Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria"

Transcript

1 Importanza della ricerca e dell innovazione per l ingegneria ferroviaria

2 I risultati conseguiti nell innovazione tecnologica Nell ultimo decennio sul sistema ferroviario nazionale italiano sono state apportate innovazioni infrastrutturali e tecnologiche di tale importanza e portata da consentire significativi potenziamenti nell offerta e nei livelli di sicurezza. In grande sintesi la realizzazione: della nuova rete ad alta velocità e capacità Torino-Milano-Salerno, dotata di rilevanti e complesse infrastrutture in aree fortemente antropizzate e di tecnologia all avanguardia; di importanti potenziamenti nelle reti urbane e comprensoriali delle maggiori città, risolvendo numerosissime problematiche di compatibilizzazione ambientale ed archeologiche della copertura dell intera rete e dell intero parco rotabili ivi transitante con GSM-R e con sistemi di protezione della marcia dei treni ha portato la rete italiana a livelli di assoluta eccellenza sulla sicurezza di circolazione e sui collegamenti interpolo tra le aree più abitate del Paese. Alla base di tali risultati c è senza alcun dubbio la capacità del Gruppo FS e dell imprenditoria di concepire ed attivare in pochi anni sistemi tecnologici innovativi, in molti casi per la prima volta nel mondo (ETCS ERTMS liv.2), concepiti ed articolati in un ottica integrata tra infrastruttura e rotabili e finalizzata a garantire un trasporto ferroviario performante ed in massima sicurezza.

3 The High Speed / High Capacity system HS/HC NETWORK Km Travel time Line TO-MI MI-BO BO-FI RM-NA RM-MI No HS 1: 22 1: : 27 4: 30 With HS 1: 00 Decembe r : 05 December Decembe r : 10 December : 59 non stop December 2009 Project Construction Operating Operating (line with commercial speed up to 250 km/h)

4 Share nel trasporto viaggiatori tra Milano e Roma, dopo attivazione tratte AV/AC Milan Rome (%) modal share ,5 +400/500 K passengers/year ,5 50 Train Air Cars Bus +300/400 K passengers/year

5 N incidenti per milioni treni Km Incidentalità per cause endogene all infrastruttura RFI FRANCIA GERMANIA SPAGNA 0,600 Incidendi per cause endogene 0,500 0,400 0,300 0,200 L incidentalità specifica per cause endogene sulla rete nazionale italiana (RFI) rimane tra le più basse in Europa 0,100 0,

6 Sicurezza Sulla rete ferroviaria italiana, in 5 anni l incidentalità nella circolazione dei treni si è ridotta al 25% di quella del Incidenti "Tipici (valore assoluto) Nel computo non sono compresi gli investimenti di persone ai PL Dal sono variati i criteri UIC Elaborazione BDS aggiornata al 31 dicembre 2010

7 Melegnano Villapizzone MI Farini RHO RHO-PERO MI Certosa B.MUSOCCO MI P.Garibaldi Nodo di Milano Como Chiasso Seregno Besana Molteno Lecco Carnate Linee AV/AC MONZA Linee integrative AV/AC Como Laveno Linee fondamentali + itinerari merci Novara Saronno Seveso (F.N.M.) SESTO S. G. Linee con traffico metropolitano Complementare (F.N.M.) GRECO P. P. MARTESANA stazioni porta Domodossola Gallarate Parabiago BOVISA (F.N.M.) Torino (linea A.C./A.V.) Torino LANCETTI MILANO centrale Repubblica P.Venezia MI Lambrate Treviglio Venezia I.D.P. Fiorenza Mortara CADORNA (F.N.M.) Abbiategrasso MI S.Cristoforo Garibaldi Dateo MI P.Vittoria MI P.Genova MI P.Romana Pavia MI Rogoredo SMISTAMENTO Lodi PIOLTELLO L. Bologna Bologna (linea A.C./A.V.) Genova interconnessione di Tavazzano

8 PARCO PRENESTINO CAPANNELLE CIAMPINO Nodo di Roma CESANO DI ROMA FARA S. SETTEBAGNI CERVETE RI MACCARESE MONTE MARIO GEMELLI SMISTAMENTO FIDENE NUOVO SALARIO AURELIA BALDUINA Fiumicino AEROPORTO PARCO LEONARDO S. PIETRO VALLE AURELIA TERMINI S. LORENZO TIBURTINA VAL D'ALA NOMENTANA FIERA DI ROMA Linee AV/AC Linee integrative AV/AC Linee fondamentali + itinerari merci PONTEGALERIA TRASTEVERE OSTIENSE TUSCOLANA M.A.V. D.L. PRENESTINA CASILINA TOR SAPIENZA LA RUSTICA SALONE LUNGHEZZA GUIDONIA - COLLE FIORITO TIVOLI COLLEFERR O Linee con traffico metropolitano TORRICOLA CAMPOLEONE POMEZIA S.P.

9 MILANO-BOLOGNA HIGH SPEED LINE : CABLE-STAYED BRIDGE OVER PO RIVER

10 Rail Infrastructure Network RFI The High Speed/High Capacity project - Stations ROMA Arch. Paolo Desideri TORINO Ar.ch. AREP Silvio d ASCIA and Agostino Magnaghi 10

11 Rail Infrastructure Network RFI The High Speed/High Capacity project - Stations REGGIO EMILIA Arch. Santiago Calatrava NAPOLI Arch. Zaha Hadid FIRENZE Arch. Norman Foster 11

12 I nuovi obiettivi dell innovazione e della tecnologia ferroviaria in corso di attuazione

13 La ricerca e l innovazione nel mondo ferroviario Operation & Maintenance Industry & Supplier R&D Esercizio Integrazione di sistema Fornitura di Sistema Fornitura di Tecnologia Innovazione Ricerca Applicata Ricerca di Base Fornisce Servizi Fornisce Sistemi complessi Fornisce Sistemi che rispondono a una funzione Fornisce Prodotti Esprime il ruolo di Committente mediante Specifica dei Requisiti Funzionali Rende disponibili sistemi complessi descritti dalle Specifiche dei requisiti di Sistema Rende disponibili sistemi descritti dalle Specifiche dei requisiti di sotto-sistema Rende disponibili prodotti descritti dalle Specifiche di prodotto Miglioramento di un processo, prodotto o servizio Ha come obiettivo lo sfruttamento della conoscenza ai fini pratici Ha come obiettivo l'avanzamento della conoscenza

14 Il contesto dell Innovazione nell Infrastruttura Ferroviaria Il Libro Bianco dell UE Roadmap to a single European Transport Area Completameto della rete AV europea entro il 2050 con l attuale rete AV triplicata entro il 2030 INTEGRAZIONE & MULTIMODALITA CRESCITA & SOSTENIBILITA MODAL SHIFT Eliminazione Colli di Bottiglia Eliminazione degli ostacoli tecnici esistenti tra i sistemi nazionali (interoperabilità) Soddisfacimento della domanda di trasporto e creazione di nuovi posti di lavoro Uso efficiente delle risorse energetiche e riduzione dell emissione di sostanze inquinanti (- 20% entro il 2030 e -70% entro il 2050 ) Spostamento del 30 % del traffico merci su gomma superiore ai 300 km verso altre modalità (ferro/acqua) entro il 2030 e più del 50% entro il 2050

15 Priority project n 1 Priority project n 24 The Italian High Speed/High Capacity (HS/HC) railway network Priority project n 6 Railway axis Berlin- Verona-Milan-Bologna- Naples-Messina-Palermo Railway axis Lyons- Trieste-Divaca/Koper- Ljubijana-Budapest- Ukranian border Railway axis Lyons/Genoa- Basle-Duisburg- Rotterdam/Antwerp

16 Asse Mi-PD: Ricadute del progetto: Inquinamento ASSE MILANO-VENEZIA Traffico merci +90 treni/giorno rispetto ad oggi Traffico passeggeri +71 treni/giorno sulla relazione verso MI +74 treni/giorno sulla relazione verso VE TIR/giorno sulle strade CO 2 emessa in un anno t CO emessa in un anno t auto/giorno pari ad una coda di circa 39 km CO 2 emessa in un anno t CO emessa in un anno t Polveri fini emesse in un anno t Fonti: Elaborazioni su dati Sistemi di Trasporto Anno 2000 Polveri fini emesse in un anno - 20 t

17 Lo sviluppo dei sistemi per conseguire alti livelli prestazionali Sistemi di gestione e sicurezza (molto orientati su sicurezza) evoluzione: sicurezza+ prestazioni, con modifiche SSB solo software, migliorando ergonomia di guida Sistemi di gestione e sicurezza evoluti verso più elevati livelli prestazionali: HDTS INFILL ACCM Sistemi di diagnostica la diagnostica mobile, nata per monitorare i rotabili consente monitoraggio infrastruttura Diagnostica mobile su rotabili commerciali

18 L innovazione in RFI Orizzonte 2015 Life-cycle cost management Ricerca e innovazione: 1. nella diagnostica 2. nuove soluzioni per ponti ferroviari 3. pese dinamiche 4. portali multifunzione 5. segnali a LED 6. nuovi sistemi di regolazione della circolazione ad alte prestazioni 7. nuovi impianti per incremento della sicurezza: rilevamento caduta veicoli nei passaggi a livello

19 Life-cycle cost management Nel 2000 RFI ha avviato la ri-organizzazione del processo di manutenzione finalizzato all ottimizzazione dell uso degli assets. Il nuovo approccio ha riguardato tutti gli aspetti dell impresa: quello strategico, quello organizzativo, quello tecnico e quello economico. Background Obiettivi Incrementare gli investimenti Accelerare l innovazione Rispettare i limiti di budget Preservare e sviluppare il Know-How Sviluppo affidabilità e sicurezza Riduzione dei costi Incremento disponibilità asset Aumento produttività

20 Life-cycle cost management Key Performance Indicators in ASSET MANAGEMENT Area Efficacia Economicità Variabile Condizioni dell Infrastruttura Performance Sicurezza di sistema Sicurezza del Lavoro Costi Produttività KPI Disponibilità Puntualità Indisponibilità complessiva N incidenti N incidenti sul lavoro Costi di Manutenzione Numero di lavoratori/km Efficienza Tecnica Condixzioni dell infrastruttura Performance addetti alla manutenzione Età dei componenti ferroviari Gestione magazzino Analisi affidabilità Guasti Ispezioni Età media Giacenze Affidabilità

21 Life-cycle cost management Il processo della manutenzione Norme Contratti Strategia KPIs Monitoraggio Tecnico Attività Standard Enti in Asset Pianificazione Anno n-2 Programmaz. 3 mesi SCHEDULING settimanale Gestione Lavoro Stato degli Enti KPIs Monitoraggio Economico OPERATION Disponibilità Infrastruttura Approvvigionamenti e Logistica

22 Life-cycle cost management Il processo della Diagnostica Diagnostica Mobile Diagnostica Fissa RILIEVO DATI DATA PROCESSING Processo della Manutenzione Identificazione Parametri Definizione Soglie Misure e organizzazione Scostamento dai valori di soglia Identificazione Attività

23 1. Diagnostica dello stato dell infrastruttura Rilievi Franosi Viadotti La Diagnosi della Sede Ponti in Muratura Profilo Limite degli Ostacoli

24 1. Diagnostica: Treno prove AV Nel 2009 ha conseguito il record italiano di velocità di 362 km/h durante l attivazione della Bologna - Firenze ETR 500 Y1 È il treno campione per prove ad alta velocità, col quale è stato attivato il sistema AV italiano Potenza = kw Peso = 460 T Tensione = 3 kv cc e 25 kv- 50 Hz Velocità = 330 km/h Specializzato per: - attivazioni di nuove linee e nuovi impianti; - certificazioni di conformità alle STI; - ricerca, sviluppo e sperimentazioni di sistemi e dispositivi di terra e di bordo; - formazione tecnica specialistica. Regia Formazione Geom. binario Visitatori Misure

25 1. Diagnostica:Treno diagnostico AV Diamante È il treno diagnostico, col quale si misura periodicamente lo stato delle infrastrutture e degli impianti delle linee AV italiane ETR 500 Y2 Potenza = kw Peso = 460 T Tensione = 3 kv cc e 25 kv- 50 Hz Velocità = 300 km/h specializzato per la diagnostica: - dell infrastrutture e del binario; - della linea di contatto; - degli impianti di segnalamento; - degli impianti di telecomunicazione Trazione Elettrica Segnalamento Riunioni Dinamica di marcia Armamento

26 2. Nuove soluzioni per ponti ferroviari Ponte sul Torrente Polcevera - Prima realizzazione in ambito RFI di ponte ad arco-trave a doppio binario con impalcato a travi incorporate tessute trasversalmente. Principali caratteristiche della soluzione: due luci da 80 m circa con armamento su ballast; altezza piano ferro sottotrave contenuta in 1590 mm circa, per il rispetto dei franchi idraulici e stradali.

27 3. Progetto di ricerca: pese dinamiche SISTEMA DI MISURA DEI CARICHI VERTICALI (SMCV) La ricerca è condotta con l Università di Roma La Sapienza. Ha come obiettivo lo studio e la sperimentazione di una stazione di misura dei carichi verticali applicati dai rotabili al binario, con misura indipendente dalla rigidezza del binario e, quindi, dal suo degrado nel tempo Il sistema misura: il carico verticale della singola ruota il carico verticale del singolo asse gli sbilanciamenti del carico: tra ruota destra e ruota sinistra tra due assi dello stesso carrello tra carrello anteriore e posteriore sensori estensimetrici

28 3. Progetto di ricerca: pese dinamiche la forza misurata è Q, componente verticale della forza scambiata tra ruota e rotaia le componenti Y ed X, la posizione d r del punto di contatto e l inclinazione di 1:20 della rotaia non disturbano la misura a meno degli errori di posizionamento degli estensimetri Q Y d R X

29 4. Portali Multifunzione Principali Requisiti di sicurezza del Portale Multifunzione Il DM (gallerie) definisce quale requisito integrativo la implementazione di sistemi per la misura del principio di incendio e di sagoma. L Atto di Indirizzo del luglio 2009 del MIT prevede la dotazione della rete con portali diagnostici Funzioni di Sicurezza: Individuazione di principi di incendio interessanti tutte le tipologie di materiale rotabile al fine di impedirne il pericoloso ingresso in galleria Individuazione di elementi (carichi sporgenti, etc.) eccedenti la sagoma limite del materiale rotabile Livelli di Integrità delle funzioni di sicurezza: Per ciascuna funzione di sicurezza e per l interfacciamento con il sistema di segnalamento si tenderà al raggiungimento del massimo livello di integrità consentito dalla tecnologia attuale (SIL 4)

30 4. Portali Multifunzione. Ulteriori Requisiti di sicurezza del Portale Multifunzione Il sistema sarà predisposto per l acquisizione di allarmi e segnali di diagnostica provenienti da ulteriori sistemi di sicurezza e monitoraggio dislocati lungo linea (e.g. RTB / RTF, pese dinamiche, etc.) Appropriati accorgimenti saranno adottati al fine di ridurre al minimo l incertezza delle misure effettuate : schermatura dai raggi solari, indipendenza della misura dalle condizioni atmosferiche, Indipendenza dai materiali costituenti i rotabili tramite riconoscimento della tipologia geometrica dei rotabili, etc. Il riconoscimento di eventuali scenari di pericolo sarà predisposto attraverso livelli di allarme differenziati per la appropriata gestione del degrado e dell emergenza Il sistema sarà dotato di autodiagnostica

31 4. Portali Multifunzione. Piattaforma SIL4 gestione misure Sopra: Schema semplificato implementazione delle misure di rilevamento principio di incendio e sagoma con indicato il sistema di trigger inizio misure (ad es. sensori ruota). Il set di misure verrà gestito da piattaforme SIL4 e a seguito di elaborazione generati opportuni livelli di allarme (di attenzione o imperativi) Il collegamento verso il segnalamento sarà realizzato con architetture SIL4 e idonei interfacciamenti (Relè e/o SCMT e/o RBC). Lato: A solo scopo esemplificativo si mostra la realizzazione di uno dei primi sistemi prototipali in funzione tra i PdS di Sessa e Priverno (linea Rm-Na) per le misure di tipo termico, di sagoma, ecc

32 4. Portali Multifunzione Linee guida del programma: sui principali transiti internazionali per il monitoraggio convogli entranti in Italia Ventimiglia Modane Domodossola Luino Chiasso Brennero Tarvisio Villa Opicina a protezione delle gallerie di lunghezza > 4 Km esistenti sulla rete AV/AC, sulle linee ad alta e medio-alta concentrazione di traffico, nonché sui principali itinerari di treni merci È in corso di avvio 1^ fase funzionale e di omologazione per i primi 7 impianti (20 M ) Costi di investimento Nell arco di piano è previsto il completamento degli interventi per un valore complessivo di 130 M a vita intera, di cui 103 M da finanziare. Tot. AV/AC Tot. Gr. A 4 10 Tot. Gr. B 34 8 Tot. Gr. C 6 A protezione delle gallerie Totale 54 8 A protezione dei valichi

33 5. Segnali a LED Nuovi tipi di segnale per migliorare la disponibilità e l affidabilità degli impianti Segnale alto Sostituisce gli attuali SDO (Segnali a Specchi Dicroici) Segnale alto Sostituisce gli attuali RS (Relè Schermo)

34 5. Segnali a LED Segnale basso per manovre di colore bianco Segnali di avanzamento e di avvio Segnali indicatori

35 5. Segnale RSVD-LED Campo di applicazione: Linee ferroviarie con sistema di trazione a 3 KVcc. Sostituiscono gli attuali RSVD Relè Schermo a ventola Decentrata Caratteristiche del segnale: Omologazione da effettuare secondo CENELEC con requisiti di Sicurezza SIL 4 Requisiti di affidabilità: Affidabilità elevata (circa ore) contro le odierne di funzionamento delle lampade Requisiti di manutenibilità: Non sono previsti interventi manutentivi periodici, prodotto costituito da unico hardware configurabile. Caratteristiche cromatiche: Rosso / Giallo / Verde classe 1 UNIFER 9296 Caratteristiche fotometriche: Distanza di visibilità maggiore di 150 m

36 5. Segnale RSVD-LED

37 6. Nuovi sistemi di regolazione della circolazione ad alte prestazioni Gestione della Circolazione SCC Sistema Comando e Controllo SCMT SCMT Sistema Controllo Marcia Treno GSM- R GSM-R Global Switching Mobile - Railway Sicurezza SSC SSC Sistema Supporto alla Condotta TdS ROTABILI AV - SCMT - SSC ERTMS European Railway Traffic Management System Efficientamento e sviluppo ACC Multistazione Apparato Centrale a Calcolatore

38 High Density Traffic System (HDTS): Obiettivi Incremento della capacità di traffico Riutilizzo completo dell attuale SCMT sia per gli impianti che per i locomotori con limitate integrazioni Applicazione a specifiche porzioni di linee/tratte all interno dei grandi nodi salvaguardando l attuale traffico Utilizzo di nuove tecnologie di sicurezza Maggiori prestazioni per SSB upgradati e conseguenti livelli di traffico migliorativi; migliore ergonomia di guida Minori costi (meno di 1/2 per il SST, ¼ per il SSB) rispetto ai sistemi A

39 Incremento della capacità nei nodi HDTS: Introduzione delle sezioni ridotte (450m) TRADIZIONALE Per tutti i treni (anche non attrezzati) Solo per treni Attrezzati HDTS HDTS

40 La tecnologia del HDTS SST Circuiti di binario in audiofrequenza (CdB AF) per la trasmissione a bordo di telegrammi Boe Eurobalise fisse (stessa tecnologia utilizzata per SCMT) posati in prossimità dei giunti elettrici dei CdB AF GEA che gestisce i CdB AF e si interfaccia con gli attuali ACEI oppure SSB integrazione delle funzioni HDTS negli ACC Utilizzo dei SSB SCMT in esercizio con aggiornamenti prevalentemente SW realizzabili in poche ore

41 Controindice Soluzione idonea per SSB SCMT con tachimetro integrato nella MIM (tipo SCMT/SSC BL3). Soluzione idonea per SSB SCMT con tachimetro esterno.

42 7. Rilevamento caduta veicoli su linee ferroviarie RCVL: Rilevatori Caduta Veicoli Ambito di intervento e obiettivi Al fine di ridurre i vincoli normativi riguardanti i cavalca-ferrovia (lato traffico stradale) in ambito AV/AC, è stata programmata da RFI l introduzione dei sistemi di sorveglianza di terra posti sulla sede ferroviaria nelle aree prospicienti gli ingressi/uscite dei manufatti su riportati. Tali sistemi hanno l obiettivo di monitorare eventuali violazioni dei sistemi di contenimento del traffico stradale (muri o parapetti) da parte di veicoli, o delle merci trasportate, che cadendo sulla sede ferroviaria potrebbero causare hazard alla circolazione ferroviaria. Tali sistemi (in SIL4) a tecnologia radar monitorano le aree generando allarmi verso il segnalamento in caso di pericolo. Sono in corso implementazioni per sperimentare due differenti tecnologie radar. Allo stato attuale sono in fase di realizzazione 12 impianti sulla linea AV/AC Milano-Bologna e è in fase di stipula l affidamento di altri 10 impianti sulla linea AV/AC Roma-Napoli

43 Armadio TRX Parabola di ultima generazione 7. INCREMENTO SICUREZZA E REGOLARITA / Passaggi a Livello (PL) Ambito di intervento e obiettivi La razionalizzazione gestionale degli impianti ferroviari prevede, come noto, un progressivo impresenziamento dei posti di servizio della Rete Ferroviaria. Nell ambito quindi di una gestione centralizzata degli impianti (linee in CTC o SCC), risulta maggiormente affidabile l utilizzo di soluzioni tecnologiche automatiche per il controllo della libertà delle aree attrezzate con Passaggi a Livello (PL). Perseguendo perciò tale obiettivo RFI prosegue nella realizzazione e sviluppo di una seconda generazione di sistemi denominati Protezione Automatica Integrativa per Passaggi a Livello (PAI-PL) PL) a maggiore affidabilità e minore impatto realizzativo ed impiantistico che utilizza la tecnologia radar. Tale soluzione va ad aggiungersi all ulteriore obiettivo di sostituzione delle logiche da PL a relè con sistemi computerizzati che oltre a gestire i PAI-PLPL sopra descritti implementano nuovi schemi di principio per aumentare l affidabilità della circolazione e allo stesso tempo diminuire i tempi di attesa lato strada (mezzi stradali, pedoni, etc) Armadio TRX Parabola di prima generazione Armadio MDR Horn

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento

CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento CONTROLLO AUTOMATICO DEI DEVIATOI Quadro normativo di riferimento Ing. GianPiero Pavirani Bologna, 21 Novembre 2012 Sommario 1. Le attività di manutenzione 2. La normativa di riferimento: 1. 2. 3. Istruzione

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI

Codifica: RFI DMO TVM LG SVI 001 A I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI 1 di 29 PROGETTAZIONE DI PICCOLE STAZIONI E PARTE I PARTE TITOLO I.1 SCOPO I.2 CAMPO DI APPLICAZIONE I.3 DOCUMENTI CORRELATI I.4 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI PARTE II II.1 METODOLOGIA PER IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA

La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI DI IMPERIA, DIANO E ANDORA La linea Genova-Ventimiglia IL RADDOPPIO DEL TRATTO ANDORA-SAN LORENZO LE NUOVE STAZIONI

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015

dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 dott. Roberto Andreatta Trento, February 20 th, 2015 History Integrated Mobility Trentino Transport system TRANSPORTATION AREAS Extraurban Services Urban Services Trento P.A. Rovereto Alto Garda Evoluzione

Dettagli

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it

Mario Fargnoli. www.politicheagricole.it La revisione delle macchine agricole immatricolate Mario Fargnoli Giornata di Studio www.politicheagricole.it Sicurezza del lavoro in agricoltura e nella circolazione stradale tra obblighi di legge ed

Dettagli

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO NORMATIVA DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DELLE IMPRESE PER GLI INTERVENTI AGLI IMPIANTI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO Indice Articolo 1 Istituzione del Sistema di qualificazione

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2013 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 2.1. Dotazione organica e riduzione della

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione

Homeland & Logistica e Servizi di Distribuzione STE è una società di integrazione di sistemi che opera nell Information e Communication Technology applicata alle più innovative e sfidanti aree di mercato. L azienda, a capitale italiano interamente privato,

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA

Linee guida Documentazione Iniziale relativa alla manutenzione (Dossier di Manutenzione) e Piano di Manutenzione dei veicoli BOZZA relativa alla manutenzione (Dossier di BOZZA Rev 0 REDATTO VERIFICATO APPROVATO M. Scrivani R. Cammarata M.G. Marzoni INDICE 1 Premessa... 3 2 Scopo e campo di applicazione... 3 3 Riferimenti legislativi

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard

Allegato 2 Tabella 1 - Preliminary Risk Analysis. hazard Descrizione dell'hazard ia Descrizione dell' Errore operatore di H1.1.1 - HL.23 F1 Alimentazione sistemi di ) H1.3.1 H2.1.1 Dati sulla alità e configurazione delle apparecchiature di (ERTMS e non) non corretti HL.20 Errore dell'evc

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE

INTELLIGENT TRANSPORT SYSTEMS IN SOUTH EAST EUROPE Progetto SEE-ITS in breve SEE-ITS è un progetto transnazionale che mira a stimolare la cooperazione, l'armonizzazione e l'interoperabilità tra Sistemi di Trasporto Intelligenti (ITS) nel Sud-Est Europa.

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario

Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Sistema di Qualificazione delle imprese per gli interventi all armamento ferroviario Schede Tecniche Indice Rev. 0 Luglio 09 Scheda Rev. Titolo Pag. LAR-001 4 Interventi di manutenzione all armamento ferroviario

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate

AVVISO AGLI UTENTI. Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate AP AU nr. 11/2015 AVVISO AGLI UTENTI Data emissione 21 Gennaio 2015 Autolinea z150 Cantù Milano (Comasina M3) Transito dalla stazione di Camnago - Lentate Si informa la Gentile Clientela che a partire

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY

SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY SEAT LEON PIÙ POTENZA ALLE TUE EMOZIONI TECHNOLOGY TO ENJOY E l anima sportiva di SEAT, l icona del marchio, la massima espressione dei valori del brand: design accattivante, tecnologia all avanguardia

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER

OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Asset Management Day Milano, 3 Aprile 2014 Politecnico di Milano OLTRE IL MONITORAGGIO LE ESIGENZE DI ANALISI DEI DATI DEGLI ASSET MANAGER Massimiliano D Angelo, 3E Sales Manager Italy 3E Milano, 3 Aprile

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

Piano Industriale 2014-2017

Piano Industriale 2014-2017 Piano Industriale 2014-2017 Disclaimer Il seguente documento è stata preparato da Ferrovie dello Stato Italiane SpA ( Ferrovie dello Stato Italiane e, unitamente alle sue controllate, il Gruppo Ferrovie

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Strutture a disposizione delle Parrocchie

Strutture a disposizione delle Parrocchie ARCIDIOCESI DI MILANO Ufficio Amministrativo Diocesano Strutture a disposizione delle Parrocchie MANUTENZIONE PROGRAMMATA DEGLI IMMOBILI: FASCICOLO TECNICO DEL FABBRICATO E PIANO DI MANUTENZIONE 1 Don

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO

GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO GLI IMPIANTI IDROELETTRICI IN VALLE ORCO, VAL DI SUSA e SUL FIUME PO Gli impianti idroelettrici Iren Energia è la società del Gruppo Iren che opera nei settori della produzione e distribuzione di energia

Dettagli

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014

www.leasys.com Marketing & Comunicazione Servizio di infomobilità e telediagnosi - 23/01/2014 Servizio di Infomobilità e Telediagnosi Indice 3 Leasys I Care: i Vantaggi dell Infomobilità I Servizi Report di Crash Recupero del veicolo rubato Blocco di avviamento del motore Crash management Piattaforma

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DECRETO n. 429 del 15 dicembre 2011 Direttive e calendario per le limitazioni alla circolazione stradale fuori dai centri abitati per l anno 2012 IL MINISTRO

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE

2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2 DESCRIZIONE DELLA RETE E DELLA SUA GESTIONE 2.1 RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2 ELEMENTI DELLA RETE REGIONALE RETRAGAS... 12 2.2.1 Condotte... 12 2.2.2 Allacciamenti... 12 2.2.3 Impianti di ricezione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli