION ON LINE I NUOVI MASTER ON LINE CON DIPLOMA DEL SOLE 24 ORE 90% DI FORMAZIONE ON LINE PIÙ ESAMI IN PRESENZA CORSI ON LINE VIDEO LEZIONI INTERATTIVE CON

Dettagli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli

tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli tratto da Economia e Management delle Imprese (DiBernardo, Gandolfi, Tunisini) A cura di Tonino Pencarelli Linda Gabbianelli Organizzazione come sistema Ambiente interno Missione strategica Sistema tecnico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CATALOGO FORMAZIONE 2015

CATALOGO FORMAZIONE 2015 CATALOGO FORMAZIONE 2015 www.cogitek.it Sommario Introduzione... 4 Area Tematica: Information & Communication Technology... 5 ITIL (ITIL is a registered trade mark of AXELOS Limited)... 6 Percorso Formativo

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO?

1. QUAL È LO SCOPO DI QUESTO MODULO? Percorso B. Modulo 4 Ambienti di Apprendimento e TIC Guida sintetica agli Elementi Essenziali e Approfondimenti (di Antonio Ecca), e slide per i formatori. A cura di Alberto Pian (alberto.pian@fastwebnet.it)

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. All.1 al Disciplinare di Gara ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI All.1 al Disciplinare di Gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario, ai sensi dell

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Business Process Redesign

Business Process Redesign Business Process Redesign I servizi offerti da Nòema 1 Riorganizzare le strutture organizzative significa cercare di conciliare l efficienza delle attività con le aspettative delle persone che costituiscono

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014

CISITA. Executive TOOLS PARMA IMPRESE. sviluppo risorse per l azienda STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 sviluppo risorse per l azienda CISITA PARMA IMPRESE Executive TOOLS STRUMENTI AVANZATI PER LO SVILUPPO MANAGERIALE 17 OTTOBRE 28 NOVEMBRE 2014 IN COLLABORAZIONE CON Executive TOOLS Executive Tools - Strumenti

Dettagli

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc

Specialista ITIL. Certificate of Advanced Studies. www.supsi.ch/fc Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Istituto sistemi informativi e networking Specialista ITIL Certificate of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008

PMI. Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Nuovi standard PMI, certificazioni professionali e non solo Milano, 20 marzo 2009 PMI Organizational Project Management Maturity Model, OPM3 Second Edition 2008 Andrea Caccamese, PMP Prince2 Practitioner

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a:

1.Obiettivi. Il Master è, inoltre, finalizzato a: 1 1.Obiettivi Il master ha l obiettivo di favorire lo sviluppo delle competenze manageriali nelle Aziende Sanitarie e Ospedaliere, negli IRCCS, nei Policlinici e nelle strutture di cura private approfondendo,

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing

La best practice ITILv3 nell IT Sourcing La best practice ITILv3 nell IT Sourcing Novembre 2009 Indice 1. Introduzione... 4 1.1. Il contesto dell outsourcing... 4 1.2. Le fasi di processo e le strutture di sourcing... 7 1.3. L esigenza di governance...

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Master s Certificate in Project Management

Master s Certificate in Project Management Leader mondiale nella formazione del Project Management MCPM Master s Certificate in Project Management Accelera la tua carriera grazie a una certificazione internazionale Master s Certificate in Project

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12

La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 La validazione dei risultati degli apprendimenti non formali e informali in pratica 12 Questo capitolo descrive: A. Le scelte e i passaggi per sviluppare dispositivi per la validazione dei risultati dell

Dettagli